Premessa - Associazione Italiana di Scautismo Raider

Commenti

Transcript

Premessa - Associazione Italiana di Scautismo Raider
Premessa ai Racconti di Mowgli
PREMESSA
Questa versione scritta da Giovanni Pagliarulo, della Sezione di Roma 2 dell’Assoraider,
si rifà all’originale tratto dal sito: http://www.online-literature.com/kipling/jungle_book/
, e confrontato con quello del sito: http://www.archive.org/details/twojunglebooks00kipl,
da cui sono stati presi anche i disegni di “J. Lockwood Kipling, C.I.E., and W. II.
Drake”, garantiti dal sito stesso essere senza copyright e digitalizzati dall’edizione di
Doubleday, Doran & Company, Inc., Garden City, New York, del 1895, e infine col sito:
http://www.gutenberg.org/etext/236
e,
dallo
stesso
sito:
http://www.gutenberg.org/etext/1937.
La traduzione si attiene alle tradizioni italiane delle Branche Lupi. Ho per esempio
preferito chiamare il “Father Wolf” di Mowgli “Babbo Lupo” e, dov’è stato possibile,
ho sempre sostituito le parole “Mother Wolf” con Raksha, vista l’importanza di questo
personaggio nella vita e nel percorso dei Lupi nel Branco. I commenti mancano
volutamente di suggerimenti per i giochi: saranno i Vecchi Lupi, dopo aver letto l’opera
di Kipling, a crearseli con la loro immaginazione o a sceglierli nei vari libri e siti, fermo
restando che si dovrà tener conto dei caratteri dei singoli Lupi e delle problematiche del
Branco.
I Racconti di Mowgli, estrapolati da Baden-Powell con il consenso di Kipling da “I due
libri della giungla”, dovrebbero essere letti e riletti da tutti i Vecchi Lupi e non solo da
chi li dovrà narrare, perché è attraverso la loro attenta e continua lettura che si acquisisce
la Parlata Nuova attraverso cui si comunicherà in ogni momento della vita del Branco.
Da essi i Vecchi Lupi trarranno spunto per i giochi, ai loro personaggi si dovrà fare
riferimento, e non sarà male se, nel discorso, verrà citata qualche frase di un personaggio
giungla, e non solo i motti trascritti nella postfazione.
Non si dovranno leggere di fronte al Branco, ma se ne dovrà ricordare e saper ricreare
l’incantesimo; bisognerà centellinarli, narrarli per quindici minuti al massimo ad ogni
riunione, non aver fretta nel finirli, tenere avvinghiati i Lupi nella attesa dello
svolgimento e della conclusione, usare ogni trucco (luci spente, una sola candela che
illumini la Tana) per farli viaggiare nella fantasia come non sono stati abituati a casa e a
scuola.
Ogni racconto ha una sua funzione nel percorso dei Lupi all'interno del Branco e nella
vita: il primo, “I Fratelli di Mowgli” (1° libro), costituisce la perfetta introduzione dei
Cuccioli nella vita del Branco e nella Giungla: vi sono rappresentati tutti i personaggi che
cominceranno a popolare la loro fantasia e diventeranno per loro amici cui riferirsi, o
paure da contenere. Vi è Babbo Lupo, padre affettuoso; Raksha, che diventa diavola se
bisogna difendere i cuccioli, sennò madre affettuosa, tenera e riservata, capace di amare
chi ha amato o ama i suoi figli naturali e il suo ranocchio, il cucciolo d'uomo adottato;
Shere Khan da temere per la sua sregolatezza violenta e Tabaqui il leccapiatti, deferente
con i prepotenti, di cui diffidare; Akela, il Lupo Solitario che ha sperimentato su di sé la
pag. 1 di 4
Premessa ai Racconti di Mowgli
cattiveria degli uomini e ha messo al servizio del Branco l'enorme esperienza e la sua
conoscenza della Legge, la sola che unisce il Branco facendone un Popolo Libero; Baloo,
l’esperto delle lingue parlate dai popoli della Giungla e Maestro della Legge che, proprio
perché rispettoso delle usanze di tutti, insegnerà a Mowgli tutto ciò che gli potrà essere
utile per farsi strada nella Giungla con rispetto; Bagheera, la Pantera Nera senza paura
che porterà Mowgli sulle piste di caccia. Da questo racconto si può prendere spunti per il
cerimoniale della promessa e per instaurare le usanze proprie del Branco. Alla Rupe del
Consiglio presieduta da Akela prendono parte tutti i cuccioli con la pelliccia, e quelli
senza stanno soprattutto a guardare ed ascoltare chi ne sa più di loro perché -un’altra cosa
che si impara dai racconti- è sempre meglio ascoltare che parlare se non si ha niente di
nuovo e importante da dire.
