presentazione del Comitato Olimpico Torino 2006

Transcript

presentazione del Comitato Olimpico Torino 2006
La certificazione ambientale del
Comitato Olimpico Torino 2006
Roberto Saini
Ciro De Battisti
Milano, 4 maggio 2004
1
XX Giochi Olimpici Invernali
I numeri di Torino 2006
IX Giochi Paralimpici Invernali
Torino 2006
Il TOROC, fondazione di diritto privato senza fini di lucro,
è
La certificazione
ambientale di
TOROC
stato
fondato
il
27
Dicembre
1999
e
ha
la
responsabilità di:
La certificazione
ambientale di
• organizzare le competizioni sportive e le Cerimonie di Apertura
TOROC
e Chiusura dei XX Giochi Olimpici Invernali
• gestire i villaggi olimpici, che ospiteranno gli atleti e i tecnici, i
villaggi media, il Centro Stampa Principale e l'International
Broadcasting Center
le
strutture
temporanee
necessarie
ad
febbraio 2006
-Combinata nordica
-Freestyle
-Pattinaggio figura
-Salto con gli sci
-Sci nordico
-Skeleton
-Snowboard
• 7
Comuni
Olimpici:
Bardonecchia,
Pinerolo,
Pragelato, Cesana_San Sicario, Sauze d’Oulx,
Sestriere, Torino
• 2 Comuni di allenamento: Claviere e Torre Pellice
• coordinare i trasporti e i servizi medici
• allestire
• 17 giorni di eventi: 10-26
• 15 sports:
-Bob
-Curling
-Hockey
-Pattinaggio velocità
-Sci alpino
-Short-Track
-Slittino
-Biathlon
atleti e
spettatori
• progettare e promuovere il programma culturale
3
4
I numeri di Torino 2006
•3
Villaggi
Olimpici:
Torino,
Bardonecchia,
Sestriere
La certificazione
ambientale di
TOROC
• 78
Medaglie da assegnare
• 80
Comitati Olimpici nazionali
• 2.550
Atleti
• 1.400
Tecnici accompagnatori
• 2.300
Rappresentanti del CIO, comitati Olimpici
• 650
Giudici e arbriti
• 9.600
Giornalisti e operatori dei Media
• 6.000
Ospiti degli Sponsor
Mountain Area
Metropolitan Area
nazionali e federazioni
• 20.000 Volontari
5
Torino 2006:
Torino 2006: scala d’azione e
interlocutori
riferimenti normativi
La certificazione
Legge 9 ottobre 2000, n. 285
Interventi per i Giochi olimpici invernali “Torino
2006”
LOCALE
La certificazione
ambientale di
ambientale di
TOROC
TOROC
• Valutazione Ambientale Strategica
• Stretta
collaborazione
con
le
Istituzioni
del
territorio Olimpico (Regione, Provincia, Comuni)
• Condivisione di obiettivi ambientali con l’Agenzia
Torino 2006
• Agenzia Torino 2006
• Dialogo con le ONG
Consultiva Ambientale
7
attraverso
l’Assemblea
8
Il quadro di riferimento: il
Comitato Olimpico Internazionale
Torino 2006: scala d’azione e
interlocutori
Sport, Cultura e Ambiente sono le tre
GLOBALE
La certificazione
ambientale di
TOROC
• Cooperazione con CIO e altri Comitati
Organizzatori, Commissione Europea, UNEP
(United Nations Environmental Programme)
dimensioni del Movimento Olimpico
La certificazione
ambientale di
TOROC
• Carta Olimpica
• Commissione Sport e Ambiente (Conferenza
• Attenzione
alle
aspettative
delle
parti
interessate all’evento Olimpico
• Torino 2006 come vetrina per presentare
buone pratiche e strumenti innovativi in campo
ambientale
Mondiale Sport e Ambiente, Torino dicembre 2003)
•AGENDA 21 del Movimento Olimpico (1999)
9
10
Torino 2006: gli impegni
TOROC: Direzione Ambiente
Impegni politico-strategici
Primo Comitato Organizzatore di un Olimpiade a
• Green Card del Comitato Promotore Torino
La certificazione
ambientale di
TOROC
2006
dotarsi di un struttura dedicata alle tematiche
La certificazione
• Agenda XXI del Movimento Olimpico
ambientale di
ambientali
TOROC
• Carta degli Intenti TOROC
• Politica Ambientale (maggio 2003)
Garantire, interagendo con tutte le Direzioni/Funzioni
TOROC, la sostenibilità ambientale del Programma
Olimpico, sia nella fase di pianificazione che durante
Impegni normativi
lo svolgimento dei Giochi
• Processo di Valutazione Ambientale
Strategica (VAS)
11
12
Sistema di Gestione Ambientale
TOROC: le azioni
SGA è lo strumento più idoneo a coordinare tutte le
