Fattori di rischio e fattori protettivi nella relazione genitore

Commenti

Transcript

Fattori di rischio e fattori protettivi nella relazione genitore
Fattori di rischio e fattori protettivi nella
relazione genitore-figlio in presenza di un
disturbo psichico nell’adulto
Ciascun genitore e ciascun figlio ha la propria personalità, il proprio stile di coping e la
propria storia di vita, forze e debolezze che influenzano la relazione genitore-figlio.
Comprendere le variabili individuali e relazionali è importante per valutare sia la funzione
genitoriale che il benessere dei figli.
Genitori
Fattori di rischio
Fattori protettivi
-
Scarse capacità di coping
Esperienze di perdita, abuso, trauma
Appartenenza a gruppi minoritari
Aspettative irragionevoli verso i figli
Difficoltà a riconoscere il figlio come
individuo autonomo
Stile comunicativo verso i figli
caratterizzato da criticità e negatività
Ansia, ostilità, indifferenza,
intolleranza verso i figli
Attitudine negativa verso
l’educazione della prole
Mancanza di disponibilità emotiva
-
Età dell’infanzia
Difficoltà comportamentali ed
emotive
Difficoltà temperamentali
Esperienza di perdita, abuso, trauma
o altri eventi di vita negativi
Appartenenza a gruppi minoritari
Relazione genitore-figlio disturbata
Relazioni fraterne oppressive,
ambivalenti o assenti
Lacune in ambito educativo
-
-
Figli
-
-
-
-
Buone abilità sociali
Eventi di vita positivi che includono
esperienze e relazioni positive nell’infanzia
e con i propri genitori
Buon livello culturale
Consapevolezza della fase di sviluppo del
figlio e aspettative adeguate all’età
Disponibilità a riconoscere una certa
indipendenza al figlio
Espressioni di empatia e calore nella
relazione con il figlio
Relazione supportiva con il partner e altri
figli
Adolescenza
Capacità del genitore di aiutare i figli a
regolare i propri sentimenti e i propri
comportamenti
Attaccamento sicuro e temperamento
compatibile con il genitore
Buone abilità linguistiche e capacità di
creare ponti tra culture diverse, nel caso di
appartenenza a gruppi minoritari
Buone abilità sociali e appartenenza ad un
gruppo positivo di pari
Presenza di hobbies e interessi
Relazioni fraterne supportive
Impegno accademico
Ambiente
sociale
-
-
-
-
-
Relazioni sociali ambivalenti, assenti
o caratterizzate da influenze
antisociali
Assenza o scarsa accessibilità ai
servizi supportivi da parte della
famiglia
Violenza familiare
Idee conflittuali sulla genitorialità tra
la famiglia e la comunità di
appartenenza
Razzismo reale o percepito,
discriminazioni,
alienazione/esclusione da parte della
comunità
Continui traslochi
www.health.qld.gov.au
-
-
Relazioni sociali supportive e inclusive
Ambiente domestico sicuro e stabile
Disponibilità di informazioni e percorsi sulla
genitorialità
Accessibilità a opportunità ricreative per
genitori e figli
Presenza di servizi per la promozione della
salute e psicosociali (es. counselling,
psicoeducazione, peer support)
Disponibilità di reti per l’inclusione
multiculturale
Conoscenza dei diritti e delle responsabilità
come cittadino