d`Italia - POLI.design

Commenti

Transcript

d`Italia - POLI.design
turismo
LA RIVISTA DELL’OSPITALITÀ ORGANO UFFICIALE FEDERALBERGHI
d’Italia
N. 18 Dicembre 2014
Lavoro
LE NOVITÀ
DEL CCNL TURISMO
Digital marketing
LE CAMPAGNE
PAY PER CLICK
HOTEL
DESIGN
• Dv Chalet Boutique Hotel & Spa
• Nun Relais & Spa Museum
• Formazione: Hotel Design Solutions
• Trend: Luxury Suites
HOTEL DESIGN FORMAZIONE
Hotel Design
Solutions
Si è da poco concluso il nuovo Corso di Alta Formazione
in HOTEL DESIGN SOLUTIONS. PROGETTARE
UNA STRUTTURA RICETTIVA DI SUCCESSO organizzato
da POLI.design, Consorzio del Politecnico di Milano
DI ANTONIA ZANARDINI
44
Turismo d’Italia
(
(
UNA NUOVA E STIMOLANTE PARTNERSHIP
Dal 2015 Turismo d’Italia sarà media partner del corso Hotel Design Solutions,
al quale dedicheremo una sezione fissa all’interno della rivista con contributi,
interviste, approfondimenti e report delle attività di questo stimolante e permanente
“laboratorio progettuale”. Una collaborazione di cui siamo molto orgogliosi,
e che segna solo una prima tappa di un percorso che a breve avrà anche interessanti
ricadute, sia con la stessa Federalberghi che con Fiera Rimini-SIA Guest.
Vi terremo aggiornati! (A.Z.)
Progetto Trasversale 3+3
di Ana Lorena Sterling,
Corrado Mirandola,
Giuseppe Fais, Luca Baio,
MariaChiara Mongelli,
Sara Cecilia Ferrari
M
ettere in relazione progettisti,
professionisti e produttori
dell’ospitalità, ma anche gestori
di strutture ricettive, con la
complessità del “Prodotto
Hotel”, superando le soluzioni consolidate,
proponendo diverse modalità di approccio e
soluzioni di progetto. È questo, in sintesi, l’obiettivo
del Corso di Alta Formazione in Hotel Design
Solutions. Progettare una struttura ricettiva di
successo, organizzato da POLI.design, Consorzio del
Politecnico di Milano, con il patrocinio di AIPi
Associazione Italiana Progettisti d'Interni. Un
approccio concreto, quindi, volto a comprendere le
problematiche di una macchina complessa come una
struttura ricettiva e a gestire il processo progettuale,
dalla definizione del brief allo sviluppo del concept,
fino alla valutazione dei costi e all’individuazione del
break-even point. Il tutto senza mai dimenticare
un’accurata indagine delle dinamiche che regolano il
rapporto tra committente e progettista e dei driver
capaci di trasformare la struttura ricettiva in una
struttura “performante”. Ne abbiamo parlato con i
protagonisti: Francesco Scullica, Condirettore
scientifico con Giuliano Simonelli, Gianpietro
Sacchi e Alberto Zanetta, rispettivamente
Direttore e Coordinatore del corso.
Si è da poco concluso il corso, quale bilancio
fate di questa nuova edizione?
GIANPIETRO SACCHI «Il bilancio è assolutamente
positivo. La struttura del corso ci ha permesso di
affrontare tutte le tematiche più importanti nella
progettazione, cioè quelle in grado di offrire una
risposta vicina alle reali esigenze degli imprenditori,
Turismo d’Italia
45
HOTEL DESIGN FORMAZIONE
Progetto Hurise
di Cosimo Perrone,
Flaminia Pacciani,
Francesca Ignani,
Georgia Guggiari
e Cinzia Diodati
creando un linguaggio comune tra i vari attori del
mondo dell’ospitalità: progettisti, docenti, aziende e,
appunto, operatori del settore. Dalle nuove
tendenze allo space planning, dall’individuazione dei
flussi clienti/personale all’applicazione delle ultime
tecnologie nell’ambito del trattamento dell’aria,
degli impianti antincendio e delle smart
technologies. Grande importanza è stata data anche
ai materiali e alle attrezzature».
Quali sono stati i temi al centro del corso?