Il “Fiore Rosso” (1° libro, seconda parte de “I fratelli di Mowgli”) racconta di Shere
Khan che briga per togliere ad Akela il comando e disgregare la compattezza del Branco,
della ribellione dei Giovani Lupi ad Akela e alla Legge (è l'affermazione di sé, la
ribellione che cova in ogni Lupo che cresce), del Fiore Rosso, il fuoco, che tutti gli
animali della Giungla non osano chiamare per nome perché ne sono terrorizzati. Di
Mowgli che per la prima volta conosce un umano come lui, porta con sé nella Giungla il
Fiore Rosso e lo usa contro Shere Khan e i Lupi traditori, cacciati via dalle colline di
Seeonee in quanto non più Popolo Libero, che salva Akela dalla morte e rimane nella
Giungla con i suoi fedeli amici: Akela, Bagheera, Raksha, Babbo Lupo che gli aveva
insegnato tutto il suo sapere lupesco, Fratel Bigio con gli altri fratelli e Baloo. Ma ormai
la serenità è infranta: il Popolo Libero è disperso e Mowgli, come sa che deve continuare
nel suo sentiero tracciato dalla Legge, è ormai pure consapevole che dovrà percorrere il
sentiero che lo porterà prima o poi al suo Villaggio, quello degli uomini.
“La caccia di Kaa” (1° libro) è tra i racconti più lunghi e avvincenti, quindi da dividere
in più parti. Mowgli conosce il popolo delle scimmie, i Bandar-log, dai quali tutti stanno
alla larga perché stupidi, pettegoli, senza capo e senza legge, smemorati e senza alcuna
virtù. Mowgli, stanco per la fatica di imparare e ricordare, snervato dalle maniere brusche
di Baloo, crede di aver trovato finalmente amici che lo capiscano e lo rispettino. Troppo
tardi si accorgerà che lo vogliono con sé solo per dimostrare agli altri la loro grandezza,
non riconosciuta da nessuno nella Giungla ma da loro proclamata in continuazione fino
alla noia. Qui conoscerà Kaa, il pitone dalla forza, età ed esperienza straordinarie e, da
allora in poi, Kaa sarà un riferimento e un amico per Mowgli. In questo racconto
incontreremo per la prima volta anche Chil, il messaggero della Giungla, avvoltoio,
sparviero o nibbio che sia non importa: è un uccello predatore ma gentile, che rispetta la
Legge e conosce tutti i linguaggi. La “Caccia di Kaa” racconta di un ragazzino, non
ancora adolescente ma non più bambino, che si ribella ai suoi tutori e cerca alleati
sbagliati, ma poi si pente e viene perdonato da Baloo e Bagheera che, vedremo, fanno di
tutto per salvare Mowgli dai guai in cui si è cacciato.
Nel racconto “La tigre! La tigre!” (1° libro), Mowgli, scacciato dal Branco, fa il suo
pag. 2 di 4
Premessa ai Racconti di Mowgli
ingresso nel villaggio degli uomini e incontra Messua che sarà la sua mamma nel
villaggio, impara a parlare anche il linguaggio degli uomini e ad apprezzare la fedeltà e
l'amicizia di un suo fratello Lupo, Fratel Bigio, che lo segue fino al Villaggio e lo tiene
informato su ciò che accade nella Giungla. Tra gli uomini conosce anche il razzismo,
sconosciuto nella Giungla, e le spacconate di Buldeo, uomo tanto vanaglorioso e
bugiardo da assomigliare al Bandar Log, ma ammirato dagli altri uomini. E' il racconto in
cui Mowgli salda il conto che aveva in sospeso con Shere Khan fin dalla sua nascita e,
con l'aiuto di Rama, della mandria di bufali e buoi, di Fratel Bigio e soprattutto del
vecchio Akela, uccide l'incontinente tigre zoppa e ne porta la pelliccia scuoiata sulla
Rupe del Consiglio, dopo aver conosciuto, ancora una volta, la stupidità e
l'irriconoscenza degli uomini.
