Rough Guides IN DETTAGLIO

Commenti

Transcript

Rough Guides IN DETTAGLIO
dieci – msji
undici – msji mbt
dodici – msji hai
tredici – msji ba
quattordici – msji bdn
quindici – msji lEm /nhEm
sedici – msji sáu
diciassette – msji bIy
diciotto – msji tám
diciannove – msji chín
venti – hai msji
ventuno – hai msji mbt
ventidue – hai msji hai
trenta – ba msji
quaranta – bdn msji
cinquanta – nEm msji
cento – mbt trEm
duecento – hai trEm
mille – mbt ngàn
diecimila – msji ngàn
Mangiare e bere
Termini e frasi utili
620
bat (nord); chen (sud) – ciotola
bao nhieu tien? – quant’è?
can chen (nord); can ly (sud) – salute!
chuc suc khoe – alla vostra salute
cop – tazza
da – ghiaccio
dung bo da cam on – niente ghiaccio, grazie
dua – bastoncini
G
RUE
RU E
TER
R.
ST
ER
M
R.
ST
ELL
OW
FELD
STR
STR
.
.
Bülowstr.
U
ZIMMERST R.
A LT
ANH TR.
S
NSTR
.
Deutsches
Technikmuseum
Berlin
HO
CKER
MÖ
Gleisdreieck U
.
BÜL
WIN
H
TR.
R S S
FE
R
UFE
R
Kochstr. U
Anhalter
Bahnhof
TW
PO
U Kurfürstenstr.
U
R ST
R
.
AME
TR
POTSD
EISENAC HER STR.
ZS
STR.
FLOT
.
TR.
STR
NGE
THI NER
KLU CKS
DA
R STR
.
LER
HIL
SC
DER FTLI
TS
R.
ST
STR
.
GEN
.
R.
TR
ES
ST
NK
G ER
RA
ER
NB
NÜ
R
NS
H ER
IC
Nollendorfplatz
R.
OT
EBERTSTR.
EG
W
EE
KS
OC
ST
SPR
.
TR
.
BA
CH
ST
R
OP
KL
SA
FA
LER STR.
JOACH IMSTA
BUNDESALLEE
SP
R.
Pesce, carne e verdure
ca – pesce
ca ran (nord); ca chien (sud) – pesce fritto
cua – granchio
luon – anguilla
muc – calamari
tom – gamberetti
tom hum – gambero
thit – carne
bit tet – bistecca di manzo
bo – manzo
ga – pollo
lon (nord); heo (sud) – maiale
vit – anatra
rau co o rau cac loai – verdure
cai bap – cavolo
ca chua – pomodoro
ca tim – melanzana
dau – fagioli
gia – germogli di fagiolo
khoai tay – patata
khoai lang – patata dolce
mang – germogli di bambù
ngo (nord); bap (sud) – granturco
rau xao cac loai – verdure fritte
sa lat – insalata
sa lat ca chua – insalata di pomodori
sa lat rau xanh cac loai – insalata verde
Dessert e frutta
it duong – un po’ di zucchero
lanh – freddo
nguoi an chay – vegetariano
toi khong an thit – non mangio carne né pesce
nong – caldo
rat ngon – delizioso
Riso e vermicelli
bun – vermicelli di riso cilindrici
banh ngot – torte e paste
duong – zucchero
kem – gelato o panna/crema
mat ong – miele
sua chua – yogurt
trai cay – frutta
buoi – pompelmo
cam – arancia
chanh – limone/limetta
chom chom – rambutan
chuoi – banana
dau tay – fragola
dua – noce di cocco
dua (nord); thom (sud) – ananas
dua hau – cocomero
du du – papaya
khe – carambola
mang cau (nord); qua na (sud) – anona, cuor di
bue
mang cut – mangostano
mit – jackfruit
nhan – longan
qua bo – avocado
sau rieng – durione
soai – mango
tao tay – mela
thang long – frutto del drago
vai – litchi
Varie
banh – torta (dolce o salata)
banh mi – pane
bo – burro
pho mat, fo mat o fromage – formaggio
lac (nord); dau phong (sud) – arachidi
muoi – sale
mut – marmellata
ot – peperoncino
tao pho (nord); dau hu (sud) – tofu
tieu – peperone
trung – uovo
trung om let o op lep – omelette
trung ran o trung op la – uova fritte
| La lingua
| La lingua
Un’avvertenza: per i numeri che finiscono con 5, dal 15 in avanti, nel nord si
usa lam, nel sud nham, invece della forma scritta nam. Tenete a mente inoltre
che un’alternativa per i multipli di 10 è chu.c; per esempio, 10 si può dire anche mô.t chu.c, 20 hai chu.c ecc.
