for new roads - Wirtgen Group

Commenti

Transcript

for new roads - Wirtgen Group
RoadNews
La rivista per gli utenti del WIRTGEN GROUP // N. 01
Le divisioni Road Technologies e Mineral Technologies
del WIRTGEN GROUP al Bauma 2016
for new roads
Costruzioni strad
alla quinta poten
Il WIRTGEN GROUP è la prima e unica impresa al mondo a
la stesa e la compattazione dei conglomerati bituminosi.
coprire con proprie tecnologie e con marchi premium l’intera
Tutto da un unico gruppo. Un motivo più che sufficiente
filiera di processo nel settore delle costruzioni stradali:
per presentare anche nella rivista RoadNews il concentrato
dalle fasi di frantumazione e vagliatura alle operazioni di
di competenze maturate dal WIRTGEN GROUP nei settori
fresatura e riciclaggio, passando per il confezionamento,
stradale e minerario.
l’innovativa
BENNINGHOVEN costruisce gli
VÖGELE è leader tecnologico a
azienda produttrice di impianti
impianti per il confezionamento di
livello mondiale e il numero uno nel
di frantumazione e vagliatura
conglomerati bituminosi leader a
settore delle finitrici stradali. Nello
semoventi. Uniamo le tecnologie
livello mondiale. Accompagniamo
stabilimento per la produzione
più recenti a un eccellente
in modo affidabile i progetti dei
di finitrici più moderno al mondo
know-how applicativo e offriamo ai
nostri clienti e a richiesta possiamo
VÖGELE produce macchine ai
nostri clienti soluzioni economiche
offrire loro soluzioni ad hoc, dal
massimi livelli e con una qualità al
che soddisfano i massimi requisiti
supporto alla progettazione sin
top. Offriamo ai nostri clienti una
di qualità.
dal primo giorno fino alla messa in
gamma di prodotti completa che
servizio. Abbiamo il mix giusto.
fissa sempre nuovi parametri di
KLEEMANN
è
riferimento anche in fatto di facilità
d’uso e di innovazioni.
dali
nza
D’ora in avanti qui troverete l’intero ventaglio di tematiche che riguardano
i nostri settori di competenza. Per voi ciò significa: più know-how, una più
vasta varietà di argomenti trattati e ancora più job report dal mondo delle
costruzioni stradali in un’unica rivista. Benvenuti alla scoperta della nuova
rivista RoadNews del WIRTGEN GROUP.
HAMM è il leader mondiale nel
WIRTGEN è leader nel mercato
settore dei rulli stradali e produce
delle scarificatrici a freddo e delle
macchine innovative e di alta
riciclatrici stradali oltre che leader
qualità per la compattazione
qualitativo e tecnologico nei
delle pavimentazioni stradali e
settori delle finitrici a casseforme
delle terre. Nella nostra gamma
scorrevoli e dei surface miner.
completa i clienti trovano i prodotti
La nostra mission: sviluppare
più avanzati, proget tati con
prodotti e tecnologie d’avanguardia
intelligenza e facili di usare, nonché
che permettano ai nostri clienti di
soluzioni che soddisfano i massimi
conseguire un prezioso vantaggio
requisiti in termini di qualità e di
competitivo. E per questo siamo
economia d’esercizio.
disposti a percorrere quello che gli
anglosassoni definiscono il miglio
extra.
02 // Sommario
Sommario
64
60 06
92
84
Editoriale // 03
Editoriale
04
06
// Argomento top
Cari lettori,
Innovazioni Bauma 2016
oggi tenete in mano il primo numero della rivista RoadNews del
il WIRTGEN GROUP dimostra di aver raggiunto
WIRTGEN GROUP. Siamo lieti di pubblicare d’ora in avanti reportage
un elevato livello prestazionale.
su tecnologie e innovazioni avvincenti, su interessanti cantieri in ogni
parte del mondo e informazioni tecnico-applicative da tutti e cinque i
WIRTGEN: innovative finitrici a casseforme
marchi del WIRTGEN GROUP.
scorrevoli, scarificatrici a freddo al top
e tecnologia di taglio di altissima qualità.
20
36
48
56
Il nostro staff redazionale si occuperà con professionalità e tanta
passione di redigere per voi, cari lettori, reportage e articoli sulle
VÖGELE: RoadScan, WITOS Paving e
tecnologie targate WIRTGEN, VÖGELE, HAMM, KLEEMANN e
InLine Pave indicano la strada verso un futuro
BENNINGHOVEN. Leggendo RoadNews sarete sempre aggiornati
efficiente.
sullo stato dell’arte e sulle notizie d’attualità più importanti relative al
nostro settore.
HAMM: nuovi rulli di tre serie soddisfano i
massimi requisiti di qualità, non da ultimo grazie
In questo numero la nostra attenzione è naturalmente rivolta al Bauma
al sistema di comando Easy Drive.
2016 che si tiene a Monaco di Baviera in Germania. E come potrebbe
essere diversamente? Dopo tutto il WIRTGEN GROUP presenta
KLEEMANN: presentazione del primo frantoio
anche quest’anno una carrellata di novità interessanti e tecnologie
a cono della nuova generazione PRO e del
d’avanguardia al salone internazionale più importante per il settore
sistema di sicurezza Lock & Turn.
delle costruzioni, del cava-cantiere e del movimento terra. Questo
numero di RoadNews vi fornirà una panoramica delle nostre innovazioni
BENNINGHOVEN: nuovo generatore di gas
più recenti.
caldo per conglomerato prodotto per il 90 + X%
da materiale di riciclo e bonza per asfalto colato
Augurandovi buona lettura di questo primo numero di RoadNews del
estremamente silenziosa.
WIRTGEN GROUP, vi salutiamo cordialmente.
// Job report
64
84
Stefan Wirtgen
Jürgen Wirtgen
Macchine di quattro marchi del
WIRTGEN GROUP rifanno il manto del campo d’aviazione militare di Büchel, in Germania.
Le tecnologie di frantumazione e vagliatura
KLEEMANN aumentano in misura significativa
la produttività in due cave neozelandesi.
92
Macchine VÖGELE e HAMM stanno realizzando
150 km di autostrada nel più grande cantiere
della Turchia.
NOTE EDITORIALI
RoadNews for new roads – La rivista per gli utenti del WIRTGEN GROUP | Editore: WIRTGEN GROUP
Holding GmbH, Reinhard-Wirtgen-Straße 2, 53578 Windhagen, Germania, www.wirtgen-group.de |
Redazione: Roland Schug (responsabile), Anja Sehr | Gestione delle versioni in lingue straniere:
Sandra Hoecker, Sylvia Naumann | In collaborazione con: bilekjaeger Werbeagentur, komplus
Projektgemeinschaft für Kommunikation und Gestaltung GmbH | La riproduzione di articoli e
immagini è consentita solo previa autorizzazione da parte del WIRTGEN GROUP.
Ove non diversamente indicato, tutti i marchi menzionati nella rivista della WIRTGEN GROUP
Holding GmbH sono marchi protetti dalla legge. La WIRTGEN GROUP Holding GmbH tutela
la propria proprietà intellettuale, compresi i brevetti, i marchi di commercio e i diritti d’autore.
04 // Argomento top
Innovazioni Bauma 2016 // 05
Close to our customers5
Più marchi di prodotto,
più innovazioni, maggiore efficienza:
il WIRTGEN GROUP al Bauma 2016.
I visitatori del Bauma 2016 possono toccare letteralmente con mano l’ambizione del
WIRTGEN GROUP di essere sempre vicino ai propri clienti. Il gruppo di imprese familiari
gestito dai titolari rafforza infatti per l’ennesima volta la propria gamma di prodotti, comunque
già molto ampia ed efficiente.
WIRTGEN, VÖGELE, HAMM, KLEEMANN e BENNINGHOVEN – ognuno dei cinque marchi
di prodotto delle due divisioni Road Technologies e Mineral Technologies espone a
Monaco di Baviera vere innovazioni sotto forma di nuove macchine, nuove tecnologie e
nuovi servizi. Tutti insieme perseguono un grande obiettivo: la soddisfazione dei clienti.
Così il WIRTGEN GROUP mantiene sempre e ovunque la sua principale promessa di valore:
“Close to our customers”.
Ribadisce la stessa promessa di valore pure il motto del salone: “Close to our customers5”.
Il numero cinque posto in apice ha un significato particolare: i visitatori del Bauma 2016
trovano per la prima volta presso lo stand del WIRTGEN GROUP il nuovo marchio di prodotto
BENNINGHOVEN. L’azienda di lunga tradizione, specializzata nella fabbricazione di impianti
tecnologicamente avanzati per il confezionamento di conglomerati bituminosi, integra in
maniera ideale la gamma dei prodotti del gruppo. Così il WIRTGEN GROUP è ora in grado
di proporre ai propri clienti soluzioni per l’intero ciclo di vita di una pavimentazione stradale:
frantumazione, confezionamento, stesa, compattazione e ripristino.
Nelle pagine seguenti trovate una panoramica dei principali highlight presentati dai cinque
marchi di prodotto del WIRTGEN GROUP in occasione del Bauma 2016.
WIRTGEN GROUP
06 // Argomento top
La nuova SP 94i all’opera presso il
Memorial Airport di Jefferson City,
Missouri, USA.
Innovazioni Bauma 2016 // 07
Posa in opera
economica e precisa
WIRTGEN presenta soluzioni flessibili per la realizzazione di opere
in calcestruzzo di alta qualità, sia con il metodo inset che
con il metodo offset: le finitrici a casseforme scorrevoli SP 64i ed SP 94i
e la macchina per il trattamento superficiale TCM 180i.
08 // Argomento top
Serie SP 60 – magistrale nelle applicazioni inset e offset
TCM 180i – una soluzione molto pratica
Assieme ai modelli SP 61i ed SP 62i, la finitrice SP 64i fa parte della
nuova serie SP 60, destinata a rimpiazzare in futuro la finitrice a
Macchine semoventi per il trattamento superficiale
casseforme scorrevoli SP 500. L’SP 64i può essere dotata a richiesta
come la nuova WIRTGEN TCM 180i garantiscono che il
di quattro bracci girevoli idraulici, per cui il passaggio dalla modalità
post-trattamento delle pavimentazioni in calcestruzzo
di trasferimento alla modalità operativa della macchina si svolge
sia eseguito a regola d’arte. Non appena posto in opera
più rapidamente che non sulla SP 500. In abbinamento al pacchetto
dalla finitrice a casseforme scorrevoli, il calcestruzzo deve
Paving Plus disponibile a richiesta, i bracci girevoli sono in grado
essere protetto contro l’essiccazione precoce, al fine di
di aggirare attivamente gli ostacoli incontrati durante la posa in
prevenire l’insorgere di tensioni strutturali che possono
opera del calcestruzzo. La passerella disponibile per la prima volta
portare alla fessurazione.
per tutta la larghezza della macchina, una centralina di controllo
principale e ulteriori quattro sistemi di controllo decentrati di
La struttura modulare della TCM 180i consente larghezze
serie consentono di gestire la macchina in modo semplice e al
operative comprese tra 4 m e 18 m. Il nuovo motore
tempo stesso flessibile. Tra le altre cose è possibile collegare a
conforme alle normative antinquinamento più recenti può
ogni cingolo dei telecomandi che velocizzano le operazioni di
essere equipaggiato con un filtro antiparticolato diesel
configurazione della finitrice a casseforme scorrevoli, ad esempio il
(FAP) aggiuntivo. Il nuovo sistema di comando garantisce
posizionamento e la messa a zero del cingolo e del relativo braccio
che la macchina sia ora intuitiva da usare, analogamente
girevole. La serie SP 60 deve la sua grande versatilità applicativa alla
alle finitrici a casseforme scorrevoli WIRTGEN delle serie
possibilità di integrare la macchina senza problemi con componenti
SP 90 ed SP 60. Inoltre è stato ampliato il ventaglio delle
aggiuntivi per eseguire complessi interventi secondo le specifiche
funzioni per realizzare varie strutture superficiali.
del cliente. Oltre a differenti sistemi di casseforme per la posa in
Innovazioni Bauma 2016 // 09
Grande versatilità e alto livello di qualità, sia con il
metodo inset che con il metodo offset. Tecnologie
Innovazione
evolute permettono alle finitrici a casseforme scorrevoli
WIRTGEN di realizzare pressoché tutti i progetti
costruttivi immaginabili compresi particolari profili speciali.
opera inset sono disponibili anche casseforme offset con numerose
opzioni tipiche di queste applicazioni, come il trimmer e diversi
nastri convogliatori e coclee convogliatrici per l’alimentazione della
cassaforma offset.
Larghezze di stesa fino a 7,5 m
I modelli SP 64i (quattro cingoli montati su bracci girevoli) ed
SP 62i (due cingoli sterzanti) sono in grado di posare in opera con
il metodo inset pavimentazioni in calcestruzzo larghe fino a 6 m e
spesse 350 mm nella versione di serie. Se dotati di vibratori elettrici
senza l’attrezzatura posa-barre di trasferimento sono persino
possibili larghezze di stesa fino a 7,5 m.
Applicazioni offset – per ogni profilo esiste
la cassaforma scorrevole giusta
Con il metodo offset la serie SP 60 con il modello SP 61i, disponibile
in versione a tre o a quattro cingoli, posa in opera profili monolitici
Per la posa in opera di profili monolitici WIRTGEN propone
sia piccoli che grandi. Che si tratti di profili standard o speciali,
una variegata gamma di casseforme scorrevoli, ad esempio
le macchine sono in grado di realizzare, in modo impeccabile ed
per rigide barriere spartitraffico tipo New Jersey, così come
economico, sezioni di ogni forma immaginabile.
per cordoli di delimitazione della carreggiata, canali artificiali
per il drenaggio dell’acqua o piste ciclabili.
10 // Argomento top
Serie SP 90 – fabbriche stradali mobili
3
EASY CONNECT –
l’interfaccia 3D a prova di futuro
Un sistema che coniuga una maggiore precisione di
stesa con una maggiore economicità: un’interfaccia
standard integrata consente di abbinare senza
difficoltà EASY CONNECT ai moderni sistemi di
4
controllo 3D di tutti i primari operatori del settore.
