abitare con il rame. materia e colore

Transcript

abitare con il rame. materia e colore
Copper Connects Life.™
“ABITARE CON IL RAME.
M AT E R I A E CO LO R E ”
Via Corradino D’Ascanio, 4 - 20142 Milano Tel. +39 0289301330 Fax +39 0289301513
168 Avenue de Tervueren - box 10 - 1150 Brussels Tel. + 32 27777070 Fax + 32 27777079
Giunta alla sua IV edizione, Abitare con il Rame si conferma anche quest’anno una manifestazione
di richiamo internazionale e di estrema attualità, nel proporre per il 2007 un tema che vive del
connubio inscindibile di Materia e Colore. La materia è ciò con cui possiamo creare la forma e quindi
gli oggetti. Il rame è una materia, ma per le sue caratteristiche di duttilità, malleabilità e plasticità,
è il metallo che meglio si presta alla realizzazione di oggetti dalle forme e dimensioni più diverse
attraverso lavorazioni sia artigianali che industriali. Il colore, al di là delle definizioni scientifiche,
è l’aspetto cromatico che gli oggetti presentano ai nostri occhi e che quasi sempre è definito con
il nome di un oggetto naturale: (l’) arancio, (il) ciclamino, (il) celeste, (l’) ocra ... Il rame è anche
colore, o meglio, colori tanto caratteristici da entrare anch’essi a far parte del linguaggio comune:
verderame, bronzeo, ramato. Per questo, dopo aver investigato dal punto di vista del design sulle
caratteristiche di conduttività elettrica, di conducibilità termica, di compatibilità al contatto con gli
alimenti e con l’acqua potabile, abbiamo voluto esplorare orizzonti innovativi per l’utilizzo del
rame. Abbiamo voluto anche esplorare come diverse culture si confrontano con la modernità del
metallo più antico invitando a partecipare designer internazionali. Il risultato è stata la creazione
di oggetti di arredo e superfici per il rivestimento decorativo e funzionale degli spazi domestici ai
quali il rame dona caratteristiche inconfondibili. L’Istituto Italiano del Rame, associazione senza
scopo di lucro, opera per la promozione e lo sviluppo degli impieghi del rame e delle sue leghe
attraverso l’informazione e la divulgazione tecnico-scientifica.
Once again, this year’s “Living with Copper” exhibition, now being held for the fourth time, lives
up to its reputation as the major international reference event in the field and features the theme
of materials and colours. Materials are what we use to create form and objects. Copper is a living
material and, thanks to its ductility and malleability, it is the material of choice for the production of
objects with varying shapes and dimensions - whether handmade or industrially produced. Colour
is the chromatic aspect that represents objects. Copper’s colour is nearly always defined in terms
of the name of a natural object such as Orange, Cyclamen, Celeste and Ochre…Copper exhibits a
range of colours that are so distinctive that they have become part of our everyday language: brass,
bronze and copper-coloured. For this reason, in addition to projects demonstrating its electrical and
thermal conductivity, and its potential antibacterial properties, further innovative ways of using
copper are explored. By inviting international designers to participate the first European ‘Copper in
the home’ design competition, the approaches of different cultures to the modernity of this - one of the
most ancient and noble metals - are showcased. The fruits of the talents of the main prize - winners,
which include furniture items and objects, such as vases and baskets, as well as wall decorations,
will be displayed during the event. The Istituto Italiano del Rame is a non-profit association devoted
to promoting and developing the use of copper and its alloys through the dissemination of technical
and scientific information.
