Vai al programma

Commenti

Transcript

Vai al programma
!
!
!
Fondato nel 1987 da Enrico Balestreri, che ne è il direttore, il Coro
Città di Desio ha sempre esplorato diversi ambiti musicali: dal canto
gregoriano alle più disparate esperienze del Novecento; dalla
polifonia sacra alle elaborazioni per coro di canzoni contemporanee,
passando per il gospel; dalla musica a cappella ai concerti sinfonici
con le orchestre (per esempio: Requiem e Messa dell’incoronazione
di Mozart; il Messiah di Handel; il Magnificat e l’Oratorio di Natale di
Bach; un programma interamente dedicato alla musica sacra di
Vivaldi e uno dedicato a quella di Mendelssohn). L’interesse
principale del coro è la musica sacra, ma il repertorio profano è
comunque molto ricco. Il Coro Città di Desio è molto attento ad
attrarre nuove energie giovanili, anche grazie all’organizzazione di
corsi di vocalità e di interessanti conferenze. I risultati si vedono: ben
tre coristi, infatti, sono stati scelti tramite selezioni nazionali per far
parte del prestigioso Coro Giovanile Italiano.
!
!
!
!
!
!
!
!
!
CCdD Social
facebook.com/corocittadidesio
youtube.com/corocittadidesio
twitter.com/CoroCittaDesio
!
!
2014 ・ Coro Città di Desio
!
Teatro Villoresi, Monza
28 aprile 2014
!
!
Sentieri per l’Infinito
!
L’amore prima della morale
(e delle regole)
!
!
L’Amore nelle Scritture
!
!
Preludio musicale
!
a cura del
Coro Città di Desio
!
!
!
Enrico Balestreri
direttore
!
!
!
!
!
!
L’Amore nelle Scritture
!
Cominciamo con il Salmo 95 (96) che inneggia alla regalità divina: dunque, amore
come esaltazione della potenza di Dio. Lo proponiamo qui sulla musica del
veneziano Giovanni Croce (1557 – 1609):
!
Cantate Domino canticum novum: / cantate Domino omnis terra. / Cantate Domino,
et benedicite nomini ejus: / annuntiate de die in diem salutare ejus.
Cantate al Signore un canto nuovo, / cantate al Signore da tutta la terra. / Cantate al Signore,
benedite il suo nome, / annunziate di giorno in giorno la sua salvezza. [Sal. 95 (96), 1-2]
Programma
!
Giovanni Croce (1557-1609)
Cantate Domino
Hans Leo Hassler (1564-1612)
Dixit Maria
G. P. da Palestrina (1525-1594)
Sicut cervus
G. P. da Palestrina (1525-1594)
Super flumina Babylonis
Ludovico da Viadana (1560-1627)
Exsultate justi
!
!
!
Soprani
Gabriella Danielli|Adriana Ferrando|Marcella Manzini|Lauretta Villa
Contralti
Giusy Latella|Eleonora Luoni|Antonella Merla|Giulia Taccagni
Tenori
Paolo Corti|Fabio Motta|Francesco Parravicini|Augusto Pitzalis
Bassi
Mattia Arienti|Marco Bugatti|Roberto Gelosa|Sergio Gelosa
!
!
Enrico Balestreri
direttore
L’Amore nelle Scritture: il tema di questa prima serata è anche il tema dei brani
musicali che la introducono. Si tratta infatti di cinque pezzi sacri composti da grandi
autori del Cinquecento europeo.
Ma il paradigma dell’Amore verso Dio è rappresentato, naturalmente, da Maria che,
obbedendo all’angelo, si abbandona alla volontà del Signore. È il momento dell’annunciazione,
che Hans Leo Hassler (Norimberga, 1564 – Francoforte sul Meno, 1612) “cattura” in Dixit Maria:
!
Dixit Maria ad angelum: «Ecce ancilla Domini, fiat mihi secundum verbum tuum».
Maria disse all’angelo: «Eccomi, sono l’ancella del Signore, avvenga di me secondo
la tua parola» [cf. Luca 1,38]
!
Giovanni Pierluigi da Palestrina (1525 ca. – 1594), è l’autore di Sicut cervus, tratto dal
Salmo 41 (42), in cui il bisogno, l’attrazione, che il fedele ha nei confronti di Dio è
espresso dalla similitudine della cerva che anela alle fonti d’acqua.
!
!
Sicut cervus desiderat ad fontes aquarum, / ita desiderat anima mea ad te Deus.
Come la cerva anela ai corsi d’acqua, / così l’anima mia anela a te, o Dio. [Sal. 41 (42), 1]
Dalla lettura del Salmo 41 si evince che questo sentimento si fa più acuto quando si è lontani
dal Tempio. Questo è anche il tema del «Canto dell’esiliato», vale a dire del Salmo 136 (137),
che pure è stato messo in musica da Palestrina: si tratta di Super flumina Babylonis, in cui si
evoca il ricordo della caduta di Gerusalemme nel 587 a.C. e l’esilio a Babilonia.
!
Super flumina Babylonis, / illic sedimus, et flevimus, / dum recordaremur tui, Sion: / in
salicibus in medio ejus / suspendimus organa nostra.
Sui fiumi di Babilonia, / là sedevamo piangendo / al ricordo di Sion. / Ai salici di quella
terra / appendemmo le nostre cetre. [Sal. 136 (137), 1-2]
!
Infine, ecco un altro modo in cui si può declinare l’amore dei fedeli verso Dio: la lode
festosa e gioiosa della celebrazione e del canto, mimeticamente espressa nella
musica di Ludovico da Viadana (1560 ca. – 1627), nato e morto sulle rive del Po, tra
le attuali provincie di Mantova e Reggio Emilia:
!
!!
!
www.corocittadidesio.it|[email protected]|facebook.com/corocittadidesio
Exsultate justi in Domino: / rectos decet collaudatio. / Confitemini Domino in cithara. / In psalterio
decem chordarum psallite illi. / Cantate ei canticum novum: / bene psallite ei in vociferatione.
Esultate, giusti, nel Signore; / ai retti si addice la lode. / Lodate il Signore con la
cetra, / con l’arpa a dieci corde a lui cantate. / Cantate al Signore un canto
nuovo, / suonate la cetra con arte e acclamate. [Sal. 32 (33), 1-3]