Poviglio informa - Comune di Poviglio

Commenti

Transcript

Poviglio informa - Comune di Poviglio
Invii senza Indirizzo - Aprile 2006 - Poviglio N. 1 del 10/04/2006 - A cura Dell’amministrazione Comunale
Copia Omaggio - Poste Italiane - Tassa Pagata - Invii Senza Indirizzo - Autorizzazione Concessa Al Comune Di Poviglio N.dc/dci/3174/2003
Poviglio informa
L’amministrazione comunica in modo nuovo
Nuovo Piano di Sicurezza
Fiera di Aprile
Riapre la Mostra della Resistenza
Poviglio informa
Obiettivo: rafforzare
la comunicazione tra
Amministrazione e
Cittadinanza
300mila euro di sicurezza
Nuova illuminazione e impianti di videosorveglianza nei punti nevralgici del centro storico
Il Sindaco Stefano Carpi:
“L’Amministrazione comunica
in modo nuovo”
In totale accordo con i membri della
Giunta, ho ritenuto prioritaria l’adozione
di un piano di comunicazione organico
che consentisse all’intera cittadinaza
povigliese di mantenere uno sguardo
attento sulle molteplici attività
dell’Amministrazione, di conoscere con
regolarità e precisione le motivazioni
a supporto delle scelte degli organi di
governo locale. Affinché la comunicazione
diventi a tutti gli effetti di qualità, si è
ritenuto necessario avviare un rapporto
di collaborazione con un ufficio stampa
esterno, che garantisca la trasparenza e la
puntualità dell’informazione. L’ammontare
delle risorse impiegate è costituito in parte
da fondi dell’Amministrazione già destinati
alla comunicazione, in parte da fondi
stornati da altre attività.
Si tratta di uno strumento che crea
nuove opportunità, a disposizione
dell’Amministrazione, dei responsabili di
settore e delle associazioni di volontariato
che operano sul territorio; esplicitamente
rivolto alla cittadinanza perchè la stessa
sia informata riguardo alle attività
ed ai progetti dell’Amministrazione
Comunale, nell’augurio che ciò induca
ad una maggiore partecipazione civica e
consenta il rafforzamento dei rapporti tra
Amministrazione e organi d’informazione.
Una comunicazione precisa, puntuale e
trasparente, rappresenta uno strumento
indispensabile per migliorare il
rapporto tra istituzioni e cittadini.
Stefano Carpi
300mila euro, di cui 150 mila erogati dalla
Regione, è l’ammontare totale dei finanziamenti dedicati al Piano per la Sicurezza
in corso di implementazione a Poviglio
dall’Amministrazione in collaborazione con
il Corpo Unico della Polizia Municipale di
Poviglio e di Castelnovo Sotto.
I lavori per la realizzazione del Piano per
la Sicurezza, che prevede il rinnovo degli
impianti di illuminazione e l’introduzione di
un sistema di videosorveglianza in grado di
2
monitorare 24 ore su 24 le aree “a rischio”,
sono iniziati lo scorso dicembre e termineranno il prossimo mese di aprile. La nuova
illuminazione pubblica, in gran parte già
funzionante, interessa le vie più percorse
del centro storico della cittadina, in particolare via Repubblica, via Vittorio Emanuele, via De Amicis, via Borgo Chiuso, via
Solferino, via Galliano, e parte di via Ceci,
e le aree in corrisponedenza degli incroci più a rischio. I nuovi impianti vanno a
sostituire quelli ormai obsoleti risalenti agli
anni Sessanta, e sono costruiti nel rispetto
della legge relativa alle fonti luminose, nella
garanzia dell’aumento di sicurezza a fronte
di una diminuzione del consumo di energia
elettrica. Il sistema di videosorveglianza
comprende la messa in opera di 12 telecamere in corrispondenza dei punti nevralgici
del territorio (tra i quali: centro sportivo,
centro culturale, scuole, municipio, centro
storico). Il controllo è effettuato dalle stazioni della Polizia Municipale di Poviglio e
di Castelnovo Sotto per 12 ore al giorno in
tempo reale, e per altre 12 ore in differita,
tramite il monitoraggio quotidiano delle registazioni. Il primo cittadino di Poviglio, Stefano Carpi, dichiara: “Un’amministrazione
pubblica dimostra la sua operatività tramite
la capacità di reperire risorse e la facoltà
di interloquire con gli enti sovraordinati, in
un’ottica di collaborazione con residenti e
Poviglio informa
180.000 euro per
i nuovi spogliatoi
A fine aprile si inaugura la struttura costruita
tra la palestra e il “Pallone”
Il sistema di
videosorveglianza
comprende la messa in
opera di 12 telecamere in
corrispondenza dei punti
nevralgici del territorio
(centro sportivo, centro
culturale, scuole, municipio,
centro storico).
