Febbraio - IL MESE PARMA

Commenti

Transcript

Febbraio - IL MESE PARMA
Spedizione in a.p. -45% - art.2 comma 20/b legge 662/96 - filiale di Parma
€ 0,50
Decimo
Parallelo Nord
Inaugura il 18 febbraio al Sant’Agostino
la nuova mostra di Fondazione Fotografia
che mette a fuoco la produzione
contemporanea da India e Sud America
B6080112
MUSICA
Al Comunale
Salomè, Gergiev
e la Filarmonica
Toscanini con
Mario Brunello
TEATRO
Allo Storchi
debutta in prima
nazionale “Un tram
che si chiama
desiderio”
CARNEVALE
Sfilate e carri
allegorici in centro
nelle Circoscrizioni
a Formigine
e in Appennino
VERO
4a edizione
17/18/19 febbraio 2012
ore 10-20 piazza Garibaldi, Parma
Festival del cacao con i Maestri Cioccolatieri
Tre giorni di esposizioni, degustazioni, laboratori,
esperimenti e giochi a base di cioccolato
Per info
tel. 0521 227211
In collaborazione con
Con il patrocinio di
Con il supporto di
Con il contributo di
o
in sommario
primopiano
i
pag. 04 - 05 Il 18 febbraio inaugura al Sant’Agostino la nuova mostra di Fondazione
Fotografia: Decimo parallelo Nord. Fotografia contemporanea da India e Sud America
pag.06-07 Debutta al Teatro Storchi Un tram che si chiama desiderio diretto da An-
r
tonio Latella pag. 08-09 Al Comunale l’11 e il 12 febbraio torna l’opera con Salomè.
Il 18 febbraio, concerto della Filarmonica Toscanini con Mario Brunello.
arte
a
pag.10-11 Prosegue fino al 12 febbraio alla Galleria Civica la mostra dedicata a Josef
Albers. Nuove mostre da Mazzoli (Mimmo Paladino) e alla Poletti (Officina Urbino)
m
Marina Leonardi - Edicta
[email protected]
[email protected]
Erika Varesi - Edicta
via Torrente Termina 3/b
43124 PARMA
Tel. 0521251848
Fax 0521907857
[email protected]
Editore
Edicta p.s.c.
via Torrente Termina 3/b
n. iscrizione ROC: 9980
43124 PARMA
www.edicta.net
Per la pubblicità
Tel. 0521258210
Tiratura 12.000 copie
Stampa
Stamperia s.c.r.l. – PARMA
Mantilla. Il 14 febbraio al Comunale suona Fossati, il 16 al Palapanini, Jovanotti.
cinema
dedicata al Cinema contemporaneo Latino Americano. Per i film “dimenticati” del 7Bis
il 6 e il 7 La polvere del tempo del compianto Theo Angelopulos
s
teatro
pag.22-23 Al Teatro delle Passioni proseguono fino al 12 le recite di Karamazov di Cesar
Briè. Dal 24 al 26 arriva Giulia Lazzarini con Remake mentre dall’1 al 3 marzo va in scena
.
l’Ubu Roi di Roberto Latini. Il 17 febbraio al Teatro Comunale arriva la danza di Gades.
Carpi
pag. 26 - 27 Il 14 febbraio concerto di S.Valentino alla Sala delle vedute, l’8 marzo a
n
teatro con Mi fletto ma non mi impiego. In biblioteca il concorso Il libro più amato
incontri
pag.28-29 -30 Alla Tenda nuovi appuntamenti all’insegna “dell’altro”. Al Foro Boario il
4 e 5 ci sono i libri di Buk; in Fiera dal 18 al 26 febbraio torna Modenantiquaria, dal
i
Per informazioni e contatti
Redazione de Il Mese di Modena:
Musica con Note di Passaggio il 5,12 ,14, 19 e 26 febbraio. pag. 14-15 Per gli amanti
pag.20-21 Alla Sala Truffaut numerosi film da non perdere. Al via il 14 la rassegna
Redazione
Marina Leonardi
Hanno collaborato
Serena Arbizzi, Chiara
Bazzani, Sante Cantuti,
Carlotta Catellani, Letizia De
Felice, Paolo Franceschi,
Micol Lombardi, Annalisa
Malavolta, Bianca Morsiani,
Greta Ronchetti, Pietro Terzi
aperitivo della Gioventù musicale d’Italia. Nel vivo anche la stagione degli Amici della
2 al 4 marzo, Artigiana Italia. Scoppia il Carnevale in città e provincia
il Mese Modena
In tutte le edicole di Modena e provincia, e distribuito
gratuitamente in città:
Comune di Modena, Informagiovani/IAT,
Biblioteca Delfini, Provincia di Modena, Teatro
Storchi, Teatro delle Passioni, Fondazione
Cassa di Risparmio di Modena, Sala Truffaut
In provincia a Carpi:
Comune, Biblioteca Arturo Loria, IAT,
Urp QuiCittà
a Castelfranco Emilia:
Assessorato Cultura
a Vignola:
Fondazione, Rocca
Spedizione in a.p. -45% - art.2 comma 20/b legge 662/96 - filiale di Parma
Direttore responsabile
Simone Simonazzi,
[email protected]
Art director
Pietro Spagnulo,
[email protected]
pag. 12-13 Il 4, 11, 18 e 25 febbraio proseguono gli appuntamenti coi Concerti
del jazz appuntamento al Baluardo di Modena e a Jazz... in Vignola, il 25, con Ray
o
Aut. Tribunale di Parma
n. 9 del 24.03.2003
ISSN 1827-5958
euro 0,50
Il Mese di Modena n.104
m
musica
KARAMAZOV
Debutta il 21 gennaio al Teatro delle Passioni
lo spettacolo diretto e interpretato
da César Brie con un gruppo di giovani attori
€ 0,50
Buono acquisto per una copia di
B5931211
MUSICA
Al Comunale la
Bohème, Virtuosi
Italiani, l’Orchestra
Mariinskij
e Yuja Wang
Valido fino al 31 DicemBre 2012
PER L’EDICOLANTE: DA RESTITUIRE
ALL’AZIENDA DI DISTRIBUZIONE GIORNALI
www.edicta.net
CELEBRAZIONI
La Giornata della
Memoria si
commemora
a Teatro con
l’AdM Ensemble
APPENNINO
Per gli amanti
della montagna
tante opportunità
tra natura
e gastronomia
di MARINA LEONARDI
Si inaugura il 18 febbraio all’ex Ospedale Sant’Agostino
la mostra prodotta dalla Fondazione Cassa di Risparmio
di Modena e curata da Filippo Maggia che propone oltre
cento
operelatrarealizzazione
video, immagini
di ventuno
E’
iniziata
dele installazioni
grande “affresco”
dell’artista americano nella
Biblioteca
Panizzi. Daldall’India
22 giugno
il cantiere
aperto al pubblico
artisti
che provengono
e dall’
America sarà
del Sud
G
uarda all’India e al Sud America
la nuova mostra di Fondazione
Fotografia che si inaugura sabato
18 febbraio, nelle sale dell’ex ospedale
Sant’Agostino di Modena. Col titolo Decimo Parallelo Nord. Fotografia contemporanea da India e Sud America a cura
di Filippo Maggia vengono presentate
al pubblico le ultime acquisizioni della
collezione internazionale di fotografia
contemporanea della Fondazione Cassa
di risparmio di Modena, tappe di un percorso che dal 2008 ad oggi ha toccato
Estremo Oriente, Europa dell’Est, Medio
Oriente e Africa.
India e Sud America, continenti agli
antipodi idealmente collegati dal decimo
parallelo geografico, che ne delimita
l’inizio - Madurai 9°55N - e la fine - Caracas 10°30N -, presentano una scena
artistica profondamente influenzata dal
rispettivo contesto storico, sociale ed
economico. Se molti degli autori indiani,
per esempio, dedicano il loro lavoro a
elaborare un passato segnato fino a
tempi recenti dal colonialismo britannico, molti artisti sudamericani pongono
al centro delle loro ricerche la natura:
intesa a volte come fonte ancestrale di
vita, altre come specchio dei comportamenti umani, spesso infine come risorsa
sfruttata irresponsabilmente da uomini
senza scrupoli.
Con oltre cento opere, tra video, fotografie, animazioni e installazioni, riferite a
ventuno artisti, la mostra presenta una
pluralità di sguardi in grado di restituire
la varietà culturale, naturale, storica e
artistica che caratterizza le due zone,
sottolineando punti di forza e criticità
dell’una e dell’altra.
Tra gli artisti indiani troviamo Dayanita
Singh (New Dehli 1961), già nota al
pubblico italiano per il recente passaggio
al Maxxi di Roma, della quale è stato
acquisito il lavoro intitolato Myself Mona
Ahmed (1989-2001) il commovente
ritratto di un eunuco. Ancora in mostra
Ketaki Sheth (Bombay, 1957), allieva del
maestro della fotografia indiana Raghubir
Raghubir Singh - PavementMirrorShop
Singh, anch’egli tra gli artisti in mostra,
presenta alcuni ritratti in bianco e nero
dedicato alle coppie di fratelli gemelli
mentre Vivan Sundaram (1943, Shibla),
con Re-take of Amrita attraverso le tecnologie digitali reinventa l’affascinante
IL CURATORE >>>
Fotografia dal “Decim
[04] - il mese febbraio \2012
“Credo che, a differenza di quanto
visto nelle precedenti mostre, il tratto
comune a molti di questi artisti sia la
naturalezza quasi imbarazzante con
cui affrontano temi forti – spiega il
curatore della mostra Filippo Maggia
- associata alla loro capacità di restituirci pensieri ed emozioni in forma
di immagini con grande delicatezza,
anche quando i soggetti o i contesti
sono di sofferenza e dolore.
Al rigore orientale, al concettualismo
dell’Est Europa e all’immediatezza
sfrontata di mediorientali e africani,
indiani e sudamericani contrappongono passione e sentimento
Un tratto caratteristico - prosegue Filippo Maggia - che avvicina le pratiche
artistiche di indiani e sudamericani è
un sentimento puro che pone l’individuo al centro del mondo, ma senza
la pretesa che questo cambi in suo
favore o, addirittura, che possa venir
manipolato.
ll passato e il presente di popoli e di
genti che pur depositari di tradizioni
millenarie guardano al futuro con
entusiasmo e con la consapevolezza
di poter essere presto protagonisti.
Questo, sullo sfondo di una natura
possente e invadente, tanto generosa quanto spietata nel suo dare
e prendere, per nulla domata, ma
forse, nel bene e nel male finalmente
addomesticata.
Tutto ciò si trova là, dove India e Sud
America s’incontrano, al Decimo
Parallelo Nord”.
p r i m o p i a n o
Laura Glusman - Amenazas, Raghubir Singh - PavementMirrorShop
Decimo Parallelo Nord
Fotografia
contemporanea
da India e Sud America
a cura di
Filippo Maggia
sede espositiva
Ex Ospedale Sant’Agostino
Largo Porta Sant’Agostino 228, Modena
periodo
dal 18 febbraio al 29 aprile 2012
orari di apertura
martedì - venerdì dalle 11 alle 13
e dalle 15.30 alle 19
sabato, domenica e festivi dalle 11 alle 20
lunedì chiuso
ingresso gratuito
Info: tel. 059 239888
archivio fotografico familiare dell’artista.
Infine tra gli artisti indiani di giovane
generazione si segnala poi Priyanka
Dasgupta (1979, Kolkata), autrice del
video Good girls cross their legs.
Tra gli artisti sudamericani presenti in
mostra citiamo l’argentina Adriana Bustos (Bahia Blanca, 1965): i suoi due
dittici Lydia y su ilusión e Anabella y su
ilusión nascono sullo sfondo della crisi
economica che ha colpito l’Argentina
nel 2001. David Zynk Yi (Lima, 1973)
presenta il video Huayno y fuga detrás,
girato al mercato di Huancya, sulle colline peruviane.
Per il lavoro Carrazeda+Cariri la brasiliana Rosângela Rennó (Belo Horizonte,
1962) ha raccolto dal web i ritratti di
alcuni contadini scapoli residenti in un
piccolo villaggio portoghese mentro di
Mauro Restiffe (São José do Rio Pardo,
1970) la mostra presenta la fotografia
in bianco e nero, di grande formato,
Mirante. Ancora in mostra gli artisti
indiani Samanta Batra Mehta, Nikhil Chopra, Amar Kanwar, Fariba Salma Alam,
Sudarshan Shetty, Raghubir Singh e dal
Sud America, Claudia Andujar (Brasile),
Luz Maria Bedoya (Perù), Matias Duville
(Argentina), Laura Glusman (Argentina),
Marco Pando Perù), Ishmael Randall
Weeks (Perù), Sara Ramo (Brasile), Rosângela Rennó, Mauro Restiffe (Brasile),
Sebastian Szyd (Argentina).
La mostra sarà accompagnata da un
catalogo edito da Skira, a cura di Filippo Maggia, Claudia Fini e Francesca
Lazzarini.
primopiano
mo Parallelo Nord”
di marina leonardi
Un tram che si chiama
desiderio… al debutto
D
ebutto assoluto al Teatro Storchi di Modena per Un tram
che si chiama desiderio, una produzione di Emilia Romagna Teatro Fondazione e Teatro Stabile di Catania.
A portare sulle scene dal 16 al 19 febbraio il capolavoro di
Tennessee Williams nella traduzione di Masolino D’Amico è Antonio Latella regista di fama internazionale, molto apprezzato e
conosciuto a Modena.
Il testo, scritto dal drammaturgo statunitense nel 1947 (e qui presentato per
gentile concessione della University of the
South, Sewanee del Tennessee) è noto al
grande pubblico grazie al lungometraggio
di Elia Kazan di cui sono protagonisti
Marlon Brando e Vivien Leigh. Blanche,
la protagonista femminile di Un tram che
si chiama desiderio, nel lavoro di Latella
è interpretato da Laura Marinoni che
con Latella ha già lavorato nel 2007 in
Le lacrime amare di Petra Von Kant di
R.W. Fassbinder, spettacolo con il quale
ha vinto il premio Eleonora Duse. Il pubblico ricorderà la Marinoni tra le interpreti
di Le Signorine di Wilko diretta da Alvis
Hermanis per Emilia Romagna Teatro Fondazione.
Un tram che si chiama desiderio vede, accanto alla Marinoni,
Vinicio Marchioni attore che si è perfezionato alla scuola di
Luca Ronconi e che deve la sua notorietà all’interpretazione de
‘Il freddo’ nella serie televisiva ‘Romanzo Criminale’ e al simpatico
La domenica non si va a scuola
Per i più piccoli arrivano favole e clown
Due gli appuntamenti al Teatro
Storchi con i più piccoli. Per la
rassegna La domenica non si va a
scuola il 26 febbraio alle ore 16
vanno in scena
I racconti di Mamma Oca, teatro
d’attore e di figura della compagnia
Drammatico Vegetale, per la regia
di Pietro Fenati e con Pietro Fenati
ed Elvira Mascalzoni (dai 3 anni).
Il secondo appuntamento è per il 4 marzo alle ore 16
con lo spettacolo L’omino del pane e l’omino della mela.
Spettacolo di clown di e con Alessandro Larocca e Andrea
Ruberti, musiche Gino Gurrado della compagnia I fratelli
caproni (dai 3 anni).
In collaborazione con Conad. Biglietti: bambini fino a 12 anni
euro 5, adulti euro 8.
Info: tel 059 2136021
[06] - il mese febbraio \2012
Prima nazionale il 16 allo Storchi per
lo spettacolo tratto dal celebre testo di
Tennessee Williams e portato in scena
da Antonio Latella. Una produzione Ert
ruolo del malavitoso intellettuale nel film
Scialla di Francesco Bruni. Marchioni ha
vinto il premio Biraghi alla scorsa edizione
del Festival del Cinema di Venezia quale
miglior attore per il film 20 sigarette di
Aureliano Amadei. Con Marchioni e la
Marinoni sul palco anche Elisabetta Valgoi, Giuseppe Lanino, Annibale Pavone,
Rosario Tedesco.
Spiega Antonio Latella: “Arthur Miller
rimproverava Williams di non immergere
i suoi personaggi in un concreto tessuto
di circostanze storiche. Io credo che proprio questa sia invece la sua grandezza:
svuotando i testi da un contesto storico
ha reso i personaggi memorabili, enormi ed universali, sembrano
a tratti eroi ed eroine delle grandi tragedie greche, dove l’eroe
questa volta accetta la decadenza del vivere quotidiano senza sfidare gli dei, ma lottando con le proprie ossessioni, proprio come
fa Blanche, la protagonista del nostro testo, troppo ammalata di
p r i m o p i a n o
Il regista: “Così la storia
si svolge tra luci e ombre”
vita per riuscire a vivere. In lei tutto sembra menzogna, finzione,
artificio, ma quella maschera tragica è troppo dolorosa per non
sgretolarsi e scoprire che l’urlo non è un buco in un volto di argilla
ma è uno squarcio dell´anima impossibile da sopportare e che
gli unici déi moderni che possono salvarla sono i medici”.
Quali suggestioni del testo di Williams l’hanno guidata in
questo lavoro?
Se dovessi racchiudere in un’immagine l’atmosfera suscitata dalla lettura di Un tram che si chiama desiderio direi,
senza esitazione, che è dominata
dall’oscurità, dalle innumerevoli
ombre che scaturiscono dalla
mente della protagonista. L’intero
testo è ricco di contrapposizioni tra
luce e ombra.
Quando mi avvicino a un testo
sento la necessità di comprenderne l’atmosfera, di coglierne la
temperatura cromatica, in altre
parole, di trovare la scala di colori
con cui il testo è dipinto. Preferisco
soffermarmi sui colori più che sulle parole... Un tram che si
chiama desiderio è un testo ricchissimo di spunti cromatici
che emergono sia dalle battute dei personaggi sia nelle atmosfere evocate dalle didascalie. Ad esempio, nelle prime
pagine Blanche afferma «Io adoro l’artista che dipinge con
colori decisi, arditi, colori elementari. Detesto i rosa, i celesti,
la gente senza spina dorsale non la sopporto»; mentre nella
scena in cui Blanche conosce Mitch, sulla parete della stanza
campeggia un quadro di Van Gogh che probabilmente allude
al temperamento e al destino della protagonista…
Come ha strutturato la messinscena?
Il realismo è la chiave di lettura del mio allestimento. Ho
capovolto la vicenda concentrandomi sulla scena finale in cui
Blanche si abbandona al medico che la allontana dalla casa.
Da questa prospettiva lei rivive l’intera vicenda a ritroso come
in una seduta di analisi. Gli spettatori vedranno quindi l’intero
dramma accadere nella testa di Blanche, come se si trattasse
della memoria di una vicenda filtrata dai suoi occhi. Credo che
da questa prospettiva il testo possa assumere una dimensione
contemporanea: la sua mente diventa il luogo dell’azione, lo
spazio scenico.
Info: www.emiliaromagnateatro.com, tel 059 2136021
Il comico “filosofo” bolognese
rinnova il suo voto di “vastità”
davanti al pubblico modenese
Gradito ritorno a Modena per Alessandro Bergonzoni che il 24 e il 25
febbraio porta sul palco del Teatro
Storchi, lo spettacolo Urge, da lui
scritto e interpretato e con la regia
sua e di Riccardo Rodolfi. Ma cosa
urge nella mente di Bergonzoni?
