Milleruote N2 2011

Commenti

Transcript

Milleruote N2 2011
All’Interno:
•
Vacanze 2011
•
Il nuovo sito
•
Amazing ...
•
Dall’Europa
E tanto altro ...
Sede Via Venaria 145
10148—Torino
Tel/fax.: 011 2207472
E-mail: [email protected]
www.apisb.it
Supplemento a
Il Tempio di Don Bosco n. 9
Novembre 2011
Anno V— Numero 1I
Stampa: SGS - Torino
Sped. Abb. Post. Art. 2, comma
20/C, Legge 662/96 - Filiale di
Torino - Taxe perçue - Tassa
riscossa - Torino C.M.P. –
Conto 282/L
Come leggerete nel
interno del giornalino,
agli inizi di ottobre
l’Associazione per i
suoi 20 anni si è regalata una bella festa. Per
dirla tutta il coro
gospel TSB, con i
buoni uffici di Anna, ha
deciso di regalarci una
magnifica serata.
Hanno lavorato
tantissimo tra le prove
nelle settimane precedenti e il giorno
stesso, il montaggio e
smontaggio di luci e
altoparlanti. Insomma
uan vera faticaccia.
Noi dovevamo “solo”
riempire il teatro e
l’idea di quelle 400
poltroncine vuote ci
impensieriva non
poco. Poi è arrivato il
gran giorno, e voglio
proprio raccontarvi la
gioia che provavo a
incontrare tutti i
nostri amici, tutti i
miei piú cari amici che
arrivavano man mano.
E’ stato davvero
emozionante, e poi il
concerto ha portato
questa emozione alle
stelle (ma Alessandro
ha scritto un bellissimo articolo che
trovate nell’ultima
pagina). Io ho poi
riflettutto a lungo su
quella sera e sul ruolo
che i miei amici, gli
amici delle famiglie, gli
amici dei nostri ragazzi
giocano nella vita di
ciascuno. E allora ho
pensato che dovevo
per davvero
ringranziare tutti
coloro che mi sono
amici, tutti coloro che
sono amici delle altre
coppie, tutti quelli che
sono amici dei ragazzi
dell’associazione. Ma
se è vero che l’APISB
puó sopravvivere
solo se ha tanti amici,
è ancor piú vero che
ciascuno di noi,
genitori o ragazzi, ha
un bisogno profondissimo di avere
accanto delle persone
con cui condividere le
gioie e anche le ansie
che la vita ci riserva. E
se queste parole sono
dettate dalla personalissima esperienza di
amicizia che mi unisce
alle persone che sono
state vicine a me e a
Valeria in tutti questi
anni, sono sicuro che
sono condivise da
moltissime altre
coppie e dai ragazzi
dell’Associazione.
E allora auguro a tutti
voi che ci siete amici
un Sereno Natale e un
fiducioso 2012, ne
abbiamo proprio
bisogno tutti!
Beppe Castagneri
1
Pranzo Sociale 2011
A volte essere in ritardo ha i
suoi vantaggi. E cosí, visto che
sono in un drammatico ritardo
nella preparazione del
giornalino , è arrivato il giorno
del Pranzo Sociale e riesco a
mettere alcune informazioni e
immagini gía nel numero che
avrei dovuto finire una settimana
fa. Ed è stata una giornata
bellissima, sopra ad ogni
aspettativa. Eravamo davvero
tanti (102 per l’esattezza),
eravamo in un gran bel posto
(l’Istituto Artigianelli che
ringraziamo per l’ospitalitá),
abbiamo mangiato benissimo,
c’era un bravo musicista. Ma non
è tutto qui, c’era qualcosa in piú.
C’era un’atmosfera nuova che
partiva da lontano, dal grande
lavoro fatto nelle vacanze da
ragazzi e assistenti che ha
favorito il crescere dell’amicizia
tra i ragazzi. E allora come
d’incanto sono spariti i gruppetti
appartati, le combriccole chiuse.
E questa atmosfera si è ampliata
ai genitori che si sono adattati
molto volentieri a questo clima.
Il pranzo è cosí diventato una
vera occasione per stare
insieme, per incontrare gli amici,
per scambiarci esperienze, per
fare amicizia con nuove famiglie.
