al "re dei videopoker" campolo confiscati immobili

Commenti

Transcript

al "re dei videopoker" campolo confiscati immobili
Martedì,14Marzo2017-Direttore:AntonioGigliotti
NEWS24
18MAGGIO2012
AL"REDEIVIDEOPOKER"CAMPOLOCONFISCATI
IMMOBILIANCHEAROMAEPARIGI
14:40-Lemanidellostatosuuningentepatrimonio,330milionidieuroperilbossdella
'ndrangheta
GioacchinoCampolo,73anni,conosciutocome"ilredeivideopoker",perannièstatoil"mammasantissima"di
ReggioCalabrianelsettoredeivideogiochienegliaffariimmobiliari.Compravabenimobiliedimmobili,all'asta,
oppureprestavasoldiadusuraainegozianti,specialmentegestoridibaresalegiochi,cheallafineeranocostretti
acedergliilocaliperripianareidebiti.Inprimogrado,èstatocondannatoa18annidireclusione,perassociazione,
usura,estorsioneedaltro.Secondoquantoemersodalleindagini,Campoloavevasviluppatounsistemacriminale
basatosull'alterazionedegliapparecchidagioco,dandovitanonsoloaunagigantescafrodemaanchealiquidità
damettereadisposizionedella'ndrangheta.Elecoscheloaiutavanosulterritorio.
Coniproventihainvestitonell'acquistodinumerosiimmobiliaReggioCalabria,Milano,RomaeParigi,manon
solo. Questa mattina i finanziari del Gico di Reggio Calabria in collaborazione con lo Scico hanno confiscato il
patrimonio del vecchio "re dei video poker". Oltre 330 milioni di euro, una cifra esorbtante. "E' un provvedimento
importante, significativo, che riconosce il lavoro svolto dalla Guardia di finanza nel settore del contrasto
all'accumulazionedeiprodottiilleciti,unodeipiurilevantiprovvedimentidicarattereeconomicodiconfiscachesia
maistatoeseguitonellaprovinciadiReggioCalabria",hadettoMichelePrestipino,procuratoreaggiuntodellaDda
diReggioCalabria,commentandolavicenda.
"Vengonosottratti-haaggiuntoancoral'exbracciodestrodiPignatone-decineedecinediimmobiliancheaRoma
eaParigi,unpatrimonioingenteaccumulatonelcorsodidiversiannidaunafiguraparadigmaticaquellachenoi
chiamiamozonagrigia,unimprenditorechehalavoratoall'ombraesottol'ombrelloprotettivodellepiuimportanti
cosche di 'ndrangheta di Reggio Calabria e che, potendo lavorare con il metodo mafioso, ha anche accumulato
patrimonio grazie a meccanismi di frode fiscale. Questi patrimoni erano punti di riferimento di queste cosche e
sonostatireinvestitiingrandicomplessiimmobiliari".
Il procuratore aggiunto Prestipino ha sottolineato che il risultato è stato raggiunto "grazie alla sinergia che negli
ultimiannihacaratterizzatoecontinueràacaratterizzareillavorodellaProcuraedelTribunalecheintempirapidie
nonostantetuttiiproblemièriuscitoaemettereunprovvedimentocosìimportante".
©InformatiS.r.l.–RiproduzioneRiserv ata
©Informatisrl.Tuttiidirittiriserv ati.Allrightsreserv ed.
ViaAlemanni1-88040Pianopoli(CZ)-ITALY
P.IVA03426730796
E-mail:[email protected] al-foc us.it

Documenti analoghi