DAL 2015 INIZIA UN`ALTRA STORIA PER TEAMSYSTEM

Commenti

Transcript

DAL 2015 INIZIA UN`ALTRA STORIA PER TEAMSYSTEM
22/05/2015
Pag. 42 N.5 - maggio 2015
diffusione:16800
tiratura:17000
Office Automation
DAL 2015 INIZIA UN'ALTRA
STORIA PER TEAMSYSTEM
II gruppo operativo nel software gestionale per professionisti e aziende è ormai diventato
uno dei principali ecosistemi dell'ICT italiana. Dopo le importanti acquisizioni del 2014,
la crescita sarà guidata da un piano di investimenti focalizzato su nuovi prodotti,
qualità della produzione e dei servizi e valorizzazione del canale.
Ruggero Vota
I I 2015 è l'anno di un nuovo inizio e non solo per
I l'importanza che il gruppo TeamSystem rappresenta
ormai nel mercato italiano. È questo il messaggio
forte che ha aperto la Convention dell'operatore del
software gestionale italiano a fine marzo a Rimini.
Un appuntamento che solo nei numeri dimostra
l'ampiezza di quello che ormai è a tutti gli effetti
uno dei principali ecosistemi che si muove nel mercato IT del nostro Paese. Alle due giornate hanno
partecipato oltre 1.200 persone e lo spazio espositivo, tra partner tecnologici e postazioni delle varie
entità del gruppo, ha ospitato 80 stand. Una forza
cresciuta nel tempo e che nel 2014 ha visto una forte
accelerazione con la confluenza in TeamSystem di
due realtà storicamente importanti per il mercato
del software italiano: 24Ore Software e la divisione
ACG di IBM. Una politica, quella delle acquisizioni,
che non è certamente finita - come dimostrano
anche quelle di AtYS, operativa nella fornitura di
tecnologie per la gestione dei processi produttivi
tipici dell'azienda meccanica, e Knos, produttore
specializzato nel software per la gestione documentale, fatte a fine anno - ma che oggi impone anche
un riallineamento di persone, esperienze e culture
aziendali sicuramente molto diverse.
"Il contesto estemo ormai ci spinge verso un cambiamento inevitabile - ha spiegato Federico Leproux,
amministratore delegato di gruppo TeamSystem le dinamiche di mercato sono sempre più veloci,
allo stesso tempo lo spazio in cui ci muoviamo è
sempre più aggressivo, segno di un mercato ormai
maturo sul quale dobbiamo innestare non solo una
strategia di presidio, ma anche una forte politica
per continuare a crescere; inoltre i clienti sono ormai digitali grazie al fatto che i nuovi device sono
entrati in tutti gli spazi della vita quotidiana di ogni
persona".
TeamSystem oggi
Federico Leproux, amministratore delegato di gruppo
TeamSystem, in un momento della Convention 2015 della società
office automation
maggio 2015
La realtà TeamSystem così come è stata presentata alla convention parla ormai di un gruppo di
prim'ordine per il software italiano. Il fatturato registrato a fine 2014 è stato pari a 240 milioni di
euro (erano 65 nel 2004); con 1.800 dipendenti
(400 dieci anni prima) e un numero di clienti che
ormai raggiunge le 200.000 unità (44.000, sempre nel 2004). Nel mercato gestionale italiano, la
La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è da intendersi per uso privato
REPORTAGE
22/05/2015
Pag. 42 N.5 - maggio 2015
diffusione:16800
tiratura:17000
Office Automation
In occasione della Convention 2015, TeamSystem ha annunciato una importante partnership con Microsoft per lo sviluppo dei servizi cloud che possano andare ad accelerare il processo di digitalizzazione dei professionisti e delle aziende
italiane. Tale accordo è frutto di un progetto più ampio che vedrà il lancio di diverse novità nel corso del 2015. L'obiettivo
principale, fortemente condiviso tra le due società, è quello di offrire maggiori benefici ai circa 200.000 clienti di TeamSystem, sia professionisti sia aziende, nell'utilizzo dei sistemi ERP e applicazioni gestionali in modalità cloud.
La partnership prevede infatti - in un percorso a più tappe - l'integrazione dell'offerta applicativa di TeamSystem sulla
piattaforma cloud Microsoft Azure insieme ai servizi di produttività e collaborazione di Office 365 per rendere l'uso
delle soluzioni gestionali da parte dei professionisti, commercialisti e avvocati, nonché delle realtà aziendali, ancora più
