Proteggere gli occhi sulla neve

Commenti

Transcript

Proteggere gli occhi sulla neve
Proteggere gli occhi sulla neve
2 December 2016
Per gli appassionati degli sport invernali è arrivato il momento:
aprono gli impianti e si parte per le località sciistiche, dove è
fondamentale indossare protezioni appropriate per gli occhi!
Campioni sportivi e occhiali
L’attività che più di ogni altra ha innescato il processo di evoluzione tecnologica ed estetica
degli occhiali è lo sport. Dagli anni Ottanta la ricerca di materiali innovativi adatti è stata,
infatti, incessante e ha portato alla realizzazione di protesi così confortevoli — e spesso eleganti
— da essere scelte anche per la vita di tutti i giorni. Se poi il primo a indossarli è un campione,
con la C maiuscola, quel modello di occhiali entra nell’immaginario collettivo e diventa un
accessorio fashion.
Nei primi anni Novanta lo sport più rappresentativo da questo punto di vista è stato forse lo sci,
grazie anche a un personaggio-mito, almeno in Italia, come Alberto Tomba, i cui occhiali a
mascherina e dalle lenti specchianti vennero ben presto desiderati da tutti, anche lontano dalle
piste innevate.
Lenti “da neve”
Non è necessario però essere professionisti dello sci per sapere che sulla neve è
fondamentale proteggersi sempre dal “sole d’inverno” e dal suo riverbero sulle distese
imbiancate. E con la parola sempre intendiamo anche quando stiamo passeggiando per le
strade della località sciistica, o magari rilassandoci nei pressi di una funivia o di un rifugio
alpino. L’importante è scegliere le lenti da sole giuste, che devono non solo rispettare tutti i
requisiti CE, ma essere caratterizzate da una diversa capacità di assorbimento delle
radiazioni solari a seconda dell’intensità della luce dell’ambiente in cui ci troviamo: quanto più
la zona è luminosa — come in alta montagna, tra neve e ghiacci — tanto più alta deve essere la
capacità di assorbimento. Per questo gli esperti ritengono particolarmente adatte sulla neve le
lenti specchianti, perché assorbono dal 10 al 60% di luce in più.
Attenzione particolare sulle piste
In montagna tuttavia l’eventuale pericolo per la vista non deriva solo dalla luce del sole, ma
anche dal vento, che può far lacrimare gli occhi, e da particelle di ghiaccio che potrebbero
ferirli. Per proteggersi da questi rischi sono disponibili sul mercato occhiali e maschere da sci
e snowboard, sia per uomo sia per donna, dalle forme aerodinamiche ed ergonomiche. Le
maschere in particolare rappresentano la protezione più sicura anche contro i ramoscelli che
si possono incontrare durante la discesa, garantendo una sorta di “scudo” per l’intero viso. Ne
esistono di diverse tipologie sia in base alla struttura della lente e al suo trattamento (lente a
specchio, polarizzata o fotocromatica) sia in base alla sua forma (piatta o sferica).
Scegliere l’accessorio adatto
Come abbiamo appena visto, l’accessorio che garantisce la più alta protezione sugli sci è
la maschera. La gamma a disposizione degli appassionati è molto ampia. Ecco alcuni elementi
da tenere in considerazione per compiere la scelta più adatta alle nostre esigenze.
· La forma, innanzitutto: esistono, infatti, modelli standard per tutti i tipi di viso e altri che
contemplano dimensioni diverse, destinate a donne, ragazzi, uomini adulti. Le maschere
attuali sono quasi tutte adattabili al casco, ma è bene verificare sempre la loro vestibilità.
· In secondo luogo, i materiali: i migliori brand utilizzano il poliuretano termoplastico o TPU,
dotato di alta deformabilità — che impedisce l’irrigidimento in caso di freddo intenso — e
particolarmente resistente agli urti.
· Il colore della lente, che deve garantire la migliore visibilità nelle più diverse condizioni
atmosferiche. Vero “passe-partout” è la lente cosiddetta intermedia, di colorazione “marrone”
e con leggera specchiatura, ideale in caso di alternanza sole/nubi. Se invece avete la possibilità
di portare con voi più di una maschera, potete propendere per lenti arancioni o azzurre,
perfette quando la luce è medio-bassa, e lenti scure e/o specchiate per le giornate di sole
pieno, specie sui ghiacciai. Per i provetti sciatori che scendono anche di notte, consigliamo
invece le lenti trasparenti o gialle, che aumentano il contrasto, garantendo visibilità in
condizioni di luce davvero minime.
. Infine, è importante scegliere un occhiale con una lente da sole che assicuri la protezione
verso i raggi UVA-UVB. Questo deve restare uno dei pensieri principali quando si sceglie un
paio di occhiali da sole. Un ottimo occhiale, infatti, deve assorbire tutte le radiazioni
dell’ultravioletto mantenendo intatta la resa dei colori. Inoltre è importante scegliere occhiali di
buona qualità e che riportino l’indicazione in scala da 0 a 4 della protezione offerta e la
certificazione CE (UNI-EN-ISO 1836).
Per chi porta occhiali da vista, va segnalato che esistono maschere sovra-occhiale nella cui
montatura è possibile inserire le proprie lenti correttive. Ora avete tutto, non resta che partire…
e buon divertimento!
Powered by TCPDF (www.tcpdf.org)