documento della classe 5 br - "L. Cossa"

Commenti

Transcript

documento della classe 5 br - "L. Cossa"
I.P.S.S.A.T.G.S.A. “L. COSSA” - PAVIA



ANNO SCOLASTICO 2014 - 2015
I.P.S.S.A.T.G.S.A. “L. COSSA”
V.le NECCHI 5
PAVIA
Vista la legge 425/97, visto il regolamento art.5 , il Consiglio di Classe redige il
seguente


Indirizzo


1
I.P.S.S.A.T.G.S.A. “L. COSSA” - PAVIA
PROFILO PROFESSIONALE
Il Tecnico dei Servizi per l’ “Enogastronomia” opzione cucina è responsabile delle attività
di ristorazione nelle varie componenti in cui essa si articola, in rapporto anche alla
specifica tipologia di struttura ristorativa in cui opera.
Pertanto egli deve:

avere specifiche competenze nei diversi campi relativi ai servizi della Ristorazione

possedere conoscenze tecniche, culturali e organizzative rispetto all’intero settore

saper utilizzare due lingue straniere

possedere adeguate capacità di comunicazione nei rapporti interpersonali.
In particolare:
1. Controllare e utilizzare gli alimenti e le bevande sotto il profilo organolettico,
merceologico,chimico-fisico, nutrizionale e gastronomico.
2. Predisporre menu coerenti con il contesto e le esigenze della clientela, anche in
relazione a specifiche necessità dietologiche.
3. Adeguare e organizzare la produzione e la vendita in relazione alla domanda dei
mercati, valorizzando i prodotti tipici.
E’ capace di:

Percepire problemi

Individuare soluzioni

Controllare situazioni complesse

Inserirsi nella gestione delle funzioni amministrative e aziendali sia nell’area
dell’amministrazione aziendale sia in quelle di controllo di gestione.

