Scarica il depliant

Commenti

Transcript

Scarica il depliant
mittelfest
Cividale del Friuli
16–24 luglio 2016
TERRA!
e all’orizzonte i fuochi
TERRA!
e all’orizzonte i fuochi
Cividale del Friuli
16–24 luglio 2016
2
1
associazione
mittelfest
Comune di
Cividale
del Friuli
con il contributo di
con la collaborazione di
con la particolare partecipazione di
Benvenuti all’edizione 25 di Mittelfest.
Che sia un luogo in cui immaginare l’Europa che verrà,
da rifondare a partire dalla cultura, nel solco della sua
faticosa conquista storica come terra dei diritti umani.
Benvignûts ae edizion 25 dal Mittelfest.
Si augurìn che chest al sedi un lûc indulà imagjinâ la
Europe dal doman, di tornâ a fâ sù partint de culture,
tal agâr de sô faturose concuiste storiche tant che tiere
dai dirits umans.
Dobrodošli na 25. festivalu Mittelfest!
Želim vam, da bi se tukaj snovala prihodnost Evrope,
ki ji bo nujno treba postaviti nove temelje na kulturi in
tako okrepiti njeno zgodovinsko vlogo kot kraja, kjer so
si prebivalci izborili clovekove pravice.
Herzlich willkommen zum 25. Mittelfest!
Möge dies ein Ort sein, an dem wir uns das Europa der
Zukunft vorstellen können, das nach der mühsamen
historischen Errungenschaft als Kontinent der
Menschenrechte auf der Kultur aufbauend neu gegründet
werden muss.
con il supporto di
Mittelfest aderisce a
Welcome to the 25th edition of Mittelfest.
May it be an opportunity to imagine the Europe to come.
A Europe whose new foundation will start from culture,
following its arduous conquest as the land of human
rights.
Federico Rossi
Presidente Associazione Mittelfest
TERRA!
e all’orizzonte i fuochi
EARTH!
and fire on the horizon
Dopo l’edizione 2015, dedicata all’Acqua, Mittelfest 2016
rivolge adesso le sue attenzioni alla Terra.
Terra! è il richiamo a ciò che sta sotto i nostri piedi,
il suolo in cui affondano le radici. Terra è l’elemento che
ci offre le sue risorse, il nutrimento essenziale, ma è
pure il sentiero che percorriamo nei nostri spostamenti,
ogni giorno. Terra è il Pianeta: la nostra origine, la nostra
sicurezza. Sempre più necessario diventa occuparsi
della manutenzione e della salvaguardia terrestre,
a cui si affiancano il valore della sua bellezza e della
fertilità, continuamente messe in pericolo. E le faticose
marce di coloro che, migrando, la attraversano.
Mentre all’orizzonte si accendono i fuochi.
In 2015 the festival was devoted to Water, Mittelfest 2016
turns its attention to Earth.
Earth! That’s the appeal to what is under our feet, the soil
in which roots are sunk. Earth is the element that provides
our resources, mankind’s primary nutrient. But it is also
the path we follow in our movements, every day. Earth is
Planet, our origin, our security. What is matter of urgency
is conserving and safeguarding our planet. Which is
accompanied by the value of its beauty and fertility, under
continual threat, and the weary treks of the migrants who
cross it. While on the horizon fires appear.
MITTELFEST 25 anni
MITTELFEST 25 years
In 25 memorabili edizioni il festival di Cividale del Friuli
ha tenuto fede al mandato che la Regione Friuli Venezia
Giulia gli affidava nel 1991: testimoniare la complessità
e le trasformazioni dell’identità europea attraverso
le lingue dello spettacolo dal vivo: il teatro, la musica,
la danza. Ma anche il cinema, la poesia, i burattini,
le marionette. E soprattutto l’incontro: un festival
fondato su incontri di persone e scambio di culture.
For 25 memorable years in Cividale del Friuli Mittelfest
has remained true to the mandate given to it by the
Regional administration of Friuli Venezia Giulia in 1991:
to bear witness to the complexities and transformations
in European identity through the languages of live
performance – theatre, music and dance. Not to mention
cinema, poetry, puppets and marionettes.
And above all encounter, a festival founded on the
meeting of people and cultures.
Franco Calabretto
direttore artistico
Franco Calabretto
artistic director
mittelfest 2016
prima assoluta
prima nazionale
progetto speciale
Mittelfest 2016
ingresso gratuito
M
T
D
F
C
I
= musica
= teatro
= danza
= figura
= cinema
= incontri
Prima del Festival
Mercoledì 13 luglio
21.00
Parco della Lesa
CARLOS SANTANA IN CONCERTO
LUMINOSITY
M
Sabato 16 luglio
18.00 Foro Giulio Cesare
I BAMBINI FESTEGGIANO LA TERRA
segue Chiesa San Francesco CERIMONIA D’INAUGURAZIONE
MENOCCHIO
22.00 Piazza Duomo
M
M
Domenica 17 luglio
11.00
18.00
20.00
21.00
Museo Archeologico
Chiesa San Francesco
Teatro Ristori
Belvedere
22.00 Piazza Duomo
CONSERVATORI / INNOVATORI 1
M
SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE
M
L’ALLEGRA VEDOVA
T
PULCINELLA E ZAMPALESTA
NELLA TERRA DEI FUOCHI
F
FEMININE FLAME
D
ALL STRINGS ATTACHED
F
Lunedì 18 luglio
17.00
18.00
20.00
20.00
22.00
Centro Podrecca
Chiesa San Francesco
Castello Canussio
Teatro Ristori
Piazza Duomo
NES
M
TUTTO QUELLO CHE SO DEL GRANO
T
PECORE NERE
T
IL RITO DELLA PRIMAVERA
D
prima assoluta
prima nazionale
progetto speciale
Mittelfest 2016
ingresso gratuito
M
T
D
F
C
I
Martedì 19 luglio
17.00
18.00
vie di Cividale
Chiesa S. M. dei Battuti
Venerdì 22 luglio
DANZA NELLE VETRINE
D
STORIA DI GIOVANNI FALCONE
E PAOLO BORSELLINO
F
18.30
19.00
20.00
Chiesa San Francesco
Piazza Diacono
Castello Canussio
ALTRI DECISIVI GIORNI
I
APERITIVO JAZZ
M
TUTTO QUELLO CHE SO
DEL GRANO (replica)
T
21.00
Teatro N. G. da Udine
CONFUCIO
D
Mercoledì 20 luglio
18.00
18.00
Arco Medievale
Chiesa San Francesco
19.00
20.00
22.00
Piazza Diacono
Teatro Ristori
Piazza Duomo
IL CIRCO DI LEGNO
F
SAVINA YANNATOU
& PRIMAVERA EN SALONICO
M
APERITIVO JAZZ
M
ALEKSANDRA ZEC
T
EARTH & FIRE
D
Chiesa S. M. dei Battuti
Piazza Diacono
Chiesa S. M. dei Battuti
Chiesa San Francesco
Piazza Duomo
17.00
18.00
19.00
19.00
22.00
Foyer Teatro Ristori
Chiesa San Francesco
Piazza Diacono
Chiesa S. M. dei Battuti
Teatro Ristori
PREMIO ADELAIDE RISTORI
I
POLISH CELLO QUARTET
M
APERITIVO JAZZ
M
RITORNO DI IRENE
F
BIRDIE
T
Sabato 23 luglio
11.00
11.30
18.00
18.30
Museo Archeologico
Piazza Diacono
Chiesa San Francesco
Parco del Convitto Naz.
CONSERVATORI / INNOVATORI 2
M
IL SAPORE DELLA TERRA
T
LA POLVERE E IL SOFFIO
M
LE QUATTRO STAGIONI:
PRIMAVERA E ESTATE
D
19.00
22.00
Piazza Diacono
Piazza Duomo
APERITIVO JAZZ
M
SIMONE CRISTICCHI
IL SECONDO FIGLIO DI DIO
T
Domenica 24 luglio
Giovedì 21 luglio
17.00
19.00
19.00
20.00
22.00
= musica
= teatro
= danza
= figura
= cinema
= incontri
IL PROCESSO
F
APERITIVO JAZZ
M
IL PROCESSO (replica)
F
SFUEÂI
M
NYMAN’S MUSIC FOR FILMS
M
11.00
18.00
18.30
Museo Archeologico
Teatro Ristori
Parco del Convitto Naz.
CONSERVATORI / INNOVATORI 3
M
PLAY STRINDBERG
T
LE QUATTRO STAGIONI:
AUTUNNO E INVERNO
D
19.00
22.00
Piazza Diacono
Piazza Duomo
APERITIVO JAZZ
M
L’OISEAU DE FEU / THE WASTE LAND M
PRIMA DEL FESTIVAL
mittelfest 2016
mer
13
ore 21.00
Parco della Lesa
MUSICA
CARLOS SANTANA IN CONCERTO
LUMINOSITY TOUR
Luminosity è il titolo del tour internazionale che porta
Carlos Santana In Italia. Cividale è la prima tappa.
Luminosity - spiega l’artista che ha iscritto il proprio
nome nell’album mondiale della musica - “vuole
dire che ognuno di noi può essere una luce, tutti noi
abbiamo una parte divina dentro di noi. E dobbiamo
farla venir fuori. La mia musica porta questo
messaggio: ognuno di noi è parte della luce divina”.
I biglietti venduti contribuiscono alla causa benefica
della Fondazione Milagro, l’associazione fondata da
Santana e dalla sua famiglia nel 1998 a supporto dei
bambini orfani di tutto il mondo.
Luminosity is the name of the international tour
which is bringing Carlos Santana to Italy, with
Cividale as its first date. “Luminosity”, explains the
world-famous guitarist, “means that every one of us
can be a light, we all have a part of divinity within us.
And we have to let it come out. My music carries this
message: each of us is part of the divine light.”
Ticket sales will make a contribution to the Milagro
Foundation, a charity founded by Carlos Santana
and his family in 1998 to support orphaned children
around the world.
www.santana.com
Italia / Messico / Usa
produzione
Live Nation
organizzato in
collaborazione con
Mittelfest 2016,
Zenit srl, Regione
Friuli Venezia
Giulia, Comune di
Cividale e Agenzia
PromoTurismoFVG
sab
16
ore 18.00
INAUGURAZIONE
I BAMBINI DI CIVIDALE
FESTEGGIANO LA TERRA
L’apertura ufficiale del festival trova uno
specchio nella vivacità e nell’entusiasmo
che i bambini di Cividale hanno messo
nell’ideare, anche loro, uno spettacolo
dedicato al tema di Mittelfest 2016.
Terra - Tiare - Zemlja è il filo rosso, con il
quale gli alunni della scuola primaria e i
loro insegnanti hanno imbastito questa
originale produzione. Un saluto al pianeta
e un sonoro brindisi d’augurio al festival
che va a incominciare.
The festivals’ official opening is mirrored
in the lively enthusiasm that the children
of Cividale have put into the idea of a
production devoted to Earth, the theme
of Mittelfest 2016. Terra - Tiare - Zemlja
is the pillar around which the primary
school pupils and their teachers have
built this original performance. A salute
to the planet and a ringing toast to the
success of the festival about to begin.
Foro Giulio Cesare
TERRA
TIARE
ZEMLJA
con la partecipazione
degli alunni della
scuola primaria di
Cividale del Friuli
musiche
Virginio Zoccatelli
direttore del coro
Andrea Chini
Chiesa San Francesco
CERIMONIA UFFICIALE
di apertura
di Mittelfest 2016
vin d’honneur
13
sab
16
ore 22.00
Piazza Duomo
MUSICA
Italia
durata 75’
PRIMA ASSOLUTA
da un’idea di
Renato Miani
liberamente ispirata a
Il formaggio e i vermi
di Carlo Ginzburg e
Domenico Scandella
detto Menocchio
di Andrea Del Col
musica Renato Miani
libretto
Francesca Tuscano
XXXXXXX
regia, scene, costumi
XXXXXXX
Ivan Stefanutti
con
MENOCCHIO
Gabriele Ribis, baritono
Branko Robinšak, tenore
Nicholas Isherwood, basso
Elena Biscuola, mezzosoprano
opera in un prologo,
cinque quadri e un epilogo
Coro del Friuli Venezia Giulia
maestro del coro
Cristiano Dell’Oste
Mitteleuropa Orchestra
maestro collaboratore e
assistente alla direzione
Roberto Brandolisio
coreografie
Fausta Mazzucchelli
maestro concertatore
e direttore
EDDI DE NADAI
disegno luci
Claudio Schmid
produzione
Mittelfest 2016
Con la particolare
partecipazione di
Con la collaborazione di
14
“Desiderava che fusse uno mondo nuovo…”. La parabola eretica
di un mugnaio friulano del ’500. Un compositore contemporaneo
ripercorre la vicenda studiata 40 anni fa da Carlo Ginzburg in
un libro di grande successo, Il formaggio e i vermi. Fino alla
conclusiva condanna al rogo, l’originale concezione dell’universo
e il libero pensiero di Menocchio tengono testa al pensiero unico
del Tribunale dell’Inquisizione. La sua figura è stata oggetto di un
appassionante dibattito storiografico. Risolto adesso in musica.
