Emanuele Banfi

Commenti

Transcript

Emanuele Banfi
Emanuele Banfi < [email protected] > Morfologie a confronto: lessico cinese vs. lessico italiano. Questioni di tipologia morfologica e processi acquisizionali di lessico italiano da parte di sinofoni La lingua cinese viene tradizionalmente descritta quale esempio paradigmatico di lingua isolante, caratterizzata da morfologia strutturalmente povera, poco articolata e organizzata intorno a un (relativamente poco complesso) sistema sillabico. In realtà, se è vero che il (dia-­‐)sistema cinese, còlto nella sua fase moderna, esibisce scarsissimi fenomeni di morfologia flessiva, è pure vero che numerosi e importanti vi ricorrono, invece, fenomeni di morfologia derivazionale. Essi sono particolarmente evidenti nell’ambito della formazione di parole, là ove, comunque, i confini tra le sillabe appaiono ben definiti e là ove le singole sillabe risultano, tutte e singolarmente, ‘trasparenti’ dal punto di vista semantico. Ne consegue che, in forza di tali caratteristiche strutturali, la parola cinese appare veicolare un (tendenzialmente) alto livello di trasparenza semantica. Di contro, il sistema lessicale dell’italiano – proprio di una lingua, dal punto di vista morfologico, tipicamente flessivo-­‐fusiva – risulta caratterizzato da strutture i cui elementi essenziali sono catene di morfi (lessicali, derivazionali, flessivi) rinvianti ciascuno a precisi morfemi. Il riconoscimento di tali morfi/morfemi è poi generalmente di non facile processazione a causa dei fenomeni di sensibile erosione dei confini interni tra morfi, di una conseguente, vistosa allomorfia e di una, ugualmente conseguente, limitata trasparenza semantica. Rispetto al mono-­‐/bi-­‐sillabismo della tipica parola cinese ‘media’, l’italiano esibisce infatti parole formate da un potenzialmente alto numero di sillabe. Nella percezione di un sinofono la parola tipica italiana appare pertanto come una realtà fono-­‐acusticamente ‘pesante’, non facile da ‘processare’ anche per la presenza di nessi consonantici estranei al modello della organizzazione segmentale dei morfi cinesi: le parole italiane sono per i sinofoni spesso troppo ‘lunghe’; quindi, difficili da gestire ‘in sé’, tanto più in quanto governate da sequenze di accenti (primario, secondario; talvolta addirittura terziario) ugualmente estranei alle abitudini fonologiche dei sinofoni. Oltre a ciò, mentre il componente sillabico dell’italiano è notoriamente a-­‐semantico, per un sinofono, invece, ogni sillaba del continuum fonico-­‐acustico della sua L1 deve avere sempre un significato. In cinese ogni singola sillaba – coincidente con un preciso morfo – è infatti e in sé un’unità semantica pienamente realizzata e caratterizzata da un alto livello di trasparenza semantica. Tale proprietà è evidente non solo nelle parole cinesi monosillabiche ma, anche, nelle più frequenti parole bi-­‐sillabiche e nelle meno frequenti parole tri-­‐sillabiche nonché nei (per altro numericamente più limitati) derivati. Va da sé che l’abitudine – attivata meccanicamente da parte dei sinofoni in quanto da loro profondamente interiorizzata – di segmentare in sillabe il materiale fonico-­‐acustico collide con l’obbligo, nel caso della processazione di materiale lessicale dell’italiano, di procedere invece attraverso l’individuazione delle basi lessicali e il successivo riconoscimento di affissi: prefissi e suffissi (derivazionali e grammaticali), veicoli di informazioni indispensabili alla interpretazione del significato di una qualsiasi parola italiana. Tale operazione è resa poi ancora più complessa per il fatto che