“Urge. Questo mi sono detto nel fare
voto di vastità, scavando il fosse,
usando il confine tra sogno e bisogno
(l’incubo è confonderli).
Come un intimatore di alt, come un
battitore di ciglia che mette all’asta
gli apostrofi delle palpebre, come l’inventore del cuscino anticalvizie o del
transatlantico anti aggressione, come
chi è posseduto da sciamanesimo estatico, a suon di decibellezze da scorticanto,
come giaguaro che diventa uno degli
animali più lenti se in ascensore e come
lumaca che diventa uno dei più veloci se
in aereo, così tra tellurico e onirico, tra
lo scoppio delle alte cariche dello stato
(delle cose), tra me e me, in uno spazio
da antipodi, in un limbo dell’imparadiso
(infermo di mente più che fermo di mente), ho avuto un sentore: urge”.
Spiega Rodolfi: “ Se dovessi descrivere
i punti dai quali siamo partiti per la
genesi di questo spettacolo non avrei
dubbi: l’urgenza, l’allerta, la necessità
di non astenersi dal dire, la traiettoria
che permette lo sconfinamento veloce
da un territorio artistico conosciuto e
praticato in direzione dei “vasti” spazi
confinanti. Ma cosa, in definitiva,
“Urge” a Bergonzoni?
Sicuramente segnalarci delle differenze; quella mancanza di precisione
nello sguardo del mondo che se
trascurata può realmente cambiare
il senso delle cose, quelle frettolose
banalizzazioni che accomunano cose
in realtà diversissime tra loro.
E anche dimostrare che la comicità
è fatta di materiali non solo legati
all’evidente o al rappresentato e che
un artista non deve mai distogliere gli
occhi dal tutto”.
E attenzione che lo stupore della scoperta può essere fragoroso.
Info: www.emiliaromagnateatro.com
tel. 059 2136021
primopiano
Urge un gradito ritorno di Alessandro Bergonzoni
di Paolo Franceschi e Micol Lombardi
Salomè mette in scena
le debolezze dell’uomo
Sul palco di Corso Canalgrande l’11 e il 12 febbraio arriva questo nuovo progetto
di Schweigkofler che propone una lettura assai moderna del testo di Oscar Wilde
T
orna la lirica sul palco del Teatro Comunale con un titolo
molto interessante, Salomè opera in un atto su libretto di
Hedwig Lachmann da Oscar Wilde e musica di Richard
Strauss. Questo nuovo allestimento, realizzato in coproduzione
dal Teatro di Bolzano con Fondazione Teatri di Piacenza e Teatro
Comunale di Modena e che andrà in scena sabato 11 febbraio
alle ore 20,30 e domenica 12 febbraio alle ore 15,30 dà seguito
a un progetto del regista Manfred Schweigkofler. Salome è considerata uno spartiacque fondamentale del teatro musicale, se
non della cultura, del Novecento. L’opera, rifiutata dalla censura a
Vienna e rappresentata a Dresda nel 1905, consacrava Strauss
come il più grande operista tedesco del suo tempo, grazie a un
successo che si costruì rapidamente sull’onda della curiosità e
dello scandalo per un soggetto biblico elaborato da Oscar Wilde in
cui si mescolavano libidine, incesto, decapitazione e necrofilia. “La
storia di Salomè conserva, in tutta la sua attualità, la forza descrittiva delle peggiori debolezze umane” - commenta Schweigkofler.
Il nuovo allestimento sposta infatti l’ambientazione originaria (la
reggia di Erode a Gerusalemme) al giorno d’oggi. Erode, sempre
più assetato di potere, è circondato da ragazzine che soddisfano
i suoi appetiti sessuali: il suo comportamento mina i principi fondanti dello Stato e di conseguenza giungono da più parti voci che
INFO
Salomè
Sabato 11 febbraio ore 20.30, turno A
Domenica 12 febbraio ore 15.30, turno B
Biglietteria: Corso Canalgrande 85 - 41121 Modena (Mo)
tel. 059 2033010
Invito all’opera - Sabato 11 febbraio ore 17.00
Incontro con Manfred Schweigkofler
regista dell’opera
Ridotto del Teatro Comunale
invocano una nuova coscienza e chiedono il ristabilimento di più
consoni atteggiamenti morali e politici. La corposa partitura concepita da Strauss vede schierate sul palcoscenico due orchestre - la
Haydn di Bolzano e Trento e l’Orchestra Regionale dell’Emilia
Romagna - per un organico complessivo di oltre cento elementi.
Sul palco nei panni di Herodes si alternano Scott MacAllister e
Peter Svensson, Herodias è Anna Maria Chiuri, le due interpreti
di Salomè sono Cristina Baggio e Cassandra McConnell, nel
ruolo di Jochanaan si alternano Samuel Youn e/Joachim Seipp,
Narraboth è Harrie van der Plas ed il Paggio Jelena.
Mario Brunello e l’Orchestra Filarmonica Toscanini
Al Comunale il 18 febbraio
Brogli dirige la formazione
con il celebre violoncellista
[08] - il mese febbraio \2012
All’insegna della grande tradizione
sinfonica russa, sabato 18 febbraio,
al Comunale, il direttore d’orchestra
Romano Brogli alla guida dell’Orchestra filarmonica A. Toscanini e il
celebre violoncellista Mario Brunello
saranno interpreti di un programma
che comprende musiche di M. Glinka,
P. I. Tchaikovsky e D. Kabalevskij.
Del primo ascolteremo l’ouverture
di Russlan e Ludmilla, ispirata ad un
poema di A. Puskin, che inaugura il
melodramma nazionale in lingua russa
che nell’Ottocento vedrà il suo splendore con il famoso gruppo dei cinque; del
secondo ascolteremo la prima Sinfonia
in sol minore op. 13 (Sogni d’inverno),
dove emerge un impeto lirico nettamente marcato dal canto nazionale
russo; del terzo ascolteremo il primo
Concerto per violoncello e orchestra,
anche questo segnato dalla matrice
popolare russa, sebbene nel mezzo di
un linguaggio dai toni più schematici
e neoclassici. Romano Brogli Sacher
è di formazione trombettista: ha studiato direzione d’orchestra a Zurigo,
Vienna e Lucerna, dirigendo poi molte
delle maggiori formazioni orchestrali
europee.
Mario Brunello ha vinto il celebre
concorso Tchaikovsky di Mosca nel
1986, premio che lo ha proiettato
sulla scena internazionale, collaborando con i maggiori interpreti, le
orchestra più rinomate e i più famosi
direttori. A Modena è molto amato e
apprezzato.
Info: tel. 059 2033010
p r i m o p i a n o
E così Strauss indicò
la nuova via musicale
Eugenio Candi ci porta al debutto di Dresda
del 1905 con la direzione di Gustav Mahler
Il direttore con l’Orchestra del Teatro Marijnsky
Valery Gergiev e l’Orchestra del teatro Marijnsky
sono i protagonisti del concerto che si terrà giovedì
2 al Teatro Pavarotti,
improntato su musiche di
Tchaikovsky, Prokof’ev e
Berlioz. Presenza straordinaria quella del grande
direttore d’orchestra russo, direttore generale del
celebre teatro Marjinsky di
S. Pietroburgo. In programma, dal grande sinfonismo
russo di fine Ottocento con
l’ouverture Romeo e Giulietta di Tchaikovsky, ai toni modernisti di Prokof’ev in una scelta di brani ispirati dallo
stesso soggetto, per chiudere con una apoteosi sonora
della strepitosa Sinfonia fantastica di Berlioz, grande
divagazione sinfonica in cinque movimenti.
Info: tel. 059 2033010
do i soldati seppelliscono
Salomè sotto i loro scudi.
Con Salome, Strauss coglie
perfettamente lo “zeitgeist”, lo spirito del suo tempo. Non solo ma recupera e
dà nuova luce a quell’orientalismo simbolista tardoottocentesco di cui l’intero
dramma letterario è intessuto aumentando il disagio
e le lacerazioni che il primo
Novecento portava con sè.
Accostando alle materie
preziose come l’oro, l’argento e le pietre dure, il
sangue, la depravazione,
la morte, mettendo in campo una ‘orchestrazione in
puro stile espressionista,
alternando una luce a volte
livida e a volte scintillante,
con una intonazione fondamentalmente aggrtessiva
Strauss concorse a creare
quell’atmosfera perturbante che pervase la cultura
mitteleuropea di quegli
anni”.
[Eugenio Candi]
primopiano
Il grande Gergiev sale sul podio
“A Dresda, nel 1905, veniva rappresentata per
la prima volta, sotto la
direzione di Gustav Mahler,
l’opera Salomè di Richard
Strauss. L’avvenimento fu
sconvolgente, perchè rivelò
che tutti i fermenti eversori, tutte le tortuose vicende
della spiritualità austrotedesca di quegli anni potevano essere potentemente
recepite in musica.
Il modello wagneriano, che
pure rimane come riferimento generale, appare
tuttavia ormai notevolmente rimosso da una arditezza drammatica e da uno
sconvolgimento linguistico,
nella musica di aper ta
rottura con ogni passato.
Il dramma di Oscar Wilde
rappresenta un vertiginoso
salto dai soggetti favolistici,
dai lussureggianti romanzi
e dalle snobistiche commedie, ad una rappresentazione teatrale dove la sensualità della protagonista si fa
violenza e provocazione.
La musica di Strauss vi costruisce sopra un tessuto
musicale compatto, ove
ritornano in modo esasperante tre “Leitmotive”, sempre deformati e lacerati nei
ritmi e negli intervalli che li
costituiscono; il discorso
musicale procede senza
visibili articolazioni (tranne
l’intermezzo buffo del quintetto degli ebrei), quasi
che il delirio sensuale di
Salomè non conosca possibili mitigazioni, e cresca
orribilmente attraverso la
danza dei sette veli fino al
bacio sulla bocca del profeta decapitato: solo qui, al
culmine di questa fremente
necrofilia, la tensione si
spezza all’improvviso, quan-
>arte
Di MARINA
DI
letizia de
LEONARDI
felice E ANNALISA MALALAVOLTA
L’omaggio al Quadrato
Aperta fino al 12 febbraio la retrospettiva dedicata a Josef Albers
C
hiude il 12 febbraio la bellissima
mostra dedicata a Josef Albers,
allestita a Palazzo Santa Margherita
e alla Palazzina dei Giardini di Modena
(ingresso libero). Nell’occasione è stata
organizzata una visita guidata straordinaria a cura del direttore dell’istituto e
curatore della mostra Marco Pierini.
Le visita, a ingresso gratuito e senza
prenotazione, partirà alle ore 11 dalla
Palazzina dei Giardini per concludersi
intorno alle 12,30 a Palazzo Santa
Margherita.
Recensita con grande generosità dalla
Omaggio al quadrato Albers
stampa nazionale e internazionale, la retrospettiva, la più ampia dedicata ad Albers mai realizzata nel nostro Paese, coprodotta
dalla Galleria Civica di Modena con la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, ed
organizzata con la collaborazione della Josef & Anni Albers Foundation. Le 175 opere
esposte ricostruiscono, a 35 anni dalla morte, il percorso di Albers dagli anni del Bauhaus di Weimar a quelli del Black Mountain College e della Yale University, fino a quelli
in cui, lasciato l’insegnamento, si dedicò esclusivamente alla pittura.
Del periodo del Bauhaus, la straordinaria scuola di cui Albers è stato prima allievo e
poi docente, sono esposte belle opere in vetro, fotografie e mobili mentre del periodo
successivo non possiamo non citare la serie “Varianti” (1947-1952) ma soprattutto
il meraviglioso “Omaggio al quadrato” (1950-1976). I bambini potranno accedere
ai laboratori legati alla mostra nei sabati 4 e 11 febbraio dalle 15.00 alle 17.30 e
nelle domeniche 5 e 12 febbraio dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.
Sabato 11 febbraio, si terrà una giornata dedicata all’analisi e alla certificazione delle
opere dell’artista in collezioni private a cura della Josef & Anni Albers Foundation. Chi
desidera approfittare di questa occasione è invitato a recarsi, previo appuntamento,
presso gli uffici della Galleria Civica di Modena, in corso Canalgrande 103, sabato 11
febbraio dalle 10.30 alle 17.
Gli scatti di Openstudio
in mostra a Metronom
Propone una panoramica sulla giovane fotografia italiana la collettiva
Openstudio allestita alla galleria Metronom (viale G.Amendola 142) dal
18 febbraio al 31 marzo. Sei artisti
provenienti da percorsi formativi diversi (Giulia Azzalini, Alessio Iacovone,
Tiziano Rossano Mainieri, Simone
Morciano, Luca Nicolini e Valentina
Sala Peup), selezionati da Walter
Guadagnini e Marco Signorini, indagano i più disparati aspetti dello scibile
umano attraverso l’utilizzo di nuove
tecniche e nuovi codici espressivi.
Così, dalle sperimentazioni della luce
sul corpo si passa ad una fotografia
che si combina al disegno e ai resti
materici in una sorta di percorso di
purificazione. Anche la natura, nel
suo perpetuo silenzio, viene indagata
e osservata nel perenne tentativo
di cogliere quello che sta dietro la
semplice percezione.
Info: tel. 059 344692 - www.metronom.it
Orario della mostra: mart-ven 10.30-13.00; 15.00-18.00;
sab, dom e festivi 10.30-19.00
Info: tel. 059 203911 - www.galleriacivicadimodena.it
Dove la storia la fanno i giornali
Alla Biblioteca Estense documenti originali e antichi quotidiani
Fino al 10 marzo la Galleria Mies
(Piazzetta Servi 44) propone la mostra
Retiniche Visioni con installazioni di
Paolo Gualdi, fotografo, scenografo e
art director molto apprezzato a livello
internazionale. Orari: lun, mer, ven e
sab 10.00-13.00 e 16.00-19.30
domenica su appuntamento.
Info: www.galleriamies.it
[10] - il mese febbraio \2012
Fino al 17 marzo la Biblioteca Estense Universitaria (Palazzo
dei Musei, L.go S. Agostino 337), a conclusione delle celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, propone la
mostra: “Una storia quotidiana” che attraverso l’esposizione
di quotidiani, periodici e giornali murali di carattere locale,
ripercorre i principali fatti della storia nazionale e modenese
a partire dalla seconda metà dell’Ottocento ai giorni nostri.
Il percorso della mostra, allestita nella Sala Campori, vuole
suggerire una riflessione sulla comunicazione di un Paese in
divenire, attraverso le testate di una città di provincia. Tra i
documenti originali spicca la cronaca locale, rappresentata
da pubblicazioni satiriche e umoristiche “pupazzettate”, tipica espressione del giornalismo modenese, fin dalle origini
estremamente ironico sulle vicende e i protagonisti della vita
politica come della cultura e dello sport. In mostra anche una scelta di inediti giornali
murali degli anni Cinquanta. Orari di visita: lun - sab ore 9 - 13 e mart - giov anche
14.30 - 18.30
Info: tel. 059 222248
Le Sfere invisibili dalle figurine ai laboratori
Dal 18 alla Galleria 42
Happy Ending di Cavani
Mostra d’esordio per l’artista Elisa
Cavani presso la Galleria 42 (Via
Carteria n. 42) dal 18 febbraio al
17 marzo. La personale Happy
Ending raccoglie una serie di opere
che ben esemplificano la direzione
poetica del suo lavoro che parte dalla
semplicità di objets trouvés ovvero
oggetti comuni ai quali l’artista dona
un nuovo valore estetico mettendoli
all’attenzione del pubblico e, idealmente, dandogli un nuovo significato
multifunzionale e polisemico. Riallacciandosi alle teorie di stampo dadaista e surrealista, Cavani comincia
un discorso artistico ma, al tempo
stesso, anche personale costituito
da ricordi d’infanzia e parallelamente da lampi di contemporaneità.
L’artista porta avanti il progetto
Manoteca, laboratorio di produzione
di pezzi fatti a mano, “vecchie cose
abbandonate […] curate, ripensate
e riassemblate”.
Info: tel. 059 222199
www.galleria42.com
dagli animali. Il secondo appuntamento
dal titolo Bestiale! Mettiti nei panni del
tuo animale preferito, a cura di Tiziana
Ferrari di ASIA Modena è dedicato ai
bambini dai 6 ai 13 anni, si terrà giovedi
16 febbraio dalle 16 alle 19.30 e sarà
una vera e propria festa in maschera
dove i più piccoli potranno travestirsi da
animali e partecipare a giochi, racconti
e una gustosa merenda. Entrambe le
iniziative sono ad ingresso gratuito fino
ad esaurimento dei posti disponibili e non
è necessaria la prenotazione.
Info: tel. 059 2033090
[email protected]
Da Mazzoli un inedito Paladino
Gradito ritorno per l’artista che presenta un nuovo nucleo di opere
G
Comunicato stampa
radito ritorno a Modena per Mimmo Paladino
GALLERIA MAZZOLI
che ha recentemente inaugurato una sua
presenta
personale alla Galleria Mazzoli (Via Nazario Sauro
62). Dopo la mostra “EN DE RE” del 1980, la
personale del 1992, la mostra a quattro mani
con Alighiero Boetti del 1993 e “Vasi Ermetici”
del 1994 la Galleria Mazzoli presenta un’altra
monografica di Mimmo Paladino. La mostra è
costituita da un nucleo di dipinti inediti di varie
dimensioni tra cui una serie di opere dedicate ad
alcune importanti città italiane: Firenze, Roma,
Napoli, Palermo, Venezia.
Venerdì 27 gennaio 2012 alle ore 18.30 la Galleria Mazzoli inaugura la mostra personale di
Nelle opere si può ammirare l’arte densa di simbo-Mimmo Paladino.
Dopo la mostra “EN DE RE” del 1980, la personale del 1992, la mostra a quattro mani con
Boetti del 1993
e “Vasi Ermetici” del 1994
la Galleria
Mazzoli presenta un'altra
lismo, mistero e segni polimaterici caratterizzata Alighiero
da figure
geometriche
che
emergono
monografica di Mimmo Paladino. La mostra è costituita da un nucleo di dipinti inediti di varie
dimensioni
tra cui una serie di si
operearricchisce
dedicate ad alcune importanti
cittàoggetti
italiane: Firenze, Roma,
e primeggiano su fondi in cui il dialogo tra pittura
e
scultura
di
Napoli, Palermo, Venezia.
Nelle opere si può ammirare l'arte densa di simbolismo, mistero e segni polimaterici caratterizzata
‘ritrovati’, come rami ed elementi lignei, fino ad allargare
i ‘confini’ dell’opera che esce
da figure geometriche che emergono e primeggiano su fondi in cui il dialogo tra pittura e scultura
si arricchisce di oggetti ‘ritrovati’, come rami ed elementi lignei, fino ad allargare i 'confini'
così dalla bidimensionalità. Orario d’apertura:lun-sab
dell'opera che9.30/13.00
esce così dalla bidimensionalità. - 16.00/19.30.
PALADINO
Senza titolo, 2011 olio su tela e inserto in legno – 40 x 50 cm
Info: tel. 059 243455
NOTE BIOGRAFICHE
La riflessione artistica di Mimmo Paladino, nato nel 1948 a Paduli, si sviluppa a partire dalla fine
degli anni ’60. Affascinato dal clima culturale dell’epoca, tra arte concettuale e Pop Art
americana, i cui artisti più rappresentativi avevano esposto alla Biennale di Venezia del ‘64,
Paladino incentra la sua prima attività sulla fotografia, associata spesso al disegno, tecnica a lui
particolarmente congeniale. La sua prima personale è a Caserta, nel 1969.