accessibile via web e mobile in totale sicurezza, liberandoli dai vincoli e costi di gestione dell'hardware. Questo percorso
coinvolgerà le principali piattaforme di TeamSystem come Lynfa Cloud e Lybera Cloud, rivolte agli studi professionali, e
Alyante, la nuova linea di offerta web dedicata al mercato aziendale.
L'accordo prevede inoltre l'avvio di un cantiere di lavoro per rafforzare con il supporto di Microsoft l'offerta di soluzioni
TeamSystem verso le aziende italiane che vogliono operare sui mercati internazionali.
"Vogliamo creare per i nostri clienti e software partner un'offerta ancora più completa - ha commentato Federico Leproux, amministratore delegato di gruppo TeamSystem - mettendo a disposizione le sinergie tra la nostra esperienza e
quella di altri player di riferimento come Microsoft per rendere la tecnologia per il business agile e immediata".
"Il cloud computing democratizza l'innovazione e consente anche alle organizzazioni più piccole di dotarsi di tecnologia avanzata senza doversi preoccupare di problematiche quali manutenzione IT, sicurezza e business continuity - ha
dichiarato Carlo Purassanta, amministratore delegato di Microsoft Italia. Nell'era del digitale non si può prescindere dal
cloud ed è per questo che i player IT devono fare squadra per promuovere la diffusione di questo paradigma tecnologico".
società rivendica una leadership che è difficile mettere in discussione davanti alle cifre presentate da
TeamSystem stessa. Nel segmento gestionale per
aziende, la quota di mercato registrata nel 2013
(e quindi prima delle importanti acquisizioni fatte
nel 2014) era pari al 25%, ovvero oltre tre volte la
quota che invece l'azienda attribuisce al secondo
player competitor (8,2%). Nel mercato delle soluzioni per professionisti, invece, sempre per il 2013
TeamSystem dichiara una quota del 39,5%, contro
il 18,4% del player competitor numero due e del
15,8% di quello numero 3. "Quello che conta però è
che in anni non certo facili per nessuno come quelli
vissuti tra il 2011 e il 2013 il nostro business in questi mercati è continuato a crescere. Nel segmento
aziende in questo arco di tempo siamo cresciuti del
7,9% e in quello dei professionisti dell'8,3%, quando
i nostri competitor sono sostanzialmente rimasti
stabili", dichiara orgogliosamente Leproux. Come
detto però ora si apre una nuova fase strategica e
dal 2015 anche il focus degli investimenti cambia
direzione: "Nel piano industriale 2014/2016 abbiamo messo oltre 90 milioni di euro in investimenti
in nuovi prodotti, nell'incremento della qualità di
tutte le nostre attività, sia di 'fabbrica' sia di assistenza, e naturalmente nel canale dove puntiamo
a valorizzare il rapporto con i partner esistenti. Si
tratta di risorse importanti che segnano l'impegno
strategico di TeamSystem in questa nuova fase".
Un salto di qualità da condividere
con il canale
Dal 2015 è partita una nuova proposta che TeamSystem rivolge agli oltre 600 partner di canale, con
la consapevolezza però che oggi non tutti saranno pronti a coglierla. "Proponiamo di affiancare
nell'operatività quotidiana i nostri partner con una
figura chiave che possa operare internamente per
qualche mese; in modo da consentire una crescita nelle competenze, ma anche nelle buone pratiche commerciali", spiega Stefano Matera, direttore
marketing e direttore del canale indiretto della società. In pratica è stata formata la nuova figura del
business developer, a oggi sono 23 quelli già operativi sul territorio, per dare un concreto supporto
al business: "Definisce insieme a ciascun software
partner un piano di lavoro, così come obiettivi di
acquisizione di nuovi clienti e fatturato di vendita;
inoltre avvia i venditori all'utilizzo dei migliori strumenti e metodi commerciali". Questo modello è
stato sperimentato nel corso degli ultimi mesi del
2014, con risultati lusinghieri: "Soprattutto i nostri
partner hanno visto un incremento significativo del
business, ovvero trattative concluse e ordini completati aumentati del 150%".
office automation
maggio 2015
La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è da intendersi per uso privato
L'accordo con Microsoft