Erotica - Asterischi

Transcript

Erotica - Asterischi
LA SOFFITTA DI CARTA
8 EROTICA
“L’erotismo è una pornografia di classe”. Robert Escarpit
a cura di
asterischi.it
un progetto di
rosario
battiato
e agata
sapienza
ge In to at pa po ci «c fra C sa un gi sia il o pa ch m ni Co de sa a al le go «T
l
co ne som glie tim rod siz sus on il lot v ng ro orn mo ge cru ra e d ac ent sa lica reb lu ora pa de i
n ri e m rem o n ic ion cit la bo uo ue, m alie s ner de fras ec ella e. L c’è ta be ng c ro re pia
e le p a, m e o, i c a bo m le d an ro em e p an id io o d m c o.. h le. so ce
i p n h la c bo ra e z e p e ar d ia , d sa i e o . e .. lt re
se pa er u
o t r
n
ch in rol son n o vo an on e a ve ca lai cc llo
a e a ole o m a pe più te me Se ti Bis ant bb
o o e
ia ve e n ali bre le ni po ss rsio ap o e on spa qua lvo in nch vo e p o d cui va er , c le
o o
lt a
t pa g
o
m cc c on tà v nt de ss um ne e
è
rta la tarc gn lsia a è tte e lan rta i m tra Alin tic n l pa i t rla ner con
e ie g ia o
a hi e
d
e
e
o
a t
d
o a
co so ere no im iver via ri. li in mo no del e Sig i ne lo si. lui sa nd i. E ndo tte tto a R d lin rol occ ssi bb
te fa i de gli no l d Ra Co ch de an lo s re il f ey elle gu e.. as m e
m lo , c n a en siss gg
re re du te oc ra e fa m e c lla d fa u in ra e p a .
pr se hi v tic im io
s
ss a e c c C tta e e i
o c ca sie m s q a ... Da i, olto
a e a
at
at m a tiv h a g l R
ci r m m u ro » p v
ch no
a av ma te te i fra ne
t
i
a
i
q
e
a
a
f
pe ed
, p e m e, ch rv lio e u ia str u m
le
su et te te i n lo ll’Im
no a c iu aja la ig, an m a ori o le e c nto nd ? P
m os ro p
rtu i,
a
un e
s
o
,
n
h
i
a
ra
nn d t e si» l, m il d
gu m ne , e n ro
la ub po tri . S e
tto
m
i
p
z
c
o
i
b
r
d
;
c
e
i
l
i
l
c
Ag R
at g ito d o a o
,
ch m co an e he att et in en ion erc ard le a ma o s el 1 ab
o
i
a
n
d
at sa
tre e hé a p e ap 98 ilm
e ett n aliz fra s ina ec
lo usta il b a p sig ma ei
a ri
d
n
G
i
t
p
e
go
an r on za i s c ta tiv r sf i
o
d a le p 8 e
l t
Sa o
». «lin mb erd i di e g sen
ch ci p o le orr on di e C on og ero in o d ssi tte iam sc nte
pi Ba
l
i
e
o
d
f
e
s
c
s
l
o
q
o
s
t
i
e
t
ge la re tt d i,
e o ra o ris
e
en ti
v i
a a i
no r u ua ari ch lud ess arlo nt m sm nd ntr nat tur no se
za ato
rie io in ura ere fra
e
e
e
o
e
o
o
o
o e a i, Il
s
n
s
,
i
i
d i c o P n c c u c l o r p s m c o s g s c n a r l è Na
v
im ei mp ap vv ers el ar he na he a q a eci re ulla a ’è pe ens lob ess on el ve egi o
po se ed ito ero ino div att a st o uo nn pro va
fo da ra i (1 al an tro 19 va sta sc enu gisa
v
l
t
e
n
m
n
e
e
e
r
o
v
o
t
a 9
pe st si ito lo la l or re o ri d tid tt c
ita se
a e 59 c
r to Ō
ns i d es c de m ’att are o re a d eg ian e, a a e a u si stup da 76) e l e rse , h om g so a m sh
ie a ist he l o o q rd n ’a gi ità tu lla v n n ir lla , c a se p a in iap g a im
ro c e
v
a
t
i o
t s
r
. hi e la libro te, fina ues nar n è mo tra de to co ing rap rop i: s ce he glo tta ellic gir cia po en nc a
è no sto d è le ta io . re i i d il re nq hia po po iam ns so ria nta ol ato to ne na are
la se io.