bun bo – carne con vermicelli bun
bun bo gio heo – pollo, manzo e maiale con vermicelli bun
bun ga – pollo con vermicelli bun
chao o xhao – porridge di riso
com – riso cotto
com rang (nord); com chien (sud) – riso fritto
com trang – riso al vapore o bollito
mi xao – vermicelli fritti
pho – vermicelli di riso piatti, di solito in zuppa
pho bo chin – con manzo di media cottura
pho bo tai – zuppa di vermicelli con manzo poco cotto
pho co trung – con uova
CONTESTI
CONTESTI
domani – mai
ieri – hôm qua
ora, adesso – bây gij
la prossima settimana – tuDn tó’i
la settimana scorsa – tuDn vù’a qua
mattina – buci sáng
pomeriggio – buci chiWu
sera – buci tó’i
notte – ban Nêm
Numeri
zero – không
uno – mbt
due – hai
tre – ba
quattro – bdn
cinque – nEm
sei – sáu
sette – bIy
otto – tám
nove – chín
PA
D
BUN
KLIN
STR.
FRAN
TR .
HS
RC
MA
KNESBEC KSTR.
CA
ST RM
RA ER
SS
E
KNESBECKSTR.
STRAS SE
POIX
CAM
N
QUIN
ARTI
BO UR
RUE
ST-M
RUE
CHE
N
BO
BRIS
E-MI
N
RTI
E S
TRU
R ENA
R RD
DU
RU E
RE-D
PON
T NOT
BE AU
L
OPO
S TRUE
AME
T AU
PON
UHLA NDST
NIS
RUE S
T- D E
L
OPO
TIN
AST
MAR
SEB
S T-
DE
BD
QUIN
CAM
POI
RUE
RUE
NIS
ST-DE
RUE
RUE
MA
AIS
NN
DO
UR
BO
URS
NGE
CHA
AST
SEB
DE
BD
RUE
UN
E
E-O
PPO
RT
-ST
NDIE
R ES
R DES
R ST-DENIS
LAVA
IS
RGE
HA
DEN
R DEC
S T-
E DES
RU
PFALZBURGER
IL
RGUE
ONTO
RUE M
RGUEIL
OT
RUE MONTO
UR
PIERR
R MON
DETO
E LESC
VRE
LOU
UF
NE
RUE
DU
RS
SAUV
AL
VAUVRUE
ILLIE
RUE
EC
RUE
PROU DU
VAIR
ES
LE
ROU
RUE DE
L'ARBRE-S
DU
NT
RUE
PO
C
-SE
AIE
NN
BRE
DU
MO
LA
L'AR
DE
E
DE
RUE
RU
RUE
UF
NE
NT
.
SC
GE
U
HALL E
SCH
Möckernbrücke
ES
UFE
R
STR.
RST
LDSTR
.
BER
.
TR
NS
RFE
STR
E
ÖN
AN
NACHODSTR.
W I NTE
N I ED E R K I R C HN E R S T R .
Haus am
Martin-Gropius-Bau
Checkpoint
Topographie
Charlie
des Terrors E R
MSTR.
TR. FUGGE
M
U
ET
FRIEDRICH
FUGGERS
Viktoria-Luise-Platz
PI
WILHEL
POHL
.
STR.
R.
ELMST
WILH
.
RGSTR
S TR.
GEISBE
REGENSBURGE
R
CHA R L OTTEN
UR G E R STR
.
CH
L
NB
Spichernstr.
ZOW
PE
letto singolo – gisjng mbt ngsji
letto doppio – gisjng Nôi
aria condizionata – máy lHnh
ventilatore (elettrico) – quHt máy
zanzariera – cái màn
carta igienica – giCy vT sinh
telefono – NiTn thoHi
lavanderia – quDn ào do’
coperta – chEn (nord); mWn (sud)
aperto/chiuso – mh cra/Nóng cra
73
LINGUA '
Pronuncia, numeri, termini ed espressioni
utili per capire e farsi capire in viaggio, in
albergo, al ristorante...
S T R.
