4. Viaggiare con i bambini a Parigi

Commenti

Transcript

4. Viaggiare con i bambini a Parigi
Indice generale
1.Cosa vedere a Parigi...........................................................................................................4
1.1Benvenuti a Parigi!........................................................................................................4
1.2Défense.........................................................................................................................4
1.3Centre National d’Art et de Culture Georges – Pompidou...........................................5
1.4Champs­Elysèes...........................................................................................................5
1.4.1.1Per visitare l’Arc de Triomphe l’orario è il seguente:.....................................6
1.5Museo del Louvre.........................................................................................................6
1.6Le tre sezioni accolgono...............................................................................................6
1.6.1.11.Richelieu......................................................................................................6
1.6.22.Sully....................................................................................................................7
1.6.33.Denon.................................................................................................................7
1.7Musèe d’Orsay..............................................................................................................7
1.8Monmartre e Sacro Cuore............................................................................................8
1.8.1.1Monmartre......................................................................................................8
1.8.1.2Rue Lepic.......................................................................................................9
1.8.1.3Sacré­Coeur...................................................................................................9
1.9Notre Dame...................................................................................................................9
1.10Tour Eiffel..................................................................................................................10
1.11Quartiere latino.........................................................................................................12
2.Divertirsi............................................................................................................................12
2.1Disneyland Paris.........................................................................................................12
2.2Parco Disneyland........................................................................................................13
Main Street Usa.......................................................................................................13
Frontierland.............................................................................................................13
Discoveryland..........................................................................................................13
Adventureland.........................................................................................................13
Fantasyland.............................................................................................................13
2.2.1Come arrivare......................................................................................................14
RER.........................................................................................................................14
Auto.........................................................................................................................14
2.3Festival........................................................................................................................14
Per informazioni su luoghi e periodi delle principali manifestazioni culturali è
consigliabile telefonare all’Office du Tourisme de Paris, tel. 0149525300.............14
2.4Manifestazioni merceologiche....................................................................................14
Per informazioni su luoghi e periodi delle principali manifestazioni culturali è
consigliabile telefonare all’Office du Tourisme de Paris, tel. 0149525300.............14
2.5Le esposizioni d’arte...................................................................................................15
Per informazioni su luoghi e periodi delle principali manifestazioni culturali è
consigliabile telefonare all’Office du Tourisme de Paris, tel. 0149525300.............15
2.6Natale..........................................................................................................................16
3.Informazioni Generali........................................................................................................16
3.1Come arrivare a Parigi................................................................................................16
3.2Aereo..........................................................................................................................16
Guida scaricata da: IloveParis.it – Le guide per i tuoi viaggi – www.guideurope.eu
2
3.2.1.1L’Aeroporto Internazionale Charles De Gaulle............................................16
3.2.1.2L’Aereoporto di Orly.....................................................................................17
3.2.1.3L’Aereoporto di Parigi Bauvais.....................................................................17
3.3In treno........................................................................................................................17
3.4In auto.........................................................................................................................17
3.5Come muoversi a Parigi.............................................................................................18
3.5.1Metropolitana.......................................................................................................18
3.5.2RER.....................................................................................................................18
3.5.3Auto.....................................................................................................................18
3.5.4Autobus...............................................................................................................18
3.5.5Batobus...............................................................................................................19
3.5.6Taxi......................................................................................................................19
3.5.7Bicicletta..............................................................................................................19
3.5.8Velib.....................................................................................................................19
3.6Informazioni utili per visitare Parigi.............................................................................19
3.6.1.1Giorni festivi.................................................................................................19
Prefissi internazionali..............................................................................................20
Ospedali..................................................................................................................20
Ambasciate e consolati...........................................................................................20
Uffici del turismo:.....................................................................................................21
Distanze dalle principali città:..................................................................................21
3.7Clima e Meteo a Parigi...............................................................................................21
Periodi migliori per visitare la città...............................................................................21
Primavera................................................................................................................21
Estate......................................................................................................................22
Autunno...................................................................................................................22
Inverno....................................................................................................................22
3.8Cosa mangiare a Parigi..............................................................................................22
4.Viaggiare con i bambini a Parigi.......................................................................................23
4.1.1.1Indirizzi e Informazioni.................................................................................24
Guida scaricata da: IloveParis.it – Le guide per i tuoi viaggi – www.guideurope.eu
3
1. Cosa vedere a Parigi
1.1 Benvenuti a Parigi!
Parigi è una città dall’indiscutibile fascino, sempre pronta al mutamento ma nello stesso
tempo sempre riconoscibile e inconfondibile; è una città radiocentrica, con i boulevards
che stanno ad indicare le sue fasi di crescita, legate agli ampliamenti delle cerchie murarie
che si sono succedute nel corso della storia.
Parigi ruota intorno al suo fiume, la Senna, che la divide in due zone distinte, la riva
destra, rive droite, e la riva sinistra, rive gauche: L’Ile de la Citè, dove è nata la città
primitiva, e l’Ile St­Louis, con i loro otto ponti, creano un legame tra le due rive, da
sempre ritenute antitetiche.
La rive droite è ritenuta la zona inerente al commercio e agli affari, con le sedi delle
principali banche, i grandi alberghi, i negozi più importanti; la rive gauche è storicamente la
sede delle maggiori confraternite religiose, delle Università, delle grandi biblioteche. 1.2 Défense La Défense è una delle realizzazioni più importanti degli ultimi anni del ‘900 una grande
piattaforma che si estende dal Ponte di Neuilly fino alla Grande Arche, simbolo di questa
zona, con una miriade di grattacieli, fontane, sculture, uffici di 1600 società.
La Grande Arche rappresenta appunto la chiusura trionfale ad un asse trionfale e si
presenta come una megastruttura a cubo svuotato con gli ascensori a vista alta 110m,
larga 112m e profonda 108m.
La Tour Roussel­Hoechst è una una delle prime costruite alla Défense, nel 1966­67,
ma conserva intatta tutta la sua eleganza, con un corpo centrale in cemento armato e
ossatura metallica rivestito di vetro.
Il CNIT è uno splendido edificio dalla cupola bianca costruito tra il 1957 ed il 1959; Les 4
Temps è il centro commerciale più grande d’Europa, con la caratteristica di avere tutte le
strade e le piazze che lo attraversano illuminate da luce naturale diretta.
Per raggiungere la Défense si possono prendere o la metro linea 1 o la RER linea A. Guida scaricata da: IloveParis.it – Le guide per i tuoi viaggi – www.guideurope.eu
4
1.3 Centre National d’Art et de Culture Georges – Pompidou
L’atipico museo accoglie opere che seguono quelle del Louvre e quello del museo
d’Orsay: fu inaugurato nel 1977 e progettato da renzo Piano e Richard Rogers, spinti da
un’idea del presidente George Pompidou; è un luogo nel quale arti visive, cinema, libri,
musica e ricerca audiovisiva sono riuniti in una struttura nella quale interno ed esterno
sono intercambiabili.
L’edificio, all’esterno, mostra vari circuiti di colori diversi: verdi per le tubature
dell’acqua, giallo per l’elettricità, blu per l’areazione, rosso per le scale mobili, gli ascensori
e i montacarichi; vi sono cinque piani e due sotterranei.
