Cannondale presenta la gamma di mountain bike

Commenti

Transcript

Cannondale presenta la gamma di mountain bike
Cannondale presenta la gamma di mountain bike per il 2009 cicli montanini
Salite di ghiaia impegnative, sentieri tecnici o discese lunghissime: il club dei fans della mountain bike continua a
crescere. Nel frattempo le bici da fuoristrada sono diventate un segmento separato e importante del mercato delle bici.
Fino al 1998, Cannondale copriva l'intero settore del fuoristrada con il suo modello Universal. Oggi, esistono bici in grado
di rispondere a ogni possibile richiesta per l'offroad.
Eccellenza nella progettazione e nella lavorazione
Non ci sono soltanto i ciclisti a spingere i loro limiti nel fuoristrada, anche le esigenze in termini di materiali e di
lavorazione fanno altrettanto. Ed è proprio questo il motivo per cui Cannondale ha investito in modo costante nella
progettazione e nello sviluppo di nuovi materiali e di nuove tecnologie nel settore delle MTB. Per creare bici con pesi
ridotti al minimo e robustezza ai massimi termini, Cannondale si è affidata sempre più alle varie leghe di alluminio e
carbonio.
Cannondale è stata, ed è, pioniere del System Integration, e per ciò ha ottenuto molti riconoscimenti e premi importanti
dal mondo del design delle bici.
Una bici per ogni gusto e per ogni esigenza
Sospensione ad escursione lunga o corta? Posizione piegata sul
manubrio oppure eretta? Per far fronte a questa grande varietà di usi
differenti e alle diverse richieste dei consumatori, Cannondale ha
continuato, negli ultimi dieci anni, ad allargare il suo settore MTB. Grazie
ai lunghi anni di esperienza maturata dagli ingegneri del design di
Cannondale ed alla stretta collaborazione con i corridori professionisti, gli
appassionati dell'offroad troveranno esattamente ciò che stanno cercando
- sia che vogliano attraversare le Alpi, impegnarsi in una gara di cross
country o, semplicemente, trascorrere lunghi week end pedalando.
Una panoramica sulle sottocategorie di MTB:
FREERIDE
Il Freeride è proprio ciò che è: 'free ride'. Per un produttore di biciclette
questo significa trovare il giusto equilibrio tra robustezza,
smorzamento e trasmissione della potenza della pedalata. E questo
è il tipo di sfide che gli ingegneri Cannondale adorano.
Con la Perp 1 (foto in alto), Cannondale offre l'ultimissima macchina
da Freeride. La caratteristica tecnica da porre in evidenza è la
regolazione dell'escursione da 180 a 200 mm, che permette al
conducente di regolare la bici in base al proprio stile di guida e che fa
della Perp 1 la scelta numero uno di chi ama osare, in salita come in
discesa. La geometria della Perp, con angoli più acuti ed un passo
totale più corto rispetto alla DH JUDGE (qui accanto), la rende molto
piacevole e comoda da guidare. Grazie al design a fulcro singolo
messo a punto da Cannondale e al leggero telaio in alluminio, la
biammortizzata raggiunge la migliore rigidità possibile, senza
svirgolare, quando il conducente spinge sui pedali con tutta la sua
potenza in una qualsiasi pista di slopestyle.
I cambi SRAM 9.0 ed i freni a disco idraulici Avid Code 5 completano
questa bici. Il Design Kit della Perp, che contiene diversi adesivi per il telaio, permette di decorare la bici in modo molto
personale. La Perp è anche disponibile con componentistica simile.
ALL MOUNTAIN TRAIL
Lunghe ascensioni e brevi, ripide discese; percorsi veloci e stretti sentieri
pieni di curve: nessun'altra disciplina chiede tanto ad una bici come l'All
Mountain. E nessun'altra disciplina richiede un tale livello di conoscenza
ed esperienza per riuscire a creare un insieme che riunisca massimo
comfort per il conducente, robustezza ed affidabilità.
Per i patiti che amano le lunghe distanze, Cannondale ha creato la Moto
Carbon Ultimate (a sinistra). Grazie ai suoi 160 mm di escursione, le
discese ripide non sono certo un problema per la Moto. Cannondale
utilizza un sistema curvato a fulcro singolo flottante - la cui forma ricorda
proprio un'ascia - per ottenere la massima prestazione dalla sospensione
ed una corsa neutrale.
Negli strappi delle salite questa bici leggera in carbonio monoscocca, che pesa appena 12.5 kg, 'fa segnare', mentre le
due lamine in carbonio che rinforzano il telaio, oltre alla scatola del movimento centrale e ai cuscinetti Rocker,