Il controllo è effettuato
dalle stazioni della Polizia
Municipale di Poviglio e di
Castelnovo Sotto per 12
ore al giorno in tempo
reale, e per altre 12 ore
in differita, tramite il
monitoraggio quotidiano
delle registazioni.
operatori commerciali, per meglio garantire la sicurezza della popolazione, con
una progettualità che si sviluppa anno per
anno. In quest’ottica rientra il Piano per la
Sicurezza in corso di attuazione a Poviglio
- afferma Stefano Carpi - che risponde alla
volontà di garantire la sicurezza all’intera
cittadinanza e dimostra l’assoluta fiducia
nella necessità di riqualificazione del centro
storico per renderlo sempre più vitale”.
Un nuovissimo blocco di spogliatoi
collegherà la Palestra Comunale
di Poviglio con la Tensostruttura (più comunemente chiamata
“Pallone”), anch’essa adibita ad
attività sportive. Grazie ai nuovi
spogliatoi, che saranno di servizio
specificamente alla Tecnostruttura,
viene soddisfatta la necessità per
gli sportivi di disporre di un numero
adeguato di strutture di accesso all’impiantistica legata allo sport. Essi
consentiranno, infatti, di completare
l’operazione avviata nel passato recente di ampliamento degli spazi messi a disposizione per gli sport al coperto. L’edificio, la cui costruzione è iniziata nel luglio scorso e
che si prevede sarà pronto per la seconda metà di aprile, misura una superficie totale
di 200 mq, è stato progettato da uno studio esterno altamente competente, mentre i
rilievi tecnici e gli atti per l’esecuzione sono stati interamente affidati all’Ufficio tecnico
comunale. Il totale dei fondi che l’Amministrazione povigliese ha dedicato alla realizzazione dell’edificio ammonta a 180.000 euro. Il Primo Cittadino, Stefano Carpi, dichiara:
“L’Amministrazione comunale continua ad investire nell’interesse della cittadinanza. La
cura e la miglioria delle strutture sportive assicurano che le attività a cui si dedicano le
fasce più giovani della popolazione sia svolta nel miglior modo possibile, in un’ottica di
prevenzione del disagio. La decisione di costruire il nuovo blocco di spogliatoi rientra
nell’ottica di operare affinchè sia garantita l’ottimizzazione dei servizi”.
“L’Amministrazione comunale è al servizio della cittadinanza.
La cura e la miglioria delle strutture sportive assicurano che le
attività a cui si dedicano le fasce più giovani della popolazione sia
svolta nel miglior modo possibile, in un’ottica di prevenzione del
disagio”.
3
Poviglio informa
Affinchè l’arte diventi
Tra Shakespeare e
Michelangelo, Romeo e Giulietta
Dal 15 al 17 aprile a Poviglio si svolge la Fiera dell’Arte
Intervista e Elena Viappiani, artista povigliese che presenta la sua prima personale alla Fiera dell’Arte a Aprile
“Creatività del nostro tempo - Poviglio fra arte e pubblico” è la grande etichetta assunta ufficialmente dalla Fiera d’Aprile di Poviglio,
che giunge quest’anno alla sua secoda edizione. Il nome ricalca il
titolo dell’estemporanea dell’anno passato. Dall’aspetto raro e a tratti
sublime, Creatività del nostro tempo - Poviglio fra arte e pubblico, si
caratterizza per i suoi richiami estetici intrisi di quotidianità. La scelta
di dedicare all’arte la tradizionale tre giorni povigliese risponde alla
volontà di valorizzare il talento degli artisti locali del territorio. Il
progetto di porre in luce i giovani artisti povigliesi ha inizio l’anno
passato, con la personale di Clelia Mori e l’estemporanea di Elena
Viappiani, Giovanni Fazio, Davide Ghiacci e Valentina Lasagni. Quest’anno le opere della giovane e talentusa pittrice povigliese Elena
Viappiani, incorniciate nella personale intitolata “Romeo e Giulietta”
saranno esposte nella Sala del Consiglio per due settimane. Con
la fiera si intende anche dar corso ad una nuova forma di fruizione
dell’arte. A tal scopo sarà presentato il catalogo dell’estemporanea
2005, che vivifica la memoria dell’iniziativa e coinvolge anche chi in
quell’occasione non potè essere partecipe. L’obiettivo della manifestazione povigliese d’aprile è porre in luce la forza del territorio attraverso la scoperta e valorizzazione dei talenti locali - dichiara Filippo
Ferrari, Assessore alla Cultura.