“I wanted a world renewed”. The heretical trajectory of a 16 thcentury Friulan miller. A contemporary composer re-enacts the
story laid bare 40 years ago by Carlo Ginzburg in his best-selling
book Il formaggio e i vermi (The Cheese and the Maggots).
Until his final condemnation to be burned at the stake,
Menocchio’s original conception of the universe and freedom of
thought stood in defiance of the doctrinal dictates of the Court of
the Inquisition. The man has been the subject of heated historical
debate. Now resolved in music.
dom
dom
17
17
ore 18.00
ore 20.00
Chiesa San Francesco
Teatro Ristori
MUSICA
TEATRO
Italia
durata 90’
Italia
durata 70’
PRIMA ASSOLUTA
musica di
Felix Mendelssohn
Bartholdy
SOGNO DI UNA NOTTE
DI MEZZA ESTATE
Spira Mirabilis
Ein Sommernachtstraum
e il Coro di voci
bianche della Scuola
di musica di Fiesole
regia teatrale
Piera Mungiguerra
con Claudia Gambino
Francesco Meola
coproduzione
Città di Bassano
Operaestate festival
Arte Sella
Spira Mirabilis
Mittelfest 2016
SPIRA MIRABILIS
16
Gli incantesimi della commedia notturna
di Shakespeare acquistano un respiro
nuovo. La suggestiva esecuzione
orchestrale di Spira Mirabilis è
accompagnata dalle voci bianche della
Scuola di musica di Fiesole.
“Non siamo solo un gruppo di musicisti
che suonano insieme, senza un direttore.
Spira mirabilis è un progetto, una figura
geometrica, che ha la peculiarità di
risultare sempre sovrapponibile a se
stessa, indipendentemente dalla sua
dimensione”.
L’ALLEGRA VEDOVA
cafè chantant
Sotto una veste nuova e originale, le più
famose pagine dell’operetta. Come se
fossimo ai tavolini di un cafè chantant,
all’inizio del secolo scorso, l’Allegra vedova
racconta la vicenda di Hanna Glavari e del
conte Danilo. Storia di amore e di ragion
di Stato, che si alterna alle arie scritte
dal genio Franz Lehár. Con un piccolo
ensemble di straordinari musicisti,
Maddalena Crippa trascina il pubblico
nell’atmosfera euforica di quell’epoca,
vitale e fremente.
The enchantments of Shakespeare’s
nocturnal comedy breathe new life.
The evocative orchestral execution by
Spira Mirabilis is accompanied by the
treble voices of the Fiesole Music School.
“We’re not just a group of musicians
playing together without a conductor.
Spira mirabilis is a project, a geometrical
figure with the peculiarity of being able to
be superimposed on itself, irrespective of
its dimension.”
The best-known pages of the comic
opera in a new and original form. As if we
were at the table of an early 20 th-century
cafè chantant, The Merry Widow tells the
story of Hanna Glavari and Count Danilo.
A story of love and the reasons of state,
alternating with melodies composed
by the genius that was Franz Lehár.
With a small ensemble of extraordinary
musicians, Maddalena Crippa draws the
audience into the exciting ferment of the
Belle Epoque.
www.spiramirabilis.com
www.parmaconcerti.it
rielaborazione testo
originale di Victor
Leon / Leo Stein a
cura di Bruno Stori e
Maddalena Crippa
arrangiamento
musiche originali di
Franz Lehár a cura di
Giacomo Scaramuzza
regia di Bruno Stori
con Maddalena Crippa
e con Giampaolo
Bandini, chitarra
Giovanni Mareggini
flauto e ottavino
Cesare Chiacchiaretta
fisarmonica e
bandoneon
Federico Marchesano
contrabbasso
produzione e
distribuzione
Parmaconcerti e
Compagnia Umberto
Orsini srl
17
dom
17
ore 21.00
Belvedere
TEATRO DI FIGURA
Italia
durata 55’
spettacolo di burattini
tradizionali napoletani
e calabresi
di e con
Gaspare Nasuto e
Angelo Gallo
PULCINELLA E
ZAMPALESTA NELLA
TERRA DEI FUOCHI
scene e burattini
Gaspare Nasuto e
Angelo Gallo
Pulcinella di mare
I burattini della tradizione napoletana
e calabrese si incontrano per dar voce
ai problemi del territorio e alle urgenze
del presente. Zampalesta e Pulcinella
affrontano un tema di denuncia: quello
della Terra dei fuochi e delle ecomafie,
comune alla Campania (terra d’origine
di Pulcinella) e anche alla Calabria
e a Crotone (che ha dato i natali a
Zampalesta). Il risultato è uno spettacolo
che attiva l’attenzione degli adulti.
Ma riesce a parlare anche ai bambini.
Puppets from the Neapolitan and
Calabrian tradition meet to give voice to
the problems of the land and a range of
pressing current questions. Zampalesta
and Pulcinella tackle the Land of Fires
and the eco-Mafia problem common
to Campania (Pulcinella’s homeland)
and Calabria, particular Crotone (where
Zampalesta comes from). The result is a
performance which grabs the attention of
adults and also speaks to children.
www.gasparenasuto.wix.com/
ladomusdipulcinella
18
PULCINELLA E ZAMPALESTA
NELLA TERRA DEI FUOCHI
© F. Stassi
17
© Rosellina Garbo
dom
ore 22.00
Piazza Duomo
DANZA
Italia
durata 55’
ideazione di
Amelia Bucalo Triglia
FEMININE FLAME
musiche di Ashram e
Maurizio Curcio
produzione
Teatro del Fuoco®
Feminine Flame è il soffio del fuoco.
Ma è anche un rito in onore della Terra,
dea madre, grembo. Con i linguaggi della
danza, della musica, dell’acrobazia e
del mimo, un’antica saggezza viene
tradotta nello scibile del nuovo millennio,
saperi che parlano di potere distribuito,
empatia, energie rinnovabili. Nel segno
del fuoco, Feminine Flame reinventa
gesti ancestrali. E li unisce a suggestioni
mistiche e moderne teorie scientifiche.
Feminine Flame is the breath of fire.
It is also a rite to honour the Land, Mother
Earth, our womb. With the languages
of dance, music, acrobatics and mime,
ancient wisdom is translated into the
knowledge of the new millennium,
awareness that speaks of the distribution
of power, empathy, renewable energy.
In the sign of fire, Feminine Flame reenacts ancestral deeds. And unites them
with mystic evocations and modern
scientific theories.
www.teatrodelfuoco.com
TEATRO DEL FUOCO®
20
lun
lun
18
18
ore 17.00
ore 18.00
Centro Internazionale
Podrecca - Teatro
delle Meraviglie Maria
Signorelli
Chiesa San Francesco
MUSICA
Spagna
durata 70’
PRIMA NAZIONALE
TEATRO DI FIGURA
Italia / Slovenia /
Croazia / Spagna
Podrecca, Klemenčič,
Lanz: pionieri europei
del teatro di figura
un progetto condiviso,
realizzato da
Comune di Cividale
del Friuli e Ljubljana
Puppet Theatre,
Títeres Etcétera España, Academy of
Arts - Osijek
a cura di
Elisabetta Bisaro
con Nadja Ocepek
e Zala Kalan
progetto co-finanziato
da Creative Europe
Programme of the
European Commission
(EACEA 32/2014)
Laboratori di restauro:
ore 11.00, 14.00, 15.00
Anteprima
cortometraggio:
ore 17.00
durata 55’
22
VITA DA MARIONETTA
NES
Una giornata con il progetto europeo
‘ALL STRINGS ATTACHED’
È stato da poco inaugurato il Centro
internazionale Vittorio Podrecca – Teatro
delle Meraviglie Maria Signorelli. Mittelfest ne
approfitta per festeggiare, assieme al Comune
di Cividale, il teatro di figura. In una lunga
giornata, laboratori di restauro di marionette,
visite guidate, la presentazione del sito del
progetto europeo, e l’anteprima del film
d’animazione dedicato a tre pionieri di questo
linguaggio: Vittorio Podrecca, Milan Klemenčič
e Hermenegildo Lanz.
Voce. Energia. Comunione fra
tre musicisti. È l’alchimia che
contraddistingue NES. Prima di tutto
viene la voce d’oro di Nesrine Belmokh,
cantante franco-algerina. È lei che
disegna i paesaggi sonori dell’emozione.
È lei che spazia in totale libertà dal blues
al jazz, dalla soul music alla chanson
francese. Il suo incontro con il violoncello
di Matthieu Saglio e le percussioni di
David Gadea ha dato vita a canzoni che
prendono il fiato.
The Centro internazionale Vittorio Podrecca
– Teatro delle Meraviglie Maria Signorelli has
recently been opened. Together with Cividale
Town Council, Mittelfest takes this opportunity
to celebrate puppet theatre. The result is a
long day featuring marionette restoration
workshops, guided tours, a presentation of the
site of the European project and a preview of
the animated film devoted to three pioneers of
this artistic language: Vittorio Podrecca, Milan
Klemenčič and Hermenegildo Lanz.
Voice. Energy. The communion of
three musicians. That is the alchemy
distinguishing NES. First of all is the
golden voice of French-Algerian singer
Nesrine Belmokh. She draws the
soundscapes of emotion. She ranges in
absolute freedom from blues to jazz, from
soul music to the French chanson.
Her chemistry with Matthieu Saglio’s cello
and David Gadea’s percussion give life to
songs that take the breath away.
www.allstringsattached.eu/about/project/
Nesrine Belmokh
voce, violoncello
Matthieu Saglio
violoncello, loop
station, vocals
David Gadea
percussioni
www.facebook.com/nesacousticmusic
23
© Stefano Vaja
lun
18
mar
19
ore 20.00
Castello Canussio
TEATRO
Italia
durata 70’
(più il tempo per
mangiare assieme le
focacce preparate e
condividere le parole
del dopo spettacolo)
di Paola Berselli e
Stefano Pasquini
regia Stefano Pasquini
con Paola Berselli,
Maurizio Ferraresi e
Stefano Pasquini
scene e costumi
Teatro delle Ariette
produzione
Teatro delle Ariette
TUTTO QUELLO
CHE SO DEL GRANO
secondo studio
Tutto quello che so del grano è fatto di
pochi, semplici elementi. Una lettera.
Una focaccia. Un uomo e una donna.
La campagna e il teatro.
“Cari spettatori, capirete quello che vi
vogliamo dire? Questo nostro sforzo servirà
a qualcosa? Venite, mangeremo insieme.
Portate la focaccia... o la pizza... il pezzo
di pane... la torta che abitualmente fate a
casa... saranno benedette dalla rugiada
in un rito di acqua e di fuoco. Il battesimo
laico dell’estate”.
Tutto quello che so del grano (Everything
I know about wheat) is made up of a few
simple elements. A letter. A focaccia.
A man and a woman. The countryside and
the theatre. “Dear spectators, will you
understand what we want to tell you?
Will our effort serve any purpose?
Come, we shall eat together. Bring
focaccia… or pizza… some bread… the
cake you normally eat at home… they will
be blessed by the dew in a rite of fire and
water. The secular baptism of summer.”
www.teatrodelleariette.it
TEATRO DELLE ARIETTE
24
lun
lun
18
18
ore 20.00
ore 22.00
Teatro Ristori
Piazza Duomo
TEATRO
DANZA
Italia
durata 65’
PRIMA NAZIONALE
Italia / Polonia
durata 35’
PRIMA NAZIONALE
di Stefano Benni
PECORE NERE
regia Stefano Benni
scene e costumi
Katia Titolo
disegno luci
Paolo Meglio
musiche Paolo Li Volsi
con Valentina Chico
Elisa Benedetta
Marinoni
Gisella Szaniszlò
Federica Del Col
produzione
Bottega Rosenguild
/ Teatrino dei Fondi /
Pierfrancesco Pisani
in collaborazione con
Infinito srl
con il sostegno di
Regione Toscana
Comune
di San Miniato
Comune di Fucecchio
IL RITO DELLA
PRIMAVERA
Le Sacre du Printemps
In una notte turbolenta e piena di
sorprese, aiutate dalla musica, tre
donne insegnano alla loro vecchia
amica, costretta in un ospizio e
dimenticata da tutti, a ritrovare la
parola. Dopo il successo di Le Beatrici,
Stefano Benni scrive e dirige una nuova
pièce al femminile, e non rinuncia alla
provocazione. Pecore nere è un cast per
sole attrici. Quattro donne che amano la
vita. Fino a cantarcela chiara.