Il Musèe National d’Art Moderne accoglie opere appartenti a correnti quali Fauvismo,
Cubismo, Figuratismo e Realismo, Dada e Surrealismo, Arte Americana solo per
citarne qualcuna ed autori del calibro di Ricasso, Matisse, Kandinskij, Modigliani,
Chagall, Dalì, Manritte, Mirò.
Centre Pompidou • 75191, Paris Cedex 04 • Tel. 0033/1/44 78 12 33 • Email: www.centrepompidou.fr Il museo è aperto dal lunedì alla domenica dalle 11.00 alle 21.00, il giovedì dalle 11.00 alle
23.00, martedì chiuso; il costo del biglietto è di 10 euro, quello del biglietto ridotto 8 euro
ed è valido per tutto il museo e le mostre. 1.4 Champs­Elysèes
L’avenue des Champs­Elysèe è un asse di 7 km, che va da Concorde all’Etoile e poi si
prolunga fino araggiungere la Défanse; la Pyramide del Louvre, Place de Concorde,
l’Arc de Triomphe e la Grande Arche sono le tappe di questa via trionfale, che unisce
idealmente il Louvre alla Défanse. Dal Re Sole, che fa ridisegnare il percorso delle
Tuileries a Napoleone che fa erigere l’Arc de Triomphe fino a Mitterand che fa costruire
la Grande Arche, un susseguirsi di vicende storiche hanno portato alla creazione di una
delle prospettive più strabilianti al mondo.
A partire dalla metà dell’800 l’aristocrazia parigina les Champs­ Elysèe questo luogo
come luogo di dimora e sull’asse cominciarono a sorgere i primi eleganti palazzi, splendidi
alberghi e lussuosi negozi.
Nel 1770 Place de l’Etoile era soltanto un incrocio in piena campagna: con la costruzione
dell’asse da Concorde al ponte di Neully, furono realizzati anche i progetti per la
costruzione della piazza e nel 1806, dopo la campagna di Austerlitz, Napoleone ordinò
la costruzione dell’Arc de Triomphe.
Guida scaricata da: IloveParis.it – Le guide per i tuoi viaggi – www.guideurope.eu
5
L’Arco si presenta come un solo fornice poggiante su quattro piloni, su ciascuno dei lati si
apre un arco e le facciate sono scolpite con motivi militari ed eroici: si trova al centro di
una pizza dal raggio di 120m, nodo stradale tra i più trafficati di Parigi.
1.4.1.1 Per visitare l’Arc de Triomphe l’orario è il seguente:
•
•
•
•
•
•
aperto dalle 10.00 alle 23.00 dal 1° aprile al 30 settembre; dal 1° ottobre al 31 marzo dalle 10.00 alle 22.30; la cassa chiude 30 minuti prima dell’orario di chiusura Per arrivare, con la metro, linee 1, 2, 6 con fermata Charles de Grulle­Etoile; con la RER linea A, stazione Charlel de Grulle­Etoile Con il Bus linee 22, 30, 31, 52, 73, 92 1.5 Museo del Louvre
Il Louvre è senz’altro uno dei musei più importanti al mondo: è stato costruito a più
riprese sotto diversi sovrani, è stato immenso cantiere dove i sogni e le volontà dei re
venivano esauditi ed ha sempre rappresentato simbolicamente il potere reale e della
Nazione. Innumerevoli sono i capolavori famosi in tutto il mondo che ospita: la “Vergine
delle rocce” (1483­1486) e la “Gioconda” (1503­1506) di Leonardo, la “Deposizione”
(1525) di Tiziano, “Le nozze di Cana” (1562­1563) di Veronese, la “Venere di Milo”
(100 a.C.), scultura capolavoro dell’arte ellenistica, la “Nike di Samotracia” (190 a. C.),
scultura indimenticabile collocata sulla cima di una scala al primo piano.
L’ingresso al museo avviene attraverso la Pyramide del 1988 di Ieoh Ming Pei: è alta
21m costruita in vetro con una struttura d’acciaio inossidabile e poggia su un’assatura
d’alluminio di 30m di lato; la base della piramide, come quelle delle sette vasche che la
circondano, è in granito nero di Bretagna; nella galleria commerciale si trova la Pyramide
du Carrousel, anch’essa di Pei, più piccola dell’altra e con la testa rovesciata, a 1.40m
sospesa dal pavimento.
Dalla Piramide si ha accesso alle tre ali principali in cui è diviso il museo: Richelieu, Sully,
Denon, ognuna delle quali ha quattro piani, il mezzanino, il pianterreno, il primo e secondo
piano: visitarlo tutto richiederebbe diversi giorni, vista l’immensa quantità di capolavori che
ospita. 1.6 Le tre sezioni accolgono
1.6.1.1 1.Richelieu
•
•
•
•
•
•
•
Pittori francesi del XIV­XVII sec Pittori tedeschi, fiamminghi e olandesi, Scuola del Nord Oggetti d’arte del Medioevo, Rinascimento, XVII e XIX sec Appartamenti di Napoleone III Sculture francesi Mesopotamia, Iran antico Arti dell’Islam Guida scaricata da: IloveParis.it – Le guide per i tuoi viaggi – www.guideurope.eu
6
1.6.2
•
•
•
•
•
•
•
1.6.3
•
•
•
•
•
•
•
2.Sully
Pittori francesi XVII­XVIII­XIX sec Disegni e pastelli XVII­XVIII­XIX sec Oggetti d’arte XVII­XVIII sec Grecia, Etruschi, Roma Egitto faraonico Iran antico, Mondo arabo, Levante Storia del museo, Louvre medievale 3.Denon
Pittori italiani e spagnoli Pittori francesi XIX sec Galleria d’Apollon, Diamanti della Corona Sculture italiane, spagnole e dell’Europa del Nord Grecia, Etruschi, Roma Egitto romano e copto Arte africana, asiatica, americana, Oceania Per arrivare al Louvre: •
•
•
•
•
Metro: linea1, stazione Palais­Royal/Musèe du Louvre Bus : numeri 21, 24, 27, 39,48, 68, 69, 72, 81, 95 Il Louvre è aperto tutti i giorni, tranne il martedì, dalle 9.00 alle 18.00 Il mercoledì e il venerdì l’apertura è prolungata fino alle 20.45 Rimane chiuso anche i seguenti giorni festivi: 1° gennaio, 1° maggio, 15 agosto, 25
dicembre Orari • L’ingresso è gratuito tutte le prime domeniche del mese e il 14 luglio; • il costo del biglietto per le collezioni permanenti, è valido un giorno e non
comprende le collezioni temporanee della Sala Napolèon; • comprende invece l’accesso al museo Eugène Delacroix. • Il mercoledì e il venerdì, dalle 18.00 alle 20.45 si paga meno. • Per la Sala Napolèon il biglietto per le esposizioni temporanee ha un prezzo
diverso/li> • Esiste anche un biglietto comulativo, valido per le collezioni permanenti, per quelle
temporanee e per il Musèe Eugène Delacroix
1.7 Musèe d’Orsay
Questo splendido museo è stato ricavato ristrutturando la gare, stazione, d’Orsay quando
era sul punto di essere distrutta: è stata l’architetto Gae Aulenti ad eseguire il progetto,
concependo l’allestimento interno in armonia al carattere monumentale dell’antica
Guida scaricata da: IloveParis.it – Le guide per i tuoi viaggi – www.guideurope.eu
7
stazione, costruendo due livelli nella parte superiore per avere lo spazio necessario ad
ospitare tutte le opere.
