Pdf completo di eSamizdat 2016 (XI)

Commenti

Transcript

Pdf completo di eSamizdat 2016 (XI)
eSamizdat  (XI)
 dicembre 
eSamizdat, Rivista di culture dei paesi slavi registrata presso la Sezione per la Stampa e l’Informazione del Tribunale civile di Roma. No 286/2003 del 18/06/2003, ISSN 1723-4042
Copyright eSamizdat - Alessandro Catalano e Simone Guagnelli
D IRETTORE RESPONSABILE
Simona Ragusa
C URATORI
Alessandro Catalano e Simone Guagnelli
C OMITATO SCIENTIFICO
Giuseppe Dell’Agata, Paolo Nori, Jiřı́ Pelán, Gian Piero Piretto, Stanislav Savickij
I N COPERTINA:
Fotografia di Manuela Mastrangelo
Indirizzo elettronico della rivista: http://www.esamizdat.it
e-mail: [email protected]
Sede: Via Principe Umberto, 18 – 00185 Roma
Sono autorizzate la stampa e la copia purché riproducano fedelmente e in modo chiaro la fonte citata.
I criteri redazionali sono scaricabili all’indirizzo: www.esamizdat.it/criteri redazionali.htm
www.esamizdat.it
Indice di eSamizdat 2016 (XI)
LA LET
G
I V I AG
URA D
T
A
R
TE
IO
FON
L AVO
S
A
E
IN AR
A
A cura di Cristina Cugnata, Anita Frison, Chiara Rampazzo
“Avanti, avanti senza sosta!”, Nota delle curatrici
-
Nadia Cornettone, “‘I too plan to explore a distant land’. Travel between reality and
imagination in Nabokov’s Podvig”
-
Maria Gatti Racah, “La Palestina del mandato britannico: sguardi incrociati dal mondo
russo”
-
Emilio Mari, “Pietroburghesi in viaggio: cultura popolare ed etnografia urbana”
-
Martina Morabito, “Spostando la Grecia a Est: Uchtomskij e il viaggio dello carevič
Nicola”
-
Alessandro Farsetti, “L’immagine degli italiani nelle memorie di viaggio di intellettuali russi
a cavallo di Ottocento e Novecento”
-
Daniela Cesareo, “Geografia di un’altra Russia: la Kamčatka di S.P. Krašeninnikov”
-
Daniele Artoni, “Dust and Stone: Caucasian Sketches in Lermontov, Mandelstam and
Grossman”
-
Daniele Franzoni, “Laggiù, nel lontano Oriente... I motivi persiani di Sergej Esenin”
-
Zorana Kovačević, “L’immagine della Toscana nell’odeporica serba tra Ottocento e
Novecento: natura, arte e letteratura”
-
Kristina Landa, “Il viaggio per la Cimmeria come dimensione della vita e dell’arte: il mito
di Koktebel’ nei poeti russi del primo Novecento”
-
Ivan Posokhin, “Belarus vs. World: Raman Svechnikau’s Journey around the World”
-
Luizetta Falyushina, “L’incontro con l’America nella letteratura russa: l’immaginario e la
realtà nelle opere di Vasilij Aksenov (1970-1980)”
-
Marta Valeri, “Quando l’altro diventa sé. Zinaida Aleksandrovna Volkonskaja viaggiatrice
d’Europa”
-
Наталья Осис, “Путешествие в современной русской драматургии на примере пьес
Максима Курочкина и Александра Молчанова”
-
Silvia Panicieri, “Brodsky’s Travelling Exile Pays Homage to Venice”
-
Lucia Bonora, “Karel Hynek Mácha pellegrino a Venezia”
-
www.esamizdat.it
AVANTI , AVANTI SENZA SOSTA !
Nota delle curatrici
Come viaggiare, pure scrivere significa smontare, riassestare, ricombinare; si viaggia nella realtà
come in un teatro di prosa, spostando le quinte, aprendo nuovi passaggi, perdendosi in vicoli
ciechi e bloccandosi davanti a false porte disegnate sul muro
C. Magris1
L tema del viaggio, seppure già ampiamente trattato, si presta a sempre nuove esplorazioni2 . Tra le numerose chiavi di lettura che si possono applicare a questa tematica, ci è sembrato interessante focalizzare l’attenzione su un aspetto particolare, ovvero il confronto tra due categorie: l’identità del viaggiatore
e la nuova realtà con la quale egli entra in contatto attraverso l’esperienza del viaggio. A essa è riconducibile una struttura dialettica costituita da partenza (tesi), transito (antitesi), arrivo (sintesi). Diverse
sono le spinte che inducono l’essere umano alla partenza: bisogno di autonomia, necessità di libertà da
un contesto socio-culturale iniziale delimitato, desiderio di espansione mentale o territoriale, fuga. Tutto questo comporta la perdita di legami precostituiti con l’ambiente originario, processo che si accentua
nella fase del transito. Dal confronto con altri modelli culturali scaturisce infatti la messa in discussione
di quegli sche(r)mi che mediano la visione del mondo del singolo individuo. Lo squilibrio percepito durante tale passaggio intermedio viene meno con l’arrivo, quando si cerca di ricostruire quell’unità rotta nel
momento della partenza. Questo terzo stadio rappresenta il tentativo di (ri)identificazione con il nuovo
contesto in cui il soggetto si colloca: secondo le parole di E.J. Leed, il
I
viaggio comprende una partenza, un distacco dal presente, uno spostamento attraverso un periodo di tempo, procedure
di ingresso in un altro tempo e luogo con i quali il viaggiatore raggiunge una certa integrazione o coesione e verso i quali
sviluppa una certa capacità di comprensione. [. . . ] Viaggiare è un tipo di alienazione salutare che forma gli osservatori,
intensifica la coscienza delle persistenze e delle differenze e permette a chi ritorna di rientrare in un presente prima
opprimente per la sua familiarità con lo sguardo di un estraneo3 .
Le fasi del viaggio trovano a nostro parere esemplificazione visiva in un’opera di M. Chagall intitolata Il
viaggiatore. In questo acquerello è raffigurato un uomo che con energico slancio si proietta verso una
nuova meta; la composizione stessa del quadro, che si sviluppa in diagonale, sprigiona la dinamicità intrinseca al viaggio: “l’arte è una maniera di ‘sentire’ il divenire dell’oggetto”4 . Il piede destro dell’uomo
fa perno sul luogo della partenza, mentre, con la gamba sinistra tesa verso l’arrivo, sorvola una cittadina
appena abbozzata, tappa intermedia nel suo cammino. La tensione espressiva qui già presente sarà ulteriormente sviluppata in una nuova versione de Il viaggiatore, realizzata dal pittore nel 1918 e intitolata
Avanti, avanti.
1
C. Magris, L’infinito viaggiare, Milano 2008, p. XV.
Per un inquadramento critico sull’odeporica si vedano: A. Brilli, Dove finiscono le mappe. Storie di esplorazione e di conquista,
Bologna 2012; Idem, Il viaggio in Italia. Storia di una grande tradizione culturale, Bologna 2006; Idem, Mercanti avventurieri.
Storie di viaggi e di commerci, Bologna 2013; G. Cardona, “I viaggi e le scoperte”, Letteratura italiana, diretta da A. Rosa, V, Torino
1986, pp. 687-716; P. Fasano, Letteratura e viaggio, Roma, Bari 1999; Idem, “L’Atlante del Gran Kan. La scena del racconto di
viaggio”, Il viaggio nella letteratura occidentale tra mito e simbolo, a cura di A. Gargano, M. Squillante, Napoli 2005, pp. 165181; E.J. Leed, La mente del viaggiatore, Bologna 1992; Idem, Per mare e per terra, Bologna 1996; Da Ulisse a Ulisse (il viaggio
come mito letterario), a cura di G. Revelli, Pisa, Roma 2001; R. Ricorda, La letteratura di viaggio in Italia. Dal Settecento a oggi,
Brescia 2012; Generi letterari. Ibridismo e contaminazione, a cura di A. Sportelli, Roma 2001; J.-M. Schaeffer, Che cos’è un genere
letterario, Parma 1992; T. Todorov, Noi e gli altri. La riflessione francese sulla diversità umana, Torino 1991; Idem, La conquista
dell’America. Il problema dell’“altro”, Torino 1992; T. Youngs, The Cambridge Introduction to Travel Writing, Cambridge 2013.
3
E.J. Leed, La mente, op. cit., p. 35.
4
V. Šklovskij, “L’arte come procedimento”, I formalisti russi, a cura di T. Todorov, Torino 1968, p. 82.
2

eSamizdat 2016 (XI)
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
Fig. 1. Marc Chagall, Il viaggiatore, 1917, grafite e acquerello su carta, 38,1x48,7 cm, Sam and Ayala Zacks Collection.
Qui le parole Vpered vpered bez ostanovki [Avanti avanti senza sosta] vengono riportate direttamente
nel quadro, rendendo così esplicito quel messaggio che nella fase precedente restava sotteso.
Oltre alla riflessione sulla partenza e l’arrivo come momenti precisi legati all’esperienza vera e propria
del viaggio, il viaggiatore qui raffigurato ci porta a prendere in esame un’altra questione cardine: quella
dello stato fluido dell’identità5 , stato che si intensifica nelle tre fasi sopra ricordate. L’identità è un “processo sempre in atto, mai esauribile”6 , che poggia su un sistema binario composto da due assi paralleli.
Secondo il modello proposto da S. Hall, il primo asse, quello della continuità, esprime il nesso con il passato; il secondo, quello della frattura, mette in luce gli elementi di discontinuità insiti nel vissuto. Nel
viaggio queste due variabili si accentuano particolarmente: l’elemento di continuità è dato dal bagaglio
culturale di partenza del singolo, mentre la rottura è frutto del viaggio stesso e del confronto con l’altro.
Le identità culturali sono dunque l’esito di intersezioni tra strutture storiche, politiche, socio-economiche
e culturali, sono “i punti instabili di identificazione o sutura, costruiti all’interno dei discorsi della storia e
della cultura. Non si tratta qui di essenze, ma di posizionamenti”7 .
È nella scrittura di viaggio, intesa nella sua accezione più ampia, che gli autori posizionano le identità
immaginandole e creandole. In primo luogo, è necessario tenere a mente che nel processo di posizionamento gli autori sono influenzati dalla loro cultura di origine e dal sistema di corrispondenze che devono
instaurare con la cultura di arrivo. Di conseguenza le rappresentazioni della cultura e dell’identità altra
che ne danno sono specchio sia del loro sé di partenza, sia di questo stesso sé calato nel nuovo contesto. In secondo luogo, è opportuno riflettere sulle due accezioni del termine ‘rappresentazione’. Essa
può essere intesa sia come “riproduzione della realtà” sia come “attribuzione di un significato simbolico”,
procedimenti che vengono attuati attraverso il linguaggio (verbale, figurativo e così via). Si può nuovamente prendere a esempio la rappresentazione chagalliana del viaggiatore: da un lato vediamo raffigurato
– rappresentato – un uomo nell’atto di compiere un passo, dall’altro a questo stesso uomo viene simbolicamente attribuito il significato di viaggiatore (l’immagine, cioè, rappresenta un viaggiatore). Si riscontra
lo stesso meccanismo nelle rappresentazioni letterarie in generale e, nel nostro caso specifico, nelle varie
forme di scrittura di viaggio. Qui, infatti, la rappresentazione dell’altro non è mai una mera descrizione
scevra di implicazioni, ma veicola sempre contenuti simbolici codificati dai singoli autori.
5
Qui e altrove si intenda identità culturale.
S. Hall, “Identità culturale e diaspora”, Idem, Il soggetto e la differenza, Roma 2006, p. 243.
7
Ivi, p. 248.
6
C. Cugnata, A. Frison, C. Rampazzo, Avanti, avanti senza sosta! [Nota delle curatrici]
Fig. 2. Marc Chagall, Avanti, avanti, 1918, grafite e acquerello su carta, 23,4x33,7 cm, MNAM.
I saggi contenuti in questo volume ci inducono a una riflessione ulteriore: nel rapporto che sussiste tra
viaggio e letteratura vanno distinti la letteratura di viaggio e il viaggio come tema letterario. L’esperienza
del viaggio comporta la percorrenza di una distanza spaziale e temporale, e la scrittura di viaggio (lettere,
diari, appunti, resoconti ufficiali) nasce dunque dall’esigenza di colmare tale distanza.
Nella raccolta si susseguiranno esempi di autori che hanno intrapreso spostamenti allo scopo di ampliare
la propria Weltanschauung: è il caso, ad esempio, del contributo di Marta Valeri, nel quale viene descritto l’instancabile desiderio della principessa Z. Volkonskaja di viaggiare, ovvero di conoscere. Il viaggio di
esplorazione è invece al centro del contributo di Daniela Cesareo, che ripercorre la spedizione intrapresa
da S. Krašeninnikov attraverso la Siberia fino alla penisola della Kamčatka: in questo caso l’appropriazione territoriale e quella culturale finiscono per coincidere. L’articolo di Martina Morabito offre poi una
variante del Grand Tour tradizionale: non è l’Occidente la meta scelta per il futuro Nicola II e il suo precettore E. Uchtomskij, ma un Oriente che si estende dalla Grecia classica al Giappone. Kristina Landa
tratta il viaggio da una prospettiva diversa: quella del “pellegrinaggio” di diversi scrittori simbolisti che nel
primo Novecento si recarono a Koktebel’, divenuta polo magnetico grazie alla forte personalità di M. Vološin. Maria Gatti invece sposta l’attenzione al periodo interbellico, gettando luce sulla rappresentazione
della Palestina all’epoca del mandato britannico attraverso le testimonianze di autori russi. I contributi
di Alessandro Farsetti e Zorana Kovačević fungono da ponte tra la letteratura di viaggio (quella, cioè,
che scaturisce da una esperienza autenticamente vissuta) e il tema del viaggio in letteratura, offrendoci
un compendio di ampio respiro rispettivamente in ambito russo e serbo tra Ottocento e Novecento. Gli
autori trattati nelle disamine (tra i quali N. Anciferov, I. Grevs, P. Muratov, M. Crnjanski, D. Maksimović,
ð. Dera) rielaborano infatti a posteriori in chudožestvennaja literatura [letteratura artistica] impressioni, ricordi e immagini derivanti dal loro diretto contatto con l’Italia e gli italiani. A questa tipologia
è affine l’articolo di Luizetta Falyushina, dedicato alla rappresentazione degli Stati uniti in alcune opere
di V. Aksenov, che dalla propria esperienza personale ha ricavato degli ibridi letterari a metà tra ricordi e
fiction.
Il tema del viaggio in letteratura è al centro dei contributi di Nadia Cornettone, Silvia Panicieri, Lucia Bonora e Natalia Osis, nei quali esso è peraltro declinato in tre diversi generi letterari (prosa, poesia, drammaturgia). Nadia Cornettone analizza nel dettaglio Podvig di V. Nabokov offrendo tre livelli interpretativi
(esperienziale, narrativo e semiotico) nel viaggio del protagonista M. Edel’vejs. Non tanto l’esperienza
del viaggio in sé, quanto piuttosto l’immagine letteraria di Venezia restituita da I. Brodskij, viene proposta
da Silvia Panicieri. Venezia appare anche nelle opere di K. Mácha trattate da Lucia Bonora, la quale dimostra come dalla descrizione telegrafica della città, caratteristica degli appunti di viaggio del poeta ceco,
si passi in opere successive a una rielaborazione romantica della città lagunare. La problematica della
rappresentazione teatrale del tema del viaggio viene invece affrontata da Natalia Osis attraverso l’analisi
delle pièces teatrali di due autori russi contemporanei (M. Kuročkin e A. Molčanov).


eSamizdat 2016 (XI)
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
D’altro canto, riteniamo che vi sia una costante tematica comune a tutti i contributi raccolti. Il viaggio
Il presente volume raccoglie parte dei contributi presentati al convegno La letteratura di viaggio in
area slavofona (Padova e Venezia, - giugno ), rivolto a dottorandi e post-doc di slavistica. Il
convegno, organizzato nell’ambito delle attività della Scuola di dottorato in Scienze linguistiche, filologiche e letterarie dell’Università di Padova, è stato patrocinato dall’ateneo patavino e dal Dipartimento di
studi linguistici e letterari; dall’Università Ca’ Foscari di Venezia, dal Dipartimento di studi linguistici e
culturali comparati, dal Corso di dottorato in lingue, culture e società moderne e scienze del linguaggio;
dalla Associazione Italiana Slavisti.
Desideriamo ringraziare Alessandro Catalano e Claudia Criveller per il supporto costante, e Simone
Guagnelli per la fiducia incondizionata.
Siamo particolarmente contente di aver avuto la possibilità di pubblicare gli atti di questo convegno
su eSamizdat e di aver in questo modo dato un piccolo contributo al proseguimento del suo progetto,
condividendone in pieno le idee fondanti.
Avanti, avanti senza sosta!
✰❏
www.esamizdat.it
8
Si veda P. Fasano, Letteratura, op. cit., p. 14.
Cristina Cugnata, Anita Frison, Chiara Rampazzo
e il confronto con l’altro determinano una “transizione esistenziale”8 che conduce a una (ri)definizione di
identità. Ciò è particolarmente evidente nell’esempio di Ivan Posokhin, che ripercorrendo i viaggi intrapresi da R. Svechnikau mostra il tentativo di ridefinire un’identità bielorussa resa labile dagli avvenimenti
storici, attraverso il confronto con diversi modelli culturali. Il caso di S. Esenin proposto da Daniele
Franzoni pone invece al centro dell’attenzione la costruzione di un’identità altra, quella di una Persia solo
immaginata dal poeta. Nel suo saggio Daniele Artoni fa della pietra e della polvere elementi metaforici
ricorrenti nella rappresentazione del Caucaso, percepito come una variante esotica del sé russo, in M.
Lermontov, O. Mandel’štam e V. Grossman. Infine, nell’articolo di Emilio Mari il binomio sé-altro viene
circoscritto al contesto urbano (nello specifico pietroburghese): da un lato vi è l’importazione di modelli
altri da parte della città (ad esempio tramite la creazione di parchi o l’organizzazione di fiere e mostre), dall’altro invece si assiste all’esportazione della cultura cittadina verso le periferie grazie al sempre maggior
ampliamento della rete ferroviaria.
“I too plan to explore a distant land”.
Travel between Reality and Imagination in Nabokov’s Podvig
Nadia Cornettone
♦ eSamizdat  (XI), pp. - ♦
Каждая книга, если это большая
книга, это большое путешествие
Viktor Shklovsky1
N 1931 Sovremennye zapiski [Contemporary
annals]2 published Nabokov’s Podvig [Glory], a
short novel about the life of a young man, Martyn Edel’vejs3 , through his Russian childhood to
his emigration and his youth spent far away from
his own country, in Western Europe, from 1918
to 1924. Its working title was Romanticheskiy
vek [Romantic times], its purpose being to stress
the protagonist’s thrill in apparently meaningless
adventures. Having left Russia, Martyn roams
through Europe, gradually developing a compelling
desire to go back to his land. In the meantime,
he travels through Crimea and Greece, studies at
Cambridge University, makes friends with Darvin,
an English fellow student, meets another Russian
family, the Zilanovs, falls in love with their youngest
daughter Sonja, lives between Berlin and Lausanne
in his uncle’s country house, moves to France,
where he works as a peasant, and finally leaves to
go to Russia. Whether Martyn manages to fulfil his wish is a question that remains open at the
I
1
“Every book, if it is a great book, is a great journey”, V. Shklovsky,
Energiya zabluzhdeniya. Kniga o sjuzhete, Moskva 1981, p.
60. Passages from Podvig have been chosen from Nabokov’s 1971
self-translation, V. Nabokov, Glory, London 2012. In any case,
the respective Russian original passages have been quoted in the
notes.
2
Chapters I–IX, Sovremennye zapiski, 1931, 45, pp. 149-185; X–
XXIII, Ibidem, 46, pp. 86-137; XXIV–XXXV, Ibidem, 47, pp. 86134; XXXIV–L, Ibidem, 48, pp. 78-131. In 1932 Podvig was
first published as a book for the same publisher, G. Utgof, “‘Podvig’ Nabokova-Sirina. Kommentariy k kommentariyu”, Letnyaya
shkola po russkoy literature, 2015 (XI), 3, p. 263.
3
Though Nabokov often provides a transliteration, or even a translation, in the English version, it seems fair to use the names of places
and people as they appear in the Russian original.
end of the novel: as Shklovsky said, “great Russian literature knows how not to create any ending”4 . By choosing the title Podvig Nabokov manages to condense the essence of the narrative, alluding to both a brave act and a restless wandering
(stranstvie)5 .
The novel is built upon a series of “back-andforth switches, which produce an illusion of impetus”6 . Travel in Podvig acts on three different
levels:
- experiential (Martyn’s physical movement in
space);
- narrative (pre-existent travel narratives that
inspire both Martyn and the author);
- semiotic (metaphors and symbols developed
around spaces, objects and people, which give the
novel that same epic quality as those narratives it
has been inspired by).
4
“Великая русская литература умеет не создавать концы”, V. Shklovsky, Energija, op. cit., p. 91. The poem Rasstrel [The execution, 1927] and the short story Poseshchenie muzeya [The visit to
the museum, 1938] may be considered as a possible external ending. The recurrent Nabokovian theme of travelling back to Russia has been discussed by Tammi in the paragraph The return to
Russia of his essay about Glory, where he also names the poems Dlya stranstviya nochnogo mne ne nado [For nighttime
peregrination I do not need, 1929] and K Kn. S.M. Kachurinu
[To Prince S.M. Kachurin, 1947] as well as the play Chelovek iz
Sssr [The man from the Ussr, 1925-26], the short story The assistant producer (1943) and the novels Pale fire (1962) and Look at
the harlequins! (1974) as further variations of the same motif, P.
Tammi, “Glory”, The Garland companion to Vladimir Nabokov,
edited by V. Aleksandrov, New York-London 1995, pp. 169-178. I
may add a reference to the English poem The refrigerator awakes
(1942), where the corpse of an alpinist is found in a glacier with an
edelweiss in his hands, V. Nabokov, Poems and problems, New
York 1981, pp. 153-154.
5
The meaning of podvig as movement is particularly evident when
compared with the verbs dvigat’(sya), podvigat’(sya) [move,
advance] and the noun dvizhenie [movement], with which it shares
the same etymological root.
6
V. Nabokov, Glory, op. cit., p. XIII.

eSamizdat 2016 (XI)
Martyn’s journeys through Europe have much in
common with Nabokov’s7 . The fact that many of
Martyn’s travels coincide with some of Nabokov’s
own experiences adds an important layer to the
novel. Like Martyn, Nabokov emigrated from Russia due to the October revolution, studied at Cambridge University and also worked in a French village, just to name a few of the numerous correspondences. At the same time travel also serves
as a general framework to Martyn’s actions and
thoughts. It is, first of all, a source of happiness and
excitement, to the point that it acquires a taste in
the character’s mouth: “‘Travel’, said Martin softly,
and he repeated this word for a long time, until he
had squeezed all meaning out of it”8 . Travel is also a
filter through which Martyn observes the world. For
instance, he considers university subjects in terms
of travel and movement: calculation becomes essential to build a bridge over a precipice, history is
associated with the pleasure of exploration and archaeology, mathematics allows him to read the secrets of the impenetrable sky, literature guides him
through open clearings9 .
Confirming his fascination for long journeys,
trains are described as Martyn’s favourite means of
transport. As a child he is hypnotised by their speed
and describes their movement as a sort of magical
trick: “The lights would hide and reappear, and then
they came twinkling from a completely different direction, and abruptly vanished, as if somebody had
covered them with a black kerchief”10 . Martyn even
7
Nabokov often refuses to admit the presence of any autobiographical element in his literary works, strongly advocating against
Freudianism. In this particular case he writes: “The author trusts
that wise readers will refrain from avidly flipping through his autobiography Speak, Memory in quest of duplicate items or kindred scenery. The fun of Glory is elsewhere”, Ibidem, p. XIII.
As Buks has stated, Podvig is not strictly autobiographical: here
Nabokov chooses to create a protagonist whose life becomes the
projection not of his real self, but of the author, his literaturnaya
lichnost’ [literary personality], N. Buks, “Priobshchenie k tainstvu”, Eshafot v khrustal’nom dvortse. O russkikh romanakh
Vladimira Nabokova, Moskva 1998, p. 60.
8
V. Nabokov, Glory, op. cit., p. 64; “‘Путешествие’, – вполголоса
произнес Мартын и долго повторял это слово, пока из него не
выжал всякий смысл”, Idem, Podvig, op. cit., p. 57.
9
Ibidem, pp. 70-72.
10
Idem, Glory, op. cit., p. 29; “Огни то скрывались, то показывались опять, и потом заиграли совсем в другой стороне, и
вдруг исчезли, словно их кто-то накрыл черным платком”, Idem,
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
ends up perceiving his whole life as a constantly
moving train: “He reflected what a strange, strange
life had fallen to his lot, it seemed as if he had never
left a fast train, had merely wandered from car to
car”11 .
Travel as such is an essential part of the narrative and it remains the most evident motif. Dolinin
even pointed out that without it the novel would
completely loose its coherence12 .
However, travel seeps through the weaving of
the plot and also reaches a deeper level, serving
not only as a real experience of dynamic movement, but also as a stimulus to Martyn’s vivid
imagination. Some of the most significant works
of literature about travel and adventure are explicitly named in the novel, along with writers or famous explorers, such as Tristram, King Arthur’s
knights, Sinbad from the Persian One thousand
and one nights, Robin Hood, Cristoforo Colombo,
David Livingstone, Defoe’s Robinson Crusoe and
Homer’s Odyssey13 . Byron, Pushkin and Lermontov14 often recur as the emblems of Romantic poets
Podvig, op. cit., p. 27.
Idem, Glory, op. cit., p. 206; “Он подумал: какая странная,
странная выдалась жизнь, – ему показалось, что он никогда
не выходил из экспресса, а просто слонялся из одного вагона
в другой”, Idem, Podvig, op. cit., p. 170.
12
Idem, Sobranie sochineniy russkogo perioda: v 5 t., III, edited
by A. Dolinin, G. Utgof, Sankt-Peterburg 2000, p. 716. Travel,
though, has not always been considered a sufficiently strong motif in Podvig. Mikhail Osorgin, for instance, lamented the absence of a fundamental reason to Martyn’s journeys: “There is no
aim to this ‘heroic deed’, no sufficient reason, not even a personal
one” [Цели в этом ‘подвиге’ нет, нет и достаточного мотива, даже личного], M. Osorgin, “Podvig”, Poslednie novosti, 27 oktyabrya 1932, p. 3. For a broader consideration of how critics
responded to Podvig see E.C. Haber, “Nabokov’s Glory and the
fairy tale”, Slavic and Eastern European Journal, 1977 (XXI), 2,
pp. 214-224 (rus. transl. E. Kheyber, “‘Podvig’ Nabokova i volshebnaya skazka”, Staroe literaturnoe obozrenie, 2001 (277), 1,
pp. 57-61, link <http://magazines.russ.ru/slo/2001/1/hei.html>
and V.V. Nabokov: Pro et contra. Materialy i issledovaniya o
tvorchestve V.V. Nabokova: antologiya, II, edited by B. Averin,
Sankt-Peterburg 2001, pp. 716-729).
13
Buks has analysed how both Homer’s Odyssey and Virgil’s
Aeneid might have been a possible source of inspiration for
Nabokov, N. Buks, “Priobshchenie”, op. cit., pp. 57-86.
14
See Ibidem and I. Ronen, “Khrabrost’ i trusost’ v romane
Nabokova ‘Podvig’”, Zvezda, 2010, 4, pp. 212-221, link
<http://magazines.russ.ru/zvezda/2010/4/po21.html> for a
comparison with Pushkin and Lermontov respectively. In particular, Buks argues that Pushkin and Nabokov were the same
age when they finished writing Evgeny Onegin, in 1830, and
11
N. Cornettone, “I too plan to explore a distant land”. Travel between Reality and Imagination in Nabokov’s Podvig
who write about their experience of travel and exile.
The Italian writers Dante Alighieri and Giacomo
Leopardi are also mentioned.
Travel also manifests itself as part of the onomastic component, in which both Russian and Western
folklore and epic narrative are combined. Martyn’s
surname, Edel’vejs, refers to the Germanic roots of
edel [noble] and weiss [white], suggesting the image of the extremely precious flower that grows on
the Alps. The edelweiss has consequently become a
symbol for courage and fearlessness, when brought
back from a peak as the living testimony of a brave
act15 . The meaning has further been crystallised
by Berthold Auerbach in his Edelweiss: A story
[1869], where he writes: “The possession of one is a
proof of unusual daring”16 . By then Ralph Waldo
Emerson had already established the symbolism
behind the edelweiss in his eulogy for Thoreau:
There is a flower known to botanists, one of the same genus with
our summer plant called “Life-Everlasting”, a Gnaphalium like
that, which grows on the most inaccessible cliffs of the Tyrolese mountains [. . . ]. It is called by botanists the Gnaphalium
leontopodium, but by the Swiss EDELWEISS, which signifies
NOBLE PURITY. Thoreau seemed to me living in the hope to
gather this plant, which belonged to him of right17 .
While Martyn’s surname might, thus, have been
inspired by old Germanic traditions, his mother’s
maiden name, Indrikov, recalls the indrik-zver’, a
mythological beast that belongs to the Slavic folklore and is considered to be the ancestor of all existing animals18 . Also Sonja has a telling surname,
Zilanov, which comes from zilan, the word for the
Podvig, exactly 100 years later, in 1930 respectively; both their
protagonists lack any poetic talent; Pushkin was exiled in 1824,
the same year when Onegin comes back to Saint Petersburg and
100 years before Martyn’s expedition to Russia.
15
E. Kheyber, “‘Podvig’”, V.V. Nabokov: Pro et contra, op. cit., pp.
721-722.
16
B. Auerbach, Edelweiss. A story, Boston 1869, p. 77.
17
R.W. Emerson, “Thoreau”, Atlantic Monthly, 1862 (X), 58, p.
249.
18
For a detailed reconstruction of its origins see O. Dmitrenko,
“Put’ indry. Voploshchenie mifa v romane Nabokova ‘Podvig’”,
Russkaya literatura, 2006, 4, pp. 43-61. Nevertheless, as
pointed out by Dmitrenko himself, though choosing names which
are deeply rooted in Russian and Western folklore, Nabokov significantly undermines Martyn’s ability to sustain such a burden:
Martyn’s constant uncertainty about whether he will be able to
reach the top of the mountain, for instance, or his wish to prove
his courage by a brave act make him into a modern hero, one who
is not completely sure about his own abilities, Ibidem, pp. 44-45.

white snake of Russian tales19 . She is in fact closely
associated with death: it is her father who gives
Martyn’s mother the bad news about her husband’s
death; Sonja’s physicality also suggests her darker
side: she has ink black hair, black eyes and white
complexion.
In terms of direct connection with folklore, a correspondence between Podvig and the Russian tale
Volshebnoe kol’tso [The magic ring] has been detected20 : both protagonists are called Martyn and
both their mothers are widows; in the fairy tale
Martyn belongs to the traditional figure of Ivandurak [Ivan the fool], whose naivety and lack of
practical sense can be found in Nabokov’s Martyn
as well; in both cases the female protagonists are
associated with the image of a snake and are both
removed from their native country. Alternatively,
a possible echo might also come from Pushkin’s
mock-medieval poem Ruslan i Lyudmila [1820]21:
in Pushkin’s poem, for instance, Lyudmila is abducted by the sorcerer Chernomor, whose name recalls Nabokov’s character of Chernosvitov, Alla’s
husband – Alla being the married woman Martyn falls in love with on the ship to Greece. After
all Nabokov himself, while teaching in the United
states, always started his first class at Cornell by
claiming that “the truth is that great novels are
great fairy tales”22 .
In doing so Nabokov positions his work inside
the tradition of epic narratives and skazki [tales],
while building his own contemporary one23 . Apart
19
E. Kheyber, “‘Podvig’”, op. cit., p. 726 and M. Shrayer, “The
perfect glory of Nabokov’s exploit”, Russian Studies in Literature, 1999 (35), 4, p. 36 (rus. transl. M. Shraer, “O kontsovke
nabokovskogo ‘Podviga’”, Literaturnoe obozrenie, 1999, 2, pp.
57-62 and Staroe literaturnoe obozrenie, 2001 (277), 1, pp. 5761, link <http://magazines.russ.ru/slo/2001/1/shaer.html>).
20
E. Kheyber, “‘Podvig’”, op. cit., pp. 725-726.
21
C. Nicol, “Why Darwin slid into the ditch: an embedded text in
Glory”, The Nabokovian, 1996, 37, pp. 48-53 and N. Buks,
“Priobshchenie”, op. cit., p. 79.
22
V. Nabokov, Lectures on literature, New York 1980, p. 2.
23
Nabokov develops his plot variations by combining ancient motives, to use Veselovsky’s terms, A. Veselovsky, Istoricheskaya
poetika, Leningrad 1940, p. 494. This is what Shklovsky has
called stranstvuyushchiy syuzhet [traveling plot]: “Motives and
situations travel from plot to plot, but first of all the circumstances
of life travel from one era to the other” [Из сюжета в сюжет переходят мотивы, положения, но прежде всего из времени во время
переходят жизненные обстоятельства], V. Shklovsky, Energiya,

eSamizdat 2016 (XI)
from any direct correspondence, the reader is offered the pleasure of finding significant elements
charged with metaphorical meaning, which give
the novel the dreaming tone of fairy tales and the
allegorical substance of epics.
Places in Podvig become “funktsional’nye polya”
[functional areas], those relevant intersections of
space and narrative conflict where the plot is driven
forward24 . Hanging over Martyn’s bed as a child
there is one of his grandmother’s watercolours, depicting a dense forest with a winding path disappearing into its depths25 . The image of the path remains central and constant throughout the whole
novel. It comes back in Martyn’s favourite children’s book and as a real recurring image in his
life as well26: in Switzerland the road that brings to
uncle Henry’s house bears a striking resemblance
to the path itself. Paths and forests play a pivotal role in folkloric narratives, where they stand for
the hero’s initiation27 . What is more, the Russia
Martyn remembers acquires the characteristics of a
fairy tale land, its snowy blanket covering (and hiding) the way it must have really looked like at the
beginning of the XX century. Landscapes in Podvig are immersed in a magical atmosphere of rarefied and incorporeal essence28 , in a constant and
perpetual becoming29 .
op. cit., p. 29.
See Yu. Lotman, “Problema khudozhestvennogo prostranstva v
proze Gogolya”, Trudy po russkoy i slavyanskoy filologii, XI,
Literaturovedenie, edited by B. Egorov, Yu. Lotman, V. Adams,
Tartu 1968, pp. 7-8.
25
V. Nabokov, Podvig, op. cit., p. 10.
26
For a deeper understanding of how dream and reality coincide in
Martyn’s life see P. Tammi, “Glory”, op. cit., pp. 169-178.
27
In skazki forests are significantly more frequent than in byliny
[Russian epics], where the same function is usually performed by
open fields. S. Nekljudov, “Il sistema spaziale nell’intreccio della
bylina russa”, Ricerche semiotiche. Nuove tendenze delle scienze umane nell’Urss, edited by Ju. Lotman, B. Uspenskij, Torino
1973, p. 115.
28
“The most important trait in magic space remains [. . . ] its emptiness, its spaciousness” [Главным же признаком волшебного пространства остается [. . . ] его незаполненность, просторность],
Yu. Lotman, “Problema”, op. cit., p. 18.
29
“The normal state for the magic space becomes the continuity of its
change: it builds itself, from its movable centre, and something always happens in it” [Нормальным состоянием волшебного пространства становится непрерывность его изменений: оно строится, исходя из подвижного центра, и в нем все время что-то
совершается], Ibidem, p. 20.
24
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
Martyn is thus presented by Nabokov as a “geroy
otkrytogo prostranstva” [hero of the open space],
who unlike the “geroy svoego mesta” [hero of his
place] is neither geographically nor psychologically
static. I would go so far as to saying that Martyn is a true “geroy puti” [hero of the road] since
he moves according to a precise spatial and moral
trajectory that is linear and evolutionary30 , he has
his own destination31 .
Nevertheless, space is not always welcoming and
often seems to act against Martyn, or at least to
resist his presence. Indoor spaces are frequently
described as contorted labyrinths:
The large, ridiculous villa, with its many stairways, passages,
and galleries (so amusingly constructed that sometimes you
simply could not tell on what level you were, or having gone up a
few steep steps you suddenly found yourself not on the expected
mezzanine floor but on the garden terrace), was already shining
through with yellow kerosene light, and the sound of voices and
the clink of crockery came from the main veranda32 .
Or again: “The complex architectural structure
of the ship, all those steps, mazy passages, swinging doors, soon yielded their secrets to him, and it
became difficult to find a still unfamiliar corner”33 .
While living in his uncle’s estate in Lausanne,
Martyn’s long walks often end up on a precipice,
which evokes in him a strong sense of fear and
dizziness34. The emblematic value of the precipice
is underlined by a series of symbols: some flies cover
Martyn’s eyes and mouth like those of a corpse;
with its body a lizard draws an incomplete figure
eight, which recalls the mathematical symbol for
the infinite, only interrupted; a black moth suggests
grief and death35 . Mountains and precipices have a
30
Ibidem, pp. 10-11.
Ibidem, p. 48.
32
V. Nabokov, Glory, op. cit., p. 25; “Большая нелепая дача со
многими лесенками, переходами, галереями, так забавно построенная, что порой никак нельзя было установить, в каком
этаже находишься, ибо, поднявшись по каким-нибудь крутым
ступеням, ты вдруг оказывался не в мезонине, а на террасе сада,
– уже была пронизана желтым керосиновым светом, и с главной
веранды слышались голоса, звон посуды”, Idem, Podvig, op. cit.,
pp. 24-25.
33
Idem, Glory, op. cit., p. 37; “Сложность, архитектурность корабля, все эти ступени, и закоулки, и откидные дверцы, вскоре выдали ему свои тайны, и потом уже было трудно найти закоулок,
еще незнакомый”, Idem, Podvig, op. cit., p. 34.
34
Ibidem, pp. 94-95.
35
Ibidem, pp. 96-97.
31
N. Cornettone, “I too plan to explore a distant land”. Travel between Reality and Imagination in Nabokov’s Podvig
powerful totemic meaning36 . The mountain is usually interpreted as the centre of the world; it is also
the point where the earth gets closer to the sky and
therefore symbolises man overcoming human fears
and limits. While the mountain top indicates the
utmost proximity to the divine, the precipice stands
for a sudden expansion of space towards an abyssal
dimension, it is the annihilation of perspective, the
world beyond what we know37 .
The imposing white hotel Martyn can see from
the precipice, the Majestic38 , is built in classical
style, which might allude to Nabokov’s own Russian estate, Rozhdestveno, or even to a sort of inverted Olympus that stands not on the peak of a
mountain but right at the bottom of a precipice:
there lives Gruzinov, one of the very few people
who have been able to go to Russia and come back
again, a mythological figure, who nevertheless will
not help the young protagonist find his way back to
Russia.
Towards the end of the novel Martyn decides to
go to a remote village in the south of France where
as a child he had been mesmerised by some distant
lights, which he had seen from the train39 . When,
as an adult, he finds himself on that same train and
thinks he has found that faraway glint again, he decides to get off on a whim, only to find out that those
are not the same lights40 . Space has betrayed him:
lights stand for a “distant and unattainable”41 mirage, they indicate the impossibility of going back
36
Dmitrenko is persuaded that Nabokov must have read LévyBruhl’s ethnological works La mentalité primitive [1923] and Le
surnaturel et la nature dans la mentalité primitive [1931]. See
O. Dmitrenko, “Put’”, op. cit., p. 54.
37
Yu. Lotman, “Problema”, op. cit., pp. 38-39. Mountains are much
more frequent in skazki than in byliny, where space has an inferior
stereometric coefficient, S. Nekljudov, “Il sistema”, op. cit., p. 111.
The image of the precipice may also be an allusion to Lermontov’s
Geroy nashego vremeni [A hero of our time, 1840], where a duel
is fought on the edge of a cliff. See I. Ronen, “Chrabrost’”, op. cit.,
link <http://magazines.russ.ru/zvezda/2010/4/po21.html>.
38
V. Nabokov, Podvig, op. cit., pp. 183-184.
39
Ibidem, p. 28.
40
The importance of lights and darkness in Podvig has
been discussed by Yuichi Isahaya, whose essay can be
read in Jeff Edmund’s English translation.
See Y. Isahaya, “Lights and darkness in Nabokov’s Glory”, link
<https://www.libraries.psu.edu/nabokov/isahaya.htm>.
41
Ibidem.

to the place of his memories, one that does not exist
anymore if not in Martyn’s mind.
In Russian traditional epos, byliny and skazki,
space is rarely, if ever, an obstacle to the hero.
Roads are usually straight and wide, fields are large
and broad. Nature is on the protagonist’s side and
provides him with the instruments to satisfy his desires and needs42 . On the contrary, the kinetic energies in Nabokov’s Podvig seem to rebel against
Martyn: spaces are often narrow and contorted,
roads mislead him, lights betray his sight. Lotman’s theories about space in traditional Russian
narrative forms might again prove useful to look
for a possible explanation: Martyn’s character responds to the principle of “maksimal’naya podvizhnost’” [highest mobility], in which movement is not
just a physical matter but also the ability to adapt
one’s own identity to a broader physical context43 .
Since his childhood Martyn does not fully belong
to any place at all. His identity cannot be limited
to a single geographical connotation and therefore
has a liquid, malleable nature. Moreover, Martyn
repeatedly falsifies his origins: in Russia he is of
German birth, in England he says he comes from
Russia, in Berlin he is an Englishman. As a child
he had dreamt on the English books bought by his
mother. Nevertheless, when he finally comes to
Europe, he does not fit into that very same Western world, towards which he has always felt naturally attracted, but of which he is not a natural
part. Sonja makes fun of him every time he uses
a British idiomatic expression, such as “drizzledrozzle”44 , while his classmates at Cambridge feel
obliged to speak Russian in his presence. Though
being rather at ease in this constantly shifting identity, Martyn can feel his displacement and lack of
belonging.
42
D. Lichačev, “Le proprietà dinamiche dell’ambiente nelle opere letterarie (per un’impostazione del problema)”, Ricerche semiotiche,
op. cit., pp. 30-31 and 34.
43
“Максимальная подвижность этого мира проявляется не только в скорости движения, но и в его способности к внутренним
изменениям”, Yu. Lotman, “Problema”, op. cit., p. 37.
44
In the Russian version the verb zabusit’ [drizzle] is used; the English translation partly varies the sense of the original, adding a
sarcastic tone to Sonja’s sentence, V. Nabokov, Glory, op. cit., p.
89; Idem, Podvig, op. cit., p. 77.

eSamizdat 2016 (XI)
Before moving to France, Martyn conjures up the
existence of a faraway land that goes by the name
of Zoorlandiya45 . Under the appearance of an innocent game, born out of the necessity that Martyn
feels to create a secret code of communication with
Sonja, Zoorlandiya ends up evolving into something more. In her description Zoorlandiya seems
to allude to Soviet Russia:
“Winters are cold there, and monster icicles hang from the
eaves, a whole system of them, like organ pipes. Then they
melt and everything gets very watery, and there are sootlike
specks on the thawing snow. Oh, I can tell you everything about
it. For instance, they’ve just passed a law that all inhabitants
must shave their heads, so that now the most important, most
influential people are the barbers”. “Equality of heads,” said
Martin46.
Or again:
The region was rocky and windy, and the wind was recognized
as a positive force since by championing equality in not tolerating towers and tall trees, it only subserved the public aspirations of atmospheric strata that kept diligent watch over
the uniformity of the temperature. And, naturally, pure arts,
pure science were outlawed, lest the honest dunces be hurt to
see the scholar’s brooding brow and offensively thick books.
Shaven-headed, wearing brown cassocks, the happy Zoorlanders warmed themselves by bonfires as the strings of burning
violins snapped with loud reports, and discussed plans to level
the land by blowing up mountains that stuck up too presumptuously. Sometimes during the general conversation – at table,
for instance – Sonia would suddenly turn to him and quickly
whisper, “Have you heard, there’s a new law forbidding caterpillars to pupate”, or “I forgot to tell you, Savior-and-Mauler”
(the sobriquet of one of the chieftains) “has ordered physicians
to stop casting around and to treat all illnesses in exactly the
same way”47 .
45
A reference to Zoorlandiya can be found in Nabokov’s poem Ul’daborg [Uldaborg, 1930]. He also sets other short stories and novels in dystopic lands, such as in the case of Priglashenie na kazn’
[Invitation to a beheading, 1936], Istreblenie tiranov [Tyrants destroyed, 1936], Ultima Thule [1939], Solus rex [1939], Bend sinister [1947], in which the principle of “ekwilism”, a political doctrine that promotes conformism, deprives people of their freedom
(“a remolding of human individuals in conformity with a wellbalanced pattern”, Idem, Novels and memoirs 1941-1951, New
York 1996, p. 228).
46
Idem, Glory, op. cit., pp. 193-194; “‘Там холодные зимы и сосулищи с крыш, – целая система, как, что ли, органные трубы, –
а потом все тает, и все очень водянисто, и на снегу – точки вроде копоти, вообще, знаешь, я все могу тебе рассказать, вот, например, вышел там закон, что всем жителям надо брить головы,
и потому теперь самые важные, самые такие влиятельные люди – парикмахеры’. ‘Равенство голов’, – сказал Мартын”, Idem,
Podvig, op. cit., pp. 160-161.
47
Idem, Glory, op. cit., pp. 194-195; “Страна была скалистая, ветреная, и ветер признан был благою силой, ибо, ратуя за равенство, не терпел башен и высоких деревьев, а сам был только вы-
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
Coherently with structuralist studies on geographical representations in Russian medieval
texts, Zoorlandiya is represented as the elsewhere,
the barbaric country under the domain of inhuman
beings and enemies48 . It also has its own peculiar
climate, flora and fauna. The rigid temperatures and
the scarceness of its species recall the traditional
Russian medieval representation of Hell49 .
The name “Zoorlandiya” has been interpreted in
many different ways. It may result from the combination of the Russian preposition za- [beyond],
the words orle [edge, in both English or French,
from the Latin orula] and land, meaning a foreign land50 . It might phonetically recall the Russian word for eagle, orel51, and therefore stand for
разителем социальных стремлений воздушных слоев, прилежно
следящих, чтобы вот тут не было жарче, чем вот там. И конечно искусства и науки объявлены были вне закона, ибо слишком
обидно и раздражительно для честных невежд видеть задумчивость грамотея и его слишком толстые книги. Бритоголовые, в
бурых рясах, зоорландцы грелись у костров, в которых звучно лопались струны сжигаемых скрипок, а иные поговаривали
о том, что пора пригладить гористую страну, взорвать горы, чтобы они не торчали так высокомерно. Иногда среди общей беседы, за столом, например, – Соня вдруг поворачивалась к нему
и быстро шептала: ‘Ты слышал, вышел закон, запретили гусеницам окукляться’, – или: ‘Я забыла тебе сказать, что Саваннарыло – (кличка одного из вождей) – приказал врачам лечить все
болезни одним способом, а не разбрасываться’”, Idem, Podvig,
op. cit., pp. 161-162. In the Russian original the name Savannarylo creates an evocative assonance with the name of Savonarola,
the Italian friar whose sermons made him a popular figure. On the
other hand, the English translation “Saviour-and-Mauler”, while
preserving the assonance, might also allude to the man’s strong
personality.
48
S. Nekljudov, “Il sistema”, op. cit., p. 110.
49
“The Russian medieval utopia presupposes the existence of a peculiar geography, a peculiar climate, a different fauna and flora.
[. . . ] In paradise climate is particularly appropriate, suitable to human life on earth, on the contrary hell stands as the opposite. In
paradise the soil is fertile, everything grows spontaneously and in
abundance, in hell climate is not compatible with life, there are ice
and flames” [Средневековая русская утопия подразумевает существование особои˘ географии, особого климата, другого животного и растительного мира. [. . . ] Рай – это место с особенно благодатным, приспособленным для жизни человека в земном смысле климатом, а ад составляет ему в этом смысле противоположность. В раю благодатная почва, все растет само и в
изобилии, в аду климат, невозможный для жизни – лед и огонь],
Yu. Lotman, “O ponyatii geograficheskogo prostranstva v russkikh srednevekovykh tekstakh”, Trudy po znakovym sistemam, II,
edited by Yu. Lotman, Ch. Ryatsep, I. Kull’ et al., Tartu 1965, p.
213.
50
As contained in the notes curated by A. Dolinin and G. Utgof, V.
Nabokov, Sobranie, op. cit., pp. 736-737.
51
O. Dmitrenko, “Put’”, op. cit., pp. 59-60.
N. Cornettone, “I too plan to explore a distant land”. Travel between Reality and Imagination in Nabokov’s Podvig
strength and immortality, as well as moral virtue,
when opposed to the image of a snake. We should
also mention that the symbol of imperial Russia
was a two-headed eagle. Furthermore, the toponym “Zoorlandiya” might refer to Shklovsky’s
novel Zoo, ili pis’ma ne o lyubvi [Zoo, letters
not about love, 1923]. There, despite the prohibition already contained in the title itself, love becomes the main subject. Similarly, in Podvig Zoorlandiya grows out of Martyn’s need to find a common ground for communication with Sonja, who
does not reciprocate his feelings and prevents him
from talking openly about love. Moreover, at the
end of Shklovsky’s novel, the protagonist asks permission to return to Soviet Russia on legal terms,
like the author did himself in 1923. Therefore, Martyn’s wish may be read as a criticism against such
conduct, advocating against any compromise with
the Soviet regime52 . A Russian native speaker,
however, might read the word “Zoorlandiya”, both
the “o” vowels being unstressed, as a combination
of za- and Orlandiya, where the name Orlando is
evoked53 . If we take into account the epic subtext
of Podvig, we might easily detect a connection to
Orlando, who is in fact Charlemagne’s nephew and
the protagonist of a series of chansons de geste
and epic poems, mainly Ariosto’s Orlando furioso.
I would suggest that the name “Zoorlandiya”
stands for two different things at the same time. On
the one hand, if we assume that Orlandiya is Orlando’s land, the idyllic realization of chivalric values, Za-Orlandiya is the place beyond Orlando’s
world of knights errant and heroic deeds, like Lewis
Carroll’s zazerkal’e54, the world beyond the looking glass. It is the world of inverted values and fallen
virtues. If Russia is thus Martyn’s homeland as he
remembers it, that is to say before the October revolution, Zoorlandiya is Soviet Russia. On the other
hand, since it gradually overlaps with contemporary
Russia, Zoorlandiya becomes the country where

Martyn intends to perform his heroic deed: Soviet
Russia is a place of which he wants to deny the existence by entering it without a visa, by proving that
its law has no power over him and that he can still
go back to the place he remembers.
This brings us back to Martyn’s podvig. Although, as Nabokov declares in the foreword to the
English version, the content of the novel has been
meticulously translated55 , the novel itself bears a
different title: Glory was preferred to other more literal options such as “exploit” and “fulfillment” or
the rather pompous “high deed” and “gallant feat”.
Nevertheless, by choosing the title Glory Nabokov
still manages to retain the diachronic implications
of its narrative. Martyn’s heroic deed and his wish
to attain his own glorification have ancient roots
and go back to that very same world of epos and
folklore where Orlando, knights errant, heroes and
bogatyri [Russian epic heroes] live. This is the
reason why Martyn is so far removed from those
around him. Nobody can come to terms with the
disinterested nature of his quest: in a world where
travel has become a way to conquer, trade and exploit, Martyn’s lack of interest in profit has no value
and contradicts any contemporary logic. His quest
is a manifestation of the symbolic ritualization and
de-materialisation that is typical of medieval society56 . Moreover, among medieval values, glory has
the most semiotic meaning: unlike honour, which
mainly consists in material rewards, glory presupposes the absence of any physical manifestation57 .
55
Isahaya has detected a certain lack of correspondence between
the Russian words svet and ogon’ and their English translation
as “light” and “flames”. See Y. Isahaya, “Lights”, op. cit., link
<https://www.libraries.psu.edu/nabokov/isahaya.htm>.
56
“Medieval society was highly symbolic: the distinction between
the real essence of phenomena and their symbolic nature was at
the core of its world view” [Средневековое общество было обществом высокой знаковости – отделение реальной сущности явлений от их знаковой сущности лежало в основе его миросозерцания], Yu. Lotman, “Ob oppozitsii ‘chest’’ – ‘slava’ v svetskikh
tekstakh kievskogo perioda”, Trudy po znakovym sistemam, III,
edited by Yu. Lotman, L. Val’t, Vjach. Ivanov et al., Tartu 1967, p.
102.
52
M. Shrayer, “The perfect glory”, op. cit., pp. 33-34.
57
“The notion of ‘slava’ [glory] is a lot more semiotic. ‘Chest’’ [hon53
Ibidem, pp. 35-36.
our] implies a material reward (or gift), a concrete sign of a certain
54
In 1922 Nabokov had translated Carroll’s Alice in Wonderland in
relationship. ‘Slava’ presupposes the lack of any material sign.
Russian for Gamajun, one of many Russian publishers in Berlin.
It is immaterial and because of that, according to the ideals of feuSee B. Boyd, Vladimir Nabokov. The Russian Years, London
dal society, more precious, being it the attribute of those who do not
1990, p. 197.
need any material reward since they already have a higher status.