diverse attività nell’ottica del miglioramento continuo
delle performance ambientali
Prescritte
• Pianificazione generale
La certificazione
ambientale di
• Monitoraggio ambientale
La certificazione
• Rendicontazione ambientale
ambientale di
TOROC
TOROC
Volontarie
ISO 14001
Interlocutori internazionali
BOCOG - Pechino 2008
VOCOG – Vancouver 2010
• Sistema di Gestione ambientale
• Programmi ambientali
EMAS
Credibilità
Coinvolgimento (interno, esterno)
Comunicazione
13
14
Metodologia
Metodologia
Dall’analisi della nostra Organizzazione e della tipologia di
attività da svolgere fino alla fine dell’evento Olimpico
abbiamo individuato due fasi distinte:
La certificazione
ambientale di
• Progettazione e avvicinamento all’evento
La certificazione
•
Progettazione e avvicinamento all’evento
•
Gestione e dismissione dell’evento
ambientale di
TOROC
TOROC
Questa fase include tutte le attività precedenti la
diretta gestione delle venues competitive e non
competitive da parte di TOROC, in particolare le
attività di pianificazione e promozione, e dove
necessario la progettazione e la costruzione.
In questa fase gli aspetti ambientali indiretti sono
molto più rilevanti rispetto alla fase di gestione e
dismissione dell’evento
L’ambito di applicazione del SGA delle nostre attività
si riferisce pertanto a questi due momenti
Il passaggio da una fase all’altra sarà graduale e non
simultaneo per tutte le attività
15
16
Dove siamo
Metodologia
ANNO
trimestre
• Gestione e dismissione dell’evento
La certificazione
ambientale di
TOROC
Questa fase include le attività di diretta gestione
da parte di TOROC delle venues Olimpiche (Test
Events, Olimpiade, Paralimpiade).
Rappresenta l’estensione e l’applicazione delle
attività e informazioni elaborate nella fase di
pianificazione.
2003
I II III IV
I
La certificazione
ambientale di
TOROC
Pianificazione
evento
In questa fase gli aspetti ambientali diretti sono
molto più rilevanti rispetto alla fase precedente
2004
II III IV
I
2005
II III IV
2006
I II
a) analisi
ambientale iniziale
b) sviluppo
programmi e
documenti SGA
c)implementazione
e mantenimento
d) iter certificazione
(ISO 14001 ed
EMAS)
Gestione
dell’evento
• Certificazione ISO14001: RINA 30 marzo 2004
• Registrazione EMAS: RINA, primavera/estate 2004
17
18
Aspetti ambientali diretti
Azioni e Obiettivi
• Programma ambientale Acquisti Verdi
Obblighi e/o Vincoli di
legge e Impegni
sottoscritti
Parti Interessate
SIGNIFICATIVITA'
complessiva
3
2
3
2
11
2
2
3
3
10
2
2
3
2
9
3
2
1
2
9
2
2
3
2
9
2
2
3
1
8
1
2
3
1
6
1
2
1
1
4
Sensibilità e
Vulnerabilità
Ecosistema
ATTIVITA'
Rilevanza degli Aspetti
Ambientali
SIGNIFICATIVITA'
La certificazione
ambientale di
TOROC
Infrastrutture temporanee
Progettazione e installazione di spalti, barriere di protezioni, cabine per
commentatori, containers, magazzini, ponteggi, pavimentazioni per esterni,
segnaletica, strutture di collegamento, passerelle e rampe, tensostrutture,
servizi igienici, piccoli edifici realizzati con sistemi assemblati a secco
Infrastrutture temporanee
Progettazione e installazione di aree temporanee di raccolta rifiuti
Struttura organizzativa
Produzione di materiale pubblicitario e informativo
Struttura organizzativa
Selezione fornitori di beni e servizi
Infrastrutture temporanee
Progettazione e installazione di aree temporanee di parcheggio
Torino
Realizzazione impianto Hockey 2
Struttura organizzativa
Gestione operativa uffici TOROC
Infrastrutture temporanee
Progettazione e installazione di sistemi di generazione energia elettrica
La certificazione
9
9
9
9
9
POA_Gestione ambientale dei fornitori
21 gruppi di prodotto
Sottoscrizione del Capitolato Ambientale
Parere di preferibilità ambientale
Audit dei fornitori
ambientale di
19
TOROC
20
Azioni e Obiettivi
Aspetti ambientali indiretti