Il museo accoglie le opere dagli inizi dell’Ottocento fino agli anni ’30 del XX secolo,
comprendendo correnti quali Realismo, Impressionismo, Art Nouveau. Al pianterreno
sono esposte le sculture e le pitture ottocentesche fino alle prime fasi del periodo
impressionista; al livello superiore sono esposte tutte le tappe dell’Impressionismo, dal
“Dèjeuner sur l’herbe” (1863) di Manet ai pastelli di Degas e Toulouse­Lautrec. Di
Degas anche il bronzo della “Piccola ballerina” (1830), tema tra i più amati dall’artista; ci
sono numerosi quadri di Van Gogh, tra i quali il famoso “Autoritratto” (1889), di Cèzanne,
tra i quali “Giocatori di carte” (1895), Gauguin, con i suoi ritratti di persone e paesaggi
della Polinesia.
Al livello intermedio sono esposti quadri e bronzi di varie tendenze, dal Naturalismo al
Realismo e Simbolismo all’Art Nouveau.
Musée d’Orsay • 62, rue de Lille • 75343 Paris Cedex 07 monet • tel. +33 (0)1 40 49 48 14 Per arrivare al museo: •
•
•
•
Metro: linea 12 stazione Solforino RER: linea C, stazione Musèe d’Orsay Bus: linee 24, 63, 68, 69, 73, 83, 84, 94. Anche il Batobus ha una fermata nei pressi del museo Il museo d’Orsay è aperto il martedì, mercoledì, venerdì, sabato e domenica dalle 9.30 alle
18.00; il giovedì dalle 9.30 alle 21.45; i biglietti sono in vendita fino alle 17.00 e fino alle
21.00 il giovedì; lunedì giorno di chiusura.Il 25 dicembre ed il 1° gennaio il museo resta
chiuso. 1.8 Monmartre e Sacro Cuore
1.8.1.1 Monmartre
Monmartre fa parte di uno dei villaggi che vennero annessi a Parigi nel 1860: è
sicuramente uno dei quartieri più caratteristici e affascinanti della città ed è soprattutto
l’immagine della bohème, luogo scelto per vivere e lavorare dai più grandi artisti dell”800;
ha la dimensione di un piccolo villaggio, con stradine che risalgono la collina fino alla
Chiesa del Sacro Cuore; la Place du Tertre, con una splendida vista sulle cupole
bianche della chiesa, è deliziosa, anche se un po’ troppo affollata di artisti intenti a fare
ritratti ai turisti. Tutto intorno alla piazza ci sono ristoranti, negozietti, caffè, atelier di artisti.
Guida scaricata da: IloveParis.it – Le guide per i tuoi viaggi – www.guideurope.eu
8
1.8.1.2 Rue Lepic
Rue Lepic è una delle strade più caratteristiche per arrivare a Monmartre, piena di
negozietti e ristorantini e via via che si sale si godono gli scorci sulla città; vicino a Rue
Lepic c’è il Moulin de la Galette, immortalato in un famosissimo quadro di Renoir.
1.8.1.3 Sacré­Coeur
La Chiesa del Sacrè­Coeur domina la città, realizzata con una pietra calcarea di
Chateau­Landon che le fa assumere l’aspetto candido: le cupole sono allungate e strette
alla base da volumi incastrati l’uno sull’altro. Questa chiesa è stata concepita per essere
un luogo di pellegrinaggio, da qui la presenza del sagrato e della scalinata estremamente
ampie; dal punto di vista stilistico resta un ibrido, ma rappresenta sicuramente un simbolo
per la città.
Per arrivare a Monmartre: • Metro: linea 12 fermata Jules Joffrin o Abesses se si vuole prendere la funicolare; • accanto alla funicolare c’è una scalinata che la costeggia, alternativa molto
suggestiva per chi vuol andare a piedi • Linea 2 fermata Anvers o Pialle per chi vuole salire a piedi la collina • Bus: linea 30, 31, 54, 80, 85, Monmartrobus Se non ve la sentite di arrampicarvi a piedi lungo la collina di Montmartre, potete
prendere la funicolare che porta fino nel cuore del quartiere. Da lì, proseguite a piedi. 1.9 Notre Dame
La cattedrale di Notre Dame si trova sull’Ile de la Citè ed è chiamata la “parrocchia
della storia di Francia” perchè è un luogo legato agli avvenimenti più importanti
riguardanti i sovrani di Francia. E’ tra le più belle costruzioni gotiche del Paese, costruita a
più riprese e frutto di tante trasformazioni, ma nonostante questo perfettamente armonica
nelle sue parti.
Il suo fondatore fu il Vescovo Maurice de Sully: i lavori cominciarono nel 1163 ed
andarono avanti fino al 1330; nella seconda metà del ‘200 vennero aggiunti le cappelle
ed il transetto con gli splendidi rosoni. La facciata è dominata da due torri di 69 m e
presenta tre grandi portali rappresentanti il Giudizio Universale, la Vergine e S.Anna; la
pianta della chiesa è a cinque navate e all’interno è decorata con quadri e statue in tutte le
cappelle;la Sacrestia contiene il Tesoro della Cattedrale, composto da manoscritti e
reliquiari, come la Croce Palatina e la croce di spine di Gesù che Luigi VII fece portare in
Francia e per la quale fece costruire la Sainte Chapelle.
All’esterno, dai cornicioni, sporgono i mostri di pietra “gargoiles”, temi tipicamente gotici
ricordati nel famosissimo romanzo di Victor Hugo Notre Dame de Paris.
Guida scaricata da: IloveParis.it – Le guide per i tuoi viaggi – www.guideurope.eu
9
Per arrivare a Notre Dame: • Metro: linea 1, stazione Hotel de Ville o Chatelet ; linea 4, stazione Citè o Saint­
Michel; linea 7, 11 e 14 • Bus: linee 21, 38, 47, 58, 70, 72, 74, 81, 82 • RER: linea B, stazione Chatelet, linea C, stazione Saint­Michel­Notre­ Dame • L’ingresso alla Cattedrale è gratuito; • per visitare il Tesoro di Notre­Dame l’orario è ol seguente: dal lunedì al sabato 9.30­
18.00; domenica 13.30­ 17.30 1.10 Tour Eiffel
Il Quartiere des Invalides è considerato uno dei quartieri più esclusivi della città: tutto,
dall’ampiezza delle strade alla regolarità del tessuto urbano, ricorda la sua origine militare;
si possono ammirare, in un percorso che porterà infine alla Tour Eiffel, l’Hotel des
Invalides, costruito nel 1671 come ospedale militare per accogliere gli ufficiali e i soldati
che non erano più in grado di sevire l’esercito; l’Ecole Militare, collegio militare, le Champ
de Mars, giardino tra i luoghi più piacevoli e frequentati della città, luogo che alla fine del
1800 divenne teatro delle Esposizioni Universali.
Parigi organizzò, per il centenario della Rivoluzione, la più grande esposizione mai
realizzata con i due punti cardine occupati dalla Galerie des Machines, ad un’estremità, e
la Tour Eiffel,all’altra, in asse con il ponte collegato al Trocadèro.
