Presentazione di PowerPoint

Commenti

Transcript

Presentazione di PowerPoint
POST EXPO
Prime linee di sviluppo
Presentazione dell’Area
versione 18/07/2016
1
Versione 7/07/2016
AGENDA
1
Mission
2
Valenza del contesto di riferimento
3
Sito e tipologie di insediamenti possibili
4
Operatori Interessati / Iniziative Concrete
5
Sviluppi futuri
2
AGENDA
1
Mission
2
Valenza del contesto di riferimento
3
Sito e tipologie di insediamenti possibili
4
Operatori Interessati / Iniziative Concrete
5
Sviluppi futuri
3
LA SOCIETA’
Arexpo S.p.A. è la società istituita con D.G.R. n. IX/1789 del 31/05/2011 per:
• acquisire e mettere a disposizione di Expo 2015 S.p.A. le aree
funzionali per la realizzazione dell’evento Expo Milano 2015;
• valorizzare e riqualificare il sito espositivo dopo la conclusione
dell’Esposizione
Anche sulla scorta della volontà del Governo Italiano di acquisire una
partecipazione societaria in Arexpo, si è definito un percorso che porterà
alla modifica dell’oggetto sociale più articolato che prevede che la Società
sovraintenda e governi il processo di trasformazione territoriale
comunemente denominato “Post-Expo”
4
LA SOCIETA’
Il capitale sociale di Arexpo S.p.A., pari a 94 Milioni di Euro, ad oggi è
composto da:
• Regione Lombardia 34,67%
• Comune di Milano 34,67%
• Fondazione Fiera Milano 27,66%
• Città Metropolitana 2,00%
• Comune di Rho 1,00%
La Legge 9/2016 ha definito l’ingresso del Governo nella compagine
societaria
Il successivo DPCM del 9/03/2016 ha previsto le modalità di ingresso del
Ministero dell’Economia e delle Finanza con un aumento di capitale di
50 milioni di Euro per ottenere una quota di maggioranza relativa
5
OBIETTIVI
Trasformare l’area EXPO per dar vita ad un PARCO
TECNOLOGICO di eccellenza a livello internazionale
Valorizzare UN'INFRASTRUTTURA "SIMBOLO" che ha proposto
temi chiave per l'umanità, ospitato 141 PAESI E 21 MILIONI DI
VISITATORI
Riqualificare il sito privilegiando progetti mirati a realizzare una
ELEVATA QUALITÀ SOCIALE-ECONOMICA E TERRITORIALE
6
Arexpo ha lo scopo di trasformare l’area Expo per dar vita
ad un parco tecnologico di eccellenza a livello
internazionale
SAPERE /
UNIVERSITÀ
INNOVAZIONE /
CENTRI RICERCA
CREATIVITÀ /
CULTURA
Arexpo contribuisce a porre Milano al centro del contesto europeo ed internazionale delle iniziative di
eccellenza per la realizzazione di una città della scienza, del sapere e dell'innovazione, della creatività e
cultura creando una comunità vibrante che discuta, progetti e collabori senza spegnere mai le luci
L'area sta già attraendo operatori Landmark della Scienza, Università e della Cultura
7
Arexpo ha lo scopo di trasformare l’area Expo per dar vita
ad un parco tecnologico di eccellenza a livello
internazionale
L’ossatura infrastrutturale dell’Esposizione del 2015 (la cosiddetta Piastra) offre un telaio idoneo per lo sviluppo
del futuro progetto urbano, in cui prefigurare una funzionalità essenziale al riuso in un’ottica di contenimento delle
risorse necessarie per il loro adeguamento.