operare in aziende di varia natura e dimensione nell’ambito dei servizi della
ristorazione.
2
I.P.S.S.A.T.G.S.A. “L. COSSA” - PAVIA
QUADRO ORARIO
MATERIA
CLASSE IV
CLASSE V
Italiano
4
4
Storia
2
2
Inglese
3
3
Francese/Spagnolo
3
3
Matematica
3
3
Ed. Fisica
2
2
1
1
5
5
3
3
4
4
2
2
32
32
AREA COMUNE
Religione
(per coloro che se ne avvalgono)
AREA INDIRIZZO
Diritto e tecnica amministrative
struttura ricettiva
Scienza e cultura
dell'alimentazione
Laboratorio servizio
enogastronomico
Laboratorio di sala e vendita
Totale ore
3
I.P.S.S.A.T.G.S.A. “L. COSSA” - PAVIA
DATI RELATIVI AL CONSIGLIO DI CLASSE
Materia
Docente
Continuita’ didattica nel
biennio post-qualifica
Religione
Italiano
Storia
Inglese
Francese/Spagnolo
Matematica
Diritto e tecniche amministrative
della struttura ricettiva
Scienze degli alimenti
Lab. di servizi enogastronomici
settore cucina
Lab. di servizi enogastronomici
sala e vendita
Educazione fisica
Insegnate sostegno
Impala Enrico
Passiglia Lina
Passiglia Lina
Carlini Carla
Ranzini A./Cesano A.
Nascardi Luca
SI
SI
SI
SI
SI francese/NO spagnolo
NO
Montanari Mariasilvia
SI
Sergi Domenico
NO
Franzese Francesco
NO
Roccaro Francesco
SI
Marabelli Erminio
Del Porto Dario
SI
SI
4
I.P.S.S.A.T.G.S.A. “L. COSSA” - PAVIA
PROFILO DELLA CLASSE
All’inizio dell’anno la classe era costituita da 25 alunni, ad Aprile l’alunno Vicente
Rodriguez non hanno più frequentato le lezioni avendo superato il numero massimo di
assenza previste per legge, pur non essendosi mai ritirato ufficialmente. Attualmente è
composta da 24 alunni regolarmente frequentanti, quasi tutti provenienti dalla 4^D
indirizzo ristorazione, dagli alunni non ammessi all’Esame di Stato nell’a.s. 2013-2014:
Bertoli Carlotta proveniente dalla 5DR, Frangipani Giovanni proveniente dalla 5AR,
Grandi Silvio proveniente dalla 5AR , Illuminato Jader proveniente dalla 5DR, Miniati
Alessandro proveniente dalla 5CR, Turrin Giada proveniente dalla 5CR , Vicente
Rodriguez provenienti da 5DR.
ELENCO ALUNNI
NUM
COGNOME
NOME
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
ARMANDI
BAJANA
BARBAGLIA
BARBIN
BERTOLI
CORTEGGIO
DI STEFANO
FRANGIPANI
GRANDI
ILLUMINATO
IMPARATO
INVERNIZZI
MACIAS CORDOVA
MARDEDAJ
MARENGHI
MINIATI
MONTINI
PRIMKAEW
RATAZZI
RIBONI
SACCHI
SAULI
SPECIALE
TURRIN
VICENTE
DANIELE
PINTO JOSE FRANCISCO
ANDREA
LAURA
CARLOTTA
ANTONIO
PASQUALE
GIOVANNI
SILVIO
JADER
VINCENZO
VALENTINA
JOSELYN MICHELLE
ARJANA
DIEGO
ALESSANDRO
DAVIDE
NATTAWUT
MATTIA
ANDREA
ANDREA
ALKET
NICOLO
GIADA MARINA
RODRIGUEZ CARLOS
E’ previsto l’inserimento di alunni privatisti all’interno della VDR.
5
I.P.S.S.A.T.G.S.A. “L. COSSA” - PAVIA
DATI RELATIVI ALLE CLASSI 4^ D ristorazione
La classe 4^D ristorazione era costituita da 28 alunni . Al termine dell’anno scolastico la
situazione globale è risultata la seguente:
Risultati dello scrutinio finale della classe 4^D ristorazione
N. studenti N. studenti
Materia
promossi promossi
con 6
con 7
Italiano
14
2
Storia
13
3
Francese
1
1
Spagnolo
5
5
Inglese
15
3
Matematica
7
4
Diritto e
tecnica
amministrativa
Lab.servizi
enogastrono
mia cucina
Lab.enogast
ronomia
sala
Alimenti_
Alimentaz
Ed-Fisica
Area
professionali
zzante
N. studenti
promossi
con 8
1
2
1
2
1
N. studenti
promossi
con 9-10
0
0
3
1
N. studenti
con sospensione
del giudizio
1
0
0
0
0
5
8
1
3
4
2
4
9
5
0
0
15
3
0
0
0
11
2
4
0
1
3
5
9
1
0
1
0
3
14
0
Sintesi scrutinio finale classe 4^D ristorazione
SITUAZIONE
Promossi a giugno
Sospensione del giudizio
Promossi a settembre
Non promossi
Numero ALUNNI
12
6
6
10
6
I.P.S.S.A.T.G.S.A. “L. COSSA” - PAVIA
DATI RELATIVI ALLA CLASSE 5^D ristorazione
Interventi di recupero effettuati nella classe 5^D ristorazione
L’attività didattica della prima fase dell’anno scolastico è stata dedicata alla verifica del
lavoro estivo assegnato e al ripasso, con l’intera classe, dei lineamenti essenziali del
programma dell’anno precedente.
I docenti hanno approntato le seguenti attività per colmare le lacune emerse durante
l’anno scolastico:
Pausa didattica: durante le ore curriculari di lezione, per recuperare tematiche dei
programmi delle varie materie non ben assimilate.
Recupero in itinere: ogni qualvolta i docenti l’abbiano ritenuto indispensabile per meglio
puntualizzare tematiche ed argomenti indispensabili allo svolgimento dell’Esame di Stato.
ATTIVITA’ INTEGRATIVE CURRICULARI ED EXTRACURRICULARI
ANNO SCOLASTICO 2014/2015
ATTIVITA’
Teatro
Don Bosco
Pavia
RELATORE
TITOLO
ARGOMENTO
Prof.ssa
Passiglia Lina
“Sei personaggi in cerca
d’autore”
“Il mercante di Venezia”
Approfondimento dell’opera
Nuove tecnologie in cucina
Quotidiano in classe
Prof.ssa
Passiglia Lina
Visita Expo
Franzese/Roccaro
Lezione androloga
Dr.Ida Bianchessi
Visita fiera
Tenco&Food
Franzese/Roccaro
Tenco&Food biennale
Corso HACCP.
Consulente esterno
Corso HACCP.
7
I.P.S.S.A.T.G.S.A. “L. COSSA” - PAVIA
STAGE ESTIVI
Gli alunni in elenco hanno partecipato agli stage aziendali proposti dal nostro istituto
COGNOME
ARMANDI
NOME
DANIELE
BAJANA PINTO
IOSE’ FRANCISCO
BARBAGLIA
ANDREA
BARBIN
LAURA
BERTOLI
CORTEGGIO
CARLOTTA
ANDREA
ANTONIO
DI STEFANO
PASQUALE
FRANGIPANI
GIOVANNI
GRANDI
SILVIO
ILLUMINATO
JADER
IMPARATO
VINCENZO
INVERNIZZI
VALENTINA
MACIAS
MARDEDAJ
JOCELYN
MICHELLE
ARJANA
MARENGHI
DIEGO
MINIATI
ALESSANDRO
MONTINI
DAVIDE
PRIMKAEW
NATTAWUT
RATAZZI
MATTIA
RIBONI
ANDREA
SACCHI
ANDREA
SAULI
ALKET
SPECIALE
NICOLO’
TURRIN
GIADA MARINA
VICENTE
RODRIGUEZ
CARLOS
RDOVA
AZIENDA
RISTORANTE PIZZERIA
STRAPIZZAMI
LOCANDA DEL CARMINE
LOCALITA’
RIVIDIGULFO (PV)
BAR RISTORANTE PIZZERIA
ECLIPSE
HOTEL BRISTOL
GARLASCO (PV)
ANTICA TRATTORIA
FERRARI
OSTERIA
DEL RE BELOT
HOTEL ITALIA
CERTOSA DI PAVIA
RISTORANTE
ALMA DEL TEMPLE
RISTORANTE
HOSTERIA DELLA PIGNATTA
RISTORANTE “AL CAVALLINO”,
RESTAURANTE “CAFE RODRIGO”
RISTORANTE PIZZERIA
AL CAPRICCIO
HOTEL
BRISTOL
HOTEL
WESTIN PALACE
RISTORANTE PIZZERIA
REGISOLE
AGRITURISMO
HERMIONE
ENOTECA RISTORANTE
RAITERI
RISTORANTE
I BINARI
RISTORANTE PIZZERIA
LO SCIABECCO
ANTICA TRATTORIA
FERRARI
HOTEL RISTORANTE
IL CASTELLO DI S. GAUDENZIO
ANTICA TRATTORIA
FERRARI
RISTORANTE PIZZERIA
MARECHIARO
RISTORANTE PIZZERIA
CA’ BELLA
PASTICCERIA
CASASCHI
ATAHOTEL
NAXOS BEACH RESORT
PAVIA
PAVIA
JESOLO (VE)
PAVIA
VALENCIA (E)
BINASCO (MI)
CASALPUSTERLENGO (LO)
VALENCIA (E)
GROPELLO CAIROLI (PV)
JESOLO (VE)
PAVIA
PAVIA
PAVIA
MILANO
MIRABELLO (PV)
PAVIA
CERVESINA (PV)
PAVIA
PAVIA
PAVIA
SAN MARTINO SICCOMARIO
(PV)
GIARDINI NAXOS (ME)
Obiettivo principale degli stage è quello di favorire l'incontro professionale tra i nostri giovani
(alunni del terzo e quarto anno) il mondo delle imprese e del lavoro privilegiando l'attività formativa
rispetto la prestazione lavorativa.
8
I.P.S.S.A.T.G.S.A. “L. COSSA” - PAVIA
Per i giovani, il tirocinio rappresenta una occasione per ricevere orientamento nelle future scelte
professionali, un arricchimento del proprio percorso e curriculum scolastico. I ragazzi hanno la
possibilità di conoscere il mondo dell'impresa e l'esperienza pratica verificando le
conoscenze/competenze acquisite a livello didattico.
Per la scuola un momento di raccordo con l'esterno (fermo restando che la scuola ha il compito di
formare culturalmente lo studente), di verificare la propria azione didattica, vista la specificità del
diploma.
Nella nostra scuola lo stage ha una valutazione curriculare, il voto scaturisce da una scheda
valutativa compilata dal datore di lavoro.
OBIETTIVI TRASVERSALI
All'interno del Consiglio di Classe, sono stati concordati alcuni obiettivi sulla base dei
bisogni della classe e delle sue particolari caratteristiche :
 Potenziamento del senso di responsabilità personale, dell’autonomia, della
socializzazione e del rispetto
 Sviluppo delle capacità logiche e critiche
 Acquisizione di una mentalità professionale ed imprenditoriale
Tutte le discipline hanno lavorato al fine di raggiungerli.
OBIETTIVI
GENERALI
RISTORAZIONE”
DELL’INDIRIZZO
“TECNICO
DELLA
Alla fine dell’anno scolastico gli alunni devono essere in grado di:






