Curriculum e Lavori - Lucio Sarno per le Elezioni SPI 2016

Commenti

Transcript

Curriculum e Lavori - Lucio Sarno per le Elezioni SPI 2016
Lucio Sarno
Curriculum e autopresentazione
Formazione e attività istituzionale
Sono nato a Palermo il 6 novembre del 1948.
Ho conseguito la Laurea in Filosofia cum laude nel 1971.
Tra il 1971 e il 1973 ho frequentato come borsista il Dottorato in Psicologia Genetica e Clinica
delle Università Svizzere confederate di Losanna, Ginevra e Neuchâtel; ho svolto la mia
attività di ricerca a Ginevra presso l'Institut Jean-Jacques Rousseau, dove il pensiero di J.
Piaget ha incontrato la psicoanalisi.
Nel 1973 ho iniziato la mia analisi personale con il Dott. Francesco Corrao. L’analisi si è
conclusa nel 1980 e l’anno dopo mi sono qualificato come Psicoanalista.
Successivamente ho ottenuto la qualifica di Membro Ordinario (1986), di Psicoanalista
“Esperto nella Psicoanalisi dei bambini e degli adolescenti”, e le “funzioni di training” nel
1996.
Presso la nostra Società ho ricoperto nel tempo incarichi diversi:
ho promosso e coordinato la Commissione per i “Colloqui Italo-francesi”, ho fatto parte della
Commissione Intercentri, e sono stato, per molti anni, membro della Redazione della Rivista
di Psicoanalisi.
Ho fatto parte di tutte le Commissioni di valutazione: Prime e Seconde Selezioni, Qualifica
MA, per l’Ordinariato, per l’assunzione delle Funzioni di Training, per il Perfezionamento
all’analisi del Bambino e dell’Adolescente.
Ho svolto attività di insegnamento prima presso la Prima Sezione Romana e adesso presso
la Sezione Milanese dell’INT.
Attività universitaria
Sono Professore Ordinario di Psicologia Clinica e Psicoterapia dal 1990. Come titolare della
Cattedra ho insegnato all’Università di Palermo fino al 2001.
Nell’anno accademico 2001-2 sono stato Visiting Professor presso l’Université Lumière Lyon
2.
Dal 2002 insegno a Milano presso la Facoltà di Psicologia dell’Università Vita –Salute San
Raffaele, dove dirigo altresì la Scuola di Specializzazione in Psicologia della Salute e il
Servizio di Psicologia Clinica e della Salute dell’Ospedale San Raffaele.
Attività clinica e di formazione
Ho frequentato e frequento con passione tutti i possibili campi di applicazione della
psicoanalisi e le sue possibili declinazioni: individuale e di gruppo, con adulti, bambini e
adolescenti; nel setting classico e in contesti extramoenia, nella clinica e nella formazione.
Attività scientifica
Ho partecipato con assiduità ai Congressi di Psicoanalisi nazionali e internazionali organizzati
dalla SPI e dai suoi Centri locali, dalla FEP e dall’IPA etc.. presentando in numerose
occasioni miei lavori; ho pubblicato molti lavori scientifici tutti dedicati (direttamente o
indirettamente) alla teoria, al metodo e alla clinica psicoanalitica; non ne faccio qui un elenco,
comunque reperibile su internet.
In chiusura di questa mia autopresentazione voglio però ricordare tre miei lavori, i più recenti
e non ancora pubblicati, presentati tra il 2014 e il 2016 in occasioni societarie differenti.
Tengo loro particolarmente perché li considero l’espressione del mio pensiero su temi e
problemi di rilevanza significativa per quel che riguarda la formazione psicoanalitica, il metodo
psicoanalitico, la crisi della psicoanalisi e il posto del “piacere” nella nostra attività clinica,
nella professione e nella vita societaria.
I lavori, accessibili sul sito www.grupposarno2016.org, sono i seguenti:
1)
Ripensare la formazione psicoanalitica, ripensare la sua organizzazione
Il lavoro ha introdotto i lavori della Giornata Scientifica sul Training dell’ottobre 2014 a Milano.
2)
Questioni di metodo: "necessità" della clinica e "vincoli" della teoria; ovvero “Il
metodo psicoanalitico: storia e avvenire di una ‘illusione’?”
Il lavoro è stato presentato presso i Centri SPI nel periodo compreso tra ottobre 2015 e
maggio 2016.
3)
Il narcisismo necessario e le “crisi” della psicoanalisi: ambiguità del piacere e
ineludibilità del dolore
Il lavoro è stato presentato in occasione del Congresso Nazionale della SPI a Roma nel
maggio 2016.