DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5FQ (art. 5 D.P.R.

Commenti

Transcript

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5FQ (art. 5 D.P.R.
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
DOC UMENTO
DEL C ONSIG L IO DEL L A C L ASSE 5 FQ
(ar t. 5 D. P.R. 32 3/98)
•
In dir izzo Elettro n ica ed Elettrote cn ica
Ar ticol azion e Ele ttron ica G RUPPO C L ASSE 5Q
•
In dir izzo Elettro n ica ed Elettrote cn ica
Ar ticol azion e Ele ttrotecn ica G RUPPO C L ASSE 5F
An n o s colas tico 2015 /20 16
1
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
INDICE
Obiettivi generali classe 5FQ _____________________________________ 3
Obiettivi specifici dell'indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica classe 5FQ ___ 3
Programmazione didattico - educativa classe 5FQ ____________________ 5
Attività di recupero/sostegno ed approfondimento/verifica e valutazione _ 6
Articolazione Elettronica dati statistici classe 5Q _____________________ 7
Quadro orario triennio articolazione Elettronica classe 5Q ______________ 8
Presentazione della classe 5Q ____________________________________ 9
Composizione della classe 5Q ___________________________________ 10
Consiglio della classe 5Q _______________________________________ 11
Simulazioni prove d’Esame classe 5Q ____________________________ 12
Attività integrative classe 5Q ___________________________________ 13
Alternanza scuola lavoro - Classe 5Q Relazione finale ________________ 14
Articolazione Elettrotecnica dati statistici classe 5F __________________ 16
Quadro orario triennio articolazione Elettronica classe 5F _____________ 17
Presentazione della classe 5F ___________________________________ 18
Attività CLIL classe 5F _________________________________________ 18
Composizione della classe 5F ___________________________________ 20
Consiglio della classe 5F _______________________________________ 21
Simulazioni prove d’Esame classe 5F _____________________________ 22
Attività integrative classe 5F____________________________________ 23
Allegato 1: schede individuali per materia classe 5Q
Allegato 1bis: schede individuali per materia classe 5F
Allegato 2: griglie di valutazione CLASSE 5FQ
Allegato 3: simulazioni di terza prova classe 5Q
Allegato 3 bis: simulazioni di terza prova classe 5F
2
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
CLASSE 5FQ
Obiettivi generali
Il percorso seguito nell’arco del triennio dalla classe e presentato in questo
documento nel suo complesso e nello specifico disciplinare, si è basato sull’impianto
curriculare articolato in programmi. In questo senso gli obiettivi generali e trasversali
alle varie discipline, predisposti dal Consiglio di Classe in sede di programmazione
dell'attività didattica, risultano del tutto coerenti ed in sintonia con quelli definiti nel
Piano dell'offerta formativa dell'area di indirizzo. Più precisamente, il Consiglio di
Classe ha operato in modo da favorire negli allievi la crescita e la formazione di una
personalità fondata sui principi ed i valori della civile convivenza (rispetto di sé stessi
e degli altri, solidarietà, tolleranza, ecc. ), nonché il possesso di capacità di analisi e di
giudizio che consentano loro un'effettiva partecipazione critica ed una seria
preparazione civica.
Per quanto riguarda le capacità relazionali si è insegnato a lavorare in gruppo e
relazionarsi con parigrado e non parigrado.
Per quanto riguarda gli obiettivi formativi sotto il profilo professionale, il Consiglio di
Classe si è proposto di formare tecnici in grado di affrontare analiticamente un ampio
spettro di situazioni legate alle moderne applicazioni dell’elettronica e
dell’elettrotecnica.
Come si è riusciti a dare un criterio interdisciplinare all’approccio metodologico e al
conseguimento degli obiettivi formativi e socializzanti, non si è invece riusciti a ad
applicare lo stesso criterio nella trattazione dei contenuti delle discipline.
OBIETTIVI SPECIFICI DELL’INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA
CLASSE 5FQ
Nell’indirizzo sono previste le articolazioni “Elettronica”, “Elettrotecnica” e
“Automazione”, nelle quali il profilo viene orientato e declinato.
Nel nostro Istituto sono attivate le articolazioni “Elettronica” ed “Elettrotecnica”.
Con riferimento a specifici settori di impiego e nel rispetto delle relative normative
tecniche, viene approfondita nell’articolazione “Elettronica” la progettazione,
realizzazione e gestione di sistemi e circuiti elettronici; nell’articolazione
“Elettrotecnica” la progettazione, realizzazione e gestione di impianti elettrici civili e
industriali.
Il Diplomato in “Elettronica ed elettrotecnica”:
•
ha competenze specifiche nel campo dei materiali e delle tecnologie costruttive
dei sistemi elettrici, elettronici e delle macchine elettriche, della generazione,
elaborazione e trasmissione dei segnali elettrici ed elettronici, dei sistemi per la
generazione, conversione e trasporto dell’energia elettrica e dei relativi impianti
di distribuzione;
3
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
•
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
nei contesti produttivi d’interesse, collabora nella progettazione, costruzione e
collaudo di sistemi elettrici ed elettronici, di impianti elettrici e sistemi di
automazione.
È grado di:
•
•
•
•
•
•
operare nell’organizzazione dei servizi e nell’esercizio di sistemi elettrici ed
elettronici complessi;
sviluppare e utilizzare sistemi di acquisizione dati, dispositivi, circuiti,
apparecchi e apparati elettronici;
utilizzare le tecniche di controllo e interfaccia mediante software dedicato;
integrare conoscenze di elettrotecnica, di elettronica e di informatica per
intervenire nell’automazione industriale e nel controllo dei processi produttivi,
rispetto ai quali è in grado di contribuire all’innovazione e all’adeguamento
tecnologico delle imprese relativamente alle tipologie di produzione
intervenire nei processi di conversione dell’energia elettrica, anche di fonti
alternative, e del loro controllo, per ottimizzare il consumo energetico e
adeguare gli impianti e i dispositivi alle normative sulla sicurezza;
nell’ambito delle normative vigenti, collaborare al mantenimento della sicurezza
sul lavoro e nella tutela ambientale, contribuendo al miglioramento della qualità
dei prodotti e dell’organizzazione produttiva delle aziende.
A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato nell’indirizzo “Elettronica ed
Elettrotecnica” consegue i risultati di apprendimento descritti nel “Profilo culturale e
risultati di apprendimento dei percorsi del settore tecnologico” di seguito specificati in
termini di competenze.
1. Applicare nello studio e nella progettazione di impianti e di apparecchiature
elettriche ed elettroniche i procedimenti dell’elettrotecnica e dell’elettronica.
2. Utilizzare la strumentazione di laboratorio e di settore e applicare i metodi di
misura per effettuare verifiche, controlli e collaudi.
3. Analizzare tipologie e caratteristiche tecniche delle macchine elettriche e delle
apparecchiature elettroniche, con riferimento ai criteri di scelta per la loro
utilizzazione e interfacciamento.
4. Gestire progetti.
5. Gestire processi produttivi correlati a funzioni aziendali.
6. Utilizzare linguaggi di programmazione, di diversi livelli, riferiti ad ambiti
specifici di applicazione.
7. Analizzare il funzionamento, progettare e implementare sistemi automatici.
8. In relazione alle articolazioni ”Elettronica”, “Elettrotecnica” le competenze di cui
sopra sono differentemente sviluppate e opportunamente integrate in coerenza
con la peculiarità del percorso di riferimento
4
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
PROGRAMMAZIONE DIDATTICO - EDUCATIVA CLASSE 5FQ
OBIETTIVI COMPORTAMENTALI








Educazione al rispetto di sé e degli altri.
Educazione al rispetto delle regole e alla cura del materiale scolastico.
Educazione al rispetto delle norme antinfortunistiche.
Capacità di collaborazione fattiva e responsabile con i compagni e con gli adulti
nelle diverse attività di classe.
Interesse e partecipazione al dialogo educativo.
Capacità di organizzare il proprio lavoro autonomo.
Impegno nello studio.
Consapevolezza dei progressi compiuti e delle difficoltà incontrate nel lavoro
svolto.
OBIETTIVI COGNITIVI





Conoscenza degli elementi fondanti di ogni disciplina.
Capacità di esprimere le proprie conoscenze in un linguaggio sufficientemente
chiaro, corretto ed appropriato sia nel colloquio, che nelle verifiche scritte
laddove previste.
Acquisizione ed utilizzo appropriato della terminologia nei diversi settori
disciplinari.
Sviluppo delle capacità di analisi e di sintesi, di ideazione e progettazione, di
rielaborazione critica delle conoscenze.
Sviluppo delle abilità operative nelle attività di laboratorio.
METODOLOGIE

Lezione frontale

Lezione partecipata

Discussione guidata

Lavori di gruppo

Simulazioni

Esercitazioni
STRUMENTI







Libri di testo
Fotocopie
Riviste tecniche
Ricerche in Internet
Software
Filmati
Laboratori
5
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani


FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
Visite guidate
Conferenze e incontri con esperti
VERIFICHE










Interrogazioni
Elaborati scritti
Questionari a scelta multipla o a risposte aperte brevi
Relazioni tecniche
Esercizi
Problemi scientifici a soluzione rapida
Prove grafiche
Progetti e dimensionamenti di circuiti elettronici
Prove di laboratorio
Simulazioni: nel corso dell'anno scolastico sono state svolte le seguenti
simulazioni di prove d'esame di maturità: una simulazione di prima prova; una
simulazione di seconda prova e due simulazioni dì terza prova(5^Q) e una
simulazione di terza prova (5^F)
I testi integrali delle simulazioni di terza prova sono allegati a questo documento
ATTIVITÀ DI RECUPERO/SOSTEGNO ED APPROFONDIMENTO.
Per alcune discipline, nell’arco del triennio, sono stati organizzati corsi pomeridiani
per il recupero delle insufficienze riportate nel primo quadrimestre. Per altre discipline
si è privilegiato lo studio autonomo o il recupero curricolare.
6
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
In dir izzo Elettro n ica ed Elettrote cn ica
Ar ticol azion e Ele ttron ica G RUPPO C L ASSE 5Q
Dati statistici del gruppo classe 5Q
In dettaglio:
· Classe 3a : 16
 · Classe 4a : 16
corso di studi
 · Classe 5a : 16
proveniente da

alunni .
alunni inizialmente, poi 15 poiché uno studente si è ritirato dal
alunni poiché uno studente si è iscritto al quinto anno
una scuola di un’altra città
Scrutinio finale della classe terza:
 studenti promossi a giugno: 12;
 studenti promossi a settembre: 4;
 studenti non ammessi: nessuno.
Scrutinio finale della classe quarta:
 studenti promossi a giugno: 12;
 studenti promossi a settembre: 3;
 studenti non ammessi: nessuno;
 uno studente si è ritirato nel mese di marzo.
7
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
QUADRO ORARIO PER IL TRIENNIO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA
articolazione “ELETTRONICA” CLASSE 5Q
DISCIPLINE
3 anno
4 anno
5 anno
Lingua e
letteratura italiana
4
4
4
Lingua Inglese
3
3
3
Storia
2
2
2
Matematica
3
3
3
Scienze motorie e
sportive
2
2
2
Religione Cattolica
o attività
alternative
1
1
1
Complementi di
matematica
1
1
-
Tecnologie e
progettazione di
sistemi elettrici ed
elettronici
5*(lab. 3)
5*(lab. 3)
6* (lab. 4)
Elettrotecnica ed
Elettronica
7* (lab. 3)
6*(lab. 3)
6* (lab. 3)
Sistemi automatici
4* (lab. 2)
5* (lab. 3)
5* (lab. 3)
*L’attività didattica di laboratorio caratterizza gli insegnamenti dell’area di indirizzo dei
percorsi degli istituti tecnici. le ore di Laboratorio sono mediamente 9 alla settimana
per ogni anno di corso e prevedono la compresenza degli insegnanti tecnico-pratici.
8
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
PRESENTAZIONE DELLA CLASSE 5Q
La classe è composta da 16 allievi di cui 15 insieme sin dalla classe terza del corso di
indirizzo, solamente uno studente, trasferitosi da un’altra città, si è inserito nella
classe quinta.
La classe è sempre stata unita al gruppo classe del corso F dell'articolazione di
elettrotecnica, ciò ha comportato quindi che le lezioni nelle materie comuni, cioè
Italiano, Storia, Matematica, Scienze Motorie, Religione e Inglese (quest’ultima
materia solo durante le classi terza e quarta) si svolgessero in presenza di un elevato
numero di studenti non facilitando certamente il lavoro.
La classe, già all’inizio del triennio, presentava una vivacità che ha talvolta creato
difficoltà nello svolgimento delle lezioni. La situazione, determinata dalla eterogeneità
del gruppo classe, nel corso del triennio non si è evoluta sul piano disciplinare come
ci si auspicava. Infatti anche durante il quarto anno alcuni
hanno mantenuto un
comportamento non sempre rispettoso delle regole scolastiche ed anche di convivenza
civile. Durante la classe quinta i comportamenti sono lievemente migliorati, ma la
classe può essere ancora definita dispersiva, eterogenea ed impegnativa. Il Consiglio
di Classe ha lavorato in modo compatto fin dalla terza su due diversi piani. Dal punto
di vista disciplinare si è cercato di educare i ragazzi al rispetto delle norme scolastiche
e di promuovere rapporti interpersonali basati sul dialogo, sia tra pari che con il corpo
docente. Le proposte didattiche sono state indirizzate ad un arricchimento delle
competenze tecniche nonché ad un progresso nella maturità e nell’assunzione di
responsabilità degli studenti.
L’andamento didattico della classe nel corso del triennio è stato generalmente
sufficiente, alcuni si sono distinti per impegno e risultati.
Questo è testimoniato dal fatto che sia al termine della classe terza che della
classe quarta tutti gli studenti frequentanti siano stati ammessi alla classe successiva.
Gli studenti più deboli sono stati sollecitati dai docenti e valorizzati nelle loro
specificità attraverso un invito ad uno studio più assiduo delle singole discipline o
mediante la partecipazione ad attività, come ad esempio quelle tecnico pratiche, che
ne hanno messo in luce le abilità; gli studenti più dotati hanno potuto via via
migliorare le competenze tecniche.
Il progetto che la classe ha seguito in modo particolare è stato quello relativo
all’Alternanza Scuola Lavoro con la Ditta Pitagora (cfr. relazione sotto riportata).
Al termine del triennio ovviamente nella classe sono evidenti diversi livelli di
preparazione: se nella fascia più debole è da collocarsi un numero non troppo elevato
di studenti, altri hanno acquisito discrete capacità di elaborazione e di autonomia;
alcuni poi hanno conseguito risultati molto buoni.
La frequenza è stata sufficientemente regolare per la maggior parte della classe,
va comunque rilevato che diversi studenti sono stati ripetutamente richiamati per
l’elevato numero di assenze effettuato durante tutto il corso del triennio.
9
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
Composizione della classe 5Q
1.
AZZALLI MICHELE
2.
BALLESTRIERO MATTEO
3.
BERNAGOZZI GIORGIO
4.
BERNINI FILIPPO
5.
CAMPANELLA STEFANO
6.
FELLONI MICHELE
7.
FRIGNANI MARIA VITTORIA
8.
IRTAZA UR REHMAN
9.
MAGNANI MARISTELLA
10. MASOTTI MARCO
11. MORA MATTEO
12. PALMIERI ANDREA
13. SFARZI DAVIDE
14. SGARRA ANDREA
15. VINATTIERI ANDREA
16. VISCIONE FRANCESCO
10
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
IL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5°Q
Docente
Materia di insegnamento
ore
settimanali
Prof.ssa Lorenza Masini
Religione (coordinatrice)
1
Prof.ssa Cinzia Piccinini
Storia
2
Prof.ssa Cinzia Piccinini
Italiano
4
Prof.ssa Monica Pavani
Inglese
3
Prof.ssa Anna Marzola
Matematica
3
Prof.ssa Beatrice Bazzocchi
TPSEE
6
Prof. Giorgio Bolzati
Lab. Elettronica e TPSEE
(3 e 4)
Prof. Marco Chiarini
Sistemi automatici
5
Prof. Marco Bignardi
Lab. Sistemi
(3)
Prof. Roberto Gandini sostituito, dal
mese di marzo, dalla Prof.ssa Elena
Mainardi
Elettronica
6
Prof.ssa Antonella Zamboni
Scienze motorie
2
Il Consiglio di Classe ha visto, nell’arco del triennio, alcune modifiche dei suoi
componenti, nello specifico: la classe, durante la classe terza e quarta, ha visto
l’alternarsi di diverse docenti di matematica e in quinta ha avuto una nuova docente;
durante la classe quarta la docente titolare di Scienze Motorie è stata sostituita da
un’altra docente per tutto il secondo quadrimestre; in quinta è stata assegnata alla
classe una nuova docente di inglese (solo per l’articolazione di Elettronica); inoltre, dal
mese di marzo, l'insegnamento di elettronica ha visto un cambio di docente
11
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
Simulazione prima e seconda prova CLASSE 5Q
Simulazione della prima prova d’Esame: 18 maggio 2016 della durata di 6 ore
Simulazione della seconda prova d’Esame: 11 maggio 2016 della durata di 5 ore.
Prove strutturate a carattere pluridisciplinare (terza prova) CLASSE 5Q
La preparazione di prove strutturate a carattere pluridisciplinare è stata oggetto di
pianificazione in sede di Consiglio di Classe dall'inizio del secondo quadrimestre. Si è
scelta la tipologia B (risposta singola). Sono state previste due simulazioni di terza
prova d'esame con 12 domande a risposta
aperta. La durata delle simulazioni è
stata fissata in 180 minuti. I quesiti
riguardano le materie di Sistemi automatici,
Inglese, Scienze Motorie, Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici.
E’ stata predisposta una griglia di valutazione per la correzione, allegata al
documento.
Simulazioni terza prova CLASSE 5Q
12 aprile 2016 della durata di 180 minuti
16 maggio 2016 della durata di 180 minuti
12
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
Attività integrative CLASSE 5Q
Orientamento in Uscita: nel corso dell’anno scolastico l’Istituto ha cercare di
orientare gli studenti nelle scelte future. Sono stati proposti incontri con
rappresentanti delle facoltà cittadine e limitrofe e con rappresentanti del mondo del
lavoro e della formazione. Vi sono stati inoltre incontri con esperti finalizzati al
raggiungimento di una maggiore consapevolezza degli studenti nei confronti delle
future scelte.
Stage: tra la classe quarta e la classe quinta diversi studenti hanno svolto stage
lavorando in aziende private e pubbliche del territorio seguiti da un tutor scolastico e
da uno aziendale.
Elenco studenti stage:
Azzalli Michele CNR di Bologna
Bernagozzi Giorgio Niko S.R.L. di Treviso
Bernini Filippo Università di Ferrara Dipartimento di Ingegneria
Campanella Stefano CNR di Bologna e Azienda Pitagora di Ferrara
Sfarzi Davide Casa del contachilometri di Ferrara
Apertura scuola Orientamento: hanno partecipato alle giornate di apertura della
scuola finalizzate all’orientamento gli/le studenti/esse: Azzalli, Ballestriero,
Bernagozzi, Campanella, Felloni, Frignani, Magnani, Masotti e Vinattieri
Progetto Comenius: hanno partecipato gli/le studenti/esse Azzalli, Frignani M.
Vittoria e Magnani Maristella
Lezioni di madrelingua Programma GAP YEAR ABROAD: tutta la classe
Partecipazione al PMI DAY Industriamoci (Unione Industriali di Ferrara): tutta
la classe
Partecipazione ad un incontro sulla sicurezza nel Web “Pane e Internet”
promosso dal Comune di Ferrara: tutta la classe
Conferenza alla Biblioteca Ariostea – Giorgio Bassani “Oltre il giardino”: tutta
la classe
Corso sulla sicurezza: tutta la classe ha partecipato al corso di formazione dei
lavoratori in materia di sicurezza.
Viaggi e visite per tutta la classe: viaggio d’istruzione alla città di Milano (Museo
della scienza e della tecnica); visita storico religiosa alla città di Ferrara, visita
d’istruzione alla ditta Texa di Treviso.
Attività sportive per tutta la classe: attività di pattinaggio sul ghiaccio; incontro di
informazione sull'attività subacquea; partecipazione all’iniziativa “camminata del
benessere”
Conferenze AVIS e ADMO: tutta la classe
Corso di formazione BLSD secondo Linee guida ILCOR (AUSL di Ferrara e
Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara): hanno frequentato il corso gli
studenti Campanella e Frignani
13
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
ATTIVITA’ DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO CLASSE 5Q
Impresa formativa simulata
Progetto “Wi-LAB” Data Loggin Multi-input
RELAZIONE FINALE
Il progetto di attività di alternanza Scuola-Lavoro – Impresa formativa simulata,
proposto per la classe 5Q dell’articolazione Elettronica, per il corrente anno scolastico,
è stato regolarmente svolto secondo quanto preventivato e, qui di seguito, così
sinteticamente relazionato.
Finalità del progetto:
Attività di “Impresa formativa simulata”, con lo scopo di sviluppare progetti e prototipi
su specifiche industriali proposte ed indicate da imprese o ditte del settore operanti
nel nostro territorio.
Modalità di svolgimento e tempi di realizzazione:
L’attività in questione è stata realizzata dal 1 febbraio al 30 aprile 2016, per un monte
ore minimo di 120, di cui circa 100 ore svolte durante il periodo di “sospensione
didattica” (4 settimane tra febbraio e marzo 2016) e suddivisa in due parti:
- attività in orario curricolare mattutino per un complessivo di 64 ore (circa 16 ore a
settimana coperte della discipline di indirizzo e relativi insegnanti)
- attività in orario extra-curricolare pomeridiano, in simulazione di impresa, per 35
ore (circa 8 ore settimanali) tenute presso l’Istituto dai tutors interni ed esterni
coinvolti nel progetto.
Le restanti ore sono state impiegate per la gestione delle residue fasi di lavorazione ed
industrializzazione con la ditta partecipante al progetto.
Sono stati realizzati due prototipi di scheda acquisizione dati a microcontrollore con
uscita RS232, collegati con linea bus TTL ad un pc master per la raccolta dei dati come
da specifica dell’azienda partner.
Docenti coinvolti:
Durante la fase in orario curricolare sono stati coinvolti i docenti di specializzazione
delle materie tecniche e tecnico-pratiche delle rispettive classi di appartenenza. Per
tutte le altre fasi sono stati coinvolti il referente del progetto, prof.Marco Chiarini, e i
tutor esterno sig. Paolo Ferri di Pitagora S.a.s.
Azienda partecipante:
La ditta PITAGORA s.a.s.,con sede legale in via Aeroporto 42/B, 44124 Ferrara, P.IVA
01740270382, rappresentata dal Sig. Paolo Ferri, tutor aziendale.
Monitoraggio, valutazioni e certificazioni:
Il monitoraggio interno dell’iniziativa, per quanto riguarda l’implementazione, la
gestione e lo svolgimento dell’esperienza formativa, è stato curato dal coordinatore
del progetto e concordato anche con i rappresentanti dell’Impresa. Particolare
14
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
attenzione è stata posta sulla fase extracurricolare di simulazione di impresa; si è
ritenuto di valutare positivamente l’attività complessiva svolta da ogni singolo
studente secondo i seguenti parametri:
-
partecipazione alle fasi di simulazione di impresa maggiore o uguale al 50% degli
incontri previsti
raggiungimento degli obiettivi tecnici (stati di avanzamento) concordati con
l’impresa
Per la classe 5Q, incaricata, come obiettivo tecnico, della realizzazione hardware del
prototipo, dello stampato definitivo e della scrittura del firmware dedicato, sono stati
raggiunti i livelli di sufficienza, per la certificazione delle competenze acquisite e per
l’assegnazione del credito formativo scolastico, dai seguenti studenti:




Campanella Stefano
Masotti Marco
Mora Matteo
Bernagozzi Giorgio
15
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
In dir izzo Elettro n ica ed Elettrote cn ica
Ar ticol azion e Ele ttrotecn ica G RUPPO C L ASSE 5F
Dati statistici del gruppo classe 5F
In dettaglio:
· Classe 3a : 10 alunni .
 · Classe 4a : 11 alunni per l’inserimento di uno studente che ha ripetuto l’anno
proveniente dalla classe 4E
 · Classe 5a : 11 alunni

Scrutinio finale della classe terza:
 studenti promossi a giugno: 8;
 studenti promossi a settembre: 2;
 studenti non ammessi: nessuno.
Scrutinio finale della classe quarta:
 studenti promossi a giugno: 9;
 studenti promossi a settembre: 2;
 Studenti non ammessi: nessuno.
16
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
QUADRO ORARIO PER IL TRIENNIO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA
articolazione “ELETTROTECNICA” CLASSE 5F
DISCIPLINE
3 anno
4 anno
5 anno
Lingua e
letteratura italiana
4
4
4
Lingua Inglese
3
3
3
Storia
2
2
2
Matematica
3
3
3
Scienze motorie e
sportive
2
2
2
Religione Cattolica
o attività
alternative
1
1
1
Complementi di
matematica
1
1
-
Tecnologie e
progettazione di
sistemi elettrici ed
elettronici
5 (3)*
5 (4)*
6(4)*
Elettrotecnica ed
Elettronica
7(3) *
6 (3)*
6 (4)*
Sistemi automatici
4 (2)*
5 (2)*
5 (3)*
*L’attività didattica di laboratorio caratterizza gli insegnamenti dell’area di indirizzo dei
percorsi degli istituti tecnici. le ore di Laboratorio sono mediamente 9 alla settimana
per ogni anno di corso e prevedono la compresenza degli insegnanti tecnico-pratici.
17
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
PRESENTAZIONE DELLA CLASSE 5F
La classe è composta da 11 allievi in gran parte insieme fin dalla classe terza del corso
di indirizzo, due studenti che hanno ripetuto l’anno, si sono inseriti nella classe terza
e uno, sempre poiché ripetente l’anno, si è inserito nella classe quarta.
La classe
è sempre stata unita al gruppo classe del corso Q dell'articolazione di
elettronica e ciò ha comportato quindi che le lezioni nelle materie comuni, cioè
Italiano, Storia, Matematica, Scienze Motorie, Religione e Inglese (quest’ultima
materia solo durante le classi terza e quarta) si svolgessero in presenza di un elevato
numero di studenti non facilitando certamente il lavoro.
Il profitto risulta molto differenziato: un gruppo, per impegno, adeguata attenzione al
lavoro di classe e studio individuale, ha raggiunto risultati almeno discreti, con punte
di livello buono.
Un altro gruppo, con modesto interesse allo studio, nonostante le ripetute
sollecitazioni, non si è sempre impegnato in modo adeguato a superare le difficoltà
incontrate e il profitto conseguente non sempre è stato del tutto sufficiente, ma sia
al termine della classe terza che della classe quarta tutti gli studenti frequentanti
sono stati ammessi alla classe successiva per aver colmato le lacune. Gli studenti più
deboli sono stati sollecitati dai docenti e valorizzati nelle loro specificità attraverso un
invito ad uno studio più assiduo delle singole discipline o mediante la partecipazione
ad attività, come ad esempio quelle tecnico pratiche, che hanno permesso di
metterne in luce le abilità; gli studenti più dotati hanno invece potuto via via
migliorare le competenze tecniche.
Dal punto di vista del comportamento, questo è
stato generalmente corretto ed
educato, l’esiguo numero di alunni nelle materie di indirizzo, avrebbe forse potuto
favorire una partecipazione più attiva e vivace.
Va rilevato che diversi studenti hanno effettuato un numero molto elevato di assenze
nonostante i ripetuti richiami.
Il Consiglio di Classe ha lavorato in modo compatto fin dalla terza su due diversi
piani. Dal punto di vista disciplinare si è cercato di educare i ragazzi al rispetto delle
norme scolastiche e di promuovere rapporti interpersonali basati sul dialogo sia tra
pari che con il corpo docente. Le proposte didattiche sono state indirizzate ad un
arricchimento delle competenze tecniche nonché ad un progresso nella maturità e
nell’assunzione di responsabilità degli studenti.
Attività CLIL
La didattica CLIL è stata applicata nell’ambito della disciplina Sistemi automatici, è
stata sviluppata nel corso dell’anno scolastico per complessive 20 ore circa.
La maggior parte degli argomenti è stata affrontata come “soft CLIL”, inteso come
revisione di temi affrontati in L1, allo scopo di consentire comunque l’acquisizione di
terminologia specifica e familiarizzare alla comunicazione in Inglese, senza
pregiudicare la comprensione dei concetti; solo pochi argomenti sono stati introdotti in
lingua straniera. Si è cercato di proporre attività che potenziassero la comprensione
globale di brevi testi tecnici e favorissero l’esposizione, in modo semplice, dei concetti
18
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
principali. La metodologia è consistita in lezioni frontali, lezioni partecipate, lavoro di
gruppo, utilizzando in prevalenza testi rielaborati e in qualche caso materiale originale,
concluse in genere con attività scritte semistrutturate o domandescritte aperte che
prevedessero risposte in Inglese con frasi semplici. . Le verifiche sono consistite in
prove semistrutturate, domande aperte sugli argomenti affrontati, contributi alla
discussione in classe. Nella simulazione della Terza prova è stato proposto un quesito
formulato in lingua Inglese su uno dei temi sviluppati secondo la didattica CLIL, la
risposta a tale domanda doveva essere anch’essa in Inglese. La valutazione è stata
orientata, nell’ottica CLIL, all’aspetto contenutistico-comunicativo.
Mezzi e strumenti:. Appunti; materiale in rete.
Programma svolto , sono stati svolti secondo la metodologia CLIL i seguenti
argomenti:
espressioni utili per interagire durante le lezioni; diagrammi di Bode, definizione,
regole per tracciarli; descrizione degli stessi; stabilità, criterio di stabilità di Bode;
margine di fase e margine di guadagno, significato e metodo per calcolarli dai
diagrammi di Bode; caratteristiche generali dei trasduttori; descrizione della struttura
di un encoder ottico; comprensione di testi web relativi a: specifiche principali dei
sistemi, funzionamento di uno dei trasduttori di temperatura studiati, LVDT,
descrizione del metodo di Ziegler-Nichols per la regolazione dei PID.
19
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
Composizione della classe 5F
1.
BELLETTATO LUCA
2.
BOCCHI FEDERICO
3.
CAMPI ERIK
4.
CHICCOLI ANDREA
5.
CHIOSSI FABIO
6.
FABBRI FRANCESCO
7.
FIORAVANTI GIACOMO
8.
KARAPICI DENIS
9.
MANFREDINI FRANCESCO
10. PAMPOLINI MARCO
11. VIRGILI LUCA
20
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
IL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5°F
Docente
Materia di insegnamento
ore
settimanali
Prof.ssa Lorenza Masini
Religione (coordinatrice)
1
Prof.ssa Cinzia Piccinini
Storia
2
Prof.ssa Cinzia Piccinini
Italiano
4
Prof.ssa Francesca Romana Salvati
Inglese
3
Prof.ssa Anna Marzola
Matematica
3
Prof. Paolo Ascanelli
TPSEE
6
Prof. Marino Galli
Lab. Elettrotecnica e TPSEE
(3 e 4)
Prof. Laura Cristaudo
Sistemi automatici
5
Prof. Marino Galli
Lab. Sistemi automatici
(3)
Prof. Luca Penoncini
Elettrotecnica ed Elettronica
6
Prof.ssa Antonella Zamboni
Scienze motorie
2
Il Consiglio di Classe ha visto, nell’arco del triennio, alcune modifiche dei suoi
componenti, nello specifico la classe, durante la classe terza e quarta, ha visto
l’alternarsi di diverse docenti di matematica e in quinta ha avuto una nuova docente;
durante la classe quarta la docente titolare di Scienze Motorie è stata sostituita da
un’altra docente per tutto il secondo quadrimestre; in quinta è stata assegnata alla
classe una nuova docente di inglese (solo per l’articolazione di Elettrotecnica). Nelle
discipline di indirizzo variazione di docente per Elettrotecnica dalla terza alle classi
successive e per Sistemi automatici variazione dalla quarta alla quinta
21
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
Simulazione prima e seconda prova CLASSE 5F
Simulazione della prima prova d’Esame: 18 maggio 2016 della durata di 6 ore
Simulazione della seconda prova d’Esame: 7 maggio 2016 della durata di 5 ore.
Prove strutturate a carattere pluridisciplinare (terza prova) CLASSE 5F
La preparazione di una prova strutturata a carattere pluridisciplinare è stata oggetto
di pianificazione in sede di Consiglio di Classe dall'inizio del secondo quadrimestre. Si
è scelta la tipologia B (risposta singola). E’ stata prevista una simulazione di terza
prova d'esame con 12 domande a risposta
aperta. La simulazione prevede una
durata di 150 minuti. I quesiti riguardano le materie di Sistemi automatici, Inglese,
Scienze Motorie, Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici.
E’ stata predisposta una griglia di valutazione per la correzione allegata al documento.
Simulazioni terza prova
16 maggio 2016 della durata di 150 minuti
22
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
Attività integrative CLASSE 5F
Orientamento in Uscita: nel corso dell’anno scolastico l’Istituto ha cercare di
orientare gli studenti nelle scelte future. Sono stati proposti incontri con
rappresentanti delle facoltà cittadine e limitrofe e con rappresentanti del mondo del
lavoro e della formazione. Vi sono stati inoltre incontri con esperti finalizzati al
raggiungimento di una maggiore consapevolezza degli studenti nei confronti delle
future scelte.
Stage: tra la classe quarta e la classe quinta diversi studenti hanno svolto stage
lavorando in aziende in aziende private e pubbliche del territorio seguiti da un tutor
scolastico e da uno aziendale.
Elenco studenti stage:
Fabbri Francesco Impresa impianti elettrici di Giampiero Fabbri di Ferrara
Fioravanti Giacomo Impianti Zanella di Copparo
Manfredini Francesco Azienda VMC di Portomaggiore
Virgili Luca Azienda Pandini Danilo di Copparo
Progetto Comenius: ha partecipato lo studente Bellettato
Lezioni di madrelingua Programma GAP YEAR ABROAD: tutta la classe
Partecipazione ad un incontro sulla sicurezza nel Web “Pane e Internet”
promosso dal Comune di Ferrara: tutta la classe
Conferenza alla Biblioteca Ariostea - Giorgio Bassani “Oltre il giardino”: tutta
la classe
Corso sulla sicurezza: tutta la classe ha partecipato al corso di formazione dei
lavoratori in materia di sicurezza.
Viaggi e visite per tutta la classe: viaggio d’istruzione alla città di Milano (Museo
della scienza e della tecnica); visita storico religiosa alla città di Ferrara.
Conferenze AVIS e ADMO: tutta la classe
Attività sportive per tutta la classe: attività di pattinaggio sul ghiaccio; incontro di
informazione sull'attività subacquea.
23
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
ALLEGATO 1 SCHEDE INDIVIDUALI PER MATERIA
CLASSE 5Q
MATERIA: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA
DOCENTE: PROF.SSA CINZIA PICCININI
n° ORE SETTIMANALI: 4
Profilo della classe
La classe è numerosa (27 studenti), composta dalle due articolazioni F e Q, più
omogenea la F, con un solo studente brillante, e la Q molto eterogenea con studenti
intellettualmente vivaci, qualcuno anche studioso, più o meno estroversi, ma anche
con la presenza di alunni con difficoltà e lacune, con problemi di studio, o poco
interessati alla materia. Il clima in classe durante le lezioni è stato difficile e a volte
caotico in terza, più vivibile in quarta e si è normalizzato in quinta, quando è stato
possibile un dialogo educativo più proficuo.
Sono stati perseguiti i seguenti obiettivi disciplinari in termini di:
Conoscenze
Lingua
Processo storico e tendenze evolutive della lingua italiana dall'Unità nazionale ad oggi.
Caratteristiche dei linguaggi specialistici e del lessico tecnico scientifico.
Strumenti e metodi di documentazione per approfondimenti letterari e tecnici.
Tecniche compositive per diverse tipologie di produzione scritta.
Letteratura
Elementi e principali movimenti culturali della tradizione letteraria dall'Unità d'Italia ad
oggi con riferimenti alle letterature di altri paesi.
Autori e testi significativi della tradizione culturale italiana e di altri popoli.
Modalità di integrazione delle diverse forme di espressione artistica e letteraria.
Metodi e strumenti per l'analisi e l'interpretazione dei testi letterari.
Competenze
Utilizzare gli strumenti culturali e metodologici per porsi con atteggiamento razionale,
critico e responsabile di fronte alla realtà, ai suoi fenomeni, ai suoi problemi, anche ai
fini dell'apprendimento permanente.
Abilità
Identificare momenti e fasi evolutive della lingua italiana con particolare riferimento al
Novecento.
Individuare aspetti linguistici, stilistici e culturali dei/nei testi letterari più
rappresentativi.
Contestualizzare l'evoluzione della civiltà artistica e letteraria italiana dall'Unità d'Italia
ad oggi in rapporto ai principali processi sociali, culturali, politici e scientifici di
riferimento.
Identificare e analizzare temi, argomenti e idee sviluppate dai principali autori della
letteratura italiana e di altre letterature.
24
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
Cogliere, in prospettiva interculturale, gli elementi di identità e di diversità tra la
cultura italiana e le culture di altri Paesi.
Collegare i testi letterari con altri ambiti disciplinari.
Interpretare testi letterari con opportuni metodi e strumenti d'analisi al fine di
formulare un motivato giudizio critico.
I metodi, i mezzi e gli strumenti di valutazione usati sono stati:
Metodi: Lezione frontale e partecipata, Discussione guidata, Lavoro a coppie, Lettura
guidata del libro di testo, e fotocopie, Riviste specialistiche e quotidiani, Lezione
multimediale.
Mezzi: Libro di testo, LIM, Audiovisivi, Attività integrative, Fotocopie e dispense. Per
gli studenti insufficienti con carenze nella progettazione dei testi si è attivato un corso
di recupero di sei ore alla fine del primo periodo.
Libro di testo adottato ARMELLINI COLOMBO, La letteratura italiana, ed. rossa, voll.
2° e 3°, Zanichelli
Strumenti di valutazione: Intervento breve dal posto, Interrogazione orale, Analisi
del testo/ Saggio o articolo/ Tema.
Programma svolto
Primo Periodo
Manzoni: brano da I Promessi Sposi cap. X (esaltazione della religione); cap.
XXXVIII: il "sugo della storia".
Manzoni, la vita; la poetica: "Cosa resta al poeta"; il concetto di “vero morale”. Le
variazioni linguistiche di Manzoni (p. 740-741).
Giacomo Leopardi: i tratti salienti della biografia; lettera al De Sinner.
Zibaldone: letture esemplificative del “pessimismo cosmico”.
Operette morali: Dialogo della Natura e di un Islandese.
Canti: Infinito, Canto notturno di un pastore errante nell'Asia; l’ultimo Leopardi, La
ginestra (vv. scelti: 1-69; 111-201; 289-317).
La critica letteraria su Leopardi.
Positivismo; la narrativa nell’età del Naturalismo.
Gustave Flaubert, Madame Bovary, lettura e commento dei due brani dall’antologia.
E. Zola, brano da Il romanzo sperimentale.
Giovanni Verga: le tecniche narrative e il confronto con il naturalismo.
Cavalleria rusticana, lettura e analisi.
La poetica nella Prefazione a I Malavoglia e in Fantasticheria.
I Malavoglia, brani dal cap. XI e pagine finali del romanzo.
Mastro don Gesualdo, brani antologici: la presentazione del protagonista e “Asta
delle terre comunali”.
25
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
Secondo Periodo
Giorgio Bassani, romanziere e intellettuale del Novecento.
Brani dal racconto Una notte del ’43, in particolare pagine sull’eccidio di Ferrara (in
fotocopia).
Visione del film di Florestano Vancini, La lunga notte del ’43.
Brani dal romanzo Il giardino dei Finzi-Contini, in particolare Parte II cap. 1 e parte
IV cap. 9.
Bassani poeta: Le leggi razziali e Rolls Royce (in fotocopia).
Charles Baudelaire: conflitto tra artista e società; Perdita dell'aureola.
I fiori del male, Corrispondenze, Albatro, Spleen, Rimorso postumo.
Arthur Rimbaud: il poeta come veggente di una realtà nascosta: le prime righe della
Lettera al lettore.
Gli scapigliati milanesi: apertura al nuovo e ribellismo autodistruttivo.
Emilio Praga: Vendetta postuma.
Giovanni Pascoli: il mito del nido, l'erotismo rimosso o mascherato, le novità
espressive.
Da Mirycae: Arano, Tuono (testo da internet), Temporale, L'assiuolo, X Agosto.
Da Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno.
G. D'Annunzio: l'intellettuale esteta. Brani antologici da Il piacere.
Da Alcyone: La pioggia nel pineto.
Filippo Tommaso Marinetti: Il Manifesto del Futurismo. Le altre avanguardie culturali.
Il futurismo nelle arti figurative: opere di Boccioni e Balla.
Giuseppe Ungaretti: la parola essenziale.
Da L’Allegria: Pellegrinaggio, I fiumi, Vanità.
Il romanzo del primo Novecento: novità strutturali e tematiche
Luigi Pirandello: il relativismo filosofico, la poetica dell'umorismo.
Brani antologici da Il fu Mattia Pascal.
Le novità del teatro pirandelliano: I sei personaggi in cerca d’autore, Atto I.
Eugenio Montale: la problematica dell'artista e le occasioni della memoria.
Da Ossi di Seppia: I limoni, Meriggiare pallido e assorto, Spesso il male di vivere ho
incontrato, Non chiederci la parola. Da Diario del ‘71 e del ’72: Sulla spiaggia.
Cenni al neorealismo del secondo dopoguerra.
La classe ha partecipato alle seguenti iniziative interdisciplinari:
-
Lezione di Rudy Bandiera alla Sala estense sugli aspetti etici e sociali dell’uso di
Internet.
Lezione su Bassani “Oltre il giardino” presso la Biblioteca Ariostea (dr.ssa
Ammirati).
Visita ai luoghi “bassaniani” della città: la casa del poeta (esterno), la farmacia
Navarra, la colonna degli ebrei, via Mazzini e cimitero ebraico (guida della prof.ssa
Monica Pavani).
26
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
MATERIA: STORIA
DOCENTE: PROF.SSA
CINZIA PICCININI
n° ORE SETTIMANALI: 2
Profilo della classe
La classe nel suo insieme nutre un interesse blando per la materia. Questo interesse
si è vivacizzato nella seconda parte dell’anno, con la trattazione della Storia del
Novecento. Il profitto è mediamente sufficiente.
