0135_03_REUMA4_RAS_Turiel:1813 01 REUMA3

Commenti

Transcript

0135_03_REUMA4_RAS_Turiel:1813 01 REUMA3
Reumatismo, 2009; 61(4):244-253
RASSEGNA
Il coinvolgimento cardiaco nell’artrite reumatoide
Cardiac involvement in rheumatoid arthritis
M. Turiel1, S. Sitia1, L. Tomasoni1, S. Cicala1, F. Atzeni2, L. Gianturco1, M. Longhi3,
V. De Gennaro Colonna4, P. Sarzi-Puttini2
1
Servizio di Cardiologia, IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi, Dipartimento di Tecnologie per la Salute Università di Milano, Milano;
2
U.O. di Reumatologia, Ospedale Universitario L. Sacco, Milano;
3
U.O. di Reumatologia, IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi, Milano;
4
Dipartimento di Farmacologia, Chemioterapia e Tossicologia Medica, Università di Milano
SUMMARY
Rheumatoid arthritis (RA) is a systemic disease of unknown etiology characterized by a chronic inflammatory process
mainly leading to destruction of synovial membrane of small and major diarthrodial joints. The prevalence of RA within the general adult population is about 1% and female subjects in fertile age result mostly involved. It’s an invalidating disease, associated with changes in life quality and a reduced life expectancy. Moreover, we can observe an
increased mortality rate in this population early after the onset of the disease. The mortality excess can be partially
due to infective, gastrointestinal, renal or pulmonary complications and malignancy (mainly lung cancer and nonHodgkin lymphoma).
Among extra-articular complications, cardiovascular (CV) involvement represents one of the leading causes of morbidity and mortality. Every cardiac structure can be affected by different pathogenic pathways: heart valves, conduction system, myocardium, endocardium, pericardium and coronary arteries. Consequently, different clinical manifestations can be detected, including: pericarditis, myocarditis, myocardial fibrosis, arrhythmias, alterations of conduction system, coronaropathies and ischemic cardiopathy, valvular disease, pulmonary hypertension and heart failure.
Considering that early cardiac involvement negatively affects the prognosis, it is mandatory to identify high CV risk
RA patients to better define long-term management of this population.
Reumatismo, 2009; 61(4):244-253
INTRODUZIONE
L’
artrite reumatoide (AR) è una patologia sistemica ad eziologia sconosciuta caratterizzata da un processo infiammatorio cronico ad evoluzione destruente che interessa principalmente la
membrana sinoviale delle piccole e grandi articolazioni diartrodiali. La prevalenza della malattia
nella popolazione generale adulta è di circa l’1% e
risulta maggiormente colpito il sesso femminile in
età fertile (1). È una malattia altamente invalidante con un significativo impatto sulla qualità di vita
Indirizzo per la corrispondenza:
Prof. Maurizio Turiel, FESC
IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi
Università di Milano,
Servizio di Cardiologia
Dipartimento di Tecnologie per la Salute
Via R. Galeazzi, 4 - 20161 Milano
E-mail: [email protected]
associata ad una ridotta aspettativa di vita (2). Infatti, l’AR è caratterizzata da un aumentato tasso
di morbilità e mortalità che si rende manifesto già
entro pochi anni dall’esordio e che correla con la
durata della malattia. Tale eccesso di mortalità può
essere parzialmente attribuito a complicanze infettive, gastrointestinali, renali e polmonari; inoltre si
registra un’elevata incidenza di decessi dovuta a
cancro del polmone e linfoma non-Hodgkin (3).
Tuttavia, tra le manifestazioni extra articolari, il
coinvolgimento dell’apparato cardiovascolare (CV)
riveste particolare importanza sia per quanto riguarda la morbidità che la mortalità. Infatti, numerosi studi hanno dimostrato che la patologia CV, ed
in particolare la malattia coronarica, rappresenta
una delle principali cause di morte nell’AR (4-6).
Tutte le strutture cardiache possono essere coinvolte (apparati valvolari, sistema di conduzione,
miocardio, endocardio, pericardio e le arterie coronarie) con molteplici meccanismi patogenetici
245
Il coinvolgimento cardiaco nell’artrite reumatoide
chiamati in causa nello sviluppo del danno CV.
Pertanto, le manifestazioni cliniche secondarie al
coinvolgimento cardiaco sono variabili e comprendono: pericardite, miocardite e fibrosi miocardica, alterazioni del ritmo e del sistema di conduzione dell’impulso, coronaropatia e cardiopatia
ischemica, valvulopatia, ipertensione polmonare,
scompenso cardiaco.
In considerazione del precoce coinvolgimento cardiaco e della sua associazione con una prognosi
sfavorevole sia a breve che a lungo termine, l’identificazione dei pazienti ad elevato rischio CV diventa essenziale ai fini prognostici e terapeutici.
Malattie del pericardio
Il pericardio è la struttura cardiaca più frequentemente coinvolta in corso di AR: a seconda della
metodica di valutazione utilizzata (ecocardiografia
o studi autoptici post-mortem) la prevalenza di pericardite si attesta tra il 30% e il 50% (7).
Tuttavia, in meno del 10% dei casi la pericardite si
manifesta clinicamente, soprattutto nei pazienti con
AR di grado severo (7-10) e nei maschi con AR nodulare ed erosiva (10). Quando clinicamente manifesta, si associa a prognosi sfavorevole, in particolare nel primo anno di follow-up (11). Inoltre, i casi di pericardite costrittiva o le forme essudative a
rapida progressione sono associate ad elevata morbidità e mortalità (12).
Generalmente la pericardite si sviluppa dopo l’inizio della malattia; anche se in taluni casi, può precedere la diagnosi di AR e quindi orientare nella
diagnosi di malattia attraverso l’esame obiettivo
del paziente e lo screening degli anticorpi anti-nu-
cleo, del fattore reumatoide e del peptide anti-citrullina (anti-CCP) (13) (Tab. I).
Dal punto di vista biochimico il liquido pericardico presenta alterazioni simili a quelle riscontrate
nei versamenti pleurici reumatoidi, cioè una conta
leucocitaria variabile, alti livelli proteici, diminuzione di complemento e glucosio, riscontro di fattori reumatodi e immunocomplessi.
Taluni studi di tipo retrospettivo hanno evidenziato un’evoluzione delle forme essudative verso quelle costrittive nel 10-24% dei pazienti (14-16).
