Cooperativa Azalea Mamme-lavoratrici l`accordo

Commenti

Transcript

Cooperativa Azalea Mamme-lavoratrici l`accordo
Cooperativa Azalea
Mamme-lavoratrici
l'accordo funziona
L'inaugurazione della Cooperativa Azalea in una foto d'archivio
^^^m Con il bando "Conciliazione" attivato da Regione Lombardia
e Finlombarda si possono definire
piani di flessibilità e di congedo.
Si tratta di un modo per andare
incontro alle esigenze di conciliazione dei tempi di vita e lavoro dei propri dipendenti, come
ha fatto, nel 2012, la Cooperativa Azalea di Tremezzo, che ha
potuto così usufruire di un
esperto che ha organizzato tali
piani: «Noi ci occupiamo di disabili e di minori - racconta Pier
Antonio Ferrari, presidente - al
nostro interno il 90% dei 35 di-
pendenti è costituito da donne,
quindi il tema della conciliazione è molto sentito.
«Mediamente cinque lavoratrici all'anno vanno in maternità. L'esperto ci ha aiutato a razionalizzare gli impegni lavorativi e a definire obbiettivi condivisi. In questo modo siamo riusciti ad andare incontro alle esigenze delle dipendenti e ottimizzare il lavoro».
Il bando, che si aperto il 23
aprile scorso, è aperto a tutte le
Pmi con meno di 250 dipendenti. Tra gli obiettivi dei piani con-
cordati dalla Cooperativa sono
state definite azioni per permettere alle lavoratrici in congedo
facoltativo di rimanere aggiornate su quanto accade all'interno dell'ambiente di lavoro; per
migliorare il clima e un maggior
dialogo tra l'ambito familiare e
del lavoro è stata definita una
giornata in cui la Cooperativa
apre le porte ai famigliari; inoltre sono state programmate
azioni per permettere di effettuare con serenità le visite mediche, concedere il part-time se
richiesto, o organizzare gli affiancamenti.
«Abbiamo stipulato una sorta di contratto tra Cooperativa
e lavoratrici - spiega Ferrari dove ci siamo impegnati reciprocamente». Il bando prevede
di poter usufruire di un esperto
che offre consulenza personalizzata e supporti direttamente
le aziende sul campo, nell'analisi dell'organizzazione aziendale, nella definizione e implementazione di piani di flessibilità rivolti a tutti i dipendenti
e/o di piani di congedo per lavoratrici con notifica di maternità
e per lavoratori che intendano
richiedere il congedo di paternità, nonché di servizi di informazione, formazione e progettazione per lo sviluppo di accordi aziendali o territoriali e di
servizi di monitoraggio e verifica delle azioni intraprese.
La presentazione della domanda di adesione al progetto
va fatta tramite il sito www.finlombarda.it/conciliazionevitalavoro, entro le ore 12.00 del 31
luglio 2013. • Amalia B. Di Bartolo