in n ria el so , c lo e, Le , d l d ue st uis o rto v o ur pra im p e
tra ha
lt
a v
ro
o t
,
e
u o a
r n a
pp c si pia ant he na sop nio ve re am . L’ a d gni di ro di a vis per ima ipp lcu sua
Il
ol on tram ce o i è tu rat ni di e r an am el c co co di fro lla se itur ra on ne c ch
v
l
e
i
a
at fin
a
i
n
t
d
n
r
r
c
o i an e. pla l’an ale utto ei ent cev ti in ple orp sa pp com te prim on c gg he tra rrie
in se da Le ci nu re , du a er u sso o in ia, e a a os on iun tr le ra
un no ss ce do lla cip no e sup e p na s de un d d un u tan Ec ge a
m
g p
n a
s
c
m n n e p nsu seg en roc si m erfl iac spe an ll’alt a s ove ovre rit cita te l co re li a iù
e
a
o
a
r
e
l
r
Fil
tro i tr erc re uito to a p po nti uo ere cie dis o c rta la bb att it d l’im a nn
o a e
f i
c
ip
i
n
po
qu stiss hé non de esi oss go no tutt . In di e he di m e a ‘e lia va pe am
s
a
n
p
e
n
s
o
s
e
d
l
r
i
n
s
ad m ’Im h ll’u te s o h q om e s il rin te da tr a ta o a
G
ra
ro i lim pe an ltim nzia sion lim an ue m nd eg uisc co ria gia em . N zio de
ss
di iti ro no o le e. iti no llo a, olo na e, rsa lità rsi o’, on ne i
o
si
la m I fr m la c d v c s o è e s L G e c d il c c in È
m g a pa a l a r he al olt on iste pe m si ia u a ra rim rot on ell m ass he sol u
po es iorn cel rall a su teria iven m co a in le ma ra orb rivo n u ga al ica sid a
a ie l ita n’a
ss co ata laio elis a liz di an nta vo pa e una os lge om zz di n e era scr cel ra d ega
ttr
a
l
c
i
a
az
z
t
i
be ed a , è m bo a a e tto lt ro t s e a o s e
to ttr lai i
n
a
l
o
s
io
t
i
a
o
i
i
u
u
z
t
a
l
c
a
c
l
ni e
on a c c
e
e
1
e
r
p
e
i
,
m
n
r
n
g
a
c
o
e
i
m
t
a a q ne
le ssi la un o co on a di ne va on o de lia a d a i in res cc 99 sfo l c
n
u
8
i s m g a c n la e qu
l
i
,
a m t t
ll
i
r a fr e m g e
i la o. io p on ta
il a d l m le e ll’u e i c ta o an a a . ma po anc ll’o ac iov lla
sc Lu va la tin tto fred mi nd ella ac ca e d om qu onf pe do te i su
to sa e mo el a
le n
s
ia i p ne cid ui. fis d o o c e rn ur o, e ro rc ro né ss
or in a lla i f a e lla nt h z a u
in ldo e nim ria e
a
i
ris ar
a
T
c
é zo p rri
o
A
uc la sin ra utt o ca ec qu rne io red ».
s
d
pe de lin o
e
ch di d ss o p e la rn ch an c in de «L’a que ua fra l la c ed par el
llic lla a lib
ia se al eg as c e a io» do os vit , p lla c a c as es en ma
ol l Re ro
h
c p
re sso p na sa a n .
a et y
at tan a e on ag de e arn sier plic tem ce
«fi p rin zi d ssie im
a
t
r
d
l
t
i
l
e
a
l
a
r
e
o
t
c
l
e
a
a
da tera es,
n
la m ’u iv c si o n i
av m
o er t ip ne lì ra ale
Ag
.
o
i
e
o
l
t
e
t
e
h
m
e
M
al ut io, : e vi c
rso en su o en mo nta e cc a a , se
at
Au ura
la to e il l’e siv o
o
t
i
t
r
a
f
o
l
i
b
e
l
n
t
t
f
’
re
qu
m c o
ve il
d e e s in m a a a b
Sa
lio
rtig gio lei ac cita pe il q
el nut esi . M ra tess fuo ac qu ttra scin en
pi
u
e
d
r
a
a
e
z
r
e
o
z
s
l
r
en
d
c
i
a
o
a
in no
i
t
t
i
o
e
n
l
o
n
l
o
a
u
l
a
a
l
n
a
«
e»
ffi
d
r c
za
s a n t le
o e io, iò to di ta io o ne te on
. e a io e ta il
hanno scritto
rosario battiato
filippo grasso
agata sapienza
grafica
stefania
rifuggiato
foto
claudia
rifuggiato
logo di
asterischi
sandra
verkulent
sedlecká
TRE BOCCONCINI DI SESSO
Russ Meyer è
uno che non poteva
mancare
all’appello
di
questo
speciale.