Saper costruire con competenza un argomento traendo le informazioni da fonti
diverse dal testo (libri specifici di materia, riviste specializzate…)
Saper confrontare tematiche settoriali viste da angolazioni diverse
Saper interpretare e rielaborare le informazioni collegandole, con chiarezza e
precisione, in un discorso generale interdisciplinare
Saper utilizzare terminologie appropriate e specifiche nelle singole discipline
Saper raggiungere una certa padronanza nei calcoli
Saper sviluppare la comunicazione scritta in forma grammaticalmente ed
ortograficamente corretta.
9
I.P.S.S.A.T.G.S.A. “L. COSSA” - PAVIA
GIUDIZIO COMPLESSIVO SULLA CLASSE
La classe si è rivelata abbastanza disponibile al dialogo e aperta nei rapporti
interpersonali, dimostrando sufficienti capacità relazionali applicabili al settore
professionale.
Buona parte degli alunni ha dimostrato un atteggiamento globalmente positivo durante lo
svolgimento delle lezioni; alcuni hanno seguito con interesse e partecipazione gli
argomenti proposti.
I risultati sono per un gruppo della classe mediamente sufficienti nel primo quadrimestre,
ma soprattutto nella seconda parte dell’anno scolastico, durante la quale si è notato un
progressivo miglioramento rispetto alla situazione di partenza; per un altro gruppo
permangono ancora difficoltà in alcune materie soprattutto professionali.
Gli alunni che si sono impegnati in un’attività individuale più intensa, approfondita e
costante hanno conseguito una preparazione più che adeguata.
Qualche studente, invece, ha avuto delle difficoltà nel raggiungere gli obiettivi minimi in
alcune materie.
VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI
CRITERI DI CORRISPONDENZA TRA VOTI DECIMALI E LIVELLI TASSONOMICI
Al fine di rendere più omogenea la valutazione delle prestazioni degli studenti nelle varie
discipline, il Collegio Docenti stabilisce di adottare le griglie di valutazione, per le verifiche
scritte ed orali, approntate in sede di riunioni di dipartimento che individuano la e
corrispondenza tra i voti e capacità/abilità raggiunte dagli studenti nel corso dell’anno
scolastico.
Si allegano le griglie di valutazione di ciascuna disciplina.
10
I.P.S.S.A.T.G.S.A. “L. COSSA” - PAVIA
TABELLA CREDITI TERZO E QUARTO ANNO
NUM
COGNOME
NOME
Crediti terza
Crediti quarta
Totale crediti
1
2
ARMANDI
BAJANA
4
4
4
4
8
8
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
4
5
4
5
5
3
4
3
4
5
5
4
6
5
5
5
4
4
3
4
6
5
8
11
9
10
10
7
8
6
8
11
10
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
BARBAGLIA
BARBIN
BERTOLI
CORTEGGIO
DI STEFANO
FRANGIPANI
GRANDI
ILLUMINATO
IMPARATO
INVERNIZZI
MACIAS
CORDOVA
MARDEDAJ
MARENGHI
MINIATI
MONTINI
PRIMKAEW
RATAZZI
RIBONI
SACCHI
SAULI
SPECIALE
TURRIN
5
6
4
4
5
5
6
4
4
5
5
5
6
4
4
5
5
6
4
5
6
5
10
12
8
8
10
10
12
8
9
11
10
25
VICENTE
DANIELE
PINTO JOSE
FRANCISCO
ANDREA
LAURA
CARLOTTA
ANTONIO
PASQUALE
GIOVANNI
SILVIO
JADER
VINCENZO
VALENTINA
JOSELYN
MICHELLE
ARJANA
DIEGO
ALESSANDRO
DAVIDE
NATTAWUT
MATTIA
ANDREA
ANDREA
ALKET
NICOLO
GIADA
MARINA
RODRIGUEZ
CARLOS
5
4
9
11
I.P.S.S.A.T.G.S.A. “L. COSSA” - PAVIA
Numero di verifiche sommative effettuate, nell’intero anno scolastico,
utilizzando le diverse tipologie di prove sottoelencate:
Materia
Italiano
Storia
Francese
Spagnolo
Inglese
Matematica
Interrogazio
ne (numero
medio
per
ogni alunno)
5
4
5
4
4
-Analisi
di
testo
-Saggio
Prova
breve
- semistruttur
Articolo
ata
giornalistico
-Relazione
-Tema
Prova
strutturata
Questionari
scritti
Problema
Casi
Esercizio
0
0
0
0
0
2
5
2
0
0
0
0
0
0
3
2
2
0
0
0
0
0
0
0
0
2
5
3
4
0
Diritto e tecnica
amministrativa
6
0
0
0
6 SIM.TERZE
Lab.servizi
enogastrono
mia cucina
Lab.enogastr
onomia sala
Alimenti_
Alimentaz
Ed-Fisica
Religione
0
0
2
0
0
0
6
0
0
3
0
0
6
1
0
0
0
2
0
3
0
0
0
0
0
0
0
0
4
0
4+2SIM.TERZE
PROVE
0
PROVE
12
I.P.S.S.A.T.G.S.A. “L. COSSA” - PAVIA
PROGETTAZIONE DELLA TERZA PROVA
