Diapositiva 1 - Scuola Media Pio X Artigianelli

Commenti

Transcript

Diapositiva 1 - Scuola Media Pio X Artigianelli
LA
IBERICA,
PORTA
DELL’EUROPA
LA PENISOLA
REGIONE IBERICA,
PORTA
DELL’EUROPA
– PROF. MATTEO BIAGI, II A –A.S. 10-11
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
1
Dal punto di vista
politico, quasi
l’85% della
penisola
appartiene alla
Spagna, che
possiede, però,
come vedremo,
isole al di fuori
della penisola
stessa. Il
Portogallo è il
secondo stato
iberico;
completano il
quadro….
Il micro-stato pirenaico di Andorra (meno di 500 Kmq)
e la colonia britannica di Gibilterra.
Appartengono alla Spagna, invece, le
città di Ceuta eScuola
Melilla,
in territorio
Media Pio X Artigianelli
africano, entro i confini
delBiagi
Marocco.
Prof. Matteo
2
Tra tutte
le
Penisole
Europee,
quella
iberica è:
1) LA PIU’ OCCIDENTALE, PROTESA VERSO L’AMERICA
2) LA PIU’ MERIDIONALE, PROTESA VERSO L’AFRICA
3) LA PIU’
TOZZA
(coste poco
Articolate)
4) LA PIU’
PENINSULARE,
con un istmo di
soli 435 km
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
3
LA SPAGNA
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
4
La Spagna confina a
nordest con la Francia e lo
Stato di Andorra. A sud
confina con Gibilterra
(colonia dell'Inghilterra);a
ovest confina con il
Portogallo . Nel
continente africano
tramite i territori di Ceuta
e Melilla confina con il
Marocco.
Come si vede dalla foto
satellitare, quasi metà
del territorio spagnolo è
occupato da un vasto
altopiano semiarido,
chiamato Meseta (tavola
in spagnolo)
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
5
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
6
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
7
Questo altopiano è
percorso centralmente
da alcune catene di
monti, i cui nomi sono
facilmente leggibili sulla
carta, e circondato per
tre lati (tranne il lato
ovest, verso il Portogallo)
da montagne.
Le due catene montuose principali della Spagna sono, da
Nord a Sud, …
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
8
I Pirenei, la cui cima più alta è il PICO DE ANETO (nella diapositiva, m. 3400 circa),
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
9
E la Sierra Nevada, nel Sud, che ospita il monte più alto della Spagna, il Mulhacèn (3478m).
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
10
Le pianure occupano soltanto l’11 % del territorio: la più importante è la pianura dell’Andalusìa,
nel Sud, che si affaccia sul golfo di Cadice, sull’Oceano Atlantico
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
11
I fiumi sono per lo più a carattere torrentizio. I più importanti sono l’Ebro, che divide i
monti Iberici dai Pirenei e che sfocia nel mar Mediterraneo ,
(Nella foto, l’Ebro a Miranda de Ebro, vicino a Saragozza)
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
12
Il Guadalquivir, che attraversa Cordoba e Siviglia e sfocia nell’oceano. Altri fiumi rilevanti sono il
Tago e il Duero, che terminano il loro corso in Portogallo, e il Guadiana, che nella parte
terminale è il confine naturale tra i due paesi. Nella foto, il Guadalquivir a Siviglia.
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
13
Le coste della Spagna sono di aspetto diverso a seconda delle zone. La costa atlantica,
soprattutto nel tratto galiziano, è caratterizzata da profonde insenature dette rìas, valli fluviali
in cui si insinua il mare. La più bella delle rìas galiziane è la ria de Arousa, che vedremo nella
prossima diapositiva.
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
14
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
15
Nella costa atlantica del Nord, i monti arrivano a picco sul mare. Nella foto Cudillero, un paesino
delle Asturie affacciato sul mare, anche se non si direbbe. Ne volete una prova? In primo piano,
la Lonja de Pescado, il locale mercato dove i pescatori vendono ogni giorno il pesce fresco.