eSamizdat 2016 (XI)
Like Igor’ Svyatoslavich in Slovo o polku Igoreve
[The song of Igor’s campaign]58 , Martyn’s heroic
deed is utterly unrealistic: the fact that the plan
has been conceived without taking into account its
practical feasibility is in itself the first step towards
glory59 .
Podvig is ultimately intended to celebrate the
glory of adventure and disinterested achievement.
Martyn’s journey thus becomes a contemporary
epic in which travel imposes itself as the only way
for the protagonist to reaffirm his own identity by
proving his value through a brave act.
In 1932 Vladislav Khodasevich published an essay, also titled Podvig, where he lamented Russian intelligenty’s poor conditions in Europe. He
wrote:
www.esamizdat.it
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
Если лишенные не только приятного, но и самого необходимого, молодые писатели наши все еще трудятся, все еще ведут неприметную, но упорную борьбу за свое литературное
существование, то иначе, как подвигом, я этого назвать не
могу60 .
Martyn’s quest ignores any contemporary logic
and tells the drama of geographical and psychological displacement. Whether he will be able to
go back to Russia and survive is not the point.
If living in a world where nobody understands his
desires, where space rejects him and time proves
his anachronism, Martyn persists all the more and
all the more he overcomes boundaries, breaking
through spatial and temporal borders, then I do not
know how else to call it but podvig.
Nadia Cornettone, ““I too plan to explore a distant land”. Travel between Reality and Imagination in Nabokov’s Podvig”, eSamizdat,  (XI), pp. -
This is the reason why ‘slava’ can be bestowed by descendants,
distant peoples and bought at the price of death, while ‘chest’’
can be granted only by contemporaries” [Понятие ‘славы’ взначительно большей мере семиотично. ‘Честь’ подразумевает материальную награду (или подарок), являющуюся знаком определенных отношений. ‘Слава’ подразумевает отсутствие материального знака. Она невещественна и поэтому – в идеях
феодального общества – более ценна, являясь аттрибутом того,
кто уже не нуждается в материальных знаках, так как стоит на
высшей ступени. В частности, поэтому славу можно принять от
потомков, далеких народов, купить ценой смерти, честь – лишь
от современников], Ibidem, p. 105.
58
Nabokov was particularly interested in the anonymous epic poem,
which he translated into English in 1960.
59
“The more the aim was unattainable, unrealistic in a practical
sense, the more it was removed from its factual results, by being semiotic, the more glorious the attempt at its accomplishment
would be. Its unattainability, its chimeric quality and, from a practical point of view, its unfeasibility increased the glory of the undertaking. [...] The fact itself that the plan has been conceived without
taking into account its feasibility makes it attractive to the knight’s
eyes” [Чем более несбыточна, нереальна с точки зрения здравого практического смысла, чем более отделена от фактических
результатов – семиотична – была цель, тем выше была слава
попытки ее реализации. Несбыточность, химеричность, практически – нереализуемость, увеличивала славу предприятия. [. . . ]
Именно то, что план составлен без оглядки на практические возможности, составляет для рыцаря его привлекательность], Yu.
Lotman, “Ob oppozitsii”, op. cit., pp. 107-108 and 109.
60
“If deprived not only of pleasure, but also of the essential, our young
writers work all the more and all the more they conduct an imperceptible but persistent fight for literature to still be their means of
subsistence, then I do not know how else to call it but podvig”,
V. Khodasevich, “Podvig”, Vozrozhdenie, 5 maya 1932, p. 3, link
<http://az.lib.ru/h/hodasewich_w_f/text_1060.shtml>.
La Palestina del mandato britannico:
sguardi incrociati dal mondo russo
Maria Gatti Racah
♦ eSamizdat  (XI), pp. - ♦
L concetto di identità negli ultimi decenni è stato definitivamente sottratto a ogni tentazione essenzialista, per essere osservato quale costruzione
perennemente in fieri, flusso di immagini in divenire, gioco di specchi tra il “sé” e l’“altro” da sé. In
questa prospettiva, il viaggio non è solo un’esplorazione dell’“altro”, ma anche un “rischio calcolato al
quale ci si espone nell’intento o di conoscere qualcosa di più di sé o di dimenticarsi”1 e l’immaginario di un luogo non è che una risultante soggettiva
dell’incontro tra il luogo stesso e chi lo osserva.
I
S CRITTURE DI VIAGGIO ED
ESO - ICONOGRAFIE REGIONALI
co del termine di Gottmann, di “eso- o eteroiconografia regionale”, ovvero di un sistema simbolico e culturale correlato a un determinato territorio, elaborato dal di fuori. L’utilizzo di questo
termine permette di sottolineare l’eterogeneità delle fonti che concorrono alla costruzione degli immaginari geografici e le loro implicazioni non solo
culturali, ma anche politiche, dato che essi giocano
un ruolo di rilievo nella creazione, legittimazione ed
eventuale mobilitazione dei confini di una comunità, sia essa nazionale o etnica, e nella costruzione
delle relazioni tra differenti identità.
I L CORPUS
E L ’ ESO - ICONOGRAFIA RUSSA
DELLA
PALESTINA
Queste operazioni di negoziazione non sono scevre di un forte significato politico. A questo proposito pare fertile un concetto tratto dalla geografia.
Negli anni Cinquanta, Jean Gottmann, un geografo francese di origini russo-ebraiche2 , per spiegare le leggi che regolano l’organizzazione dei flussi
umani in entità politiche distinte, elaborò un modello che affiancava alla circolazione di uomini e idee
un fattore di “resistenza al movimento”: si tratta del
concetto di “iconografia regionale”, ovvero quell’insieme di elementi simbolici e culturali (come la lingua, la storia socio-politica o religiosa) che costituiscono l’identità di una comunità e le permettono
di distinguersi dalle altre3 .
Nel nostro contesto si potrebbe parlare, sul cal-
In questi termini, si intende qui indagare un
frammento di eso-iconografia della Palestina tra le
due guerre, all’epoca del mandato britannico, così
come si è andata delineando attraverso le scritture
di viaggio elaborate nel mondo di cultura russa, in
quel momento cruciale per le sorti di questa regione
mediorientale e degli ebrei europei. Un lavoro pluriennale di spoglio di numerosi periodici émigrés4 ,
condotto nell’ambito di una ricerca sull’evoluzione
post-rivoluzionaria delle riflessioni dell’intelligencija russa sulla questione ebraica5 , ha infatti portato a
un’integrazione delle fonti precedentemente disponibili e ha mostrato un consistente interesse dell’emigrazione russa nei confronti della Palestina man-
1
4
R. Campa, Il viaggio. Riflessioni con Jorge Luis Borges, Napoli
1986, retrocopertina.
2
Figlio adottivo di uno dei protagonisti della vita culturale della diaspora russa, M. Berchin-Benediktov, della redazione del quotidiano
liberale Poslednie Novosti.
3
L. Muscarà, “Recherche d’unité politique et différences géographiques”, J. Gottmann, La politique des États et leur géographie,
Paris 2007, p. XII.
Lo spoglio è stato sistematico per i quotidiani Poslednie Novosti, Vozroždenie e Novoe Vremja. Gli altri titoli sono stati individuati attraverso uno spoglio à boule de neige di altri periodici
dell’emigrazione e grazie ad articoli critici.
5
Si veda la mia tesi di dottorato, M. Gatti Racah, “Evrejskij vopros i russkij otvet”: ebraismo, antisemitismo e sionismo sulla stampa russa d’emigrazione negli anni Venti, discussa all’Università Ca’ Foscari di Venezia nel 2014 e disponibile online
all’indirizzo <http://dspace.unive.it/handle/10579/4595>.

eSamizdat 2016 (XI)
dataria. Questo interesse ha ragioni molteplici e va
letto soprattutto alla luce delle dinamiche interne
del gruppo degli osservatori. Poiché la composizione di Russia Abroad6 era ben lungi dall’essere omogenea in termini nazionali e confessionali,
le letture della Palestina offerte vanno interpretate a seconda delle identità degli osservatori e offrono spunti per comprendere le relazioni tra le sottocomponenti della diaspora russa, in particolare tra
russi ed ebrei russi.
Il corpus di scritture di viaggio qui raccolto risale agli anni tra le due guerre, l’ambito di provenienza è la diaspora russa antibolscevica e gli autori sono intellettuali émigrés russofoni, sia ebrei che
cristiani ortodossi. La lista di titoli7 comprende articoli di varia lunghezza e sarà forse suscettibile di
ulteriori integrazioni future, ma riunisce gli scritti di
questo genere che è stato possibile rinvenire per ora
nel mare della stampa d’emigrazione di ogni orientamento politico. Come ha notato R. Timenčik a
6
Così è stata definita la diaspora russa antibolscevica stabilitasi in
Europa tra le due guerre nel lavoro pionieristico su questo fenomeno di M. Raeff, A Cultural History of the Russian Emigration
1919-1939, New York-Oxford 1990.
7
L. Nemanov, “Na puti v Sion”, Poslednie novosti, 7 agosto 1923,
p. 2 ; Idem, “Na bližnem vostoke. V Palestine”, Ivi, 4 settembre 1923, pp. 2-3; Protopop Ioann Fedorov ,“Russkoe v Ierusalime”, Novoe Vremja, 5 luglio 1924, pp. 2-3; A. Vysockij, “V Palestine. Očerk”, Beseda, 1924, 5, pp. 122-159; Dioneo, “Pis’ma
s Vostoka”, Poslednie Novosti, 15 marzo 1925, p. 2; 22 marzo
1925, p. 2; 29 marzo 1925, p. 3; 5 aprile 1925, p. 3; 15 aprile,
pp. 2-3; 19 aprile 1925, p. 3; 23 aprile 1925, p. 2; 26 aprile 1925,
p. 3; 7 maggio 1925, p. 2; Idem, “Amerikanskij gorod v Palestine”, Segodnja, 1925 (ristampato in R. Timenčik, “Russkoe slovo
o zemle Izraile”, Lechaim, 2006, 4, disponibile all’indirizzo internet <http://www.lechaim.ru/ARHIV/168/timenchik.htm>, ultimo accesso 21/11/2016); S. Poljakov-Litovcev, “Palestina. Putevye očerki”, Poslednie Novosti, 16 maggio 1926, pp. 2-3; 23
maggio 1926, p. 2; 30 maggio 1926, p. 2; 6 giugno 1926, p.
2; 13 giugno 1926, p. 2; 27 giugno 1926, p. 2; I.S. Komarov “Russkie v Palestine”, Ivi, 2 marzo 1927, p. 3; A. Tyrkova “Nasledstvo Rossii v Palestine”, Vozroždenie, 17 aprile 1928,
p. 4; 21 aprile 1928, p. 3; F. Ja., “Po tu storonu Iordana”, Poslednie Novosti, 26 febbraio 1928, p. 3; F.Ja., “Ierusalim”, Ivi,
8 gennaio 1929, p. 3; M. Dolinov, “Svjatoj gorod”, Vozroždenie, 3 maggio 1923, p. 3; 4 maggio 1923, p. 3; A. Nikol’skij,
“Svjataja zemlja – Palestina”, Novoe Vremja, 25 settembre 1930,
pp. 2-3; M. Benediktov, “Russkaja kul’tura v Palestine”, Čisla,
1930, 1, pp. 262-265; P. [B. Pantelejmonov?], “Palestina”, Vozroždenie, 31 agosto 1931, p. 3; A. Ladinskij, Putešestvie v Palestinu, Sofia 1937 (disponibile anche online all’indirizzo internet
<http://ricolor.org/arhiv/redkie_knigi/ladinsky/>, ultimo accesso 21/11/2016); D. Knut, “Al’bom Putešestvennika”, Russkie
zapiski, 1938, 5, pp. 91-108; 7, pp. 113-125.
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
proposito dei testi in lingua russa sulla Palestina,
infatti:
Сведение этих разрозненных свидетельств в единый корпус
представляет на сегодняшний день научную проблему, предполагающую неординарные поисковые усилия, особенно когда речь идет о первой половине прошлого века. [. . . ] Зафиксированные в русском слове картины жизни еврейской Палестины предстоит разыскивать в бескрайнем море русской
печати, рассеянной по всему свету8 .
Questi articoli, del resto, fanno parte di quel corpus più ampio costituito dalla letteratura di viaggio
in Terra santa, a cui G. Revelli ha dedicato un intervento del 20039 e che è in parte riconducibile all’ambito della letteratura di pellegrinaggio. Come
ha rilevato la studiosa, fino alla fine dell’Ottocento
questa tipologia testuale aveva un carattere prevalentemente edificante e si concentrava sulla descrizione dei luoghi sacri, senza riferimenti all’ambiente
circostante o ai compagni di viaggio: si trattava di
un incontro tra l’individualità del pellegrino e lo scenario delle narrazioni evangeliche, nel tentativo di
avvicinarsi al sacro. Tra l’Ottocento e il Novecento,
il genere subisce un’evoluzione nel senso di una sostanziale “desacralizzazione” del viaggio, con l’introduzione dell’attualità, di uno spiccato interesse
per l’Oriente e del tema del silenzio del divino10 .
Al di là delle evoluzioni nelle costanti ideologiche del genere, tuttavia, resta applicabile la caratterizzazione più ampia offerta da V. Chazan per il
testo palestinese. Secondo lo studioso, si tratta di
un palinsesto che ha come sotto-testi la Bibbia, gli
apocrifi, i versi spirituali, e, appunto, la letteratura di viaggio. È caratterizzato da una frizione tra
immaginario di matrice prevalentemente biblicoevangelica ed effettiva realtà, tra passato e presente
e suscita dunque un effetto di doppiezza poiché il
8
“La riunificazione di queste singole testimonianze in un unico corpus rappresenta ad oggi un problema scientifico che presuppone
straordinari sforzi di ricerca, in particolar modo per quanto riguarda
la prima metà del secolo scorso. Le descrizioni della vita della Palestina ebraica in lingua russa vanno ricercate nello sconfinato mare della stampa russa, dispersa per il mondo intero”, R. Timenčik,
“Russkoe slovo”, op. cit.
9
G. Revelli, “O palomničestve v Svjatuju Zemlju v russkoj literature
konca XIX i XX vv.”, Contributi italiani al XIII congresso internazionale degli Slavisti, Firenze 2014, pp. 541-571. A questo
articolo si rimanda per approfondire caratteristiche ed evoluzione
del genere.
10
Ivi, p. 549.
M. Gatti Racah, La Palestina del mandato britannico: sguardi incrociati dal mondo russo

testo nuovo pare scritto “sopra” a quello vecchio, di innescati nella regione dalla dichiarazione di Balcui conserva vivida memoria.
four del 1917, che sanciva l’appoggio britannico al“Палестинский текст” традиционно складывался в русской la creazione di un focolare nazionale ebraico, e dalla
литературе (и, безусловно, не только в русской) как палимп- conseguente immigrazione sionista.
сест, влекущий к параллелям, ауканьям и перекличкам, обQueste evoluzioni politiche stravolgono le preладающий магнетической силой вызывать подобия как по
ту, так и по эту сторону временной оси – в древности и в cedenti rappresentazioni della regione, scardinanсовременности11.
do i clichés letterari vigenti in precedenza, in cui
In questo senso la progressiva desacralizzazione prevaleva l’immagine di una terra morta e immodell’esperienza del viaggio in Terra santa può esse- bile, fuori dal tempo15 . Come notava, tra gli altri, il
re vista quale assottigliamento del sotto-testo an- famoso autore satirico d’emigrazione Dioneo (I.V.
tico e introduzione della dimensione del futuro, che Šklovskij, 1864-1935)16 nel suo resoconto di viagspezza l’opposizione binaria tra passato e presen- gio del 1925: “Каждый наблюдатель [. . . ] прежде
te: alle suggestioni bibliche e alle descrizioni dei всего наталкивается на основной факт: нет больluoghi sacri si aggiunge infatti una forte attenzione ше закостенелого, неподвижного, выкристаллиnei confronti dell’attualità della regione e delle sue зовавшегося Востока”17 . Le descrizioni della zona
si fanno dunque “dinamiche”, nel tentativo di coprospettive di sviluppo.
Il presente corpus conferma dunque le osserva- gliere le principali direttrici di una situazione in fiezioni globali sul genere sopra riportate: la prima ri. Dioneo, ad esempio, riprendeva un’espressione
guerra mondiale, la rivoluzione, l’esilio, l’ascesa dei utilizzata per indicare le emanazioni prodotte dunazionalismi portano a compimento l’irruzione del- rante il processo di preparazione della nitroglicerila contemporaneità nella narrazione, dell’elemen- na e dichiarava di concentrare le sue osservazioni
to terreno e storicistico. Non si assiste soltanto sui “vapori bruni”18 della regione:
К добру или к худу, но сотни миллионов людей на Ближнем
alla crisi dell’esperienza religiosa, ma anche delи Дальнем Востоке вышли после войны из состояния поl’aspetto introspettivo, che cede il passo a quello
коя. Там теперь происходит химический процесс, который
при приготовлении нитроглицерина называется “образоваstorico-politico. “Даже о святых местах прихонием бурых паров”. При появлении “бурых паров” надо быть
дится писать в связи с политическим положеникрайне осторожным, так как страшный взрыв может послеем”12 , scrive A.P. Ladinskij (1896-1961)13, poeta e
довать в любой момент. В своих письмах к вам я буду говорить, главным образом, об этих “бурых парах” и о новой
pubblicista, autore di uno dei contributi più corposi
жизни, возникающей на неподвижном Востоке19 .
e interessanti.
L’interesse suscitato dalla Palestina è, in que15
osservazioni di I. Bunin, risalenti al 1908, per esempio, consta fase, connesso ai rivolgimenti politici in cor- Alcune
fermano questa visione di arretratezza e morte del territorio. Il poeso14 : al centro dell’attenzione stanno gli sviluppi ta parla di “аравийская патриархальная нищета” [arabica miseria
11
“Il ‘testo palestinese’ si è formato tradizionalmente nella letteratura
russa (e, indubbiamente, non solo in quella russa) come un palinsesto, che implicava paralleli, richiami e rimandi, che possedeva il
potere magnetico di suscitare analogie sia da una parte che dall’altra dell’arco temporale: nell’antichità e nella contemporaneità”,
V. Chazan, “Nekotorye aspekty ‘palestinskogo teksta’ v russkoj literature XX veka”, Idem, Osobennyj evrejsko-russkij vozduch,
Moskva, Jerusalim 2001, pp. 17-47 (qui p. 20).
12
“Persino dei luoghi sacri tocca scrivere facendo riferimento alla
situazione politica”, A. Ladinskij, Putešestvie, op. cit., p. 41.
13
Per notizie sull’autore si rimanda all’introduzione di O. Korostelev
alla raccolta Idem, Sobranie stichotvorenij, Moskva 2008.
14
Quest’interesse, tuttavia, ci pare vada letto anche sullo sfondo del
più ampio dibattito dell’emigrazione russa sulla questione ebraica,
per cui si rimanda nuovamente alla mia tesi di dottorato, Evrejskij
vopros, op. cit. e alla bibliografia in essa contenuta.
patriarcale], I. Bunin, “Iudeja”, Putešestvija v Svjatuju zemlju.
Zapiski russkich palomnikov i putešestvennikov XII-XX vv.,
Moskva 1994, pp. 219-226 (qui p. 223); e confronta la Giudea,
abbandonata e ricoperta di papaveri, con la tomba di David: “Вся
Иудея – как эта могила”[Tutta la Giudea è come questa tomba],
Ivi, p. 224. L’idea di un territorio morto e immobile, del resto, ricorreva spesso in precedenza. Si pensi ai versi di M. Lermontov: “Вот
у ног Ерусалима / Богом сожжена / безглагольна, недвижима /
мертвая страна” [Ai piè di Gerusalemme / da Dio bruciata / muta,
immobile / morta è la terra!], M. Lermontov, “La disputa”, Idem,
Mzyri e altri poemetti, Roma 1925, p. 50.
16
Dioneo, giornalista e scrittore di origine ebraica, zio di Viktor Šklovskij, residente a Londra dal 1896, in seguito collaboratore del
quotidiano Poslednie novosti e di altre testate dell’emigrazione.
17
“Ogni osservatore si scontra prima di tutto con un fatto fondamentale: non esiste più un Oriente rigido, immobile, cristallizzato”,
Dioneo, “Pis’ma”, op. cit., 15 marzo 1925, p. 2.
18
Ibidem.
19
“Che sia un bene o un male, centinaia di milioni di persone nel

eSamizdat 2016 (XI)
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
Sottraendo spazio alle divagazioni dell’io lirico
a confronto con le sue radici culturali e religiose, l’attualità diviene prevalente nella maggior parte dei testi, che aspirano a tracciare un ritratto della
Palestina contemporanea.
L A NUOVA PALESTINA , “ UN
ALATO ”
CAMMELLO
La nuova Palestina appare agli occhi degli osservatori quale combinazione di passato e presente, di arretratezza e modernizzazione incalzante.
Un’immagine di risorgimento, di accelerazione storica emerge fin dai primi anni Venti; simbolo delle
contraddizioni della regione è il cammello alato disegnato da Arieh El-Hanani, scelto per la Fiera levantina organizzata a Tel-Aviv a partire dal 1932.
Ladinskij gli dedica un capitolo, in cui dipinge efficacemente la peculiare mescolanza che sembrava
caratterizzare la regione e renderla unica:
Это не смелое название для книги футуристических стихов,
а “маскотта” палестинской выставки. Наделённый крыльями, тяжёлый, медлительный верблюд превратился в странное
животное, в символ того динамического процесса, который
происходит в американизированной Палестине. От древнего
верблюда — к дизелю, к фордовскому грузовику, к трактору, от бедуинских шатров — к электрификации. Как широко шагают они по выжженным солнцем долинам и каменистым пространствам — эти железные столбы трансмиссий,
какими прекрасными путями легли шоссейные дороги среди
пейзажей времён патриархов. Здесь любят “американские”
темпы в работе и не боятся мозолей на руках. И в то же время это не Калифорния, а Палестина — своеобразнейшая в
мире страна, где мало по малу, вместе с врожденным языком Пятикнижия, восстанавливается самый библейский воздух, и библейская пшеница снова колосится на галилейских
полях, и опять вода хлещет из колодцев20 .
Vicino e Medio oriente dopo la guerra sono usciti dallo stato di
quiete. Al momento è là in corso un processo chimico che, durante
la preparazione della nitroglicerina, viene definito ‘formazione di
vapori bruni’. Alla comparsa dei ‘vapori bruni’ bisogna essere
estremamente cauti, perché in ogni momento può seguire una
terribile esplosione. Nelle mie lettere a voi, io parlerò, per lo
più, di questi ‘vapori bruni’ e della nuova vita che sta nascendo
nell’immobile Oriente”, Ibidem.
20
“Non si tratta del titolo audace di un libro di poesie futuriste,
ma della ‘mascotte’ dell’esposizione palestinese. Dotato di ali, il
pesante, lento cammello si è trasformato in una strana creatura, in
un simbolo di quel processo dinamico che è in corso nella Palestina
americanizzata. Dall’antico cammello. . . al diesel, al camion Ford,
al trattore, dal tendone beduino. . . all’elettrificazione. Come se
ne vanno a grandi passi per le vallate riarse dal sole e per gli
spazi rocciosi, questi piloni di trasmissione in ferro, in che modi
meravigliosi si snodano le autostrade tra i paesaggi dell’epoca
dei patriarchi. Qui amano un ritmo ‘americano’ del lavoro e non
L’idea di un incontro degli opposti, della Bibbia
patriarcale e del progresso della modernità, diviene un nuovo cliché. Con le parole di Dovid Knut
(D. Fiksman, 1900-1955)21, poeta russo-ebraico,
stabilitosi a Parigi dopo la rivoluzione e recatosi in
Palestina nel 1937, la Palestina poteva essere così
riassunta: “Последнее слово урбанизма и техники на фоне подлинной Библии”22 . Un luogo dove
le latte di benzina si stavano sostituendo sulle teste delle giovani donne alle brocche: immagine ricorrente23 , esemplificativa dell’ambiguità nei confronti della modernizzazione, invocata, giustificata, apprezzata, ma accusata al contempo di rompere l’incanto di un Oriente immobile, folclorico,
affascinante.
Le descrizioni della nuova città sorta nel deserto, Tel Aviv, rappresentano il culmine di questo
immaginario. Scrive a tal proposito Dioneo:
Пишу это письмо из Тель-Авива, из американского города, возникшего в Палестине на дюнах. У старожилов ТельАвива можно видеть любопытную фотографию, изображающую группу несколько десятков человек, стоящую среди
песков, где не видно ни дома, ни деревца. Это – Тель-Авив
15 лет тому назад. Теперь в песках, вопреки евангельскому совету, выстроили большой город с садами, бульварами,
школами, заводами, редакциями газет, театром24 .
Una città americana per Dioneo e Ladinskij,
o europea, secondo la descrizione di A. Vysoctemono le vesciche sulle mani. Ma allo stesso tempo non è la
California, ma la Palestina, uno dei paesi più originali del mondo,
in cui a poco a poco, con la rinata lingua del Pentateuco, risorge
l’atmosfera biblica stessa e il grano della Bibbia spiga nuovamente
sui campi della Galilea, e l’acqua di nuovo sgorga dai pozzi”, A.
Ladinskij, Putešestvie, op. cit., p. 27.
21
Su di lui si veda il lavoro monografico di V. Chazan, Dovid Knut:
sud’ba i tvorčestvo, Lion 2000 e anche F. Fedorov, Dovid Knut,
Moskva 2005.
22
“L’ultima parola dell’urbanismo e della tecnica sullo sfondo della più autentica Bibbia”, D. Knut, “Al’bom putešestvennika”,
op. cit., 7, p. 121. Il numero della rivista è disponibile online
<http://www.emigrantika.ru/images/pdf/rus-zap7.pdf> (ultimo
accesso 21/11/2016).
23
Si vedano anche Ladinskij, op. cit., p. 134 e Dioneo, “Pis’ma”, op.
cit., 7 maggio 1925, p. 2.
24
“Scrivo questa lettera da Tel-Aviv, la città americana sorta sulle
dune palestinesi. Nelle case dei vecchi abitanti di Tel-Aviv si può
vedere una vecchia fotografia che rappresenta un gruppo di qualche
decina di persone, in piedi in mezzo alla sabbia, dove non si vede
né una casa né un albero. Si tratta di Tel-Aviv 15 anni fa. Ora
sulle sabbie, nonostante la raccomandazione evangelica, hanno
costruito una grande città con giardini, viali, scuole, fabbriche,
redazioni di giornali e un teatro”, Dioneo, “Amerikanskij gorod”,
op. cit.
M. Gatti Racah, La Palestina del mandato britannico: sguardi incrociati dal mondo russo
kij (1884-1949)25, nel testo che, nonostante paia
un racconto, egli sottotitola “saggio”: “Тель-Авив
залит электрическим светом. По улицам мчатся автомобили, шумит жизнь, пришедшая из другого, далекого мира. Осколок Европы прилетел
сюда”26 . Tel-Aviv appare quindi come un’autentica città occidentale in Oriente. Gli osservatori non
possono esimersi dal notare lo “scontro di due mondi”, di due diverse “concezioni di vita”, che considerano alla base delle tensioni politiche che caratterizzano la regione negli anni Venti e Trenta. Con
le parole di Ladinskij –
В стране столкнулись две разные культуры, два разных мировоззрения. С одной стороны, библейские городишки, верблюды, допотопные колодцы, с другой, — черепичные крыши
колонии, калифорнийские тракторы и обилие воды из артезианских труб. Остается надеяться, что сама жизнь найдет
синтез двум этим концепциям жизни27

Палестина не имеет никакого будущего вне тех новых способов интенсификации культуры и оплодотворения камней,
которые несут с собой евреи. Будущее свое евреи отвоевывают не от арабов, а от природы, при содействии науки и труда. При арабских методах, Палестина тесна для сотен тысяч
жителей; при еврейских – в ней место для миллионов30.
G LI “ EBREI
NUOVI ” E GLI
“ ARABI
VECCHI ”
Come mostra la citazione precedente, antichità
e modernità, i due poli opposti della nuova Palestina, sono associate rispettivamente alle due popolazioni che abitano la regione. Arabi ed ebrei sono le due tipologie di “altro”, molto diverse tra loro, in cui si imbattono i viaggiatori. Come scrive
Poljakov-Litovcev:
Разница между арабским миром и еврейским одна из черт
Палестины, которые ярче всего остального бросаются в глаза. Едет на ослике араб. Живописен он чрезвычайно. Сливается с пейзажем, неотделим от него. Но какая непробудная
апатия! Идёт халуц еврейский. Пейзаж не свыкся ещё с его
европейским обликом, но под ним земля ходит. Точно плуг
идёт. Столько энергии31.
– il processo di modernizzazione è innescato, quali
che siano gli effetti politici e sociali, e non c’è spazio per i ripensamenti. Gli osservatori concordano
La componente ebraica, che diviene tematinel ritenerlo ormai inevitabile. Scrive ad esempio
ca cruciale del corpus, è individuata quale agenPoljakov-Litovcev28 , pubblicista ebreo-russo, che
te di modernizzazione, ovvero di avvicinamento
aveva visitato la Palestina nel 1926 con lo scritdell’Oriente all’Occidente, dell’“altro” al “sé”.
tore francese, anch’egli di origini russo-ebraiche,
L’ebreo palestinese è forte, prestante, allegro,
Joseph Kessel29 :
idealista e altruista. “Таких евреев вы не встретите
нигде”32 , commenta Poljakov. Gli autori concorda25
Scrittore russofono di origine ucraina, stabilitosi in Palestina
no unanimemente nel rilevare il carattere vitalistico
nel 1920, per lo più dimenticato, se ne può però trovare un
recente profilo biografico in R. Kacman, “Avraam Vysockij e idealista del progetto sionista e dei suoi attori.
i ego roman ‘Subbota i voskresen’e’. Neizvestnye materialy
Da questo punto di vista i testi raccolti presentaiz archiva zabytogo pisatelja”, Zametki po evrejskoj istorii,
2016, 7, disponibile online all’indirizzo <http://www.berkovich- no un estremo interesse in quanto veicolano un’imzametki.com/2016/Zametki/Nomer7/RKacman1.php> (ultimo
accesso 21/11/2016).
26
“Tel Aviv è inondata di luce elettrica. Per le strade sfrecciano le
automobili, pullula una vita giunta da un altro mondo, lontano. È
volata qui una scheggia di Europa”, A. Vysockij, “V Palestine”, op.
cit., p. 123.
27
“Nel Paese si sono incontrate due diverse culture, due diverse
concezioni del mondo. Da una parte le cittadine bibliche, i
cammelli, i pozzi antidiluviani, dall’altra i tetti di tegole della
colonia, i trattori californiani e l’abbondanza d’acqua dei tubi
artesiani. Resta da sperare che sia la vita stessa a trovare
una sintesi tra queste due concezioni di vita”, A. Ladinskij,
Putešestvie, op. cit., p. 95.
28
Si tratta di S.L. Poljakov (1874-1945), meglio noto con il suo nome
di penna Litovcev, che aggiungeva al cognome nella firma.
29
Ricorda Kessell: “Parmi les réfugiés russes que je fréquentais à
l’époque, l’un de ceux que j’aimais le plus rencontrer s’appelait
Poliakov-Litovtzef, chroniqueur, écrivain et auteur dramatique.
C’était en outre un ardent sioniste. En France, tout le monde –
ou presque – ignorait alors l’existence et la portée de ce mouvement”, J. Kessell, “La résurrection d’Israël”, Idem, Témoin parmi
les hommes. I. Le temps de l’espérance, Paris 1956, pp. 149-227
(qui p. 151).
30
“La Palestina non ha alcun futuro senza quei nuovi metodi di
intensificazione delle colture e di fecondazione delle pietre che
portano con sé gli ebrei. Il proprio futuro gli ebrei se lo stanno
conquistando non dagli arabi, ma dalla natura, con l’aiuto della
scienza e del lavoro. Con i metodi degli arabi, in Palestina stanno
strette centinaia di migliaia di abitanti; con quelli ebraici là c’è posto
per milioni di persone”, S. Poljakov-Litovcev, “Palestina”, op. cit.,
6 giugno 1926, p. 2.
31
“La differenza tra il mondo arabo e quello ebraico è una delle
caratteristiche della Palestina che salta agli occhi in maniera
più evidente di tutto il resto. Un arabo va su un asinello. È
estremamente pittoresco. Si fonde con il paesaggio, è inscindibile
da esso. Ma che profonda apatia! Cammina un chaluc [colono]
ebreo. Il paesaggio non s’è ancora abituato al suo aspetto
occidentale, ma sotto i suoi piedi la terra si muove. Proprio come
se passasse un aratro. Tale è l’energia”, Ibidem.
32
“Ebrei così non si incontrano da nessun’altra parte”, Ivi, p. 3.

eSamizdat 2016 (XI)
magine nuova degli ebrei, che si distacca nettamente da quelle prevalenti nella cultura russa fino
a quel momento e pare anzi il rovesciamento degli attributi degli ebrei della diaspora33 . Si veda il
resoconto del non-ebreo “P.”34 :
Вообще эти промахи приведены мною не столько для характеристики палестинских работ, сколько для характеристики палестинского еврейства, встающего в свете этих
данных в каком-то новом виде, в каких-то совсем неожиданно теплых тонах: ведь делали-то это как раз те
“чёрствые” старики капиталисты, для которых, как
многие думали, была одна религия – злато. Так, только в Палестине познаешь еврейский народ с новой стороны:
энтузиазм, легковерие, непрактичность, увлечение! И
количество этих новых черт, открываемых здесь в евреях,
еще увеличивается при ознакомлении с молодежью. Это,
в большинстве, здоровые, смелые ребята, систематически
бьющие англичан в спорте. . . 35
La sorpresa suscitata da questo nuovo “tipo antropologico” è evidente. Si tratta di una vera e propria rinascita della razza, come la definiscono gli
autori, da contestualizzare nel quadro più ampio dei
discorsi nazionalistici d’inizio Novecento. La gioventù, oggetto di descrizioni entusiastiche, sembra
aver innescato una rivoluzione all’interno del mondo ebraico, dando vita a un popolo nuovo, finalmente libero dai vizi che lo avevano caratterizzato
in diaspora36 .
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
Ancora Ladinskij:
Интересно было присмотреться к новому типу еврея –
к еврею-землеробу. Такие же загорелые лица, как у крестьян всего мира, такие же мужицкие морщины, мозолистые руки, уменье обращаться с топором или лопатой. Целая пропасть лежит между этим миром пашен,
пахучей соломы и тучной зелени садов и каким-нибудь
польским или белорусским еврейским местечком. Здесь
в полном смысле этого слова произошло возрождение
расы. Но сюда пришли люди с убеждением построить свой
собственный дом на земле, идеалисты, по большей части
интеллигенты, убежденные сторонники сионистской идеи,
поэтому в их работе и жизни еще витает то творческое волнение, которое одушевляет тяжелый крестьянами труд, когда он не из под палки, не ради одного хлеба насущного, а по
голосу долга и призвания37 .
Gli ebrei palestinesi, con la loro carica vitalistica,
introducono nelle narrazioni un nuovo polo temporale: il futuro della regione, che sembra inscindibile
da questi nuovi attori. Quanto l’immaginario precedente voleva gli ebrei legati, quasi morbosamente, al loro passato storico, tanto gli ebrei nuovi sono
proiettati verso il domani.
La conferma arriva dalle parole di PoljakovLitovcev:
Лейт-мотив современной Палестины – глаголь “быть”. Глаголь краеугольный. “Было” – крепкая тысячелетняя традиция; “будет” – упрямая воля к созиданию. На каждом шагу
материальный след или легендарный отзвук того, что было;
и в устах каждого еврея Палестины неизбежное, как завтра,
слово “будет”38.
33
Molti testi affrontano direttamente o indirettamente la questione
dell’immagine degli ebrei nella storia culturale russa. Si vedano, tra
gli altri, G. Safran, Rewriting the Jew: Assimilation Narratives
in the Russian Empire, Stanford (Cal) 2000; i lavori di S. Dudakov, Istorija odnogo mifa, Moskva 1993 e Paradoksy i pričudy
filosemitizma i antisemitizma v Rossii, Moskva 2000; Y. Slezkine, The Jewish Century, Princeton 2004 (trad. it. Il secolo ebraico, Vicenza 2011). Per quanto riguarda il periodo della Rivoluzione
e della guerra civile si vedano invece O. Budnickij, Rossijskie evrei
meždu krasnymi i belymi (1917-1920), Moskva 2006 ed Evrei i
russkaja revoljucija, a cura di O. Budnickij, Moskva, Jerusalim
1999.
34
Secondo Timenčik si tratterebbe di B. Pantelejmonov, R.
Timenčik, “Russkoe slovo”, op. cit.
35
[Corsivo mio]. “Riporto questi esperimenti falliti non tanto per
caratterizzare i lavori in corso in Palestina, quanto per dare una
caratterizzazione degli ebrei palestinesi, che alla luce di questi dati
si ergono in una prospettiva nuova, dai toni inaspettatamente caldi:
a far questo son stati proprio quegli “aridi” vecchi capitalisti per i
quali molti pensavano ci fosse una sola religione, l’oro. Così solo in
Palestina si può conoscere il popolo ebraico sotto un nuovo aspetto:
entusiasmo, credulità, mancanza di senso pratico, passione! E la
quantità di queste nuove caratteristiche che si scoprono qui negli
ebrei aumenta ancora alla visione della gioventù. Si tratta, per lo
più, di ragazzi sani e audaci, che battono sistematicamente gli
inglesi negli sport. . . ”, P., “Palestina”, op. cit., p. 3.
36
A proposito della caratterizzazione degli ebrei diasporici e per un’analisi affascinante della relazione tra carat-
tere nazionale e condizione esilica si rimanda al testo di
N.S. Trubeckoj, “O rasizme”, originariamente pubblicato
nel 1935 su Evrazijskie tetradi e attualmente disponibile online all’indirizzo <http://ua.judaicacenter.kiev.ua/wpcontent/uploads/2011/06/trubeckoj.pdf>
(ultimo
accesso
24/11/2016).
37
“Interessante è stato familiarizzare con il nuovo tipo di ebreo,
l’ebreo agricoltore. Volti abbronzati, come quelli dei contadini di
tutto il mondo, le stesse rughe da mužik, le mani callose, la capacità
di usare l’accetta e la vanga. C’è un abisso intero tra questo mondo
dei campi, di paglia fragrante e erba ubertosa dei giardini e un
qualsiasi Shtetl ebraico polacco o bielorusso. Qui è avvenuta la
rinascita della razza nel pieno senso di quest’espressione. Qui del
resto sono arrivate persone convinte a costruire la propria casa
sulla terra, degli idealisti, per lo più intelligenty, decisi sostenitori
dell’idea sionista, per cui nel loro lavoro e nella loro vita ancora
aleggia quel brivido creativo che ispira il duro lavoro da contadini,
quando esso non è fatto di malavoglia, solo per il pane quotidiano,
ma per dovere e vocazione”, A. Ladinskij, Putešestvie, op. cit., p.
66.
38
“Il leitmotiv della Palestina contemporanea è il verbo ‘essere’. Un
verbo fondante. ‘Era’ una forte tradizione millenaria. ‘Sarà’ una
tenace volontà di costruire. A ogni passo si trova traccia materiale
o eco leggendaria di ciò che è stato; e sulle labbra di ogni ebreo
della Palestina, ineluttabile come il domani, la parola ‘sarà’”, S.
Poljakov-Litovcev, “Palestina”, op. cit., 23 maggio 1926, p. 2.
M. Gatti Racah, La Palestina del mandato britannico: sguardi incrociati dal mondo russo
Il domani fa dunque irruzione nelle descrizioni
rompendo l’opposizione binaria ieri – oggi prevalente nei resoconti precedenti. Gli ebrei sembrano
incarnare il futuro della regione, che “dipende da loro”, come nota Ladinskij39 . Il concetto è rafforzato
da L. Nemanov, collaboratore di Poslednie Novosti
di origini ebraiche, recatosi in Palestina nel 1923:
Каждый добросовестный наблюдатель безразлично, будет ли
он сионистом или антисионистом, филосемитом или антисемитом, должен будет признать после объезда Палестины, что евреи там подлинный и может быть, единственный
культурный и творческий народ40 .
Già da questi passaggi, per contrasto, emerge
una rappresentazione degli arabi come elemento
“inerziale” e arretrato. Secondo Poljakov, l’arretratezza degli arabi creerebbe un’“illusione ottica” che
li renderebbe praticamente invisibili: gli ebrei, che
sono il 20% della popolazione, costituirebbero però l’80% delle “forze creative” del Paese41 . Dioneo
ne dava una rappresentazione addirittura negativa: a loro, definendoli “великие созидатели развалин”42 , egli imputava la desertificazione del paese,
processo invertito solo dalla nuova immigrazione
sionista.
Più sfaccettata, e non scevra di fascinazione, la
descrizione di Ladinskij:
Что же представляет собой тот мало знакомый широкой публике и столь пленивший полковника Лоуренса арабский ты-
сячелетний мир? До прихода англичан арабы прожили тысячу лет в условиях феодального порядка, обрабатывали землю
по способам, которые еще применялись в дни Авраама, разводили верблюдов, жили по восточному, не торопясь, с ленцой, довольствуясь самым малым, и к приходу сионистов почти в неприкосновенности сохранили быт и обиход Библии,
который пленяет не одного Лоуренса43 .
Tuttavia Ladinskij precisava, per fugare sterili
nostalgie, che la modernizzazione avrebbe spazzato
via a ogni modo questo mondo arabo patriarcale.
Non mancavano, del resto, ragioni di identificazione con la componente araba: in parte esse erano
frutto dell’esistenza di molti arabi russofoni, avvicinatisi alla cultura russa nelle missioni palestinesi di epoca imperiale44 ; in parte erano invece il risultato di letture antisemite. A questa seconda tipologia vanno senza dubbio riportati i testi apparsi
sulla testata monarchica di estrema destra Novoe
Vremja e, in particolare, il resoconto del viaggio in
Terra santa compiuto dal professor Stebut, docente
dell’università di Belgrado45 . Anche in questo caso la Palestina veniva presentata come suddivisa in
due parti molto diverse: una modernizzata e fertile
– ebraica –, e una sterile e arretrata – araba. L’idea veicolata, però, era che gli ebrei si fossero impadroniti della parte migliore e che la loro modernità
andasse a discapito della sacertà dei luoghi:
Но Палестина для них [евреев] менее всего святое место.
Свободной земли в Палестине и теперь уже нет. Сионисты
же захватывают земли у арабов, а наряду с этим ищут новых
средств обогащения.
Здесь работают рука об руку высокомерный брит и предприимчивый еврей. Те и другие свободны от предрассудков
почитания св. мест страны – им нужны железные дороги,
трамваи, электрификация и т.п.46 .
39
L’espressione è tratta da questo brano di A. Ladinskij: “Крепкая
и самоуверенная молодежь, загорелая и спортивная, способная
на любые подвиги и жертвы, грубоватая и американизированная. К ней хочется присмотреться поближе. Их много здесь на
каждом шагу, в трусиках, без шляпы под знойным палестинским
солнцем, в белой рубахе с короткими рукавами. Они управляют
автобусами, строят дома и дороги, работают на фермах, учатся,
играют в футбол. Будущее страны зависит от них” [Una gioventù
forte e sicura di sé, abbronzata e sportiva, capaci di ogni prodezza e sacrificio, rude e americanizzata. Vien voglia di osservarla
da vicino. Di questi giovani se ne incontra ad ogni passo, in mutande, senza cappello sotto il torrido sole palestinese, in camicia
bianca a maniche corte. Guidano gli autobus, costruiscono case e
strade, lavorano nelle fattorie, studiano, giocano a calcio. Il futuro
del Paese dipende da loro], A. Ladinskij, Putešestvie, op. cit., pp.
15-16.
40
“E intanto, qualunque osservatore coscienzioso, sia egli sionista o
antisionista, filosemita o antisemita, dovrà ammettere, dopo un giro
in Palestina, che gli ebrei vi costituiscono un autentico popolo di
cultura e creativo, se non forse l’unico”, L. Nemanov, “Na bližnem
vostoke”, op. cit., p. 3.
41
S. Poljakov-Litovcev, “Palestina”, op. cit., 6 giugno 1926, p. 2.
42
“Grandi edificatori di rovine”, Dioneo, “Pis’ma”, op. cit., 5 aprile
1925, p. 3.

43
“Ma cos’è quel mondo arabo millenario così poco noto al grande
pubblico e che ha tanto affascinato il colonello Lawrence? Prima
dell’arrivo degli inglesi gli arabi hanno vissuto mille anni in
condizioni feudali, lavorando la terra con gli stessi metodi che si
utilizzavano all’epoca di Abramo, allevavano cammelli, vivevano
all’orientale, senza fretta, con pigrizia, accontentandosi del
minimo, e all’arrivo dei sionisti avevano conservato praticamente
intatto il quotidiano e le usanze della Bibbia, cosa che incanta non
solo Lawrence”, A. Ladinskij, Putešestvie, op. cit., p. 91.
44
Si vedano M. Dolinov, “Svjatoj gorod”, op. cit.; P., “Palestina”, op.
cit.
45
Questo testo è, in realtà, un resoconto di una conferenza tenuta da
Stebut in seguito al suo viaggio. Non rientra dunque propriamente
nella letteratura di viaggio, ma presenta un notevole interesse per
quanto riguarda la costruzione dell’eso-econografia palestinese.
46
“Ma la Palestina per loro [gli ebrei] è men che meno un luogo sacro.
Non c’è già più terra libera in Palestina. I sionisti si accaparrano

eSamizdat 2016 (XI)
C ONCLUSIONI
L’analisi del corpus rileva dunque un’evoluzione importante di quella che abbiamo definito l’esoiconografia palestinese, nonché della rappresentazione della popolazione ebraica. Lasciando da parte le narrazioni antisemite proprie di Novoe vremja,
che presuppongono una contestualizzazione a sé,
si può dire che dai testi presi in esame emerge una
notevole empatia nei confronti dell’elemento ebraico. L’interesse degli autori di origine ebraica è del
tutto comprensibile: si tratta per loro di riflettere
sul movimento nazional-territoriale che sta scuotendo l’ebraismo, promettendo una rivoluzione radicale, la fine di un esilio millenario e di una condizione atipica tra le genti. Questi autori indagano il fenomeno, cercano di comprenderlo, di indovinarne le sorti future e di stabilire la loro posizione a
riguardo. La letteratura di viaggio raccolta si rivela dunque in questi casi sede di costruzione di una
nuova retorica nazionale ebraica, territoriale, postdiasporica. Non che non ne vengano rilevate le zone d’ombra, costituite in particolare, agli occhi degli
osservatori ebrei liberali, proprio dal pericolo di una
deriva nazionalista47 .
La fascinazione nei confronti della Palestina
ebraica degli autori non ebrei è meno scontata.
L’impressione che si ricava dal corpus nella sua globalità è che anche questo interesse non sia scevro da motivazioni identitarie: il forte retaggio russo del primo sionismo crea mille giochi di specchi
tra identità russa e sionista, fili linguistici, culturali,
politici, nonché umani, che rendono estremamente
labili i confini tra il “sé” e l’“altro” per gli osservatori
russi. Ne è testimonianza l’attenzione dedicata alla
diffusione della cultura russa in Palestina, aspetto
su cui si soffermano con commozione tutti gli osservatori, si vedano i testi di P., di A. Ladinskij, di
M. Benediktov48 , ma anche quello di Dioneo, che
la terra dagli arabi, e inoltre cercano nuovi metodi per arricchirsi.
Qui lavorano fianco a fianco il superbo ebreo rasato e quello
intraprendente. Entrambi sono scevri da pregiudizi di rispetto nei
confronti dei luoghi sacri del Paese: a loro servono le ferrovie, i
tram, l’elettrificazione e così via”, A. Nikol’skij, “Svjataja zemlja”,
op. cit., 25 settembre 1930, p. 3.
47
Si veda a tale proposito L. Nemanov, “Na bližnem vostoke”, op.
cit., p. 3.
48
M. Benediktov, “Russkaja kul’tura”, op. cit.
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
arriva a suggerire una contaminazione tra russo ed
ebraico, scrivendo: “Мне кажется, влияние русской культуры – ее гуманность например, в известной степени облекается в новую форму – в
иврит”49 . La presenza in Palestina di una piccola comunità russo-ortodossa50 , che risiede nei monasteri e in altri possedimenti della Missione russa fondata in epoca zarista, aggiunge un ulteriore
aspetto dalla forte carica emotiva per gli émigrés,
che descrivono l’incontro con un “angolo di Russia”, sfuggito ai rivolgimenti occorsi in patria. Si
veda questa descrizione proposta da A. Tyrkova nel
resoconto dal titolo evocativo Nasledstvo Rossii v
Palestine [L’eredità russa in Palestina]:
С какой-то невольной робостью подходила я вслед за владыкой к первой русской игуменье, которую я встретила после
восьми лет изгнания из России. Что-то родное, давно умершее, оживало в душе. [. . . ] Мир вошел в мое сердце. После
долгих скитальческих лет, путник, возвратившийся в родной
дом, испытывает то же чувство, которое пережила я, войдя за
матерью игуменьей в ограду русского монастыря, на землю,
принадлежащую России51.
O il commento commosso di Ladinskij: “Здесь
одно из немногих мест на земле, где еще сохранился во всей своей торжественности русский
колокольный перезвон, радостный и праздничный”52 .
Queste immagini diminuiscono l’alterità del luogo visitato e aumentano senza dubbio il coinvolgimento degli osservatori nei confronti della realtà
e dei destini della Palestina. Le sorti della regione
acquistano un interesse diretto per i russi émigrés,
a cui è stata sottratta la patria, di cui ritrovano dei
frammenti in Terra santa.
49
“Mi pare che l’influenza della cultura russa, il suo spirito umanitario ad esempio, prenda nuova forma, in un certo senso,
nell’ebraico”, Dioneo, “Amerikanskij gorod”, op. cit.
50
A tale proposito si vedano in particolare i testi di I. Komarov, A.
Tyrkova e F. Fedorov.
51
“Con una certa involontaria timidezza ho seguito il monsignore
dalla prima superiora russa che io abbia incontrato dopo otto
anni di esilio dalla Russia. Qualcosa di familiare, morto da tempo,
riprendeva vita nella mia anima. [. . . ] Nel mio cuore si è fatta strada
la pace. Dopo lunghi anni di peregrinazioni, il viaggiatore che torna
alla casa natale, prova lo stesso sentimento che ho sperimentato
io, seguendo la madre superiora all’interno del monastero russo,
su una terra che appartiene alla Russia”, A. Tyrkova, “Nasledstvo
Rossii v Palestine”, op. cit., 17 aprile 1928, p. 4.
52
“Questo è uno dei pochi posti sulla terra dove si è conservato in tutta la sua solennità il suono delle campane russe, allegro e festoso”,
A. Ladinskij, Putešestvie, op. cit., p. 58.
M. Gatti Racah, La Palestina del mandato britannico: sguardi incrociati dal mondo russo
Esiste tuttavia un’altra suggestione che può aiutare a spiegare l’empatia suscitata dal progetto sionista. È ben descritta dal famoso scrittore d’emigrazione Michail Osorgin nel testo Dva Siona [Le
due Sion], che esula dal presente corpus, ma permette di comprenderlo meglio. Nel 1924, in seguito alla visione di un filmato propagandistico sulla
colonizzazione in Palestina, Osorgin notava:
Ведь я никогда не могу забыть, что нас, русских, постигла
судьба еврейства: как оно, мы рассеяны по всей земле, как
оно – гонимы и приравнены к “низшей расе”, если не прямо ненавистной, то во всяком случае крайне надоевшей, намозолившей всем глаза расе. [. . . ] Как некогда евреям, так и
нам теперь отведены черты оседлости, за пределами которых
начинается унизительный разговор о паспортах, безподданстве, визах и правах жительства. Как и у них – у нас есть
свой мечтаемый Сион – Россия53 .
E concludeva:
Нам этот Сион решительно недоступен. [. . . ] Отсюда моя зависть. Зависть к людям, каторжно работающим на клочке
земли, который они могут считать своим, своей, хоть и искусственной родиной, хотя бы родиной своей нации. Зависть
к людям, имеющим будущее или верующим в него и, конечно,
ради чего трудящимся. Пусть Палестина – только прекрасная сказка, разве сказка меньшее утешение и меньшая услада, чем действительность? И разве “будущая Россия” мечтами о которой стараются жить эмигранты, не такая же сказка? И правда – не такая же, потому что Палестина гораздо
реальнее и правдоподобнее той России54.
www.esamizdat.it
53
Questo passaggio getta una luce ulteriore sui
complessi sentimenti che dovevano agitarsi nel petto dei viaggiatori russi émigrés e su un corpus di
testi di viaggio in cui le varie identità ebraiche e russe, diasporiche ed esiliche, si confrontano e si contaminano, in un continuo gioco di specchi tra “sé” e
“altri”. Sebbene la Palestina continui a essere percepita in primo luogo attraverso il filtro biblico, la
sua eso-iconografia russa è in piena evoluzione e risponde alla necessità di comprendere i destini dell’emigrazione russa e della cristianità (russa ortodossa in primis), ma anche le dinamiche interne all’ebraismo e la natura del sionismo. Queste domande sono comuni agli osservatori di entrambi i gruppi, che condividono anche la percezione di una serie
di antinomie e contrasti che ritengono caratterizzare la regione. La condivisione dell’esperienza esilica, da parte di russi ed ebrei, inoltre, tende ad accorciare la distanza percepita nei confronti dell’altro e
il progetto sionista, con la sua aspirazione a curare
la “malattia” diasporica, sembra avvicinare queste
due componenti di Russia abroad nella condivisione del sogno di un ritorno in patria, qualunque essa
sia.
Maria Gatti Racah, “La Palestina del mandato britannico: sguardi incrociati dal mondo russo”, eSamizdat,  (XI), pp. -
“E io non posso dimenticare che a noi russi è capitato in sorte il
destino degli ebrei: come loro, siamo dispersi per tutto il mondo,
come loro siamo perseguitati e equiparati a una ‘razza inferiore’,
che se non è proprio venuta in odio, è quanto meno venuta a noia
a tutti. [. . . ] Come agli ebrei un tempo, a noi ora si assegnano
zone di residenza, al di fuori delle quali iniziano le umilianti
conversazioni sui passaporti, sull’apolidia, sui visti e i permessi di
soggiorno. Come loro, anche noi abbiamo la nostra vagheggiata
Sion: la Russia”, M. Osorgin, “Dva Siona”, Evrejskaja tribuna,
26 giugno 1924, 188, pp. 1-2 (qui p. 1).
54
“Per noi questa Sion è decisamente inaccessibile. [. . . ] Da qui la
mia invidia. Invidia nei confronti di persone che fanno un lavoro
da galera su una zolla di terra che possono considerare propria,
la propria patria, per quanto artificiale, almeno la patria della loro
nazione. Invidia nei confronti di persone che hanno un futuro, o che
credono in esso, e che, ovviamente, in nome di questo lavorano.
Sia pure la Palestina soltanto una meravigliosa favola, davvero una
favola dà minor consolazione e delizia che la realtà? E davvero la
‘Russia futura’, dei cui sogni cercano di vivere gli emigranti, non
è altrettanto fantastica? E, in effetti, non lo è altrettanto, perché la
Palestina è assai più reale e verosimile di quella Russia”, Ivi, pp.
1-2.