Sono certo che grazie alla collaborazione tra artisti, amministrazione
e cittadinanza sarà conferito valore
alla comunità intera, in virtù di una
Anche quest’anno il Centro Gi
condivisione attiva te partecipata tra
il singolo e la collettività. Mi riferisco
lettiva di opere scultoree e p
alla condivisione quotidiana di
povigliesi (e dei paesi limitrofi)
un’arte riscoperta, che trova linfa
e che desiderano esporre le pro
vitale nella contaminazione della
La mostra sarà inaugurata sab
vita che pulsa. Inoltre, -prosegue
17.30, presso i locali di via Rom
Ferrari - il progetto di valorizzazione
pubblico nei seguenti orari:
dei talenti locali si incontra con il
Sabato 15 aprile 16.00 - 19.30
desiderio di promozione dei giovani
Domenica 16 aprile 10.30 - 12.3
talenti che caratterizza il programma di
Coopsette, sponsor
delle iniziative”.
Dalle sue parole trasuda una spiccata sensibilità estetica. Elena
Viappiani non può fare a meno di trasmettere la sua vena artistica
che la pervade in ogni centimetro quadrato. Lo fa con un tono di
voce soave e pacato, veicola tuttavia una forza artistica dirompente, che svela la determinatezza di una giovane dedita all’arte, ma
che dell’arte ha un’idea ben precisa.
Cosa significa “fare arte”?
Innanzitutto sofferenza, lavoro, umilità e fatica. Oggi l’artista deve
convivere con l’industria dell’arte, che non è più vivificata dalla
creatività tout court, bensì è mossa da dinamiche più commerciali.
Chi fa arte deve aggiornarsi, promuovere iniziative e progetti, interagendo constantemente con architetti, ingegneri, designer, al fine
di conferire una nuova e originale qualità all’estetica. Inoltre fare
arte significa saper trasmettre la capacità di esprimere la propria
sensibilità.
Romeo e Giulietta è il titolo della tua personale. Come nasce
e come si sviluppa il progetto?
Romeo e Giulietta dà un senso
manifesto alla mia intenzione di
“fare arte
congiungere arte e letteratura,
significa
saper
con un sottofondo interamente
trasmettere
ispirato alla poesia shakespeala capacità di
riana e all’arte michelangioesprimere
lesca. Mossa dalla passione
la propria
personale, sono giunta a fare
sensibilità”
accostamenti tra i sonetti
shakespeariani e i capolavori di
Elena Viappiani
Michelangelo, accumunati dalla
spinta neo-platonica, che pur di
raggiungere l’apoteosi dei sensi,
trascende dalla fisicità. In questo contesto artistico, desideravo illustrare l’idea neo-platonica dell’amore. Il risultato è una serie di 4
disegni su materiale cartaceo. Sulla scia di suggestioni scenotecniche ho scelto poi di ingigantire le raffigurazioni illustrandole su
fogli di grandi dimesioni (1,50x1,70). Le quattro opere, racchiuse
tra due lastre di plexiglass e collocate su cavalletti, saranno disposte a cerchio, a circondare un antico scrittoio sul quale sembra
che lo stesso Shakespeare abbia lascianto incustoditi calamaio,
piuma e pergamene antiche, leggendo le quali si può comprendere il perchè della mostra.
Povigli
PROGRAMMA
15 Aprile
Ore 17.30
Inaugurazione della collettiva
“Poviglio o le due giornate dell’arte”
presso il Centro Giovani in via Roma, 5.