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
16
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
17
La costa mediterranea è invece per lo più bassa e sabbiosa, e dà luogo a paesaggi
umanizzati molto differenti, come si può notare confrontando la diapositiva
precedente (Costa Brava) e questa (Benidorm, vicino a Valencia)
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
18
La Spagna possiede numerose
isole: le più importanti si
raggruppano nell’arcipelago
delle Baleari, nel Mediterraneo
(Maiorca, Minorca, Ibiza e
Formentera) e le Canarie, sette
isole di natura vulcanica. Le
Canarie hanno un clima secco.
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
19
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
20
IL CLIMA SPAGNOLO
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
21
La Spagna ospita la sola zona europea realmente desertica. Si tratta del deserto di
Tabernas, roccioso. Curiosità: il deserto di Tabernas…
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
22
È servito come set di moltissimi film western girati in Europa. Nella foto, l’ormai
deserto set cinematografico chiamato TEXAS HOLLYWOOD
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
23
LA STORIA DELLA SPAGNA, in breve
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
24
Il primo insediamento di un
certo rilievo è quello dei
Celtiberi, popolazione
celtica stanziata
nell'antichità, a seguito di
varie ondate migratorie,
nella Penisola iberica.
Nella foto, Un Bronzo di
Botorrita, tra le più
importanti testimonianze
della lingua dei Celtiberi.
Risalenti al I secolo, sono
redatti in alfabeto iberico.
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
25
Il territorio spagnolo, lungo le cui coste i Fenici e i Greci avevano fondato numerose colonie,
venne conquistato fino all'Ebro dai Cartaginesi e poi dai Romani, che vi diffusero la lingua e la
civiltà latina. Nella foto, l’acquedotto di Segovia.
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
26
Nella foto la
Mezquita di
Cordoba,
l’unico
edificio
religioso al
mondo ad
essere stato
moschea,
sinagoga e
cattedrale
cattolica.
Crollato l'impero di Roma vi giunsero i vandali, creando per breve tempo un regno nell'Andalusia
e i Visigoti, che estesero il proprio dominio su tutto il paese e abbracciarono il cattolicesimo.
Scuola Media Pio
X Artigianellitestimonianze della loro civiltà.
Nel 700 fu la volta degli Arabi, che vi lasciarono
splendide
27
Prof. Matteo Biagi
Proprio da queste, gli spagnoli iniziarono la " Reconquista " del Paese, respingendo
progressivamente gli invasori; la totale liberazione e l'unificazione della Spagna avvenne
solo nel 1492; da allora il nuovo Stato si avviò a diventare una delle maggiori potenze
europee e mondiali.
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
28
Con i grandi viaggi di esplorazione i conquistadores spagnoli crearono un immenso
impero coloniale che per oltre tre secoli rifornì la madrepatria di ingenti ricchezze, ma
queste non vennero adeguatamente impiegate per sviluppare l'economia nazionale, e
quando le colonie si resero indipendenti la Spagna cadde in una grave crisi economica .
Oltre a cio' i suoi sovrani parteciparono a tutte le guerre che travagliarono il nostro
continente negli ultimi secoli, e cio' non fece che aggravare la situazione. Nella foto,
l’Escorial, la sontuosa reggia di Filippo II
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
29
Dopo secoli di
decadenza, nel 1931
viene proclamata la
Repubblica. Tuttavia,
dopo una sanguinosa
guerra civile,
ricordata nel celebre
dipinto di Pablo
Picasso – Guernica - nel 1939 il generale Francisco Franco,
amico di Hitler e Mussolini, instaura una dittatura che dura
fino al 1975.
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
30
Da allora la Spagna ha iniziato un periodo di rapido sviluppo economico e sociale; dal
1986 fa parte dell’Unione Europea ed ha fatto parte, dall’inizio, dell’area Euro.
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
31
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
32
La Spagna ha circa 43 milioni di abitanti.
Non è uno stato nazionale.
La popolazione spagnola presenta una
forte mescolanza etnica dovuta a
invasioni, migrazioni e dominazioni.
