EA Teaser template CS2 v02 2006-03-31

Commenti

Transcript

EA Teaser template CS2 v02 2006-03-31
Snodi sferici e terminali
TX ad elevate prestazioni
Soluzioni con cuscinetti lisci della SKF, che non
richiedono manutenzione
•Eccezionalmente robusti nelle applicazioni estreme
•Eccezionale resistenza all’usura, che garantisce una
maggiore durata operativa
•Nessuna attività di manutenzione necessaria – ovunque
Gli snodi sferici TX
Un mondo senza manutenzione
La sfida
Attualmente c’è una crescente richiesta di
soluzioni con cuscinetti che garantiscano
minime attività di manutenzione, ridotto consumo di lubrificante, ma maggiore durata
operativa. Per soddisfare sia questi requisiti
che quelli futuri, la SKF ha sviluppato gli snodi
sferici ed i terminali TX.
Questa serie di cuscinetti e terminali stabilisce un nuovo livello di prestazioni per gli
snodi sferici a manutenzione zero.
Disponibili sia in acciaio inossidabile che con
tempra di profondità, gli snodi sferici TX sono
dotati dei seguenti componenti
• rivestimento in PTFE ottimizzato
• tenute più robuste ed efficienti
• superfici di contatto ottimizzate.
2
L’ottimizzazione di queste caratteristiche ha
avuto un impatto positivo sulla capacità del
cuscinetto di sopportare carichi maggiori,
nonchè sulla sua durata anche in ambienti
contaminati.
Grazie alla maggiore capacità di carico, il
cuscinetto è in grado di sopportare carichi più
pesanti in uno spazio uguale, od addirittura
più piccolo, rispetto ai precedenti design a
manutenzione zero. Ciò permette di realizzare
quei design a dimensioni ridotte, che fino ad
ora erano impensabili.
Dato che gli snodi sferici TX non utilizzano
i tradizionali lubrificanti a base di olio, che
richiedono il rabbocco, rappresentano un’alternativa ”ecologica” rispetto ai design standard dei cuscinetti lisci.
Gli snodi sferici TX appartengono ad una
classe di prestazioni specifica. Le loro eccezionali caratteristiche comprendono
• un rivestimento in PTFE ottimizzato e più
robusto, con elevata resistenza all’usura
• tenute più resistenti ad elevate prestazioni
• superfici di scorrimento microlevigate
o cromate
• anelli dei cuscinetti in acciaio inossidabile
o con tempra di profondità.
Segmenti di applicazione
Maggiore durata operativa, maggiore affidabilità e funzionamento senza manutenzione
rappresentano i principali vantaggi di questi
snodi sferici e terminali TX ad elevate
prestazioni.
Oltre alle applicazioni elencate sulla destra,
questi cuscinetti e terminali possono essere
utilizzati in tutte le applicazioni in cui vengono
tradizionalmente impiegati snodi sferici e
terminali.
• Chiuse delle dighe
• Cilindri idraulici
• Stabilizzatori
• Gru
• Catene di trasportatori
• Macchinari per le applicazioni forestali
• Robot industriali
• Macchinari del settore tessile ed editoriale
• Macchinari del settore alimentare
• Applicazioni dell’industria automobilistica
• Pale del rotore dei generatori eolici
• Steli strutturali di ogni tipo.
3
L’ottimizzazione delle
caratteristiche garantisce
una maggiore durata
operativa
Rivestimento in PTFE ottimizzato
Il rivestimento in PTFE della SKF († fig. 1)
è ciò che conferisce ai cuscinetti TX le proprie
caratteristiche di prestazione. Per rendere i
cuscinetti TX più robusti rispetto ai design precedenti, sono state ottimizzate sia la struttura di
questo tessuto auto-lubrificante che la resina.
Ma non è stata solo la superficie di scorrimento a beneficiare del miglioramento. Anche
il legante è stato ottimizzato per garantire una
migliore adesione alla superficie temprata
dell’anello esterno. Questo legante presenta
infatti un coefficiente di adesione tre volte
superiore alle formule precedenti.
Il rivestimento in PTFE della SKF garantisce
inoltre i seguenti vantaggi
Superfici di scorrimento
La superficie sferica convessa dell'anello
esterno, con tempra di profondità, viene levigata e lucidata prima di essere cromata. Ciò
migliora il trasferimento di PTFE dal rivestimento in tessuto TX alla superficie opposta,
durante la breve fase di rodaggio. Questo
requisito garantisce, tipicamente, un basso
coefficiente di attrito nonchè un basso livello
di usura in esercizio.