Pietroburghesi in viaggio:
cultura popolare ed etnografia urbana
Emilio Mari
♦ eSamizdat  (XI), pp. - ♦
I selvaggi di Cooper in piena Parigi! La grande
città non è altrettanto misteriosa delle foreste del
nuovo mondo?
P. Féval, 1863
Percorrevo per chilometri le avenues di Manhattan, canali profondi dominati dai fantastici strapiombi dei grattacieli; mi avventuravo a caso nelle strade perpendicolari, la cui fisionomia variava
imprevedibilmente da un isolato all’altro: ora miserabile, ora borghese o provinciale, più spesso
caotica. [. . . ] New York – e di qui le veniva il suo
fascino e la specie di attrazione che esercitava –
era allora una città in cui tutto sembrava possibile. Ad immagine del tessuto urbano, il tessuto
sociale e culturale, era crivellato di fori. Bastava
sceglierli ed attraversarli per trovarsi, come Alice
dall’altra parte dello specchio, in mondi così pieni
d’incanto da parere irreali.
C. Lévi-Strauss, 1983
1. L’ ALTROVE A P IETROBURGO . A PPUNTI
UN ’ ETNOGRAFIA DA CAMERA
PER
cinanza] e otdalennost’ [lontananza], riservandosi
un facile accesso ai vantaggi della vita di campagna, senza tuttavia rinunciare alle comodità del suo
habitat quotidiano2 .
L’elemento “odeporico” svolge un ruolo preponderante nei parchi preromantico-paesaggistici di fine XVIII secolo (gli esempi più noti sono, nei dintorni di Pietroburgo, Pavlovsk e Carskoe selo). Osservando il panorama in movimento, il passeggiatore urbano si addentra in una foresta di simboli, segni di un altrove teatralizzato, coincidente ora
con l’elemento bucolico-agreste, ora con un più
storicizzato e localizzato ambiente esotico:
Il giardiniere romantico doveva ricreare nel giardino le impressioni di paesi diversi, dare a chi li frequentava l’illusione del
“viaggio” in paesi differenti e specialmente esotici. Da qui il
rinnovato interesse dei giardini romantici per l’antichità classica e il gotico, da qui il nuovo interesse per ogni genere di “cineserie” (il teatro cinese, la campagna cinese, i ponticelli e le
casette di Carskoe selo), e da qui l’interesse per la Turchia dei
giardini, come per le mascherate di eleganti dame e cavalieri
che in essi avevano luogo. In un certo senso si può dire che
i giardini del Romanticismo fossero giardini carnascialeschi, di
intrattenimento3.
A partire dagli anni Trenta del XIX secolo, con la
EL suo saggio Kamen’ i trava [La pietra e
progressiva apertura alle masse dei giardini di corl’erba], pubblicato postumo nel 1995 e frammento di un lavoro incompiuto sull’origine del fenomeno delle dacie pietroburghesi1 , Jurij Lotman
2
interpreta la costruzione dei grandi parchi imperiali In modo complementare, la comparsa, nei dintorni di Pietroburgo,
dei primi zagorodnye dvorcy (le prime dacie/usad’by nobiliari),
come un tentativo di importazione, attraverso l’ar- soddisfa l’esigenza di una “seconda corte” a uso stagionale, ubitificio architettonico, del byt e del paesaggio rurale cata in un altrove rurale costruito ad hoc, facilmente raggiungibile
dal centro-città: “La necessità estetica di introdurre il paesaggio
in quello urbano. Tramite l’edificazione del parco,
agreste nei parchi era talmente forte sia a Pavlovsk, che a Staryj
un’isola verde immersa nel territorio urbano e tutta- Peterhof, che nei parchi situati tra Novyj Peterhof e San Pietrovia ben separata da quest’ultimo, il dvorjanin sov- burgo (cioè in quei parchi di corte in cui non vi erano vere e proprie
necessità padronali) si approntarono ‘latterie’ e ‘fattorie’ a metà tra
verte le categorie spazio-temporali di blizost’ [vi- lo scenografico e l’autentico”, D. Lichačev, La poesia dei giardi-
N
1
Ju. Lotman, “Kamen’ i trava”, Lotmanovskij sbornik I, a cura di
E. Permjakov, Moskva 1995, pp. 79-84.
ni. Per una semantica degli stili dei giardini e dei parchi. Il
giardino come testo, a cura di A. Raffetto, Torino 1996, p. 273.
3
Ivi, p. 215.

eSamizdat 2016 (XI)
te (Ekateringof, Pavlovsk)4 e, soprattutto, con la
fondazione dei primi parchi di divertimento in pianta stabile (obščedostupnye uveselitel’nye sady),
l’esperienza della progulka [passeggiata] (e, insieme, del “viaggio” ideale) nel parco si democratizza
e si estende a un pubblico più vasto. Va considerato in questa prospettiva, ad esempio, il massiccio
reimpiego di elementi esotici, coloniali e retrospettivi nell’architettura dei parchi di divertimento cittadini (scelte stilistiche in linea con i criteri di nomenclatura: Vokzal Tajvani, Arban, Livadija, Pompej,
Aleksandrija, per citarne alcuni)5 . Nel contempo,
lo spazio del parco si connota come palcoscenico
di comédie humaine, luogo di incontro e confronto
fra classi sociali e minoranze etniche6 . Nell’očerk
intitolato Peterburgskie sady i ich etnografija [I
giardini pietroburghesi e la loro etnografia, 1887],
il giornalista e autore di feuilletons Vasilij Michnevič presenta un accurato censimento delle aree
verdi a Pietroburgo, catalogate secondo la dislocazione geografica (gorodskie/zagorodnye sady)
e, soprattutto, la composizione etnico-sociale del
pubblico richiamato7 .
Tuttavia, il parco paesaggistico e le sue evoluzioni tardo-ottocentesche non rappresentano per il
cittadino le uniche vie di fuga dalla quotidianità urbana, le uniche finestre aperte sull’altro e sull’altrove. Sin dalla fondazione di Pietroburgo, infatti, i luoghi del folclore e della cultura popolare si
4
I. Medvedev, V. Vize, Opisanie drevesnych nasaždenij gor.
Sankt-Peterburga, Sankt-Peterburg 1907; J. A. Buckler, Mapping St. Petersburg: Imperial Text and Cityshape, Princeton
2005, pp. 159-167.
5
E. Kiričenko, “K voprosu o poreformennych vystavkach Rossii kak
vyraženii istoričeskogo svoeobrazija architektury vtoroj poloviny
XIX v.”, Chudožestvennye processy v russkoj kul’ture vtoroj
poloviny XIX v., a cura di G. Sternin, Moskva 1984, pp. 83136; A. Konečnyj, “Peterburgskie obščedostupnye uveselitel’nye
sady v XIX veke”, Europa Orientalis, 1996 (XV), 1, pp. 3750; E. Uvarova, “Vokzaly, sady, parki”, Razvlekatel’naja kul’tura
Rossii XVIII–XIX vv. Očerki istorii i teorii, a cura di E. Dukov,
Sankt-Peterburg 2001, pp. 316-349.
6
Sullo sviluppo demografico di Pietroburgo: N. Juchneva,
“Peterburg-mnogonacional’naja stolica”, Staryj Peterburg.
Istoriko-etnografičeskie issledovanija, Leningrad 1982, pp.
7-51; Idem, Etničeskij sostav i etnosocial’naja struktura
naselenija Peterburga. Vtoraja polovina XIX-načalo XX veka,
Leningrad 1984; Idem, “Etničeskie men’šistva v Peterburge
(XVIII-XX vv.)”, Europa Orientalis, 1997 (XVI), 1, pp. 313-328.
7
V. Michnevič, Peterburgskoe leto, Sankt-Peterburg 1887, pp.
52-87.
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
fanno depositari di un ampio bagaglio di significati
generati dall’incontro/scontro fra la città e le varie
espressioni (territoriali e non) del non-urbano.
Come abbiamo rilevato in altra sede8 , l’origine
del fenomeno delle narodnye guljan’ja [fiere popolari] si inscrive nel quadro di una ritualità contadina
non ancora interamente scomparsa e rimpiazzata
dalle nuove forme del gorodskoj fol’klor [folclore
urbano]. In questa direzione si muovono gli studi di
Nikolaj Chrenov sugli aspetti cosmologici dei primi
guljan’ja9 (spazio-tempo della festa, rappresentazioni della stichija), o ancora le ricerche sociografiche condotte da Aleksej Levinson sull’origine mitologica/agreste di alcune componenti della fiera (karuseli, kačeli, ledjanye gory)10. Affacciandosi nei
primi guljan’ja, le classi più basse della popolazione urbana, composte in buona parte da vychodcy/pereselency [emigranti] dalle province e dalle
zone rurali, attualizzano la presenza della campagna all’interno della città, praticando e conservando
le forme rituali e spettacolari originatesi in essa.
Analogamente al caso del parco paesaggistico,
la liminarnost’ [liminarità] della fiera popolare non
si esplica unicamente sul piano del dualismo città/campagna. A partire dagli anni Trenta del XIX
secolo, con la completa urbanizzazione del fenomeno dei guljan’ja, il rapporto fra la fiera e l’altrove
non perde centralità, al contrario assume nuove forme e modalità di espressione. Con il diffondersi dello spettacolo del balagan, la fiera si apre in primo
luogo agli influssi della cultura europea occidentale.
Il genere della pantomima-arlecchinata, sviluppatosi nei théâtres de boulevard parigini, è introdotto a Pietroburgo nel 1830 e si afferma rapidamen-
8
E. Mari, “Lo sguardo dall’oblò. Paesaggio urbano e spazio altro
nel raek”, Tema e Variazioni. Quaderni di studi slavi, 1, a cura
di E. Dammiano, E. Gironi Carnevale, E. Mari, O. Trukhanova,
Napoli 2016, pp. 129-150.
9
N. Chrenov, “Balagan na gorodskoj ploščadi. Kosmologičeskij
aspekt”, Slavjanskaja tradicionnaja kul’tura i sovremennyj
mir: sbornik materialov naučno-praktičeskoj konferencii, II,
Moskva 1997, pp. 148-170; Idem, “Balagan v tradicionnoj
kul’ture: mif, prostranstvo, vremja”, Ivi, III, Moskva 1999, pp.
76-89.
10
A. Levinson, “Ot drevnego rituala – k gorodskim guljanijam”,
Tradicionnye formy dosuga: istorija i sovremennost’, V, a cura
di N. Chrenov, Moskva 1994, pp. 62-99.
E. Mari, Pietroburghesi in viaggio: cultura popolare ed etnografia urbana
te sulle scene dei guljan’ja11. Se scorriamo i titoli
dei canovacci redatti dal regista di balagan Aleksej
Alekseev-Jakovlev (1850-1939), conservati presso
la Sankt-Peterburgskaja Gosudarstvennaja Teatral’naja biblioteka [Biblioteca Statale di Teatro di
San Pietroburgo] e inventariati da Al’bin Konečnyj12 , noteremo il sistematico ricorso a motivi esotici, fiabeschi e picareschi, i numerosi riferimenti al
viaggio dell’eroe verso luoghi insoliti, lontani o irraggiungibili: V strane večnogo l’da, ili Ekspedicija k Severnomu poljusu na vozdušnom šare
[Nel paese dei ghiacci perenni, o Spedizione al Polo Nord in aerostato, 1896]; Putešestvie russkogo
kupca v Pariž, ili Obozrenie vystavki 1889 goda [Viaggio di un mercante russo a Parigi, o Resoconto dell’Esposizione del 1889, 1889]; Putešestvie na lunu. Parodija na rasskaz Žjul’ Verna
[Viaggio sulla luna. Parodia del racconto di Jules
Verne, 1886]. Contestualmente, si registra un’altra
tendenza, in contrasto solo apparente con la prima:
il crescente interesse verso gli ugolki, gli angoletti nascosti e inesplorati della grande città, ora meta di “viaggio” non meno appetibile dei classici loci dell’esotico: Vyigryš’ v 200.000, ili Putešestvie
po Peterburgu [Vinci 200.000 rubli, o Viaggio per
Pietroburgo, 1890]; Na beregach krasavicy Nevy
[Sulle rive della bella Neva, 1897]; Peterburg dnem
i nočju. Sovremennye tipy i kartiny šumnoj žizni stolicy i ee veselych ugolkov [Pietroburgo di
giorno e di notte. Tipi moderni e quadretti della
rumorosa vita della capitale e dei suoi allegri angoletti, 1888]; Moskva v tipach i kartinach [Mosca in tipi e quadretti, 1893]; Putešestvie v Moskvu na francuzskuju vystavku [Viaggio a Mosca
all’Esposizione francese, 1891].
È, infatti, questo il periodo in cui si diffonde a Pietroburgo la moda dei panoramy (o kosmoramy)13.
La variante popolare del panorama è rappresentata,
nei guljan’ja cittadini, dal teatrino ottico (raek o
potešnaja panorama). I lubki che scorrono all’in-

terno del raek ritraggono le vedute più disparate: le
moderne infrastrutture delle capitali europee (Parigi e Londra in primis), la fauna e la flora dei paesi
tropicali, le civiltà indigene raggiunte dal colonialismo, da una parte, e le piazze, i prospekty e i vicoli
di Pietroburgo, dall’altra14 .
In campo letterario, questo approccio paraetnografico alla nuova fenomenologia urbana conosce una notevole diffusione, a partire dagli anni Trenta del XIX secolo, nella pubblicistica e nella letteratura di massa (massovaja, lubočnaja
literatura; belletristika). Vediamo alcuni esempi:
a) i cosiddetti “testi-passeggiata” (progulki po
Nevskomu prospektu) di Faddej Bulgarin, Pavel
Jakovlev, Nikolaj Strachov, Vladimir Dal’ e Egor
Rastorguev, puntuali descrizioni in forma di baedeker della Pietroburgo paradnaja, compresa fra
l’Ammiragliato e il ponte Aničkov15 . Nell’incipit dell’očerk Čuvstvitel’noe putešestvie po Nevskomu prospektu [Viaggio sentimentale per il
Nevskij prospekt, 1828], Jakovlev scrive:
Но путешествовать по Невскому проспекту? Что это за
путешествие? Как? Разве нет путешествия в карма-
14
A distanza di alcuni decenni, il cinematografo raccoglie un’eredità
ben precisa e consolidata, facendo dell’esotismo – o meglio, dell’esoticità – uno dei suoi elementi peculiari. Sulle prime, questa
tendenza si manifesta ancora sul piano del repertorio, influenzando
i titoli, le locandine e il contenuto dei numerosi film-reportages a
carattere etnografico proiettati nei kinoški [cinemini] di periferia.
In un secondo tempo, con l’istituzione dei lussuosi cinematografi di centro-città (1907-1908), questa tendenza trova espressione
anche nell’organizzazione dello spazio della sala. Si può vedere in
questa luce l’introduzione, negli anni Dieci, del foyer: secondo una
diffusa concezione, il foyer doveva apparire allo sguardo inquieto
del flâneur come un rifugio nell’insidiosa “giungla” della metropoli. E di fatto, l’affastellarsi delle piante esotiche e degli arredi in stile
coloniale tramutava spesso i foyer dei cinematografi più blasonati
in piccole oasi “tropicali”. Si vedano Ju. Civ’jan, Istoričeskaja
recepcija kino. Kinematograf v Rossii 1896-1930, Riga 1991;
Kinematograf v Peterburge 1896-1917, a cura di A. Kovalova,
Ju. Civ’jan, Sankt-Peterburg 2011.
15
Anticipatori di tale approccio possono per molti aspetti considerarsi i due pamphlets in forma epistolare di Konstantin Batjuškov,
Progulka po Moskve [Passeggiata per Mosca, 1811-1812] e Progulka v Akademiju chudožestv [Passeggiata all’Accademia delle
Belle Arti, 1814]. Sul genere delle progulki si vedano: Progulki po Nevskomu prospektu v pervoj polovine XIX veka, a cura
di A. Konečnyj, Sankt-Peterburg 2002; Idem, “Progulki po Nev11
A. Konečnyj, “Pantomima-arlekinada na narodnych guljan’jach v
skomu prospektu”, Pietroburgo capitale della cultura russa –
Peterburge”, Europa Orientalis, 2000 (XIX), 2, pp. 103-113.
Peterburg stolica russkoj kul’tury, a cura di A. D’Amelia, Sa12
Peterburgskie balagany, a cura di Idem, Sankt-Peterburg 2000,
lerno 2004, I, pp. 349-366; A. D’Amelia, “Il trionfo della vista:
pp. 135-140.
i teatri ottici e i testi-passeggiata”, Idem, Paesaggio con figu13
Ju. Aljanskij, Uveselitel’nye zavedenija starogo Peterburga,
re. Letteratura e arte nella Russia moderna, Roma 2009, pp.
Sankt-Peterburg 1996, pp. 190-191.
85-103.

eSamizdat 2016 (XI)
ны, путешествия по комнате16 и мало ли каких других
путешествий? [. . . ]
Я путешествую по-своему. Кажется, никто еще не описывал своего путешествия по улицам города, в котором прожил пятьдесят лет, следовательно, я первый изобрел такой
род путешествия17.
Esempi più tardi, e ascrivibili solo in parte al genere delle progulki, sono la povest’ Žizn’ čeloveka
ili progulka po Nevskomu prospektu [Vita dell’uomo, ovvero Passeggiata per il Nevskij prospekt,
1843] di Dal’18 e le Zametki peterburgskogo turista [Appunti di un turista pietroburghese, 1856] di
Aleksandr Družinin19 .
b) I bozzetti fisiologici della “scuola naturale”
(natural’naja škola), grazie ai quali anche i più
tetri bassifondi della città divengono oggetto di studio e rappresentazione estetica. È interessante notare che spesso, in questi testi, i quartieri periferici sono concepiti come veri e propri villaggi urbani, enclaves para-esotiche nel paesaggio metropolitano, caratterizzate da usi e costumi alternativi a
quelli vigenti nel centro-città. È questo il caso della
Peterburgskaja storona del bozzetto omonimo di
Evgenij Grebenka, compreso nella raccolta nekrasoviana Fiziologija Peterburga [Fisiologia di Pietroburgo, 1845]. All’interno della Peterburgskaja storona la vita scorre lenta e secondo regimi
patriarcali come in provincia, l’elemento predominante è il legno, non v’è traccia dei marmorei ensembles, dei teatri stabili, delle gallerie commerciali, delle insegne edulcorate che decorano il Nevskij
prospekt. Raggiungere il centro-città, posto simbolicamente al di là del fiume e del ponte20 , significa
16
Il riferimento, ripreso anche nel titolo del presente paragrafo, è al
celebre romanzo Voyage autour de ma chambre (1794) di Xavier
de Maistre (1763-1852).
17
“Ma viaggiare per il Nevskij prospekt? E che razza di viaggio è?
Come? Davvero non esistono viaggi in tasca, viaggi intorno alla camera e altri simili tipi di viaggio? Io viaggio a modo mio. A
quanto pare, nessuno prima di me ha descritto il suo viaggio per
le strade della città in cui è vissuto cinquant’anni, e dunque, sono
io l’inventore di questo genere di viaggio”, Progulki, op. cit., pp.
25-26.
18
A. D’Amelia, “Il trionfo”, op. cit., p. 102.
19
S. Layton, “Russian Military Tourism. The Crisis of the Crimean
War Period”, Turizm. The Russian and East European Tourist
Under Capitalism and Socialism, a cura di A.E. Gorsuch, D.P.
Koenker, New York 2006, p. 52.
20
R. Casari, “Immagini del ponte. Per una ricognizione del ‘non
luogo’ nella letteratura russa”, Slavica Tergestina, 1996, 4, pp.
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
per gli abitanti dell’isola, in gran parte contadini e
provinciali inurbati, imbarcarsi in un vero e proprio
viaggio attraverso spazi culturali (in questo caso,
capitale/provincia).
c) Alcune opere ad ambientazione urbana dei
cosiddetti etnografy-belletristy: Nikolaj e Gleb
Uspenskij, Aleksandr Leviton, Fedor Rešetnikov21 .
Particolare successo, nei circoli democratici e populisti pietroburghesi, riscuotono inoltre le opere
del pubblicista, etnografo e folclorista Vasilij Slepcov. Fra queste, i bozzetti Nočleg. Podgorodnye sceny [Il dormitorio. Scene suburbane, 1863];
Sceny v bol’nice [Scene in ospedale, 1863]; Uličnye sceny [Scene di strada, 1864]; il dramma V
truščobach [Nei bassifondi, 1866].
d) Un certo filone di letteratura “di consumo” a
sfondo sociale, inaugurato dal romanzo di avventura Peterburgskie truščoby [I bassifondi di Pietroburgo, 1864-66] di Vsevolod Krestovskij. Assimilabili per alcuni versi a questo genere ibrido, caratterizzato dall’incontro delle componenti più propriamente fisiologiche/etnografiche con gli espedienti narrativi del racconto d’appendice, sono i
brevi sketches della letteratura lubok (lubočnaja
literatura). Fra le figure promotrici di questo vasto
– e in gran parte ancora inesplorato – mercato editoriale spicca Michail Evstigneev, autore di centinaia di volumetti ritraenti con ironia il byt e i luoghi
tipici della socialità urbana (ad esempio, Panorama tolkučego rynka [Panorama del mercato delle
pulci, 1858]).
In generale, è intorno alla metà del XIX secolo che si registrano i primi tentativi di divulgazione e “popolarizzazione” del sapere e delle pratiche
etnografiche.
Nel 1864 è fondata a Mosca, sotto il patrocinio
dell’Università Imperiale, la Società degli Amatori delle Scienze naturali, dell’Antropologia e dell’Etnografia (Obščestvo Ljubitelej Estestvoznanija, Antropologii i Etnografii). Pur non rappresentando la più antica istituzione in tale ambito22 , l’O145-152.
S. Tokarev, Istorija russkoj etnografii, Moskva 2015, pp. 354359.
22
La prima organizzazione russa attiva nel campo dell’antropologia è
la Società Geografica Russa [Russkoe Geografičeskoe Obščestvo],
21
E. Mari, Pietroburghesi in viaggio: cultura popolare ed etnografia urbana
bščestvo si mostra in grado di interpretare, più delle precedenti, l’esigenza di una revisione in senso
“democratico” e utilitaristico dell’attività scientifica. Con tali presupposti, l’organizzazione si impegna nell’allestimento della prima esposizione etnografica russa, inaugurata a Mosca il 23 aprile 1867.

L’altro elemento di innovazione riguarda l’approccio al materiale etnografico: come già nei panorami e nella belletristika, l’interesse si estende
sempre di più alle forme di alterità “interna”, rappresentate nell’esposizione da uno specifico padiglione slavo. Qui trovano collocazione manufatti e
reperti afferenti alle zone rurali della Slavia meridionale e occidentale, ma anche accurate ricostruzioni
di pratiche rituali e festive all’epoca ancora diffuse
nei dintorni delle due capitali russe:
Мы начинали почти всегда с изучения предметов чужих, если и со своих, то чужими средствами. С малейшею подробностью изучали мы все чужое и оставляли как-то в стороне
наше родное, с чего бы следовало начать. Идея учреждения этнографической выставки наконец наводит на настоящий путь; какой результат будет иметь ее выполнение в деле
народного образования, мы увидим и увидим, мне кажется,
весьма скоро24 .
Fig. 1. Russkaja etnografičeskaja vystavka, Moskva 1867
[cartolina]
Articolandosi come un grande percorso tematico attraverso reperti, tableaux vivants e diorami a
grandezza naturale, la mostra doveva produrre nel
visitatore l’impressione fisica di un viaggio, inducendolo così a una riflessione più immediata e durevole di quella offerta dalla letteratura etnografica
coeva:
Fig. 2. Russkaja etnografičeskaja vystavka, Moskva 1867
Опыт показал, что ни публичные лекции, ни популярные сочинения не могут так ознакомить публику с главнейшими антропологическими данными и заинтересовать ее антропологическими сведениями, как подобные поглядные и изящные
коллекции. [. . . ]
Группы племен должны быть размещены в их географической последовательности, так чтобы зритель, попавший с
обитателей полярных стран и постепенно переходя к тропическим, мог составить себе понятие о размещении племен на земном шаре. Группы различных племен могут быть
окружены типическими растениями и животными тех же
местностей23.
[cartolina]
antropologiche, come queste eleganti collezioni illustrative. I gruppi di tribù devono essere disposti in ordine geografico, così che lo
spettatore, muovendosi dagli abitanti delle terre polari a quelli dei
tropici, possa farsi un’idea della distribuzione delle tribù sul globo terrestre. I diversi gruppi tribali potranno essere circondati da
piante tipiche e animali locali”, Etnografičeskaja vystavka 1867
goda Imperatorskogo Obščestva Ljubitelej Estestvoznanija,
Antropologii i Etnografii, Moskva 1878, p. 1.
24
“Abbiamo cominciato quasi sempre dallo studio dei reperti altrui, e
se dei propri, con metodi altrui. Con grande meticolosità abbiamo
studiato tutto l’altrui e lasciato in disparte tutto il proprio, da cui
saremmo dovuti partire. L’idea di istituire la mostra etnografica
fondata a Pietroburgo nel 1845. Ivi, pp. 398-404.
23
“L’esperienza ha dimostrato che né le lezioni pubbliche, né la letfinalmente ci indirizza sulla retta via; quali conseguenze avrà la sua
teratura popolare possono instillare nel pubblico le nozioni antrorealizzazione nell’ambito dell’educazione popolare lo vedremo, e lo
pologiche basilari e sollecitare in esso l’interesse per le conoscenze
vedremo, credo, molto presto”, Ivi, p. 25.

eSamizdat 2016 (XI)
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
A Pietroburgo, il legame fra esposizioni etnografiche e cultura popolare si esprime con ancora maggiore evidenza. Sulla scia delle prime esposizioni
coloniali e, soprattutto, degli zoos humains, tristemente di moda nelle capitali europee25 , il Giardino Zoologico accoglie nel 1867 la prima mostra
etnografica itinerante, portata in tournée dall’impresario tedesco Carl Hagenbeck. L’evento richiama decine di migliaia di pietroburghesi, in gran
parte appartenenti ai ceti medio-bassi26 . Alcuni decenni dopo, agli inizi del Novecento, l’allestimento delle esposizioni prosegue con altrettanto successo in un altro dei luoghi simbolo della
razvlekatel’naja kul’tura [cultura dell’intrattenimento] tardo-imperiale, il Luna-park di via Oficerskaja, trasformato per l’occasione in villaggio turistico ante-litteram, “giungla” urbana e luogo di
esibizione dell’altro27 .
Mediante un rapporto teatralizzato (e, nei casi
più inquietanti, mercificato) con l’altro e con l’altrove, la nuova cultura urbana comincia ad affermare
la propria specificità rispetto al mondo circostante, affinando gradualmente quello “sguardo da lontano” che costituisce, secondo Lévi-Strauss, uno
dei presupposti ineludibili di qualsiasi prospettiva Fig. 3. Derevnja Somali, Luna-park, Sankt-Peterburg
[cartolina]
antropologica28 .
2. P IETROBURGO
E L ’ ALTROVE .
F ERROVIE
E
CULTURA POPOLARE
25
Zoos humains. De la Vénus Hottentote aux reality show, a
cura di G. Boëtsch, É. Deroo, S. Lemaire, Paris 2002 (trad. it.
Zoo umani. Dalla Venere ottentotta ai reality show, Verona
2003); Exotiques expositions. . . Les expositions universelles
et les cultures extra-européens. France, 1855-1937, a cura di
C. Demeulenaere-Douyère, Paris 2010; Exhibitions, L’invention
du sauvage, a cura di L. Thuram, N. Snoep, P. Blanchard, G.
Boëtsch, Arles 2011; V. Domenici, Uomini nelle gabbie. Dagli
zoo umani delle Expo al razzismo della vacanza etnica, Milano
2015.
26
E. Denisenko, Ot zverincev k zooparku. Istorija Leningradskogo zooparka, Sankt-Peterburg 2003, pp. 69-72.
27
Presso il Fondo I.P. Čurakova della Biblioteca Nazionale Russa
è conservata una serie di cartoline ritraenti il “Villaggio somalo”
[Derevnja Somali] allestito nel Luna-park di via Oficerskaja.
28
“Lo sguardo da lontano è gelido e intransigente: sulla scia delle scienze naturali, l’antropologia tende a ‘disumanizzare’ il suo
oggetto”. E. Guglielminetti, Metamorfosi nell’immobilità, Milano 2000, p. 150; C. Lévi-Strauss, Antropologia strutturale
due, Milano 1978, pp. 329-353; Idem, Lo sguardo da lontano.
Antropologia, cultura, scienza a raffronto, Torino 1984.
Ci siamo sinora soffermati sulle diverse accezioni di alterità e su alcune tipologie di “viaggio” che
si sviluppano all’interno di Pietroburgo fra il XIX
e l’inizio del XX secolo. Si è trattato, in tutti i casi
riportati, di localizzare un altrove domestico o “addomesticato”, raggiungibile per lo più a piedi e in
tempo breve, ma spesso non meno denso di tensioni
e significati dell’altrove propriamente detto.
Amplieremo ora la scala territoriale e volgeremo
lo sguardo ai processi di ridefinizione dei rapporti
fra la città e i paesaggi culturali circostanti, ovvero,
in ordine di lontananza, le zone di villeggiatura, la
campagna, la provincia. Focalizzeremo l’attenzione sullo sviluppo delle reti ferroviarie, poiché queste
agiscono sui processi descritti in modo particolar-
E. Mari, Pietroburghesi in viaggio: cultura popolare ed etnografia urbana
mente complesso. Sul piano “interno”, come rileva Jane Jacobs, la presenza della ferrovia accresce
la parcellizzazione e lo smembramento del tessuto
urbano, favorendo la formazione di vuoti, enclaves
e zone di confine:
Sebbene spesso i confini siano considerati come dati di fatto
passivi, cioè come semplici delimitazioni di zone, in realtà essi hanno un influsso attivo sull’ambiente urbano. Un esempio
classico di confine è dato dalle linee ferroviarie, che infatti già da
lungo tempo hanno assunto [. . . ] il significato di confine anche
sociale. [. . . ] Nel caso di una ferrovia, può darsi che il quartiere che si estende da un lato di essa sia in condizioni migliori o
peggiori di quello posto dall’altro lato; ma le zone che materialmente si trovano nelle peggiori condizioni sono di regola quelle
che affacciano direttamente sui due lati della sede ferroviaria.
Ogni aumento di vitalità e di diversità, ogni iniziativa di rinnovo
e di rifacimento si ha di solito, da entrambi i lati, all’esterno della
fascia immediatamente adiacente ai binari29 .
Sul piano dei rapporti “esterni”, lo sviluppo delle
ferrovie contribuisce notevolmente alla ridefinizione
di alcune categorie caratterizzanti la cultura russa
imperiale. Fra queste, la dicotomia e il divario, apparentemente incolmabile, fra capitale e provincia,
stoličnost’ e provincial’nost’, riflesso diretto della
proverbiale sconfinatezza dello spazio russo, come
di secolari politiche centralizzatrici30 .
Con la costruzione delle prime strade ferrate le
distanze e il tempo subiscono un’improvvisa compressione31 . Ciò che era prima raggiungibile solo
a prezzo di lunghe e rischiose immersioni nel paesaggio rurale/provinciale si scopre ora sempre più
alla portata del cittadino. L’utopia bylinica della bystraja ezda (la percorrenza veloce del čistoe pole
[campo aperto])32 pare, almeno in un primo tempo,
realizzarsi nel progresso tecnologico e industriale. Al tempo stesso, l’estenuante ricerca di intimità domestica (il richiamo della pečka [stufa], irresistibile per l’eroe delle fiabe popolari), altra faccia
dell’atteggiamento tipico dei russi di fronte all’incommensurabilità dello spazio, trova parziale soddisfazione nel tepore del treno, nel confortevole in-

térieur delle carrozze33 . Negli anni Cinquanta del
XIX secolo, i raešniki radunatisi nei guljan’ja pietroburghesi commentano così l’apertura della ferrovia Nikolaevskaja: “Вагон, в котором мы сидим,
представляет целый многолюдный дом со всеми
его удобствами”34 . Un lubok di Ivan Golyšev dello
stesso periodo recita: “Деньги отдал лишь на месте, сел, вздремнул и верст за двести очутишься
ты как раз через полчаса иль час. Ну уж, дивная
лошадка, богатырская ухватка!”35 .
Fig. 4. Železnaja doroga, Moskva 1874 [lubok]
Lo spazio angusto della carrozza si caratterizza
rapidamente come luogo di mediazione fra classi e
“culture” diverse. L’incontro fra l’uomo di città e il
“paesano”, costretti loro malgrado a condividere lo
stesso scompartimento, offre alla pubblicistica e alla massovaja literatura dell’epoca un inesauribile campionario di situazioni comiche e impreviste.
In questo filone si inseriscono, ad esempio, il racconto Na železnoj doroge [Sulla ferrovia, 1862] e
il dramma V vagone tret’ego klassa [Nel vagone di
terza classe, 1867] di Vasilij Slepcov; i brevi sketches Konduktor železnych dorog [Il macchinista
ferroviario, 1869] e Vagon tret’ego klassa [Il vagone di terza classe, 1872] di Michail Evstigneev; i
29
J. Jacobs, Vita e morte delle grandi città, Torino 1969, p. 240.
O. Frolova, “Obraz provincii u Andreja Platonova (na materiale
rasskazov 1920-ch gg.)”, Dalla provincia remota. Riflessioni
su testi della cultura russa dal XVIII al XXI secolo, a cura di C.
Scandura, O. Discacciati, Roma 2015, p. 40.
31
W. Schivelbusch, Storia dei viaggi in ferrovia, Torino 1988; J. N.
Westwood, A History of Russian Railways, London 1964.
32
G. P. Piretto, Indirizzo: Unione Sovietica. 25 luoghi di un altro
mondo, Milano 2015, p. 36.
30
33
Ivi, p. 29.
“Il vagone in cui sediamo è un’intera casa affollata, con tutte le comodità”, Peterburgskij raek, a cura di A. Konečnyj,
Sankt-Peterburg 2003, p. 72.
35
“I soldi li hai dati sul posto, ti sei seduto, hai schiacciato un sonnellino e dopo mezz’ora o un’ora ti sei ritrovato duecento verste più
in là. Stupendo cavallino, destrezza di bogatyr’!”.
34

eSamizdat 2016 (XI)
racconti V vagone tret’ego klassa [Nel vagone di
terza classe, 1874], V vagone [Nel vagone, 1874]
e Ot Peterburga do Kolpina [Da Pietroburgo a
Kolpino, 1879] di Nikolaj Lejkin.
Analogamente alla carrozza, anche la stazione
acquisisce, in rapporto all’ambiente circostante, lo
status privilegiato di “extraterritorialità”. Come un
universo a sé stante, il complesso ferroviario, in alcuni casi autentico villaggio (poselok železnodorožnikov), si distacca dalla città in virtù del suo
particolare rapporto con lo spazio e il tempo:
А за рекой, за городом, широко раскинулось на низменности
Заречье: это целый особый город и целое железнодорожное
царство, где день и ночь, волнуя тягой вдаль, туда, куда косяками тянутся теперь под сумрачным холодным небом гуси,
требовательно и призывно, грустно и вольно перекликаются
в студеном, звонком воздухе паровозы, где стоит вокзал, тоже волнующий своими запахами жареных пирожков, самоваров, кофе, смешанными с запахом каменноугольного дома,
то есть тех паровозов, что день и ночь расходятся от него во
все стороны России...36
Soprattutto negli angoli più remoti della provincia russa, la stazione ferroviaria costituisce uno dei
pochi, se non l’unico punto di contatto con la stoličnost’. Al suo interno si osservano i rapidi convogli in transito dalle grandi città, ci si incontra o
ci si accomiata per sempre in cerca di fortuna, talora circondati da architetture e arredamenti inconsueti, persino lussuosi se percepiti sullo sfondo della
miseria del paesaggio locale:
Экстерриториальность вокзала хорошо видна и в архитектуре. При всех различиях между такими городами, как Бологое, Акуловка, Тверь, Чудово, Вышний Волочок, их вокзальные сооружения однородны – весь комплекс Николаевской
железной дороги, все здания вокзалов, разнообразных служб
и павильонов проектировал К. Тон. Подобная однородность
характерна и для всех дорог37.
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
Fig. 5.
Finljandskaja železnaja doroga, Pargolovo
(Sankt-Peterburgskaja gubernija) [cartolina]
In altri casi, e più frequentemente, il miraggio
di stoličnost’ si materializza e si dissolve sulla disadorna banchina di una stazioncina di passaggio,
uno dei tanti polustanki disseminati lungo le tratte
russe38 . Nelle stazioni di provincia il classico cronotopo locale, scandito dall’inerzia del moto e dalla penuria degli avvenimenti, sembra capovolgersi
nella vitalità eccedente tipica delle grandi città.
Se l’edificazione delle grandi ferrovie favorisce il
rinsaldarsi dello iato apertosi fra capitale e provincia
(un processo a tutt’oggi in larga parte incompiuto),
la comparsa delle prime linee suburbane agisce sulle okrestnosti [dintorni] delle grandi città in modo
per molti versi analogo.
In seguito all’apertura delle ferrovie Carkosel’skaja (1837) e Finljandskaja (1870), le campagne
a sud e a nord di Pietroburgo sono coinvolte in vasti processi di urbanizzazione e conversione in aree
di villeggiatura. È in questo arco di tempo, infatti,
che si afferma il concetto moderno di dacia, intesa come piccola abitazione a uso stagionale (in alcuni casi autentica izba), situata in uno spazio in-
36
“Oltre il fiume poi, oltre le città, si è steso ampio sopra una bassa
pianura Zareč’e: è un’intera città a sé, tutto un regno di ferrovieri, dove giorno e notte – turbando col desiderio di andar là, dove si
dirigono ora sotto il cielo cupo e freddo le oche – imperiose, esigenti, tristi e libere le locomotive si chiamano a vicenda nell’aria
gelida e sonora; dov’è la stazione che pure turba con i suoi odori
– di pasticcini fritti, di samovar, di caffè – mescolati all’odore del
fumo del carbon fossile, vale a dire di quei treni che giorno e notte
di là si diramano verso ogni parte della Russia”, I. Bunin, La vita
di Arsen’ev, trad. it. di E. Lo Gatto, Milano 1966, p. 161.
37
“L’extraterritorialità della stazione è particolarmente evidente nell’architettura. Nonostante tutte le differenze che intercorrono fra
città quali Bologoe, Akulovka, Tver’, Čudovo, Vyšnij Voločok, le
strutture ferroviarie sono ovunque le stesse: l’intero complesso
della ferrovia Nikolaevskaja, tutti gli edifici delle stazioni, i vari uffici e i padiglioni sono stati progettati da K. Ton. Una simile uniformità caratterizza tutte le ferrovie”, T. Klubkova, P. Klubkov, “Provinzializmy i provincial’nyj slovar’”, Russkaja provincija: mif – tekst – real’nost, a cura di A. Belousov, T. Civ’jan,
Moskva-Sankt-Peterburg 2000, p. 143.
38
Caso esemplare di polustanok è Bologoe, centro della ferrovia Nikolaevskaja, equidistante da Pietroburgo e Mosca. M. Achmetova,
M. Lur’e, “Bologoe: meždu stolicej i stolicej”, “V glubine Rossii. . . ” St. i materialy o russkoj provincii: XIX Fetovskie čtenija, a cura di N. Kokovina, M. Stroganov, A. Belousov, Kursk 2005,
pp. 165-177; Idem, “Materialy bologovskich ekspedicii 2004 g.”,
Antropologičeskij forum, 2005, 2, pp. 336-357.
E. Mari, Pietroburghesi in viaggio: cultura popolare ed etnografia urbana

termedio (promežutočnoe prostranstvo) fra l’urbano e il rurale39 . Nel giro di pochi decenni, l’esodo estivo verso la dacia si trasforma da prerogativa
delle élites a fenomeno culturale di massa, pratica
identitaria del nuovo ceto medio urbano:
До конца XVIII века жили на дачах или в загородных домах,
только цари, владетельные князья, вельможи и первостатейные богачи. Дворянство уезжало из города на лето в свои поместья; чиновники прогуливались в публичных садах или выезжали за город с семействами подышать чистым воздухом;
купцы и ремесленники не дерзали переселяться из своей лавки, конторы или мастерской. Одним словом, горожане жили и зимою и летом в городе, в городской черте, и только по
праздникам, в хорошую погоду, прогуливались за городом40.
Fig. 6. Sofijskaja ulica, Šuvalovo (Sankt-Peterburgskaja
gubernija) [cartolina]
La costruzione delle ferrovie a corto e medio raggio rimodella, dunque, il paesaggio agrario, favozioni (vokzaly), trattorie (traktiry), parchi di direndo la formazione di agglomerati misti, carattevertimento, teatri, café-chantants e palcoscenici
rizzati dall’incontro della cultura rurale con quella
all’aperto (estrady), nuovi condensatori sociali in
urbana.
grado di attrarre un pubblico sempre più vasto e
All’epicentro di questi nuovi insediamenti si col- variegato:
Едва только Петербургские улицы очистились от снега и
locano, spesso, i luoghi della cultura popolare: sta-
Иван Иванович Излер известил публику о начале летнего
сезона, со всех сторон Петербурга – несмотря ни на холод,
ни на отсутствие правильного летнего сообщения с дачами
– вереницы возов c мебелью и разною домашнею рухлядью
потянулись по направлению за город [. . . ].
“Элизиум” – немецкий ресторан и “Фонарики” – техническое название виноторговли, в жизни Новодеревенских
дачников играют не последнюю роль? Они не раз были
свидетелями столкновения двух национальностей41.
В состав аркадийско-ливадийской уличной публики входят представители всевозможных классов, племен, наречий,
состояний42.
39
Solo negli ultimi quindici anni la critica culturologica ha manifestato interesse per il fenomeno della dacia. Indichiamo di seguito
alcuni lavori di riferimento: S. Lovell, Summerfolk. A History
of the Dacha, 1710-2000, New York 2003; The Dacha Kingdom.
Summer Dwellers and Dwellings in the Baltic Area, a cura di
N. Baschmakoff, M. Ristolainen, Helsinki 2009; P. Deotto, “Peterburgskij dačnyj byt XIX v. kak fakt massovoj kul’tury”, Europa Orientalis, 1997 (XVI), 1, pp. 357-371; Idem, “Iz gorodskoj grjazi na prirodu: gorod i dača”, Studia Litteraria PolonoSlavica, 1999, 4, p. 145-154; Idem, “Dačnaja tradicija v Serebrjanom veke”, Pietroburgo Capitale della cultura russa /Peterburg Stolica russkoj kultury, a cura di A. D’Amelia, Salerno
2004, pp. 335-48; Idem, “Dacia e usadba. Spazi e modelli culturali a confronto”, Il mondo delle usadby. Cultura e natura
nelle dimore nobiliari russe XVIII-XIX sec., a cura di M.L. Dodero, Milano 2007, pp. 89-100; Idem, “La dacia come spazio dellinfanzia”, eSamizdat, 2007 (V), 3, pp. 289-294; M.L. Caldwell,
Dacha Idylls: Living Organically in Russia’s Country, University of California Press, Berkeley 2010; O. Malinova-Tziafeta, Iz
goroda na daču. Sociokul’turnye faktory osvoenija dačnogo
prostanstva vokrug Peterburga (1860-1914), Sankt-Peterburg
2013.
40
“Fino alla fine del XVIII secolo vivevano nelle dacie e nelle case
fuori città soltanto gli zar, i principi ereditari, i dignitari di corte e
i ricchi di prim’ordine. D’estate l’aristocrazia lasciava la città per
le proprie tenute; gli impiegati passeggiavano nei parchi pubblici oppure andavano con la famiglia fuori porta a respirare un po’
d’aria pura; i mercanti e gli artigiani non osavano lasciare le botteghe, gli uffici, i laboratori. In poche parole, i cittadini vivevano
sia d’inverno sia d’estate in città, entro i limiti urbani, e solo in occasione delle feste, con il bel tempo, passeggiavano fuori città”, F.
Bulgarin, “Dači”, Severnaja pčela, 9 agosto 1837, cit. in A. Konečnyj, “Peterburgskie dači”, Antropologičeskij forum, 2005, 3,
pp. 444-445.
Tali fenomeni di ibridazione culturale si presentano, nelle zone di villeggiatura, in varie forme e declinazioni. Nel suo studio sull’edilizia residenziale stagionale del governatorato di Pietroburgo fra il
XVIII e l’inizio del XX secolo, Ol’ga Černych classifica gli insediamenti in: a) dačnye prigorody, ovvero le aree incluse nei primi piani regolatori di Pie41
“Non appena le strade di Pietroburgo si ripulivano dalla neve e Ivan
Ivanovič Izler annunciava al pubblico l’apertura della stagione estiva, da ogni angolo di Pietroburgo, nonostante il freddo e l’assenza
di adeguate vie di comunicazione con le dacie, file di carri carichi di
mobili e ciarpame vario si dirigevano fuori città. [. . . ] Il ristorante
tedesco Elizium e la vineria denominata Fonariki svolgono un ruolo non trascurabile nella vita dei villeggianti di Novaja Derevnja.
Non di rado sono stati testimoni dello scontro fra due nazionalità”,
Peterburgskie dači i dačniki, I, Sankt-Peterburg 1867, pp. 3, 8.
42
“Nel pubblico di strada dell’Arkadija e del Livadija sono presenti
rappresentanti di tutte le classi, le tribù, le parlate e le condizioni”,
V. Michnevič, Peterburgskoe leto, op. cit., p. 64.

eSamizdat 2016 (XI)
troburgo (ad esempio, le “isole”) e le dacie/usad’by
settecentesche (Petergof, Oranienbaum, Pavlovsk,
Carskoe selo); b) dačnye derevni, composte da
abitazioni rurali date in affitto per il periodo estivo; c) dačnye mestnosti, ex villaggi di contadini
o tenute nobiliari dismesse, trasformati in località
di villeggiatura; d) dačnye poselki, insediamenti
destinati sin dall’origine all’utilizzo stagionale43 .
La penetrazione della cultura urbana produce effetti altrettanto rilevanti nelle campagne più distanti. Risalgono al periodo immediatamente successivo all’emancipazione del 1861 i primi fenomeni
di “pendolarismo” e di lavoro stagionale nelle fabbriche (letnie zarabotki). Nel 1869 sono censiti a Pietroburgo 207.007 contadini, pari a oltre un
terzo della popolazione complessiva44 . Rientrando periodicamente nelle campagne, questi migranti
si facevano, in un certo senso, pionieri della cultura urbana all’interno delle comunità di provenienza.
La crescita esponenziale di tali flussi è considerata, dalle élites cittadine, una delle principali cause
della degenerazione dei costumi nei villaggi e della progressiva scomparsa delle tradizioni autoctone. Sono frequenti, nei resoconti etnografici di fine
XIX secolo, i riferimenti al dilagare nelle campagne
dei fenomeni del chuliganstvo [teppismo], dell’alcolismo e del gioco d’azzardo, al diffondersi di nuovi
riti, feste e balli di origine urbana, a discapito delle
pratiche locali (posidelki, chorovody)45.
Esemplare, in tal senso, è il dibattito che si sviluppa intorno alla presunta corruzione stilistica e
formale della canzone popolare46 . Negli anni Set43
O. Černych, Dačnoe stroitel’stvo Peterburgskoj gubernii XVIIInačala XX vv., Sankt-Peterburg 1993, pp. 38-43; S. Lovell,
Summerfolk, op. cit., pp. 59-60.
44
J.H. Bater, St. Petersburg. Industrialization and Change,
Montreal 1976, pp. 128-149.
45
S.P. Frank, “‘Simply Folk, Savage Customs?’ Youth, Sociability,
and the Dynamics of Culture in Rural Russia, 1856-1914”, Journal of Social History, 1992 (XXV), 4, pp. 711-736, Idem, “Confronting the Domestic Other: Rural Popular Culture and its Enemies in Fin-de-Siècle Russia”, Cultures in Flux. Lower-class
Values, Practices and Resistance in Late-Imperial Russia, a
cura di S.P. Frank, M.D. Steinberg, Princeton 1994, pp. 74-107;
J. Von Geldern, “Life In-Between: Migration and Popular Culture
in Late Imperial Russia”, The Russian Review, 1996 (LV), 3, pp.
365-383.
46
T. Jakunceva, “Spor o ‘staroj’ i ‘novoj’ pesne (iz istorii fol’kloristiki
konca XIX veka”, Fol’klor Urala, V, Sverdlovsk 1980, pp. 122-
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
tanta, i generi classici del canto popolare (byliny,
ballady, obrjadovye pesni) scompaiono nelle zone rurali, scalzati dai nuovi generi post-folclorici
dello stornello (častuška) e della romanza cittadina (gorodskoj romans). Nel suo libello Izvraščenie narodnogo pesnotvorčestva [La degenerazione della creazione musicale popolare, 1882], Vasilij
Michnevič denuncia:
Нельзя отрицать того грустного факта, что распространение цивилизации в народе тем путем и теми способами, какими оно до сих пор совершалось и совершается, сопровождается множеством крайне неблагоприятных в
нравственно-бытовом отношений последствий. [...]
Мы говорим, именно, о той “образованности”, которая так
неприятно поражает наблюдателя, например, в наших горожанах низших классов. Но так как наш горожанин этого
слоя, особенно в столице, тот же крестьянин – выходец из
“деревни”, с которою он продолжает иметь частые сношения,
то понятно, что эта антипатичная “образованность” широкой
рекой разливается по всему лицу земли русской. [...]
Промышленное движение идет преимущественно по главным
искусственным путям сообщения – по направлению железных дорог. [...] Во всех этих местах, если не исчез прежний патриархальный земледельческий тип русского селянина, то, во всяком случае, сильно исказился и стал вытесняться новым типом “фабричного крестьянина”, по удачной
квалификации известного этнографа г. Нефедова47 .
La častuška, in particolare, gode di una parziale riabilitazione soltanto a partire dai primi anni del
XX secolo, a seguito della diffusione delle prime
raccolte e dei primi studi specialistici sul tema48 .
129; R. A. Rothstein, “Death to the folk song?”, Cultures, op. cit.,
pp. 108-120.
47
“Non si può negare il triste fatto che la diffusione della civiltà fra
il popolo, nelle modalità con cui si è svolta finora e continua a
svolgersi, comporta una moltitudine di conseguenze estremamente
dannose nei rapporti morali e quotidiani. [. . . ] Ci riferiamo, precisamente, a quella ‘istruzione’ che si osserva, ad esempio, nei nostri
cittadini delle classi più basse. Ma considerato che il nostro cittadino di tale estrazione, soprattutto nella capitale, è il contadino
stesso, emigrato dalla campagna, con la quale egli mantiene rapporti frequenti, allora si capisce perché questa antipatica ‘istruzione’ si sparge come un fiume in piena per tutta la terra russa. [. . . ] Il
movimento industriale si diffonde principalmente attraverso le principali vie di comunicazione artificiali, le ferrovie. [. . . ] In tutti questi
luoghi, dove non è scomparso il precedente tipo di contadino russo,
patriarcale e agricolo, quantomeno si è deformato fortemente, gradualmente rimpiazzato da un nuovo tipo di ‘contadino di fabbrica’,
secondo la fortunata definizione del celebre etnografo Nefedov”, V.
Michnevič, “Izvraščenie narodnogo pesnotvorčestva”, Idem, Istoričeskie etjudy russkoj žizni. T. 2, Sankt-Peterburg 1882, pp.
379-380, 386-387.
48
D. Zelenin, Novye vejanija v narodnoj poezii, Moskva 1901;
Idem, “Čerty sovremennogo byta po ‘častuškam’”, Russkie vedomosti, 8 gennaio 1903; V. Knjazev, Žizn’ molodoj derevni. Častuški-korotuški S.-Peterburgskoj gubernii, Sankt-
E. Mari, Pietroburghesi in viaggio: cultura popolare ed etnografia urbana
Attualmente, essa è compresa come fenomeno di
transizione, “ponte” fra il mondo rurale e l’urbano, espressione tipica di una cultura “terza” (tret’ja kul’tura)49 sviluppatasi ai margini delle ferrovie, nei sobborghi operai, nelle Case del Popolo
(Narodnye doma), nelle bettole e nei parchi-teatro
di periferia. Riflettendo lo spaesamento e la vertigine dell’individuo affacciatosi sulla modernità, la častuška si fa, in tal senso, genere di “viaggio”, strumento di autorappresentazione e rinegoziazione di
identità culturale.
Come abbiamo visto, prima in ambito urbano e
www.esamizdat.it
poi in ambito rurale/provinciale, il folclore e la cultura popolare si fanno depositari dei profondi mutamenti che investono il paesaggio culturale russo fra
il XIX e l’inizio del XX secolo, del sorgere di nuove
tensioni relazionali fra urbano (gorodskoe) e nonurbano (vnegorodskoe), domestico e “selvaggio”,
ospitale e ostile, kosmos e chaos. Dispiegandosi
su un territorio solcato da stratificazioni più o meno recenti e rimodellate nei suoi rapporti topologici
e prospettici, anche le pratiche di “esplorazione” e
“viaggio” acquistano nuovi significati e si prestano
a nuove interpretazioni.
Emilio Mari, “Pietroburghesi in viaggio: cultura popolare ed etnografia urbana”, eSamizdat,  (XI), pp. -
Peterburg 1913; Sbornik derevenskich častušek, a cura di V.
Simakov, Jaroslavl’ 1913; S. Lazutin, Russkaja častuška. Voprosy proischoždenija i formirovanija žanra, Voronež 1960;
Častuški, a cura di F. Selivanova, Moskva 1990.
49
Sulla nozione di “cultura terza”, vivacemente discussa negli ultimi
anni, vedi V. Prokof’ev, “O trech urovnjach chudožestvennoj kul’tury Novogo i Novejšego vremeni (k probleme primitiva v izobrazitel’nych iskusstvach”, Primitiv i ego mesto v chudožestvennoj kul’ture Novogo i Novejšego vremeni, a cura di V. Prokof’ev,
Moskva 1983, pp. 6-28.