Arexpo fa leva sulla Legacy di un sito di oltre 1,000,000 metri quadri, con più di 5 km di viabilità perimetrale (2 km
principale) e con infrastrutture allo stato dell'arte e che ha dimostrato una forte vocazione internazionale
Durante EXPO l'area è stata in grado di fornire una capacità di afflusso di 47,000 persone/ora con controllo
aereoportuale e di gestire più di 900 bus e 15,000 automobili nella stessa giornata
8
AGENDA
1
Mission
2
Valenza del contesto di riferimento
3
Sito e tipologie di insediamenti possibili
4
Operatori Interessati / Iniziative Concrete
5
Sviluppi futuri
9
L’ iniziativa nasce in una delle aree trainanti
dell’economia europea
Prime 10 Macro Regioni Europee per PIL [2015, EUR bn]
Île de France
649
Westfalia
627
Baviera
524
Italia Nord Ovest
522
Londra
509
Baden-Württemberg
Italia: Nord Est
440
365
Italia Centrale
355
West Netherlands
345
Sud Est UK
L'area del Nord Ovest italiano ha
registrato nel corso del 2015 un
PIL di 522 miliardi di euro,
definendosi come la quarta
regione europea, ed accoglie il
27% della popolazione italiana
In particolare, la Lombardia è la
prima regione Italiana per
Import/Export e contribuisce da
sola a più del 20% del PIL italiano
La Lombardia ospita circa 800
mila imprese, gran parte delle
quali localizzate in 16 distretti
industriali e 5 meta-distretti,
operando nei maggiori comparti
del Made in Italy.
335
10
L’Area è localizzata all’interno di una area pulsante e ricca
di centri di eccellenza per il sapere, l’innovazione e la
cultura
Le eccellenze della Lombardia
Università/Centri di Ricerca
>
14 università, con 275,000 studenti universitari e
45,000 laureati, e 4 Accademie di Alta
formazione Artistica e Musicale
>
Le università milanesi sono al primo posto in
Italia (ranking QS) in 17 discipline, tra cui
Medicina, Biologia e Farmacia (Statale di
Milano), Economia, Finanza e Management
(Bocconi), Design, Ingegneria chimica, Scienza
dei materiali e Computer Sciencs (Politecnico di
Milano)
>
Bocconi è la 22^ università al Mondo nelle
Scienze Sociali, il Politecnico di Milano è 24^ in
Ingegneria e tecnologia e 86^ nelle Scienze
naturali, l’Università Statale di Milano è 97^ al
Mondo in Scienze della vita e medicina
>
Due corsi di studi inseriti nei world Top 100 MBA:
SDA Bocconi e MIP Politecnico di Milano
>
Dodici istituti del Consiglio Nazionale delle
Ricerche (CNR)
>
18 IRCCS1/Ospedali focalizzati sulla ricerca
(42% del totale italiano)
Innovazione
•
La Lombardia rappresenta il 30% della
produzione italiana di brevetti
•
In Lombardia è nato il 25% delle startup
manifatturiere knowledge intensive ad alta
crescita italiane
Biotecnologia
> Il 35% della aziende biotecnologiche italiane sono
localizzate in Lombardia, e raccolgono più del
73% degli investimenti nazionali nel settore
> Focus ed expertise nella genomica e nelle
nanotecnologie
Moda & Design
>
Milano è riconosciuta come la capitale del
fashion e più di 3,200 aziende della moda e
1,700 produttori tessili operano in Lombardia
>
La dimensione del Design lombardo è
ugualmente rilevante nel panorama italiano,
rappresentata sia da emblemi architettonici
(appartenenti sia ad una dimensione storica che
ad una contemporanea) che da eventi periodici
Chimica
> La Lombardia ha più di 2,000 produttori chimici e
di fibre sintetiche, rappresentanti il 34% del totale
nazionale
Settore Farmaceutico
> Circa il 60% delle aziende del settore
farmaceutico italiano sono localizzate in
Lombardia
Produzione Culturale
>
Milano accoglie alcuni degli istituti più blasonati
in termini di produzione artistica e culturale (e.g.