gli affissi presenti in una parola italiana, oltre che spesso poco salienti dal punto di vista fonico-­‐acustico, risultano caratterizzati anche da una serie di sequenze morfologiche dal significato astratto, frutto in diacronia di processi di grammaticalizzazione: si tratta di sequenze tendenzialmente ‘opache’ (e tali sono – va detto – non solo per gli apprendenti sinofoni ma, anche, in buona misura per gli stessi italofoni…). Gli apprendenti sinofoni hanno così e normalmente scarsa sensibilità nei confronti dei processi derivazionali e flessivi dell’italiano/L2 e, analizzando il materiale lessicale di italiano/L2 da loro prodotto, si osserva infatti lo scarso peso che nei corpora delle loro interlingue di italiano/L2 hanno le parole derivate: se esse pure ricorrono, si ha a che fare per lo più con forme di citazione, assunte direttamente dall’input e non analizzate. Se mai, più frequenti sono le parole composte e ciò pare dovuto al fatto che le strategie composizionali – particolarmente produttive in cinese e ben radicate nella coscienza linguistica dei sinofoni – facilitano la creazione, spesso mediante la tecnica del calco linguistico, di unità lessicali di italiano/L2 strutturalmente analizzabili come ‘composti’. Riferimenti bibliografici ABBIATI, Magda, 2008, Guida alla lingua cinese, Roma, Carocci. ANDERSON, Stephen R., 1985, Typological distinctions in word formation. In: T. SHOPEN (ed.), Language Typology and Syntactic Description. III: Grammatical Categories and the Lexicon, Cambridge, Cambridge University Press: 3-­‐56. ANDORNO, Cecilia, 2001, Banca Dati di Italiano L2. Progetto di Pavia, CD Rom, Università di Pavia, Dipartimento di Linguistica. ANDORNO, Cecilia, 2010, Lo sviluppo della morfosintassi in studenti cinesi. In: S. RASTELLI (a cura di), Italiano di Cinesi, italiano per Cinesi. Dalla prospettiva della didattica acquisizionale, Perugia, Guerra: 89-­‐122. ARCODIA, Giorgio F., 2008, La derivazione lessicale in cinese mandarino, Milano, Franco Angeli. ARCODIA, Giorgio F., 2010, La lingua italiana vista da un cinese. In: S. RASTELLI (a cura di), Italiano di Cinesi, italiano per Cinesi. Dalla prospettiva della didattica acquisizionale, Perugia, Guerra: 65-­‐87. ARCODIA, Giorgio F. / BANFI, Emanuele / PICCININI, Chiara, 2008, Rese di lessico italiano/L2 da parte di sinofoni: fatti percettivi e strategie compensatore. In: G. BERNINI / L. SPREAFICO / A. VALENTINI (a cura di), 2008, Competenze lessicali e discorsive nell’acquisizione di lingue seconde. Atti del Convegno “Competenze lessicali e discorsive nell’acquisizione di lingue seconde (Bergamo, 8-­‐10 giugno 2006), Perugia, Guerra: 53-­‐78. BANFI, Emanuele, 1991, Autocorrezioni e dintorni: considerazioni sul parlato spontaneo di italiano L2 di sinofoni, «SILTA» 20 (2): 333-­‐350. BANFI, Emanuele, 2003, (a cura di), Italiano/L2 di cinesi: percorsi acquisizionali, Milano, Franco Angeli. BANFI, Emanuele, BERNINI, Giuliano, 2003, Il verbo. In: A. GIACALONE RAMAT (a cura di), 2003a, Verso l’italiano, Roma, Carocci: 70-­‐115. BANFI, Emanuele / ARCODIA, Giorgio F. / PICCININI, Chiara, 2008, Quando mancano le parole: strategie di compensazione lessicale
di sinofoni apprendenti italiano L2. In: M. BARNI / D. TRONCARELLI / C. BAGNA, Lessico e apprendimenti. Il ruolo del
