Taping rotuleo nel trattamento della sindrome femoro

Commenti

Transcript

Taping rotuleo nel trattamento della sindrome femoro
EUR MED PHYS 2008;44(Suppl. 1 to No. 3)
Effetti del bendaggio rotuleo su vasto mediale
obliquo e vasto laterale valutati con gait analysis in pazienti
con sindrome femoro-rotulea
T. BAGLIVO, M. PAOLONI, G. FRATOCCHI, V. SANTILLI
Introduzione
La sindrome femoro-rotulea (SFR) è una frequente patologia del
ginocchio ad eziologia multifattoriale. Il bendaggio adesivo elastico è un
trattamento conservativo utilizzato nella SFR che consiste nell’applicazione di un cerotto specifico di rayon dalle notevoli proprietà adesive, non
allungabile ed in grado di resistere alle sollecitazioni meccaniche.
Diversi studi clinici hanno confermato che il bendaggio rotuleo è
un efficace approccio riabilitativo nella riduzione del dolore anteriore
di ginocchio. Tuttavia, ci sono discordanze circa i meccanismi alla base
degli effetti terapeutici riscontrati, in particolare sull’attività elettromiografica dei muscoli vasto mediale obliquo (VMO) e vasto laterale (VL).
Il nostro studio si propone di esaminare gli effetti del bendaggio
rotuleo sul rapporto VMO/VL, attraverso la registrazione elettromiografica di superficie dell’attività muscolare di tali muscoli durante il
semi-squat e di valutare, inoltre, cinematica e cinetica di ginocchio,
anca e caviglia durante il cammino con esame di gait analysis.
Materiali e metodi
20 soggetti di ambo i sessi affetti da SFR monolaterale sono stati
trattati con bendaggio rotuleo a frequenza bisettimanale, per un totale di 10 sedute. I pazienti sono stati sottoposti inoltre, ad un programma di esercizi specifici per il rinforzo del VMO.
Criteri di esclusione:
– patologie neurologiche e reumatologiche;
– artrosi severa di anca e ginocchio;
– SFR bilaterale;
– protesi anca e ginocchio.
Tutti i soggetti sono stati sottoposti, prima e dopo il trattamento, a:
– valutazione clinica comprensiva di tilt test, glide test, inhibition
test, test per borsite e tendinite, valutazione della fascia ileo-tibiale;
– valutazione radiografica con Rx assiale di rotula a 30°, 60°, 90° di
flessione di ginocchio;
– esame di gait analysis.
Ad oggi 8 pazienti hanno eseguito il follow-up a 6 mesi dal trattamento, 2 a distanza di 12 mesi. Abbiamo utilizzato la scala VAS per
valutare l’entità del dolore e la WOMAC come scala funzionale per il
ginocchio, prima e dopo il trattamento.
Risultati
– I dati attualmente disponibili confermano l’efficacia del bendaggio
rotuleo in termini di riduzione del dolore già ampiamente dimostrato in letteratura. I pazienti esaminati hanno mostrato al followup una riduzione media del dolore pari a 6.3 sulla scala VAS da 0 a
10. Dall’analisi preliminare dei risultati di gait analysis si evidenzia,
Vol. 44 - Suppl. 1 to No. 3
inoltre, a carico del ginocchio affetto da SFR un miglioramento dello scambio di forze col suolo nelle prove post-bendaggio.
Discussione
Il trattamento con bendaggio rotuleo si dimostra un intervento
efficace nella riduzione del dolore in corso di SFR. I dati preliminari
in nostro possesso, inoltre, sembrano dimostrare come la riduzione
della sintomatologia dolorosa possa contribuire efficacemente a
ristabilire un corretto pattern motorio nella deambulazione. L’esiguità dell’attuale campione esaminato e dei risultati disponibili non
consentono, tuttavia, di attribuire a questi dati la sufficiente significatività. I risultati definitivi del nostro studio e le relative conclusioni
verranno discusse in sede congressuale.
Bibliografia
Bennel K, Duncan M, Cowan S. Effect of patellar taping on vasti onset
timing, knee kinematics and kinetics in asymptomatic individuals with a
delayed onset of vastus medialis oblique. Journal of orthopaedic researce 2006;24:1854-60.
Christou EA. Patellar taping increases vastus medialis oblique activity in the
presence of patellofemoral pain. Journal of Electromyography and Kinesiology 2004;14:495-504.
Dye SF. The pathophisiology of patellofemoral pain. Clinical orthopaedics
and related research. 2005; 436:100-110
Haim A, Yaniv M, Dekel S. Patellofemoral pain sindrome: validity of clinical
and radiological features. Clinical orthopaedics and related research
2006;451:223-8.
Powers CM. Patellar kinematics, part I: the influence of vastus muscle activity in subject with and without patellofemoral pain. Physical therapy
2000;80:956-64.
Powers CM. Patellar kinematics, part II: the influence of the depth of the trochlear groove in subject with and without patellofemoral pain. Physical
therapy 2000;80:965-73.
van Linschoten R, van Middelkoop M, Berger MY. The PEX study. Exercise
therapy for patellofemoral pain sindrome: design of a randomized clinical trial in general practice and sports medicine. BMC Muscoloskeletal
Disorders 2006; 7-31
Ward SR, Powers CM. The influence of patella alta on patellofemoral joint
stress durino normal and fast walking. Clinical biomechanism 2004;
19:1040-7.
Ward SR, Terk MR, Powers CM. Patella alta: association with patellofemoral
alignment and changes in contact area durino weight-bearing. Journal of
bone and joint surgery 2007;89:1749-55.
EUROPA MEDICOPHYSICA
1

Documenti analoghi

disturbi femoro-rotulei - Palestra Forma Mentis

disturbi femoro-rotulei - Palestra Forma Mentis bloccaggi costituiti dai tessuti molli mediali e laterali alla rotula. I boloccaggi mediali sono rappresentati dal retinacolo mediale, dal legamento femoro-rotuleo mediale e dal VMO. Il VMO è il pi...

Dettagli