Nonostante i processi di omologazione
nazionale, avviati dallo stato unitario sin dal
XV secolo, che hanno sancito il predominio
dell’elemento castigliano, alcuni gruppi
etnici hanno mantenuto sino a oggi le loro
peculiarità etnico-linguistiche: è il caso
soprattutto dei baschi, che vivono nel nordest della Spagna, ma anche dei galiziani e
dei catalani, che vantano una specificità
culturale, storica e linguistica rispetto al
gruppo dominante, quello castigliano. La
composizione etnica della popolazione
spagnola è la seguente: spagnoli (74%),
catalani (16%), galiziani (8%), baschi (2%)
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
33
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
34
Le città della Spagna
LE CITTA’ DELLA
SPAGNA
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
35
La capitale spagnola, Madrid, sorge sulle rive del Manzanàr.
Ospita splendidi giardini e grandiosi edifici. Nella foto, la Plaza
Mayor
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
36
la Puerta del Sol
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
37
La Gran Via, la strada dei teatri
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
38
Il Palazzo Reale
Il palazzo reale, …
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
39
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
40
Madrid ospita uno dei musei più visitati al mondo, il Museo del Prado, ricco di collezioni di
pittura e scultura. Nella foto, la Maya Desnuda, dipinto di Francisco Goya (1746-1828), il quadro
più celebre tra quelli esposti al Prado.
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
41
Barcellona, seconda città della Spagna e capitale
della Catalogna, ha uno dei porti più attivi
d’Europa. Dal punto di vista artistico, oltre al
quartiere gotico impreziosito dalla splendida
cattedrale e da angoli magici, deve la sua attrattiva
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
42
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
43
PLACA REIAL (PIAZZA REALE)
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
44
All’opera dell’architetto Gaudì,
vissuto tra 1800 e 1900. A lui si
devono la
Sagrada Familia, i cui lavori
termineranno probabilmente nel
2026 ma che il 7 novembre 2010 è
stata consacrata da papa Benedetto
XVI,
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
45
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
46
Edifici stravaganti come la Casa Battlò, sulla sinistra, e la Pedrera, sulla destra,
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
47
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
48
Il fiabesco Parco Guell
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
49
La via più celebre di Barcellona è la Rambla, strada costituita da due carreggiate laterali ed
una vasta area pedonale al centro, alberata.
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
50
La Rambla è celebre ed amata dagli
abitanti di Barcellona e dai turisti
perché sempre animata e frequentata
da artisti di strada. Lungo la Rambla si
trova anche il coloratissimo mercato
della Boquerìa.
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
51
Terza città della Spagna è Valencia, con le sue modernissime costruzioni. Nella foto, la
Città della Scienza, realizzata dall’architetto Santiago Calatrava.
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
52
Antico e moderno si fondono in tutta la Spagna: a Bilbao si visita il Museo Guggenheim,
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
53
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
54
A Toledo, l’antica capitale, l’intero centro storico,
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
55
A Granada la cittadella araba dell’Alhambra, uno dei monumenti più visitati al mondo.
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
56
A Santiago de Compostela la Cattedrale. Santiago è una delle mete più
importanti al mondo di turismo religioso; è l’approdo finale di un pellegrinaggio a
piedi…
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
57
Chiamato Camino de Santiago
Il Cammino di Santiago di Compostela è il lungo percorso che i pellegrini fin dal Medioevo intraprendono,
attraverso la Francia e la Spagna, per giungere al santuario di Santiago di Compostela, presso cui sarebbe la
tomba di Giacomo il Maggiore. Le strade francesi e spagnole che compongono l'itinerario sono state
dichiarate Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO.
Il simbolo più importante e famoso del Cammino di Santiago è senza dubbio la
Conchiglia o Concha. La Concha in passato testimoniava l`avvenuto pellegrinaggio, in
quanto si trovava in abbondanza nelle spiagge della Galizia. Solo riportare una
Scuola Media Pioprovava
X Artigianelli
Conchiglia di San Giacomo, o Cappasanta,
che si era giunti alla meta.
58
Prof. Matteo Biagi
Meta di turismo culturale è la Mancha, regione nel cuore della
Meseta, in cui i lettori di Cervantes vanno alla ricerca dei mulini a
vento scambiati per giganti da Don Chisciotte.