LÜT
MEHRINGPLATZ
BERLINO CENTRO-OVEST
¶
MAPPE A COLORI
di quartieri, mezzi di
superficie e metropolitane
per le guide delle città
Ora
Che ora è? – mCy gij rji?
mezzogiorno – buci trsa
mezzanotte – nra Nêm
minuto – phút
ora – gij
giorno – ngày
settimana – tuDn
mese – tháng
anno – nEm
oggi – hôm nay
TEN
R EI
R
E R UFE
T EM
È troppo caro – NÉt quá
Avete qualcosa di più economico? – ông/bà
còn gì rX ho’n không?
Può portarmi il conto, per favore? – làm o’n tính
tiWn?
camera con balcone – mbt phòng có bao lo’n
camera con bagno privato – mbt phòng tÉm
riêng
economico/caro – rX/NÉt
camera singola – phòng mbt ngsji
camera doppia – phòng hai ngsji
F Ü RS
TR.
FREIDRICHSTR.
ISTS
Staatsbibliothek
Neue
Nationalgalerie
S C H Ö NE B ERG
TR.
M
SE
RE
ST
KLE
TR.
Wittenbergplatz
M
li, con colonne corinzie e gallerie circolari. La chiesa è piena di storia: durante la Comune, dal pulpito una donna “predicò” l’abolizione del matrimonio; Molière vi fu battezzato; Rameau e Marivaux vi furono sepolti. Le cappelle laterali contengono significative opere d’arte, tra cui, nella decima cappella dell’ambulacro, un’opera giovanile di Rubens (I pellegrini a Emmaus) e, nella sesta cappella del lato nord, la scultura marmorea di Coysevox per la tomba di
Colbert, il ministro delle Finanze di Luigi XIV. Nella Chapelle Saint-Joseph,
un rilievo naïf del britannico Raymond Mason, intitolato The Departure of
Fruit and Vegetables from the Heart of Paris, 28 February 1969 (Il commiato
di frutta e verdura dal cuore di Parigi, 28 febbraio 1969), racconta la storia recente
della zona. Di fianco si può ammirare un trittico in bronzo, La Vie de Christ (Vita di Cristo), uno degli ultimi lavori di Keith Haring. Nella chiesa si tengono
spesso concerti d’organo.
Sull’altro lato di Les Halles, la Fontaine des Innocents attira una gran folla, che ama guardare (e ascoltare) l’acqua che scende a cascatelle lungo la
KUR
Matthäuskirche
R
WS
MS
U
Augsburger Str.
HEL
STR
.
TZO
R
ZIEN
UFE
LÜ TZOWUFER
LÜ
Mohrenstr.
U
Luftfahrtsministerium
STR.
LEIPZIGER
S Potsdamer Platz
Museum für
Kommunikation
FE
NT
Hôtel de
Ville
M
Hôtel de
Ville
Hôtel
de Ville
R.
U
TR
U
Museo della
Resistenza
R E I CHPI E T S CH
BauhausArchiv
ST
WIL
R
A NN
BEHRENSTR.
Französische Str. U
Führerbunker
HU
ZE
HM
SC
P E RST R .
ET
STE
IC
UNTER DEN LINDEN
S
POTSDAMER
P L AT Z
Kupferstichkabinett
STR.
IE
W
U
T I E R G A R T E N S T R . Gemäldegalerie
L OW
ER
LI
APE
Europa-Center
PARISER
PLATZ
BÜ
RR
i
TAUE
200 m
Unter den Linden
.
PL
DE-L'HÔTELDE-VILLE
VE
BUD
ESTER S
TR.
0
Percorso
dell’ex
Muro
..
E N T L A S T UN G S TR
O LI
LA
R
P O M Châtelet
M
P I
D
O
U
E D
E
FE
-U
RI V
Théâtre VIC Hôtel deM
TO RIAVille
de la Ville
DE GE
S U RE
V O
S
I E
G
RU
al
STR.
IE
rkan
SCHEIDEMANNSTR
JOHN-FOSTER-DULLES-AL
LEE
Philharmonie e
MusikinstrumentenMuseum
Kunstgewerbemuseum
LHÖFER
RI
RER
weh
KLINGE
ER
VER
Land
Zoologischer
Garten
(Zoo)
Bundestag
(Reichstag)
Haus der
Kulturen
der Welt
a
Tiergarten
EE
-M
LA
re
Sowjetisches
Ehrenmal
Brandenburger
Tor
DES 1 7 JUNI
STRAS SE
GERALL
Palais de
Justice
ST
E DE
Sp
Fiume
HOFJÄ
72
300 m
RU
UE
0
RUE
DS
Tour
Saint-Jacques
Châtelet
M
QUAI
PL I.