Nella maggior parte dei casi il decorso della pericardite è subclinico, risultando sintomatico solo nel
2% dei casi; raramente evolve verso il tamponamento cardiaco, descritto nei pazienti con artrite cronica giovanile (17) ed in casi isolati di AR (11, 18).
Le frequenti indagini ecografiche eseguite attualmente permettono di individuare incidentalmente
versamenti pericardici moderati o anche abbondanti, che diversamente passerebbero inosservati,
ponendo problemi di approccio diagnostico ed
eventualmente terapeutico. In tali casi è di particolare importanza l’esclusione della TBC, di neoplasie e dell’ipotiroidismo (19).
Coinvolgimento valvolare
Circa il 39% circa dei pazienti affetti da AR presenta una qualsiasi forma di coinvolgimento valvolare (20). L’interessamento è in genere monovalvolare e si manifesta con alterazioni morfologiche, per lo più sottoforma di nodularità e fibrosi dei
lembi, dell’anello valvolare e dell’apparato sottovalvolare, spesso associate ad alterazioni funzionali, nella maggior parte dei casi come insuffi-
Tabella I - Parametri clinici, laboratoristici e strumentali utili per la diagnosi di artrite reumatoide.
Parametri clinici
Esami di laboratorio
Esami strumentali
• Anamnesi
• N° articolazioni tumefatte (28)
• N° articolazioni dolenti (28)
• Indici infiammatori: VES e PCR
• Esami ematochimici di routine
• Emocromo completo
• Durata della rigidità mattutina
• Physician’s global assessment of disease activity (VAS)
• Esame urine completo
• Elettroforesi siero-proteica
• Patient’s global assessment of disease activity (VAS)
• Transaminasi, gammaGT, ALP
• Patient’s assessment of pain (VAS)
• Calcolo del DAS 28 e 44 (facoltativo)
• Auto-anticorpi: FR,
Anti-peptidi ciclici citrullinati (CCP),
anticorpi anti-nucleo
• Ferritina, Sideremia
• HBsAg - HCV Ab (facoltativi)
• RX torace
• RX mani e piedi
• Ecografia delle sedi
articolari interessate
• Eventuali ulteriori
• RMN delle sedi articolari
interessate (facoltativo)
• Eventuali ulteriori
accertamenti strumentali
e laboratoristici secondo
parere dello specialista
reumatologo
246
M. Turiel et al.
cienza valvolare (21, 22) ed in misura minore come stenosi (22-24). Gli apparati valvolari più frequentemente coinvolti sono quello aortico e mitralico. Dal punto di vista clinico tali lesioni risultano sintomatiche in meno del 10% dei casi.
Le caratteristiche morfologiche permettono in alcuni casi la diagnosi differenziale con le valvulopatie degenerative, che spesso coinvolgono più
apparati valvolari e si associano alla presenza di
calcificazioni dei lembi e delle strutture sottovalvolari. In alcuni studi ecocardiografici è riportata
la presenza di alterazioni valvolari aspecifiche con
una prevalenza variabile dal 9% all’80% dei casi
(25-28).
L’elevata frequenza di prolasso mitralico resta ancora di difficile interpretazione, ma potrebbe essere legata alla durata del processo infiammatorio.
Corrao et al. (22) hanno in effetti riscontrato una
prevalenza di prolasso mitralico nei pazienti con
più lunga durata di malattia in associazione ad alterazioni della valvola aortica, mentre in un recente studio condotto mediante ecocardiografia transesofagea su 34 soggetti con AR, non è stata riscontrata alcuna correlazione statisticamente significativa tra alterazioni valvolari e le variabili cliniche quali durata, attività, severità di malattia, sierologia e terapia (29).
L’evoluzione delle alterazioni valvolari non è ancora definitivamente chiarita. Raramente la malattia valvolare in corso di AR è sintomatica. Nomeir
et al. (14) hanno confermato mediante l’ecocardiografia transtoracica una persistenza del 63% di
lesioni valvolari mitraliche a 4 anni in presenza di
elevati valori di VES e di attività di malattia. Seppur raramente, è tuttavia possibile l’evoluzione verso un’insufficienza valvolare di grado severo nei
pazienti con AR che si associa ad elevata mortalità (24). Didry et al. (30) hanno rilevato una sopravvivenza media di 11 mesi dai primi sintomi di
insufficienza cardiaca nei pazienti con AR ed insufficienza aortica associata.
Cardiomiopatie
Le cardiomiopatie associate all’AR possono essere secondarie a processi miocarditici di tipo focale, diffuso, necrotizzante o granulomatoso, o
all’impiego di alcuni farmaci antireumatici come i
corticosteroidi. L’inquadramento eziologico può
pertanto risultare difficoltoso.
Numerosi studi autoptici hanno dimostrato la presenza di un infiltrato cellulare mononucleare e/o di
un processo vasculitico nel 10-26% dei pazienti
(31, 32).
Figura 1 - Ecocardiogramma B-mode, in proiezione parasternale asse
lungo: si osserva ipertrofia delle pareti del ventricolo sinistro e l’aspetto granulare suggestivi di deposito di amiloide.
Ulteriori studi hanno dimostrato come la presenza
di una pancardite, in una fase iniziale della malattia, si manifesti con alterazioni della conduzione
cardiaca causata da noduli reumatoidi, infiltrati infiammatori e da depositi di amiloide (33, 34).
In corso di AR si osserva una elevata frequenza di
amiloidosi subclinica, fino al 29% circa dei casi
(35). L’amiloidosi rappresenta una delle cause principali di cardiomiopatia restrittiva, interessa prevalentemente il sesso maschile con durata di malattia superiore a un anno e si associa ad un’elevata morbidità e mortalità (36). Sebbene la diagnosi
di certezza di amiloidosi cardiaca sia soltanto istologica, il riscontro di un pattern ecocardiografico
caratterizzato da un miocardio alterato con aspetto granulare definito ‘granular sparkling’ è fortemente suggestivo e indirizza verso una strategia terapeutica più aggressiva (Fig. 1).
Il processo miocarditico rimane spesso asintomatico (37), tuttavia in alcuni casi può evolvere verso l’insufficienza cardiaca congestizia che generalmente risulta poco responsiva alle terapie tradizionali e rappresenta una delle cause di aumentata
mortalità (38, 39).