La torre venne costruita in soli 25 mesi e, dopo le perplessità iniziali dell’opinione comune,
divenne ben presto simbolo della città: obbligata a scomparire dopo 20 anni come tutte le
opere create per l’Esposizione, si conquistò invece il diritto a rimanere, divenendo prima
stazione metereologica poi stazione radio: è alta 300.65 m, organizzata su tre livelli e il
panorama che si gode dalla sua sommità è strabiliante.
Per arrivare alla Tour Eiffel: • Metro: linea6 Bir­Hakeim, linea8 Ecole Militare • RER: linea C­Stazione Champ de Mars­Tour Eiffel • Bus: numeri 22, 30, 32, 42, 63, 69, 72, 80, 82, 87 Dal 1° gennaio al 15 giugno: • ascensore 9.30­23.45, con ultima salita alle 23.00 e per l’ultimo piano 22.30; • scale dalle 9.30­18.30, ultimo accesso alle 18.00 Dal 16 giugno al 2 settembre: • ascensore 9.00­0.45, con ultima salita alle 0.00 e per l’ultimo piano alle 23.00; • scale 9.00­0.30, con ultimo accesso alle 0.00 Dal 3 settembre al 31 dicembre: • ascensore 9.30­23.45, con ultima salita alle 23.00 e per l’ultimo piano 22.30; • scale dalle 9.30­18.30, ultimo accesso alle 18.00 Guida scaricata da: IloveParis.it – Le guide per i tuoi viaggi – www.guideurope.eu
10
Al 1° piano della Torre c’è il ristorante Altitude 95( 95 è l’altezza sul livello del mare):
• dalle vetrate si esso si gode uno splendido panorama e comprende anche un bar; • per prenotare tel.33 (0)1 45 55 20 04; • email: altitude­[email protected] Al 2° piano c’è il ristorante Jules Verne • guidato da uno chef famoso in tutta la Francia, Alain Reix; • per prenotare tel.33 (0)1 45 55 61 44; • fax: 33 (0)1 47 05 29 41 Guida scaricata da: IloveParis.it – Le guide per i tuoi viaggi – www.guideurope.eu
11
1.11 Quartiere latino
Tra i boulevards St­Michel e St­Germain e la Senna si trova uquartiere latinona delle
zone più antiche della città, il quartiere di St­Sèverin; attorno al cardo romano di rue St­
Jacques sono ben visibili le stradine medievali; il suo nome deriva dalla lingua che vi si
parlava quando era sede esclusiva della Sorbona e del Collegio di Francia.
Nel quartiere vi è il Musèe du Cluny, che ospita reperti gallici e romani, ricche collezioni di
artigianato medievale e una collezione di splendidi arazzi. Dietro la Sorbona incontriamo il
Panthèon, Tempio della Nazione che accoglie le spoglie di persone illustri quali
Rosseau, Mirabeau, Victor Hugo. Il quartiere latino è una zona piena di vita, ricco di
bar, piccoli ristoranti, vecchi negozi di libri usati e di vestiti a poco prezzo.
Chi visita la Chiesa di Notre Dame può arrivare al quartiere Latino attraverso uno dei
seguenti ponti: Pont Au Doble, Petit Pont, Pont Saint­Michel. Con la Metro scendere a
Cluny­Sorbonne o Saint­Michel; per arrivare al Panthèon è preferibile la linea 10,
stazione Maubert­Matualitèe o Cardinal­Lemoine. 2. Divertirsi
2.1 Disneyland Paris
Il parco divertimenti di Disneyland Paris è probabilmente il piú famoso d’Europa e il
secondo al mondo dopo al predecessore statunitense.
Inutile dire che il parco di Disneyland non è assolutamente riservato solo ai piccoli, ma è
ricco di divertimenti e di attrazioni per gli over 18. Sono comunque numerose le iniziative
organizzate appositamente i piú piccoli e le famiglie.
Il parco viene aggiornato periodicamente di nuove attrattive e di nuovi personaggi, l’ultimo
in ordine di tempo è il topino Remy, del lungometraggio Pixmar Ratatouille, che accoglie
i piccoli visitatori all’entrata. Per i grandi l’ultima attrazione è data dalla Tower of Terror, un
ascensore collocato all’interno del terrorifico Hollywood Tower Hotel da cui si cade in
picchiata. L’attrazione, ispirata alla serie televisiva “The Twilight Zone” (in Italia nota
come Ai confini della realtà) è decisamente sconsigliata a claustrofobici e cardiopatici!
Eurodisney è un enorme parco tematico che offre al suo interno zone per ogni tipologia di
divertimento. Hotel, ristoranti, zone relax per i piú piccoli, discoteche e attrazioni
vertiginose. Pur essendo una realtà a tutto tondo, una cura particolare è riservata a
bambini e famiglie. Tutti i servizi sono dotati di fasciatolo per i piccoli e all’entrata è
possibile noleggiare carrozzine. Spesso, nei ristoranti sono disponibili forni a microonde e
scalda biberon, che sono assicurati nei “centri bambini”. In fine un’iniziativa davvero utile
è il così detto Baby Switch (letteralmente il “cambio bimbo”) se i genitori sono entrambi
interessati ad un attrattiva con il Baby Switch possono accedervi a turno senza dover
Guida scaricata da: IloveParis.it – Le guide per i tuoi viaggi – www.guideurope.eu
12
rifare la fila.
Il parco è suddiviso in due grandi aree: il Parco Disneyland e il Walt Disney Studios.
Il Walt Disney Studios è dedicato alla produzione cinematografica e fumettistica
dell’impero disneyano con la visita nei retroscena dei un lungometraggio animato e gli
spettacoli acrobatici delle controfigure. Qui si trovano anche tra le maggiori attrazioni del
parco tra le quali la Tower of Terror.
2.2 Parco Disneyland
Il Parco Disneyland è suddiviso in cinque aree tematiche ognuna delle quali offre attrazioni
piú adulte e zone dedicate ai piccoli (anche under 5).
Main Street Usa
è la strada delle parate dei personaggi Disney. Ricostruita in stile di inizio ‘900 viene
percorsa ad orari prestabiliti dal carosello Disneyano.
Frontierland
I ricordi di Zio Paperone sulla caccia all’oro devono aver aiutato a ricostruire la frontiera in
questa parte del parco. Le attrazioni sono tutte a tema western e offrono rilasanti crocere
sul Mississippi o corse su treni in procinto di deragliare, visite al villaggio indiano di
Pocaontas o a stamberghe infestate.
Discoveryland
Scienza, fantascienza e tecnologia si uniscono per sperimentare viaggi 20.000 leghe sotto
i mari, nello spazio profondo, oppure a bordo dei modelli di Leonardo da Vinci. Qua a
sede l’attrazione principale del parco prima dell’inaugurazione del nuovo Hollywood
Tower Hotel: lo Space Mountain: Mission 2, dove un cannone “spara” i malcapitati nello
spazio profondo.
Adventureland
La trilogia dei pirati dei carabi (il cui primo episodio aveva il solo scopo di pubblicizzare
l’attrazione nel parco statunitense) rivive in quest’area. Qui è possibile anche incontrare il
piú classico Capitan Uncino, sperimentare le corse nel tempio maledetto di Indiana
Jones o perdersi nella Bagdad di Aladino.
Fantasyland
I classici Disney trovano casa in questa parte del parco. Peter Pan, Alice, La Bella e la
Bestia e via discorrendo, per un tuffo fantastico nelle favole di sempre. Guida scaricata da: IloveParis.it – Le guide per i tuoi viaggi – www.guideurope.eu
13
2.2.1
Come arrivare
Eurodisney è a 32 km da Parigi in località Marne­la­Vallée/Chessy
Per raggiungerlo è possibile utilizzare il treno o l’auto.