Vincenzo Loconsolo
Vincenzo Loconsolo
Il rame rappresenta un materiale dalla doppia identità, da un lato un materiale nobile ed antico con
una tradizione millenaria alle spalle, dall’altro un materiale moderno e d’avanguardia, una risorsa
attuale e preziosa per il mondo dell’industria e del progetto. La mostra ABITARE CON IL RAME parte
da questa doppia dimensione del materiale per compiere una affascinante esplorazione rispetto
alle potenzialità estetiche e funzionali che il rame, e le leghe da esso derivate, offrono nell’ambito
della casa. La rassegna si sviluppa a partire da un percorso di ricerca che ha coinvolto negli ultimi
due anni alcuni dei più interessanti designers sulla scena internazionale, che si sono confrontati con
le potenzialità espressive del materiale e le possibilità tecnologiche offerte dalle aziende coinvolte
nel progetto. Da questo dialogo tra produzione e progetto sono nati una serie di nuovi prodotti che
indagano, in particolare, il mondo degli oggetti di arredo e quello delle superfici per il rivestimento
degli spazi domestici. Materiali e colori diversi concorrono a definire una collezione di oggetti che
fondono insieme la varietà culturale e le diverse poetiche dei progettisti, un mix creativo di nuove
soluzioni che rappresentano un importante contributo alla continua evoluzione del materiale ed
alle sue prospettive future.
Copper is a material with a dual identity. On one hand, it is an ancient and noble material with a
tradition that goes back thousands of years to the Bronze Age. On the other hand, it is modern and
sustainable, and a precious resource for the worlds of industry and design. From this starting point
of dual identity, the “Living with Copper” exhibition explores the functional and aesthetic potential
offered by copper and its alloys. The exhibition has evolved from a research process that, in the
last two years, has involved some of the most foremost international designers who have confronted
the expressive potential of the material, as well as the technological possibilities offered by the
various companies involved in the project. Thanks to this interaction between production and design,
prototypes of a series of new products, including wall decorations, chairs, coffee tables, decorative
shelves, baskets and lights, have been developed. Different materials and colours blend to define a
series of objects representing a fusion of the designers’ different cultures and philosophies. It is this
creative combination of new solutions which contributes to the ongoing evolution of copper as a
material and to new perspectives for its use in the future.
Riccardo Giovanetti
Riccardo Giovanetti
Bassam & Fellows
Tord Boontje
Susan Bradley
Lorenzo Damiani
Riccardo Giovanetti
Eli Gutierrez
Mikko Laakkonen
Nendo
Satyendra Pakhalè
Wong & Saw
Scott Fellows e Craig Bassam fondono nella loro ricerca
progettuale le tracce della cultura architettonica australiana con
la lezione dei Maestri del design americano. Nei loro progetti,
come negli interni per la moda che hanno ridefinito l’immagine
del marchio Bally, si spingono a ridisegnare l’ambiente costruito
dalla piccola alla grande scala, dal grande volume al singolo
oggetto d’arredo, definendo con eleganza e sensibilità un
nuovo concetto di abitare legato alla qualità dei dettagli, alla
valorizzazione dell’artigianato ed alla ricerca sui materiali.
Umbrella Stand è un piccolo manifesto della loro costante
passione per i metalli e per le leghe di rame in particolare.
Si sviluppa da una serie di profilati a croce che definiscono
una leggera trama tridimensionale, perfetta sede per riporre
gli ombrelli. Architettura in formato domestico che coniuga
essenzialità e rigore formale.
In their planning research Scott Fellows and Craig Bassam
combine the architectonic australian culture with what they
learned from the Masters of the American design. In their
projects, as in the interior decoration style that has redefined
the image of the Bally brand, they reshape the environment
starting from the small to the big scale, from the big volume
to the single home décor object, defining with elegance and
sensibility a new concept of living linked to the quality of
details, to the research about materials and to the valorisation
of the handicraft. Umbrella Stand is a manifest of their constant
passion for metals and in particular for the alloys copper.
This manifest is developed with a series of crosswise sections
defining a light three-dimensional texture, a perfect place to put
umbrellas. The Architecture is domestic format which matches
essentiality and formal rigour.
Bassam & Fellows
UMBRELLA STAND
Portaombrelli in ottone spazzolato
Design Scott Fellows - Craig Bassam
Produzione Bassamfellows
In tutta la sua opera, Tord Boontje esplora le contrapposizioni
tra vecchio e nuovo, naturalismo e tecnologia. Il suo approccio
fortemente decorativo è ispirato dalle forme del paesaggio
naturale elaborate secondo una grammatica di segni delicati, di
tratti gentili che stilizzano personaggi della flora e della fauna.