Disponibile anche in acciaio
inossidabile
In presenza di normali condizioni di esercizio,
gli snodi sferici TX della SKF in acciaio per
tempra di profondità rappresentano la scelta
migliore. Tuttavia, in caso di ambienti corrosivi,
l’utilizzo di cuscinetti in acciaio inossidabile
può rivelarsi economicamente più vantaggioso,
se si tengono in considerazione i costi totali
o la durata operativa della macchina.
Sezione del rivestimento in PTFE ottimizzato
• maggiore rigidità e, di conseguenza, minore
deformazione sotto carico
• maggiore resistenza all’acqua e, quindi,
maggiore durata operativa
• eccezionale comportamento in presenza di
attrito, che semplifica il design della disposizione di cuscinetti
• basso livello di compatibilità con l’umidità,
che garantisce proprietà idrorepellenti.
Tenute robuste
Gli snodi sferici TX sono dotati di tenute LS ad
elevate prestazioni, così da garantire la massima
durata operativa del cuscinetto anche in presenza di contaminazione.
Le tenute LS ad elevate prestazioni sono
dotate di tre labbri di tenuta, che esercitano
una pressione sulla superficie opposta dell’anello interno, per proteggere il cuscinetto
da agenti contaminanti ed umidità († fig. 2).
Sono inoltre dotate di un robusto rinforzo
in lamiera d’acciaio, che serve a mantenere
la tenuta saldamente in posizione. Questa
”struttura portante” in lamiera d’acciaio
garantisce stabilità meccanica, poiché protegge
l’elastomero dall’eventuale danneggiamento
causato da particelle contaminanti a grana
grossa.
Per i cuscinetti di grandi dimensioni, per
cui non sono disponibili tenute LS, vengono
utilizzate tenute RS a due labbri.
Seguiamo le tendenze
Maggiore capacità di carico
Sia la capacità di carico dinamico che quella di
carico statico del rivestimento TX sono state
ottimizzate, rispetto al vecchio rivestimento T
(† diagramma 1). Ciò permette ai progettisti di
• aumentare la durata operativa dei design
esistenti
• mantenere la stessa potenza con design
a dimensioni ridotte
• sostituire gli snodi sferici acciaio-su-acciaio
con cuscinetti TX a manutenzione zero.
Dettaglio della tenuta LS, che mostra i tre labbri
di tenuta ed il rinforzo in lamiera di acciaio
Fig. 1
Anello esterno
Tessuto di rinforzo
Fig. 2
Resina
Tessuto PTFE
Anello interno
300 µm
Diagramma 1
Diagramma 2
Maggiore capacità di carico degli
snodi sferici TX
Maggiore durata operativa degli
snodi sferici TX
Capacità di
carico, N/mm 2
Distanza media
di scorrimento, %
n T (precedente)
n TX
500
100
450
400
350
300
250
50
200
150
100
50
0
4
Quindi non c’è bisogno di fare compromessi, quando si tratta degli snodi sferici TX.
dinamica
statica
0
n TX
n Concorrenza
n T (precedente)
n Concorrenza
Maggiore affidabilità, possibilità di ridurre le
dimensioni ed esercizio senza manutenzione
rappresentano solo tre ulteriori motivi per
esaminare più a fondo gli snodi sferici e
i terminali TX della SKF.
Maggiore durata operativa
Se paragonati a prodotti della concorrenza
e precedenti design della SKF, gli snodi sferici
TX presentano una durata operativa considerevolmente più lunga († diagramma 2).
La distanza extra di scorrimento, garantita dal
cuscinetto, si traduce in maggiore durata operativa ed affidabilità per la macchina – e parimenti per i progettisti ed utenti finali.
Gamma più ampia per i parametri
di esercizio
La linea TX degli snodi sferici non solo può
sopportare carichi più pesanti, ma anche
maggiori velocità di scorrimento, rispetto ai
design precedenti († diagramma 3). Questi
parametri di esercizio ottimizzati, permettono
ai progettisti di utilizzare gli snodi sferici TX,
a manutenzione zero, in applicazioni in cui
finora ciò non era possibile.
Avvaletevi delle nostre
competenze per trarne
profitto
Grazie agli snodi sferici TX a manutenzione
zero della SKF potete aggiungere valore ai
vostri prodotti. Potrete dimostrare ai vostri
clienti che le loro applicazioni sono in grado
di garantire una maggiore durata operativa e
che ”manutenzione zero” significa veramente
”installa e dimentica”.
Ma non dimenticate – le prestazioni hanno
un prezzo. Se analizzate il rapporto qualità/
prezzo, vi accorgerete che gli snodi sferici TX
sono in grado di abbattere considerevolmente
i costi di sistema – il che li rende un’alternativa
economicamente molto vantaggiosa rispetto
ad altri design di cuscinetti lisci.
