Archivio_2010_files/Teramo ecc

Commenti

Transcript

Archivio_2010_files/Teramo ecc
CHIETI
18
ENOGEA - II SERIE - N. 29
Testarossa, che è poi il vino simbolo
dell'azienda. Un vino che nell'annata
2005 trova la sua migliore espressione di sempre, così come una delle più
difficili da leggere e da interpretare.
Al primo impatto, infatti, la gran mole
di frutto te lo fa credere il classico
vino di facciata, pure un po' scontrosetto e grossolano. Poi però gli dai
un giorno di ossigeno e lui ti ripaga
togliendo di mezzo tutto il superfluo
e presentandosi in una vesta completamente nuova, fatta ancora di frutto,
ma questa volta molto più disegnato e
intrigante. A tavola, dopo questa cura,
va giù che è un piacere.
ROCCO RAPINO
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO
ETICHETTA PICCOLA 2007
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO
ETICHETTA GRANDE 2001
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO
SETTEVENTI 1994
84 B
78 D
•
85 -
Tel. 085.810804.
Più grande di quanto possa apparire
dall'esterno, la cantina di Rocco e
Emilio Rapino (che vincerebbe facilmente il titolo di campione abruzzese
di ordine e di igiene) si trova sulla
collina subito alle spalle di Francavilla
al Mare. Sebbene abbia già ottenuto
ottimi riconoscimenti, è però una realtà ancora molto in divenire, dato che
l'unico Montepulciano prodotto con
regolarità è l'Etichetta piccola, mentre
il Setteventi passerà in un solo balzo
dall'annata 1994 (molto evoluta, ma
ancora piacevole) all'annata 2007 (in
uscita tra un paio di anni). Lo stesso
dicasi per l'Etichetta grande che dalla
vendemmia 2001 (già in evidente fase
calante) passerà anch'essa nel corso
di quest'anno al 2007. Al di là dei
problemi di evoluzione, che emergono
in misura diversa un po' in tutte le
etichette (igt rossi compresi), restano
delle ottime qualità tanniche di fondo
che meritano di essere valorizzate.
TENUTA I FAURI
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO
BALDOVINO 2008
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO
OTTOBRE ROSSO 2008
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO
SANTA CECILIA 2005
80 B
82 B
87+ D
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO
ROSSO DEI FAURI 2003
79 D
Tel. 0871.332627.
Nel caso vi dicessero che il punto
vendita dell'azienda è sulla strada del
Fondovalle Alento, sappiate che non è
vero, perché in realtà è praticamente a
metà collina lungo la strada che porta
al centro di Chieti (perciò, date retta
al navigatore). Il resto invece è sparso
un po' qua e là: i vigneti, circa 35 ettari, sono divisi su cinque comuni della
zona, ed anche la cantina è divisa
tra quella dei bianchi, non lontano da
Chieti, e quella dei rossi, in comune
di Ari. A gestire il tutto, da pochi anni
sono i due figli di Domenico Di Camillo
- Valentina e Luigi - entrambi laureati
in enologia. Un'azienda quindi giovane e con potenziali superiori a quanto
espresso in degustazione, come del
resto testimonia il Santa Cecilia 2005,
un vino certo molto selettivo in quella
sua nota minerale quasi esasperata,
ma anche dotato di una nobiltà di
fondo e di un originalità su cui vale la
pena lavorare. Piuttosto rustici invece
il Baldovino e l'Ottobre Rosso, mentre
davvero troppo carico ed erbaceo è
apparso il Rosso dei Fauri.
TORRE ZAMBRA
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO
TORRE ZAMBRA 2008
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO
BRUNE ROSSE 2005
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO
COLLE MAGGIO 2005
79 A
85 E
87+ C
Tel. 0871.332627.