Spostando la Grecia a Est:
Uchtomskij e il viaggio dello carevič Nicola
Martina Morabito
♦ eSamizdat  (XI), pp. - ♦
UESTO articolo si propone di analizzare
l’immagine della Grecia all’interno del libro di Esper Esperovič Uchtomskij (1861-1921)
Putešestvie na Vostok Ego Imperatorskogo
Vysočestva Gosudarja Naslednika Cesareviča
[Viaggio in Oriente di Sua Altezza Imperiale, lo
Carevič Erede al Trono, 1893], incentrato sul viaggio che Uchtomskij intraprese insieme al futuro zar
Nicola II nel 18901 . Sebbene il volume sia quasi
totalmente dedicato a territori propriamente asiatici, come ad esempio India e Giappone, riteniamo
che la tematica greca abbia una fondamentale importanza. La Grecia è infatti la prima tappa del lungo viaggio intrapreso dall’erede al trono russo in un
Oriente che acquista progressivamente significati
differenti con il procedere del tragitto: si va dall’Oriente Estremo all’Oriente buddhista, passando per
l’Oriente interno russo e quello islamico. La tesi che
verrà qui esposta è che in quest’opera il territorio
greco da un lato è inserito all’interno di una concezione generica di Oriente, dall’altro viene fortemente avvicinato al territorio russo2 ; è lo stesso Uch-
Q
1
Desidero ringraziare Sara Dickinson e Alberto Masoero per i loro
puntuali e preziosi consigli.
2
La componente greca nel testo di Uchtomskij non è stata sinora
affrontata. I precedenti studi critici sul testo di Uchtomskij si concentrano soltanto sulle parti propriamente asiatiche, tralasciando
i capitoli iniziali. Schimmelpenninck, ad esempio, scrive erroneamente che il viaggio comincia in Egitto, dimenticando dunque la
tappa precedente, relativa alla visita in territorio greco. Si veda D.
Schimmelpenninck van der Oye, Toward the Rising Sun, De Kalb
2001, p. 16. Nel 2011 è stata organizzata a Firenze, a cura di John
Bowlt, Nicoletta Misler e Evgenija Petrova, una mostra dal titolo L’avanguardia russa, la Siberia e l’Oriente, che per prima ha
ricordato che il viaggio di Uchtomskij è partito dalla Grecia, sottolineando come la Grecia sia descritta da Uchtomskij in termini
oscuri e come sia affiancata da descrizioni di culti misterici. All’interno della mostra sono state esposte due opere che tratteremo nel
corso della nostra analisi: l’illustrazione di Nikolaj Karazin all’episodio del fulmine, e Terror antiquus di Lev Bakst. Per approfondire
tomskij a costruire all’interno del suo travelogue
alcune analogie tra Grecia e Russia, analogie che
tratteremo più avanti nel corso della nostra analisi
anche prendendo in esame le illustrazioni che accompagnano il volume. In conclusione, attraverso una breve analisi dell’opera del pittore Lev Bakst (1866-1924), vedremo come l’idea di una Grecia
orientale che mantiene legami con la Russia abbia
influenzato la concezione di Oriente e classicità nei
decenni successivi.
Il rapporto privilegiato tra Grecia antica e Russia
non è certamente stato formulato per la prima volta
da Uchtomskij. Se per la Rus’ medievale Bisanzio
rappresentava il baluardo della fede e della cultura
ortodossa, in epoca più recente possiamo identificare un primo momento di vicinanza della Grecia alla
Russia nel cosiddetto progetto greco di Caterina II,
ovvero il piano di liberare Costantinopoli dal dominio ottomano e di restaurare una sorta di Impero romano d’Oriente sotto la guida della Russia. Come
dimostrato da Andrej Zorin, le politiche di Caterina II comportano uno slittamento nella costruzione dell’immagine della Grecia, che da sinonimo di
Bisanzio e ortodossia diventa invece un mitico territorio pagano negli anni Ottanta del Settecento3 .
Secondo il progetto di Caterina II l’appropriazione
geografica della Grecia, culla per eccellenza della
civiltà occidentale, avrebbe legittimato simbolicamente l’appartenenza della Russia all’Europa. Farsi erede della cultura greca classica avrebbe reso la
Russia la “più europea” tra le nazioni d’Europa.
Occupare o liberare Costantinopoli significava piuttosto ricongiungersi alle fonti della civiltà da cui era scaturita la ragione
europea, fonti rivendicate come originariamente proprie. [...]
si veda: L’avanguardia russa, la Siberia e l’Oriente, a cura di J.
Bowlt, N. Misler, Milano 2011.
3
A. Zorin, Kormja dvuglavogo orla, Moskva 2001, pp. 33-62.

eSamizdat 2016 (XI)
L’Impero zarista giungeva a pensare se stesso come il più autentico interprete dei “lumi”, non già come allievo della ragione europea: i Russi discendevano dai “Greci” e in quanto tali
rappresentavano non la periferia, ma il centro dell’Illuminismo
settecentesco4.
A partire da Caterina II, il “viaggio domestico”5
dei regnanti acquisisce un significato politico; ma è
con Nicola I che il viaggio diventa una tappa fondamentale nell’educazione e nella preparazione al
trono degli eredi della casa reale russa. Nel 1837
lo zar Nicola I organizza per il figlio Alessandro
(il futuro Alessandro II) un itinerario attraverso la
Siberia. Con le generazioni successive il concetto
di viaggio educativo si evolve ulteriormente: quello che sperimenterà il giovane carevič Nicola è un
viaggio imperiale che coniuga la precedente idea di
Caterina di viaggio domestico come “political and
cultural event”6 alla volontà di andare oltre i confini
nazionali, senza però scegliere l’Europa del classico
Grand Tour. Questa spedizione ha un forte significato politico, ed è frutto di un preciso disegno di
Alessandro III, che nel 1890 sceglie suo figlio, il futuro zar Nicola II, per inaugurare i lavori alla ferrovia transiberiana a Vladivostok, simbolo del potere
e della modernità dell’Impero. Alessandro III decide di approfittare di questa occasione per organizzare un viaggio che sia di formazione per il giovane
Nicola e, allo stesso tempo, un’opportunità per celebrare la potenza della Russia. Il viaggio, di 51000
verste, si svolge principalmente via mare e dura nove mesi e mezzo. L’itinerario, un percorso che parte
e si conclude nella città di Pietroburgo, è il seguente: Pskov, Vil’na, Varsavia, Vienna, Trieste, Grecia, Egitto, India, Ceylon, Siam, Hong Kong, Cina,
Giappone, Vladivostok. Da qui si torna poi trionfalmente in patria, attraverso Chabarovsk, Blagoveščensk, Čita, Irkutsk, Krasnojarsk, Tomsk, To4
A. Masoero, “La Russia tra Europa e Asia”, The Boundaries of
Europe, a cura di P. Rossi, Berlino 2015, p. 179.
5
“As Catherine reportedly explained to her son, ‘one should first get
to know his own land and only then visit those of others’. Such
tours [domestic travels, M.M.] quickly became an established ritual for imperial scions, since they provided direct knowledge of the
land that these young men were destined either to govern or to help
administer”, S. Dickinson, Breaking Ground, Travel and National Culture in Russia from Peter I to the Era of Pushkin,
Amsterdam, New York 2006, p. 69.
6
Ivi, p. 70.
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
bol’sk, Omsk, Orenburg, Ural’sk, Mosca, fino a
Pietroburgo. Lo scopo educativo del viaggio dello
carevič, elemento fondante in ogni Grand Tour, si
intreccia a un progetto politico preciso e ambizioso:
“to show Russia’s presence in Asia and to make the
heir aware of Russia’s imperial destiny in the East”7 . Per ribadire e diffondere il più possibile questo progetto politico, Alessandro III sceglie come
accompagnatore e come incaricato per la stesura
del reportage di viaggio il principe Esper Esperovič
Uchtomskij8 .
Uchtomskij9 è un giovane aristocratico appartenente a una famiglia vicina alla corte, appassionato
di arte orientale ma anche di letteratura: segue le
lezioni di Vladimir Solov’ev10 , il profeta del simbolismo che lo aiuterà a pubblicare le prime poesie11 .
7
R. Wortman, Scenarios of Power: Myth and Ceremony in
Russian Monarchy from Peter the Great to the Abdication of
Nicholas II, Princeton 2006, p. 324.
8
Accompagnano Nicola anche il fratello Georgij Aleksandrovič, i
principi V.S. Kobučej, N.D. Obolenskij, V.A. Barjatinskij; l’ufficiale E.N. Volkov e V.D. Mendeleev, figlio del celebre scienziato,
fotografo ufficiale della spedizione. Nella prima tappa del viaggio,
a Trieste, salgono a bordo dell’incrociatore Pamjat’ Azova anche il
pittore N.N. Gricenko e A.P. Bogoljubov. In Grecia li raggiunge
il principe Georg Grečeskij, cugino di Nicola. In Egitto si unisce
al gruppo il dottore V.K. Von Rambach. In Siberia infine prende
parte al viaggio l’ammiraglio V.B. Basargin. Si veda O. Sosnina,
Panorama Imperii, Moskva 2011.
9
Il viaggio di Nicola e Uchtomskij è ancora oggi avvolto
nella leggenda e nel mistero.
Un esempio della modalità a tratti mistica con la quale questi temi vengono trattati è fornito da un articolo di V.B. Korobov ripreso da
numerosi studi successivi: “Dal’nevostočnye ekspedicii knjazja E. E. Uchtomskogo i tantrijskie misterii ni-kha-yungsle’i man-su-ro-bha”, disponibile all’indirizzo internet: <http:
//www.russianresources.lt/dictant/Materials/Esper.html> (ultimo accesso, 01/08/2016). Lo studioso affronta il destino di un
misterioso libro tantrico, scritto in caratteri indecifrabili ma che, se
letto ad alta voce da chi è in grado di decifrare la scrittura, sembra
recitare parole che suonano come russe. Questo libro viene ricopiato da Uchtomskij in alfabeto cirillico e portato a Pietroburgo, dove
circola nella cerchia dei simbolisti (si trova un riferimento al testo
persino in una pagina di diario di un entusiasta Aleksandr Blok). In
realtà si tratta di un clamoroso falso storico, con citazioni costruite
ad arte dall’autore Korobov.
10
Uchtomskij poi ricambierà il favore pubblicando, nel 1896, uno dei
più celebri lavori di Solov’ev, un manifesto sulle sue idee relative all’Oriente, Mir Vostoka i Zapada [Il mondo dell’Oriente e dell’Occidente], sul giornale Sankt Peterburgskie Vedomosti, che dirigerà
fino al 1917. I rapporti di influenza tra Solov’ev e Uchtomskij non
sono stati studiati a fondo, e sarebbe auspicabile uno studio che
estendesse l’area di indagine anche alla seconda generazione dei
simbolisti, la più legata alle visioni di Solov’ev.
11
La prima poesia a venir pubblicata, grazie all’intervento di Solov’ev,
è dedicata a Žukovskij (1883). In realtà Uchtomskij resta legato al
M. Morabito, Spostando la Grecia a Est: Uchtomskij e il viaggio dello carevič Nicola
Il pensiero di Solov’ev sull’Oriente inizialmente influenza Uchtomskij, il quale però in seguito se ne
allontana12 . Se i due condividono il programma politico di Nicola II e l’idea di una partecipazione attiva della Russia in Estremo oriente, sorgono invece
profonde divergenze sul significato di questa partecipazione. Per Solov’ev, infatti, la Russia ricopre
un ruolo strategico in Oriente, grazie alla sua posizione geografica, e deve contrastare una possibile alleanza tra Giappone e Cina. Per Uchtomskij,
invece, il compito della Russia in Estremo oriente è
quello di proteggere i territori dalle mire espansionistiche delle potenze coloniali europee, in altre parole “стать своеобразным гарантом и защитником”
[diventare una sorta di garante e protettore] degli
interessi orientali13 . In modo particolare, Uchtomskij è affascinato dalla religione buddhista, che ritiene vicina alla cultura russa. Non si tratta soltanto
di una fascinazione per una religione che in quegli
anni era al centro dell’attenzione: Uchtomskij supporta nei fatti il buddhismo, schierandosi ad esempio contro i progetti di assimilazione degli inorodcy buddhisti e criticando la politica di russificazione e incoraggiamento dell’ortodossia nei monasteri
lamaisti14 .
Dopo aver conseguito una laurea in letteratura,
Uchtomskij ottiene un posto presso il Ministero degli Affari Esteri e comincia a partecipare a varie
spedizioni scientifiche. La prima è in Siberia, dove
viene inviato a studiare i buriati, poi si reca in Mongolia e Cina. Grazie a questa attività e alle sue pubblicazioni a riguardo15 , ottiene un posto alla Imperatorskoe Russkoe Geografičeskoe Obščestvo [Somondo della poesia per tutta la vita e nel reportage del viaggio, che
sarebbe dovuto essere un resoconto imparziale e oggettivo, inserisce in più punti componimenti poetici scritti di sua mano e ispirati
alla natura esotica dell’“Oriente”.
12
Dopo la scomparsa di Solov’ev,
Uchtomskij diventa membro della Solov’evskoe obščestvo [Società solov’eviana] che si incontra regolarmente a Pietroburgo.
Per approfondire si rimanda all’indirizzo internet:
<http://www.archipelag.ru/geopolitics/nasledie/anthropology/1
2/#_ednref17> (ultimo accesso, 01/08/2016).
13
Ibidem.
14
D. Schimmelpenninck van der Oye, Toward the Rising Sun, op.
cit., p. 49.
15
I primi resoconti vengono pubblicati su Russkij Vestnik, e nel 1891
esce a San Pietroburgo l’edizione separata Ot Kalmyckoj stepi do
Buchary [Dalla steppa calmucca a Buchara].

cietà Geografica Imperiale Russa]16 e diviene perfino consigliere dello zar per gli “affari asiatici”. È da
questa posizione di prestigio che Uchtomskij viene scelto, sempre dallo zar, come accompagnatore
ufficiale del giovane Nicola: il risultato del viaggio
è la pubblicazione, a partire dal 1893, del già citato Putešestvie na Vostok17 , un’opera che è stata
definita “manifesto dell’asiatismo”18 . Tra il 1893 e
il 1897 viene pubblicato il resoconto in tre volumi,
editi a Leipzig dalla casa editrice Brockhaus. La
prima edizione è una tiratura di lusso, seguita poi
da altre tre edizioni, più economiche. Il libro ottiene un grande successo e viene tradotto in inglese,
francese, tedesco e persino cinese19 .
Il pensiero di Uchtomskij in merito ai concetti di
Oriente e Russia è complesso e non è questa la sede per affrontarlo in modo esauriente; tuttavia proviamo a delineare le sue idee sinteticamente, poiché hanno influenzato il mondo della cultura e dell’arte dell’epoca20 . Come abbiamo già detto, Uchtomskij è considerato un esponente dell’asiatismo,
come traspare dal suo impegno nel sottolineare le
profonde affinità tra russi e asiatici:
Ничего нет легче для русских людей, как ладить с азиатами. Между ними и нами – такое сочетание единомыслия по
существеннейшим жизненным вопросам, что некоторого рода родство душ всегда определяется быстро и самым тесным
образом21 .
16
Fondata nel 1845 a San Pietroburgo, organizza e finanzia numerose spedizioni scientifiche in Siberia, Estremo oriente, Asia centrale. Dopo la Rivoluzione, subisce varie trasformazioni e cambia più
volte nome, fino a quello attuale, Vserossijskaja Obščestvennaja
Organizacija Russkoe geografičeskoe obščestvo [Organizzazione
non governativa panrussa Società geografica russa].
17
Per il nostro lavoro utilizziamo la scansione della prima edizione stampata a Leipzig nel 1893 a cura di Bayerische StaatsBibliothek e Münchener Digitalisierungs Zentrum Digitale Bibliothek e disponibile all’indirizzo internet: <http://daten.digitalesammlungen.de/ db/0009/bsb00092520/images> (ultimo accesso, 01/08/2016).
18
Secondo la definizione di Schimmelpenninck, i membri dell’asiatismo sono “those who [...] felt that Russia’s roots lay [. . . ] in
the East. <To them> it was the tsar’s holy mission to “reunite”
Russia with China”, D. Schimmelpenninck van der Oye, Toward
the Rising Sun, op. cit., p. 43.
19
Ivi, p. 49.
20
Non parliamo soltanto di un’influenza artistica: le idee di Uchtomskij si traducono infatti anche in scelte concrete. Egli è in grado
di influenzare profondamente le azioni politiche di Nicola II, anche
tramite la collaborazione stretta del principe con il ministro delle
finanze Vitte.
21
“Non c’è niente di più facile per i russi che andare d’accordo con gli

eSamizdat 2016 (XI)
Secondo Uchtomskij la popolazione russa discende dai mongoli e lo zar stesso non sarebbe altro che un discendente di Gengis Khan22 : “Восток
и Россия — одна безбрежная стихия, одно гармоничное в своих духовных основаниях целое”23 .
L’idea di una profonda “affinità spirituale” tra Asia
e Russia serve a Uchtomskij per sottolineare la differenza tra colonialismo europeo ed espansionismo
russo e quindi per legittimare quest’ultimo come un
processo storico organico e spontaneo. Come ha
notato Susanna Lim, l’immagine generale dell’Asia di Uchtomskij è costituita da tre elementi: una
attrazione degli asiatici verso il misticismo; un loro radicato estetismo, che si riflette nella passione
di Uchtomskij stesso per l’arte asiatica (le sue collezioni, che constavano di oltre 2000 pezzi cinesi
e tibetani portati da vari viaggi, furono poi messe
in mostra più volte e contribuirono a formare l’immagine dell’Oriente nella Russia di fine Ottocento); infine, una profonda e innata propensione degli
asiatici per la sottomissione all’autorità, cosa che li
avrebbe potuti rendere i sudditi prediletti dello zar
russo24 . A nostro parere, questi elementi “asiatici” sono riscontrabili anche all’interno dell’immagine della Grecia di Uchtomskij, in cui convivono
misticismo, interesse estetico per i manufatti artistici e, se non proprio sottomissione, l’esigenza di
protezione (russa, in questo caso).
Si possono dunque individuare due elementi centrali nella concezione di Uchtomskij della Grecia:
la sua appartenenza all’Oriente e il suo legame con
la Russia. Quando Uchtomskij individua l’esistenasiatici. Tra noi e loro c’è una tale coesione di pensiero sulle questioni esistenziali, che si crea rapidamente una sorta di salda affinità
di spirito”, E. Uchtomskij, K sobytijam v Kitae. Ob otnošenijach
Zapada i Rossii k Vostoku, Sankt-Peterburg 1900, p. 82.
22
Si veda M. Laurelle, “‘The White Tsar’: Romantic Imperialism in
Russia’s Legitimizing of Conquering the Far East”, Acta Slavica
Iaponica, 2008, 25, pp. 113-134.
23
“L’Oriente e la Russia sono una forza primordiale sconfinata, un
insieme armonico nelle sue basi spirituali”, E. Uchtomskij, K Sobytijam, op. cit., p. 74. Da un punto di vista politico, questa visione permette di legittimare l’espansionismo russo in Asia: i russi
sono essi stessi orientali e mongoli, e questa affinità non si traduce
in un rapporto coloniale tra padroni e sottoposti, ma in una naturale espansione a Est, anche perché, sottolinea Uchtomskij, non
esistono confini naturali fino all’Oceano pacifico.
24
S. Lim, China and Japan in the Russian Imagination, 16851922, Abingdon 2013, p. 127.
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
za di un legame tra Oriente e Grecia lo fa senza
specificare a quale Oriente si riferisca, e il concetto resta nell’indefinitezza. Sappiamo che non si
tratta di Oriente turco o islamico, in quanto entità contrapposta al territorio ellenico: la mezzaluna
per Uchtomskij è il simbolo di un Islam che travolge la classicità. Uchtomskij parla di un generico
Vostok [Oriente], dal quale, sin dai tempi più antichi, sono arrivati alla Grecia i doni della cultura,
tra cui il culto della dea Afrodite: “Восток издревле воздействовал весьма осязательно и глубоко. Здесь оседали финикияние, прививался культ
азиатской Афродиты”25 . Inoltre, la Grecia di Uchtomskij è legata all’Oriente dalla tendenza al misticismo. “Олимпия была полна свойств мистического характера”26 , dichiara Uchtomskij descrivendo gli antichi cerimoniali di divinazione e predizione del futuro. Seppur vago, l’Oriente di Uchtomskij coincide con quelle caratteristiche dell’idea
di Asia individuate da Lim.
Per quanto riguarda l’Oriente islamico, è attraverso la distruzione che esso opera sul territorio ellenico che si può cogliere il legame tra Grecia e
Russia. Ripercorrendo la storia della città di Patrasso, Uchtomskij nota che a mettere fine allo
splendore greco è stato l’Islam: nel 1458 Patrasso
cadde infatti in mano turca. La rinascita successiva
della Grecia è stata possibile grazie alla politica di
Nicola I, entrato in guerra contro l’Impero ottomano27 . E ora, come in un disegno divino imperscrutabile, sottolinea l’autore nel testo, l’erede di Nicola
I, che porta il suo stesso nome, è in piedi davanti
a una basilica ortodossa. Il tema della legittimazione del futuro zar Nicola II attraverso la figura di
Nicola I, si intreccia qui con il motivo della fratellanza tra Grecia e Russia nel segno dell’Ortodos25
“L’Oriente sin dai tempi più antichi ha influenzato [la Grecia]
in maniera profonda e tangibile. Qui si erano insediati i Fenici,
che hanno stabilito il culto dell’asiatica Afrodite”, E. Uchtomskij,
Putešestvie na Vostok, op. cit., p. 41.
26
“[La città di] Olimpia era piena di tratti dal carattere mistico”, Ivi,
p. 44.
27
Lo zar Nicola I promuove una prima campagna militare contro
l’Impero ottomano alla fine degli anni Venti, che porta alla firma
del trattato di Unkiar-Skelessi. È del 1854, invece, la guerra di
Crimea, combattuta tra l’Impero russo da un lato e l’Impero ottomano dall’altro, appoggiato da Francia, Regno unito e Regno di
Sardegna.
M. Morabito, Spostando la Grecia a Est: Uchtomskij e il viaggio dello carevič Nicola
sia. La liberazione della Grecia è giunta proprio da
Oriente, sottolinea Uchtomskij, questa volta definendolo come Oriente della Slavia ortodossa, figlia
della Rus’ di Kiev. Il giovane Nicola cammina sulla strada, voluta dal signore, che condurrà Grecia e
Russia a un’unità religiosa:
Но приходит несокрушимый ислам. Патрасцы смиряются
перед турками. Заря освобождения для Греции в сущности
занимается все-таки со славянского единоверного Востока,
благодаря великодушным помыслам и велениям Императора Николая Павловича. И теперь Его одноименный Правнук набожно стоит под сводами храма, осененного незримым присутствием просветителя Киевской Руси... Как слепы в своей вражде века и народы, как неисповедимы Пути
Господин, приводящие все и всех к молитвенному братскому
единению28.

come bandiera propagandistica del potere imperiale, risulta fondamentale ai fini della comprensione
del testo31 . L’iconografia tradizionale, che proietta l’immagine dell’imperatore in uno “spazio eroico”32 , permette in questo caso di osservare meglio,
da una angolatura non soltanto testuale ma anche
visuale, i concetti di Grecia e di potere imperiale.
La copertina che Karazin disegna per i tre volumi, ad esempio, propone un insieme eterogeneo di
immagini che rimandano alle tappe del viaggio.
L’apparato iconografico del testo di Uchtomskij
rispecchia l’immagine di una Grecia orientalizzata e russificata allo stesso tempo. Ciò è evidente nelle opere di Nikolaj Nikolaevič Karazin (18421908)29 , illustratore dell’opera che non prende parte
al viaggio, ma che completa i suoi disegni solo in un
secondo tempo, basandosi su alcune fotografie e,
soprattutto, sulle parole di Uchtomskij30 . L’apparato iconografico di questa pubblicazione, pensata
28
“Ma arriva l’invincibile Islam. Gli abitanti di Patrasso si rassegnano di fronte ai turchi. E tuttavia l’alba della liberazione per la Grecia
si compie in sostanza con l’Oriente slavo della stessa fede, grazie ai
magnanimi disegni e ordini dell’Imperatore Nikolaj Pavlovič. E ora
il suo Pronipote, che porta lo stesso nome, con devozione sta sotto
le volte del tempio, benedetto dall’invisibile presenza di colui che
portò la luce alla Rus’ di Kiev... come sono ciechi nelle loro ostilità i
secoli e i popoli, come sono imperscrutabili le Vie del Signore, che
portano tutto e tutti alla fraterna unità della preghiera”, E. Uchtomskij, Putešestvie, op. cit., p. 38. Il richiamo agli antichi legami
con la Bisanzio ortodossa è ben presente nel mondo culturale dell’epoca. Nello stesso periodo, ad esempio, lo storico Vladimir Lamanskij teorizza l’esistenza di un mondo greco-slavo, dove la Grecia e i Balcani “всегда будут нуждаться в покровительстве мировой державы – России и заинтересованы в скреплении связей с
ней” [Avranno sempre bisogno della protezione della potenza mondiale della Russia, e saranno interessati a stringere rapporti con essa], V.I. Lamanskij, Tri mira Azijsko-Evropejskogo materika, a
cura di G.M. Knjazev, Petrograd 19162 , pp. 51-52.
29
Karazin era un personaggio molto noto all’epoca: l’artista non fu
solo pittore, ma anche uno scrittore, un etnografo e un viaggiatore.
Ebbe un rapporto stabile di collaborazione con molte riviste dell’epoca, non soltanto russe, e il suo stile preciso ed espressivo gli fece
guadagnare l’appellativo di “Gustav Doré russo”.
30
Il pittore ufficiale del viaggio è Nikolaj Gricenko, che dipinge un
grande numero di illustrazioni ad acquerello (più di 300), esposte
in una mostra al rientro in patria. Per qualche ragione, forse perché
la tecnica scelta non sarebbe stata adeguatamente valorizzata in un
testo a stampa, le illustrazioni al volume di Uchtomskij non sono
però commissionate a Gricenko, ma a Nikolaj Karazin, che realizza
invece lavori a china.
Fig. 1. Copertina del volume di Uchtomskij, N. Karazin, 1893
In primissimo piano si vede il frammento di una
colonna greca, identificabile da una foglia di acanto. Una lastra di marmo reca scolpiti il numero del
tomo del volume e la firma del pittore; subito dietro
si notano un elefante, una palma che cresce fino al
margine superiore del foglio, e una sfinge (emblema
dell’Egitto ma anche una delle sculture più note di
Pietroburgo), che guarda verso oriente. In secondo
piano la nave, il mezzo di trasporto più utilizzato dal
gruppo durante il viaggio, si intreccia con il nome
cesarevič e naviga verso il sole che sta per sorge31
32
Karazin prepara più di 700 illustrazioni per il volume di Uchtomskij.
R. Wortman, Visual Texts, Ceremonial Texts, Texts of
Exploration, Boston 2014, p. 180.

eSamizdat 2016 (XI)
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
re, classico simbolo dell’Asia. Tuttavia, un particolare della copertina suggerisce una seconda interpretazione. La scritta Na Vostok [A Oriente]33 , nel
disegno di Karazin mostra nelle sue forme affinità
con l’alfabeto arabo; inoltre, centrata nella parte alta della pagina in caratteri dorati e abbinata al monogramma imperiale “N” sormontato dalla corona,
suona come un invito a estendere verso est il dominio della corona dello zar. Questo suggerimento di espansione imperialistica è poi evidente anche
nell’accostamento e nella fusione in un’unica immagine di elementi all’apparenza diversi e contrastanti, un principio che ritorna in varie illustrazioni
di Karazin. La copertina raffigura dunque non solo
il viaggio dello zar, ma anche i domini virtuali auspicati da Uchtomskij, che vanno dalla Grecia dei
marmi e delle colonne fino al Sol levante, passando
per la giungla.
Similmente, in un altro disegno intitolato Obzor puti [Una veduta del viaggio], Karazin propone
Fig. 2. Obzor Puti, N. Karazin, 1893
una composizione eterogenea sormontata dalla figura di Pietro il Grande, raffigurato nelle forme del
Karazin raffigura visivamente le idee espansionimonumento equestre di Pietroburgo.
stiche di Uchtomskij anche in una delle illustrazioni
finali dell’opera, recante la scritta konec [fine].
Ai lati sono poste la nave del giovane Nicola e
Si tratta di un’immagine che, in termini di comla raffigurazione dell’Eretteo dell’Acropoli di Atene.
Procedendo verso il basso ci si muove verso Orien- posizione, richiama quella di apertura. Sul lato site: si scorgono sculture egiziane, cammelli e pira- nistro, un insieme di volti rappresenta le varie etnie
midi, templi buddhisti, la vegetazione della giungla, dei luoghi visitati, come per sottolineare l’attenzioun treno a vapore34 , alcune sagome di uomini nudi ne dell’Impero non solo ai territori orientali, ma anche accendono un fuoco, un ventaglio e una scrit- che alle loro popolazioni. Sul lato destro compaiono
ta giapponese. In basso al centro si vede un altro raffigurazioni di monumenti, piante e animali. In altipico simbolo russo: la trojka al galoppo che emer- to e in basso si osservano i simboli del potere russo:
ge dal buio e, dalla sua posizione in primo piano, l’aquila bicefala e la corona dello zar sono circonsembra trascinarsi dietro l’insieme eterogeneo dei date da frutta esotica. L’aquila, che sormonta l’illustrazione, regge tra gli artigli una mappa, che posluoghi visitati.
siamo usare come chiave di lettura conclusiva per
il volume di Uchtomskij. La mappa non conserva
33
La cornice esterna e la scritta centrale, “Na Vostok”, mostrano le caratteristiche tradizionali delle modalità canoprofonde affinità con le illustrazioni di un volume del 1887, Slavjanskij i Vostočnij Ornament [Ornamenti slavi e orientali], uno niche di rappresentazione dello spazio, ma viene ristudio condotto su antichi manoscritti da Vladimir Stasov, che ri- baltata per quanto riguarda i punti cardinali e la loro
produce gli ornamenti dei manoscritti delle popolazioni slave, con posizione sulla pagina. Gli artigli dell’aquila sono
l’aggiunta di disegni bizantini, siriani, copti, etiopi, armeni, georgiani, dell’Asia centrale, e arabi. Già dal titolo si avverte il desiderio simbolicamente poggiati su un territorio che si può
di un avvicinamento tra mondo slavo e mondo orientale.
collocare tra la Grecia e Costantinopoli, ovvero il
34
Il treno ricorda la meta del viaggio, l’arrivo a Vladivostok per l’inaugurazione della Transiberiana, che per lo zar Alessandro doveva luogo in cui l’ortodossia ha avuto origine. I territori
essere il simbolo di una Russia industrializzata e moderna.
dell’Asia e della Russia, qui rappresentata nella sua
M. Morabito, Spostando la Grecia a Est: Uchtomskij e il viaggio dello carevič Nicola
intera estensione, si sviluppano in senso verticale,
e non orizzontale: in altre parole, si prosegue verso oriente scendendo verso il margine inferiore della
cartina. La geografia della Russia che la mappa e il
testo di Uchtomskij sembrano suggerire è quella di
una svolta verso est. I punti cardinali si confondono
e l’Estremo Oriente diviene quasi un meridione in
questa nuova geografia governata dal potere imperiale dell’aquila russa: altre entità territoriali, come
l’Europa e l’America, qui non hanno alcuno spazio.
L’unico elemento in scena è il dominio russo sull’Oriente, sul Vostok del titolo del volume, un Oriente
che include anche la Grecia.
L’apparato ideologico e iconografico elaborato
da Uchtomskij e Karazin trova ulteriore eco in un
rinomato quadro di Lev Bakst del 1908.
Fig. 3. Konec, N. Karazin, 1897

co del territorio greco. Secondo le parole di Nicoletta Misler, la Grecia di Uchtomskij è un territorio
“pregno di oscure suggestioni arcaiche e primordiali”36 , contenente qualcosa di minaccioso e perturbante. Lev Bakst sceglie di rappresentare nel
suo quadro dedicato alla Grecia proprio questo elemento destabilizzante, evidenziando già nel titolo,
Terror antiquus, l’atmosfera di paura. Il tema dell’opera è strettamente collegato a un episodio narrato nel resoconto della spedizione imperiale, ovvero lo scoppio di un temporale durante la visita dell’erede al trono alle rovine di Olimpia. Sin dall’approdo in Grecia, Uchtomskij sottolinea il clima opprimente e oscuro che si presenta davanti ai viaggiatori. Poco dopo scoppia un temporale, che costringe il gruppo a rifugiarsi all’interno del museo
di Olimpia. L’episodio è sottolineato nel volume di
Uchtomskij da un’illustrazione di Karazin che fissa il momento della caduta di un fulmine sul tempio di Zeus. I marmi caduti a terra, la compagnia
che osserva da lontano e il fulmine che si staglia
sullo sfondo nero, contribuiscono a creare un’immagine forte e suggestiva. A testimonianza dell’impressione che tale vicenda suscita in Uchtomskij si può ricordare un suo componimento poetico, incentrato sulle figure di Zeus e dello scultore
Fidia, in cui l’autore ripropone l’immagine del fulmine37 . Lo stesso fulmine che colpisce le rovine e
le statue si ripresenta identico nel quadro di Bakst.
Un paesaggio minaccioso, composto in gran parte
d’acqua, con un cielo in tempesta e rocce che affiorano dal mare, è illuminato da un fulmine che attraversa la tela dall’alto verso il basso. In primo piano
è posta una statua femminile che sorride in modo
enigmatico. Convivono nel dipinto un senso di ca-
in miniatura ovviamente. Folla, animazione, la brezza dal mare che
rinfresca in continuazione i volti accaldati. . . Verso sera cominIl pittore compie un viaggio in Grecia nel 1907 e, cia a spirare un vento magico, secco e caldo, il cielo è nero, tutto
stellato, ovunque si odono le voci dei passanti, canti orientali, manel resoconto che pubblicherà a Berlino nel 1921, linconicamente audaci, con svolazzi artificiosi, il suono delle zurne
ribadisce il carattere orientale della Grecia in mo- e delle chitarre. E poi le danze mentre sorbisci il caffè. Oriente!”, In
do uchtomskiano35 , dando enfasi all’aspetto misti- Grecia con Serov, a cura di V. Parisi, Milano 2011. Per approfondire il rapporto tra Bakst e l’Oriente si veda l’articolo di Susanne
Marten-Finnis, “The Return of Leon Bakst: Slav Magic or Oriental Other?”, Journal of Modern Jewish Studies, 2013 (II), 12, pp.
35
Si veda per esempio il seguente passaggio: “La città di Candia [sul276-296.
l’isola di Creta] è puro ‘oriente’, bazar, turchi, greci-cretesi, negri, 36
L’avanguardia russa, op. cit., p. 149.
ulivi, arance, noci, pelli, muli, caffè, moschee – una specie di Cairo, 37
E. Uchtomskij, Putešestvie, op. cit., 1, p. 44.

eSamizdat 2016 (XI)
tastrofe, che si ricava dallo scenario di distruzione
raffigurato alle spalle della statua, e la sensazione
di trovarsi di fronte a un enigma. Di fatto, la tela provoca un acceso dibattito in patria a proposito
delle sue possibili interpretazioni, e lo stesso Bakst non interviene mai in modo chiaro per esplicitare
il senso dell’opera. La figura femminile, ad esempio, è stata identificata come una koré, osservata direttamente da Bakst nei musei greci, mentre il
suo ruolo è stato destinato a varie figure: Vjačeslav
Ivanov38 , ad esempio, parla allo stesso tempo di una
Moira, Mnemosine, Afrodite e della Madre Terra39 .
La scena rappresentata nel quadro viene interpretata da Ivanov come la raffigurazione della distruzione
di Atlantide, secondo la narrazione di Platone. La
città di Atlantide acquista tra gli artisti simbolisti
un nuovo significato; scrive a tal proposito Pamela
Davidson: “Bakst’s painting, in Ivanov’s interpretation, generated a new myth of St. Petersburg as
a threatened Atlantis”40 .
Fig. 4. Terror antiquus, L. Bakst, 1908
38
V. Ivanov, “Drevnij užas: Po povodu kartiny L. Baksta ‘Terror
antiquus’”, Zolotoe runo, 1909, 4, pp. 51-65.
39
Si veda P. Davidson, Cultural Memory and Survival: The Russian Reinassance of Classical Antiquity in the 20th century”,
[Pamphlet], Studies in Russia and Eastern Europe, VI, London
2009.
40
Ivi, p. 15. In un articolo di Carol Anschuetz si afferma che esistono forti analogie tra la città di Pietroburgo nel romanzo omonimo
di Belyj e la città di Atlantide proposta da Ivanov nell’articolo di
commento al quadro di Bakst. Si veda C. Anschuetz, “Ivanov and
Belyj’s Petersburg”, Vyacheslav Ivanov: poet, critic and philosopher, a cura di R.L. Jackson, L. Nelson, Bloomington 1986, pp.
210-211.
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
Atlantide e Pietroburgo agiscono come metonimie per la Grecia e la Russia: i due territori sono di
nuovo accostati, paragonati, confrontati, come era
avvenuto nell’opera di Uchtomskij. Descrivendo e
dipingendo la Grecia si analizza e ci si interroga
anche sulla Russia: se nella Grecia di Uchtomskij
i lettori avevano trovato la promessa di una unità
fraterna futura, anche nella Grecia di Bakst c’è un
messaggio per la Russia. Tuttavia quella promessa
è diventata una minaccia: il lato perturbante della Grecia si è ulteriormente incupito e le rovine del
mondo classico sono diventate previsioni di rovine
russe che stanno per giungere.
www.esamizdat.it
Martina Morabito, “Spostando la Grecia a Est: Uchtomskij e il viaggio
dello carevič Nicola”, eSamizdat,  (XI), pp. -
L’immagine degli italiani nelle memorie di viaggio di intellettuali
russi a cavallo di Ottocento e Novecento∗
Alessandro Farsetti
♦ eSamizdat  (XI), pp. - ♦
UESTO articolo è da ascrivere al filone di
studi sulla letteratura odeporica stricto sensu, e più precisamente alle memorie di viaggio di
russi in Italia, un ambito a mio avviso ancora trascurato dalla russistica. Non sono mancati contributi descrittivi, accompagnati da ricostruzioni di
piccoli e grandi episodi culturali1 ; è però sotto il
profilo ermeneutico che si nota una scarsa attenzione verso la specificità di questo genere testuale.
Finora ci si è concentrati sulla definizione del
mito dell’Italia nella cultura russa: i resoconti di
viaggio figurano come una delle fonti principali di
tale mito, ma vengono considerati indistintamente insieme a opere artistiche di argomento italiano.
Questa impostazione è ad esempio rilevabile nella
classica panoramica di Ettore Lo Gatto2 . Parallelamente in Urss Nikolaj Anciferov3 ha inaugurato le
ricerche sull’immagine letteraria dei luoghi, sviluppate successivamente da Vladimir Toporov; è stato quest’ultimo a introdurre il concetto di città come testo che si forma all’interno di un determinato
contesto culturale: i vari stereotipi e motivi ricor-
Q
∗
Desidero ringraziare Cristina Cugnata e Martina Morabito per i
loro preziosi suggerimenti riguardo al presente lavoro.
1
Si vedano in particolare P. Cazzola, L’Italia dei russi tra Settecento e Novecento, Moncalieri 2004; i libri di A. Kara-Murza
(Znamenitye russkie o Venecii; Znamenitye russkie o Rime;
Znamenitye russkie o Florencii; Znamenitye russkie o Neapole), pubblicati a Mosca nel 2001-2002 e apparsi in traduzione italiana in un’opera in 4 volumi, I russi in Italia (“Venezia russa”;
“Roma russa”; “Firenze russa”; “Napoli russa”), uscita a Roma
nel 2005; R. Risaliti, Russi in Italia tra Settecento e Novecento,
Moncalieri 2010. Un prezioso – seppur incompleto e non molto recente – contributo alla definizione della bibliografia della letteratura
odeporica dei russi in Italia (1437-1976), con sinossi e indicazione dell’itinerario seguito, è rappresentato da M.P. Todeschini, Russi in Italia dal Quattrocento al Novecento. Bio-bibliografia
descrittiva, [Moncalieri] 1997.
2
E. Lo Gatto, Russi in Italia, Roma 1971.
3
Si veda N.P. Anciferov, Byl’ i mif Peterburga, Petrograd 1922.
renti che una cultura produce riguardo a un dato
luogo e con i quali essa lo identifica vanno a costituire un sistema di segni che rientrano in un tutto
dotato di coerenza semantica4 . Si tratta di un indirizzo di ricerca fruttuoso: analogamente al testo
pietroburghese, negli ultimi anni sono apparsi vari testi urbani della cultura russa5 . In questo tipo
di studi i resoconti di viaggio hanno poco spazio, e
sono del tutto assenti quando l’ambito di indagine è
limitato a specifici generi letterari, come ad esempio
la poesia6 .
L’interesse specifico per le memorie di viaggio
deriva dalla possibilità di individuare tratti comuni
4
V.N. Toporov, “Peterburg i ‘Peterburgskij tekst russkoj literatury’”, Idem, Mif. Ritual. Simvol. Obraz: Issledovanija v oblasti
mifopoetičeskogo: Izbrannoe, Moskva 1995, pp. 278-279. Dal
momento che il gorodskoj tekst [testo urbano] di una determinata
cultura è composto da un sistema complesso di testi che formano
un tutto coerente, tale nozione è stata concettualizzata da Toporov
anche come sverchtekst [supertesto], unità testuale superiore che
si presenta in qualità di sintesi dei diversi testi sul luogo in virtù
delle loro analogie (Ivi, p. 275). Si veda a tal proposito anche Nina
Mednis (Sverchteksty v russkoj literature, Novosibirsk 2003, p.
21), che suddivide gli sverchteksty tra lokal’nye [locali], in relazione alle città, е personal’nye [personali], relativamente al mito di
personaggi eminenti.
5
Limitandomi al caso delle città italiane posso segnalare N.E. Mednis, Venecija v russkoj literature, Novosibirsk 1999; P. Deotto,
In viaggio per realizzare un sogno. L’Italia e il testo italiano nella cultura russa, Trieste 2002; Capri: mito e realtà nelle culture dell’Europa centrale e orientale, a cura di M. Böhmig, Salerno-Napoli 2005 (si veda in particolare la sezione dedicata al mito di Capri nella cultura russa alle pp. 155-245); T.L.
Vladimirova, Rimskij tekst v tvorčestve N.V. Gogolja, Tomsk
2006, <http://sun.tsu.ru/mminfo/000220338/000220338.pdf>;
M.P. Grebneva, Konceptosfera florentijskogo mifa v russkoj
slovesnosti, Tesi di dottorato, Tomsk 2009; O.B. Lebedeva, A.S. Januškevič, Obrazy Neapolja v russkoj slovesnosti
XVIII-pervoj poloviny XIX vekov, Salerno 2014.
6
Si veda ad esempio A.N. Kunusova, Venecijanskij tekst russkoj poezii XX veka, Tesi di dottorato, Venezia-Astrachan’ 2011;
C. Scandura, “Rimskij tekst v russkoj sovremennoj poezii (Elena
Švarc i Boris Chersonskij)”, Dialog kul’tur: “Ital’janskij tekst”
v russkoj literature i “russkij tekst” v ital’janskoj literature,
Moskva 2013, pp. 215-224.

eSamizdat 2016 (XI)
nelle rappresentazioni dei luoghi date attraverso un
genere il cui fine precipuo è, appunto, fare un resoconto della visita. Lo stesso non si può dire delle
opere letterarie che pur si riferiscono a un’esperienza di viaggio, in quanto in esse è la funzione estetica
a risultare in primo piano. Ciò ovviamente non implica che le memorie di viaggio siano di per sé una
garanzia di veridicità o non contengano elementi di
letterarietà, ma c’è l’aspettativa propria di tale genere – aspettativa comune a ogni testo autobiografico e assente in testi letterari – secondo cui l’autore racconta fatti realmente accaduti, per quanto
romanzati possano essere7 .
Nel dedicare il presente articolo alla letteratura odeporica dei russi in Italia, mi sono concentrato sugli aspetti antropologici, che nelle ricerche citate sono solitamente trascurati, o comunque subordinati alla messa in luce del genius loci delle città8 . Analizzare il modo in cui lo straniero descrive l’incontro con gli “indigeni” e il rapporto che instaura con loro risulta cruciale per capire come l’esperienza di viaggio incida sulla rappresentazione di una cultura diversa. Il resoconto
di viaggio non è però solo un’occasione per confermare o mettere in discussione alcuni luoghi comuni sull’“altro”, ma anche per meditare sulla propria identità (personale e, soprattutto, nazionale): il
confronto con l’“altro” porta a una maggiore consapevolezza dell’“Io”, e quindi a rappresentazioni del “sé” da parte dei russi contraddistinte da
tratti che, per contrasto, appaiono particolarmente
marcati.
Al di là delle differenze negli stili e nei sistemi di
valori artistico-filosofici espressi nelle varie memo7
Come è noto, il libro di viaggio è un genere dai confini labili, può
apparire sotto forma di diario, lettere (sia che si tratti di una corrispondenza autentica, sia di un artificio retorico), saggio di costume,
relazione memoriale, appunti. Spesso la possibilità di ascrivere una
determinata opera a questo genere dipende in gran parte dal paratesto: l’autore esplicita nel titolo o in un’introduzione la propria
volontà di descrivere il viaggio effettuato.
8
Patrizia Deotto in poche pagine tenta di riassumere i tratti essenziali dell’immagine degli italiani in autori russi ottocenteschi e novecenteschi, P. Deotto, In viaggio, op. cit., pp. 35-42. Si registra
inoltre un’analisi più specifica sul tipo del napoletano secondo i russi e sull’origine letteraria dei cliché ad esso legato, O.B. Lebedeva,
A.S. Januškevič, Obrazy, op. cit., pp. 323-336.
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
rie, mi sono interrogato sulle loro analogie tematiche e strutturali nella caratterizzazione degli italiani. Ho cercato inoltre di capire se e come gli incontri con gli “indigeni” modificassero la definizione dell’identità dell’“altro” (e del “sé”) in relazione
alle aspettative dei viaggiatori russi e se l’atteggiamento dei russi differisse sostanzialmente da quello
dei viaggiatori occidentali.
I limiti cronologici dello studio sono stati fissati
tra il 1890 e il 1914, un periodo che va dal viaggio
del medievista pietroburghese I.M. Grevs (18901891), teorizzatore dell’importanza di integrare lo
studio della storia con escursioni scientifiche alla ricerca delle tracce del passato, fino allo scoppio della
Prima guerra mondiale. In questo periodo si intensificano i viaggi in Italia di una nuova generazione
di intellettuali più o meno riconducibili alla temperie
modernista: oltre ai resoconti di Grevs e di un suo
allievo, il già citato Anciferov (riguardo ai viaggi del
1910, 1912, 1914)9 , ci sono quelli di M.A. Vološin
(1900), V.V. Rozanov (1901), V.Ja. Brjusov (1902),
B.K. Zajcev (1904 e prima del 1914), P.P. Muratov
(1908), A.A. Blok (1909) e A. Belyj (1910-1911)10.
Non pretendo di estendere il mio discorso a tutte
le memorie scritte dai russi su viaggi in Italia effettuati in questo periodo ma, a meno di eventuali
omissioni, si tratta comunque dei testi più rilevanti
in base ai criteri stabiliti11 . Il caso qui esposto po9
Grevs era solito accompagnare gruppi di suoi studenti dell’Università di Pietroburgo e dei corsi universitari femminili (Vysšie ženskie Bestuževskie kursy) di Pietroburgo in Italia alla fine del loro
ciclo di studi: di tutte queste visite è noto un solo resoconto relativo
al viaggio a cui ha partecipato Anciferov nel 1912, N.P. Anciferov,
Otčizna moej duši. Vospominanija o putešestvijach v Italiju,
Moskva 2016, pp. 47-128. Grevs invece avrebbe lasciato memorie
solo del suo primo viaggio durante il dottorato, I.M. Grevs, “Moja
pervaja vstreča s Italiej”, Rossija i Italija, 1993, pp. 281-306.
10
Talvolta si osserva un considerevole iato temporale tra il viaggio, la
stesura e la pubblicazione dei resoconti. Tuttavia ho ritenuto più
sensato riferire i limiti cronologici del mio lavoro al periodo di visita
dei luoghi, in quanto la possibilità di fare confronti tematici tra testi
odeporici è maggiore quando tali testi si riferiscono a esperienze
contemporanee, rispetto a quando scritti contemporanei trattano
esperienze avute in periodi molto diversi.
11
Mancano quindi autori importanti, come O.E. Mandel’štam, V.I.
Ivanov, D.S. Merežkovskij e Z.N. Gippius, che si sono espressi sulla loro esperienza italiana attraverso altri generi di scrittura.
Inoltre non rientra nel corpus Ochrannaja gramota [Il salvacondotto, 1931] di B.L. Pasternak, in cui una breve parte è dedicata al
soggiorno dell’autore a Venezia: oltre al fatto che gli aspetti odeporici sono inseriti in una narrazione autobiografica più ampia il cui
A. Farsetti, L’immagine degli italiani nelle memorie di viaggio di intellettualirussi a cavallo di Ottocento e Novecento
trebbe rappresentare in futuro la base per una modellizzazione dell’odeporica russa e per il suo inserimento nel contesto internazionale della letteratura
di viaggio riguardo all’Italia.
Anzitutto, la possibilità di fare un discorso unitario sul corpus in esame deriva dal fatto che alcune delle ragioni che spingono a visitare l’Italia sono
condivise: ammirare le bellezze storico-artistiche,
cercare le tracce dei grandi del passato, godere di
un’ampia varietà di paesaggi e dell’agognato sole
del Sud12 . Si deve tener conto che gli autori in questione sono stati di norma turisti, non hanno avuto
necessità di allacciare rapporti diplomatici o di collaborazione con gente del posto13 , per cui la rappresentazione degli autoctoni non occupa uno spazio rilevante nelle loro memorie ed è spesso basata
su osservazioni “da lontano”, mentre quelle “da vicino” sono limitate a persone con cui hanno avuto
scambi verbali superficiali ed effimeri (doganieri, albergatori e così via). Tali circostanze concorrono a
spiegare il permanere di automatismi percettivi con
il ricorso agli stereotipi.
fine è evidenziare l’evoluzione artistica e filosofica dell’autore, gli
accenni agli italiani risultano irrilevanti; un discorso analogo merita il libro Moja Italija [La mia Italia, 1908], che contiene solo
bozzetti impressionistici sull’arte delle città visitate dall’autore, lo
storico dell’arte A. Trubnikov.
12
Non rientrano in questa classificazione gli esuli politici (si veda
A. Tamborra, Esuli russi in Italia dal 1905 al 1917, Roma-Bari
1977); tra questi anche M. Gor’kij, che pur risiedeva in Italia per
problemi di salute. È però interessante notare che nel suo ciclo
Skazki ob Italii [Racconti sull’Italia, 1911-1913] – storie di
contadini e operai ispirate da fatti di cronaca italiana nelle quali
sono evidenti i fini di propaganda rivoluzionaria – siano comunque
presenti quadri sulla lussureggiante natura italiana che avevano
affascinato il Gor’kij-turista. Molto lontani dai testi in esame
sono quelli di Elizaveta de Vitte (1833/1834-1915), viaggiatrice
che aveva lambito l’Italia (Trieste e dintorni) nel 1910: partendo
da presupposti slavofili (in gioventù era stata vicina tra gli altri
a Ivan Aksakov), de Vitte aveva viaggiato al fine di descrivere
le condizioni di un popolo “fratello”, gli sloveni, oppresso da
tedeschi e italiani. Si tratta quindi di un personaggio ben lontano
dagli intellettuali fin de siècle qui considerati, sia per cultura che
per evidenti ragioni anagrafiche. Per approfondimenti rimando
all’ottimo lavoro di C. Cugnata, Elizaveta Ivanovna de-Vitte.
Uno sguardo al femminile sulle condizioni degli Slavi europei all’inizio del XX secolo, Tesi magistrale, Venezia 2012,
<http://dspace.unive.it/bitstream/handle/10579/2537/8337721162232.pdf>.
13
Ad eccezione di Grevs, impegnato a fare ricerca per la tesi di dottorato: è stato tra gli altri ricevuto da Angelo De Gubernatis, il quale
ha fatto allo studioso russo l’impressione di uno smargiasso, I.M.
Grevs, “Moja pervaja vstreča”, op. cit., p. 286.