• cuscinetti radiali della serie GEH con
maggiore angolo di inclinazione († fig. 3)
• cuscinetti radiali in pollici della serie GEZ
(† fig. 4)
• cuscinetti radiali della serie GEC con
dia­metro foro maggiore di 300 mm
• snodi sferici obliqui della serie GAC
(† fig. 5)
• snodi sferici assiali della serie GX († fig. 6).
Per assistenza tecnica, contattate l’ente
Ingegneria di Applicazione locale della SKF.
Fig. 3
Una gamma completa
di soluzioni che non
richiedono manutenzione
Il diametro del foro degli snodi sferici TX nella
serie GE va da 12 a 300 mm. Questi cuscinetti,
che coprono le dimensioni più comunemente
utilizzate, sono disponibili sia in acciaio inossidabile che con tempra di profondità.
Inoltre, gli snodi sferici TX sono disponibili
anche nelle seguenti serie
Cuscinetti radiali con maggiore angolo
di inclinazione
Fig. 4
Diagramma 3
Intervallo di esercizio ampliato per gli snodi sferici e terminali TX
La linea tratteggiata mostra l'intervallo ammissibile, quando il calore viene dissipato dal cuscinetto
in maniera efficiente
Cuscinetti radiali con dimensioni in pollici
Carico specifico sul cuscinetto p, N/mm 2
350
300
250
200
150
Fig. 5
Intervallo di esercizio
ammissibile per il rivestimento TX, in condizioni operative normali
Intervallo di esercizio
ammissibile per il pre­
cedente rivestimento T,
in condizioni operative
normali
Snodi sferici obliqui
Fig. 6
100
50
0
0,002
0,01
0,1
0,5
Velocità media di scorrimento v, m/s
Snodi sferici assiali
5
Scelta delle dimensioni
del cuscinetto
Durata di base
Data l'ottimizzazione delle caratteristiche di
prestazione, è stato necessario modificare
il metodo di calcolo per la durata di base da
utilizzarsi per gli snodi sferici TX. Il metodo per
il calcolo della durata di base tiene conto delle
migliorie apportate ai cuscinetti. La formula è
Kp
Gh = b1 b2 b4 –––––
pn v
in cui
Gh =durata di base, ore di esercizio
b1 =fattore di direzione del carico
(† tabella 1)
b2 =fattore relativo alla temperatura
(† diagramma 4)
b4 =fattore relativo alla velocità
(† diagramma 5)
p =carico specifico sul cuscinetto, N/mm2
Kp = costante per il carico specifico sul
cuscinetto († tabella 2)
n =esponente per il carico specifico sul
cuscinetto († tabella 2)
v =velocità media di scorrimento, m/s
Scelta delle dimensioni idonee
Per determinare le dimensioni idonee del
cuscinetto, è necessario conoscere la durata
di base richiesta per l’effettiva applicazione.
Ciò dipende solitamente dal tipo di macchina,
dalle condizioni operative e dai requisiti relativi
all’affidabilità in esercizio.
Come prima approssimazione, si può utilizzare un valore indicativo per il rapporto di
carico C/P pari a 2, per ottenere il coefficiente
di carico dinamico C per gli snodi sferici ed
i terminali TX.
Utilizzando il diagramma 3 è possibile controllare l’idoneità di un cuscinetto o terminale
per un determinato valore di carico. I valori di
carico dinamico equivalente P, carico specifico
sul cuscinetto p e velocità media di scorrimento v, necessari a questo scopo, si possono
ricavare dalla formula riportata di seguito.
Se, dalla valutazione, il cuscinetto risulta
idoneo, allora la durata di base si può calcolare utilizzando la formula indicata precedente­mente.
6
Carico dinamico equivalente
sul cuscinetto
Gli snodi sferici radiali TX possono sopportare
un certo carico assiale Fa, oltre al carico radiale
Fr, agente simultaneamente († fig. 7). Il carico
dinamico equivalente sul cuscinetto si può
ricavare dalla formula
P = y Fr
in cui
P =carico dinamico equivalente sul
cuscinetto, kN
Fr =componente radiale del carico, kN
y =fattore di carico assiale, in base al
diagramma 6
Carico specifico sul cuscinetto
Il carico specifico sul cuscinetto si può calcolare
utilizzando la formula
P
p = 300—
C
Fig. 7
in cui
p=carico dinamico specifico sul cuscinetto,
N/mm2
P=carico dinamico equivalente sul
cuscinetto, kN
C=coefficiente di carico dinamico, kN
Se il carico agisce solo in senso radiale, il carico
P=Fr può essere inserito nella formula per
calcolare il carico specifico sul cuscinetto.