16 Aprile
ore 10.00
Inaugurazione della Fiera
presso P.zza Umberto I
alla presenza della Presidente della Provincia Sonia Masini
ore 10.30
Inaugurazione della mostra fotografica
“Donne del mondo” di Paolo del Papa
presso P.zza Don Pasquino Borghi.
ore 11.00
Inaugurazione delle nuove ambulanze della Croce Azzurra
presso P.zza Umberto I.
ore 11.30
Inaugurazione della mostra di pittura “Romeo e Giulietta” di
Elena Viappiani allestita presso la Sala del Consilio
4
Poviglio informa
i di tutti
L’infanzia povigliese di
Leonardo Righi
e, ricca di iniziative rare
Il re dell’erbazzone presenta il suo libro “Il valore dei
ricordi” alla Fiera dell’Arte, domenica 16 aprile
Presentazione del Catalogo dell’Estemporanea 2005
Non tutti forse lo sanno, ma Leonardo Righi, il famossissimo re dell’erbazzone reggiano, ha trascorso la
sua infanzia a Poviglio, al fianco
del padre, sarto e gelataio, e alla
mamma e alla nonna, massaie di un
tempo, angeli del focolare e cuoche
provette. Giovanissimo, nel 1961
si trasferì nel capoluogo reggiano,
dove prese avvio la sua ascesa
nell’olimpo della gastrronomia.
Oggi Righi, dopo aver venduto la
società dell’erbazzone a una multinazionale olandese, ha deciso di tramandare i suoi ricordi di
bambino ai nipoti e a tutti, e ha deciso di farlo con un libro.
“Il valore dei ricordi” racchiude memorie e confessioni degli anni
povigliesi del sessantenne manager nostrano, per non dimenticare il profumo dei piatti cucinati nella sua casa di campagna, e
la forza e la determinazione di un ragazzo che intende crescere.
Leonardo Righi non poteva scegliere che l’amata Poviglio per
presentare il suo prezioso manoscritto.
Domenica 16 aprile, in occasione della Fiera dell’Arte, Leonardo
Righi, all’interno della libreria allestita in Piazza Umberto I nel
centro del paese, illustrerà ai suoi ex concittadini il libro scritto
per tramandare le vicende, i sapori, le emozioni di quan’era
bambino a Poviglio.
ore 15.30
Presentazione del libro “Il Valore dei Ricordi”
di Leonardo Righi
in P.zza Umberto I, Spazio Libereria.
Inoltre:
Apertura del Museo della Terramara di Santa Rosa dalle 16.00 alle 18.30
Ore 16.00 - 17.15 Visite guidata al Museo della Terramara a cura della Dott.ssa
Georgia Cantoni
Nella P.zza Umberto I Antichi Mestieri, Club delle Arti Reggiane, Creazioni
dell’Ingegno, Libreria All’Arco, Scuola di Scultura.
Nella P.zza Don Pasquino Borghi animazioni e giochi per i bambini.
Nelle vie F.lli Cervi, via Repubblica, via Ceci, via Partigiani, via Gramsci, via Don
Borghi mercato.
“Arte e vetrine”. Nelle vetrine dei negozi: Fiorista “Margherita”; “Macelleria Manzotti
Guglielmo”; Fiorista “L’Orchidea”; Forno artigianale “Compiani”; Pasticceria
“Arlecchino”; “Carpi Articoli da regalo”; “Bedini e Lolli”; “Creazioni Lea”; “Market F.lli
Paterlini”; “Laura e Maria Abbigliamento”; “Macelleria Scolari”; “Lo studio”; “Marzia
Moda”; “Edicola Martina”; “Lavanderia Lorella” esposte opere di artisti locali
(Olimpo Artoni, Erminio Donelli, Giovanni Fazio, Maria Luisa Montanari, Clelia Mori,
Mirella Prati, Gianni Ruspaggiari, Giovanni Rolando, Valter Vincenzi e Giovanni
Paterlini)
io o le due giornate dell’arte
iovani ospiterà la colpittoriche dei giovani
) che si sentono artisti
oprie crazioni.
bato 15 aprile alle ore
ma e rimarrà aperta al
“L’obiettivo della manifestazione è porre
in luce la forza del territorio attraverso la
scoperta e valorizzazione dei talenti locali”.