STRAVINSKY
CHER
IRCAM
BAR
C’è un labirinto di stradine da esplorare tra la Fontaine des Innocents e place
du Châtelet. La piazza, dove un tempo sorgeva una famigerata fortezza-prigione
e che oggi è invece congestionata dal traffico, è dominata da due grandi teatri,
il Théâtre Musical de Paris e il Théâtre de la Ville. Sul quai, il cui nome
(Mégisserie) fa riferimento alla concia delle pelli degli animali durante il medioevo, quando questa zona era il luogo dei macelli, si vendono oggi piante e
animali domestici. Proseguendo sul lungofiume verso il Louvre, i tre isolati
della Samaritaine (lun-sab 9.30-19, gio fino alle 22) ricordano i giorni in cui
criteri estetici e non commerciali determinavano l’arredo di un grande magazzino. L’edificio, oggi completamente restaurato, venne eretto nel 1903 in puro stile Art Nouveau. Gli esterni, dove dominano le belle vetrate, sono dorati
e verdi, mentre l’interno è caratterizzato da scalinate in ferro battuto dai colori luminosi e balconi con caratteri floreali. La vista dal tetto (prendete l’ascensore fino al nono piano nel Magasin 2 e fate due rampe di scale a piedi) è
particolarmente affascinante, trattandosi del punto panoramico più centrale
della città.
�
EV
PL DU
CHATELET
Centre Pompidou Rambuteau
M
(Beaubourg)
Châtelet
STR.
LL
M
E
a
EAU
ISER
.
S e nn
K
BUT
PA R
TR
AV
DA MM
SCHA
SE
H S TRAS
IGKIRC
R.
Siegessäule
U Zoologischer
S Garten
Kaiser-WilhelmGedächtniskirche
R.
U Uhlandstr.
OS
Théâtre du
Châtelet
LE BOU
LOM
St-Merri
DE
RST EN
ST
.
BUDAP
O TT
AI
DE
P O
LA
M P
ME 6
GIS
I D
O U
SE
RI
L'HORLOGE
RAM
S TR
U
ER
LUDW
PASS
MOL AGE
IÈRE QUARTIER DE
EN
Kurfürstendamm
EI
QU
REY
KU RFÜ
A ER
| Châtelet
RU E
DES
ST
KätheKollwitz-Museum
RUE
R AUB
RUE
RG
KANTSTR.
STR.
LIETZEN BU RGER
struttura rinascimentale perfettamente proporzionata della fontana. La fontana prende il nome del cimitero che un tempo era sito qui, il Cimetière des
Innocents. Il cimitero, ormai saturo, fu chiuso nel 1786 e i morti qui seppelliti furono trasferiti nelle catacombe di Denfert-Rochereau (vedi p. 154).
N
OTTO-LUDWIGSTR.
M
PL STEOPPORTUNE
ES
G
GER
ERIE
LL
J
V O
I E
BER
Fontaine des
M R
Innocents
UE DE
LA FER
RONN
Rooftop Terrasse
Pont Neuf M
N
Châtelet
BE
ON
Neuer
See
Bahnhof
Zoo
EN
BE
SAVIGNY
PLATZ
NOLMA E
GR RASS
ST
H
Châtelet M
Ernst-Reuter-Platz
RD
RUE
G
HA
OL I
S
RIV
Samaritaine
U
S
RISTORANTI
Le Gros Minet
F
L’Ostréa
D
Au Pied de Cochon
C
La Robe et le Palais
J
La Tour de Montlhéry
(Chez Denise)
E
La Victoire
R DU Suprême
du Cœur BOURG L'AB
H
BÉ
CAFÉS E BAR
A la Cloche des Halles A
Le Cochon
à l’Oreille B
R A
UX
O U R de la
Self-Service
SR GREN
Samaritaine IER ST LAZA I
RE
Le Sous-Bock
G
Au Trappiste
K
N
Hansaplatz
A LT
S Tiergarten
17 JUNI
STRA SS E DES
E R N S TREUTERP L AT Z
Savignypl.