Teatro alla Scala)
Parchi Tecnologici e Clusters
> Sei parchi tecnologici e scientifici
> Nove Cluster tecnologici definiti dal MIUR, che
spaziano dalla tecnologia a chimica, Agrifood,
scienze della vita e ambientali (Smart
communities), logistica, Aerospace e fabbrica
intelligente
Cibo
> Prima Regione per produzione agricola
> 75 prodotti di denominazione tipica,
> 249 prodotti agricoli tradizionali,
> 12.000 aziende dedite alla vendita diretta di
prodotti tipici,
> 1.400 aziende agrituristiche
> 209 fattorie didattiche,
> produzione agroittica leader nel mondo
1) Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico
11
L’area è posizionata al centro di importanti snodi di
collegamento con la città, con gli areoporti, oltre che in
corrispondenza dei principali assi ferroviari e metropolitani
CONNESSIONI AEREOPORTUALI
CONNESSIONI FERROVIARIE
CONNESSIONI URBANE
> 38 milioni pax negli aeroporti contigui e
facilmente raggiungibili sono Milano
Malpensa & Linate, supportati da
Bergamo Orio al Serio
> 3h collegamento con Roma
> 25 minuti in MM per il centro di Milano
> 1h collegamento con Bologna e 45 m con
Torino
> 10-15 minuti per la stazione di Milano
Garibaldi
> 63 milioni di passeggeri nel Nord Italia
> 2 h collegamento con Venezia e Zurigo
> Connessioni dirette a due corridoi europei
(Lisbona – Kiev e Rotterdam – Genova)
12
L’iniziativa si inserisce in un asse di forte sviluppo urbano
e sociale – il baricentro si sta spostando verso Arexpo
a
a Shopping Mall Arese "Il Centro"
> Aperto nell'Aprile 2016 sull'ex-area Alfa
Romeo: con una innovativa architettura che si
snoda su 20,000 metri quadri, il centro
presenta più di 200 negozi e 25 ristoranti
b Arexpo Cascina Merlata
> Riqualifica degli edifici facenti parte
dell'EXPO village. Con una fine lavori
pianificata nel 2025, il progetto prevede la
creazione di abitazioni (più di 270,000 metri
quadri), parchi e un centro commerciale di
65,000 metri quadri (apertura nel corso del
2019)
b
c Portello
> Appartamenti, uffici, un parco e svariate
strutture ridefiniscono la ex area Alfa Romeo,
concretizzando uno degli emblemi emergenti
di Milano
c
d
d City Life
> Riqualifica di una area di 366,000 metri
quadri con alloggi, uffici, parchi, centri
commerciali e spazi pubblici. Le tre torri,
progettate da blasonati architetti, si
candidano a nuovo centro di business nel
panorama milanese
13
L’iniziativa si inserisce in un ambito di grande valore
ambientale per la città di Milano e il suo intorno
L'area è posizionata all’interno della greenbelt milanese, e rappresenta un tassello nella connessione tra il Parco
Agricolo Sud e il Parco delle Groane, dando così continuità al sistema dei parchi dell’ovest milanese.
14
L'area è già in progressiva trasformazione, con un
programma di manifestazioni che la tengono viva
• Al fine di non disperdere il valore culturale prodotto da Expo 2015, l'area è in fase di adattamento per ospitare una serie
di eventi/iniziative per l'estate 2016
• Il Parco Tematico, che nell’assetto definitivo dell’Area ospiterà 7 giorni su 7 una vasta produzione culturale rappresenta
una grande occasione per realtà italiane e internazionali per offrire contenuti ed esperienze nuove e per tutti i target
• Il contesto che si andrà a creare nell’Area e la popolazione che lo andrà ad animare si prestano particolarmente a
sviluppare un luogo dove l’offerta di intrattenimento si fonde perfettamente con i servizi necessari e utili per coprire il
fabbisogno di visitatori occasionali e residenti
Area
Sport
Area
Relax
15
L'area è già in progressiva trasformazione, con un
programma di manifestazioni che la tengono viva
• EXPerience vuole essere una start-up del modello che sarà da configurare, con un palinsesto di eventi in tutti i campi,
musica, arte, danza, teatro, cinema etc., e prevederà il coinvolgimento di aziende, singole e/o in raggruppamento, in grado
di rispondere a queste esigenze in ambiti come food and beverage, hospitality, tecnologie, commercio al dettaglio, sport
and wellness, fashion, servizi bancari e postali etc
Area
Sport
Area
Relax
Eventi Finanziati all'interno di EXPerience:
• XXI esposizione della Triennale di Milano: i padiglioni che ospitavano il Future Food District e l’Auditorium sono
dedicati alla mostra City After the City, con un orto planetario nel mezzo (15.5 Mln dai fondi regionali)
• Serie di eventi spot, come ad esempio la "Bocelli and Zanetti Night«, il Concerto dell’Orchestra e del Coro della
Scala e le proiezioni degli Europei di Calcio
• Adattamento delle aree esterne per attività sportive , così come aree relax e famiglie
16
AGENDA
1
Mission
2
Valenza del contesto di riferimento
3
Sito e tipologie di insediamenti possibili
4
Operatori Interessati / Iniziative Concrete
5
Sviluppi futuri
17
L’area di un milione di metriquadri, perfettamente
infrastutturata, ha elevate potenzialità di sviluppo
Manufatti permanenti e temporanei
Spazi verdi
Spazi aperti
Spazi d’acqua
Reti e sottoservizi
Viabilità e infrastrutture di bordo
Dati principali
• 1.050.000 mq di area
• 480.000 mq di superficie edificabile (oltre 30.000 mq di
housing sociale)
18
Manufatti permanenti e temporanei: l’architettura
di lascito come valore per lo sviluppo futuro
La presenza di manufatti permanenti, pur non inficiando il potenziale dell’area, configura un lascito importante nella
memoria di tutti e dall’alto livello qualitativo, costruito anche sulla base di principi di sostenibilità.
