Disneyland assume principi e principesse

Commenti

Transcript

Disneyland assume principi e principesse
VI
I
ATTUALITÀ
www.leggimionline.it
l parco dei divertimenti Disneyland
di Parigi sta cercando persone da
inserire nel proprio organico. I ruoli che intende coprire sono quelli
dei personaggi più famosi e sono
tutti danzanti o adatti per partecipare alle
“cavalcate” tipiche del parco dei divertimenti più amato dai bambini. Disneyland
è diviso in due grandi parchi uno dedicato
ai personaggio Disney l'altro agli studios
della Walt Disney ed è di proprietà della
Euro Disney SCA.
Le audizioni si svolgeranno a Catania
il 29 maggio 2015 alle 10 presso il Centro
Sportivo Universitario Cittadella Universitaria, viale Andrea Doria 6.
Seconda audizione a Roma il 31 maggio, sempre alle 10, in via Cesare Fracassini, 60.
I profili richiesti sono quelli dei principi
(maschili) di: Aladino, Dr Facilier, Flynn
Rider, Peter Pan, Principe Azzurro, Principe Eric, Principe Naveen. E ancora il
Principe di: Biancaneve, La Bella e la bestia e La bella addormentata nel bosco.
E delle principesse: Anna, Ariel, Belle,
Cenerentola, Elsa, Jasmine, Merida, Mulan, Tiana, Rapunzel, La bella Addormentata nel bosco.
Cercano anche degli interpreti per alcuni personaggi Disney meno celebri. Ma
tutti i principi e le principesse devono avere buone basi di danza e il portamento
adatto a questi personaggi.
I posti disponibili sono 30 per le donne
e 15 per gli uomini, tutti i candidati
devono parlare francese o inglese, devono
fare sport ed essere maggiorenni. Alle audizioni bisogna presentarsi senza trucco,
in tuta e scarpe da ginnastica e muniti di
una penna
I contratti che verranno messi a disposizione sono: a tempo indeterminato: si comincia da giugno o settembre 2015. E a
tempo determinato: da giugno a settembre
e da settembre a gennaio.
Va presentato un curriculum in una delle due lingue indicate (francese o inglese)
ed eventuali costi di viaggio sono a carico
dei partecipanti.
Monica Adorno
22 MAGGIO 2015
Quarantacinque i posti disponibili (30 per le donne e 15 per gli uomini) per chi sa danzare e parlare inglese o francese
Disneyland assume principi e principesse
Audizione a Catania il 29 maggio alla Cittadella Universitaria, presentarsi in tuta, senza trucco e con una biro
Il decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale riguarda le “Reti di impresa per l’artigianato digitale” e i sistemi innovativi
Agevolazioni per gli artigiani
Con il decreto ministeriale del 17 febbraio
2015, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana del 9 aprile 2015,
n. 82, è istituito l’intervento denominato
“Reti di impresa per l’artigianato digitale”,
finalizzato a sostenere programmi innovativi,
localizzati sull’intero territorio nazionale e
realizzati da reti di imprese, per la diffusione,
la condivisione e lo sviluppo produttivo delle
tecnologie di fabbricazione digitale.
Soggetti proponenti
Reti di imprese (Associazioni temporanee
di imprese, Raggruppamenti temporanei di
imprese, Contratti di rete) ovvero Consorzi
che: siano costituiti da almeno 15 imprese;
vedano al loro interno la presenza di imprese
artigiane ovvero microimprese in misura almeno pari al 50% dei partecipanti.
- forme di collaborazione con Istituti di
ricerca pubblici, Università, Istituzioni scolastiche autonome, Imprese ed Enti autonomi
con funzioni di rappresentanza del tessuto
produttivo.
Programmi ammissibili
I programmi devono essere finalizzati al
conseguimento di uno o più dei seguenti
obiettivi dello strumento agevolativo:
- creazione di centri di sviluppo di software e hardware a codice sorgente aperto per
la crescita e il trasferimento di conoscenze
alle scuole, alla cittadinanza, agli artigiani
e alle microimprese;
- creazione di centri per l’incubazione di
realtà innovative nel mondo dell’artigianato
digitale;
- creazione di centri per servizi di fabbricazione digitale rivolti ad artigiani e a microimprese;
- messa a disposizione di tecnologie di
fabbricazione digitale;
- creazione di nuove realtà artigianali o
Risorse
La risorse stanziate ammontano a 9,06
milioni di euro.
Ai sensi di quanto stabilito dal suddetto
decreto, le domande di agevolazione possono essere trasmesse a partire dalle ore
10:00 del 1° luglio 2015 e fino alle ore 12:00
del 25 settembre 2015.
reti manifatturiere incentrate sulle tecnologie
di fabbricazione digitale.