Caratteristiche salienti della finitrice a casseforme scorrevoli SP 94i
1
Gestione economica del motore
2
Tecnologia motoristica più recente
pavimentazioni in calcestruzzo larghe da 3,5 a 9,5 m
Il moderno motore da 231 kW/314 CV vanta un
e spesse fino a 450 mm.
Consumo di gasolio ridotto grazie alla modalità ECO.
4
P
osa in opera altamente flessibile del calcestruzzo
La finitrice a casseforme scorrevoli è in grado di
posare in opera in modo impeccabile e preciso
contenuto consumo di gasolio ed è conforme alle
normative antinquinamento UE Fase 4/US Tier 4f.
3
5
P
erfezione in fatto di usabilità ed ergonomia
Postazione di lavoro ergonomica con sistema di
Costruzione totalmente modulare della macchina
comando di facile uso e condizioni di visuale ottimali
La semplicità di trasformazione ed estensibilità
per un lavoro rilassato.
con componenti opzionali permette di adattare
perfettamente la macchina alle situazioni di cantiere
più disparate.
6
S
istemi di sterzatura e trazione ad alta precisione
Sistemi di sterzatura e controllo intelligenti per
un’estrema regolarità di marcia persino in curve strette
garantiscono la posa in opera precisa del calcestruzzo.
Innovazioni Bauma 2016 // 11
2
5
8
1
7
6
Le finitrici a casseforme scorrevoli inset sono ideali per realizzare
in modo economico ampie pavimentazioni in calcestruzzo, come
7
Attrezzature per la posa in opera dei ferri
autostrade o piste di atterraggio soggette a forti sollecitazioni.
di armatura integrate nella macchina
Le fabbriche stradali mobili di casa WIRTGEN sono in grado di
A richiesta del cliente sono disponibili un’attrezzatura
stendere tra i loro cingoli pavimentazioni per strade e superfici
posa-barre di trasferimento autocaricante e
fino a 18 m di larghezza.
attrezzature posa-barre di legatura centrali e laterali.
La finitrice SP 94i, che insieme al modello SP 92i costituisce la
8
Modernissimi sistemi di controllo macchina
nuova serie SP 90, è una versione inset interamente modulare
L’interfaccia unificata per una diagnosi rapida e mirata
su quattro cingoli sterzabili e girevoli. È in grado di posare
e il moderno sistema telematico WITOS rendono
in opera con precisione pavimentazioni in calcestruzzo larghe
ancora più efficienti gli interventi quotidiani.
da 3,5 a 9,5 m e spesse fino a 450 mm. Una moltitudine di
opzioni, tra cui l’attrezzatura posa-barre di trasferimento (DBI),
l’attrezzatura posa-barre di legatura laterali o vari sistemi di
casseforme studiati per rispondere ai requisiti richiesti nelle
diverse regioni del mondo, permette di configurare l’SP 94i per
le più diverse applicazioni.
12 // Argomento top
Innovazioni Bauma 2016 // 13
Grandi
prestazioni
in spazi ridotti
WIRTGEN presenta le nuove scarificatrici a freddo
W 120 Ri e W 150 CFi.
In qualità di leader del mercato WIRTGEN propone la gamma più completa di scarificatrici
a freddo con larghezze operative da 14 mm a 4,4 m. L’azienda specializzata in soluzioni
per gli interventi di manutenzione e ripristino stradale propone la macchina giusta
per ogni applicazione: scarificatrici di taglia piccola, media o grande. Tra gli highlight
delle dodici scarificatrici a freddo WIRTGEN esposte al Bauma 2016 vanno annoverati
i modelli W 120 Ri e W 150 CFi, presentati in prima mondiale.
14 // Argomento top
W 120 Ri – la piccola debutta alla grande
La W 120 Ri è la prima scarificatrice semovente su ruote con
nastro convogliatore posteriore e 1,2 m di larghezza operativa
ed è destinata a completare, insieme alla W 100 Ri, la nuova
generazione di scarificatrici WIRTGEN di piccola taglia. Come i
modelli W 35 Ri, W 50 Ri e W 60 Ri della classe da mezzo metro,
già lanciati con successo sul mercato, anche la W 120 Ri dispone
dello stesso sistema di comando, che comprende anche il bracciolo
multifunzione particolarmente apprezzato dagli operatori delle
macchine. Una molteplicità di funzioni automatiche e di assistenza
velocizza i processi operativi e riduce nettamente il carico di lavoro
quotidiano dell’operatore. Il sistema di livellazione LEVEL PRO PLUS,
totalmente integrato nel sistema di controllo macchina e sviluppato
completamente ex novo da WIRTGEN, grazie all’uso intuitivo e
semplice consente di ottenere risultati precisi e di qualità nella
scarifica stradale.
Il sistema convogliatore di generose dimensioni permette alla
W 120 Ri di caricare il fresato in modo veloce e continuo. Le ruote
gommate, caratterizzate da angoli di sterzata molto ampi, e
il pacchetto dinamica di marcia opzionale con una velocità di
trasferimento massima di 7,5 km/h consentono inoltre spostamenti
rapidi da un cantiere all’altro.
Caratteristiche salienti
Tecnologia motoristica a basso impatto
ambientale, conforme alle normative
antinquinamento UE Fase 4/US Tier 4f
Tre diverse velocità di rotazione del tamburo
fresante
Ottima visuale per risultati precisi nella
scarifica stradale
Grande facilità d’uso velocizza il processo operativo
rande efficienza nella guida/sterzatura e nelle
G
fasi di scarifica e caricamento del fresato
Innovazione
Innovazioni Bauma 2016 // 15
LEVEL PRO PLUS:
la profondità di fresatura viene
L’ergonomico bracciolo
rilevata con precisione
multifunzione permette
da robusti sensori odometrici
all’operatore di salvare
nei cilindri idraulici delle
fino a tre profondità
paratie laterali ed è visualizzata
di fresatura per ogni
sul display di comando ad alta
risoluzione.
lato come impostazione
predefinita.
16 // Argomento top
60˚
60˚
W 150 CFi – compatta di classe
Completa la nuova classe compatta di casa WIRTGEN la W 150 CFi a
caricamento frontale, che come la W 120 Ri è dotata della tecnologia
motoristica più rispettosa dell’ambiente, ossia conforme alle normative
antinquinamento UE Fase 4/US Tier 4f. La classe compatta coniuga i pregi
delle frese piccole – agilità, flessibilità e possibilità di lavorare con un solo
operatore a bordo – con il principio del caricamento frontale e la produttività
delle scarificatrici WIRTGEN di grossa taglia. Con larghezze operative
comprese tra 0,6 m e 1,5 m e profondità di fresatura fino a 330 mm tutte le
macchine della serie – tra cui vanno annoverati, oltre alla W 150 CFi, anche
i modelli W 130 CFi, W 120 CFi e W 100 CFi – si fanno apprezzare per la
loro grande produttività ed economia d’esercizio.
La macchina più potente della sua classe
Essendo la macchina più potente della classe compatta, la W 150 CFi è la
fresa ideale per i cantieri più estesi ma con poco spazio disponibile per le
manovre, ad esempio in ambito urbano. Proprio lì il collaudato sistema di
visibilità abbinato al sistema di telecamere aiuta l’operatore nel manovrare
la scarificatrice a freddo. Anche nella classe compatta la grande semplicità
e intuitività d’uso è frutto di un sistema di comando unificato, per cui gli
operatori riescono a familiarizzare presto con ogni modello di macchina.
Non si deve rinunciare neppure a risultati di livellazione ottimali, garantiti
anche sulle scarificatrici compatte dal LEVEL PRO PLUS integrato. Con un
peso operativo di 20,8 t la W 150 CFi può essere di norma trasportata
senza dover richiedere un’autorizzazione speciale – anche questo un aspetto
logistico importante sia per i clienti che per le aziende specializzate nella
scarifica stradale.
Innovazione
Innovazioni Bauma 2016 // 17
Gli ampi angoli di brandeggio del nastro convogliatore,
di 60° verso entrambi i lati, permettono di caricare
il fresato anche in situazioni ristrette, ad esempio in
corrispondenza di intersezioni o nelle piazzole d’inversione.
Le due velocità selezionabili aumentano la flessibilità
durante il brandeggio del nastro di scarico.
Caratteristiche salienti
Maneggevole e flessibile come una scarificatrice di piccola taglia
Produttiva come una scarificatrice di grossa taglia
Tecnologia motoristica a basso impatto ambientale, conforme alle normative
antinquinamento UE Fase 4/US Tier 4f
Grande semplicità e intuitività d’uso
Angoli di brandeggio del nastro convogliatore molto ampi, di 60° verso entrambi i lati
Adattamento ottimale alle esigenze di cantiere grazie a tre diverse velocità di rotazione
del tamburo fresante
18 // Argomento top
La tecnologia di taglio WIRTGEN
rende economica la qualità
Una delle competenze distintive di WIRTGEN è la tecnologia di
taglio. L’interazione ottimale tra tamburo fresante, portadenti
La prossima generazione di denti per il riciclaggio
a freddo e la stabilizzazione delle terre
e denti è decisiva per ottenere lunghe durate utili e un’elevata
produttività delle macchine. Al Bauma 2016 WIRTGEN espone
I denti a codolo cilindrico della GENERAZIONE Z sono stati
nuovi prodotti sviluppati per rispondere ai requisiti specifici degli
ridisegnati in modo sostanziale in base agli attuali requisiti richiesti
interventi di riciclaggio a freddo, di stabilizzazione delle terre e di
nel processo di miscelazione e taglio delle riciclatrici e stabilizzatrici
fresatura a freddo.
WIRTGEN. Tra le altre cose è stata rinforzata ulteriormente la
ridisegnata punta in carburo metallico e la qualità di tale materiale è
Riciclaggio a freddo e stabilizzazione delle terre
stata adeguata esattamente ai requisiti. Inoltre sono stati ottimizzati
in termini di usura il corpo in acciaio, la rondella d’usura e la molla
WIRTGEN presenta i denti a codolo cilindrico della GENERAZIONE Z
del dente. Tutti questi accorgimenti contribuiscono ad aumentare
e il sistema HT22 di cambio rapido dei portadenti, ossia due
la durata utile del dente e a prolungare nel tempo la protezione
innovazioni messe a punto in modo da essere perfettamente
del portadente.
coordinate tra loro e rispondere ai requisiti specifici degli interventi
di riciclaggio a freddo e di stabilizzazione delle terre.
Innovazione
Il sistema HT22 di cambio rapido dei
portadenti abbinato ai denti a codolo
cilindrico della nuova GENERAZIONE Z
incrementa ulteriormente la produttività
e l’economia d’esercizio delle riciclatrici
e stabilizzatrici WIRTGEN.
Innovazioni Bauma 2016 // 19
Oltre 15 000 ore di servizio dimostrano la resistenza meccanica
Dall’inizio dell’anno è disponibile anche il nuovo sistema HT22 di cambio rapido dei
portadenti per le varie serie delle riciclatrici a freddo e delle stabilizzatrici semoventi e
semiportate di casa WIRTGEN. Anche qui si è ottenuto un netto aumento del volume
d’usura grazie all’adozione di una nuova geometria e di una nuova qualità di acciaio
per componenti come il traversino e le parti inferiore e superiore del portadente.
Ne conseguono una maggiore durata utile e intervalli di manutenzione più lunghi che
Per le frese a freddo
WIRTGEN: denti con punta
diamantata
consentono una maggiore disponibilità della macchina.
I clienti sono perfettamente attrezzati
Il sistema complessivo ha superato brillantemente il suo battesimo del fuoco in una
anche con gli utensili da taglio specifici
lunga serie di collaudi e oltre 15 000 ore di servizio nelle più diverse applicazioni. Grazie
per le scarificatrici a freddo WIRTGEN.
all’interazione ottimale tra il sistema HT22 e i denti della GENERAZIONE Z, i clienti
In qualità di pioniere nella tecnologia
sono perfettamente attrezzati per affrontare i più svariati interventi di riciclaggio e di
di taglio, anche in questo specifico
stabilizzazione delle terre.
campo WIRTGEN ha perfettamente
coordinato tra loro i vari componenti
e of fre un ampio ventaglio di
soluzioni economiche di alta qualità
per la fresatura di pavimentazioni
in conglomerato bituminoso e in
c alces truz zo.
Nell’ambito
della
presentazione speciale “Tecnologia di
taglio”, al Bauma 2016 WIRTGEN oltre
alla gamma completa di denti a codolo
cilindrico presenta per la prima volta
i nuovi denti con punta in diamante
sintetico (diamante policristallino o
PCD), che lasciano una superficie
fresata dall’aspetto perfettamente
regolare.
20 // Argomento top
Misurabilmente
migliore
VÖGELE presenta un’innovazione prorompente che rende dimostrabile la qualità
della stesa: il sistema di rilevamento senza contatto della temperatura RoadScan.
Uno dei criteri decisivi per un lavoro di asfaltatura di alta qualità è la temperatura alla quale il conglomerato bituminoso
viene steso e compattato. Per questo i committenti esigono sempre più spesso la documentazione delle temperature
del conglomerato bituminoso appena steso. Per rispondere a questa esigenza VÖGELE ha messo a punto una
vera innovazione e in occasione del Bauma 2016 la presenta per la prima volta a un vasto pubblico specializzato:
RoadScan, il sistema di rilevamento senza contatto della temperatura, che può essere impiegato con tutte le finitrici
stradali VÖGELE della generazione “Tratto 3” e anche in combinazione con WITOS Paving.
Innovazioni Bauma 2016 // 21
Innovazione
22 // Argomento top
Il sistema di documentazione della temperatura VÖGELE
RoadScan soddisfa perfettamente i requisiti degli
enti appaltanti in materia di ampiezza del campo di
temperature rilevate, larghezza dell’area di misura,
densità delle misure e analisi – e serve da prova di qualità
alle imprese esecutrici dei lavori di asfaltatura.