La terza prova coinvolge tutte le discipline che sono in grado di determinare e sviluppare
un argomento comune .
Il Consiglio di Classe, tenuto conto del curricolo di studi e degli obiettivi generali e cognitivi
definiti nella propria programmazione didattica, sintetizzati nel paragrafo relativo agli
obiettivi trasversali riportato a pagina 11 del presente documento, ha individuato, come
particolarmente significativi , i legami concettuali esistenti fra le discipline inserite nella
simulazione delle terze prove e segnalate nella tabella sottostante.
SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA AGLI ESEMPI DI TERZA PROVA
SVOLTI DURANTE L’ANNO SCOLASTICO
Data
Materie
Valutazione
Tipologia
Durata
Lab. sala
26/02/15
Diritto economia
B
Inglese
(quesiti a
risposta
singola)
Matematica
Francese/Spagnolo
Matematica
25/03/15
Diritto economia
Lab. cucina
Francese/Spagnolo
Ogni disciplina
assegna un
punteggio, in
quindicesimi,
compreso fra
115.
Il voto finale della
prova viene
calcolato dalla
media aritmetica
dei risultati delle
singole discipline
2 ore
2 ore
B
Inglese
29/04/15
Lab. cucina
2 ore
B
Diritto economia
13
I.P.S.S.A.T.G.S.A. “L. COSSA” - PAVIA
Modalità di svolgimento delle prove d’esame e valutazione degli alunni con difficoltà
specifica di apprendimento (DSA)
Per gli alunni con difficoltà specifiche di apprendimento (DSA) adeguatamente certificate,
la valutazione e la verifica degli apprendimenti, comprese quelle effettuate in sede di
esame conclusivo, devono tenere conto delle specifiche situazioni soggettive di tali alunni;
a tali fini, nello svolgimento dell’attività didattica e delle prove di esame, si prevede che
siano adottati gli strumenti compensativi e dispensativi ritenuti più idonei ed utilizzati
duranteil percorso scolastico.
Modalita' di formulazione e svolgimento delle prove d'esame per gli alunni con P.E.I.
Poiché l' esame di stato costituisce per ogni allievo un evento impegnativo di verifica, sia a
livello di apprendimento scolastico che di maturità raggiunta, considerate le caratteristiche
dell'alunno in questione, ai fini dell'attestazione delle competenze e abilità acquisite e del
conseguimento del “ Certificato dei crediti formativi”, il Consiglio di Classe richiede prove
coerenti con il percorso differenziato previsto dal P.E.I e con le prove simulate svolte
durante l'anno scolastico.
Il Consiglio richiede per gli stessi motivi:
•
Assistenza durante le prove scritte, da parte dell'insegnante di sostegno che ha
seguito l'alunno durante l'anno scolastico, per chiarire le richieste dei testi d'esame e per
aiutare lo studente a gestire la sua emotività;
•
Uso del computer per lo svolgimento delle prove scritte, utilizzato anche durante
l'anno scolastico per effettuare traduzioni di testi in lingua straniera, eventualmente
collocato davanti e distanziato dagli altri candidati per evitare di disturbare con la
digitazione tasti o simili;
•
Assistenza durante le prove orali, da parte dell'insegnante di sostegno che ha
seguito l'alunno durante l'anno scolastico, per guidare lo studente nell'esposizione dei
contenuti appresi e per aiutare lo studente a gestire la sua emotività ;
•
La possibilità, dato lo specifico deficit dell'allievo, di poter consultare i suoi appunti.
14
I.P.S.S.A.T.G.S.A. “L. COSSA” - PAVIA
IL CONSIGLIO DI CLASSE:
Impala Enrico
………………………………………………………….
Passiglia Lina
………………………………………………………….
Carlini Carla
………………………………………………………….
Ranzini A
………………………………………………………….
Cesano Antonella
Nascardi Luca
Montanari Mariasilvia
Sergi Domenico
………………………………………………………….
………………………………………………………….
………………………………………………………….
………………………………………………………….
Franzese Francesco
………………………………………………………….
Roccaro Francesco
………………………………………………………….
Marabelli Erminio
………………………………………………………….
Del Porto Dario
………………………………………………………….
Pavia, 15 Maggio 2015
La preside
(Prof.ssa ALBA TAGLIANI)
15

Documenti analoghi