Cardinalino del Venezuela

Commenti

Transcript

Cardinalino del Venezuela
Cardinalino del Venezuela
Maschio
Femmina
Riportiamo sinteticamente le principali norme di gestione ed allevamento in cattività del
Cardinalino del Venezuela (Carduelis cucullata).
L'allevamento di questo animali è molto importante perchè in natura la popolazione ha subito
una fortissima contrazione numerica ed è quindi molto importante mantenere sani e prolifici i
ceppi domestici per evitare l'estinzione della specie. Anche l'utilizzo degli esemplari ancestrali
per la creazione di ibridi e per ottenere mutati e portatori non può prescindere dal
mantenimento del ceppo iniziale “selvatico”.
Si tratta di un uccelli molto piccoli lunghi 10-11 cm, unici lucherini americani a fattore rosso.
E' noto che il colore rosso nel canarino sia stato “importato” tramite ibridazioni proprio con il
Cardinalino del Venezuela.
In ambiente interno riscaldato e con le giuste ore di luce possono riprodurre tutto l'anno anche
nei nostri climi.
Il fenomeno di maschi molto focosi è molto frequente in questa specie come in altri lucherino
sudamericani ed è quindi importante usare gabbie che abbiano la possibilità di separare il
maschio qualora disturbi la sua compagna. I maschi infatti possono beccare il capo della
femmina fino a spiumarla o beccare le uova fino a romperle. Dopo la deposizione delle uova
quindi vanno separati dalla femmina con divisorio finchè i piccoli escono dal nido, a quel punto
va tolto il divisori perchè aiuti la la femmina nell'imbecco e la fecondi per la seconda nidiata.
È molto importante che le gabbie da cova siano molto ben illuminate, pena incapacità dei
riproduttori di portare a termine la procreazione. Evitare quindi le posizioni vicino al suolo (che
predispongono anche a problemi respiratori) e preferire le gabbie poste in alto nella nostra
stanza di riproduzione. Se ciò non fosse possibile fornire la stanza di punti luce anche laterali
oltrechè in alto, in modo che tutte le gabbie siano illuminati. I neon si prestano molto bene a
questo utilizzo. I Cardinalini amato a tal punto la luce che alcuni allevatori consigliano di
dipingere le pareti con un color bianco lavabile, per aumentare la luminosità dell'ambiente.
Come nido va bene la coppetta piccola da canarino, ma deve essere coperta/infrascata con
alcuni rami naturali di conifere per dare il senso di protezione alla Cardinalina. Il nido deve
essere posto in alto e gli animali non devono poter andare a posarsi sopra per dormire per non
insudiciarlo con gli escrementi.
I Cardinalini amano dormire a circa 10 cm sotto il soffitto della gabbia e devono essere forniti
dei piccoli posatoi in questa posizione lontano dai nidi. Come materiale per il nido vanno bene le
fibre di cocco, sisal, juta o pelo animale. Mettere a disposizione delle femmine almeno 2 nidi in
posti diversi perchè possa scegliere in quale nidificare.
I Cardinalini sono granivori e di solito non appetiscono gli insetti neppure durante il periodo
riproduttivo.
La loro alimentazione base è data da un miscuglio per spinus composto da 40% di cereali
(scagliola, panico, miglio), 10-20% di niger (20% è necessario da 20-30 giorni prima della
riproduzione, mentre durante il periodo di riposo 10%), 40-50% di semi vari (trifoglio, ontano,
perilla, cicoria selvatica, cardo mariano, primula, lattuga, sementi prative, chia, sei
condizionatori, papavero, piantaggine, lino, canapa, girasole nano, ecc.).
Per riprodurre bisogna abituare i nostri soggetti a consumare un buon pastoncino secco.
Quando si saranno abituati potremmo stimolare la forma amorosa e favorire una corretta
crescita dei pullus aggiungendo al pastoncino dell'uovo sodo. L'uovo va fatto bollire per 8-10
minuti e tritato per intero (tuorlo, albume, guscio) e mescolato con il pastoncino. Il pastone