Molti ci hanno giá chiesto di
ripetere il pranzo in primavera.
Vedremo...
Beppe Castagneri
————————————————————————
Progetto che coinvolge la scuola di Aosta
L’associazione e` stata contattata
dall’Assessorato Istruzione e
Cultura della Regione Valle d’Aosta
per organizzare in collaborazione
con l’Istituzione scolastica Aosta 4,
scuola frequentata da Noemi,
un’iniziativa informativa a favore
degli insegnanti e operatori scolastici
riguardo la patologia “Spina Bifida”.
L’intervento nella scuola di Aosta si
terra` a gennaio; la dott.ssa Cortese,
io e Antonella stiamo preparando gli
argomenti per rendere l’intervento
interessante e utile.
Siamo entusiasti di partecipare a
questa iniziativa e speriamo che
possa contribuire a facilitare il
percorso scolastico degli allievi con
questa patologia.
Marilena
2
Dicembre 2011
Il Country approda a Torino
A n c h e q u e s t ' a n n o è s ta t o
organizzato uno spettacolo teatrale
da Masel a favore della nostra
associazione e noi eravamo li ad
applaudire!!
Gli spettatori hanno trovato il
musical molto coinvolgente, poiché
racconta le vicende di un gruppo di
cowboys e cowgirls attraverso
famose canzoni country. Lo
spettacolo era del gruppo BIT
Balletto Impronta Torino; il cast di
“The wild west show” era
composto da quattro cantanti e da
un corpo di ballo, tutti molto
coinvolgenti tant'è che veniva voglia
di salire sul palco e cantare e ballare
insieme a loro.
La scenografia e i costumi,
magistralmente riprodotti,
riportavano alla mente i vecchi film
western di Sergio Leone, calandoci
in un' atmosfera magica.
Uno dei momenti più emozionanti è
stato durante la canzone “Country
Roads take me home” da cui
traspare il legame tra un uomo e la
sua terra.
Prima dello spettacolo, il Presidente
Giuseppe Castagneri è salito sul
palco per presentare al pubblico
l'associazione, facendo passare il
messaggio ch e n oi ragazzi,
nonostante la nostra disabilità
abbiamo tutte lo possibilità per
vivere una vita piena e serena.
Grazie alla numerosa e straordinaria
partecipazione, anche questa è stata
un'occasione per rincontrarci e
trascorrere una bella serata
musicale tutti insieme e così
rinsaldare sempre di più il legame
che abbiamo costruito in tutti questi
anni.
Anna e Marcella
————————————————————————
Dall’EUROPA …..
Nel maggio 2011 la commisione
per l'ambiente, la sanità pubblica
e la sicurezza alimentare ha
inviato alla commissione per
l'occupazione e gli affari sociali
(entrambe le commissioni fanno
parte del Parlamento europeo)
un'esortazione a concretizzare la
strategia europea sulla mobilità e
l'integrazione delle persone con
disabilità.
La commissione, dopo aver
richiamato varie dichiarazioni dei
diritti dell'uomo e varie relazioni
di commissioni precedenti, sulla
base di molti dati statistici, ha
sottolineato
il fatto che la
diffusione della disabilità è
destinata a aumentare sempre
più a causa dell'aumento
dell'aspettativa di vita e che
dunque il sistema di assistenza e
di inclusione sociale delle
persone disabili va rinnovato .
Nella parte centrale della
relazione è elencata una lunga
serie di “suggerimenti”, concetti
un po astratti, che tuttavia
ricordano gli importantissimi
principi su cui la politica sociale
europea si deve basare. In
particolar modo deve avere la
priorità benessere e inclusione
della persona nella comunità e
nel mondo del lavoro, anche nei
casi in cui ciò è meno redditizio
per le industrie, perché il
benificio sociale è di gran lunga
superiore. Viene ribadito che
nonostante la crisi, i disabili
hanno diritto a ricevere anche
un sostegno economico.