In a turbulent night full of surprises, three
women rely on music to help them teach
their old friend, forgotten and confined
to a hospice, to rediscover the power of
speech. Following his success with
Le Beatrici, Stefano Benni has written
and directs a new all-female work,
missing no opportunity to provoke.
Pecore nere (Black Sheep) has a cast of
four actresses, women who love life.
And sing it loud and clear.
www.bottegarosenguild.it
“Il sacrificio si compie davanti allo
spettatore. Ma soprattutto si compie
per lui”. Vitalismo, erotismo, attrazione,
sono le chiavi che il polacco Janusz
Orlik ha scelto per trasformare in un
nuovo capitolo di danza il capolavoro di
Stravinsky. A differenza di versioni più
famose (da quella originale di Nijinsky
a Martha Graham, da Béjart a Bausch)
adesso è un trio di danzatori (tra cui
lo stesso coreografo) a farsi carico del
drammatico rito sacrificale.
“The sacrifice is made in front of the
spectator. But above all it is made for
him”. Vitality, eroticism, attraction – these
are the keys chosen by Polish dancerchoreographer Janusz Orlik to turn
Stravinsky’s masterpiece into a dance
innovation. Unlike its better-known
predecessors (from Nijinsky’s original
to Martha Graham, Béjart and Bausch),
it features a trio of dancers (including
Orlik) in a new incarnation of the dramatic
sacrificial rite.
musica Igor Stravinsky
regia Janusz Orlik
coreografie Joel
Claesson, Nicholas
Keegan, Janusz Orlik
danzatori Darren
Anderson, Nicholas
Keegan, Janusz Orlik
collaborazione artistica
e disegno luci Joanna
Leśnierowska
luci e suono
Łukasz Kȩdzierski
produzione
Mittelfest 2016 e
per la Polonia: Art
Stations Foundation
by Grażyna Kulczyk,
2011
con il sostegno del
Ministero Polacco
per la Cultura e il
Patrimonio Nazionale
www.januszorlik.com
26
27
© Phocus Agency
mar
19
ore 17.00
nei negozi del centro
DANZA
Italia
durata 5’ ciascuna
coreografia, a
ripetizione
DANZA NELLE VETRINE
tre coreografie
per tre negozi
in collaborazione con
Bolzano Danza
e con la
collaborazione di
Ernestamode
corso Mazzini 13
Boccolini
corso Mazzini
Borgo 18
via Carlo Alberto 9
NEUESICHT
coreografia e
interpretazione
Sarah Merler
ZOO
coreografia e
interpretazione
Santija Bieza
video Marco Sonna
YES, MAN
coreografia
Tommaso Monza
interpretazione
Marco Bissoli
In tre negozi del centro di Cividale,
l’originale formula “a vista” che già lo scorso
anno ha incuriosito clienti e passanti.
Le vetrine dello shopping mall cividalese si
aprono alla danza.
Tre spazi inediti per tre giovani talenti della
coreografia italiana, tre micro-spettacoli
scelti in collaborazione con il Festival
Bolzano Danza. Movimenti oltre il vetro.
Idee da guardare. Arte senza prezzo.
Three shop windows in the centre of
Cividale are again the stage for the original
“on display” formula that aroused the
curiosity of last year’s customers and
passers-by. The windows of Cividale’s
shopping mall are opened to dance.
Three new spaces for the young talents of
Italian choreography, three micro-shows
selected in collaboration with the Bolzano
Dance Festival. Movements through the
glass. Ideas to watch. Art with no price-tag.
www.bolzanodanza.it
mar
mar
19
19
ore 18.00
ore 18.30
Chiesa Santa Maria
dei Battuti
Chiesa San Francesco
TEATRO DI FIGURA
Italia
durata 70’
PROGETTO SPECIALE
MITTELFEST 2016
INCONTRI
Italia
durata 60’
drammaturgia e regia
Angelo Sicilia
con Angelo Sicilia
pupari Angelo Sicilia
Maria Palma Albanese
Manuel Giuliano
cantastorie e musiche
dal vivo Paolo Zarcone
scene, costumi, oggetti
Giuseppe Caropepe
MOPS – Marionettista
Popolare Siciliana di
Palermo
STORIA DI GIOVANNI
FALCONE E PAOLO
BORSELLINO
L’opera dei pupi è tipica della tradizione
siciliana delle marionette. Da anni
Angelo Sicilia ha tolto loro le armature
cavalleresche e con la sua Compagnia ha
ideato e portato in scena il ciclo dei pupi
antimafia. Un filo rosso e sapiente unisce
la storia dei Fasci siciliani, la lotta dei
contadini per la riforma agraria, e arriva
alle vicende di Peppino Impastato, dei
giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino,
di Pio La Torre e di padre Pino Puglisi.
L’opera dei pupi is typical of the Sicilian
marionette tradition. Years ago Angelo
Sicilia took off their chivalrous armour and
with his Company has devised and staged
the ciclo dei pupi antimafia – anti-Mafia
puppet cycle. A telling thread that unites
the Fasci Siciliani workers’ movement, the
peasants’ struggle for agrarian reform and
the stories of Peppino Impastato, front-line
investigators Giovanni Falcone and Paolo
Borsellino, Pio La Torre and Padre Pino
Puglisi.
ALTRI DECISIVI GIORNI
Entrati nelle stanze segrete della Storia
con le inchieste televisive di D-Day, i giorni
decisivi (su RaiTre, 2015), due autorevoli
firme del giornalismo italiano proseguono
a Cividale il loro colloquio. Paolo Mieli è
stato direttore a La Stampa e al Corriere
della Sera, dove ha inaugurato una
nuova stagione per quel quotidiano.
Giornalista, scrittore, autore di inchieste
di carattere politico, economico, sociale,
Tommaso Cerno è attualmente direttore
al Messaggero Veneto.
conversano
Tommaso Cerno e
Paolo Mieli
in collaborazione con
RAI5 e RCS
Having entered the corridors of power
with the investigative television on
D-Day, i giorni decisivi (Decisive Days,
on RaiTre, 2015), two doyens of Italian
journalism bring their conversations
to Cividale. Paolo Mieli has been editor
of La Stampa and the Corriere della
Sera, a newspaper whose fortunes he
succeeded in turning around. Political
and economic investigative journalist and
social commentator, Tommaso Cerno is
currently editor of the Messaggero Veneto.
www.mopspupi.it
30
31
mar
19
ore 21.00
Teatro Nuovo Giovanni
da Udine
DANZA
Cina
durata 90’
CONFUCIO
China National Opera costumi Donglin Yang
and Dance Drama
modelli Lei Jia
Theatre
con
direzione esecutiva
Siyu Yang (Confucio)
e coreografia
Shanshan Zhang
Weiwei Mao
(la Consorte)
Kun Liu (il Duca)
regista e coreografa
Bin Liu (il Cortigiano)
Dexin Kong
(77ma discendente
primi danzatori
diretta di Confucio)
Yang Hu
Xuehan Shi
script Chun Liu
Yin Zhu
scenografia Bei Liu
Haifeng Guo
musiche composte e produttore Cheng Tao
dirette da Qu Zhang
direttore del corpo di
visual director
ballo Ning Xu
Dongsheng Ren
coproduzione
Emilia Romagna
Festival
Ljubljana Festival e
Mittelfest 2016
“Mi chiedi perché compro riso e fiori?
Compro il riso per vivere e i fiori per
avere una ragione per cui vivere”. Negli
insegnamenti che Confucio ci ha regalato,
terra e cielo si incontrano. La bellezza è
il tramite grazie al quale la sua lezione
giunge fino a noi. Musica, danza, colore,
leggerezza. È impossibile distogliere
gli occhi dagli affreschi in movimento
della compagnia nazionale cinese, che
introduce al pubblico uno dei più influenti
pensatori d’Oriente.
“You ask me why I buy rice and flowers.
I buy rice to live and flowers to have
something to live for.” Earth and sky
meet in the teachings Confucius left
us. And the means by which his lessons
reach us is beauty. Music, dance, colour
and lightness. You can’t tear your eyes
from the moving frescoes painted by the
China National Dance Company as they
introduce the audience to the Orient’s
most influential thinker.
en.cnoddt.com
32
33
CHINA NATIONAL OPERA
mer
mer
20
20
ore 18.00
ore 18.00
Arco Medievale
Chiesa San Francesco
TEATRO DI FIGURA
MUSICA
Repubblica Ceca
durata 60’
Grecia
durata 60’
PRIMA NAZIONALE
Compagnia
Karromato Praga
IL CIRCO DI LEGNO
SAVINA YANNATOU
IN CONCERTO
con Primavera en Salonico
Un circo internazionale pieno di
immaginazione, ritmo, sorprese.
Le marionette intagliate nel legno e un
teatrino d’epoca, riccamente decorato,
creano la sensazione di un’esperienza
fuori dal tempo. Con grande attenzione
alle fonti documentarie, lo spettacolo dei
marionettisti di Praga (ma alcuni di loro
provengono da Ungheria e Spagna) si
ispira ai numeri di varietà che nel secolo
XIX rallegravano gli intermezzi delle
rappresentazioni teatrali.
An international circus full of imagination,
pace and surprises. Wood-carved
marionettes and a richly decorated
period theatre create the sensation of an
experience outside time. With scrupulous
attention to documentary sources, the
performance staged by the Prague
marionettists (some of them are from
Hungary and Spain) is based on 19 thcentury variety turns which brightened up
the intervals between acts at the theatre.
www.karromato.cz
“Tonalità scure, che sanno d’ambrosia e
una disciplina vocale che si esprime come
una fiamma libera. Nata ad Atene, Savina
Yannatou è un camaleonte che si muove a
proprio lungo agio su tutti i sentieri della
musica mediterranea. Mentre improvvisa
è capace di distillare da ciascuna
canzone fino l’ultima goccia di passione
e di sangue”. Così la critica a proposito
di questa meravigliosa interprete, che
a Mittelfest è accompagnata dal suo
gruppo fidato di musicisti.
musiche della
tradizione greca,
ebreo-sefardita, turca,
bulgara, armena, slava
con la band
Primavera en Salonico
Kostas Vomvolos
Kyriakos Gouventas
Haris Lambrakis
Yannis Alexandris
Michalis Siganidis
Kostas Theodorou
in collaborazione con
Euritmica
“Dark tones flavoured with ambrosia
and a vocal discipline expressed as a
free-burning flame. Born in Athens,
Savina Yannatou is a chameleon
who moves effortlessly along all the
paths of Mediterranean music. In her
improvisations she is able to distil the
last drop of blood and passion from
every song.” Thus speak the critics of this
wonderful performer, accompanied at
this year’s Mittelfest by her own group of
trusted musicians.
www.savinayannatou.com
36
37
ALEKSANDRA ZEC
© Petar Fabijan
20
mer
20
ore 20.00
ore 22.00
Teatro Ristori
Piazza Duomo
TEATRO
DANZA
Croazia
durata 55’
sopratitoli in lingua
italiana
PRIMA NAZIONALE
Austria / Turchia /
Kenia / Francia
durata 80’
PROGETTO SPECIALE
MITTELFEST 2016
un progetto d’autore di
Oliver Frljić
regia Oliver Frljić
drammaturgia
Marin Blažević
scenografia Ljerka Hribar
costumi Sandra Dekanić
luci Dalibor Fugošić /
Marjan Zeneral Šubić
suono Aleksandar
Jovanović / Ivan Harej
con Ivana Roščić, Jelena
Lopatić, Tanja Smoje,
Damir Orlić, Nikola Nedić,
Jurica Marčec
e inoltre Jana Mileusnić,
Lucia Filičić, Nina Batinič,
Morana Mladič
produzione HKD Theatre,
International Small
Scenes Theatre Festival –
Rijeka-Fiume
cofinanziamento The City
of Rijeka, Department
of culture, PrimorskoGoranska County,
The Serbian National
Council for the City of
Zagreb, Ministry of Culture,
Republic of Croatia
40
© Petar Fabijan
mer
ALEKSANDRA ZEC
EARTH & FIRE
due coreografie
TRADITIONAL FUTURE
“Tutto ciò va ben oltre la questione della
colpa e della pena”. Aleksandra Zec
aveva dodici anni e frequentava la scuola
quando, assieme alla madre Marija, è
stata uccisa da 5 membri dei reparti
speciali del Ministro degli Interni croato.