Gli anni ’70 vedono affermarsi, sempre più incisivamente nel suo percorso, l’interesse per la figura:
dalle iniziali sperimentazioni concettuali l’artista trasferisce la propria attenzione sulla pittura
figurativa. Strutture geometriche e oggetti quali rami e maschere campeggiano sulle tele dai colori
decisi. Nel 1978 è a New York dove inaugura, l’anno successivo, mostre personali alla Marian
Goodman Gallery e alla Annina Nosei Gallery.
Alla Poletti son Otto preghierine
Inaugura il 25 febbraio l’allestimento dedicato all’Officina Urbino
Officina Urbino. La tradizione del contemporaneo nelle edizioni d’arte della Scuola del libro di Urbino è la nuova mostra
della Biblioteca civica d’arte Luigi Poletti (Viale Vittorio
Veneto 5) che sarà inaugurata sabato 25 febbrario alle ore
17 con Giuliano Della Casa e Antonio Moresco.
Tra le opere in mostra le Otto preghierine per una nuova
vita, di Giuliano Della Casa e Antonio Moresco, una delle
ultime edizioni della Scuola del Libro di Urbino; alcune
copie sono esposte in questa mostra. Tra le edizioni
storiche in mostra troviamo poi La secchia rapita (1940)
di Alessandro Tassoni con incisioni di Salvatore Fiume,
oppure Il ramarro, una delle prime raccolte poetiche di
Paolo Volponi (1948), incentrate sul ‘male di vivere’. Un
altro libro d’artista - I Ponti -, è la testimonianza scritta
e figurativa della recente guerra nei Balcani, con racconti di Ivo Andric (premio
Nobel per la letteratura nel 1961) e cinque incisioni originali di Safet Zec, uno dei
maggiori incisori del nostro tempo.
Info: tel. 059 2033372
arte
teatro
Prosegue fino al 19 febbraio la mostra
Sfere invisibili presso il Museo della
Figurina (Corso Canalgrande 103) dove
il tema a far da padrone è il mondo
animale visto sia dal punto di vista del
collezionista di figurine che da quello dei
personaggi che popolano questi habitat.
Un percorso che non vuole puntare l’attenzione solo sull’importante apporto didattico
e storico di questi materiali, ma anche avvicinare il pubblico alla scoperta del mondo
naturale e degli esseri che lo popolano. In
contemporanea alla mostra nel mese di
febbraio si svolgeranno due interessanti
laboratori dedicati sia ai grandi che ai
piccoli. Il primo, domenica 12 alle 10.30,
vedrà la partecipazione del biologo ed entomologo Roberto Ferrari che per l’occasione
condurrà il pubblico in una visita guidata
alla scoperta dei segreti e delle bizzarrie
del mondo animale nel tentativo di varcare
quella soglia invisibile che separa gli uomini
>musica
di Chiara Bazzani
Col concerto
l’aperitivo…
N
el mese di febbraio i concerti-aperitivo
della Gioventù Musicale d’Italia sede di
Modena, l’appuntamento ormai consolidato
del sabato pomeriggio, saranno tutti all’insegna dei numeri 1. Si esibiranno infatti musicisti tutti vincitori di concorsi internazionali
come il duo Nikita Boriso-Glebsky, violinista
russo, primo premio Concorso Fritz Kreisler
di Vienna 2010 e primo premio Concorso
internazionale Jean Sibelius Helsinki 2010,
e Vadym Kholodenko, pianista ucraino,
primo premio International Sendai Piano
Competition 2010 e primo premio Concorso
internazionale Schubert Dortmund 2011
L’APPUNTAMENTO
Mario Brunello con Bach
Sabato 11 febbraio all’Auditorium
Marco Biagi, ore 17.30 appuntamento conclusivo con Mario Brunello,
grande violoncellista a livello internazionale, per il ciclo di concerti-conferenze
dedicato alla sei Suites per violoncello
di Johann Sebastian Bach. In programma la Suite n 6 BWV 1012, la
più audace e visionaria del gruppo,
con la quale il Maestro tenterà un
esperimento col pubblico: creare
un’interpretazione originale dell’opera
seguendo i suggerimenti e le scelte
delle persone presenti in sala.
che saliranno sul palco dell’Auditorium Marco Biagi sabato 4
febbraio dalle 17.30.
Ad aprire il programma due
pezzi di W. A. Mozart, la Sonata
in sol maggiore per violino e
pianoforte KV 379 e il Rondò
in do maggiore KV 373, lavori
commissionati dal vecchio principe Rudoph Joseph Colloredo
col desiderio di esibire le doti
musicali della sua corte agli
occhi della nobiltà viennese.
Con un salto di quasi un secolo la parte
centrale del programma sarà dedicata al
compositore polacco Karol Szymanowski
(1882-1937) con due pagine di grande virtuosismo, il trittico Mythes Trois Poemes op
30, ispirato alla mitologia greca,e il Notturno
e Tarantella op 28.
Il concerto si concluderà con una delle poche
composizioni cameristiche di Edvard Grieg
(1843-1907), la Sonata n.3 per violino e
pianoforte op. 45. Il Duo Biogroove, vincitore delle selezioni Gioventù Musicale d’Italia
2011, sarà poi al Teatro S. Carlo sabato 18
febbraio dalle ore 17.30. Antonino Errera
e Vito Amato, duo che si dedica alla ricerca
del suono e alla valorizzazione delle peculiarità timbriche delle percussioni, presenteranno il concerto Giappone: la tradizione
nel linguaggio contemporaneo, lavoro che
si avvale, oltre alle musiche originali, dei
Solo grandi interpreti per
la rassegna della GMI a
partire dal duo Glebsky
Kholodenko al Biagi il 4 con
Mozart e Szymanowski e
poi il Duo Biogroove con
atmosfere giapponesi al
Teatro San Carlo il 18
video creati in stretta collaborazione con
il videomaker Yosuke Taki. I concerti della
GMI sono possibili grazie al sostegno della
Fondazione Cassa di risparmio di Modena.
Info: www.gmimo.it - tel. 059 9781690
Al piano il giovane talento Yulianna Avdeeva
Considerata dalla critica e dal pubblico
uno dei giovani talenti più promettenti,
Yulianna Avdeeva, vincitrice del Concorso pianistico internazionale Fryderyk
Chopin nel 2010, invitata dalla GMI,
suonerà presso l’Auditorium Marco Biagi
[12] - il mese febbraio \2012
sabato 25 febbraio dalle ore 17.30. Il
programma, attraverso Bach, Prokof’ev,
Chopin e Ravel, presenta brani di grande difficoltà tecnica e interpretativa che mettono
in evidenza le capacità virtuosistiche della
pianista e la sua maturità espressiva.
Ad aprire il programma l’Ouverture francese BWV 831 in si minore di Johann Sebastian Bach (1685-1750), genio assoluto
della musica di tutti i tempi, seguita dalla
dolcezza lirica dal ritmo ondeggiante della
Barcarola in fa diesis maggiore op 60 di
Fryderyk Chopin (1810-1849) che tenta di
rievocare il canto dei gondolieri veneziani,
e lo Scherzo in si bemolle maggiore op
31 n°2.
Due brani poi di Maurice Ravel (18751937), la Pavane pour une infante
défunte, e la Sonatine. Il primo pezzo
è la rievocazione di una danza rinascimentale spagnola, la Sonatine è invece
un brillante virtuosismo che guarda alla
musica impressionista. Infine la Sonata
in re minore op. 14 n. 2 di Sergej Prokof’ev (1891-1953) a tratti grottesca
e macabra.
Qui son Note di passaggio
L
e musiche dei più importanti comL. van Beethoven, op 133, originario finapositori dell’800, Beethoven, Mole del quartetto op 130, poi scorporata
zart, Mendelssohn, Schumann, Liszt e
dal compositore stesso. A seguire Alfred
Brahms, comporranno i programmi dei
Schnittke con il Quartetto n° 3, infine il
primi tre concerti in programma nel
quartetto in do minore op. 51 n° 1 di
cartellone degli Amici della Musica di MoJohannes Brahms.
dena per la rassegna Note di Passaggio.
Il pianoforte, strumento privilegiato dal RoNaturalmente non può mancare Johann
manticismo musicale, diventa romantico
Sebastian Bach, la cui musica non ha
“galeotto” nella serata di S. Valentino (14
tempo, e un’incursione nel XX secolo con
febbraio) nella sala delle
il compositore russo Alfred Schnittke che
Vedute del Castello di
unisce gli stili più diversi nelle sue compoCarpi. Dalle 21.15 il piasizioni postmoderne.
Domenica 5 febbraio dalle
INCONTRI
17.00 una formazione di
solisti e cameristi di grande
Teatro delle Passioni
esperienza, Stefano Succi
Doppio concerto al Teatro delle Pasal violino, Ulrich Horn al viosioni domenica 19 febbraio con due
formazioni che mettono a confronto
loncello e Sara Okamoto al
musica antica e contemporanea. Un
pianoforte, eseguiranno trii
affascinante incontro temporale in cui
con pianoforte di Beethoven,
le affinità emergono là dove il contraMendelsshon e Brahms,
sto è apparentemente maggiore.
scelti tra i migliori. Luogo
Alle 11.00 Icrus Junior con trascridel concerto la Basilica di
zioni di musica antica (Perotinus,
S. Cesario con visita guidata
Palestrina, Bach e altri) fatte dai
alle 16.30.
maggiori compositori contemporanei.
Dal trio al quartetto, che
Alle 17.30 il Duo Metamorphoses
proprio nel corso dell’800
alternerà John Cage a Domenico
Scarlatti in un mirabile caleidoscopio
diventa il genere più in voga
pianistico.
nel repertorio della musica
da camera, domenica 12
febbraio dalle 17.00 presso
lo Spazio Eventi “L. Famigli” di Spilambernista Jan Hugo intreccerà
to. Ad esibirsi il Quartetto di Roma, tra i
musiche di Bach, Mozart,
gruppi più attivi nel panorama italiano ed
Beethoven, Schumann e
europeo, con un programma che propone
Liszt, sul tema dell’Amore, tra capolavori
tre capolavori assoluti: la Grande Fuga di
della letteratura pianistica e interessanti
Tanti gli appuntamenti
per gli AdM di Modena
con trii e quartetti che
risuonano da S.Cesario
a Spilamberto e Carpi
Quartetto di Roma
(e divertenti) contestualizzazioni. I concerti
sono a ingresso libero.
Info: www.amicidellamusica.info
Sono due le rassegne di approfondimento
musicale degli Amici della Musica, curate
dal Maestro Claudio Rastelli, pianista e
compositore, che vanno nella direzione di
colmare la voglia di conoscenza del pubblico che dimostra una curiosità sempre
maggiore per gli aspetti più “tecnici”, di
“immersione” nella teoria e nella pratica
musicale.
Le domeniche 26 febbraio e 4 marzo,
dalle ore 17.00, presso il Teatro Troisi di
Nonantola gli appuntamenti con Passioni
per la Musica. Due lezioni con audiovisivi
e pianoforte intorno ai concetti chiave di
musica, linguaggio e suono declinati
nella prassi musicale di due grandi
compositori, Beethoven e Schubert
(26/2), e nella musica che crediamo
di “non capire” (4/3).
Lunedì 5 marzo alle 15,30 presso la
Facoltà di Lettere e Filosofia primo
appuntamento di 5 tra lezioni e concerti del ciclo Il cammino della Nuova
Musica, con la lezione introduttiva al
Novecento Musicale: crisi del linguaggio musicale tradizionale e ricerca di
nuove soluzioni.
Info: tel. 329 6336877
musica
Con Rastelli le Passioni per la Musica
>musica
DI Marina Leonardi
Al via col Tributo a Sarah Vaughan
Prosegue la rassegna al Baluardo della Cittadella con il Roberto Gatto quintet e il piano di Bill Carrothers
P
rosegue la stagione di Jazz al baluardo, al Baluardo della
Cittadella in piazza Tien An Men. Il cartellone di febbraio
si apre il 2, alle 21.30 con Tribute a Sarah Vaughan… con
la splendida voce di Joyce E. Yuille accompagnata da Stefano
Calzolari al piano, Marco Vaggi al contrabbasso e Tony Arco alla
batteria. Special guest, Sandro Gibellini alla chitarra.
Le doti vocali di Joyce Yuille, artista ed entertainer di alto livello,
sono in grado di colpire anche lo spettatore più raffinato e di
restituire al pubblico l’energia e la passionalità della grande
Sassy: (ingresso € 15 - ridotto € 12). Il 16 febbraio sempre
alle 21.30 ecco arrivare il Roberto Gatto 5et Remembering
Shelly con Roberto Gatto - batteria, Luca Mannutza - piano e
tastiere, Max Ionata – sax, Marco Tamburini - tromba, Giuseppe
Bassi - contrabbasso.
Questo quintetto è l’omaggio di uno dei migliori batteristi del
presente, Roberto Gatto, a un grande drummer del passato,
Shelly Manne. Il batterista romano ha affidato il suo lavoro di
trascrizione (non esistono spartiti dei brani proposti) a musicisti
capaci di calarsi con precisione assoluta in un gioco di squadra
millimetrico. (ingresso € 18 - ridotto € 15). Il 23 febbraio in
cartellone Bill Carrothers trio Play the music of Clifford Brown
Alessandro Chiappetta Quartet
Per la rassegna GezzMI, nata dalla collaborazione triennale tra la GMI e il Modena Jazz Club al Baluardo della
Cittadella, giovedì 9 febbraio alle ore 21 si esibirà la formazione Alessandro Chiappetta Quartet con l’esecuzione
di musiche originali. Guidato dal chitarrista che dà il nome
all’ensemble, vincitore, nel 2009, del contest di Moncalieri
Jazz Festival come miglior musicista e compositore, il
quartetto riunisce musicisti di primo piano: Mauro Battisti,
contrabbasso, Alessandro Minetto, batteria, Gianni Virone,
sassofono. [Chiara Bazzani]
Roberto Gatto
con Bill Carrothers - piano, Drew Gress - c.basso, Bill Stewart
- batteria. Bill Carrothers è uno dei musicisti più originali ed
eclettici della scena jazzistica USA.
Il pianista di Minneapolis si distingue per la sensibilità del tocco
e per il pianismo romantico, comunicativo, capace di spaziare
dalla tradizione del jazz ai repertori più disparati della musica
americana, suscitando un suggestivo trasporto nell’ascoltatore.
(ingresso € 15 - ridotto € 12). Ed eccoci al 1 marzo, a The
Cookers Warroirs con Billy Harper - sax, David Weiss - tromba, George Cables - pianoforte, Cecil McBee - c. basso e Billy
Hart - batteria. L’esperienza conta, soprattutto nel jazz e questo
quintetto all-stars ne è un esempio, uno spettacolare e modernissimo gruppo di alfieri dell’hard bop, tutti artisti che sono pezzi
di storia del jazz, attivi fin dalla metà degli anni ‘60 (ingresso €
15,00 - ridotto € 12,00)
Info: tel 059 244.309 - www.baluardodellacittadella.it
Jazz in… Vignola 2012 quattro concerti in attesa del Festival
Jazz in...Vignola, la rassegna di
concerti organizzata dal Vignola Jazz
Club, in collaborazione con Comune e
Fondazione di Vignola, torna quest’anno
con quattro concerti di grande rilievo,
appuntamenti mensili complementari
al festival Jazz in it, la cui prossima
edizione si terrà dal 15 al 17 giugno.
In cartellone Ray Mantilla Latin Tinge
e poi Bobby Watson appointment in
Milan, Opus 5 e Bassoprofilo trio.
Ancora una volta l’obiettivo primario
sarà quello di proporre tanta buona
musica, ma tutt’altro che secondario
sarà quello di allargare la fascia di
pubblico competente e desideroso
di partecipare ad eventi musicali di
qualità
[14] - il mese febbraio \2012
A Ray Mantilla, fenomenale percussionista grande protagonista della fusione
tra atmosfere jazz e ritmi latini, spetta il
compito di inaugurare la rassegna alla
Sala dei Contrari della Rocca di Vignola
il 25 febbraio alle ore 21.
Molto amato in Italia, anche per le sue
collaborazioni con Cedar Walton, prima
di tutto, ma pure con tanti altri maestri,
sia dal vivo che in sala d’incisione (da
Mingus a Max Roach, da Gato Barbieri
ad Herbie Mann, solo per citarne alcuni), Mantilla in questo progetto si avvale
della determinante collaborazione del
pianista Edy Martinez, oltre che del
bassista Cucho Martinez e del sax di
Gaspare Pasini, all’insegna della contaminazione tra le tradizioni della Salsa e
l’evoluzione più moderna di un jazz aperto
a sperimentazioni che non comportano,
peraltro, il totale distacco dalle scuole
classiche. Mantilla è uno dei musicisti
più accattivanti, oltre che musicalmente
interessanti, dell’attuale panorama.
