Architecture Work in progress Worldwide Progetti

Commenti

Transcript

Architecture Work in progress Worldwide Progetti
AWW
Architecture
Work in progress
Worldwide
Progetti 2013-2017
2a edizione
InTernI AWW / 79
LOMBARDINI22
Responsabili: Elda Bianchi,
Franco Guidi,
Paolo Facchini,
Adolfo Suarez ,
Roberto Cereda,
Marco Amosso
Indirizzo:
Telefono:
Via Lombardini 22
20143 Milano, Italia
www.lombardini22.com
E-mail:
[email protected]
luogo
Italia, Gela (Caltanissetta)
area totale
220.000 m2
area slp
42.500 m3
costo
non fornito
tipologia/categoria
centro commerciale
data inizio/fine lavori
2013/in corso
committente
Gela Invest
architetto capo progetto
Adolfo Suarez
design leader
Cristian Catania
impresa
non fornito
consulenti
Systematica
Centro Commerciale a Gela
+39 0236596200
Il progetto ha destinazione commerciale a servizio della città. Si tratta di un edificio sostanzialmente
monopiano, che asseconda il lotto. Il progetto si divide in due macro zone: la grande galleria
commerciale e le medie superfici di vendita ad essa esterne.
La galleria commerciale è caratterizzata, su di un lato, da un volume di sapore “mediterraneo”
(il cinema) dove le pareti decorate riprendono la tradizione ceramista siciliana e, nel resto dei
fronti, da pareti che si elevano come una città dalle mura tufacee, ai cui piedi cresce una vegetazione
autoctona (ulivi, agavi, fichi d’india e alberi di arance amare). Il tutto è coronato dalla decorazione
geometrico/floreale di brise-soleil su fondo bianco, che formano un pattern ben visibile in lontananza.
L’area delle medie superfici di vendita, invece, si configura come un accostamento di diverse scatole,
sporgenti e rientranti, con altezze differenti, accomunate da una pelle metallica forata. Il centro è
dotato di tre ingressi principali, in corrispondenza dei maggiori elementi che compongono la galleria
commerciale: il cinema e la food court, l’ipermercato e, in posizione baricentrica tra i due, la piazza.
All’interno, una successione di spazi più o meno grandi, come piazze collegate da gallerie e da strade,
riproduce i movimenti e le stratificazioni di un reale contesto urbano.
materiali
Pavimentazione con marmi locali
e decorati.
Vetro retro verniciato.
Superfici metalliche forate
e policrome.
Ceramiche.
InTernI AWW / 80
LOMBARDINI22
luogo
Italia, Milano
dimensioni ponte
(via Lombardini)
lunghezza
20.6 m
superficie impalcato
95 m2
superficie sistemazione a terra
245 m2
dimensioni ponte
(via Parenzo )
lunghezza
18 m
superficie impalcato
87 m2
superficie sistemazione a terra
180 m2
costo
1.200.000 euro c.ca
tipologia/categoria
ponti ciclo-pedonali
data inizio/fine lavori
2014/fine 2014
committente
EXPO 2015 S.p.A.
architetti
Marco Amosso
project manager
Metropolitana Milanese SpA
impresa
in fase di gara
strutture
Buro Happold Milano Srl
DUE PONTI PEDONALI sul NAVIGLIO GRANDE, milano expo 2015
La realizzazione dei ponti si inserisce nell’ambito dei lavori per la Via d’Acqua in occasione
dell’Expo 2015. Il progetto, che tratta di un tema di estremo interesse per la complessità
e integrazione degli elementi in gioco, diventa anche una sfida progettuale, tecnica e culturale,
se si considera il valore storico, simbolico e monumentale del sito, il Naviglio milanese e il suo
intorno, urbano e naturale. Così le silhouette dei ponti prendono ispirazione da una libellula, che
leggera vola a pelo d’acqua. Ed è lieve anche l’ancoraggio alle sponde, che denota la volontà di
staccare l’elemento funzionale dal manufatto monumentale del Naviglio: la soluzione architettonica
riporta alla memoria i materiali e la forma di un’elegnate lancia fluviale. Infine, il progetto recupera
la qualità tecnica dei ponti di ferro di inizio secolo e di quelli ancora presenti sul Naviglio stesso,
fonte di grande ispirazione. Il progetto, inoltre, riorganizza la pavimentazione a terra dell’intorno,
eliminando le auto.
materiali
Strutturalmente si tratta di una trave a sezione
trapezia variabile su due appoggi alla quale sono
fissate con passo regolare una serie di costolature
a sostegno dell’impalcato.
L’uso dell’acciaio permette sezioni snelle,
viste anche le basse azioni di sollecitazione.
Completano lo schema, due scale metalliche
a rampa unica sui lati contrapposti
e una coppia di piattaforme elevatrici aperte.
La finitura di tutte le componenti metalliche
del ponte è prevista in smalto alchidico a base
di pigmento ferromicaceo, opaco, di tono
grigio-ghisa. Le piattaforme pedonali a terra
sono pavimentate con Granito di Montorfano
in lastre a casellario di grandi dimensioni
e con porfido della Valcamonica a listelli.
InTernI AWW / 41
DEGW Italia
Responsabili:
Alessandro Adamo
Indirizzo:
Telefono:
Via Lombardini 22,
20143 Milano, Italia
E-mail:
[email protected]
+39 0254101343
www.degw.it
luogo
Arabia Saudita, Riyadh
area totale
5.250 m2
costo
non fornito
tipologia/categoria
uffici
data inizio/fine lavori
2013/ in corso
committente
C1 Building
architetto
Giuseppe Pepe
impresa
non fornito
nuova sede Bupa Branch, Riyadh
Il progetto prevede la realizzazione degli uffici della nuova sede di Bupa International a Riyadh.
Gli spazi sono corredati da un ambiente multifunzione utilizzabile come auditiorium, da una business
area con aula training, da una nursery e aree di culto a disposizione dei dipendenti.
Le zone ufficio prevedono postazioni in open space, aree di lavoro informali e zone ad esclusivo
utilizzo delle donne. Ai piani superiori si trovano un’area executive, sale meeting, l’ufficio
del presidente e un piano dedicato a caffetteria oltre a una palestra a disposizione
dei dipendenti. Al piano terra, con accesso direttamente dall’esterno si trova uno spazio showroom,
articolato in diverse sezioni.
materiali
Materiali fonoassorbenti a parete e a soffitto
legno e moquette con alcuni dettagli in pietra,
come il marmo nelle lobby ascensori.
showroom
colori neutri, con qualche accento di colore,
superfici in resina,
illuminazione barrisol
parete verde verticale.