HUBSHORN, 3192 m., Alpi Pennine, parete Nord Est

Commenti

Transcript

HUBSHORN, 3192 m., Alpi Pennine, parete Nord Est
HUBSHORN, 3192 m., Alpi Pennine, parete Nord Est
‘GHOST FACE’, 850 m. di sviluppo, 550 m. di dislivello, TD+
26 maggio 2013, Paolo Zanoli, Giovanni Pagnoncelli, Davide Gallian
L’Hubshorn stagnava nei pensieri da circa tre anni, da quando durante una scialpinistica di fine stagione, delle
condizioni particolari mi fecero notare delle colate di ghiaccio scalabili che però ebbero pochi giorni di vita.
Bibliografia alla mano verificai che su di essa solo due vie invernali erano state effettuate. Nei ultimi tre anni sarò
passato sotto quella parete decine di volte con gli sci, per piacere o per allenamento ma la parete si rivelava sempre
nel suo aspetto più brutto, scura, placcosa ed infida. A dispetto del nome che in tedesco significa ‘corno carino’,
leggende locali classificano oltretutto l’Hubshorn come una pigna di sassi instabili e lichenati quindi le prospettive
potevano sembrare non così allettanti. In realtà, dopo la salita della cresta NW Re Alberto scalata in estate, la roccia
non mi parse così male. Evidentemente sono di ‘bocca buona’.
Qualche giorno fa scorsi su FB una foto scattata da amici scialpinisti diretti al Monte Leone in cui si vedeva
chiaramente la parete vestita di un manto bianco più unico che raro. ‘Cogli l’attimo’, si dice in questi casi. La finestra
di tregua dal mal tempo stava giungendo; si trattava solo di fare una ricognizione per vedere di cosa era fatto quel
vestito bianco e di assoldare un team sufficientemente motivato ed incazzato e che si fida del sottoscritto. I più
motivati per questo genere di obiettivi che io conosco sono i giovani, gli Aspiranti Guida e gli Aspiranti Aspiranti ma
devo quasi sempre cercarli fuori provincia. Quali più motivati di due giovani a cui manca solo il modulo di alta
montagna per chiudere il corso? E così sia. Sveglia comoda alle 6.15 (la mia) e armati di doppia serie di micro friends,
micro nuts, knife blades, corpi morti e viti corte attacchiamo a colpo sicuro la rampa identificata due giorni prima
certi di arrivare in vetta in 4/5 ore. L’ambiente è incredibilmente invernale ed atipico per il luogo e la stagione. Bassa
temperatura, vento da nord ovest teso e nebbia ci fanno sembrare di essere su una parete diversa, sull’Eiger, in
Scozia, in Norvegia. A gennaio. In testa avevo la linea da seguire che, tendendo a sinistra, ci avrebbe portato dopo
una prima sezione ripida, ad un nevaio e poi al muro superiore che accedeva alla rampa nevosa sotto la vetta.
Semplice, intuitiva, logica. Purtroppo le prospettive cambiano quando si è in parete, la visuale è spesso occultata da
rocce e crestine che sulle foto frontali sembrano non esistere. Oltre a ciò, la nebbia, che ci ha invece portato più a
sinistra dove la parete si fa più ripida. Ciononostante, tiro dopo tiro, ora dopo ora, abbiamo trovato una successione
di diedri, rampe, cenge che ci hanno portato a battere traccia con la neve fino alla vita sulla cresta che ci portò alla
croce di vetta. Ci siamo divertiti, non è stata un’esperienza fatta di tensione e nodi allo stomaco, di eroi, tragedie e
di difficoltà. Abbiamo sì superato attimi di tensione e difficoltà, passaggi aleatori e delicati, una bolla di ghiaccio
strapiombante fatto di croste superficiali, conserve dove ognuno di noi tre non poteva permettersi un passo falso.
Ma la cordata da tre, su terreni come questi, permette di vivere col sorriso sotto i baffi ed una battuta
sdrammatizzante ogni momento, di vivere l’amicizia forte creata con Paolo durante le salite passate e quella nuova
con Davide conosciuto la stessa mattina, incazzato con Paolo perché avrebbe preferito scalare una parete assolata
vista mare. Ecco, ad eccezione della mia imbragatura fatta di cordini a causa della mia testa tra le nuvole e della
visibilità bassissima in vetta con la paura cadere da una cornice sulla parete da cui siamo giunti, una salita più bella di
questa non potevo immaginarla. Amicizia, sincronia di pensieri, controllo della situazione, onestà e lealtà lontani da
invidie e gelosie rovina dei valori dell’alpinismo. Con se stessi, con i compagni e con la montagna.
Abbiamo classificato TD+ la salita effettuata in 9 ore in quelle precise condizioni ambientali, ma la difficoltà può
variare di molto in funzione della quantità e qualità di ghiaccio e neve. Abbiamo effettuato circa duecento metri di
progressione in conserva e 12 lunghezze di corda piazzando 13 soste su roccia, a volte scavando sotto la neve alla
ricerca di fessure. Le soste erano quasi sempre buone, le protezioni sui tiri meno qualitative e più distanziate. Il
tempo richiesto nella costruzione delle soste è stato comunque elevato. Non abbiamo lasciato segni passaggio,
consiglio ai ripetitori di attrezzarsi secondo la propria esperienza ed invito gli Alpinisti a finire la via più logica ed
evidente che ancora oggi attende passaggio.
Giovanni Pagnoncelli