• Sistema per la Valutazione dell’eco-compatibilità
delle Opere Temporanee
La certificazione
La certificazione
ambientale di
ambientale di
TOROC
TOROC
Cesana
Realizzazione pista da bob-slittino-skeleton
Pragelato
Realizzazione impianto trampolini per il salto
Bardonecchia
Interventi sull'autostrada Torino-Bardonecchia
Pragelato
Adeguamento piste da sci da fondo e tracciati di gara
Sauze d'Olux
Realizzazione impianto di freestyle
Struttura organizzativa
Realizzazione prodotti di licensing
Sistema viario statale
Adeguamento SS 23 Pinerolo/Porte - Perosa/Sestriere - Sestriere/C esana e
SS24 variante C esana - tratto C esana/C lavière - variante C lavière
Sestriere
Adeguamento impianti di risalita, piste da sci alpino e tracciati di gara
Sestriere
Realizzazione bacino Anfiteatro Borgata e impianto di innevamento
Pragelato
Realizzazione bacino Pattemouche e impianto di innevamento
Struttura organizzativa
Gestione delle sponsorizzazioni
Sistema viario autostradale
C ompletamento Torino - Pinerolo
Sistema viario statale
Adeguamento SS 589: variante di Avigliana - tratto Pinerolo/Saluzzo
B d
hi
3
3
3
15
3
3
3
15
3
3
3
2
14
3
3
3
2
14
3
3
3
2
14
3
2
3
2
11
3
2
3
2
11
3
2
3
2
11
3
2
3
2
11
3
2
3
2
11
3
2
1
3
10
2
3
3
1
10
3
2
3
1
10
22
Azioni e Obiettivi
ambientale di
Parti Interessate
3
3
21
La certificazione
SIGNIFICATIVITA'
complessiva
Rilevanza degli
Aspetti Ambientali
ATTIVITA'
Obblighi e/o Vincoli
di legge e Impegni
sottoscritti
POA_Opere temporanee
POA_Audit delle opere temporanee
Manuale di valutazione dell’eco-compatibilità
Parere di preferibilità ambientale
Audit ai cantieri delle opere temporanee
Sensibilità e
Vulnerabilità
Ecosistema
9
9
9
9
9
SIGNIFICATIVITA'
Azioni e Obiettivi
• Programma ambientale Sponsor & Sostenibilità
• Gestione ambientale delle Opere Permanenti
9 POA_Gestione ambientale dei partner commerciali
9 Adesione volontaria agli impegni di TOROC
9 Pensato per tutte le tipologie di partnership (sponsor e
licenziatari dei marchi Olimpici) e di attività
9 Promozione del logo “Ambiente 2006”
9 POA_Opere e infrastrutture permanenti
9 Verifica ambientale dei progetti
9 Audit ai cantieri delle opere permanenti
La certificazione
ambientale di
TOROC
TOROC
23
24
Eredità Olimpica:
Linee Guida EMAS
Eredità Olimpica: Registrazione EMAS dei
Territori Olimpici
• L’adesione al Regolamento EMAS da parte di TOROC
rappresenta il primo caso nel settore degli eventi sportivi
• La Commissione Europea ha riconosciuto l’importanza
La certificazione
ambientale di
TOROC
dell’iniziativa di TOROC e ha individuato nel settore sportivo
uno degli ambiti più innovativi per la diffusione del
Il progetto è stato avviato nella seconda metà del 2003
La certificazione
ambientale di
TOROC
Regolamento EMAS in comparti non industriali
vede
il
TOROC,
promuovere
ed
coerentemente
incentivare
lo
ai
suoi
sviluppo
obiettivi
di
di
iniziative
orientate alla sostenibilità, è impegnato a fornire i dati di
La DG Ambiente della Commissione Europea ha affidato a
propria
conoscenza
utili
allo
sviluppo
del
progetto;
trasferire le proprie competenze ed esperienze con una
TOROC l’incarico di predisporre le “Linee Guida per
l’applicazione del Regolamento EMAS agli eventi sportivi”
La DG Ambiente ha approvato il documento e lo presenterà a
propria risorsa tecnica al gruppo di lavoro;
collaborare
nelle attività di comunicazione
Bruxelles contestualmente all’ottenimento della registrazione
EMAS da parte di TOROC
Giugno 2004
25
26
27
28
La certificazione
ambientale di
TOROC
• www.torino2006.org
• [email protected]
• Bilancio di Sostenibilità 2003 (settembre 2004)

Documenti analoghi

Torino Olympic Winter Games Official Report

Torino Olympic Winter Games Official Report che per la capacità dì organizzare eventi piacevoli, ben preparati e proficui, anche per le loro credenziali ambientali.

Dettagli