2015: un anno segnato da produzione eco design

Commenti

Transcript

2015: un anno segnato da produzione eco design
WORLD
GET THE BEST OF ENERGY
GBE® SpA • via Teonghio, 44 • 36040 Orgiano (VI) Italy • Tel. +39 0444 774334 • Fax +39 0444 775294 • www.gbeonline.com • [email protected]
Questa newsletter è diffusa a titolo di semplice informazione. I testi, i nomi e le foto contenute non hanno in alcun modo valore contrattuale e non impegnano GBE® S.p.A.
PAGINA 2
•Nuova produzione di
Trasformatori con nucleo Amorfo
•Assemblaggio di un
trasformatore Amorfo in olio
PAGINA 4
•Trasformatori Scott-T con layout
su misura
•Più efficienza energetica
con i trasformatori di nuova
concezione GBE VOLT
PAGINA 6
•Trasformatori in resina GBE
omologati per installazioni in
zone sismiche
•Cassonetti di protezione per
trasformatori a secco
PAGINA 3
•Installazioni navali, costiere e su
piattaforme offshore
•Trasformatori e reattori OFWF
PAGINA 5
•Nuovo catalogo generale 2016
•Nuovo reparto marketing in GBE
PAGINA 7
Tanti modi di essere speciali
PAGINA 8
Le prossime fiere
2015: UN ANNO SEGNATO
DA PRODUZIONE ECO DESIGN
GBE HA ACCOLTO APPIENO L’OBIETTIVO EUROPEO
PER UNA MIGLIORE EFFICIENZA ENERGETICA
A
d un anno dall’entrata in vigore
della nuova normativa Eco
Design (1 luglio 2015), i risultati
sono stati entusiasmanti: in tutta
Europa la Direttiva imposta è
stata ben assimilata da tutti i costruttori
di trasformatori con l’obiettivo comune
di una migliore efficienza energetica e di
una generale compatibilità ambientale con
l’impegno di ridurre progressivamente le
emissioni di CO2.
In tema di rispetto ambientale, la vision di
GBE è sempre stata quella di anticipare i
tempi. Valori come la tutela dell’ambiente e la
salvaguardia delle risorse ambientali hanno
spinto l’azienda a progettare trasformatori
in resina e in olio a basse perdite, anche
inferiori agli standard Eco da garantire prima
ancora che questi ultimi entrassero in vigore.
Già dal 2014, infatti, GBE produce
trasformatori con nucleo amorfo con
caratteristiche di efficienza altamente
superiori alle serie “TIER 1” e “TIER 2”
previste dal Regolamento Europeo. Inoltre,
GBE si basa da sempre su diverse soluzioni
di progetto in fase di preparazione di offerta
in modo da garantire un prezzo competitivo
considerando la capitalizzazione delle
perdite, ovvero confrontando il costo
del trasformatore ed il costo dell’energia
consumata dallo stesso, ottenendo in
molti casi rendimenti già vicini all’efficienza
prevista oggi dalla Direttiva Europea.
La seconda fase (che partirà dal 2021) sarà
sicuramente molto più impegnativa per tutti
i costruttori, in quanto sarà necessario un
cambiamento del design costruttivo ed anche
di alcuni materiali utilizzati. Tanto più che
solamente nel Luglio 2017 la Commissione
Europea esaminerà i valori effettivi di perdite
ed efficienza da garantire per la fase 2, in
base ad analisi dei dati relativi alle unità
messe in servizio dal 1° Luglio 2015.
La Direttiva può comunque essere
ulteriormente migliorata: nella fase di studio
e preparazione della stessa, sono state
fatte delle generalizzazioni che non sempre
si adattano alle circostanze costruttive
reali. Per alcune tipologie di trasformatori
e per alcune classi di tensione, le regole
di efficienza richieste risultano alquanto
restrittive, mentre per altre presentano
un grado di ottimizzazione del design
costruttivo di possibile adeguamento.
Ad esempio non viene prescritta alcuna
differenza di efficienza per trasformatori
con diversa impedenza di cortocircuito.
Nonostante ciò, GBE garantisce sempre le
migliori performance possibili.
