voucher:nuove modalita` di comunicazione

Commenti

Transcript

voucher:nuove modalita` di comunicazione
Savigliano, lì 19 ottobre 2016
Spett. le Cliente
Prot. N. 20/16
VOUCHER:NUOVE MODALITA’ DI COMUNICAZIONE
Il D.Lgs n. 185/2016, entrato in vigore l’8 ottobre 2016, al fine di aumentare la tracciabilità dei voucher,
ha modificato nuovamente la disciplina che regola le comunicazioni obbligatorie dovute dai committenti
delle prestazioni di lavoro accessorio. Non è invece variato il limite di reddito, infatti il compenso per il
prestatore è rimasto di 7.000 euro netti (9.033 lordi) in caso di più committenti.
COMUNICAZIONI PREVENTIVE
Una volta acquistato il voucher, è necessario inviare:
-
all’INPS, tramite sito internet Istituzionale, la dichiarazione preventiva di inizio attività per
l’attivazione dei buoni (già prevista con la precedente normativa)
-
all’Ispettorato Nazionale del Lavoro una e-mail alla competente DTL, di cui è necessario
conservare copia, contenente i dati anagrafici del lavoratore e del committente, la data e ora di
inizio e fine della prestazione, il luogo di svolgimento della prestazione.
Il nuovo obbligo comunicativo pertanto non sostituisce la comunicazione di inizio attività all’Inps, ma si
affianca allo stesso.
TERMINE DI COMUNICAZIONE
Diversamente da quanto stabilito dalla disciplina previgente, che indicava genericamente “prima
dell’inizio della prestazione”, ora le comunicazioni preventive devono essere inviate almeno 60 minuti
prima dell’inizio della prestazione.
SANZIONI
I committenti che non rispettano i nuovi obblighi per i Buoni Lavoro Inps, rischiano una sanzione
amministrativa che va dai 400€ ai 2.400 euro per ogni lavoratore irregolare, per la mancanza della
comunicazione e-mail alla DTL competente. L’assenza, oltre che di tale comunicazione, anche della
dichiarazione di inizio attività all’Inps, comporta l’applicazione della maxisanzione per lavoro nero.
Di seguito fac-simile di mail da inviare all’indirizzo della DTL competente, per esempio:
[email protected]; [email protected];
[email protected]
FAC SIMILE MAIL DI COMUNICAZIONE LAVORO ACCESSORIO
Destinatario: Voucher.……………@ispettorato.gov.it
Oggetto: Comunicazione lavoro accessorio - codice fiscale committente e ragione sociale
Testo:
Ai sensi dell’articolo 49, c. 3 del D. Lgs n. 81/2015, con la presente si comunica il ricorso a prestazioni
di lavoro accessorio:
Committente:
- Codice Fiscale ………………………………..
- Ragione Sociale ……………………………….
Lavoratore/Lavoratrice:
- Codice Fiscale ………………………………..
- Nome e Cognome ……………………………….
- Luogo della prestazione ………………………………..
- Giorno di inizio della prestazione ……………………………….
- Ora di inizio e fine della prestazione ……………………………….
Distinti saluti.