30 / 16.00 - 19.30
Filippo Ferrari
5
Poviglio informa
Progettinfanzia Bassa Reggiana
I comuni della bassa reggiana, Boretto,
Brescello, Gualtieri, Guastalla, Luzzara,
Novellara, Poviglio, Reggiolo, hanno
creato una associazione per gestire tutte
le progettazioni relative alla prima infanzia.
L’associazione, nata nel novembre 2005,
si propone di contribuire allo sviluppo della
cultura pedagogica e dei servizi educativi
rivolti a bambini e ragazzi presso i comuni
soci e presso altri soggetti pubblici e
privati che vogliano avvalersi dell’attività
dell’Associazione.
In particolare rientrano nelle attività associative
1. Il coordinamento pedagogico delle strutture scolastiche dei comuni soci.
Il coordinamento pedagogico, organizzato
con un’ottica distrettuale già dal 1989,
costituisce la struttura portante di Porgettinfanzia. A questo progetto sono associati
il Punto d’Ascolto, che è un progetto di
sostegno allo sviluppo della didattica nelle
scuole elementari, e il Posto delle Famiglie, che è un progetto che riguarda la
famiglia e la genitorialità.
Le istituzioni comunali gestite sul territorio
sono 16, e impegnano complessivamente
cinque pedagogiste. Attraverso il piano di
qualificazione sono impegnati anche tre
atelieristi sulle varie scuole, per sostenere
progetti sulla creatività e i linguaggi dei
bambini. Anche il piano di formazione è
condotto in maniera unitaria, per consentire a tutte le scuole e ai nidi comunali di
avere un approccio comune alla prima
infanzia.
2. La consulenza pedagogica e psicologica presso strutture scolastiche ed educative. Da quattro anni è nata con le scuole
primarie del territorio una collaborazione
progettuale legata alla psicologia scolastica e al sostegno alla progettazione didattica in campo scolastico. Sono impegnati
quattro psicologi scolastici, a cui si affianca un coordinatore ed un servizio di supervisione ai team di insegnanti. Attraverso
l’iniziativa a cadenza trimestrale “luogo
di idee”, si realizzano incontri trasversali
alle scuole, dedicati agli insegnanti e al
confronto sulle differenti progettualità.
3. L’organizzazione e conduzione di convegni, seminari, visite e giornate di studio
relative al mondo dell’infanzia.
4. La progettazione, l’organizzazione e la
gestione di servizi scolastici ed educativi;
la progettazione, l’organizzazione e la
gestione di servizi per il tempo libero rivolti
ai bambini.
5. La definizione e realizzazione di progetti
e iniziative di continuità tra l’ambito educativo e gli ambiti sociale, sanitario e culturale finalizzati all’integrazione dei servizi alla
persona presenti sul territorio.
6. La creazione di strumenti comunicativi
per le scuole, gli enti o le istituzioni impegnate nel campo dell’educazione.
7. Laboratori culturali
Il laboratorio culturale è una modalità di
approfondimento permanente che Pro-
gettinfanzia vuole darsi come strumento
concettuale, filosofico e politico per conoscere, studiare, approfondire tematiche
legate alla contemporaneità del mondo
dell’infanzia, della famiglia e della genitorialità. Ogni laboratorio ha proprie modalità
di funzionamento, organizzazione e ha
come obiettivo quello di sensibilizzare
l’opinione pubblica sulle diverse tematiche
in oggetto.
I laboratori culturali attivati per l’anno in
corso sono quello sui diritti dei bambini e
quello sulla multiculturalità.
Servizio di micronido
Dal 12 settembre 2005 è in funzione il
servizio di micronido, presso la Scuola
dell’Infanzia “La Ginestra”. Attualmente
ospita diciassette bambini nati nell’anno 2003 e nel primo semestre dell’anno 2004, diretti da due insegnanti
(Simona Bergnoli e Patrizia Vettorello).
Il micronido garantisce un servizio di
cinque ore giornaliere (ore 8.00-13.00)
con pasto, migliorando l’offerta rispetto
allo Spazio Bambini (sostituito appunto da questo nuovo servizio), che era in funzione per quattro ore, non prevdeva il servizio pasto ed ospitava nove bambini.