In tema di rispetto
ambientale,
la vision di GBE
è sempre stata quella
di anticipare i tempi
GBE CHIUDE L’ANNO CON +18% DEL FATTURATO
Il 2015 è stato un anno molto
difficile per tutti i costruttori di
trasformatori europei e in particolare per quelli italiani. L’introduzione della Direttiva Eco
Design ha portato l’aumento
della domanda del lamierino a
basse perdite, ossia un materiale ad alta permeabilità, con
conseguente difficoltà da parte dei fornitori stessi di soddisfare la
richiesta. A causa della mancanza di reperibilità del lamierino in
Europa, in breve tempo si sono verificati rincari dello stesso, con
seguente antidumping imposto
dall’UE, costringendo l’aumento anche di un 30% sul trasformatore finito. Nonostante ciò, il
2015, è stato per GBE un anno
di crescita: dopo i primi mesi
difficili per una lieve stagnazione del mercato, si è riscontrato
un aumento della domanda a
partire dal terzo trimestre. Rispetto all’anno precedente, il fatturato è così cresciuto del 18% e la produzione totale di trasformatori
ha raggiunto le circa 3.000 unità.
numero 2 | anno 2016
1
WORLD
NUOVA PRODUZIONE
DI TRASFORMATORI
CON NUCLEO AMORFO
GBE HA REALIZZATO PER IL 2015 UNA NUOVA LINEA COSTRUTTIVA
DI TRASFORMATORI AMORFO DISPONIBILI IN OLIO E IN RESINA
CON CLASSE DI ISOLAMENTO 12 kV E 24 kV
I
l risparmio energetico è un obiettivo sempre più strategico per gli operatori dei più
diversi settori: spingono in questa direzione l’esigenza di ridurre i costi di esercizio, nuove normative e anche una diffusa
sensibilità ambientale che oggi in molti mercati
consente alle imprese “green” di godere di un
significativo vantaggio competitivo in termini di immagine. GBE risponde a questa sfida
mettendo a disposizione della committenza la
nuova linea di trasformatori con nucleo in metallo amorfo, disponibile in una vasta gamma di
soluzioni per soddisfare le più diverse esigenze
progettuali: a secco o con isolamento in olio,
con potenze fino a 2500 kVA. Diverse le installazioni già eseguite negli scorsi anni da GBE,
in particolare in Nord Europa per i trasformatori amorfo in resina, a conferma della capacità
dell’Azienda di rispondere alle nuove esigenze
del mercato con soluzioni tecnologiche affidabili e versatili. GBE crede molto nella tecnologia dei trasformatori amorfo, consapevole che
questa soluzione sarà sempre più vincente in
futuro grazie alla possibilità di ottenere un notevole risparmio energetico: le perdite a vuoto
sono infatti fino a tre volte inferiori rispetto a
quelle di un trasformatore Eco Design. Il vantaggio, naturalmente, è duplice: da una parte si
riducono in modo significativo i costi di esercizio dell’impianto, dall’altra è possibile contribu-
ire in modo tangibile alla tutela dell’ambiente.
Per quanto riguarda il risparmio economico,
questa formula consente di calcolare rapidamente i costi di esercizio del trasformatore:
(Perdite a Vuoto (kW) + Perdite a Carico (kW)
x Fattore di carico2) x 365 x 24 (h) x Costo di
Energia (€/kWh)
Nel breve periodo viene ammortizzato il maggiore costo iniziale e successivamente per
molti anni si potrà beneficiare di una notevole
riduzione dei costi legati ai consumi energetici.
ASSEMBLAGGIO DI UN TRASFORMATORE AMORFO IN OLIO
2
01 | BANCO ASSEMBLAGGIO NUCLEO AMORFO
02 | FINITURA PARTE ATTIVA
03 | ASSEMBLAGGIO IN CASSA
04 | PRODOTTO FINITO
numero 2 | anno 2016
KNOW HOW
KNOW HOW
GET THE BEST OF ENERGY
INSTALLAZIONI
NAVALI, COSTIERE
E SU PIATTAFORME
OFFSHORE
N
L’AFFIDABILITÀ SU MISURA PER LE PIÙ DIVERSE
APPLICAZIONI MARINE
I
mpianti elettrici e acqua non vanno molto d’accordo: è cosa nota, eppure proprio il mare
vede alcune delle installazioni più importanti e significative per la sfida tecnologica che
comportano. La presenza di un ambiente ricco di umidità e sale richiede infatti specifiche attenzioni sia nella fase di progettazione sia nella successiva realizzazione. GBE può
vantare svariati anni di esperienza in questo ambito di specializzazione, un know-how
che l’azienda italiana ha esposto a varie fiere di settore.