Tord prosegue la sue ricerca attorno al tema dell’incisione della
superficie, traforando sapientemente la materia per creare un
continuo gioco di contrasti, una sequenza articolata di pieni e
di vuoti che esalta la continuità del disegno e forma una rete
senza fine. Flora è un elemento decorativo che fluttua nello
spazio, una cascata di forme ritagliate a partire da una sottile
lastra di rame, un oggetto mobile a metà strada tra l’interno e
l’esterno della casa.
All over his works, Tord Boonje explores the contrast between
the old and the new, naturalism and technology. His approach is
mainly decorative and inspired to shapes and figures reminding
characters of flora and fauna. His attention is focused on the
surface incision fretworking, making a game of full and empties,
contrasts and continuities of the object and of the pictures
reminding interior and exterior of the house.
Tord Boontje
FLORA
Decoro in lastra di rame a parete
Design Tord Boontje
Produzione Artecnica
Susan Bradley ama disegnare l’ambiente domestico ed il
paesaggio urbano attraverso una grammatica di decori piani
che interpretano le qualità espressive delle lastre in metallo.
Susan disegna una seconda pelle per l’ambiente costruito
elaborando in chiave contemporanea la tradizione delle pareti
damascate. Vine è una grande pianta rampicante ridisegnata
secondo l’estetica della lastra piana. Un gioco di pieni e di vuoti
che si presta a diventare sistema modulare per caratterizzare
spazi diversificati del paesaggio domestico.
Susan Bradley loves to design domestic and urban places
through varied flat decorations, which are expressing the
qualities of metal sheets. Vine is a climbing plant revised
following the aesthetics concepts of flat sheets. A game of full
and empties is growing to be a modular system to characterize
different spaces in domestic places.
Susan Bradley
VINE
Decoro in lastra di rame a parete
Design Susan Bradley
A Lorenzo Damiani piace guardare il mondo del design di
traverso, andando oltre le situazioni consolidate per rielaborare
l’oggetto secondo nuovi codici espressivi. Il suo lavoro esplora
le possibilità combinatorie dei materiali, celando spesso
molteplici funzioni che si completano tra loro e creando nuove
relazioni di senso tra gli oggetti del quotidiano. In questo
caso l’attenzione di Lorenzo si concentra sulla superficie del
materiale ed, in particolare, sulle sue capacità di rivestire e
permeare un volume definito. Il foglio di rame, sottile e duttile
come una leggera carta, avvolge l’oggetto e definisce la nuova
immagine del manufatto.
Lorenzo Damiani likes very much to see the design world with
other eyes, elaborating the object with new expressive codes:
he explores different combinations, using other materials like
copper sheets, very fine and ductile like a paper, that in this
case cover and permeate the surface of everyday object and
revises, and gives a new image to the handimade.
Lorenzo Damiani
APPUNTI DI VIAGGIO
Tavolino in foglio di rame
Design Lorenzo Damiani
Nel lavoro di Riccardo Giovanetti la ricerca sui materiali
occupa da sempre un ruolo centrale. Ogni progetto nasce e si
sviluppa da una possibilità che la tecnologia offre e il designer
diventa l’attore in grado di interpretarla nel modo migliore
possibile. Un lavoro sul campo, prima fatto con la testa e poi
con la matita, che nasce come mediazione tra le possibilità ed
i limiti offerti dalla ricerca. Riccardo riunisce una famiglia di
decori tridimensionali ottenuti sfruttando le potenzialità della
laminazione delle lastre in rame ed ottone. Neonatural è un
insieme di superfici ispirate al mondo della natura, piastrelle in
rilievo per il rivestimento di ambienti domestici che riproducono
in rilievo i segni della natura.
According to Giovanetti, the research of materials has always
had a role of extremely importance. Each project is created and
developed thanks to the possibilities offered by the technology
and the designer becomes the actor who is able to interpret
it in the best way . This work is at first created with the mind
and then with the pencil, a good mix between the possibilities
and the limits offered by the research. Riccardo combines the
three-dimensional decorations obtained using the brass and the
copper sheet rolling. Neonatural is a set of surfaces inspired to
the nature world, tiles in relief for the domestic interior covering
reproducing nature signs.