Velocità media di scorrimento
In caso di moto continuo, la velocità media
di scorrimento si può calcolare con la formula
v = 5,82 ¥ 10–7 dk b f
Carico agente combinato (radiale assiale)
Angolo di oscillazione
in cui
v =velocità media di scorrimento, m/s
dk =diametro sfera dell’anello interno, mm
b =metà angolo di oscillazione († fig 8),
gradi (per rotazione, b = 90°)
f =frequenza di oscillazione, min–1, o
velocità di rotazione, giri/min
Fig. 8
b
3
0
2
4
b = metà angolo di oscillazione
Oscillazione completa = 4 b
(dal punto 0 al punto 4)
1
Tabella 1
Fattore di direzione del carico b1
Tipo di carico
Diagramma 5
Fattore relativo alla velocità b4
Carico specifico
(N/mm2)
Fattore b1
b4
1,0
5* N/mm2
0,9
Costante
a semplice effetto
fino a 300
1
20*
0,8
0,7
Carichi variabili, (alternati, ad impulsi)
a frequenze di carico
fino a 0,5 Hz
fino a 50
da 50 a 100
0,55
0,4
oltre 0,5 a 1 Hz
fino a 50
da 50 a 100
0,35
0,15
0,4
oltre 1 a 5 Hz
fino a 50
0,1
0,2
40*
60*
80*
100*
0,6
0,5
0,3
0,1
0,0
0,001
0,005
0,01
0,05
0,1
0,5
1
v, m/s
Tabella 2
Costante Kp ed esponente n per il carico specifico sul cuscinetto
Specifico carico sul cuscinetto
oltre incl.
2
N/mm 25
90
25
90
300
Costante K p
Esponente
n
–
–
770
4 000
40 000
0,2
0,7
1,2
b4
0,50
0,45
100* N/mm 2
0,40
120*
0,35
140*
0,30
160*
0,25
0,20
0,15
0,10
0,05
180*
200*
220*
240*
260*
280*
300*
0,00
0,001
0,005
0,01
0,05
0,1
v, m/s
*carico specifico sul cuscinetto
Diagramma 4
Fattore relativo alla temperatura b2
Diagramma 6
Fattore y per snodi sferici TX
y
b2
2,50
1,0
2,25
0,8
2,00
0,6
1,75
0,4
1,50
0,2
0
1,25
20
40
60
80
100 120 140 160
t, °C
1,00
0
0,1
0,2
Fa
Fr
0,3
7
Dati sui cuscinetti –
Informazioni generali
TXGR
A seconda delle dimensioni e del materiale,
gli snodi sferici TX sono disponibili nei seguenti
design:
Questo cuscinetto, in acciaio inossidabile,
è dotato di un anello interno temprato
X46Cr13, con superficie di scorrimento
microlevigata, e di un anello esterno non
temprato X17CrNi16-2. L’anello esterno
è stampato attorno all’anello interno e non
presenta fratture († fig. 11).
TXE-2SL
TXG3E-2LS
Questo cuscinetto è dotato di anelli che sono
stati sottoposti a tempra di profondità e levigatura. L’anello interno presenta una super­
ficie di scorrimento cromata. Quello esterno,
che è stato appositamente fratturato in una
posizione, contiene il rivestimento in TX ed
è dotato di tenute LS per esercizio pesante
(† fig. 9).
Gli anelli in acciaio inossidabile X46Cr13 di
questo cuscinetto sono stati temprati e levigati.
L’anello interno presenta una superficie di
scorrimento microlevigata. Quello esterno,
che è stato appositamente fratturato in una
posizione, contiene il rivestimento in TX ed
è dotato di tenute LS per esercizio pesante
(† fig. 9).
TXA-2LS and TXA-2RS
TXG3A-2LS e TXG3A-2RS
Come quelli della serie, TXE-2LS questo
cuscinetto è dotato di anelli che sono stati
sottoposti a tempra di profondità e levigatura.
L’anello interno presenta una superficie di
scorrimento cromata. Quello esterno, che
contiene il rivestimento in TX, è diviso assialmente e tenuto unito mediante una fascia
inserita in una scanalatura. I design con
dimensioni più piccole sono dotati di tenute
LS ad elevate prestazioni con tre labbri di
tenuta († fig. 10), mentre quelli con dimensioni maggiori di tenute RS con due labbri
di tenuta.