Innovazioni Bauma 2016 // 23
Caratteristiche salienti del sistema VÖGELE RoadScan
Misurazione della temperatura di tutta la superficie
Non è necessaria la calibratura (plug & play)
Visualizzazione
in tempo reale della temperatura
sulla plancia di comando ErgoPlus 3 della finitrice
per supportare la squadra di stesa nell’esecuzione
di un lavoro di asfaltatura di alta qualità
Hardware robusto senza l’uso di parti mobili
(ad es. adottando una termocamera a infrarossi
anziché un pirometro mobile)
Area di misura larga 10 m
Montaggio semplice dell’unità misuratrice
Rilevamento della
temperatura
Controllo della temperatura
Analisi dei dati
Sul
di
I valori rilevati vengono memorizzati
Una termocamera a infrarossi
comando ErgoPlus 3 della finitrice
display
della
plancia
nella plancia di comando ErgoPlus 3
scansiona un’area di misura larga
il conduttore può seguire in tempo
della finitrice e possono essere
10 m dietro il banco di stesa.
reale la temperatura superficiale
prelevati comodamente. Una volta
La griglia di rilevamento è di
misurata durante la stesa. Ciò
scaricati i dati sul PC in ufficio è
25 x 25 cm su tutta la larghezza
permette alla squadra di stesa di
possibile analizzarli con l’applicativo
dell’area di misura, il campo di
reagire immediatamente a eventuali
web “RoadScan Analysis”.
misura spazia da 0 a 250 °C con una
variazioni di temperatura, che nella
tolleranza di solo ±2 °C.
maggior parte dei casi sono il sintomo
di una segregazione del materiale.
24 // Argomento top
InLine Pave –
VÖGELE presenta la tecnologia delle macchine
della generazione “Tratto 3” per la costruzione
di pavimentazioni compatte in conglomerato
bituminoso.
VÖGELE propone ormai da diversi anni InLine Pave, un sistema
innovativo che si presta in maniera particolare alla realizzazione
di pavimentazioni compatte in conglomerato bituminoso con il
metodo di stesa “caldo su caldo”. Lo strato di collegamento e il
manto d’usura vengono posti in opera in una sola passata, in modo
da ottenere un eccellente ammorsamento reciproco fra gli strati.
Il sistema InLine Pave è basato su normali macchine finitrici di serie
che vengono solo leggermente modificate per l’intervento di stesa
“caldo su caldo” e che possono essere quindi impiegate anche per
progetti stradali convenzionali.
Tecnologia “Tratto 3” e tante altre innovazioni
Contestualmente al lancio della nuova generazione di finitrici
stradali “Tratto 3”, VÖGELE ha in particolare rinnovato a fondo
il cuore della tecnologia InLine Pave – la SUPER 2100-3i IP con
il banco di stesa AB 600 TP2 Plus. Oltre che con le innovazioni
della generazione di finitrici stradali “Tratto 3”, la finitrice per
la stesa dello strato di binder si presenta ora con un modulo di
trasferimento completamente rivisitato con il quale il conglomerato
bituminoso per strati d’usura viene trasferito alla SUPER 1800-3i.
Il convogliatore a nastro riscaldato è stato prolungato di 1 m e
funziona in modo particolarmente efficiente. Inoltre ora fanno parte
della dotazione di serie due piattaforme per operatori nonché un
cassone coibentato da inserire nella tramoggia della finitrice. Tra le
novità introdotte sulla finitrice SUPER 1800-3i per la stesa dello
strato d’usura va annoverato un sistema di telecamere a richiesta,
che permette di controllare il livello di riempimento del cassone
inserito nella tramoggia aggiuntiva della finitrice.
InLine Pave vanta un ampio ventaglio di applicazioni
possibili. Per posare in opera grossi quantitativi di
conglomerato a velocità elevate il treno di stesa
InLine Pave può essere alimentato anche parallelamente da
due PowerFeeder MT 3000-2i Offset anziché da uno solo.
Innovazioni Bauma 2016 // 25
up to date
Innovazione
Caratteristiche salienti del nuovo treno di stesa VÖGELE InLine Pave
Il nastro trasportatore dell’alimentatore MT 3000-2i Offset dispone di un
punto di scarico particolarmente alto, per cui i vari conglomerati bituminosi
possono essere convogliati con precisione nella tramoggia aggiuntiva o
verso il modulo di trasferimento.
Al fine di aumentare il grado di utilizzazione della finitrice per la stesa dello
strato di binder con interventi convenzionali, il modulo di trasferimento
della SUPER 2100-3i IP può essere smontato in modo rapido e semplice per
mezzo di un apposito dispositivo di sgancio.
La finitrice SUPER 1800-3i per la stesa dello strato d’usura offre una perfetta
accessibilità a tutti i punti di rabbocco e di manutenzione. Così l’impianto
d’irrorazione dei cingoli può essere rifornito di acqua da terra.
26 // Argomento top
Caratteristiche salienti di WITOS Paving
Programmazione,
controllo e analisi dei processi –
dall’impianto di confezionamento fino alla compattazione,
passando per la stesa
Alimentazione del materiale coordinata dinamicamente
in base al principio del “just in time”
Pronta
identificazione degli scostamenti dello stato di
avanzamento dei lavori dalla tempistica programmata
Rilevamento di tutti i dati delle macchine, come ad
esempio la larghezza e la velocità di stesa
Tool di analisi e statistiche per l’ottimizzazione dei
processi
Base
di dati comune per tutte le parti coinvolte nel
processo
Facile approntamento di documentazioni per l’appaltatore
e il committente
Integrazione di VÖGELE RoadScan
Valore aggiunto per l’appaltatore e il committente:
Aumento della stabilità di processo
Riduzione dei costi d’esercizio
Miglioramento della qualità
Dati attendibili per fatturazioni trasparenti
Documentazioni quali prove di qualità e per il
miglioramento duraturo del processo di stesa
Innovazioni Bauma 2016 // 27
Innovazione
L’ottimizzazione integrata dei processi crea
valore
aggiunto
VÖGELE WITOS Paving
Oltre alle macchine utilizzate, numerosi altri parametri influenzano
l’economicità dei progetti stradali – innanzi tutto l’intera filiera
di processo dalla produzione dei conglomerati bituminosi alla
compattazione, passando per il trasporto. Ora VÖGELE propone
WITOS Paving, una soluzione destinata ad aiutare le imprese
a programmare in modo più trasparente le risorse e i cantieri,
a reagire a eventuali anomalie nello svolgimento delle attività e
quindi a incrementare in misura significativa la redditività globale.
Dopo la chiusura di un cantiere, con WITOS Paving è inoltre
possibile approntare tutte le documentazioni per il committente
e derivarne conoscenze utili per le future commesse.
28 // Argomento top
WITOS Paving permette alle imprese di costruzioni stradali di
programmare e coordinare tra loro tutte le categorie di opere e tutti
i servizi relativi ai cantieri di asfaltatura. “Questo è possibile perché
integriamo nella soluzione IT tutte le parti coinvolte nel processo”,
racconta il Dr. Stephan Weller, responsabile dei prodotti software
presso VÖGELE. Ciò comprende presso l’impresa esecutrice dei lavori
la progettazione esecutiva, la direzione dei lavori, la squadra di stesa
e i rullisti, presso l’impianto di confezionamento dei conglomerati
bituminosi il capo miscelatore e i conducenti dei camion che trasportano
il conglomerato in cantiere. Dietro le quinte rimangono inoltre sempre
disponibili gli addetti al supporto tecnico e al servizio post-vendita del
WIRTGEN GROUP e della VÖGELE – per fornire consulenza preliminare,
elaborare soluzioni ad hoc durante i lavori o svolgere analisi ex post.
Innovazioni Bauma 2016 // 29
WITOS Paving: 5 moduli per proiettare nel futuro il settore delle costruzioni stradali
1 | Modulo “Control”
per programmare comodamente
il progetto stradale
2 | Modulo “Materials”
per l’approvvigionamento “just in time”
del cantiere con il materiale necessario
3 | Modulo “Transport”
per una gestione economica della
flotta di camion approvvigionatori
4 | Modulo “JobSite”
per una gestione efficiente dei processi
durante l’avanzamento dei lavori
5 | Modulo “Analysis”
per la documentazione, l’analisi e il
miglioramento durevole dei futuri
­progetti stradali
La riduzione al minimo dei tempi improduttivi
e degli sprechi crea valore aggiunto
Il vantaggio è che si tratta di una soluzione
sistemica unica nel suo genere e totalmente
integrata.
In qualità di costruttore delle macchine e di
sviluppatore di WITOS Paving, VÖGELE è l’unica
azienda in grado di proporre un sistema globale
totalmente integrato i cui componenti sono
perfettamente coordinati tra loro.
Ciò significa, tra l’altro, che:
- essendo integrato nella plancia di comando
ErgoPlus 3 della finitrice, WITOS Paving ha
accesso diretto a tutti i dati della finitrice;
- l’addestramento VÖGELE sulle macchine comprende quindi anche il menu di controllo
di WITOS Paving;
- l’assistenza al software WITOS Paving e alle
macchine viene fornita da un unico operatore.
è sufficiente una soluzione software basata su Internet, per i camionisti
un’app per smartphone con funzionalità GPS e per il conduttore della
finitrice le principali funzioni di WITOS Paving sono integrate nella
Nei progetti stradali la cui filiera di processo viene programmata,
gestita e monitorata da WITOS Paving la produzione e la consegna
del conglomerato bituminoso si svolgono secondo una tempistica
ottimizzata in tempo reale. In cantiere giunge sempre la quantità di
materiale occorrente, per cui si riducono al minimo i tempi di fermo
dei camion e i tempi di attesa degli operai. Al tempo stesso aumenta
la qualità della stesa, visto che i lavori di asfaltatura procedono senza
interruzioni e il conglomerato viene posto in opera rapidamente
e quindi ancora caldo. A tale scopo basta dotare degli strumenti
adeguati ognuna delle persone coinvolte: per gli impiegati d’ufficio
plancia di comando ErgoPlus 3, per citare solo alcuni esempi.
30 // Argomento top
Una spruzzata
di innovazioni
La tecnologia leader aggiornata allo stato dell’arte:
SUPER 1800-3i SprayJet, la finitrice spruzzatrice della generazione “Tratto 3”
impiegabile anche come normale finitrice stradale.
Innovazione
Innovazioni Bauma 2016 // 31
Non ha eguali – le caratteristiche salienti della SUPER 1800-3i SprayJet
Finitrice spruzzatrice unica nel suo genere a livello mondiale, progettata
per la stesa di microtappeti a caldo e per la posa in opera di strati di binder
e d’usura di tipo convenzionale
Ha a bordo tutti i vantaggi della generazione di finitrici “Tratto 3”
Integrazione del pannello di comando del modulo SprayJet nel sistema di
­comando ErgoPlus 3
Modernissimo sistema di comando ErgoPlus 3 per la finitrice stradale e il
modulo spruzzatore
Funzioni automatiche “AutoSet Plus” per salvare i programmi di stesa durante
il processo operativo ed eseguire manovre di spostamento veloci in cantiere
Cisterna per l’emulsione bituminosa riscaldata elettricamente di capacità
maggiorata (2100 litri, con cisterna aggiuntiva opzionale da 7100 litri)
Sicurezza di processo e massima pulizia in fase di spruzzatura dell’emulsione
bituminosa in quantità variabile da 0,3 a 1,6 kg/m²
La SUPER 1800-3i SprayJet è una finitrice efficiente e
polivalente, capace di eseguire sia interventi di spruzzatura che
ordinari lavori di asfaltatura. La nuova edizione della finitrice
stradale vanta tutta una serie di innovazioni impressionanti,
che riguardano soprattutto il modulo SprayJet, i componenti
del sistema di spruzzatura e il sistema di comando.
I progettisti hanno focalizzato la loro attenzione sull’economia
d’esercizio. L’emulsione viene ad esempio applicata in modo
estremamente preciso e quindi efficiente, mentre il pacchetto
“VÖGELE EcoPlus” – una delle innovazioni “Tratto 3” –
contribuisce a ridurre i consumi di carburante e le emissioni.
Le nuove funzioni automatiche “AutoSet Plus” si rivelano
particolarmente pratiche durante il processo di stesa, in quanto
memorizzano le impostazioni correnti della macchina, come la
larghezza di stesa e le impostazioni del banco. Ciò permette di
riprendere immediatamente il lavoro dopo un’interruzione della
stesa o dopo lo spostamento della finitrice in cantiere.
Il ripristino a basso costo del manto d’usura
assicura il vantaggio competitivo
La stesa di microtappeti a caldo su sigillante – ormai affermatasi
in molti mercati – è un metodo conveniente per ripristinare
e rinnovare i manti bituminosi poiché consente di risparmiare
sul costoso conglomerato bituminoso d’usura. In tale ambito
la tecnologia VÖGELE SprayJet ha definito nuovi parametri di
riferimento e alza ancora una volta l’asticella del benchmark con
la nuova SUPER 1800-3i SprayJet.
32 // Argomento top
Le nuove finitrici SUPER
destinate agli USA
La SUPER 2000-3i e la SUPER 2003-3i portano in altri mercati la serie
VÖGELE SUPER che riscuote successi a livello internazionale.
Innovazioni Bauma 2016 // 33
Finitrici della classe da 10 piedi –
caratteristiche salienti dei modelli SUPER 2000-3i
e SUPER 2003-3i
Grande
produttività grazie al carro cingolato
(SUPER 2000-3i) o gommato (SUPER 2003-3i)
ad alta velocità
Larghezza massima di stesa 8,6 m, capacità di
stesa fino a 1400 t/h
Potente
motore diesel Cummins da 186 kW di
ultima generazione
Avanzatissima generazione di macchine
“Tratto 3” dotata tra le altre cose dell’evoluto
sistema di comando ErgoPlus 3
Innovazione
VÖGELE presenta la finitrice cingolata SUPER 2000-3i e la finitrice
sono caratterizzate in primo luogo da un design ergonomico, da una
gommata SUPER 2003-3i, due nuove finitrici stradali il cui design
grande produttività e da soluzioni tecniche sia innovative che di alto
è stato adattato specificamente per rispondere ai requisiti dei
livello qualitativo”, precisa Brodie Hutchins, Vice President Dealer
mercati statunitense, australiano e neozelandese. Le due finitrici
Development presso WIRTGEN AMERICA. La SUPER 2000-3i e la
dell’importante classe da 10 piedi (equivalenti a una larghezza
SUPER 2003-3i si distinguono dalle loro omologhe internazionali
operativa di 3 m circa) sono destinate a sostituire le finitrici della serie
della serie SUPER soprattutto per l’adozione di un carro cingolato o
VISION finora commercializzate negli USA. “Le finitrici SUPER sono
gommato ad alta velocità, necessario per poter realizzare le velocità
le più moderne disponibili sul mercato. Siamo convinti che entrambi
di stesa tipiche degli interventi negli USA.
i modelli sono prodotti di prim’ordine che fissano nuovi parametri
di riferimento sotto molteplici aspetti. Le finitrici della serie SUPER
34 // Argomento top
Misure compatte
e grandi prestazioni
VÖGELE presenta una finitrice fuoriclasse di taglia mini:
la nuova SUPER 800-3i.