FRANCESCO SCULLICA «Il progetto degli spazi
dell’hotel, sia con riferimento agli ambienti comuni
sia alle camere. Si sono trattate sia tematiche di tipo
progettuale che tecnologico, con implicazioni a
carattere economico gestionale. Oggi, infatti, l’hotel
è una “macchina” sempre più complessa che impone
un approccio globale, oltre la progettazione
“classica”, che si confronti con dimensioni diverse:
sociologia, economia, marketing, servizi, fino
alla “progettazione esponenziale”».
Quali gli esiti progettuali?
ALBERTO ZANETTA «Il Project Work creativo e
progettuale del corso ha previsto la trasformazione
virtuale di una location situata nella zona di Porta
Nuova a Milano, ovvero la trasformazione in hotel
della Diamond Tower – dal 18° al 26° piano –
progettata da Khon Pedersen. I progettisti sono stati
chiamati a confrontarsi con il progetto lavorando in
gruppi e seguendo le indicazioni dei docenti e delle
aziende partner. In meno di 20 giorni, quindi in
tempi brevissimi, che simulano di fatto il mondo
Il corso Hotel Design Solutions
ha l’obiettivo di mettere a confronto
tutti gli attori del mondo dell’ospitalità:
albergatori, manager, progettisti
e aziende del settore
46
Turismo d’Italia
della consulenza professionale, hanno sviluppato tre
concept differenti in linea con le più attuali
tendenze dell’ospitalità, inserendo i materiali
e i prodotti delle aziende partner, sino alla
presentazione finale del lavoro. Il nostro obiettivo,
quello di guidare i partecipanti a progettare in
modo etico, sostenibile, concreto, di aiutarli a capire
che il mondo è profondamente cambiato e che ha
bisogno del loro pensiero, è stato sicuramente
raggiunto! L’attuale periodo storico ci impone infatti
di tornare a essere rigorosi e pragmatici, senza mai
tuttavia abbandonare il sogno di realizzare spazi
unici e riconoscibili. In tutte le soluzioni presentate
si sono così creati ambienti mutevoli, capaci
di emozionare e intrattenere gli ospiti, garantendo
sempre esperienze diverse».
Perché un corso sulla progettazione di strutture
per l’ospitalità?
FRANCESCO SCULLICA «L’hotel è oggi una tipologia
centrale nell’ambito dei processi inerenti la
globalizzazione e al fatto che sempre di più siamo
tutti soggetti “in viaggio”, e conduciamo spesso
delle “vite mobili”. L’hotel però deve continuamente
aggiornarsi nello scenario contemporaneo: non è più
un’unica tipologia, ma possiamo parlare di molteplici
forme e formule alberghiere in continuo divenire.
L’obiettivo del corso è soprattutto quello di rendere
consapevoli i partecipanti – professionisti del settore
della progettazione ma anche gestori di strutture
ricettive – di questa nuova complessità dell’immobile
albergo, oltre le soluzioni consolidate, proponendo
diverse modalità di approccio e soluzioni
di progetto».
Come è strutturata l’offerta formativa?
ALBERTO ZANETTA «Il corso si sviluppa in due moduli:
il primo, di 80 ore, è rivolto ad architetti, progettisti,
albergatori, giornalisti e a chiunque voglia
approfondire queste tematiche, si sviluppa tra
lezioni frontali, esercitazioni, visite guidate presso le
aziende partner ed educational tour in locali
pubblici, hotel e spazi innovativi, in modo da
approfondire le caratteristiche, le funzioni e le
soluzioni progettuali adottate. Nel secondo modulo,
di 120 ore e rivolto più nello specifico ad architetti e
progettisti, si affronta un project work che permette
agli iscritti di esprimere le competenze creative
e progettuali acquisite durante il primo modulo».
Avete avviato partnership con il mondo
delle aziende?
GIANPIETRO SACCH «La partnership col mondo delle
Progetto Quinto elemento
di Mattia Capano,
Flavia Invernizzi,
Pietro Pedranzini,
Federico Turelli,
Alessandro Vergot.