arricchito di uovo sodo ed eventualmente di un integratore vitaminico minerale va fornito da 2030 giorni prima di fare le coppie fino al momento della muta.
Il tarassaco e centocchio freschi forniti a mazzetti con foglie e spighe stimolano la riproduzione
e vanno forniti ai soggetti fino alla schiusa delle uova, poi vanno tolti e forniti in piccole quantità
ai soggetti in muta. Come alternativa vanno bene i vegetali da foglia come radicchi rossi e verdi,
indivia, cicoria, ecc.
Alcune verdure (carota, zucchine, melanzane, cetrioli, peperoni gialli e rossi, spinaci, ecc.)
possono essere tritate finemente ed aggiunte al pastone che va però consumato velocemente
oppure gettato.
La mela è di solito gradita tutto l'anno e può essere messa a disposizione 2 volte al settimana.
Il grit minerale deve sempre essere a disposizione in tutte le voliere.
In inverno il Cardinalino va ospitato in locali riscaldati e per prepararlo a riprodurre a febbraiomarzo bisogna iniziare ad aumentare gradualmente le ore di luce con il sistema fotoperiodo alba
tramonto già a dicembre 2 mesi prima di mettere i nidi. In questa fase preparatoria maschi e
femmine sono separati. Le femmine possono state tutte insieme in un volierone, i maschi è
preferibile metterli a coppie.
Le femmine vanno poste nelle gabbie da riproduzione una settimana prima dei maschi e questi
vanno inseriti quando abbiamo le condizioni di luce e temperatura adatte e quando stanno già
mangiando il pastone arricchito sopradescritto. Inserire il maschio quando la femmina porta
nido.
Il Cardinalino riproduce con 15-16 ore di luce e temperatura sopra i 20 gradi. Durante il riposo
invernale sono sufficienti 10-12 ore di luce ed un temperatura che non scenda sotto i 12 gradi.
E' meglio tenere le coppie di cardinalini lontane dai canarini che avendo un canto più forte e
disturbano la forma amorosa delle femmine disturbano i rituali di corteggiamento della coppia.
I Cardinalini fanno 3-5 uova a nidiata e le covano per 12-13 giorni. I piccoli vanno inanellati con
anelli tipo A di diametro di 2,3 mm a circa 4-5 giorni di vita. I piccoli lasciano il nido a circa
16/17 giorni di età e dopo solo una settimana dall'involo della prima nidiata le femmina si
prepara per una seconda.
Se la femmina viene privata del maschio solitamente riesce a crescere i piccoli da sola. Se la
femmina muore si può provare a mettere le uova sotto una canarino balia che di solito cresce
perfettamente i piccoli (scegliere un razza piccola come le Fife Fancy). Se la femmina muore
con i piccoli già nati e se è possibile metterli sotto una canarina che abbia il pullus di 2-3 giorni
più piccoli rispetta ai Cardinalini.
Durante la muta dei novelli e dei riproduttori l'aggiunta di tarassaco, centocchio e ravizzone
insieme alla esposizione diretta al sole permetteranno una colorazione brillante del piumaggio.

Documenti analoghi

veterinario aviario

veterinario aviario di colore ,si dividono in due sezioni ,i sassoni ed i fattore rosso con oltre 280 espressioni cromatiche diverse. I sassoni tendono al giallo,giallo -verde . Lungo 14 cm originario delle Canarie da...

Dettagli

Riproduzione Economica dei Betta Splendens

Riproduzione Economica dei Betta Splendens negozio di animali o se si e’ piu’ fortunati da un allevatore, nella scelta del betta non importa il colore perche quello lo sceglierete a vostro gusto fra le grandi varietà, ma l’importante e’ che...

Dettagli

esemplari di fauna del sentiero pomo rosso

esemplari di fauna del sentiero pomo rosso Su terra invece, le rane adulte usano i polmoni per respirare. La rana deve essere capace di spostarsi rapidamente attraverso il suo ambiente per prendere le prede e per sfuggire ai predatori; è ag...

Dettagli