GBE ha fatto conoscere a livello internazionale le proprie soluzioni tecnologiche efficienti ed
affidabili per l’installazione su navi, piattaforme offshore e impianti costieri. Tre ambiti diversi,
con specifiche problematiche tecniche ed ambientali, nei quali GBE opera con i punti di forza
di sempre: la capacità di soddisfare qualsiasi esigenza di installazione grazie ad una gamma
completa di trasformatori in resina ed olio.
Punto chiave per le applicazioni marine è comprendere le caratteristiche distintive del trasformatore da installare, tema tecnicamente complesso che deriva strettamente dal contesto
ambientale di installazione.
Per gli impianti offshore e costieri, i trasformatori
GBE sono costruiti in modo tale da avere un’elevata resistenza alle avverse condizioni climatiche
circostanti, che comprendono alto tasso di salinità ed umidità.
Per le navi, invece, GBE fornisce i trasformatori
ausiliari, per propulsione, filtri e distribuzione, con
specifiche personalizzazioni per resistere ad elevate temperature, spazi ridotti ed alte vibrazioni.
Per progetti particolarmente complessi in materia
di smaltimento di calore, sono possibili soluzioni con canalizzazione dell’aria forzata o scambio
SONO COSTRUITI
termico mediante scambiatori aria/acqua. Tutti i
IN MODO TALE DA AVERE trasformatori destinati alle navi sono inoltre proUN’ELEVATA RESISTENZA gettati per garantire il corretto funzionamento nel
tempo nonostante la presenza di forti vibrazioni e
ALLE AVVERSE
per sopportare la massima inclinazione possibile
CONDIZIONI CLIMATICHE prevista dall’imbarcazione. Inoltre, in ognuna di
CIRCOSTANTI
queste installazioni, GBE è attenta all’impatto ambientale, garantendo soluzioni tali da impedire la
contaminazione dell’area circostante l’impianto.
Tutti i trasformatori GBE e i loro componenti per applicazioni marine sono inoltre conformi
con le più restrittive normative e i più rigorosi sistemi di certificazioni internazionali (RINA,
DNV, ABS, BV, LRS, ed altri) a garanzia di un’installazione perfettamente affidabile anche di
fronte alle condizioni di impiego più estreme.
numero 2 | anno 2016
TRASFORMATORI
E REATTORI
OFWF
La versatilità dell’olio consente per
applicazioni speciali anche soluzioni
compatte ed in grado di garantire sistemi
quasi adiabatici, con una ridottissima
dispersione dell’energia prodotta in calore
nell’ambiente in cui la macchina è installata.
Grazie alla continua specializzazione
portata avanti dall’ufficio Progettazione
e Sviluppo, GBE produce trasformatori e
reattori di tipo Oil Forced Water Forced
(OFWF). Questo tipo di trasformatore
o reattore non presenta elementi per la
dissipazione, quali onde o radiatori, e quindi
offre il vantaggio di un layout compatto,
riducendo non solo le dimensioni di
ingombro, ma anche i pesi. Questo sistema
può essere utilizzato sia per trasformatori
per distribuzione che di potenza. La cassa
di contenimento della macchina elettrica
infatti è dotata di uno scambiatore di
calore ad olio/acqua che può essere a
piastra oppure a fascio tubiero all’esterno
della stessa. Lo scambiatore, collegato
ad un circuito idraulico per il ricircolo
dell’acqua di raffreddamento, garantisce
che l’olio contenuto all’interno della
cassa sia mantenuto ad una temperatura
normalizzata per il corretto funzionamento
della macchina. Lo scambiatore è dotato
anche di una pompa che permette la
circolazione dell’olio in maniera forzata. Tali
tipo di macchine sono utilizzate in ambienti
dove risulta non economico e non pratico lo
smaltimento del calore all’interno del locale
in forme convenzionali. Questa soluzione di
raffreddamento OFWF proposta da GBE è
molto comune in ambienti marini, all’interno
di edifici e stabili dove sono installati altri
macchinari ed il calore prodotto è molto
elevato.
