Scheda informativa

Commenti

Transcript

Scheda informativa
PROGRAMMA SCIENTIFICO CORSO FAD
Il tumore della prostata nel 2013: dallo screening, alla diagnosi, alla terapia
DESCRIZIONE DEL CORSO E OBIETTIVI
Il tumore della prostata è il più comune tumore solido nel sesso maschile. Per la sua elevata incidenza e prevalenza, lo screening e la diagnosi
precoce rappresentano importanti strategie per diminuire la mortalità legata alla malattia. In questo contesto, un accurato test di screening per il
tumore prostatico potrebbe essere di inestimabile valore. Tuttavia, il prostate specific antigen (PSA), che attualmente è largamente utilizzato per la
diagnosi precoce del tumore della prostata, presenta limitazioni in accuratezza, sensibilità e specificità. In particolare, l’uso del PSA come
strumento di screening comporta il riscontro di numerosi casi di tumori clinicamente insignificanti, la cui diagnosi può comportare fenomeni di
“overtreatment”.
Parallelamente ai nuovi markers, nuove metodiche di diagnostica per immagini stanno assumendo una rilevanza sempre maggiore nella pratica
clinica quotidiana dell’Urologo. Nonostante lo sviluppo di nuove metodiche, l’esame cardine per la diagnosi del carcinoma prostatico è sempre
rappresentato dalla biopsia prostatica. Negli ultimi anni si è assistito a un incremento del numero dei prelievi effettuati in corso di biopsia e ancora
oggi si dibatte circa quale schema bioptico sia il più accurato nell’identificare il tumore prostatico clinicamente significativo, riducendo al minimo le
possibili complicanze. Una volta diagnosticata una neoplasia della prostata, i trattamenti possibili sono molteplici. I trattamenti più
frequentemente utilizzati sono la prostatectomia radicale, la sorveglianza attiva e le terapie focali. Una delle più importanti e recenti innovazioni
nell’ambito del trattamento del tumore prostatico è certamente l’introduzione della chirurgia robotica. Tale tecnica consente di operare con un
ingrandimento visivo di circa 20 volte e con una visione a 3 dimensioni consentendo al chirurgo di riconoscere anche i più piccoli dettagli anatomici
e di eseguire l’intervento con una accuratezza significativamente superiore a quanto sia possibile ottenere con la chirurgia classica a cielo aperto o
con la chirurgia laparoscopica classica. Tuttavia, nonostante la prostatectomia radicale rappresenti ad oggi il “gold standard” per il trattamento dei
pazienti a-etti da tumore prostatico, in pazienti selezionati la sorveglianza attiva ed i trattamenti focali rappresentano delle alternative concrete
alla chirurgia radicale. Tali atteggiamenti terapeutici partono dal presupposto che non tutti i tumori della prostata diagnosticati siano
potenzialmente aggressivi e che pertanto una
percentuale di tali malattie non necessiti strettamente di un trattamento radicale.
L’obiettivo del corso è fornire all’urologo una visione d’insieme del complesso iter diagnostico-terapeutico del paziente affetto da neoplasia
prostatica nel 2013.
DATE DEL CORSO
Apertura: 16 settembre 2013 - Chiusura: 31 dicembre 2013
RESPONSABILE SCIENTIFICO
Prof. F. Montorsi – Direttore UOC Urologia Ospedale S. Raffaele, Milano
Dott. M. Bianchi – Urologo – Ospedale S. Raffaele, Milano
Dott. U. Capitanio – Urologo – Ospedale S.Raffaele, Milano
CATEGORIE DI PROFESSIONI
MEDICO CHIRURGO
DISCIPINA
Urologia
CREDITI ECM
18 crediti ECM
PROVIDER
ACME Srl iscritto all’albo nazionale provider al num. 312 dell’AGE.NA.S.
DURATA DEL CORSO
Circa 12 ore di lezione in E-Learning per la fruizione dei materiali e l’apprendimento
TEST
Previsti test intermedi
COSTO
MODALITA’ DI PAGAMENTO
Bonifico Bancario, Paypal, Carta di Credito, PostePay
REQUISITI TECNICI
Postazione connessa ad internet. Flash Player 10 o successivo. Browser internet. Casse audio o cuffie.
A CHI E’ RIVOLTO
Gli argomenti sono rivolti a personale ospedaliero e altri a libera scelta
NOTE
E’ possibile frequentare il corso entro il 31 dicembre 2013
PROGRAMMA DEL CORSO
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
Lo screening del tumore della prostata con il PSA
Ruolo dei nuovi marcatori per la diagnosi precoce del tumore prostatico: PCa3, indice PHI
Ruolo della risonanza magnetica con bobina endorettale nel management del tumore della prostata
La biopsia prostatica: attualità di tecnica e gestione
Il PSA e le terapie con 5-ARI
Sorveglianza attiva per il tumore prostatico
La chirurgia robotica per il tumore prostatico
Terapie focali per il tumore prostatico
Copyright - www.elearnet.it

Documenti analoghi