“Come venne la Paura” (2° libro) è un racconto a sé stante: può essere collocato in un
altro qualsiasi momento, quando Akela e i Vecchi Lupi lo riterranno opportuno per il
percorso dei Lupi nel Branco. Sono due racconti in uno: il primo, che fa da contenitore,
narra di una grande terribile siccità, che porta Hathi -che, scopriremo, è il vero padrone
della Giungla- a proclamare la Tregua dell’Acqua. E allora, come per incanto, ad
abbeverarsi vanno tutti insieme, carnivori ed erbivori, sulle sponde dello stesso fiume
quasi prosciugato, e nessuno può uccidere nemmeno per sfamarsi, perché c’è la Tregua,
controllata dall’autorevole Hathi. Poi, durante la Tregua, Hathi comincia a narrare di
Tha, il primo elefante, che con le zampe, le zanne e la proboscide creò la Giungla e mise
a capo di essa la Prima Tigre. Era come un giardino dell’Eden, dove regnava la pace
incontrastata. Cosa ruppe l’incanto? La presunzione, la collera, la violenza e la Paura. E
da allora la Giungla è come la conosciamo. Ma non si può far nulla per riportarla almeno
simile a com’era? Proviamo a combattere in noi stessi presunzione, collera, violenza e a
farci umili e sobri.
“L'Ankus del re” (2° libro) è un racconto affascinante per l'ambientazione (una città in
rovina sepolta nella giungla con un cobra bianco rimasto a custodire un tesoro. Molti
uomini hanno tentato di rubarlo, e il cobra si sente oltremodo onorato per questo incarico
che lo incatena a quel posto dimenticato da tutti ma che lui crede al centro del mondo),
per i significati (ciò che è prezioso cambia da persona a persona), per la violenza
contenuta (diversi morti ammazzati per avidità), per gli spunti di riflessione.
L' “Invasione della Giungla” (2° libro)è veramente il racconto più difficile da
interpretare attraverso la morale per tipi. Mowgli, trionfante per aver ucciso Shere Khan e
avendo disperso il Branco dei Lupi che si erano alleati con Shere Khan, è rimasto con
pochi amici ma ha scelto di continuare la sua vita nella Giungla perché cacciato dal
Villaggio degli Uomini. E' un Mowgli orgoglioso, superbo e senza rispetto quello che
torna dal Villaggio ma, quando viene a sapere che quegli uomini vogliono uccidere
Messua, chiede aiuto ai suoi vecchi amici, salva lei ed il marito, ma medita a lungo una
punizione esemplare per gli uomini, che attuerà con l’aiuto di Hathi. Sono due racconti in
uno.
pag. 3 di 4
Premessa ai Racconti di Mowgli
I “Cani Rossi” (2° libro) è un epico racconto dove c'è di tutto: la fedeltà al gruppo di
appartenenza, l'astuzia intelligente di Kaa che, unita al coraggio di Mowgli, sbaraglia i
forestieri distruttori della Giungla, battaglie, paure e prove di coraggio, sopravvissuti e
morti, tra cui Akela. E' un racconto dove bisognerà affrontare il tema della morte in
maniera adatta ad ogni Branco e Lupo, sapendo che i nostri piccoli proprio questo
temono: che possano morire le persone loro care.
La “Corsa di primavera” (2° libro) è il racconto che, in genere, accompagna i Lupi
nell'uscita dal Branco, perché narra del definitivo approdo di Mowgli nel Villaggio degli
Uomini, e quindi l'uscita dal mondo incantato e protetto dell'infanzia.
pag. 4 di 4

Documenti analoghi