Innovazioni Bauma 2016 // 35
La piccola gigante –
le caratteristiche salienti della SUPER 800-3i
Ampio ventaglio applicativo, che spazia dal
rinterro di strette trincee di canalizzazione
all’asfaltatura di piazze, passando per la
pavimentazione di strade minori e medie
Il sistema di comando ErgoBasic garantisce una
perfetta visuale a tutto campo e un uso super
facile della finitrice e del banco
Potente
motore diesel Deutz da 55,4 kW con
modalità ECO
Innovazione
Banco
estensibile AB 220 TV con tamper e
vibrazione per larghezze di stesa da 0,5 a 3,5 m
e un alto grado di precompattazione
Si distingue per un ventaglio applicativo enorme. Con soli
1,14 m di scartamento esterno dei cingoli, 1,4 m di larghezza di
transito e 1,98 m di altezza, la nuova SUPER 800-3i arriva infatti
quasi ovunque e laddove altre finitrici sono costrette a dare
forfait. Per questo le piste ciclopedonali, le strade rurali, le fasce
spartitraffico autostradali, i binari tranviari, le piazze minori,
i capannoni industriali, i garage sotterranei e le tettoie basse sono
le applicazioni ideali per la più piccola tra le finitrici SUPER della
generazione “Tratto 3”.
La parete laterale asimmetrica della tramoggia, regolabile
idraulicamente, consente di alimentare agevolmente la finitrice per
mezzo di camion anche in condizioni di spazio ristretto. Grazie a
una larghezza operativa massima di 3,5 m con il banco estensibile
AB 220 TV con tamper e vibrazione e a una velocità di stesa
massima di 30 m/min, la SUPER 800-3i è in grado di affrontare
anche interventi di maggiore entità. Inoltre l’innovativo sistema di
comando ErgoBasic e la perfetta visuale a tutto campo ne rendono
super facile la gestione.
Campi d’impiego tipici per le finitrici VÖGELE della Mini Class:
la nuova SUPER 800-3i si trova a proprio agio laddove le ristrette
condizioni di spazio non permettono di impiegare che una finitrice
estremamente compatta e maneggevole.
36 // Argomento top
L’innovativo sistema
di comando Easy Drive
Grande semplicità d’uso grazie al sistema di comando unificato
per i rulli HAMM per la compattazione delle terre e dell’asfalto.
Easy Drive a bordo del rullo tandem DV+:
assicura tanta libertà di movimento,
un’ergonomia ottimale e grande comfort.
Innovazioni Bauma 2016 // 37
In occasione del Bauma 2016 HAMM presenta un innovativo sistema
di comando, sviluppato completamente ex novo e denominato
Easy Drive. Lo si potrà sperimentare per la prima volta su tre diverse
serie di rulli: sui rulli tandem delle serie DV+ e HD+, nonché sui
rulli monotamburo della serie H. HAMM realizza con Easy Drive
una logica di comando unificata per i rulli per la compattazione
delle terre e dell'asfalto, adattata alle funzionalità specifiche di ogni
serie. Ciò permette alle imprese di costruzioni di far lavorare i rullisti
in modo molto flessibile con i rulli di ogni modello.
Rullo monotamburo serie H
Innovazione
Rullo tandem serie DV+
Rullo tandem serie HD+
38 // Argomento top
Sviluppato con il contributo di ricercatori e rullisti
ha realizzato: quanto più spesso si usa un comando, tanto più vicino al
joystick è posizionato. Per questo i pulsanti azionati solo raramente,
Easy Drive è il frutto di un progetto pluriennale di ricerca e sviluppo
gli indicatori di stato e i visori dei parametri di compattazione si
che ha visto HAMM collaborare con università ed esperti in ergonomia,
trovano sul cruscotto, accanto al volante. Tutti i pulsanti e indicatori
nonché con rullisti di diversi paesi. L’obiettivo: rendere la compattazione
sono abbinati cromaticamente a un gruppo funzionale (impianto
ancora più semplice e sicura e aumentarne la qualità attraverso
idrico, compattazione, trazione, spandigraniglia ecc.) – in modo
l’adozione di una nuova logica di comando. E HAMM vi è riuscita in
uniforme su tutte le serie di rulli.
modo egregio, visto che Easy Drive consente di orientarsi rapidamente
e senza stress e di manovrare i rulli HAMM in modo molto intuitivo e
Ergonomia e comfort
rilassato.
I rulli con Easy Drive offrono però ancora di più. In particolare
Pochi comandi disposti con intelligenza
un’ergonomia eccellente e un comfort ulteriormente migliorato.
La larga scaletta di accesso alla piattaforma dell’operatore ovvero
La sterzatura di tutte le macchine Easy Drive avviene per mezzo di
alla cabina rende ancora più agevole e sicura la salita e la discesa.
un classico volante, montato su di un piantone e collocato davanti al
Inoltre il sedile e il piantone dello sterzo possono essere regolati
sedile. Il rullista trova i principali comandi sul joystick e sul bracciolo
in modo che ogni rullista – sia di grande che di piccola statura, di
multifunzione. Tutto il resto è subordinato al joystick, secondo un
corporatura esile o massiccia – possa trovare una postura seduta
principio logico che finora nessun altro costruttore di rulli compattatori
comoda ed ergonomicamente corretta.
Innovazioni Bauma 2016 // 39
Il principio Easy Drive:
stesso gruppo funzionale – stesso colore.
Sul joystick e sul
bracciolo multifunzione
il rullista trova i pulsanti
per le principali funzioni.
Easy Drive – l’innovativo e intuitivo
sistema di comando
Uso intuitivo e quindi sicuro
Tempi di apprendimento e impratichimento
minimi
Logica di comando identica per tutti i modelli
di rulli
Postazione
di guida ottimizzata secondo
criteri ergonomici, adattabile a pressoché
ogni corporatura
Lavoro poco affaticante per mantenere alta
la concentrazione per molto tempo
40 // Argomento top
La classe regina nella
compattazione dell’asfalto
I rulli tandem HAMM con sterzo a ralla della serie DV+ soddisfano
i massimi requisiti di qualità in pochissimo tempo.
L’ampio sfalsamento dei tamburi
consente quasi di raddoppiare la larghezza
operativa dei rulli tandem della serie DV+
rispetto alla larghezza dei tamburi, pari a
1,5 m (DV+ 70i) o a 1,68 m (DV+ 90i).
Innovazioni Bauma 2016 // 41
Innovazione
DV+: rulli tandem per la massima qualità di compattazione
Sterzo
a ralla ad alta precisione con ampi angoli di rotazione, ampio sfalsamento dei tamburi
e quattro modalità di sterzatura
Uso sicuro e intuitivo e postazione di guida ottimizzata secondo criteri ergonomici
Intelligente impianto idrico per una ripartizione uniforme dei pesi
Visuale ottimale sulla macchina e sull’ambiente circostante il cantiere
Massima produttività grazie ai serbatoi di generose dimensioni per il gasolio e l’acqua
Al Bauma 2016 HAMM presenta la serie completa dei rulli tandem
Soluzioni motoristiche a prova di futuro
DV+. Tutti e sei i modelli dei potenti rulli compattatori con sterzo
a ralla sono altamente produttivi ed entusiasmano gli operatori
I rulli della serie DV+ sono dotati di motori modernissimi conformi
offrendo loro eccellenti condizioni di visuale e il sistema di comando
alle normative antinquinamento UE Fase IIIB/EPA Tier 4i (DV+ 90i)
Easy Drive di immediato apprendimento (trovate maggiori
o UE Fase IIIB/EPA Tier 4 (DV+ 70i). A tale scopo HAMM adotta
informazioni in merito a partire da pagina 36).
dei filtri antiparticolato diesel (FAP) che permettono di impiegare
le macchine persino nei mercati più restrittivi, come ad esempio la
Confortevole e sicura: la cabina panoramica
Svizzera o la California.
Dalla cabina panoramica totalmente vetrata il rullista ha sempre
Manti stradali di alta qualità
sott’occhio i bordi dei tamburi e il rullo pressa/tagliabordo. Inoltre
gli oblò incassati nel fondo della cabina consentono una libera
Grazie al disegno intelligente delle macchine, il peso dei rulli
visuale sui tamburi.
è sempre distribuito omogeneamente, il che costituisce una
condizione essenziale per una compattazione di alta qualità. Assicura
Compattazione non-stop
la qualità anche lo sterzo a ralla, che permette di manovrare i rulli
della serie DV+ in modo preciso e flessibile con quattro modalità
Gli innovativi rulli tandem sono progettati per garantire la massima
di sterzatura differenti. Poiché inoltre tutti i tamburi vibranti sono
produttività, fra l’altro grazie ai capienti serbatoi per il gasolio
dotati di tamburi sdoppiati e un confortevole dispositivo automatico
e l’acqua che consentono lunghi cicli di lavoro. HAMM ha reso
d’inversione consente di frenare, accelerare e invertire dolcemente
inoltre molto agevoli le operazioni di rifornimento: il rifornimento di
direzione, i rulli della serie DV+ garantiscono anche in curva che il
gasolio può essere eseguito comodamente da terra, mentre quello
manto stradale sia perfettamente planare e privo di rigonfiamenti
dell’acqua può essere eseguito in sicurezza e molto rapidamente
e avvallamenti.
grazie al sistema di rifornimento in pressione previsto di serie.
42 // Argomento top
Scalatori compatti
HAMM presenta la H CompactLine, una nuova serie
di compatti e potenti rulli monotamburo.
Il modello H 7i è lungo appena 4,4 m
ed è quindi decisamente più compatto
di tutti i rulli monotamburo
paragonabili disponibili sul mercato.
Innovazioni Bauma 2016 // 43
H CompactLine: modelli compatti con buone doti
HAMM presenta per la prima volta al Bauma la H CompactLine,
una serie completamente nuova di compatti rulli monotamburo.
I modelli H 5i (4,8 t) e H 7i (6,3 t) con motore conforme alle normative
Pendenza superabile > 60%
antinquinamento UE Fase IIIB/EPA Tier 4 sono particolarmente corti.
Ciò è possibile perché HAMM ha realizzato il sistema di trazione
Forma molto compatta
adottando delle motoruote idrauliche e rinunciando all’asse
posteriore. L’innovativo sistema di trazione conferisce a entrambi
Angolo di attacco anteriore più ampio sul mercato
i rulli monotamburo un’ottima capacità di superare pendenze e
un’ampia luce libera da terra. Unitamente all’eccezionale angolo di
Ottimale visuale a tutto campo a 360 gradi
attacco anteriore, al passo ridotto e all’articolazione centrale a tre
punti ne risultano ottime doti di guida e di maneggevolezza – ideali
Basso
consumo di gasolio grazie alla modalità
ECO e al dispositivo di spegnimento automatico
del motore
per gli interventi in cantieri stretti e ripidi.
Postazione di lavoro confortevole e grande
facilità d’uso
I compatti rulli monotamburo offrono un’eccellente visuale in tutte
le direzioni. Il volante consente una libera visuale e un buon accesso
Innovazione
al cruscotto e ogni movimento della mano risulta intuitivo grazie alla
logica disposizione dei comandi. Pulsanti retroilluminati con simboli
univoci permettono di usare i comandi senza esitazioni anche
durante le ore notturne. Inoltre la comoda scaletta di accesso, il
sedile regolabile individualmente e la cabina con finestrini divisibili
ad ampia apertura creano condizioni di lavoro molto gradevoli.
Perfetta per il noleggio
HAMM propone tra le altre cose numerose opzioni per attrezzare
la serie H CompactLine ad hoc per il noleggio. Vi rientrano
un’interfaccia telematica, fasce a piede di montone, un raschiatore
combinato specifico per tamburi lisci con o senza fasce a piede di
montone, luci a LED a basso consumo o il dispositivo di spegnimento
automatico del motore per ridurre il consumo di gasolio.
I rulli monotamburo della serie H CompactLine sono
disponibili con tamburo liscio, con fasce a piede di
montone o con tamburo a piede di montone. Il modello
H 7i è inoltre disponibile anche con un tamburo VIO.
44 // Argomento top
Molto più che
compattatori
I rulli monotamburo HAMM con tamburo frantumatore VC sono in grado
di frantumare e compattare materiali rocciosi in una sola passata.
Innovazione
Innovazioni Bauma 2016 // 45
Al Bauma 2013 il rullo monotamburo H 25i VC pesante 25 t era
l’efficienza, ad esempio nella costruzione di rilevati in vari strati di
esposto ancora come prototipo. Oggi è maturato e viene prodotto
materiale lapideo sciolto. Altrettanto interessante è la prefrantumazione
in serie. Il suo cuore è costituito dal tamburo frantumatore VC
o l’allentamento della roccia nei lavori di sbancamento per la
(Vibration Crusher), largo 2,22 m e dotato di 150 denti che frantumano
realizzazione di tracciati stradali o ferroviari. In tutti questi casi i rulli
il materiale roccioso con carichi concentrati molto elevati, mentre il
monotamburo VC snelliscono i processi perché diminuisce il numero
tamburo vibrante compatta il materiale.
di macchine e trasporti necessari. Ne conseguono dunque sia un
miglioramento del bilancio ambientale che una riduzione dei costi.