lessico nella linguistica educativa, Milano, Franco Angeli: 120-132. BAXTER, William H. / SAGART, Laurent, 1998, Word formation in Old Chinese. In: J. PACKARD, (ed.), New Approaches to Chinese Word Formation. Morphology, Phonology and the Lexicon in Modern and Ancient Chinese, Berlin-­‐New York, Mouton de Gruyter: 35-­‐76. BERNINI, Giuliano, 1990, Lo sviluppo di paradigmi verbali nelle varietà elementari di apprendimento dell’italiano lingua seconda. In: G. BERNINI / A. GIACALONE RAMAT (a cura di), La temporalità nell’acquisizione di seconde lingue, Milano, Franco Angeli: 81-­‐101. BERNINI, Giuliano, 2003, Come si imparano le parole. Osservazioni sull’acquisizione del lessico in L2, «ItALS» 1 (2): 23-­‐47. BERNINI, Giuliano / SPREAFICO, Lorenzo / VALENTINI, Ada (a cura di), 2008, Competenze lessicali e discorsive nell’acquisizione di lingue seconde. Atti del Convegno “Competenze lessicali e discorsive nell’acquisizione di lingue seconde (Bergamo, 8-­‐
10 giugno 2006)”, Perugia, Guerra. BERRETTA, Monica, 1993, Morfologia. In: A. SOBRERO, Introduzione all’italiano contemporaneo. Vol. I: Le strutture, Roma-­‐Bari, Laterza: 193-­‐245. BETTONI, Camilla, 2003, Imparare un’altra lingua, Roma-­‐Bari, Laterza. BOTTÉRO, Françoise, 1996, Sémantisme et classification dans l'écriture chinoise. Les systèmes de classement des caractères par clés du Shuowen jiezi au Kangxi Zidian, Paris, Mémoires de l'Institut des Hautes Études Chinoises, vol. XXXVII. CHAO, Yuen Ren, 1968, A Grammar of spoken Chinese, Berkeley, University of California Press. CHEN, Hsuan-­‐Chih / ZHOU, Xiaolin, 1999, Processing East Asian Languages: An Introduction. In: H-­‐CH. CHEN / X. ZHOU (eds.), Processing East Asian Languages «Language ad Cognitive Processes» (Special Issue), Hove, Psychology Press: 425-­‐
428. CHINI, Marina, 2005, Che cos’è la linguistica acquisizionale, Roma, Carocci. CROFT, William / CRUSE, Alan, 2004, Cognitive Linguistics, Cambridge, Cambridge University Press. DAI, Xiang-­‐Ling John, 1993, Syntactic, phonological and morphological words in Chines. In: J. PACKARD (ed.), New Approaches to Chinese Word Formation. Morphology, Phonology and the Lexicon in Modern and Ancient Chinese, Berlin-­‐New York, Mouton de Gruyter: 103-­‐134. DE MAURO, Tullio, 2006, La fabbrica delle parole: il lessico e problemi di lessicologia, Torino, Utet. DE MAURO, Tullio / MANCINI, Federico / VEDOVELLI, Massimo / VOGHERA, Miriam, Lessico di frequenza dell’italiano parlato, Roma, Etaslibri. DEFRANCIS, John, 1989, Visible Speech: The Diverse Oneness of Writing Systems, Honolulu, University of Hawai’i Press. DUANMU, San, 1993, Wordhood in Chinese. In: J. PACKARD, (ed.), 1993, New Approaches to Chinese Word Formation. Morphology, Phonology and the Lexicon in Modern and Ancient Chinese, Berlin-­‐New York, Mouton de Gruyter: 135-­‐196. GIACALONE RAMAT, Anna (a cura di), 2003a, Verso l’italiano, Roma, Carocci. GIACALONE RAMAT, Anna, 2003b, L’acquisizione della morfologia di italiano/L2: difficoltà e strategie di sinofoni. In: E. BANFI, (a cura di), Italiano L2 di Cinesi: percorsi acquisizionali, Milano, Franco Angeli: 11-­‐24. GRANDI, Nicola (a cura di), 2005, Morfologia e dintorni. Studi di linguistica tipologica e acquisizionale, Milano, Franco Angeli. HONOROFF, Douglas N. / FELDMAN, Laurie, 2006, The Chinese character in psycholinguistic research: form, structure, and the reader. In: P. LI / L. H. TAN / E. BATES / O. J. L. TZENG, (eds.), 2006a, The Handbook of East Asian Psycholinguistics. Vol. I: Chinese, Cambridge, Cambridge University Press: 195-­‐208. JEŽEK, Elisabetta, 2005, Lessico. Classi di parole, strutture, combinazioni, Bologna, il Mulino. LI, Ping / TAN, Li Hai / BATES, Elizabeth / TZENG, Ovid J.L (eds.), 2006a, The Handbook of East Asian Psycholinguistics. Vol. I: Chinese, Cambridge, Cambridge University Press. LI, Ping / TAN, Li Hai / BATES, Elizabeth / TZENG, Ovid J.L, 2006b, Introduction: new frontiers in Chinese