Devono inoltre prevedere:
- spese ammissibili, al netto dell’IVA, non
inferiori a euro 100.000,00 e non superiori
a euro 1.400.000,00;
- una durata non inferiore a 24 mesi e non
superiore a 36 mesi dalla data di ricezione
del decreto di concessione;
Le domande devono essere trasmesse tramite posta elettronica certificata a: [email protected]
Cinque miliardi per la nuova Sabatini
L'agevolazione è dedicata ai beni strumentali ed istituita dalla legge del Fare e non prevede scadenze
Lo strumento agevolativo definito in breve “Beni
strumentali - Nuova Sabatini”, istituito dal decretolegge del Fare (art. 2 decreto-legge n. 69/2013), è finalizzato ad accrescere la competitività del sistema
produttivo del Paese e migliorare l’accesso al credito
delle micro, piccole e medie imprese (PMI) per l’acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature.
La misura prevede questo funzionamento: Cassa
Depositi e Prestiti (Cdp) ha costituito un plafond di
risorse che le banche aderenti alle convenzioni
MiSE-ABI-Cdp o le società di leasing, se in possesso
di garanzia rilasciata da una banca aderente alle con-
venzioni, possono utilizzare per concedere alle PMI,
fino al 31 dicembre 2016, finanziamenti di importo
compreso tra 20.000 e 2 milioni di Euro a fronte degli
investimenti previsti dalla misura;
Il MiSE concede un contributo in favore delle PMI,
che copre parte degli interessi a carico delle imprese
sui finanziamenti bancari di cui al punto 1, in
relazione agli investimenti realizzati. Tale contributo
è pari all’ammontare degli interessi, calcolati su un
piano di ammortamento convenzionale con rate semestrali, al tasso del 2,75% annuo per cinque anni;
Le PMI hanno la possibilità di beneficiare della ga-
ranzia del Fondo di garanzia per le piccole e medie
imprese, fino alla misura massima prevista dalla vigente normativa (80% dell’ammontare del finanziamento), sul finanziamento bancario, con priorità di
accesso.
Con la Legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge di
stabilità 2015) il plafond di Cdp, inizialmente pari a
2,5 miliardi di euro, è stato incrementato fino a 5 miliardi. Lo stanziamento di bilancio, relativo agli anni
2014-2021, per la corresponsione del contributo a parziale copertura degli interessi sui finanziamenti
bancari (inizialmente pari a 191,5 milioni di euro) in
L'iniziativa è stata promossa dal ministero della Salute che ha scelto Elio e le Storie Tese come testimonial
Campagna contro l'abuso di alcol
Il Ministro della salute Beatrice Lorenzin ha presentato la nuova campagna di comunicazione per
la lotta all'abuso di alcol. “Alcol snaturato, una serata speciale” testimonial della campagna, il
gruppo musicale "Elio e le Storie Tese" con la canzone “Alcol Snaturato”. In Italia, come nel resto
d'Europa, per i giovani sotto i 30 anni, l'abuso di
alcol alla guida di auto e motoveicoli rappresenta
la prima causa di mortalità, morbilità e disabilità
evitabile. I dati in possesso dell'Istituto superiore
di sanità evidenziano la vastità del fenomeno
anche tra i giovanissimi entro i 18 anni di età.
Dovere delle istituzioni è dare conoscenza e consapevolezza sugli enormi rischi che un bicchiere
può contenere. La campagna 2015 del Ministero
della salute si svilupperà attraverso i canali e i luoghi
di scambio di informazioni abitualmente frequentati
dai ragazzi. Sarà una campagna-internet con
l'obiettivo di diffondere i contributi video sui
principali canali social. Il web e la musica rappresentano un vettore privilegiato per parlare in
modo chiaro e diretto ai giovani.
"Elio e le Storie Tese”, utilizzando un
linguaggio intelligente e ironico,
hanno scritto una canzone divertente
e ricca di informazioni.
L'obiettivo della campagna è
rendere poco attraente il modello
comportamentale di chi abusa di
sostanze alcoliche e correggere
il difetto di percezione alimentato
dai media che nei giovanissimi descrive l'alcol come facilitatore di
successo nelle relazioni sociali.
Il testo di Alcol Snaturato (Elio E Le Storie Tese)
Una serata speciale | con tanti amici
ed amiche | c’è voglia di trasgredire |
Gianni ha una bottiglia di whisky |
Piero si è portato due fiaschi | Anna versa
tre caipiroska | e siamo tutti yeah! | storti,
brilli, super ciucchi, morti, yeah!