Con il rullo monotamburo heavy duty, capace di superare con
disinvoltura persino pendenze superiori al 60%, è possibile aumentare
H 25i VC – predisposto
per gli impieghi gravosi
Pendenza superabile > 60%
ambio semplice dell’utensile
C
grazie al sistema di cambio
rapido VC
Robusto grazie all’adozione di
componenti heavy duty
Ottimizza il processo di
frantumazione e compattazione
Impiegabile sia come tamburo
frantumatore che come tamburo
a piede di montone
46 // Argomento top
Macchine
polivalenti su
ruote in gomma
HAMM amplia la propria gamma di prodotti
con nuovi rulli gommati GRW 180i.
L’innovazione Bauma 2016 presentata da HAMM nel settore dei rulli gommati
si chiama GRW 180i. Comandi, funzionalità e design sono identici a quelli dei
modelli GRW 280 e GRW 280i. Le differenze consistono soprattutto nella
motorizzazione e nel peso. I nuovi rulli sono dotati di un motore turbodiesel
di 3,6 l con catalizzatore DOC, in grado di erogare 55,4 kW e conforme alle
normative antinquinamento UE Fase IIIB/EPA Tier 4. Il peso operativo di base,
pari a 10 t o a 12 t, può essere aumentato in modo flessibile zavorrando il rullo
fino a un peso massimo di 18 t.
Per i modelli GRW 180i e GRW 280/280i HAMM propone a tale scopo elementi
di zavorra prefabbricati in vari materiali che possono essere introdotti con
facilità nel vano zavorra per mezzo di un carrello elevatore. Offrono ancora
più margine di libertà i nuovi contenitori speciali HAMM che possono essere
riempiti a piacimento. Più flessibile di così non si può!
GRW 180i: rulli gommati con cabina panoramica
Ottime condizioni di visuale
Ampia e confortevole cabina/piattaforma dell’operatore
Comandi semplici e autoesplicativi
Manutenzione rapida e agevole
Innovativo sistema di zavorratura flessibile
Innovazioni Bauma 2016 // 47
Innovazione
48 // Argomento top
Un grande incassatore dalle
prestazioni convincenti
KLEEMANN presenta il nuovo MOBICONE MCO 11 PRO
per l’impiego in cava.
Innovazioni Bauma 2016 // 49
Il MOBICONE MCO 11 PRO è il primo rappresentante della nuova generazione
di frantoi a cono semoventi KLEEMANN destinati agli impieghi in cava. In fase
di sviluppo del nuovo modello l’attenzione è stata focalizzata sui seguenti
aspetti: grande produttività e robusto design, ottima trasportabilità e buona
accessibilità per la manutenzione, nonché massima sicurezza sul lavoro.
Il modello MCO 11 PRO è dunque perfettamente attrezzato per fronteggiare
le gravose condizioni operative in cava.
Impianto con baricentro basso e di facile manutenzione
Innovazione
L’MCO 11 PRO è stato progettato per venire incontro alle esigenze degli utenti.
Totalmente inedita in questa classe di macchine è la disposizione del propulsore
sotto l’unità di alimentazione. L’accessibilità da terra dei componenti soggetti
a manutenzione facilita gli interventi manutentivi e aumenta la sicurezza sul
lavoro. Il baricentro basso ottenuto in tal modo non solo migliora l’equilibrio
dell’impianto complessivo, ma riduce anche rumorosità e vibrazioni. L’adozione
di cofani ampi ma leggeri consente di proteggere in sicurezza i punti
tecnicamente sensibili senza limitarne l’accessibilità in caso di manutenzione.
Motore diesel-elettrico potente e parco nei consumi
L’MCO 11 PRO è spinto da un potente motore diesel-elettrico. Il propulsore
vanta consumi particolarmente contenuti e permette di far funzionare l’impianto
con un’alimentazione elettrica esterna. Per la manutenzione è raggiungibile in
sicurezza per mezzo di ampie piattaforme aeree. Le operazioni di rifornimento
del gasolio e dell’AdBlue®/DEF possono essere eseguite agevolmente da terra.
Per un utilizzo continuo il frantoio è dotato del CFS (Continuous Feed System),
che provvede ad alimentarlo ininterrottamente. Così l’MCO 11 PRO ha una
capacità produttiva che può arrivare fino a 470 tonnellate all’ora.
Facile trasportabilità e rapida messa in servizio
Nel trattamento di inerti naturali in cava la trasportabilità degli impianti di
frantumazione ricopre un ruolo sempre più importante, con conseguente
aumento dell’incidenza dei costi di trasporto. Il MOBICONE MCO 11 PRO
vanta dimensioni di trasporto ideali, senza che sia necessario smontare parti
per il trasporto. Persino nella versione full optional l’MCO 11 PRO è pronto
all’uso in meno di 30 minuti grazie alle funzioni di ripiegamento a comando
idraulico.
50 // Argomento top
Frantoio a cono MOBICONE MCO 11 PRO:
convincenti caratteristiche salienti
Brevi tempi di riattrezzaggio grazie al
Livello di riempimento
semplice meccanismo di scorrimento
ottimale grazie
dell’unità di alimentazione
all’alimentazione
continua del frantoio
per mezzo del CFS
(Continuous Feed
2
System)
1
4
3
Consumo contenuto grazie al motore
diesel-elettrico efficiente e potente
Frantoio a cono ad ampia corsa per
la massima forza di frantumazione
Controllo semplice e intuitivo delle funzioni
tramite touch panel da 12” con guida a menu
Innovazioni Bauma 2016 // 51
Nuova serie KLEEMANN PRO
KLEEMANN ha introdotto di recente la generazione EVO, una linea di frantoi destinati al mercato
Contractor che si distinguono per un sistema di comando unificato, per la capacità di comunicare
tra loro mediante accoppiamento in linea e naturalmente per l’aumentata produttività ed economia
d’esercizio. Ora l’innovativa azienda produttrice di impianti di frantumazione e vagliatura semoventi
lancia la generazione PRO, progettata per rispondere alle specifiche esigenze dei gestori di cave e
caratterizzata da un elevato livello prestazionale. La serie PRO è sinonimo di vero progresso, visto
che tutti i componenti dell’impianto sono stati sviluppati ex novo. Il primo modello di questa serie
è il frantoio a cono semovente MOBICONE MCO 11 PRO.
6
Il MOBICONE MCO 11 PRO
a colpo d’occhio
Largo e robusto nastro
5
apacità produttiva:
C
fino a ca. 470 t/h
di scarico principale
Pezzatura in alimentazione:
max. 250 mm
Ingresso frantoio:
1100 mm di diametro
7
Comodo settaggio automatico
dell’apertura mascelle tramite touch panel
istema di propulsione:
S
diesel-elettrico
8
Facile trasportabilità grazie ai nastri
otenza motrice
P
(Fase IIIA/Tier 3): 371 kW
9
ripiegabili idraulicamente
Sicurezza ed ergonomia garantite dal
design pulito e funzionale della macchina
Peso in assetto di trasporto:
ca. 48 t
52 // Argomento top
Innovazione
La chiave per una maggiore
sicurezza
Il sistema di sicurezza KLEEMANN Lock & Turn permette di eseguire la
manutenzione dei frantoi a urto MOBIREX EVO2 senza correre pericolo.
Innovazioni Bauma 2016 // 53
54 // Argomento top
Durante l’impiego di un frantoio a urto il rotore deve essere bene
accessibile. Da un lato perché le parti d’usura sono soggette a
forti sollecitazioni e soprattutto i martelli vanno sostituiti di tanto
in tanto. E dall’altro perché anche in caso di inceppamento del
frantoio si deve lavorare direttamente sul rotore. Finora l’accesso
all’unità di frantumazione non era protetto da ripari interbloccati
e poteva pertanto essere causa di infortuni in caso di avviamento
incontrollato del rotore. Per questo KLEEMANN ha introdotto
Lock & Turn, un sistema di sicurezza per il frantoio a urto MOBIREX
EVO2 che riduce al minimo tali rischi d’infortunio bloccando in
qualsiasi posizione e in modo sicuro il rotore pesante 4 t.
Sistema di sicurezza superiore
Il sistema è superiore ai precedenti dispositivi di sicurezza
poiché consente la rotazione manuale del rotore senza che
l’operatore dell’impianto debba trovarsi nella zona pericolosa.
In questo modo il lavoro diventa non solo più sicuro, ma anche
più confortevole.
Un innovativo sistema di interblocco a
trasferimento di chiave impedisce manovre
errate
Ciò è reso possibile da un innovativo sistema di interblocco a
trasferimento di chiave – un meccanismo di sicurezza che non
può essere aggirato. Dispositivi di ritenuta meccanici inibiscono
l’accesso alle zone pericolose costituite dal carter della cinghia di
trasmissione, dalla camera di frantumazione e dallo sportello di
manutenzione. Per accedere a queste zone sensibili del frantoio
si deve rispettare tassativamente la sequenza di operazioni di
seguito descritta.
Innovazioni Bauma 2016 // 55
1 // Per poter immobilizzare il rotore, l’operatore attiva innanzi tutto
il comando “bloccaggio del rotore” sul touch panel di controllo
dell’impianto.
2 // In questo modo viene sbloccato il dispositivo di blocco e rotazione
del rotore, che può essere quindi ruotato con una manovella che
aziona la corona dentata della puleggia del frantoio. A questo
punto il rotore è bloccato in modo sicuro in posizione.
3 // Poi si deve infilare un utensile ausiliario nella stazione di abilitazione
del sistema, in modo da poter accedere alle chiavi per aprire i ripari
di accesso alle zone pericolose. Se si prelevano le chiavi, l’utensile
ausiliario non può più essere sfilato e non è quindi possibile rilasciare
il dispositivo di blocco – il rotore rimane pertanto immobilizzato.
4 // Una delle chiavi riguarda la sicurezza della camera di frantumazione.
Il relativo riparo può essere aperto solo infilando la chiave nella
serratura. A riparo aperto la chiave non può essere sfilata e si può
rimuovere in sicurezza il materiale che ha causato l’inceppamento
del frantoio, poiché il rotore non può muoversi all’improvviso.
5 // Il sistema di sicurezza aumenta anche il comfort. Con la manovella
sul dispositivo di blocco e rotazione del rotore l’operatore può
infatti far ruotare il rotore senza mettersi in pericolo, portandolo
nella posizione ottimale per il cambio dei martelli.
6 // Una volta terminata l’operazione di cambio dei martelli o eliminato
l’inceppamento del frantoio, l’operatore ripone tutte le chiavi nel
dispositivo di blocco e rotazione del rotore, riporta quest’ultimo con
la manovella nella posizione iniziale e rimuove l’utensile ausiliario.
A questo punto il frantoio può essere riavviato.
56 // Argomento top
Il futuro della stesa
dell’asfalto colato
La nuova bonza per asfalto colato BENNINGHOVEN GKL SILENT
è così silenziosa che può lavorare anche di notte.
Innovazioni Bauma 2016 // 57
Innovazione
L’obiettivo era
chiaramente definito:
dovevamo sviluppare,
progettare e fabbricare
una bonza per
asfalto colato con
agitatore orizzontale,
azionamento elettrico
diretto, funzione di
ribaltamento elettrica,
portello di riempimento
elettrico, portello
di scarico riscaldato
elettricamente e
bruciatore a gasolio,
rinunciando a qualsiasi
componentistica
idraulica.
Heiko Steidl,
responsabile
della divisione
Tecnologia di
produzione
dell’asfalto colato
BENNINGHOVEN
58 // Argomento top
I requisiti imposti alla lavorazione dell’asfalto colato stanno
diretto e continuo dell’albero agitatore, la bonza GKL SILENT
diventando sempre più severi – in particolare per quanto riguarda
raggiunge un livello di pressione sonora di 60 dB a 7 m di distanza.
l’impatto sull’ambiente di lavoro in termini di emissioni sonore e
Le emissioni sonore corrispondono a quelle di un televisore a volume
la sicurezza sul lavoro. BENNINGHOVEN presenta ora una vera
d’ascolto normale. Sono pertanto possibili anche interventi notturni
innovazione che è in anticipo sui tempi: la GKL SILENT (la sigla “GKL”
e in aree sensibili – ad esempio in cantieri urbani, nelle immediate
sta per “Gussasphaltkocher liegend”, ossia bonza per asfalto colato
vicinanze di ospedali o in zone residenziali. La nuova bonza annuncia
con mescolatore orizzontale) è disponibile con agitatore disposto
dunque la fine dei temuti motori diesel scoppiettanti ampiamente
orizzontalmente in versioni fino a 10 m³ di volume e può essere
diffusi nella tecnologia di trasporto dell’asfalto colato, finora poco
allestita sia su autocarro che su telai di rimorchi e semirimorchi.
innovativa.
Oltre al design moderno sono presenti tutti gli aspetti importanti
per la cassa di previdenza di categoria, come la protezione contro
L’obbligo di documentazione è soddisfatto
le cadute dall’alto, l’ergonomia e la compatibilità ambientale.
Ma l’innovazione BENNINGHOVEN è molto più che soltanto
Silenziosa come un televisore a volume d’ascolto
normale
silenziosa. Con accessori a richiesta, come il bocchettone elettrico,
la lubrificazione centralizzata, il portello di scarico riscaldato
elettricamente e tanto altro ancora, la bonza per asfalto colato è
Grazie alla rinuncia a componenti idraulici e all’adozione di un
il punto di riferimento e costituisce un vero valore aggiunto per
generatore di corrente estremamente silenzioso per l’azionamento
l’impresa di costruzioni stradali. Tra le sue caratteristiche salienti
La GKL SILENT si presta in modo eccellente alla
preparazione omogenea dell’asfalto colato e ne garantisce
la miscelazione ottimale durante il trasporto.
La GKL SILENT è gestita da un’elettronica
di controllo molto avanzata.
Innovazioni Bauma 2016 // 59
va annoverato anche il quadro elettrico ad armadio appositamente
sviluppato. Per il controllo vi è integrato un display multifunzione
per la visualizzazione di tutti i parametri rilevanti del processo.
È possibile richiamare continuamente i dati in tempo reale per
mezzo di una stampante di ricevute o della tecnologia Webfleet.