Sono stati perseguiti i seguenti obiettivi disciplinari in termini di:
Conoscenze
Conoscere i principali fenomeni storici e le coordinate spazio – temporali che li
determinano, i modelli culturali caratterizzanti l'epoca del Novecento.
Competenze
Riconoscere gli aspetti geografici, ecologici, territoriali dell'ambiente naturale ed
antropico, le connessioni con le strutture demografiche, economiche, sociali, culturali
e le trasformazioni intervenute nel corso del tempo.
Abilità
Riconoscere nella storia del Novecento e nel mondo attuale le radici storiche del
passato, cogliendo gli elementi di continuità e discontinuità.
Analizzare problematiche significative del periodo considerato.
Riconoscere la varietà e lo sviluppo storico dei sistemi economici e politici e
individuarne i nessi con i contesti internazionali e alcune variabili ambientali,
demografiche, sociali e culturali.
Effettuare confronti tra diversi modelli/tradizioni culturali in un'ottica interculturale.
Riconoscere le relazioni fra evoluzione scientifica e tecnologica (con particolare
riferimento ai settori produttivi e agli indirizzi di studio) e contesti ambientali,
demografici, socioeconomici, politici e culturali.
I metodi, i mezzi e gli strumenti di valutazione usati sono stati:
Metodi: Lezione frontale e partecipata, Discussione guidata, Lavoro a coppie e in
gruppo, Lettura guidata del libro di testo, fotocopie, riviste specialistiche e quotidiani,
Lezione multimediale.
Mezzi: Libro di testo, LIM, Audiovisivi, Attività integrative, Fotocopie e dispense.
Libro di testo adottato: VITTORE RICCARDI, Centri e periferie, voll. 2° e 3°, ed.
Zanichelli
27
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
Strumenti di valutazione: Intervento breve dal posto, Interrogazione orale o
scritta, Discussione collettiva, Prove pratiche sui quotidiani, Prove strutturate e semistrutturate
Programma svolto
Primo Periodo
Restaurazione e Romanticismo (vol. 2° p. 273-275 e 344-346).
Restaurazione; società segrete; indipendenza della America latina e della Grecia (pp. 347-351).
Rivoluzione industriale (p. 276-278). Luddismo (par. 9 p. 284-5). Il liberismo (p. 433).
Il 1830 in Francia (p. 353-4). La rivoluzione in Belgio (p.357).
Il pensiero mazziniano e vari progetti di unità in Italia (par. 7-8-9-10).
Il 1848 in Francia, area tedesca e Austria (p. 362-365).
Il 1848 in Italia (p. 366-369) e la prima guerra di indipendenza.
Napoleone III imperatore p.370. Conflitto franco prussiano e Comune parigina.
Guerra di Crimea p. 379-380; abolizione della servitù della gleba in Russia (p. 382).
Seconda guerra di indipendenza e Unità d'Italia (cap. 7).
Annessione del Veneto e presa di Roma.
Guerra di secessione statunitense (p. 366-369).
Il Canale di Suez (p. 41).
Karl Marx: pensiero e Manifesto; Il Capitale, la prima Internazionale.
Le guerre dell’oppio e loro conseguenze.
Imperialismo e spartizione dell’Africa (p 480-483).
Il colonialismo in Asia (p. 484-5).
Problemi del Regno d'Italia (p. 486-491).
Gli anni della Sinistra al governo (491-494).
Argomenti extra testo:
Il quotidiano in classe: lettura e analisi di articoli di politica interna, estera e di
cultura. Interpretazioni a confronto.
Secondo periodo
L'Europa tra sviluppo e tensioni (3° volume p. 14-15), politica estera e blocchi contrapposti (pp.
22-26); lo sviluppo industriale dell'Italia.
Italia nell'età giolittiana e il governo di Giolitti (p. 24-31).
La prima guerra mondiale e l'entrata in guerra dell'Italia (p. 32-35).
La grande guerra: gli anni dal ‘15 al ’17. Fine della Grande Guerra.
28
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
Ambiente ed economia durante la Grande Guerra (p. 86-87 e 94-5).
Russia: la rivoluzione borghese.
La rivoluzione d'Ottobre (p. 43-46).
Il dopoguerra e i trattati (p. 49-52).
Società delle Nazioni (p. 53-54).
Biennio rosso e Terza Internazionale.
Germania di Weimar (p. 57); diffusione di regimi autoritari.
Il dopoguerra in Italia (p. 61-63).
Nascita dei fasci di combattimento (p. 64-65).
Nascita del partito fascista e marcia su Roma (p. 66-67).
Fascismo al potere dal '22 al '25 (p. 67-69).
Le leggi fascistissime (p. 69).
La crisi del '29 (par.1-2-3).
Il canale di Panama (p. 105-6).
Il regime fascista (Elezioni, corporativismo, economia, cultura pp. 146-153).
La politica estera del regime (153-155).
La crisi in Germania e la vittoria del nazionalsocialismo (p. 156-159).
Espansionismo tedesco (p. 173;175; 176-8).
Guerra di Spagna*.
La Seconda guerra mondiale*.
*Questi argomenti sono stati trattati in modo sintetico.
Argomenti extra testo:
Il referendum sulle trivellazioni: le ragione del sì e quelle del no (dai quotidiani e dalla rete).
29
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
MATERIA: RELIGIONE
DOCENTE: PROF.SSA LORENZA MASINI
Obiettivi in termini di conoscenza, competenza e abilità:
conoscenza: la classe ha acquisito una conoscenza sufficiente dei contenuti
essenziali del cattolicesimo, del suo sviluppo storico, delle espressioni più significative
della sua vita.
competenza: gli studenti possiedono una sufficiente capacità di confronto tra il
cristianesimo, le altre religioni e i vari sistemi di significato e sanno comprendere le
diverse posizioni che le persone assumono in materia etica e religiosa.
abilità: gli studenti sanno accostarsi in maniera sufficientemente corretta alle fonti
religiose e ai documenti principali della Tradizione cristiana;
I metodi, i mezzi e gli strumenti di valutazione usati:
Metodi: lezione frontale; dialogo educativo guidato e partecipato; problem solving;
brainstorming; cooperative learning.
Mezzi: libro di testo; materiale audiovisivo (video ripresi dal web e dalla tv, film,
ecc..) fotocopie di testi significativi (testimonianze; fonti religiose, ecc.); articoli di
giornali; lavori di interazione.
Valutazione: da una valutazione iniziale si è passati ad una valutazione formativa
in itinere per arrivare alla valutazione finale tenendo conto del rendimento scolastico
di ciascun alunno; del rapporto tra profitto individuale e generale della classe; dei
progressi fatti nel corso degli studi e delle eventuali situazioni di svantaggio
evidenziate da alcuni alunni in rapporto alla classe.
Gli
studenti hanno manifestato un sufficiente
interesse per la materia, la
partecipazione è
stata spesso attiva, il profitto raggiunto è complessivamente
buono.
CONTENUTI – PROGRAMMA SVOLTO
TRA RAGIONE E FEDE
Razionalità, religiosità e fede;
l’uomo e la conoscenza (sensibile, ragionata ed esperienziale);
l’esistenza di Dio nella storia e nelle diverse culture.
La visione del mondo, dell’uomo e di una possibile o meno esistenza di un’alterità
assoluta e/o divina attraverso:
l
 Platone – Aristotele
 S. Agostino - S. Tommaso
 Freud – Sartre – Nietzsche.
Il pensiero su Dio nella cultura contemporanea ed in particolare nella cultura
giovanile.
30
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
ETICA – SOCIETÀ - PERSONA
L’ essere umano, la persona e il suo agire;
i diritti fondamentali della persona umana;
La relazione io-tu e le relazioni nel presente.
L’UOMO CONTEMPORANEO: GLOBALIZZAZIONE VERA O SOLO VIRTUALE?
La vita di connessione in rete e di “disconnessione” nel mondo reale: quali
comportamenti nel quotidiano e quali scelte etiche?
L’INTERPRETAZIONE DI GESU’
Gesù nel cinema: alcuni esempi tratti da
Gesù
-
“Il vangelo secondo Matteo” di Pasolini
“Jesus Christ Superstar” di Jewison
“Gesù di Nazareth” di Zeffirelli
“L’inchiesta” di Damiani
“La passione” di Gibson
“Centochiodi” di Olmi
nell’arte: analisi di alcune opere
Il Gesù barbuto IV sec. nelle catacombe di Comodilla
Cristo sul trono, particolare del portale della Chiesa di San Tommaso Apostolo,
Caramanico Terme.
Esempi di icona di Cristo nell’arte bizantina
“Il bacio di Giuda” di Giotto
“La pietà” di Michelangelo
“Cristo morto” del Mantegna
“La crocifissione bianca” di Chagall
MATERIA : SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE
DOCENTE: PROF.SSA ZAMBONI ANTONELLA
La classe 5FQ , unificata in questa disciplina fin dalla classe 3^, durante quest’ultimo
anno ha mostrato una certa crescita nella maturazione dei singoli ed una
partecipazione maggiormente responsabile al dialogo educativo.
Complessivamente più che sufficiente il livello teorico e
risultanze decisamente buone nelle differenti attività pratico-sportive, in particolar
modo per gli allievi contraddistintisi per un impegno attivo e costante.
Attraverso la gestione del movimento, utilizzando al meglio le proprie capacità, si sono
raggiunte “conoscenze” relativamente a: - effetti positivi del movimento conferendo
sempre massima importanza della fase di riscaldamento fisico e allenamento;
- variabilità del movimento ed immagine mentale dello stesso;
31
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
attività ludiche e sportive;
pratiche motorie e sportive;
concetti teorici relativi al corpo umano ed al funzionamento degli apparati
coinvolti durante la pratica motoria (muscolare, articolare, respiratorio,…);
- infortuni possibili durante l’attività sportiva;
- regole e fondamentali delle discipline sportive svolte (pallavolo, pallacanestro,
calcio, pallamano,…) e dell’atletica leggera.
Considerando che nella programmazione il nucleo fondante della materia è stato
rappresentato da movimento e corpo, le “competenze” perseguite sono:
- avere raggiunto la consapevolezza del proprio processo di
maturazione e
sviluppo motorio, sapendo gestire il movimento utilizzando in modo ottimale le
proprie capacità;
- avere raggiunto la consapevolezza dell’aspetto educativo e sociale dello sport;
- essere in grado di affrontare il confronto agonistico con disciplina;
- essere in grado di utilizzare “saperi e abilità” acquisiti, per adottare stili di vita
corretti (sicurezza, salute, benessere).
La programmazione per “competenze” ha agito, mediante le molteplici attività
espresse con il movimento, sul processo di maturazione globale e sviluppo motorio
di ogni allievo.
Durante le lezioni sono stati valutati i processi di partecipazione al dialogo
educativo, le modalità di lavoro,i comportamenti e gli atteggiamenti dei singoli
studenti nonché le competenze acquisite nelle varie fasi del processo di
apprendimento. Ampio spazio si è dedicato ai lavori di gruppo utili come strategia
di lavoro.
Per lo studio teorico si è utilizzato il libro di testo “In perfetto equilibrio. Pensiero e
azione per un corpo intelligente”
Autore: Del Nista Pier Luigi/ Parker June/ Tasselli Andrea
Vol. unico
Editore: D’Anna
Sono state fornite fotocopie ed appunti specifici.
Strumenti di verifica: prove pratiche e/o orali.
La valutazione emerge dal risultato complessivo dei seguenti parametri:
comportamento, partecipazione, impegno, capacità relazionali, rispetto delle
regole, competenze.
-
Programma svolto:
- esercizi a corpo libero dalle varie stazioni (eretta, seduta, decubiti);
- esercizi individuali, a coppie, in gruppo, a corpo libero, con piccoli attrezzi;
- esercizi ai grandi attrezzi;
- allunghi e progressioni;
- esercizi di streching;
- giochi sportivi di squadra (pallavolo, pallacanestro, pallamano, calcio a 5, calcio)
e relativi fondamentali, nonché arbitraggio;
- tecniche specifiche dell'atletica leggera.
Approfondimenti teorici relativi all’apparato osteo-muscolo-articolare ed agli aspetti
della traumatologia sportiva.
32
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
MATERIA : TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI ELETTRICI ED
ELETTRONICI
DOCENTE: PROF.SSA BEATRICE BAZZOCCHI E PROF. MARCO BIGNARDI
Sono stati perseguiti i seguenti obiettivi disciplinari in termini di:
conoscenza:
Conoscere le principali caratteristiche dei trasduttori elettronici.
Progettare e collaudare circuiti di generazione e conversione di segnali.
Simulazione di acquisizione di tamperatura in ambiente LabView.
Conoscere gli obblighi e I compiti delle figure preposte alla prevenzione.
Gestire lo sviluppo ed il controllo del progetto, anche mediante l'utilizzo di software,
tenendo conto delle specifiche da soddisfare.
Individuare, analizzare ed affrontare le problematiche ambientali e le soluzioni
tecnologiche per la gestione dei
processi,nel rispetto delle normative di tutela
dell'ambiente con particolare riferimento alle problematiche ambientali connesse allo
smaltimento dei rifiuti dei processi.
competenza:
utilizzare la strumentazione di laboratorio e di settore e applicare i metodi di misura
per effettuare verifiche, controlli e collaudi.
Gestire progetti.
Analizzare il valore, i limiti e i rischi delle varie soluzioni tecniche per la vita sociale e
culturale con particolare attenzione alla sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro, alla
tutela della persona, dell’ambiente e del territorio.
Redigere relazioni tecniche e documentare le attività individuali e di gruppo relative a
situazioni professionali.
abilità:
Utilizzare programmi applicativi per il monitoraggio e il collaudo di sistemi elettronici
(Orcad, Multisim, LabView).
Applicare la normativa sulla sicurezza a casi concreti relativamente al settore di
competenza.
Redigere relazione tecnica o manuale d'uso.
Documentare gli aspetti tecnici organizzativi ed economici dell'attività
I metodi, i mezzi e gli strumenti di valutazione usati sono stati:
33
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
metodi:
Lezione frontale e partecipata
Esercitazione guidata
Discussione guidata
Lavoro di gruppo – a coppie
Uso del libro di testo
Schemi, mappe concettuali, tabelle, grafici
Uso di appunti e fotocopie, manuali tecnici
Laboratorio
mezzi e strumenti:
Libri di testo
Strumentazione di laboratorio.
Computer, proiettore.
Software di simulazione e CAD
strumenti di verifica e valutazione:
Intervento breve dal posto
Compiti assegnati per casa
Interrogazione orale e/o scritta
Elaborati grafici
Esercizio alla lavagna
Elaborato scritto – sintesi – relazioni
Prove pratiche/attitudinali/ di laboratorio
Verifiche scritte
Programma svolto
Trasduttori
settembre-ottobre
Condizionamento
ottobre-novembre
Sistemi di misura virtuale
settembre-ottobre (laboratorio)
Mezzi trasmissivi (antenne
in lingua
dicembre-gennaio
inglese)
Generalità sui motori in lingua inglese
gennaio
Organizzazione della sicurezza d'impresa
febbraio-marzo
Produzione ed organizzazione di impresa
aprile-maggio
34
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
L'attività di laboratorio è stata svolta parallelamente a quella di teoria e ci si è
soffermati su particolari applicazioni elettroniche utilizzando software di simulazione,
CAD, e Layout; sono state effettuate anche misure elettriche sui prototipi montati
dagli alunni.
MATERIA: MATEMATICA
DOCENTE: PROF.SSA ANNA MARZOLA
Sono stati perseguiti i seguenti obiettivi disciplinari in termini di Conoscenze,
Competenze e Abilità:
COMPETENZE
Utilizzare
tecniche
e
procedure
calcolo
infinitesimale
ABILITA’
le Determinare equazioni di
le asintoti
del
Definire una derivata prima
Calcolare la derivata prima
di una funzione applicando le
proprietà delle operazioni
Calcolare la derivata prima
di funzioni composte
Applicare i teoremi sulle
funzioni derivabili
Definire e determinare
l'andamento di una funzione
Classificare i punti stazionari
Definire e determinare la
concavità di una funzione
CONOSCENZE
Determinazione e
rappresentazione grafica di
asintoti di funzioni
Definizione di derivata prima e
suo significato geometrico
Derivate di funzioni elementari
Operazioni con le derivate
Derivata di funzioni composte
Derivate di ordine superiore
Teoremi sulle funzioni derivabili
(regola di De L'Hospital)
Definizione di funzione
crescente e funzione
decrescente
Determinazione degli intervalli
di monotonia
Determinazione dei punti
stazionari
Definizione di funzione concava
e funzione convessa
Determinazione degli intervalli
di concavità/convessità
Determinazione dei punti di
flesso
Utilizzare
tecniche
e
le Determinare primitive di una Primitiva di una funzione
le
35
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
procedure
del funzione
calcolo integrale
Calcolare
indefinito
elementari
proprietà
Integrali immediati
l’integrale Proprietà
degli
integrali
di
funzioni indefiniti
applicando
le
Integrali indefiniti di funzioni la
cui primitiva è una funzione
Utilizzare
varie
tecniche composta
d’integrazione
Integrazione per parti
Integrazione per sostituzione
Calcolare l’integrale definito
Integrali di funzioni razionali
di
funzioni
elementari fratte
applicando le proprietà
Integrale
definito
e
sue
Calcolare aree di figure piane proprietà
Calcolare lunghezze di archi Teorema
fondamentale
di curve
calcolo integrale
del
Calcolare superfici e volumi Calcolo area di un trapezoide
di solidi di rotazione
Calcolo area di una porzione di
piano
Calcolo di un volume di un
solido di rotazione.
Determinazione della lunghezza
di un arco di curva
Determinazione della superficie
di un solido di rotazione
Risolvere modelli Definire
deterministici
differenziale
un'equazione
Definizione
differenziale
Classificare
differenziale
un'equazione
Risolvere
differenziale
un'equazione
Equazioni differenziali del primo
ordine elementari, a variabili
separabili e lineari omogenee
e non
Determinare
integrale
generale e/o particolare
di
equazione
Equazioni
differenziali
del
secondo ordine elementari e
lineari a coefficienti costanti
omogenee e non (elemento
forzante di tipo polinomiale,
esponenziale e goniometrico)
36
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
METODOLOGIE DI INSEGNAMENTO
Lezione frontale e partecipata
Esercitazione guidata
Discussione guidata
Schemi, mappe concettuali, tabelle,
grafici
I vari argomenti sono stati introdotti,il più delle volte, intuitivamente, attraverso
semplici esempi e solo successivamente formalizzati in modo rigoroso seguendo un
percorso di maggiore generalizzazione e astrazione.
Sempre presente il lavoro di verifica immediato attraverso quesiti, esempi e
risoluzione di problemi mediante esercizi svolti dai ragazzi alla lavagna, con liberi