Nel caso delle osservazioni da lontano si ha lo
stereotipo dell’italiano bello, dal carattere semplice
e appassionato, con un’innata disposizione per l’arte. Come giustamente notato da Deotto14 , si tratta di un’immagine oleografica di matrice romantica, presente in Gogol’ e Herzen, i quali facevano
eco a Stendhal15 . L’indole degli italiani viene distinta a seconda della provenienza geografica: dal
nordico più dedito al lavoro, al meridionale più pigro e vizioso, identificato con il lazzarone napoletano. Per quanto riguarda l’aspetto fisico, imperava
invece ovunque lo stereotipo meridionale dei capelli
e degli occhi neri e della carnagione olivastra.
Tali caratteristiche fisiche e morali che i viaggiatori russi (e non solo) ottocenteschi cercano di individuare a un rapido sguardo nella gente vista per
strada – quasi a confermare i propri preconcetti –
si ritrovano negli autori a cavallo di Ottocento e
Novecento. Grevs, chiaramente alludendo all’idea
montesquieuana dell’influsso del clima sul carattere degli uomini, ricorda la semplice allegria dei toscani, la loro simpatia, il senso del bello, l’amore per
la poesia, la facilità di immaginazione16 . Rozanov,
in tono leggermente polemico, definisce stucchevole la bellezza degli italiani17 ; Brjusov si riferisce
invece alla figura armoniosa del gondoliere18 , così come Zajcev, il quale parla inoltre del carattere
leggero e spensierato delle folle che porta anche i
14
P. Deotto, In viaggio, op. cit., p. 36.
Si veda soprattutto Stendhal, Rome, Naples et Florence, Paris
1817 (trad. it. Roma, Napoli e Firenze nel 1817, Milano-Firenze
1960, pp. 21, 25). A quest’ultimo proposito, noto che gli autori
dei resoconti in esame sono ben edotti dei diari di viaggio in Italia
del passato e a loro contemporanei e non mancano di citarli quasi a
volersi riallacciare alla tradizione del genere: per fare alcuni esempi, Belyj (Putevye zametki, Moskva 1922, pp. 28, 35, 49; il libro
è stato anche tradotto in italiano come Viaggio in Italia, Roma
1989) dichiara come guide letterarie in Italia Goethe e Maupassant, e cita anche Rozanov; Brjusov (“Venecija”, Idem, Sovetskie
pisateli ob Italii, Leningrad 1986, p. 41) e Blok (“Molnii iskusstva”, Idem, Sobranie sočinenij, V, Moskva-Leningrad 1962, p.
386) rimandano a John Ruskin. È certo che gli “accompagnatori”
di ogni viaggiatore siano stati più di quelli di volta in volta dichiarati,
e tra questi Stendhal, – maître à penser dei viaggiatori occidentali
dell’Ottocento – non sarà certo mancato anche laddove non citato:
ciò contribuisce a spiegare l’uniformità dell’immagine degli italiani
data dagli stranieri.
16
I.M. Grevs, “Moja pervaja vstreča”, op. cit., p. 282.
17
V.V. Rozanov, Ital’janskie vpečatlenija, Peterburg 1909, p. 6.
18
V.Ja. Brjusov, “Venecija”, op. cit., p. 41.
15

eSamizdat 2016 (XI)
russi ad adagiarsi nel cosiddetto “dolce far niente”
italiano19 .
I russi vedono negli italiani l’incarnazione di un
ideale di bellezza classico: Vološin ricorda due figure a Villa Adriana che sembrano uscite dalla Roma
imperiale20 ; simile è il caso di Rozanov, che guardando i volti dei prelati a Roma vede i tratti degli antichi imperatori romani incisi sulle monete21 . Anche Muratov ha l’impressione che i partecipanti a
una cerimonia religiosa siano come statue marmoree dell’Antica Roma che hanno preso vita22 . In linea con questa percezione delle persone come opere d’arte, Brjusov arriva perfino ad assimilare alcuni
vecchi “mostruosi”, che vendono dolcetti durante
una fiera, con figure prese dai dipinti del Guercino23 .
L’osservazione da lontano, che implica un fermarsi all’apparenza dell’aspetto esteriore, favorisce
dunque la formazione di un’immagine idilliaca. Ma,
guardando più da vicino, la bellezza non si rivela
come l’involucro di anime dai pensieri elevati: non
si trova corrispondenza tra interiore ed esteriore.
Ad esempio, Zajcev esprime la delusione per alcuni giovani romani colti a parlare di futilità con una
passione che ci si aspetterebbe per questioni di importanza capitale24 . In un altro caso, invece, Zajcev, infischiandosene del disprezzo di Stendhal verso i viaggiatori che danno confidenza a personaggi
di basso rango25 , stringe amicizia con il cameriere
fiorentino Giovanni, che egli descrive in termini lu19
B.K. Zajcev, Italija, Berlin 1923, pp. 9, 30, 78, 82.
M.A. Vološin, “Žurnal putešestvija”, Idem, Sobranie sočinenij,
VI, Moskva 2006, pp. 81-82, o sempre Vološin parlava dei volti belli e olivastri degli italiani, Idem, Sobranie sočinenij, VIII,
Moskva 2008, p. 125.
21
V.V. Rozanov, Ital’janskie vpečatlenija, op. cit., p. 6. A conferma
di questa tendenza, sforando nel campo della poesia, noto che Blok
ha creduto di ritrovare i tratti delle Madonne dipinte dagli antichi
maestri nei volti delle fanciulle in cui si è imbattuto (si veda la poesia
Devuška iz Spoleto [La ragazza di Spoleto]).
22
P.P. Muratov, Obrazy Italii, Moskva 1994, p. 219.
23
V.Ja. Brjusov, “Venecija”, op. cit., pp. 44-45.
24
B.K. Zajcev, Italija, op. cit., pp. 119-120.
25
A quanto mi risulta, il sarcasmo di Stendhal (Roma, op. cit., pp.
33-34) è in realtà diretto verso quei viaggiatori che giudicano l’Italia limitandosi a parlare con gli addetti al servizio dei turisti (camerieri, ciceroni) e a visitare musei, senza conoscere a fondo le persone o capire i loro costumi e le loro passioni. Il fraintendimento di
Zajcev è forse dovuto a un ricordo impreciso del testo e al fatto che
Stendhal, frequentando classi agiate ed essendo di casa alla Scala,
poteva dare a Zajcev un’impressione di snobismo.
20
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
singhieri: “Он вежлив и воспитан, как полагается
в Италии, и от природы не потерпит лени”26 .
In generale, però, abbondano le impressioni negative. Come ho già accennato, gli indigeni con cui
il turista si trova a interagire sono albergatori, camerieri, oltre a mendicanti e ruffiani sempre pronti a
importunare: salvo eccezioni (come il cameriere di
Zajcev) tali categorie di persone alimentano di certo
lo stereotipo del furbo, del profittatore e dello stupido, che si estende a ogni ceto sociale. D’altronde, è
per questo che i resoconti di viaggio degli occidentali tra Settecento e Novecento sono pieni di note
sulla diffidenza verso gli italiani27 .
Negli appunti di viaggio di Belyj le parti liriche,
dense di simbolismo e con echi antroposofici, sono alternate a considerazioni più basse sul carattere triviale e imbroglione degli italiani, soprattutto in
Sicilia, dove gli abitanti cercano di spillare al poeta
fino all’ultimo soldo, esperienza comune peraltro a
molti stranieri28 .
In sostanza, è anche a causa di un ideale di vita armoniosa disatteso che l’immagine dell’italiano trova poco spazio in queste memorie di viaggio. Muratov dedica infatti molte pagine alle opere d’arte che si possono ammirare nelle varie città,
condendole con dotte citazioni di personaggi e fatti storici, ma trascura la vita italiana contemporanea. Tuttavia, quando parla del Sud la tendenza si
inverte: nonostante l’eccelsa qualità dei capolavori
nei musei e nelle chiese, le folle rumorose che animano le strade rappresentano una visione che lascia
un’impressione più vivida rispetto alle opere d’arte,
26
“Egli è gentile ed educato, come si conviene in Italia, e per natura
contrario alla pigrizia”, B.K. Zajcev, Italija, op. cit, p. 44.
27
Si veda A. Brilli, Il viaggio in Italia, Bologna 2006, pp. 266-267.
28
A. Belyj, Putevye zametki, op. cit., p. 59. In modo simile John
Ruskin in Italia si sentiva “un automa su ruote dal quale tutti volevano spillare quattrini”, citato in А. Brilli, Il viaggio, op. cit.,
p. 266. Si veda anche una lettera a E.K. Metner datata 1 gennaio
1911, dove Belyj esalta la natura di Monreale, ma copre di epiteti
offensivi la gente del posto: “Боже мой, до чего тупой, косолапый, глупый и грабящий народ; [. . . ] по-французски здесь знают
только в отелях, да и то Палермских; а вот мы в Монреале уже
десять дней объясняемся знаками” [mio Dio, quanto è maldestra,
stupida e ladra la gente! [. . . ] qua sanno il francese esclusivamente
negli alberghi, tra l’altro solo a Palermo; e a Monreale sono dieci giorni che ci spieghiamo a gesti], citato in: “Ital’janskie pis’ma
Andreja Belogo”, a cura di G. Nefed’ev, Archivio italo-russo II, a
cura di D. Rizzi, A. Shishkin, Salerno 2002, p. 137.
A. Farsetti, L’immagine degli italiani nelle memorie di viaggio di intellettualirussi a cavallo di Ottocento e Novecento
e quindi meritano di essere immortalate: “Отвлеченные формы статуй, побледневшие краски старых картин, неосязаемые образы прошлого очень
скоро теряются и исчезают в шумящем и блистающем всеми силами жизни зрелище нынешнего
Неаполя”29 .
In altre parole, persa ogni illusione sul carattere
geniale e fine degli italiani, il viaggiatore può tollerare la vista di rozzi contadini e mendicanti a patto
che non lo importunino e che spicchino per esoticità, così da contribuire al suo godimento estetico. L’italiano viene percepito come figura di staffage, ornamento accessorio di paesaggi che ricordano le vedute bucoliche di Poussin30 o la cosiddetta “orrida bellezza” della natura scabra nelle tele
di Salvator Rosa31 . A testimonianza della raggiunta consapevolezza a inizio Novecento di questo atteggiamento – molto diffuso già dal Settecento tra
i visitatori stranieri in Italia32 – è sufficiente ricordare che Muratov, tra il serio e il faceto, interpreta
la richiesta di elemosina da parte di una pittoresca
contadina come pagamento per essere apparsa nel
quadro pastorale contemplato dal turista:
На дороге между Минори и Амальфи встречается много этих
живописных фигур, воплощающих наяву наши видения далекого юга. Классическим движением руки они придерживают на голове кувшин с водой или вязанку хвороста и при виде иностранца протягивают к нему свободную руки и просят
сольдо. Не следует удивляться этому или видеть что-нибудь
дурное в их детской доверчивости и детской страсти к подаркам. У девушки из Минори нет никаких других способов добыть медную монету, которую она могла бы легко истратить
на лакомство или на покупку цветной ленты. Она видит, что
приезжие тратят много денег ради того, чтобы посмотреть на
ее море и на ее горы. Она сознает себя участницей каждого здешнего пейзажа и не желает даром служить слабости к
видам, которую питают все иностранцы33.
29
“Le forme astratte delle statue, i colori sbiaditi dei quadri, le immagini impalpabili del passato molto presto si perdono e spariscono di
fronte allo spettacolo rumoroso e risplendente in tutta la sua vitalità
della Napoli odierna”, P.P. Muratov, Obrazy, op. cit., p. 314.
30
N.P. Anciferov, Otčizna, op. cit., p. 154.
31
S. Rosa, Satire, odi e lettere, Firenze 1860, p. 420.
32
Si veda A. Brilli, Il viaggio, op. cit., pp. 269-272.
33
“Sulla strada tra Minori e Amalfi si incontrano molte di queste figure pittoresche, che fanno diventare realtà le nostre visioni del lontano Sud. Con un movimento classico della mano esse reggono
sulla testa una brocca con l’acqua o un fascio di rami, e quando vedono uno straniero tendono verso di lui la mano libera e chiedono
un soldo. Non c’è da stupirsi di questo, né si deve vedere qualcosa
di brutto nella loro puerile ingenuità e nell’altrettanto puerile passione per i regali. La ragazza di Minori non ha nessun altro modo

Vale la pena citare in parallelo un brano di John
Ruskin, che fa capire come i poveri abitanti siano
talvolta considerati dai viaggiatori alla stregua di
esseri subumani:
L’altro giorno, a Bologna, ho inciampato in una povera creaturina che giaceva sul selciato, immersa all’apparenza nel sonno
eterno: forse era sfinita per l’inedia. Mi sono fermato all’istante. . . non certo mosso a compassione, bensì affascinato dalle
pieghe della camicina a brandelli che mal celava il petto smilzo.
Se non ho negato l’obolo alla madre, non è stato per un atto di
carità: mi premeva che scacciasse le mosche mentre eseguivo
lo schizzo34 .
Questo approccio all’italiano come oggetto estetico verrà concettualizzato più tardi da Muratov
mediante la categoria del narodnyj čelovek [uomo
del popolo], presenza imprescindibile del paesaggio,
nonché sua anima: il contadino, l’artigiano, il fabbro, il pastore, il pescatore sono considerati l’ultimo
baluardo contro l’alienazione che minaccia l’uomo
nella società industriale35 . E infatti egli vede una
differenza tra la gente che affolla le strade di Napoli e quella di una metropoli europea come Parigi: nel secondo caso si ha un movimento meccanico, frenetico, impersonale, nel primo un movimento
semplice, di vitalità popolare, di gente per la quale la
strada non è un’infrastruttura, bensì una casa dove
si vive, ci si muove, si agisce senza fretta36 . Una
sensazione simile è riportata da Grevs, che contrappone il classico rumore da ufficio della dogana
tedesca all’animazione continua e perfino eccessiva
di quella italiana37 . Tuttavia i viaggiatori non concepiscono questo modello di vita alternativo come
di ottenere una moneta di rame che potrebbe facilmente spendere
per qualche leccornia o per un nastro colorato. Vede che i viaggiatori spendono molti soldi per ammirare il suo mare e i suoi monti;
ella si considera parte integrante di ogni paesaggio di queste zone
e non ha voglia di soddisfare gratuitamente il debole per le vedute
che tutti gli stranieri nutrono”, P.P. Muratov, Obrazy, op. cit., pp.
329-330.
34
J. Ruskin, Ruskin in Italy: Letters to his Parents, 1845, Oxford
1972 (trad. it. Viaggio in Italia 1840-1845, Firenze 1985, p. 163).
35
Si vedano P.P. Muratov, “Iskusstvo i narod”, Sovremennye zapiski, 1924, 22, pp. 185-209; P. Deotto, In viaggio, op. cit., p.
41.
36
P.P. Muratov, Obrazy, op. cit., p. 314.
37
Questa impressione non è riportata nella versione pubblicata delle
memorie di Grevs, citata in precedenza (I.M. Grevs, “Moja pervaja
vstreča”), bensì è contenuta nel dattiloscritto conservato nell’archivio dell’Institut mirovoj literatury di Mosca, Archiv “Literaturnogo nasledstva”, Materialy k “Ital’janskomu tomu”, I.M. Grevs,
“Moja pervaja vstreča s Italiej”, l. 26.

eSamizdat 2016 (XI)
applicabile nel resto d’Europa o in Russia: in fin dei
conti anche Muratov tratta la folla napoletana come
un tableau vivant, una scena alla quale assistere
senza prenderne parte attiva. La vita in Italia ha un
aspetto così pittoresco da non sembrare nemmeno
reale, sensazione espressa in maniera esplicita da
Zajcev durante il soggiorno a Siena:
Вокруг живут виноградари сада Божьего; в простоте, изяществе, как люди Библии, разводят они плоды, обрабатывают поля, осенью выжимают вино. Есть что-то вызывающее
улыбку в этой жизни; далеко – даже как-бы ушедшее навсегда своей особенностью, отрезанностью от культуры нашей. [. . . ] что если останешься навсегда здесь? На мгновенье страшное и сладкое охватывает: сделаться гражданином
этого города коричневого, забыть родину, семью, жить среди
ремесленников, булочников, монахов, в кафе. Трудно поверить, что они здесь живут всегда, никуда не уедут, многие всю
жизнь не выезжали и умрут в этой Сиене38 .
In modo analogo a quello rilevato da Attilio Brilli riguardo ai viaggiatori occidentali39 , i russi che
hanno visitato l’Italia in questo periodo percepiscono di solito gli italiani come esseri astorici che
non vivono una vita vera e propria: sono comparse
del paesaggio, fermati in un’istantanea del bello in
quanto categoria assoluta, eterna e immodificabile,
piuttosto che persone inserite nel flusso temporale.
In un paese del genere, vissuto come un luogo dell’anima, i mutamenti dovuti ai processi di modernizzazione, laddove questi hanno luogo a inizio Novecento, sono per il viaggiatore un tradimento della
vocazione arcadica dell’Italia e dell’italiano. E non
a caso si trovano – tanto nei resoconti russi, quanto in quelli occidentali – esternazioni di delusione
per l’Italia postunitaria, con le sue moderne vie Cavour a Roma e i monumenti a Vittorio Emanuele40 .
38
“Intorno vivono viticoltori del giardino di Dio; con grazia e semplicità, come personaggi biblici, coltivano i frutti, lavorano il terreno,
in autunno producono il vino. In questo modo di vivere c’è qualcosa
che fa sorridere, qualcosa di lontano, o addirittura sparito per sempre, tagliato fuori dalla nostra cultura per la sua specificità. [. . . ] e
se si rimanesse sempre qua? Per un attimo sono colto da un senso
di terrore e dolcezza: diventare abitante di questa città di mattoni,
dimenticare la patria, la famiglia, stare nel bar tra questi artigiani,
panettieri, monaci. È difficile credere che essi vivono sempre qui,
non se ne vanno da nessuna parte, molti per tutta la vita non sono
usciti da Siena e in essa moriranno”, B.K. Zajcev, Italija, op. cit.,
pp. 58-59.
39
Si veda A. Brilli, Il viaggio, op. cit. p. 287.
40
Si vedano N.P. Anciferov, Otčizna, op. cit., p. 37; B.K. Zajcev, Italija, op. cit., p. 85; P.P. Muratov, Obrazy, op. cit., p. 211. Questo
pensiero è ripreso anche in un saggio di N.A. Berdjaev: “Любовь
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
Grevs, in visita a Firenze, ritiene che le parate contemporanee alla presenza del re siano qualcosa di
non all’altezza del passato glorioso dell’Italia41 .
L’ossessiva ricerca dell’esotico vuol dire omissione o aperta condanna di tutto ciò che non è in linea con un’immagine precostituita del costume locale. Si consideri che per i russi a cavallo di Ottocento e Novecento l’esotico italiano è anche un
altro “Io” bizantino, in città come Ravenna e Venezia, o – nella Sicilia visitata da Belyj – un incontro tra mondo arabo e mondo classico (oriente
e occidente). Sta di fatto che passeggiare per Firenze (Blok)42 o Palermo (Belyj) e vedere i palazzi
moderni, i tram e le persone in strada vestite come
dei dandy inglesi produce nel viaggiatore l’effetto di
un rinnegamento dello spirito del luogo:
глядишь на палермского франта и думаешь: “Эй, ты, туземец! Зачем ты надел котелок, применяв на тюрбан!” Здесь –
мужчины для вида напялили европейское платье: араб выпирает из них, “сарацин” в них таится; но силится котелком
он прикрыть свое славное прошлое, создавая бесстилицу из
смещения почв: почвы Африки с почвой Европы43 .
наша всегда была направлена на старую и вечную Италию, а не
на Италию новую и временную. Наслоение современного Рима, Рима последних десятилетий, памятник Виктору Эммануилу, квартал Людовизи и пр., придавившие более глубокие слои
Рима античного, средневекового, Рима Возрождения и барокко,
шокируют и отталкивают” [Il nostro amore è sempre stato diretto
verso l’Italia antica ed eterna, non verso l’Italia nuova e temporanea. Lo strato della Roma odierna – la Roma degli ultimi decenni, il monumento a Vittorio Emanuele, il rione Ludovisi, ecc., che
ha schiacciato gli strati più profondi della Roma antica, medievale, rinascimentale e barocca – lascia scioccati e disgusta], N.A.
Berdjaev, “Čuvstvo Italii”, Idem, Filosofija tvorčestva, kul’tury i
iskusstva, I, Moskva 1994, pp. 369-370.
41
I.M. Grevs, “Moja pervaja vstreča”, op. cit., pp. 292-293.
42
Rimando alla nota lettera alla madre datata 25-26 maggio 1909:
“Но Флоренцию я проклинаю не только за жару и мускитов, а
за то, что она сама себя предала европейской гнили, стала трескучим городом и изуродовала почти все свои дома и улицы” [Ma
maledico Firenze non solo per il caldo e le zanzare, ma anche perché ha tradito se stessa con la putredine europea, è diventata una
città strepitante e ha sfigurato quasi tutti i suoi palazzi e le sue vie],
A.A. Blok, Sobranie sočinenij v 6 tomach, VI, Leningrad 1983, p.
167. Rimando inoltre alla ancor più nota poesia Umri, Florencija,
iuda [Muori, Firenze, giuda], strettamente legata a questa lettera.
43
“guardi il bellimbusto palermitano e pensi: ‘Ehi, tu, indigeno! Perché hai messo la bombetta al posto del turbante?’ Qua gli uomini
hanno cercato di farsi entrare l’abito europeo per apparenza. Da loro salta fuori l’arabo, si cela il saraceno, ma il saraceno si sforza di
coprire con la bombetta il suo glorioso passato, creando l’assenza
di stile con una mescolanza di suoli: il suolo dell’Africa con quello
dell’Europa”, A. Belyj, Putevye zametki, op. cit., p. 63. L’immagine araba del siciliano che Belyj propone pare mutuata da Maupassant: “Nel siciliano, invece, troviamo molto dell’Arabo. Egli
A. Farsetti, L’immagine degli italiani nelle memorie di viaggio di intellettualirussi a cavallo di Ottocento e Novecento
L’assunzione di mode altrui coincide con uno
svuotamento morale degli italiani, specie quando
questi vogliono imitare gli altri stati europei con
politiche colonialiste. Si deve tener presente che
nell’immaginario russo ottocentesco l’Italia viene
considerata la terra della libertà (anzitutto della libertà creativa, ma anche politica, specie in seguito alle guerre d’indipendenza)44 . Anciferov trova appunto inaccettabile che gli italiani si siano
trasformati in oppressori di altri popoli, dopo che
appena qualche decennio addietro avevano lottato contro un oppressore straniero e conclude che
gli italiani izmel’čali [hanno perso il proprio valore
spirituale]45 .
Il senso di declino che segue la fase eroicorisorgimentale assume in Blok un senso più tragico. L’Italia diviene perfetto simbolo metafisico della
decadenza della civiltà e della lingua fondata sull’eredità classica: il paese, dopo aver prodotto bellezza
e genialità nei secoli passati, assurgendo al ruolo di
cultura egemone, sembra non avere più niente da
esprimere sul piano culturale; e, in base all’idea di
Blok di nemesi storica, il nobile narod [popolo] italiano con la sua arte è stato ormai sostituito dalla
tolpa [folla] o čern’ [plebaglia]46 . A quanto pare, in
Blok manca il summenzionato appagamento estetico per il pittoresco, sostituito tutt’al più dal senso
del kitsch. Una processione della Misericordia nella Firenze moderna è vista come una sorta di mascherata, una forma vuota per rievocare un contenuto che non esiste più47 . Le parole di Blok fanno eco a quelle di Brjusov su Venezia: città parassita, priva di una vita autentica (rispetto a quando
era egemone sui mari e nel commercio), i cui abine ha l’andatura grave, anche se ha la vivacità di spirito degli italiani. [. . . ] Ma quello che dà l’impressione dell’Oriente quando si
mette piede sull’isola è il timbro della voce, l’intonazione nasale dei
venditori ambulanti. Dappertutto si trova la nota acuta dell’arabo,
che sembra scendere in gola”, G. de Maupassant, La vie errante, Paris 1890 (trad. it. La vita errante, Como-Pavia 2002, pp.
67-68). Per quanto riguarda la caratterizzazione del napoletano
come un pagliaccio, Belyj dichiara invece esplicitamente il debito
con Maupassant, A. Belyj, Putevye zametki, op. cit., p. 49; G. de
Maupassant, La vie, op. cit., p. 67.
44
Si veda P. Deotto, In viaggio, op. cit., pp. 42-45.
45
N.P. Anciferov, Otčizna, op. cit., p. 58.
46
A.A. Blok, “Molnii”, op. cit., pp. 385-388.
47
Ivi, pp. 389-390.

tanti sanno produrre solo oggetti inutili48 . Sempre
secondo Blok, al posto delle capitali della cultura,
in Italia rimangono città di provincia in cui la vita è talmente impercettibile e insignificante da assomigliare alla morte, mentre ben più vivi vengono
sentiti gli uomini del passato con le loro opere:
Без сомнения, часть мрачности своих впечатлений я беру на
себя: ибо русских кошмаров нельзя утопить даже в итальянском солнце. Но другая, и большая, часть этой мрачности
объясняется тем, что жизнь Перуджии умерла, новой не будет, а старая поет, как труба, голосами зверей на порталах,
на фонтанах, на гербах, а главное – голосами далеких предков, незримых свидетелей, живущих своею жизнью – под
землей49 .
Questa nostalgia per il passato viene avvertita
anche da Muratov: visitando la Toscana medievale,
filtrata dalle vivaci e mondane poesie di Folgore da
San Gimignano, egli riflette sulla scomparsa della vita passata, alla quale si è sostituito un senso
di vuoto50 . Va però aggiunto che qualche anno più
tardi Muratov sarà tra i pochi a riconoscere dignità
all’Italia contemporanea, dove nel frattempo è emigrato; tra l’altro, tale circostanza può aver agevolato l’abbandono della prospettiva del turista a favore
di quella dell’abitante:
Глядеть на итальянские города только как на музеи, кладбища или романтические руины, для коих нынешние обитатели составляют лишь не всегда удачный стаффаж, – значит грешить против гостеприимства, которое нам всем оказывает страна и нация. Эта нация живет, дышит, существует;
у нее есть не только прошлое, но и настоящее. Мы должны принять его, должны найти в себе такт не противопоставлять современную Италию Италии прошлого, иначе мы
не будем достойны ни той, ни другой. [. . . ] Никто не обязан,
разумеется, интересоваться в Италии ее успехами в индустриализме и технике. Но едва ли уместно и оплакивать новейшее итальянское увлечение всяческой ingegneria. В этом
не только одна из форм проявляющейся интеллектуальнотворческой энергии нации, но и защита ее от возможного
нового порабощения51.
48
V.Ja. Brjusov, “Venecija”, op. cit., p. 45.
“Di sicuro parte della tetraggine delle mie impressioni dipende da
quello che ho dentro, poiché non è possibile annegare gli incubi
russi nemmeno nel sole d’Italia. Ma un’altra parte importante di
questa tetraggine si spiega con il fatto che la vita a Perugia è morta, una nuova non ci sarà e quella vecchia risuona come una tromba con le voci degli animali scolpiti sui portali, sulle fontane, sugli
stemmi, e soprattutto con le voci dei lontani antenati, testimoni invisibili che vivono sotto terra”, A.A. Blok, “Molnii”, op. cit., p.
392.
50
P.P. Muratov, Obrazy, op. cit., p. 182.
51
“Guardare le città italiane solo come musei, cimiteri o rovine romantiche, per i quali gli abitanti odierni sono soltanto figure di staf49

eSamizdat 2016 (XI)
Si prenderanno ora in esame le parti in cui la rappresentazione degli italiani costituisce lo spunto per
l’autorappresentazione dei russi. Vorrei anzitutto
citare Berdjaev: sebbene egli non abbia lasciato resoconti del viaggio effettuato in Italia, il suo articolo
Čuvstvo Italii [Sentimento dell’Italia, 1915] riassume magnificamente le posizioni espresse nelle
memorie qui prese in esame:
Мы – тяжелые, всегда ощущающие бремя жизни и мировую ответственность, любим легкость итальянцев. Мы – люди севера, любим близость итальянцев к солнцу. Так тяжела
была наша история и так труден характер нашей расы, что
мы почти не знаем свободной игры творческих сил человека.
И нас пленяет в итальянском народе этот избыток свободных творческих сил. Русская душа не дерзает вольно творить красоту, ощущает как грех, творческую избыточность,
и она любит творчество красоты, творческую избыточность
солнечной страны Италии52.
L’alterità italiana sud-europea (classicità, culto
della bellezza, grande libertà creativa, sfarzo) è vista dai russi (inclini alla penitenza e alla preoccupazione per le sorti del mondo, legata a idee messianiche) come inconciliabile con il proprio carattere – quasi qualcosa di peccaminoso – e allo stesso
tempo qualcosa che, difettando in loro, attira. Ad
essa si tende come a un completamento dell’anima
russa. Non attrae, al contrario, l’alterità europea
occidentale (razionale, fondata sul profitto).
La stessa struttura interpretativa si ritrova applicata a situazioni diverse nel corpus in esame. Zajfage, significa peccare contro l’ospitalità che dà a tutti noi questa
nazione. Questa nazione vive, respira, esiste; non ha solo un passato, ma anche un presente. Noi dobbiamo accettarlo, dobbiamo
trovare in noi la sensibilità per non contrapporre l’Italia attuale con
l’Italia del passato, altrimenti non saremo degni né dell’una, né dell’altra. [. . . ] Nessuno, s’intende, è obbligato a interessarsi dei successi dell’Italia nell’industria e nella tecnica. Ma non è certo opportuno nemmeno piangere per la passione dell’Italia di oggi per
ogni ingegneria. In essa non c’è solo l’espressione dell’energia intellettuale e creativa della nazione, ma anche la sua difesa da una
possibile nuova forma di schiavizzazione”, Ivi, p. 453.
52
“Noi, grevi, sempre a sentire il fardello della vita e la responsabilità universale, amiamo la leggerezza degli italiani. Noi, gente del
nord, amiamo la vicinanza degli italiani al sole. È stata così pesante
la nostra storia e così difficile è il carattere della nostra razza, che
quasi non conosciamo il libero gioco delle forze creative dell’uomo. E nel popolo italiano ci affascina questo eccesso di libere forze
creative. L’anima russa non osa creare liberamente la bellezza, sente l’eccesso di creatività come un peccato, eppure ama l’arte della
bellezza, l’eccesso di creatività dell’Italia, il paese del sole”, N.A.
Berdjaev, “Čuvstvo Italii”, op. cit., p. 368. Riguardo a quest’ultima
idea dell’eccesso, si ricorda il commento di Grevs sulla dogana in
Italia sopra riportato. Per la contrapposizione tra cupezza russa e
sole italiano rimando alla precedente citazione di Blok su Perugia.
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
cev, che è stato in Italia insieme a Berdjaev, da una
parte ammette il fascino della commedia leggera all’italiana, dall’altra ne sottolinea l’estraneità alle ricerche espressive e alla profondità del teatro russo
(e più in generale nordeuropeo):
То сложное, глубокое, чему столь много служит северный театр, здесь не у места. Здесь не к месту и искания театра. Италия страна латинская. Дух древности, традиции, любовь к
основам так-же здесь сильна, как, может быть, во Франции.
Вряд ли французский или итальянский театр близки нам подуху; но мимо итальянской легенькой комедии нам не пройти;
это прелестно, в жанре пусть не нашим, но очаровательном53 .
In materia di religione Anciferov sottolinea la capacità del culto cattolico di colpire l’immaginazione
per la sua teatralità, ma in modo superficiale: non
c’è niente che agevoli il raccoglimento dei fedeli e il
dialogo profondo con il divino:
Меня, в особенности Таню, отталкивал католицизм, хотя и
поражал воображение какой-то скрытою в нем силой и своей театральностью. Здесь нет ничего, что заставило бы углубиться внутрь себя, что напоминало бы об “умной молитве”54 . Здесь все отвлекает молящихся от самоуглубления:
созерцай, восхищайся и трепещи55.
La differenza degli aspetti religiosi in relazione
alle peculiarità del carattere di russi e italiani viene sviluppata soprattutto da Rozanov. Il filosofo
riconosce la bellezza del canto cattolico, ma come
bellezza transeunte, in contrasto con il divino canto ortodosso, l’unico capace di toccare il cuore di
un russo56 . Rozanov sottolinea inoltre che proprio
l’esperienza del viaggio in Italia, con l’osservazione
53
“Le cose complesse e profonde di cui si occupa il teatro del Nord,
qui sono fuori luogo. E fuori luogo sono anche le ricerche teatrali.
L’Italia è un paese latino, lo spirito dell’antichità, della tradizione,
l’amore per i fondamenti è forte qui tanto quanto, forse, in Francia.
Difficilmente noi sentiamo spiritualmente vicini il teatro francese o
quello italiano. Ma la commedia leggera all’italiana non ci lascia
indifferenti: è qualcosa di incantevole, in un genere che, anche se
non è il nostro, è affascinante”, B.K. Zajcev, Italija, op. cit., p. 49.
54
Detta anche serdečnaja molitva [preghiera del cuore] e Iisusova molitva [preghiera di Gesù] nella tradizione ascetica ortodossa è un tipo di meditazione religiosa che si pratica attraverso la
ripetizione, come un mantra, del nome di Cristo, accompagnato
da varie formule (ad es.: “Signore Gesù Cristo, abbi pietà di me
peccatore”).
55
“Il cattolicesimo ci repelleva – a me e soprattutto a Tanja [sua moglie] – sebbene colpisse anche l’immaginazione per una qualche
forza in esso nascosta e per la sua teatralità. Qui non c’è niente
che costringa ad andare in profondità dentro di sé, niente che ricordi la umnaja molitva [preghiera della mente]. Qui tutto distrae
coloro che pregano dal guardare nel profondo di sé: ammira, resta
incantato e trema!”, N.P. Anciferov, Otčizna, op. cit., pp. 145-147.
56
V.V. Rozanov, Ital’janskie vpečatlenija, op. cit., p. 4.
A. Farsetti, L’immagine degli italiani nelle memorie di viaggio di intellettualirussi a cavallo di Ottocento e Novecento
della vita del luogo, gli ha fatto capire l’inattuabilità
del desiderio solov’eviano di una riunione di cattolici
e ortodossi in un’unica chiesa universale57 . Non si
tratterebbe infatti di una questione dogmatica, facilmente superabile, ma proprio del modo diverso in
cui italiani e russi concepiscono e vivono la fede. Gli
italiani non osservano il Velikij post [quaresima ortodossa]: tutto è orientato al bello terreno, all’effetto58 . Rozanov rimane infatti allibito di fronte a un
pomposo concerto operistico al Colosseo la sera del
sabato santo, evento che ai suoi occhi appare del
tutto fuori luogo: non c’è traccia dell’umore triste
che accompagna i russi ortodossi nel periodo prepasquale; e per giunta, Rozanov è scioccato perché
l’opera viene eseguita in un luogo sacro, dove sono
www.esamizdat.it
stati martirizzati molti paleocristiani59 .
Questa riflessione del sé nello specchio italiano proposta dai viaggiatori russi presenta tra l’altro un’analogia strutturale con quella che si ricava dai vari resoconti di occidentali, e pertanto apre
prospettive interessanti per future indagini comparative. I viaggiatori occidentali (specie anglosassoni e protestanti nell’Ottocento) sono solitamente attratti dagli italiani per le qualità di cui essi difettano60 ; allo stesso tempo, però, ostentano una
superiorità morale della propria cultura, del temperamento, della religione. In altre parole, cambiano i contenuti (protestantesimo in luogo dell’ortodossia), ma il meccanismo è simile a quello appena
intravisto in riferimento ai russi61 .
Alessandro Farsetti, “L’immagine degli italiani nelle memorie di viaggio di intellettuali russi a cavallo di Ottocento e Novecento”, eSamizdat,  (XI), pp. -
59
57
58

Ivi, p. 16.
Ivi, pp. 17-18. Sempre a proposito dell’opposizione terreno vs. celeste, Rozanov nota come il monachesimo cattolico sia molto mondano rispetto a quello ortodosso: ad esempio, vede che le strade di
Roma sono piene di suore che hanno contatti con i laici, si immischiano nelle faccende terrene, anziché essere, come si converrebbe a delle monache, prigioniere nella propria cella, lontane dal
mondo corrotto, Ivi, pp. 45-55. In senso analogo, Brjusov scrive
del clero che manipola le menti del popolo credulo, V.Ja. Brjusov,
“Venecija”, op. cit., p. 44.
V.V. Rozanov, Ital’janskie vpečatlenija, op. cit., p. 12. Voglio
precisare che Rozanov, comunque, non crede che il cattolicesimo
sia negazione di Dio, così come sosteneva Dostoevskij nella leggenda del Grande Inquisitore (Ivi, p. 29) e Anciferov (Otčizna, op.
cit., p. 147): semplicemente si tratta di un modo diverso di vivere la
religione, inconciliabile con quello dei russi.
60
A. Brilli, Il viaggio, op. cit., p. 267.
61
Lo stesso non può dirsi, ad esempio, per viaggiatori croati dell’Ottocento, che visitando l’Italia chiedevano rispetto, rivendicavano il proprio diritto a essere accettati come interlocutori dagli exdominatori: si veda il libro di Zdravka Krpina L’Italia agli occhi
dei croati, Fiume 2005, p. 47. Tra i viaggiatori russi presi in esame, è Zajcev in alcune occasioni a porsi in condizioni di inferiorità: “Вот уголок, где заседаем ‘мы’, русские, во второй зале, у
стены. Все ‘мы’ в довольно дружелюбных отношениях – и между собой, и с камерьерами, дающими ‘нам’ кофе. Как везде, нас
считают за второй сорт, но сама Италия в глазах порядочного
европейца тоже второй сорт; [. . . ] ‘Мы’, конечно, отличаемся от
итальянцев худшею одеждой, мы волосатей и небрежней, медленнее говорим, нескладней ходим, больше пьем” [Ecco un angolo dove stiamo seduti ‘noi’, russi, nella seconda sala, accanto al
muro. Tutti ‘noi’ siamo in rapporti abbastanza amichevoli, sia tra
noi, sia con i camerieri che ci servono il caffè. Come da tutte le
parti, ci considerano come gente di seconda scelta, ma l’Italia stessa, agli occhi di un rispettabile europeo, è roba di seconda scelta.
[. . . ] ‘Noi’, ovviamente, ci distinguiamo dagli italiani perché siamo
più trasandati nel vestire, non curiamo barba e capelli, parliamo più
lentamente, camminiamo con meno grazia e beviamo di più], B.K.
Zajcev, Italija, op. cit., p. 119.
Geografia di un’altra Russia:
la Kamčatka di S.P. Krašeninnikov
Daniela Cesareo
♦ eSamizdat  (XI), pp. - ♦
TEPAN Petrovič Krašeninnikov (1711-1755)
prese parte alla seconda spedizione in Kamčatka, meglio nota come Grande spedizione del Nord
[Velikaja severnaja ekspedicija]1 , che ebbe luogo
negli anni 1733-1743. Questa grandiosa spedizione, guidata dal danese Vitus Bering, era costituita da diversi gruppi di accademici, studenti, artisti,
traduttori, medici che lavorarono per anni allo stesso progetto. In un editto imperiale del 28 dicembre 1732 venivano elencate le finalità dell’impresa:
attraversare e mappare la Siberia; definire con certezza se l’America e l’Asia fossero unite; esplorare le acque tra la Kamčatka, l’America e il Giappone; mappare la costa artica dal Mar bianco fino alla foce del fiume Kamčatka; stabilire quanti e
quali minerali preziosi fossero reperibili nelle regioni
esplorate2 .
Alcune centinaia di persone partirono guidate da
Bering e dai capitani Aleksej Il’ič Čirikov, russo della regione di Tula, e Martin Spanberg, connazionale
di Bering. Un primo gruppo si occupò dell’esplorazione delle coste russe settentrionali fino all’estremità orientale del paese; una seconda squadra si
mosse verso il Giappone e verso le coste dell’America nord-occidentale, mentre una terza esplorò i territori interni della Siberia fino alla Kamčatka. Molto
rumore provocò soprattutto la spedizione a est della
S
Kamčatka, verso il Giappone e le coste americane,
guidata da Bering e Čirikov3 .
Un grandissimo contributo all’esplorazione della
Siberia, e in particolare della Kamčatka, fu offerto
anche dal terzo gruppo della spedizione, detto “degli accademici”, del quale fu membro Krašeninnikov. A guidarlo erano due stranieri che lavoravano
da molti anni per l’accademia delle scienze di San
Pietroburgo, i tedeschi Gerhard Friederich Müller
e Johann Georg Gmelin; con loro anche un gruppetto di giovani e promettenti studenti dell’accademia slavo-greco-latina di Mosca, che sarebbero a
loro volta diventati professori dell’accademia delle
scienze una volta rientrati a San Pietroburgo. Tra di
loro anche Krašeninnikov, che sarà infatti nominato
professore di storia naturale e di botanica. Il viaggio di questi giovani era considerato, dunque, come
un vero e proprio viaggio di formazione scientifica e
professionale, un percorso che li avrebbe preparati
a ricoprire un ruolo istituzionale. La spedizione non
significava solo osservazione e studio di terre poco
o per niente conosciute, ma era un vero e proprio
mezzo per la costituzione di una nuova classe intellettuale. Tutto questo può essere considerato un
indizio della diffusione di una nuova idea di acquisizione delle conoscenze, piuttosto moderna, pragmatica, poco libresca, che possiamo sicuramente
collegare alla mentalità promossa a inizio secolo da
1
Per informazioni dettagliate sulla spedizione si vedano B.G. Ostrovskij, Velikaja severnaja ekspedicija, Archangel’sk 1935; G.V.
Janikov, Velikaja severnaja ekspedicija, Moskva 1949; V.A. Divin, Russkie moreplavanija na Tichom okeane v XVIII veke,
Moskva 1971, pp. 89-168; V.A. Esakov, D.M. Lebedev, Russkie
geografičeskie otkrytija i issledovanija, Moskva 1971, pp. 198222; Vtoraja Kamčatskaja ekspedicija. Dokumenty 1735-36, a
cura di N. Ochotina-Lind, P. Ulf Møller, Sankt-Peterburg 2009.
2
Per il testo integrale dell’editto n. 6291 si veda Polnoe sobranie
zakonov Rossijskoj Imperii, c 1649 goda, 8, 1728-1732, SanktPeterburg 1830, pp. 1002-1013.
3
Questi sono considerati i primi studiosi ad aver percorso lo stretto
che da Bering prenderà il nome e i primi europei ad aver toccato
le rive nord-occidentali, fino ad allora inesplorate, del continente
americano. Bering e numerosi suoi collaboratori perdettero la vita
durante il viaggio di ritorno; un dato, questo, che testimonia dei seri
pericoli ai quali questi viaggiatori andavano incontro (dei 75 componenti della flotta guidata da Čirikov, solo 51 rientrarono a casa
e lo stesso Čirikov terminò il viaggio in condizioni di salute estremamente critiche). Per ulteriori informazioni si veda V.A. Esakov,
D.M. Lebedev, Russkie geografičeskie otkrytija, op. cit., p. 209.

eSamizdat 2016 (XI)
Pietro il Grande.
Questo terzo gruppo viaggiò dall’agosto 1733 fino al febbraio del 1743 e solo qualche anno più tardi
Gmelin rese pubblici i risultati delle sue osservazioni pubblicando in Germania i quattro tomi del suo
ricco Reise durch Sibirien4 .
Krašeninnikov partì per la spedizione poco più
che ventenne5 . Sappiamo poco degli anni precedenti al viaggio6 : figlio di soldato, studiò a Mosca presso il monastero Zaikonospasskij formandosi in latino, retorica e filosofia, superando, pare,
i suoi compagni per acume e dedizione allo studio; morì il 12 febbraio 1755, anno della pubblicazione a San Pietroburgo della sua opera più nota:
l’Opisanie zemli Kamčatki [Descrizione della terra di Kamčatka, 1755], la prima, completa descrizione della Kamčatka, più volte ripubblicata e tradotta (successivamente in inglese, francese e tedesco). Egli fu, secondo le parole dello storico tedesco Gerhard Friederich Müller, che si occupò della
prima pubblicazione del lavoro di Krašeninnikov,
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
botanica; tra i frutti dei suoi studi in questo ambito il volume Flora ingrica, pubblicato postumo nel
1761 a San Pietroburgo. Quale testimonianza della
fama che il nostro autore era riuscito a costruirsi in
questo campo è da considerare la lettera che Linneo
gli inviò nell’ottobre del 1750, all’interno della quale
leggiamo:
будучи о вас давно уже известен из предисловия Сибирской
флоры8 , что вы с крайним прилежанием старались о сыскании редких трав, – не мог более преминуть, чтоб просить вас
о взаимной со мной переписке, касающейся до ботаники. В
Российской империи больше найдено незнаемых трав через
десять лет, нежели во всем свете через половину века. [. . . ]
имеет ли кто из чужестранных ботаников переписку с славнейшей академией вашей? Ежели же нет, то я покорно прошу,
чтоб мне сия честь и милость была оказана9 .
Il viaggio di Krašeninnikov può essere suddiviso
in tre periodi: fino al 1737 egli viaggiò con i suoi
professori da Pietroburgo a Jakutsk; dal 1737 al
1741 si spostò con un gruppo di aiutanti da Jakutsk fino alla Kamčatka e dal 1741 fino al 10 ottobre 1742 visse sulla penisola. Prima di quest’ultima e più impegnativa esplorazione Krašeninnikov
из числа тех, кои ни знатною природою, ни фортуны благо- ne aveva portate a termine di più brevi. Stupisce
деянием не предпочтены, но сами собою, своими качества- quante cose fosse tenuto a osservare in questi caми и службою, произошли в люди, кои ничего не заимствуют
от своих предков, и сами достойны называться начальника- si: dalle piante agli animali di ogni specie e famiми своего благополучия. Жития его, как объявляют, было 42 glia, ai minerali, alle risorse dei diversi territori fino
года 3 месяца и 25 дней7 .
alle popolazioni, ai loro usi, costumi e alla loro stoNoto, è vero, soprattutto come autore dell’Opisa- ria. Alla fine di ogni missione il giovane osservatore
nie, Krašeninnikov eccelse anche nel campo della redigeva un rapporto che non si limitava alle osservazioni sulla natura, ma affrontava già questioni di
4
J.G. Gmelin, Reise durch Sibirien von dem Jahre 1733 bis 1743, etnografia, con particolare interesse verso le lingue
I-IV, Göttingen 1751-52. Nel XVIII secolo il resoconto di Gmelin del luogo, in questo caso dei buriati e dei tungusi.
non vide traduzioni russe. È di pochi anni fa una traduzione dal tedesco a cura di D.F. Krivoručko, J.G. Gmelin, Putešestvie v Sibir’, Fu durante questi primi, brevi viaggi che KrašeninSolikamsk 2012.
nikov ebbe modo di approfondire, tra le altre que5
Per informazioni sulla parte di spedizione gestita da Krašeninnistioni, quella del commercio delle pelli di zibellino
kov si veda L.S. Berg, Istorija russkich geografičeskich otkrytij,
Moskva 1962, pp. 78-88.
Le uniche informazioni relative alla biografia dell’autore sono quelle
raccolte ed esposte da Gerhard Friederich Müller, curatore della
prima edizione dell’Opisanie zemli Kamčatki, nell’introduzione al
suo secondo tomo.
7
“Nel novero di coloro che non sono stati favoriti né da un cognome
noto né dalla beneficenza della fortuna, ma che da soli, grazie alle
loro qualità e al lavoro, sono entrati a far parte di quel gruppo di
uomini che nulla devono ai loro avi e sono degni di essere chiamati responsabili del proprio benessere. La sua vita, dicono, fu di 42
anni, 3 mesi e 25 giorni”, G.F. Müller nella prefazione a S.P. Krašeninnikov, Opisanie zemli Kamčatki, Sankt-Peterburg 1755, II, p.
XV. Abbiamo scelto di riportare i brani dell’Opisanie, così come
quelli del contributo di Krašeninnikov Reč’ o pol’ze nauk i chudožestv [Discorso sull’utilità delle scienze e delle arti] che citeremo
più avanti, nell’ortografia russa moderna
6
8
Linneo si riferisce alla corposa prefazione di 130 pagine scritta dal
nostro autore per il primo tomo dell’opera di J.G. Gmelin, Flora
Sibirica sive historia plantarum Sibiriae, data alle stampe a
Pietroburgo in 4 tomi dal 1747 al 1759.
9
“Conoscendola già per la prefazione alla Flora sibirica e sapendo
con quale diligenza si è impegnato nella ricerca di erbe rare, non ho
potuto mancare di chiederle di avviare con me una corrispondenza
intorno a questioni di botanica. Nell’impero russo in dieci anni sono
state rinvenute più erbe sconosciute di quante ne siano state trovate nel resto del mondo in mezzo secolo [. . . ] C’è qualche botanico
straniero che è già in corrispondenza con la vostra gloriosissima
accademia? Se non dovesse esserci, chiedo che quest’onore e questa cortesia mi siano rivolte”. Per il testo integrale della lettera si
veda Materialy dlja istorii Imperatorskoj Akademii nauk, X,
Sankt-Peterburg 1900, p. 598.
D. Cesareo, Geografia di un’altra Russia: la Kamčatka di S.P. Krašeninnikov
che tratterà in modo compiuto nel lavoro intitolato O sobolinom promysle [Sul commercio dello
zibellino, 1755]10.
Il 5 luglio 1737 Krašeninnikov partì per Ochotsk,
da dove si sarebbe poi imbarcato per la Kamčatka,
e per 47 giorni viaggiò in condizioni estremamente
difficoltose. È lo stesso autore a offrirci delle preziose descrizioni del viaggio proprio nell’Opisanie,
quando, nelle sue ultime pagine, fornisce delle informazioni pratiche sui percorsi possibili per raggiungere la penisola e ne approfitta per raccontare
le vicissitudini occorse durante il viaggio:
Берега обломками камней или круглым серовиком так усыпаны, что тамошним лошадям надивиться нельзя, как они с
камня на камень лепятся. Впрочем, однако, ни одна с целыми
копытами не приходит до места. Горы чем выше, тем грязнее;
на самых верхах ужасные болота и зыбуны, в которые ежели вьюшная лошадь прилепится, то освободить ее нет никакой надежды. С превеликим страхом смотреть должно, коим
образом земля впереди сажен за 10 валами колеблется11.

flotta. Più in generale, essi minarono il razionalismo naturalistico dell’illuminismo e del naturalismo meccanicistico ponendo in questione il principio della continuità e della gradualità della natura. Per tutto il secolo i grandi terremoti stimolarono
molte considerazioni e grande turbamento fu provocato in particolar modo dal sisma di Lisbona del
1755 e poi da quello di Calabria del 178313 .
L’Opisanie si presenta organizzata in due tomi:
il primo è incentrato sulla descrizione della flora,
della fauna e della geografia della penisola; il secondo raccoglie i dati etnografici, linguistici e storici
sulle popolazioni del luogo.
Con il primo tomo l’autore volle porre rimedio a
una situazione di quasi totale ignoranza dei russi
riguardo a questa regione:
O Камчатской землe издавна были известия, однако по большой части такие, по которым одно то знать можно было, что
сия земля есть в свете; а какое ее положение, какое состояние, какие жители и прочие, о том ничего подлинного нигде
не находилось14.
Il 4 ottobre 1737 Krašeninnikov salpò infine da
Ochotsk a bordo della nave Fortuna. L’esperienza
del maremoto provocò una particolare impressione
A essere descritta è in una prima parte la penisosull’autore:
la e le terre che la circondano, con particolare atв то время происходило беспрестранное почти землетрясе- tenzione ai fiumi; in una seconda sezione vengoние, но понеже оно там легко было, то мы, шатаясь в ходу,
no approfondite le caratteristiche della Kamčatka:
причитали трясение нашей слабости, что от морского кача15
e i geyser, le montagne, i minerali e i
ния ходить не можем; однако вскорe узнали, что мы ошиба- i vulcani
лись в мнeнии, ибо прибывшие из Курил, [...] сказали, коим metalli, le piante, soprattutto quelle utilizzate dalобразом были в тeх мeстах и ужасное трясение и странное
le popolazioni del luogo, le specie animali, la preнаводнение12.
senza e il commercio dello zibellino e le alte e basse
I terremoti, d’altronde, non furono un banco di
maree dell’oceano. In queste pagine si legge spesso
prova solo per il nostro viaggiatore e per la sua
tra le righe l’impegno dell’autore a convincere i russi dell’abitabilità di queste terre che, se a un primo
10
Una parte di questo studio è contenuto nel capitolo 7 (O Vitim- sguardo apparivano come un luogo più adatto alla
skom sobolinom promysle) del primo tomo dell’Opisanie; una
vita delle bestie selvatiche che non all’insediamento
sua versione integrale è stata invece pubblicata in N.N. Stepanov, S.P. Krašeninnikov v Sibiri, Moskva-Leningrad 1966, pp.
155-174.
11
“Le rive dei fiumi erano cosparse di massi e pietre tonde, che non si
riusciva a capire come facessero i cavalli a non scivolare. Tuttavia
non un solo cavallo arrivò a destinazione con gli zoccoli integri. Le
montagne più si facevano alte più erano sporche. In cima c’erano
terribili paludi e pantani. Se un cavallo vi finiva dentro, non c’era
nessuna speranza di liberarlo. Camminando si guardava con orrore
la terra che per 10 sagene era scossa da onde”, S.P. Krašeninnikov,
Opisanie, op. cit., II, p. 289.
12
“In quel tempo c’erano quasi sempre scosse di terremoto, ma visto che erano deboli, attribuivamo i movimenti che sentivamo e la
difficoltà che avevamo a muoverci alla nostra condizione di indebolimento: ma presto capimmo che ci sbagliavamo quando molti
che venivano dalle isole Curili [. . . ] ci dissero che c’era stato un
terremoto molto forte e una strana alluvione”, Ivi, p. 293.
13
L. Zanzi, Dolomieu: un avventuriero nella storia della natura,
Milano 2003, p. 150.
14
“Da molto tempo la Kamatka è conosciuta, ma questa conoscenza
si è basata per molto tempo quasi solo sulla sicurezza che questa
terra esistesse. Ma quale fosse la sua posizione, quale la condizione della terra o dei suoi abitanti non si sapeva con certezza”, S.P.
Krašeninnikov, Opisanie, op. cit., I, p. 1.
15
I vulcani attraevano molto i viaggiatori di questo secolo e, grazie al
loro studio, i dibattiti sull’età della Terra si arricchirono infatti di informazioni preziose. Risale a questo periodo la scoperta, non di poco conto, dell’esistenza di vulcani estinti. Tra i più noti esploratori
di vulcani del Settecento ricordiamo Lazzaro Spallanzani e la sua
opera Viaggi alle Due Sicilie e in alcune parti dell’Appennino,
Pavia 1792.