Recentemente, la risonanza magnetica cardiaca ha
assunto un ruolo sempre più importante nella diagnosi delle miocardiopatie. Infatti, tale metodica
consente la valutazione non invasiva della struttura del miocardio permettendo di caratterizzare al-
Il coinvolgimento cardiaco nell’artrite reumatoide
terazioni tissutali che prima potevano essere diagnosticate soltanto con la biopsia (40).
Aritmie
Le aritmie cardiache rappresentano un’importante
causa di mortalità nell’AR e sono spesso secondarie a ischemia miocardica, vasculiti coronariche,
miocarditi, ipertensione polmonare, nonché a disturbi di conduzione determinati da noduli reumatoidi, amiloidosi e scompenso cardiaco avanzato
(41).
In corso di AR è dimostrata la presenza di alterazioni del sistema di conduzione (42, 43) che vanno da gradi lievi di blocco atrioventricolare fino al
blocco atrioventricolare completo, la cui prevalenza è riportata nello 0,1% dei casi (44).
Inoltre è stato dimostrato che la variabilità dell’intervallo QT e QT-corretto è maggiore nei pazienti
con AR rispetto ai controlli (45).
Scompenso cardiaco
Lo scompenso cardiaco è sicuramente la complicanza più temibile nei pazienti con AR, in quanto
associato ad un elevato tasso di mortalità, superiore a quello correlato alla cardiopatia ischemica
(46).
Il rischio di sviluppare scompenso cardiaco
nell’AR risulta infatti doppio rispetto alla popolazione generale (47) ed è solo parzialmente correlato ai tradizionali fattori di rischio CV (48). Infatti,
diversi fattori possono concorrere alla patogenesi
della disfunzione miocardica, quali elevati livelli
plasmatici di IL-6, PCR, TNF-alfa (49), la presenza di processi vasculitici e l’AR in sè (50).
Frequente è la comparsa di una disfunzione diastolica (51, 52), che può rimanere per lungo tempo
asintomatica e rappresenta il primum movens del
processo patogenetico che conduce allo scompenso cardiaco. Diversi meccanismi sono chiamati in
causa: la fibrosi miocardica, i noduli granulomatosi, i processi miocarditici, le arteriti, l’amiloidosi e
i farmaci cardiotossici utilizzati nel trattamento
dell’AR. Alpaslan et al. (53) valutando della funzione diastolica del ventricolo sinistro (VS) mediante lo studio del flusso transmitralico e delle vene polmonari, hanno rilevato un’alterata funzione
diastolica nei pazienti con AR di lunga durata in
presenza di una normale funzione sistolica. Numerosi studi hanno confermato la correlazione tra la disfunzione diastolica VS e la durata (54-56) e le manifestazioni extra articolari della malattia (57).
Taluni Autori (55, 58) hanno evidenziato una disfunzione diastolica biventricolare nei pazienti af-
247
fetti da AR senza evidenza clinica di malattia CV,
ma con normale funzione sistolica ed indice di performance globale VS.
Inoltre, Seyfeli et al. (59) hanno dimostrato la presenza di un’alterazione della funzione diastolica
del VD nei pazienti con AR, con una maggiore
prevalenza nei pazienti con interessamento polmonare e/o ipertensione polmonare. È importante ricordare che l’ipertensione arteriosa polmonare, isolata o secondaria a interstiziopatia polmonare, è
presente nel 21%-31% dei pazienti affetti da AR
(60, 61) ed è responsabile del 18% della mortalità
(62, 63).
Cardiopatia ischemica
I pazienti affetti da AR presentano un aumentato
rischio di infarto miocardico e stroke (64), correlato alla durata di malattia (65) con una maggiore incidenza di infarto miocardico silente e di morte cardiaca improvvisa rispetto alla popolazione
generale (66).
L’aumentato rischio CV sembra essere indipendente dai fattori di rischio tradizionali, suggerendo così un ruolo predominante di fattori strettamente correlati all’AR (67, 68). In questi ultimi
anni si è cercato di spiegare il meccanismo patogenetico dell’aterosclerosi accelerata in corso di
AR; in particolare l’attenzione si è focalizzata
sull’importanza del processo infiammatorio sistemico cronico caratterizzato da elevati livelli plasmatici di citochine proinfiammatorie. La presenza di alterazioni pro-aterogeniche come la dislipidemia, l’insulino-resistenza, lo stato trombofilico e lo stress ossidativo sembra favorire lo sviluppo di una disfunzione endoteliale che potrebbe rappresentare lo stadio iniziale del processo
aterosclerotico (69, 70). Arosio et al. (71), hanno
dimostrato una ridotta vasodilatazione endoteliodipedente, un’alterata reattività del micricircolo e
un’aumentata stiffness arteriosa in donne affette
da AR.
Attualmente la misurazione non-invasiva dello
spessore medio-intimale (IMT) carotideo è considerato un marker clinico precoce di aterosclerosi
(72). Kumeda et al. (73) hanno osservato nei pazienti affetti da AR un aumento dell’IMT delle arterie carotide comune e femorale, correlato alla durata e alla severità della malattia. In accordo con tali dati, Ciftci et al. (74) hanno confermato la l’aumento dell’IMT e la presenza di ridotta riserva di
flusso coronarico (RFC) nei pazienti affetti da AR,
correlando il rischio cardiovascolare alla durata
della malattia. Inoltre, Chung et al. (75), studian-
248
M. Turiel et al.
do l’estensione delle calcificazioni coronariche mediante TAC, hanno dimostrato che i pazienti con
AR con lunga durata di malattia presentano una
maggiore prevalenza e severità di calcificazioni coronariche rispetto a quelli con breve durata di malattia, in relazione al fumo e all’aumento della velocità di eritrosedimentazione.
Recentemente, la stima della RFC studiata mediante ecocardiografia transtoracica con stress farmacologico all’adenosina o al dipiridamolo è stata introdotta come marker diagnostico altamente
sensibile (>90%) di coronaropatia (76, 77). Se associata alla valutazione della cinesi regionale VS,
acquista anche un’alta specificità (78). Un valore
di RFC <2 misurato a livello del tratto medio-distale dell’arteria discendente anteriore sinistra è in
grado di predire accuratamente la presenza di una
stenosi coronarica significativa (77, 83). In assenza di stenosi dei vasi epicardici, un valore ridotto
di RFC può indicare un’alterazione del microcircolo coronarico nei pazienti con infarto miocardico riperfuso, ipertensione arteriosa con o senza
A
RFC 3.46
ipertrofia VS, diabete mellito, ipercolesterolemia,
sindrome X, cardiomiopatia ipertrofica e collagenopatie (79, 80). La misurazione della RFC assume anche valore prognostico in diverse condizioni
patologiche (81) (Fig. 2).