RER
• Linea A Parigi – Marne­la­Vallée/Chessy (sono disponibili pacchetti RER + parco in
vendita tresso le stazioni della metropolitana) Auto
• da Parigi: A4 (autostrada dell’Est) • dall’aeroporto Charles De Gaulle, A104 (autostrada Francilienne) e A4 (autostrada
dell’Est) 2.3 Festival
•
“A Fleur de Jazz”, da maggio a settembre; • “Foire St­Germain”, “Fete du Pont­ Neuf”, “Fete de la Musique” e “Fete du
Cinèma” in giugno; • “La Villette Jazz Festival” e “Festival de Danse” in luglio; • “Paris Quartier d’Etè” e “Festival du Cinèma de la Villette” in luglio e agosto; • “Festival de Musique de Chambre” in settembre; • “Festival d’Automne” da metà settembre a metà dicembre; • “Festival d’Art Sacrè” e “Festival de Jazz” in ottobre. Per informazioni su luoghi e periodi delle principali manifestazioni culturali è
consigliabile telefonare all’Office du Tourisme de Paris, tel. 0149525300.
2.4 Manifestazioni merceologiche
•
“Musicora”, musica classica, ad aprile; • “Photo Video Son”, strumenti musicali e apparecchiature elettroniche video­
musicali a settembre; • “Salon de la musique” a settembre. Per informazioni su luoghi e periodi delle principali manifestazioni culturali è
consigliabile telefonare all’Office du Tourisme de Paris, tel. 0149525300.
Guida scaricata da: IloveParis.it – Le guide per i tuoi viaggi – www.guideurope.eu
14
2.5 Le esposizioni d’arte
•
“Salon de Mars”, antiquariato, arte primitiva, moderna e contemporanea a fine
marzo al Champ­de­Mars; • “Foire Internationale d’Art Contemporain” a fine ottobre; • “Salon d’Automne”, pittura, scultura, fotografia in ottobre e novembre seguito dal
“Salon des Artistes Indèpendants”, mostra a tema. Per informazioni su luoghi e periodi delle principali manifestazioni culturali è
consigliabile telefonare all’Office du Tourisme de Paris, tel. 0149525300.
Guida scaricata da: IloveParis.it – Le guide per i tuoi viaggi – www.guideurope.eu
15
2.6 Natale
Sono numerosi i Mercatini di Natale di Parigi. Da quelli di Montparnasse e Saint
Sulpice a quelli della Défense. Senza dimenticare la spettacolarità delle illuminazioni lungo gli Champs­Elysée o de Les
Galeries Lafayette.
Per una panoramica completa di tutti i mercatini di Natale d’Europa visita il sito: Mercatini
di Natale. 3. Informazioni Generali
3.1 Come arrivare a Parigi
3.2 Aereo
è il modo più rapido per raggiungere Parigi; ci sono molte compagnie che effettuano voli
diretti da tutti i principali aeroporti italiani e anche voli low cost. Gli aeroporti principali sono
due: l’Aeroporto Internazionale di Charles De Gaulle, a 25 km a Nord­est di Parigi e
l’Aeroporto di Orly, a sud della città; un altro aeroporto più piccolo, utilizzato per i voli low
cost è quello nella cittadina di Beauvais, a 70km da Parigi.
3.2.1.1 L’Aeroporto Internazionale Charles De Gaulle
è raggiungibile in macchina servendosi dell’autostrada A1, che collega Parigi a Lille; in
treno: a seconda del terminal di arrivo si prende la navetta Aèroport de Paris o si
seguono le indicazioni “Paris par Train” e si arriva alla linea B della RER che conduce alle
varie direzioni Gare du Nord, Chatelet_Les Halles, Saint Michel Notre Dame…Il costo
del biglietto è di circa 8 euro.
Col bus ci sono diverse linee che collegano l’aereoporto con la città: linea2, tutti i giorni
dalle 5.45 alle 11 di sera, ogni 15 minuti. Partono dal Terminal 1, 2A, 2C, 2B, 2D, 2E e
2F. Portano a Porte Maillot (Boulevard Gouvion Saint­Cyr, metro/RER Porte Maillot) and
Place Charles de Gaulle­Etoile (Avenue Carnot, metro/RER Charles de Gaulle­Etoile);
linea4, tutti i giorni dalle 7 alle pm, ogni 30 minuti. Partono da Terminal 1, 2A, 2C, 2B, 2D,
2E, 2F, e portano a Gare Montparnasse (rue du Commandant Mouchotte, metro
Montparnasse­Bienvenüe) e Gare de Lyon (Boulevard Diderot, metro/RER Gare de
Lyon).
Con il Roissybus, tutti i giorni dalle 6 alle 11 di sera, ogni 15­20 minuti. Partono da
Terminal 1, uscita 30, Terminal 2A e 2C, uscita 9, Terminal 2B e 2D, uscita 1, Terminal 2E
e 2F, uscite 3 e 5, raggiungendo le direzioni Opèra (rue Scribe, metro Opèra, RER Auber).
Guida scaricata da: IloveParis.it – Le guide per i tuoi viaggi – www.guideurope.eu
16
3.2.1.2 L’Aereoporto di Orly
E' raggiungibile in macchina prendendo l’autostrada A6.
In treno la navetta veloce della Orlyval parte ogni 5 min e porta alla stazione Antony della
linea B della RER; da qui parte tutti i giorni dalle 5.08 del mattino fino alle 0.12 della notte,
il treno che va in direzione di: Citè Universitaire, Denfert­Rochereau, Port Royal,
Luxembourg, Saint­Michel­Notre­Dame, Châtelet­Les Halles, Gare du Nord e le altre
stazioni. Con l’autobus, dalle 6 del mattino alle 11.30 di sera, partono dai terminal sud e
ovest gli autobus di Air France e Orlybus che conducono rispettivamente alla Gare
Montparnasse e Invalides (metro/RER Invalides) e a Place Denfert­Rochereau
(metro/RER Denfert­Rochereau).
In taxi: da Orly Sud alle uscite L ed M e a Orly Ovest, uscite I e H partono i taxi che
portano al centro della città. 3.2.1.3 L’Aereoporto di Parigi Bauvais
è quello dei voli low cost e si trova a circa un’ora dalla città; si raggiunge in macchina
prendendo l’autostrada A16; con l’autobus (soltanto però per chi è provvisto di biglietto
aereo) c’è un servizio che porta a Paris­Porte Maillot, dove è presente la stazione della
RER Porte Maillot. In treno direttamente dall’aereoporto, si può prendere un treno della
RER che arriva alla Gare du Nord, servizio disponibile tra le 6 h 30 e le 20 ogni giorno.