Info: www.vignolajazzclub.it
MERCOLEDì 1
Karamazov
da Fëdor Dostoevskij,
regia César Brie
Teatro delle Passioni, Modena
ore 21
Info: 059 301880
Antonio Albanese: Personaggi
con Antonio Albanese,
regia Giampiero Solari
Teatro Comunale, Carpi - ore 21
Info: 059 649263
Chi ha paura di Virginia Woolf
di Edward Albee, regia Lorenzo
Loris, con Caterina Costantini
Franco Castellano
Teatro Cinema Michelangelo,
Modena - ore 21.15
Info: 059 343662
A Classic Education
Mr Muzik Off, Modena - ore 22
Info: www.offmodena.it
America West Coast
“Appunti di viaggio 2012”,
proiezioni di Monica Malagoli
Sala Civica del Villaggio Giardino,
Modena - ore 21.15
Info: [email protected]
Noi bambine ad Auchswitz
Testimonianza
di Andra E Tatiana Bucci
Teatro Varini, San Possidonio
ore 20.45
Info: 0535 417911
Missione di pace
di Francesco Lagi
Sala Truffaut, Modena
ore 21.15
Info: 059 236288
GIOVEDì 2
Eretici e corsari
da Gaber, Luporini e Pasolini,
regia Giorgio Gallione,
con Neri Marcorè e Claudio Gioè
Teatro Storchi, Modena - ore 21
Info: 059 2136011
Karamazov
da Fëdor Dostoevskij,
regia César Brie
Teatro delle Passioni, Modena
ore 21
Info: 059 301880
Don Juan
regia Gianna Raccagni, con Claudio
Javarone, Maria José Leon Soto
Teatro Mac Mazzieri, Pavullo
ore 21
Info: 0536 304034
Diceria dell’untore
da Gesualdo Bufalino,
regia Vincenzo Pirrotta
Teatro Ermanno Fabbri, Vignola
ore 21
Info: 059 9120911
Chi ha paura di Virginia Woolf
di Edward Albee, regia Lorenzo
Loris, con Caterina Costantini
Franco Castellano
Teatro Cinema Michelangelo,
Modena - ore 21.15
Info: 059 343662
Orchestra sinfonica del teatro
Mariinskij
musiche Ciaikovskij, Prokofiev e
Berlioz, direttore Valerij Gergiev
Teatro Comunale, Modena - ore 21
Info: 059 2033010
Joyce E. Yuille
tribute a Sarah Vaughan
Baluardo della Cittadella, Modena
ore 21.30
Info: 059 244309
Io sono lì
di Andrea Segre
La Tenda, Modena - ore 21.30
info: 059 214435
Urlatori alla sbarra
di Lucio Fulci
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
info: 059 236288
VENERDì 3
Karamazov
da Fëdor Dostoevskij,
regia César Brie
Teatro delle Passioni, Modena
ore 21
Info: 059 301880
Due di noi
di Michael Fray,
regia Leo Muscato,
con Lunetta Savino, Emilio Solfrizzi
Teatro Comunale, Carpi - ore 21
Info: 059 649263
Ratumera
Kalinka, Carpi - ore 22
Info: [email protected]
The Smokers
Mattatoio, Carpi
Info: www.mattatoiocultureclub.
blog.com
Il Pasto
letture da “L’astronauta”
di Giovanni Gigliano
La Tenda, Modena - ore 21.30
Info: 059 214435
L’isola di corallo
di John Huston
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
SABATO 4
Karamazov
da Fëdor Dostoevskij,
regia César Brie
Teatro delle Passioni, Modena
ore 15.30
Info: 059 301880
Due di noi
di Michael Fray,
regia Leo Muscato,
con Lunetta Savino, Emilio Solfrizzi
Teatro Comunale, Carpi - ore 21
Info: 059 649263
Pasolini/Bulgarelli
con Davide Bulgarelli, Enrico
Mescoli e Irina Osadchaya
Teatro Sted, Modena - ore 21
Info: 347 6511439
Guè Pequeno
Vox, Nonantola - ore 21.30
Info: www.voxclub.it
Legenda per la consultazione
Geffen Release Party +Not So
Kind + Mars 157
+ The Looser Waterwings + Kripton
La Tenda, Modena - ore 17.30
Info: 059 214435
The Artist
di Michel Hazanavicius
Cinema Ariston, San Martino di
Carpi - ore 21.30
Info: 059 680546
Melancholia
di Lars Von Trier
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
BUK - Festival della piccola e
media editoria
Foro Boario, Modena
Info: www.bukmodena.it
Carnevale di Missano
sfilata di carri allegorici
Missano, Zocca - ore 14
Info: www.promappennino.it
DOMENICA 5
Karamazov
da Fëdor Dostoevskij, regia César Brie
Teatro delle Passioni, Modena
ore 15.30
Info: 059 301880
Due di noi
di Michael Fray,
regia Leo Muscato,
con Lunetta Savino, Emilio Solfrizzi
Teatro Comunale, Carpi - ore 21
Info: 059 649263
Pasolini/Bulgarelli
con Davide Bulgarelli, Enrico Mescoli e Irina Osadchaya
Teatro Sted, Modena - ore 16
Info: 347 6511439
Ed Laurie
Mattatoio, Carpi
Info: www.mattatoiocultureclub.
blog.com
The Artist
di Michel Hazanavicius
Cinema Ariston, San Martino di
Carpi - ore 20.30
Info: 059 680546
Una separazione
di Asghar Farhadi
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
Astro Boy
di Osamu Tezuka
Circolo Guerzoni, Carpi - ore 19
Info: 059 683336
Punk Road in Cina
racconto del viaggio della band
Smegma Riot
Fusi Orari, Modena - ore 19
Info: 059 4270436
BUK - Festival della piccola e
media editoria
Foro Boario, Modena
Info: www.bukmodena.it
Paesaggi e vedute urbane negli affreschi di Palazzo Pio
visita a cura di Tania Previdi
Palazzo dei Pio, Carpi
Info: 059 649955
Appuntamenti
Cinema
LUNEDì 6
Le aspirazioni risorgimentali
nella pittura italiana, il romanticismo storico, Hayez
incontro con Domenico Pirondini
Sala riunioni Circoscrizione 3,
Modena - ore 17
Info: 059 390173
MARTEDì 7
Non c’è più il futuro di una volta
con Zuzzurro e Gaspare, regia
Andrea Brambilla
Teatro Cinema Michelangelo,
Modena - ore 21.15
Info: 059 343662
Bhutan - Il paese del dragone
“Invito alla cultura dell’immagine”,
proiezioni di Pierpaolo Ghisetti
Polisportiva San Faustino, Modena - ore 21.15
Info: [email protected]
Sex and zen
di Christopher Sun
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
info: 059 236288
MERCOLEDì 8
Karamazov
da Fëdor Dostoevskij, regia César Brie
Teatro delle Passioni, Modena
ore 21
Info: 059 301880
Servo di scena
di Ronald Harwood
Teatro Nuovo, Mirandola - ore 21
Info: 0535 26500
Bolivia
“Appunti di viaggio 2012”, proiezioni di Giovanna Braglia
Sala Civica del Villaggio Giardino,
Modena - ore 21.15
Info: [email protected]
Hollywood Confidential
di Peter Bogdanovich
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
GIOVEDì 9
Karamazov
da Fëdor Dostoevskij, regia César Brie
Teatro delle Passioni, Modena
ore 21
Info: 059 301880
Il mio regno per un pappagallo
da William Shakespeare, con
Roberto Abbiati
Cinema Teatro Italia, Soliera - ore
21
Info: www.artivivehabitat.it
Le quattro stagioni
regia Enzo Aronica, musiche Antonio Vivaldi
Teatro Ermanno Fabbri, Vignola
ore 21
Info: 059 9120911
Romeo e Giulietta
balletto da W. Shakespeare,
musica Ciaikovskij
Teatro Cinema Michelangelo,
Modena - ore 21.15
Info: 059 343662
Incontri
Musica
Teatro
calendario eventi
>calendario eventi
>calendario eventi
Midsummer
di David Greig, regia Gianpiero Borgia
Teatro Comunale, San Felice sul Panaro - ore 21.15
Info: 0535 85175
Calibro 35
Mr Muzik Off, Modena - ore 22
Info: www.offmodena.it
Alessandro Chiappetta Quartet
Baluardo della Cittadella, Modena
ore 21.30
Info: 059 9781690
Il corpo che non amiamo, il
corpo che non conosciamo
“Toccare il corpo”, incontri con
Lorenzo Barani
Sala Civica del Villaggio Giardino,
Modena - ore 21
Info: 059 2034030
Il sogno della liberazione
di Piercarlo Paderno
La Tenda, Modena - ore 21.30
Info: 059 214435
Zanna Bianca
di Lucio Fulci
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
VENERDì 10
Karamazov
da Fëdor Dostoevskij, regia César Brie
Teatro delle Passioni, Modena
ore 21
Info: 059 301880
Piccoli Omicidi + Padre Gutierrez
Kalinka, Carpi - ore 22
Info: [email protected]
Rashomon + Setti + L’Alce
Fermata 23, Camposanto - ore 22
Info: [email protected]
L’utopia tra geopolitica e biopolitica
con Pier Paolo Portinaro
Biblioteca San Carlo, Modena
ore 17.30
Info: [email protected]
Gotica ’ndrangheta, mafia e
camorra oltrepassano la linea
racconti di uomini e di mafia, di e
con Giovanni Tizian
La Tenda, Modena - ore 21.30
info: 059 214435
In questa nostra vita
di John Huston
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
SABATO 11
Karamazov
da Fëdor Dostoevskij, regia César Brie
Teatro delle Passioni, Modena
ore 15.30
Info: 059 301880
Salome
musiche Richard Strauss, regia
Manfred Schweigkofler, direttore
Niksa Bareza
Teatro Comunale, Modena
ore 20.30 - Info: 059 2033010
Shlohmo
Mattatoio, Carpi
Info: www.mattatoiocultureclub.
blog.com
Bugo
Vibra, Modena - ore 22
Info: www.vibra.tv
Three In One Gentleman Suit +
Reverve + My Speaking Shoes
La Tenda, Modena - ore 21
info: 059 214435
This must be the place
di Paolo Sorrentino
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
Mr. Fox e gli altri
letture di Somone Maretti
Castello dei Ragazzi, Carpi - ore 16
Info: 059 649961
domenica 12
Karamazov
da Fëdor Dostoevskij, regia César Brie
Teatro delle Passioni, Modena
ore 15.30
Info: 059 301880
L’arte del dubbio
da Gianrico Carofiglio, regia Sergio
Fantoni, con Ottavia Piccolo
Teatro Dadà, Castelfranco - ore 21
Info: 059 9120901
Salome
musiche Richard Strauss, regia
Manfred Schweigkofler, direttore
Niksa Bareza
Teatro Comunale, Modena
ore 15.30 - Info: 059 2033010
Un posto
regia di Andrea Anselmi e Fabiana
Bruschi
La Tenda, Modena - ore 18.30
info: 059 214435
Olivia Paperina
spettacolo per bambini
Auditorium San Rocco, Carpi
ore 16.30
Info: 347 3263971
Japanthers
Mattatoio, Carpi
Info: www.mattatoiocultureclub.
blog.com
Carnevale del Villaggio Giardino
sfilata, animazioni e balli
Polisportiva Corassori, Modena
ore 14.30
Info: 333 6176062
Una pepposa ricetta d’amore
spettacolo dai 3 ai 5 anni
Teatro dei Segni, Modena
Info: 059 7470538
martedi 14
Una pepposa ricetta d’amore
spettacolo dai 3 ai 5 anni
Teatro dei Segni, Modena
Info: 059 7470538
Ivano Fossati
“Decadancing Tour”
Teatro Comunale, Modena - ore 21
Info: 059 454772
Pterodactyl
Mattatoio, Carpi
Info: www.mattatoiocultureclub.
blog.com
San Valentino al pianoforte
pianoforte Jan Hugo
Castello dei Pico, Mirandola
ore 21.15
Info: 329 6336877
Alicia en el país
di Esteban Larraín
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
mercoledì 15
Un americano a Parigi
balletto con Raffaele Paganini
Teatro Cinema Michelangelo,
Modena - ore 21.15
Info: 059 343662
Carnevale di Verucchia
sfilata di carri allegorici
Verucchia, Zocca - ore 14.30
Info: www.promappennino.it
Arte dello spettacolo in Modena e dintorni
incontro con Giancarlo Montanari
Istituto Venturi, Modena - ore 17
Info: 331 9069870
Perpetuum Mobile
di Nicolás Pereda
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
giovedì 16
Un tram che si chiama desiderio
Carnevale di Zocca
di Tennessee Williams, regia Antonio Latella, con Laura Marinoni,
Vinicio Marchioni
Teatro Storchi, Modena - ore 21
Info: 059 2136011
Le nevi del Kilimangiaro
Blaze
con The Street Dance Sensation
Teatro Comunale, Carpi - ore 21
Info: 059 649263
Arietty
Urinetown
regia Maicol Piccinini, compagnia
delle Mo.Re.
Teatro Cinema Michelangelo,
Modena - ore 21.15
Info: 059 343662
sfilata di carri allegorici
Zocca - ore 14
Info: www.promappennino.it
di Robert Guédiguian Cinema Ariston, San Martino di
Carpi - ore 21.30
Info: 059 680546
di Hiromasa Yonebayashi
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
lunedì 13
Firenze, la nostra capitale
dell’arte d’avanguardia, le novità
che arrivano dalla Francia
Delacroix, Corot, Coubert, incontro con Domenico Pirondini
Sala riunioni Circoscrizione 3,
Modena - ore 17
Info: 059 390173
Jovanotti
“Ora Tour”
PalaCasaModena, Modena - ore 21
Info: 059 451646
Roberto Gatto 5et
“Remembering Shelly”
Baluardo della Cittadella, Modena
- ore 21.30
Info: 059 244309
Psiche e corpo, oltre l’illusione
dell’immediatezza e dell’identità
“Toccare il corpo”, incontri con
Lorenzo Barani
Sala Civica del Villaggio Giardino,
Modena - ore 21
Info: 059 2034030
Dal tramonto all’alba della legalita’. Riportando tutto a casa...
aperitivo con delitto
La Tenda, Modena - ore 18.30
Info: 059 214435
I Ladri
di Lucio Fulci
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
venerdì 17
Compañía Antonio Gades
“suite flamenca” da Federico
García Lorca
Teatro Comunale, Modena - ore 21
Info: 059 2033010
Skambisti
Kalinka, Carpi - ore 22
Info: [email protected]
Dar-k & Arkaya music band
Vibra, Modena - ore 22
Info: www.vibra.tv
Gavin DeGraw
Vox, Nonantola - ore 21.30
Info: www.voxclub.it
Happy Ending
inaugurazione della mostra di
Elisa Cavani
Galleria 42, Modena - ore 18.30
Info: 059 222199
I colori del nord: Irlanda e
Norvegia
“Appunti di viaggio 2012”, proiezioni di Marina Ferrari e Fabio
Valentini
Sala Civica del Villaggio Giardino,
Modena - ore 21.15
Info: [email protected]
La scoperta del mondo
di e con Luciana Castellina
La Tenda, Modena - ore 21.30
Info: 059 214435
La Bibbia
di John Huston
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
sabato 18
Un tram che si chiama desiderio
di Tennessee Williams, regia Antonio Latella, con Laura Marinoni,
Vinicio Marchioni
Teatro Storchi, Modena - ore 21
Info: 059 2136011
Cercando Picasso
regia Antonio Calenda, con Giorgio
Albertazzi
Teatro Ermanno Fabbri, Vignola
ore 21
Info: 059 9120911
Filarmonica Arturo Toscanini
direttore Roman Brogli-Sacher,
violoncello Mario Brunello
Teatro Comunale, Modena - ore 21
Info: 059 2033010
[16] - il mese febbraio \2012
Legenda per la consultazione
Appuntamenti
Cinema
Incontri
Musica
Teatro
Il calendario completo degli appuntamenti in provincia è scaricabile sul sito: www.provincia.modena.it
The Chap
Mattatoio, Carpi
Info: www.mattatoiocultureclub.
blog.com
Said + Neveralone + A Last
Deep Breath + New Reason
La Tenda, Modena - ore 21
info: 059 214435
Festa di Carnevale
concerto dei L’Ondes
Fermata 23, Camposanto - ore 22
Info: [email protected]
L’utopia tra geopolitica e biopolitica
con Pier Paolo Portinaro
Biblioteca San Carlo, Modena
ore 17.30
Info: [email protected]
Ti amo ma posso spiegarti
incontro con l’autore Guido
Catalano
Spazio Meme, Carpi - ore 18
Info: www.spaziomeme.org
Carnevale della Madonnina
sfilata dei carri
Polisportiva Madonnina, Modena
- ore 14
Info: 059 332098
Bivacco degli zingari di Formigine
degustazione di piatti tipici
Centro storico, Formigine - ore 11
Info: 059 416244
Sproloquio della famiglia Pavironica
con la Famiglia Pavironica e il Re e
la Regina della Zingaraja
Centro storico, Formigine - ore 16
Info: 059 416244
Letture animate
Jane Eyre
domenica 19
Un tram che si chiama desiderio
di Tennessee Williams,
regia Antonio Latella, con Laura
Marinoni, Vinicio Marchioni
Teatro Storchi, Modena
ore 15.30
Info: 059 2136011
Cercando Picasso
regia Antonio Calenda,
con Giorgio Albertazzi
Teatro Ermanno Fabbri, Vignola
ore 21
Info: 059 9120911
La Mostra
con Simona Marchini, di Claudio
Pallottini e Simona Marchini
Teatro Comunale, Carpi - ore 16
Info: 059 649263
Così vicini, così lontani
a cura di Jam theatre
One day
Un poliziotto da Happy Hour
di John Michael McDonagh
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
info: 059 236288
La scena rock-punk-new wave
di New Yor
incontro con Vanni Neri
Fermata 23, Camposanto
ore 18
Info: [email protected]
lunedì 20
Realismo e antiaccademia:
macchiaioli, veristi, scapigliati,
Fattori, Lega, Cremona
incontro con Domenico Pirondini
Sala riunioni Circoscrizione 3,
Modena - ore 17
Info: 059 390173
martedì 21
Il malato immaginario
La Tenda, Modena - ore 18.30
info: 059 214435
Man on wire + Above the tree
Mattatoio, Carpi
Info: www.mattatoiocultureclub.
blog.com
distribuzione dello gnocco fritto
Centro storico, Formigine - ore 9
Info: 059 416244
24° Carnevale Cognentese
9° Festa di Carnevale
giochi tradizionali e sfilate
Polisportiva Virtus, Modena
ore 14.30
Info: 059 358108
È proibido fumar
di Anna Muylaert
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
info: 059 236288
mercoledì 22
Il malato immaginario
Perù
“Appunti di viaggio 2012”, proiezioni di Andrea Vaccari
Sala Civica del Villaggio Giardino,
Modena - ore 21.15
Info: [email protected]
Sette e Ottocento, dalla piazza ai teatri chiusi
incontro con Giancarlo Montanari
Istituto Venturi, Modena - ore 17
Info: 331 9069870
Gallero
Delgo
di Marc F. Adler, Jason Maurer
Circolo Graziosi, Carpi - ore 16
info: 059 690065
di Molière, regia Marco Bernardi
Teatro Mac Mazzieri, Pavullo
ore 21
Info: 0536 304034
sfilata dei carri allegorici e animazioni
Polisportiva Cognentese, Cognento
Info: 059 344578
venerdì 24
La piazza di Carpi nella veduta
di Luca Nasi
di Lone Scherfig
Cinema Ariston, San Martino di
Carpi - ore 21.30
info: 059 680546
di Cary Fukunaga
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
info: 059 236288
Degustazione della polenta
Centro storico, Formigine - ore
16.30
Info: 059 416244
Ronin
Mattatoio, Carpi
Info: www.mattatoiocultureclub.
blog.com
visita a cura di Manuela Rossi
Palazzo dei Pio, Carpi
Info: 059 649955
per bambini dai 4 agli 8 anni
Biblioteca Ragazzi Matilda, Formigine - ore 16.30
Info: 059 416356
Centro storico, Formigine - ore 16
Info: 059 416244
di Molière, regia Marco Bernardi
Teatro Nuovo, Mirandola - ore 21
Info: 0535 26500
con il Re e la Regina della Zingaraja
Castello, Formigine - ore 14
Info: 059 416145
Distribuzione della “Cherseinta”
Degustazione dei maccheroni
al ragù
Centro storico, Formigine - ore 12
Info: 059 416244
Corso mascherato
con il Re e la Regina della Zingaraja
Centro storico, Formigine - ore 14
Info: 059 416244
Come inguaiammo l’esercito
di Lucio Fulci
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
info: 059 236288
Visite guidate al Museo e Centro di documentazione del castello
12° Carnevale dei Ragazzi
sfilata in maschera
Baggiovara
Info: 335 8023651
Sproloquio del Re e della Regina della Zingaraja
di Sergio Mazza
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
info: 059 236288
giovedì 23
Colazione da Tiffany
di Truman Capote, con Francesca Inaudi e Lorenzo Lavia, regia
Piero Maccarinelli
Teatro Comunale, Carpi - ore 21
Info: 059 649263
Pensione Mariuccia
con i Fichi d’India
Teatro Cinema Michelangelo,
Modena - ore 21.15
Info: 059 343662
Pasolini - un incontro
con i Tre Allegri Ragazzi Morti
Cinema Teatro Italia, Soliera - ore 21
Info: www.artivivehabitat.it
Bill Carrothers trio
“Play the music of Clifford Brown”
Baluardo della Cittadella, Modena
ore 21.30
Info: 059 244309
«Questo è il mio corpo». Il
destino del corpo tra religione e
tecnica
“Toccare il corpo”, incontri con
Lorenzo Barani
Sala Civica del Villaggio Giardino,
Modena - ore 21
Info: 059 2034030
Genuino clandestino
di Nicola Angrisano
La Tenda, Modena - ore 21.30
info: 059 214435
Urge
di e con Alessandro Bergonzoni
Teatro Storchi, Modena - ore 21
Info: 059 2136011
Remake
di Myriam Tanant, con Giulia Lazzarini e Maria Alberta Navello
Teatro delle Passioni, Modena - ore 21
Info: 059 301880
Colazione da Tiffany
di Truman Capote, con Francesca Inaudi e Lorenzo Lavia, regia
Piero Maccarinelli
Teatro Comunale, Carpi - ore 21
Info: 059 649263
100 passi sì...ma verso
dove?
a cura di Clan Earendil del Gruppo Scout Vignola 2
La Tenda, Modena - ore 18.30
info: 059 214435
Dilemmi del mondo globalizzato
con Giacomo Marramao
Biblioteca San Carlo, Modena
ore 17.30
Info: [email protected]
I cinque volti dell’assassino
di John Huston
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
info: 059 236288
sabato 25
Urge
di e con Alessandro Bergonzoni
Teatro Storchi, Modena - ore 21
Info: 059 2136011
Remake
di Myriam Tanant, con Giulia Lazzarini e Maria Alberta Navello
Teatro delle Passioni, Modena - ore 21
Info: 059 301880
Colazione da Tiffany
di Truman Capote, con Francesca Inaudi e Lorenzo Lavia, regia
Piero Maccarinelli
Teatro Comunale, Carpi - ore 21
Info: 059 649263
Strength Approach + Stranfe
Fear + La Prospettiva
No More Escape + Nero su Nero +
Turn Against + 18-16
La Tenda, Modena - ore 17.30
info: 059 214435
Medioevo in musica!
conferenza-concerto con Riccardo Prencipe e Corde Oblique
Te.Te. Teatro Tempio, Modena
ore 21
Info: 339 1196575
Carnage
di Roman Polanski
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
Dentro la tempesta
incontro con Cecilia Ibañez e
Davide Toffolo (T.A.R.M.)