I
motivi
sarebbero diversi ma è corretto
cominciare dal più ovvio. Il titolo di
questo speciale lo abbiamo rubato al
suo Erotica, documentario in sei episodi
del 1961, che, assieme ad altre celebri opere
come Lorna, Pussycat!, Vixen, Motorpsycho!, I
sette minuti che contano, Carne cruda (e l’elenco
potrebbe continuare ancora) l’ha fatto imperversare
come un corsaro d’altri tempi sulla scena pornografica
ed erotica americana tra gli anni sessanta e settanta.
Amante ricambiato e in qualche modo precursore
della beat generation, idolatrato da Tarantino, è stato un
maestro assoluto del low budget e ha scorrazzato, senza
tremore, in tutti i generi più bassi (horror, splatter, trash, porno,
e via dicendo) divenendo un’icona libertaria e un maniacale
esploratore dei vizi più sordidi degli americani. Una cappa
da cucina che risucchia i piaceri più torbidi e tormentati dei
suoi compatrioti, li denuda e li rende semplicemente cinema.
Così, senza artifici da cinema d’autore, il vecchio RM prende
quel grande paese e lo fa a pezzi, tappezzandolo qua e là
con lembi di lussuria. Per sua stessa ammissione, qualora non
bastasse il suo cinema a dimostrarlo, amava le donne dalle
tette grandi, quelle supermaggiorate che sono ancora oggi
dei manifesti sinuosi del suo mito.
Rosario Battiato
Virgilio Piñera, il Virgilio cubano, come amano chiamarlo
i suoi amici e lettori, è stata una delle personalità più forti,
contraddittorie, tormentate e dimenticate di Cuba. Per
lungo tempo censurato ed eliminato dalla sfera culturale e
sociale perché omosessuale e sempre pronto a dissentire,
ha comunque prodotto una vasta gamma di opere che
vanno dal teatro alla narrativa, alla poesia, tutte pubblicate
grazie all’aiuto di qualche amico facoltoso. Vi proponiamo
tre piccole perle della sua produzione poetica da
condividere con l’amante di turno (oppure da soli).
GAMBA AL FORNO
Come una gru,
in piedi su una
gamba,
mi taglio l’altra
e te la offro,
fratello,
affinché conosca
infine il sapore della mia carne.
FRITTURA DI SESSO
Come quello della vacca o dell’agnello,
serve il mio sesso per far fritture.
Nelle notti intellettuali,
è l’afrodisiaco dell’idiota.
LINGUA IMPANATA
La mia lingua non è
boccone per cardinali
ma per laici. Questi
a piacimento la preparano.
Poesie sgradevoli
tratte dalla raccolta “Una broma colosal”, 1988
Traduzione e introduzione di Agata Sapienza
C’è
stato un tempo in
cui la fantascienza non
era una tipa libertina. Anzi, al
contrario, era una vecchia pudica
e bisbetica che disdegnava i corpi nudi
e professava guerre galattiche e nuovi
mondi da osservare attraverso catafalchi di
granitico distacco. Poi arrivò Philip José Farmer,
uno scrittore che, secondo quanto scrive il
critico Silvio Sosio, qualcuno crede “impegnato e
difficile”, altri “un autore avventuroso e leggero”, e altri
ancora “uno scribacchino pornografico” e il bello è
che “hanno tutti ragione”. All’inizio degli anni cinquanta
quest’uomo riesce a pubblicare, dopo numerosi rifiuti
ottenuti dalle più importanti riviste dell’epoca, The Lovers
(Gli amanti di Siddo, Urania Collezione, numero 63, 2008),
un romanzo breve che narra la prima storia d’amore e di
sesso tra un essere umano e un’aliena. Da quel momento
in poi sarebbe stato un profluvio di esperimenti erotici tra
razze intergalattiche, post femminismo di ritorno, figli disumani,
parti ancestrali, fino all’interazione uomo-macchina del cyber
punk. Tuttavia proprio quel minuscolo tassello, tirato su a forza
da questo precursore testardo e irriverente sessant’anni fa,
testimonia che possono pure cambiare i mondi, rinverdirsi i
confini, addensarsi i colori e mutare le forme del corpo, ma ci
sono, sempre e innanzitutto, carne e sangue e pulsioni. Che
siano uomini o insettoidi alieni con sembianze umane, siamo
sempre sulla Terra.
Filippo Grasso

Documenti analoghi