EAU
IE
N
R
Châtelet/
Les Halles
4
E DE
I
BUT
PORTE PIERRE-LESCOT
RUE
DE LA
COSS
ONER
3
ER
FE
1er
RAM
RUE
PRECH DES
EURS
R
PORTE BERGER
RU
5
F
NORÉ
DE
St Germain
L'Auxerrois
R.D.
GERM PRÊT
. AUXRES STERRO
IS
E
VE
ST TZ OW
R.
-
UF
EI
NU
T- H O
Forum
des Halles
PORTE PONT
NEUF
2
FRAUN
HOFER
STR
.
LE
U
LZ
EI
SAIN
RUE
Halles
GER
SA
ST
RE
D
FER
INU
NOLMA E
GR RASS
ST
ART
RU
E
M
LouvreRivoli
PORTE DU
LOUVRE
BER
STE
GRANDS BOULEVARDS, I PASSAGES E LES HALLES
NTM
RUE
RUE
SA LZU
EIN
FER
GUER
ICKE
STR
ASS
E
HA
LES HALLES
E CHÂTELET
�
| Les Halles
MAPPE DETTAGLIATE '
zona per zona. Con indicazione dei
monumenti, luoghi di interesse, alloggi,
bar e ristoranti
vanta, da quelli sui gangster irlandesi (State of Grace – Stato di grazia) a quelli sui bulli dei quartieri
ebrei (Amongst Friends) e sul mondo delle bande di
colore (New Jack City). The Yards (2000), sempre di
Gray, descrive altrettanto spietatamente la corruzione a Queens.
Metropolitan (Whit Stillman, 1990). Lontano dal razzismo, dal crimine e dalla realtà dei senzatetto, un
gruppo di debuttanti e di giovani aristocratici si incontrano sotto Natale nell’Upper East Side e affrontano, con inatteso ardore, alcune delle problematiche sociali che “disturbano” il loro mondo, ad esempio dove andare a comprarsi uno smoking, comportandosi come se gli anni Ottanta del XX secolo (in
realtà potrebbe trattarsi anche del 1880) non si fossero mai conclusi.
Six Degrees of Separation (Sei gradi di separazione, Fred Schepisi, 1993). Brillante e accattivante adattamento della fortunata commedia di John
Guare in cui un giovane di colore, che occupa un ricco appartamento dell’Upper East Side e sostiene di
essere il figlio di Sidney Poitier, diviene l’elemento
scatenante per un esame spassionato sulla realtà sociale e sulle differenze razziali, che ancora dividono
una città come New York.
Smoke/Blue in the face (Wayne Wang, 1995). Due ALLOGGIO
3
film brillanti e seducenti, scritti dal romanziere Paul Agora
Hôtel du Palais 6
Auster: una serie di storie che si dipartono tutte dal Relais du Louvre 5
PASSA
GE DU
GRAN
RUE 4
D CERF
negozio di tabacchi di Harvey Keitel, a Brooklyn. Due Hôtel St-Honoré
TIQU
ETO
Tiquetonne
1
NNE
splendidi mosaiciAsu come, in un mondo daSE AUfavola, Vauvilliers
2
US
1
B
RO
RU
Etienne
dovremmo tutti andare
d’amore e d’accordo.
R. ETIE
O
J.
E
NNE Marcel TUR BIG
J.
UR
JO
The Thomas Crown Affair (GiocoRUaE due, John McM MA
DU
DE
RCE
Saint-Eustache
C O Q delC1968,
con PierTiernan, 1999). Remake del film
L
RUE
UIL
E
LIE
R E Crown,
RU
Bourse
Rece Brosnan nel ruolo
del facoltoso
PORTE mr.
RUE
du Commerce
DU JOUR
DU
RUE
ne Russo in quello di investigatrice delle assicuraRAM
CYGN
E
PORTE ST- B U T E
Les
A U 469
R DE
EUSTACHE
zioni e il Metropolitan Museum of Art come set priPORTE M Halles
LA GRDE
RAMBUTEAU
TRUA
Jardin
NDER
vilegiato.
IE
des
MO
The 25th Hour (La 25ª ora, Spike Lee, 2002). Lee
riempie il film (la trasposizione dell’eccellente romanzo d’esordio di David Benioff) con un cast eccezionale, a partire da Ed Norton, Philip Seymour
Hoffman e Anna Paquin. La storia narra di un trafficante di droga (Norton) e della sua ultima giornata
da uomo libero.