interventi dei compagni, privilegiando così il dialogo e l’interazione tra gli studenti.
Continuo ripasso dei concetti sviluppati per favorire una visione il più possibile
organica e globale della materia.
Ricerca continua di chiarezza espositiva, utilizzando in modo appropriato la
terminologia specifica e attenzione ad evidenziare i collegamenti tra i vari temi
affrontati
La verifica è stata vista anche come un momento dell’attività didattica indispensabile
per misurare e consolidare il proprio livello di preparazione.
STRUMENTI DI LAVORO/MATERIALI DIDATTICI
Quaderno-raccoglitore
Libro di testo adottato: Bergamini, Trifone, Barozzi - Matematica. Verde 5 con Maths in
English - Zanichelli
MODALITA’ DI VERIFICA DEI LIVELLI DI APPRENDIMENTO (tipologia, numero
minimo di verifiche previste e misurazione del livello di apprendimento)
Intervento breve dal posto
Elaborato scritto
Interrogazione orale e/o scritta
Prove strutturate / semistrutturate
Esercizio alla lavagna
Verifiche adeguate, nei contenuti e nei metodi, al complesso delle attività svolte e
coerenti con le competenze.
37
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
Le verifiche formative sono state viste come il controllo del lavoro svolto attraverso
l’analisi e/o correzione dei compiti assegnati , domande flash di ricapitolazione prima
dell’avvio di ogni lezione e interventi durante la lezione dialogata.
Verifiche sommative di varia tipologia:
a) Verifiche scritte: articolate sotto forma di esercizi e/o problemi, atte a misurare la
capacità di autonomia, la conoscenza e la corretta applicazione di strumenti e tecniche
di procedimenti risolutivi
b) Test: articolati come quesiti a risposta multipla, atti a misurare le conoscenze e le
capacità di comprensione; quesiti a risposta singola, atti a misurare le conoscenze, le
capacità di sequenzializzazione, di sintesi e di rigore espositivo.
c) Interventi orali: articolati come risoluzione di esercizi e/o esposizione di concetti,
atti a misurare la capacità di organizzazione logica del pensiero, la competenza sia
nell’analisi delle ipotesi e nella sintesi della tesi che nella scelta di eventuale tecnica
risolutiva, nonchè la conoscenza della stessa.
CRITERI DI VALUTAZIONE
I criteri di valutazione relativamente alle singole prove sono strutturate in termini di
CONOSCENZE
Conoscere i nuclei concettuali fondanti.
COMPETENZE
Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo infinitesimale
Confrontare e analizzare.
Individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi.
Risolvere situazioni.
ABILITA’
Organizzare con efficacia.
Rilevare, documentare e comunicare adeguatamente gli aspetti tecnici ed organizzativi
dei problemi.
Per la misurazione delle singole prove è stata utilizzata l’intera gamma dei voti.
La valutazione complessiva ha tenuto conto della partecipazione attiva al dialogo
educativo, della continuità e assiduità nell’apprendimento. In particolare sono state
valutate opportunamente l’impegno e la determinazione nel conseguire risultati
positivi in relazione alle personali abilità e conoscenze, e la capacità di saperle
sfruttare e utilizzare adeguatamente.
38
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
Presentazione della classe
La classe 5^Q è costituita da 16 allievi abbinati al gruppo della 5^F di 11 allievi, per
cui nelle ore di matematica vi è un’unica classe di 27 allievi, che seguo solo dal
corrente anno scolastico.
I livelli di competenza all’interno del gruppo classe 5^Q sono piuttosto diversificati: si
passa da conoscenze complete e sufficientemente approfondite da parte di alcuni,
capaci di fare collegamenti anche interdisciplinari, ad altre decisamente frammentarie,
non sempre corrette a cui corrisponde una assai scarsa applicazione.
Il clima che si respira è nel complesso sereno, disponibile e abbastanza collaborativo.
Un gruppo risulta più trainante, più incisivo, un secondo gruppo segue ma preferisce
rimanere nell’ombra. e un restante piccolo gruppo ha forse più “subìto” la lezione,
sentendosi sempre meno coinvolto e, a volte, in alcuni è prevalso un senso di
demotivazione.
Da subito, comunque la quasi totalità degli allievi ha partecipato all’attività didattica
con grande attenzione e volontà, consci che la loro preparazione pregressa
presentasse diversi lati oscuri, non a loro imputabili, e desiderosi di colmare, il più
possibile, le lacune. Pochissimi hanno invece preferito rimanere ai margini, presenti
solo fisicamente e, a volte è stato necessario anche richiamarli.
Anche l’impegno personale è stato diversificato: regolare solo per pochi studenti che,
tesi a favorire uno studio adeguato e responsabile, hanno cercato di migliorare anche
il proprio metodo di lavoro, molti si sono seriamente impegnati solo ed esclusivamente
in prossimità delle verifiche ed alcuni hanno dimostrato impegno e interesse
decisamente inadeguati.
Complessivamente le conoscenze e le competenze raggiunte sono accettabili anche
se non sempre critiche. Un piccolo gruppo di allievi è in grado di elaborare
autonomamente, con sicurezza, i vari temi anche in situazioni nuove e di eseguire
approfondimenti e collegamenti. Un nutrito gruppo ha ottenuto risultati altalenanti ma
nel complesso positivi, infine, un restante gruppo, composto da poche unità, non
raggiunge gli obiettivi minimi prefissati, ottenendo un profitto negativo.
MATERIA: ELETTRONICA
DOCENTE: PROF.SSA ELENA MAINARDI
Sono stati perseguiti i seguenti obiettivi disciplinari in termini di:
conoscenza:
Caratteristiche generali su amplificatori multistadio e sull’amplificatore differenziale.
Retroazione negativa e positiva.
Amplificatore operazionale: ideale e reale. Parametri dell’OP.AMP. Applicazioni lineari
dell’OP. AMP.: amplificatore invertente, amplificatore non invertente, sommatore
invertente e non invertente, inseguitore di tensione, amplificatore differenziale,
convertitore tensione-corrente, convertitore corrente-tensione, integratore invertente
non limitato e limitato, derivatore invertente non limitato e limitato. Circuiti non lineari
39
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
con l’OP.AMP.: i comparatori, comparatore a finestra, Trigger di Schmitt invertente e
non invertente, limitatore ad una soglia, raddrizzatore ad una semionda, amplificatore
logaritmico ed antilogaritmico.
Cenni generali sugli amplificatori di potenza. Parametri e classi di funzionamento.
Filtri attivi e passivi di primo e secondo ordine.
Conversione A/D: caratteristiche e parametri dei convertitori A/D. Campionamento,
mantenimento e quantizzazione. Teorema di Shannon. ADC flash, ADC a gradinata, ad
approssimazioni successive.
Conversione D/A: caratteristiche e parametri dei convertitori D/A. DAC a resistori
pesati e DAC R/2R.
Astabile a trigger di Schmitt invertente e con operazionale.
Monostabile ad operazionale.
Generatori di onde rettangolari, triangolari e sinusoidali.
Gli oscillatori sinusoidali. Criterio di Barkhausen. Generalità sugli oscillatori di
Wien e a sfasamento. Oscillatori al quarzo.
Abilità:
Risolvere esercizi inerenti singole tematiche, da soli o in gruppo
Risolvere esercizi riguardanti la progettazione di un sistema complesso,
scomponendo tale sistema in più blocchi semplici
Analizzare circuiti proposti e ricavare i parametri di progetto
Utilizzare la strumentazione di laboratorio per effettuare le misure necessarie
Utilizzare il manuale tecnico
I metodi, i mezzi e gli strumenti di valutazione usati sono stati:
Metodi:
 Lezioni frontali
 Lezioni di laboratorio
 Lavori di gruppo
Mezzi e strumenti:
 Libro di testo
 Attrezzature di laboratorio
 Materiale ausiliario, se necessario (fotocopie, strumenti particolari...)
Strumenti di verifica e valutazione:
 Interrogazioni singole
 Elaborati scritti
 Relazione tecniche
 Simulazioni di esame
40
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
MATERIA : INGLESE
DOCENTE: PROF.SSA MONICA PAVANI
Sono stati perseguiti i seguenti obiettivi disciplinari in termini di:
conoscenze:
Le strutture di base della lingua inglese e le regole grammaticali e lessico fino al livello
B1/B2
competenze:
- leggere schemi o tabelle e rispondere a questionari
- reperire e schematizzare informazioni
- riassumere oralmente le informazioni chiave
- utilizzare un lessico specifico
- comprendere dialoghi/reperire informazioni sull'argomento trattato da un testo
audio/video
abilità:
LISTENING
B1/B2- Capire i punti principali di una registrazione audio su argomenti anche
specialistici conosciuti
READING
B1/2- Comprendere articoli su temi attuali o professionali
B1/2- Desumere dal contesto il significato di parole sconosciute
B1/2- Scorrere velocemente brevi testi per trovare le informazioni richieste
INTERACTION
B1/2- Esprimersi su argomenti relativi ai propri interessi, esperienze e progetti per il
futuro
B1/2- Interagire in conversazioni di carattere tecnico- lavorativo
WRITING
B1/2- Redigere relazioni tecniche;
B1/2- Documentare le attività individuali e di gruppo relative a situazioni anche
professionali.
I metodi, i mezzi e gli strumenti di valutazione usati sono stati:
metodi:
Lezione frontale e partecipata
Uso del libro di testo
Schemi, mappe concettuali, tabelle, grafici
Presentazione di argomenti da parte degli studenti, seguita da domande poste dai
compagni
mezzi e strumenti:
Libri di testo:
Headway Intermediate di John & Liz Soars, Oxford University Press
Trigger In di Vincenzo Bianco e Anna Gentile, Il Capitello
41
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
strumenti di verifica e valutazione:
Intervento breve dal posto
Compiti assegnati per casa
Interrogazione orale e/o scritta
Esercizio alla lavagna
Elaborato scritto – sintesi – relazioni
Prove strutturate / semistrutturate
ARGOMENTI AFFRONTATI
Del testo Headway
grammaticali:
Intermediate
sono state
affrontate
le
seguenti strutture
Present Simple, Past Simple, Present Continuous, Past Continuous, Present Perfect,
Past Perfect Simple, Past Perfect Continuous
Verbi ausiliari: do, be, have
Frasi interrogative e negative; risposte brevi
Verbi di stato: like, know, understand
Forma passiva: presente e passato
Present Perfect Simple e Continuous
Avverbi di frequenza: just, yet, already; for e since
Periodo ipotetico di secondo e terzo tipo
Probabilità al presente e al passato
I pronomi riflessivi e each other
Del testo Trigger In sono stati affrontati il Module 3 (Unit 1, 2 e 3) di Electronics.
Nello specifico sono stati affrontati i seguenti macro argomenti:
-
What is electronics?
Active electronic components
Passive electronic components
Digital electronics
George Boole
Analogue and digital systems
Logic gates
Electronic circuits
Integrated circuits
Microprocessors
How has technology changed our life?
Sensors and transducers
The photoelectric effective
E-revolution in China
Nanotechnology
42
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
SISTEMI AUTOMATICI
DOCENTE: PROF. MARCO CHIARINI
Sono stati perseguiti i seguenti obiettivi disciplinari in termini di:
conoscenza:
 Conoscenza
 Conoscenza
differenziali
 Conoscenza
 Conoscenza
armonica)
 Conoscenza
di base della Teoria dei Sistemi
di base dei sistemi lineari e loro descrizione mediante equazioni
di base dei metodi matematici trasformazionali (Laplace)
di base sulle tecniche di analisi delle risposte dei sistemi (transitorio e
di base sulle tecniche di sintesi di sistemi a microcontrollore
competenza:
 Metodologia di progettazione di sistemi a microcontrollore e loro linguaggio di
programmazione.
 Comprensione dei documenti tecnici e dei fogli tecnici anche in lingua inglese
 Documentazione in forma scritta e grafica del lavoro svolto
capacità:
 Capacità di sapersi inserire in un gruppo di lavoro
 Capacità logico-interpretative
 Capacità critiche e di rielaborazione
I metodi, i mezzi e gli strumenti di valutazione usati sono stati:
metodi:
Lezione frontale, lavori di gruppo in laboratorio
mezzi e strumenti:
Libro di testo: De Santis-Cacciaglia-Saggese, Sistemi Automatici vol.3, ed. Calderini
Internet, per i Data Sheets , appunti docente. Manuale Micro PIC e scheda Easy PIC 3
e Easy PIC 7
strumenti di verifica e valutazione:
Verifiche scritte, verifiche orali, prove pratiche di laboratorio
GIUDIZIO SULLA CLASSE
La classe presenta un livello di conoscenze ed abilità scientifiche appena sufficiente
per la maggioranza degli studenti; si è quindi dovuto impostare, un lavoro di
recupero e consolidamento delle nozioni tecniche minime su tematiche ed argomenti
relativi alla classe quinta e in parte alla classe quarta.
Permane comunque, in generale, una certa difficoltà nell’approfondimento teorico;
per superare tali difficoltà si è utilizzato il lavoro di laboratorio realizzando una
43
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
didattica basata sull’analisi di casi concreti per poi passare alla necessaria astrazione
metodologica, fondamentale per la risoluzione dei problemi progettuali.
Pur manifestando interesse per gli argomenti trattati ci si è, a volte, scontrati con una
modesta motivazione allo studio e all’approfondimento personalizzato dei contenuti.
La classe ha acquisito comunque una metodologia in grado di permettere agli studenti
di raggiungere una visione organica dei contenuti teorici e pratici della materia.
Dal punto di vista comportamentale non vi sono state situazioni particolari da
segnalare.
MACROARGOMENTI SVOLTI DURANTE L ‘ANNO
 Fondamenti di Teoria dei Sistemi
1. Classificazione dei sistemi di controllo.
2. Modelli matematici dei sistemi di controllo lineari.
3. Equazioni differenziali lineari a coefficienti costanti.
 Criteri generali per la sintesi e analisi dei sistemi di controllo e Metodi matematici
trasformazionali
1. Metodi matematici trasformazionali: trasformata di Laplace.
2. Architettura e algebra degli schemi a blocchi
 Analisi della risposta di un sistema di controllo
1. comportamento dinamico nel dominio del tempo
2. comportamento dinamico nel dominio della frequenza
 Risposta indiciale dei sistemi di controllo
1. analisi della stabilità
2. analisi armonica mediante Bode
 Progetto e sintesi di sistema a microcontrollore (PIC)
44
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
ALLEGATO 1BIS SCHEDE INDIVIDUALI PER MATERIA
CLASSE 5F
MATERIA: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA
DOCENTE: PROF.SSA CINZIA PICCININI
n° ORE SETTIMANALI: 4
Profilo della classe
La classe è numerosa (27 studenti), composta dalle due articolazioni F e Q, più
omogenea la F, con un solo studente brillante, e la Q molto eterogenea con studenti
intellettualmente vivaci, qualcuno anche studioso, più o meno estroversi, ma anche
con la presenza di alunni con difficoltà e lacune, con problemi di studio, o poco
interessati alla materia. Il clima in classe durante le lezioni è stato difficile e a volte
caotico in terza, più vivibile in quarta e si è normalizzato in quinta, quando è stato
possibile un dialogo educativo più proficuo.
Sono stati perseguiti i seguenti obiettivi disciplinari in termini di:
Conoscenze
Lingua
Processo storico e tendenze evolutive della lingua italiana dall'Unità nazionale ad oggi.
Caratteristiche dei linguaggi specialistici e del lessico tecnico scientifico.
Strumenti e metodi di documentazione per approfondimenti letterari e tecnici.
Tecniche compositive per diverse tipologie di produzione scritta.
Letteratura
Elementi e principali movimenti culturali della tradizione letteraria dall'Unità d'Italia ad
oggi con riferimenti alle letterature di altri paesi.
Autori e testi significativi della tradizione culturale italiana e di altri popoli.
Modalità di integrazione delle diverse forme di espressione artistica e letteraria.
Metodi e strumenti per l'analisi e l'interpretazione dei testi letterari.
Competenze
Utilizzare gli strumenti culturali e metodologici per porsi con atteggiamento razionale,
critico e responsabile di fronte alla realtà, ai suoi fenomeni, ai suoi problemi, anche ai
fini dell'apprendimento permanente.
Abilità
Identificare momenti e fasi evolutive della lingua italiana con particolare riferimento al
Novecento.
Individuare aspetti linguistici, stilistici e culturali dei / nei testi letterari più
rappresentativi.
Contestualizzare l'evoluzione della civiltà artistica e letteraria italiana dall'Unità d'Italia
ad oggi in rapporto ai principali processi sociali, culturali, politici e scientifici di
riferimento.
Identificare e analizzare temi, argomenti e idee sviluppate dai principali autori della
letteratura italiana e di altre letterature.
45
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
Cogliere, in prospettiva interculturale, gli elementi di identità e di diversità tra la
cultura italiana e le culture di altri Paesi.
Collegare i testi letterari con altri ambiti disciplinari.
Interpretare testi letterari con opportuni metodi e strumenti d'analisi al fine di
formulare un motivato giudizio critico.
I metodi, i mezzi e gli strumenti di valutazione usati sono stati:
Metodi: Lezione frontale e partecipata, Discussione guidata, Lavoro a coppie, Lettura
guidata del libro di testo, e fotocopie, Riviste specialistiche e quotidiani, Lezione
multimediale.
Mezzi: Libro di testo, LIM, Audiovisivi, Attività integrative, Fotocopie e dispense. Per
gli studenti insufficienti con carenze nella progettazione dei testi si è attivato un corso
di recupero di sei ore alla fine del primo periodo.
Libro di testo adottato ARMELLINI COLOMBO, La letteratura italiana, ed. rossa, voll.
2° e 3°, Zanichelli
Strumenti di valutazione: Intervento breve dal posto, Interrogazione orale, Analisi
del testo/ Saggio o articolo/ Tema.
Programma svolto
Primo Periodo
Manzoni: brano da I Promessi Sposi cap. X (esaltazione della religione); cap.
XXXVIII: il "sugo della storia".
Manzoni, la vita; la poetica: "Cosa resta al poeta"; il concetto di “vero morale”. Le
variazioni linguistiche di Manzoni (p. 740-741).
Giacomo Leopardi: i tratti salienti della biografia; lettera al De Sinner.
Zibaldone: letture esemplificative del “pessimismo cosmico”.
Operette morali: Dialogo della Natura e di un Islandese.
