Storia di internet

Commenti

Transcript

Storia di internet
RETI E SISTEMI INFORMATIVI
Domain Name System
Prof. Andrea Borghesan
http://venus.unive.it/borg
[email protected]
Ricevimento:
mercoledì, 10.00-11.00. Studio 34, primo piano. Dip. Statistica
Modalità esame: scritto + tesina facoltativa
1
Indirizzamento sulla rete Internet
 Indipendentemente dalla tipologia di rete i calcolatori possono
essere raggiunti perché dotati di un indirizzo.
 Il protocollo utilizzato per indirizzare i calcolatori sulla rete
Internet è il protocollo IP (Internet Protocol).
 Un indirizzo IP è costituito da 4 byte e si rappresenta in forma
testuale come una sequenza di 4 numeri separati dal carattere “.” .
 Esempio: 157.138.1.22 (www.unive.it)
2
Nomi => Numeri, Numeri => Nomi
 Un indirizzo IP non è facile da ricordare: si usano, invece degli indirizzi
mnemonici.
 Nasce la necessità di tradurli in formato numerico perché solo così si può
ottenere la comunicazione sulla rete.
 Il DNS (Domain Name System) è il sistema di traduzione degli indirizzi.
 Un indirizzo mnemonico ha la forma <calcolatore>.<dominio>
 Esempio:
 caronte.dma.unive.it
 venus.unive.it
 www.unive.it
3
DNS: Domain Name System
Persone: molte mezzi di identificazione:
 CF, nome, # Passaporto
Host, router, Internet:
 Indirizzi IP (32 bit), 157.138.21.9
 usati dai computer
 “Nome”, caronte.dma.unive.it
 usati dagli utenti
Domanda:
Come avviene la traduzione tra indirizzo IP e nome?
Domain Name System:
 Database distribuito implementato come una gerarchia di molti name server
 Protocollo applicativo
4
usato da host, router, name server per comunicare allo scopo di risolvere
(tradurre) i nomi in indirizzi IP
Struttura del DNS
caronte.dma.unive.it
Dominio Nazionale
(non corrisponde a nessun
numero in particolare)
5
Struttura del DNS
caronte.dma.unive.it
Dominio di I livello
(157.138.C.C)
Assegnato da una
authority italiana per gli
indirizzi di rete
6
Struttura del DNS
caronte.dma.unive.it
Dominio di II livello
(157.138.26.C)
Assegnato localmente dal
gestore di unive.it
7
Struttura del DNS
caronte.dma.unive.it
Nome del calcolatore
(157.138.26.91)
Convenzionalmente
identificato con il servizio
fornito
8
Struttura del DNS
Si chiama anche:
www.dma.unive.it
caronte.dma.unive.it
Un calcolatore può avere più
nomi, anche con domini
diversi:
NON HA IMPORTANZA
9
Struttura del DNS
Dominio di I livello
(157.138.C.C)
Assegnato da una authority
italiana per gli indirizzi di rete
www.unive.it
Nome del calcolatore
(157.138.1.22)
Convenzionalmente
identificato con il servizio
fornito
10
Quattro numeri e tre nomi:
NON HA IMPORTANZA
Si chiama anche:
caronte.dma.unive.it
Le risoluzioni possono essere…
diretta
10.0.0.253
?
Il nome del computer è:
venus.unive.it
inversa
venus.unive.it
?
11
L’indirizzo IP del computer è:
10.0.0.253
Server DNS
Terminologia del DNS
Il DNS adotta un sistema dei nomi
di tipo gerarchico
Root: radice
Schema gerarchico dns
.
Nomi di primo
livello
Nomi di
Secondo
livello
it
scuola
comune
www
www
com
azienda
Nomi di sottodominio
12
microsoft
www
Un nome DNS valido si dice:
FQDN (Fully Qualified Domain Name)
…e si ricava risalendo la gerarchia:
Struttura gerarchica Dns
PC-1.unive.economia.it
.
it
unive.
unive
economia.
PC-1.
13
economia
informatica
PC-1
Il “.” della radice
è sottointeso
Un esempio
Esempio Dns Ca' Foscari
.
it
azienda
comune
venus.unive.it
14
com
unive
microsoft
venus
Solo se si dispone di un indirizzo IP pubblico
DNS, database distribuito
Perché non un server DNS
centralizzato?
 Nessun name server contiene tutte le
 Minore tolleranza ai guasti
associazioni nome simbolico/indirizzo
 Traffico eccessivo
IP
 Database centrale troppo distante Name server locali :