Riccardo Giovanetti
NEONATURAL
Decoro in lastra di rame a parete
Design Riccardo Giovanetti
Produzione Fielitz
Un gioco di semisfere di molteplici dimensioni caratterizza la
superficie di queste grandi piastrelle per il rivestimento. Un
progetto che nasce dall’innovazione tecnologica che permette
di produrre in serie variata, creando una sequenza di superfici
con forme e dimensioni diverse. Il concetto di rivestimento
abbraccia la terza dimensione e crea un rapporto fortemente
tattile e materico con l’ambiente domestico.
A hemispheric game made of various dimensions characterizes
the surface of these tiles for the covering.
A project that is born from the technological innovation that
enables to produce in series objects with some varied shapes
and dimensions. So, the covering concept embraces the third
dimension, and creates a strong tactile and material relationship
with the domestic environment.
Riccardo Giovanetti
NEOPOP
Decoro in lastra di rame a parete
Design Riccardo Giovanetti
Produzione Fielitz
Eli Gutierrez è una giovane cittadina del mondo, attenta
esploratrice dell’universo del design contemporaneo: una
viaggiatrice che si muove dalla natia Valencia al londinese Royal
College of Art per poi approdare in Italia sulla tracce di una
protagonista del design spagnolo, Patricia Urquiola. Eli guarda
alle tipologie più tradizionali che animano il nostro paesaggio
domestico con occhi nuovi, ridisegnando il quotidiano con un
linguaggio fresco ed incisivo. Senza mancare di aggiungere
ogni volta una punta di sana ironia nelle sue creazioni. Jail
rielabora il tema del vaso per interni creando una griglia in
rame che supporta l’andamento dei rampicanti ed, al contempo,
definisce un volume nello spazio che si pone a metà strada tra
il vaso e la gabbia.
Eli Gutierrez is a young world citizen, an attentive explorer of
the contemporary design universe: she’ s a traveller, she moves
from her native-born Valencia to the Royal College of Art in
London and then she arrives in Italy following the traces of
Patricia Urquiola one of the major Spanish designer. Eli looks
at the traditional types of our domestic environment with new
eyes, redesigning the ordinary life with a fresh and incisive
language, adding to her creations a little bit of irony. Eli revises
the theme of home décor vase creating a copper grate that
both supports the vines flow and defines a volume in the space
between the vase and the cage.
Eli Gutierrez
JAIL
Vasi portapiante con struttura in rame
e contenitore in terracotta naturale
Design Eli Gutierrez
Produzione Guerra
Eli Gutierrez disegna una trama di sottili tubi di ottone che
si intersecano a formare una seduta dalle forme plastiche e
dall’aspetto leggero. Il mondo progettuale di Eli è pieno di
forme libere ed articolate, sedute allungate che fluttuano nello
spazio e sembrano avvolgerlo con gusto ed eleganza. Oggetti
leggeri e quindi facilmente spostabili, elementi di arredo per il
nuovo nomadismo metropolitano.
Eli Gutierrez draws a light texture of brass tubes crossing together
to form a plastic modelled chair seat with light aspect. The Eli’s
planning world is full of articulate and free forms, extended
seated moving in the space with elegance. She creates light
objects which are easy to move and which can be considered
home décor elements for the metropolitan nomadism.
Eli Gutierrez
GROWTH
Chaise longue con struttura in ottone nichelato
Design Eli Gutierrez
Produzione Guerra
Mikko Laakkonen guarda al design contemporaneo creando
oggetti corretti, oggetti che sanno stare in piedi con le proprie
gambe. Oggetti poetici ed al contempo funzionali, nei quali
sono spesso evidenti le tracce del proprio paesaggio e della
migliore tradizione finlandese. Mikko ridisegna la cima
dell’albero (latva) e crea un oggetto che ricorda le fronde
delle betulle in inverno. Un oggetto che può vivere da solo o
insieme ad altri a formare un bosco per separare gli ambienti
della casa.