Nel portale Webfleet i dati possono essere monitorati in tempo
reale o conservati per la successiva archiviazione. Così il trasporto
dell’asfalto colato viene documentato in tutte le sue fasi ed è
soddisfatto l’obbligo di documentazione che sarà richiesto in futuro
(già in vigore nel territorio comunale di Berlino, in Germania).
Caratteristiche salienti della bonza per asfalto colato
BENNINGHOVEN GKL SILENT
Con la bonza GKL SILENT, l’innovazione brevettata da BENNINGHOVEN,
è possibile eseguire gli interventi di stesa dell’asfalto colato anche di notte.
Grazie
all’azionamento elettrico diretto non vengono più prodotte fastidiose
emissioni di rumore.
La possibilità di monitorare costantemente i dati per mezzo dell’innovativa
tecnologia Webfleet assicura al cliente la massima qualità del prodotto e
soddisfa l’imminente obbligo di documentazione (già in vigore nel territorio
comunale di Berlino).
60 // Argomento top
Conglomerato bituminoso
prodotto per il
90 + X%
da materiale di riciclo
Il generatore di gas caldo a controcorrente BENNINGHOVEN
è già oggi in linea con le normative di domani.
L’uso efficiente e responsabile delle risorse sta assumendo sempre
più importanza – anche e proprio nel settore delle costruzioni
stradali. In questo ambito il riciclaggio del fresato d’asfalto
ricopre un ruolo sempre più rilevante. Le quantità auspicate di
conglomerato bituminoso di recupero aggiunto sono sempre più
spesso superiori al 90%. La sfida consiste nel portare il materiale
di riciclo alla temperatura di lavorazione ottimale di 160 °C,
contenendo le emissioni nel range normale e senza bruciare il
bitume in esso contenuto – questo anche in considerazione del
fatto che in futuro entreranno in vigore normative antinquinamento
e valori limite sempre più severi.
La soluzione rispettosa dell’ambiente a prova di futuro e
d’investimento proposta da BENNINGHOVEN per rispondere
a questi obiettivi apparentemente contrastanti è il generatore
di gas caldo. Anche in questo caso il materiale di riciclo
esattamente come gli aggregati vergini vengono riscaldati da un
bruciatore EVO JET, ma indirettamente in un tamburo parallelo
a controcorrente. A seconda della qualità del materiale di riciclo
utilizzato, questa tecnologia permette di aggiungere quantità di
fresato in percentuali superiori al 90%.
Innovazioni Bauma 2016 // 61
Innovazione
62 // Argomento top
Caratteristiche salienti del generatore di gas caldo
BENNINGHOVEN
La sezione trasversale della cappa dei fumi è stata
Economico:
la percentuale di materiale di riciclo aggiunto
può essere aumentata in misura significativa – a seconda
della qualità a oltre il 90 + X%. Ciò costituisce un vero valore
aggiunto.
Grande
efficienza energetica: diminuisce il fabbisogno totale
di energia per il funzionamento dell’impianto.
Ecologico:
grazie all’utilizzo di un generatore di gas caldo le
emissioni sono decisamente inferiori al range normale.
scelta in modo tale che i fumi di scarico ascendenti
defluiscano molto lentamente e trascinino quindi
con sé meno particolato possibile.
Innovazioni Bauma 2016 // 63
Dati e fatti relativi al generatore di gas caldo con tamburo parallelo a controcorrente
Riscaldamento del materiale di riciclo: 160 °C
Temperatura dei gas di scarico:
100 °C
Temperatura degli aggregati vergini aggiunti:
160 °C
Temperatura finale del conglomerato:
160 °C
Percentuale di materiale di riciclo aggiunto:
90 + X%
Trattamento del fresato d’asfalto
energeticamente efficiente e rispettoso
dell’ambiente
Il bruciatore EVO JET può essere alimentato come
di consueto con vari combustibili e fornisce l’energia
termica necessaria per l’essiccazione e il riscaldamento
dei materiali di riciclo. Anche l’aria calda generata viene
A differenza dei classici sistemi di riciclaggio in
miscelata intensamente in controcorrente con l’aria di
tamburo parallelo, con il riscaldamento indiretto a
ricircolo. Durante tale processo gli idrocarburi (“Ctot”)
gas caldo si impiegano dei tamburi paralleli a flusso
provenienti dall’aria di ricircolo vengono eliminati
controcorrente, attraverso i quali il materiale viene
pressoché completamente.
convogliato in direzione opposta a quella della
sorgente di calore. Di conseguenza la temperatura
Il generatore di gas caldo BENNINGHOVEN rappresenta
di 160 °C in uscita corrisponde alla temperatura
quindi un contributo efficace ai fini dell’efficienza
dell’ulteriore lavorazione, mentre la temperatura dei
energetica, dell’economicità e della tutela ambientale
gas di scarico è di soli 100 °C circa, ma rimane al di
attiva. ///
sopra del punto di rugiada. Questa tecnologia offre
dunque vantaggi importanti ai gestori di impianti per
il confezionamento di conglomerati bituminosi: nel
classico sistema di riciclaggio con tamburo parallelo in
flusso equicorrente la temperatura è limitata a 130 °C
per via delle emissioni allo scarico prodotte, ma per
ragioni fisiche le temperature dei gas di scarico sono
superiori, con conseguente aumento del consumo di
energia e del carico di lavoro del depolveratore. Inoltre
per raggiungere una temperatura del conglomerato di
160 °C occorre surriscaldare i minerali bianchi.
64 // Job report // Germania
Berlino
Paesi Bassi
Germania
Campo di aviazione militare di Büchel
Repubblica Ceca
Francia
Svizzera
Austria
Rifacimento della pista della base aerea di Büchel // 65
Il WIRTGEN GROUP
rimette in sesto
una base aerea
Rifacimento del manto d’usura del campo di aviazione militare di Büchel
con tecnologie di quattro marchi del WIRTGEN GROUP.
Germania // Büchel
La potenza concentrata del WIRTGEN GROUP all’opera presso il campo di aviazione militare
di Büchel: una quindicina di macchine WIRTGEN, VÖGELE e HAMM e tre impianti di confezionamento
BENNINGHOVEN hanno rifatto il manto d’usura, consegnando la pista di decollo e atterraggio
entro il termine previsto e in qualità impeccabile. Ne hanno posto le basi una logistica di cantiere
programmata minuziosamente, l’affidabilità e la precisione dei macchinari utilizzati e l’impegno
profuso dalle imprese di costruzioni coinvolte nel progetto.
66 // Job report // Germania
Un nuovo manto d’asfalto per i caccia Tornado
Presso l’aeroporto militare di Büchel, sito sulle alture
dell’Eifel, si registrano ogni mese mediamente 200 decolli
e atterraggi di caccia Tornado, ai quali si aggiungono i voli
di grandi aerei da trasporto. Dopo ben dieci anni di servizio
e diversi inverni rigidi, sulla pista di decollo e atterraggio
si delineava l’imminente pericolo di “Foreign Objects
Damage” (FOD). Si tratta del danneggiamento di un aereo
causato da oggetti estranei, ad esempio i sassolini che si
staccano dall’asfalto e vengono risucchiati dalle turbine
degli aeromobili, danneggiandone i motori. Per questo i
FOD sono temuti dai gestori di aeroporti.
Dopo che a Büchel erano stati trovati sulla pista di decollo
alcuni frammenti sciolti di diametro fino a 5 cm, si è
immediatamente iniziato a programmare l’intervento di
ripristino dello strato d’usura in conglomerato bituminoso,
spesso 4,5 cm circa e ricoperto di un manto antiskid da
0,5 cm. Nel corso della progettazione gli ingegneri dello
studio tecnico Brenner di Hennef, Germania, hanno preso
in considerazione diverse varianti di ripristino. Alla fine si è
optato per il rifacimento dello strato d’usura con splittmastix
asphalt. Rispetto ai conglomerati bituminosi convenzionali
usati per i tappeti d’usura, questo materiale da costruzione
stradale offre un coefficiente d’attrito decisamente
superiore, vanta una buona durabilità e un’elevata resistenza
alle deformazioni permanenti.
Rifacimento della pista della base aerea di Büchel // 67
Dati del cantiere
Rifacimento del manto d’usura della pista di decollo e atterraggio del campo di aviazione militare di Büchel, in Germania
Lunghezza dell’intervento: ca. 2250 m
Materiale
Larghezza dell’intervento:
ca. 46 m
Strato d’usura:
SMA 0/11 S con 25/55 PmB
Area totale:
ca. 103 0 00 m²
e 4 kg di fibre cellulosiche per t
Quantità posta in opera: ca. 10 000 t in quattro giorni
Parametri operativi
Macchine e impianti utilizzati
Scarificatrici
Profondità di fresatura fine:
10 mm
2 scarificatrici a freddo WIRTGEN W 210i
Massa fresata:
ca. 2100 t
con tamburo di fresatura fine LA 6
Profondità di fresatura standard:
3,5 cm
Scarificatrice a freddo WIRTGEN W 250
Massa fresata:
ca. 8400 t
con tamburo fresante da 3,8 m
Consumo di acqua totale:
ca. 60 000 l/giorno
Finitrice stradale VÖGELE SUPER 2100-3i con il banco SB 250 TV
Finitrici stradali
Finitrice stradale VÖGELE SUPER 2100-2 con il banco SB 250 TV
Larghezza di stesa 1a e 4a strisciata:
ca. 11,25 m
Alimentatore VÖGELE PowerFeeder MT 3000-2i
Larghezza di stesa 2a e 3a strisciata:
11,5 m ciascuna, Alimentatore VÖGELE PowerFeeder MT 1000-1
stesa “caldo a caldo”
Pendenza trasversale:
ca. 1,4%
2 rulli HAMM HD+ 90
Spessore dello strato:
4 cm
2 rulli HAMM HD+ 110
2 rulli HAMM HD+ 120
Rullo HAMM HD+ 120 OV
Impianti di confezionamento
Impianto di Boppard:
140 t/h
Impianto di Ürzig:
160 t/h
Impianto di Niederwörresbach: 140 t/h
3 rulli HAMM HD 90 OV
Impianto di confezionamento BENNINGHOVEN BA 3000
2 impianti di confezionamento BENNINGHOVEN BA 4000
68 // Job report // Germania
Grazie alla ridotta interlinea dei
tamburi di microfresatura si ottengono
superfici con una rugosità molto bassa e
una tessitura superficiale fine.
Poiché la cabina può essere spostata sia verso destra che
verso sinistra oltre la linea dello zero e può essere ruotata
di 110° in entrambi i sensi, a prescindere dalla sua
posizione di traslazione laterale, l’operatore della W 210i
ha sempre una libera visuale sulla zona di lavoro – anche
in retromarcia.
Rifacimento della pista della base aerea di Büchel // 69
Lavorando a profondità di
fresatura ridotte, le macchine
utilizzano uno solo dei loro
due motori. Ciò permette
di risparmiare parecchio
­carburante.
Dieter Klein, amministratore della
DKS Gesellschaft für Fahrbahnsanierungen
(Società per il risanamento delle pavimentazioni)
Le scarificatrici WIRTGEN attrezzate con tamburi di
microfresatura hanno svolto un lavoro di precisione
I lavori sono iniziati con l’asportazione del manto bituminoso ammalorato
mediante scarificatrici a freddo WIRTGEN in due fasi distinte: i primi
5 – 10 mm superficiali erano intrisi del materiale antiskid e dovevano
essere pertanto smaltiti separatamente. Per questo lo strato superiore
è stato fresato con tamburi di microfresatura esattamente fino a 10 mm
di profondità, quanto basta per rimuovere integralmente lo strato
antiskid e contenere al minimo possibile il volume di rifiuti speciali.
Un compito su misura per le scarificatrici WIRTGEN modello W 210i,
entrambe dotate di un tamburo per microfresatura con 1008 denti,
ripartiti su una larghezza operativa di 2 m.
Per la riuscita di un tale lavoro di precisione è naturalmente decisiva
una livellazione precisa. Sulle grandi scarificatrici vi provvede il
moderno automatismo di livellazione LEVEL PRO: la regolazione in
altezza avviene per mezzo dei cilindri di sollevamento dei carri cingolati
anteriori e posteriori, tutti interconnessi idraulicamente. Quando
uno dei cingoli passa sopra un dosso o una sacca, gli altri tre cingoli
compensano automaticamente il dislivello generatosi. Il principio delle
quattro sospensioni oscillanti fa sì che la macchina assuma sempre
automaticamente un assetto parallelo al fondo stradale.
70 // Job report // Germania
La grande scarificatrice W 250 ha operato
con un tamburo fresante largo 3,8 m
Le due scarificatrici di grossa taglia, ciascuna con 537 kW di potenza
a bordo, hanno fresato l’asfalto avanzando a una velocità enorme
di 25 m/min circa, seguite da una scarificatrice a freddo ancora
più grande ma quasi altrettanto veloce: una W 250 dotata di un
tamburo fresante largo ben 3,8 m. Quest’ultima ha asportato
lo strato d’usura restante per uno spessore di 3,5 cm circa.
A proposito: ciascuna delle tre scarificatrici a freddo ha a bordo
due motori diesel. Il principio: un motore è sempre in funzione per
azionare tutti i gruppi funzionali, mentre il secondo viene attivato
solo se necessario.
Una particolare sfida è consistita nel provvedere a un sufficiente
approvvigionamento di acqua. L’acqua viene iniettata nel cassone
del tamburo fresante per legare la polvere e raffreddare i
denti. Su ciascuna delle grandi scarificatrici due barre irroratrici
indipendenti assicurano un raffreddamento ottimale dei denti,
grazie alla pressione idrica variabile in funzione della potenza
e alla quantità d’acqua regolabile in continuo. Per tutte e tre le
scarificatrici erano necessari circa 60 000 litri d’acqua al giorno –
una quantità certamente inusuale. Una volta terminati i lavori di
fresatura del manto bituminoso per un totale di 103 000 m² dopo
soli quattro giorni, le finitrici VÖGELE e i rulli HAMM si sono messi
all’opera per stendere e compattare il nuovo strato d’usura.
103 000 m2 in quattro giorni:
durante l’intervento di fresatura
del manto bituminoso le
scarificatrici WIRTGEN di grossa
taglia hanno svolto un lavoro
impeccabile.