Canti: Infinito, Canto notturno di un pastore errante nell'Asia; l’ultimo Leopardi, La
ginestra (vv. scelti: 1-69; 111-201; 289-317).
La critica letteraria su Leopardi.
Positivismo; la narrativa nell’età del Naturalismo.
Gustave Flaubert, Madame Bovary, lettura e commento dei due brani dall’antologia.
E. Zola, brano da Il romanzo sperimentale.
Giovanni Verga: le tecniche narrative e il confronto con il naturalismo.
Cavalleria rusticana, lettura e analisi.
La poetica nella Prefazione a I Malavoglia e in Fantasticheria.
I Malavoglia, brani dal cap. XI e pagine finali del romanzo.
Mastro don Gesualdo, brani antologici: la presentazione del protagonista e “Asta
delle terre comunali”.
46
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
Secondo Periodo
Giorgio Bassani, romanziere e intellettuale del Novecento.
Brani dal racconto Una notte del ’43, in particolare pagine sull’eccidio di Ferrara (in
fotocopia).
Visione del film di Florestano Vancini, La lunga notte del ’43.
Brani dal romanzo Il giardino dei Finzi-Contini, in particolare Parte II cap. 1 e parte
IV cap. 9.
Bassani poeta: Le leggi razziali e Rolls Royce (in fotocopia).
Charles Baudelaire: conflitto tra artista e società; Perdita dell'aureola.
I fiori del male, Corrispondenze, Albatro, Spleen, Rimorso postumo.
Arthur Rimbaud: il poeta come veggente di una realtà nascosta: le prime righe della
Lettera al lettore.
Gli scapigliati milanesi: apertura al nuovo e ribellismo autodistruttivo.
Emilio Praga: Vendetta postuma.
Giovanni Pascoli: il mito del nido, l'erotismo rimosso o mascherato, le novità
espressive.
Da Mirycae: Arano, Tuono (testo da internet), Temporale, L'assiuolo, X Agosto.
Da Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno.
G. D'Annunzio: l'intellettuale esteta. Brani antologici da Il piacere.
Da Alcyone: La pioggia nel pineto.
Filippo Tommaso Marinetti: Il Manifesto del Futurismo. Le altre avanguardie culturali.
Il futurismo nelle arti figurative: opere di Boccioni e Balla.
Giuseppe Ungaretti: la parola essenziale.
Da L’Allegria: Pellegrinaggio, I fiumi, Vanità.
Il romanzo del primo Novecento: novità strutturali e tematiche
Luigi Pirandello: il relativismo filosofico, la poetica dell'umorismo.
Brani antologici da Il fu Mattia Pascal.
Le novità del teatro pirandelliano: I sei personaggi in cerca d’autore, Atto I.
Eugenio Montale: la problematica dell'artista e le occasioni della memoria.
Da Ossi di Seppia: I limoni, Meriggiare pallido e assorto, Spesso il male di vivere ho
incontrato, Non chiederci la parola. Da Diario del ‘71 e del ’72: Sulla spiaggia.
Cenni al neorealismo del secondo dopoguerra.
La classe ha partecipato alle seguenti iniziative interdisciplinari:
-
Lezione di Rudy Bandiera alla Sala estense sugli aspetti etici e sociali dell’uso di
Internet.
Lezione su Bassani “Oltre il giardino” presso la Biblioteca Ariostea (dr.ssa
Ammirati).
Visita ai luoghi “bassaniani” della città: la casa del poeta (esterno), la farmacia
Navarra, la colonna degli ebrei, via Mazzini e cimitero ebraico (guida della prof.ssa
Monica Pavani).
47
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
MATERIA: STORIA
DOCENTE: PROF.SSA
CINZIA PICCININI
n° ORE SETTIMANALI: 2
Profilo della classe
La classe nel suo insieme nutre un interesse blando per la materia. Questo interesse
si è vivacizzato nella seconda parte dell’anno, con la trattazione della Storia del
Novecento. Il profitto è mediamente sufficiente.
Sono stati perseguiti i seguenti obiettivi disciplinari in termini di:
Conoscenze
Conoscere i principali fenomeni storici e le coordinate spazio – temporali che li
determinano, i modelli culturali caratterizzanti l'epoca del Novecento.
Competenze
Riconoscere gli aspetti geografici, ecologici, territoriali dell'ambiente naturale ed
antropico, le connessioni con le strutture demografiche, economiche, sociali, culturali
e le trasformazioni intervenute nel corso del tempo.
Abilità
Riconoscere nella storia del Novecento e nel mondo attuale le radici storiche del
passato, cogliendo gli elementi di continuità e discontinuità.
Analizzare problematiche significative del periodo considerato.
Riconoscere la varietà e lo sviluppo storico dei sistemi economici e politici e
individuarne i nessi con i contesti internazionali e alcune variabili ambientali,
demografiche, sociali e culturali.
Effettuare confronti tra diversi modelli/tradizioni culturali in un'ottica interculturale.
Riconoscere le relazioni fra evoluzione scientifica e tecnologica (con particolare
riferimento ai settori produttivi e agli indirizzi di studio) e contesti ambientali,
demografici, socioeconomici, politici e culturali.
I metodi, i mezzi e gli strumenti di valutazione usati sono stati:
Metodi: Lezione frontale e partecipata, Discussione guidata, Lavoro a coppie e in
gruppo, Lettura guidata del libro di testo, fotocopie, riviste specialistiche e quotidiani,
Lezione multimediale.
Mezzi: Libro di testo, LIM, Audiovisivi, Attività integrative, Fotocopie e dispense.
Libro di testo adottato: VITTORE RICCARDI, Centri e periferie, voll. 2° e 3°, ed.
Zanichelli
48
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
Strumenti di valutazione: Intervento breve dal posto, Interrogazione orale o
scritta, Discussione collettiva, Prove pratiche sui quotidiani, Prove strutturate e semistrutturate
Programma svolto
Primo Periodo
Restaurazione e Romanticismo (vol. 2° p. 273-275 e 344-346).
Restaurazione; società segrete; indipendenza della America latina e della Grecia (pp. 347-351).
Rivoluzione industriale (p. 276-278). Luddismo (par. 9 p. 284-5). Il liberismo (p. 433).
Il 1830 in Francia (p. 353-4). La rivoluzione in Belgio (p.357).
Il pensiero mazziniano e vari progetti di unità in Italia (par. 7-8-9-10).
Il 1848 in Francia, area tedesca e Austria (p. 362-365).
Il 1848 in Italia (p. 366-369) e la prima guerra di indipendenza.
Napoleone III imperatore p.370. Conflitto franco prussiano e Comune parigina.
Guerra di Crimea p. 379-380; abolizione della servitù della gleba in Russia (p. 382).
Seconda guerra di indipendenza e Unità d'Italia (cap. 7).
Annessione del Veneto e presa di Roma.
Guerra di secessione statunitense (p. 366-369).
Il Canale di Suez (p. 41).
Karl Marx: pensiero e Manifesto; Il Capitale, la prima Internazionale.
Le guerre dell’oppio e loro conseguenze.
Imperialismo e spartizione dell’Africa (p 480-483).
Il colonialismo in Asia (p. 484-5).
Problemi del Regno d'Italia (p. 486-491).
Gli anni della Sinistra al governo (491-494).
Argomenti extra testo:
Il quotidiano in classe: lettura e analisi di articoli di politica interna, estera e di
cultura. Interpretazioni a confronto.
Secondo periodo
L'Europa tra sviluppo e tensioni (3° volume p. 14-15), politica estera e blocchi contrapposti (pp.
22-26); lo sviluppo industriale dell'Italia.
Italia nell'età giolittiana e il governo di Giolitti (p. 24-31).
La prima guerra mondiale e l'entrata in guerra dell'Italia (p. 32-35).
La grande guerra: gli anni dal ‘15 al ’17. Fine della Grande Guerra.
49
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
Ambiente ed economia durante la Grande Guerra (p. 86-87 e 94-5).
Russia: la rivoluzione borghese.
La rivoluzione d'Ottobre (p. 43-46).
Il dopoguerra e i trattati (p. 49-52).
Società delle Nazioni (p. 53-54).
Biennio rosso e Terza Internazionale.
Germania di Weimar (p. 57); diffusione di regimi autoritari.
Il dopoguerra in Italia (p. 61-63).
Nascita dei fasci di combattimento (p. 64-65).
Nascita del partito fascista e marcia su Roma (p. 66-67).
Fascismo al potere dal '22 al '25 (p. 67-69).
Le leggi fascistissime (p. 69).
La crisi del '29 (par.1-2-3).
Il canale di Panama (p. 105-6).
Il regime fascista (Elezioni, corporativismo, economia, cultura pp. 146-153).
La politica estera del regime (153-155).
La crisi in Germania e la vittoria del nazionalsocialismo (p. 156-159).
Espansionismo tedesco (p. 173;175; 176-8).
Guerra di Spagna*.
La Seconda guerra mondiale*.
*Questi argomenti sono stati trattati in modo sintetico.
Argomenti extra testo:
Il referendum sulle trivellazioni: le ragione del sì e quelle del no (dai quotidiani e dalla rete).
50
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
MATERIA: RELIGIONE
DOCENTE: PROF.SSA LORENZA MASINI
Obiettivi in termini di conoscenza, competenza e abilità:
conoscenza: la classe ha acquisito una conoscenza sufficiente dei contenuti
essenziali del cattolicesimo, del suo sviluppo storico, delle espressioni più significative
della sua vita.
competenza: gli studenti possiedono una sufficiente capacità di confronto tra il
cristianesimo, le altre religioni e i vari sistemi di significato e sanno comprendere le
diverse posizioni che le persone assumono in materia etica e religiosa.
abilità: gli studenti sanno accostarsi in maniera sufficientemente corretta alle fonti
religiose e ai documenti principali della Tradizione cristiana;
I metodi, i mezzi e gli strumenti di valutazione usati:
Metodi: lezione frontale; dialogo educativo guidato e partecipato; problem solving;
brainstorming; cooperative learning.
Mezzi: libro di testo; materiale audiovisivo (video ripresi dal web e dalla tv, film,
ecc..) fotocopie di testi significativi (testimonianze; fonti religiose, ecc.); articoli di
giornali; lavori di interazione.
Valutazione: da una valutazione iniziale si è passati ad una valutazione formativa
in itinere per arrivare alla valutazione finale tenendo conto del rendimento scolastico
di ciascun alunno; del rapporto tra profitto individuale e generale della classe; dei
progressi fatti nel corso degli studi e delle eventuali situazioni di svantaggio
evidenziate da alcuni alunni in rapporto alla classe.
Gli
studenti hanno manifestato un sufficiente
interesse per la materia, la
partecipazione è
stata spesso attiva, il profitto raggiunto è complessivamente
buono.
CONTENUTI – PROGRAMMA SVOLTO
TRA RAGIONE E FEDE
Razionalità, religiosità e fede;
l’uomo e la conoscenza (sensibile, ragionata ed esperienziale);
l’esistenza di Dio nella storia e nelle diverse culture.
La visione del mondo, dell’uomo e di una possibile o meno esistenza di un’alterità
assoluta e/o divina attraverso:
 Platone – Aristotele
 S. Agostino - S. Tommaso
 Freud – Sartre – Nietzsche.
Il pensiero su Dio nella cultura contemporanea ed in particolare nella cultura
giovanile.
51
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
ETICA – SOCIETÀ - PERSONA
L’ essere umano, la persona e il suo agire;
i diritti fondamentali della persona umana;
La relazione io-tu e le relazioni nel presente.
L’UOMO CONTEMPORANEO: GLOBALIZZAZIONE VERA O SOLO VIRTUALE?
La vita di connessione in rete e di “disconnessione” nel mondo reale: quali
comportamenti nel quotidiano e quali scelte etiche?
L’INTERPRETAZIONE DI GESU’
Gesù nel cinema: alcuni esempi tratti da
Gesù
-
“Il vangelo secondo Matteo” di Pasolini
“Jesus Christ Superstar” di Jewison
“Gesù di Nazareth” di Zeffirelli
“L’inchiesta” di Damiani
“La passione” di Gibson
“Centochiodi” di Olmi
nell’arte: analisi di alcune opere
Il Gesù barbuto IV sec. nelle catacombe di Comodilla
Cristo sul trono, particolare del portale della Chiesa di San Tommaso Apostolo,
Caramanico Terme.
Esempi di icona di Cristo nell’arte bizantina
“Il bacio di Giuda” di Giotto
“La pietà” di Michelangelo
“Cristo morto” del Mantegna
“La crocifissione bianca” di Chagall
MATERIA : SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE
DOCENTE: PROF.SSA ZAMBONI ANTONELLA
La classe 5FQ , unificata in questa disciplina fin dalla classe 3^, durante quest’ultimo
anno ha mostrato una certa crescita nella maturazione dei singoli ed una
partecipazione maggiormente responsabile al dialogo educativo.
Complessivamente più che sufficiente il livello teorico e
risultanze decisamente buone nelle differenti attività pratico-sportive, in particolar
modo per gli allievi contraddistintisi per un impegno attivo e costante.
Attraverso la gestione del movimento, utilizzando al meglio le proprie capacità, si sono
raggiunte “conoscenze” relativamente a: - effetti positivi del movimento conferendo
sempre massima importanza della fase di riscaldamento fisico e allenamento;
- variabilità del movimento ed immagine mentale dello stesso;
- attività ludiche e sportive;
52
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
pratiche motorie e sportive;
concetti teorici relativi al corpo umano ed al funzionamento degli apparati
coinvolti durante la pratica motoria (muscolare, articolare, respiratorio,…);
- infortuni possibili durante l’attività sportiva;
- regole e fondamentali delle discipline sportive svolte (pallavolo, pallacanestro,
calcio, pallamano,…) e dell’atletica leggera.
Considerando che nella programmazione il nucleo fondante della materia è stato
rappresentato da movimento e corpo, le “competenze” perseguite sono:
- avere raggiunto la consapevolezza del proprio processo di
maturazione e
sviluppo motorio, sapendo gestire il movimento utilizzando in modo ottimale le
proprie capacità;
- avere raggiunto la consapevolezza dell’aspetto educativo e sociale dello sport;
- essere in grado di affrontare il confronto agonistico con disciplina;
- essere in grado di utilizzare “saperi e abilità” acquisiti, per adottare stili di vita
corretti (sicurezza, salute, benessere).
La programmazione per “competenze” ha agito, mediante le molteplici attività
espresse con il movimento, sul processo di maturazione globale e sviluppo motorio
di ogni allievo.
Durante le lezioni sono stati valutati i processi di partecipazione al dialogo
educativo, le modalità di lavoro,i comportamenti e gli atteggiamenti dei singoli
studenti nonché le competenze acquisite nelle varie fasi del processo di
apprendimento. Ampio spazio si è dedicato ai lavori di gruppo utili come strategia
di lavoro.
Per lo studio teorico si è utilizzato il libro di testo “In perfetto equilibrio. Pensiero e
azione per un corpo intelligente”
Autore: Del Nista Pier Luigi/ Parker June/ Tasselli Andrea
Vol. unico
Editore: D’Anna
Sono state fornite fotocopie ed appunti specifici.
Strumenti di verifica: prove pratiche e/o orali.
La valutazione emerge dal risultato complessivo dei seguenti parametri:
comportamento, partecipazione, impegno, capacità relazionali, rispetto delle
regole, competenze.
-
Programma svolto:
- esercizi a corpo libero dalle varie stazioni (eretta, seduta, decubiti);
- esercizi individuali, a coppie, in gruppo, a corpo libero, con piccoli attrezzi;
- esercizi ai grandi attrezzi;
- allunghi e progressioni;
- esercizi di streching;
- giochi sportivi di squadra (pallavolo, pallacanestro, pallamano, calcio a 5, calcio)
e relativi fondamentali, nonché arbitraggio;
- tecniche specifiche dell'atletica leggera.
Approfondimenti teorici relativi all’apparato osteo-muscolo-articolare ed agli aspetti
della traumatologia sportiva.
53
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
Materia: MATEMATICA
DOCENTE: PROF.SSA ANNA MARZOLA
Sono stati perseguiti i seguenti obiettivi disciplinari in termini di Conoscenze,
Competenze e Abilità:
COMPETENZE
ABILITA’
CONOSCENZE
Utilizzare le tecniche e Determinare equazioni di
le
procedure
del asintoti
calcolo infinitesimale
Definire una derivata prima
Determinazione e
rappresentazione grafica di
asintoti di funzioni
Definizione di derivata prima e
suo significato geometrico
Calcolare la derivata prima di
Derivate di funzioni elementari
una funzione applicando le
proprietà delle operazioni
Operazioni con le derivate
Calcolare la derivata prima di Derivata di funzioni composte
funzioni composte
Derivate di ordine superiore
Applicare i teoremi sulle
Teoremi sulle funzioni derivabili
funzioni derivabili
(regola di De L'Hospital)
Definire e determinare
Definizione di funzione
l'andamento di una funzione
crescente e funzione
decrescente
Classificare i punti stazionari
Definire e determinare la
concavità di una funzione
Determinazione degli intervalli
di monotonia
Determinazione dei punti
stazionari
Definizione di funzione concava
e funzione convessa
Determinazione degli intervalli
di concavità/convessità
Determinazione dei punti di
flesso
Utilizzare le tecniche e Determinare primitive di una
le
procedure
del funzione
calcolo integrale
Calcolare
l’integrale
indefinito
di
funzioni
elementari
applicando
le
proprietà
Utilizzare
varie
d’integrazione
Primitiva di una funzione
Integrali immediati
Proprietà
indefiniti
degli
integrali
Integrali indefiniti di funzioni la
cui primitiva è una funzione
tecniche
composta
54
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
Integrazione per parti
Calcolare l’integrale definito
Integrazione per sostituzione
di
funzioni
elementari Integrali
applicando le proprietà
fratte
di
funzioni
razionali
Calcolare aree di figure piane Integrale
definito
e
sue
proprietà
Calcolare lunghezze di archi
di curve
Teorema
fondamentale
del
calcolo integrale
Calcolare superfici e volumi
di solidi di rotazione
Calcolo area di un trapezoide
Calcolo area di una porzione di
piano
Calcolo di un volume di un
solido di rotazione.
Determinazione della lunghezza
di un arco di curva
Determinazione della superficie
di un solido di rotazione
Risolvere
modelli Definire
deterministici
differenziale
Classificare
differenziale
Risolvere
differenziale
un'equazione Definizione
differenziale
di
equazione
un'equazione Equazioni differenziali del primo
ordine elementari, a variabili
separabili e lineari omogenee e
un'equazione
non
Determinare
integrale
generale e/o particolare
Equazioni
differenziali
del
secondo ordine elementari e
lineari a coefficienti costanti
omogenee e non (elemento
forzante di tipo polinomiale,
esponenziale e goniometrico)
METODOLOGIE DI INSEGNAMENTO
Lezione frontale e partecipata
Esercitazione guidata
Discussione guidata
Schemi, mappe concettuali, tabelle,
grafici
55
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
I vari argomenti sono stati introdotti,il più delle volte, intuitivamente, attraverso
semplici esempi e solo successivamente formalizzati in modo rigoroso seguendo un
percorso di maggiore generalizzazione e astrazione.