Progetto educatori: raccolti 25mila euro
Anche per l’anno scolastico 2005-06 è stata accolta dall’Amministrazione Comunale
la richiesta, avanzata dall’Istituto Comprensivo di Poviglio, inerente il finanziamento
del progetto educatori, parte integrante
del Piano dell’Offerta Formativa, per una
cifra pari a 25.000 Euro. Grazie a questa
consistente somma la scuola primaria e la
scuola secondaria di primo grado di Poviglio possono avvalersi della presenza di tre
figure di educatori che, per un totale di 63
ore settimanali, collaborano con i docenti
nelle aree relative alle diverse abilità e al
disagio. Per quanto riguarda le diverse
abilità, è ormai da tempo noto che gli insegnanti di sostegno messi a disposizione dal
Ministero sono insufficienti a garantire la
copertura oraria riferita alla frequenza degli
alunni disabili (in provincia di Reggio Emilia
viene assegnato agli Istituti Scolastici un
docente di sostegno ogni due alunni certificati). Ecco allora che 35 delle 63 ore di ser6
vizio settimanale degli educatori vengono
impiegate per ovviare a questa carenza e
per qualificare i processi di integrazione. Le
rimanenti 28 ore sono riservate all’area del
disagio, ossia a quell’ambito non collegato
a certificazioni specifiche, ma connotato da
problematiche di tipo relazionale, comportamentale o legato a difficoltà dell’apprendimento, che rendono necessaria la
presenza di figure adulte aggiunte rispetto
a quella docente.
La verifica di metà anno scolastico del progetto, effettuata nell’ambito di un incontro
che ha visto la presenza dell’Assessore alla
scuola dell’obbligo, della Dirigente Scolastica e della componente insegnanti impegnata quotidianamente nella collaborazione
con gli educatori, ha confermato la grande
importanza della presenza e dell’operato di
queste figure all’interno della scuola.
Assessore alla scuola dell’obbligo
Dott.Giammaria Manghi
Poviglio informa
Offerte in favore della Casa Protetta e Centro Diurno
In memoria di Bussetti Franca
La famiglia Maura ed Enzo Melloni
offre alla Casa Protetta € 50,00
La Signora Bacchi Bruna offre alla Casa
Protetta € 20,00
In memoria di Terzi Francesco le famiglie:
Codeluppi Luigi, Terzi Valseno,
Terzi Giacomo, Terzi Giacoma,
Terzi Maria, Terzi Bruna, Terzi Ilde,
Terzi Edda, Terzi Iolanda,
Fam. Luzzara Piergianni
Fam. Mydal
offrono alla Casa Protetta € 460,00
Offerte in Memoria di Righi Ottavio
alla Casa Protetta
I colleghi di Righi Irene € 50,00
Fornacciari Deanna e Giuseppe € 100,00
Dall’Aglio Adriano, Galloni Riccardo,
Mazzieri Remo, Campanini Giorgio,
Zecchetti Ennio € 250,00
Righi Danillo, Ferretti Dario,
Bonini Walter € 60,00
Donazione anonima € 8.628,13
Fondi raccolti in occasione dell’iniziativa “Natale in carrozza” del 18/12/2005:
Avis - Avo - Croce Azzurra - Forno
Compiani - Forno Gualdi - Forno Bizzarri
- Forno Bettuzzi - Stile 2000 - Pasticceria
Arlecchino
€ 155,00 Pro Nido d’Infanzia
€ 155,00 Pro Scuola Comunale dell’Infanzia
Fondi Raccolti In Occasione della 3
Maialata:
Volontari – Circolo Sportivo Povigliese
– Poviglio Fiera
€ 150,00 Pro Nido d’Infanzia
€ 150,00 Pro Scuola Comunale Dell’infanzia
€ 150,00 Pro Casa Protetta
Al Posto delle famiglie c’è ascolto e dialogo
A Poviglio da gennaio 2006 esiste un posto dedicato alle famiglie, per affrontare con
serenità i problem e le dificoltà grandi e piccole che quotidianamente insorgono. E’ Il
posto delle famiglie, lo spazio dell’Associazione Progettinfanzia Bassa Reggiana in cui le
famiglie possono trovare risposta alle situazioni di criticità e conflittualità. Un consulentepsicologo, la dott.ssa Anna Avanzi, è a disposizione una volta a settimana, presso il
Centro Giovani e Informagiovani, in via Roma, 5. E’ possibile contattare la dottoressa
direttamente, al numero 334 9233145, per fissare appuntamenti. Il servizio è gratuito.
