Sarah Appia, 26 anni, Costa d`Avorio, si occupa di assistenza

Commenti

Transcript

Sarah Appia, 26 anni, Costa d`Avorio, si occupa di assistenza
 La storia di Sarah Questa è la storia di Sarah, una ragazza della Costa d’Avorio di 26 anni. Sarah ha svolto il tirocinio con l’Associazione Il mondo di Giò, che si occupa di assistenza familiare per i bambini autistici. Per Sarah è stato come entrare in un mondo completamente nuovo, differente dai suoi canoni e le sue abitudini. Stefania: “Sarah, come sei entrata in contatto con Il Mondo di Giò?” Sarah, con la sua tranquillità e serenità che l’hanno sempre contraddistinta, mi racconta: “Ho fatto il corso da OSS ed avevo già lavorato in strutture ospedaliere e mi ero presa cura di diversi malati, dagli anziani ai disabili, ma mai di bambini autistici…Dopo il corso, sono andata al Centro per l’Impiego di Zelo Buon Persico e proprio lì mi hanno proposto di fare un tirocinio tramite CESVIP Lombardia, con il Mondo di Giò. Devo confessare che all’inizio ero preoccupata, perché l’immagine che trasmettono dei bambini autistici in TV è spesso di violenza e aggressività, ma non è per niente così!”. Sarah durante il tirocinio ha affiancato alcuni bambini nelle attività del doposcuola, presso la struttura IL BRUCO, ma anche direttamente in casa degli utenti o in attività sportive. “Infatti grazie a Sarah” racconta la tutor “una bambina ha potuto fare l’estate ragazzi, perché lei aveva bisogno di un’operatrice che l’affiancasse sempre nelle attività e la famiglia non si poteva permettere un accompagnamento, così siamo intervenuti noi come Mondo di Giò, inserendo Sarah”. Sarah continua: “Per me è stato veramente utile questo tirocinio, grazie a Cesvip e a Italia Lavoro ho ricevuto una possibilità grandiosa, infatti ho potuto conoscere dei bambini molto speciali, come per esempio il bambino che ho portato per 5 mesi in piscina due pomeriggi alla settimana. Io seguivo lui e affiancavo le educatrici e poi lo aiutavo a prepararsi, cambiarsi… per loro avere una guida, soprattutto nei luoghi affollati è molto importante. Inoltre ho imparato tante tipologie di terapie per bambini autistici: infatti ho fatto i corsi di Ippoterapia, in cui accompagnavamo i bambini al maneggio e li facevamo fare le attività con i cavalli. Oppure abbiamo fatto un campo con i militari in montagna, sia con i bambini che con i genitori, per insegnare loro come geolocalizzarsi con i punti cardinali, oppure come comunicare con i segnali di fuoco, a fine di trasmettere ai bimbi alcune tecniche per imparare a non perdersi, non solo in montagna, ma anche nella vita di tutti i giorni. Ai bambini è piaciuto tantissimo ed è stato molto utile.” Stefania: “Sappiamo che sei molto soddisfatta di questa esperienza e siamo contenti, ma cosa ti è piaciuto di più tra tutto?” Sarah: “La cosa che mi è piaciuta di più è stato conoscere il mondo dei bambini autistici, sai, come ti dicevo prima, avevo in testa un’idea totalmente diversa, infatti avevo visto un film sui bimbi autistici, in cui si raccontava che sono violenti, e nella mia testa pensavo che non fossero gestibili, invece non è così… Noi idealizziamo, ma è sbagliato, perché non è così, anzi loro sono molto sensibili e il loro mondo è veramente bello, mi hanno dato veramente tanto”. La tutor conferma: “Sarah è stata bravissima sin da subito, ha capito come doveva muoversi e come gestire i bambini: tutti i bimbi la adorano e per noi sarà dura ora che il tirocinio sta per finire. Però speriamo che continui con noi, abbiamo una rete molto forte sul territorio e sicuramente le troveremo un lavoro come OSS. Lei è molto brava, attenta e si fa voler molto bene, inoltre ha fatto un’esperienza molto importante da inserire nel curriculum.” Sarah: “In qualunque posto verrò assunta, sicuramente verrò nel tempo libero qui a Il mondo di Giò, perché è stata veramente un’esperienza forte e so che hanno sempre bisogno di volontari, per cui se riesco continuerò come volontaria! Grazie veramente a tutti di cuore!”.