Gli anelli in acciaio inossidabile X46Cr13 di
questo cuscinetto sono stati temprati e levigati.
L’anello interno presenta una superficie di
scorrimento microlevigata. Quello esterno,
che contiene il rivestimento in TX, è diviso
assialmente e tenuto unito mediante una
fascia inserita in una scanalatura. I design con
dimensioni più piccole sono dotati di tenute
LS ad elevate prestazioni († fig. 10) mentre
quelli con dimensioni maggiori di tenute RS
con due labbri di tenuta.
Design
Semplificare i calcoli
I metodi di calcolo, riportati in questa sezione,
sono stati programmati ed integrati nel Catalogo Tecnico Interattivo della SKF, disponibile
online nel sito www.skf.com. Ciò semplifica
considerevolmente la scelta degli snodi sferici/
terminali – non dovete far altro che cliccare
col vostro mouse.
Terminali
I terminali della SKF sono composti da un
alloggiamento in ghisa, che contiene uno
snodo sferico standard TXE-2LS († fig. 12).
I terminali sono disponibili con filetto destro
o sinistro, maschio (a) o femmina (b).
Design cuscinetti TXE-2LS e TXG3E-2LS, l’anello
esterno è fratturato in una posizione per facilitare
il montaggio
Fig. 9
8
Design cuscinetti TXA-2LS e TXG3A-2LS, l’anello
esterno è diviso assialmente e tenuto unito
mediante una fascia inserita in una scanalatura
Fig. 10
Dimensioni
Gamma di temperature di esercizio
Le dimensioni degli snodi sferici e terminali
TX sono conformi, rispettivamente, alle ISO
12240-1:1998 e ISO 12240-4:1998.
Il rivestimento in PTFE utilizzato per gli snodi
sferici TX può sopportare temperature di
esercizio comprese tra –50 e +150 °C. Tuttavia, la capacità di carico del rivestimento viene
ridotta se la temperatura raggiunge o supera
i 65 °C.
La temperatura di esercizio ammissibile per
il materiale delle tenute, utilizzate per gli snodi
sferici TX, è indicata di seguito
Gioco radiale interno
• cuscinetti con tenute LS per esercizio
pesante: da –25 a +120 °C
• cuscinetti con tenute RS standard:
da –30 a +130 °C
Tolleranze
Gli snodi sferici TX sono realizzati secondo le
tolleranze previste dalla ISO 12240-1:1998 e
riportate nel catalogo Snodi sferici e terminali
della SKF o nel Catalogo Tecnico Interattivo
della SKF, disponibile online nel sito
www.skf.com.
Gioco radiale interno
Tabella 3
Foro diametro interno
d
oltre incl. Gioco radiale
interno
mm
mm
90
90
140
0
50
50
130
140
180
180
300
50
80
140
190
min
max
Gli snodi sferici TX sono realizzati con i valori
di gioco radiale interno riportati nella
tabella 3.
Terminali con cuscinetti TXE-2LS incorporati
(a) con filetto maschio
(b) con filetto femmina
Design cuscinetto TXGR
Fig. 11
Fig. 12
a
b
9
Snodi sferici TX a manutenzione zero
d 12 – 300 mm
B
r2
a
C
r1
D dk
d
GE .. TXGR
GE .. TX(G3)E-2LS
GE .. TX(G3)A-2LS(-2RS)
Dimensioni principali
Angolo
Coefficienti di carico
Massa
Denominazioni
di inclina- dinamico statico
Cuscinetto in acciaio Cuscinetto in acciaio
zione1)
con tempra inossidabile
d
D
B
C
a
C
C0
di profondità
mm
gradi
kN
kg
–
12
22
10
7
10
30
50
0,017
–
GE 12 TXGR
15
26
12
9
8
47,5
80
0,032
–
GE 15 TXGR
17
30
14
10