Basato su materiali documentari, il teatro
di Frljić ha lo stesso impatto emotivo
di una Antigone. “Perché la questione
riguarda noi, che osserviamo. Riguarda
noi, cittadini e membri della comunità
umana”.
Evolvere dalla tradizione verso la
modernità. Senza cancellare le tracce
di chi ci ha preceduto. Senza tradire le
proprie radici. Anuang’a e Ziya Azazi
sono due coreografi che provano a farlo.
Il primo proviene dal Kenia, e ritrova la
potenza e i riti ancestrali tra i quali è
cresciuto, figlio della terra dei Masai.
Il secondo, di origine turca, è il signore del
fuoco che divampa nei movimenti rotatori
e nei gesti ripetuti, tipici della danza dei
Dervisci.
“All this goes well beyond the question of
guilt and punishment.” Aleksandra Zec
was a twelve year-old schoolgirl who,
together with her mother, was killed by
five soldiers from special forces under the
command of the Croatian Ministry of the
Interior. Based on documentary material,
Frljić’s theatre has the emotional impact
of an Antigone. “Because the question
concerns us, as we look on. It concerns
us, citizens and members of the human
community.”
To evolve from tradition towards
modernity. Without effacing the traces
of those who came before. Without
betraying one’s roots. Anuang’a and Ziya
Azazi are two choreographers trying to do
just that. The former comes from Kenya,
and draws on the strength and ancestral
rites among which he grew up, son of the
land of the Masai. The latter, of Turkish
origin, is a lord of the fire spread by the
repeated whirling movements typical of
Dervish dance.
coreografia Anuang’a
musiche
Maasaï Vocals e
composizioni moderne
con Anuang’a
produzione
Pierre Cardin
EMBER
concept, coreografia e
danza Ziya Azazi
drammaturgia e testi
Isin Onol
musiche Mike Ottis
palco Ziya Azazi &
Peter Leitner
costumi Ischiko
effetti fiamme
Robert Nagel
coproduzione
MD Spettacoli e
Mittelfest 2016
www.hkd-teatar.com
41
ANUANG’A
© Phocus Agency
21
© Boštjan Lah
gio
Chiesa San Francesco
Chiesa Santa Maria
dei Battuti
MUSICA
TEATRO DI FIGURA
IL PROCESSO
SFUEÂI
ovvero la dolente storia di Josef K.
tratto dal romanzo di
Franz Kafka
regia Matja Solce
con Miha Bezeljak e
Miha Arh NO! k.g.
drammaturgia
Jelena Sitar Cvetko
direzione artistica
Primož Mihevc
e Matija Solce
Lutkovno Gledališče
Maribor
21
ore 20.00
ore 17.00
e ore 19.00
Slovenia
durata 60’
PRIMA NAZIONALE
gio
Il mondo di Franz Kafka si squaderna
davanti agli occhi del pubblico, invitato
dagli artisti del Lutkovno Gledališče
di Maribor a immedesimarsi nel
protagonista, vittima e eroe del celebre
racconto. Lo spettatore si sente accusato,
e deve mettercela tutta per districarsi,
quasi fosse un acrobata, nel labirinto dei
ritmi e dei generi che si alternano.
Lo humour nero dei burattini, la poesia del
teatro di figura, il cabaret improvvisato.
Sfueâi - recita una poesia di Novella
Cantarutti - sono “stormi di luci
disseminati nell’oscurità del cielo da
non si sa quale mano”. Sfueâi è l’inedito
progetto della vocalist e compositrice
Elsa Martin e del compositore e pianista
Stefano Battaglia. Un omaggio in musica
ai poeti del Friuli contemporaneo: quegli
autori che attraverso le loro opere hanno
recuperato e reinventato la lingua, nelle
diverse varianti dei luoghi di provenienza.
Franz Kafka’s world comes to life before
the eyes of the audience, invited by
the artists of the Maribor Lutkovno
Gledališ e to put themselves in the
shoes of the protagonist, victim and hero
of this celebrated work. The spectator
feels accused, and has to do his utmost
to stay on his feet, just like an acrobat,
in the labyrinth and fits and starts of
alternating genres. The marionettes’ black
humour, the poetry of puppet theatre, the
improvisation of cabaret.
Sfueâi – recites a poem by Novella
Cantarutti – are “flocks of lights scattered
in the darkness of the sky by an unknown
hand”. Sfueâi is also a new project
designed by vocalist and composer Elsa
Martin and pianist and composer Stefano
Battaglia. A musical tribute to Friuli’s
contemporary poets – the authors whose
works have retrieved and reinvented a
language in its various local forms.
Italia / Friuli
durata 90’
PROGETTO SPECIALE
MITTELFEST 2016
liriche friulane di
Pier Paolo Pasolini
Novella Cantarutti
Pierluigi Cappello
Federico Tavan
Amedeo Giacomini
Maria Di Gleria
progetto e musiche di
Elsa Martin
e Stefano Battaglia
Elsa Martin, voce
Stefano Battaglia
pianoforte
spettacolo realizzato in
collaborazione con la
Provincia di Udine
www.elsamartin.it
www.stefanobattaglia.com
www.lg-mb.s
44
45
© Francesco Guidicini
21
© Martin Elliott
gio
ore 22.00
Piazza Duomo
MUSICA
Regno Unito
durata 90’
PRIMA NAZIONALE
MUSIC FOR FILMS
Michael Nyman,
pianoforte
Michael Nyman Band
Gabrielle Lester, violino
Ian Humphries, violino
Kate Musker, viola
Tony Hinnigan,
violoncello
David Roach, sassofoni
Simon Haram,
sassofoni
Andy Findon,
sassofono e flauto
Toby Coles, tromba
Paul Gardham, corno
francese
Nigel Barr, trombone
Martin Elliott, basso
elettrico
in collaborazione con
Euritmica
Michael Nyman e la Michael Nyman Band
Proiettato verso nuove, ardite traiettorie
musicali, che mescolando il sacro e il
profano, Michael Nyman è unanimemente
considerato uno dei musicisti più
importanti della scena contemporanea.
Le colonne sonore per i film di Peter
Greenaway e per Lezioni di piano di Jane
Campion gli hanno regalato un successo
planetario. È compositore, pianista,
librettista, scrittore, musicologo, fotografo e
film-video-maker. E tante altre cose ancora.
Ma il suo stile è unico. Inconfondibile.
Projected towards bold new musical paths,
mixing the sacred with the profane, Michael
Nyman is unanimously considered to be
one of the most outstanding musicians on
the contemporary scene. His soundtracks
for Peter Greenaway’s films and Jane
Campion’s The Piano have shot him to
planetary stardom. He is a composer,
pianist, librettist, writer, musicologist,
photographer and film- and video-maker.
And much more besides. But his style is
unique. And unmistakable.
www.michaelnyman.com
MICHAEL NYMAN
46
© Monika Liber
ven
22
ore 18.00
Chiesa San Francesco
MUSICA
Polonia / Belgio /
Svezia / Turchia / Italia
durata 80’
PRIMA NAZIONALE
POLISH CELLO QUARTET
Passion and Belief
Progetto MusMA
- Music Masters
On Air - European
Broadcasting Festival
PROGRAMMA
DEL CONCERTO
Annelies Van Parys
(Belgio), Via Crucis
quartetto di violoncelli:
Adam Krzeszowiec
Wojciech Fudala
Krzysztof Karpeta
Tomasz Daroch
Alice Hebborn
(Belgio)
Ensauvagement
una coproduzione
Festival de Wallonie
(Belgio), Festival
International de
musique d’Ankara
(Turchia), Klara
Festival (Belgio),
Wratislavia Cantans
(Polonia), Saxå
kammarmusic
Festival (Svezia),
e Mittelfest 2016
con la collaborazione
di EuroRadio, delle
emittenti radiofoniche
di Belgio, Turchia,
Polonia, Svezia
Arda Ardases
Agosyan (Turchia)
The Third Fall
Alessio Domini
(Italia), After The
Torchlight Red
Daniel Fjellstrom
(Svezia),
XV: Resurrection
Artur Zagajewski
(Polonia), Sculpture
(da The Way Of The
Cross)
Una insolita formazione d’archi: solo
quattro violoncelli. Sei festival musicali
europei e sei emittenti radiofoniche hanno
commissionato sei nuove composizioni ad
altrettanti giovani autori internazionali.
Passion and Belief, passione e fede, è il
tema consegnato adesso agli strumenti
del quartetto polacco. Con Turchia, Polonia,
Belgio, Svezia, Mittelfest è il partner
italiano del progetto, insieme a RAI – Sede
Regionale FVG.
An unusual string quartet: just four cellos.
Six European music festivals and six radio
broadcasters have commissioned six
new pieces from six young international
composers. Passion and Belief is the theme
tackled by the instruments in the hands of
these Polish musicians. Alongside Turkey,
Poland, Belgium and Sweden, Mittelfest is
the project’s Italian partner, together with
the RAI – FVG Regional Radio.
www.musma.eu
http://polishcelloquartet.com/en/index.html
e RaiRadio – Friuli
Venezia Giulia
48
49
ven
ven
22
22
ore 19.00
ore 22.00
Chiesa Santa Maria
dei Battuti
Teatro Ristori
TEATRO DI FIGURA
Spagna
durata 60’
PRIMA NAZIONALE
TEATRO
Italia
durata 45’
IL RITORNO DI IRENE
BIRDIE
“Scrivere uno spettacolo per bambini che
parli della guerra è un esercizio non da
poco. Noi abbiamo scelto di raccontare
la Prima Guerra Mondiale dando voce
non agli uomini, ma alle case. Le case
abbandonate dagli sfollati, le case
rimaste vuote, come vuote sono le stalle,
i nidi sugli alberi. E con loro la farmacia,
l’osteria, la casa della piccola Irene, il
cinema muto, la cuccia di Bobi… Immobili,
a raccontarsi storie nell’attesa”.
Due miraggi. Da una parte welfare, energie
rinnovabili, sicurezza sociale. Dall’altra,
guerre, sfruttamento, abuso di risorse
naturali. Da una parte la facilità con cui
in rete si movimentano capitali e beni.
Dall’altra gli ostacoli tra i quali, sulla terra,
si muovono i migranti. In mezzo, stormi di
uccelli che formano indecifrabili disegni in
cielo. Evoluzione e sopravvivenza sono temi
di ricerca per il gruppo teatrale spagnolo,
vincitore lo scorso anno del Leone
d’Argento della Biennale di Venezia.
di Gigio Brunello
e Gyula Molnar
con
Alberto De Bastiani
oggetti di scena
e sculture di
Gigio Brunello
Compagnia
Alberto De Bastiani
“Writing a children’s show that deals
with war is no easy exercise. We decided
to recount the First World War by giving
voice not to men but to houses.
The houses abandoned by refugees,
houses standing empty, as empty as the
stables and the nests in the trees. And
with them the chemist’s, the tavern, little
Irene’s house, the silent film theatre,
Bobi’s basket… Furniture, telling stories
of waiting.”
www.albertodebastiani.it
Two mirages. On one side welfare,
renewable energy, social security. On the
other wars, exploitation, the abuse of
natural resources. On one side the ease
with which capital and goods are moved
on the Internet. On the other the obstacles
standing in the way of migrants moving
across the earth. In between, flocks of
birds forming inscrutable designs in the
sky. Evolution and survival are the themes
explored by this Spanish theatre company,
winners of the Leone d’Argento at last
year’s Biennale.
www.srserrano.com
50
uno spettacolo di
Agrupación Señor
Serrano
creazione
Alex Serrano
Pau Palacios
Fernando Dordal
performance
Alex Serrano
Pau Palacios
Alberto Barberá
voce
Simone Milsdochter
disegno luci e video
programmazione
Alberto Barberá
disegno del suono e
colonna sonora
Roger Costa Vendrell
produzione Agrupación
Señor Serrano, GREC
Festival de Barcelona,
Fabrique de Théâtre
- Service des Arts
de la Scène de la
Province de Hainaut,
Festival Terrassa
Noves Tendències,
Monty Kultuurfaktorij,
Konfrontacje Teatralne
Festival
51
© Nacho Gomez
AGRUPACIÓN SEÑOR SERRANO
sab
23
ore 11.30
Itinerante
per le vie di Cividale
partenza: Piazza Diacono
TEATRO
IL SAPORE DELLA TERRA
THE EARTH’S TASTE
20 minutes on Earth - SAFest
First Edition - Summer Academy 2016
La presenza della “Nico Pepe” a Mittelfest
prende spunto dal tema portante di questa
edizione. 20 minutes on Earth - Summer
Academy Fest2016 è un progetto comune,
avviato assieme alle scuole di teatro di Polonia,
Russia, Svizzera e Bulgaria. Nel loro viaggio
con soste negli angoli “parlanti” di Cividale,
allievi attori italiani e stranieri raccoglieranno
il frutto del lavoro di una settimana. E con un
rituale simbolico pianteranno alcuni alberi,
nati in quei diversi Paesi.