Spazio Meme, Carpi - ore 18.30
Info: www.spaziomeme.org
calendario eventi
>calendario eventi
domenica 26
Remake
di Myriam Tanant, con Giulia Lazzarini e Maria Alberta Navello
Teatro delle Passioni, Modena
ore 17
Info: 059 301880
Colazione da Tiffany
di Truman Capote, con Francesca Inaudi e Lorenzo Lavia,
regia Piero Maccarinelli
Teatro Comunale, Carpi - ore 21
Info: 059 649263
La (s)fortuna di Ganda
spettacolo per bambini
Auditorium San Rocco, Carpi
ore 16.30
Info: 347 3263971
Carnevale a Cittanova
truccambimbi, maschere, giochi e
sfilata - Circolo Ricreativo Culturale,
Cittanova
Info: 338 9882413
Carnevale dei bambini
sfilata in maschera, giochi, danze
e scherzi
Polisportiva 4 Ville, Villanova
Info: 398 9579876
Carnevale di Magreta
carnevale parrocchiale per le vie
del centro
Magreta, Formigine - ore 14
Info: 059 416145
Emotivi anonimi
di Jean- Pierre Améris
Cinema Ariston, San Martino di
Carpi - ore 21.30
Info: 059 680546
Le avventure di Tintin - Il segreto dell’Unicorno
di Steven Spielberg
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
Dalla nebbia alle Nuvole
in bici verso il Tibet
Fusi Orari, Modena - ore 19
Info: 059 4270436
martedì 28
Mamma ce n’è due sole
con Paola Quattrini, Debora
Caprioglio, Rosario Coppolino
Teatro Cinema Michelangelo,
Modena - ore 21.15
Info: 059 343662
Pink and Blue – Ciacri e Turtlein – Gente della Val Badia
“Invito alla cultura dell’immagine”,
proiezioni di Pino Simonini
Polisportiva San Faustino, Modena - ore 21.15
Info: [email protected]
A tiro de piedra
di Sebastián Hiriart
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
mercoledì 29
Mamma ce n’è due sole
con Paola Quattrini, Debora
Caprioglio, Rosario Coppolino
Teatro Cinema Michelangelo,
Modena - ore 21.15
Info: 059 343662
[18] - il mese febbraio \2012
Bangladesh “inferno di delizie”
“Appunti di viaggio 2012”, proiezioni di Giuliano Bandieri
Sala Civica del Villaggio Giardino,
Modena
ore 21.15
Info: [email protected]
Dal Novecento ad oggi: le tendenze dello spettacolo tra colto
e popolare
incontro con Giancarlo Montanari
Istituto Venturi, Modena
ore 17
Info: 331 9069870
Esas no son penas
di Anahi Hoeneisen
e Daniel Andrade
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
info: 059 236288
giovedì 1 marzo
Ubo Roi
di Alfred Jarry,
regia Roberto Latini
Teatro delle Passioni, Modena
ore 21
Info: 059 301880
Cantica II
di Emiliano Pellisari
Teatro Nuovo, Mirandola
ore 21
Info: 0535 26500
Mamma ce n’è due sole
con Paola Quattrini, Debora
Caprioglio, Rosario Coppolino
Teatro Cinema Michelangelo,
Modena - ore 21.15
Info: 059 343662
The Cookers
“Warroirs”
Baluardo della Cittadella, Modena
- ore 21.30
Info: 059 244309
Questo è il mio cuore, «il cuore di un altro»
“Toccare il corpo”,
incontri con Lorenzo Barani
Sala Civica del Villaggio Giardino,
Modena - ore 21
Info: 059 2034030
venerdì 2 marzo
Le mostre da vedere
aprono
Decimo Parallelo Nord
Dove: Ex Ospedale Sant’Agostino,
Largo Porta Sant’Agostino, 228
Quando:
dal 18 febbraio al 29 aprile
Orari: da martedì a domenica,
dalle 11 alle 19
Info: 059 239888
Officina Urbino
Dove: Biblioteca Poletti
Palazzo dei Musei
Quando: dal 25 febbraio
Orari: lunedì 14,30–19;
dal martedì al venerdì 8,30–13
e 14,30–19 e sabato 8,30–13
Info: 059 2033372
Mimmo Paladino
Dove: Galleria Mazzoli,
via N. Sauro 62
Quando: fino al 1 marzo
Orari: da lunedì a sabato 9,30-13
e 16-19.30
Info: 059 243455
Happy Ending
Dove: Galleria 42 contemporaneo,
via Carteria 42
Quando: dal 18 febbraio al 17 marzo
Orari: mercoledì, giovedì, venerdì
16,30-19,30;
sabato 10,30-12,30 e 16,30-19,30
Info: 059 222199
Openstudio
Dove: Metronom,
viale G.Amendola 142
Quando: dal 18 febbraio al 31 marzo
Orari: da martedì a sabato 15-19
e su appuntamento
Info: 059344692,
www.metronom.it
La Commedia di Arturo
Dove: Spazio Meme, via G. Bruno
4, Carpi
Quando: dal 18 febbraio
Orari: da domenica a venerdì
16-20; sabato 9,30-13 e 16-20;
giovedì chiuso
Info: www.spaziomeme.org
Ubo Roi
di Alfred Jarry,
regia Roberto Latini
Teatro delle Passioni, Modena
ore 21
Info: 059 301880
Il processo di democratizzazione nell’età globale
con Giacomo Marramao
Biblioteca San Carlo, Modena
ore 17.30
Info: [email protected]
sabato 3 marzo
Ubo Roi
di Alfred Jarry,
regia Roberto Latini
Teatro delle Passioni, Modena
ore 21
Info: 059 301880
proseguono
Eroiche visioni.
Storie di Duchi e Patrioti
Dove: Museo Civico d’Arte
Palazzo dei Musei
Quando: fino al 3 giugno
Orari: da martedì a venerdì 9-12;
sabato e festivi 10-13 e 16-19
Info 059 2033100
This Land is your Land
Dove: Museo Civico Archeologico
Etnologico, Largo S.Agostino 337
Quando: fino al 27 maggio
Orari: da martedì a venerdì 9-12;
sabato, domenica e festivi 10-13
e 15-18
Info: 059 2033100
Una storia quotidiana
Dove: Biblioteca Estense
Universitaria, L.go S. Agostino 337
Quando: fino al 17 marzo
Orari: lunedì e sabato 9-13; da
martedì a giovedì 9-13 e 14.3018.30
Info: 059 222248
Sabrina Bastai
Dove: Modo Casa via De’ Gavasseti
angolo via Emilio Po
Quando: esposizione permanente
Orari: da lunedì a sabato 9-14,45
e 15,15-19,15.
Domenica chiuso
Info: 059 815522
Retiniche visioni
Dove: Galleria Mies,
Piazzetta Dè Servi 44/a
Quando: fino al 10 marzo
Orari: lunedì, mercoledì, venerdì
e sabato 10-13 e 16-19,30.
Domenica su appuntamento.
Info: 059 235395
Arteinattesa
Dove: Policlinico,
via del Pozzo 71
Quando: permanente
Info: 059 2032604
chiudono
Luca Setti: Giappone in
Bianco&Nero
Dove: Fusorari Cibi&Viaggi in
piazzale Torti 5
Quando: fino al 29 febbraio
Orari: tutti i giorni 18-24,
tranne lunedì
Info: 059 4270436
Josef Albers
Dove: Palazzo Santa Margherita e
Palazzina dei Giardini,
corso Canalgrande
Quando: fino al 12 febbraio
Orari: da martedì a venerdì 10,30-13;
15-18; sabato, domenica e festivi
10,30-19; lunedì chiuso
Info: 059 2032911 - 2032940
Sfere invisibili. All’interno degli
habitat animali
Dove: Museo della Figurina (Palazzo
S.Margherita, corso Canalgrande
Quando: fino al 19 febbraio
Orari: da lunedì a venerdì 10,3013 e 15-18. Sabato,
domenica e festivi: 10,30-18
Info: 059 2033090 - 2032940
www.museodellafigurina.it
Marco Demis: Nuvole
Dove: Spazio Meme,
via G. Bruno 4, Carpi
Quando: fino al 12 febbraio
Orari: da domenica a venerdì
16-20; sabato 9,30-13 e 16-20;
giovedì chiuso
Info: www.spaziomeme.org
Fossati fa S.Valentino
Il bravissimo cantautore genovese in scena al Comunale il 14 febbraio
P
er la prima volta al Teatro Comunale
Luciano Pavarotti di Modena (Corso
Canalgrande 85), grazie alla proficua
collaborazione tra Studio’s, Comune di
Modena e Fondazione Teatro Comunale,
arriverà Ivano Fossati con Decadancing
Tour. L’appuntamento è per il 14 febbraio alle ore 21. Ivano Fossati è una delle
espressioni più alte, lucide e raffinate del
cantautorato e, ormai è noto, questa
sarà l’ultima tournée. Un tour molto
atteso che segue la pubblicazione del
singolo “La decadenza” nel settembre
2011, come estratto del nuovo album
dal titolo Decadancing, uscito ai primi
di ottobre 2011.Fossati con la sua band vuole offrire al pubblico un concerto vigoroso
e intenso che sia anche solare e divertito. La scaletta non mancherà di sorprendere:
dalle ultime canzoni di Decadancing eseguite per la prima volta dal vivo, attraverso i
brani di impegno civile che da tempo caratterizzano la produzione di Fossati - “Cara
democrazia”, “La crisi”, “Ho sognato una strada” - fino alle atmosfere più avvolgenti di
canzoni come “E di nuovo cambio casa”, “Una notte in Italia” e “C’è tempo”. Si riportano
sul palco, tra le altre, due gemme da Macramé “L’orologio americano” e “Stella benigna”
e le toccanti “Il bacio sulla bocca”, “La costruzione di un amore”, “Di tanto amore” e la
recentissima, preziosa “Settembre”.
Assistere al concerto sarà come sfogliare le pagine del libro Tutto questo futuro, ricco
di immagini e testi inediti che Fossati ha appena pubblicato con Rizzoli.
I musicisti che accompagnano Ivano nel Decadancing Tour nei teatri sono: Pietro Cantarelli (produzione artistica e arrangiamenti, pianoforte, tastiere, Hammond, chitarre
elettriche, fisarmonica e voce), Claudio Fossati (batteria e percussioni), Riccardo
Galardini (chitarre acustiche, nylon, elettriche, mandola), Fabrizio Barale (chitarre
elettriche e acustiche, voce), Max Gelsi (basso elettrico e acustico) e Martina Marchiori (violoncello, fisarmonica, organetto, tastiere, percussioni). La qualità del suono
è assicurata da Marti Jane Robertson. [Micol Lombardi]
L’Ora Tour di Jovanotti
scatta il 16 al Palapanini
Finalmente si concretizza la tappa modenese dell’Ora Tour di Jovanotti, lo
show che da quasi un anno Cherubini
sta portando in giro per l’Italia e che,
dopo la sospensione della tournèe,
è stato fissato per il 16 febbraio al
Palapanini. Due ore di concerto, tra
i successi dei primi anni Novanta e
i brani dell’ultimo album “Ora”, con
l’imponente apparato visuale alle sue
spalle curato da un duo di registi, I
ragazzi della prateria, fra i più apprezzati della scena indipendente italiana.
Per Lorenzo Cherubini, uno sguardo
al futuro dall’origine molto antica, che
sa di traguardo finalmente raggiunto:
“lo spettacolo che sognavo da bambino, dove si pensa poco ma si gode
parecchio, ci si emoziona, si balla
come in un rave, mentre davanti agli
occhi scorre qualcosa che ha a che
fare con quello che c’è dentro di noi
di più bello e vivo”. [M.L.]
Info: www.ticketone.it
www.studiosonline.it
Info: wwww.studiosonline.it
Gavin DeGraw
Buone notizie per chi ama andare a caccia di concerti nel modenese. Anche a
febbraio la lista è lunga a partire dal Vox
di Nonantola con il concerto del rapper
Guè Pequeno (venerdì 3) mentre il 17
suonerà Gavin DeGraw, cantautore
statunitense famoso per “Chariot” e
ora in vetta alle classifiche con il nuovo
album “Sweeter”. Due importanti date
anche al Mr. Muzik Off con gli A Classic
Education (mercoledì 1) e i Calibro 35
previsti per giovedì 9. Sicuramente una
delle band più “tecnicamente” virtuose
d’Italia, i Calibro 35 fanno rivivere le
colonne sonore dei film polizieschi italiani
rivisitandole in chiave prog. Al Vibra di
Modena torna Bugo (sabato 11), il pazzo
cantautore emerso dalla scena italiana
indipendente negli anni novanta con le
canzoni dell’ultimo disco “Nuovi rimedi per
la miopia” ma non mancheranno anche i
vecchi successi. Venerdì 17 sarà il turno
del reggae singer francese Dar-K e della
sua Arkaya Music Band. Nel 2010 Dar-K
è riuscito ad arrivare in finale all’European
Reggae Contest divenendo uno dei maggiori esponenti del genere. Al Kalinka di
Carpi suonano i divertenti Ratumera,
gruppo punk-californiano che canta in
dialetto veneto. Venerdì 10 si esibiranno
sul palco due importanti fenomeni della
musica indipendente della zona, i reggiani
Piccoli Omicidi e il suggestivo cantautore
modenese Padre Gutierrez, nome d’arte
di Mattia Tarabini. Restando a Carpi non
si può non fare un salto anche al Mattatoio dove la lista di concerti previsti è come
al solito lunga e internazionale: dagli Stati
Uniti saranno presenti Shlohmo (sabato
11), le performance punk dei Japanther
(domenica 12) e il noise degli Pterodactyl
(martedì 14), dall’Inghilterra Ed Laurie
(domenica 5) e infine i nostrani Man on
Wire, Above the tree (domenica 19) e
Ronin (mercoledì 22).
[Sante Cantuti]
musica
Concerti live al Vox e nei circoli
>cinema
>cinema
di Marina Leonardi
Buona visione
c’è la Truffaut
A febbraio una rassegna sul cinema latinoamericano
in occasione della mostra “Decimo parallelo Nord”
Ancora imperdibili inediti e riscoperte con film come
Una separazione, Faust e This must be the place
P
rosegue a febbraio l’attività della Sala
Truffaut con diverse rassegne, a
partire da Spazio aperto. Inediti e
riscoperte. Si comincia il primo febbraio alle
21,15 con Missione di pace (Italia 2011) di
Francesco Lagi. Sabato 4 è la volta di Melancholia il film di Lars Von Trier presentato
all’ultima edizione di Cannes. Domenica 5,
ore 18,15 e 20,30 ecco arrivare il film iraniano Una separazione di Asghar Farhadi.
Una coppia sulla soglia del divorzio: lei vuole
partire, lui deve rimanere ad accudire il
padre malato e dove la casa che li rinchiude
è metafora funesta dell’Iran. Orso d’Oro al
Festival di Berlino 2011. Martedì 7 alle ore
21,15 arriva in prima visione Sex and zen,
di Christopher Sun una rilettura in chiave
drammatica del romanzo erotico “Tappeto
da preghiera di carne” di Li Yu.
Sabato 11 febbraio alle 21,15 ecco in
scena lo splendido This must be the place
di Paolo Sorrentino con un impeccabile
Sean Penn e un’ottima colonna sonora tra
cui la musica di David Byrne. Domenica 12
alle 18,30 e alle 20,30 ecco Arrietty, film
giapponese del 2010, di Hiromasa Yonebayashi. Sabato 18 alle ore 21,15 è la volta di
Jane Eyre di Cary Fukunaga, tra le migliori
versioni cinematografiche del romanzo di
Charlotte Brontë. Domenica 19 alle ore
18,30 e 20,30 ecco una divertente chicca,
Un poliziotto da Happy Hour, film irlandese
di John Michael McDonagh, un gioiellino che
ha avuto una menzione speciale della giuria
al Festival di Berlino. Sabato 25 febbraio,
alle ore 21,15 ecco Carnage di Roman
Polanski, da uno straordinario testo di
Yasmine Reza con quattro ottimi interpreti.
Domenica 26 alle ore 18,30 e 20,30 ecco
arrivare Le avventure di Tin Tin - Il segreto
dell’unicorno di Steven Spielberg, sabato
3 marzo l’ultimo fim di Cristina Comencini,
Quando la notte con Claudia Pandolfi e
Filippo Timi e domenica 4 marzo alle 18
e alle 20,30 Faust, la perla di Aleksandr
Sokurov, vincitore a Venezia.
This must be the place - Sean Penn
Prosegue a febbraio la rassegna Il genio
della serie Z - I film stracult di Lucio Fulci. Si
parte giovedì 2 alle 21,15 con Urlatori alla
sbarra (1959) con il grande Chet Baker, ma
anche i Brutos, Mina e Celentano. Giovedì 9
alle ore 21,15 ecco Zanna Bianca del 1973
con Franco Nero e Virna Lisi; giovedì 16 alle
21,15 I ladri (1959) mentre giovedì 23,
alle 21.15 è la volta di Come inguaiammo
l’esercito del 1965 con Franco Franchi e
Ciccio Ingrassia.