eSamizdat 2016 (XI)
umano, a ben vedere potevano essere ritenute addirittura ospitali, se si prendeva in considerazione la
salubrità della loro aria e delle loro acque, un clima
che non permetteva il propagarsi di malattie tipiche
dei luoghi umidi, l’assenza di temporali con tuoni e
fulmini e di bestie velenose16 .
In questo primo tomo il ricorso alla nomenclatura
e un continuo sforzo nel classificare i dati in maniera
precisa permettono a Krašeninnikov di inserire tutto in un ordine intellegibile e, attraverso quest’ordine, di decifrare il libro della natura. Quest’approccio, che voleva che tutto dovesse essere conosciuto, catalogato, inserito in un ordine in modo da dare l’illusione del controllo razionale sul mondo, fu
tipico di tutti gli esploratori del Settecento.
Il secondo tomo è anch’esso organizzato in due
parti: la prima è incentrata sulle caratteristiche dei
popoli e sulle loro usanze; la seconda, sulla storia
della conquista della penisola, sulle condizioni di vita dei russi e degli indigeni e fornisce consigli pratici
su come affrontare il viaggio per raggiungere la penisola. Non bisogna stupirsi della presenza di notizie intorno alla storia, alle usanze, ai costumi dei
popoli: questa è, infatti, caratteristica di tutti i resoconti dei viaggi di esplorazione compiuti dagli europei nel XVIII secolo che avevano come obiettivo
quello di effettuare ricerche di carattere prettamente
scientifico17 .
Tuttavia, quello che ci pare più interessante approfondire in questa sede sono proprio le considerazioni dell’autore al cospetto dell’altro, l’indigeno.
Come ha giustamente notato Ciardi nel suo studio
sulle esplorazioni settecentesche:
Studiare e comprendere i tratti distintivi dei popoli extraeuropei,
in particolare del Pacifico, si rivelò un compito molto più difficile
della messa a punto di nuove e sempre più precise carte geografiche per i viaggiatori settecenteschi, che trattarono la cultura
degli altri sulla base di un’infinità di pregiudizi e di condizionamenti, considerandola come una proiezione della propria o come
una sua negazione18 .
16
S.P. Krašeninnikov, Opisanie, op. cit., I, p. 149.
Si consideri come esempio il compito affidato a inizio Settecento da Luigi XIV al botanico Joseph-Louis Pitton de Tournefort di
effettuare una spedizione in Oriente e di riportare da quelle terre
lontane non solo reperti naturalistici, ma anche informazioni di carattere etnografico. Si veda Esplorazioni e viaggi scientifici nel
Settecento, a cura di M. Ciardi, Milano 2008, p. 29.
18
Ivi, p. 60.
17
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
Riporteremo alcuni brani dell’Opisanie utili a
collocare il contributo di Krašeninnikov all’interno
di tale questione.
Già nelle prime pagine, descrivendone le abitazioni, Krašeninnikov esprime una prima idea sui
popoli della Kamčatka: “Всe вообще житием гнусны, нравами грубы, язычники, не знающие бога и
не имeющие никаких письмен”19 . Da subito sono frequenti le considerazioni sulle lingue dei diversi gruppi di camciadali, con una particolare attenzione agli aspetti considerati buffi, ridicoli. Così, Krašeninnikov sembra convinto di poter comprendere l’indole di questi popoli partendo proprio
da considerazioni sulle loro abitudini linguistiche:
Камчатской язык выговаривается половиною в горле и половиною во рте. Произношение их языка тихо, трудно, с протяжением и удивительным тeлодвижением, а сие показывает
людей боязливых, раболепных, коварных и хитрых, каковы
они и в самом деле20 .
L’autore giudica spesso con poca clemenza le
usanze di questi popoli, ma allo stesso tempo sembra subire il fascino della loro libertà, persa con
l’arrivo dei russi nella penisola:
До покорения российскому владению дикой оный народ жил
в совершенной вольности; не имел никаких над собою начальников, не подвержен был никаким законам, и дани никому не плачивал. [. . . ] было между ними равенство, никто
никем повелeвать не мог и никто сам собою не смел другого
наказывать21 .
Dopo poche pagine l’accento è posto sulla
rozzezza e le abitudini poco igieniche di questi
popoli:
В житье гнусны, никакой чистоты не наблюдают, лица и рук
не умывают, ногтей не обрезают, едят из одной посуды с са-
19
“In generale tutti i nativi sono abominevoli, dalle usanze grezze,
pagani che non conoscono dio e illetterati”, S.P. Krašeninnikov,
Opisanie, op. cit., II, p. 3.
20
“La lingua della Kamčatka si parla per metà attraverso la gola e
per metà attraverso la bocca. La sua pronuncia è lenta, affannosa, cantilenata, accompagnata da movimenti del corpo inusuali, è
segno dell’indole di questi uomini, che sono pavidi, servili, perfidi e
insinceri”, Ivi, p. 7.
21
“Fino alla conquista russa questo popolo selvaggio viveva nella più
completa indipendenza; non aveva padroni, non doveva sottostare
ad alcuna legge, non pagava tributo a nessuno. Tra di loro c’era uguaglianza, nessuno poteva comandare sull’altro, e nessuno si
permetteva in maniera arbitraria di punire l’altro”, Ivi, p. 14.
D. Cesareo, Geografia di un’altra Russia: la Kamčatka di S.P. Krašeninnikov
баками и никогда ее не моют, все вообще пахнут рыбою, как
гагары22 .
Лет от рождения себe не знают. Счет хотя у них и до ста
есть, однако так им труден, что без пальцев трех перечесть
не могут. Всего смeшнее, когда им надобно считать больше
десяти, тогда они, пересчитав пальцы у рук и сжавши обе руки вместe, что значит десять, остальное досчитают ножными
перстами. Буде же число превзойдет двадцать, то, пересчитав пальцы у рук и у ног, в некоторое приходят изумление, и
говорят: “Мача?” то есть “где взять”?26
Sono ancora più indicative le considerazioni sui
valori degli indigeni:
О боге, пороках и добродeтелях имеют развращенное понятие. За вящее благополучие почитают объедение, праздность
и плотское совокупление; похоть возбуждают пением, пляскою и рассказыванием любовных басен по своему обыкновению. Главный у них грeх — скука и неспокойство [. . . ] по
их мнению лучше умереть, нежели не жить, как им угодно.
[. . . ] из Москвы нарочные были указы, чтоб россиянам не
допускать камчадалов до самовольной смерти23.
Nelle pagine di questo secondo tomo si rileva
dunque una costante oscillazione dell’autore tra un
giudizio severo su questi popoli e un altro, più generoso, in cui si intravede una nostalgia per una certa
loro idea di libertà che le società occidentali avrebbero perduto. Così, questi popoli vivono, secondo le
parole dell’autore, con spensieratezza: “Впрочем,
живут они беззаботно, трудятся по своей воле,
думают о нужном и настоящем, будущее совсем
оставя”24 . Ritorna, però, subito, anche in questo
caso, l’atteggiamento canzonatorio dell’autore, che
ridicolizza l’indigeno, ma che non giunge mai alla de-umanizzazione del selvaggio caratteristica di
altri resoconti dello stesso periodo25 . Con questo
stesso atteggiamento Krašeninnikov scrive di come l’abitante della Kamčatka non riesca a contare
se non con l’aiuto delle dita (anche quelle dei piedi) e di come non abbia alcuna idea della propria età
anagrafica:

Sono trattate di frequente le questioni del cambiamento delle abitudini dei giovani di questi luoghi dopo l’arrivo dei russi, della politica generosa e magnanima della zarina e della diffusione del
cristianesimo: “Старые, которые крепко держатся своих обычаев, переводятся, а молодые почти
все восприняли христианскую веру и стараются
во всем российским людям последовать, насмехаясь житию предков своих”27 . Sono copiosi i riferimenti espliciti alla politica della zarina e al suo
ruolo di portatrice di civiltà: “всемилостивейшей
государыни нашей императрицы Елизаветы Петровны о поданных своих попечению сделаны такие учреждения, что тамошним жителям лучшего
удовольствия желать невозможно”28 .
Nel Dnevnik putešestvija v 1734-1736 godach29 [Diario di viaggio degli anni 1734-1736], nelle
descrizioni dei villaggi non manca mai l’indicazione
della presenza di chiese e di recinzioni erette per delimitare le proprietà private. Krašeninnikov sembra
voler cercare a tutti i costi i segni della civilizzazione più che particolari esotici. Tutto ciò che è definito po-russki [alla russa] è considerato in maniera
implicita più umano, consono, evoluto, pulito.
22
“Sono abominevoli, non si interessano affatto alla pulizia, non si
lavano mai né viso né mani, non si tagliano le unghie, mangiano
nello stesso piatto con i loro cani, senza mai lavarlo, puzzano tutti
di pesce, come strolaghe”, Ivi, p. 15.
23
“Hanno idee corrotte su dio, sui vizi e sulle virtù. Il loro piacere consiste nel soddisfacimento dei propri appetiti, nel fare festa e
nell’accoppiarsi: stimolano la libidine con canti, danze e le storie
d’amore che sono soliti raccontare. La più grande pecca è per loro
annoiarsi o avere preoccupazioni. Secondo il loro parere è meglio
morire che vivere come non gli aggrada. Da Mosca furono inviati
editti affinché i russi non permettessero più loro di togliersi la vita”,
Ivi, p. 16.
24
“Tuttavia vivono con spensieratezza, lavorano quando e come vogliono, pensano solo alle necessità della vita e al presente, non
dando alcuna importanza al futuro”, Ibidem.
25
Più vicini agli oranghi che agli uomini erano considerati, ad esempio, gli abitanti della Patagonia e, in misura ancora maggiore, gli
ottentotti. Queste due popolazioni afferivano al genere degli homo monstrosus, secondo la classificazione elaborata da Linneo a
partire dalla decima edizione del suo Systema Naturae. Per un
quadro generale sulla questione della razza in età moderna si veda
G. Gliozzi, Le teorie della razza nell’età moderna, Torino 1986.
26
“Non sanno quanti anni hanno. Contare, sebbene abbiano i numeri
fino a cento, viene loro così difficile che non possono arrivare fino a
tre senza usare le dita. Più di tutto è ridicolo quando devono contare
più di dieci, allora si contano le dita delle mani, e dopo aver unito le
mani, che vuol dire dieci, contano il resto con le dita dei piedi. Se
poi il numero supera il venti, dopo aver contato con mani e piedi
capita che qualcuno di loro appaia stupito e dica Mača? Che vuol
dire, e gli altri dove li prendo?”, S.P. Krašeninnikov, Opisanie, op.
cit., II, p. 18.
27
“Gli anziani che conservano gelosamente le vecchie usanze vanno
diminuendo. I giovani, al contrario, si sono quasi tutti convertiti
al cristianesimo e imitano in tutto i russi, facendosi scherno delle
superstizioni degli avi”, Ivi, p. 24.
28
“Poiché la nostra gentilissima imperatrice Elizaveta Petrovna per
la cura dei propri sudditi ha creato delle istituzioni di cui gli abitanti
del luogo non possono che dirsi soddisfatti”, Ivi, p. 234.
29
Il diario, rimasto a lungo manoscritto, è stato pubblicato in N.N.
Stepanov, S.P. Krašeninnikov, op. cit., pp. 49-87.

eSamizdat 2016 (XI)
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
C’è una lezione che, però, l’autore ammette di
L’autore si mostra sconvolto dai balli delle feste,
aver appreso da questi popoli; si tratta della lo- dalle movenze delle donne capaci di dimenarsi fino
ro capacità di procurarsi il necessario avendo a a perdere conoscenza33 : movenze selvagge, molto
disposizione una quantità limitata di materie prime: lontane dai balli controllati e formali che animavaНо как они без железных инструментов могли все дeлать, no i palazzi dell’Europa del Settecento. Si nota, è
строить, рубить, долбить, рeзать, шить, огонь доставать, как
vero, anche una volontà di conservazione della meмогли в деревянной посуде eсть варить и что им служило вмeсто металлов, о том, как о деле не всякому знаемом, упо- moria, ad esempio nell’impegno di Krašeninnikov
мянуть здесь не непристойно, тем наипаче, что сии средства nella trascrizione degli spartiti di alcuni canti. È
не разумный или ученый народ вымыслил, но дикий, грубый
[. . . ]. Столь сильна нужда умудрять к изобретению потребне- sempre strisciante, però, un’implicita disapprovaго в жизни!30
zione della violenza presente in tutti gli aspetti delL’autore sembra subire il fascino di questi uomi- la vita descritta: nel rito che precede il matrimonio,
ni, così forti da riuscire a dormire sulla nuda terra, quando l’uomo rapisce la donna che ha chiesto in
addirittura sulla neve; è incuriosito dalla loro capa- sposa o nell’atteggiamento irrispettoso dei figli nei
cità di riconoscere dal verso o dal rumore dei passi confronti dei genitori, soprattutto se anziani34 , nelqualsiasi animale del luogo. In guerra, però, li de- l’usanza di molti di loro di far mangiare i cadaveri
scrive come subdoli, ingannatori, poco coraggiosi, dei propri cari ai cani35 .
timidi tanto da non attaccare mai alla luce del sole e
Per comprendere quanto pesò l’esperienza del
al contempo crudeli con i nemici, in particolar modo contatto con queste popolazioni sulla formazione
con i maschi:
intellettuale dell’autore, ci pare poi significativo che
Но в войне деиствовали они больше обманом, нежели храб- egli abbia inserito dei riferimenti al suo lungo viagростью, ибо они так робки, что явно напасть не отважутся,
gio, e, in particolar modo, delle considerazioni sui
кромe необходимой нужды; [. . . ] С пленниками мужского пола особенно знатнейшими удальством своим, поступали они popoli indigeni della Kamčatka, in quella che può
с обыкновенным всем тамошним народам бесчеловечием31.
essere considerata l’espressione più completa delParticolarmente interessanti sono poi le consi- la sua filosofia e della sua idea di conoscenza: il
derazioni sui meccanismi di ragionamento di que- discorso che pronunciò in accademia in presenza
sti popoli che, si legge, si interrogano su qualsia- dell’imperatrice Elizaveta Petrovna nel 1750 intitosi cosa e cercano di capire le intenzioni addirittura lato Reč’ o pol’ze nauk i chudožestv36 [Discorso
di pesci e uccelli; allo stesso tempo, però, sembra- sull’utilità delle scienze e delle arti].
no prendere tutto per buono, non pensano mai che
Dopo un’esaltazione necessaria e sperticata delun pensiero possa essere ingiusto e sono convin- l’operato dell’imperatrice Elisabetta e dell’accadeti che tutto dipenda dall’uomo, mai dalle divinità: mia delle scienze, l’autore si concentrò, nella se“О боге разсуждают они, что он ни счастью, ни conda parte del suo discorso, sulla questione delнесчастью их не бывает причиной, но все зависит l’utilità della scienza, non solo in ambito accademiот человека”32 .
co, ma anche nella vita quotidiana. La scienza è qui
concepita come il motore della cultura. La cono30
“Ma come fa un popolo non intelligente e istruito, ma selvaggio scenza è un corpo e le sue diverse branche sono i
e rozzo, a fare tutto senza strumenti di ferro: costruire, tagliare, suoi organi, proprio come gli organi del corpo umaincavare, intagliare, cucire, accendere il fuoco, cucinare il cibo in
vasellame di legno? Sarebbe interessante capire cosa usino al posto
dei metalli: è proprio vero che il bisogno fa l’uomo ingegnoso!”, S.P.
Krašeninnikov, Opisanie, op. cit., II, p. 31.
31
“Ma in guerra agivano più d’inganno che di coraggio, poiché sono tanto pavidi, che non osano mai attaccare apertamente, tranne
quando è strettamente necessario [. . . ] Con i prigionieri di sesso
maschile, soprattutto quelli conosciuti per la loro audacia, si comportavano con l’inumanità che è caratteristica di questi popoli”, Ivi,
p. 63.
32
“Di dio credono che non sia causa né delle loro fortune né delle loro
sfortune, ma che tutto dipenda dall’uomo”, Ivi, p. 77.
33
Ivi, p. 111.
Ivi, p. 129.
35
Ivi, p. 135.
36
Per il testo integrale del discorso si veda Toržestvo Akademii
nauk na voždelennyj den’ tezoimenitstva eja imperatorskago veličestva deržavnejšija i nepobedimejšija velikija gosudaryni imperatricy Elisavety Petrovny samoderžicy vserossijskija publično govorennymi rečmi i illjuminacieju prazdnovannoe sentjabrja 6 dnja 1750 goda v Sankt-Peterburge,
Sankt-Peterburg 1750, pp. 53-98.
34
D. Cesareo, Geografia di un’altra Russia: la Kamčatka di S.P. Krašeninnikov
no, collegati tra loro. L’idea che si ricava dalla lettura del discorso è quella di una sostanziale assenza
dei confini tra le diverse scienze, e, in particolar modo, tra le materie scientifiche e la filosofia. In questa
impalcatura filosofica, in cui si possono già riscontrare degli elementi di una concezione materialistica della storia, è sottolineato di frequente il ruolo del
bisogno come motore per il progresso, e in queste
righe ritroviamo riferimenti, più o meno espliciti, ai
camciadali. Krašeninnikov scrive, infatti:
Много есть и таких народов, которые в толь глубоком невежестве и заблуждении находятся, что трех перечесть не умеют без пальцов. [. . . ] О душе своей не имеют ни малого понятия. [. . . ] все их почти добродетели состоят в удовлетворении
страстям своим, [. . . ] Но они почитают житие свое благополучным и думают, что такие мнения их справедливые. Из чего довольно видеть можно, сколько разум наш заблуждает и
в какие напасти нас вводит, ежели имеет худой пример, чему
следовать. Напротив того, с добрым предводителем можем
мы взойти на самой верх человеческого совершенства, можем основательное понятие получить о себе самих и о твори
[. . . ]37 ;
e poco più avanti:
Нужда делает остроумными. [. . . ] Кто бы подумал, что без
железа обойтись можно? Однакоже есть примеры, что камень и кость вместо того служит на топоры, копья, стрелы,
панцыри, и прочая. Камчадалы, не учась физики, знают, что
можно огонь достать, когда дерево о дерево трется, и для того будучи лишены железа, деревянные огнива употребляют.
Искусство же показало им, что есть, варить можно и в берестеной, и в деревянной посуде. Чего ради все мастерства
и художества по большой части от простых и самых бедных
начал имеют происхождение38.
37
“Sono molti i popoli tanto ignoranti da non riuscire a contare fino a
tre senza l’aiuto delle dita [. . . ] Questi non hanno nessuna concezione della propria anima. Considerano giusta qualsiasi cosa serva
a soddisfare le loro passioni [. . . ] Ma ritengono la loro vita felice e le
loro opinioni giuste. Da questo è facile capire come la ragione può
ingannarci e in quali insidie ci cacciamo se non abbiamo un buon
esempio da seguire. Al contrario, con una buona guida possiamo arrivare alla vetta della perfezione umana, possiamo giungere a
concezioni solide su noi stessi e sulle cose”, Ivi, p. 80.
38
“Il bisogno aguzza l’ingegno. Chi di noi potrebbe pensare di cavarsela senza il ferro? Ma ci sono esempi di pietre e ossi utilizzati per
costruire asce, lance, frecce, armature e altro. I camciadali, senza
nessuna conoscenza della fisica, sanno che si può avviare un fuoco
strofinando legno contro legno, non avendo il ferro usano acciarini
di legno. L’esperienza ha mostrato loro come sia possibile cuocere
il cibo in vasellame di legno e di corteccia. Questo perché tutte le
abilità quasi sempre hanno origine dalle condizioni più povere”, Ivi,
p. 81.

L’Opisanie zemli Kamčatki fu oggetto sin da
subito di molto interesse, non solo in Russia39 .
Opera di largo consumo, è caratterizzata da un russo medio particolarmente godibile ed è ricca di curiosità. Krašeninnikov anticipò, in questo senso,
l’abate Prévost che qualche decennio più tardi consigliava di non scrivere resoconti di viaggio dove
mancasse la verità, ma di fare sì che questi contenessero tutto quanto potesse costituire oggetto di
curiosità e di sapere40 . Le memorie di viaggio e i
resoconti di esplorazioni, in generale, dovevano destare forte curiosità nel lettore settecentesco, tanto
che, con più di 3000 titoli in Europa (più del doppio del secolo precedente), la letteratura odeporica in questo secolo divenne una parte consistente
della produzione libraria. Ci basterà, in tal senso,
considerare le edizioni e le diverse traduzioni della
opera di Krašeninnikov (la più famosa è certamente quella in francese dell’abate Chappe d’Auteroche
del 1768); o ancora, il fatto che numerosi editori
si impegnarono a raccogliere in compendi i resoconti di viaggi, tra i quali Recueil des voyages au
Nord, pubblicato ad Amsterdam tra il 1715 e il 1718
oppure il Recueil des voyages dans l’Amérique
méridionale, pubblicato nel 1738.
In questo ampio scenario i russi andarono formando, viaggio dopo viaggio, un’immagine del
mondo che circondava la loro patria e ne allargava a
dismisura i confini: a nord verso il Mar baltico, a sud
e sud-est verso l’Asia centrale e a est verso l’estrema Siberia. È parere dello storico Pierre Chaunu
che “la grande mutazione spaziale dell’Europa dei
lumi riguarda essenzialmente il mondo slavo”41 , in
quello che fu un continuo spostamento di frontiere
di questa regione, in particolare verso sud ed est.
Come abbiamo avuto modo di vedere, nell’Opisanie è percettibile un interesse sincero per il selvaggio, per la libertà delle popolazioni descritte. È
altrettanto evidente, però, che Krašeninnikov non
39
Per quanto riguarda il successo e l’eco dell’opera in Russia, si consideri come addirittura il poeta nazionale Puškin lasciasse degli appunti stesi durante la lettura dell’Opisanie consultabili oggi in A.S.
Puškin, Sobranie sočinenij v desjati tomach, Moskva 1962, VII,
pp. 248-274.
40
M.N. Bourguet, “L’esploratore”, L’uomo dell’Illuminismo, a cura
di M. Vovelle, Bari 1992, p. 335.
41
P. Chaunu, La civiltà dell’Europa dei lumi, Bologna 1987, p. 47.

eSamizdat 2016 (XI)
si preoccupò di non oltraggiare il cuore dell’altro,
impresa nella quale si cimenterà qualche decennio più tardi Jean-Jacques Rousseau42 . Al contrario del filosofo francese, Krašeninnikov era sinceramente convinto della necessità dell’azione civilizzatrice dello Stato russo sui territori della Kamčatka,
ancora senza leggi e senza dio. È significativo che
nei suoi scritti non si riscontri molta attenzione per
l’organizzazione sociale dei popoli descritti, proprio
perché nell’autore sono preponderanti l’ottimismo
e la completa fiducia nelle forme sociali dell’Impero russo, forme che iniziavano a essere esportate
nello stesso periodo in quelle terre vergini. In questo senso si ha l’impressione di assistere alla perdita dell’innocenza dei luoghi e dei popoli descritti, in
un continuo riferimento dell’autore ai modi di vita
russificati che in particolar modo i giovani indigeni
venivano adottando.
D’altronde, l’opera di cui ci siamo occupati ha
visto la luce in un tempo in cui, come leggiamo
in Lévi-Strauss, “viaggiando ci si veniva a trovare a confronto con civiltà radicalmente diverse dalla propria, che si imponevano anzitutto per la loro stranezza”43 . Se è vero che da qualche secolo queste occasioni sono diventate sempre più rare, è facile comprendere la curiosità del lettore per
descrizioni di terre che non rivedrà mai vergini.
www.esamizdat.it
42
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
Se numerosi etnografi nostri contemporanei, alla stregua di molti viaggiatori, si allontanano dalla propria civiltà per criticarla, conferendo ad altre
un valore che la propria sembra, ai loro occhi, avere perduto, quasi tutti i viaggiatori dei secoli passati
– e tra loro Krašeninnikov – aderivano alle norme
del proprio gruppo ed erano sì incuriositi dalle altre società, ma senza mai rinunciare a una sotterranea disapprovazione. Diversamente da Leopold
Berchtold, filantropo conte moravo protagonista di
un viaggio di diciassette anni attraverso l’Europa e
diversi paesi dell’Asia44 , che nel 1789 scriveva: “Il
viaggiatore considera la patria come un amico malato; va per il mondo in cerca di un rimedio ai suoi
mali”45 , immaginiamo Krašeninnikov affermare che
il viaggiatore considera la patria come antidoto ai
mali delle terre che visita.
Ma non si renderebbe giustizia ai propositi del
secolo se si dimenticasse la volontà di conoscenza
di questi viaggiatori, che andava al di là dell’utilità
manifesta. Krašeninnikov ha preso parte al grande
viaggio degli uomini del suo tempo per l’inventario del mondo e la raccolta delle sue meraviglie, per
la formazione di un sapere enciclopedico; e questa
vastità delle intenzioni ci fa perdonare una sensibilità ancora acerba nell’analisi di civiltà distanti dalla
propria.
Daniela Cesareo, “Geografia di un’altra Russia: la Kamčatka di S.P. Krašeninnikov”, eSamizdat,  (XI), pp. -
Sull’impatto che le notizie etnografiche raccolte dai viaggiatori
settecenteschi ebbero sui filosofi moderni si veda S. Landucci, I
filosofi e i selvaggi, Bari 1972.
43
C. Lévi-Strauss, Tristi tropici, Milano 2008, p. 75.
44
Per notizie sul viaggio di L. Berchtold si rimanda a J. Stagl, A
History of Curiosity: the Theory of Travel 1550-1800, London
2004, pp. 209-227.
45
M.N. Bourguet, “L’esploratore”, op. cit., p. 298.
Dust and Stone:
Caucasian Sketches in Lermontov, Mandelstam and Grossman
Daniele Artoni
♦ eSamizdat  (XI), pp. - ♦
OU should stop walking barefoot here!
You’re not in the North, you’re not in Europe – the Caucasus is dusty”. While I was travelling in Georgia, a friend of mine from Tbilisi pointed
out this feature I had not considered before: dust
is an element you find everywhere in the Caucasus.
Alongside the presence of dust all over the place,
my eyes were struck by the stone, another component characterising Caucasian sceneries and landscapes. Stony Georgian churches are built on the
top of stony mountains; revolting snakes hide under incandescent stones in the Azerbaijani desert
of Qobustan, where nomadic pre-historic people
carved their memories on rocky walls; Armenian
churches made of stone dominate rocky valleys,
where people as ancient as stone managed to cut
khachkar1 out of it.
My experience as a traveller triggered my interest in exploring to what extent the vast literary production set in the Caucasus has dealt with two elements characterising this region – dust and stone.
In particular, this essay focuses on travel literature
and aims at investigating how the two abovementioned elements are perceived as belonging to a reality “other” than everyday life and whether they are
enriched with symbolic value.
Stone as a characterising element of the Caucasus dominates not only the traveller’s perception, but also the Caucasians’ view of their land,
as witnessed by indigenous literature. A recent and
meaningful example is provided by Daş yuxularКаменные Сны [Stone Dreams, 2012] published
in the Russian journal Druzhba Narodov, a novel
written by the Azerbaijani author Akram Aylisli.
The plot rotates around the comatose dreams of
the Azerbaijani actor Saday Sadykhly after he was
“Y
1
The typical Armenian cross-stone.
beaten by a group of compatriots while trying to
protect an Armenian woman. Whereas contemporary reality is characterised by the anti-Armenian
pogroms – which occurred in Azerbaijan in the late
1980’s – and the narration often evokes the historical reality of 1919 – when the Nakhichevan Armenians were slaughtered by the Turkish army –, the
oneiric reality of Saday’s dreams is captured by the
stones of Aylis, his native village in Nakhichevan,
where “кто-то собрал все высеченные из камня
ступеньки и уступы мира и выстроил их сколько хватает глаз в этом самом узком ущелье Айлиса”2 . Here the main church is called kamennaya tserkov’ [stone church], the walls are made
of stone, the streets are stony, and stones are what
the children in Aylis throw at the doors.
Beyond the title, in the novel stone is revealed
both as a primordial element upon which Armenia
created a land as beautiful as Paradise, and as a
metaphorical state of mind connected to dream and
coma, which eventually led to death.
Coming back to the perception of the Caucasus
in travel writing, here I focus on Russian literature, which has been affected by the complex relationship between forms of government (the Russian
Empire, the Soviet Union and the Russian Federation) and a land that alternatively was part of them3 .
Whereas Soviet criticism read the conquest of the
Caucasus both as instance of tsarist colonialism4
2
“Someone collected all the steps and benching carved in stone in the world and set them forth as far as
the eye can see in that narrow canyon of Aylis”, link
<http://magazines.russ.ru/druzhba/2012/12/aa5.html>.
3
The Caucasus was gradually annexed to the Russian Empire in the
19th century (first under Peter I, then during the so-called Caucasian War in 1817-64), it was divided in several republics belonging to the Soviet Union, some of which became officially autonomous – still unofficially under the Russian influence – at the
beginning of the Nineties.
4
See S. Vel’tman, Vostok v khudozhestvennoj literature,

eSamizdat 2016 (XI)
and, conversely, as an act of liberation from reactionary forces (such as Shamyl’s Islamic opposition)5 , more recent studies after Orientalist theories6 tend either to apply Said’s analysis to Imperial Russia7 or to highlight the two main specificities of the Russian situation: on the one hand the
Russian Empire must be viewed as a multicultural
organism in which a Russian core interfaces with
its varied peripheries, lacking the territorial discontinuities typical of the European Empires8 ; on the
other hand, Russia is studied as being simultaneously subject and object of Orientalism, displaying
both western and eastern features in the discourse
of power and knowledge9 . As noted by Ferrari10 , a
post-colonial reading of the relationships between
Russia and the Caucasus has become common
in post-soviet times in the Slavic studies in English language, but fundamentally absent among
the Russian scholars11 .
I will show how the Caucasian “otherness” is peculiar in its acquaintance with the Russian eye; in
addition, given that the status of Oriental CaucaMoskva, Leningrad 1928; N. Svirin, “Russkaya Kolonial’naya
literatura”, Literaturny kritik, 1934, 9, pp. 76-79.
5
An account of the complex relationship between Russia and the Islamic entities in the North Caucasus is provided by M. Bennigsen
Broxup, The North Caucasus Barrier. The Russian Advance
Towards the Muslim World, London 1992.
6
A list of studies on Russian Orientalism is provided in V. Tolz, “Orientalism, nationalism, and ethnic diversity in late Imperial Russia”,
The Historical Journal, 2005, 48, p. 130. The studies she considers are listed as follows: “Ab imperio: Theory and History of Nationalities and Nationalism in the Post-Soviet Realm”, 2002 (1),
link <http://abimperio.net>; S. Layton, Russian Literature and
Empire: Conquest of the Caucasus from Pushkin to Tolstoi,
Cambridge 1994; M. Greenleaf, Pushkin and romantic fashion:
fragment, elegy, Orient, irony, Stanford 1994; R. Geraci, Window on the East, Ithaca 2009; D. Brower, E. Lazzerini, Russia’s
Orient: imperial borderlands and peoples, 1700-1917, Bloomington 1997; M. Bassin, Imperial visions: nationalist imagination and geographical expansion in the Russian Far East,
1840-1865, Cambridge 1999.
7
See A. Khalid, N. Knight, M. Todorova, “Ex tempore: Orientalism
and Russia”, Kritika: Explorations in Russian and Eurasian
History, 2000 (I), 4, pp. 691-727.
8
See A. Kappeler, Rußland als Vielvölkerreich. Entstehung.
Geschichte. Zerfall, München 1992.
9
See N. Knight, “Grigor’ev in Orenburg, 1851–1862: Russian Orientalism in the service of empire?”, Slavic Review, 2000, 59, pp.
74-100.
10
A. Ferrari, Quando il Caucaso incontrò la Russia. Cinque
storie esemplari, Milano 2015, pp. 10-11.
11
A remarkable exception is provided by a Saidian analysis of the relationships between Russia and the Northern Caucasus in V.O.
Bobronikov, I.L. Babich, Severny Kavkaz v sostave Rossijskoj
Imperii, Moskva 2007.
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
sus is not geographically motivated (the Caucasus is South to Russia) and affected by the Oriental status of Russia itself (Russia is East to Europe), the texts I will consider do not display a clear
hegemonic imbalance between a dominating Russia and a dominated Caucasus12 . In the light of
this, the elements of stone and dust are analysed as
chthonic components characterising the otherness
of this corner of the world so different from Russia13 , but so close to it. In order to unveil how the
stone and the dust in the Caucasus are perceived by
Russian writers and whether these elements are enriched with symbolic values, I’ve focused my analysis on three pivotal writers, who actually travelled
in the Caucasus and wrote about it – Mikhail Lermontov (1814-41), Osip Mandelstam (1891-1938)
and Vasily Grossman (1905-64).
Although belonging to different times, in which
the relationships between Russia and the Caucasus
were different – when Lermontov visits Georgia, it
is part of the Russian Empire, whereas at the time of
Mandelstam’s and Grossman’s journeys to Armenia, it is part of the Soviet Union – the three authors
are absorbed by the Caucasus and such fascination
affects their production.
Mikhail Yuryevich Lermontov (1814-1841) travelled in the Caucasus twice when he was a child (in
1820 and 1825)14 , before serving there in 1837 and
184015. The Caucasus became the place where he
12
Some Saidian readings of A Hero of Our Time by Lermontov –
one of the works mentioned later – highlight how the novel displays a clash between a masculine representation of Russia and its
feminine counterpart, the Caucasus to be seduced. See P. Scotto,
“Prisoners of the Caucasus: Ideologies of Imperialism in Lermontov’s ‘Bela’”, PMLA, 1992, 107, (2), pp. 246-260; S. Layton, Russian Literature, op. cit., pp. 133-155. However, I claim that
Lermontov’s attitude towards the Caucasus resembles that of a
seducing lover rather than a violent conqueror, as suggested, for
instance, by the verse lyublyu ya Kavkaz [I love the Caucasus]
repeated three times in the poem Kavkaz [Caucasus, 1830]. See
M.Yu. Lermontov, Polnoe sobranie stikhotvorenij, I, Leningrad
1989, p. 98.
13
One may claim that dust and stone are widely displayed in the literature connected to the city of Pietersburg and thus cannot be
considered as components alien to Russia. However, whereas in
Pietersburg the presence of dust and stone is caused by human
activity, which typically subjugates nature by creating an artificial
reality, the same elements in the Caucasus are parts of nature itself
and peculiar traits of the Caucasian landscapes. See E. Lo Gatto,
Il mito di Pietroburgo, Milano 1960.
14
V.A. Mnujlov, Lermontovskaya entsiklopediya, Moskva 1981, p.
644.
15
Ibidem, pp. 648-650.
D. Artoni, Dust and Stone: Caucasian Sketches in Lermontov, Mandelstam and Grossman
decided to set the vast majority of his production.
From Pushkin onwards, Russian Romanticism has
created a myth on the Caucasian mountains, as
sublime, dangerous, rejuvenating and inspiring as
the Alps16 ; the Caucasus, a “homeland’s own periphery”17 to the Russian eye has thus become a
productive scenario because of its exotic and simultaneously familiar nature. Lermontov’s references
to the Caucasus can thus be considered as part of
this broader phenomenon of captivation. Ripellino
notes that Lermontov’s narration takes place between the earth and the sky18 , and the Caucasus
is the place where the chthonic reality touches the
celestial component. If the Caucasus is the theatre where Lermontov sets his narration, stones and
dust are intrinsic elements of the stage.
Here I have considered some poems by Lermontov and his novel Geroy nashego vremeni [A Hero
of Our Time, 1840]. Although he died at the age of
twenty-six in a duel, Lermontov demonstrated his
talent as writer since his very first verses composed
in his early teens.
Kavkazsky plennik [The Prisoner of the Caucasus, 1828], one of Lermontov’s early poems, provides a meaningful example of how the Caucasian
setting interacts with the plot. The descriptions of
the environment are characterised by two natural
elements, the river Terek and the fog, which remind
one of motion and mystery respectively. The presence of dust and stone are limited, though meaningful; dust is used to evoke a fight, in which a warrior “бежит, глотая пыль и прах”19 , whereas stony
is the rock on which the Circassian girl stands and
cries her love to the Russian prisoner she has just
freed20 . The dust swallowed by the fighter is a
brush stroke characterising the surrounding setting; conversely, with a metonymic shift, the stone
also represents the girl it supports in its solidity
and concreteness by putting the moral values of the

character in a consonant environment.
Interestingly, the elements of stone and dust are
juxtaposed in another poem related to the Caucasus, Svidan’e [The date, 1841], which is set in
Tbilisi and reads:
[. . . ] И на дорогу пыльную
Винтовку наведу.
Напрасно грудь колышется!
Я лег между камней [. . . ]21 .
As in the previous poem, the dust and the stones
contribute to creating the stage in which the characters play their roles. In particular, the dusty road
is the pictorial element that suggests the otherness of the landscape, and the man lying on stones
evokes a pre-civilised stage, when people had a
closer connection with nature.
Moving to the novel A Hero of Our Time, the
main character Pechorin mirrors the author in his
being a young Russian man travelling in the Caucasus. The cultural clash between Russia and the
Caucasus is emphasised by the otherness shown
in the Caucasian landscape; its nature, wildness
and strength are juxtaposed with Russian artificiality, its stifling society and meaningless spleen. In
particular, stone is not only the core element of the
Caucasian mountains, but it is also a pattern found
in human activity. In the novel the roads, the houses
and the crosses are made of stone, as if to suggest a
continuity between the solidity of the landscape and
the people inhabiting it. Also dust has a pictorial
value, as in the quotations “вдали вилась пыль”22
and “пыльный бархатный сюртучок его”23 .
Lermontov’s interest in the Caucasian landscape
and its picturesque features is reflected not only in
his written production, but also in his paintings,
watercolours and sketches24 . Interestingly, in the
pictures representing the Caucasian mountains [as
in Fig. 1] and Tbilisi [as in Fig. 2], Lermontov
is particularly committed to emphasising the profiles and contours of the rocks characterising the
landscape.
16
An interesting discussion on the creation of an imaginative geography of the Caucasus by the Russian Romantics is provided in S.
Layton, Russian Literature, op. cit., p. 36-53.
17
Ibidem, p. 52.
18
A.M. Ripellino, “Sulla Poesia di Lermontov”, M. Lermontov,
Liriche e poemi, Torino 1963, p. IX.
19
“(He) runs, swallowing dust and powder”, M.Yu. Lermontov,
Polnoe sobranie, op. cit., p. 98.
20
Ibidem, p. 117.
21
“And on a dusty road / the rifle, I’ll bring. / In vain my breast
shakes / I lay among the stones”, Ibidem, p. 82.
22
“Dust was whirling in the distance”, Ibidem, p. 22.
23
“His velvet overcoat was covered with dust”, Ibidem, p. 45.
24
Some noticeable paintings by Lermontov on the Caucasian theme
are: The Georgian military road near Mtskheta, oil (1830); Tiflis, pencil (1837); View of Tiflis, oil (1837); Caucasian view with
camels, oil (1837-38).

eSamizdat 2016 (XI)
Fig. 1. M.Yu. Lermontov, Dariali gorge with Queen Tamara’s castle, 1837, pencil on paper, 22x29 cm, Tarkhany
Russian State Museum, Belinsky District
Provided that stones and dust are elements often mentioned by Lermontov25 , their distribution
suggests a scenic and ornamental usage of the
two components, highly linked to the Caucasian
landscape and its people.
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
Nadezhda, and there he became interested in Armenian culture and language. He published Puteshestvie v Armeniyu [Journey to Armenia, 1933]
in the journal Zvezda, and in the literary journal
Literaturnaya Armeniya in 196726 . As noted by
Ripellino, Mandelstam’s shattered prose is more
evident here than anywhere else27 ; the Armenian
setting serves as a shelter, where it’s possible to
find relief from “the watermelon-like emptiness of
Russia”28 and the resentment of arrogant attackers.
Mandelstam’s prose is complex and inscrutable
at a first impression; when reading Journey to Armenia, one is struck by the thickness of verbal
matter29 and an extraordinary density of unusual
images, consequences of Mandelstam’s anxiety in
making the word correspond with the object30 . Its
textual density interplays with a vocabulary that is
often taken from sciences, in particular from biology and geology. Whereas dust is essentially absent, the presence of different kinds of stones should
be considered in the light of Mandelstam’s interest
in the naturalists and their works, to which a whole
chapter is devoted31 . Elements belonging to Regnum Animale and Regnum Vegetabile are contaminated by the Regnum Lapideum, such as the
nasturtium leaves turning into silicon arrows32 and
Russian mushrooms hiding precious lapis lazuli33 .
Not surprisingly in the chapter Ashtarak, named
after the Armenian town, the stone is an element
which plays with other natural elements, such as
snow, clouds and the sky.
Ямщицкая гора, сверкающая снегом, кротовое поле, как будто с издевательской целью засеянное каменными зубьями,
нумерованные бараки строительства и набитая пассажирами
консервная жестянка – вот вам окрестности Эривани34.
26
O. Mandelstam, Sobranie sochinenij v trekh tomakh, II, New
York 1971, p. 592; S. Vitale, “Nota del curatore”, O. Mandel’štam,
Viaggio in Armenia, Milano 1988, p. 9.
27
A.M. Ripellino, “Note sulla prosa di Mandel’štam”, O. Mandel’štam, La quarta prosa, Bari 1967, pp. 7-15.
28
A century later Lermontov, precisely in 1930, 29 O. Mandelstam, Sobranie, op. cit., p. 146.
Ibidem.
Osip Emilyevich Mandelstam (1891-1938) was 30 Ibidem.
in Armenia and Georgia together with his wife 31 One of the chapters is named Vokrug naturalistov (On the
Naturalists).
32
O. Mandelstam, Sobranie, op. cit., p. 154.
33
Ibidem, p. 163.
25
In Lermontov’s written production, the words kamen’ [stone] and 34 Ibidem, p. 169; for the English version see “Coachman’s Mountain
pyl’ [dust] occur 142 and 53 times respectively, as indicated by the
glistening in the snow, a mole field, sown as if for some mocking
“Chastotny slovar’ yazyka M.Yu. Lermontova” in V.A. Mnujlov,
purpose with stony teeth, the numbered barracks on construction
Lermontovskaya Entsiklopediya, op. cit., pp. 717-773.
sites, and a can packed to the brim with passengers: there you have
Fig. 2.
M.Yu. Lermontov, View of Tbilisi, 1837, oil
on cardboard, 32,2x39,5 cm, National Literary Museum,
Moscow
D. Artoni, Dust and Stone: Caucasian Sketches in Lermontov, Mandelstam and Grossman
The stony teeth are the artificial human intrusions in a natural landscape; later in the chapter,
the gardens are “Каменные корзинки [. . . ] отличнейший бенефисный подарок для колоратурного сопрано”35 . Then Mandelstam mentions Armenian architecture and the stones it is built with.
As noted by Przybylski36 , in Mandelstam’s poetics
the word architecture is linked to the philosophical
concept of system. The connection between building and knowing explains the reason why in Journey to Armenia the eye is the organ that shapes
reason and knowledge and its capacity is filtered
by previous knowledge. When facing Armenian architecture, the eye cannot find shapes and ideas, it
stumbles across a kamenny pirog [stony cake]37 ,
especially when its visual pattern (metaphorically
named zuby zreniya [teeth of vision])38 is puzzled
by Armenian churches.
After stony teeth representing human activities,
stony baskets as gardens in Erevan and the stony
cake that refers to Armenian architecture, a fourth
trivial element made of stone is used to describe
an Armenian characteristic – “Армянский язык –
неизнашиваемый – каменные сапоги”39 . Because
language is a crucial feature of Armenia and a primary symbol of it40 , this last metaphor connecting
Armenian language to stone must be considered
as fundamental; the unusual guttural sounds, its
long documented history, and the fascination linked
to the unreachable lead the author to find parallels between the Armenian language and the rough
strength and inscrutable antiquity of the stone.
Alongside the concreteness of the descriptions in
line with Acmeism and its complex interplay with
the natural sciences, stone addresses a deeper level
of awareness connected to the role of the jourthe environs of Erevan”, Idem, The Noise of Time: And Other
Prose Pieces, London, New York 1988, p. 219.
35
“The stone basket [. . . ] would make the most splendid gift for the
coloratura soprano at a charity performance”, Idem, Sobranie, op.
cit., p. 169.
36
R. Przybylski, An Essay on the Poetry of Osip Mandelstam:
God’s Grateful Guest, eng. transl. by M.G. Levine, Ann Arbor
1987, p. 103.
37
O. Mandelstam, Sobranie, op. cit., p. 169.
38
Ibidem.
39
“Тhe Armenian language is wearproof, a pair of boots made of
stone”, Ibidem, p. 170.
40
I. Semenko, Poetika pozdnego Mandelstama, Roma 1986, p.
39.

ney. As Isenberg suggests, Mandelstam’s journey can be read as a healing and regenerative process, in that “for Mandelstam, the same forces
‘permanently ranging in the universe’ result in the
metaphoric word-stone and the massive stoniness
of a mountain”41 . For its attractive healing force,
stone is thus not only a structural component of
Mandelstam’s poetics but also a stage in the regenerative act of travelling in a neo-Lamarckian
sense42 .
The last author I have considered, Vasily Semyonovich Grossman (1905-1964), shares at least
four fundamental traits with Mandelstam – both
of them are of Jewish origin, had troubles with
the Soviet authorities, travelled in Armenia, and
composed a literary work after it43 . Furthermore,
Grossman was struck by the stone in Armenia, as
Mandelstam was.
Grossman’s journey to Armenia lasted only two
months in 1961. His Dobro Vam!44 [An Armenian
Sketchbook, 1965] was written one year later and
published in the journal Literaturnaya Armeniya45 .
Not surprisingly, this travel report is “Grossman’s
political testament, a discussion of the values he
holds dearest – in art and life”46 , thus endorsing
the ideas that the journey can be the metaphor of
life and that a more objective reflection on the self
can be pursued when one is far from their trivial
environment.
The element of stone in An Armenian Sketchbook is crucial and introduced in the very beginning
of the book.
41
C. Isenberg, Substantial Proofs of Being: Osip Mandelstam’s
Literary Prose, Columbus 1987, p.160.
42
According to neo-Lamarckism, selection is a secondary force in
evolution. Great importance is given to the environment and the
interaction it has with the species. Mandelstam’s idea of travelling
as a regenerating process should be read at the light of this strong
interaction between the environment and the man and the capability the environment has of changing the human beings. See P.J.
Bowler, The Eclipse of Darwinism: anti-Darwinian Evolution
Theories in the Decades around 1900, Baltimore, London 1992,
p. 4.
43
A. Ferrari, “L’Armenia di Vasilij Grossman”, L’umano nell’uomo:
Vasilij Grossman tra ideologie e domande eterne, a cura di P.
Tosco, Soveria Mannelli 2011, p. 436.
44
The Russian title is a literal translation of the Armenian greeting
barev jes, which means “good to you”.
45
See S.P. Markish, Le cas Grossman, Paris, Lausanne 1983, pp.
174-176.
46
R. Chandler, Yu. Bit-Yunan, “Introduction”, V. Grossman, An
Armenian Sketchbook, New York 2013, p. VII.

eSamizdat 2016 (XI)
Первые впечатления от Армении – утром, в поезде. Камень
зеленовато-серый, он не горой стоит, не утесом, он – плоская
россыпь, каменное поле; гора умерла, ее скелет рассыпался
по полю. Время состарило, умертвило гору, и вот лежат кости
горы47.
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
oshushenie) Grossman had of Armenia was influenced by the paintings of Martiros Saryan (18801972), who depicted his own country in bright and
joyful colours, as seen in Fig. 3.
Stone is the first Armenian element seen by the
author, and the element Armenia is based on. As
time had killed the mountain, its bones become the
stones characterising the Armenian landscape.
Moving from the image of fields of stones, Grossman depicts the villages of Armenia as characterised by grey stones, before giving life to stone itself in the description of sheep, moving grey stones
born from stone which “едят они, наверное, каменную крошку и пьют каменную пыль”48 . The
material metamorphosis of Armenia into its creating element reaches its zenith in the sentence
“Люди – как эти камни, среди которых они
живут”49 .
Stone is mentioned again in the chapter devoted
to Grossman’s trip to Lake Sevan. The author
notes, “Севан лежит в россыпи камней”50 , impressed by the lack of a gradual transition between
the lake and the ground and the total separation between deep blue water and dry mountain stone. As
in the incipit of the book, stone is connected to time
in the vivid phrase “геологическая тяжесть времени”51 , where the chronological element of time is Fig. 3. M. Saryan, Armenia, 1923, oil on canvas. 138x103
cm, Armenian National Gallery, Yerevan
crystallised as a geological entity, as concrete and
tangible as stone.
Although we don’t know which paintings by
The stone is also symbol of disillusion and disen- Saryan Grossman was familiar with, the joyful atchantment. The sensation-perception (in Russian mosphere of harmony between nature and people depicted in Saryan’s “Armenia” clashes with
47
V. Grossman, Sobranie sochinenij v chetyrekh tomakh. Povest’, Grossman’s view, as overtly stated in the following
rasskazy, ocherki, Moskva 1998, p. 150; for the English version
quotation:
see “I first glimpsed Armenia from the train, early in the morning:
greenish-grey rock – not mountains or crags but scree, flat deposits of stone, fields of stone. A mountain had died, its skeleton
had been scattered over the ground. Time had aged the mountain; time had killed the mountain’s bones”, Idem, An Armenian
Sketchbook, op. cit., p. 3.
48
Idem, Sobranie, op. cit., p. 150; for the English version see
“Maybe eat powdered stone and drink the dust of stone”, Idem,
An Armenian Sketchbook, op. cit., p. 3.
49
Idem, Sobranie, op. cit., p. 150; for the English version see “The
men are like the stones they live among”, Idem, An Armenian
Sketchbook, op. cit., p. 3.
50
Idem, Sobranie, op. cit., p. 178; for the English version see “Sevan lies in the middle of a great scattering of stones”, Idem, An
Armenian Sketchbook, op. cit., p. 48.
51
Idem, Sobranie, op. cit., p. 178; for the English version see “The
geological weight of time”, Idem, An Armenian Sketchbook, op.
cit., p. 48.
Должен признаться, что полотна Сарьяна, которые я видел в Москве, не помогли мне ощутить Армению. Я ее увидел по-иному. Мне пришлось соскрести со своей души яркую радость capьяновских картин, чтобы ощутить туманный
древний камень трагического армянского пейзажа52 .
Grossman’s first hand experience as a traveller
turned the imagined joyful Armenia into a land of
52
Idem, Sobranie, op. cit., p. 180; for the English version see “I
have to say that the paintings by Saryan that I had seen in Moscow
did nothing to help me sense the reality of Armenia. My own perception of Armenia is different. To sense Armenia’s tragic landscape and its misty, ancient stone I found I had to erase from my
soul the brilliant joy of Saryan’s paintings”, Idem, An Armenian
Sketchbook, op. cit., p. 51.
D. Artoni, Dust and Stone: Caucasian Sketches in Lermontov, Mandelstam and Grossman
misty and ancient stone. Of particular interest is
the lexical choice of the adjectives used to describe
Armenian stone, i.e., tumanny [misty] and drevny [ancient]. The former is connected to blurred
senses; what is misty is unknown, it is partially revealed but impossible to be understood in its wholeness. The latter adjective is introduced in this book
in reference to Armenian villages, churches, buildings, people, and their dances. Its chronological
value here endorses the symbolic value of stone as
a sort of incarnation of time.
The relationship between time and stone is crucial again in chapter 10, since its opening: “Первое, что я увидел, приехав в Армению, был камень. Уезжая, я увез виденье камня”53 , and
again “Камень выразил характер и душу армянской страны”54 ; stone is thus the distinguishing
component of Armenia both as a superficial priming element and as its deepest and defining characteristic. However, the primordial cause of the
amount of scattered stones is neither Armenia nor
its inhabitants; the stonecutter is time.
Grossman imagines a battle between two monsters, ogromnaya kamennaya gora [the huge
stony mountain] and gromada vremeni [the bulk
of time]55 . Interestingly, in Russian the word gromada [bulk] has collocations with mountain – gromada gory [the bulk of the mountain] – and not
with time, thus suggesting a connection between
the two enemies which are grouped together by the
author at a lexical level. The battle has a winner, “Время торжествует, оно непобедимо”56 , and
the bones of the defeated mountain are the stones
spread on the battle fields. Stone is no longer
the materialisation of time; time towers over stone,
which is the dead dross of its restless activity. One
of the few occurrences of dust is found in this passage, when the defeated mountains turn into dust.
Whereas stones are the bones of dead mountains,
dust is the furthest and definitive stage of death, as if
the dead stones had definitely lost the memory that
kept the stony matter together.
The bond between death and memory conveyed
by stone and dust can be also found in Zhizn’ i
sud’ba [Life and Fate, 1980], Grossman’s masterpiece, which was “kidnapped” a few months before his journey to Armenia57 . Whereas the novel
was first published in 1980, it was submitted to the
journal Znamya already in 1960; in February 1961,
the KGB raided Grossman’s flat and confiscated his
manuscript and notebooks58 .
In book 1, chapter 33, Lyudmila discovers her
son’s grave, set in a yard where pre-revolutionary
stone-crosses stand.
The emotional pustota
[emptiness] of the woman in this gloomy moment
is described as if “над головой стояла наполненная сухой пылью пустота”59 . The memory of death
connected to stone-crosses is annihilated in the
woman’s emptiness, which is inhabited only by dry
dust. “Живое стало неживым”60 as dust – dead
stone emptied out of its memory. The same characteristic is shared by the suffocating stepnaya pyl’
[dust of the steppe]61 found everywhere in the novel,
and often accompanied by dym [smoke]. Interestingly, none of the sixty occurrences of пыль [dust]
in Life and Fate is associated with dead bodies
burnt to ashes in concentration camps, as if their
memories could not be lost and turn into dust.
Coming back to An Armenian Sketchbook,
it is noteworthy that the Triumph of Death, the
strange and terrible kingdom where “земля родит
не жизнь, а смерть”62 , is not the end of the story.
A third force comes into play against the mountains and time: the Armenian people. Armenians
are not defined in their physical traits; instead of description, their characterisation is conveyed by their
actions, which seem to be performed by a unique
57
53
Idem, Sobranie, op. cit., p. 187; for the English version see “The
first thing I saw in Armenia was stone; and what I took away when
I left was a memory of stone”, Idem, An Armenian Sketchbook,
op. cit., p.64.
54
Idem, Sobranie, op. cit., p. 187; for the English version see “What
expresses the soul of Armenia is stone”, Idem, An Armenian
Sketchbook, op. cit., p. 64.
55
Idem, Sobranie, op. cit., p. 188.
56
Ibidem; for the English version see “Time has triumphed; time is
invincible”, Idem, An Armenian Sketchbook, op. cit., p. 65.