Mikko Laakkonen looks at the contemporary design, creating
functional and poetic objects that evoke the environment of
the Finnish traditions. He redesigns the top of the tree (latva)
making an object that reminds the foliage of the birch during the
winter; it is an object which can stand either alone either with
other elements to form a wood and to separate the different
home environments.
Mikko Laakkonen
LATVA
Appendiabiti in ottone
Design Mikko Laakkonen
Produzione Covo
Nendo in giapponese significa creta, a sottolineare la duttilità
e la flessibilità che contraddistingue il lavoro di questi designers
giapponesi. Ogni loro progetto si traduce in una piccola
invenzione, in una sfida su terreni sempre diversi che spaziano
dal piccolo oggetto al grande allestimento, dalla serie limitata
al prodotto in serie. Ironia, emozione e sottile poesia sono gli
ingredienti del loro modo di progettare, di combinare tra loro
i materiali e di rileggere il paesaggio quotidiano. Bend è una
serie di cestini contenitori che partono da un semplice foglio
di rame tagliato a raggiera che acquista volume grazie ad
un gioco di pieghe. Nella sua essenzialità, un oggetto ricco e
complesso.
In Japanese Nendo means “clay” and it underlines the ductility
and the flexibility which distinguish the work of these Japanese
designers. Every project they create becomes a sort of invention,
a challenge on different grounds ranging from the small object
to the big arrangement, from the limited series to the mass
production. They design and combine together materials and
they reconsider the daily environment with irony, emotion and
poetry. Bend is a set of baskets shaped as a radially copper
sheet which acquire volume thanks to a game of folds. It is a
reach and complex object.
Nendo
BEND
Cestini contenitori in lamiera di rame
Design Nendo
Produzione Onepercent
Bubble è un oggetto che nasce come risultato di una sintesi, dal
togliere piuttosto che dall’aggiungere. La superficie è traforata
a creare un disegno decorativo che determina un gioco di
ombre con la luce.
Bubble is an object that is born like a result synthesis: to take - off
instead of add - in. The surface is fretworked to create a
decorative picture that produces shadow games with the light.
Nendo
BUBBLE
Tavolino in rame
Design Nendo
Produzione Onepercent
Ondle rappresenta la risposta di Nendo alla tradizione
consolidata della maniglia come insieme di due elementi
sempre uguali tra di loro, posti tra i due lati della porta. La
loro interpretazione del tema è spiazzante ed al contempo
fortemente concettuale e poetica: i due manici sono decorati
in maniera tale che da un lato appare come “surriscaldato”,
emblema dell’uomo passionale, e dall’altro lato risulta
“freddo”, simbolo della donna in attesa di un nuovo incontro.
Ondle combina più emozioni: lo stato mentale di aprire il cuore
del proprio compagno, il senso di curiosità di varcare una porta
quando non si conosce chi sta dall’altra parte ed una esitazione
momentanea tipica dell’entrare in un nuovo ambiente. Ondle
è l’insieme dei termini ondo, che in giapponese significa
temperatura, e di handle, manico in inglese.
Ondle represents the Nendo answer to the consolidated
tradition of the handle as the two element assembled always
equal between each other, positioned between the two sides
of the door. The interpretation of the theme is very impressive,
and at the same time very poetic: on one side it seems “hot”
like the symbol of the passionate man, and on the other side
it seems “cold” like the woman waiting for a new meeting.
Ondle combines more emotions: as to imagine to open its own
man heart and the curiosity to enter in a new space, never met.
Ondle is the two terms joined together: ondo (temperature =in
Japanese) and handle (in English=handle).