3
WORLD
TRASFORMATORI SCOTT-T
CON LAYOUT SU MISURA
UNA FORNITURA PERSONALIZZATA PER UNO DEGLI IMPIANTI
PETROLIFERI PIÙ INNOVATIVI IN EUROPA
INSIDE GBE
INNOVATION
GET THE BEST OF ENERGY
NUOVO CATALOGO
GENERALE 2016
IL NUOVO PUNTO DI RIFERIMENTO PER
LA CLIENTELA INTERNAZIONALE ALLA RICERCA
DI SOLUZIONI STANDARD O CUSTOMIZZATE
riduzione dell’impatto ambientale e per il quale GBE è stata scelta
come fornitore di fiducia proprio per la sua capacità di realizzare
soluzioni personalizzate, frutto di un know how di assoluto rilievo
unito a risorse tecniche e strutture in grado di curare internamente
tutte le fasi della produzione.
Come noto, il trasformatore di tipo Scott-T viene utilizzato per
derivare una tensione bifase da una sorgente trifase. Il principale
vantaggio è quello di ottenere un carico bilanciato sul lato trifase
con carico bifase bilanciato. Inizialmente utilizzato solo per
alimentare motori ad induzione, oggi trova applicazione anche in
forni industriali o impianti di riscaldamento e, più recentemente, in
sottostazioni per trazione.
G
L
a capacità di GBE di sviluppare soluzioni fortemente
personalizzate e di coprire tutte le possibili tipologie
di prodotto, soddisfando così qualsiasi esigenza
di installazione e curando internamente anche le
lavorazioni di carpenteria, ha avuto ancora una volta un
ruolo decisivo in una recente fornitura dell’azienda italiana.
Per l’impianto Tempa Rossa, infatti, GBE ha realizzato e installato un
prodotto speciale, ovvero un trasformatore di tipo Scott-T destinato
ad un impianto petrolifero che a regime sarà uno dei più avanzati
in Europa: sta sorgendo in Italia, e più precisamente nella regione
della Basilicata, e una volta ultimato sarà composto da 8 pozzi (di
cui 6 già perforati), un centro di trattamento e tutte le altre strutture
e servizi di supporto,
con una capacità
produttiva giornaliera
GBE È STATA SCELTA
di circa 50.000 barili di
COME FORNITORE DI
petrolio, 230.000 m³
FIDUCIA PROPRIO PER
di gas naturale, 240
tonnellate di GPL e 80
LA SUA CAPACITÀ DI
tonnellate di zolfo.
REALIZZARE SOLUZIONI
Un progetto innovativo
PERSONALIZZATE
anche per l’attenzione
che sarà posta alla
La connessione Scott è composta da due trasformatori monofase
speciali (chiamati “Main” e “Teaser”) connessi l’un l’altro: in questo
modo, se si alimenta il sistema con un’alimentazione trifase
(con 120° di sfasamento) si ottiene un’uscita bifase (con 90° di
sfasamento).
Solitamente i due trasformatori sono installati in un solo box, fianco
a fianco, e proprio il box è stato realizzato in questo caso dal nuovo
reparto di Carpenteria interno a GBE, nel quale si lavora curando
tutte le fasi di produzione, dal taglio della lamiera all’assemblaggio,
fino alla verniciatura.
Forte anche del successo riscosso con Tempa Rossa, GBE ha già
ricevuto l’incarico di realizzare i trasformatori Scott-T per altrettante
aziende petrolifere internazionali di primaria importanza, per gli
impianti Novoport Yamal (Penisula di Yamal) e UMM WU’AL DAP/
NPK (Ras Al Khair, KSA).
PIÙ EFFICIENZA ENERGETICA CON I TRASFORMATORI DI
Nella maggior parte dei paesi europei (e non
fasce orarie nell’arco della giornata; la continua
solo), la tensione di rete delle linee elettriche per espansione della rete stessa.
la distribuzione dell’energia sta subendo variaLe problematiche che ne derivano sono molzioni in tensione ben superiore al +/- 10%, non
teplici: mancato funzionamento di eventuali
garantendo più quanto indicato dalla normativa
apparecchiature, sovra alimentazione delle
EN50160 come limite massimo. Questo per una stesse, danni per isolamento, drastico aumento
serie di fattori concomitanti
delle perdite complessive
LA SOLUZIONE ECONOMICA
e in particolare per: la diffudella rete, dell’impianto per
E COMPATTA PER REGOLARE
sione sempre maggiore dela distribuzione e di ogni
LA
TENSIONE
DI
RETE,
gli impianti ad energia rinnoaltro componente elettrico
OTTIMIZZANDO LE PRESTAZIONI
vabile; le cadute di tensione
alimentato.
