el 1980, sul circuito di Long Beach, alla guida della sua Ensign, il

Commenti

Transcript

el 1980, sul circuito di Long Beach, alla guida della sua Ensign, il
CINEMA
Ron Howard
racconta
l’avventura di
Clay Regazzoni
Un ritratto di
Clay Regazzoni
(Clayregazzoni.
com)
N
el 1980, sul circuito di Long
Beach, alla guida della sua
Ensign, il pilota di Formula Uno Clay Regazzoni si schiantò alla velocità di 270 chilometri
all’ora contro la Brabham di Ricardo Zunino. Uscito dallo scontro gravemente ferito, si ritrovò
a vivere per il resto della vita su
una sedia a ruote. Ma con la stessa tenacia e il coraggio indoma-
Ippocampus: la bellezza del
cinema sottotitolato o in Lis.
Film per tutti, ma soprattutto
per le persone non udenti. Arriva
“Ippocampus ciak”, la Biennale
del cinema internazionale del
sordo, che si terrà il 24 novembre
a Milano nell’auditorium San
Fedele. Organizzato dall’Ens (Ente
nazionale sordi) del capoluogo
lombardo, in collaborazione con
la compagnia teatrale “Senza
parole”, il festival presenta 19
bile che lo aveva reso celebre al
volante, non si scoraggiò mai e
riuscì a tornare a gareggiare, facendosi paladino dell’inserimento dei disabili nello sport.
Il “brillante”, intramontabile Clay avrà adesso i tratti scanzonati di Pierfrancesco Favino
in Rush, il kolossal hollywoodiano sugli eterni rivali Niki Lauda e James Hunt, che uscirà nel
2013 a firma del regista Ron Howard. Un ruolo di contorno, quello dell’attore romano, ma che
forse contribuirà a ridare attenzione a un grande sportivo che
ha saputo fare del proprio dramma umano una “bandiera” nella lotta per i diritti delle persone
disabili. «Perché un paraplegico
non dovrebbe poter guidare?», si
chiese Regazzoni dopo lo schianto di Long Beach. La sua domanda, trent’anni fa, non era retorica:
a quei tempi, infatti, un paraplegico che si ostinava a tornare al
volante poteva essere scambiato per pazzo. Eppure i risultati raggiunti sono indiscutibili, a
testimonianza del successo di un
campione “a tutto tondo”.
Nel 1984 Regazzoni apre un
corso di guida sportiva per disabili a Vallelunga e nel 1992,
insieme a Luca Pancalli, oggi
presidente del Comitato italiano
cortometraggi in concorso.
Sei i Paesi rappresentati: Italia,
Inghilterra (in gara con otto
pellicole), Spagna, Francia,
Germania e Malesia. Verranno
premiate le migliori opere nelle
categorie cortometraggio,
regia, attore e attrice, più un
riconoscimento speciale per i
giovani con meno di 25 anni e il
premio del pubblico riservato
anche ai film fuori concorso.
Nata per diffondere un mercato
35
paralimpico, dà vita alla Fisaps,
la Federazione italiana sportiva automobilismo patenti speciali. Inoltre, a partire dal 1993,
Clay promuove corsi di pilotaggio, campionati, manifestazioni
su piazza e stage per persone con
disabilità.
Chissà se il volto espressivo di
Favino e l’auspicabile successo di
Rush contribuiranno, adesso, a
rievocare con nuova forza l’immagine di questo grande dello
sport. Scomparso il 15 dicembre
2006, all’età di 67 anni, in un incidente stradale, Regazzoni è
stato un pilota fino all’ultimo.
Perdere l’uso delle gambe a quarant’anni non rappresentò per lui
la fine, né lo fece sentire un campione di “serie B”, tanto nella vita
quanto nello sport.
«La gente si ricorda soprattutto della Formula Uno, in particolare degli anni passati alla Ferrari
– scrisse di sé nel suo sito Internet –. Ma quegli anni, forse i più
entusiasmanti, sono solo una
parte della mia lunga carriera».
Una carriera che va ben oltre le
sue 250 corse, i 25 primi posti assoluti, i 25 secondi posti e i 21 terzi
posti. Una carriera intramontabile che porta dritto al cuore della
gente, appassionata di motori e
non. [Luca Saitta]
audiovisivo quasi sconosciuto e
per dare a tutti l’opportunità di
conoscere temi come la sordità
e il linguaggio dei segni (Lis), la
rassegna è giunta alla sua terza
edizione. Le pellicole verranno
sottotitolate in italiano o inglese,
nel caso in cui l’idioma originale
del cortometraggio sia una
lingua dei segni internazionale o
europea, e anche se le opere sono
girate da registi udenti. Info su
Teatrosenzaparole.it. [M.T.]

Documenti analoghi

club clay regazzoni, un premio meritato

club clay regazzoni, un premio meritato ■ Un importante premio internazionale dedicato alla memoria di Clay Regazzoni è stato ritirato dall’omonimo club lodigiano impegnato nell’aiutare la lotta per combattere la paraplegia. La cerimonia...

Dettagli

L`uomo che non sapeva arrendersi

L`uomo che non sapeva arrendersi di persone costrette a vivere su una sedia a rotelle. Risulta pertanto del tutto naturale che la sua famiglia abbia deciso di creare il Memorial Room Clay Regazzoni a Pregassona, iniziativa con sco...

Dettagli