The participation of the “Nico Pepe” at this
year’s Mittelfest takes its cue from this
edition’s central theme. 20 minutes on Earth Summer Academy Fest2016 is a joint project
launched with the theatre academies in
Poland, Russia, Switzerland and Bulgaria.
At the stops on the “talking corners” in the
streets of Cividale, Italian and European
apprentice actors will reap the fruits of a
week’s work. And with a symbolic ritual they
will be planting trees from their various
homelands.
www.nicopepe.it
54
Italia / Polonia / Svizzera /
Bulgaria
durata 100’
PRIMA NAZIONALE
regia e coordinamento
Claudio de Maglio
regie dei docenti delle
Accademie partecipanti:
Marcin Przybylski
(The Aleksander Zelwerowicz National Academy
of Dramatic Art Varsavia
- Polonia )
Anna Dubrovskaya
(The Boris Shchukin Theatre Institute - Mosca –
Russia)
Daniel Bausch
(Scuola Teatro Dimitri Verscio – Svizzera)
Alexander Iliev (NAFTA National Academy of Theatre and Film Art “Krastyo
Sarafov” - Sofia – Bulgaria)
con gli allievi del 2° e 3°
anno della Civica Accademia d’Arte Drammatica
Nico Pepe - Udine
e gli allievi delle Accademie
partecipanti di Polonia,
Russia, Svizzera, Bulgaria
produzione Civica Accademia d’Arte Drammatica
Nico Pepe - Udine
55
© Phocus Agency
ven
22
ore 19.00
Chiesa San Francesco
MUSICA
Italia
durata 120’
PROGETTO SPECIALE
MITTELFEST 2016
LA POLVERE E IL SOFFIO
dialogo d’arte tra Vittorio Sgarbi
e don Alessio Geretti
Rappresentatione di
Anima et di Corpo
rappresentazione
per recitar cantando
musica
Emilio de’ Cavalieri
(ca. 1550 – 1602)
Coro del Friuli
Venezia Giulia
Ensemble Barocco
dell’Orchestra San
Marco Pordenone
direttore
Cristiano Dell’Oste
con gli interventi di
Vittorio Sgarbi e
Alessio Geretti
e con
Mara Corazza
(l’Anima)
Luca Dordolo
(il Corpo)
Mauro Borgioni
(il Consiglio, il Tempo)
Claudio Zinutti
(l’Intelletto)
Alessandro
Carmignani
(l’Angelo Custode)
Enrico Basello
(il Mondo)
Elisabetta
Gasparotto
(la Vita mondana)
coproduzione
Coro del Friuli
Venezia Giulia e
Mittelfest 2016
in collaborazione
con Wunderkammer
Trieste e Orchestra
San Marco
Pordenone
Il dialogo d’arte tra Vittorio Sgarbi e don
Alessio Geretti trova un perfetto rimando
nell’opera musicale scritta per il Giubileo
del 1600, da Emilio de’ Cavalieri e eseguita
ora dal Coro del FVG e dall’Ensemble
Barocco dell’Orchestra San Marco.
Un’indagine sinestetica tra colori e affetti,
alla ricerca dei modi in cui musica e arti
figurative si occupano dell’opposizione di
Corpo e Anima. Polvere tratta dal suolo e
soffio divino che le dà vita.
The dialogue on art between Vittorio
Sgarbi and Don Alessio Geretti finds
perfect reflection in the music written for
the 1600 Jubilee by Emilio de’ Cavalieri
and performed for Mittelfest by the
choristers of the Coro del FVG and the
Baroque Ensemble of the Orchestra
San Marco. A synaesthetic exploration
of colours and affections in an attempt
to understand the role of music and
figurative art in the opposition between
Body and Soul. Dust from the ground and
the divine breath that gives it life.
www.corofvg.it
56
57
sab
23
dom
24
ore 18.30
Parco del Convitto
Nazionale
LE QUATTRO STAGIONI
Arearea danza Le Quattro Stagioni.
Non proprio quelle di Vivaldi, ma quelle
su cui ha messo mano il compositore
tedesco Max Richter. Ricomporre
Le Quattro Stagioni, che idea folle!
Far convivere ambient music ed
elettronica con il più popolare
concerto della storia della musica: un
sacrilegio. Arearea rielabora la sfida
del “compositore di protesta” e dentro
quella musica fa vibrare il linguaggio
contemporaneo del corpo, per un nuovo
progetto site specific.
Arearea dances The Four Seasons.
Not exactly Vivaldi’s, but those reworked
by German composer Max Richter.
Recomposing The Four Seasons –
what a daft idea! Putting ambient and
electronic music into bed with the
best-loved concert in the history of
music – sacrilege. Arearea takes up the
challenge of the “protest composer” and
infuses the music with the resonances of
contemporary body language for a new
site-specific project..
www.arearea.it
AREAREA
DANZA
Italia
PRIMA NAZIONALE
ideazione del progetto
Roberto Cocconi
Marta Bevilacqua
coreografi
Roberto Cocconi
Marta Bevilacqua
assistenti alla
coreografia
Luca Zampar
Valentina Saggin
Anna Savanelli
musiche Le quattro
stagioni di Antonio
Vivaldi, riscrittura di
Max Richter
costumi
Compagnia Arearea,
Marianna Fernetich,
Luca Virgilio
direzione tecnica
Fausto Bonvini
organizzazione
Giulia Birriolo
produzione Arearea
in coproduzione con
Mittelfest 2016 e con il
sostegno del MiBACT
59
LE QUATTRO STAGIONI
LE QUATTRO STAGIONI
AUTUNNO
INVERNO
sabato
23 luglio
ore 18.30
LE QUATTRO STAGIONI
LE QUATTRO STAGIONI
PRIMAVERA
ESTATE
domenica
24 luglio
ore 18.30
Parco del Convitto
Nazionale
coreografia
Roberto Cocconi
coreografia
Marta Bevilacqua
Parco del Convitto coreografia
Roberto Cocconi
Nazionale
danzano
Gioia Martinelli
Irene Ferrara
Marco Pericoli
Nicol Soravito
Carolina Valentini
assistente alla
coreografia
Valentina Saggin
assistente alla
coreografia
Luca Zampar
danzano
Angelica Margherita
Anna Savanelli
Valentina Saggin
Marta Bevilacqua
Luisa Amprimo
danzano
Luca Campanella
Roberto Cocconi
Andrea Rizzo
Daniele Palmeri
Luca Zampar
durata 30’
durata 30’
durata 30’
coreografia
Marta Bevilacqua
danzano
Luca Campanella
Roberto Cocconi
Andrea Rizzo
Daniele Palmeri
Luca Zampar
Angelica Margherita
Anna Savanelli
Valentina Saggin
Marta Bevilacqua
Luisa Amprimo
durata 30’
60
Giovani donne
danzano nell’aria
tersa, quasi ninfe nel
giardino delle Esperidi.
Allacciate alla terra,
coi piedi corrono
gioiose incontro alla
luna che quando si
avvicina troppo alla
terra fa impazzire tutti.
L’Estate è il femminile,
è soprattutto il nostro
attaccamento alla
realtà sensuale del
mondo. Cinque donne
si fanno attraversare
da un forte vento
d’estate e cercano
complicità e solitudine.
Young women dance in
the limpid air, almost
nymphs in the garden
of the Hesperides. Tied
to the earth, their feet
carry them joyfully
towards the moon,
which drives everyone
mad when it comes too
close to the earth.
The summer is
feminine, above all it
is our attachment to
the world’s sensual
reality. Five women in
a high summer wind
seek complicity and
solitude.
Uno sparuto gruppetto
di uomini tergiversa
sui propri passi,
attardando il più
possibile ogni piccola
decisione, ponderando
che la separazione tra
gli opposti prima o poi
si assottiglierà, fino a
scomparire.
Chiude la composizione
una danza circolare,
una danza sul
mondo avvolto nella
rigidità dell’Inverno.
Congiungersi per
cercare un calore
nel profondo ci porta
all’abbraccio.
Si amplifica, in cinque
coppie danzanti,
la relazione a due.
A small group of men
procrastinate over
the way forward,
delay every small
decision to the utmost,
pondering whether
the separation
of opposites will
eventually diminish
into nothing.
The composition
concludes with a
circular dance, a dance
on the world wrapped
in the rigidity of winter.
Joining to seek warmth
in profundity brings us
to an embrace. In five
dancing couples, the
personal relationship is
amplified.
61
© Massimo Battista
sab
23
ore 22.00
Piazza Duomo
TEATRO
Italia
durata 105’
PRIMA ASSOLUTA
uno spettacolo di
Simone Cristicchi
scritto da
Manfredi Rutelli e
Simone Cristicchi
regia Antonio Calenda
costumi e scenografia
Domenico Franchi
musiche originali
Simone Cristicchi e
Valter Sivilotti
con Simone Cristicchi
Marco Bianchi, chitarre
e live looping; Andrea
Musto, violoncello;
Francesco Tirelli,
percussioni; Sebastiano
Zorza, fisarmonica
con il Coro Ensemble
Magnificat di
Caravaggio
direttore Valter Sivilotti
produzione CTB Centro
Teatrale Bresciano /
Promo Music
in collaborazione con
Mittelfest 2016 e
Dueffel Music
IL SECONDO FIGLIO
DI DIO
Vita, morte e miracoli di David Lazzaretti
In cima a una montagna, davanti a una
folla adorante di quattromila persone, un
uomo si proclama reincarnazione di Gesù
Cristo. È il luglio del 1878. L’inizio di una
rivoluzione possibile, che avrebbe potuto
cambiare il corso della Storia. Simone
Cristicchi presenta Il secondo figlio di Dio.
È il debutto del suo nuovo spettacolo
teatrale ispirato alla vicenda incredibile,
ma realmente accaduta, di David
Lazzaretti, detto il “Cristo dell’Amiata”.
On a mountain peak, before an adoring
crowd four thousand strong, a man
proclaims himself the reincarnation of
Jesus Christ. It is July 1878. The beginning
of a possible revolution that might have
changed the course of history. Simone
Cristicchi presents The Second Son of God.
It is the premiere of his new theatrical
production based on the incredible but true
story of David Lazzaretti, known as “the
Christ of the Amiata”.
www.ctbteatrostabile.it
www.promomusic.it
SIMONE CRISTICCHI
62
dom
24
ore 18.00
Teatro Ristori
TEATRO
Italia
durata 120’
PRIMA NAZIONALE
PLAY STRINDBERG
di Friedrich
Dürrenmatt
“Dürrenmatt si prende gioco di noi, della
nostra vita famigliare, con tutte le armi
che gli sono proprie, il sarcasmo, l’ironia
che trascolora nel grottesco, il gusto
del comico, ma anche la violenza del
linguaggio. Lo fa rileggendo uno dei più
formidabili testi di Strindberg, Danza
macabra, e riscrivendolo da quel grande
costruttore di storie teatrali qual è”.
Al debutto a Mittelfest la nuova
produzione del Teatro Stabile del Friuli
Venezia Giulia. Con un tris adamantino di
attori.
traduzione
Luciano Codignola
“Dürrenmatt makes fun of us and our
family life with the weapons he knows
best – sarcasm, an irony that spills over
into the grotesque, a taste for comedy
and the violence of language.
He does so in a reinterpretation of one
of Strindberg’s most formidable texts,
The Dance of Death, showing all his
powers of theatrical construction.”