accidentali; gli assorbimenti
Per far fronte a questa
DEL TRASFORMATORE E
di energia concentrati in più
problematica, GBE propoRIDUCENDO LE PERDITE
4
numero 2 | anno 2016
BE realizza quest’anno un nuovo catalogo, nel quale grande rilievo viene dato
alla conformità rispetto alla nuova direttiva Eco Design, ma soprattutto ai
nuovi traguardi raggiunti dall’azienda. Il catalogo è suddiviso in sei capitoli.
La parte introduttiva mette in evidenza le diverse tipologie di prodotto nei tre
stabilimenti produttivi e il modello organizzativo adottato, che consente un’efficace organizzazione, premessa indispensabile per la rapidità e flessibilità di risposta che
caratterizza tutte le funzioni aziendali, dall’area commerciale alla produzione, fino all’assistenza. Non manca inoltre la spiegazione dei complessi e continui test svolti all’interno delle sale
prove, chiamate a verificare il rispetto di quanto previsto dalla norma e richiesto dal cliente.
Gli altri capitoli descrivono le cinque tipologie di prodotto che GBE è in grado di produrre.
L’Azienda infatti, come noto, realizza non solamente trasformatori isolati in resina e in olio fino
anche a gradi potenze quali 30 MVA - 52 KV in resina e 50 MVA - 145 KV in olio, ma anche
reattori per vari tipi di applicazioni ed in fine un nuovo prodotto quale il trasformatore amorfo.
Nel catalogo vi sono molte informazioni tecniche per spiegare alcuni punti della nuova normativa, con riferimento anche alle peculiarità dei prodotti GBE rispetto alla concorrenza. Per
quanto riguarda le classi ambientali, climatiche e di comportamento al fuoco, viene puntualizzata l’introduzione della E3, secondo IEC 60076-16 e della C3 e C4, non prevista dalla IEC,
ma presente nella normativa GOST-R 54827 per il mercato russo.
Tra le novità apportate al nuovo catalogo ci sono poi i nuovi cassonetti di protezione dei trasformatori in resina per i diversi tipi di installazione, fino all’IP54.
Il catalogo è arricchito anche da molte immagini a supporto della descrizione tecnica, per
enfatizzare la varietà di prodotti che GBE è in grado di realizzare per ogni installazione, con
design costruttivo personalizzato.
Infine, ampio spazio viene riservato alle particolarità e alla struttura del processo produttivo,
che conferma la dimensione di alto livello raggiunta dall’azienda nel corso degli anni.
NUOVA CONCEZIONE GBE VOLT
ne il trasformatore VOLT, Voltage Optimisation Local Transformer, un trasformatore
da distribuzione dotato di un commutatore
sotto carico (OLTC) completo di motore
comandato, misuratore della tensione lato
bassa tensione, e dunque con regolazione
automatica. Questa soluzione consente di
garantire sempre la corretta tensione di utilizzo sul lato secondario indipendentemente
dalle variazioni della tensione di rete di
media con tempi di commutazione inferiori
ad 1 secondo, con il grande vantaggio di
mantenere le dimensioni di normali trasfor-
matori per distribuzione.
Nei casi di alte variazioni di tensione nelle
reti, infatti, i trasformatori si trovano spesso
a lavorare ad una tensione diversa da quella
nominale, e questo in qualche caso comporta un forte spreco di energia, perché come noto - una tensione di rete superiore
al valore nominale comporta un aumento
delle perdite non solo nel trasformatore,
ma soprattutto nell’impianto e nelle apparecchiature alimentate. In definitiva, quindi, garantire la tensione corretta vuol dire
risparmio energetico.