Sempre presente il lavoro di verifica immediato attraverso quesiti, esempi e
risoluzione di problemi mediante esercizi svolti dai ragazzi alla lavagna, con liberi
interventi dei compagni, privilegiando così il dialogo e l’interazione tra gli studenti.
Continuo ripasso dei concetti sviluppati per favorire una visione il più possibile
organica e globale della materia.
Ricerca continua di chiarezza espositiva, utilizzando in modo appropriato la
terminologia specifica e attenzione ad evidenziare i collegamenti tra i vari temi
affrontati
La verifica è stata vista anche come un momento dell’attività didattica indispensabile
per misurare e consolidare il proprio livello di preparazione.
STRUMENTI DI LAVORO/MATERIALI DIDATTICI
Quaderno-raccoglitore
Libro di testo adottato: Bergamini, Trifone, Barozzi - Matematica. Verde 5 con Maths in
English - Zanichelli
MODALITA’ DI VERIFICA DEI LIVELLI DI APPRENDIMENTO (tipologia, numero
minimo di verifiche previste e misurazione del livello di apprendimento)
Intervento breve dal posto
Elaborato scritto
Interrogazione orale e/o scritta
Prove strutturate / semistrutturate
Esercizio alla lavagna
Verifiche adeguate, nei contenuti e nei metodi, al complesso delle attività svolte e
coerenti con le competenze.
Le verifiche formative sono state viste come il controllo del lavoro svolto attraverso
l’analisi e/o correzione dei compiti assegnati , domande flash di ricapitolazione prima
dell’avvio di ogni lezione e interventi durante la lezione dialogata.
Verifiche sommative di varia tipologia:
a) Verifiche scritte: articolate sotto forma di esercizi e/o problemi, atte a misurare la
capacità di autonomia, la conoscenza e la corretta applicazione di strumenti e tecniche
di procedimenti risolutivi
b) Test: articolati come quesiti a risposta multipla, atti a misurare le conoscenze e le
capacità di comprensione; quesiti a risposta singola, atti a misurare le conoscenze, le
capacità di sequenzializzazione, di sintesi e di rigore espositivo.
c) Interventi orali: articolati come risoluzione di esercizi e/o esposizione di concetti,
atti a misurare la capacità di organizzazione logica del pensiero, la competenza sia
nell’analisi delle ipotesi e nella sintesi della tesi che nella scelta di eventuale tecnica
risolutiva, nonchè la conoscenza della stessa.
56
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
CRITERI DI VALUTAZIONE
I criteri di valutazione relativamente alle singole prove sono strutturate in termini di
CONOSCENZE
Conoscere i nuclei concettuali fondanti.
COMPETENZE
Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo infinitesimale
Confrontare e analizzare.
Individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi.
Risolvere situazioni.
ABILITA’
Organizzare con efficacia.
Rilevare, documentare e comunicare adeguatamente gli aspetti tecnici ed organizzativi
dei problemi.
Per la misurazione delle singole prove è stata utilizzata l’intera gamma dei voti.
La valutazione complessiva ha tenuto conto della partecipazione attiva al dialogo
educativo, della continuità e assiduità nell’apprendimento. In particolare sono state
valutate opportunamente l’impegno e la determinazione nel conseguire risultati
positivi in relazione alle personali abilità e conoscenze, e la capacità di saperle
sfruttare e utilizzare adeguatamente.
Presentazione della classe
La classe 5^F è costituita da 11 allievi abbinati al gruppo della 5^Q di 16 allievi, per
cui nelle ore di matematica vi è un’unica classe di 27 allievi, che seguo solo dal
corrente anno scolastico.
I livelli di competenza all’interno del gruppo classe 5^F sono piuttosto diversificati: si
passa da conoscenze complete e sufficientemente approfondite da parte di alcuni, ad
altre frammentarie, non sempre corrette a cui corrisponde una scarsa applicazione.
Il clima che si respira è decisamente sereno, disponibile e collaborativo. Un gruppo
risulta più trainante, più incisivo, mentre un secondo gruppo segue ma preferisce
rimanere nell’ombra.
Da subito, comunque tutti gli allievi hanno partecipato
all’attività didattica con grande attenzione e volontà, consci che la loro preparazione
pregressa presentasse diversi lati oscuri, non a loro imputabili, e desiderosi di
colmare, il più possibile, le lacune.
L’impegno personale è stato però regolare solo per una parte di studenti che, tesi a
favorire uno studio adeguato e responsabile, hanno cercato di migliorare anche il
proprio metodo di lavoro.
Complessivamente le conoscenze e le competenze raggiunte sono accettabili anche
se non sempre critiche. Un piccolo gruppo di
allievi è in grado di elaborare
autonomamente, con sicurezza, i vari temi anche in situazioni nuove e di eseguire
approfondimenti e collegamenti. Un nutrito gruppo ha ottenuto risultati altalenanti ma
nel complesso positivi, infine, un restante gruppo, composto da poche unità,
raggiunge a fatica gli obiettivi minimi prefissati.
57
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
MATERIA: SISTEMI AUTOMATICI
DOCENTE: LAURA CRISTAUDO
Sono stati perseguiti i seguenti obiettivi disciplinari in termini di conoscenza,
competenza, abilità:
Competenze
Abilità
Descrivere, analizzare Descrivere le
e progettare sistemi caratteristiche dei
sistemi di controllo.
automatici;
Analizzare e valutare
le problematiche e le
condizioni di stabilità
Valutare la precisione
statica.
Valutare le
problematiche e gli
effetti dei disturbi.
Utilizzare linguaggi di
programmazione, di
diversi livelli, riferiti ad
ambiti specifici di
applicazione.
Utilizzare la
strumentazione di
laboratorio e di settore
e applicare i metodi di
misura per effettuare
verifiche, controlli e
collaudi.
Effettuare la
simulazione del
comportamento di
semplici sistemi
Classificare i
trasduttori a seconda
delle grandezze
considerate e
individuare il tipo di
trasduttore idoneo
all’applicazione da
realizzare
Conoscenze
Sistemi con architettura ad
anello aperto e ad anello
chiuso.
Criteri di stabilità dei
sistemi.
Reti correttrici.
Regolatori proporzionale,
derivativo, integrativo.
Errore a regime.
Disturbi additivi e
parametrici.
Effetto della retroazione sui
disturbi.
Utilizzo di software per la
simulazione
Tipologie di trasduttori
Criteri di scelta dei
trasduttori
I metodi, i mezzi e gli strumenti di valutazione usati sono stati:
metodi
lezione frontale, con schematizzazioni alla lavagna, lezione partecipata, lavoro a
gruppi, esercitazioni pratiche e con supporto informatico, uso di appunti e fotocopie,
riferimenti al libro di testo.
mezzi e strumenti Libro di testo: P. Guidi, Sistemi automatici, vol 1, 2,3, Zanichelli.
Strutture del laboratorio. Appunti e materiale in rete per la didattica CLIL.
58
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
Strumenti di verifica e valutazione
Gli strumenti di verifica utilizzati sono consistiti in: verifiche scritte con esercizi o
quesiti, prove semistrutturate, colloqui, interventi dal posto, relazioni di laboratorio,
esercizi alla lavagna.
Con riferimento alla griglia di valutazione approvata dal Collegio Docenti , il livello di
sufficienza prevede:
-
conoscenza: essenziale, non approfondita, ma corretta;
-
esposizione a volte imprecisa; applicazione delle conoscenze fondamentali, in
modo eventualmente meccanico, senza errori sostanziali; individuazione dei
principali nessi logici nei procedimenti di analisi e sintesi.
Programma svolto
Generalità sulla risposta in frequenza dei sistemi lineari.
Forma canonica della funzione di trasferimento; definizione di guadagno statico, poli e
zeri della funzione.
Diagrammi di Bode, applicazione.
Generalità sul controllo dei processi, definizioni. Architetture dei sistemi di controllo,
sistemi ad anello aperto e sistemi ad anello chiuso; schema a blocchi, espressione
della funzione di trasferimento.
Stabilità dei sistemi di controllo. Definizione di stabilità asintotica e stabilità marginale.
Criteri di stabilità: criterio generale di stabilità; criterio di Routh-Hurwitz; criterio di
Bode . Margine di fase e margine di guadagno, determinazione utilizzando i diagrammi
di Bode.
Errore a regime e sua valutazione, tipi di sistema, errore di posizione, errore di
velocità, errore di accelerazione. Espressione degli errori a regime per sistemi di tipo
zero, uno, due.
Disturbi additivi e disturbi parametrici, definizione, effetto sui sistemi. Immunità ai
disturbi, effetto dei disturbi additivi in funzione della posizione in cui essi insorgono.
Aspetti generali sulla variazione della funzione di trasferimento di un sistema in
conseguenza della variazione di suoi parametri.
Reti correttrici, modo di operare delle reti. Rete ritardatrice, schema a componenti
passivi, espressione della f.d.t., diagramma di Bode. Rete anticipatrice, schema a
componenti passivi, espressione della f.d.t., diagramma di Bode. Rete a sella, schema
a componenti passivi, diagramma di Bode. Esempi di stabilizzazione mediante
compensazione poli-zeri.
Regolatori industriali PID, generalità. Regolatori ad azione proporzionale (P), ad azione
proporzionale-integrativa (PI), ad azione proporzionale-derivativa (PD), ad azione
proporzionale-integrativa-derivativa (PID): azione dei regolatori, caratteristiche
principali.
Parametri principali dei trasduttori: sensibilità, risoluzione, linearità, isteresi, offset.
Trasduttori di posizione; descrizione del funzionamento e caratteristiche principali di:
potenziometro lineare e rotativo, encoder ottico incrementale e assoluto, LVDT.
59
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
Trasduttori di temperatura; descrizione del funzionamento e caratteristiche principali
di termistori, termoresistenze, termocoppie. Trasduttori di velocità; descrizione del
funzionamento e caratteristiche principali della dinamo tachimetrica.
Studio e applicazione degli elementi fondamentali del software MATLAB.
MATERIA: ELETTROTECNICA
DOCENTE: PROF. PENONCINI LUCA
Libro di testo: CORSO DI ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA per l'articolazione
ELETTROTECNICA degli istituti Tecnici settore Tecnologico (G. Conte,
M. Ceserani, E. Impallomeni )
Altri sussidi didattici: software per scrivere, elaborare tabelle e grafici “LIBRE
OFFICE” e per il disegno “AutoCad ”
Moduli didattici
Obiettivi fissati
Generalità
funzionamento
macchine
sul Richiamare i concetti Interrogazioni
delle alla
base
da
delle esercizi numerici.
1h
e macchine elettriche e Un questionario
completamento
della conoscere
trattazione
il 2
del funzionamento
trasformatore
modalità di
monofase.
del
Trasformatori trifase.
elettrico.
delle
6h + 6h
pratiche
le relative
e
relazioni 2h + 2h
collaudo tecniche
trasformatore 2
prove scritte con
esercizi numerici
macchine Conoscere il principio Due prove scritte con 2h+2h
asincrone e modalità per di
il collaudo
e
prove
Tempo
assegnato in
ore
orali
del accompagnate
elettriche. funzionamento
Ripasso
Studio
Tipologia delle prove di
verifica
funzionamento esercizi numerici.
delle
macchine 2
asincrone.
condurre
collaudo
asincroni
questionari
Sapere cinque
prove
sui
con 1h+1h
domande
a
di risposta sintetica.
motori Tre
prove
relative
pratiche
6h+6h+
e 6h
relazioni
tecniche
Interrogazioni orali
60
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
Studio
delle
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
macchine Conoscere il principio Interrogazioni orali
sincrone e modalità per il di
collaudo
funzionamento
delle
macchine
sincrone.
condurre
Sapere
prove
collaudo
di
sui
generatori sincroni
Studio delle macchine in Conoscere il principio Una prova scritta con 2h
corrente
continua
e di
modalità per il collaudo
funzionamento esercizi numerici.
delle
macchine
in Interrogazioni orali
corrente
continua.
Sapere
condurre
prove
sulle
di
collaudo
macchine
in
corrente continua
Programma svolto
Trasformatori
Ripasso del trasformatore reale a vuoto e a carico monofase. Circuito
equivalente del trasformatore
monofase riportato a secondario.
Funzionamento a tensione ridotta del trasformatore in corto circuito.
Rendimento convenzionale del trasformatore monofase. Calcolo della caduta
di tensione industriale del trasformatore monofase. Trasformatori trifasi, tipi
costruttivi, rapporto di trasformazione tra tensioni di linea e di fase, prove a
vuoto e in corto circuito, calcolo del rendimento convenzionale, condizioni
per un buon parallelo dei trasformatori. Autotrasformatore.
Macchine asincrone.
Campo rotante di Galileo Ferraris. Principio di funzionamento del motore
asincrono trifase. Generalità sullo statore e sul rotore. Rotori a gabbia e
avvolti. F.e.m indotta dal campo rotante negli avvolgimenti di statore e di
rotore. Scorrimento. Resistenze e reattanze di dispersione degli
avvolgimenti. Diagrammi vettoriali del funzionamento a vuoto e a carico.
Circuito equivalente del trasformatore. Diagramma delle correnti rotoriche
al variare dello scorrimento. Diagramma circolare delle correnti statoriche.
Prova a vuoto e di corto circuito. Costruzione del diagramma circolare.
Proprietà del motore asincrono rilevabili dal diagramma circolare: fattore di
potenza, potenza assorbita e resa, potenza trasmessa, coppia, scorrimento
e rendimento. Espressione analitica della coppia in funzione dello
scorrimento. Diagramma della coppia in funzione dello scorrimento o della
velocità rotorica. Coppia di avviamento. Coppia massima e scorrimento di
61
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
coppia massima. Reostato di avviamento. Avviamento a tensione ridotta con
autotrasformatore o con collegamento stella/triangolo. Rotore a doppia
gabbia. Regolazione della velocità dei motori asincroni variando il valore
della tensione di alimentazione, con il rotore ad anelli, variando la frequenza
di alimentazione con alimentatore a inverter a tecnologia PWM. Motori
monofase.
Macchine sincrone
Generalità sulla costruzione delle macchine sincrone: tipi di rotore,
costruzione dello statore. Funzionamento a vuoto del generatore sincrono.
E0 in funzione della Iecc. Perdite a vuoto.Reazione d'indotto con carichi
ohmico, capacitivo o induttivo.
Teoria di Behn-Eschemburg. Reattanza sincrona. Caratteristica esterna.
Variazione di tensione nel passaggio da vuoto a carico. Caratteristiche
esterna U = f(I) per carichi ohmici,, ohmici induttivi e capacitivi.
Caratteristica di regolazione Iecc = f(I) per U = costante.
Potenza attiva e reattiva. Potenza in funzione del Rendimento. Coppia
resistente dovuta alla corrente d'indotto.
Parallelo dei generatori sincroni. Condizioni per effettuare il parallelo.
Lampade di sincronismo a luci pulsanti e rotanti.
Motori sincroni: principio di funzionamento, diagramma vettoriale a carico;
impiego come condensatore rotante. Coppia, potenze e rendimento. Curve a
V.
Macchine in corrente continua
Generalità sulle dinamo. Principio di funzionamento. Avvolgimento indotto
ad anello. F.e.m. nei conduttori attivi. Collettore. F.e.m. a vuoto,
Avvolgimento a tamburo. Sistema induttore e reostato di campo.
Eccitazione separata, derivata, in serie e composta. Espressione della f.e.m.
a vuoto. Caratteristica a vuoto o di magnetizzazione. Perdite di potenza a
vuoto. Funzionamento a carico. Reazione d'indotto e suoi effetti. Potenza
elettrica erogata e generata. Rendimento. Caratteristica esterna di
regolazione delle macchine con eccitazione separata, derivata e serie.
Motori in c.c. Funzionamento. Formule caratteristiche. Reostato di
avviamento. Caratteristiche meccaniche. Regolazione della velocità con
controllo di campo e di armatura. Inversione del moto.
Prove di laboratorio
Prova a vuoto di un trasformatore trifase con il rilievo delle curve I 0, cos, P0
in funzione della tensione V
Prova in corto circuito di un trasformatore trifase con il rilievo delle curve v cc,
coscc, Pcc in funzione della corrente I
Prova a vuoto di un motore asincrono trifase e misura della resistenza degli
avvolgimenti statorici
Prova in cortocircuito di un motore asincrono trifase e costruzione del
diagramma circolare
62
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
Rilievo della caratteristica meccanica e del rendimento di un motore asincrono
caricato con il freno elettromagnetico Pasqualini per diverse frequenze di
funzionamento del motore.
MATERIA : INGLESE
DOCENTE: PROF.SSA FRANCESCA ROMANA SALVATI
Sono stati perseguiti i seguenti obiettivi disciplinari in termini di:
Conoscenze:
Le strutture di base della lingua inglese e le regole grammaticali e lessico fino al livello
B1/B2
Competenze:
- Leggere, comprendere testi tecnici e rispondere a domande / questionari
- Reperire e schematizzare le informazioni principali
- Riassumere oralmente le informazioni chiave
- Utilizzare un lessico specifico
Abilità:
Abilità
READING
B1/2- Comprendere articoli su temi attuali o professionali
B1/2- Desumere dal contesto il significato di parole sconosciute
B1/2- Scorrere velocemente brevi testi per trovare le informazioni chiave richieste
INTERACTION
B1/2- Esprimersi su argomenti relativi ai propri interessi, esperienze e progetti per il
futuro
B1/2- Interagire in conversazioni di carattere tecnico- lavorativo
WRITING
B1/2- Redigere relazioni tecniche
B1/2- Documentare le attività individuali e di gruppo relative a situazioni anche
professionali.
.
I metodi, i mezzi e gli strumenti di valutazione usati sono stati:
Metodi:
Lezione frontale e partecipata
Uso del libro di testo e fotocopie
Schemi, mappe concettuali
Breve sunto scritto da parte degli studenti degli argomenti trattati da studiare previa
divisione in gruppi
Presentazione di argomenti da parte degli studenti, seguita da domande poste dai
compagni
63
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
Mezzi e strumenti:
LIBRO DI TESTO: Vincenzo Bianco, Anna Gentile Trigger in Editrice: Il
Capitello
Fotocopie varie…
Strumenti di verifica e valutazione:
Intervento breve dal posto
Compiti assegnati per casa
Interrogazione orale e/o verifica scritta
Esercizi alla lavagna
Elaborato scritto – sintesi – relazioni
Prove strutturate / semistrutturate
Programma svolto
MODULE 1 ELECTRICITY
UNIT 2 Electricity applications