Turiel et al. (79, 82) hanno dimostrato una riduzione statisticamente significativa della RFC nei
pazienti con AR correlata con la durata della malattia (83).
In particolare, la compromissione della RFC risulta già evidente nelle fasi precoci di malattia, nei pazienti con durata della malattia inferiore ad un anno in assenza di terapia anti-reumatica e di segni/sintomi di interessamento CV (84) rivelando
che l’interessamento del microcircolo coronarico
può rappresentare uno dei primi stadi della coronaropatia in questa popolazione.
La funzione endoteliale e il microcircolo possono
anche essere studiati mediante la valutazione della concentrazione plasmatica della dimetilarginina
asimmetrica (ADMA), il principale inibitore endogeno della ossido-nitrico sintetasi. Esistono nuRFC 1.73
B
Figura 2 - Studio della riserva di flusso coronarico. La RFC viene calcolata confrontando la velocità di picco del flusso coronarico diastolico
(*) di base e dopo somministrazione di dipiridamolo (dose 0.84 mg/kg/min in 6 min; v.n. >2). In A viene riportata la RFC in un soggetto normale (RFC=3.46) mentre in B la RFC in un paziente con AR (RFC=1.73).
249
Il coinvolgimento cardiaco nell’artrite reumatoide
Metionina
S-adenosil-metionina
Metionina sintasi
-CH3 Proteine
S-adenosil-omocisteina
upregulation
Omocisteina
Shear stress
Colesterolo (ox LDL)
PRMT I
Proteine con residui di ADMA
L-arginina
Idrolisi
Inibizione
ADMA
NOS
DDAH
Escrezione
renale
PRMT I = Proteine arginina metiltransferasi tipo I
DDAH = Dimetilarginina dimetilaminoidrolasi
NOS = Nitrossido sintetasi
Citrullina +
dimetilamina
NO
+ citrullina
Figura 3 - Processi di sintesi e degradazione dell’ADMA. Le concentrazioni plasmatiche dell’ADMA sono misurate mediante HPLC (High Performance Liquid Chromatography).
merose evidenze cliniche a favore della stretta associazione esistente tra livelli plasmatici di ADMA ed interessamento CV nei pazienti con patologie autoimmuni (82, 85) (Fig. 3).
Inoltre, la presenza di aumentati livelli plasmatici
di ADMA è stata riportata in numerose condizioni patologiche caratterizzate da elevato rischio CV
quali l’ipercolesterolemia e l’ipertrigliceridemia
(86), l’arteriopatia periferica (87), il diabete mellito di tipo II (88), la sindrome coronarica acuta (89),
e l’insufficienza renale cronica (90). Inoltre, Surdacki et al. (91) hanno descritto l’associazione tra
elevati livelli plasmatici di ADMA e aumentato
IMT della carotide comune nei pazienti con AR.
Turiel et al. (84, 92) hanno osservato una correlazione inversa tra ADMA e CFR nei pazienti con
AR iniziale, indicando con ciò un coinvolgimento
cardiaco subclinico già presente in una fase precoce della malattia.
Numerosi studi clinici evidenziano i potenziali effetti antiaterosclerotici della terapia con disease
modifying antirheumatic drugs (DMARDs) biologici e non che vanno ben oltre il semplice controllo del processo infiammatorio e dell’attività di malattia. In particolare, Hurlimann et al. (93) hanno
dimostrato che gli anti-TNFα sono in grado non solo di ridurre gli indici di attività di malattia, ma possono anche migliorare la funzione endoteliale
nell’AR.
A tal proposito, Sitia et al. (94) hanno osservato il
trattamento a lungo termine con DMARDs può
rendere reversibile la disfunzione endoteliale, nelle fasi precoci di malattia.
Inoltre, un recente studio di Mäki-Petäjä et al. (95)
ha confermato l’efficacia dell’associazione di ezetimibe e simvastatina nel ridurre il processo infiammatorio, ma anche nel migliorare la rigidità
aortica nell’AR. Tuttavia, la possibile efficacia della terapia con statine e/o con farmaci biologici nel
modificare il decorso della malattia aterosclerotica deve ancora trovare ulteriori conferme in studi
clinici prospettici.
250
M. Turiel et al.
CONCLUSIONI
I pazienti affetti da AR presentano un incrementato rischio CV rispetto alla popolazione generale. Pertanto, in tali pazienti, anche in assenza di segni e sintomi clinici di interessamento CV, è indispensabile individuare in una fase precoce della
malattia la presenza di una disfunzione endoteliale e/o di alterazioni del microcircolo coronarico.
Lo screening CV in tali pazienti dovrebbe iniziare al momento della diagnosi e la presenza di AR
deve essere considerata un fattore di rischio CV
equiparabile al diabete, all’ipertensione arteriosa,
alla dislipidemia ecc. È quindi indispensabile impostare un attento follow-up di questi pazienti fin
dalle prime fasi della malattia utilizzando gli stessi approcci diagnostici e terapeutici indicati nella
prevenzione degli eventi CV importanti (scompenso cardiaco, cardiopatia ischemica ecc.) attuando un’efficace intervento di prevenzione primaria.
Secondo la nostra esperienza, la riduzione della
RFC e l’aumento dei livelli plasmatici di ADMA
devono essere considerati markers precoci di danno funzionale vascolare, mentre un aumento
dell’IMT sembra riflettere uno stadio più tardivo
del processo aterosclerotico, quando sono già presenti alterazioni anatomiche dei grossi vasi.
Infine, l’efficacia terapeutica dei farmaci biologici e/o delle statine nel ridurre o rallentare la progressione della malattia aterosclerotica mette in
evidenza la necessità di intraprendere approcci terapeutici più precoci e mirati nei pazienti con patologie sistemiche autoimmuni.
RIASSUNTO
L’artrite reumatoide è una patologia sistemica autoimmune ad eziologia sconosciuta caratterizzata da un processo infiammatorio cronico che porta alla degenerazione della membrana sinoviale delle piccole e grandi articolazioni diartrodiali. Interessa circa l’1% della popolazione generale con una prevalenza del sesso femminile in età fertile. Rappresenta una patologia invalidante, gravata da un’ aumentata mortalità fin dalle fasi precoci della malattia con ridotta
aspettativa e peggioramento della qualità di vita. Tale eccesso di mortalità è solo parzialmente spiegato da complicanze infettive, gastrointestinali, renali o polmonari e dallo sviluppo di neoplasie (soprattutto tumore del polmone e
linfoma non-Hodgkin).
