Mare

Transcript

Mare
Phuket
È l’isola più grande della Thailandia e copre un’area di 810 kmq, luogo di
spiagge e baie magnifiche, bagnate dalle acque azzurre del mare delle
Andamane che contrastano con la cornice di colline verdeggianti. Le
piantagioni di cocco e alberi della gomma fanno da contrasto alle aree di
foreste incontaminate in un paesaggio fresco e rigoglioso. È un’isola dal
fascino incomparabile e di tradizioni culturali uniche, un posto eccezionale
sia da esplorare che da gustare in assoluto relax.
Cosa fare: tanto mare, escursioni nella foresta pluviale, immersioni
subacquee, snorkeling, sport acquatici, trattamenti nel centro benessere,
golf, locali notturni
Da non perdere: visita a tempio di Chalong Wat
Come si raggiunge: un’ora di volo da Bangkok, due ore da Chiang Mai, 3
ore e mezzo da Hong Kong
Periodo consigliato: da novembre ad aprile
Accoglienza: sistemazioni di tutte le categorie, dalle strutture più semplici
ai resort extra lusso
Consigliato: singoli, famiglie, viaggi di nozze
Krabi
Situata sulla terraferma e bagnata dalle acque trasparenti del Mare delle
Andamane, è la destinazione ideale per chi vuole staccare la spina per
qualche giorno. La sabbia fine è bianca e soffice, la vegetazione tropicale
e verdeggiante si estende sul lungomare. Le rupi verticali di color ruggine,
alcune delle quali arrivano addirittura a 1000 piedi, forniscono una vista
impressionante, mentre le rocce calcaree che emergono dal mare creano
giochi di luci ed ombre di grande effetto. Le sue acque cristalline poco
profonde la rendono adatta anche ai bambini.
Cosa fare: vita di mare, escursione al parco nazionale di Hat Noppharat
Thara, al promontorio di Phra Nang, trekking verso la cima della montagna,
trattamenti nel centro benessere, immersioni subacquee, snorkeling, sport
acquatici.
Da non perdere: le spiagge di Railay
Come si raggiunge: un’ora di volo da Bangkok e da Koh Samui
Periodo consigliato: da novembre ad aprile
Accoglienza: sistemazioni di tutte le categorie, dalle strutture più semplici
ai resort extra lusso
Consigliato: viaggi di nozze, famiglie
Phi Phi Islands
Sullo stesso versante della costa di Krabi si estendono le isole gemelle
di Phi Phi, diventate famose per aver fatto da set alla sceneggiatura del
film “The Beach”. La più grande, Phi Phi Don, ha la forma simile ad una
farfalla con una piccola striscia che collega le due ali. Sul lato sinistro una
montagna coperta di arbusti s’innalza a centinaia di piedi sul mare. La più
piccola non è abitata, ma la sua attrattiva maggiore sta nelle attività che vi
si possono intraprendere.
Cosa fare: vita di mare, escursioni con la barca alla scoperta di grotte
idilliache e baie incontaminate, shopping e vita notturna al villaggio di
Tonsai
Da non perdere: visita alla cava dei Vichinghi, con le sue volte decorate
con antichi dipinti
Come si raggiunge: un’ora e mezza di traghetto o 45 minuti in barca
veloce da Phuket
Periodo consigliato: da novembre ad aprile
Accoglienza: sistemazioni di tutte le categorie, dalle strutture più semplici
ai resort extra lusso
Consigliato: viaggi di nozze, famiglie, singoli
16
17
Khao Lak
Molto più tranquilla della vicina Phuket anche se meta di viaggi ormai
conosciuta e molto apprezzata, questa città dispone di strutture di lusso
molto belle e, per la maggior parte, di ottimo comfort (4 e 5 stelle secondo
la classificazione locale). Per quanto concerne i paesaggi, Khao Lak ne
dispone di molti e differenti: lunghe spiagge di sabbia, fondali marini
impressionanti, vegetazione rigogliosa accompagnata da magnifiche
cascate.
