File PDF - seconda parte

Commenti

Transcript

File PDF - seconda parte
VALUTAZIONE
DELL’OBESITA’ INFANTILE:
GLI STRUMENTI DI LAVORO
Dr. ssa Chiara Raimondi
U.O. Pediatria - P.O. Bollate
Az. Ospedaliera G. Salvini
PRESSIONE ARTERIOSA


I bambini obesi hanno un rischio circa tre volte maggiore
d’essere ipertesi rispetto ai non obesi
Un elevato BMI durante l’infanzia è predittivo non solo di
obesità e sovrappeso in età adulta ma anche di
ipertensione in tale età
La misurazione della pressione arteriosa deve
essere effettuata con paziente a riposo da
almeno 3 min, sul braccio non dominante, con
bracciale che copra almeno 2/3 della
lunghezza del braccio mantenuto all’
all’altezza
del cuore
PRESSIONE ARTERIOSA
PRESSIONE ARTERIOSA

Si considera iperteso il bambino a cui viene
riscontrata una pressione arteriosa > 95° centile
in tre misurazioni non consecutive eseguite
correttamente e con strumenti adeguati

Tutti i bambini con pressione arteriosa > 95°
centile devono essere sottoposti a monitoraggio
ambulatoriale della pressione arteriosa (ABPM);
i valori registrati mediante ABPM vanno riferiti
agli standard di normalità ABPM
ACANTHOSIS NIGRICANS



è determinata da ispessimento dello strato corneo che
va incontro a iperpigmentazione: sui cheratinociti sono
stati individuati recettori per l’insulina e per l’IGF-1 che
possono essere attivati da elevati livelli insulinemici
Le aree comunemente coinvolte sono le ascelle, la
regione posteriore del collo, la piega antecubitale e
l’inguine
L’entità dell’AN correla bene col grado di risposta
insulinica all’insulino-resistenza
ANOMALIE SCHELETRICHE
Taylor et al, Orthopedic Complications of
Overweight in Children and Adolescents
Adolescents,,
Pediatrics 2006
ANOMALIE SCHELETRICHE
Ginocchio valgo
Malattia di Osgood
Osgood--Schlatter
Morbo di Blount (tibia vara)
Epifisiolisi della testa del femore
SEGNI DI IPERANDROGENISMO
(considerare PCOS)




Alopecia
irsutismo (score di Ferriman-Gallway)
acne
Alterazioni mestruali: oligomenorrea 60%; amenorrea 30%
Criteri diagnostici per PCOS (almeno 2 criteri)
- Oligomenorrea e/o anovulazione
- Iperandrogenismo clinico e/o biochimico
- Aspetto ecografico di ovaio policistico
- Esclusione di altre patologie (CAH, tumori androgenosecernenti, Sindrome di Cushing, etc.)
INDAGINI DI LABORATORIO E
STRUMENTALI
Gli esami di laboratorio consigliati nel bambino obeso e
sovrappeso con familiarità per fattori di rischio
cardiovascolare (ipertensione, DM, dislipidemia, malattia
cardiovascolare) o con basso peso alla nascita sono:
 glicemia a digiuno
 insulinemia a digiuno
 profilo lipidico:
– trigliceridemia
– colesterolemia totale
– colesterolemia HDL
– colesterolemia LDL
 transaminasi – ALT
Consensus su prevenzione, diagnosi e terapia – SIP, 2006
METABOLISMO GLUCIDICO
glicemia a digiuno
• v.n. < 100 mg/dl o 5,6 mmol/l
• intolleranza glicemica: 100- 125 mg/dl o 5,6-6,9 mmol /l
• diabete: ≥ 126 mg/dl o 7 mmol/l
NB: Per glicemia a digiuno >100mg/dl confermata è
indicata curva da carico orale di glucosio (0-120 minuti)

Consensus su prevenzione, diagnosi e terapia – SIP, 2006

•
•
•
insulinemia a digiuno: cut-off per iperinsulinismo
>15 μU/mL nel periodo pre-puberale
>30 μU/mL durante la pubertà
>20 μU/mL nel periodo post-puberale
HOMA
(Homeostasis Model Assessment)
HOMA-IR=
Fasting insulin (μU/mL) x Fasting glucose (mg/dL) /405



alta sensibilità e specificità nel misurare IR
metodo più semplice, economico, rapido e accettabile
da parte dei bambini rispetto ai test da carico (OGTT)
cut-off per la diagnosi di IR negli adolescenti è pari a
3.16 (negli adulti 2.5)
Keskin M et al, Pediatrics 2005
HOMA
Kurtoglu S et al, J Clin Res Ped Endo 2010
Obesity and the Metabolic Syndrome
in Children and Adolescents: HOMA
Weiss R et al New Engl J Med 2004
PROFILO LIPIDICO
AAP National Cholesterol
Education Program:
< 170 mg/dl
CRITERI DIAGNOSTICI DELLA SINDROME
METABOLICA in età pediatrica
L’IDF (International Diabetes Federation
Federation)) ha recentemente
proposto una definizione di SM nei bambini e negli
adolescenti che tiene conto dei diversi cambiamenti
fisiologici caratteristici dell’
dell’et
età
à pediatrica. In particolare, gli
autori hanno coniato una definizione per classi di età
età:

Da 6 anni a < 10 anni
La SM non può essere diagnosticata in questa fascia di età
età
Tuttavia , in caso in caso di:
• CV ≥ 90
90°°p.le: si consiglia attento controllo/riduzione del peso
• presenza di familiarità
familiarità per SM, T2D, dislipidemia
• patologie cardiovascolari, ipertensione e/o obesità
obesità: si
consiglia esecuzione di un approfondimento diagnostico
CRITERI DIAGNOSTICI DELLA SINDROME
METABOLICA in età pediatrica

•
•
•
•

•
•
•
•
Da 10 aa a < 16 aa
aa:: presenza di obesità
obesità centrale (CV ≥ 90
90°°p.le)
associata ad almeno 2 degli altri 4 criteri:
Trigliceridi ≥ 1.7 mmol
mmol/L
/L (≥
(≥ 150 mg/dl)
HDL--colesterolo < 1.03 mmol
HDL
mmol/L
/L (< 40 mg/dL
mg/dL))
PAS ≥ 130 mmHg o diastolica ≥ 85 mmHg
Glicemia a digiuno 5.6 mmol
mmol/(100
/(100 mg/dl) o T2DM
Età ≥ 16 aa
Età
aa:: in base alla classificazione IDF di SM per l’l’et
età
à adulta:
Obesità
Obesit
à centrale (Circonferenza Vita) (popolazione europea ≥90 cm)
Presenza di almeno due dei seguenti:
Trigliceridi ≥ 150 mg/dl o in trattamento per ipertrigliceridemia
HDL--C < 40 mg/dl (M) o <50 mg/dl (F) o in trattamento per bassi livelli
HDL
livelli di
HDL--C
HDL
PA ≥130/85 mmHg o in trattamento per ipertensione arteriosa
Glicemia a digiuno ≥ 100 mg/dl o T2DM
Zimmet P et al., Pediatr Diabetes 2007
TRANSAMINASI
Dosaggio di ALT
se >40 UI/L è suggerito un approfondimento
diagnostico mediante:
• AST, gamma-GT
• ecografia epatica
• diagnosi differenziale di epatite

Diagnosi precoce NAFDL
(non-alcholic fatty liver
disease)
NAFLD: eziopatogenesi
NAFLD: prevalenza
Rivista Italiana di
Pediatria Ospedaliera,
Gennaio 2010
NAFLD: diagnosi
Rivista Italiana di
Pediatria Ospedaliera,
Gennaio 2010
ORMONI TIROIDEI
 L’AAP non ne raccomanda il dosaggio di routine perché
perché
considera l’l’ipotiroidismo una causa rara di obesità
obesità
 gli ormoni tiroidei periferici (T3, T4) e il TSH sono
moderatamenteaumentati nei bambini obesi ma con la riduzione
di peso si assiste alla riduzione di T3 e T4
DEFICIT FERRO
 la prevalenza del deficit di ferro è maggiore nei soggetti tra 12
12--16 aa
(4.7%), seguito da 2-5 aa (2.3%) e 66-11 aa (1.8%)
la prevalenza del deficit di ferro aumenta con l’incremento del BMI
(normopeso 2.1%, a rischio di sovrappeso 5.3%, sovrappeso 5.5%)
 I bambini a rischio di sovrappeso e sovrappeso hanno una probabilit
probabilità
à
quasi doppia di presentare deficit di ferro (odds ratio 2.0; 95% intervallo di
confidenza 1.2
1.2–
–3.5; odds ratio: 2.3; 95% intervallo di confidenza 1.4 –3.9;
rispettivamente)) rispetto ai bambini normopeso
rispettivamente
Nead KG et al, Pediatrics 2004

Documenti analoghi

ACANTHOSIS NIGRICANS REGREDITA DOPO ASPORTAZIONE DI

ACANTHOSIS NIGRICANS REGREDITA DOPO ASPORTAZIONE DI riferita familiarità per diabete mellito di tipo 2.

Dettagli