L`allattamento al seno - Scuola di Medicina e Scienze della Salute

Commenti

Transcript

L`allattamento al seno - Scuola di Medicina e Scienze della Salute
Clinica Pediatrica
(Direttore: Prof. F. Chiarelli)
Scuola di Specializzazione in Pediatria
L’allattamento al seno
Mohn A
L’allattamento
Il latte materno è l’alimento
migliore per il lattante
L’allattamento al seno deve essere l’alimentazione
di scelta per il bambino nei primi mesi di vita. Il
latte artificiale dovrebbe essere utilizzato solo se
l’allattamento materno non è attuabile
Fisiologia della Lattazione
Il latte è il prodotto specifico della ghiandola mammaria
La lattazione è l’insieme dei processi necessari allo
sviluppo-morfofunzionale della ghiandola, al mantenimento
della secrezione lattea e all’espulsione del latte
Fasi della Lattazione
 Mammogenesi
sviluppo e preparazione gh. mammaria
 Lattogenesi
fenomeni responsabili inizio secrezione
 Lattopoiesi
mantenimento lattazione
 Eiezione lattea
espulsione latte dai dotti galattofori
Caratteristiche del latte umano
Fase del colostro (1°-5° gg)
 Liquido vischioso di colore giallastro per la presenza di
beta-carotene
 Reazione alcalina; PS 1040-1060
 Esame microscopico: globuli di grasso e corpuscoli del
colostro (macrofagi che hanno fagocitato globuli di grasso)
 Rispetto al latte maturo:
contenuto proteico e minerale più alto
contenuto lipidico e glucidico più basso
contenuto di fattori immunitari più alto
(IgA; macrofagi; neutrofili)
Caratteristiche del latte umano
Fase di transizione – latte di transizione
(6°-10° gg)
 Diminuzione graduale quota proteica e minerale, con
aumento carboidrati e lipidi
Fase del latte definitivo (6°-10° gg)
 Reazione alcalina o neutra; PS 1031; Osm 300 mOsm/kg
 Sapore più dolce rispetto alle altre specie
 Sistema colloidale in cui le proteine sono disperse, i lipidi
sono emulsionati, glucidi e minerali sono in soluzione
Latte materno
Composizione diversa da donna a donna, tra poppata e
poppata nella giornata e nella stessa poppata
 Contenuto lipidico più elevato in ore notturne
 Contenuto lipidico è protidico aumenta gradualmente nel corso
della poppata (regolazione appetito)
Latte Pretermine
Contenuto di proteine e grassi maggiore; lattosio<15%
N.B. la dieta della nutrice non influenza la composizione del
latte
Proteine del latte umano
Contenuto proteico medio del latte materno – 0.89 g/dl
Quota proteica disponibile – 0.7 g/dl
Per la presenza di proteine protettive, non assorbite
 Caseina – come complesso salino micellare
 Sieroproteine – proteine del siero che restano dopo
precipitazione della caseina
o Alfalattoalbumina – subunità enzima lattosio-sintetasi
o Lattoferrina – facilita assorbimento intestinale di Fe e
azione antibatterica su E. Coli
o Sieroalbumina – per filtrazione dal sangue
o Lisozima e Immunoglobuline (A, G, M)
Altre caratteristiche del latte umano
Fattori protettivi antinfettivi
Classificazione funzionale
 Fattori direttamente attivi sui patogeno
 Fattori ad azione antinfiammatoria
 Fattori ad attività immunomodulante
Fattori cellulari
Leucociti – (3.8±2.7 x 106 cell/ml) diminuiscono gradualmente nel
proseguo dell’allattamento
neutr. 40-60%; macrofagi 35-55%; linfociti 5-10% (80% cellule T)
Fattori solubili
IgA, IgG, IgM
Oligosaccaridi, lattoferrina, lisozima, EGF, Fattori bifidogeni, enzimi
che degradano mediatori infiammatori
Norme pratiche per allattamento al seno
Inizio
Il più precocemente possibile, appena madre e neonato
possono farlo.
Il neonato dovrebbe essere attaccato già in sala parto o
almeno entro 6-8 h.
Comporta:
 Fattori psicologici (legame madre-neonato)
 Fattori fisiologici (la suzione inizia la lattogenesi)
Prima della montata lattea, si può somministrare sol gluc al
5-10% con contagocce
Evitare somministrazione di latte artificiale
Tecnica dell’allattamento2
Razione alimentare1
Fabbisogno del neonato = 110 kcal/kg/die
110 kcal = 150 ml latte
Calcolo della razione alimentare giornaliera
Peso del bambino (kg) x 150 ml
Nei primi 10 gg di vita (50-90 kcal/kg/die)
[(N giorni – 1) x 10 g] per pasto
Es. Bambino di 3 giorni (20 g latte a pasto)
Problematiche dell’allattamento
Cause Materne
Ipogalattia
Anomalie dei capezzoli
Ragadi del capezzolo
Mastite
Cause del lattante
Labiopalatoschisi
Debolezza suzione
Rinite acute e subacute
Candidiasi del cavo orale
Soppressione della
lattazione
Dentizione precoce
Ricomparsa mestruazioni
Coliche addominali
Pillola anticoncezionale