Inoltre è necessario creare una
rete europea di scambio di
informazioni, idee, buone
pratiche al fine di ridurre il peso
(economico, psicologico e
sociale) che le famiglie devono
sostenere per assistere i familiari
disabili. Bisogna inoltre
aumentare l'opportunità di
raggiungere l'indipendenza,
l'accesso ai luoghi pubblici e ai
mezzi di trasporto e ai luoghi di
lavoro. Altro punto focale
sottolineato è relativo
all'istruzione; viene ribadito che
un'educazione e istruzione
completa e integrata è un diritto
fondamentale di ogni persona,
dunque anche dei disabili.
Infine vengono riconosciute
l'efficacia di nuove terapie come
la pet-therapy e il teatro e
l'importanza del mondo del
volontariato, che con le sue
finalità filantropiche alleggerisce
il peso economico di alcuni
interventi in favore dei disabili e
anziani. I membri di questa
commissione sono 50, di cui 49
concordi su tutti i punti della
relazione finale
Elide
3
GRAZIE
Anche quest’anno uno degli
obbiettivi della nostra
Associazione è stato raggiunto,
e vorrei aggiungere senza
peccare di presunzione, con
successo!!
La vacanza “Traguardo in
autonomia” tenutasi a Pinarella
di Cervia (RA) dal 10 al 20
Luglio 2011 è stata possibile
grazie al contributo di tutti
coloro che vi hanno
partecipato, e scrivo proprio
per questo, per ringraziarvi
tutti….
Inizio dai volontari, mi rivolgo a
coloro che da diversi anni
regalano giorni delle loro
vacanze personali per
trascorrerli, a lavorare, con il
gruppo A.Pi.S.B.
La loro esperienza, competenza
e motivazione sono
fondamentali per il gruppo.
Mi rivolgo anche a chi, per
problemi di salute, all’ultimo ha
dovuto rinunciare a trascorrere
con noi questa vacanza
estiva….sappiamo quanto ci
tenesse e quanto sia legata al
gruppo…. E poi ringrazio i
nuovi volontari, tutti i ragazzi
che per il primo anno si sono
affacciati al mondo del
volontariato e hanno voluto
condividere con noi questa
esperienza estiva sicuramente
avranno incontrato, come tutti,
delle
difficoltà,
ma
l’affiatamento e il calore del
gruppo A.Pi.S.B. sono state di
grande aiuto per affrontarle e
superarle.Voglio altresì
ringraziare l’agenzia turistica
Mondo Possibile e in particolar
modo la Signora Luisa Morolli
che, oltre ad avermi aiutato a
trovare la struttura “Mare e
Vita” nella quale abbiamo
alloggiato , ci ha regalato una
splendida giornata in pineta
offrendoci una degustazione di
piadine…grazie!
E poi grazie a voi, genitori dei
nostri ragazzi speciali, che ci
affidate i vostri figli dandoci
fiducia e apprezzando il nostro
lavoro, vi assicuro che per chi
come me organizza è uno dei
successi più grandi!
E grazie a voi ragazzi che vivete
questi giorni con il massimo
dell’entusiasmo e date un senso
a tutto ciò che durante l’anno
viene fatto per organizzare
questa vacanza. E’ soprattutto
grazie a voi, alla voglia di fare
gruppo, di divertirsi, di ridere,
piangere di gioia che tutto
questo è possibile… tutti
sappiamo quanto sia
importante per voi partecipare
a queste vacanze e speriamo di
regalarvene tante altre!
E poi vorrei ringraziare di
cuore Marilena, che ho
praticamente trascinato sia nel
consiglio dell’Associazione che
nella guida organizzativa di
questo progetto: questa è la
sede più opportuna per
ringraziarla per il supporto
lavorativo e morale.
Ognuno di voi ha donato il suo
personale apporto nella riuscita
di questo percorso significativo,
un percorso per la crescita e
l’integrazione dei nostri
ragazzi…un’esperienza di vita
per ognuno di noi.
Siete stati tanti e vi ringrazio
tutti!
Quest’anno la nostra
associazione compie 20 anni…
tanti auguri A.Pi.S.B. e grazie a
tutti coloro che hanno reso
possibile una vita così longeva.
Spegnendo le candeline,
auguriamoci tutti insieme che ci
siano ancora tante vacanze da
vivere insieme circondati da
persone che ci regalano uno
dei tesori più preziosi:
l’amicizia.