Il loro carattere di forte iconicità rappresenta un biglietto da visita di pregio e un importante valore alle aree.
Inoltre l’eredità legata alla sostenibilità come strumento sinergico e integrato, è in linea con i principi di base delle
politiche a livello nazionale e comunitario.
Palazzo Italia
Studio Nemesi
Aree Service
Onesite Sudio
Cascina Triulza
UdP Expo
Piazza Biodiversità
Arch. Herzog e De
Meuron
Sostenibilità
19
Spazi aperti, verdi e spazi d’acqua – per una
qualità del vivere, studiare e lavorare
La valenza degli spazi verdi e d’acqua già strutturati è strategica per il valore e lo sviluppo futuro
I 280.000 mq di aree verdi consolidate con più di 12.000 alberi e 85mila arbusti, insieme agli nuovi spazi pubblici rappresentano un
valore inestimabile in termini di qualità di vita nella futura nuova area.
A differenza di molti progetti di sviluppo, in questo caso non si parte da una “tabula rasa” ma da condizioni già mature di qualità
urbana, di paesaggio e di sostenibilità che possono rappresentare l’ossatura dello sviluppo futuro.
20
Reti, sottoservizie infrastrutture, rendono l’area
attrezzata per uno sviluppo tecnologico
Un grande valore per l’area è dato dalla sua totale infrastrutturazione impiantistica, tecnologica e viabilistica.
VIABILITA’
•
Viabilità interna pedonale e carrabile,
•
Collegamento diretto con la rete stradale
urbana e autostradale, metropolitana e ferroviaria.
•
Parcheggi per oltre 600 veicoli,
•
Area da adibire ad elisuperficie.
IMPIANTI
•
Rete fognaria,
•
Rete elettrica e relativa illuminazione,
•
Reti idriche (sanitaria, irrigua, potabile),
•
Fibra ottica e reti tecnologiche.
21
Il parco tecnologico, come elemento chiave
dello sviluppo futuro
La città della Scienza, del Sapere e dell'Innovazione sarà divisa in due aree:
•
PARCO TECNOLOGICO: centro della ricerca e dell'innovazione, capace di unire scienziati, studenti,
aziende e cittadini. Il Parco occuperà circa il 50% dell'area e come standard urbanistico non sottrarrà
superficie allo sviluppo dell’area urbanizzata
•
AREA URBANIZZATA: capace di sfruttare le sinergie con il Parco (e.g. creazione di uffici a supporto dei
laboratori, amministrativi, case per studenti), sostenendo la vita continua nell'area. Questa dimensione si
potrà sviluppare su una Superficie Lorda pavimentabile di 480,000 mq, dal computo della quale sono
escluse tutte le superfici di pavimento degli edifici permanenti realizzati per l’evento espositivo che
saranno destinate a funzioni pubbliche e/o di interesse pubblico o generale.
Parco Tecnologico
Area Urbanizzata
Le sinergie tra il Parco Tecnologico e l'Area Urbanizzata sono alla base di un circolo virtuoso
che caratterizzerà il futuro dell'area
22
La normativa urbanistica sta accompagnando
l’adeguamento dell’infrastruttura verso la nuova
identità futura
Avanzamento
I
Accordo di programma
Variante urbanistica del 4
agosto 2011(N.T.A.)