Rifacimento della pista della base aerea di Büchel // 71
72 // Job report // Germania
Due finitrici VÖGELE hanno steso a caldo in
strisciate adiacenti una fascia larga 23 m
Per la stesa del nuovo strato d’usura in conglomerato
bituminoso l’impresa appaltatrice Juchem Asphaltbau ha
portato a Büchel macchine di prim’ordine: due finitrici
VÖGELE modello SUPER 2100-2 e SUPER 2100-3i,
ciascuna dotata di un banco rigido SB 250 TV largo 11,5 m.
Per ottenere una stesa continua e la massima qualità del
nuovo manto d’asfalto, ogni finitrice era preceduta da un
alimentatore VÖGELE. La più giovane delle due finitrici, la
SUPER 2100-3i, era stata consegnata solo poche settimane
prima alla Juchem Asphaltbau e nel campo di aviazione era
abbinata per la prima volta a un banco rigido. In una sola
giornata è stato posto in opera lo strato d’usura sulla fascia
esterna destra della pista lunga 2,3 km. Il secondo giorno la
SUPER 2100-3i e la SUPER 2100-2 si sono rimesse all’opera
coadiuvate ciascuna da un alimentatore VÖGELE.
La coppia di finitrici ha offerto uno spettacolo impressionante,
visto che le due finitrici hanno prodotto “caldo a caldo”,
con una velocità di avanzamento compresa tra i 2,5 e i
4 m/min, una fascia asfaltata larga complessivamente 23 m
senza giunto longitudinale al centro. Questo aspetto è
importante per la durabilità del manto d’usura nella zona
centrale maggiormente sollecitata della pista di decollo e
atterraggio. Infine la SUPER 2100-3i con alimentatore ha
asfaltato da sola la fascia esterna sinistra della pista, sempre
con una larghezza operativa di 11,25 m. Così la pista larga
46 m è stata ricoperta di un nuovo manto bituminoso con
una pendenza trasversale costante dell’1,4% e soli due
giunti longitudinali molto distanti dalla mezzeria.
Rifacimento della pista della base aerea di Büchel // 73
74 // Job report // Germania
Grazie a elementi estensibili idraulici possiamo realizzare
anche con i banchi rigidi qualsiasi larghezza operativa
intermedia – una soluzione molto pratica.
Markus Stumm, direttore dei lavori
Juchem Asphaltbau GmbH & Co. KG
Estensioni idrauliche VÖGELE:
flessibilità per i banchi rigidi
Le estensioni idrauliche VÖGELE permettono
di variare fino a 1,5 m la larghezza operativa
dei banchi rigidi come l’SB 250 TV. Questa
tecnologia combina i vantaggi dei banchi rigidi
con quelli dei banchi estensibili. In questo
modo i banchi rigidi grazie alla loro elevata
stabilità non solo sono in grado di lavorare a
grandi larghezze, ma restano nel contempo
flessibili.
Estensioni idrauliche per i lati destro e
sinistro dei banchi rigidi SB 250 e SB 300
Larghezza di estensione 0,75 m su ogni lato
(per un totale di 1,5 m)
Disponibili nelle varianti del banco TV
(tamper e vibrazione), TP1 (tamper e una
barra di compattazione), TP2 (tamper
e due barre di compattazione) e TVP2
(tamper, vibrazione e due barre di
compattazione)
Riscaldamento elettrico delle piastre
rasatrici, del tamper e delle barre di
compattazione
Rifacimento della pista della base aerea di Büchel // 75
Finitrice e alimentatore: una squadra perfetta
conglomerato. È corresponsabile della qualità anche l’affidabile e
robusto sistema di controllo della distanza tra la finitrice e l’alimentatore.
Un importante fattore di successo nella stesa di grossi quantitativi
A tale scopo il PowerFeeder VÖGELE è dotato di un sistema costituito
di conglomerato bituminoso è la collaborazione tra finitrice e
da tre laser distinti installati sul lato inferiore del nastro trasportatore.
alimentatore. Oltre a un alimentatore VÖGELE MT 1000-1, a
Così la distanza tra l’alimentatore e la finitrice rimane sempre costante.
Büchel è stato impiegato anche un PowerFeeder MT 3000-2i che
La protezione anticollisione aumenta ulteriormente la sicurezza.
la ditta Werwie aveva portato in cantiere da Konz unitamente a
In caso di pericolo di tamponamento ferma la finitrice in modo da
una SUPER 2100-2. Questo alimentatore ad alta portata convince
evitare una possibile collisione.
per l’enorme capacità della tramoggia di carico del conglomerato:
insieme alla finitrice è in grado di immagazzinare fino a 40 t di
76 // Job report // Germania
Con l’oscillazione si arriva prima al traguardo
Un terzo dei rulli impiegati nel progetto a Büchel era dotato
Il principio dell’oscillazione
di un tamburo oscillante. Questa tecnica di compattazione
sviluppata da HAMM è un vantaggio sia nella compattazione
All’interno dei tamburi un sistema eccitatore genera un
di piccole superfici, su ponti o in autosili, sia su ampie
moto oscillante. A differenza della compattazione ad
superfici come autostrade o aeroporti.
azione vibrante non vengono trasmessi al suolo colpi
verticali. Si genera invece un moto oscillante in avanti e
indietro durante il quale il tamburo rimane continuamente
in contatto con il terreno, ma vi trasmette anche sforzi di
taglio dinamici. Ciò avviene sia durante il movimento in
avanti che durante quello all’indietro. Il rullo lavora dunque
di fatto con la doppia frequenza di compattazione.
Rifacimento della pista della base aerea di Büchel // 77
I rulli HAMM garantiscono un’elevata
resa superficiale
Dietro le due finitrici VÖGELE dieci rulli HAMM hanno
provveduto a compattare in modo impeccabile il manto
d’usura. A tale scopo le ditte Juchem e Werwie hanno
puntato su rulli articolati delle serie HD+ e HD con pesi
operativi compresi tra 9 e 12 t – di cui quattro con tamburi
oscillanti. Una caratteristica importante della serie HD+ è
certamente l’eccellente visuale dalla cabina. Nella cabina
totalmente vetrata non c’è nulla che disturba, anzi: il rullista
ha sempre sott’occhio il cantiere, la zona di lavoro e i
tamburi. Ciò contribuisce in misura significativa all’elevato
I vantaggi dell’oscillazione
livello di sicurezza dei rulli.
Ne consegue da un lato un rapido aumento della
“L’eccellente visuale a tutto campo è uno dei motivi
compattazione, il che costituisce un vantaggio specialmente
per cui i clienti noleggiano molto volentieri da noi i rulli
nel caso di strati sottili. Inoltre con l’oscillazione si evita
HAMM della serie HD+”, spiega Matthias Beckmann,
la frantumazione dei grani e si esclude il rischio di una
responsabile del parco macchine a noleggio presso la
compattazione eccessiva. E poiché i tamburi oscillanti
Werwie. Inoltre, specialmente i rulli grandi e pesanti delle
inducono costantemente nell’asfalto sforzi di taglio anziché
serie HD e HD+ impiegati a Büchel sono noti per la loro
colpi verticali, si ottengono superfici prive di irregolarità
enorme resa superficiale, che risulta dalla combinazione
che soddisfano i massimi requisiti di planarità.
di tamburi larghi di grande diametro, motori potenti e un
intelligente dispositivo d’inversione automatico. A tutto
ciò si aggiungono i serbatoi di generose dimensioni per
il gasolio e l’acqua, che consentono di lavorare un turno
intero senza dover fare soste per il rifornimento. I rulli
HAMM offrono dunque i migliori presupposti per una grande
produttività – uno dei motivi per cui sono stati impiegati sulla
pista di decollo e atterraggio dell’aeroporto di Büchel.
78 // Job report // Germania
È garantita una compattazione impeccabile
Oltre alla ripartizione dei carichi, anche l’irrorazione d’acqua
è decisiva per la qualità della compattazione. Per questo
Un’altra caratteristica importante della serie HD+ è la
HAMM ha dotato i rulli della serie HD+ di pompe efficienti
ripartizione molto favorevole dei pesi e dei carichi. Essa
che convogliano in modo preciso e affidabile la quantità
risulta soprattutto dalla posizione dell’articolazione centrale
di acqua desiderata agli ugelli. Il rullista può controllare
pressoché al centro della macchina, unitamente alla sua
in qualsiasi momento l’irrorazione d’acqua, visto che dalla
particolare cinematica, che si traduce in un’eccellente
cabina panoramica ha sempre sott’occhio le barre irroratrici
stabilità di marcia. E grazie alla ripartizione uniforme
grazie al disegno intelligente del telaio. La quantità di acqua
dei pesi, i rulli HAMM della serie HD+ producono molto
può essere comodamente variata dalla postazione di guida.
rapidamente superfici perfettamente planari, un aspetto
E, non da ultimo, l’avveduta ripartizione dell’acqua su due
particolarmente importante per i tappeti d’usura.
serbatoi intercomunicanti garantisce una distribuzione
uniforme dei pesi in ogni condizione d’esercizio.
Il sedile di guida dei
rulli della serie HD+ può
essere spostato fino al
bordo esterno della cabina
e ruotato di 90° verso
entrambi i lati.
Rifacimento della pista della base aerea di Büchel // 79
80 // Job report // Germania
EVO JET: il bruciatore combinato
usato da BENNINGHOVEN
per abbattere i costi d’esercizio
Gli impianti di confezionamento
BENNINGHOVEN del gruppo Juchem
funzionano con bruciatori EVO JET di
ultima generazione.
Si possono bruciare vari tipi di
combustibili: gasolio da riscaldamento,
gas di petrolio liquefatto, metano,
combustibili solidi come polvere
di carbone e combinazioni di vari
combustibili.
Per passare da un combustibile
all’altro basta premere un pulsante
e non occorre apportare modifiche
meccaniche al bruciatore.
A seconda del prezzo di mercato attuale
il gestore può sempre scegliere il
combustibile più conveniente, per cui
aumenta l’economicità dell’impianto.
Rifacimento della pista della base aerea di Büchel // 81
Tre impianti di confezionamento da un unico fornitore
Tre impianti di confezionamento BENNINGHOVEN del gruppo Juchem
hanno prodotto le enormi quantità di conglomerato bituminoso che si
sono rese necessarie a Büchel, ben 10 000 tonnellate in quattro giorni.
Mentre le due finitrici erano all’opera simultaneamente, gli impianti di
Ürzig e di Niederwörresbach hanno prodotto ciascuno circa 140 t di
splittmastix asphalt all’ora, mentre quello di Boppard ne produceva
ca. 160 t all’ora. Durante i quattro giorni i responsabili dei tre impianti
erano costantemente in contatto tra di loro per rifornire in continuo le
due finitrici ad alte prestazioni della giusta quantità di conglomerato
bituminoso. A tale scopo erano in servizio navetta fino a 50 camion
contemporaneamente.
Una condizione indispensabile per la buona riuscita del progetto
era che tutti e tre gli impianti producessero conglomerati di qualità
identica. Per questo la ditta Juchem ha lavorato presso tutti gli
stabilimenti materie prime provenienti dalle stesse cave e ha eseguito
numerosi controlli. Per la qualità è stata decisiva non solo la capacità
produttiva, ma anche la tecnologia degli impianti di confezionamento:
“Presso tutti e tre gli stabilimenti lavoriamo con sistemi di controllo
BENNINGHOVEN aggiornati e questo ci ha permesso di tarare con
precisione gli impianti e di produrre esattamente la miscela richiesta.
Al tempo stesso i nuovi sistemi di controllo ci hanno permesso di
risparmiare molta energia durante il confezionamento delle miscele,
con conseguente riduzione dei costi d’esercizio”, spiega il responsabile
dell’impianto Karl-Heinz Thiem.
82 // Job report // Germania
Quando un bruciatore BENNINGHOVEN funziona, funziona.
È la Mercedes tra i bruciatori!
Karl-Heinz Thiem, responsabile dell’impianto di Ürzig
Juchem GmbH & Co. KG
L’impianto di confezionamento è modernissimo
nonostante sia stato costruito nel 1986
Karl-Heinz Thiem supervisiona e controlla l’impianto BENNINGHOVEN BA 3000
presso l’impianto di Ürzig, inaugurato nel lontano 1986. È uno dei primi impianti
per il confezionamento di conglomerati bituminosi costruiti da BENNINGHOVEN.
Già all’epoca l’ultima delle società entrate a far parte del WIRTGEN GROUP realizzò
progetti visionari che si distinguono soprattutto per la loro flessibilità. Per questo
è stato possibile migliorare e integrare varie volte l’impianto con nuove soluzioni
tecniche – ad esempio con un nuovo sistema di controllo.
“Ready for take-off” dopo sole due settimane
Dopo due settimane di lavoro altamente concentrato con le macchine e gli impianti
del WIRTGEN GROUP la Juchem ha portato a termine tutte le fasi dell’impegnativo
progetto, dalla fresatura alla compattazione, rispettando appieno la tempistica
prevista. Dell’ultimazione puntuale e dell’eccellente lavoro svolto è rimasto
assolutamente soddisfatto anche il capo progetto del committente, Uwe Müller della
Landesbetrieb Liegenschaften und Baubetreuung (LBB) del Land Renania-Palatinato:
“Tutto procede come previsto e la qualità del manto bituminoso è impeccabile”.
Così l’intervento è durato appena due settimane e l’impresa esecutrice dei lavori ha
potuto consegnare il campo di aviazione entro il termine convenuto. ///
Rifacimento della pista della base aerea di Büchel // 83
84 // Job report // Nuova Zelanda
La produtt­ività è
aumentata
tanto
La società neozelandese Simcox Construction è passata
alle tecnologie di frantumazione e vagliatura KLEEMANN.