Bad Lieutenant (Il cattivo tenente, Abel Ferrara,
1992). Quasi ogni pellicola di Ferrara, da Driller Killer a The Addiction, si merita un posto nella lista dei
grandi film su New York, ma questo in particolare
sembra quasi un piccolo e personale omaggio a
Manhattan. Un viaggio attraverso i gironi dell’inferno, con Harvey Keitel nella parte di un Dante metropolitano e depravato.
In America (Jim Sheridan, 2003). Sheridan scrisse
questo racconto autobiografico su una famiglia di immigrati irlandesi che giunge a New York con la collaborazione delle due figlie, intorno al 1980; anche
nei momenti più deboli, la tenerezza e l’intimità che
pervadono la storia sono incantevoli. A parte gli anacronismi, il film rende l’atmosfera della Manhattan
anni Ottanta.
Kids (Larry Clark, 1995). Il miglior film estivo dall’epoca di Do The Right Thing (Fa’ la cosa giusta) e
altrettanto controverso. Un ritratto sopravvalutato
di un gruppo di giovani amorali, presumibilmente i
tipici adolescenti che si ritrovano nelle strade dell’Upper East Side, a Washington Square Park e nella piscina di Carmine Street in una afosa giornata
di pazzia.
Little Odessa (James Gray, 1995). Tim Roth interpreta la parte del figliol prodigo che torna a Brooklyn:
sobrio e splendido racconto su Brighton Beach e su
Coney Island, due aree in mano alla mafia russa. È
solo uno dei tanti film sulle diverse mafie newyorchesi che caratterizzano il cinema degli anni No-
§ CONTESTI
Letture consigliate, arte, storia, musica,
cinema... Per scoprire sempre qualcosa in
più sulla meta del proprio viaggio
RUE
gli aerei che cercano di abbatterlo, mentre tiene letteralmente in pugno Fay Wray.
Manhattan (Woody Allen, 1979). Un capolavoro in
bianco e nero sulla classe intellettuale medio-borghese della metropoli americana, sulle sue paranoie,
sul suo stile di vita e sulle sue storie d’amore, rese ancora più intense dalla colonna sonora di Gershwin. Il
miglior tributo alla città che sia mai stato realizzato.
On the Town (Un giorno a New York, Gene Kelly e
Stanley Donen, 1949). Tre marinai, imbarcati su una
nave della U.S. Navy ancorata nel porto di New York,
hanno 24 ore di licenza e sono dibattuti tra il visitare la città o l’andare a caccia di ragazze. Questo esilarante film è un classico del musical. Interpretato da
Gene Kelly, Frank Sinatra e Ann Miller, contiene la memorabile scena girata al Museum of Natural History.
Fu il primo tentativo di far uscire il musical dagli studios per portarlo nelle strade. Brillante, cinico e satirico, con numeri di gran classe.
On the Waterfront (Fronte del porto, Elia Kazan,
1954). Immagini indimenticabili di New York come
la piccionaia di Marlon Brando all’alba e gli appannati scorci della baia di New York (per la verità il film
è stato girato Hoboken, dall’altra parte del fiume) si
ammirano in questo film. La storia, memorabile e
struggente, racconta di uno scaricatore di porto alle prese con la corruzione all’interno del suo sindacato.
New York moderna
GRANDS BOULEVARDS, I PASSAGES E LES HALLES
468
Breakfast at Tiffany’s (Colazione da Tiffany, Blake
Edwards, 1961). È in assoluto il più affascinante e il
più amato tra i film che celebrano storie d’amore a
New York. Vede una Audrey Hepburn impegnata nel
ruolo della goliardica Holly Golightly, una donna che
cerca di destreggiarsi nel luccicante ambiente mondano dell’Upper East Side. Per tutta la pellicola la
Hepburn e George Peppard corrono su e giù per le
scale antincendio dei palazzi di Manhattan, fanno un
salto sulla Fifth Avenue, offrendo così l’occasione
per una bella inquadratura della biblioteca e, ovviamente, della nota gioielleria.
Do the Right Thing (Fa’ la cosa giusta, Spike Lee,
1989). Ambientato nelle 24 ore del giorno più caldo
dell’anno a Brooklyn, nella zona popolare di Bed-Stuy
(una giornata in cui il simbolico calderone dove si
fondono tutte le etnie metropolitane raggiunge il
punto di ebollizione), il vivace capolavoro di Spike Lee
passa dal comico al tragico creando una ballata epica di New York, che migliora a ogni successiva visione del film.