Nendo
ONDLE
Maniglie in ottone
Design Nendo
Produzione FSB
Questo unico innovativo processo di fare oggetti con la tecnica
in “cera persa” con metallo riciclato si combina in maniera
forte con vecchi e nuovi materiali e tecnologie, sviluppate
su un periodo di tempo, che fa dei “Bell metal objects” un
unico progetto nell’opera di Satyendra Pakhalè. Ma Pakhalè
ha voluto fare qualcosa di più che solamente fare rivivere il
processo: ha visto un modo di trasferirlo al processo industriale:
combinare i due e creare qualcosa di unico. L’idea era di capire
l’arte e creare qualcosa che è importante per noi, ora. Non
glorificazione nostalgica dell’arte, ma capire e imparare da
lei.
This unique innovative process of making lost-wax objects in
recycled metal by effortlessly combining old and new materials
and technologies, developed over a period of time, makes
B. M. Objects a unique project in the oeuvre of Satyendra
Pakhalé. But Pakhalé wanted to do more than just revive the
process: he saw a way of transferring it to an industrial setting;
to combine the two and create something unique. The idea
was to understand the craft and try to create something that is
relevant to us today. Not to glorify craft in a nostalgic way, but
to understand and learn something from it.
Satyendra Pakhalè
BELL METAL OBJECTS
Vasi in fusione di bronzo
Design Satyendra Pakhalé
Il significato dell’artigianato è qualcosa che Pakhalè sente
molto forte. “L’arte per me non è nostalgia; è solo un modo
per fare cose”, dice. Lui punta ad alti processi raffinati di
manifattura utilizzati dalle aziende con cui lavora, come
Alessi, dove la finitura del pezzo in acciaio inox, è sempre
fatta a mano. L’interessante combinazione di design e arte
risulta nella collezione di Pakhalè di centritavola e vasellame.
Pakhalè ha raffinato un’antica tecnica di fusione dei metalli per
produrre oggetti contemporanei. Pakhalè respira nuova vita in
queste tecniche onorate dal tempo creando simpaticamente e
abilmente forme contemporanee.
The notion of craftsmanship is something Pakhalé feels strongly
about. ‘Craft for me is not a nostalgia; it’s just a way of
doing things’, he says. He points to some of the highly refined
manufacturing processes employed by the companies he works
with, such as Alessi, where the finish on stainless steel pieces
is always done by hand. This interesting combination of design
and craft resulted into Pakhalé’s collection of centrepieces and
vases. Pakhalé has refined an ancient Indian metal casting
technique to produce contemporary objects. Pakhalé breathes
new life into these time-honoured techniques by sympathetically
and skilfully creating contemporary forms.
Satyendra Pakhalè
BELL METAL OBJECTS
Vasi e contenitori in fusione di bronzo
Design Satyendra Pakhalé
Voonwong&Bensonsaw è una parola unica sulla scena del
design londinese, un tratto secco di poche lettere per identificare
ciò che l’autorevole Phaidon ha annoverato tra i cinque più
interessanti progettisti della scena inglese. Un duo con radici
a Singapore e solide basi londinesi che ha sviluppato negli
ultimi anni un vocabolario di soluzioni progettuali a cavallo
tra architettura, interior e design industriale. Con una forte
sensibilità nei confronti del mondo dei materiali e dei metalli, in
particolare. Tube è una famiglia di vasi che creano poco con
tanto. Niente connessioni particolari o trattamenti sofisticati
della superficie: semplicemente uno schiacciamento del volume
cilindrico che produce una piega controllata. Novanta e trenta
gradi ed un semplice tubo in rame diventa portafiori.
Voonwong&Bensonsaw are a single word on the London design,
a word of few characters to identify what the influential Phaidon
has judged as one of the five most interesting designers of the
English entourage. It is a couple which has roots in Singapore
and strong bases in London and it has recently developed a
set of planning solutions among architecture, interior, and
industrial design. The couple has acquired a strong sensibility in
relation to the world of materials, in particular metals. “Tube”
is a series of vases which create a lot with little. No particular
connections or surface sophisticated treatments: but simply a
crushing of the cylindrical volume that produces a controlled
bending. A bending of 90 and 30 degrees and a simple copper
tube becomes a flower vase.
Wong & Saw
TUBE
Vasi portafiori in tubo di rame piegato
Design Voon Wong - Benson Saw
La coppia Wong e Saw disegna una giungla di sottili tubi che si
intersecano e si saldano tra loro a formare il naturale contesto
per esili fiori.