10
60
100
0,050
–
GE 17 TXGR
20
35
16
12
9
83
140
0,065
GE 20 TXE-2RS
GE 20 TXG3E-2RS
25
42
20
16
7
137
228
0,12
GE 25 TXE-2LS
GE 25 TXG3E-2LS
30
47
22
18
6
176
290
0,16
GE 30 TXE-2LS
GE 30 TXG3E-2LS
35
55
25
20
6
224
375
0,23
GE 35 TXE-2LS
GE 35 TXG3E-2LS
40
62
28
22
6
280
465
0,32
GE 40 TXE-2LS
GE 40 TXG3E-2LS
45
68
32
25
7
360
600
0,46
GE 45 TXE-2LS
GE 45 TXG3E-2LS
50
75
35
28
6
440
735
0,56
GE 50 TXE-2LS
GE 50 TXG3E-2LS
60
90
44
36
6
695
1 160
1,10
GE 60 TXE-2LS
GE 60 TXG3E-2LS
70
105
49
40
6
880
1 460
1,55
GE 70 TXE-2LS
GE 70 TXG3A-2LS
80
120
55
45
5
1 140
1 900
2,30
GE 80 TXE-2LS
GE 80 TXG3A-2LS
90
130
60
50
5
1 370
2 320
2,75
GE 90 TXE-2LS
GE 90 TXG3A-2LS
100
150
70
55
6
1 730
2 850
4,40
GE 100 TXA-2LS
GE 100 TXG3A-2LS
110
160
70
55
6
1 860
3 100
4,80
GE 110 TXA-2LS
GE 110 TXG3A-2LS
120
180
85
70
6
2 700
4 500
8,25
GE 120 TXA-2LS
GE 120 TXG3A-2LS
140
210
90
70
7
3 000
5 000
11,0
GE 140 TXA-2RS
GE 140 TXG3A-2RS
160
230
105
80
8
3 800
6 400
14,0
GE 160 TXA-2RS
GE 160 TXG3A-2RS
180
260
105
80
6
4 300
7 200
18,5
GE 180 TXA-2RS
GE 180 TXG3A-2RS
200
290
130
100
7
6 000
10 000
28,0
GE 200 TXA-2RS
GE 200 TXG3A-2RS
220
320
135
100
8
6 550
11 000
35,5
GE 220 TXA-2RS
–
240
340
140
100
8
7 200
12 000
40,0
GE 240 TXA-2RS
–
260
370
150
110
7
8 650
14 300
51,5
GE 260 TXA-2RS
–
280
400
155
120
6
10 000
16 600
65,0
GE 280 TXA-2RS
–
300
430
165
120
7
10 800
18 000
78,5
GE 300 TXA-2RS
–
1)
Per poter sfruttare appieno l'angolo di inclinazione, lo spalleggiamento dell'albero non dovrebbe superare il valore da max
10
rb
ra
Da
da
Da
Dimensioni
Dimensioni delle parti
che accolgono il cuscinetto
d
dk
r1
r2
d a
da
Da
Da
ra
min
min
min
max
min
max
max
mm
rb
max
mm
12
18
0,3
0,3
13,8
15
17,1
20,4
0,3
15
22
0,3
0,3
16,9
18,4
20,9
24,3
0,3
17
25
0,3
0,3
19
20,7
23,7
28,3
0,3
20
29
0,3
0,3
22,1
24,2
27,6
33,2
0,3
25
35,5
0,6
0,6
28,2
29,3
36,9
39,2
0,6
30
40,7
0,6
0,6
33,3
34,2
41,3
44
0,6
35
47
0,6
1
38,5
39,8
48,5
51
0,6
40
53
0,6
1
43,5
45
54,5
57,5
0,6
45
60
0,6
1
49,5
50,8
61
63,5
0,6
50
66
0,6
1
54,5
56
66,5
70,5
0,6
60
80
1
1
66,5
66,8
80
84
1
70
92
1
1
76,5
77,9
92
99
1
80
105
1
1
87
89,4
105
113
1
90
115
1
1
97,5
98,1
113
123
1
100
130
1
1
108
109,5
131
144
1
110
140
1
1
118
121
141,5
153
1
120
160
1
1
130
135,5
157,5
172
1
140
180
1
1
149
155,5
180
202
1
160
200
1
1
170
170
197
222
1
180
225
1,1
1,1
191
199
224,5
250
1
200
250
1,1
1,1
213
213,5
244,5
279
1
220
275
1,1
1,1
233
239,5
271
309
1
240
300
1,1
1,1
253
265
298
329
1
260
325
1,1
1,1
273
288
321,5
359
1
280
350
1,1
1,1
294
313,5
344,5
388
1
300
375
1,1
1,1
314
336,5
371
418
1
0,3
0,3
0,3
0,3
0,6
0,6
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
11
Terminali TX a manutenzione zero con filetto femmina
d 35 – 80 mm
B
C1
a
d2
dk
d1 d
r1
l7
l4
h1
l3
G
W
d4
Dimensioni
Angolo Coefficienti
Massa Denominazione2)
di inclina- di carico1)
Terminali con
zione
dinamico statico
filetto destro
d
G
h1
dk
d1
d2
d4
B
C1
l3
l4
l7
w
r1 a
C
C0
6H
max ~
max min max min h14 min
mm
gradi
kN
35
M 36¥3 130 47
39,8 84
49
25
22
60
174 40
41
0,6 6
224
40
M 39¥3 142 53
45
94
58
28
24