Disciplina transitoria
Atto integrativo 30 Maggio ‘16
•
•
III
II
Definisce le funzioni ammissibili
con Destinazioni d'uso tipiche
del tessuto urbano
•
Definisce l'indice di utilizzazione
edificatoria (UT= 0.52, rispetto
all'area totale), escludendo dal
computo gli edifici che saranno
destinati a funzioni pubbliche e/o
di interesse pubblico/generale
•
Definisce una superficie da
destinare al non inferiore al 56%
dell'area totale
Expo
Disciplina transitoria per l'area, che
non va ad impattare la disciplina
urbanistica
•
Vengono definite le operazioni e le
attività relative alla gestione,
manutenzione e utilizzo
transitorio dei manufatti del sito,
per valorizzare I beni e consegnare
una infrastruttura allo stato dell'arte
alla fase Post-Expo
•
La Regione Lombardia ha stanziato
per questa fase
Fast Post Expo
Trasformazione definitiva
dell'area
Programma Integrato di
Intervento Unitario
•
Verrà definita la destinazione
definitiva del sito
Post Expo
23
I
La variante dell’Accordo di Programma prevede un mix
funzionale libero da affiancarsi al parco tecnologico,
inquadrato a standard urbanistico
• Le regole e le quantità applicabili per la riqualificazione urbanistica e la valorizzazione dell’area per il periodo post
Expo discendono dall’applicazione delle N.T.A. della variante urbanistica dell’ACCORDO DI PROGRAMMA
(approvato con D.P.G.R N. 7471 del 4 Agosto 2011) tra i principali enti interessati1
• L’intervento di riqualificazione finale sarà promosso mediante un Programma Integrato di Intervento unitario
(P.I.I.), disciplinato tramite uno strumento urbanistico unitario intercomunale di coordinamento
Vincoli
Caratteristiche Generali
•
•
L'area oggetto dell’Accordo
di Programma è di
1,050,000 mq
Mix funzionale libero:
residenziale, terziario, attività
commerciali fino a 2,500 mq,
artigianale (industriale
leggero), servizi
•
•
•
•
Parco nel Comune di Milano
di superficie non inferiore a 44
ettari
Dotazione di aree ed
attrezzature pubbliche o di
interesse pubblico e
generale superiori a 80 ettari.
Aree di concentrazione
volumetrica non
supereranno i 23 ettari
Il rapporto di copertura
massima delle aree Fondiarie
è pari a Rc = max 60%
Superficie Lorda Pavimentabile
(SLP)
•
La Superficie Lorda
Pavimentabile massima
complessivamente
realizzabile è pari a circa
480,000 mq
•
E' prevista la realizzazione di
ulteriori 30,000 mq di SLP da
destinarsi esclusivamente ad
housing sociale
Saranno escluse dal conteggio della Superficie Lorda Pavimentabile sfruttabile le superfici di pavimento degli edifici
permanenti realizzati per l’evento espositivo che saranno destinate a funzioni pubbliche e/o di interesse
pubblico o generale
1) Comune di Milano, Regione Lombardia, Provincia di Milano, Comune di Rho, Poste Italiane S.p.a., Società Expo 2015 S.p.a. ed Arexpo S.p.a.
24
II
L’atto integrativo prevede finanziamenti specifici
a preservare e valorizzare le Infrastrutture
esistenti
• Fino al 2021 è stata definita una disciplina transitoria per l’area attraverso la definizione di un atto integrativo
all'accordo di programma per lo svolgimento delle attività connesse alla gestione del sito EXPO Milano 2015 nel
post-evento
Caratteristiche Generali
Finanziamenti
• L’atto integrativo definisce le operazioni ed attività
relative alla gestione, manutenzione e utilizzo
transitorio delle aree e dei manufatti del sito
espositivo nella fase transitoria del post-Expo, fino
all'approvazione del piano urbanistico attuativo
• La Regione Lombardia, ha stabilito un
finanziamento a favore di Arexpo S.p.A. di 50
milioni di euro volto a sostenere l’avvio delle
attività connesse alla gestione della fase
transitoria del Post Expo (cd. “Fast Post Expo”)
• L’Atto integrativo, che non comporta variazioni
della disciplina urbanistica, ha la finalità
principale di garantire la valorizzazione del
patrimonio, a partire dalle opere e manufatti,
• I fondi sono destinati alla realizzazione degli
interventi necessari a garantire la conservazione e
lo sfruttamento del sito espositivo fino all’avvio degli
interventi definitivi di sviluppo dell’area
L’obiettivo è creare una connessione tra l'esperienza Expo e progetto di sviluppo definitivo del Post Expo,
assicurandosi di preservare e sviluppare i beni, continuando ad alimentare il flusso di individui ed esperienze
all'interno del sito
25
II
L’atto integrativo all’accordo di programma
consente nuove realizzazioni
Experience 2016 : la rivitalizzazione del sito a partire dal Cardo e il Parco di intrattenimento
La riapertura al pubblico a partire dalla parte centrale del sito espositivo, imperniata intorno al Cardo, consente la
valorizzazione dell’asse che attraversa da Nord a Sud il sito e degli adiacenti spazi/manufatti e lo sviluppo di un
progetto di forte attrattività sul piano dell’intrattenimento collettivo e della dimensione culturale, a partire da alcuni
elementi di grande richiamo quali il Palazzo Italia, l’Albero della Vita, l’Open Air Theatre.