numero 2 | anno 2016
NUOVO REPARTO
MARKETING
IN GBE
A sostegno del fondamentale lavoro di
produzione e vendita, l’azienda ha rafforzato
il proprio ufficio marketing il cui operato è
di fondamentale importanza per il prezioso
supporto che offre a tutta l’organizzazione
aziendale e alla rete di vendita. L’area
marketing, può contare oggi su due nuove
figure e rivolge particolare attenzione
alla grafica, alla gestione del sito web ed
alla promozione di ogni aspetto legato
alle innovazioni tecnologiche introdotte
in azienda. L’agenda per il nuovo ufficio
marketing è già ricca di impegni, sono in
programma infatti numerosi nuovi strumenti
di comunicazione tra cui il nuovo video
IL SUCCESSO
DELL’AZIENDA
INCORAGGIA OGNI
GIORNO A PROMUOVERE
STRATEGIE DI MARKETING
aziendale (che sarà realizzato e montato
da un’importate azienda esterna di video
editing), l’attesissimo nuovo catalogo
generale 2016 che riassumerà tutti i prodotti
“made in GBE” e l’organizzazione di nuove
fiere di settore tra cui Hannover Messe,
All Energy a Glasgow e Wind Energy ad
Amburgo. Nonostante le difficoltà del
mercato, il successo dell’azienda incoraggia
ogni giorno a promuovere strategie di
marketing e vendita in mercati europei ed
extraeuropei, con la consapevolezza che la
qualità in simbiosi con la tecnologia sempre
al passo con i tempi e attenta ad ogni
esigenza, rappresentano una solida base
per qualunque strumento di comunicazione.
5
WORLD
R&D
GET THE BEST OF ENERGY
TRASFORMATORI IN RESINA GBE
OMOLOGATI PER INSTALLAZIONI
IN ZONE SISMICHE
TANTI MODI DI ESSERE
SPECIALI
PUNTO DI FORZA DI
GBE È LA CAPACITÀ
DI SODDISFARE
QUALSIASI RICHIESTA
TECNICA, ANCHE
LA PIÙ PARTICOLARE,
INSIEME ALLA
PRESENZA
COMMERCIALE
E ALL’ASSISTENZA
IN TUTTO IL MONDO
G
BE, già da qualche anno, ha ottenuto con risultato positivo l’omologazione di un suo trasformatore da
2000 kVA in classe 36 kV (40,5 kV
GOST) per livello sismico scala Mercalli X, equivalente a 7,3 punti della scala Richter ed
al livello 9 secondo sistema MSK-64 presso il laboratorio CESI (ISMES) di Bergamo. La prova è stata
effettuata secondo le normative IEEE 693-2005, EN
60068-3-3 e GOST 17516.1-90. L’entità dello stress
sostenuta dal trasformatore in prova corrisponde ad
una accelerazione sui tre assi di 1g, ossia circa 10
m/s2. Secondo le normative, tali livelli di sismicità
corrispondono ad un fenomeno definito come molto distruttivo e che causa distruzione di molti edifici, frane, sollevamenti della crosta terrestre e vittime.
Di conseguenza, i trasformatori in resina in zone ad
alto livello di sismicità devono garantire non solamente alte performance di carattere elettrico, ma soprattutto una costruzione meccanica tale da sopportare
elevati stress dinamici in accelerazioni sui tre assi
causati dagli eventi sismici. Grazie a questa prova
superata, GBE ha potuto ampliare le installazioni di
proprie macchine in America Latina, dove negli ultimi
anni sono stati fatti molti investimenti in ambito energetico, sia per uso industriale che residenziale.
I soci fondatori di GBE:
Giuliano Sanson, Renato Tapparelli
e Francesco Muzzolon
Più valore per i clienti
CASSONETTI DI PROTEZIONE PER TRASFORMATORI A SECCO
PER LA MASSIMA RESISTENZA
ALLA CORROSIONE E ALLE
CONDIZIONI CLIMATICHE
ESTREME, CON IP FINO A 54
TIPO SL
GBE presenta la linea di cassonetti di protezione
per trasformatori a secco, disponibile in tre diverse
tipologie e studiate per rispondere alle esigenze
delle più diverse applicazioni e installazioni, sia
per interno che per esterno. Queste tipologie
di cassonetti garantiscono infatti non solo l’IP
desiderato (dall’IP21 all’IP54), ma anche il più
elevato livello di resistenza alla corrosione negli
ambienti ostili, come ad esempio installazioni
a temperature sotto zero con carico di neve o
funzionamento del trasformatore in box nel deserto
con temperature ambiente superiori a 50 °C e
presenza di sabbia. Ogni box è definito nel pieno
rispetto delle normative, con particolare attenzione
ad ogni dettaglio costruttivo. Specifici accorgimenti
inoltre consentono una manutenzione più facile e
veloce: lo smontaggio dei panelli per visionare il
trasformatore è infatti ottenuto con viteria di rapida
applicazione e rimozione. Infine, i box possono
essere dotati di porte con serratura e possono
essere arricchiti di qualsiasi altro accessorio
richiesto, secondo la filosofia di GBE, da sempre
specializzata nella fornitura di prodotti altamente
customizzati ove richiesto.