Messa in servizio di impianti di frantumazione e vagliatura // 85
86 // Job report // Nuova Zelanda
Dati del cantiere
Lavorazione di materiali lapidei in due cave nei pressi di Blenheim, in Nuova Zelanda
Materiale
Tipo di roccia: grovacca
Pezzatura in alimentazione: 0 – 400 mm
Prodotto finale: AP20, AP40, AP65*
Macchine utilizzate
Frantoio a mascelle KLEEMANN MOBICAT MC 110 Z EVO
Frantoio a cono KLEEMANN MOBICONE MCO 9 EVO
Impianto di vagliatura KLEEMANN MOBISCREEN MS 16 D
*AP: normativa vigente in Nuova Zelanda per i materiali da costruzione stradali
Messa in servizio di impianti di frantumazione e vagliatura // 87
Lavorazione della grovacca destinata alla
realizzazione di opere di protezione dei
Auckland
corsi d’acqua e pavimentazioni stradali:
gli impianti cingolati KLEEMANN al servizio
della Simcox Construction.
Wellington
Blenheim
Nuova Zelanda
Nuova Zelanda // Blenheim
Nelle cave dell’impresa di costruzioni neozelandese Simcox
Construction nella regione di Marlborough, all’estremità nordorientale
dell’Isola del Sud, sono entrati in servizio due impianti di frantumazione
e un impianto di vagliatura KLEEMANN. I responsabili Simcox sono
rimasti immediatamente colpiti dalla tecnologia ‘made in Germany’:
“La lavorazione della roccia è ora molto più rapida e anche i
tempi di fermo dei nuovi impianti sono molto più brevi rispetto a quelli
registrati con i nostri impianti precedenti”, riassume Antony Clark,
amministratore della Simcox Construction.
88 // Job report // Nuova Zelanda
Grazie alle tecnologie KLEEMANN siamo in
grado di ottenere un prodotto di prim’ordine
in pochissimo tempo.
Antony Clark, amministratore
Simcox Construction
La grovacca viene trasformata in blocchi di
­pietrame per opere di protezione dei corsi d’acqua
e in aggregati per pavimentazioni stradali
I tre impianti KLEEMANN – il frantoio a mascelle MOBICAT MC 110
Z EVO, il frantoio a cono MOBICONE MCO 9 EVO e l’impianto di
vagliatura MOBISCREEN MS 16 D – sono i primi del loro genere
in Nuova Zelanda. Nella cava qui descritta la Simcox produce due
prodotti diversi. Il primo è costituito da blocchi di pietrame con
oltre 400 mm per lato, usati direttamente per realizzare opere di
protezione dei corsi d’acqua. Per ottenere il secondo prodotto,
destinato a essere usato come materiale per strati di base per
pavimentazioni stradali, il materiale lapideo di pezzatura 0 – 400 mm
viene trattato come segue:
Nella prima fase di frantumazione il materiale di pezzatura
0 – 4 00 mm viene caricato nell’MC 110 Z EVO. La prevagliatura
viene eseguita facendo passare il materiale nel vaglio a due piani
indipendente. Il materiale prevagliato va direttamente sul nastro
di scarico principale passando per il bypass.
Nella seguente fase di vagliatura il materiale viene trasferito
dal frantoio a mascelle MC 110 Z EVO all’impianto di vagliatura
MS 16 D, dove il materiale di pezzatura inferiore a 20 mm viene
vagliato e scaricato.
Il materiale di pezzatura superiore a 20 mm viene caricato nel
frantoio a cono MCO 9 EVO per la successiva fase di lavorazione.
Nella seconda fase di frantumazione l’MCO 9 EVO frantuma il
materiale riducendone la pezzatura a 0 – 20 mm. Per la vagliatura
finale il materiale viene ritrasferito in ciclo chiuso all’impianto di
vagliatura.
Messa in servizio di impianti di frantumazione e vagliatura // 89
90 // Job report // Nuova Zelanda
3
2
L’aumentata produttività richiede un escavatore più grande
e un’ulteriore pala gommata
Dopo aver optato per KLEEMANN, la Simcox voleva mettere in servizio il più presto possibile
gli impianti. “Gary Payne della WIRTGEN Nuova Zelanda ce l’ha messa tutta ed è riuscito a farci
fornire i nuovi impianti di frantumazione e vagliatura nel giro di poche settimane”, racconta
Anthony Clark. L’amministratore è rimasto molto soddisfatto anche della messa in servizio:
“Per noi era decisivo che il primo impianto arrivasse sul posto puntualmente senza ritardare la
nostra tempistica, e il fatto che tutto si sia svolto senza intoppi ci conferma di aver puntato sul
partner giusto”. Anche le prestazioni degli impianti sono convincenti: “Il maggiore cambiamento
si è visto nell’aumentata produttività ed efficienza”. Richard Price, l’operatore dell’impianto, è
dello stesso parere: “Mi occupo ormai da oltre 30 anni della lavorazione di materiali lapidei, ma
finora non conoscevo gli impianti KLEEMANN, e ne sono rimasto assolutamente entusiasta dopo
pochissimo tempo. Le poche volte che si verifica un inceppamento del materiale gli impianti
si regolano autonomamente. Questo genere di tecnologia intelligente è grandioso, perché
Messa in servizio di impianti di frantumazione e vagliatura // 91
Prestazioni convincenti sin dall’inizio: i tre impianti
KLEEMANN durante la produzione di aggregati per strati
di base conformi alla specifica AP20.
I tre impianti KLEEMANN
collegati in serie
1. MOBICAT MC 110 Z EVO
1
Frantoio a mascelle semovente della
nuova generazione EVO, impiegabile
in modo versatile, con una capacità
produttiva massima di 300 t/h e
prevagliatura efficiente per mezzo di
un vaglio a due piani indipendente.
2. MOBISCREEN MS 16 D
Impianto di vagliatura a tre piani
semovente in esecuzione robusta
con una capacità produttiva massima
di 350 t/h, adatto per materiale in
entrata con una lunghezza massima
di 150 mm per lato.
3. MOBICONE MCO 9 EVO
Il frantoio a cono trova impiego come
impianto di frantumazione secondaria
o terziaria. Tra le sue caratteristiche
salvaguarda l’efficienza operativa degli impianti prolungandone la
salienti vanno annoverate l’eccellente
durata utile”. Ora la Simcox gestisce un volume talmente grande
possibilità di concatenazione e la
che per il caricamento del materiale si è dovuto passare da un
capacità produttiva che può arrivare
escavatore a cucchiaio da 12 tonnellate a uno da 23 tonnellate,
fino a 270 t/h.
al fine di sfruttare appieno la capacità produttiva dell’impianto.
Inoltre si è resa necessaria un’ulteriore pala gommata per asportare
gli aggregati prodotti. Così nel giro di pochissimo tempo si è
delineato che l’investimento negli impianti KLEEMANN darà i suoi
frutti. Antony Clark: “L’implementazione di queste tecnologie
rappresenta per noi un grande passo avanti”. ///
92 // Job report // Turchia
150 km di
costruzione stradale
d’avanguardia
Varie macchine VÖGELE e HAMM prendono parte al più grande
progetto infrastrutturale della Turchia.
Costruzione di 150 km di nuova autostrada // 93
94 // Job report // Turchia
Dati del cantiere
Costruzione di un tratto di 150 km della nuova autostrada O–33 lunga 427 km,
Istanbul
da Gebze a Smirne, in Turchia
Gebze
Lunghezza del tratto:
2 x 26 km più 7 km di
Materiale
bretella di collegamento
Strato di base:
conglomerato
Larghezza del tratto:
16 m
bituminoso 0/38
Parametri operativi
Strato di binder: conglomerato
bituminoso 0/25
Larghezza di stesa: 2 x 8 m, stesa “caldo a caldo”
Strato d’usura:
conglomerato
Spessore di stesa: strato di base 12 cm
bituminoso 0/16
strato di binder 11 cm
strato d’usura 4 cm
Quantità posta in opera:
Macchine utilizzate
2 finitrici VÖGELE SUPER 2100-3
Strato di base: complessivamente 300 000 t
con il banco AB 600 TV
Strato di binder:
complessivamente 270 000 t
4 rulli HAMM HD+ 110 VV
Strato d’usura:
complessivamente 100 000 t
Smirne
Costruzione di 150 km di nuova autostrada // 95
Massimo impegno per la nuova autostrada O–33:
le finitrici stradali VÖGELE e i rulli HAMM resistono
a sollecitazioni estreme.
Turchia // Regione di Marmara
Attualmente in Turchia si sta realizzando un progetto infrastrutturale
tutt’altro che ordinario. Con la costruzione della nuova autostrada
Turchia
O–33, destinata a collegare l’area metropolitana di Istanbul con Smirne
sulla costa egea, sarà ulteriormente potenziata l’infrastruttura del
Paese. Oltre a 384 chilometri di autostrada saranno realizzati anche
43 km di svincoli in conglomerato bituminoso. L’impresa di costruzioni
turca Enerji İnşaat Taahhüt Ticaret ve Sanayi A.Ş., in breve ENI, si è
aggiudicata i lavori di asfaltatura di un lotto lungo 150 km. Le squadre
di stesa hanno iniziato con un tratto lungo 26 km dell’autostrada O–33,
nel quale le macchine VÖGELE e HAMM hanno svolto un’enorme mole
di lavoro.
96 // Job report // Turchia
Questo progetto è molto
impegnativo perché la tempistica
è piuttosto stretta. Per questo
lavoriamo su tre turni. I nostri operai
beneficiano di periodi di riposo, le
macchine invece no. Ecco perché
è di importanza fondamentale che
le macchine funzionino in modo
affidabile. Facciamo affidamento al
100% sulle nostre finitrici VÖGELE
e sui nostri rulli HAMM. Perché
oltre a essere affidabili garantiscono
anche una qualità di stesa
impeccabile.
Hilmi Özdemir, direttore dei lavori
lmpresa di costruzioni ENI (Enerji İnşaat
Taahhüt Ticaret ve Sanayi A.Ş.)
Costruzione di 150 km di nuova autostrada // 97
Il pacchetto bituminoso si compone di tre strati: lo strato di base
da 12 cm, lo strato di collegamento da 11 cm e lo strato d’usura
da 4 cm, posti in opera da due finitrici cingolate SUPER 2100-3
e compattati da quattro rulli HAMM HD+ 110. I quantitativi di
conglomerato bituminoso necessari per realizzarli danno un’idea
della dimensione del progetto: per realizzare un tratto lungo 26 km
a due corsie per senso di marcia più una bretella di collegamento
lunga 7 km saranno poste in opera e compattate complessivamente
670 000 t di conglomerato bituminoso – equivalenti all’incirca a
27 000 autocarri.
Le finitrici VÖGELE lavorano “caldo a caldo”
Le due SUPER 2100-3 posano in opera tutti e tre gli strati con una
larghezza operativa di 8 m “caldo a caldo”, cioè in strisciate adiacenti.
Così si evita che venga a formarsi il giunto longitudinale tra le due
strisce di pavimentazione stese. Grazie a un potente motore Cummins
le due finitrici stradali della Highway Class hanno in ogni situazione
sufficienti riserve di potenza e sono in grado di stendere fino a
1100 tonnellate di materiale all’ora.
Le soluzioni motoristiche più avanzate
per prestazioni di stesa perfette
Tutte le finitrici stradali della generazione “Tratto 3”
sono equipaggiate con un propulsore moderno.
Anche la SUPER 1900-3 è dotata di un motore
diesel Cummins a sei cilindri moderno, potente e
assolutamente affidabile, grazie al quale è in grado
di eseguire prestazioni perfette esattamente alla
velocità di stesa richiesta. Questa precisione ha
dato un sostanziale contributo all’economicità del
maxi progetto in Turchia.
98 // Job report // Turchia
Intensa assistenza al progetto e servizio di
manutenzione sul posto: Mehmet Ali Serbest,
Marketing and Sales Manager presso la succursale
WIRTGEN Ankara (a destra) e Barbaros Yargıç,
Branch Sales Manager presso la succursale
WIRTGEN Istanbul (a sinistra) – in questa foto con
Hilmi Özdemir, direttore dei lavori presso la ENI.
L'autostrada in via di costruzione
da Gebze (una città sita a una
cinquantina di chilometri a sud-est
di Istanbul) a Smirne è il più
grande progetto infrastrutturale
nella storia della Turchia. La nuova
arteria di grande comunicazione,
con gli svincoli, avrà una lunghezza
totale di 427 km ed è uno dei
numerosi progetti infrastrutturali
d’avanguardia
des tinati
ad
ampliare la rete autostradale turca
dagli attuali 2200 km a 7500 km
nel 2023. L’autostrada comprende
anche il ponte sospeso sulla baia di
Izmit, che con i suoi 3 km circa sarà
il quarto al mondo per lunghezza.
Il progetto di costruzione sta per
essere realizzato nell’ambito di un
partenariato pubblico-privato su
incarico della Direzione Generale
Autostrade KGM (Karayollari
Genel Müdürlügü) del Ministero
turco dei Trasporti.
Costruzione di 150 km di nuova autostrada // 99
I conduttori dei rulli HD+
sono entusiasti della facilità
d’uso, della grande spaziosità
della cabina panoramica
e dell’illuminazione molto
chiara.
Barbaros Yargıç, Branch Sales Manager
WIRTGEN Istanbul
L’asfalto è stato compattato con
rulli HAMM della serie HD+, perché
la qualità è un must!
Alla rapida e impeccabile compattazione finale
dell’asfalto hanno provveduto quattro rulli tandem
HAMM modello HD+ 110 VV. Un fattore importante per
la qualità è un’efficiente impianto idrico con serbatoi
capienti e un sistema di regolazione intelligente
che adatta automaticamente l’irrorazione d’acqua
alla velocità di avanzamento del rullo. Basta dare
un’occhiata al tamburo per verificare se è impostata
la giusta quantità di acqua, perché grazie al disegno
aperto del telaio il rullista ha una libera visuale sui
tamburi e sulle barre irroratrici.
Affinché il lavoro di qualità sia anche economico, HAMM
equipaggia di serie il modello HD+ 110 con la centralina
HAMMTRONIC, preposta a gestire tutte le funzioni del
motore: monitora i motori di trazione e di vibrazione e
il regime motore, ottimizza le funzioni della macchina
e adatta l’azione vibrante e la velocità di avanzamento
alle rispettive condizioni operative. Ne risultano un
funzionamento economico e prestazioni massime. ///
Strada panoramica ER 103 da Funchal al Pico do Arieiro,
che con 1810 m è la terza vetta più elevata dell’isola portoghese di Madera.
2521072 IT/05.16

Documenti analoghi