Sempre a febbraio riprende America Amara
- Il cinema di John Huston. In calendario: ve-
All’Ariston The artist e Le nevi del Kilimangiaro
Ed eccoci alle chicche della rassegna
Prima all’Ariston che portano nella
sala di San Marino di Carpi grazie
all’attività del circolo Nickelodeon,
le migliori produzioni del mercato
[20] - il mese febbraio \2012
cinematografico. Si parte con una giusta doppia proiezione per The artist,
la bellissima pellicola muta e in bianco
nero sul cinema degli anni ‘20 di Michel
Hazanavicius, osannata (e a ragione)
all’ultimo Cannes. In programma sabato 4 alle 21.30 e domenica 5 alle
ore 20.30. Altra pellicola francese e
sempre di grande qualità in calendario il
12 febbraio, si tratta de Le nevi del Kilimangiaro di Robert Guédiguian, un tuffo
nelle contraddizioni della “classe operaia”
del XXI esimo secolo. Film sentimentale e
introspettivo invece in programma il 19
febbraio, si tratta di One day, del danese
Lone Scherfig, con Anne Hathaway e Jim
Sturgess. Domenica 26 febbraio,
arriva la commedia romantica Emotivi anonimi di Jean- Pierre Améris
racconta una accidentata storia
d’amore tra due adulti, chiusi nella
loro desolata timidezza e terrorizzati
dalla vita. Domenica 4 marzo, arriva
la simpatica storia de I primi della
lista di Roan Johnson ambientata
nella Pisa del 1970. Il film ripercorre
la storia vera del liceale Renzo Lulli
coinvolto in una fuga da un possibile
golpe in Austria. A condurre la fuga
il cantautore Pino Masi.
Info: tel: 059 680546 - tel. 059 695898
Al 7B quei film di qualità emarginati dal mercato
nerdì 3 febbraio ore 21,15 L’isola di corallo
(1948); venerdì 10 alle 21,15 In questa
nostra vita (1942), con Bette Davis e Olivia
De Havilland. Venedì 17, alle ore 21 è la
volta de La Bibbia (1966). Venerdì 24 alle
21,15 arriva I cinque volti dell’assassino
(1963) un thriller con un cast d’eccezione.
Ancora di Huston, il 1 marzo, indimenticabile
L’uomo che volle farsi re del 1975 e venerdì
2 L’agente speciale Mackintosh (1973)
con Paul Newman.
Della rassegna dedicata a Peter Bogdanovich, Nostalgie cinefile mercoledì 8 febbraio
Diciottanni il mondo
Prosegue a febbraio al
ai miei piedi, regia di
Filmstudio 7B la rasseElisabetta Rocchetti,
gna Il cinema invisibilecon Elisabetta Rocchetfilm recuperati dalla
ti, Marco Rulli (Italia
censura del mercato.
2011 - 86’). InteresSi parte il 6 e 7 alle ore
sante esordio alla regia
21 con La polvere del
dell’attrice Elisabetta
tempo del grande Theo
Rocchetti che, lontaAngelopoulos , con Wilna dagli adolescenti di
lem Dafoe, Bruno Ganz
Moccia, osserva l’edu(Italia/Grecia/Germacazione sentimentale
nia 2008 - 125’). Tra
di un diciottenne. Si
Roma e Berlino scorre
chiude la rassegna il
il paesaggio di un plum27 e 28 febbraio con
beo presente in cui si La polvere del tempo
Malavoglia, regia di
aggira un regista alle
Pasquale Scimeca, con
prese con un film che
Antonio Ciurca, Omar Noto (Italia 2010
ripercorre momenti cruciali del Nove- 94’). Adattamento in chiave moderna
cento, dalla seconda guerra ai gulag
dell’opera di Verga, un low budget che
staliniani, dal Vietnam alla caduta del
si svolge nella periferia urbana e anMuro. Il 13 e 14 febbraio è la volta di
tropologica del Sud, dove i protagonisti
Ballkan Bazar, regia di Edmond Budisono condannati al destino più comune
na, con Catherine Wilkening, Veronica
al mondo, la povertà.
Gentili (Italia/Albania 2011 - 91’). Il
Info: tel. 059 236291
20 e il 21 febbraio, è in programma
alle 21.15 appuntamento con Hollywood
Confidential.
Per la rassegna Storie e immagine da
un continente - Cinema contemporaneo
Latino Americano, realizzata in occasione
della mostra Decimo parallelo Nord di
Fondazione Fotografia martedì 14 febbraio
alle 21,15 verrà proiettato in anteprima
nazionale il film Alicia en el pais (Cile 2008)
di Esteban Larraín; il 15 è la volta di Per-
petuum Mobile (Messico 2009) di Nicolas
Pereda; il 21 ancora una anteprima È proibido fumar (Brasile 2009) di Anna Muylaert,
il 22 la pellicola Gallero (Argentina 2008)
di Sergio Mazza; il 28 A tiro de piedra
(Messico 2010) di Sebastián Hiriart e il 29
Esas no son penas (Ecuador 2006) di Anahi
Hoeneisen e Daniel Andrade.
Info: tel. 059 236288
le prime nelle sale di Bianca Morsiani
Regia di TLynne Ramsay.
Con J. C. Reilly, T. Swinton.
Uscita: 17/02/12
Da un romanzo di successo,
il film narra la storia oscura
e drammatica di Kevin, un
ragazzino affetto da problemi relazionali, morbosamente attaccato alla madre e
aggressivo con il padre e i
suoi coetanei. Presto le sue
ossessioni si realizzeranno
in un atto tragico.
Hesher è stato qui
Regia: Spencer Susser . Con: J. Gordon-Levitt, N. Portman. Uscita: 03/02/12
Un’opera prima commovente su una famiglia che si riprende
da un lutto. Tj è un ragazzino al quale è mancata da poco la
madre e sembra che né il padre né la nonna abbiano la forza di
stargli accanto. Improvvisamente nella loro vita entra Hesher,
un metallaro grezzo e tatuato che riuscirà però in un modo
tutto suo a comunicare con il ragazzo.
Star Wars - Episodio I - La Minaccia Fantasma 3D
Regia: George Lucas. Con: L. Neeson, E. McGregor. Uscita: 10/02/12
Un cast di star di Hollywood per l’ultimo (e tridimensionale)
episodio della saga di Lucas. Sono tutti in attesa della fatidica
riconversione in 3D del film, e se questa operazione avrà
successo si farà anche con tutti gli altri episodi. Oltre agli
attori citati, sono presenti anche Samuel L. Jackson, Natalie
Portman, Sofia Coppola.
cinema
E ora parliamo
di Kevin
>teatro
di Marina Leonardi
Karamazov di Cesar Brie
P
roseguono fino al 12 febbraio al
per giovani attori del Cantiere delle Arti da
Teatro delle Passioni le repliche di
lui diretto: Pietro Traldi, Daniele Cavone
Karamazov, lo spettacolo di Cesar Brie
Felicioni, Gabriele Ciavarra, Clelia Cicero,
prodotto da Ert. Uno spettacolo imperdiManuela De Meo, Giacomo Ferraù, Vinbile, travolgente, ben recitato, che prende
cenzo Occhionero, Adalgisa Vavassori,
lo spettatore per mano e lo conduce lungo
davvero tutti bravi.
le pagine di quello che è stato l’ultimo
“Ho ridotto il romanzo - racconta ancora
romanzo di Dostoevskij.
Brie - imponendomi di non innamorarmi
Lo scrittore morì solo qualche mese dopo
delle parole. Più di mille pagine sono state
averlo ultimato ed ecco quindi che Karamatradotte a 65 pagine di copione.
zov ci rimane un po’ come un testamento,
Capitoli interi sintetizche racchiude la summa dei temi cha
zati in aforismi, persohanno caratterizzato la vita e l’opera del
naggi secondari sparigrande scrittore: la fede, la passione, il
ti, altri uniti in una sola
vizio, l’amore, la giustizia.
figura. Credo che lo
Ma perché proprio
quest’opera? “I Karamazov - racconta Cesar Brie
Info
che dello spettacolo ha
Karamazov, di Cesar Brie
curato la riduzione, la
regia ed è pure bravissiTeatro delle Passioni,
mo interprete - sono una
via Carlo Sigonio, Modena
specie di lascito etico,
Fino al 3/2 (ore 21),
morale, spirituale del più
il 4/2 (ore 15.30),
grande (a mio avviso), coil 5/2 (ore 15.30),
dall’ 8/2 al 10/2 (ore 21),
noscitore dell’anima umaall’11/2 e 12/2 (ore 15.30)
na, in letteratura. Nei suoi
Info: Tel. 059 2136011
personaggi si confrontano
la passione e l’istinto (Dimitri), la ragione e il dubbio (Ivan); la bontà e la purezza (Alekséj);
spirito del romanzo sia
il risentimento e la vendetta (Smerdjakov);
rimasto vivo in questa
la cattiveria, il sentimentalismo, l’egoismo
distillazione. Ho lavoe l’edonismo (Fëdor il padre); la santità (lo
rato con attori giovani
Starets)”.
e bravi, in uno spazio
Sul palco un Cesar Brie in gran forma
no spazio povero, abitato da attori che
veste i panni del padre, con lui gli otto
fossero in scena anche quando osservaallievi del percorso di professionalizzazione
vano i loro compagni dalla soglia, conclude
Proseguono fino al 12
sul palco delle Passioni
le repliche dell’opera
con l’attore argentino
al fianco di un gruppo di
giovani e bravi interpreti
l’attore argentino. Chi entra in scena lo
fa dal teatro, non da fuori, così il teatro
diventa uno spazio simile alla vita”.
In Remake la brava Giulia Lazzarini porta in scena se stessa
Docente di Arti dello Spettacolo all’Università Sorbona di Parigi, Myriam Tanant incontra Giulia Lazzarini, grande
protagonista della scena teatrale italiana
[22] - il mese febbraio \2012
e da questo fortunato incontro nasce l’idea
dello spettacolo. Remake. Un racconto di
tempesta al Teatro delle Passioni dal 24 al
26 febbraio è infatti la storia di una grande
attrice, Giulia Lazzarini, qui nel ruolo di se
stessa, che viene invitata a tenere una lezione di teatro ad un gruppo di giovani attori
non professionisti. Una tempesta improvvisa
impedisce ai ragazzi di raggiungere il teatro,
solamente una giovane, interpretata da Maria Alberta Navello, riuscirà a raggiungere
il teatro. L’incontro tra la giovane e Giulia
Lazzarini diventa occasione di confronto e
scoperta reciproca; ne nasce una sorta di
remake, un viaggio nel recente passato
di alcune delle storiche interpretazioni di
Giulia Lazzarini diretta da Giorgio Strehler
ma anche un momento di riflessione
sulla passione teatrale rivissuta nella
difficoltà del presente, dove far teatro
è, soprattutto per i giovani, sempre più
difficile. Che dire della Lazzarini che non
abbia già bene descritto Giorgio Strehler:
Giulia appartiene a quei rari “talenti naturali” che salgono su un palco di teatro,
cominciano a recitare e sanno tutto della
teatralità. Sono nati per “recitare”.
Info: tel. 059 301880
DALL’1 AL 3 MARZO
Roberto Latini dà una nuova voce all’Ubu Roi di Jarry
Dall’1 al 3 marzo arriva sul palco delle
Passioni Ubu Roi di Alfred Jarry con la
regia di Roberto Latini. Ubu Roi è ormai
un classico, come Edipo o Amleto, capace
cioè di superare se stesso e mettersi a
disposizione della rappresentazione. Perchè Alfred Jarry e perchè il personaggio
di Ubu? “Per me, spiega Latini, da Jarry
inizia il Teatro contemporaneo. Gli Ubu sono
un’alterazione e una capacità insieme. Dalla
loro comparsa sulla scena si può stabilire
un punto di non ritorno. E quindi anche di
ripartenza, o partenza nuova. Mentre ci si
affannava ad accompagnare il Teatro alla
vita e a ricomporre tutte le sfumature dei
velluti del Teatro intanto borghese, Jarry è
riuscito a ricondurci al Teatro, a riconvocarci, proponendo delle figure e una modalità
di relazione tra testo e scena assolutamente contemporanei. Jarry propone una
nuova convenzione, più che moderna,
dentro l’assolutezza che soltanto i classici
riescono a determinare”. Lo spettacolo,
prodotto dal Teatro Metastasio Stabile della
Toscana, vede in scena con Roberto Latini,
Sebastian Barbalan, Lorenzo Berti, Fabiana
Gabanini, Ciro Masella, Savino Paparella,
Simone Perinelli e Marco Vergani.
Info: tel. 059 301880
Qualità di Ert in provincia
M
olto ricchi e vari i cartellone dei
teatri gestiti da Emilia Romagna
Teatro. Partiamo dal Teatro Dadà di Castelfranco Emilia, dove il 12 febbraio alle
ore 21 andrà in scena L’arte del dubbio
versione teatrale da Gianrico Carofiglio
di Stefano Massini,con la regia di Sergio
Fantoni e con Ottavia Piccolo e Vittorio
Viviani...
Ci spostiamo al Teatro Nuovo di Mirandola, dove l’8 febbraio alle 21 è in
programma Servo di scena, la toccante
storia di un vecchio capocomico, omaggio ironico e appassionato al teatro e
alla sua gente, in perfetto stile british e
molto adatto a Franco Branciaroli che lo
interpreta e lo dirige. Sempre al Nuovo, il
22 febbraio alle 21 è la volta di un super
classico Il malato immaginario, in una
rilettura ambientata ai giorni nostri da
Marco Bernardi, che si fregia dell’interpretazione di Paolo Bonacelli, nel ruolo
dell’ipocondriaco mattatore che rasenta
la follia.
Il 1 marzo arriva invece la danza di Cantica II, un progetto di Emiliano Pellisari,
per la Compagnia Dedalo. Ci spostiamo
a Pavullo, al Teatro Mac Mazzieri dove il
2 febbraio alle 21 va in scena Don Juan
con la compagnia di musica e danza
flamenca “FlamenQueVive”, coreografia
e regia Gianna Raccagni. Il 21 febbraio
va in scena Il malato immaginario di cui
abbiamo parlato poche righe sopra.
Chiudiamo questa carrellata con il Tea-
tro Ermanno Fabbri di Vignola dove il
2 febbraio alle 21 si parte con Diceria
dell’untore dal romanzo di Gesualdo Bufalino, adattamento e regia di Vincenzo
Pirrotta e produzione del Teatro Stabile
di Catania.
Danza anche a Vignola, il 9 febbraio
alle 21 con Le quattro stagioni, della
Spellbound Dance Company con la
coreografia di Mauro
Astolfi e con Cercando Picasso, il 18 e
19 febbraio alle 21,
spettacolo tratto dal
Il desiderio preso per
la coda e altri testi di
Picasso. La regia è
di Antonio Calenda
con Giorgio Albertazzi e con la Martha
Graham Dance Company. Dalla necessità
di riportare sulla scena l’indomabile estro
del pittore spagnolo
nasce la scelta di fondere nello spettacolo
il linguaggio coreografico di Martha Graham
e la recitazione di un
maestro della sapienza scenica di Giorgio
Albertazzi.
Info: www.
emiliaromagnateatro.
com, tel. 059 2136011
Interessanti cartelloni
per i teatri gestiti dallo
stabile regionale da
Pavullo a Castelfranco
da Vignola a Mirandola
>teatro
Di GRETA RONCHETTI
L’estetica del flamenco
Venerdì 17 al Teatro Comunale due capolavori di Antonio Gades
T
ragedia, passione e folklore, danze
e sonorità spagnole: sono questi
gli ingredienti della serata di balletto in
programma venerdì 17 febbraio alle ore
21 presso il Teatro Comunale Pavarotti
di Modena.
La Compagnia di Gades rende omaggio al
più grande innovatore della danza iberica
Antonio Gades. Nel 1974 Gades creò
Bodas de Sangre basandosi sul racconto
di Federico García Lorca, il quale a sua
volta si era ispirato alla notizia di un omicidio avvenuto a Nijar nel 1928. Nozze
di sangue, è la storia d’amore e morte
Compagnia Gades
attraverso il flamenco: due fidanzati alla
vigilia delle nozze. Lei però ama il migliore amico di lui. I due rivali si sfidano a duello e
muoiono. “Ho voluto rendere omaggio al poeta – ha spiegato il coreografo di questo brano
-. Sono nato nella cultura mediterranea che è fatta di gelosia, amore e morte, aspetti
che si riflettono nella danza, nella letteratura, nella pittura e in altre forme d’arte. Anche
il tragico fa parte della nostra cultura. Bodas de Sangre è una vera storia spagnola, una
tragedia impregnata di folklore. Ho sempre amato molto le opere di García Lorca, perché
descrivono la ricchezza e le attitudini del popolo andaluso in profondità.”
I brani con cui Antonio Gades ha iniziato la sua carriera da solista all’inizio degli anni Sessanta sono confluiti gradualmente nella Suite Flamenca, otto danze tradizionali presentate
alla maniera di Gades che conservano il fondamento della danza del maestro spagnolo.
Suite Flamenca è una serie di numeri di danza bulerías, solea por bulerías, farruca,
zapateado, tanguillo, tangos de málaga y rumba che offrono una sorprendente panoramica sull’estetica del flamenco. Con soli, passi a due, balli di gruppo, tutti gli aspetti del
flamenco vengono visualizzati. La Compagnia Antonio Gades è nata dalla Fondazione che
il ballerino creò prima della morte con lo scopo di tramandare l’eredità artistica raccolta
nel corso della sua carriera e di sostenere la diffusione delle sue coreografie attraverso
la promozione della danza spagnola nel mondo.
Ecco Romeo e Giulietta
con il Balletto di Milano
Giovedì 9 febbraio al Teatro Michelangelo di Modena (ore 21.15)
appuntamento con il balletto in due
atti tratto dall’omonima tragedia di W.
Shakespeare Romeo e Giulietta interpretato dal Balletto di Milano nella
particolare, attuale rivisitazione del
geniale coreografo Giorgio Madia.
“La chiave della mia interpretazione
ha richiesto, seppur nella tradizione
del testo, la ricomposizione temporale degli eventi - spiega Madia - I
contrasti di vita e morte, amore e
guerra, giorno e notte, sono evocati dai colori bianco e nero in uno
scenario che, secondo la semplicità
del teatro elisabettiano e shakespeariano, rinuncia a pesanti strutture
scenografi che e si avvale di pochi
attori interpreti nei diversi ruoli”.
Attiva nel mondo della danza da
trent’anni, la Compagnia Balletto di
Milano è andata sempre più affermandosi tra le realtà nazionali di
alto livello.
Info: tel. 059 343662
Info: tel. 059 2033010
www.teatrocomunalemodena.it
Paganini è Un americano a Parigi
Raffaele Paganini
Siamo a metà degli Anni Venti a Broadway dove un giovane promettente
musicista troppo raffinato e troppo
[24] - il mese febbraio \2012
intelligente si sente irrimediabilmente vittima della routine e della noia di una sala
prove, nasce in lui la voglia improvvisa di
andarsene altrove, volare via in Europa in
cerca di radici.
Arriva così a Parigi, cuore culturale del
Vecchio Continente, un viaggio soprattutto
attraverso se stesso e il proprio talento.
È questa la trama dell’opera musicale Un
americano a Parigi di George Gershwin
(1928) rielaborata oggi per il balletto con
la drammaturgia di Riccardo Reim, la coreografia di Luigi Martelletta e l’interpretazione di Raffaele Paganini - senz’altro il
ballerino italiano più adatto per formazione
e storia a ricoprire tale ruolo.