Nata all'inizio degli anni '60 grazie al
padre dell'attuale titolare (Riccardo
De Cerchio), la cantina Torre Zambra
ha iniziato a imbottigliare nel 1980
ed è quindi una delle aziende del
Chietino con più lunga tradizione in
questo settore. Strutturata essenzialmente su due tenute (Torre Zambra,
del ramo materno, e Colle Maggio, di
quello paterno) più una parte di vigneti
in gestione, la cantina oggi produce
circa 450mila bottiglie su circa 40
ettari di vigna. Una produzione che
nel caso del Montepulciano spazia dal
Torre Zambra, di taglio moderno ma
incompiuto, al Brune Rosse, generoso
nelle forme e nei volumi ma anche
assai dominato dai toni cioccolatosi
del rovere. Nel mezzo invece il Colle
Maggio, che in questa edizione 2007
(assaggiata in versione magnum) brilla al contrario per dinamismo, freschezza, definizione, grinta tannica e
capacità di tenuta all'aria. Quello che
si dice un vino di carattere.
VALLE MARTELLO
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO 2008 80 A
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO
PRIMA TERRA 2005
84 D
Tel. 0871.300330.
Al contrario delle altre aziende di
Villamagna che ho recensito, la cantina della famiglia Masci (tre fratelli e
sei figli, ognuno impegnato a tempo
pieno in azienda) ha vigne soltanto
nella Valle del Serepenne e, contrariamente a quanto possa apparire
da fuori, è una cantina ordinata e
ben tenuta. Presente più all'estero
che in Italia, produce al momento
circa 100mila bottiglie su 40 ettari
di vigna (primo etichetta: 2000), di
cui una grossa percentuale è rappresentata dal Montepulciano (cosa
del resto normale qui nella zona di
Villamagna). Oltre al Brado, che non
mi è stato possibile assaggiare, produce anche un Montepulciano base,
scorrevole e un po' scontroso, e una
selezione (il Prima Terra) giocata sul
frutto e sul volume e un po' meno sul
dettagllio, senza però essere oppressa dal rovere.
DISTILLATO
OVVERO UNA SELEZIONE DI ALTRI
MONTEPULCIANO, NON DEL CHIETINO,
INSERITI COME PIRATI NELLA DEGUSTAZIONE.
CATALDI MADONNA
MONTEP. D'ABRUZZO TONÌ 2007
MONTEP. D'ABRUZZO TONÌ 2006
90 E
88 E
Il miglior Tonì di sempre, meglio
anche del 2005 recensito lo scorso
anno (oggi in una di quelle fasi interlocutorie che ogni tanto capitano):
frutto, chiarezza espressiva, giusta
tensione e nessun eccesso di peso.
In sintesi: eleganza e pieno carattere
di zona. Più caldo invece il 2006, ma
soprattutto più morbido e di minore
contrasto, pur restando chiaramente
un vino di livello. Tel. 0862.954252.
CENTORAME
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO
S. MICHELE 2007
88 B
zione Colle Forca (che nella versione
2006 è però cresciuta molto in bottiglia). Gran bel frutto, ottima definizione e un compromesso esemplare tra
beva e carattere. Tel. 393.4444194.
TORRE DEI BEATI
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO
COCCIAPAZZA 2007
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO
MAZZAMURELLO 2007
Non ha il peso di altri e fatica anche un
po' ad uscire. Poi però trova dettaglio e
un contrasto acido/tannico che esalta
la purezza e il dinamismo. "Dolcettoso"
invece il Montepulciano 2008 (85/100),
mentre in piena maturità è la Riserva
2004 (87/100). Tel. 0861.57193.
Tutto come nelle previsioni (e per la
verità anche un pochino di più): calore e sostanza nel Nero Moro (oltre
alle consuete note caffeose che sono
un po' il marchio di fabbrica), più snello, idrocarburico e contrastato, anche
nel tannino, invece il Notari, che
messo a tavola si prende quel mezzo
punto che gli consente di pareggiare i
conti. Tel. 085.895493.
Anno di grazia per Torre dei Beati,
mai così in alto nelle mie classifiche (ma ero certo che prima o poi
sarebbe capitato). Gran spalla per
il Cocciapazza, un vino tutto colore
ed estrazione eppure perfettamente
leggibile ed invitante. Più scolpito e
boisé invece il Mazzamurello, che
sullo sfondo ha però un tannino pronto a scattare e destinato a sorprendere in futuro. Tel. 333.3832344.