Tra le complicanze extra-articolari, la patologia cardiovascolare rappresenta una delle principali cause di morbilità e
mortalità. Tutte le strutture cardiache possono essere coinvolte in base a diversi meccanismi patogenetici: le valvole
cardiache, il sistema di conduzione, il miocardio, l’endocardio, il pericardio e le arterie coronarie. Di conseguenza, le
manifestazioni cliniche possono essere molteplici includendo: pericardite, miocardite, fibrosi miocardica, aritmie, alterazioni del sistema di conduzione, cardiopatia ischemica, valvulopatie, ipertensione polmonare ed insufficienza cardiaca. Dato il precoce coinvolgimento cardiaco in corso di artrite reumatoide con peggioramento della prognosi, è necessario identificare i pazienti ad alto rischio per programmare un attento follow-up a lungo termine.
Parole chiave - Artrite reumatoide, aterosclerosi, riserva di flusso coronarico (RFC), dimetilarginina asimmetrica
(ADMA), spessore medio-intimale carotideo (IMT).
Key words - Rheumatoid arthritis, atherosclerosis, coronary flow reserve (CFR), asymmetric dimethylarginine (ADMA), carotid intima-media thickness (IMT).
BIBLIOGRAFIA
1. Carotti M, Salaffi F, Mangiacotti M, Cerioni A, Giuseppetti GM, Grassi W. Atherosclerosis in rheumatoid
arthritis: the role of high resolution B mode ultrasound
in the measurement of the arterial intima-media thickness. Reumatismo 2007; 59: 38-49.
2. Atzeni F, Sarzi-Puttini P. Early rheumatoid arthritis.
Reumatismo 2007; 59: 100-17.
3. Naz SM, Symmons DP. Mortality in established
rheumatoid arthritis. Best Pract Res Clin Rheumatol
2007; 21: 871-83.
4. Del Rincon I, Williams K, Stern MP, Freeman GL, Escalante A. High incidence of cardiovascular events in
a rheumatoid arthritis cohort not explained by traditional cardiac risk factors. Arthritis Rheum 2001; 44:
2737-45.
5. Solomon DH, Karlson EW, Rimm EB, Cannuscio CC,
Mandl LA, Manson JE, Stampfer MJ, Curhan GC. Cardiovascular morbidity and mortality in women diagnosed with rheumatoid arthritis. Circulation 2003; 107:
1303-7.
6. Maradit-Kremers H, Nicola PJ, Crowson CS, Ballman
KV, Gabriel SE. Cardiovascular death in rheumatoid
arthritis: a population-based study. Arthritis Rheum
2005; 52: 722-32.
7. Hurd ER. Extraarticular manifastations of rheumatoid
arthritis. Sem Arthritis Rheum 1979; 8: 151-76.
8. Gordon DA, Stein JL, Broder I. The extraarticular features
of rheumatoid arthritis. Am J Med 1973; 54: 445-52.
9. Scott DGI, Bacon PA, Tribe CR. Systemic vasculitis:
a clinical and laboratory study of 50 cases. Medicine
1981; 203: 292-331.
10. Voskuyl AE, Zwindermann AH, Wested ML, Vanden-
Il coinvolgimento cardiaco nell’artrite reumatoide
brouke JP, Breedveld FC, Hazes JMW. Factors associated with the development of vascilitis in rheumatoid
arthritis: results of a case control study. Ann Rheum Dis
1996; 55: 190-2.
11. Hara KS, Ballard DJ, Ilstrup DM, Connolly DC, Vollertsen RS. Rheumatoid pericarditis: clinical features
and survival. Medicine 1990; 69: 81-91.
12. Mitchell DM, Spitz PW, Young DY, Bloch DA, McShane DJ, Fries JF. Survival, prognosis and causes of
death in rheumatoid arthritis. Arthritis Rheum 1986;
29: 706-14.
13. Levy P, Corey R, Berger P, Habib G, Bonnet JL, Levy
S, Messana T, Djiane P, Frances Y, Botta C, DeMicco
P, Dumon H, Mundler O, Chomel JJ, Raoult D. Etiologic diagnostic of 204 pericardial effusions. Medecine
2003; 82: 385-91.
14. Nomeir AM, Turner RA, Watts LE. Cardiac involvement in rheumatoid arthritis: follow-up study. Arthritis Rheum 1979; 22: 561-4.
15. Hara KS, Ballard DJ, Ilstrup DM Conolly DC, Vollertsen RS. Rheumatoid pericarditis: clinical features
and survival. Medicine (Baltimore) 1990; 49: 81-91.
16. Franco AE, Levine HD, Hall AP. Rheumatoid pericarditis. Report of seventeen cases diagnosed clinically. Ann Intern Med 1972; 77: 837-44.
17. Goldenberg J, Pessoa AP, Roinzenblatt S, et al. Cardiac
tamponade in juvenile chronic arthritis: report of two
cases and review of publications. Ann Rheum Dis 1990;
69: 81-91.
18. Fernandez-Muixi, Vidal F, Bardaji A, Richart C. Recurrent pericarditis and cardiac tamponade in rheumatoid arthritis: effectiveness of colchicine. Br J Rheumatol 1994; 33: 596-7.
19. Sagrista-Sauleda J, Angel J, Permanyer-Miralda G,
Soler-Soler J. Longterm follow-up of idiopathic
chronic pericardial effusion. N Engl J Med 1999; 341:
2054-9.
20. Wislowska M, Sypula S, Kowalik I. Echocardiographic findings, 24-hour electrocardiographic Holter monitoring in patients with rheumatoid arthritis according
to Steinbrocker’s criteria, functional index, value of
waaler-rose titre and duration of disease. Clin Rheumatol 1998;17: 369-77.
21. Kitas G, Banks MJ, Bacon PA. Cardiac involvement in
rheumatoid disease. Clin Med. 2001; 1: 18-21.
22. Corrao S, Sallì L, Arnone S, Scaglione R, Amato V, Cecala M, Licata A, Licata G. Cardiac involvement in
rheumatoid arthritis: evidence of silent heart disease.