3.3 In treno
Il collegamento più veloce tra Milano e Parigi, grazie all’impiego del Trains à Grande
Vitesse, parte da Milano via Torino Porta Susa ed impiega 6 ore e 40 minuti. Parigi è
raggiungibile in treno dall’Italia anche con i treni notturni: Roma­Parigi con il Palatino,
Venezia­Parigi con il Rialto, Milano­Parigi con lo Stendhal (10 ore circa), Firenze­
Parigi con il Galileo. Tutti questi treni arrivano alla Gare de Lyon e sono provvisti di
carrozze letto e carrozze cuccette. 3.4 In auto
Sono due i percorsi più frequentati: quello da Milano attraverso il Sempione e la
Francia e quello quello da Torino attraverso il Moncenisio o il traforo del Frèjus. Gli
itinerari stradali sono diversi: • Milano­Aosta­Traforo del Monte Bianco­Ginevra­Digione­Parigi, 830 km; • Miloano­Aosta­Traforo del Gran S.Bernardo­Losanna­Vallorbe­Digione­Parigi, 844
km; • Milano­Aosta­Traforo Bianco­Ginevra­Macon­Parigi, 872 km • Torino­Modane­Chambèry­Lione­Parigi, 770 km; • Torino­Briancon­Grenoble­Lione­Parigi, 774 km; Guida scaricata da: IloveParis.it – Le guide per i tuoi viaggi – www.guideurope.eu
17
• Genova­Nizza­ Aix­en­Provence –Avignone­LioneParigi, 1122 km 3.5 Come muoversi a Parigi
Il modo migliore di spostarsi a Parigi è quello di usare i trasporti pubblici, che si
muovono su una rete assai estesa ed articolata: la città è divisa in 5 zone e quelle che
comprendono tutti i monumenti pubblici sono le zone da 1 a 3. Esiste una carta per i turisti
chiamata Paris Visite, che permette di usare Mètro, RER, Bus, Tram, treni della SNCF, la
funicolare di Montmartre, Montmartrobus, Noctilien.
Ci sono diverse carte a seconda della zona in cui ci si deve spostare (da 1 a 3, da 1 a 5,
da 1 a 8); ha un pass valido per 1, 2, 3 o 5 giorni; esistono 4 diverse tariffe che si abbinano
a diverse tipi di carte. I bambini dai 4 agli 11 anni hanno uno sconto di circa la metà.
In alternativa esiste il ticket “t”, che consente di viaggiare sul metro, sui treni della RER
(RAPT e SNCF), sui bus della RAPT a Parigi e nelle banlieu.
3.5.1
Metropolitana
E' tra le più complete ed efficienti del mondo: conta 16 linee e all’ingresso di quasi tutte le
stazioni funziona un quadro elettrico sul quale, premendo il pulsante corrispondente alla
fermata desiderata, si illumina la più breve via da seguire; ogni linea ha un suo colore e la
mappa delle linee e delle stazioni possono essere ritirate gratuitamente alla biglietteria. Gli
ingressi delle stazioni, 300, sono indicati con una M di colore giallo. La metropolitana
funziona tutti i giorni, compresi i festivi, dalle 5.30 del mattino all’1 di notte.
3.5.2
RER
E' la rete ferroviaria composta da 5 linee che collegano la città con la regione parigina; le
varie fermate sono collegate con quelle della metropolitana e dei bus. Il servizio inizia alle
5.30 del mattino e termina alle 0.30.
3.5.3
Auto
Spostarsi in auto è sicuramente la scelta peggiore visto il grosso traffico e l’immensa
difficoltà di parcheggiare a Parigi.
3.5.4
Autobus
Questi mezzi circolano dal lunedì al sabato e con un servizio ridotto anche la domenica e i
festivi, dalle 5.30 alle 20.30; esiste poi una linea notturna chiamata “Noctilien”, che
viaggia fino alle 5 ma non copre tutta Parigi. Ogni autobus è identificato da un numero, a
due cifre quelli di servizio urbano e a tre cifre quelli che si spostano verso le banlieue.Per i
turisti è indicato il “Balabus“, con fermate ai più importanti monumenti di Parigi, che va
dalla Gare du Lyon alla Dèfense; esistono inoltre 4 linee create appositamente per i
turisti, l’Open Tour e il Montmartrobus.
Guida scaricata da: IloveParis.it – Le guide per i tuoi viaggi – www.guideurope.eu
18
3.5.5
Batobus
è uno dei modi più originali per vedere la città; ogni 25 minuti parte una navetta sulla
Senna, dalle 10 alle 19 (fino alle 21 nei mesi di giugno, luglio ed agosto), che porta ad 8
fermate: Tour Eiffel, Champs Elysèes, Musèe d’Orsay, Louvre, St­Germain­des­Près,
Notre Dame, Hotel de Ville, Jardin des Plantes; inoltre si può scendere o salire ad ogni
fermata.
3.5.6
Taxi
I taxi presentano la scritta illuminata “Taxi Parisien” sul tetto dell’auto, scritta che risulta
accesa se il taxi è libero: esistono 3 diverse tariffe che si abbinano a 3 diverse zone: A,
che si applica nella città dalle 10 alle 17; B, sempre nel centro urbano, dalle 17 alle 22, nei
giorni festivi e di domenica; C, dalle 24 alle 7.
3.5.7
Bicicletta
La città è attraversata da corsie risevate ai motocicli ma soprattutto alle biciclette, con
parcheggi riservati esclusivamente a loro; esistono piste ciclabili dovesi possono affittare
bici al Bois de Boulogne (km35), al Bois de Vincennes (km18 o 32), al Canal de l’Ourcq
(km40).
Per affittare bici rivolgersi a •
•
•
•
3.5.8
Escapade Nature, tel. 0153170318; Paris à Vèlo, tel.0148876001; Paris Bike, tel.0143271384; Paris Vèlo, tel.0143375922, che propongono anche gite turistiche in bicicletta a
Parigi Velib
Presso alcune stazioni è possibile noleggiare biciclette per un giorno, una settimana o
un anno a prezzi competitivi.