Cosa fare: vita di mare, escursione nella baia di Phang Nga in canoa al fine
di percorrere le caverne e i tunnel dai soffitti di stalattiti, passeggiate nella
foresta sul dorso di un elefante
Da non perdere: Il tempio di Suwankhuba e il suo Budda coricato
Come si raggiunge: un’ora e mezza di trasferimento da Phuket
Periodo consigliato: da novembre ad aprile
Accoglienza: sistemazioni di buon livello con ottimo rapporto qualità /
prezzo
Consigliato: viaggi di nozze, famiglie
Koh Racha
È formato da due isole, Koh Racha Yai e Koh Racha Noi e si trovano a circa
12 chilometri a sud ti Phuket. Anche se è soprattutto meta di escursioni
giornaliere è possibile anche pernottarvi. Koh Racha Yai è famosa per la
sua spiaggia: una striscia di sabbia bianca e fine nascosta in profondità in
una lunga baia a forma di ferro di cavallo.
Cosa fare: vita di mare, sport acquatici, immersioni
Da non perdere: la sua bellissima spiaggia
Come si raggiunge: da Phuket con 30 minuti di trasferimento in barca
veloce
Periodo consigliato: da novembre ad aprile
Accoglienza: sistemazioni di tutte le categorie, da semplici bungalows
all’esclusivo complesso The Racha
Consigliato: viaggi di nozze, famiglie
Koh Lanta
È la più grande fra le 52 isole dell’arcipelago delle Krabi, quasi tutte
disabitate e comprese nel parco nazionale marino. Le prime attrattive di
Ko Lanta sono le sue lunghe spiagge, le acque cristalline e l’atmosfera
dell’interno. Anche dopo un decennio di sviluppo, che ha portato alla
costruzione di alcuni fra i più eleganti resort in Thailandia, la costa
occidentale di Ko Lanta assicura ai visitatori abbastanza spazio per godersi
una vacanza di tutto relax anche al culmine dell’alta stagione nei mesi di
dicembre e gennaio.
Cosa fare: vita di mare, sport acquatici, snorkeling, immersioni, grotta di
Tham Khao Maikaeo
Da non perdere: il parco nazionale marittimo di Mu Koh Lanta, il vivaio
delle orchidee
Come si raggiunge: un’ora e mezza di trasferimento da Krabi
Periodo consigliato: da novembre ad aprile
Accoglienza: strutture di ogni livello, dalla guest house al lusso più
sfrenato
Consigliato: viaggi di nozze, famiglie
18
19
Koh Lipe
Nella parte meridionale della Thailandia, vicino al confine con la Malesia,
fa parte del Parco Nazionale Marino di Ko Tarutao che comprende una
settantina di isole. Famosa per le sue acque cristalline e la sua sabbia
bianca, ha una vastissima barriera corallina abitata dal popolo dei Chao
Lee, gli zingari del mare ed è considerata una delle migliori mete per lo
snorkeling e per la pesca. La sua spiaggia principale, Pattaya, è una lunga
lingua di sabbia bianca che al tatto sembra borotalco, dove ormeggiano le
“long tail”, imbarcazioni tipiche dei pescatori.
Cosa fare: vita di mare, sport acquatici, immersioni
Da non perdere: escursioni nelle isole vicine per ammirare gli scorci
sottomarini
Come si raggiunge: da Bangkok con un’ora e mezza di volo su Hat Yai
e traghetto fino all’isola, o da Langkawi in Malesia, con solo un’ora di
traghetto.
Periodo consigliato: da novembre ad aprile
Accoglienza: sistemazioni di livello medio-alto
Consigliato: viaggi di nozze, famiglie, amanti della natura
Koh Samet
Chiamata dai Thailandesi “Kow Kaew Phitsadan”, ossia “Isola Gioiello”,
deve il suo nome all’albero Samet che vi cresce rigoglioso. Non è un caso
che il grande poeta thailandese Sunthon Phu scrisse il suo primo e più noto
componimento ispirandosi alla vita trascorsa nella bellezza trasparente
di Koh Samet. A differenza delle altre isole della Thailandia, gode di un
microclima particolarmente secco e asciutto e questo la rende adatta ad
essere visitata tutto l’anno.