L'accordo integrativo permette di intervenire sul patrimonio esistente valorizzandolo e adeguandolo agli usi già
previsti, rendendolo adatto alle esigenze dei soggetti e delle attività che si volessero insediare già in fase
transitoria fino al 2021.
26
AGENDA
1
Mission
2
Valenza del contesto di riferimento
3
Sito e tipologie di insediamenti possibili
4
Operatori Interessati / Iniziative Concrete
5
Sviluppi futuri
27
Il sito ha già attratto soggetti che intendono
investire nel progetto del polo tecnologico, della
ricerca e dell’innovazione
SAPERE /
UNIVERSITÀ
INNOVAZIONE /
CENTRI RICERCA
CREATIVITÀ /
CULTURA
28
UNIMI sta valutando la creazione del campus
delle discipline scientifiche nell’area per oltre
20 mila studenti
•
L'area potrà accogliere l'università, non solamente come sede fisica di insegnamento ma
un campus secondo i modelli più avanzati internazionali (Didattica, ricerca e servizi).
•
L'area potrà essere integrata con le infrastrutture tipiche del campus universitario, come
impianti sportivi ed auditorium
Università degli Studi di Milano
Alcuni elementi sono in fase di definizione:
•
Spostamento delle facoltà scientifiche, specialmente di Fisica,
Veterinaria, Agraria, Chimica, Scienze, Scienze Motorie e
Informatica
•
Sviluppo su 120/130,000 mq di S.L.P.
•
Si prevede un volume di 20-22 mila tra studenti, ricercatori e
docenti
29
Lo Human Technopole costituirà un centro di
eccellenza aperto al mondo, ed attrarrà a
Milano scienziati di calibro internazionale
•
The Human Technopole sarà un centro di ricerca allo stato dell'arte localizzato all'interno dell'area,
che fungerà da polo di attrazione per i migliori talenti nazionali ed internazionali
•
L'obiettivo del centro di ricerca è quello di affrontare cancro e malattie neurodegenerative attraverso
l'analisi di grandi dataset, sviluppando nuove tecniche diagnostiche e di cura e sfruttando le sinergie
tra differenti aree di ricerca
•
Lo Human Technopole avrà una governance che prevede la presenza di soggetti pubblici e sarà
gestito ed organizzato anche con il supporto dell' Istituto Italiano di Tecnologia e di altri soggetti di
primario standing internazionale. Sarà costituito da una struttura di circa 30,000 metri quadri, e 7
centri di competenza
•
Ha ricevuto una prima tranche di finanziamento da 80 MLN di Euro (in più, lo Stato si è impegnato ad
investire nel centro 1,5 MLD nel corso dei prossimi 10 anni)
Partner
30
Governo e Regione Lombardia hanno approvato
finanziamenti per l’innovazione/centri di ricerca
Collaborazione con Regione Lombardia per il sostegno di progettualità integrate per la
valorizzazione del Post Expo
.
La comunicazione del Presidente della Regione Lombardia Maroni del 13 giugno 2016, ha dato l’avvio alle
prime azioni per lo sviluppo del Post Expo quale Hub internazionale della conoscenza, della ricerca e
dell’innovazione.