———————————————————————–————
La Nostra Vacanza APISB
Quest’estate abbiamo avuto
l’opportunità di vivere la nostra
prima vacanza APISB a Pinarella
di Cervia. Per noi tutto era una
novità ed un’incognita: le
persone che avremmo
incontrato, l’organizzazione del
gruppo, le varie attività ed il
rapporto che si sarebbe creato
con i ragazzi.
Alla partenza abbiamo provato
due emozioni contrastanti: da
una parte la gioia di partecipare
a questa nuova avventura che
stavamo per iniziare e dall’altra
il timore di non essere all’altezza
e di non riuscire ad integrarci.
Appena conosciuti i ragazzi,
però, il loro entusiasmo ha
spento tutte le nostre paure e ci
ha fatti sentire da subito parte di
questo bellissimo gruppo. In
questi dieci giorni di vacanza
abbiamo potuto condividere
tutti insieme ogni momento
della nostra giornata, iniziando
con la sveglia al mattino, fino a
tarda sera quando andavamo a
letto. Ripensando a quelle
giornate ci ritornano alla mente
molti momenti trascorsi
insieme: i bagni al mare, i
gavettoni, gli scherzi, le risate, le
passeggiate ed i giochi di gruppo.
Una giornata particolarmente
divertente è stata quella della
gita all’ “Italia in miniatura”, in
quanto è stata per tutti una
sorpresa. Abbiamo camminato
tra i monumenti più belli d’Italia,
scattato tante fotografie e ci
siamo divertiti sui tronchi, sul
simulatore e sul trenino
p an or a m ic o . Ac c an t o a i
momenti di divertimento
abbiamo anche avuto modo di
crescere tramite il confronto
con i ragazzi e gli altri assistenti
sulle tematiche più varie
riguardanti la vita quotidiana e
non solo. Tornando a casa oltre
ai bei ricordi dei giorni vissuti
abbiamo portato con noi un
grande bagaglio di sensazioni e
di riflessioni nuove. Grazie a
questa vacanza abbiamo potuto
osservare la disabilità con occhi
diversi, rendendoci conto che
nel gruppo eravamo tutti uguali,
perché eravamo tutti AMICI.
GRAZIE all’associazione ed ai
ragazzi per averci permesso di
vive re q u esta b el l iss ima
esperienza!!!
Elisa, Annalisa, Cristian
Pinarella 2011
La grande maggioranza delle
persone che leggeranno
questa sorta di "memoriale"
delle nostre vacanze penserà
che siano state come ogni
anno solo ed esclusivamente
delle "belle vacanze", ma
quello che noi possiamo
affermare con sicurezza oggi,
dopo tanti anni di
partecipazione è che tutto
questo non sarebbe stato
così magnifico se non ci fosse
quel legame cosi sottile, ma
altrettanto indissolubile..che
lega profondamente le nostre
vite!!
Un legame che si instaura
non necessariamente dopo
anni di conoscenza, ma più
semplicemente anche solo
dopo una chiacchera , una
risata o una semplice
giornata al mare...ma è
l'essere
tutto
cosi
estremamente semplice e
vero che rende unico il
nostro legame.
E quindi chiudendo gli occhi
e ripensando ai soliti e
immancabili gavettoni, al sole,
al mare, agli sguardi intensi, ai
sorrisi...un pò di malinconia e
tristezza balza in ognuno di
noi all'impazzata....ma quel
che ci rincuora e ci consola è
il fatto di saperci tutti
(assistenti e assistiti) presenti
nelle nostre vite 365 giorni
l'anno con la sola
consapevolezza del fatto
che : DA OGGI NELLA TUA
VITA
CI
SARO'
ANCH'IO....!!
Infine volevamo regalare un
GRAZIE infinito ad
ANTONELLA e MARILENA
le organizzatrici senza le quali
questo sogno non si sarebbe
mai realizzato e anche a tutti
gli assistenti che condividono
con noi quest'esperienza da
anni, ma anche a coloro che
hanno intrapreso con noi
quest'anno
questa
avventura...augurandoci che
sia stato l'inizio di un lungo,
lunghissimo percorso
insieme.
Tutto questo non può che
concludersi con tre semplici
ma significative parole....VI
VOGLIAMO BENE!