R. Chandler, Yu. Bit-Yunan, “Introduction”, op. cit., p. VII.
R. Chandler, “Introduction”, V. Grossman, Life and Fate, New
York 1985, p. XV.
59
“There was nothing but dry dust over her head”, V. Grossman, Sobranie sochinenij v chetyrekh tomakh. Zhizn’ i sud’ba, Moskva
1998, p. 105.
60
“Everything living had become inanimate”, Ibidem.
61
Ibidem, p. 464.
62
Idem, Sobranie sochinenij-Povest’, op. cit., p. 188; for the English version see “The earth engenders not life but death”, Idem,
An Armenian Sketchbook, op. cit., p. 65.
58

eSamizdat 2016 (XI)
body. So, the Armenian nation faces and fights
against the stony death left by the two abovementioned natural forces. The small nation is indeed
a great nation, a malen’ky velikan [small giant]
who has the strength to turn stone into mounds of
juicy vegetables and the very sweetest of grapes63 .
However, Grossman’s admiration for the Armenian
people should not be mistaken for a support of the
concepts of nation and nationalism, since Grossman rejects the concept of nationalism as an ideology supporting the leadership of one nation over
others64 .
Like Lermontov, who considers stone as a distinctive feature of Caucasian nature and its human
artefacts, and Mandelstam, who treats stone as a
healing natural element and an architectural component, Grossman describes stone both as a natural and a human feature of the Caucasus. However,
in his vision human activity is part of the natural
process, in which “Маленький великан оживляет мертвый камень, и тот становится живым кристаллом”65 . There is no clash between the civilised
human being and wild nature, in that humans are
part of nature. The author’s sympathy is attracted
by the indefatigable labour the Armenian people
have accomplished in turning dead stone into living
crystal, the terrestrial paradise full of juicy fruit.
Towards the end of his report, his attitude turns
into empathy towards the Armenian people, who
have ultimately shown to have a high degree of kinship with the Jews, Grossman’s people; as noted
by Ferrari, the two nations share ancient roots, a
national identity intertwined with religious identity,
the loss of their motherland, the diaspora, and the
experience of genocide66 .
At the end of this excursus on travel writing in
the Caucasus, I would like to point out the fol-
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
lowing feature shared by the three Russian writers
I have considered. Whether the authors’ descriptions overtly underline the uniqueness of the Caucasian landscape and nature, their experiences as
travellers in this region were ultimately affected by
its most inspiring element: the Caucasian people.
The traveller Grossman is struck by the Caucasian
landscape, the kingdom of dead stone, but his feelings are moved by the people he met in their routine.
Similarly, Lermontov depicts breath-taking landscapes and sublime mountains, but his lines linger
on a fascinating Georgian princess and on a mysterious mountain boy. Although concentrated on the
natural surroundings, even Mandelstam is moved
by the people living in the Caucasus, by “жизненное наполнение армян, их грубая ласковость, их
благородная трудовая кость”67 .
As a traveller in the Caucasus, I too was first impressed by the wild beauty of the Caucasian landscapes and the ancient monuments disseminated in
this land; however, despite the wide range of different peoples with different origins and traditions
and the revival of foolish nationalisms, in the Caucasus what fascinated me the most was an ineffable feature shared by the people living there, irrespectively of their ethnicity. Therefore, I would like
to endorse Grossman’s quotation related to the Armenian nation and, as already mentioned, widen its
scope to all the Caucasian peoples: “Но маленький
великан не только трудится, он любит выпить и
закусить. Он пьет и закусывает, а выпивши, он
пляшет, шумит и поет песни”68 .
www.esamizdat.it
Daniele Artoni, “Dust and Stone: Caucasian Sketches in Lermontov,
Mandelstam and Grossman”, eSamizdat,  (XI), pp. -
63
Grossman writes “лишь великану под силу превращать камень в
сладчайший виноград, в сочные холмы овощей”, Idem, Sobranie
sochinenij-Povest’, op. cit., p. 189; for the English version see
“оnly a giant has the strength to turn stone into mounds of juicy
vegetables and the very sweetest of grapes”, Idem, An Armenian
Sketchbook, op. cit., p. 66.
64
A. Ferrari, “L’Armenia”, op. cit., p. 434.
65
V. Grossman, Sobranie sochinenij-Povest’, op. cit., p. 190;
for the English version see “The small giant brings dead stone to
life, and the stone becomes a living crystal”, Idem, An Armenian
Sketchbook, op. cit., p. 67.
66
A. Ferrari, “L’Armenia”, op. cit., p. 442.
67
“The live fulfilment of the Armenians, their rude tenderness, their
noble working bones”, O. Mandelstam, Sobranie sochinenij, op.
cit., p. 143.
68
V. Grossman, Sobranie sochinenij-Povest’, op. cit., p. 190; for
the English version see “But the small giant does not just work;
he also likes to drink and to have a bite to eat when he drinks. And
then he dances; he laughs, shouts, and sings”, Idem, An Armenian
Sketchbook, op. cit., p. 68.
Laggiù, nel lontano Oriente. . .
I motivi persiani di Sergej Esenin
Daniele Franzoni
♦ eSamizdat  (XI), pp. - ♦
ONOSTANTE nella sua autobiografia dichiarasse: “19-20-21 <годы> ездил по России: Мурман, Соловки, Архангельск, Туркестан,
Киргизские степи, Кавказ, Персия и Крым”1 ,
Sergej Aleksandrovič Esenin non giunse mai in
Persia. Fra il 1920 e il 1924, allo scopo di raggiungerla, intraprese diversi viaggi, i quali, tuttavia, si risolsero sempre in un nulla di fatto. Il luogo
più vicino e affine alla patria dello scià Ismail Khatay raggiunto dal poeta russo fu l’Azerbaigian, terra
che per secoli fu dominata proprio dai persiani, e che
con essi condivide una parte della propria cultura. I
due popoli, infatti, non si limitano a condividere la
corrente sciita dell’Islam e per un buon periodo della loro storia l’alfabeto arabo (l’azero iniziò a essere
scritto in caratteri latini solo nel 1925), ma hanno
in comune parte della loro letteratura classica (poeti
come Nizami Ganjavì, Mohammed Fizulì e lo stesso scià Ismail scrissero sia in turco, sia in persiano), e la lingua azera presenta numerosi prestiti e
influenze provenienti da quella persiana.
Esenin iniziò a interessarsi all’Oriente grazie alla
raccolta Persidskie liriki Х-ХV vekov [Poesia persiana dal X al XV secolo] curata dall’accademico
Fedor Korš e pubblicata dai celebri editori Michail
e Sergej Sabašnikov nel 1916. Furono poeti come Omar Khayyam2 , Saadì3 e Firdusì4 a incantare
N
1
“Anni 1919, ‘20, ‘21, ho viaggiato per la Russia: Murman, Solovki, Archangel’sk, Turkestan, steppe kirghise, Caucaso, Persia
e Crimea”, S.A. Esenin, Sobranie sočinenij v šesti tomach, V,
Moskva 1979, p. 223.
2
Omar Khayyam (1048–1131) è stato un astronomo, filosofo,
matematico e poeta persiano, noto per le sue Quartine.
3
Saadi (1210–1291/92?), al secolo Abu-Muhammad Muslih alDin bin Abdallah Shirazi, noto anche come Saadi di Shiraz è una
delle maggiori figure della poesia persiana medievale. Le sue opere
più celebri sono Gulistan [Il giardino di rose] e Bustan [Il frutteto],
considerate due classici morali del sufismo.
4
Firdusì (935–1020), al secolo Hakim Abol-Ghasem Ferdowsi Tus,
Esenin. A tal proposito Nikolaj Veržbickij ricorda:
Мне подвернулся томик – ‘Персидские лирики X-XV веков’
в переводе академика Корша.
Я взял его домой почитать.
А потом он оказался в руках Есенина, который уже не хотел
расставаться с ним.
Что-то глубоко очаровало поэта в этих стихах.
Он ходил по комнате и декламировал Омара Хайама5 .
Era lo spirito del tempo: infatti, erano molti i
poeti russi (per esempio Valerij Brjusov e Vjačeslav Ivanov) che nel corso delle loro ricerche formali e tematiche si erano avvicinati alla poesia persiana. All’inizio del XX secolo, la poesia persiana
iniziava a essere ampiamente disponibile in russo6 ,
pertanto si può affermare che Esenin la conoscesse
in maniera abbastanza diretta, grazie a traduzioni
condotte dagli originali7 .
Le ragioni per cui il grande poeta russo amò così tanto i lirici persiani sono sconosciute, giacché
in proposito il nostro non ha lasciato nessuna testimonianza scritta. Matvej Rojzman, nelle sue memorie, riporta che Esenin gli disse a proposito del
libro di Korš: “Советую почитать. Да как следует. И запиши, что понравится”8 . Sergej Alekanè forse il più celebre poeta persiano, autore dello Shah-Name [Il
libro dei re]. Viene considerato poeta nazionale in Iran, Tagikistan
e Afghanistan.
5
“Mi imbattei in un volumetto intitolato Poesia persiana dal X al
XV secolo tradotto dall’accademico Korš. Lo presi per leggermelo a casa. In seguito, quel libro capitò in mano a Esenin, il quale non voleva più separarsene. C’era qualcosa che lo affascinava
profondamente in quei versi. Camminava per la stanza e intanto declamava Omar Khayyam”, N.K. Veržbickij, “Vstreči s Eseninym”, S.A. Esenin v vospominanijach sovremennikov, II, a cura
di A.A. Kozlovskij, Moskva 1986, p. 221.
6
V.G. Belousov, Persidskie motivy, Moskva 1968, p. 8.
7
Ibidem.
8
“Ti consiglio di leggerlo come si deve.
E scriviti che
ti piacerà”, M.D. Rojzman, Vse, čto pomnju o Esenine,
Moskva 1973,
disponibile all’indirizzo internet:
<http://www.esenin.ru/o-esenine/vospominaniia/roizman-m-vs
e-chto-pomniu-o-esenine> (ultimo accesso, 02/09/2016).

eSamizdat 2016 (XI)
drovič ne era così affascinato che lo lesse più volte, tanto da impararlo quasi a memoria9 . Dal canto
nostro, per spiegare la fascinazione di Esenin verso
gli autori classici persiani, ci sentiamo di condividere l’ipotesi di A. Volkov: “Conoscendo Esenin, ci
si può chiaramente immaginare cosa lo appassionava [della poesia persiana]. Erano i finissimi ornamenti del verso, la tranquilla saggezza della filosofia orientale, l’esoticità e l’espressività che questi
riuscivano a creare”10 .
Esenin, nei confronti dei poeti classici persiani,
si poneva come un allievo. In una lettera a Galina
Benislavskaja scriveva:
Я еду учиться. Я хочу проехать даже в Шираз и, думаю,
проеду обязательно. Там ведь родились все лучшие персидские лирики. И недаром мусульмане говорят: если он не поeт,
значит, он не из Шушу, если он не пишет, значит, он не из
Шираза11 .
Come osserva P. Tartakovskij commentando
questa lettera: “Esenin sostanzialmente ‘ripeté’ il
cammino di Puškin, che, imitando al fine di ‘scoprire nuovi mondi’, tendeva prima di tutto ‘a elaborare una sua concezione per poi darle una seconda vita’”12 . A sostegno di quest’interpretazione si
può citare lo stesso Esenin che nel 1925, in O sebe
[Su di me], dichiarava apertamente la sua sintonia
col massimo poeta russo: “В смысле формального
развития меня тянет все больше к Пушкину”13 .
Del primo tentativo di Sergej Aleksandrovič di
andare verso il Caucaso e il Medio Oriente non si
sa pressoché nulla14 : il poeta si limitava a farne cenno in una lettera dell’11 agosto 1920 a Evgenija Lifšic, scritta proprio durante la sua seconda visita nel
Caucaso. Le impressioni registrate sul viaggio non
erano per nulla lusinghiere:
9
Ibidem.
A.A. Volkov, Chudožestvennye iskanija Esenina, Moskva 1976,
p. 357.
11
“Sto andando a studiare. Voglio visitare persino Shiraz, e penso
che la visiterò sicuramente. Voglio andare dove sono nati tutti i
migliori lirici persiani. Non per niente i musulmani dicono: se non
canta, allora non è di Shushà, se non scrive, allora non è di Shiraz”,
S.A. Esenin, Sobranie, op. cit., VI, p. 182.
12
P. Tartakovskij, “Ja edu učit’sja. Persidkie motivy Sergeja
Esenina i vostočnaja klassika”, a cura di A.A. Michajlov, S.S.
Lesnevskij, V mire Esenina, Moskva 1986, p. 336.
13
“Da un punto di vista dello sviluppo formale, in questo momento,
mi sento sempre più attratto da Puškin”, S.A. Esenin, Sobranie,
op. cit., V, p. 231.
14
V.G. Belousov, Persidskie motivy, op. cit., p. 71.
10
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
Сегодня утром мы из Кисловодска выехали в Баку, и, глядя из окна вагона на эти кавказские пейзажи, внутри сделалось как-то тесно и неловко. Я здесь втoрой раз в этих
местах [corsivo mio D.F.] и абсолютно не понимаю, чем поразили они тех, которые создали в нас образы Терека, Казбека, Дарьял [. . . ] Сейчас у меня зародилась мысль о вредности
путешествий для меня. Я не знаю, что было бы со мной, если
б случайно мне пришлось объездить весь земной шар?15
Nel 1921 il poeta russo visitò Taškent, giungendovi nei giorni della festa per la fine del Ramadan. Era la prima volta che entrava in contatto
con l’Oriente, e ne restò fortemente impressionato.
Tempo dopo, avrebbe scritto ad Anatolij Mariengof:
“Вспоминаю сейчас о Клопикове и Туркестане.
Как все это было прекрасно. Боже мой!”16 .
Il terzo tentativo di giungere in Persia, Esenin
lo intraprese nell’inverno del 1922 su spinta dello stesso Mariengof che desiderava allontanarlo da
Isadora Duncan17 conosciuta a casa del poeta immaginista Georgij Jakulov nell’ottobre 1921. Nonostante i due si frequentassero da soli due mesi,
già a dicembre Esenin fece alcuni tentativi (tutti infruttuosi) di lasciarla18 : il rapporto fra i due,
infatti, per via dei continui litigi si stava pesantemente deteriorando19 . Il viaggio si risolse nuovamente in un disastro, il poeta giunse solamente a
Rostov-na-Donu:
15
“Stamattina siamo partiti da Kislovodsk alla volta di Baku, e mentre guardavo dal finestrino del vagone questi paesaggi caucasici,
dentro di me si è fatta strada una sensazione di costrizione e disagio. È la seconda volta che visito questi luoghi, e non riesco
assolutamente a capire la ragione per cui hanno impressionato coloro i quali hanno creato in noi l’immagine del Terek, del Kazbek,
del Dar’jal [. . . ] Mi è anche venuto in mente che viaggiare sia per
me dannoso. Non so, cosa ne sarebbe di me se dovessi fare il giro
del mondo?” [il corsivo è mio], S.A. Esenin, Sobranie, op. cit., VI,
p. 99.
16
“Ricordo Klopikov e il Turkestan. Che bello che era! Dio mio!”, Ivi,
p. 126.
17
Isadora Duncan (1877-1927), al secolo Dora Angela Duncan, è
stata una ballerina americana, considerata fra le madri della danza
moderna. Nel 1921, su invito di Lunačarskij, si recò in Unione sovietica per aprire una scuola di danza. A ottobre conobbe Esenin (di
diciotto anni più giovane), che sposò l’anno seguente. Tuttavia non
fu un matrimonio felice: il rapporto fra i due, fin dall’inizio, si rivelò piuttosto burrascoso, tanto che divorziarono solamente due anni
dopo, nel 1924. Isadora Duncan morì nel 1927, a Nizza, strozzata dalla sua sciarpa che si era impigliata negli assi delle ruote
dell’automobile su cui viaggiava.
18
G. McVay, Isadora and Esenin. The Story of Isadora Duncan
and Sergei Esenin, London and Basingstoke 1980, p. 46.
19
S. Asadullaev, Na rubeže vekov i tysjačeletij. O literature i
vremeni, Baku 2004, p. 143.
D. Franzoni, Laggiù, nel lontano Oriente. . . I motivi persiani di Sergej Esenin

L’Occidente deluse profondamente Esenin, che
lo trovò volgare e povero di spirito25 : “Что сказать мне вам об этом ужаснейшем цасрстве мещанства, которое граничит с идиотизмом. Кроме
фокстрота, здесь почти ничего нет. Здесь жрут и
пьют и опять фокстрот”26 .
Il quarto e ultimo viaggio verso la Persia, EseSempre nel 1922, Esenin ebbe una profonda crisi nin lo intraprese nel 1924. Restò a lungo in
spirituale che lo trascinò in uno stato di forte de- Azerbaigian, dove sembrò ritrovare sé stesso e
pressione e scoramento. Per affrontarla, o forse per quell’equilibrio interiore che da tempo cercava:
fuggire da se stesso, il poeta decise di visitare l’EuЯ чувствую себя просветленным, не надо мне этой шумливой
славы, не надо построчного успеха. Я понял, что такое поэзия
ropa occidentale e gli Stati uniti: il 10 maggio partì
[. . . ]. Так много и легко пишется в жизни очень редко. Это
in aereo da Mosca accompagnato da Isadora Dunпросто потому, что я один и сосредоточен в себе. Говорят,
я очень похорошел. Вероятно оттого, что я что-то увидел и
can. Il viaggio è stato interpretato dalla critica in
успокоилось27.
21
maniera opposta : alcuni, come, per esempio SoE l’incipit de I motivi persiani è il degno
fie Lafitte22 , sostengono che abbia peggiorato il suo
stato psicologico, mentre altri, ed è il caso di Ev- specchio di questa ritrovata serenità:
Милый Толя. Черт бы тебя побрал за то, что ты меня вляпал
во всю эту историю.
Во-первых, я в Ростове сижу у Нины и ругаюсь на чем свет
стоит [. . . ] Ростов — дрянь невероятная, грязь, слякоть и этот
‘Сегежа’, который торгуется со всеми из-за 2-х копеек. С
ним повсюду со стыда сгроришь [. . . ]
И дурак же ты, рыжий!
Да и я не умен, что послушался.
Проклятая Персия [corsivo mio]20 .
Улеглась моя былая рана –
genij Naumov23 , ritengono che il tour in OccidenПьяный бред не гложет сердце мнe
te lo avrebbe spinto alla svolta spirituale del 1924Синими цветами Тегерана
Я лечу их ныне в чайхане28 .
25, grazie anche alla quale il nostro scrisse I motivi persiani. Dello stato di Sergej AleksandroÈ il respiro profondo di un’anima che sembra esvič fu testimone d’eccezione Maksim Gor’kij che lo sersi ritrovata dopo tante peripezie interiori, e che
incontrò a Berlino:
può bearsi della bellezza del cielo azzurro di Persia,
Через шесть-семь лет я увидел Есенина в Берлине, в кварти- assaporando la quiete tanto agognata in una sala da
ре А.Н. Толстого. От кудрявого, игрушечного мальчика остались только очень ясные глаза, да и они как будто выгорели tè intrisa di profumi orientali. L’atmosfera viziata di
на каком-то слишком ярком солнце. [...] Мне показалось, что Moskva kabackaja [Mosca delle bettole], raccolta
в общем, он настроен недружелюбно к людям. И было видно,
что он — человек пьющий. Веки опухли, белки глаз воспалены, кожа на лице и на шее — серая, поблекла, как у человека, который мало бывает на воздухе и плохо спит. А руки
его беспокойны и в кистях размотаны, точно у барабанщика.
Да и весь он встревожен, рассеян, как человек, который забыл что-то важное и даже неясно помнит, что именно забыто
им24 .
20
“Caro Tolja, che il diavolo ti porti per avermi impelagato in tutta
questa storia. Innanzi tutto, sono a Rostov da Nina e sto bestemmiando come se non ci fosse un domani [. . . ] Rostov fa veramente
schifo: pantano, sporcizia e quel “Segeža” che mercanteggia con
tutti anche per qualche spicciolo. C’è da aver vergogna ad andare in
giro con lui. [. . . ] E tu comunque sei un imbecille! E lo sono anch’io
che ti ho dato retta. Maledetta Persia”, S.A. Esenin, Sobranie,
op. cit., VI, pp. 112-113.
21
P.F. Jušin, Sergej Esenin.
Idejno-tvorčeskaja evoljucija,
Moskva 1969, p. 270.
22
S. Lafitte, Serge Essénine, Paris 1959.
23
E.I. Naumov, Sergej Esenin. Ličnost’, tvorčestvo, epocha,
Leningrad 1973.
24
“Rividi Esenin a Berlino, sei o sette anni dopo, a casa di Aleksej
Tolstoj. Di quel ragazzino riccio e minuto erano rimasti solo gli occhi chiarissimi, che sembravano ardere come un sole troppo luminoso. [. . . ] In generale, mi sembrò di notare in lui un atteggiamento
ostile verso gli altri. Inoltre si vedeva che beveva. Aveva le palpebre gonfie, gli occhi arrossati, mentre la pelle del viso e del collo
era grigia e scolorita, come quella di un uomo che sta poco all’aria aperta e dorme male. Le braccia si muovevano senza sosta e
le mani si agitavano come quelle di un suonatore di tamburo. Era
anche tutto irrequieto e assente, sembrava un uomo che ha dimenticato qualcosa di importante, ma che non ricorda nemmeno bene
cosa”, M.A. Gor’kij, Sobranie sočinenij v tridcati tomach, XVII,
Moskva 1952, p. 60.
25
P.F. Jušin, Poezija Sergeja Esenina 1910-1923 gg, Moskva 1966,
pp. 286-287.
26
“Cosa volete che vi dica di quest’orrendo regno della piccola borghesia che confina con l’idiozia? A parte il foxtrot, qui non c’è praticamente niente. Mangiano e bevono a quattro palmenti, e poi di
nuovo foxtrot”, S.A. Esenin, Sobranie, op. cit., VI, pp. 123.
27
“Mi sono rasserenato. Non mi servono né quella gloria chiassosa,
né il successo per ogni mio verso. Ora ho capito cos’è la poesia [. . . ]
Mi è capitato molto di rado nella vita di scrivere tanto e con tanta
facilità. Semplicemente sono solo e concentrato su di me. Dicono
che mi vedono così bene. Molto probabilmente è perché ho visto
qualcosa e mi sono calmato”, Ivi, pp. 167-168.
28
Ivi, I, p. 273; “Si è calmata la mia antica ferita – / Il delirio ubriaco
non mi rode il cuore / Con gli azzurri colori di Teheran / Io oggi li
curo in una casa da the”, Idem, Poesie e poemetti, Milano 2000,
p. 233.

eSamizdat 2016 (XI)
data alle stampe non molto tempo prima, nel 1924,
sembra ormai solo l’eco di un antico incubo. La
serenità è tale che persino la necessità di stordirsi
con l’alcool scompare: “[Чайханщик] угощает меня красным чаем / вместо крепкой водки и вина /
[...] За себя нынче отвечаю”29 , e Esenin si inebria
con l’aroma del tè rosso d’Oriente. La natura, bella e generosa, sembra riflettere e far da controcanto a questa ritrovata serenità: “Много роз цветет в
твоем саду”30 , mentre le donne sono affascinanti e
misteriose dietro al loro chador:
Незадаром мне мигнули очи,
Приоткинув черную чадру. [. . . ]
Ну, а этой движенья стана,
Что лицом похожа на зарю
Подарю я шаль из Хороссана
И ковер ширазский подарю31.
Con Uleglas’ moja bylaja rana [Si è calmata la
mia antica ferita], Esenin introduce al lettore l’atmosfera e gli elementi costitutivi della sua Persia,
una terra che, come dichiara poco dopo in Nikogda ne byl na Bosfore [Non sono mai stato sul
Bosforo], è una pura invenzione:
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
persona33 . Ne I motivi persiani tutto è esotico, colorato, romantico, felicemente ingenuo; e non è un
caso che il corredo di immagini utilizzato da Esenin
per creare la “sua” Persia dia l’impressione di essere
uscito, per il suo carattere assolutamente spurio, da
un lubok o da un robivecchi che commercia chincaglierie orientaleggianti. Tuttavia, il poeta canta
“con una tale dolcezza e partecipazione, che ognuno di noi pensa che, in Persia, Esenin ci sia andato davvero”34 . Infatti, i profumi delle rose e degli
oleandri, il soave canto degli usignoli, il cielo azzurro, le dolci voci delle perì35 non hanno lo scopo di
riprodurre fedelmente l’ambiente, l’intenzione non
è quella di tenere un diario di viaggio in versi, ma
di far assaporare al lettore il sentore dei fiori di un
Oriente del tutto immaginario. Come afferma A.A.
Volkov: “Il paesaggio ne I motivi persiani serve a
Esenin per raffigurare un Eden nel quale lo stanco viandante può assaporare la dolcezza del riposo,
della bellezza e dei profumi che permeano l’aria”36 .
Воздух прозрачный и синий,
Выйду в цветочные чащи.
Путник, в лазурь уходящий,
Ты не дойдешь до пустыни [. . . ]
Воздух прозрачный и синий.
Лугом пройдешь, как садом,
Садом — в цветные диком [. . . ]
Вмиг отразится во взгляде
Месяця желтая прелесть [. . . ]
Вот он, удел желанный
Всех, кто в пути устали37 .
Никогда не был на Босфоре,
ты меня не спрашивай о нем [. . . ]
Не ходил в Багдад с караваном
Не возил я шел туда и хну [. . . ]
И хотя я не был на Босфоре —
Я тебе придумаю о нем32 .
La Persia di Esenin, infatti, è un’utopia alla tempera, un sogno, dove i fantasmi della mente si disperdono, gli incubi svaniscono, l’anima guarisce e
l’angoscia è pacificata. È una Persia interiorizzata, filtrata e ricostruita attraverso l’universo testuale della sua poesia classica, vagheggiata dal vicino Azerbaigian, ma non vissuta realmente in prima
29
Idem, Sobranie, op. cit., I, p. 273; “[Il padrone] mi offre del the
rosso / Al posto della forte vodka e del vino. [. . . ] Oggi io rispondo
di me”, Idem, Poesie, op. cit., p. 233.
30
Idem, Sobranie, op. cit., I, p. 273; “Molte rose fioriscono nel tuo
giardino”, Idem, Poesie, op. cit., p. 233.
31
Idem, Sobranie, op. cit., I, p. 273; “Non per nulla mi hanno ammiccato gli occhi, / Dischiudendo un poco il nero ciador. [. . . ] Beh,
io per i movimenti del corpo di costei, / Il cui volto è simile a un’aurora, / Regalerò uno scialle del Khorasan/ E regalerò un tappeto di
Shiraz”, Idem, Poesie, op. cit., p. 233.
32
Idem, Sobranie, op. cit., I, pp. 280-281; “Non sono mai stato
sul Bosforo, / Perciò non farmi domande [. . . ] Non sono andato
a Bagdad con la carovana, / E non ho portato seta oppure henné
[. . . ] E anche se non sono stato sul Bosforo – / a te io lo inventerò”,
Idem, Poesie, op. cit., pp. 243-245.
33
Sergej Kirov, allora segretario del partito comunista azero, continuava a negare il visto d’espatrio a Esenin, poiché riteneva che
viaggiare in un paese come l’Iran, dove i costumi morali erano
estremamente rigidi, avrebbe costituito un pericolo per il poeta, vista l’imprevedibilità del suo carattere e il suo gusto per la provocazione. Per tutelarlo, Kirov gli assegnò una dacia a Mardakany,
a quel tempo una piacevole località balneare, oggi una periferia di
Baku fatta di casupole sghimbesce, dove venne allestita una “Persia” ad hoc in modo da placare la bramosia di Esenin di vedere
la vera Persia. Si veda P.I. Čagin, “Sergej Esenin v Baku”, S.A.
Esenin, op. cit., pp. 162-163.
34
E. Bazzarelli, “Introduzione”, S.A. Esenin, Poesie, op. cit., p. 20.
35
Fanciulle tipiche della mitologia persiana, del Caucaso e dell’Asia
Centrale.
36
A.A. Volkov, Chudožestvennye iskanija, op. cit., p. 365.
37
S.A. Esenin, Sobranie, op. cit., I, pp. 284-285; “L’aria è trasparente e blu, / Entrerò nei fitti boschetti fioriti. / Viandante, che vai
verso l’azzurro, / Non arriverai fino al deserto. / L’aria è trasparente e blu. / Passerai per il prato, come un giardino, / Un giardino in
selvaggia fioritura, [. . . ] Subito si rifletterà nello sguardo, / Il giallo
incantesimo della luna, [...] / Eccola la sorte desiderata / Da tutti
quelli stanchi per la strada”, Idem, Poesie, op. cit., p. 249.
D. Franzoni, Laggiù, nel lontano Oriente. . . I motivi persiani di Sergej Esenin
Il nostro si compiace nell’evocare nel lettore
grandi spazi e grandi distanze: a prima vista, potrebbe sembrare che il poeta voglia escludere tutto ciò che è legato all’Europa, l’Occidente, la Russia. In realtà, l’ontologia dei paesaggi continua a
essere la Russia: “Mentre canta la Persia, Esenin,
con tutta l’anima, è in Russia. Effigiando l’esotismo orientale, il poeta lo confronta coscientemente
con gli spazi del paesaggio russo”38 . L’orientalismo
da miniatura di Esenin, come osserva Angelo Maria
Ripellino, coincide con l’arcadia di Rjazan’39 :
Потому, что я с севера, что ли,
Что луна там огромней в сто раз,
Как бы ни был красив Шираз,
Он не лучше рязанских раздолий40.
Al tema del paesaggio è strettamente legato
quello dell’amore, probabilmente il principale de I
motivi persiani: le due tematiche si compenetrano
e si compensano lungo l’intera raccolta, diventando l’una il contrappunto dell’altra. L’amore cantato ne I motivi persiani è profondamente differente da quello fino ad allora presente nell’opera eseniniana. Infatti, se il sentimento amoroso in Mosca
delle bettole è decadente, impregnato di fumo e alcool, volgare e privo di qualsiasi tenerezza, quello de
I motivi persiani è alto, moralmente puro, tanto da
elevare chi ha la fortuna di provarlo. E a giudicare
dalla passione con cui ne scrive, sembra quasi che
Esenin sia giunto in Persia ansioso di innamorarsi, tanto da chiedere persino a un prosaico cambiavalute come poter sussurrare parole dolci alle belle
persiane:
Я сегодня спросил у менялы,
что дает за полтумана по рублю,
Как сказать мне для прекрасной Лалы
По-персидски нежное ‘люблю’41.
38
P.F. Jušin, Sergej Esenin, op. cit., p. 327.
A.M. Ripellino, “Esenin”, L’arte della fuga, Napoli 1987, p. 216.
40
S.A. Esenin, Sobranie, op. cit., I, p. 277; “Perché, forse, io sono
del nord / Perché la luna è cento volte più grande, / Per quanto sia
bella Shiraz, / Non è meglio delle radure di Rjazan’”, Idem, Poesie,
op. cit., p. 239.
41
Idem, Sobranie, op. cit., I, p. 275; “Ho chiesto oggi al cambiavalute, / Quanto mi dava per un rublo in mezzi tuman, / E come potevo dire alla bellissima Lala / In persiano le tenere parole ‘ti amo’”,
Idem, Poesie, op. cit., p. 237.
39

Ma in perfetta tradizione orientale, dove i sentimenti sono sempre rubati, allusi, sottaciuti, il
cambiavalute gli risponde:
О любви в словах не говорят,
О любви вздыхают лишь украдкой,
Да глаза, как яхонты, горят42 .
I motivi persiani sono costellati di figure femminili, spesso incarnazione dell’amore tenero e romantico che pervade l’intera raccolta. La figura
principale è Šaganè43 , simbolo di quella femminilità
tipica dell’Oriente fatta di mistero, intelligenza, fascino magnetico, a cui il poeta dedica uno dei componimenti più belli dell’intero ciclo, Šagane ty moja, Šagane [Šaganè, tu mia Šaganè]. Non è difficile cogliere nel personaggio gli echi di un più illustre
predecessore: Shahrazad. Nei confronti di Šaganè,
non c’è attrazione sensuale44 : Esenin, infatti, sembra ricercare più un’intesa mentale con la fanciulla,
quasi si stesse rivolgendo a un amico. Il poeta vuole
che Šaganè ascolti i suoi racconti carichi di nostalgia sulla nativa Rjazan’ e al contempo gliela faccia
dimenticare:
Шаганэ ты моя, Шаганэ!
Потому, что я с севера, что ли,
Я готов рассказать тебе поле,
Про волнистую рожь при луне.
Шаганэ ты моя, Шаганэ. [. . . ]
Про волнистую рожь при луне
По кудрям ты моим догадайся.
Дорогая, шути, улыбайся,
Не буди только память во мне
Про волнистую рожь при луне45 .
42
Idem, Sobranie, op. cit., I, p. 275; “A parole non si parla d’amore,
/ D’amore si sospira solo furtivamente, / E gli occhi, come zaffiri,
risplendono”, Idem, Poesie, op. cit., p. 237.
43
Il prototipo di Šaganè è stato individuato da Vladimir Belousov in
Šaganè Tal’jan, una maestra armena che Esenin conobbe durante il
suo soggiorno a Baku. Non è chiaro tuttavia se fra i due ci sia stato
effettivamente un flirt oppure i due fossero legati da una semplice
amicizia. A tal proposito si veda V.G. Belousov, Persidkie motivy,
op. cit., p. 37.
44
L’amore sensuale ne I motivi persiani è accennato solamente in
Ty skazala, čto Saadi [Tu dicevi che Saadì], nella quale comunque
l’amore platonico ha il sopravvento su quello fisico. Si veda P.F.
Jušin, Sergej Esenin, op. cit.
45
S.A. Esenin, Sobranie, op. cit., I, p. 277; “Šaganè, tu mia Šaganè! / Perché, forse, io sono del nord, / Sono pronto a raccontarti del
campo, / Della segale ondeggiante alla luna. / Šaganè, tu mia Šaganè [. . . ] Della segale ondeggiante della luna / Tu puoi indovinare
dai miei riccioli. / Mia cara, scherza, mia cara, sorridi, / Solo non
risvegliare in me il ricordo / Della segale ondeggiante alla luna”,
Idem, Poesie, op. cit., p. 239.

eSamizdat 2016 (XI)
Mentre Esenin si addentra in questa Persia immaginata, la sua consapevolezza di essere all’interno di un sogno cresce sempre di più. Il punto di
svolta è Zoloto cholodnoe luny [Oro freddo della
luna]:
Золото холодное луны
Запах олеандра и левкоя
Хорошо бродить среди покоя
Голубой и ласковой страны
Далеко-далече там Багдад
Где жила и пела Шахразада
Но теперь ничего не надо
Отзвенел давно звеневший сад
Призраки далекие земли
Поросли кладбищенской травою
Ты же, путник, мертвым не внемли,
Не склоняйся к плитам головою
Оглянись, как хорошо кругом:
Губы к розам так и тянет, тянет [. . . ]
Жить — так жить, любить — так уж влюбляться.
В лунном золоте целуйся и гуляй,
Если ж хочешь мертвым поклоняться
То живых тем сном не отравляй
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
Esenin, in particolare quello del presagio della morte così presente in liriche cui il poeta lavorava parallelamente alla composizione de I motivi persiani
come per esempio Metel’ [La bufera], riemergono:
i defunti levano le loro voci dalle tombe, invitando,
quasi fossero sirene degli inferi, il povero viandante ad ascoltarli. Il poeta tenta di ribellarsi a questa
chiamata: “E se vuoi adora i morti, ma non avvelenare i vivi con quel sogno”, ma senza successo; a
ripetere quelle parole, un tempo cantate persino da
Shahrazad, sono rimaste solamente le foglie del cimitero. Shahrazad, simbolo dell’Oriente e della vita
passata, e il cimitero, luogo di morte per eccellenza, si giustappongono, dando vita a quel sentimento di fine che pervade la seconda parte de I motivi
persiani.
Da questo punto la fiaba della Persia comincia a
rivelarsi sempre più un’illusione: è quindi tempo di
tornare a casa, in Russia:
В Хорассане есть такие двери,
Где обсыпан розами порог.
Там живет задумчивая пери [. . . ]
Ни к чему в любви моей отвага.
Это пела даже Шахразада, —
Так вторично скажет листьев медь.
Тех, которым ничего не надо,
Только можно в мире пожалеть46 .
Il cambio di atmosfera è palpabile: la quieta serenità dei primi componimenti del ciclo cede il passo
a una vaga inquietudine. E poco importa che gli
oleandri e le violaciocche profumino, e l’atmosfera
sia azzurra e carezzevole, qualcosa si è spezzato:
Baghdad, che un tempo vide la magia de Le mille e
una notte, è lontana e inaccessibile, mentre il giardino in cui Shahrazad narrava le sue storie è desolatamente vuoto e silenzioso. Gli antichi demoni di
46
Idem, Sobranie, op. cit., I, pp. 286-287, “È bello vagare in mezzo alla pace / Di un paese azzurro e carezzevole. / Lontano – più
lontano c’è Bagdad, / Dove visse e cantò Sheherazad. / Ma ora di
niente ella ha bisogno. / Il giardino risonante non canta più. / Fantasmi lontani della terra / Si sono coperti con l’erba del cimitero. /
Tu, viandante, non ascoltare i morti, / Non chinare la tua testa sulle
lapidi. / Guarda com’è bello: / Le labbra cercano, cercano le rose.
[. . . ] / Se dobbiamo vivere – si vive, se innamorarci – amiamo. /
Nell’oro lunare bacia e passeggia, / E se vuoi adora i morti, / Ma
non avvelenare i vivi con quel sogno. / Questo l’ha cantato persino
Sheherazad, – / Così lo dirà un’altra volta il rame delle foglie. / Di
quelli che non hanno bisogno di nulla, / Al mondo si può avere solo
pietà”, Idem, Poesie, op. cit., p. 251.
И зачем? Кому мне песни петь?
Если стала неревнивой Шага,
Коль дверей не смог я отпереть,
Ни к чему в любви моей отвага.
Мне пора обратно ехать в Русь.
Персия! Тебя ли покидаю?
Навсегда ль с тобою расстаюсь [...]
До свиданья, пери, до свиданья,
Пусть не смог я двери отпереть,
Ты дала красивое страданье,
Про тебя на родине мне петь.
До свиданья, пери, до свиданья47.
Le porte che sono rimaste chiuse sono soprattutto quelle dei cuori delle persiane: la perì, che ha fatto così soffrire Esenin, assurge a simbolo delle don47
Idem, Sobranie, op. cit., I, pp. 288-289; “Nel Khorasan vi sono tali
porte / Le cui soglie sono cosparse da rose. / Là vive una assorta
Peri [. . . ] Nelle mie mani c’è sufficiente forza, / Ma le porte non ho
potuto aprirle. / A che serve il mio coraggio in amore – / E perché?
A chi devo cantare canzoni? – Se Šaga è diventata non gelosa, /
Se io non ho potuto aprire le porte, / Non serve il mio coraggio in
amore. / È per me tempo di tornare nella Rus’ / Persia! Forse che
ti abbandono? / Mi separerò per sempre da te [...] Arrivederci, Perì,
arrivederci, / Anche se non ho saputo aprire le porte, / Tu mi hai
dato una bellissima sofferenza, / Di te canterò nella mia patria. /
Arrivederci, Perì, arrivederci”, Idem, Poesie, op. cit., p. 253.
D. Franzoni, Laggiù, nel lontano Oriente. . . I motivi persiani di Sergej Esenin
ne che hanno illuso il poeta di aver finalmente trovato l’amore vero. Il disinganno è tale che in Glupoe
serdce, ne bejsja! [Stupido cuore, non battere!]
Esenin grida:
Глупое сердце, не бейся!
Все мы обмануты счастьем [...]
Многие видел я страны,
Счастья искал повсюду,
Только удел желанный
Больше искать не буду48.
L’atmosfera delle liriche che chiudono I motivi
persiani, e che accompagna il lettore verso la conclusione del “viaggio”, è un crescendo di espressioni di commosso commiato, che si mescolano all’amarezza per aver ceduto all’ennesima illusione di
felicità.
Il materiale de I motivi persiani è costruito da
quell’Oriente islamico sfocato e a tratti totalmente immaginario che per secoli ha suggestionato la
fantasia dei popoli cristiani. A riconferma di questo fatto si può citare la vaghezza geografica e culturale della Persia eseniniana, nella quale, in una
summa visionaria, aspaziale e atemporale convivono elementi ottomani, arabi e persiani. Questa
commistione viene confermata anche da Rojzman:
“Немало он прочитал и других переводов с персидского, арабского, немало говорил со знатоками Персии, прежде чем создать свой лирический
шедевр: ‘Персидские мотивы’”49 . Esenin, infatti,
www.esamizdat.it
affiancava, come se appartenessero a un’unica civiltà, il Bosforo, terra ottomana per eccellenza, Baghdad, spesso a cavallo fra i due imperi, ma che
ospitò Le mille e una notte e per sua essenza araba, Teheran, uno dei simboli dello splendore persiano. In realtà, non solo Ottomani e Persiani appartennero storicamente a due civiltà profondamente differenti che sovente si guardavano con malcelata ostilità, ma giunsero ad affrontarsi in scontri
epicamente tragici come nella celebre la battaglia
di Chaldiran50 . D’altra parte Esenin cantava una
Persia perduta, quasi mitica, che ormai risiedeva
in quella dimensione temporale che Michail Bachtin definì, riprendendo la terminologia di Goethe e
Schiller riguardo all’epica, “passato assoluto”, ossia un’epoca storica inaccessibile per eccellenza51 .
In fondo Khayyam, Firdusì e Saadì erano già morti
da un migliaio di anni.
La raccolta nacque in anni (1924-25) durante i
quali “l’opera di Esenin si distingueva chiaramente
per la sua umanità. La sua poesia penetrava negli
strati più profondi della psicologia, le erano accessibili i sentimenti e i pensieri più reconditi”52 . E, probabilmente, la forza più grande de I motivi persiani consiste proprio in questo: l’abbandono da parte
di Esenin delle pose bohémien, gli atteggiamenti
tracotanti e provocatori, per ritornare a confrontarsi
coi sentimenti più sinceri e autentici.
Daniele Franzoni, “Laggiù, nel lontano Oriente. . . I motivi persiani di Sergej Esenin”, eSamizdat,  (XI), pp. -
50
48

Idem, Sobranie, op. cit., I, p. 299; “Stupido cuore, non battere!
/ Noi tutti siamo stati ingannati dalla felicità [. . . ] / Ho veduto
molti paesi / Dovunque ho cercato la felicità, / Solo che la sorte
desiderata / Non mi metterò più a cercare”, Idem Esenin, Poesie,
op. cit., p. 263.
49
“Lesse molte traduzioni dal persiano e dall’arabo, e parlò a lungo
con gli esperti di Persia prima di scrivere il suo capolavoro lirico: I
motivi persiani”, M.D. Rojzman, Vse, čto pomnju o Esenine, op.
cit.
La battaglia di Chaldiran, che ebbe luogo il 23 agosto 1514, vide
fronteggiarsi le truppe dello scià Ismail I e del sultano ottomano
Selim I. I suoi esiti furono gravidi di conseguenze per entrambi gli
imperi. Infatti, sebbene le sorti dello scontro arrisero agli Ottomani
(più equipaggiati e numerosi), la sua violenza bloccò le loro mire
espansionistiche verso la Persia. Il confine fissato in seguito alla battaglia è tutt’oggi la frontiera fra Turchia e Iran. Ciò fece sì
che Tabriz, città di lingua e cultura azera ma capitale dell’Impero
persiano, si venisse a trovare troppo vicino al confine e cedesse il
suo ruolo prima a Qazvin e poi a Isfahan. Gli eventi di Chaldiran
indussero lo scià Ismail, che a seguito della sconfitta era caduto
in uno stato di profonda depressione, a imporre l’uso del persiano come lingua dell’impero. Inoltre la dinastia safavide abbandonò
lo sciismo duodecimano, obbligando la maggioranza sunnita della
popolazione a convertirsi allo sciismo imamita, mettendo a morte
chi si rifiutò di accettare la nuova fede.
51
Si veda M.M. Bachtin, Epos i roman. O metodologii issledovanija romana. Voprosy literatury i estetiki, Moskva
1975.
52
P.F. Jušin, Sergej Esenin, op. cit., p. 332.
L’immagine della Toscana nell’odeporica serba tra Ottocento e
Novecento: natura, arte e letteratura
Zorana Kovačević
♦ eSamizdat  (XI), pp. - ♦
1. V IAGGIATORI
SERBI IN
TOSCANA :
UN
PREAMBOLO
GIUDICARE dai diari, dalle lettere e dalla
pubblicistica riguardante il tema del viaggio,
città come Napoli, Roma e Venezia confermano la
loro prevedibile centralità nella mappa degli itinerari
italiani dei viaggiatori serbi. Ma, a uno sguardo più
ravvicinato, si nota anche un particolare interesse
per le città toscane, in grado di attirare l’attenzione
sia per motivi turistici che culturali. Nell’odeporica
serba la Toscana è comunemente associata a Miloš
Crnjanski1 e al suo libro Ljubav u Toskani [L’amore in Toscana, 1930], mentre altri contributi dedicati
a questa regione sono pressoché sconosciuti2 , fatta
eccezione per le lettere di Ljubomir Nenadović3 .
Nella cultura serba il rapporto con la Toscana inizia nella seconda metà dell’Ottocento, come del re-
A
1
M. Crnjanski (1893-1977) è, insieme a I. Andrić (1892-1975), il
più noto scrittore serbo moderno. Durante la sua vita ha risentito delle inquietudini e degli avvenimenti che hanno segnato il XX
secolo. Si può dire che la stessa biografia di Crnjanski abbia condizionato la sua concezione del libro di viaggio: osservando i suoi
pellegrinaggi, si nota subito che l’allontanamento dalla patria è una
costante. La migrazione da Csongrád a Timisoara, gli studi a Fiume e a Vienna, il soggiorno a Belgrado, la guerra in Galizia, dopo la
quale Crnjanski intraprende un viaggio in quasi tutta Europa, sono
solo alcuni momenti di questa ricca mappa personale. Il suo desiderio di viaggio si spegnerà nell’esilio di Londra, ultima tappa dei
suoi vagabondaggi.
2
Uno degli scopi di questo contributo è far conoscere, anche se sommariamente, testimonianze odeporiche di alcuni autori “minori” e
poco conosciuti ai lettori e alla critica.
3
Lj. Nenadović, Pisma iz Italije, Beograd 1946 (trad. it. Lettere
dall’Italia, a cura di F. Trogrančić, Roma 1958). Nel 1868 appare
a Belgrado il primo grande libro di viaggio della letteratura serba
dedicato all’Italia, Pisma iz Italije, di Lj. Nenadović (1826-1895),
letterato, intellettuale e politico, ma anche viaggiatore appassionato, molto attento a serbare memoria delle proprie esperienze nelle
sue opere. Il libro è composto da diciotto lettere rivolte a un destinatario sconosciuto, scritte tra marzo e maggio del 1851 da Napoli,
Roma, Livorno e Firenze. Alcune inesattezze presenti nell’edizione
di Trogrančić saranno direttamente corrette tra parentesi quadre.
sto avviene anche nella cultura russa4 . Questo interesse è senz’altro veicolato in particolare dalle testimonianze di autori inglesi e francesi che, amanti dell’Italia, favoriscono la scoperta della Toscana5 ,
ma anche perché Nenadović, che può essere considerato un pioniere del dialogo serbo-italiano, racconta le proprie impressioni fiorentine nel fondamentale Pisma iz Italije [Lettere dall’Italia, 1868].
Tuttavia, sul finire dell’Ottocento lasciano traccia
dei loro soggiorni toscani appena altri due viaggiatori6 . Sarà solo nel corso del Novecento che, dopo
un inizio in sordina, la fortuna della Toscana si affermerà definitivamente nell’odeporica serba, grazie
a un intenso flusso di viaggiatori, tra i quali spiccano alcuni dei nomi più illustri del panorama letterario, come Crnjanski o Desanka Maksimović. Nei
primi anni del Novecento, lo studioso russo I.M.
Grevs, che, appassionato di cultura fiorentina, ha
dato un notevole contributo alla valorizzazione di
Firenze e della Toscana in generale nel proprio pae4
Si veda P. Deotto, In viaggio per realizzare un sogno. L’Italia e
il testo italiano nella cultura russa, Trieste 2002, p. 120.
5
Si pensi soprattutto a J. Ruskin e a Stendhal.
6
Si pensi a ð. Dera, Uspomene iz Italije, I-II, Novi Sad 1891-1892
e M. Car, “Kroz Umbriju i Toskanu. Bilješke i utisci s puta”, Delo,
1896, 6, pp. 9-19. ðorñe Dera (1844-1917), insegnante, letterato, uomo di cultura, l’unico tra i viaggiatori dell’epoca che nelle sue
descrizioni offre un primo ritratto complesso del Belpaese, e il primo che lo attraversa quasi per intero da Venezia a Napoli. Le sue
impressioni italiane sono raccolte in due volumi intitolati Uspomene iz Italije (1891-1892), frutto di cinque lunghi viaggi compiuti
nell’arco di vent’anni. Tra le descrizioni italiane di Dera, spesso
monotone e fin troppo particolareggiate, trovano posto anche quelle dedicate a Firenze e Pisa. Attratto da Firenze è anche Marko Car
(1859-1953), scrittore, saggista e critico letterario, grande ammiratore della letteratura e della cultura italiana tanto da considerare
l’Italia come la sua seconda patria. Nel testo pubblicato a puntate
in Delo, Kroz Umbriju i Toskanu. Bilješke i utisci s puta [Attraverso l’Umbria e la Toscana. Appunti e impressioni di viaggio,
1895], le descrizioni della città toscana sono coinvolgenti e lontane
dallo stile baedekeriano tipico di Dera.

