Il gioco d`azzardo patologico è una malattia

Commenti

Transcript

Il gioco d`azzardo patologico è una malattia
Il gioco d’azzardo patologico è una malattia cronica, progressiva, a prevalenza maschile, che ha
una incidenza del 1% al 3,4 % tra di noi adulti . Il Gioco d'azzardo può stimolare il cervello come
molti farmaci o come l'alcool che può condurre alla tossicodipendenza.
Il soggetto che soffre di gioco d'azzardo compulsivo, dilapida i risparmi, accumula debiti,
addirittura ricorre al furto o frode per sostenere la propria dipendenza.
Gioco d'azzardo compulsivo è una grave condizione che può distruggere vite umane .
Un certo numero di recenti risultati hanno suggerito che la corteccia prefrontale del cervello risulta
danneggiata dall’abuso di alcool, cocaina, nicotina ed è causa di alcuni comportamenti presenti
nelle tossicodipendenze con estensione all’insula cerebrale e al corpo calloso e tante altre aree
cerebrali interconnesse (6-7-8-9).
Un recente studio su European Journal of Radiology (2013) (12) riporta in soggetti giovani affetti
da gioco d’azzardo compulsivo al computer alterazioni analoghe ai tossico- dipendenti.
Tale studio suggerisce l’ipotesi che il sistema cosciente che controlla e gestisce processi cognitivi
nella nostra vita quotidiana, identificato nell ‘area dorsolaterale corteccia prefrontale (DLPFC),
corteccia corteccia cingolata anteriore (ACC) e la corteccia orbitofrontale (OFC) delle regioni
prefrontali, condiziona la nostra capacità di eseguire attività quali la pianificazione, la definizione
delle priorità, l'organizzazione, con particolare attenzione ai dettagli da ricordare e controllare le
nostre reazioni emotive. Oggi è opinione comune che l'OFC svolge un ruolo chiave nel controllo
degli impulsi e monitoraggio costante del comportamento e lesioni di questa regione possono
causare disinibizione, impulsività.
Anche la regione insulare è implicata in molte tossicodipendenteze come in questo studio
Alcuni risultati terapeutici per una cura del gioco d’azzardo compulsivo sono oggi oggetto di studio
utilizzando la stimolazione magnetica transcranica a bassa frequenza ripetitiva e profonda
(utilizzando Brainsway H1, bobina) con effetti di notevole miglioramento se viene applicato alla
corteccia prefrontale dorso-laterale di questi pazienti . La Stimolazione magnetica transcranica
(TMS) è un sistema di stimolazione neuronale in grado di inibire l'attività del neurone quando
viene somministrato in bassa frequenza. (13)
Franco D'Armieno
1)Filbey FM, Claus E, Audette AR, et al. Exposure to the taste of alcohol elicits activation of the mesocorticolimbic neurocircuitry.
Neuropsychopharmacology 2008;33:1391–401.
2) Maas LC, Lukas SE, Kaufman MJ, et al. Functional magnetic resonance imaging of human brain activation during cue-induced cocaine craving.
American Journal of Psychiatry 1998;155:124–6.
3) Hester R, Garavan H. Executive dysfunction in cocaine addiction: evidence for discordant frontal, cingulate, and cerebellar activity. Journal of
Neuroscience 2004;24:11017–22. Alvarez JA, Emory E. Executive function and the frontal lobes: a meta-analytic review. Neuropsychology
2006;16:17–42.
4)Rolls ET, Grabenhorst F. The orbitofrontal cortex and beyond: from affect to decision-making. Progress in Neurobiology 2008;86:216–44.
5) Naqvi NH, Bechara A. The hidden island of addiction: the insula. Trends in Neurosciences 2009;32:56–67.
6)Naqvi NH, Rudrauf D, Damasio H, et al. Damage to the insula disrupts addiction to cigarette smoking. Science 2007;26:531–4.
7)Franklin TR, Acton PD, Maldjian JA, et al. Decreased gray matter concentration in the insular, orbitofrontal, cingulate, and temporal cortices of
cocaine patients. Biological Psychiatry 2002;51:134–42.
8) Zhang S, Ide JS, Li CS. Resting-state functional connectivity of the medial superior frontal cortex. Cerebral Cortex 2012;22:99–111.
9) Bora E, Harrison BJ, Fornito A, et al. White matter microstructure in patients with obsessive–compulsive disorder. Journal of Psychiatry &
Neuroscience 2011;36:42–6.
10) Yeh PH, Simpson K, Durazzo TC, et al. Tractbased spatial statistics (TBSS) of diffusion tensor imaging data in alcohol dependence:
abnormalities of the motivational neurocircuitry. Psychiatry Research 2009;173 22–30.
11) Arnone D, Abou-Saleh MT, Barrick TR. Diffusion tensor imaging of the corpus callosum in addiction. Neuropsychobiology 2006;54:107–13.
12) Chuan-Bo Wenga,b, Ruo-Bing Qiana,c,∗, Xian-Ming Fua,c, Bin Linb, Xiao-Peng Hand, Chao-Shi Niua,c, Ye-Han Wanga,c Gray matter and
white matter abnormalities in online game addiction European Journal of Radiology 82 (2013) 1308– 1312
13) Oded Rosenberg, MD, Pinhas Dannon, MD clinical trials gov. Deep Low-Frequency Repetitive Transcranial Magnetic Stimulation for
Cessation of Pathological Gambling. The recruitment status of this study is unknown because the information has not been verified recently.
http://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT01154712?recr=Open&cond=%22Gambling%22&rank=3