Cosa fare: vita di mare, escursioni in barca alle isole circostanti per fare
snorkeling o immersioni
Da non perdere: la spiaggia di Hat Sai Kaew, letteralmente “sabbia di
diamante”
Come si raggiunge: due ore e mezza di trasferimento da Bangkok
Periodo consigliato: tutto l’anno
Accoglienza: strutture di categoria medio alta posizionate sulla spiaggia
migliore
Consigliato: viaggi di nozze, famiglie
Koh Chang
L”isola degli elefanti” è la principale dell’omonimo arcipelago, formato da
più di 180 isole, di cui la maggior parte disabitate e costituisce uno dei parchi
nazionali più belli e incontaminati di tutta la Thailandia. È caratterizzata da
lunghe spiagge di sabbia bianca e da piccole baie incontaminate. L’isola e
i suoi dintorni rappresentano una meta alternativa per le vacanze mare e
offrono la possibilità di esplorare località splendide e poco affollate.
Cosa fare: tanto mare, snorkeling ed immersioni per ammirare i ricchi
fondali
Da non perdere: le sue bellissime spiagge e il parco marino per osservare
le tartarughe
Come si raggiunge: un’ora di volo da Bangkok
Periodo consigliato: tutto l’anno
Accoglienza: strutture di buon livello con ottimo rapporto qualità/prezzo
Consigliato: viaggi di nozze, famiglie, amanti della natura
20
21
Koh Samui
È la terza isola più grande del regno, situata nel golfo della Thailandia e
si estende per 84 chilometri di costa. Una catena montuosa parte da est
ed arriva ad ovest, la maggior parte dell’entroterra è composto da colline
boscose e piantagioni di cocco, mentre la costa è circondata da spiagge
con folte foreste di palme e baie tranquille. Data la sua struttura topografica
così varia, Samui provvede a fornire una grande quantità di proposte per
ogni tipo di vacanza. Le spiagge più famose sono Chaweng e Lamai che
si trovano sulla costa occidentale e formano una curva deliziosa di sabbia.
Cosa fare: tanto mare, visita alla statua del Budda Grande, spettacoli degli
elefanti, i giardini delle farfalle, trattamenti nel centro benessere
Da non perdere: gita alle cascate di Koh Samui e alle rocce Hin Ta e Hin
Yai (conosciute anche come Grandmother e Grandfather)
Come si raggiunge: un’ora di volo da Bangkok , un’ora e 45 minuti da
Chiang Mai, un’ora e 40 minuti da Kuala Lumpur, 3 ore e mezza da Hong
Kong
Periodo consigliato: da aprile a ottobre
Accoglienza: sistemazioni di tutte le categorie, dalle strutture più semplici
ai resort extra lusso
Consigliato: singoli, viaggi di nozze, famiglie
Koh Pha-ngan
Situata a soli 20 chilometri più a nord di Koh Samui quest’isola può essere
considerata a tutti gli effetti la sorella minore di Koh Samui. Possiede una
miriade di piccole baie di sabbia e un entroterra boscoso e rigoglioso. Molto
popolare è Hat Rin, un promontorio con spiagge su entrambi i lati che
diventano affollatissime durante la festa della luna piena, appuntamento
mondano in voga da qualche anno e che si svolge ogni mese in
corrispondenza del plenilunio.
Cosa fare: vita di mare, visita al tempio cinese e al parco nazionale di Than
Sadet
Da non perdere: le numerose baie caratteristiche dell’isola
Come si raggiunge: mezz’ora di trasferimento in barca da Koh Samui
Periodo consigliato: da aprile a ottobre
Accoglienza: sistemazioni per lo più in strutture semplici ed economiche,
ma anche qualche struttura di lusso
Koh Tao
Il nome dell’isola deriva dalle molte tartarughe che fino a qualche anno
fa si riproducevano sulle sue spiagge tranquille, ma anche dalla forma
dell’isola. Per la maggior parte montagnosa, si distingue per la sua linea
costiera e per la barriera corallina intatta. La grande visibilità sottomarina
e l’abbondanza di piante e animali la rende adatta a coloro che praticano
immersioni.
Cosa fare: vita di mare, immersioni
Da non perdere: le sue spiagge da sogno
Come si raggiunge: mezz’ora di trasferimento in barca veloce da Koh
Pha-ngan o un’ora da Koh Samui
Periodo consigliato: da aprile a ottobre
Accoglienza: sistemazioni di buon livello dalla categoria turistica alla
prima
Consigliato: viaggi di nozze, appassionati di immersioni
22
23

Documenti analoghi