Eur Heart J 1995; 16: 253-6.
23. Carpenter DF, Golden A, Roberts WC. Quadrivalvular
rheumatoid heart disease associated with left bundle
branch block. Am J Med 1967; 43: 922-9.
24. Shimaya K, Kurihashi A, Masago R, Kasanuki H.
Rheumatoid arthritis and simultaneous aortic, mitral,
and tricuspid valve incompetence. Int J Cardiol 1999;
71: 181-3.
25. Bacon PA, Gibson DG. Cardiac involvement in
rheumatoid arthritis. An echocardiographic study. Ann.
Rheu. Dis. 1974; 33: 20-4.
26. Mody GM, Stevens JE, Meyers OL. The heart in
27.
28.
29.
30.
31.
32.
33.
34.
35.
36.
37.
38.
39.
40.
41.
42.
43.
44.
251
rheumatoid arthritis – a clinical and echocardiographic study. Q J Med 1987; 65: 921-8.
Toumanidis ST, Papamicheal CM, Antonaides LG,
Pantelia MI, Saridakis NS, Mavrikakis ME, Sideris DA,
Moulopoulos SD. Cardiac involvement in collagen diseases. Eur Heart J 1995; 16: 257-62.
Wynne J, Braunwald E. The cardiomyopathies. Braunwald’s heart disease, 7th edn. Philadelphia: Saunders,
2005;1659-96.
Roldan CA, DeLong C, Qualls CR, Crawford MH.
Characterization of valvular heart disease in rheumatoid
arthritis by transesophageal echocardiography and clinical correlates. Am J Cardiol 2007; 100: 496-502.
Didry C, Combe B, Flaisler F, Sany J. Rheumatoid aortic insufficiences: severity of the prognosis. Rev Rhum
Mal Osteoartic 1992; 59: 571-6.
Lebowitz WB. The heart in rheumatoid arthritis. Ann
Intern Med 1963- 58-102-23
Voyles WF, Searles RP, Bankhurst AD. Myocardial infarction caused by rheumatoid vasculitis. Arthritis
Rheum 1980; 23: 860-2.
Hardouin P, Thévenon A, Beuscart R, et al. Evaluation
of cardiac involvement in advanced rheumatoid arthritis: electrocardiographic, echocardiographic and gallium doublé scintigraphic study of 28 patients. Rev Rhum
Mal Osteoartic 1988; 55: 683-7.
Sigal LH, Friedman HD. Rheumatoid pancarditis in a
patient with well controlled rheumatoid arthritis. J
Rheumatol 1989;16: 368-73.
Wiland P, Wojtala R, Goodacre J, Szechinski J. The
prevalence of subclinical amyloidosis in Polish patients with rheumatoid arthritis. Clin Rheumatol. 2004;
23: 193-8.
Kuroda T, Tanabe N, Harada T, Murakami S,
Hasegawa H, Sakatsume M, Nakano M, Gejyo F. Longterm mortality outcome in patients with reactive amyloidosis associated with rheumatoid arthritis. Clin
Rheumatol 2006; 25: 498-505.
Liebowitz WB. The heart in rheumatoid arthritis: a clinical and pathological study of 62 cases. Ann. Int. Med.
1963; 58: 102-10.
Mutru O, Laakso M, Isomaki H, Koota K. Cardiovascular mortality in patients with rheumatoid arthritis.
Cardiology 1989; 76: 71-7.
Gabriel SE, Crowson CS, O’Fallon WM. Comorbidity
in arthritis. J Rheumatol 1999; 26: 2475-9.
Steel KE, Kwong RY. Application of cardiac magnetic resonance imaging in cardiomyopathy. Curr Heart
Fail Rep 2008; 5: 128-35.
Seferovic PM, Risti AD, Maksimovi R, Simeunovi
DS, Risti GG, Radovanovi G, Seferovi D, Maisch B,
Matucci-Cerinic M. Cardiac arrhythmias and conduction disturbances in autoimmune rheumatic diseases.
Rheumatology 2006; 45: 39-42.
Hurd ER. Extraarticular manifestation of rheumatoid
arthritis. Semin Arthritis Rheum 1979; 8:151-74.
Tlustochowicz W, Piotrowicz R, Cwetsch A, Raczka A,
Kramarz E, Nowak J. 24-hECG monitoring in patients
with rheumatoid arthritis. Eur Heart J 1995; 16: 848-51.
Ahern M, Lever JV, Cosk J. Complete heart block in
252
M. Turiel et al.
rheumatoid arthritis. Ann Rheum Dis 1983; 42: 3389.
45. Göldeli O, Dursun E, Komsuoglu B. Dispersion of ventricular repolarization: a new marker of ventricular arrhythmias in patients with rheumatoid arthritis. J
Rheumatol 1998; 25: 447-50.
46. Nicola PJ, Crowson CS, Maradit-Kremers H, Ballman
KV, Roger VL, Jacobsen SJ, Gabriel SE. Contribution
of congestive heart failure and ischemic heart disease
to excess mortality in rheumatoid arthritis. Arthritis
Rheum 2006; 54: 60-7.
47. Nicola PJ, Maradit-Kremers H, Roger VL, Jacobsen
SJ, Crowson CS, Ballman KV, Gabriel SE. The risk of
congestive heart failure in rheumatoid arthritis: a population-based study over 46 years. Arthritis Rheum
2005; 52: 412-20.
48. Crowson CS, Nicola PJ, Kremers HM, O’Fallon WM,
Therneau TM, Jacobsen SJ, Roger VL, Ballman KV,
Gabriel SE. How much of the increased incidence of
heart failure in rheumatoid arthritis is attributable to
traditional cardiovascular risk factors and ischemic
heart disease? Arthritis Rheum 2005; 52: 3039-44.
49. Cesari M, Penninx BW, Newman AB, Kritchevsky SB,
Nicklas BJ, Sutton-Tyrrell K, Rubin SM, Ding J, Simonsick EM, Harris TB, Pahor M. Inflammatory markers and onset of cardiovascular events: results from the
Health ABC study. Circulation 2003; 108: 2317-22.
50. Maradit-Kremers H, Nicola PJ, Crowson CS, Ballman
KV, Gabriel SE. Cardiovascular death in rheumatoid
arthritis: a population-based study. Arthritis Rheum
2005; 52: 722-32.
51. Maione S, Valentini S, Giunta A. Cardiac involvement
in rheumatoid arthritis: an echocardiographic study.