4 nuovi letti elettrici alla Casa Protetta
AVIS e AIDO hanno donato un letto elettrico alla Casa Protetta in
occasione del 40° Anniversario della Fondazione povigliese, che va
ad aggiungersi ai tre donati dall’AVO di Poviglio e Castelnovo Sotto.
Diventano in tutto 12 i letti elettrici disponibili alla Casa Protetta. I restanti erano stati acquistati dall’Amministrazione gli anni precedenti.
7
Poviglio informa
Le scuole illustrano il Novecento
I pannelli saranno esposti presso i nuovi spazi del Centro del Volontariato, futuro luogo di scambio
È giunta quest’anno alla sua seconda
edizione l’iniziativa organizzata dall’Assessorato alla Cultura di Poviglio in collaborazione con l’Assessorato alla Scuola
dell’obbligo, la sezione locale dell’ANPI,
e l’Istituto Scolastico comprensivo di
Poviglio e Brescello, che prevede la realizzazione da parte dei giovani studenti di
pannelli contenenti immagini e didascalie
ispirati all’affermazione della democrazia
e delle libertà civili e ai diritti sanciti dalla
Costituzione Repubblicana in seguito alla
Seconda Guerra Mondiale e nel corso
del Novecento. I dieci pannelli ritenuti più
significativi dalla Commissione Giudicatrice, saranno plastificati ed esposti presso
il Centro Culturale il 25 Aprile. Saranno
presentati inoltre due pannelli realizzati da
“Progettinfanzia” e dalla Scuola Comunale
Comunale dell’infanzia “La Ginestra”. In
seguito le opere saranno trasferite negli
spazi del nuovo Centro del Volontariato,
di prossima inaugurazione. “Tale spazio
- dichiara Filippo Ferrari, assessore alla
Cultura - che si candida ad essere un nuovo importante fulcro della vita sociale, civile
e culturale della comunità, rappresenta un
luogo di partecipazione e di scambio, ovvero di matura e completa definizione delle
libertà democratiche e sociali nel contesto
del nostro tessuto civico. La collocazione
dei pannelli in questo spazio rappresenta
inoltre un significativo elemento di continuità fisica con il “Percorso della Pace e della
Memoria” intitolato lo scorso anno, su cui il
Centro si affaccia.
La Resistenza e il 60° della Repubblica
Dal 25 aprile al 2 giugno la Mostra sarà riaperta al pubblico
Riapre, ancora più ricca, la Mostra sulla
Resistenza allestita presso il Centro Culturale lo scorso novembre.
Dopo un periodo di chiusura al pubblico, a
partire dal 25 aprile sarà di nuovo possibi-
La mostra sarà teatro di eventi:
Venerdì 12 maggio 2006
Elena Montecchi presenterà il libro “Le bimbe di Kabul”
Martedì 16 maggio 2006
“In difesa della Costituzione” - Conferenza
Data da definire
Presentazione di un video realizzato da Glauco Bertani e Jeris Fochi
“Libertà conquistata”
Data da definire
Consegna della Costituzione ai diciottenni
È prevista una serata di approfondimento sul tema delle foibe, che sarà curata da Istoreco.
8
le confrontarsi con le vicende resistenziali
povigliesi, abilmente sintetizzata da Glauco Bertani, Anna Fava, Maria Assunta Ferretti di ISTORECO, con la collaborazione
di Elena Viappiani fino al 2 giugno, Festa
della Repubblica.
La riapertura sancisce la presentazione al
pubblico di tre nuovi pannelli che focalizzeranno l’attenzione dello spettatore sulle
vicende del Secondo Dopoguerra e su due
figure significative della storia povigliese,
Adriano Casadei, componente del gruppo
di silvio Corbari e Iris Versari, attivo in Romagna, e Fortunato Nevicati, che ha perso
la vita lottando per il fronte repubblicano in
Spagna.