Il restauro degli ambienti dunali: l`esotica Yucca gloriosa e il vivaio

Commenti

Transcript

Il restauro degli ambienti dunali: l`esotica Yucca gloriosa e il vivaio
Il restauro degli ambienti dunali:
l'esotica Yucca gloriosa e il vivaio delle specie dunali
Francesca Logli – Ente Parco MSRM
[email protected]
Gli habitat dunali di interesse comunitario presenti nei siti Natura 2000 oggetto del
progetto Dunetosca comprendono in particolare l'habitat prioritario denominato “Dune
costiere con Juniperus spp.”, fortemente minacciato dall'esotica Yucca gloriosa che ha
rapidamente invaso lo spazio delle specie arbustive ed erbacee autoctone dunali. Il
risultato sono densi nuclei composti da decine di piante, piante madri alte fino a 2 m e con
fusto di diametro anche oltre 10 cm, e piante più piccole, tutti ricacci di origine agamica. Il
primo passo è stato eliminare tutta la biomassa epigea e il più possibile della massa
ipogea tramite estirpazione con miniescavatore appositamente modificato, in modo che
dopo lo scavo fosse possibile la restituzione della sabbia alle dune. Il secondo passo è
stato il trattamento chimico (diserbo) delle piantine originatisi dalle radici sotterranee
rimaste in profondità. Fra le azioni innovative del Progetto è la creazione di un piccolo
vivaio di specie autoctone degli habitat dunali del Parco, cui attingere per completare le
altre azioni di progetto. Infatti la piantagione di queste piante sui sentieri chiusi all'accesso
del pubblico e sulle aree interessate dall'eliminazione della yucca accelera la ricostituzione
diretta del sistema dunale e scoraggia il calpestio. Le piantine prodotte dal vivaio sono
state usate per altri interventi di ricostituzione puntuale delle dune e iniziative didattiche
pubbliche con volontari/e, scuole ed associazioni ambientaliste locali.