Electric current

Simple electric circuits

AC-DC

Electricity transmission

Lighting systems to save energy
UNIT 3 ELECTROMAGNETISM

How electromagnetism works

The transformer
UNIT 4 ELECTRICITY PRODUCTION

The first industrial revolution

The steam engine

The gas – fired power station

The windmill
UNIT 5
ENERGY SOURCES

The second industrial revolution

What is energy? S

Solar energy

Geothermal energy

Wind power
64
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
MODULE 2 PHYSICS AND SCIENTISTS
UNIT 1 THE LANGUAGE OF PHYSICS AND MATHEMATICS

Georg Simon Ohm

Resistance and resistivity
MODULE 3 ELECTRONICS
UNIT 3 ELECTRONICS APPLICATIONS

Sensors and transducers
MODULE 4 COMPUTER TECHNOLOGY
UNIT 1 HARDWARE AND SOFTWARE

Steve Jobs
UNIT 2 INFORMATION TECHNOLOGY

The birth of Microsoft

E- books
FOCUS ON….. LOOKING FOR A JOB

A company organization chart

Job offers

Curriculum vitae

Letter of application

Job ads
FOTOCOPIE
WORK AND SAFETY

What is workplace safety?

Electricity hazards
65
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
DOCENTI: PROFF. PAOLO ASCANELLI MARINO GALLI
DISCIPLINA: T.P.S.E.E.
TESTO IN USO: Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici –
AAVV - Hoepli
CLASSE: 5F
n° ORE SETTIMANALI: 6 (4).
Si ritiene di aver conseguito i seguenti obiettivi:
Competenze
- applicare nello studio
di
impianti
e
apparecchiature
elettriche
ed
elettroniche
i
procedimenti
dell'elettrotecnica
e
dell'elettronica;
- operare nel rispetto
delle
normative
inerenti la sicurezza
elettrica nel lavoro e
degli ambienti;
progettare
e
realizzare
impianti
elettrici
civili
ed
industriali nel rispetto
delle
normative
vigenti;
- utilizzare linguaggi di
programmazione,
di
diversi livelli, riferiti ad
ambiti
specifici
di
applicazione.
Abilità

progettare impianti
elettrici
industriali non
complessi;
dimensionare
impianti di
illuminazione;
ricavare le correnti
assorbite dai
carichi;
realizzare con
logica cablata e
con il PLC cicli
di lavoro
automatici. di
motori elettrici.