The Mittelfest debut of the new
production by the Teatro Stabile del Friuli
Venezia Giulia. With three diamondtipped actors.
coproduzione
Teatro Stabile del
Friuli Venezia Giulia,
Artisti Riuniti,
Mittelfest 2016
regia Franco Però
scene di
Antonio Fiorentino
costumi di
Andrea Viotti
musiche di
Antonio Di Pofi
con Maria Paiato
Franco Castellano
Maurizio Donadoni
www.ilrossetti.it
64
65
© David Bazemore
dom
24
ore 22.00
Piazza Duomo
MUSICA
Italia / Slovenia
durata 90’
PRIMA ASSOLUTA
musiche di
Igor Stravinsky
Pëtr Il’ič Čajkovskij
Manuel De Falla
e Cristian Carrara
Slovenska
Filharmonija Ljubljana
direttore Nir Kabaretti
solista
Danusha Waskiewicz
PROGRAMMA
DEL CONCERTO
Pëtr Il’ič Čajkovskij
Romeo e Giulietta,
ouverture (1870)
Cristian Carrara
The Waste Land (2016),
per viola e orchestra,
prima esecuzione
assoluta
Manuel de Falla
Danza ritual del fuego,
da El Amor Brujo (1915)
Igor Stravinsky
L’uccello di fuoco,
suite (1919)
L’OISEAU DE FEU
THE WASTE LAND
L’evento speciale che conclude Mittelfest
è un sontuoso concerto. Bianca e
discreta, la mole del Duomo affiancherà
l’Orchestra Filarmonica di Lubiana.
Il programma della serata è attento
a soddisfare il desiderio del pubblico
con pagine particolarmente amate:
Čajkovskij, de Falla, Stravinsky. Ma ne
sollecita anche la curiosità, con l’inedita
partitura del compositore pordenonese
Cristian Carrara, che su commissione di
Mittelfest, ha ripreso il tema centrale del
festival, The Waste Land.
A special event, a sumptuous concert
to conclude this year’s Mittelfest.
The discreet white bulk of the Duomo
provides the backdrop for the Ljubljana
Philharmonic Orchestra. The playlist is
designed to meet the audience’s desires
with particularly well-loved pieces by
Tchaikovsky, de Falla and Stravinsky.
And to arouse its curiosity, with a
new score by Pordenonese composer
Cristian Carrara whose The Waste Land
- commissioned by Mittelfest 2016 reprises the festival’s central theme.
NIR KABARETTI
66
© Phocus Agency
CONSERVATORI / INNOVATORI
in collaborazione con i Conservatori di musica
Tomadini di Udine e Tartini di Trieste
Felice e consolidata abitudine del pubblico del festival sono
gli appuntamenti con i più bravi fra i giovani allievi che stanno
completando il percorso accademico nei due Conservatori della
Regione FVG, il Tartini di Trieste e il Tomadini di Udine.
Il progetto Conservatori / Innovatori propone quest’anno tre loro
concerti. Tre programmi musicali studiati apposta per rivelare la
freschezza e il talento di questi futuri professionisti della musica.
A regular favourite with the Mittelfest audience is the
performances put on by young musicians nearing completion
of their studies in the Region’s two music academies, the Tartini
of Trieste and the Tomadini of Udine.
This year the Conservatori / Innovatori project presents three
concerts, three opportunities to reveal the freshness and talent
of these budding music professionals.
www.conservatorio.udine.it
www.conservatorio.trieste.it
da martedì 19
a domenica 24
ore 19.00
Piazza Diacono
durata 60’
in collaborazione con il
Conservatorio di musica
Tomadini di Udine
Chi lo vuole rosso,
chi arancione,
chi analcolico.
Chi preferisce il sapore
forte, chi quello leggero,
chi infine le bollicine.
In piazza, a Mittelfest,
l’aperitivo è comunque
jazz.
Some prefer it red,
some orange,
some non-alcoholic.
Some prefer a strong
taste, some light,
and some like bubbly.
In the square, at
Mittelfest, the aperitif
is always jazz.
68
APERITIVO JAZZ
Martedì 19 luglio
Emanuele Filippi (tastiere)
Eugenio Dreas (basso)
Filippo Ieraci (chitarra)
Mercoledì 20 luglio
Alessandro Cherici (chitarra)
Gabriele Marcon (tromba)
Pappio De Citronis (pianoforte)
Giovedì 21 luglio
Federico Biondi (trombone)
Alessio Zoratto (contrabbasso)
Margherita Gruden (pianoforte)
Paolo Mestroni (batteria)
Venerdì 22 luglio
Nicoletta Taricani (voce)
Alessio Zoratto (basso)
Margherita Gruden (pianoforte)
Sabato 23 luglio
Letizia Felluga (voce)
Alessandro Scolz (piano)
Domenica 24 luglio
Chiara Di Gleria (voce)
Matteo Romano (chitarra)
69
Domenica
17 luglio
ore 11.00
Museo
Archeologico
Nazionale
durata 60’
CONSERVATORI / INNOVATORI 1
Llambi Cano, pianoforte
musiche di
Johan Sebastian Bach, Ludwig van Beethoven,
Franz Liszt – Richard Wagner, Maurice Ravel
in collaborazione con il Conservatorio di musica
Giuseppe Tartini di Trieste
PROGRAMMA DEL CONCERTO
Johan Sebastian Bach
Concerto italiano BWV971
Ludwig van Beethoven
Sonata op. 101
Franz Liszt – Richard Wagner
Isolde’s Liebestod
Maurice Ravel
Gaspard de la Nuit
Sabato
23 luglio
ore 11.00
Museo
Archeologico
Nazionale
durata 60’
CONSERVATORI / INNOVATORI 2
Giada Visentin, violino
e Mizuho Furukubo, pianoforte
musiche di
Wolfgang Amadeus Mozart, Béla Bartók,
Ludwig van Beethoven, Camille Saint-Saëns
in collaborazione con il Conservatorio di
musica Giuseppe Tartini di Trieste
PROGRAMMA DEL CONCERTO
Wolfgang Amadeus Mozart
Sonata per violino e pianoforte in sol maggiore
Kv.379
Béla Bartók
Sei danze popolari rumene
Ludwig van Beethoven
Sonata per violino e pianoforte in fa maggiore
No.5 op.24 La Primavera
Camille Saint-Saëns
Danse Macabre
70
Domenica
24 luglio
ore 11.00
Museo
Archeologico
Nazionale
durata 60’
CONSERVATORI / INNOVATORI 3
Tania Haunzwickl, clarinetto;
Giovanni Di Lena, violino;
Daniele Russo, pianoforte
musiche di
Aram Khachaturian, Darius Milhaud,
Igor Stravinsky
in collaborazione con il Conservatorio di
musica Jacopo Tomadini di Udine
PROGRAMMA DEL CONCERTO
Aram Khachaturian
Trio per clarinetto, violino e pianoforte (1932)
Darius Milhaud
Suite op. 157b per clarinetto, violino e
pianoforte (1936)
Igor Stravinsky
Suite da Histoire du soldat, per clarinetto,
violino e pianoforte (1919)
71
MITTEL_MUSEO
TERRA MADRE MITTELEUROPA
in collaborazione con MAN – Museo Archeologico Nazionale
Un “progetto condiviso” di Mittelfest2016, ConvivioZorzettig 2016
e Slow Food FVG
Il programma del festival si completa con le conferenze
organizzate dal MAN e rivolte alla conoscenza viva delle risorse che
il territorio cividalese conserva. Appuntamenti pensati - a dispetto
del nome - per una generazione giovane e curiosa.
Come lo scorso anno, Mittelfest ritrova la collaborazione di
Convivio, il cartellone di incontri, conversazioni, serate di
spettacolo e degustazioni promosso da Zorzettig Vini, cui si
aggiunge ora Slow Food FVG, sezione regionale dell’Associazione
che difende la centralità del cibo e il suo giusto valore.
The festival programme is completed by the conferences organised
by MAN, devoted to the active awareness of the resources
conserved in the Cividale area. Events designed – despite the name
given to them – for a young and curious generation.
As it did last year, Mittelfest presents a collaboration with Convivio,
a programme of encounters, conversations, performances and
tastings promoted by Zorzettig Vini, joined this year by Slow Food
FVG, the regional section of the association acting to defend the
central role of genuine food and its proper value.
Mercoledì 20, ore 17.00
ABITARE LA TERRA.
ARCHITETTURE IN TERRA
CRUDA
Storie di terra come materia prima.
Forme e culture costruttive in terra
cruda documentate in Regione e
architetture in fango dall’antichità
ai giorni nostri, viaggiando per il
mondo, a cura di Giovanni Carlo
Fiappo e Giorgio Ganis.
Giovedì 21, ore 17.00
I COLORI RITROVATI
DELLA SCULTURA
ALTOMEDIEVALE
Ricerca sulla policromia dell’altare
di Ratchis, capolavoro dell’arte
longobarda dell’VIII secolo, a cura di
Laura Chinellato, con uno speciale
approfondimento sul colore nella
scultura altomedievale del prof.
Saverio Lomartire.
72
Domenica 17, sabato 23,
domenica 24, ore 11.00
CONSERVATORI /
INNOVATORI 1+2+3
Tre concerti. L’invasione musicale
dei giovani allievi del Tomadini di
Udine e del Tartini di Trieste.
73
CONVIVIO
Incontri di vini e di sensi
(da aprile a luglio 2016)
Encounters with wines
and the senses (April to
July 2016)
È un progetto modellato su incontri,
conversazioni, serate di spettacolo e
degustazione, promosso da Zorzettig
Vini per accompagnare attraverso
l’indagine, l’approfondimento, l’esperienza
e l’intrattenimento eno-gastronomico, la
produzione vinicola nel territorio dei Colli
Orientali del Friuli.
Tra gli ospiti dell’edizione 2016 di CONVIVIO
svolti presso il Relais La Collina di Ipplis (Ud):
Andrea Segrè, Massimo Cirri, Fabrizio Nonis,
Licia Granello, Massimo Carlotto, Lino Puja
e altri.
Featuring encounters, conversations, evening
performances and tasting sessions, this project
is organised by Zorzettig Vini to promote the
wines of the Colli Orientali in Friuli through
gastronomic discovery, discussion, experience
and entertainment.
Held at the Relais La Collina in Ipplis (Udine),
CONVIVIO 2016 will be presenting Andrea Segrè,
Massimo Cirri, Fabrizio Nonis, Licia Granello,
Massimo Carlotto, Lino Puja and others.
https://it-it.facebook.com/zorzettigvini
ZORZETTIG VINI
Terreno e microclima, vigna, passione: questa
la ricetta dei vini di Annalisa Zorzettig,
ideatrice di Convivio – Incontri di vini e di sensi.
Sui Colli Orientali, a Spessa di Cividale del
Friuli (UD).
The terrain and its microclimate, the vineyard,
passion. This is the wine recipe inspiring
Annalisa Zorzettig, creator of Convivio –
Encounter with wines and the senses. In Friuli’s
Eastern Hills, at Spessa di Cividale del Friuli (UD).
www.zorzettigvini.it
74
Sabato 9 luglio
Sabato 16 e domenica 17 luglio
SLOW NIGHT
insieme a Carlo Petrini
LE COMUNITÀ DEL CIBO
A CIVIDALE
ore 18.00
dalle 10.00 alle 19.30
Chiesa di San Francesco, Cividale
Gastronomo, sociologo e attivista
culturale, fondatore di Slow Food,
Carlo Petrini converserà con il pubblico
sul tema “Il ruolo di Slow Food e Terra
Madre per il futuro di un’agricoltura
buona, pulita e giusta”
Partecipa Christiano Shaurli
Modera Enos Costantini
(Ingresso libero)
Gastronome, sociologist and cultural
activist, Slow Food founder Carlo Petrini
will be conversing with the public on
best agricultural practices. After which
he will lead a tasting tour of three of the
best wine cellars in the Cividale area.
nel centro di Cividale
Esposizione e incontri con le Comunità
del Cibo di Polonia, Slovacchia, Slovenia,
Repubblica Ceca, Ungheria, Croazia.
In locali, negozi e spazi del centro,
un’occasione per degustare e acquistare
formaggi, liquori, birra, erbe aromatiche,
dolci, vino, prodotti a base di frutta, miele,
alimenti biologici, tessuti ricamati, taglieri
di legno e altri prodotti.
The first two days of the festival will
feature the display, tasting and sale of
produce from food communities in Poland,
Slovakia, Slovenia, the Czech Republic,
Hungary and Croatia. All over town.
dalle ore 20.00 alle 24.00
LABORATORI DEL GUSTO
punto di ritrovo: Piazza Picco, Cividale
Carlo Petrini guida un percorso in
pullman con visita e degustazione di vini
e specialità in tre cantine del Cividalese
con accompagnamento musicale a
cura del Grop Tradizionâl Furlan in un
crescendo di sapori e ritmi tradizionali.