Tutte le info sul Velib. 3.6 Informazioni utili per visitare Parigi
3.6.1.1 Giorni festivi
In Francia sono ritenuti giorni festivi i seguenti giorni: •
•
•
•
•
1 gennaio; 1 maggio, festa del lavoro; 8 maggio, festa della Liberazione; Lunedì di Pasqua; Ascensione; Guida scaricata da: IloveParis.it – Le guide per i tuoi viaggi – www.guideurope.eu
19
•
•
•
•
•
•
Lunedì di Pentecoste; 14 luglio, Festa Nazionale; 15 agosto, Assunzione; 1 novembre, Ognissanti; 11 novembre, Festa della Vittoria; 25 dicembre Prefissi internazionali
• per chiamare dalla Francia in Italia si compone lo 0039 • per chiamare dall’Italia in Francia si compone lo 0033,seguito dal numero
dell’abbonato a 9 cifre Ospedali
• per trovare un medico chiamare lo 01 47 07 77 77; • per trovare un dentista chiamare lo 01 43 37 51 00. • Dopo le 17.30 gli ospedali a cui rivolgersi sono:La Pitiè, Hotel­Dieu; Lariboisière;
Necker, Bichat. • Le farmacie sono aperte dalle 8 alle 20 senza interruzione e, per la notte, nelle
bacheche delle farmacie chiuse, si trovano le indicazioni dei turni di quelle aperte Numeri Emergenze Polizia: Police Secours, tel.17 Vigili del Fuoco: Pompiers, tel.18 SOS SAMU (ambulanze municipali): tel. 15 SOS Medècins, tel. 0147077777 SOS Dentaire, tel.0143375100 Posta centrale: 52 rue du Louvre , tel.0140282000 Prefècture de Police (per gli oggetti smarriti per strada o sui mezzi pubblici) : 36,
rue des Morillons, tel.0143375100 • Farmacie notturne: Drugstore des Champs­ Elysèes, tel. 0147203925 ; Opèra, 6
bd des Capucines, tel.0142658829 ; des Arts, 106 bd Montparnasse,
tel.0143354488 • Soccorso stradale : SOS Dèpanage Auto, tel. 0147079999; Mondiale Assistance, 2
rue Fragonard, tel. 0140255204 •
•
•
•
•
•
•
Ambasciate e consolati
Ambasciata d’Italia •
•
•
•
•
Amb.Ludovico Ortona 47, rue de Perenne 75343 Paris Cedex 07 Tel.00331 49540300 Fax 49540410 Homepage: www.ambparigi.esteri.it Guida scaricata da: IloveParis.it – Le guide per i tuoi viaggi – www.guideurope.eu
20
• Email: [email protected]­italie.fr Consolato Generale • Consolato Generale Alessandro Levi Sandri • 17, rue du Conseiller Collignon, 75116 Pris­5, Boulevard Emile Augier, 75116
Paris(ingresso al pubblico) • Tel.0031 44304700 • Fax : 45258750 • Homepage : www.italconsulparigi.org • Email : [email protected] Uffici del turismo:
• Ente Nazionale per il Turismo (ENIT) : 23, rue de la Paix, tel. 0142660396 (2,E5) • Compagnia Italiana per il Turismo (CIT), con vendita di biglietti FS: 3, bd des
Capucines, tel.0144513951(2,E5); 4, rue Abel, tel.0144738910(7,D3); 13, chaussèe
de la Muette, tel. 0153922290(1, E­F2); 45, rue Paradis, tel.0155772700 (3,D2­3) • Office du Tourisme de Paris: 127, av. Des Champs­Elysèe,tel.0149525300(1,B6) Distanze dalle principali città:
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Parigi – Amiens: distanza 135km, tempo di percorrenza 1h24 Parigi – Reims: distanza 207km, tempo di percorrenza 1h53 Parigi – Le Havre: distanza 321km, tempo di percorrenza 3h02 Parigi – Le Mans: distanza 427km, tempo di percorrenza 4h02 Parigi – Rennes: distanza 578km, tempo di percorrenza 5h10 Parigi – Nantes: distanza 600km, tempo di percorrenza 5h35 Parigi – Orlèans: distanza 135km, tempo di percorrenza 1h24 Parigi – Lyon: distanza 691km, tempo di percorrenza 6h02 Parigi – Bordeaux: distanza 787km, tempo di percorrenza 7h30 Parigi – Toulouse: distanza 894km, tempo di percorrenza 8h07<7li> Parigi – Marseille: distanza 1003km, tempo di percorrenza 8h44
3.7 Clima e Meteo a Parigi
Periodi migliori per visitare la città
Parigi è una città visitabile tranquillamente durante tutto l’anno;
Primavera
In primavera le temperature sono gradevoli e variano da una minima di 4°C ad una
massima di 20°C; Guida scaricata da: IloveParis.it – Le guide per i tuoi viaggi – www.guideurope.eu
21
Estate
Anche in estate è piacevole visitare la città, perchè le temperatre sono calde ma non
eccessivamente. A giugno le temperature vanno dai 13°C ai 23°C,m a luglio dai 15°C
ai 25°C, ad agosto dai 14°C ai 24°C; Autunno
L’autunno, con tutti i suoi colori, è un periodo molto suggestivo e le temperature si
presentano ancora gradevoli, con piogge inferiori rispetto all’estate. Si va dai 12°C ai
21°C in settembre, dagli 8°C ai 16°C in ottobre e dai 5°C ai 10°C in novembre.
Inverno
L’inverno è un po’ rigido, ma la magia della città in questo periodo compensa il resto: le
minime sono sempre intorno allo 0 e le massime difficilmente superano i 7°C. 3.8 Cosa mangiare a Parigi
La cucina francese è famosa in tutto il mondo, ma non bisogna confondere quella
ormai diffusa negli alberghi di lusso con quella borghese a carattere regionale, formata da
piatti semplici serviti con un’elaborata scelta di contorni e con appropriato abbinamento di
vini; un pranzo completo francese si compone di un hors­d’oeuvre o antipasto, di un
entrèe o piatto leggero, di un plat de rèsistance o piatto forte, del formaggio e di un
dessert. In inverno ilprimo piatto può essere una minestra, potage, o zuppa, soupe. La
pastasciutta o il riso sono serviti come accompagnamento al piatto forte. Famoso è il tipico
pane francese, delizioso, la baguette. Piatti tipici sono le cotolette di maiale, il bue
arrosto e la zuppa di cipolla; inoltre si fa largo consumo di frutti di mare e pesce.
Le salse sono molto usate in questa cucina ed hanno in genere come base la besciamella,
la maionese, la salsa tartara (olio e rosso d’uovo sodo), il burro e i ristretti di carne varia,
con aggiunta di vini e spezie: Armoricaine, ristretto di pesce, olio, madera, cognac e
spezie varie; Bèarnaise, burro emulsionato con rosso d’uovo e scalogno; Aurore,
besciamella con pomodoro; Bigarade, sugo d’anatra con succo d’arancia o limone, per
ricordarne solo qualcuna.
I formaggi sono uno dei vanti della cucina francese e se ne trovano dei più svariati tipi: tra
i più famosi Camembert, dalla pasta tenera e profumata, confezionato in entro scatolette
di legno; Chèvre, a base di latte di capra; Roquefort, specie di gorgonzola stagionato
piccante, con latte di pecora; Brie de Meaux, con crosta bianca, pasta tenera e cremosa e
tanti altri.
I dolci francesi sono numerosi e per lo più a base di creme fatte di latte ed uova o di
Chantilly: si possono distinguere le Beignets, con ripieno di frutta o crema; le Charlottes,
torte ripiene di frutta; le Crepes; i Soufflè; il Mont Blanc, tipico purè di marroni con panna
Guida scaricata da: IloveParis.it – Le guide per i tuoi viaggi – www.guideurope.eu
22
montata. Ottime ed impedibili le paste lievitate, la cui forma più semplice è la Brioche, la
più elaborata il Croissant e la più raffinata il Babà au Rhum.
I vini francesi godono da sempre meritata fama: i Bordeaux, prodotti nel bacino della
Garonna, i Bourgogne, prodotti nel bacino della Saone, lo Champagne, forse il più famoso
tra i vini francesi, prodotto a nord nel triangolo Reims­Epernay­Chalons, il Beaujolais,
prodotto a norddi Lione e tanti altri. 4. Viaggiare con i bambini a Parigi
Nonostante l’attenzione che la città di Parigi riserva ai turisti, non è possibile affermare
in sincerità che il viaggio con i bambini, soprattutto se molto piccoli, sia semplice.
L’accesso alle metropolitane prevede sbarramenti lungo gli accessi difficilmente varcabili
con le carrozzine e spesso è necessario stare all’attenzione di coloro che vendono i
biglietti che aprano le porte di sicurezza. L’accesso alle stesse metropolitane è mediato
delle scale, che diventa spesso complicato percorrere con passeggini o bambini piccoli,
soprattutto se l’adulto è uno solo o i bambini molti.