Wong and Saw draw a set of light tubes which cross and bind
together to form the natural contest for feeble flowers.
Wong & Saw
TWIG
Vasi portafiori in tondino di rame
Design Voon Wong - Benson Saw
I SOCI DELL’ ISTITUTO ITALIANO DEL RAME
A.D.I. S.n.c.
Via E. Ferrari 12, Z.I. S. Maria in Potenza
62017 Porto Recanati (MC)
Tel. 071/7592534 - Fax 840 503416
www.adisnc.it
FOMA S.p.A.
Via Caselle 10
25081 Bedizzole (BS)
Tel 030/6871169 - Fax 030/6872100
www.foma.it
S.A. EREDI GNUTTI METALLI S.p.A.
Via Volta 201
25128 Brescia (BS)
Tel 030/3513411 - Fax 030/3540081
www.eredignutti.it
ASTEC S.r.l.
Via dell’Artigianato 30
31030 Dosson di Cassier (TV)
Tel. 0422/490183 – Fax 0422/383120
www.astec.it
FRA.BO. S.p.A.
Via B. Croce 21/23
25027 Quinzano d’Oglio (BS)
Tel 030/9925711 - Fax 030/9924127
www.frabo.net
SAHNA ITALIA S.r.l.
Via Massarotti 21/B
26100 Cremona
Tel. 0372/416988 - Fax 0372/569765
www.sahna.it
CARLO COLOMBO & C. S.p.A.
Via Euripide 10
20041 Agrate (Ml)
Tel. 039/6898764 - Fax 039/6898775
www.carlo-colombo.com
KME ITALY S.p.A.
Via dei Barucci 2
50127 Firenze
Tel. 055/44111 - Fax 055/4411298
www.kme-italy.com
SILMET S.p.A
Via Martiri della Libertà, 31
25030 Torbole Casaglia (BS)
Tel 030/2650275 - Fax 030/2651061
www.silmet.com
FEINROHREN SpA
Via Generale Reverberi 8
25050 Passirano (BS)
Tel. 030/6549011 - Fax 030/6549300
www.feinrohren.it
LUVATA SALES OY (ITALIA)
Via Enrico Fermi 52
27036 Mortara (PV)
Tel. 0384/90156 - Fax 0384/293497
www.luvata.com
VIEGA ITALIA S.r.l.
Via G. Pastore 16
40056 Crespellano (BO)
Tel. 051/6712010 - Fax 051/6712027
www.viega.it
FINTECO S.p.A
S.P. Rivoltana 35
20090 Limito di Pioltello (MI)
Tel. 02/926861 - Fax 02/92686666
www.salteco.it
ABITARE CON IL RAME. MATERIA E COLORE
Progetti di: - Projects by:
Craig Bassam & Scott Fellows, Tord Boontje, Susan Bradley, Lorenzo Damiani, Riccardo Giovanetti,
Eli Gutierrez, Mikko Laakkonen, Nendo, Satyendra Pakhalè, Voon Wong & Benson Saw.
Prodotti di: - Products by:
Artecnica, Covo, Fielitz, FSB, Guerra, KME Italy, Onepercent
Promosso da: - Promoted by:
European Copper Institute e Istituto Italiano del Rame
Ufficio stampa: - Press agency:
Copyright - Milan
Fotografie: - Photos:
Enza Tamborra
Grafica: - Graphics by:
Luigi Losi - Silvia Testori
Design direction:
Riccardo Giovanetti
[email protected] - www.iir.it / [email protected] - www.eurocopper.org
Affiliated with the International Copper Association, Ltd

Documenti analoghi

00_9506_prime_trame_0357 002 p 014 a 25 uk

00_9506_prime_trame_0357 002 p 014 a 25 uk Giampiero Bosoni, Maurizio Decina, Fiorenzo Galli, Ico Migliore and Vicente Todolí. As far as the individual disciplines are concerned, we are grateful to the engineer Vincenzo Loconsolo, director ...

Dettagli