Marta, Fabrizio, Francesco...
4
Dicembre 2011
5
Dicembre 2011
AMAZING…. GRAZIE
Sede Via Venaria 145
10148—Torino
Tel.: 011 2207472
Fax: 011 2207472
E-mail: [email protected]
www.apisb.it
I dati e gli indirizzi per
l’invio della rivista
“MilleRuote” sono gestiti
dall’Amministrazione della
rivista nel rispetto della
normativa vigente sul
trattamento dei dati
personali. Non saranno
oggetto di comunicazione o
diffusione a terzi se non per
l’invio della rivista o per
iniziative promosse
dalla stessa. In ogni
momento potranno essere
richieste modifiche,
aggiornamenti o
cancellazione scrivendo a:
A.Pi.S.B
Via Venaria 145
10148 Torino (TO).
L'ultimo scritto da reporter è
stato per il mio adorato rock,
questa volta però si va per
gospel, c'è una prima volta per
tutto.
E' un concerto speciale quello di
stasera, si raccolgono fondi per
l'A.Pi.S.B. sul palco il Presidente
spende due p arole p er
introdurre la serata, io sorrido
sotto i baffi per via della sua
somiglianza con Jean-Pierre
Marielle (l'attore che interpreta
Jacques Saunière nel film 'il
codice da vinci', ma più giovane
e bello tengo a precisare): bella
la sua metafora per cui cui se e
vero che i sentieri di montagna
sono in salita e costano fatica, è
altrettanto vero che portano ad
incontrare panorami impagabili,
bravo Presidente!
Ora si abbassano le luci, parte
un tappeto musicale e io ci
resto secco dal momento che
manco a farlo apposta si tratta
del main theme della colonna
sonora del film, indovinate
quale, 'il codice da vinci'!: nessun
prodigio, solo un altro dei miei
viaggi da fermo, ci rido su,
entrano i performers, comincia
lo show. Mi ci vogliono un paio
di canzoni per rendermi conto
che la scelta del gospel è
azzeccatissima, è musica
spirituale quella: avvince, sa di
gioia di vivere, scalda bene il
cuore, wow.
Ci sono tanti ragazzi e ragazze
in carrozzina, ci sono le loro
famiglie, gli amici: è vero
che siamo tutti qui per
raccogliere un po' di soldini, ma
è anche vero che è un momento
di festa, di calore umano, da
farci il pieno di emozioni
prorompenti, di brividi e
lucciconi. Le canzoni si
susseguono accompagnate
da lunghi applausi, il tanto
acclamato bis ci vale una
A m a z i n g
G r a c e
davvero struggente (a chi non
conosce questa canzone gliela
presento in questa versione.
C'è una bambina molto bella,
capelli corti occhi blu: sta
guardando divertita i giochi che
l'impianto luci proietta sul
soffitto, si è appena accorta che
la sto guardando e così le faccio
l'occhiolino, lei si schermisce,
ma poi si fa scudo della mamma
e ogni tot mi guarda e ride.
Penso a quant'è bello che sia
qui, lei che non è in carrozzina,
lei che non è sorella di.
Mi soffermo a pensare che
prima ancora di abbatterle le
barriere (quelle fisiche e
quelle generate dal pregiudizio),
bisognerebbe accertarsi che non
ne nascano di nuove. Penso al
fatto che sarebbe meglio
smetterla con la storia
del "disabile" o "diversamente
abile" (per esempio di chi è in
carrozzina si potrebbe dire che
è "in sedia": decadrebbero in un
colpo solo un termine ormai
sorpassato e anche la diatriba
sull'abilità eccetera, si potrebbe
virare su termin i q uali
" a u t o n o m i a "
o
"accompagnamento", se ne
potrebbe quantomeno parlare).
Penso che bisogn ereb be
riscoprire e trovare il modo di
trasmettere alle nuove
generazioni il valore della
solidarietà, della presenza
amichevole e dell'aiuto
concreto dal momento
che sono le barriere invisibili
quelle più difficili da tirare giù.
Penso che il gospel sia rock.
La canzone finisce, ci si saluta,
tanti baci e tanti abbracci. Evviva
Alessandro Sottile

Documenti analoghi