Il lavoro, in scena il 14 e il 15 febbraio (ore
21) sul palco del Teatro Michelangelo
di Modena dalla Compagnia Nazionale
Raffaele Paganini e dalla Compagnia
Almatanz, attinge in parte dall’opera
originale e dalla sua versione per il grande
schermo ma aggiunge, come una sorta
di “chiave di lettura”, il dato biografico
riguardante George Gershwin. Gershwin
fu davvero, nella sua estrema consapevolezza intellettuale, “un americano a
Parigi”, un artista fortemente anomalo,
capace di una sintesi unica e irripetibile
tra classico e contemporaneo, tra le
musiche di estrazione popolare e quelle
di tradizione più nobile, riuscendo come
nessun altro a fonderle perfettamente in
una miscela di immenso fascino.
Info: www.cinemateatromichelangelo.com
Di CHIARA BAZZANI
Michelangelo in scena
Vivacissimo il cartellone di febbraio tra ironia e grande comicità
C
e n’è davvero per tutti al Teatro
Michelangelo che a febbraio propone cinque spettacoli, in prima serata
dalle 21.15, che toccano tutte le corde
dell’intrattenimento. Dalla comicità più
esilarante di Zuzzurro e Gaspare e dei
Fichi d’India, al musical della compagnia
tutta nostrana MO.RE. Non mancherà
l’elegante ironia con Deborah Capriolio e
un classico della drammaturgia contemporanea. Chi ha paura di Virginia Woolf
di Edward Albee, un testo di grande impatto emotivo, apre infatti il mese nelle
sere di 31 gennaio, 1 e 2 febbraio alle
21.15. In scena due attori intriganti,
Caterina Costantini e Franco Castellano per la regia di Lorenzo Loris.
Se il futuro vi mette ansia non vi preoccupate, ad alleggerire le tensioni ci pensano
Zuzzurro e Gaspare con il nuovo spettacolo Non c’è più il futuro di una volta, nell’unica
data del 7 febbraio. L’attualità e la quotidianità della nostra società riletta con sarcasmo
da questa folle coppia di comici.
Il 16 febbraio arriva a Modena il musical Urinetown, vincitore di tre Tony Awards, e
campione d’incassi a Broadway. Uno spettacolo graffiante, sulle musiche e i testi di
Mark Hallmann, che tocca un tema ecologico d’attualità, la scarsità d’acqua, e con
una morale di fondo: salvare il mondo dagli uomini senza scrupoli. Presentato dalla
Compagnia delle Mo.Re per la regia di Maicol Piccinini.
Nel ventennale del loro sodalizio il 23 febbraio arrivano I Fichi d’India con Il meglio di
20 anni di carriera insieme, uno spettacolo che ripropone le gags più divertenti e scoppiettanti del duo. Dalle telepromozioni scandite al grido dell’indimenticabile tormentone
Amici, Ahrarara, ai classici pezzi a ritmo di tichi tic, alle parodie di Miss Italia e tanto
altro. Infine il 28 e 29 febbraio e il 1 marzo va in scena una commedia di elegante
ironia, Les vacances de Josepha, di Dany Laurent con Paola Quattrini, Deborah Capriolio e Rosario Coppolino, per la regia di Patrick Rossi Gastaldi. “Di mamma ce n’è
una sola”, recita il proverbio; ebbene in questa storia ce ne sono due.
TeTe: per T come Teatro
Radio Argo di Mazzotta
Prosegue la rassegna T come teatro
con lo spettacolo Radio Argo con
Peppinno Mazzotta (il Fazio televisivo
del Commissario Montalbano) il 29
febbbbraio al Teatro TeTe.
Su testo di Igor Esposito, Radio Argo
è la riscrittura dell’Orestea, tragedia
incentrata sulle vicende degli Atridi,
precedenti e successive alla guerra
mossa dagli Achei contro la città di
Troia.
Una voce sola racconta la storia di sei
personaggi - Ifigenia, Egisto, Clitennestra, Agamennone, Cassandra e
Oreste, - che si rincorrono in un valzer
di fantasmi che dal passato tornano
per creare un legame con il presente,
come se volessero narrare, con il
distacco del tempo, le tragedie quotidiane. Una voce lontana che diventa
lo specchio delle nostre passioni dei
nostri inganni delle nostre guerre,
in un processo di smascheramento
inesorabile della realtà.
Info:
www.progettarte.org
Allo Sted Pasolini/Bulgarelli
tra l’happening e il recital
All’Italia di Soliera Abbiati
porta un inedito Riccardo III
Le fondamenta dell’impero
ai Segni e il 5 in fiera a Buk
Sabato 4 febbraio ore 21 e domenica
5 alle ore 16 e 21 al Teatro Sted
(viale Muratori 75/d) va in scena lo
spettacolo Pasolini/Bulgarelli, scritti,
poesie e canzoni di Pier Paolo Pasolini,
di e con Davide Bulgarelli. La straordinaria capacità di prevedere con lucidità i mutamenti sociali e politici negli
scritti del grande poeta e intellettuale
Pasolini, riletti alla luce dell’attualità
da Davide Bulgarelli. Accanto a lui in
scena la danza di Irina Osadchaya e
la musica eseguita da Enrico Mescoli,
in una fusione di linguaggi a metà via
tra l’happening e il recital, il concerto
e l’esposizione di arte visiva.
Due appuntamenti di teatro al Cinema
Teatro Italia di Soliera. Giovedì 9 febbraio alle 21 lo spettacolo Il mio regno
per un pappagallo, ispirato molto
liberamente al Riccardo III di W. Shakespeare. Roberto Abbiati reinterpreta
le gesta del sanguinario personaggio
saltando da Londra alla Brianza, dall’inglese al dialetto. Giovedì 23 febbraio
alle 21 la band friulana dei Tre allegri
ragazzi morti presenta la nuova produzione Pasolini. Un incontro. Il fumetto
di Davide Toffolo, si unisce alla musica
live della band e alla voce di Pasolini,
in uno spettacolo che ripercorre la vita
del grande intellettuale italiano.
Ricorda A serious man dei fratelli Coen,
Le fondamenta dell’impero, la pièce
teatrale portata in scena al Teatro dei
Segni (Via San Giovanni Bosco 150,
prenotazioni 327 7376184) dal 5 al
7 febbraio alle ore 21 dalla compagnia
Quinta parete di Casalgrande (Re). “C’è
un protagonista che appare dalle prime
battute sopraffatto da un destino che
sembra divertirsi a seminare la sua
esistenza di incidenti e fastidi” come
scrive Sergio Pierattini il primo testo
teatrale pubblicato dalla compagnia,
che oltre a spettacolo è ora un libro che
sarà presentato il 5 alle ore 11.30 alla
Fiera del libro BUK al Foro Boario.
Info: tel. 347 6511439
Info: tel. 059 859665
Info: www.quintaparete.org
teatro
Info: tel. 059 343662
[email protected]
di Marina Leonardi
San Valentino
al pianoforte
A
ppuntamento imperdibile martedì
14 febbraio alle ore 21.15 alla
Sala delle vedute (Palazzo dei Musei Castello dei Pico) dove, nell’ambito della
rassegna Note di Passaggio degli Amici
della musica e con il patrocinio della
Città di Carpi, si terrà il Concerto di
San Valentino.
Al pianoforte Jan Hugo proporrà brani
di Bach, Mozart, Beethoven, Schumann,
Liszt in un programma in cui musiche
e biografie si intrecciano sul tema
dell’amore, tra capolavori della letteratura pianistica e interessanti (e divertenti)
contestualizzazioni.
Ecco quindi di Bach la Toccata in sol
minore BWV915, di Schumann, Novelletta Op 21 n° 8, di Mozart la Sonata
in Re maggiore K576 Allegro- AdagioAllegretto, di Liszt, Harmonies du Soir
e infine di Beethoven, la Sonata n° 32
in do minore, Op. 111 nei due tempi:
Maestoso - allegro con brio ed appassionato e Arietta - adagio molto semplice
e cantabile.
La sonata n. 32, è l’ultima sonata per
pianoforte composta da Beethoven:
scritta tra il 1821 e il 1822 come le
altre dell’ultimo periodo contiene diversi
elementi fugati ed è tecnicamente molto
impegnativa.
È stata definita: “Un’opera di ineguagliabile espressione e trascendenza, il trionfo dell’ordine sul caos, dell’ottimismo
sull’angoscia”. Celebri sono le pagine
che lo scrittore Thomas Mann dedicò
alla sonata nelle pagine del suo romanzo
Doktor Faust, soprattutto al secondo
movimento (l’interrogativo al centro della
disquisizione letteraria era come mai
Beethoven non avesse aggiunto un terzo
tempo alla sonata), la cosiddetta ‘Arietta’, una interpretazione di Mann che si
dice influenzata da Theodor Adorno.
Ma veniamo all’esecutore del concerto,
il giovane pianista Jan Hugo.
Nato in Sud Africa nel 1991, ha iniziato
gli studi musicali all’età di sette anni.
Da giovane si è distinto in vari festival
musicali e ha vinto concorsi a Pretoria,
Johannesburg e Città del Capo.
Nel 2004, a tredici anni, è stato invitato
a studiare in Italia all’Istituto Superiore
di Studi Musicali“Vecchi-Tonelli”, prima
sotto la guida di Francesco Cipolletta, e
poi di Giuseppe Fausto Modugno.
Nel 2010 si è laureato nel Triennio di
Primo Livello con 110, lode e menzione
Il 14 febbraio nella Sala
delle Vedute un concerto
gratuito dove Jan Hugo
si esibirà in celebri sonate
d’onore. Dal 2006 frequenta l’Accademia Pianistica Internazionale di Imola
“Incontri col Maestro”, dove attualmente
si perfeziona sotto la guida del Maestro
Boris Petrushansky. Dal 2006 ad oggi
Jan Hugo si è aggiudicato diversi premi
e ha tenuto concerti in Italia e in Sud
Africa. Ingresso libero e gratuito, fino
a esaurimento dei posti (99).
Info: tel. 329 6336877
Mi fletto ma non mi impiego a teatro l’8 marzo
È ormai una piacevole e consolidata tradizione carpigiana lo spettacolo teatrale che
ogni 8 marzo viene offerto alla cittadinanza
per riflettere sul tema dell’identità femminile.
Dopo il successo del 2011, l’organizzazione
è stata di nuovo affidata alle associazioni
femminili Udi e Cif, insieme all’Assessorato
Pari Opportunità del Comune di Carpi e
alla commissione Pari Opportunità delle
Terre d’Argine.
La scelta è stata quella di ripetere l’iniziativa, coinvolgendo nuovamente le giovani
artiste attive sul territorio. Il prossimo 8
marzo alle ore 21 tornerà così sul palco
del Teatro Comunale di Carpi un gruppo di
attrici, drammaturghe e registe carpigiane
[26] - il mese febbraio \2012
che da anni produce spettacoli in cui si
riflette e si fa riflettere sull’essere donna
oggi, con il debutto di Mi fletto ma non
m’impiego, l’ultima produzione di Forum
Teatro Carpi. Di cosa parla lo spettacolo?
Prendete tre generazioni di donne, unitele
in una famiglia e mettetele sotto lo stesso
tetto. Aggiungete un impiego che non
arriva mai, un eterno fidanzato ospite
fisso e il tempo che scorre inesorabile
pur lasciando tutto immobile: agitate il
tutto e… I testi e la regia sono di Maria
Giulia Campioli ed Elisa Lolli con: Claudia
Bulgarelli, Maria Giulia Campioli, Elisa
Lolli,Claudio Mariotti e Tania Solomita.
L’ingresso è gratuito.
c
a
r
p
i
Qual è Il libro più amato dell’infanzia? Votatelo!
collaterali alla mostra vogliamo segnalare
l’iniziativa Il libro più amato.
Ci sono libri della nostra infanzia che ci portiamo dentro, che continuano a vivere nella
nostra mente e che ancora alimentano i
nostri sogni. Ordunque, adulti di oggi, qual
è il libro che avete più amato nella vostra
infanzia, capace di raccontare storie che
non finiscono mai? Tutti possono votare il
loro libro più amato sul sito del Castello
dei ragazzi www.castellodeiragazzi.it o
compilando un apposito modulo nelle
biblioteche. Il tutto entro il 18 febbraio.
Sabato 25 alle ore 16.30, presso la
Biblioteca multimediale A. Loria verrà
Sipario su Colazione da Tiffany
Al Comunale l’indimenticabile pièce scritta da Truman Capote
A
ppuntamento al Teatro Comunale di Carpi il
23-24-25-26 febbraio alle ore 21, con l’indimeticabile Colazione da Tiffany di Truman Capote nella
riedizione de Gli Ipocriti – Nuovo Teatro, per la regia di
Piero Maccarinelli e con Francesca Inaudi e Lorenzo
Lavia. Ai due attori l’arduo compito di raccogliere il
testimone da Audrey Hepburn e George Peppard e
di accompagnarci nei meandri di un “classico” che
sfiora l’amore con garbo ed eleganza. Segnaliamo
l’altro appuntamento con la prosa in cartellone il
mese prossimo, sabato 24 e domenica 25 marzo
alle ore 21 Sei personaggi in cerca d’autore di Luigi
Pirandello, una produzione della Compagnia Teatro Carcano, per la regia di Giulio Bosetti.
In cartellone al Comunale inoltre, il 19 febbraio alle 16, Simona Marchini ne La mostra,
Giovedì 16 alle ore 21spazio alla danza della compagnia Blaze ed il 6 marzo, ore 21arrivano
Giobbe Covatta ed Enzo Iachetti in Niente progetti per il futuro.
Info: tel. 059 649264
Per i bambini i Pomeriggi animati
Tra cinema, letture e teatro tanti appuntamenti per i piccoli
Proseguono i Pomeriggi Animati con Cinema che passione!
Per bambini dagli 8 ai 10 anni, domenica 5 alle ore 16,
al Circolo Guerzoni (Via Genova 1) è in programma il film
Astro Boy (tel. 059 683336) mentre il 19 febbraio, alle 16
al Circolo Graziosi (Via Sigonio 25) è la volta della pellicola
Delgo (tel. 059 690065). Ingresso gratuito.
Per Letture e Incontri che passione! sabato 11 febbraio
alle 16 al Castello dei ragazzi (P.zza Martiri 59), si terrà Mr.
Fox e gli altri letture di Simone Maretti, ingresso gratuito, a
iscrizione (tel. 059 649961).
Due begli appuntamenti per Per Teatro che passione! all’Auditorium San Rocco (via S. Rocco 1, tel. 347.3263971). Domenica 12 febbraio, ore 16.30, Olivia Paperina, spettacolo
per bambini (3- 7 anni) del Centro Teatro e Animazione Figure
Gorizia e domenica 26 febbraio, ore 16.30, La (s)fortuna di Ganda (5-12 anni) del
Teatro dell’Archivolto di Genova. Il 4 marzo, alle 16.30 andrà in scena Mignolina e lo
spirito del fiore (3-7 anni) della Drammatico vegetale di Ravenna. Ingresso libero.
presentata la graduatoria. Il libri più
amati saranno simbolicamente premiati
con letture di brani antologici a cura di
Sara Gozzi.
Info: tel. 059 649961-963
A Palazzo dei Pio i nuovi
incontri con Ora d’arte
Molto partecipate sono le visite guidate periodiche che i Musei di Palazzo
dei Pio organizzano soprattutto la domenica e nei giorni festivi. Nel 2012
questi appuntamenti si rinnovano nel
ciclo, ormai tradizionale, intitolato
Ora d’arte.
Tra febbraio e marzo, quattro visite
anticiperanno la mostra che dal 31
marzo prossimo ripercorrerà i 500
anni della piazza di Carpi, la terza
per grandezza in Italia, uno dei più
significativi esempi di architettura
rinascimentale del paese.
Domenica 5 febbraio (alle ore 17)
la visita sarà dedicata a Paesaggi
e vedute urbane negli affreschi
di Palazzo dei Pio, a cura di Tania
Previdi; domenica 19 a La piazza
di Carpi nella veduta di Luca Nasi,
a cura di Manuela Rossi e infine il
4 marzo a Il Palazzo dei Pio. Sette
secoli di architettura e arte a cura
di Tania Previdi.
Info: tel. 059 649955
carpi
Prosegue fino al 3 marzo I libri per ragazzi che hanno fatto l’Italia la mostra
bibliografica e documentaria allestita
presso la Biblioteca Il falco magico di
Palazzo dei Pio (Piazza Martiri, 59).
Curata dall’Associazione Hamelin di Bologna, la mostra propone un excursus
tra libri, fumetti, illustrazioni che hanno
contribuito a creare l’immaginario italiano, un modo per rileggere la nostra storia attraverso una lente nuova, il ritratto
di una nazione a partire da Pinocchio,
Cuore, Salgari, Gian Burrasca, Il Corriere dei Piccoli, fino ai grandi autori e
protagonisti di oggi. Tra le tante attività
>incontri
Di Micol Lombardi
A febbraio la Tenda gioca la carta “dell’altro”
La Tenda (V.le Monte Kosica 95/s),
la struttura gestita dall’Assessorato
alle Politiche giovanili del Comune di
Modena, volta la carta dell’Altro per
parlare dell’uomo.
Si parte il 3 febbraio con Il pasto, reading
di e con Giovanni Gigliano. Libri anche il
I primi 150 anni di storia
dell’Archivio di Stato
Compie 150 l’Archivio di Stato di Modena, il primo Archivio istituito dopo
l’Unità d’Italia e uno dei più importanti
e più ricchi d’Europa. Il programma
delle celebrazioni è molto ricco e fornisce l’occasione per aprire le sale e
fare conoscere ai cittadini uno dei patrimoni archivistici più incredibili e più
preziosi della città. In calendario mercoledì 29 febbraio,nella Sala d’Ercole,
dalle ore 16 alle 17 l’incontro: Alla
ricerca della bolla perduta. Le tre bolle
auree conservate in Archivio di Stato
di Modena, una rara documentazione
a cura di Angelo Spaggiari. Gli incontri
proseguiranno nei prossimi mesi.
Info: www.asmo.beniculturali.it
17 con Luciana Castellina che presenterà
La scoperta del mondo. Sarà protagonista,
il 10 febbraio il giornalista Giovanni Tizian
che con le sue belle inchieste è purtroppo
entrato nel mirino della mafia. Il giovedì è
dedicato al cinema: il 2 sarà proiettato Io
sono Lì di Segre, il 9 Il sogno della liberazione di Paderno, fino ad arrivare al 23
con Genuino clandestino di Angrisano a cui
segue l’incontro con gli autori.
Domenica 12 febbraio riprenderà la programmazione teatrale con lo spettacolo
Un posto, pièce di teatro civile di Anselmi e
Bruschi. Anche il 19 febbraio sarà di turno
il teatro con Così vicini, così lontani, long
form di improvvisazione teatrale a cura
di Jam Theatre. La Tenda sarà inoltre la
scena, il 16 di un aperitivo con delitto a
cura di Libera Terra ed Albachiara.
Ricordiamo che anche a febbraio la
musica live sarà tanta e per tutti i gusti:
appuntamento fisso il sabato e che lo
spazio espositivo ospiterà la mostra
fotografica di Marica Rossi dal titolo
Allora sia buon viaggio... un precorso
tra città e e natura.
Anche a febbraio La Tenda continuerà
ad essere aperta, dalle 13 alle 15 per
Aspettando la corriera.