Risorse provenienti dal POR FESR
e dal POR FSE
• 150 Ml di Euro per progetti multidisciplinari,
da realizzare sul sito, con focus sulla fase di
post incubazione delle imprese, sulla
messa a disposizione di spazi di lavoro,
laboratori, strumenti di coworking per le
aziende
• Collegamento con il tema dello smart
manufacturing e dell’adozione del
paradigma legato alle tecnologie digitali e
dell’industria 4.0.
Finanziamento HUMAN TECHNOPOLE
• Lo Stato ha stanziato 80 MLN nel corso
dell'anno 2015 (L. 185/2015) per la
realizzazione di un progetto scientifico e di
ricerca.
• il Presidente del Consiglio ha anche
dichiarato che il governo si impegnerà ad
investire altri 150 MLN/anno per i prossimi
10 anni, (per un totale di 1,5 MLD EUR)
Governo e Regione Lombardia stanno investendo molto nel campo dello sviluppo, annunciando una eliminazione/ riduzione
della tassazione per chi investe in ricerca e innovazione.
31
Aziende leader High-Tech e Pharma hanno
manifestato interesse nel costruire le loro
eccellenze sul sito
La presenza dello Human Technopole e delle strutture universitarie genera sinergie importanti per imprese
innovative, sia nella ricerca sia nell’accesso a capitale umano di qualità.
Già oggi sono in fase avanzata colloqui con imprese internazionali, per l’insediamento di uffici direzionali,
laboratori di ricerca e servizi tra cui:
•
IBM
•
Bayer
•
Celgene
•
Roche
•
Nokia
32
L'area si appresta ad accogliere l'emblema della
cultura, raccogliendo l'interesse della Scala di
Milano
Creatività come Eccellenza
Il Parco porta innovazione ed operatori qualificati, che generano un indotto in tutte quelle che
possono essere le strutture a supporto.
Operatori interessati
•
Interesse del Teatro alla Scala (67,000 mq che includono scuole, atelier, laboratori) sia per
formazione (spostamento delle attività legate all'Accademia La Scala) che per la produzione
artistica – Trasferimento di magazzini e della parte manifatturiera legata alla creazione di
scenografie
33
AGENDA
1
Mission
2
Valenze del contesto di riferimento
3
Sito e tipologie di insediamenti possibili
4
Operatori Interessati / Iniziative Concrete
5
Sviluppi futuri
34
Arexpo sta definendo le linee guida per il futuro
dell'Area
Linee guida per il Piano Strategico di Sviluppo e valorizzazione del compendio
immobiliare
Obiettivi
Predisposizione delle linee guida :
•
per la definizione complessiva di scelte strategiche per la migliore valorizzazione delle
aree e del compendio immobiliare di proprietà della Società Arexpo S.p.a. (sito Expo)
•
quale quadro di riferimento per lo sviluppo del piano industriale della Società nonché quale
quadro di riferimento per delineare il ruolo che Arexpo S.p.a. dovrà acquisire perseguendo
finalità coerenti con la strategia complessiva di sviluppo dell’area.
35
L'implementazione della Mission viene perseguita
intersecando azioni su domini differenti
Azioni principali:
•
Concept di sviluppo dell’Area e azioni integrate da sviluppare anche con strumenti di marketing territoriale;
•
Legacy di Expo come base di sviluppo e valorizzazione dell’asset;
•
Scenari funzionali: Centralità delle funzioni di eccellenza legate al sapere, alla ricerca e all’innovazione.
•
Contaminazione tra funzioni eccellenti, attività e servizi di supporto
•
Relazioni territoriali, funzionali e ambiti di copianificazione:
•
EXPerience e FastPost Expo
•
Parco Tematico Post Expo in grado di coniugare la previsione urbanistica con la sostenibilità delle funzioni
•
Accessibilità e mobilità
•
Gestione e manutenzione dell’area, dei manufatti e delle utilities;
•
Compatibilità e sostenibilità ambientale: garantire standard qualitativi ambientali di assoluta eccellenza;
•
Modello di sviluppo economicamente sostenibile e flessibile che, delinei le più efficaci strategie economicofinanziarie di riuso dell’area;
•
Società e modello gestionale dell’asset: ruoli di Arexpo e ottimizzazione della convivenza tra la fase
transitoria e il progetto definitivo
36

Documenti analoghi