65
191 46
50
0,6 7
280
M 42¥3 145 53
45
94
58
28
24
65
194 46
50
0,6 7
280
45
M 42¥3 145 60
50,7 104 65
32
28
65
199 50
55
0,6 7
360
M 45¥3 165 60
50,7 104 65
32
28
65
219 50
55
0,6 7
360
50
M 45¥3 160 66
56
114 70
35
31
68
219 58
60
0,6 6
440
M 52¥3 195 66
56
114 70
35
31
68
254 58
60
0,6 6
440
60
M 52¥3 175 80
66,8 137 82
44
39
70
246 73
70
1
6
695
M 60¥4 225 80
66,8 137 82
44
39
70
296 73
70
1
6
695
70
M 72¥4 265 92
77,8 162 92
49
43
80
349 85
80
1
6
880
80
M 80¥4 295 105 89,4 182 105 55
48
85
389 98
90
1
5
1 140
1)
kg
–
134
1,40
SI 35 TXE-2LS
166
166
2,20
2,30
SIA 40 TXE-2LS
SI 40 TXE-2LS
224
224
2,90
3,20
SIA 45 TXE-2LS
SI 45 TXE-2LS
270
270
4,10
4,50
SIA 50 TXE-2LS
SI 50 TXE-2LS
400
400
6,30
7,10
SIA 60 TXE-2LS
SI 60 TXE-2LS
530
10,5
SI 70 TXE-2LS
655
19,0
SI 80 TXE-2LS
Coefficiente di carico dinamico del cuscinetto da utilizzarsi esclusivamente per il calcolo della durata di base. Controllare sempre l’idoneità del terminale
rispetto al suo coefficiente di carico statico. Il carico dinamico applicato al terminale non deve superare il suo coefficiente di carico statico
I terminali con filetto sinistro sono identificati con il prefisso L supplementare nella denominazione, ad es.SALA 50 TXE-2LS o SAL 50 TXE-2LS
2)
12
Terminali TX a manutenzione zero con filetto maschio
d 35 – 80 mm
B
C1
a
d1 d
d2
dk
r1
l7
l2
h
l1
G
Dimensioni
Angolo
Coefficienti
Massa
di inclina- di carico1)
zione
dinamico statico
d
G
h
dk
d1
d2
B
C1
l1
l2
l7
r1
a
C
C0
6g
~
max
max min max min min
Denominazione2)
Terminali con
filetto destro
mm
kg
–
110
1,30
SA 35 TXE-2LS
140
140
1,85
1,90
SAA 40 TXE-2LS
SA 40 TXE-2LS
200
200
2,45
2,55
SAA 45 TXE-2LS
SA 45 TXE-2LS
245
245
3,30
3,90
SAA 50 TXE-2LS
SA 50 TXE-2LS
360
360
5,70
6,25
SAA 60 TXE-2LS
SA 60 TXE-2LS
490
10,0
SA 70 TXE-2LS
585
14,5
SA 80 TXE-2LS
gradi
kN
35
M 36¥3 130 47
39,8 84
25
22
82
174 40
0,6 6
224
40
M 39¥3 150 53
45
94
28
24
86
199 46
0,6 6
280
M 42¥3 145 53
45
94
28
24
90
194 46
0,6 6
280
45
M 42¥3 163 60
50,7 104 32
28
92
217 50
0,6 7
360
M 45¥3 165 60
50,7 104 32
28
95
219 50
0,6 7
360
50
M 45¥3 185 66
56
114 35
31
104 244 58
0,6 6
440
M 52¥3 195 66
56
114 35
31
110 254 58
0,6 6
440
60
M 52¥3 210 80
66,8 137 44
39
115 281 73
1
6
695
M 60¥4 225 80
66,8 137 44
39
120 296 73
1
6
695
70
M 72¥4 265 92
77,8 162 49
43
132 349 85
1
6
880
80
M 80¥4 295 105 89,4 182 55
48
147 389 98
1
5
1 140
1)
Coefficiente di carico dinamico del cusicnetto da utilizzarsi esclusivamente per il calcolo della durata di base. Controllare sempre l’idoneità del terminale
rispetto al suo coefficiente di carico statico. Il carico dinamico applicato al terminale non deve superare il suo coefficiente di carico statico
I terminali con filetto sinistro sono identificati con il prefisso L supplementare nella denominazione, ad es.SALA 50 TXE-2LS o SAL 50 TXE-2LS
2)
13
La scelta migliore, da sempre
Gli snodi sferici a manutenzione zero della
SKF rappresentano una scelta eccellente,
quando sono importanti requisiti di basso
coefficiente di attrito, impatto ambientale
ridotto e design economicamente vantaggioso.