garantiscono la massima rigidità. In questo modo le forze torsionali vengono
tenute al minimo.
La Moto è disponibile in altri tre modelli in carbonio con diversi allestimenti.
La Rize Carbon 1 (nella foto a destra) è la scelta ideale per le escursioni più
lunghe che si prolungano per diversi giorni. La bici abbina la velocità di una
biammortizzata da gare di XC alla prestazione di una bici da sentiero allmountain. La sospensione anteriore della Lefty PBR con la ruota montata da un
lato assicura un'escursione ben bilanciata di 130 mm. La pressione dell'aria
della forcella è infinitamente regolabile - il conducente può regolare la sua Rize
in base al proprio peso o adattarla alle proprie preferenze personali. Con i suoi
1.225 grammi, la Lefty PBR è attualmente la migliore della sua categoria. Il
telaio è costituito da una combinazione di alluminio e carbonio con il tubo sella,
la scatola del movimento centrale ed il perno del forcellone creati da un unico blocco di alluminio - il cosiddetto
'backbone' - e co-molded con
il telaio in carbonio. Questo dà alla bici la sua cruciale rigidità, anche nelle zone critiche, ed un peso di soli 11 kg.
La caratteristica che colpisce: profili tubolari organici regalano alla bici un look sportivo e sofisticato.
La Rize è disponibile anche con telaio in alluminio.
MARATHON
Gli amanti del Marathon, negli ultimi anni, sono diventati una sorta di
movimento di massa per il semplice fatto che chiunque può unirsi al
gruppo. Questa specialità, infatti, spesso vede i professionisti iniziare
insiemi agli amatori. Ma, poiché anche nelle maratone alla fine ogni
minuto conta, il comfort durante la corsa, l'ottimale trasferimento di
potenza della pedalata ed una buona accelerazione diventano fattori
cruciali.
I fans del Marathon dovrebbero soffermarsi ad osservare la Rush Carbon
1 (a sinistra) di Cannondale. La bici è una vera all-rounder ed è anche
adatta ai lunghi tours. Con un'escursione bilanciata di 110 mm, la Rush
offre una corsa superbamente confortevole e, in particolare, dà il meglio di sé nelle lunghe corse da 80 km. La posizione
eretta del conducente e il suo lungo passo totale garantiscono un'ottima corsa 'Avanti tutta!'. Per ridurre il peso quanto
possibile, gli ingegneri di Cannondale hanno realizzato un vero capolavoro nel design dei telai, usando la minore
quantità possibile di materiale nella costruzione del telaio in carbonio monoscocca.
La Rush è disponibile anche con telaio in alluminio.
XC RACING
La competizioni di Cross-country tendono a mantenere alte velocità per
tutta la loro durata. Rapidi sentieri, salite ripide e lunghe discese spingono
velocemente le bici ed i loro conducenti ai limiti. Grazie ai molti anni di
impegno nel settore professionistico, Cannondale ha potuto costruirsi una
solida esperienza. In molti campionati di XC degli anni passati, il vincitore
ha tagliato la linea del traguardo in sella ad una bici Cannondale. E nel
futuro difficilmente le cose potranno cambiare. E proprio per evitare che
cambino, Cannondale ha ulteriormente sviluppato la Scalpel (a destra
nella versione Team). Grazie al suo telaio in carbonio, questa bici da gara
raggiunge il peso di 9.6 kg. La speciale architettura del telaio anteriore in
carbonio monoscocca contrasta anche le più potenti forze torsionali e
garantisce il massimo trasferimento di potenza. La forcella Lefty Speed
DLR1 single side con un'escursione di 110 mm è molto convincente con la
sua guida precisa e sicura e consente alla bici di affrontare anche i terreni
più difficili. Il sistema stelo/attacco manubrio e l'ammortizzazione Headshok si adattano perfettamente al movimento
centrale e alla guarnitura, in linea con il concetto di System Integration di Cannondale. La struttura posteriore si avvale di
foderi alti in carbonio e rimane rigida anche quando il conducente forza molto sui pedali - per la massima accelerazione
che, alla fine, è ciò che decide le sorti di una gara. Dopo tutto, professionisti del calibro di Roel Paulissen e Jakob
Fuglsang ne sanno qualcosa delle vittorie a bordo delle Scalpel.
La Scalpel è disponibile anche nel modello in alluminio.

Documenti analoghi

cannondale.com

cannondale.com al cioccolato, certa di accontentare tutti, ma spinge l’ingegneria ciclistica al limite. Ecco in che modo: PRINCIPALI PUNTI CHIAVE PER I VOSTRI CLIENTI 1. E’ stata la prima ad usare l’alluminio nel...

Dettagli