I risultati di ricerca
e applicazione sviluppati
nel project work finale saranno
presentati ai media e al
mercato nell’ambito degli
eventi di POLI.design durante
le principali fiere di settore,
tra cui SIA Guest, Sigep, Forum
Piscine e Salone del Mobile
di Milano. I progetti integrali
sono visionabili sul sito
www.designaltaformazione.net
aziende è fondamentale per la buona riuscita
del corso. Tutto il cluster dei corsi Design Alta
Formazione trova un suo punto di forza proprio
in questa modalità. Anche in questa edizione
aziende quali Dornbracht, Alapè, Florim
Ceramiche, Extravega, Minus Energie, Durante
e Preamfono hanno affiancato, attraverso i loro
tecnici commerciali, i gruppi di lavoro in
maniera puntuale concordando con i progettisti
le scelte tecniche ed estetiche più idonee».
Il corso affronta anche aspetti gestionali
e operativi?
ALBERTO ZANETTA «L’83% dei giovani albergatori
ritiene necessario approfondire la propria
preparazione attraverso corsi di aggiornamento
inerenti il proprio business. È per questo motivo
che abbiamo deciso di consentire la
partecipazione al corso anche agli albergatori
e al management di settore, in modo da
favorire il dialogo fra architetti, progettisti,
aziende e prescrittori. Tutti i nostri corsi
guardano al mercato ben consci che gli
investimenti arrivano dove esiste una chiara
prospettiva di ritorno economico. Le nuove
funzioni delle aree comuni devono essere
Design for Wellness & Spa
Devi aprire o ristrutturare la tua
Spa? Vuoi comprendere le
dinamiche, le soluzioni pratiche
e l’importanza di un corretto
business plan, confrontandoti
con i migliori progettisti
ed esperti del settore? Puoi
trovare risposte e nuovi stimoli
frequentando il Corso di Alta
Formazione in Design for
Wellness & SPA organizzato
da POLI.design, Consorzio
del Politecnico di Milano e
dedicato alla Progettazione degli
spazi SPA e Wellness di Hotel,
Palestre e centri benessere. Tra i
docenti del corso, importanti
progettisti del settore, docenti
del Politecnico di Milano e
professionisti che svilupperanno
quindi occasioni di business e di vita per
la struttura. I trend del mercato turistico,
le strategie di promozione, i fattori critici
di successo, il marketing mirato e il
posizionamento, sino alla Swot Analisi e al
Benchmark del “Prodotto Hotel”, sono elementi
essenziali per la definizione di un buon concept
e vengono tutti affrontati durante le lezioni
perché solo una volta stabiliti il posizionamento,
la categoria e la tipologia della struttura, è
possibile definire quali aree di business includere
nel progetto e quale peso attribuirgli».
Quali opportunità e sbocchi professionali
offre il corso?
FRANCESCO SCULLICA «Parlando con alcuni
dei partecipanti alla fine del corso, per esempio
con alcuni progettisti con diversi anni di attività
alle spalle, questi hanno evidenziato
l’importanza di una “pausa”, anche se breve,
nelle loro attività, offerta da questa esperienza
didattica, per ripensare formule, metodi
di approccio progettuale e anche acquisire
nuovi strumenti tecnico-progettuali».
Per concludere, a quando la prossima
edizione?
GIANPIETRO SACCHI «La prossima edizione
di Hotel Design Solutions partirà nel mese
di ottobre 2015 e punteremo sempre più
sulla presenza in aula degli operatori del
settore. Ci auguriamo che la collaborazione
con Turismo d’Italia possa veicolare tutti i
contenuti per interessare il maggior numero di
albergatori possibile, costruendo la cultura del
progetto a favore del rilancio del comparto». temi imprenditoriali, tecnologici
e sociologici per una lettura
ampia e multidisciplinare
del settore. Il corso, infatti, ha
l’obiettivo di mettere a
confronto in aula tutti gli attori
del settore – albergatori,
manager, progettisti e aziende –
affrontando la complessità
del progetto nelle sue diverse
declinazioni: analisi, concept,
business plan; progettazione
e realizzazione degli interni;
arredamento, utilizzo di materiali
innovativi e studio del colore;
ruolo delle tecnologie luce
e audio; evoluzione del mercato
e nuovi trend.
Quando: dal 26.01 al 20.02 2015
Dove: POLI.design, Campus
Bovisa, Consorzio del Politecnico
di Milano.
www.polidesign.net/wellness-spa
www.designaltaformazione.net
Turismo d’Italia
47

Documenti analoghi