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
59
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
60
L’ECONOMIA SPAGNOLA
IL SETTORE PRIMARIO
L’agricoltura segue, com’è ovvio, il clima:
-patate, barbabietole da zucchero, ortaggi, mele al Nord
- cereali nella Meseta
-Vite, olivo e agrumi nella zona mediterranea
IL SETTORE SECONDARIO
Come si è detto, l’industria si è sviluppata di recente, soprattutto nel settore
meccanico, grazie agli investimenti stranieri (Fiat, General Motors, Daewoo).
Sviluppati sono anche i settori tessile, chimico, petrolchimico e alimentare.
IL SETTORE TERZIARIO
In grande crescita grazie al turismo, balneare, artistico e religioso.
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
61
Le vie di comunicazione ferroviaria, stradale ed autostradale sono in
forte ampliamento. Hanno subito una forte crescita i collegamenti
aerei. La compagnia di bandiera è Iberia.
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
62
LA CULTURA SPAGNOLA: LE DANZE
POPOLARI
Il Flamenco è unadanza
tipica dell'Andalusia.
Fortemente influenzato
dal popolo nomade dei
Gitani, il flamenco
affonda le sue radici
nella cultura musicale
dei Mori e degli Ebrei.
Un tempo ristretto nella
zona dell'Andalusia,
oggi il flamenco fa parte
della cultura e della
tradizione musicale
spagnola. Altre danze
tipiche sono la Sardana,
ballata in Catalogna, e
l’Aurresku, nei paesi
Baschi.
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
63
LA SPAGNA … A TAVOLA
La cucina spagnola ha il merito di aver promosso all'inizio del 1500 l'ingresso di
prodotti nuovi (patata, pomodoro, mais, cacao ecc.) provenienti dalle Americhe. Il
piatto più conosciuto è senza dubbio la Paella, sostanzioso piatto unico valenciano
a base di riso, zafferano, carne e pesce. Tipico dell’Andalusia è il Gazpacho, zuppa
fredda di verdure che mitiga la torrida calura estiva.
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
64
UN ASPETTO SU CUI RIFLETTERE: LA CORRIDA
Componente rilevante della cultura spagnola è la Corrida, combattimento
rituale tra uomo e toro. E’ un fatto economico che coinvolge allevatori ed
organizzatori e richiama molti spettatori. Celebrata da artisti come Picasso,
Goya, Garcia Lorca ed Hemingway, la Corrida è da alcuni decenni nell’occhio
del ciclone.
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
65
Sotto accusa, dagli
animalisti prima e
dall’opinione
pubblica poi, è la
crudeltà che
prevede ad ogni
corrida la morte
del toro ( se non
quella del torero),
che sopraggiunge,
inoltre, dopo una
lunga agonia. Per
questo, in
Portogallo e in
alcune zone della
Francia del Sud, la
corrida si svolge in
maniera incruenta.
La tradizione
spagnola è però
più dura da
scalfire.
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
66
LA QUESTIONE BASCA
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
67
Come sappiamo, i Baschi sono un popolo che ha radici antichissime e cultura e lingua
assolutamente particolari. Voltaire, filosofo francese del 1700, li definì “un piccolo
popolo che danza ai piedi dei Pirenei”. Il territorio occupato dai baschi, che occupa
anche una piccola porzione di Francia, è definito in lingua basca Euskadi. Lottano da
sempre per mantenere e preservare la loro identità. Siccome durante la dittatura
franchista si tentò di cancellare l’identità e la cultura basca, nel 1952 alcuni studenti
fondarono l’ETA (EUSKADI TA ASKATASUNA, “Paese basco e libertà”),
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
68
Un’organizzazione che ben presto ha scelto la strada del
terrorismo e che non lo ha abbandonato neppure dopo il
ritorno della Spagna alla democrazia. Le azioni dell’ETA si
rivolgevano contro obiettivi politici, come poliziotti,
giudici, politici contrari all’indipendenza del paese basco.
Dagli anni Sessanta ad oggi centinaia di persone sono state
uccise dall’ETA. Non tutti i separatisti baschi sono
terroristi: esiste un separatismo democratico
che ha
Scuola Media Pio X Artigianelli
ottenuto molta autonomia negli ultimi decenni.
Prof. Matteo Biagi
69
Il 20 ottobre 2011 l’ETA ha annunciato l’addio definitivo alla lotta armata.
Scuola Media Pio X Artigianelli
Prof. Matteo Biagi
70