King Kong (Merian C. Cooper e Ernest B. Schoedsack,
1933). Un gorilla gigante, trovandosi lontano dalla
giungla in cui è vissuto, arrivato nelle poco ospitali
strade di New York, si lascia prendere da un istintivo
furore. Di questo film è diventata mitica almeno una
scena: quella in cui King Kong è aggrappato alla punta dell’Empire State Building, schiacciando a manate
bile viaggio lungo la notte, realizzato magistralmente dal grande reporter delle zone più malfamate della città, oltre che il più grande regista di New York:
Martin Scorsese. La sua New York è allucinante, seducente e, al tempo stesso, repellente, vissuta attraverso la superba rappresentazione dell’ossessionato e disadattato Travis Bickle (De Niro).
West Side Story (Robert Wise e Jerome Robbins,
1961). Sesso, canzoni e Shakespeare in un musical
movimentato (preso in prestito da Broadway) e dalle tinte forti, con un oscar all’attivo. Racconta le rivalità tra bande di strada. Nella zona dove gli Shark
e i Jet erano soliti scorrazzare e in cui nacque e finì
tragicamente una storia d’amore interrazziale, adesso sorge il Lincoln Center.
| New York nei film
| New York nei film
I dieci grandi film su New York
Shadows (Ombre, John Cassavetes, 1960). Cassavetes più tardi si sposterà a ovest, ma il film del suo debutto è una delle pellicole newyorchesi par excellence. Una melodia new wave sul mondo dei suonatori di
jazz, dei giovani amori e dei pregiudizi razziali, girato
con verve e passione a Central Park, nel Greenwich Village e persino nel cortile delle sculture del MoMA.
The Sweet Smell of Success (Piombo rovente,
Alexander Mackendrick, 1957). Broadway come un
covo di vipere. Burt Lancaster, un cronista mondano,
Tony Curtis, un addetto stampa senza scrupoli, si alleano in questa analisi cinica della corruzione dello
showbiz. Girato in bianco e nero a Times Square e
nella Great White Way.
Taxi Driver (Martin Scorsese, 1976). Un intermina-
CONTESTI
CONTESTI
Con il suo mitico skyline, le strade povere e le eleganti avenue, la sua inesauribile energia e l’atteggiamento cosmopolita, New York City è una star cinematografica per natura. Dall’epoca del muto, con le trepidanti storie di giovani
amanti atterriti dalla grande città, attraverso il periodo del noir, negli anni
Quaranta, quando le strade erano davvero povere, fino al Lower East Side degli anni Ottanta e Novanta, New York – perfetto palcoscenico sia per romantiche storie d’amore che per thriller nichilisti – è la città probabilmente più
filmata dal cinema, o almeno una delle più immediatamente riconoscibili. La
versatilità di New York è eguagliata dalla vitalità degli sceneggiatori, accompagnati da uno spirito intraprendente, eccentrico e indipendente, come John
Cassavetes, Jim Jarmusch, Shirley Clarke, Spike Lee e Martin Scorsese, e da
grandi registi come Woody Allen e Sidney Lumet, che detestano dover girare
altrove.
Quella che segue è una selezione non solo dei migliori film girati a New York,
ma soprattutto di quelli più caratteristicamente newyorkesi. Si tratta di pellicole che hanno saputo catturare l’atmosfera della città, il suo pulsare e il suo
stile; pellicole che hanno celebrato la diversità dei suoi tanti aspetti e ne hanno raccontato le sorti alterne; pellicole che sono state anche in grado di dare
un’idea molto precisa di cosa ci si può aspettare una volta arrivati in città.
PO
New York nei film
CA
Rough Guides IN DETTAGLIO
Bevande
bia – birra
ca phé – caffè
ca phé da – caffè ghiacciato
ca phé den – caffè nero
ca phé den khong duong – caffè nero senza
zucchero
ca phé nong – caffè caldo
ca phé sua – caffè con latte
ca phé sua nong – caffè con latte caldo
tra – tè
tra voi chanh – tè con limone
tra sua – tè con latte
khong da – niente ghiaccio
nuoc – acqua
nuoc khoang – acqua minerale
nuoc so da – seltz, acqua frizzante
nuoc cam – succo d’arancia
nuoc chanh – succo di limetta
621

Documenti analoghi