Bevi, bevi, bevi | e ti credi un grande
figo | poi ti viene il mal di testa | esci e
vomiti la pasta | bevi, bevi, bevi | molti
litri di alcolismo | una gita in ambulanza
| è un nuovo tipo di turismo | non si sente
odore di bruciato | quando i lobi del cervello | vanno arrosto | rischi di cadere in
coma etilico |
e finire al cimitero | brutto posto, brutto posto, brutto posto, brutto posto,
brutto posto, brutto posto
Una colletta fra amici | per acquistare
bottiglie | es-
sendo noi minorenni | urge contattare un
signore | chiedergli di farci un piacere
| comperare molto liquore e darlo tutto
a noi | grazie! | adolescenti, | deficienti,
ubriaconi, yeah!
Vedi, vedi, vedi | com’è facile aggirare
il problema del cassiere | che non vuole
farci bere | presto, presto, presto | voglio
andare a danneggiarmi | tutti gli organi
del corpo | tracannando come un porco
| non ci vuole molto a deturpare questo
giovane organismo | basta bere, basta
bere | (ho deciso, mi alcolizzo! È una figata!)
Voglio toccare il tuo petto | fare
sesso non protetto | mi piace farlo precoce | devo ringraziare il chupito | se mi
sento disinibito | dai che ci attacchiamo
qualcosa tipo gonorrea | herpes, aids, creste di gallo, coccodeh | bevi, bevi, bevi
| bevi, bevi, bevi
Sento una deficienza di tiamina |
non farò mica parte di quell’80% di alcolisti | che sviluppano la sindrome di
Wernicke-Korsakoff
La seratina è finita | completamente
ubriaco | mi metto al posto di guida | tasso alcolemico alto | parto a razzo e poi
mi ribalto | faccio fuori quattro passanti
| e ammazzo pure me
base a quanto disposto dalla legge di stabilità 2015
è ora pari a 385,8 milioni di euro.
Sulla base delle procedure definite nell’ambito degli
strumenti attuativi della misura, la prenotazione
delle risorse finanziarie per l’erogazione dei finanzia-
menti bancari alle PMI avviene con cadenza mensile
e si attua con il coordinamento tra Cdp e Ministero.
Non ci sono scadenze, le domande sono state aperte
a marzo 2015 e le agevolazioni rimarranno disponibili
fino a esaurimento dei fondi.
Guida all’acquisto delle fragole
Consigli per la spesa - Vanno acquistate e consumate preferibilmente
in primavera e sono ottime anche come insalata insieme alla rucola
Dipingono i banconi di mercati
e bancarelle con il loro bel rosso e
sono il simbolo della primavera. Le
fragole occupano un posto d’onore
nella frutta di stagione.
Che sia in macedonia, in insalate, nei dolci o nei gelati o semplicemente con la panna, le fragole
godono di grande
stima da parte di
grandi e piccini.
Questo frutto - più correttamente il falso
frutto o conocarpo in termini
botanici - oltre al
suo inconfondibile gusto, possiede molte proprietà benefiche per il contenuto di vitamina
C, potassio, collagene (una proteina
che previene le rughe e rafforza i
capillari, riducendo ritenzione idrica
e cellulite), xilitolo, flavonoidi,
per questo le fragole sono state inserite tra i super cibi, che "mantengono giovani" nella speciale classifica ORAC (Oxygen Radical Absorbance Capacity) stilata dal-
l'USDA (il dipartimento dell'agricoltura statunitense), per il contenuto record in sostanze antiossidanti
benefiche per la salute.
Poiché crescono molto vicino al
suolo, occorre prestare attenzione
al loro acquisto:
- Preferisci un prodotto italiano
e acquista le fragole quando sono
di stagione,
cioè in primavera.
- Scegli fragole turgide con colore rosso vivo e uniforme, e con il
picciolo ben attaccato al frutto.
- Se le acquisti le fragole in vaschetta, controlla che non vi siano
frutti ammaccati o ammuffiti, per-
ché nel giro di poco la muffa si può
estendere a tutta la confezione.
In gravidanza sono consigliate
per le virtù benefiche, ma bisogna
essere sicuri della loro provenienza
ed essere certi di non avere allergie
specifiche, altrimenti è decisamente
meglio evitare.
La signora Nilda ci consiglia
un modo molto
particolare per
gustarle e godere di tutte le
sue proprietà:
in insalata con
la rucola.
Prendere un bel
ciuffo di rucola e dopo
averlo accuratamente lavato,
tagliarlo grossolanamente,
quindi affettare otto fragole ed
aggiungere un paio di gherigli di
noce, preparare una salsa fredda
frullando tre cucchiai di olio extra
vergine di oliva, quattro fragole, il
succo di mezzo limone. Aggiungete
a piacere sale e pepe e... la delizia
è pronta!
Antonio Luca Cuddè

Documenti analoghi