Conoscenze
metodi di
illuminazione dei
locali;
portata dei cavi;
sovracorrenti e
protezione delle
condutture;
caratteristiche
principali delle cabine
MT/BT;
impianti di marcia e
arresto di motori ed
altre apparecchiature
con cicli automatici.
CONTENUTI
Illuminotecnica:
caratteristiche della luce;
principali grandezze fotometriche;
progettazione dell'impianto di illuminazione di un locale;
progettazione di massima dell'impianto di illuminazione pubblica di una strada.
Dimensionamento dei cavi
correnti assorbite dalle utenze;
designazione dei cavi più usati;
portata dei cavi.
66
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
Guasti nei circuiti elettrici ed apparecchi di protezione:
sovraccarico;
corto circuito;
guasto verso terra;
fusibili;
interruttori automatici magnetotermici;
interruttori automatici differenziali.
Protezione delle condutture:
scelta della sezione dei cavi;
caduta di tensione;
scelta dei dispositivi di protezione;
coordinamento delle protezioni;
determinazione delle correnti di corto circuito.
Classificazione degli impianti:
classificazione in categorie secondo la tensione;
classificazione secondo lo stato del neutro (sistemi TT, TN-C, TN-S, IT);
protezione dai contatti indiretti nei sistemi TT, TN e IT;
Impianti di terra:
caratteristiche e funzioni dell’impianto di terra;
elementi costitutivi dell’impianto di terra;
Impianti in alta e media tensione:
generalità sulla produzione e distribuzione dell'energia elettrica;
dimensionamento dei componenti principali di una cabina di trasformazione MT/BT;
schema tipico di una cabina;
scelta dei trasformatori;
parallelo dei trasformatori.
Rifasamento:
significato ed utilità del rifasamento;
calcolo della potenza rifasante di un carico;
calcolo della capacità necessaria per rifasare;
vari tipi di rifasamento.
Il PLC:
Principio di funzionamento
Ingressi, uscite
Linee di programma
Schemi ladder
Interfacciamento e dialogo tra PLC e PC
Assegnazioni di ingressi ed uscite
Temporizzatori interni e loro uso
Temporizzatori TON, TOF e TONR.
Esercitazioni pratiche con relativi elaborati grafici, sia in logica cablata che con il
PLC, inerenti cicli di lavoro automatico di motori elettrici:
avviamento stella-triangolo di motore asincrono trifase;
telecommutatore di polarità (motore Dahlander);
avviamento di tre motori asincroni trifase in sequenza coda-testa;
applicazione del PLC alla marcia avanti e indietro con interblocco di un motore
asincrono trifase.
67
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
ALLEGATO 2 GRIGLIE DI VALUTAZIONE
GRIGLIA DI VALUTAZIONE PRIMA PROVA
obiettivo
livello
correttezza
morfo-sintattica
e
ricchezza
lessicale
conoscenz
a specifica
degli
argomenti
competenza
:
coerenza
ed aderenza
alla traccia
Scarso
Formula
periodi
scorretti sul piano
sintattico, senza
proprietà lessicale
PUNTI 2
Non conosce
i temi e i
contenuti
richiesti
PUNTI 1
Non
interpreta
correttament
e la traccia,
sviluppandola
in
modo
incoerente ed
arbitrario
PUNTI 2
Insufficient
e
Formula
periodi
sintatticamente
stentati,
evidenziando
povertà lessicale
PUNTI 3
Conosce ed
espone temi
e contenuti
in
modo
stentato
e
superficiale
PUNTI 2
Interpreta la
traccia
in
modo
non
completamen
te corretto e
la
sviluppa
parzialmente
PUNTI 2,5
Sufficiente
Formula
periodi
che
scorrono
logicamente,
utilizzando
un
linguaggio
semplice
PUNTI 3,5
Conosce ed
espone
gli
ambiti
tematici ed i
contenuti a
grandi linee
PUNTI 2,5
Discreto
Formula
un
discorso corretto,
mostrando
una
discreta
padronanza
Conosce ed
espone temi
e contenuti
elaborandoli
con
una
Interpreta
correttament
e la traccia
proposta e ne
formula
un’esposizion
e semplice ed
inerente
PUNTI 3
Interpreta
correttament
e la traccia
proposta e la
espone
in
capacità di
argomentar
e in modo
personale
e/o
creativo
Non
argomenta il
proprio
punto
di
vista,
formulando
giudizi
generici
e
scontati
PUNTI 1
Tenta
di
formulare
giudizi
ma
non sempre
riesce
ad
elaborarli e
ad
argomentarli
correttament
e
PUNTI 1,5
Formula
almeno una
semplice
tesi,
in
riferimento
al
proprio
punto
di
vista
PUNTI 2
Formula
giudizi
personali
discretament
e motivati ed
intervallo
di
variabilit
à
del
punteggi
o
0/6
7/9
10/11
12/13
68
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
lessicale
PUNTI 4
Buono
Ottimo
Punteggio
Attribuito
certa
padronanza
PUNTI 3
Formula
un Conosce ed
discorso fluido e espone temi
corretto,
e contenuti
lessicalmente
in
modo
vario e ricco
specifico ed
PUNTI 4,5
elaborato
PUNTI 3,5
PUNTI
..
PUNTI
..
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
modo
coerente
PUNTI 3,5
Interpreta
correttament
e la tracci
proposta ed
organizza
l’esposizione
in
modo
personale
e
coerente con
i
contenuti
richiesti
PUNTI 4
PUNTI
..
argomentati
PUNTI 2.5
E’ in grado di 14/15
formulare
giudizi
personali
e
critici,
espressi
in
modo
personale ed
originale
PUNTI 3
PUNTI
..
TOTALE
PUNTI….
69
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
GRIGLIA DI VALUTAZIONE SECONDA PROVA
Commissione :
Sede:
Candidato__________________________
Classe________
SCHEDA DI VALUTAZIONE SECONDA PROVA
Griglia di valutazione
Punteggio
Livelli
0-2
Insufficiente
3-4
Sufficiente
5
Insufficiente
3-4
Sufficiente
Insufficiente
3-4
Sufficiente
Obiettivo 1
Capacità di analisi del testo e delle
problematiche richieste per individuare il
corretto percorso risolutivo
Ob. 2 :
Conoscenza dei contenuti, capacità di scelte
progettuali corrette ed eventualmente motivate
e di integrazione dei dati mancanti.
Buono
0-2
5
Ob. 1 :
Buono
0-2
5
Obiettivi
Buono
Ob. 3 :
Correttezza formale, completezza dei calcoli e
degli schemi, ordine, precisione.
Obiettivo 2
Obiettivo 3
Punteggio
Data:
70
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
GRIGLIA DI VALUTAZIONE TERZA PROVA
TIPOLOGIA B: QUESITI A RISPOSTA SINGOLA
CANDIDATO: ________________________________________
INDICATORI
LIVELLI
Grav.
Insuff.
 Insufficient
Correttezza e e
completezza  Sufficient
dell'informazi e
one
 Discreto
 Buono/Otti
mo
CLASSE:
PUNTI


Capacità di
selezionare i
concetti
fondamentali
e di
sintetizzarli
con coerenza
Correttezza
espositiva e
padronanza
dei linguaggi
specifici





Grav.
Insuff.
Insufficient
e
Sufficient
e
Discreto
Buono/Otti
mo
1
2
3
4
5
Insufficient
0-2
3
4
e
Sufficient

0-2
3
4
5
6
e

Buono
TOTALI PER MATERIA
71
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
PUNTEGGIO ATTRIBUITO
IN QUINDICESIMI
(media dei totali per materia)
Ferrara,
__________________________
72
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
ALLEGATO 3 SIMULAZIONI DI TERZE PROVE CLASSE 5Q
CLASSE 5Q
PRIMA SIMULAZIONE TERZA PROVA
TPSEE
Che cos'è la dispersione modale in una fibra ottica?
……………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………….
Cosa sono le costanti primarie in una linea di trasmissione?
……………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………….
Chi è il responsabile del servizio di prevenzione e protezione
nel luogo di lavoro?
……………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………
73
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
LINGUA INGLESE
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
Name ________________________
Our world is full of integrated circuits. You find several of them in computers. For
example, most people have probably heard about the microprocessor. The
microprocessor is an integrated circuit that processes all information in the computer.
It keeps track of what keys are pressed and if the mouse has been moved. It counts
numbers and runs programs, games and the operating system. Integrated circuits are
also found in almost every modern electrical device such as cars, television sets, CD
players, cellular phones, etc.
Today the most advanced circuits contain several hundred millions of components on
an area no larger than a fingernail. The transistors on these chips are around 90 nm,
that is 0.00009 millimeters, which means that you could fit hundreds of these
transistors inside a red blood cell.
Questions:
1) What is a microprocessor?
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
2) Why can we say that advanced circuits are becoming smaller and smaller?
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
3) What does it mean that “our world is full of integrated circuits”? Give some
examples taken from real life.
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
74
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
SCIENZE MOTORIE
. Ogni movimento può essere eseguito con maggiore o minore potenza, in modo
rapido o lento, per molto o per poco tempo, può impegnare in maniera varia
diverse strutture del corpo.
Valutato ciò, indica come si suddividono le capacità motorie, quali sono e a quale
apparato e sistema dipende ognuna.
…………………………………………………………………………………………………………………………………….
…………………………………………………………………………………………………………………………………….
…………………………………………………………………………………………………………………………………….
…………………………………………………………………………………………………………………………………….
…………………………………………………………………………………………………………………………………….
…………………………………………………………………………………………………………………………………….
. Apparato scheletrico del corpo umano.
Indica come vengono chiamati i tessuti che lo compongono e le rispettive
funzioni.
…………………………………………………………………………………………………………………………………….
…………………………………………………………………………………………………………………………………….
…………………………………………………………………………………………………………………………………….
…………………………………………………………………………………………………………………………………….
…………………………………………………………………………………………………………………………………….
…………………………………………………………………………………………………………………………………….
. Considerato che la corsa è la specialità dell'atletica leggera che mette alla prova
tutte le riserve dell'atleta, per esempio la potenza muscolare, la prontezza dei
riflessi, la resistenza allo sforzo, la resistenza alla velocità, la concentrazione,
descrivi la "staffetta 4x100 m., in cui si esalta inoltre lo spirito di squadra.
…………………………………………………………………………………………………………………………………….
…………………………………………………………………………………………………………………………………….
…………………………………………………………………………………………………………………………………….
…………………………………………………………………………………………………………………………………….
…………………………………………………………………………………………………………………………………….
…………………………………………………………………………………………………………………………………….
75
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
SISTEMI AUTOMATICI
Assegnato il seguente sistema lineare a parametri concentrati, si chiede:
R1 330K
Vi
Vo
C1
1uF
R2
100K
C2
4,7uF
1_ Ricavare la relazione I/O (sotto forma di equazione differenziale) e la relativa
funzione di trasferimento.
2_ Tracciare il diagramma poli/zeri ed indicare il grado di stabilità del sistema.
3_ Calcolare e tracciare la risposta al gradino unitario, nel dominio del tempo, del
sistema.
76
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
CLASSE 5Q
SECONDA SIMULAZIONE TERZA PROVA
TPSEE
STUDENTE……………………………….
Cosa si intende per “Documento di valutazione dei rischi”?
…………………………………………………………………………………………………............
…………………………………………………………………………………………………............
…………………………………………………………………………………………………............
…………………………………………………………………………………………………............
…………………………………………………………………………………………………............
…………………………………………………………………………………………………............
Qual è la differenza tra rifiuto speciale e rifiuto pericoloso?
…………………………………………………………………………………………………............
…………………………………………………………………………………………………............
…………………………………………………………………………………………………............
…………………………………………………………………………………………………............
…………………………………………………………………………………………………............
…………………………………………………………………………………………………............
Cosa si intende per “Impatto ambientale”?
…………………………………………………………………………………………………............
…………………………………………………………………………………………………............
…………………………………………………………………………………………………............
…………………………………………………………………………………………………............
…………………………………………………………………………………………………............
………………………………………………………………………………………………….……
77
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
LINGUA INGLESE
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
Name ________________________
Nanotechnology consists of manipulating properties and structures at the nanoscale,
often involving dimensions that are just tiny fractions of the width of a human hair.
Nanotechnology is already being used in products in its passive form, such as
cosmetics and sunscreens, and it is expected that in the coming decades, new phases
of products, such as better batteries and improved electronics equipment, will be
developed.
One area of nanotechnology application that holds the promise of providing great
benefits for society in the future is in the field of medicine. Nanotechnology is already
being used as the basis for new, more effective drug delivery systems and is in early
stage development as scaffolding in nerve regeneration research.
Nanotechnology medical developments over the coming years will have a wide variety
of uses and could potentially save a great number of lives. Nanotechnology is already
moving from being used in passive structures to active structures, through more
targeted drug therapies or “smart drugs.” These new drug therapies have already
been shown to cause fewer side effects and be more effective than traditional
therapies. In the future, nanotechnology will also aid in the formation of molecular
systems that may be strikingly similar to living systems. These molecular structures
could be the basis for the regeneration or replacement of body parts that are currently
lost to infection, accident, or disease.
1) How can you define nanotechnology? What are its applications?
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
2) Why can we say that nanotechnology “could potentially save a great number of
lives”?
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
78
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
3) What are, in your opinion, the advantages and disadvantages of the applications of
nanotechnology to our society?
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
SCIENZE MOTORIE
1 - Analisi dell'arto superiore.
Elenca i segmenti che lo compongono, le ossa e le articolazioni.
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------2 - Elenca i traumi che possono verificarsi durante l'attività fisica e la pratica
sportiva.
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
79
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
3 - Elenca gli organi dell'apparato respiratorio e le fasi della respirazione.
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
SISTEMI AUTOMATICI
Assegnata la seguente funzione di trasferimento di un
concentrati, si chiede:
G(s) = 20
sistema lineare a parametri
s  10  s  3
s  2s  20s  5
1_ Tracciare il relativo diagramma (luogo delle radici) ed esprimere il grado di stabilità
del sistema
2_ Nell’ipotesi di applicare al sistema un segnale sinusoidale di pulsazione , studiare
l’andamento della risposta armonica disegnando il relativo diagramma di Bode delle
ampiezze.
3_ Scrivere le istruzioni necessarie per impostare il pin RA3 del pic 16F876A come
input analogico, acquisire il dato presente sul pin e visualizzarlo sui led di porta B
80
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
ALLEGATO 3BIS SIMULAZIONE DI TERZA PROVA CLASSE 5F
MATERIA: TPSEE
1) Che differenza esiste tra un sistema TN-C ed un sistema TN-S ?
……………………………………………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………………………………………………………………..
2) Scrivere in linguaggio KOP del PLC un ciclo di marcia e arresto di un motore.
……………………………………………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………………………………………………………………..
3) Disegnare lo schema elettrico di comando del ciclo di marcia-arresto di un motore
temporizzato.
……………………………………………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………………………………………………………………..
81
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
SCIENZE MOTORIE
1 - Analisi dell'arto superiore.
Elenca i segmenti che lo compongono, le ossa e le articolazioni.
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------2 - Elenca i traumi che possono verificarsi durante l'attività fisica e la pratica
sportiva.
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------3 - Elenca gli organi dell'apparato respiratorio e le fasi della respirazione.
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
82
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
READING COMPREHENSION
Date_______
Name______________
By drawing a rectangle on a piece of paper with an ordinary pencil, researchers in
China have made a strong, highly sensitive sensor that can measure how much it
bends. The graphite rectangle drawn on the paper conducts electricity and has quite a
high resistance. As it bends, the resistance either increases or decreases, depending
on which way it is distorted. By measuring that resistance, the precise angle of bend
can be detected. The idea could be used to customise wearable electronics, monitor
the movement of robots and other machines, or trigger alarms when objects like
doors or books are opened. And its creators say the process is cheap and simple
enough to be useful in research, or when resources are limited. It can also be used
thousands of times without losing sensitivity and costs almost nothing, they say.
Pencil-drawing is a very convenient way to deposit materials on paper. Since it does
not use any solvent, it bypasses many issues, such as toxicity of solvent, stability of
ink, evaporation and spreading of ink, that one would need to consider in ‘wet’
printing techniques.”,
QUESTIONS:
1. What have Chinese researchers found out by drawing on a piece of paper?
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
2. According to the researchers, what are the main advantages of pencil-drawing?
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
3. Conductors and insulators in electricity. Describe them and give examples.
_____________________________________________________________________
_____________________________________________________________________
_____________________________________________________________________
_____________________________________________________________________
_____________________________________________________________________
_____________________________________________________________________
_____________________________________________________________________
_____________________________________________________________________
83
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
SISTEMI
Allievo …………………………………………………………………..…………..
Quesiti di Sistemi Automatici
1. Per la rete correttrice anticipatrice:

Tracciare lo schema a componenti passivi;

Illustrare brevemente lo scopo e il modo di operare.
2. Dato il sistema a retroazione unitaria che ha la f.d.t. della catena diretta data
da:

Indicare il tipo di sistema, motivando;

Determinare l’errore di velocità.
3. What are gain margin and phase margin?
84
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
FIRME CONSIGLIO DI CLASSE 5Q
Docente
Materia di insegnamento
Prof.ssa Lorenza Masini
Religione
Prof.ssa Cinzia Piccinini
Storia
Prof.ssa Cinzia Piccinini
Italiano
Prof.ssa Monica Pavani
Inglese
Prof.ssa Anna Marzola
Matematica
Prof.ssa Beatrice Bazzocchi
TPSEE
Prof. Giorgio Bolzati
Lab. Elettronica e TPSEE
Prof. Marco Chiarini
Sistemi automatici
Prof. Marco Bignardi
Lab. Sistemi
Prof.ssa Elena Mainardi
Elettronica
Prof.ssa Antonella Zamboni
Scienze motorie
FIRMA
85
I.T.I. N. Copernico - A. Carpeggiani
FERRARA
Esame di Stato a.s. 2015/2016 classe 5FQ
FIRME CONSIGLIO DI CLASSE 5F
Docente
Materia di insegnamento
Prof.ssa Lorenza Masini
Religione
Prof.ssa Cinzia Piccinini
Storia
Prof.ssa Cinzia Piccinini
Italiano
FIRME
Prof.ssa Francesca Romana Inglese
Salvati
Prof.ssa Anna Marzola
Matematica
Prof. Paolo Ascanelli
TPSEE
Prof. Marino Galli
Lab. Elettrotecnica e TPSEE
Prof. Laura Cristaudo
Sistemi automatici
Prof. Marino Galli
Lab. Sistemi automatici
Prof. Luca Penoncini
Elettrotecnica ed Elettronica
Prof.ssa Antonella Zamboni Scienze motorie
86

Documenti analoghi