Cantina Paolo Rodaro
Cividale del Friuli
Cantina La Sclusa
Spessa di Cividale
Cantina Zorzettig
Spessa di Cividale
(Quota individuale € 35,00)
Prenotazioni presso biglietteria
Mittelfest Festival 2016
Borgo di Ponte, 1
Cividale del Friuli
tel +39 0432 734316
Domenica 17 luglio
dalle 9.30
Sala San Francesco, Cividale
Tre incontri, a cura di Slow Food FVG,
per apprezzare il ruolo di tutti i cinque
sensi nell’esperienza alimentare.
Three encounters organised by Slow
Food FVG for an appreciation of the
roles played by the five senses in the
experience of food: cheeses, beers and
fruit-derived products – conserves,
syrups and distillates.
Laboratorio di degustazione formaggi
della Mitteleuropa (ore 9.30)
Laboratorio di degustazione birre (ore 11)
Laboratorio di degustazione prodotti
dalla frutta: confetture, sciroppi e
distillati (ore 12.00)
(Ingresso libero solo con prenotazione;
max 20 partecipanti)
Prenotazioni: Mittelfest Festival 2016
+39 0432 733966
75
MITTEL_INOLTRE
Sabato 2 e domenica 3 luglio
diversi orari e spazi del centro
MITTELIBRO:
NARRIAMO LA TERRA
in collaborazione con La Libreria,
Circolo di cultura Ivan Trinko,
Associazione culturale Bottega
Errante
Orientata verso il mondo dei libri
e della produzione editoriale,
l’iniziativa delle associazioni
cividalesi si gemella con Mittelfest.
Alla sua seconda edizione, la
manifestazione ha aderito al tema
del festival, e si è arricchita di
contenuti, aprendosi a proiezioni
cinematografiche, concerti,
reading e workshop di scrittura
creativa. Dall’esperienza di Stefano
Montello all’interno di una fattoria
sociale, al viaggio verso Santiago
de Compostela di Maria Irene
Cimino. Dal ritorno alla terra del
ciclista Francesco Moser alla
giovane scrittrice slovena Nataša
Kramberger. E con loro, molti altri.
Orientated towards the bookpublishing world, the initiative
of these Cividale associations is
twinned with Mittelfest. Now in its
second year, the event has picked up
the festival’s theme and broadened
its contents, opening up to film
projections, concerts, readings and
creative writing workshops. From
Stefano Montello’s experience on a
social farm to Maria Irene Cimino’s
journey to Santiago de Compostela.
From cyclist Francesco Moser’s
return to earth to young Slovene
writer Nataša Kramberger.
And many others besides.
76
Sabato 9 luglio
ore 10.30
Caffè Contarena - Udine
130 ANNI DI FERROVIA
1886 – 2016
Dalla storia della ferrovia
all’evoluzione dei luoghi e dei
comportamenti delle persone
in collaborazione con FUC srl –
Società Ferrovie Udine Cividale e
MICOTRA – Miglioramento
Collegamento Transfrontaliero
Interventi di:
Mariagrazia Santoro,
assessore alle Infrastrutture e
Territorio della Regione FVG
Romano Vecchiet,
storico e Direttore della Biblioteca
Civica Joppi di Udine
Enrico Pizza,
assessore alla Mobilità e Ambiente
del Comune di Udine
Franco Calabretto
direttore artistico di Mittelfest
Maurizio Ionico,
amministratore Unico di Fuc srl
From the history of the railways to
the development of places and the
evolution of people’s behaviour, in
collaboration with FUC srl – The
Udine and Cividale Railway Society
and MICOTRA – Cross-border
Connection Improvement.
Da venerdì 15
a domenica 24 luglio
dalle 17.00 alle 20.00
Galleria Spazio Cortequattro,
Corte San Francesco
ZORAN MUSIC - “TERRE”
Venerdì 22 luglio
ore 17.00
Foyer Teatro Ristori
PREMIO ADELAIDE
RISTORI 2016
selezione di opere grafiche
in collaborazione con Soroptimist
International d’Italia
La longevità artistica del pittore e
incisore sloveno Zoran Music (19092005) viene ben rappresentata
da una ventina di opere che ne
illustrano i momenti più significativi.
Aspetto centrale dell’esposizione è
il suggestivo ciclo noto come “Terre”,
dove formule espressive di carattere
informale ben si prestano alla resa
morfologica del paesaggio.
Istituito nel 1999 dal Soroptimist
Club di Cividale, il riconoscimento
viene conferito all’attrice che
nell’edizione precedente di
Mittelfest ha raccolto i maggiori
consensi del pubblico. Quest’anno
il premio è giunto alla 17esima
edizione e festeggia anche i 25 anni
dalla fondazione del Club.
The artistic longevity of Slovene
painter and engraver Zoran Music
(1909-2005) is well represented
by twenty works illustrating his
most significant achievements. The
centrepiece of the exhibition is the
evocative cycle “Lands”, in which
his informal expressive formulas
lend themselves particularly well
to a rendition of the landscape’s
contours.
Introduced in 1999 by the
Soroptimist Club of Cividale,
the award is given to the actress
most appreciated by the public at
the previous year’s festival.
This year marks the 17th award and
a quarter-century since the Club’s
foundation.
77
1 giugno - 31 luglio
Area espositiva
dell’Aeroporto
Friuli Venezia Giulia
Ronchi dei Legionari
Domenica 24 Luglio
ore 10.00
Sala San Francesco
FVG TERRA AUTENTICA?
COMPETERE AL TEMPO
DELL’ECONOMIA MONDO
Il paesaggio è al centro della
discussione: patrimonio o capitale?
Le politiche della Regione FVG con
una nuova DOC unica regionale
e l’approccio del nuovo piano
paesaggistico sono un’occasione
di incontro per superare la
frammentazione e costruire
pratiche in grado di costruire un
nuovo progetto di territorio attento
delle vocazioni specifiche. Come
e con quali strumenti è possibile
cogliere questa occasione?
The land at the centre of discussion:
a heritage or a capital asset?
FVG Regional policy with a new
single DOC certification and the
approach of a new land regulation
framework are an opportunity
to overcome fragmentation and
establish practices able to build
a new land management project
taking account of specific vocations.
What are the best ways and
instruments to make the most of
this opportunity?
Introduce
Alessandro Verona
Interventi di:
IL PALCOSCENICO INFINITO
Franco Farinelli
Che cosa è il paesaggio?
Luca A. d’Agostino un fotografo al Mittelfest
L. Carlo Palazzolo
Un nuovo progetto di territorio?
Luca A. d’Agostino fotografa Mittelfest. Lo fa con la precisione di
chi non vuol restituire soltanto la sorpresa, la meraviglia, il piacere
degli spettacoli. Il suo occhio coglie il legame vivo che il festival
crea tra gli artisti e i dettagli di una città - Cividale del Friuli - che
ogni estate diventa palcoscenico totale e vive in simbiosi con il
proprio pubblico. Lo sguardo del fotografo è uno solo. Ogni suo
scatto parla come migliaia di spettatori.
Maurizio Ionico
L’ accessibilità ai territori autentici
Mauro Pascolini
Il piano paesaggistico vs
frammentazione
Cristiano Shaurli
FVG Autentico: un progetto pilota
Professionista dell’immagine, attivo sui set dello spettacolo dal
vivo da oltre trent’anni, Luca d’Agostino fotografa teatro, danza
e musica in tutte le loro estensioni. È socio fondatore di Phocus
Agency - Fotografi di cultura e spettacolo.
Luca A. d’Agostino shoots Mittelfest. And he does so with the
precision of someone who wants to render more than the
amazement, the marvel and the pleasure of the events. His eye
captures the living bond that the festival creates between the
artists and the details of a town – Cividale del Friuli – which every
summer turns into a total stage and lives in symbiosis with its
audience. The photographer has but one gaze. But his every shot
speaks like thousands of spectators.
A picture professional working on live performance sets for
over thirty years, Luca A. d’Agostino trains his camera on theatre,
dance and music in all their dimensions. He is co-founder of
Phocus Agency - Fotografi di cultura e spettacolo.
78
© Phocus Agency
Cividale
patrimonio
dell’umanità
COME RAGGIUNGERE
HOW TO GET TO
CIVIDALE DEL FRIULI
IN AUTOMOBILE
Autostrada A23
Palmanova-Tarvisio
Uscita Udine Nord o Sud
seguire le indicazioni
per Cividale del Friuli
IN AEREO
Aeroporto di Ronchi
dei Legionari
www.aeroporto.fvg.it
IN TRENO
Linea Udine - Cividale
www.ferrovieudinecividale.it
IN BICICLETTA
Pista ciclabile
Udine - Cividale
www.turismo.fvg.it
DISTANZE
Udine > 20 km
Gorizia > 30 km
Trieste > 65 km
FVG Airport > 35 km
Mittelfest nella sua cornice: Cividale
Capitale del primo ducato longobardo in Italia, città di tesori d’arte
e patrimonio mondiale dell’UNESCO, punto d’incontro di popoli e
culture latine, slave, germaniche. Un territorio di confine tutto da
scoprire. Una natura che spazia dalle Alpi alla Laguna Adriatica.
Una tradizione eno-gastronomica prestigiosa.
Fondata sul fiume Natisone, che scorre sotto il Ponte del Diavolo,
Cividale stessa è una “città dell’acqua”. Mittelfest è un’occasione
imperdibile per visitare questo gioiello italiano, proiettato a Est,
dove la cultura si unisce a un ambiente piacevole, rilassante e
ancora a misura d’uomo.
Mittelfest inside a frame: Cividale
Capital city of Italy’s first Lombard duchy, treasure-house of art
as a UNESCO world heritage site, meeting place for Latin, Slav
and Germanic peoples and cultures. A borderland waiting to
be discovered. A natural beauty stretching from the Alps to the
Adriatic lagoons. And a prestigious tradition of food and wine.
Founded on the Natisone river, flowing under the Devil’s Bridge,
Cividale is itself a “city of water”. Mittelfest is a great opportunity,
not to be missed, to visit this Italian gem, projected towards the
East, where culture is combined with a pleasant, relaxing, and
friendly environment.
81
BIGLIETTI / TICKETS
INFORMAZIONI
INFORMATION
www.mittelfest.org
[email protected]
tel +39 0432 733966
Orario / Timetable
23 giugno > 15 luglio
11.00-13.00 / 17.00-19.00
16 luglio > 24 luglio
11.00-13.00 / 16.00-22.00
chiuso 27 giugno,
4 luglio e 11 luglio
BIGLIETTERIA
TICKET OFFICES
Borgo di Ponte
Cividale del Friuli (Ud)
tel +39 0432 734316
dal 23 giugno
BIGLIETTERIE / UDINE
TICKET STORE / UDINE
Società Filologica Friulana
via Manin 18
tel +39 0432 501598
04 luglio > 22 luglio
09.30-12.00 / 15.00-17.30
chiuso sab, dom
Teatro Giovanni da Udine
via Trento 4
orari / time
solo 19 luglio
18.00-21.00
BIGLIETTI ONLINE
ONLINE TICKETS
www.vivaticket.it
dal 28 giugno
PREZZI / PRICES
intero (ridotto/giovani)
full price (reduced/young)
BIGLIETTI SINGOLI*
SINGLE TICKETS*
da 5 € a 35 €
ABBONAMENTI NOMINALI*
NAMED SUBSCRIPTIONS*
Mittelfest Plus (28 spettacoli
performances)
280 € (240/200)
12 spettacoli / performances
144 € (132/96)
7 spettacoli / performances
98 € (84/63)
3 spettacoli / performances
45 € (39/30)
CARNET BIGLIETTI*
BLOCK TICKETS*
12 biglietti / tickets
168 € (156/144)
6 biglietti / tickets
96 € (90/84)
INGRESSO GRATUITO
FREE ADMISSION
Sfueâi, Conservatori
/ Innovatori, Aperitivi
Jazz, Danza nelle vetrine,
Concerto d’inaugurazione,
All Strings Attached, Premio
Adelaide Ristori, alcuni
spettacoli di teatro di figura.
Bambini fino a 6 anni.