C’è però da dire che spesso i parigini si dimostrano attenti e pronti ad aiutare i turisti e,
particolarmente nelle zone di maggiore interesse artistico, la microcriminalità è tenuta
abbastanza sotto controllo.
In qualsiasi ristorante, soprattutto se ci si allontana dai centri più turistici, saranno pronti
a fare posto ai più giovani o a scaldare le pappe, ma non è facile trovare servizi attrezzati
con faciatoi o seggioloni a disposizione degli ospiti. Nei supermercati sono a disposizione
latte in polvere e pannolini a prezzi più economici rispetto all’Italia, nonchè pappe e
prodotti alimentari per bambini, escluso soltanto il “latte di proseguimento“.
Per chi viaggia con i bambini una meta imprescindibile nei dintorni della capitale francese
è senza ombra di dubbio Eurodisney (per le informazioni a riguardo rimandiamo
all’apposita pagina).
L’offerta della città per i più piccoli, peró non si limita al colosso disneyano del
divertimento. I maggiori musei della città hanno infatti creato percorsi e laboratori specifici
per i piccoli fino a 13 anni. Presso il museo del Louvre è possibile violare il grande tabù
dei musei e toccare le opere d’arte. Si tratta di un percorso tattile che permette di mettere
le mani su copie di statue etrusche, greche e romane, al fine di apprezzare l’attraverso tutti
i sensi. Gli amanti delle costruzioni potranno poi ricostruire la tanto dibattuta piramide di
vetro, in un modellino.
Il Centre Pompidou ha invece studiato dei percorsi ad hoc per i giovani visitatori con
l’intento di avvicinarli all’arte senza sfiancarli. E per mantenere viva l’attenzione al Musée
d’Orsay è stato allestito un atelier nel quale i bambini possono sottoporsi a quiz
sull’impressionismo, guardare cartoni animati d’epoca o dedicarsi al bricolage. Non si
Guida scaricata da: IloveParis.it – Le guide per i tuoi viaggi – www.guideurope.eu
23
tratta certamente del Museo delle Cere di Londra, ma il meno noto Musée Grevin ha il
vantaggio di ospitare un laboratorio dedicato alla costruzione dei manichini.
Un museo nel museo è stato costruito all’interno della Cité des Sciences et de
l’Industrie. Qui oltre ad un percorso mozzafiato tra scienza e tecnologia è possibile
usufruire delle iniziative della Cité des Infants, divisa in due percorsi (3­5 anni e 6­12
anni) In fine, nella città del divertimento non poteva mancare un museo dedicato ai
giocattoli. Si tratta del Musée des Arts Décoratifs in Rue de Rivoli, dove sono sopitati i
giochi di tutti i tempi, dalle ricostruzioni delle bambole con cui si divertivano i bambini
romani, fino alle ultime invenzioni elettroniche. E se Parigi è da considerarsi una città
magia sotto molti aspetti, il Musée de la Curiosité et de Magie contribuisce certamente
alla fama.
Dopo tanti luoghi chiusi, se il tempo e la stagione lo permettono, valgono la pena di una
visita il parco Jardins de Luxemburg e il Parc des Buttes Chaumont. Il primo è dotato
di un’enorme vasca presso la quale è possibile noleggiare imbarcazioni e di un piccolo
maneggio per asini, mentre il secondo, amatissimo dagli artisti romantici, è dotato di
cascata artificiale, parete da scalata, oltre che delle barchette per attraversare il laghetto.
Se poi vogliamo far vivere ai nostri pargoli un’esperienza davvero unica, è doveroso un
salto nel Musée des Égouts, un percorso multimediale nei sotterranei di Parigi.
4.1.1.1 Indirizzi e Informazioni
Centre Pompidou • Place Georges Pompidou • 75004 Paris Musée d’Orsay • 62, rue de Lille • 75343 Paris Cedex 07 • tel. +33 (0)1 40 49 48 14 Musée Grevin •
•
•
•
•
10, Boulevard Montmartre – 75009 Paris ­ tel. 01 47 70 85 05 Bus : 20 – 39­ 48­ 67­ 74 – 85 Station la plus proche: Grands Boulevards ( lignes 8 ou 9 ) Aperto tutti i giorni Musée de la Magie •
•
•
•
•
11, rue saint Paul 75004 – PARIS téléphone : 33 (1) 42 72 13 26 fax: 33 (1) 45 36 01 48 Email: [email protected] Orari:Mercoledì, sabato e domenica Guida scaricata da: IloveParis.it – Le guide per i tuoi viaggi – www.guideurope.eu
24
Cité des Sciences et de l’Industrie •
•
•
•
•
•
•
•
•
30, avenue Corentin­Cariou – 75019 Paris Tel (da lunedì a venerdì) : 01 40 05 70 00 Segreteria : 01 40 05 80 00 E­mail: [email protected]­sciences.fr Chiuso il lunedì Per arrivare: Métro: linea 7, station Porte de la Villette Bus: 75, 139, 150, 152, 249, PC Parcheggio a pagamento: lungofiume de la Charente Musée des Arts Décoratifs •
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Phone: +33 (0)1 44 55 57 50 Per arrivare: Metro train stations: Palais Royal­Musée du Louvre, Tuileries, Pyramides Bus: 21, 27, 39, 48, 68, 72, 81, 95. Parcheggi: Carrousel du Louvre, rue des Pyramides Accesso per disabili con ascensore al 105, rue de Rivoli Orari: Da martedì a venerdì dalle 11.00 alle 18.00 – Giovedì aperto fino alle 21.00 Sabato e domenica dalle 10.00 alle 18.00 Chiuso il lunedì Musée des Egouts de Paris •
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Face au 93 quai d’Orsay, 75007 Paris tel. 47 05 10 29 fax.47 05 34 78 Per arrivare: Metro: Alma­Marceau RER: Pont de l’Alma Bus: 42, 63, 80, 92 Orario: Dalle Inverno dalle 11.00 alle 16.00, Estate dalle 11.00 alle 19.00 Chiuso il giovedì, il venerdì e le ultime tre settimane di gennaio Gratuito per i bambini sotto i 5 anni Guida scaricata da: IloveParis.it – Le guide per i tuoi viaggi – www.guideurope.eu
25
Curiosità L’ ascensore che conduce allo chalet è abbellito da specchi, ottoni e sedili in pelle verde.
Il camino di marmo nero che venne inserito nell’ atrio ottagonale del nido delle aquile, era un regalo di
Mussolini al Führer.
La costruzione dello chalet ha richiesto un anno di lavoro, la realizzazione della strada 13 mesi. Circa un
migliaio
di
persone
sono
state
impiegate
nel
progetto.
L’unico enorme tornante che collega l’Obersalzberg e il parcheggio del Kehlstein, permette di superare un
dislivello di 700 metri.
Per raggiungere l’ ascensore dal parcheggio è necessario percorrere un tunnel di 124 m, rivestito in pietra
naturale.
L’ ascensore che conduce direttamente all’ interno dello chalet impiega 41 secondi per percorrere 139 metri nella
roccia. Guida scaricata da: IloveParis.it – Le guide per i tuoi viaggi – www.guideurope.eu
26
Scopri tutte le nostre guide su Guideurope.eu
Per preventivi di viaggio, offerte e consigli personalizzati visita www.in­travel.it o chiamaci
allo 055.5359721
Guida scaricata da: IloveParis.it – Le guide per i tuoi viaggi – www.guideurope.eu
27

Documenti analoghi