Cardiology 1993; 83: 234-9.
52. Rowie IF, Gibson DG, Keat ACS, Brewerton DA.
Echocardiographic diastolic abnormalities of left ventricle in inflammatory joint disease. Ann Rheum Dis
1991; 50: 227-30.
53. Alpaslan M, Onrat R, Evcik D. Doppler echocardiographic evaluation of ventricular function in patients
with rheumatoid arthritis. Clin Rheumatol 2003; 22:
84-8.
54. Di Franco M, Paradiso M, Mammarella A, Paoletti V,
Labbadia G, Coppotelli L,Taccari E, Musca A. Diastolic function abnormalities in rheumatoid arthritis. Evaluation By echo Doppler transmitral flow and pulmonary
venous flow: relation with duration of disease. Ann
Rheum Dis. 2000; 59: 227-9.
55. Levendoglu F, Temizhan A, Ugurlu H, Ozdemir A, Yazici M. Ventricular function abnormalities in active
rheumatoid arthritis: a Doppler echocardiographic study. Rheumatol Int. 2004; 24: 141-6.
56. Arslan S, Bozkurt E, Sari RA, Erol MK. Diastolic function abnormalities in active rheumatoid arthritis evaluation by conventional Doppler and tissue Doppler: relation with duration of disease. Clin Rheumatol. 2006;
25: 294-9.56.
57. Gonzalez-Juanatey C, Testa A, Garcia-Castelo A, Garcia-Porrua C, Llorca J, Ollier WE, Gonzalez-Gay MA.
Echocardiographic and Doppler findings in long-term
treated rheumatoid arthritis patients without clinically
58.
59.
60.
61.
62.
63.
64.
65.
66.
67.
68.
69.
70.
71.
72.
evident cardiovascular disease. Semin Arthritis Rheum.
2004; 33: 231-8.
Rexhepaj N, Bajraktari G, Berisha I, Beqiri A, Shatri
F, Hima F, Elezi S, Ndrepepa G. Left and right ventricular diastolic functions in patients with rheumatoid
arthritis without clinically evident cardiovascular disease. Int J Clin Pract. 2006; 60: 683-8.
Seyfeli E, Guler H, Akoglu S, Karazincir S, Akgul F,
Saglam H, Seydaliyeva T,Yalcin F. Right ventricular
diastolic abnormalities in rheumatoid arthritis and its relationship with left ventricular and pulmonary involvement. A tissue Doppler echocardiographic study.
Int J Cardiovasc Imaging. 2006; 22: 745-54.
Gonzalez-Juanatey C, Testa A, Garcia-Castelo A, Garcia-Porrua C, Llorca J, Ollier WE, Gonzalez-Gay MA.
Echocardiographic and Doppler findings in long-term
treated rheumatoid arthritis patients without clinically
evident cardiovascular disease. Semin Arthritis Rheum
2004; 33: 231-8.
Dawson JK Goodson NG, Graham DR, Lynch MP.
Raised pulmonary artery pressures measured with
Doppler echocardiography in rheumatoid arthritis patients. Rheumatology 2000; 39: 1320-5.
Perez T, Wallaert B, Tonnel AB. Pleuro-pulmonary
manifestations of rheumatoid polyarthritis. Rev Mal
Resp 1991;169-89.
Crestani B, Aubier M. Pleuropulmonary manifestations
of rheumatoid arthritis. Presse Med 1996; 807-12.
Solomon DH, Goodson NJ, Katz JN, Weinblatt ME,
Avorn J, Setoguchi S, Canning C, Schneeweiss S. Patterns of cardiovascular risk in rheumatoid arthritis. Ann
Rheum Dis. 2006; 65: 1608-12.
Solomon DH, Karlson EW, Rimm EB, Cannuscio CC,
Mandl LA, Manson JE, Stampfer MJ, Curhan GC. Cardiovascular morbidity and mortality in women diagnosed
with rheumatoid arthritis. Circulation. 2003; 107: 1303-7.
Maradit-Kremers H, Crowson CS, Nicola PJ, Ballman
KV, Roger VL, Jacobsen SJ, Gabriel SE. Increased unrecognized coronary heart disease and sudden deaths in
rheumatoid arthritis: a population-based cohort study.
Arthritis Rheum. 2005; 52: 402-11.
Del Rincón ID, Williams K, Stern MP, Freeman GL,
Escalante A. High incidence of cardiovascular events
in a rheumatoid arthritis cohort not explained by traditional cardiac risk factors. Arthritis Rheum. 2001; 44:
2737-45.
Del Rincón I, O’Leary DH, Freeman GL, Escalante A.
Acceleration of atherosclerosis during the course of
rheumatoid arthritis. Atherosclerosis. 2007; 195: 354-60.
Voskuyl AE. The heart and the cardiovascular manifestations in rheumatoid arthritis. Rheumatology 2006;
45: iv4-7.
Dhawan SS, Quyyumi AA. Rheumatoid arthritis and
cardiovascular disease. Curr Atheroscler Rep. 2008;
10: 128-33.
Arosio E, De Marchi S, Rigoni A, Prior M, Delva P,
Lech A. Forearm haemodynamics, arterial stiffness and
microcirculatory reactivity in rheumatoid arthritis. J
Hypertens. 2007; 25: 1273-8.
Sidhu PS, Allen PL. Ultrasound assessment of internal
Il coinvolgimento cardiaco nell’artrite reumatoide
carotid artery stenosis. Clin Radiol 1997; 52: 654-8.
73. Kumeda Y, Inaba M, Goto H, Nagata M, Henmi Y,
Furumitsu Y, Ishimura E, Inui K, Yutani Y, Miki T,
Shoji T, Nishizawa Y. Increased thickness of arterial intima-media detected by ultrasonography in patients
with rheumatoid arthritis. Arthritis Rheum 2002;
46:1489-97.
74. Ciftci O, Yilmaz S, Topcu S, Caliskan M, Gullu H, Erdogan D, Pamuk BO, Yildirir A, Muderrisoglu H.
Imapired coronary microvascular function and increased intima-media thickness in rheumatoid arthritis.
Atherosclerosis 2008; 198: 332-7.
75. Chung CP, Oeser A, Raggi P, Gebretsadik T, Shintani
AK, Sokka T, Pincus T, Avalos I, Stein CM. Increased
coronary-artery atherosclerosis in rheumatoid arthritis.
