Laboratori del Polo del - Compagnia di San Paolo

Commenti

Transcript

Laboratori del Polo del - Compagnia di San Paolo
Questi laboratori del Salone, organizzati dalla Compagnia di San Paolo, sono prenotabili dalle classi
a partire dal 7 aprile 2014 ai seguenti numeri:
011 5184268 int. 961 (scuola dell’infanzia e scuola primaria)
011 5184268 int. 956 (scuola econdaria di primo e secondo grado)
Laboratori del Programma Polo del ‘900
presso lo stand della Compagnia di San Paolo a Bookstock Village
SCUOLE ELEMENTARI
Museo Diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà in
collaborazione con l'Istituto Piemontese per la Storia della Resistenza e della Società
Contemporanea Giorgio Agosti
Titolo: La discriminazione raccontata da bambine (4 e 5 elementare)
Durata: 1 ora
Date:
Giovedì 8 maggio
Venerdì 9 maggio
Lunedì 12 maggio
ore 10.30-11.30
ore 10.30-11.30
ore 10.30-11.30
Contenuto: Le leggi razziali negli anni trenta colpirono cittadini italiani e tedeschi di ogni età. La discriminazione
ed il razzismo non sono scomparsi con la fine della Seconda Guerra Mondiale. Le vicende personali di bambine
vissute in quegli anni e divenute improvvisamente “diverse”, possono aiutare le giovani generazioni a
comprendere il valore di concetti come il rispetto, la tolleranza e il significato dei diritti umani.
Il laboratorio prevede la lettura di brani tratti dal diario di Anne Frank e dai diari di scuola di Elena Ottolenghi,
scritti a Torino dopo l'emanazione delle leggi razziali, poiché le discriminazioni hanno colpito anche bambini vicini
ai nostri, per età e provenienza
Centro Studi Piero Gobetti
Titolo: Laboratorio teatrale “Il gallo Sebastiano”
Durata: 45/60 minuti
Data:
Lunedì 12 maggio
(6-10 anni)
ore 11.45-12.45
Contenuto: Dalla fiaba per bambini di Ada Prospero, “Storia del gallo Sebastiano”, ricca di riflessioni e spunti molto
significativi per il percorso di formazione e di crescita dei piccoli, si proporranno, in una chiave molto leggera e
divertente, delle brevi letture di una serie di passi estrapolati dal racconto originale. A queste si accompagneranno
e/o si alterneranno delle attività e dei giochi teatrali, durante i quali il bambino e la bambina avranno modo di
attraversare una serie di esperienze che costituiscono la base dell’arte drammatica: dall’uso del corpo e delle
espressioni del volto come strumenti di comunicazione di sentimenti, emozioni e situazioni, all’attenzione per i
cinque sensi come canali di percezione e di conoscenza della realtà esterna; dalla relazione con lo spazio come
luogo in cui costruire delle azioni, alla fantasia come creazione di realtà altre, eccetera. Queste attività, si ricorda,
avranno sempre come filo conduttore le avventure del gallo Sebastiano. L’ultima parte del laboratorio sarà, infine,
dedicata all’invenzione di una breve fiaba da parte dei bambini e delle bambine che potranno rappresentare,
attraverso la scrittura o il disegno, il frutto della loro immaginazione, diventando anche loro scrittori/ttrici,
pittori/ttrici per un giorno.
SCUOLE MEDIE
ANCR - Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza
Titolo: Il coraggio di dire no
Durata: 1 ora
Data:
Giovedì 8 maggio
11.45-12.45
Più di seicentomila italiani dissero no, dopo l'8 settembre 1943, alla richiesta di continuare a combattere con la
Germania di Hitler e subirono la reclusione nei lager tedeschi, la fame, il lavoro forzato, la morte. E' una storia di
coraggio e determinazione che è stata poco raccontata in passato, nonostante il fatto che abbia toccato tantissime
famiglie. Molti giovani e giovanissimi di oggi hanno, spesso senza saperlo, o sapendone poco, un nonno o un
bisnonno “internato militare” che scelse il lager invece della guerra con i nazifascisti.
Nell'incontro si racconterà l'essenziale di questa pagina eroica e drammatica, si mostreranno foto e immagini di
una prigionia durissima e si metteranno in grado gli studenti partecipanti di diventare 'storici' dei loro nonni e
bisnonni, recuperando gli aspetti individuali di una storia di tanti...
A disposizione delle classi partecipanti saranno messe alcune copie del recentissimo volume Seicentomila NO,
edito da Kaplan e accompagnato da un film documentario realizzato dall'Archivio Nazionale Cinematografico della
Resistenza.
ISMEL – Istituto per la Memoria e la Cultura del Lavoro dell’Imprea e dei diritti sociali, sezione didattica
Titolo: L’infanzia rubata ieri e oggi
Durata: 1 ora
Data:
Venerdì 9 maggio
ore 11.45-12.45
A partire dalle immagini della mostra Infanzia rubata, Lewis Hine: le immagini che turbarono
l’America, dedicata alle fotografie di Lewis Wickes Hine (1874-1940) sul lavoro minorile in America nei primi
decenni del Novecento, si propone una riflessione sullo sfruttamento del lavoro minorile di ieri e di oggi.
Programma: I primi 15 minuti sono dedicati a lavori di gruppo, che prevedono la visione di alcune delle fotografie
della mostra che Hine, lavorando per il National Child Labor Committee, scattò a partire dal 1907 per
documentare il lavoro minorile negli Stati Uniti d’America, sensibilizzando in questo modo l’opinione pubblica del
suo Paese.
Ai ragazzi viene chiesto di riportare sui post-it le loro riflessioni su quali diritti siano stati violati nei confronti dei
bambini ritratti nelle immagini.
Nella mezz’ora successiva, si riflette insieme sui diritti dei bambini sanciti dalla Dichiarazione universale dei diritti
del fanciullo del 1959 in contrasto con la situazione attuale nel mondo, documentata attraverso dati statistici e
alcuni casi particolari.
Gli ultimi 15 minuti sono dedicati alla discussione sulle impressioni dei ragazzi e alla stesura
di un elenco condiviso di parole chiave che descrivano una condizione ideale di rispetto
nei confronti dei minori.