Children up to 6 years
RINNOVO ABBONAMENTI
SUBSCRIPTION RENEWAL
23 e 24 giugno
NUOVI ABBONAMENTI
NEW SUBSCRIPTIONS
25 e 26 giugno
CARNET E BIGLIETTI
SINGOLI
BLOCK AND SINGLE
TICKETS
dal 28 giugno
NOTE:
biglietti ridotti: residenti,
over 65, correntisti Banca
Popolare di Cividale,
abbonati stagioni teatrali
regionali
reduced tickets: residents,
over 65, subscribers Banca
Popolare Cividale, FVG
theatres subscribers
biglietti giovani:
sotto i 25 anni
young tickets: under 25
Ritiro biglietti prenotati:
in biglietteria (Borgo di
Ponte) fino a 2 ore prima
dell’inizio dello spettacolo
Pick-up of booked tickets:
in the ticket store (Borgo
di Ponte) at least 2 hours
before the performance
* informazioni dettagliate su:
* detailed information at:
www.mittelfest.org/prezzi
associazione
mittelfest
mittelfest
2016
Stretta San Martino, 4
33043 Cividale del
Friuli (UD)
Direttore artistico
Franco Calabretto
Soci
Regione Autonoma
Friuli Venezia Giulia
Provincia di Udine
Comune di Cividale
del Friuli
Ente Regionale
Teatrale del Friuli
Venezia Giulia
Banca Popolare di
Cividale Scpa
Società Filologica
Friulana
Consiglio di
Amministrazione
Presidente
Federico Rossi
Vice Presidente
Stefano Balloch
Componenti
Anna Manfredi
Renzo Marinig
Fabrizio Pitton
Revisore dei Conti
Giovanna Nadali
Segreteria
Nadia Cijan
Con la particolare
partecipazione di
Fondazione Cassa di
Risparmio di Udine e
Pordenone
Consulente artistico
per il teatro
Rita Maffei - CSS
Teatro stabile di
innovazione del FVG
Collaborazione
artistica per il
teatro di figura
Roberto Piaggio e
CTA - Centro Teatro
Animazione e Figure
di Gorizia
Direttore organizzativo
e tecnico
Stefano Laudato
Segreteria del Festival
Nadia Cijan, coordinatore
Cristina Durì
Sara Butelli
Ufficio stampa e
Comunicazione
Volpe&Sain - Trieste
(di Paola Sain
e Daniela Volpe)
con
Moira Cussigh e
Francesca Piazzi
Sala stampa:
Elena Tommaselli
Assistente
alla direzione
amministrativa
Sabrina Mucig
Assistenti
alla direzione
organizzativa
Cristina De Cillia
Patrizia Furlano
Fulvio Iannelli
Luca Zuliani
Assistente alla
direzione tecnica
Mauro Tognali
Collaboratori tecnici
Alberto Antonel,
Fabio Braida,
Stefano Chiarandini,
Enrico Cicigoi, Bruno
Guastini, Roberto
Grassi, Marco Niemiz,
Francesco Orrendo,
Simone Parlato,
Claudio Parrino,
Biagio Roscioli, Davide
Sardella, Stefano
Schmid, Maurizio Tell,
Maurizio Troisi, Corrado
Cristina, Massimiliano
Botti, Antonio Lovato,
Giuseppe Lobue,
Carlo Della Vedova,
Federico Taboga,
Roberto Copetti,
Tomas Della Vedova
Personale del
Settore Tecnico e
Manutenzione del
Comune di Cividale
del Friuli
Servizio di Sala
Maschere
e Ufficio Informazioni
Responsabile servizi:
Caporale Raffaella
Ufficio informazioni:
Piani Angelica
e Cinzia Franco
Referente cooperativa:
Più Luciana
Biglietteria
Monelì scarl
Esther Candotto,
coordinatore
Lorenza Bocus
Mariagrazia Manzoli
Collaborazioni dirette
Regione Autonoma
Friuli Venezia Giulia
Comunicazione:
Dario Cociani, Teresa
Fulin, Claudio Sardo
Notiziario - ARC Agenzia di Stampa
Regione Cronache
Graphic design
cdm associati
Sito Web
Papion.it
Social Media
Papion.it & Fosca
Pozzar Colinassi
Video & Live
Streaming
Stefano Bergomas /
Soluzioni Multimediali
Fotografo
Luca A. d’Agostino
Phocus Agency
Servizio traduzione
e interpreti
Key Congressi
Stampa
Poligrafiche San Marco
Patrocinato da
Ministero dei Beni
Culturali e le Attività
Culturali
Dipartimento
dello Spettacolo
Ministero degli Affari
Esteri
CEI - Central European
Initiative (Albania,
Austria, Bielorussia,
Bosnia-Erzegovina,
Bulgaria, Repubblica
Ceca, Croazia,
Macedonia, Moldova,
Polonia, Romania,
Serbia e Montenegro,
Slovacchia, Slovenia,
Ucraina, Ungheria e
Italia)
EFA European Festival
Association
ItaliaFestival
In collaborazione con
Soprintendenza dei
Beni Archeologici del
Friuli Venezia Giulia
Museo Archeologico
nazionale di Cividale
Mittelfest ringrazia
Ambasciate Italiane nei
Paesi INCE
Ambasciata d’Italia a
Lubiana
Istituto italiano di
cultura a Lubiana
Ljubljana Festival
Istituti Italiani di
Cultura dei Paesi
dell’Iniziativa Centro
Europea
Ambasciate dei
Paesi INCE in Italia
Università degli
Studi di Udine
Università degli
Studi di Trieste
Arcidiocesi di Udine
Parrocchia di Santa
Maria Assunta-Cividale
Arlef per le traduzioni
in friulano
il personale del
Comune di Cividale
del Friuli
Apt Gorizia
Aeroporto FVG
Protezione Civile
del FVG
Fondazione
Nicolò Canussio
Conservatorio
Tomadini di Udine
Conservatorio
Tartini di Trieste
Convitto Nazionale
Paolo Diacono di
Cividale
Git Grado
Lignano Sabbiadoro
Gestioni SpA
Libreria Al Segno
Libreria Antonini
Libreria Minerva
Libreria Moderna
Udinese
Annalisa Zorzettig
Alessia Petrilli
Sara Cumar
Andrea Sarto
Leonardo Tognon
Si ringraziano inoltre
I ragazzi delle Scuole
Superiori di Cividale del
Friuli, di San Pietro al
Natisone e di Udine e
gli alunni della scuola
primaria del Convitto
Nazionale “Paolo
Diacono”
Sito internet
www.mittelfest.org
mittelfest 2016 i luoghi
5
Piazza
San
Giovanni
11
Piazza
A. Picco
i
or
ist
A.R
6
Rubeis
ni
Via De
Piazza
Duomo
Chiesa e sala San Francesco
2
Piazza Duomo
3
Chiesa di Santa Maria dei Battuti
4
Teatro Ristori
5
Castello Canussio
6
Corso Mazzini
7
Museo Archeologico Nazionale
8
Parco del Convitto Nazionale
9
Arco Medievale
10 Belvedere
11 Piazza Diacono
12 Chiesa S.Maria in Corte
9
zzi
Piazza
A.Diaz
12
Ma
io
Silv
Viaellico
P
4
go
or na
B
a
s
a
Vi os
B
Piazza
Garibaldi
so
Cor
Via
Piazza
P. Diacono
1
13 Foro Giulio Cesare
7
14 Parco della Lesa
2
Foro
G. Cesare
13
XX
zza re
Piattemb
Se
ni
oia
B
go
Lar
Duomo
Biglietteria Mittelfest
Borgo di Ponte
Cividale del Friuli (Ud)
tel +39 0432 734316
Piazza
San
Francesco
Ufficio informazioni
+39 0432 733966
[email protected]
1
10
Ponte
del Diavolo
Fiume Natisone
Borgo
di Ponte
tta
Streartino
M
S.
3
Orari
11.00-13.00 / 16.00-22.00
8
14
da lunedì 18
a domenica 24 luglio
Chiesa Santa Maria di Corte
orari: 17-20
Ingresso libero
La 25.ma edizione di Mittelfest,
dedicata al binomio Terra/Fuoco,
presenta la mostra
LA RAI E IL TERREMOTO
La Rai seguì il terremoto del Friuli fin dalla tarda serata di quel
tragico 6 maggio. La troupe della Sede regionale fu la prima a
raggiungere le aree terremotate e i suoi faretti a batteria furono
utilizzati dai soccorritori per salvare alcune persone imprigionate
dalle macerie. Dal giorno successivo e per molti mesi la Rai,
attraverso i suoi inviati, raccontò con innumerevoli servizi
radiofonici e televisivi l’emergenza, i lutti, il dolore ma anche
l’immediata voglia di rinascita e di ricostruzione dei friulani. Il
terremoto del 1976 è considerato il primo grande avvenimento
nazionale seguito praticamente in diretta da una televisione.
La mostra presenta gli strumenti di lavoro degli inviati Rai nel
Friuli terremotato e alcuni servizi televisivi realizzati nel maggio
’76 da Guido Botteri, Maurizio Calligaris, Mino Damato, Joe
Marrazzo, Alberto Michelini, Gianni Minà, Fulvio Molinari, nonché
il filmato curato da Assunta Cannatà realizzato per l’occasione.
Giovedì è stato il terremoto
una produzione della Sede Rai FVG in collaborazione con RAI TECHE
La RAI a Mittelfest
La sede RAI del Friuli Venezia Giulia sarà presente a Mittelfest anche con
le sue dirette quotidiane: lunedì 18, martedì 19, mercoledì 20 e giovedì 21
luglio dalle 14 e venerdì 22 luglio dalle 11.15 dalla postazione mobile Rai al
Caffè San Marco di Cividale.
Radio 1 Rai FVG. Conduce Mario Mirasola.
Particolare del quadro della fine
del secolo XVII raffigurante
Alessandro e Campaspe
(in deposito alla Cassa di Risparmio
del Friuli Venezia Giulia)
Rivive nelle
arti sceniche l’identità
culturale del Friuli.
www.fondazionecr up.it
LINEA
MARITTIMA
GRADO
TRIESTE
DAL 1 GIUGNO
AL 31 AGOSTO
2016
Il vino è un piacere. Figlio della generosità della natura, della maestria
e cura umana, diventa
un dono. È simbolo di
passione, di vita, di terra,
di convivialità. Costruisce relazioni ed esalta le
emozioni nel fluire della
nostra quotidianità.
il servizio si effettua da MARTEDÌ a DOMENICA
(il servizio è attivo anche lunedì 15 agosto)
Partenza da
TRIESTE
Arrivo a
GRADO
Partenza da
GRADO
Arrivo a
TRIESTE
Molo Audace
08.15
12.45
16.45
Molo Torpediniere
09.45
14.15
18.15
Molo Torpediniere
10.15
14.30
18.30
Molo Audace
11.45
16.00
20.00
TEMPO E MARE PERMETTENDO (in caso di non effettuazione delle corse con la motonave sarà attivo un servizio
di bus con carrello portabici)
in
bic barca
È possibile viaggiare con la propria bicicletta al seguito
(consentite a bordo massimo 16 biciclette)
VENDITA BIGLIETTI A BORDO
Biglietti
Corsa singola
Corsa andata/ritorno
Bicicletta
€ 7,00
€ 10,65
€ 0,85
Abbonamenti nominativi
10 corse
€ 42,05
50 corse
€ 84,10
Il biglietto A/R è valido nella sola giornata di emissione
Gli abbonamenti sono validi solo nell’anno di emissione
Con FVG Card: 1 biglietto andata e ritorno gratuito per 1 adulto e 1 bambino sotto i 12 anni
INFO:
800 955 957
[email protected]
www.aptgorizia.it
[email protected]
ZORZETTIG
www.zorzettigvini.it
Terra e fuoco.
Una passione
che ci
accomuna.
Bluenergy con Mittelfest, per dare energia alla nostra terra.
Bluenergy è la multiutility che riflette e rispetta l’identità della
nostra terra, che crede nei valori della sua gente e ne conosce il
modo di utilizzare l’energia. Bluenergy: l’energia di casa nostra a
fianco a Mittelfest a sostegno della terra in cui viviamo.
Per saperne di più,
inquadra l’icona QR
con il tuo smartphone.
Get more information
using the QR Code.
Festival di prosa, musica,
danza, poesia, arti visive e
marionette dei Paesi della
Mitteleuropa
direzione artistica
Franco Calabretto
www.mittelfest.org

Documenti analoghi

Rassegna Stampa 22 luglio 2016

Rassegna Stampa 22 luglio 2016 quasi un obbligo. E non soltanto perché in libreria giace l’ultimo La Costituzione e la bellezza, con la doppia firma dello stesso Sgarbi e di Michele Ainis. In Italia ne abbiamo tanta e non sappia...

Dettagli