La nuova serie di cassonetti è un altro fiore
all’occhiello del nuovo Reparto di Carpenteria
interno a GBE: inaugurato due anni fa, consente la
massima autonomia in tutte le fasi di costruzione
dei trasformatori, garantendo i più elevati livelli
di qualità e accorciando i tempi di produzione,
grazie a tecnologie all’avanguardia che
consentono produzione, lavorazione e finitura di
tutta la carpenteria utilizzata per la produzione di
trasformatori e reattori.
TIPO SG
TIPO AL
Massimiliano Galasso,
General Manager
«Siamo un’azienda che
punta da sempre non sulla
quantità, ma sulla qualità e
in particolare sui prodotti
custom, attraverso i quali offriamo ai clienti un
plusvalore importante. Proprio la flessibilità è il
nostro punto di forza, che significa anche consegne veloci e capacità di gestione dell’ordine in
caso di variazioni o altri eventi. Siamo un’azienda
che opera nei cinque continenti e con un’offerta
che copre tutto il range delle possibili esigenze,
ma allo stesso tempo operiamo per processi
snelli, tanto è vero che tra i nostri clienti ci sono
anche i nostri competitors, che quando ricevono
la richiesta di prodotto speciale si rivolgono a noi.
Va sottolineato come negli ultimi anni i mercati
siano diventati sempre più esigenti, e allo stesso
tempo è cresciuta la considerazione dell’importanza del trasformatore, anche perché è stata
finalmente compresa l’importanza - anche economica - dell’efficienza energetica, tema che
premia le realizzazioni di qualità. Quindi in misura sempre maggiore vengono premiate la qualità
e l’innovazione e questa sfida continua rappresenta per GBE una grande opportunità, proprio
perché abbiamo sempre investito su questi fattori. In questo senso emerge l’importanza anche
di altre dotazioni e funzioni aziendali “nascoste”,
ma fondamentali come la nostra sala prove per
effettuare le più sofisticate simulazioni o la capacità di produrre tutte le principali certificazioni
richieste dai mercati di riferimento. In generale,
possiamo dire che oggi la tendenza è quella di
seguire in misura molto maggiore il cliente, ma
questa è da sempre la nostra attitudine».
Gli specialisti dello speciale
Cassonetto con struttura portante da 2
mm con pannelli e tetto rimovibili in lamiera
verniciata di spessore 15/10.
6
Cassonetto realizzato interamente con pannelli in
lamiera verniciata di spessore 15-20/10. Pannelli
frontali rimovibili in entrambi i lati. Tetto rimovibile per
garantire il sollevamento del trasformatore completo
di box dalla sommità del trasformatore stesso.
numero 2 | anno 2016
Cassonetto con struttura portante in profili
di alluminio anodizzato con pannelli e tetto
rimovibili in lamiera verniciata di spessore
15/10.
Alessandro Tapparelli,
Electrical Engineer
«La realizzazione di macchine fuori standard è da
sempre il fiore all’occhiello
di GBE. Tutto comincia con
i clienti che ci sottopongono particolari specifi-
che tecniche da soddisfare. A quel punto procediamo con lo studio di fattibilità, attraverso un
progetto preliminare che rappresenta sempre
un investimento oneroso per l’Azienda in termini
di risorse, tempo e professionalità coinvolte. Talvolta, nell’ottica di offrire al cliente la consulenza più completa e migliore, suggeriamo anche
delle modifiche rispetto alle richieste iniziali per
raggiungere gli stessi obiettivi semplificando il
progetto e dunque riducendo i costi. Una volta
trovata la soluzione migliore per l’installazione, si
procede con la produzione. Il tutto, naturalmente, dopo avere verificato nella nostra sala prove,
con i più severi test, la totale affidabilità e qualità, perché la tranquillità del cliente è un valore
strategico che non ha prezzo. Questo percorso
oggi avviene per circa il 50% della nostra produzione, che è costituito appunto da macchine
fuori standard, a conferma di quanto ci viene
riconosciuta questa competenza specifica e peculiarità dai clienti di tutto il mondo».