psycholinguistics. In: P. LI / L. H. TAN / E. BATES / O. J. L. TZENG, (eds.), 2006a, The Handbook of East Asian Psycholinguistics. Vol. I: Chinese, Cambridge, Cambridge University Press: 1-­‐9. NORMAN, Jerry, 1988, Chinese, Cambridge, Cambridge University Press. OOI, Vincent B.Y. et alii (eds.), 2005, Words in Asian Cultural Contexts. Proceedings of the 4th Asialex Conference, Singapore, National University of Singapore. PACKARD, Jerome, 2000, The Morphology of Chinese. A Linguistic and Cognitive Approach, Cambridge, Cambridge University Press. PACKARD, Jerome, 2006, The manifestation of aphasia syndromes in Chinese. In: P. LI / L. H. TAN / E. BATES / O. J. L. TZENG (eds.), 2006a, The Handbook of East Asian Psycholinguistics. Vol. I: Chinese, Cambridge, Cambridge University Press: 330-­‐
344. PERFETTI, Charles A. / TAN, Li Hai, 1999, The Constituency Model of Chinese Word Identification. In: J. WANG / A. W. INHOFF / H-­‐
CH. CHEN (eds.), Reading Chinese Script. A Cognitive Analysis, Mahwah, NJ-­‐London, Erlbaum Associate: 115-­‐134. RAMAT, Paolo, 2005, Per una definizione di parola. In: ID. Pagine linguistiche, Roma-­‐Bari, Laterza: 106-­‐121. RASTELLI, Stefano (a cura di), 2010, Italiano di Cinesi, italiano per Cinesi. Dalla prospettiva della didattica acquisizionale, Perugia, Guerra. SCALISE, Sergio, 1990, Morfologia e lessico, Bologna, il Mulino. SIMONE, Raffaele, 1988, ‘Fragilità’ della morfologia in ‘contesti turbati’. In: A. GIACALONE RAMAT (a cura di), L’italiano tra le altre lingue. Strategie di acquisizione, Bologna, il Mulino: 91-­‐108. SIMONE, Raffaele, 1997, Fondamenti di linguistica, Roma-­‐Bari, Laterza. TAN, Li Hai / WAI, Ting Siok, 2006, How the brain reads the Chinese language: recent neuroimaging findings. In: P. LI / L. H. TAN / E. BATES / O. TZENG (eds.), 2006a, The Handbook of East Asian Psycholinguistics. Vol. I: Chinese, Cambridge, Cambridge University Press: 358-­‐371. TEKAVČIĆ, Pavao, 1972, Grammatica storica dell’italiano. Vol. III: Lessico, Bologna, il Mulino. TOSCO, Alessandro, 2010, Autocorrezioni di apprendenti cinesi nel corpus GranVALICO. In: S. RASTELLI (a cura di), 2010, Italiano di Cinesi, italiano per Cinesi. Dalla prospettiva della didattica acquisizionale, Perugia, Guerra: 123-­‐132. YIP, Po-­‐Ching, 2000, The Chinese Lexicon. A Comprehensive Survey, London-­‐New York, Routledge. YONG, Heming / PENG, Jing, 2008, Chinese Lexicography. A History from 1046 BC to AD 1911, Oxford, Oxford University Press. VALENTINI, Ada, 1992, L’italiano dei Cinesi. Questioni di sintassi, Milano, Guerini Studio. VALENTINI, Ada, 2004, Italiano di cinesi: cosa ne è del lessico, «ItALS» 2 (4): 87-­‐103. VALENTINI, Ada, 2005, Da giardino vacanza a campeggio. Il ruolo delle parole composte nell’italiano L2. In: N. GRANDI, 2005, Morfologia e dintorni. Studi di linguistica tipologica e acquisizionale, Milano, Franco Angeli: 141-­‐157. WANG, Fusheng, 1998, La formazione delle parole nella lingua cinese contemporanea, Trieste, Scuola superiore di lingue moderne per interpreti e traduttori. Emanuele Banfi, glottologo di formazione e attuale presidente della Società di Linguistica Italiana (SLI), ha insegnato Linguistica generale e Istituzioni di linguistica storica presso l’Università degli studi di Milano-­‐Bicocca. Si è interessato, oltre che di linguistica indeuropea – con particolare riferimento alle vicende della grecità linguistica e delle lingue dell’area balcanica –, anche di linguistica sino-­‐giapponese e di linguistica acquisizionale: in tale specifico àmbito si è occupato a lungo di acquisizione dell’italiano/L2 da parte di sinofoni.