Arthritis Rheum 2005;52: 3045-53.
76. Caiati C, Zedda N, Montaldo C, Montisci R, Iliceto S.
Contrast-enhanced transthoracic second harmonic echo
Doppler with adenosine: a noninvasive, rapid and effective method for coronary flow reserve assessment. J
Am Coll Cardiol 1999; 34: 122-30.
77. Hozumi T, Yoshida K, Ogata Y, Akasaka T, Takagi T,
Kaji S, Kawamoto T, Ogata Y, Yagi T, Morioka S,
Yoshikawa J. Non invasive assessment of significant
left anterior descending coronary artery stenosis by
coronary flow velocity reserve with transthoracic color Doppler echocardiography. Circulation 1998; 97:
1557-62.
78. Rigo F, Richieri M, Pasanisi E, Cutaia V, Zanella C,
Della Valentina P, Di Pede F, Raviele A, Picano E.
Usefulness of coronary flow reserve over regional wall
motion when added to dual-imaging dipyridamol
echocardiography. Am J Cardiol 2003; 91: 269-73.
79. Atzeni F, Sarzi-Puttini P, De Blasio G, Delfino L,
Tomasoni L, Turiel M. Preclinical impairment of coronary flow reserve in patients with rheumatoid arthritis.
Ann N Y Acad Sci. 2007; 1108: 392-7.
80. Dimitrow PP. Coronary flow reserve-measurement and
application: focus on transthoracic Doppler echocardiography. Boston/Dordrecht/London: Kluwer Academic Publishers. 2002.
81. Rigo F, Gherardi S, Galderisi M, Pratali L, Cortigiani
L, Sicari R, Picano E. The prognostic impact of coronary flow-reserve assessed by Doppler echocardiography in non-ischemic dilated cardiomyopathy. Eur Heart
J 2006; 27: 1319-23.
82. Sitia S, Atzeni F, Sarzi-Puttini P, Di Bello V, Tomasoni L, Delfino L, Antonini-Canterin F, Di Salvo G, De
Gennaro Colonna V, La Carrubba S, Carerj S, Turiel M.
Cardiovascular involvement in systemic autoimmune
diseases. Autoimmunity Rev 2009; 8: 281-286.
83. Atzeni F, Sarzi-Puttini P, Delfino L, et al. Decreased coronary flow reserve in patients with rheumatoid arthritis. Ann Rheum Dis 2004; 63: S196.
84. Turiel M, Atzeni F, Tomasoni L, De Portu S, Delfino
L, Bodini BD, et al. Non-invasive assessment of coronary flow reserve and ADMA levels: a case-control
study of early rheumatoid arthritis patients. Rheumatology 2009; Epub ahead of print.
85. De Gennaro Colonna V, Pascale V, Bianchi M, Ferrario
86.
87.
88.
89.
90.
91.
92.
93.
94.
95.
253
P, Morelli F, Pascale W, Tomasoni L, Turiel M. Asymmetric dimethylarginine (ADMA): an endogenous inhibitor of nitric oxide sinthase and a novel cardiovascular risk molecole. Medical Science Monitor 2009;
15: RA91-101.
Lundman P, Eriksson MJ, Stuhlinger M, Cooke JP,
Hamsten A, Tornvall P. Mild-to-moderate hypertriglyceridemia in young men is associated with endothelial dysfunction and increased plasma concentrations of asymmetric dimethylarginine. J Am Coll Cardiol 2001; 38: 111-6.
Boger RH, Bode-Boger SM, Thiele W, Junker W,
Alexander K, Frölich JC. Biochemical evidence for impaired nitric oxide synthesis in patients with peripheral arterial occlusive disease. Circulation 1997; 95:
2068-74.
Stuhlinger MC, Abbasi F, Chu JW, Lamendola C,
McLaughlin TL, Cooke JP, Reaven GM, Tsao PS. Relationship between insulin resistance and an endogenous nitric oxide synthase inhibitor. JAMA 2002; 287:
1420-6.
Bae SW, Stuhlinger MC, Yoo HS, Yu KH, Park HK,
Choi BY, Lee YS, Pachinger O, Choi YH, Lee SH,
Park JE. Plasma asymmetric dimethylarginine concentrations in newly diagnosed patients with acute myocardial infarction or unstable angina pectoris during
two weeks of medical treatment. Am J Cardiol 2005;
95: 729-33.
MacAllister RJ, Rambausek MH, Vallance P, Williams
D, Hoffmann KH, Ritz E. Concentration of dimethyll-arginine in the plasma of patients with end-stage renal failure. Nephrol Dial Transplant 1996; 11: 2449-52.
Surdacki A, Martens-Lobenhoffer J, Wloch A,
Marewicz E, Rakowski T, Wieczorek-Surdacka E, Dubiel JS, Pryjma J, Bode-Böger SM. Elevated plasma
asymmetric dimethyl- L-arginine levels are linked to
endothelial progenitor cell depletion and carotid atherosclerosis in rheumatoid arthritis. Arthritis Rheum
2007; 56: 809-19.
Turiel M, Tomasoni L, Delfino L, Bodini B, Bacchiani
G, Atzeni F, Sarzi-Puttini P, De Gennaro Colonna V.
Clinical implications of assessing coronary flow reserve
and plasma asymmetric dimethylarginine in early
rheumatoid arthritis. Eur J Echocardiogr 2007; 8: S35.
Hurlimann D, Forster A, Noll G, Enseleit F, Chenevard
R, Distler O, Béchir M, Spieker LE, Neidhart M,
Michel BA, Gay RE, Lüscher TF, Gay S, Ruschitzka
F. Anti-tumor necrosis factor-alpha treatment improves
endothelial function in patients with rheumatoid arthritis. Circulation 2002; 106: 2184-7.
Sitia S, Tomasoni L, Cicala S, Delfino L, Atzeni F,
Sarzi-Puttini P, De Gennaro Colonna V, Turiel M. Effects of long-term disease-modifying antirheumatic
drugs on endothelial function in patients with early
rheumatoid arthritis. Eur J Echocardiogr 2008; 9:166.
Mäki-Petäjä KM, Booth AD, Hall FC, Wallace SM,
Brown J, McEniery CM, Wilkinson IB. Ezetimibe and
simvastatin reduce inflammation, disease activity, and
aortic stiffness and improve endothelial function in
rheumatoid arthritis. J Am Coll Cardiol 2007; 50: 852-8.