Oltre agli snodi sferici TX, la SKF offre una
vasta gamma di cuscinetti lisci e terminali che
non richiedono manutenzione, compresi due
tipi supplementari di combinazioni con superfici di scorrimento a secco.
Snodi sferici a manutenzione zero
in materiale composito con bronzo
sinterizzato contro una superficie
cromata – serie GE .. C e GE .. CJ2
Idonei per le applicazioni in presenza di carichi
da moderati a pesanti, in cui sono richiesti
basso coefficiente di attrito ed insensibilità
al disallineamento.
Snodi sferici a manutenzione zero in
materiale composito con PTFE contro
una superficie cromata od in acciaioserie GEC .. FBASA e GEP .. FS
Idonei per le applicazioni estreme in presenza
di carichi pesanti, in cui sono richiesti basso
coefficiente di attrito ed insensibilità al
disallineamento.
14
Snodi sferici obliqui a manutenzione
zero in materiale composito con PTFE
contro una superficie cromata – serie
GAC .. F
Snodi sferici assiali a manutenzione
zero in materiale composito con PTFE
contro una superficie cromata – serie
GX .. F
Particolarmente idonei per le applicazioni
in presenza di carichi combinati, (radiali ed
assiali), in cui i carichi possono essere pesanti
ed agire in una sola direzione ed in cui la
rilubrificazione non è possibile od auspicabile.
Idonei per le applicazioni in presenza di carichi
assiali pesanti agenti in una direzione, in cui
sono richiesti basso coefficiente di attrito ed
insensibilità al disallineamento.
Terminali a manutenzione zero in
materiale composito con bronzo
sinterizzato contro una superficie
cromata – serie SI .. C e SA .. C
Idonei per le applicazioni in presenza di carichi
moderati agenti in una direzione, anche a
temperature elevate, in cui sono richiesti
basso coefficiente di attrito ed insensibilità
al disallineamento.
Terminali a manutenzione zero in
materiale composito con PTFE contro
una superficie cromata – serie SIKB .. F
e SAKB .. F
Idonei per le applicazioni in presenza di carichi
moderati agenti in una direzione, in cui sono
richiesti basso coefficiente di attrito ed insensibilità al disallineamento ed in cui le temperature elevate non rappresentano un problema.
Boccole in materiale composito con
PTFE – serie PCM .. E e PCMF .. E
Le boccole in materiale composito PTFE a
scorrimento a secco presentano una buona
stabilità dimensionale e conduttività termica
e garantiscono un funzionamento fluido ed
a basso coefficiente di attrito, senza necessità
di lubrificazione e manutenzione.
Ralle reggispinta e strisce – serie
PCMW e PCMS
Idonee per disposizioni di cuscinetti assiali
che devono realizzare movimenti oscillatori o
rotatori lenti, nelle applicazioni in cui lo spazio
assiale è estremamente limitato e sono richiesti
requisiti di manutenzione zero.
Boccole in materiale composito con
elemento in acciaio inossidabile –
serie PI
Boccole completamente auto-lubrificanti che
sono in grado di sopportare carichi pesanti,
in condizioni di bassa velocità di scorrimento,
in ambienti corrosivi.
Boccole con filamento – serie PWM
Boccole ad elevate prestazioni e resistenti alla
corrosione, che non richiedono manutenzione,
per le applicazioni in cui sono presenti carichi
e vibrazioni ed è preferibile non dover realizzare attività di manutenzione.
Boccole in bronzo sinterizzato – serie
PSM e PSMF
Boccole composte da una matrice in bronzo
metallico sinterizzato con pori completamente
impregnati. Particolarmente idonee per le
applicazioni in presenza di movimenti rotatori
ed in cui sono richiesti requisiti di autolubrificazione
15
® SKF è un marcho registrato del Gruppo SKF.
© Gruppo SKF 2007
La riproduzione, anche parziale, del contenuto di questa
pubblicazione è consentita soltanto con specifica auto­
rizzazione della SKF Industrie S.p.A. Nella stesura è stata
dedicata la massima attenzione al fine di assicurare l’accu­
ratezza dei dati, tuttavia non si possono accettare respon­sa­bilità per eventuali errori od omissioni, nonché per danni
o perdite diretti o indiretti derivanti dall’uso delle informa­
zioni qui contenute.
Pubblicazione 6336 IT · Giugnio 2007
Questa pubblicazione sostituisce la 5367 I.
Stampata in Svezia su carta ecologica.
skf.com

Documenti analoghi