FATT. LA VALENTINA - BINOMIO
PRAESIDIUM - E. PASQUALE
VALLE REALE
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO
BINOMIO 2006
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO
RISERVA 2005
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO
RISERVA 2004
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO
VIGNE NUOVE 2008
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO
SAN CALISTO 2006
CERULLI SPINOZZI
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO
TORRE MIGLIORI 2005
86+ C
91 E
Il vino che meno mi aspettavo e probabilmente il migliore di tutta la serie
di quest'anno, specie se visto nel
lungo termine: estrazione possente e
cremosa, tratto erbaceo amaroneggiante alla Dal Forno, e una quintalata
di tannini a fare da fondamenta a un
finale lunghissimo e pieno di sfumature. Il tutto con una misura e una
precisione mai espresse fino ad ora.
Da segnalare infine anche la crescita
in bottiglia (tutt'altro che sorprendente)
del Bellovedere 2005, ormai a un soffio dall'eccellenza. Tel. 085.4478158.
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO
COLLINE TERAMANE NOTARI 2007 89 D
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO COLLINE
TERAMANE NERO MORO 2006
89 E
88 D
88+ D
Ancora due ottimi vini per Enzo
Pasquale, ma con stili abbastanza
diversi tra loro. Se il 2004 è infatti una
copia in scala ridotta dello splendido
2003, il 2005 sembra rappresentare
un'ulteriore passo in avanti lungo la
strada che porta a vini sempre personali ma impeccabili nell'esecuzione.
Dovessi scegliere, propenderei per un
compromesso. Tel. 0864.45103.
FILOMUSI GUELFI
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO 2006 88 B
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO 2006 87+ B
Un compendio dello stile Filomusi al
miglior prezzo possibile: affusolato,
preciso e di ottimo allungo senza
mai giocare di forza. Frutto croccante
come pochi altri e un tannino che è un
incanto. Tel. 085.98353.
Ci sono stili per cui ognuno di noi ha
un debole, c'è poco da fare, e nel mio
caso uno di questi è Strappelli (o almeno quello del suo Montepulciano base):
nervoso, preciso, compatto e soprattutto con un tannino sangiovesizzante
che pochi hanno. Difficile avere di più a
questo prezzo. Tel. 0861.887402.
LEPORE
TENUTA TORRETTA
87 D
Una prova che unita a quella del
86 A
87 E
Nessuno dei due ha fatto il botto, però
entrambi hanno una personalità di zona
che merita attenzione. Spontaneo e
senza banalità il Vigne Nuove (oltre
che molto conveniente), in linea con
l'ottimo 2002 invece il San Calisto, che
esalta così il lato dinamico/croccante
del suo terroir. Tel. 085.9871039.
CICCIO ZACCAGNINI
STRAPPELLI
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO
COLLINE TERAMANE RE 2007
90 D
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO
SAN FELICE 2007
87+ B
Meglio in questo momento della sele-
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO
RISERVA TERRE DI CASAURIA
SAN CLEMENTE RARO 2006
MONTEPULCIANO D'ABRUZZO
SYMPOSIUM 2002
•
91+ 89 H
Raro di nome, e pure di fatto, il nuovo
San Clemente di casa Zaccagnini: 500
magnum in tutto, una qualità difficile
da trovare nella tipologia e uno stile
del tutto nuovo per l'etichetta, fatto di
eleganza, fusione e di una dolcezza
distesa, caffeosa e seducente che in
degustazione lascia ben poco spazio
alla concorrenza. Peccato quindi che
a tavola non si dimostri ugualmente a
suo agio (e la cosa mi ha un po' sorpreso). Sui consueti ottimi standard infine
il Symposium. Tel. 085.8880195.
19
89+ E
DISTILLATO
BRUNO NICODEMI
ENOGEA - II SERIE - N. 29
Un vino base che poi tanto base non
è vista la sostanza e visto l'impegno
che ci mette per emergere: gran bel
frutto e un tannino grintoso e definito
come mai in precedenza. Un'azienda
in continua crescita stilistica e qualitativa. Ricordatelo.Tel. 085.8709115.
Tramonto 2008 e del Lepore 2007
sembra voler aprire una nuova era
per questo cantina: meno rovere, più
fragranza e un'esecuzione curata.
Un pizzico di agilità più e il gioco
sarebbe fatto. Tel. 0861.70860.