Info: www.latendamodena.it
Il grande antiquariato di Unica
Dal 18 al 26 febbraio ecco tornare l’immancabile appuntamento
D
al 18 al 26 febbraio si rinnova l’appuntamento
con Unica Fine Art Expo, la manifestazione internazionale di alto antiquariato che inaugura la sua XXVI
edizione a ModenaFiere. La kermesse modenese si
è affermata come una delle mostre mercato più apprezzate d’Europa grazie alle rarità dei suoi tre saloni.
Modenantiquaria, il cuore della fiera con i suoi 7.000
metri quadrati di esposizione e oltre 100 gallerie presenti che propongono mobili dal ‘500 allo stile Decò,
dipinti, ceramiche e maioliche, oggetti d’arte, gioielli e
orologi, tappeti, antiquariato orientale, precolombiano
e africano. E poi Excelsior, la rassegna di pittura esclusivamente focalizzata sulla produzione italiana dell’800 e Petra, XIX Salone di Antiquariato per parchi e giardini unica
rassegna di questo genere in Europa. Unica-Modenantiquaria segue i seguenti orari:
dal lunedì al venerdì dalle 15.00 alle 20.00, il sabato e la domenica dalle 10.30 alle
20.00. Biglietto intero: euro 15.00. Biglietto ridotto: euro 12.
Info: tel. 0522 631042
Il fatto a mano ad Artigiana Italia
Il 2 marzo inaugura la mostra DesignER con i progetti vincenti
Dal 2 al 4 marzo Modena Fiere celebra il “fatto a mano”
con la 5a edizione del Salone della Qualità Artigiana Italiana. In contemporanea, per il terzo anno consecutivo si
svolge Ingiardino, il salone dedicato all’allestimento di giardini e terrazzi, ai materiali e ai prodotti per la realizzazione
di spazi verdi d’autore. Inoltre, venerdì 2 marzo, alle ore
15 all’interno della fiera inaugura la seconda edizione di
designER - giovani designer in Emilia Romagna, evento
collaterale di Artigiana Italiana nell’ambito della nuova area
espositiva ArtigianaDesign. La mostra, frutto del concorso
omonimo, e promossa tra gli altri dall’Ufficio Giovani d’Arte
del Comune vede, per il Fashion Design: C. Cappabianca,
A. Fatigati, E. Nakamura, F. Pasquali e A. Pozzetti; per
l’Home Design: G. Ancarani, D. Villa, P. Baraldi, E. Baria,
G. Garotti, N. Wilms, A. Zambelli, E. Manara, M. Menegatti, L. D’Amico, C. Linda
Mondelli, M. Montecchi e A. Ragusa. Orario: venerdì 15-23, sabato10-23, domenica
Info: tel. 059 848380, www.artigianaitaliana.it
10-20.
[28] - il mese febbraio \2012
Care figlie vi raccontiamo
così le nostre conquiste
Venerdì 10 febbraio alle ore 18 presso il Foyer del Teatro delle Passioni,
l’on. Vittoria Franco dialogherà con le
giovani donne e le studentesse delle
scuole superiori a partire dal suo libro
Care ragazze. L’incontro, che vuole
favorire un momento di dialogo e di
confronto tra generazioni diverse,
è moderato da Vittorina Maestroni
presidente del Centro documentazione donna che organizza e cura
l’iniziativa, è il primo di tre appuntamenti del progetto “Le domande e le
conquiste. Quando le conquiste delle
madri incontrano i desideri delle figlie”
promosso dal Cdd con Artisti Drama
e il sostegno della FCRMO.
Info: tel. 059 45 10 36
Al Planetario è Young doctors for science
Prosegue presso l’aula magna del Civico Planetario “F.
Martino” (via Jacopo Barozzi 31) Young Doctors for
Science un ciclo di conferenze gratuite (h. 21) dedicate
alla scienza, che si pone come obiettivo la promozione e
la diffusione della cultura scientifica, con concetti semplici
per renderli fruibili al grande pubblico. In programma: 1
febbraio Ottenere informazioni sui corpi celesti: gli spettri
in astrofisica Dott.ssa Laura Morselli; 8/2 È matematico, Dott.ssa Nicoletta Incerti, Dott.ssa Annalisa Pagliani;
15/2 Controllo e riduzione del rischio vulcanico, Dott.
ssa Barbara Arvani; 22/2 Il telescopio spaziale Hubble,
Dott. Nicholas Zanasi; 29/2 Il costo di non far nulla,
Omar Timothy Khachouf e il 7/3 Onde, particelle, quasi
particelle con Dott. Francesco Grandi.
Info: tel. 334 6951635
I corsi di Botanicamente
per amanti di orti e fiori
“E un giardino è un insegnante eccelso. Insegna la pazienza e l’attenzione;
insegna l’operosità e la frugalità;
insegna soprattutto la fiducia totale”.
Nasce a Modena BotanicaMente,
un’associazione dedicata alla cultura
botanica ed ecologica. In preparazione della primavera, BotanicaMente
propone un Corso di Giardinaggio
indirizzato sia ad appassionati giardinieri che ai neofiti. Il 25 febbraio si
tiene la prima, delle sette lezioni , a
cui seguiranno i corsi di composizione floreale (dal 7 marzo) e il corso
sull’orto-giardino (dal 22 marzo).
Info: [email protected], FB:
Botanicamente tel. 333 4023283
Al Foro Boario torna Buk
con libri, reading e incontri
La quinta edizione di Buk - Festival
della piccola e media editoria si tiene
il 4 e il 5 febbraio al Foro Boario. la
mostra, ad ingresso libero, propone
le opere di oltre 100 editori ed incontri con personaggi interessanti come
il generale Luciano Garofano, Stefano
Feltri, Bartolomeo Sciannimanica, Antonella Lo Coco, Claudia Cucchiarato,
Laura Efrikian, Maddalena Rostagno,
Daniela Francese, Sergio Pierattini.
In programma convegni, reading e
laboratori.
Info: www.bukmodena.it
Quei diari di viaggio a Fusorari
Due incontri aperitivo e poi una mostra e un’installazione poetica
A
Fusorari Cibi&Viaggi (piazzale Torti 5, ingresso
libero) sono in programma a febbraio gli incontriaperitivo con i protagonisti di due grandi viaggi, due
esperienze di vita diverse raccontate in due diari.
Domenica 5, alle ore 19, Punk Road in Cina di Lucio
Cascavilla (Robin Edizioni 2012), dove il leader della
punk band Smegma Riot racconta il diario di bordo
della rocambolesca avventura vissuta nel Paese di
Mezzo. Domenica 26, sempre alle 19 sarà la volta
di Dalla nebbia alle Nuvole. In bici verso il Tibet con
Bernardo Moranduzzo (Digitech, 2011). Le immagini
e il diario dell’avventura di Bernardo e Marcella: 14
mila chilometri, un anno in sella. Dall’Appennino all’Himalaya, attraverso l’Asia centrale,
tra tempeste di neve, paesaggi magnifici e popolazioni affascinanti.
Fino al 29 febbraio tutti i giorni (tranne il lunedì) dalle 18 alle 24, Giappone in
Bianco&Nero personale fotografica di Luca Setti dedicata al regista Akira Kurosawa e
A4 un’installazione. con poesia di Riccardo “Quinthon” Bizzarri.
Uomini e computer: un’alleanza
Un ricco programma
per gli Amici del libro
Uomini e computer: la nuova alleanza. Questo è il titolo della
rassegna organizzata dalle Biblioteche del Comune di Modena, da UniMoRe, dall’Itis Corni e Fcrmo, presso l’Auditorium
Marco Biagi (Largo Marco Biagi 10) per avvicinare studenti
e cittadini al mondo della ricerca. In meno di cinquant’anni
il computer ha modificato infatti radicalmente dimensioni
e potenzialità, diventando lo strumento indispensabile per
partecipare alla cultura globale creata dalle reti informatiche. Ma cosa c’è dietro questa mutazione straordinaria?
Lo sapremo seguendo le conferenze in programma, serali,
aperte a tutti: Sicurezza informatica e protezione delle persone con Michele Colajanni, martedì 7 febbraio; Benvenuto
amico robot: modelli di intelligenze artificiali bioispirate
(Dario Floreano, lunedì 5 marzo). Il primo appuntamento è
condotto da un docente dell’Università di Modena e Reggio Emilia, mentre il secondo
è affidato al direttore del Laboratorio di sistemi intelligenti del Politecnico di Losanna
e pioniere della robotica.
All’Associazione Amici del libro (via
S. G. Bosco 153), per tutto il mese
mostra di Max Padovani e Daniele
Ferrari. Sabato 4 alle 17 Massimo
Bonfatti e Claudio Nizzi presentano
la riedizione di “Leo Pulp”. Sabato 11
alle 17 Sara Prati e Giorgio Rinaldi
presentano “L’Almanacco delle feste
tradizionali”, usanze popolari, riti e
ricette. Sabato 18 alle 17 Giancarlo
Montanari presenta “Risorgimento e
Contro Risorgimento” mentre il 25
alle 17 l’audiovisivo Lassù nell’alto
Appennino di Luciano Prandini. Corso di scrittura Giapponese il 2-9-16
(ore 18-19,30). Corso “I diritti del
consumatore-cittadino” 1-8-15 ( ore
14.45- 16.15).
Biblioteche e mondo della scuola riflettono sulle nuove tecnologie
Info: tel. 059 2032940
Info: tel. 059 217530
incontri
Info: tel 059 4270436 - www.fusorari.it
>incontri
Di Micol Lombardi
Circoscrizione 3 tra psicologia e pedagogia
Tra le iniziative della Circoscrizione 3: Salviamo Gianburrasca. Bambini agitati in famiglia e distratti a scuola: psicofarmaci o approccio pedagogico? l’incontro di martedì
7 alle ore 21, nella sala riunioni di via Padova 149, con
Luca Poma giornalista e Paolo Roberti di Sarsina medico
psichiatra. Si intitola Ridurre lo stress il ciclo di conferenze
dell’Associazione cognitivismo clinico (Via Giardini 472
scala L ore 20.30): 14/2 Stress e vita di coppia con
le dottoresse Chiappelli e Boldrini; 20/2 Il rapporto tra
stress e cibo con le dottoresse Nigro e Sgambati e il dott.
de Rosa; il 21/2 L’approccio cognitivo al dolore fisico,
con le dottoresse Fantinati e Brugnoni; il 27/2 Come
gestire la genitorialità sotto stress con le dottoresse
Vandelli e Ricchi e il 28/2 L’insonnia: come prevenirla,
come curarla con le dottoresse Giuri e Gemelli.
Info: tel. 059 359365
Carri allegorici a Zocca
e in altri comuni montani
Torna il carnevale a Zocca, domenica
12 febbraio, grazie all’Associazione
giovanile Zocca c’è. A partire dalle
ore 14, la tradizionale sfilata dei carri scorrerà lungo via Tesi e piazzale
Martiri della Libertà. Il divertimento
continua con giochi per i più piccoli e
stand gastronomici che proporranno
per tutti borlenghi, vin brulè, cioccolata calda e frappè. In caso di maltempo
si va al 26/2. Inoltre, la tradizione
del Carnevale si rinnova anche nelle
frazioni di Missano (sabato 4 febbraio, dalle 14) e Verucchia (domenica
15, dalle 14.30), dove, presso il
santuario, è in programma anche
uno spettacolo teatrale per bambini.
Ingresso gratuito.
Con La Circoscrizione 1
il Medioevo è in musica
La Circoscrizione 1 promuove la
conferenza-concerto MedioEvo in
Musica! con il professor Riccardo Prencipe, dell’ensemble Corde
oblique, in programma sabato 25
febbraio alle ore 21 al Te.Te. Teatro
Tempio (Via Caduti in Guerra 192).
La manifestazione è organizzata
dall’ associazione culturale e di promozione sociale La RoseNoire. Alla
conferenza seguirà l’esecuzione di
brani musicali dal vivo in tema con
l’argomento proposto.
Info: 339 1196575
Foto, filosofia e coriandoli alla 4
Sono tanti gli appuntamenti nel calendario della circoscrizione
S
empre attiva la Circoscrizione 4. Nelle serate del 7,
14, 21 e 28 febbraio alle 21.15 presso la Polisportiva San Faustino (via Wiligelmo 72), proiezioni a cura
del Circolo Fotografico Modenese (info: www.circolofotograficomodenese.it). Proiezioni anche alla sala civica
di via Curie 22 (ore 21.15) con Azimut Club l’1, 8,17,
22, 29 febbraio e il 7 marzo (info: www.azimutclub.eu).
Decimo seminario per Filosofia in quartiere, a cura del
professore Lorenzo Barani, sul ripensare nel corpo la
relazione con il mondo nell’età del biopotere. Le lezioni si
terranno i giovedì (ore 21-23) di febbraio e marzo nella
sala del centro civico via M. Curie, 22/a (tel. 059 2034030). Lungo l’elenco delle feste di
Carnevale: domenica 12 ore 14.30 al Villaggio Giardino; sabato 18 a Baggiovara; domenica 19 h. 14.30 a Cognento, sempre il 19 alle 14.30 alla Polisportiva Virtus (via Nicoli)
e alle 14 anche alla Madonnina. Domenica 26 carnevale a Cittanova e a Villanova.
Info: tel. 059 2034030
Pittura, teatro e teatranti
i corsi del Salotto Magico
A Formigine esplode il Carnevale
Tornano i corsi dell’Università per
adulti Salotto magico. Si intitola Risorgimento ed Unità d’Italia nella pittura
tra Romanticismo e Verismo il ciclo
di incontri gratuiti, curati da Domenico
Pirondini, presso la Sala Riunioni della
Circoscrizione 3 in via Padova 149
nei giorni 6, 13, 20 febbraio alle ore
17. Teatro e teatranti a Modena è
l’altro ciclo curato da Giancarlo Montanari che si terrà i mercoledì 15,
22 e 29 alle ore 17 presso l’istituto
d’arte Venturi-Sala delle Dame via dei
Servi 21. Per informazioni su incontri,
corsi ed iscrizioni: Università Salotto
Magico, Via del Carmine, 15 Modena.
Tel. 3319069870 e-mail: salotto
[email protected]
Da domenica 19 a martedì 21 febbraio torna il Carnevale
dei ragazzi città di Formigine.
Nel centro storico del paese alle ore 11, bivacco degli
Zingari di Formigine e degustazione di piatti tipici, alle
ore 14 Corso mascherato con la Famiglia Pavironica
e il Re e la Regina della Zingaraja. Animano la sfilata il
Corpo di Ballo della Proloco “Oltre il Castello” e Gruppi
Folkloristici. Alle ore 16 in programma lo sproloquio della
famiglia Pavironica. Martedì 21 alle 9 distribuzione della
“Cherseinta” (gnocco fritto), alle ore 12 degustazione dei
maccheroni al ragù, alle ore 14 corso mascherato con il
Re e la Regina della Zingaraja. Animano la sfilata il corpo
di Ballo della Proloco “Oltre il Castello” e i Gruppi Folkloristici. Alle ore 16 sproloquio del Re e la Regina della Zingaraja, alle ore 16.30 degustazione di polenta
e alle 17 cerimonia di premiazione. Domenica 26 a Magreta alle 14, carnevale
parrocchiale per le vie del centro.
[30] - il mese febbraio \2012
Dal 19 al 21 febbraio maschere, sfilate e gruppi folkloristici
Info: tel. 328 1003251
www
.mode
ena
nacoo
perazi
one.it
Inter
nazio
n. 19
10-11
/2011
nale
SOLID
ARIET
À, AL
TRA E
CONO
MIA,
INTER
CULT
URA
1, aut
. N°
080045
del 06/
08/200
8 - DC
B/CN/
PR
Mod
comma
Modena
2004
n.46)
art. 1,
n. 19
OSCI
A
Internazionale
B53310
11
Poste
Italian
e S.p.A.
– Spe
dizion
e in
abbon
ament
MO
ib`Uj ]`DUfa][]U CI
cfc]b
SOLIDARIETÀ,
ALTRA ECONOMIA, INTERCULTURA
b
X]gdY cFY[[]Ub
bgUV]`
YdYf c.
PRO
`Ubcg
GETT
hfUhY
;`]]b
I
ffU
hY
`Uihc fjYbh]XY``Y
giZÂW
U
g
g
c
]YbnU
Y`]ghf W]Un]cb]dY
fZUjc
in]cb
f]fY
Y
Libert
a e de
mocra
zia
Manife
s
CONOSCIAMOCI I po testimoniantazioni, ribellio
poli
o la
ni,
in
chiedo
v
=G]_\Y]`DUfa][]UbcFY[[]Ubc.
no piu olontà di un surrezioni
' atten
zione e cambiamen
ib`Ujcfc]bX]gdYbgUV]`YdYf`UbcghfUhYffU
to
PROGETTI
;`]]bhYfjYbh]XY``YUggcW]Un]cb]dYfZUjcf]fY
`UihcgiZÂW]YbnUY`]ghfin]cbY
1
uguali
diritti
.
per tu
tti
Liberta e democrazia
Manifestazioni, ribellioni, insurrezioni
testimoniano la volontà di un cambiamento.
I popoli chiedono piu' attenzione e uguali diritti per tutti
1
incontri
Modena Cooperazione è distribuito gratuitamente presso: Iat Comune di Modena, Informagiovani, Biblioteca Delfini, Casa delle
Culture di Modena, Centro Stranieri, Info Point Europa, FCRMO,
Provincia di Modena, Cisl, Cgil, Libreria Marco Polo, Libreria Feltrinelli, Bottega Oltremare, Fusi Orari, CVS, GrandEmilia, Centro
Commerciale i Portali, Leclerc Conad, Conad Baggiovara
Oppure richiedilo in abbonamento inviando i tuoi dati a
[email protected]
CON
=G]_\
www.modenacooperazione.it
Y
B5331011
Poste Italiane S.p.A. – Spedizione in abbonamento postale – D.L. 353/2003 - (conv. in L. 27/02/2004 n.46) art. 1, comma 1, aut. N° 080045 del 06/08/2008 - DCB/CN/PR
o posta
le – D.L
. 353/20
03 - (co
nv. in
L. 27/02/
10-11/2011
con il patrocinio
Partners
CIOCCOLATO
VERO
Assessorato alle
Politiche Economiche
A MODENA
10 - 11 - 12 febbraio 2012
Piazza Grande
dalle 9.00 alle 20.00
VENERD I 10 FEB B RAIO
ore 9.00 scuola & cioccolato:
laboratorio didattico con degustazioni
per alunni delle scuole elementari
a cura dei maestri cioccolatieri ACAI
SABATO 11 FEB B RAIO
dalle ore 15.00 interviste & cioccolato:
con ANDREA BARBI
interviste tra gli stand dei cioccolatieri
ore 19.30 - 23.00 Notte nera... fondente
dall’hAppy hOuR in poi cioccolato caldo e jazz con LUCIO BRUNI
& ALESSANDRA FERRARI 6st
D OMENI CA 12 FEB B RAIO
ore 11.00 arte & cioccolato:
premiazione delle migliori praline all’aceto balsamico e praline al nocino
NOVITà! Non solo cioccolato:
a cura dell’Ufficio Grafica del Comune di Modena - Germano Bertoncelli
Libri, oggetti, accessori e tutto ciò che serve
per gustare e creare il cioccolato
In collaborazione con
Per informazioni:
Acai (Associazione Cioccolatieri Artigiani Italiani)
c/o Pasticceria Turchi C.so Umberto 36 Sestola (MO)
[email protected]
0536/62540 - 338/6151359

Documenti analoghi