 Ogni ISP o compagnia ha un name server
in molti casi
locale (default)
 Scarsa scalabilità!
 La richiesta di traduzione (mapping) di un
host è prima rivolta al name server locale
 Autorizzazione ed accesso per
Name server di riferimento :
registrare nuovo host
 Per un host: per definizione è quello che è
sempre in grado di eseguire la traduzione
(mapping) nome simbolico/indirizzo IP
dell’ host
15
Servizio DNS
 Il DNS è il primo servizio consultato in una qualunque sessione di lavoro su
Internet.
 Qualunque comunicazione di rete, in genere, inizia con una richiesta di
traduzione dell’indirizzo che abbiamo specificato ad un calcolatore vicino a noi
sulla rete (server DNS) il quale fornisce tale servizio.
 Il server DNS agisce su base dominio: esso consulta un file in cui sono riportate
le coppie nome-numero dei calcolatori dello stesso dominio.
 Inoltre, il server possiede gli indirizzi di riferimento di altri server DNS,
responsabili di domini più grandi, a cui girare la richiesta ne caso in cui la coppia
cercata non sia nella sua tabella locale.
16
Servizi di rete
 E-mail
 Server SMTP (Simple Mail Transfer Protocol) porta 25
 Server POP3 (Post Office Protocol ver. 3) porta 110
 Web
 Server HTTP (Hyper-Text Transfer Protocol) porta 80
 Trasferimento file
 Server FTP (File Transfer Protocol) porta 20 upload / 21 download
 Terminale remoto
 Server Telnet porta 23
 Newsgroups
 Server NNTP (Network News Transfer Protocol) porta 119
17
DNS: Root name servers
 Contattato dal name server locale
che non riesce a risolvere un
nome
 root name server:
 Contatta il name server di
riferimento (authoritative) se
la traduzione non è nota
 Ottiene la traduzione
 Restituisce la traduzione al
name server locale
 ~ una dozzina di root name server
nel mondo
18
Esempio: schema ricorsivo
L’ host surf.eurecom.fr
vuole contattare
gaia.cs.umass.edu
2
4
5
3
1. Contatta il server DNS locale,
dns.eurecom.fr
2. dns.eurecom.fr contatta il root
name server, se necessario
3. Il root name server contatta il name
server di riferimento o assoluto,
dns.umass.edu, se necessario
local name server
dns.eurecom.fr
1
6
4. Ogni host è registrato in almeno due Host che inoltra la
name server assoluti
richiesta
4. Il name server assoluto può coincidere surf.eurecom.fr
con il neame server locale.
19
authorititive name server
dns.umass.edu
gaia.cs.umass.edu
Esempio (2)
root name server
Root name server:
 Può non essere a conoscenza
di un name server di
riferimento
 Può tuttavia conoscere un
name server intermedio che
contatta per avere
raggiungere quello di
riferimento
6
2
7
local name server
dns.eurecom.fr
1
8
3
Name server intermedio
dns.umass.edu
4
5
Name server di riferimento
dns.cs.umass.edu
Host che inoltra la
richiesta
surf.eurecom.fr
gaia.cs.umass.edu
20
DNS: caching e aggiornamento
 Quando un qualsiasi name server apprende una traduzione la
memorizza localmente (caching)
 Le traduzioni memorizzate nella cache (cache entries)
scadono (timeout) dopo un certo tempo (di solito un paio di
giorni)
 Se possibile, richieste successive vengono servite usando la
traduzione presente in cache
 I meccanismi di aggiornmento/modifica in studio da parte dell’
IETF
 RFC 2136
 http://www.ietf.org/html.charters/dnsind-charter.html
21
Record DNS
DNS: database distribuito che memorizza Resource Record (RR)
Formato RR: (nome,
r Tipo=A
m nome è il nome dell’ host
m valore è l’ indirizzo IP
 Tipo=NS
 nome è il dominio (es. foo.com)
 valore è l’indirizzo IP del name
server di riferimento per questo
dominio
22
valore, tipo, ttl)
r Tipo=CNAME
m nome è un alias di
qualche nome reale
(“canonico”)
m valore è il nome
canonico
r Tipo=MX
m valore è il nome di un
mailserver associato a nome

Documenti analoghi