Protagonisti nei nuovi mercati
Giampaolo Mattiello,
Business Development
Manager
«Fin dal mio ingresso in
azienda nel 2004 mi sono
sempre occupato di business development e nel corso degli anni ho visto
GBE crescere costantemente in tutto il mondo:
così oggi al mercato europeo, dove siamo ormai
ben consolidati, si affianca una presenza di rilievo in tutta l’Europa dell’Est, in Russia, e ancora
in Nord Africa, Medio Oriente, Area del Golfo
Persico, Sud Est Asiatico, fino a Sud America e
Australia. Il segreto di questa presenza globale
sta nella flessibilità, che ci consente - anche attraverso la realizzazione di prodotti speciali - di
soddisfare davvero qualsiasi esigenza, che con
un orizzonte commerciale così ampio sono davvero le più diverse, dai -60° C della Siberia ai deserti africani. E poi vi è certamente la capacità di
capire le esigenze dei diversi mercati, in termini
tecnici come detto ma anche come modello di
business e approccio culturale: questo fa parte
del nostro DNA di azienda italiana, sempre atnumero 2 | anno 2016
tenta al rapporto con il cliente. Perché l’elemento umano fa la differenza. Il tutto naturalmente
con il supporto di una macchina organizzativa
sempre attiva: disponiamo in tutto il mondo di
una rete di tecnici in grado di rispondere in tempi
rapidisissimi alle esigenze del cliente, ovunque
esso si trovi, di fatto pronti ad attivarsi 24 ore
su 24, 7 giorni alla settimana. Organizzazione
come After Sales Service, dunque, ma anche
in termini di logistica: basti pensare al fatto che
cambiamo completamente le modalità di imballaggio in funzione del Paese di destinazione, al
fine di eliminare qualsiasi rischio connesso magari alle condizioni delle vie di comunicazione in
alcuni Paesi».
GBE nel mercato tedesco
Luca Ferro,
Sales Manager
«Essere presenti alla Fiera
internazionale di Hannover,
in casa dei nostri principali competitors, è una sfida
importante che affrontiamo forti della reputazione che abbiamo saputo costruirci nel corso
degli anni anche nel mercato tedesco. Un mercato, voglio sottolinearlo, che per noi è strategico e dal quale negli ultimi anni sono arrivati
importanti riconoscimenti, grazie alla nostra capacità di soddisfare anche particolari esigenze
tecniche, progettando e realizzando prodotti
su misura. Siamo presenti in Germania con sei
agenzie che ci rappresentano e ci permettono
di coprire in modo capillare tutto il territorio nazionale, anche sul piano dell’assistenza naturalmente. La nostra filosofia infatti rimane quella
di seguire cliente in tutte le fasi, dalla consulenza di vendita fino all’installazione e assistenza.
Del resto proprio la flessibilità tipica di un’azienda italiana rappresenta un punto di forza e un
plusvalore che ci viene riconosciuto dai nostri
clienti tedeschi: flessibilità che significa appunto capacità di sviluppare progetti speciali, ma
anche rapidità nel fornire risposta e attitudine a
instaurare un rapporto personale con il cliente,
che aiuta a capire e soddisfare le sue necessità».
7
WORLD
FIERE
GET THE BEST OF ENERGY
LE PROSSIME FIERE
PER SCOPRIRE I PRODOTTI E LA TECNOLOGIA GBE E IL NOSTRO
KNOW HOW NELLA REALIZZAZIONE DI PROGETTI SPECIALI
HANNOVER MESSE - HANNOVER
25/04/2016-29/04/2016
DRIESCHER HAUSMESSE - EISLEBEN
30/06/2016
ALL ENERGY - GLASGOW
04/05/2016-05/05/2016
WIND ENERGY - AMBURGO
27/09/2016-30/09/2016
c.BII/E
CAST RESIN, DRY TYPE AND 0/L FILLED
TRANSFORMERS & REACTORS
Standard and customised so/utions
www.gbeonline.com

Documenti analoghi