eSamizdat 2016 (XI)
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
se, spiegherà quali sono secondo lui i motivi della anche per paragonare l’Italia e gli italiani al proprio
fortuna di questa regione:
paese e al proprio popolo. Infine, come si vedrà più
Le memorie storiche, il gusto innato dei suoi abitanti, la terra avanti, c’è qualcuno che, preso da un costante diafertile, l’abbondanza di fiumi e ruscelli, il clima meraviglioso, i
logo con se stesso, compie un viaggio immaginacontorni eleganti del suo territorio, i colori tenui delle montagne e della vegetazione fanno della Toscana centrale l’angolo rio in Toscana, viaggio che diventa un pretesto per
più affascinante della terra7 .
parlare dei propri sentimenti.
Per quanto riguarda l’itinerario toscano dei viag2. F IRENZE : DA LUOGO PARADISIACO A
giatori serbi, al primo posto troviamo senz’altro FiSCONTRO TRA L ’ ANTICO E IL MODERNO
renze, seguita da Pisa e Siena, che diventano col
tempo tappe irrinunciabili; una certa attenzione è
riservata inoltre a Pistoia, Fiesole, Lucca, Prato e
San Gimignano8 . Anche se la maggior parte dei testi di cui ci occuperemo sono scritti da letterati, non
mancano contributi di storici, intellettuali, studiosi
d’arte, giornalisti, medici, politici e diplomatici. A
questa grande varietà sociale dei viaggiatori si deve aggiungere anche la diversità dei generi letterari
adottati di volta in volta: si va dall’articolo breve di
giornale alle memorie di viaggio, dalle lettere sparse
al volume monografico. Il carattere di questi scritti
è altrettanto vario: a volte poetico, narrativo o anche riflessivo, altre volte solo informativo. Gli autori vi hanno utilizzato diversi approcci metodologici:
l’osservazione, l’analisi, la descrizione, oppure l’impressione lirica. I viaggiatori serbi si muovono animati da diversi sentimenti: molti, spinti dal desiderio appassionato di conoscere meglio questa regione dal punto di vista storico e culturale, parlano dei
monumenti e dell’arte; altri, presi dalle bellezze della natura, decidono di soffermare lo sguardo sull’architettura e l’estetica delle città toscane oppure sui
paesaggi che le circondano; altri ancora viaggiano
non solo per parlare dell’incontro con l’“altro”, ma
Iniziamo dunque da Firenze che, per i nostri
viaggiatori, rappresenta una sintesi ideale tra la civiltà storico-artistica e la bellezza del paesaggio.
Se a Roma si subisce il fascino del classico, qui si
sosta a lungo per ammirare le creazioni raffinate del
genio umano, conservate nei musei e nelle splendide gallerie, e visibili nelle pitture e nelle sculture
che si trovano nelle numerose chiese e nei palazzi.
Il Duomo, Palazzo Vecchio, la Galleria degli Uffizi, Palazzo Pitti, le chiese di Santa Maria Novella e Santa Croce, nella maggior parte delle memorie odeporiche sono tappe d’obbligo per i visitatori. Attraverso queste, essi percepiscono la città come “obilato i skoro neiscrpivo vrelo najvećeg estetskog uživanja”9 , nelle parole di ð. Dera. Fra i visitatori stranieri che hanno descritto Firenze quale
gemma artistica del Belpaese, G. de Maupassant,
contemporaneo di Dera, nel libro di viaggio La vie
errante (1890) è riuscito a cogliere perfettamente il
sentimento che pervade chiunque si trovi davanti a
queste meraviglie :
Quand on se promène non seulement dans cette ville unique,
mais dans tout ce pays, la Toscane, où les hommes de la Renaissance ont jeté des chefs-d’œuvre à pleines mains, on se demande avec stupeur ce que fut l’âme exaltée et féconde, ivre de
beauté, follement créatrice, de ces générations secouées par un
délire artiste10 .
7
Sono parole di I.M. Grevs, citato in P. Deotto, In viaggio, op. cit.,
p. 127.
8
Pistoia è scoperta solo negli anni Settanta del Novecento da D.
Maksimović, che vi soggiorna per uno scambio con la città di
Kruševac. Oltre che dal patrimonio culturale e artistico pistoiese,
la scrittrice è colpita dalla gentilezza dei cittadini. Draga Fiezole
[Cara Fiesole] è il titolo che O. Palić, intellettuale e medico, dà a
una sezione del libro Slike sa mog puta po Italiji [Immagini del
mio viaggio italiano, 1939], dalla quale emerge una descrizione del
luogo che richiama quella di H. Hesse in Vedere l’Italia, frutto del
viaggio avvenuto nelle primavere del 1901 e 1903. A Lucca arrivano O. Palić e T. Kulenović. Più interessanti sono le impressioni della prima, innamorata dell’arte pisana, di cui trova tracce anche a Lucca. Invece, l’ultima tappa toscana di M. Crnjanski è San
Gimignano, che risveglia il ricordo della propria terra, semplice e
modesta, proprio come questa cittadina.
Ma oltre a quello dell’arte, come si è detto, c’è anche l’appagamento che deriva da una natura particolarmente lussureggiante. Di questa perfetta simbiosi parla con entusiasmo ancora Dera: “Blago
Fiorentincima, kojima je dano, da se mogu naizmenice naslañivati u dražima umetnosti i prirode, koje
9
“abbondante e quasi inesauribile fonte del massimo godimento
estetico”, ð. Dera, Uspomene, II, op. cit., p. 41.
10
G. de Maupassant, La vie errante, Paris 1890, p. 56.
Z. Kovačević, L’immagine della Toscana nell’odeporica serba tra Ottocento e Novecento: natura, arte e letteratura
im se tako obilato pružaju u neposrednoj blizini!”11 ,
esempio di come diventi quasi impossibile parlare
di Firenze senza menzionare la meravigliosa cornice in cui è racchiusa. Agli occhi del cittadino serbo, abituato a un clima meno mite, la città toscana
insieme ai suoi dintorni si rivela come un microcosmo armonico. Il colore verde che ne richiama le
bellezze diventa, non di rado, l’emblema del dolce
paesaggio toscano. Lo vediamo anche nell’opera di
Nenadović, che descrive così i dintorni di Firenze:
Kuda god smo prošli, videli smo same bašte, parkove i na
sve strane neizbrojne letnje palate, u kojima živi toskanska
aristokratija i bogati stranci. Svi breščići pokriveni su zelenom
šumom, no te šume same su maslinke, pomorandže, smokve,
kestenovi i drugo voće. Ovde nema mrazeva12 .
Per quanto riguarda la città stessa, per alcuni
viaggiatori dell’Ottocento, ma anche per quelli successivi, punto di riferimento diventa il Giardino di
Boboli, tanto amato anche da H. Hesse13 .
All’interno del discorso sul paesaggio e sulla natura si colloca la visione di Firenze come città dei
fiori, particolarmente presente negli scritti dei viaggiatori russi14 . Alla fine dell’Ottocento, ad esempio, S. Vasil’ev nelle sue lettere fiorentine descrive
così lo spettacolo: “Non crediate che l’epiteto città dei fiori rimandi a qualcosa di allegorico. Firenze
è letteralmente inondata di fiori. Si vedono ovunque, a ogni piè sospinto, a ogni angolo, a ogni portone”15 . Un’idea simile ricorre nelle pagine di Ne11
“Beati i fiorentini che possono alternare in continuazione due godimenti: quello dell’arte e quello della natura che gli si offre nelle
vicinanze!”, ð. Dera, Uspomene, II, op. cit., p. 42.
12
“Dovunque passammo, giardini, parchi, in ogni dove innumerevoli
ville in cui vivono l’aristocrazia toscana e i ricchi stranieri. Le
collinette sono coperte [da un] verde bosco, ma [è] un bosco di olivi,
di aranci, di fichi, di castagni, di alberi [da frutto]. Gelate non ve ne
sono [mai]”, Lj. Nenadović, Lettere, op. cit., p. 130 (per l’originale
si veda Idem, Pisma, op. cit., pp. 158-159).
13
Si pensi soprattutto a ð. Dera e a D. Maksimović, entrambi affascinati da questo luogo. Anche H. Hesse parla con entusiasmo dei
pomeriggi indimenticabili trascorsi in ozio nel Giardino di Boboli. Lo scrittore ammette: “Della visita di qualche celebre chiesa o
perfino di intere città viste in fretta, conservo solo un vago ricordo
sbiadito, mentre spero di non dimenticarmi mai delle ore passate
nel Giardino di Boboli”, H. Hesse, Vedere l’Italia, Parma 1995, p.
39.
14
“Florentia, con questo nome, prescelto dai romani all’atto della
fondazione come auspicio di un fiorente destino, viene designata
in russo l’antica città toscana sorta sulle rive dell’Arno. Un appellativo che suggerisce ai viaggiatori russi l’associazione suggestiva
di città dei fiori”, P. Deotto, In viaggio, op. cit., p. 117.
15
S. Vasil’ev cit. in Ivi, p. 117.

nadović, che vede la città come “lepa i okićena nevesta u kolu”16 , immagine che, nel tardo Novecento, viene ripresa dalla viaggiatrice serba D. Maksimović in uno dei testi dedicati a Firenze, intitolato
appunto Praznik cveća u Firenci [La festa dei fiori
a Firenze, 1972]17, in cui si propone un interessante
e originale parallelo tra i colori dei fiori fiorentini e
quelli dei quadri di Luca della Robbia: “Italijansko
sunce čuva tajnu kako ‘meša’ boje u tom cveću, kao
što je Robija čuva tajnu svojih boja”18 .
Nel Novecento i viaggiatori serbi confermano ancora una volta che i capolavori artistici nelle gallerie
e nei musei fiorentini, qui, più che in qualunque altro luogo d’Italia, richiamano un principio di perfezione e danno l’idea di trovarsi in un universo ideale,
lontano dal quotidiano e dalla banalità. Ad esempio
Rade Zaklanović, giornalista che viaggia in Italia
nel 1928 e consegna le sue impressioni fiorentine
e romane alla rivista Reč, scrive: “Doći ma samo
prolazno u Fiorenciju, zadržati se u njoj nekoliko
dana, proći kroz sve galerije, muzeje, palate, crkve
– čovek se čisto preporaña”19 .
Nel Novecento, però, quest’immagine di Firenze subisce una trasformazione: se da una parte la
percezione della città come spazio artistico unico
rimane invariata, dall’altra i testi di questo periodo propongono anche una severa critica agli aspetti moderni della città. Ad esempio, nell’opera del
già menzionato Zaklanović si avverte uno sgradito
sentimento di sorpresa davanti al progresso e alla
modernità, visti come ostacolo alla fruizione dell’u16
“una bella e ornata sposa mentre danza”, Lj. Nenadović, Lettere,
op. cit., p. 127 (per l’originale si veda Idem, Pisma, op. cit., p.
155).
17
D. Maksimović (1898-1993), poetessa e narratrice, si reca in Italia
negli anni Settanta del Novecento condividendo le sue impressioni
nella raccolta di testi brevi di viaggio U Italiji zemlji nadahnuća
[In Italia, terra dell’ispirazione, 1972]. Ciò che caratterizza l’odeporica serba dalla fine degli anni Trenta del XX secolo è un notevole
incremento delle viaggiatrici: O. Palić, O. Moskovljević, D. Maksimović e N. Marinković danno un timbro personale alla tradizione
del viaggio in Italia.
18
“Similmente a della Robbia, che nascondeva il segreto dei suoi colori, nemmeno il sole italiano vuole svelare in che modo mescola i
colori di questi fiori”, D. Maksimović, U Italiji zemlji nadahnuća,
Beograd 1972, pp. 214-215.
19
“Visitando Firenze, anche solo di passaggio, fermandovisi un paio di giorni, visitando tutte le gallerie, i musei, i palazzi, le chiese
– l’uomo rinasce veramente”, R. Zaklanović, “Sa puta po Italiji.
Fiorenca I”, Reč, 1928, 1150, p. 7.

eSamizdat 2016 (XI)
niverso rinascimentale. Così ancora Todor Manojlović20 , grande conoscitore dell’Italia e della cultura italiana, in Moje uspomene iz futurističke Firence [I miei ricordi della Firenze futurista, 1931]
testimonia del suo viaggio alla vigilia della prima
guerra mondiale, quando, al posto di “neku čudesno sačuvanu, dragocenu mijaturu iz Srednjeg Veka”21 , gli si presenta una Firenze completamente
diversa: “jednu modernu varoš sa tramvajima, automobilima, barovima i kafanama, u kojima nije bilo
ni traga od trečenta, guelfa i gibelina”22 . P. Deotto
evidenzia che la discrepanza tra la realtà quotidiana
e l’immagine culturale di Firenze è vissuta tragicamente anche dai viaggiatori russi all’inizio del XX
secolo, come testimoniano le invettive che il poeta Blok, in alcune poesie e in una lettera alla madre del 1909, scaglia contro la città, accusandola di
tradimento per aver rinunciato, in nome del volgare progresso, a conservare il proprio ruolo estetico e
culturale23 :
La percezione di Firenze come spazio artistico per eccellenza
si impone così radicalmente nella coscienza russa da indurre a
rifiutare con fastidio e irritazione qualsiasi elemento della vita
quotidiana che ne minacci l’integrità24.
Nel Novecento svaniscono dunque anche tutti gli
epiteti lusinghieri con cui Nenadović e Dera avevano tratteggiato i cittadini di Firenze nel secolo precedente25 . Il fiorentino non è più raffinato, elegante
20
T. Manojlović (1883-1968), grande sostenitore e conoscitore della
cultura e soprattutto dell’arte italiana, lasciò solo tre brevi scritti sui
suoi viaggi in Italia: Jesenje veče u Asiziu [Una sera autunnale ad
Assisi] apparso nel 1930 sulla rivista “Vreme”, Moje uspomene iz
futurističke Firence [I miei ricordi della Firenze futurista] uscito
nel 1931 sulla stessa rivista e Leto 1913 u Rimu [L’estate del 1913
a Roma] del 1966. Qui Manojlović guarda il Paese attraverso la sua
lente preferita, quella dello storico dell’arte e del letterato.
21
“una miniatura ben conservata, che risale al Medioevo”, T. Manijlović, “Moje uspomene iz futurističke Firence”, Vreme, 1931, 3243,
p. 7.
22
“un borgo moderno con i tram, le automobili, i bar e i pub nei quali
non c’è nemmeno una traccia del Trecento né di guelfi e ghibellini”,
Ibidem.
23
Si veda P. Deotto, In viaggio, op. cit., p. 119.
24
Ibidem.
25
Scrive Nenadović a proposito dei fiorentini: “Stanovnici Florenca
dobri su i prijatni. Na svakom licu vidiš veselje i zadovoljstvo. Čini ti se da je svaki dan neka narodna svetkovina”, Lj. Nenadović,
Pisma, op. cit., p. 155 [“Gli abitanti sono buoni e gentili. Su ogni
viso vedi la gioia e la contentezza. Ti sembra che ogni giorno si
celebri la festa nazionale”, Lj. Nenadović, Lettere, op. cit., p. 128].
Tale immagine del fiorentino ricorre anche nelle impressioni di Dera: “Stranca koji prvi put doñe u Fiorenciju, prijatno će iznenaditi
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
e mite, né il suo carattere ispira quell’armonia tipica
della sua terra nativa, che ora si è trasformata nel
caos onnipresente sulle strade, “koje vrve automobilima, tramvajima, bezbrojnim biciklima i čezama,
bez reda, bez veze, bez discipline”26 ; ma prima di
tutto egli è un abile mercante, che vende l’arte ai
ricchi turisti inglesi e americani. Un atteggiamento
simile nei confronti del turismo di massa lo condivide anche lo scrittore croato A.G. Matoš27 nel resoconto di viaggio realizzato nel 1911 Pod Florentinskim šeširom [Sotto il cappello fiorentino], rivolgendo una severa critica alla folla di inglesi e americani che fanno diventare Firenze un grande albergo, ma anche ai fiorentini stessi, che spalancano le
porte ai ricchi turisti28 .
3. Ljubav u Toskani DI M. C RNJANSKI : UN
RITRATTO INCONSUETO DELLA T OSCANA
Il massimo traguardo dell’odeporica serba tra le
due guerre è raggiunto dalla produzione di M. Crnjanski, perennemente in viaggio, nel cui vasto corpus il tema dell’Italia entra come tassello fondamentale sin dalla produzione giovanile. Crnjanski
percorse diverse volte la Penisola ma per lo più visse a Roma, lavorando presso l’ambasciata jugoslava29 . Il suo primo soggiorno italiano degno di nota, che ha lasciato un’impronta incancellabile nella letteratura serba tra le due guerre, risale al 1921,
quando si reca in Toscana: descriverà tale esperienza nel libro Ljubav u Toskani. Nel 1920 Crnjanski, ormai figura di spicco dell’avanguardia letteraria serba, decide di mettersi in viaggio per ritrovare
finoća, uglañenost i pitomost njenih stanovnika” [Lo straniero che
capita per la prima volta a Firenze sarà colpito particolarmente dal
comportamento gentile dei suoi abitanti, educati e miti], ð. Dera,
Uspomene, II, op. cit., p. 4.
26
“sempre piene di troppe macchine, di tram, di biciclette e carri,
senza ordine, senza alcuna disciplina”, R. Zaklanović, “Sa puta”,
op. cit, p. 7.
27
Per maggiori dettagli rimando a M. Mitrović, “L’immagine dell’Italia in Antun Gustav Matoš”, L’Italia vista dagli altri, a cura di
R. Russi, Firenze 2010, pp. 21-34.
28
Si veda A.G. Matoš, Pod Florentinskim šeširom, Putopisi,
Zagreb 1976, p. 196.
29
Dal maggio 1938 al maggio 1941 Crnjanski, fu inviato a Roma
come corrispondente dell’ambasciata jugoslava. Del suo più lungo soggiorno italiano, pieno di numerosi avvenimenti, lo scrittore lascerà testimonianza venticinque anni dopo, alla fine dell’esilio
londinese, pubblicando Kod Hiperborejaca [Presso gli Iperborei,
1966].
Z. Kovačević, L’immagine della Toscana nell’odeporica serba tra Ottocento e Novecento: natura, arte e letteratura
pace e tranquillità dopo l’angoscia provata durante
la grande guerra30 . Se nelle descrizioni riguardanti
le principali città europee lo scrittore è ancora condizionato dalle immagini della guerra, sarà proprio
la Toscana a trasformarsi in un rifugio ideale, come nota giustamente M. Mitrović: “Il testo scritto
da Crnjanski sul viaggio in Toscana non è altro che
l’immagine dei sentimenti interiori dell’autore, e il
viaggio stesso, insieme all’atto della scrittura, è una
specie di terapia”31 . Infatti, se si legge attentamente l’inizio del libro, si nota che Crnjanski fin dall’arrivo in Toscana subisce una sorta di trasformazione
fisica che si accompagna a quella spirituale: il peso
del passato sparisce, e così egli può continuare “lak
i providan”32 . Questo stato d’animo si rispecchia
anche nella scrittura, che in sintonia con il viaggiatore diventa più assimilabile alla poesia lirica che
alla prosa di viaggio.
Una forte predominanza dell’io sumatraistico33
30
Dopo Vienna e Monaco di Baviera, sempre nel 1920 incontriamo
Crnjanski nei musei e soprattutto nelle biblioteche della capitale francese, meta simbolica per la sua generazione, dove studiava
appassionatamente l’arte orientale. Desideroso di orizzonti nuovi,
nella lettera del 23 aprile 1921 indirizzata all’amico I. Andrić, Crnjanski rivela l’intenzione di fermarsi in Italia al suo ritorno da Parigi.
Rimane dunque in Toscana fino all’inizio di luglio, quando parte da
Ancona via mare per ritornare in patria, pubblicando poco dopo le
sue impressioni di viaggio sulle riviste Srpski književni glasnik, dal
1923 al 1927, e Reč i slika, dal 1926 al 1927. Ljubav u Toskani appare solo nel 1930, proprio quando nella tradizione letteraria
serba il genere odeporico ha raggiunto il suo culmine. L’uscita del
libro era stata preceduta da una polemica burrascosa, protrattasi
sul quotidiano Vreme durante il 1929. Il fervore della discussione indica una decisa rottura dell’odeporica di questo periodo con
la tradizione precedente. Nell’acceso dibattito che si sviluppò, M.
Car, grande difensore dei canoni tradizionali, accusò Crnjanski di
aver improntato il libro a un forte soggettivismo, sostenendo che
l’esperienza di viaggio gli fosse servita solo per raccontare le avventure della sua anima, focalizzando il racconto su di sé, più che
sull’Italia. A tale proposito si veda Ž. ðurić, “Italijanska kultura u jednoj književnoj polemici”, Filološki pregled, 2002, 29, pp.
33-44.
31
M. Mitrović, “Crnjanski na Jadranu, ili o prirodi i istoriji kao
vajarima sveta”, Acqua alta, Paesaggi mediterranei nelle
letterature italiana e serba del Novecento/Mediteranski
pejzaži u modernoj srpskoj i italijanskoj književnosti, a cura
di S. Šeatović Dimitrijević, P. Lazarević Di Giacomo, M. Rita Leto,
Beograd 2013, p. 191.
32
“leggero e trasparente”, M. Crnjanski, Putopisi, Beograd 2008, p.
66.
33
“Sumatraismo” è la parola chiave della poetica di Crnjanski. Il
concetto deriva dalla poesia-manifesto di Crnjanski intitolata Sumatra, pubblicata nel 1920, alcuni mesi prima del viaggio toscano.
Lo scrittore propone un nuovo tipo di poesia, caratterizzato dalla
rarefazione del mondo reale e dei sentimenti: tutto si perde, il visi-

emerge dalle pagine scritte su Pisa. Proprio qui Crnjanski sperimenta diffusamente la sua nuova tecnica letteraria e, descrivendo la città, cerca di smaterializzarne i dati oggettivi per introdurre una forte
nota lirica che poi rimarrà come elemento distintivo
dell’intero libro. Poiché tra Ottocento e Novecento
l’immagine di Pisa nell’odeporica serba si può certamente considerare piuttosto convenzionale e in linea con le testimonianze degli altri viaggiatori stranieri nel corso dei secoli34 , per un ritratto originale
della città è necessario dunque aspettare Ljubav u
Toskani di M. Crnjanski35 .
Tuttavia, nonostante il lirismo che lo pervade,
questo libro è comunque ricco di informazioni sulla letteratura, sull’arte e sulla storia: prima della stesura, Crnjanski si è senz’altro documentato
leggendo critiche letterarie, guide turistiche, libri di
viaggio della tradizione europea e biografie dei letterati e degli artisti legati alla regione. Per esempio,
anche se nel capitolo pisano di Ljubav u Toskani
sono poche le note che riguardano la realtà e ugualmente poche sono le descrizioni dei celebri monumenti, talvolta sembra che Crnjanski parli della città rievocando alcuni dati tratti dai manuali di viaggio. A questo proposito è significativa l’osservabile diventa invisibile, il reale si trasforma in irreale, l’essere in non
essere e alla fine rimangono solo i legami segreti tra le cose che
avvicinano tutto ciò che è lontano. La coscienza di questi legami
fa ritrovare a Crnjanski la pace filosofica, l’armonia con la natura e
tutto quello che la vita e la guerra gli avevano preso. Per Crnjanski il sumatraismo è una specie di religione cosmica che nel mondo, deserto e travagliato dopo l’esperienza bellica, lega lo spirito
all’amore universale.
34
Per quanto riguarda la letteratura serba, nell’Ottocento c’è solo
una testimonianza di un viaggio a Pisa. Si tratta di ð. Dera, che
vi arriva dopo aver sostato a Genova e alla Spezia. In Dera, come
in tutti gli altri viaggiatori stranieri che descrivono Pisa, convivono
due aspetti: lo scrittore descrive una città tranquilla e malinconica
che richiama la morte, ma arricchisce in seguito questa immagine
con lunghe descrizioni riguardanti il fascino artistico di Pisa (basti
pensare per esempio a H. James o a H. Taine). Nel Novecento O.
Palić propone una lettura interessante della città in chiave artistica,
sottolineando ancora una volta la meraviglia che suscita e la grande
fama che la accompagna.
35
Per un equivalente a questa visione della città si potrebbe forse pensare ad A. Camus, che percepisce Pisa in perfetta sintonia con il
proprio stato d’animo. Nel 1937 lo scrittore e filosofo francese compì un viaggio in Italia, appena sufficiente per farsi un’idea della Liguria, di Pisa, Firenze e Fiesole. Ne rimane traccia nei Carnets,
divisi in tre volumi, in cui sono annotate alcune rapide impressioni,
riprese e ampliate successivamente con considerazioni più generali
sull’arte italiana nella raccolta di saggi brevi Noces del 1938.

eSamizdat 2016 (XI)
zione di Ž. ðurić, che vede nel libro dello storico
dell’arte francese E. Müntz Florence et la Toscane [Firenze e la Toscana, 1897] una possibile fonte
dello scrittore36 . La tendenza dell’autore a inserire all’interno del tessuto lirico una notevole componente storica e cronachistica emerge soprattutto nel capitolo dedicato a Siena, altra tappa fondamentale del grand tour o del viaggio in Italia37 . Durante il suo itinerario apparentemente distratto per
la Toscana, Crnjanski, più che da qualunque altra
città, è attratto da Siena, a cui dedica un capitolo
che occupa quasi metà del libro. Alcuni passaggi, contenuti nel capitolo intitolato Sijena [Siena],
possono essere letti quasi come autentici saggi critici, dedicati a poeti e artisti italiani del medioevo:
oltre a Santa Caterina da Siena e al Sodoma, che
esercitano un grande fascino sull’autore, incontriamo anche un altro esponente della cultura senese,
Cecco Angiolieri, il più rappresentativo di quei poeti
detti “giocosi” o “comico-realistici” che fiorirono in
Toscana tra la seconda metà del Duecento e l’inizio
del Trecento:
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
tore antropomorfizza la città attribuendole i tratti peculiari del carattere dei senesi: popolo matto,
passionale, libidinoso e carico di una forte dimensione carnale, come nel caso di Santa Caterina da
Siena. L’immagine più suggestiva della città antropomorfa viene offerta al lettore verso la fine del
capitolo: “Pred polazak iz Sijene, ona mi još jednom otvori svoje ružičasto, delirično meso i svoju
padavičavu i goruću dušu, ogrnutu crno belim plaštom. U biću svoje čuvene i poznate svetiteljke, svete Katarine Sijenske”39 . La tendenza di Crnjanski40
a mettere in relazione il carattere di un popolo con le
caratteristiche geografiche, storiche e culturali della sua terra (espediente che ritroviamo anche nelle
pagine su Cecco) potrebbe trarre ispirazione da un
testo del critico A. D’Ancona nel quale si affronta lo
stesso argomento:
Ora a noi Cecco apparisce, in certo modo, come un tipo della
natura senese, che in sé riproduce ed incarna certe condizioni della civiltà e della cultura di Siena sul finire del secolo XIII.
Il giudizio comune, compendiato, esagerandolo, in quel dettato
che dice tutti matti i Senesi, ce li rappresenta dotati di vivido e
balzano ingegno, di animo pronto e lieto, fortemente inclinati ai
più nobili piaceri del senso, agli spettacoli, ai sollazzi, alle giocondità della vita: facilmente mutabili e disposti a correre da un
estremo delle cose all’altro41.
Lik najstarije Sijene, one iz doba velikih pobeda i prvog
bogatstva, još sasvim srednjovekovni, jako ofarban, sačuvao
se, tužan, u sonetima njenog najvećeg liričara – strašnog
pijanaca i kockara – čuvenog Ceka Anñolijerija. Život sijenski
trinaestoga veka, grub i divalj, i sav taj grad, već u to doba
mračna ludnica, vidi se jasno u kanconama te bekrije. Kao
svi žitelji Sijene, i Čeko beše mahnito drzak, malo ćaknut,
simpatičan uostalom, i lažljiv, ali tužniji od drugih, razvratan
i gorak, i opor, kao onaj sijenski lovor što raste pod gradom,
slobodno38.
Il legame tra le pagine di Crnjanski e quelle di
D’Ancona dedicate ad Angiolieri è piuttosto forte.
Nella Nuova Antologia, periodico di lettere, scienze
e arti, fondato a Firenze da Francesco Protonotari, nel gennaio del 1874 esce un importante contributo di A. D’Ancona sulla vita e sull’opera di CecSin dall’inizio, nella percezione di Crnjanski Sieco Angiolieri intitolato Cecco Angiolieri da Siena,
na viene identificata con i propri abitanti. Lo scritpoeta umorista del secolo decimo terzo. Questo
studio critico, grazie al quale D’Ancona è riuscito a
36
Quello di Müntz è un resoconto molto lungo e infarcito di nozioni sottrarre all’oblio il poeta senese, sarà raccolto neestremamente dettagliate sui monumenti, i palazzi e le opere d’arte, una sorta di baedeker con tendenze artistiche. Per più dettagli gli Studi di critica e storia letteraria, usciti nel
si veda Ž. ðurić, Susret pesničkih svetova, Beograd 1997, pp. 1880, e ripubblicati nel 1912 con correzioni e ag141-146. Più avanti si tornerà sulle altre fonti italiane di Crnjanski,
giunte. Nella biblioteca della facoltà di Filologia di
soprattutto su quelle provenienti dall’ambito della critica letteraria.
37
Si veda A. Brilli, Viaggiatori stranieri in terra di Siena, Siena
1986, p. 9.
38
“L’aspetto della Siena più antica, quella del tempo delle grandi vittorie e della prima ricchezza, ancora totalmente medievale, ricco di
colori, si è perpetuato nei sonetti del suo più grande lirico – grandissimo ubriacone e giocatore d’azzardo – il famoso Cecco Angiolieri. La vita del Duecento senese, rozza e selvaggia, e tutta la città
di quel tempo, già un oscuro manicomio, si vede chiaramente nelle
poesie di quel beone. Come tutti i senesi anche Cecco era di una
folle sfacciataggine, un po’ matto, in fondo simpatico, anche se bugiardo, ma più triste degli altri, lascivo e amaro, aspro come quell’alloro senese che cresce libero ai piedi della città”, M. Crnjanski,
Putopisi, op. cit., pp. 116-117.
39
“Prima della partenza Siena mi aprì ancora una volta la sua carne
rosa e delirante e la sua anima ardente ed epilettica, coperta da un
mantello bianco e nero. Tutto ciò nell’essenza della sua famosa
santa, Santa Caterina da Siena”, Ivi, p. 145.
40
Questa tendenza non è una novità nell’odeporica serba. La ritroviamo anche nei testi di ð. Dera e Lj. Nenadović che ritrovano nel
popolo fiorentino il carattere dell’intera Toscana.
41
A. D’Ancona, “Cecco Angiolieri da Siena. Poeta umorista del
secolo decimo terzo”, Studi di critica e storia letteraria, Bologna
1912, p. 234.
Z. Kovačević, L’immagine della Toscana nell’odeporica serba tra Ottocento e Novecento: natura, arte e letteratura
Belgrado è custodita ancora oggi questa seconda
edizione del libro di D’Ancona, ricca di note, sottolineature e appunti dello stesso Crnjanski, che si è
servito del testo per scrivere di Angiolieri e della sua
epoca42 .
Nell’affrontare la materia poetica angiolieresca,
così ricca di sfaccettature e temi, le osservazioni
di Crnjanski ruotano principalmente attorno a due
momenti: il primo si riferisce al rapporto conflittuale
di Cecco con i genitori, mentre il secondo è legato
all’amore per Becchina, figura di popolana che ritorna spesso nei suoi componimenti. Infatti, anche
D’Ancona nota che “il tema perpetuo del Canzoniere di Cecco si potrebbe dir compendiosamente
indicato nel verso: Babbo, Becchina, l’amore e mia
madre”43 . E D’Ancona continua: “I malanni domestici, pertanto, l’amore per la Becchina e le lamentazioni sulla misera che l’affliggeva, formano le
principali categorie, nelle quali si accomodano assai
bene tutti i suoi componimenti”44 . Questo passo
è sicuramente servito come guida nell’analisi dell’opera del poeta senese, anche se Crnjanski integra e mescola le considerazioni di D’Ancona con
riflessioni proprie.
4. O fiorentinskoj Beatriči: LA Vita nuova
SECONDO M ILOŠ C RNJANSKI
Si è già visto che l’immagine di Firenze nei testi di viaggio serbi non si discosta molto da quella
presente nelle impressioni di altri viaggiatori europei. Ma se si osservano tutti i nuclei tematici nei
quali si dipana la ricezione di Firenze nell’odeporica serba, è evidente che in tale complesso manca la
passione per la figura e l’opera di Dante, che è invece un topos importante affermatosi nella produzione
42
Ž. ðurić è stato il primo a suggerire il legame tra i testi di Crnjanski
e D’Ancona. Per ulteriori approfondimenti rimando dunque a Ž.
ðurić, Susret, op. cit., pp. 151-163.
43
A. D’Ancona, “Cecco Angiolieri”, op. cit., p. 191. D’Ancona si
riferisce al sonetto numero LXXXV secondo l’ordine stabilito in C.
Angiolieri, Rime, a cura di G. Cavalli, Milano 1979. Il verso in
questione però è: “Babb’e Becchina, l’Amor e mie madre”. Per una
discussione sulle varianti in questo e altri sonetti di Angiolieri si
veda G. Marrani, “I ‘pessimi parenti’ di Cecco. Note di lettura per
due sonetti angioliereschi”, Per leggere, 2007, 27, pp. 5-22.
44
A. D’Ancona, “Cecco Angiolieri”, op. cit., pp. 191-192.

letteraria dedicata all’Italia45 da altri scrittori. Sarà
proprio Crnjanski a colmare questa lacuna offrendo
un piccolo ma piuttosto significativo tributo all’autore della Commedia. Come è caratteristico della
tecnica costruttiva di Ljubav u Toskani, Crnjanski non si limita alla semplice descrizione della città
e dei suoi itinerari, ma inserisce anche un omaggio a Dante attraverso il saggio dedicato alla protagonista della Vita nuova intitolato, appunto, O
fiorentinskoj Beatriči [Sulla Beatrice fiorentina].
Proprio a Firenze lo scrittore legge con attenzione la Vita nuova di Dante, facendo, secondo consuetudine, alcune annotazioni a margine, grazie alle quali è tra l’altro possibile affermare che egli ravvisasse alcune affinità tematiche tra il suo diario di
viaggio e il testo dantesco. Infatti, tra i libri in lingua italiana appartenenti alla biblioteca privata di
Crnjanski spicca un’edizione della Vita nuova del
1911, probabilmente uno dei suoi volumi più cari, sia per l’ammirazione verso il poeta fiorentino,
sia perché si tratta di un esemplare raro, accompagnato dalle illustrazioni di Dante Gabriele Rossetti. Come si è detto, Crnjanski amava documentarsi
studiando materiale letterario e archivistico legato
alla vita e all’opera dei personaggi che lo attraevano nel corso dei suoi viaggi italiani; anche in questo caso, dunque, nell’ideazione e nella stesura del
lavoro confluiscono una pluralità di fonti. E di nuovo O fiorentinskoj Beatriči rimanda a uno studio
di A. D’Ancona del 1865 intitolato La Beatrice di
Dante, le cui considerazioni preliminari sono servite a Crnjanski come punto di partenza e dal quale
deriva anche il tono polemico con cui egli talvolta affronta l’argomento. Per meglio comprendere
il significato di alcuni episodi, Crnjanski si è servito
anche di un’edizione critica del testo, accompagnata ancora dalle note di A. D’Ancona. Da una lettura
comparata con le pagine in cui D’Ancona interpreta Dante, risulta che lo scrittore serbo di tanto in
tanto traduce il critico italiano incorporandolo all’interno del proprio testo, a volte indicando la fonte,
altre volte no46 .
45
Basti pensare alla presenza di Dante nella letteratura russa, si veda
P. Deotto, In viaggio, op. cit., p. 122.
46
Per poter realizzare questo confronto è stato fondamentale il volume della Vita nuova commentato da D’Ancona del 1884, pub-

eSamizdat 2016 (XI)
La Vita nuova, che insieme alla Commedia ha
assicurato a Dante una posizione preminente nel
canone letterario italiano, si è sempre prestata a numerose chiavi di lettura. Tra queste possiamo collocare anche l’interpretazione di Crnjanski, la quale,
seguendo la continuità progressiva dell’intimo percorso memoriale che si snoda nella Vita nuova, ne
ripercorre tutti i momenti più importanti. Poiché lo
scrittore serbo vuole leggere e soprattutto presentare ai lettori del suo diario di viaggio il testo dantesco come un romanzo giovanile fortemente autobiografico, sin dalle prime righe egli marca la propria distanza dalle interpretazioni esclusivamente
allegorico-filosofiche dell’opera:
Dnevnik o Beatriči, Vita Nuova, sa objašnjenjem koje dade sam
Dante, pretvoren je od premnogih esejista u zbirku didaktičkofilosofskih sočinjenija i komentara. Taj mladićki, fiorentinski
roman, koji treba čitati isto kao neku novelu od Bokača,
postao je, u studijama danteista, skolastička rasprava o ljubavi i
filosofiji, van svake veze sa Fiorencom47.
Per quanto riguarda il personaggio di Beatrice, sulla scia di D’Ancona Crnjanski manifesta la
propria avversione alla lettura allegorico-filosofica:
infatti, per lui Beatrice non è altro che una “fiorentinska gospoñica, poznanica i nesuñena nevesta Durantea Aligijerija”48 . Per trovare un fondamento a questa interpretazione Crnjanski si concentra su alcuni momenti a suo avviso cruciali, in
quanto contengono il segreto dell’esistenza reale di
Beatrice. Egli, per esempio, considera importante
“una novella fiorentina” di Boccaccio come autentica testimonianza dell’esistenza della donna amata
da Dante e degli eventi realmente accaduti che in
seguito sono stati elaborati nel diario giovanile. In
realtà non si tratta di una novella, ma del Trattatello in laude di Dante nel quale lo scrittore rinviene alcuni elementi importanti per la sua teoria,
blicato a Pisa per i tipi di Nistri. Poiché Crnjanski ha viaggiato
in Toscana nel 1921, è molto probabile che egli abbia consultato
proprio questa edizione, ancora ben reperibile in quell’epoca.
47
“Il diario su Beatrice, la Vita nuova, insieme alle spiegazioni che
diede Dante stesso, da molti critici è trasformato in una serie di
scritti e commenti didattico-filosofici. Questo romanzo giovanile, fiorentino, che dovrebbe essere letto come una novella di Boccaccio, è diventato nelle critiche dei dantisti, un trattato scolastico
sull’amore e sulla filosofia, senza alcun legame con Firenze”, M.
Crnjanski, Putopisi, op. cit., p. 153.
48
“una signorina fiorentina, una conoscente di Durante Alighieri e la
sua sposa non predestinata”, Ivi, p. 173.
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
che evidenzia e sviluppa parafrasando spesso il testo di Boccaccio. La morte del padre di Beatrice
raccontata nella Vita nuova è un altro evento che
rafforza la convinzione di Crnjanski. Infine, anche il
fatto che Dante calcoli precisamente la data di morte dell’amata favorisce l’idea di rappresentare Beatrice come una donna realmente esistita. Tutto ciò
porta lo scrittore a concludere così il suo saggio:
Vita Nuova je doživljaj, dnevnik o prvoj ljubavi, savremen,
sholastičan i provansalski. Hipoteza o alegoriji je apsurdna.
Filosofija tek nije stanovala u komšiluku, kuda prolaze putnici,
hadžije? Kao i kod Omira, i ovde, treba verovati pesniku49.
5. C ONCLUSIONI
In chiusura di questo sia pur breve e sommario
percorso è comunque possibile fissare alcuni elementi che caratterizzano le esperienze toscane dei
viaggiatori serbi. In primo luogo la Toscana si presenta come un riflesso dell’ideale classico, espressione tanto di armonia quanto di bellezza sia naturale che artistica (Dera, Nenadović), ed è forse
proprio per la persistenza di una tale immagine che
l’avvento del turismo di massa viene percepito come
una dissonanza, portatrice di caos e disordine (Zaklanović, Manojlović). In generale, tuttavia, il modo in cui i nostri viaggiatori hanno vissuto, osservato e descritto questa regione nell’arco di due secoli
è per lo più quello comune a molti altri viaggiatori stranieri che li hanno preceduti o accompagnati;
si creano così interessanti percorsi che si intrecciano e si sovrappongono, fatti di riferimenti più o meno consapevoli (Dera, Palić, Manojlović). Infine, e
questo vale soprattutto per la sensibilità da scrittore
di Crnjanski, parlare della Toscana significa parlare
della sua letteratura, non solo attraverso la passione per i grandi classici come Dante, ma anche per
l’interesse, particolarmente degno di nota, rivolto a
figure come Caterina da Siena o Cecco Angiolieri.
www.esamizdat.it
Zorana Kovačević, “L’immagine della Toscana nell’odeporica serba tra
Ottocento e Novecento: natura, arte e letteratura”, eSamizdat, 
(XI), pp. -
49
“La Vita nuova è un’esperienza, il diario del primo amore, contemporaneo, scolastico e provenzale. L’ipotesi dell’allegoria è assurda.
La filosofia non dimorava sicuramente nelle vicinanze, dove passavano i viaggiatori, i pellegrini? Come nel caso di Omero anche qui
bisogna credere al poeta”, Ivi, p. 177.
Il viaggio per la Cimmeria come dimensione della vita e dell’arte:
il mito di Koktebel’ nei poeti russi del primo Novecento
Kristina Landa
♦ eSamizdat  (XI), pp. - ♦
E si vuole approfondire il ruolo che un piccolo
paesino della Crimea orientale di nome Koktebel’ ha giocato nella cultura del secolo d’argento e
di tutto il Novecento russo si può partire da quanto scrive il poeta simbolista Andrej Belyj su un altro poeta e pittore suo contemporaneo, Maksimilian
Vološin (1877-1932):
S
Поэзия – это культура природы, выявляющая в последней
новое качество. Это качество в природе, в людях природы, в
быте, отложенном ими, пребывает как бы в зародышевом состоянии. Зародыш не выявит нам аполлоновой красоты профиля взрослого человека. В поэзии Волошина, в его изумительной кисти, рождающей идею открытого им Коктебеля, во
всем быте жизни, начиная с очерка дома, с расположения
комнат, веранд, лестниц до пейзажей художника, его картин,
коллекций коктебельских камушков, окаменелостей и своеобразного подбора книг его библиотеки встает нам творчески пережитой и потому впервые к жизни культуры рожденный Коктебель. Сорок лет творческой жизни и дум в Коктебеле, дум о Коктебеле и есть культура раскрытого Коктебеля, приобщенная к вершинам западноевропейской культуры. Сам Волошин как поэт, художник кисти, мудрец, вынувший стиль своей жизни из легких очерков коктебельских гор,
плеска моря и цветистых узоров коктебельских камушков,
стоит мне в воспоминании как воплощение идеи Коктебеля.
И сама могила его, взлетевшая на вершину горы, есть как бы
расширение в космос себя преображающей личности1.
1
“La poesia è la cultura della natura, ed esalta in quest’ultima una
nuova qualità. Nella natura, nelle sue creature e nella traccia di vita quotidiana da esse lasciata, tale qualità si manifesta in uno stato quasi embrionale. Quest’embrione non ci mostrerà la bellezza
apollinea del profilo dell’uomo adulto. Nella poesia di Vološin, che
con il suo meraviglioso tocco ricrea l’immagine della Koktebel’ da
lui scoperta in ogni singolo elemento della vita quotidiana, a partire
dallo schizzo della casa, dalla disposizione delle stanze, delle verande, delle scale, passando per i paesaggi dipinti dal pittore, i suoi
quadri, le collezioni dei sassolini di Koktebel’ e di ossi pietrificati, e
arrivando infine alla particolare raccolta di libri della sua biblioteca,
sorge davanti a noi una Koktebel’ vissuta artisticamente, e dunque
rivelatasi per la prima volta nella vita della cultura. Quarant’anni
di vita artistica e riflessioni a Koktebel’, quarant’anni di pensieri su
Koktebel’: è proprio questa la cultura della Koktebel’ da lui svelata,
ricondotta alle vette della cultura occidentale. Vološin stesso come
poeta, come pittore, come uomo sapiente che ha tratto ispirazione
per il suo stile di vita dalle forme delicate dei monti di Koktebel’, dal
sussurrio del mare e dalle venature variopinte dei suoi sassolini si
Così, secondo Belyj, il valore culturale di Koktebel’ è frutto dell’opera di Vološin che trascorse tanti
anni in quel luogo e ospitò numerosi letterati sotto
il suo tetto. Seguendo l’esempio di Belyj, nel presente contributo focalizzaremo l’attenzione proprio
sulla figura di Vološin, non a caso definito da E.F.
Gollerbach “il signore di Koktebel’”2 .
In questa sede è impossibile mostrare anche solo
in parte quanto i viaggi dei poeti e artisti a Koktebel’
abbiano influito sulla cultura russa. Per farlo, sarebbe necessario raccontare le biografie e l’intreccio
dei destini di decine di scrittori, critici, studiosi russi
e sovietici che, in meno di un trentennio (dal 1907,
anno del ritorno di Vološin a Koktebel’, fino al 1932,
anno della sua morte), si sono fermati alla ricerca di
ispirazione in quel paese in riva al Mar nero, allora
povero e selvaggio.
Ciononostante, proprio per questa varietà di
esperienze, sarebbe opportuno interrogarsi sull’attrazione che quel luogo sperduto tra le colline suscitò in artisti e intellettuali. Qual è stato il genius
loci che ha creato intorno a sé quel clima particolare di libertà e creatività? Che cosa ha indotto Andrej Belyj ad affermare che fu il poeta e pittore Maksimilian Vološin a scoprire Koktebel’, a diventare
l’incarnazione dell’idea di quel luogo, a farlo entrare nella vita della cultura e a renderlo una meta di
pellegrinaggio così popolare?
è impresso nella mia memoria come incarnazione di Koktebel’. E
la sua tomba, ascesa alla cima della montagna, è quasi l’espansione nel cosmo di una personalità che trascende se stessa”, A. Belyj,
“Dom-muzej M.A. Vološina”, M. Vološin, “Žizn’ – beskonečnoe
poznan’e”: Stichotvorenija i poemy. Proza. Vospominanija
sovremennikov. Posvjaščenija, Moskva 1995, p. 510.
2
Si vedano le parole di E.F. Gollerbach in “Mysli i vyskazyvanija”, M. Vološin, Žizn’ i tvorčestvo, a cura di D.N. Popov, Moskva
2008, pp. 88-95 (qui p. 93).

eSamizdat 2016 (XI)
Non è facile rispondere a questi interrogativi, soprattutto perché, anche se in modo diverso l’uno
dall’altro, lo hanno già fatto molti studiosi e gli stessi artisti, allora ospiti del poeta3 . Koktebel’, crocevia dei loro destini, appariva come un microcosmo
che conteneva l’universo intero, il cui centro era costituito dalla casa di Vološin, viaggiatore per vocazione. Essa fu luogo di approdo spirituale per intere generazioni di artisti venuti da Mosca e da Pietroburgo, un rifugio per i perseguitati e una piccola
isola di pace situata nella Cimmeria4 , terra percorsa da diversi popoli in millenni di storia. Proprio qui,
nella Cimmeria, ospite di questa terra del cammino,
Osip Mandel’štam scrisse il suo saggio dedicato al
viaggio poetico intrapreso da Dante Alighieri5 .
Maksimilian Vološin nacque nel 1877 a Kiev, ma
non si considerò mai un poeta ucraino: per sua
stessa affermazione, doveva gran parte della sua
formazione alla cultura francese6 .
A sedici anni si trasferì con la madre a Koktebel’, allora un piccolo paesino con pochissime case
di contadini. La seconda moglie del poeta, Marija Stepanovna Vološina (1887-1976), scrisse nelle
sue memorie:
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
Максин дом – “Дом Поэта” – создавался не сразу, а возникал постепенно в годах, органически. После ссылки и трехлетнего пребывания за границей вернувшись в Коктебель,
Макс убедил Пра (Елену Оттобальдовну, свою мать) продать ее участок и первоначально построенный ею дом. Этот
дом, который построила себе Елена Оттобальдовна, обосновавшись в Коктебеле в 1893 году, был, между прочим, самый
первый дачный дом на всем берегу залива7 .
A partire dal 1900 Vološin viaggiò in Francia,
Spagna, Italia e in Asia, finché, nel 1907, non ritornò di nuovo a Koktebel’. Soltanto allora questa divenne la sua vera casa e, dopo la rivoluzione
d’ottobre, la sua patria fino alla morte:
Коктебель не сразу вошел в мою душу: я постепенно осознал
его как истинную родину моего духа. И мне понадобилось
много лет блужданий по берегам Средиземного моря, чтобы
понять его красоту и единственность8.
Il viaggio e il ritorno in patria: sono questi i concetti fondamentali per la comprensione della vita e
dell’arte di Vološin. La sua non fu solo opera poetica e pittorica (egli dipinse molti paesaggi di Koktebel’ in acquarello)9 , ma anche di edificazione di un
focolare domestico pronto ad accogliere chiunque:
da uno sconosciuto qualunque a Michail Bulgakov
e Marina Cvetaeva10 . La sua casa attrasse poeti e
artisti provenienti da diverse parti della Russia e del
mondo11 , come testimoniato da Valerij Brjusov:
Я думаю, что в настоящую минуту Коктебель является единственным литературным центром в России... В Москве... я
3
Si vedano N.A. Kobzev, N.F. Pljasov, T.M. Svidova, T.V. Jaruševskaja, Dom-muzej Maksimiliana Vološina. Putevoditel’, Simferopol’ 1990; Z. Davydov, V. Kupčenko, Putnik po vselennym,
Moskva 1990; Vospominanija o Maksimiliane Vološine, a cura di V. Kupčenko, Moskva 1990; N.F. Pljasov, Dva portreta (M.
Vološin, F. Vasil’ev. Očerki), Simferopol’ 1995; V. Kazak, Leksikon russkoj literatury XX veka, Moskva 1996; V. Kupčenko, Trudy i dni Maksimiliana Vološina, 1877-1916, Sankt-Peterburg
2002; Idem, Trudy i dni Maksimiliana Vološina, 1917-1932,
Sankt-Peterburg 2007.
4
La Cimmeria (in greco Κιμμέρια) è il toponimo usato nell’antica
Grecia per alcuni territori dell’odierna Crimea, dell’Ucraina, delle
province di Rostov e di Krasnodar. I confini geografici precisi della
Cimmeria sono ignoti, ma negli scritti del poeta Maksimilian Vološin e dei suoi ospiti, come si vedrà nel presente articolo, la Cimmeria veniva associata alla parte orientale della Crimea; l’immagine
della Cimmeria con Koktebel’ come suo centro di forza divenne uno
dei miti più famosi della cultura del secolo d’argento.
5
Si veda O. Mandel’štam, “Razgovor o Dante”, Idem, Slovo i kul’tura, Moskva 1987 (trad. italiana Conversazione su Dante, a
cura di R. Faccani, Genova 1994).
6
V. Kupčenko, “Ja ne uču – ja probuždaju”, M. Vološin, “Žizn’”,
op. cit., pp. 7-8. La seconda moglie del poeta ricorda che nel 1923
egli rinunciò con indignazione al titolo d’onore di poeta nazionale dell’Ucraina dichiarando: “я француз и своей культурой обязан Франции” [sono francese e devo la mia cultura alla Francia],
M.S. Vološina, O Makse, o Koktebele, o sebe. Vospominanija.
Pis’ma, a cura di V. Kupčenko, Feodosija, Moskva 2003, p. 80.
7
“La casa di Maks – ‘La Casa del Poeta’ – non fu creata repentinamente, ma è andata formandosi negli anni, in maniera organica.
Tornato a Koktebel’ dopo l’esilio e tre anni di soggiorno all’estero,
Maks convinse Pra (Elena Ottobal’dovna, sua madre) a vendere il
suo terreno e la casa che ella vi aveva fatto inizialmente costruire.
Questa casa, che Elena Ottobal’dovna si era costruita trasferendosi a Koktebel’ nel 1893, era stata, tra l’altro, la prima dacia che
l’intera costiera del golfo avesse mai avuto”, Ibidem.
8
“Koktebel’ non è entrata subito nella mia anima: ho imparato a
considerarla come vera patria del mio spirito gradualmente. E ci
sono voluti tanti anni di vagabondaggi per le rive del Mar mediterraneo per comprendere la sua bellezza e unicità”, M. Vološin,
“Avtobiografija”, Ivi, p. 351.
9
Sulle mostre di pittura in cui furono esposti i quadri di Vološin si
veda l’appendice in Idem, Koktebel’skie berega. Poezija. Risunki. Akvareli. Stat’i, a cura di Z.D. Davydov, Simferopol’ 1990, pp.
226-227.
10
Molte informazioni sugli ospiti di Vološin sono raccolte nel libro
scritto dalla moglie del poeta: M.S. Vološina, O Makse, op. cit.,
pp. 80-171.
11
Si veda la storia della pittrice irlandese Violet Hart (Polunina)
(1887-1950), giunta da Parigi a casa di Vološin e trattenutasi
per qualche anno in Russia, E. Gerzyk, “Vološin”, M. Vološin,
“Žizn’”, op. cit., pp. 370-371.
K. Landa, Il viaggio per la Cimmeria come dimensione della vita e dell’arte: il mito di Koktebel’ nei poeti russi del primo Novecento
могу перевидать столько людей в разных местах в течение
недели, месяца, могу собрать у себя раз в год на именины
своих друзей, но иметь постоянно вокруг себя такой круг и
вести настолько интересные и содержательные беседы я не
имею возможности12.
La caratteristica principale di quel focolare era il
suo essere inseparabile dal paesaggio circostante.
La casa sembrava partorita dal vulcano spento di
Kara-dag, il Monte nero13 , accanto a cui si trovava, e il suo padrone, Vološin, appariva a molti – e
in primo luogo a se stesso – come un centauro o
un fauno, una divinità antica, che fingeva di avere
la stessa natura umana dei suoi ospiti, ma che in
realtà non era e non poteva essere un uomo:
Елей как бы придуманного имени
И вежливость глаз очень ласковых.
Но за свитками волос густыми
Как бы мелькнет порыв опасный
Осеннего и умирающего фавна.
Не выжата гроздь, тронутая холодом. . .
Но под тканью чуется темное право
Плоти его тяжелой.
Пишет он книгу,
Вдруг обернется – книги не станет. . .
Он особенно любит прыгать,
Но ему немного неловко, что он пугает прыжками.
Голова его огромная,
Столько имен и цитат в ней зачем-то хранится,
А косматое сердце ребенка,
И вместо ног – копытца14 .
12
“Penso che al momento attuale Koktebel’ sia l’unico centro letterario in Russia. . . A Mosca. . . posso vedere e rivedere tante persone
in luoghi diversi nel corso di una settimana, un mese, posso invitare
gli amici a casa mia una volta all’anno in occasione del mio onomastico, ma non ho la possibilità di avere costantemente attorno a me
una simile cerchia e condurre conversazioni così interessanti e pregne di contenuto”, si vedano le parole di V. Brjusov in “Mysli”, op.
cit., p. 93.
13
Si vedano le descrizioni del Kara-Dag e le leggende a esso legate
nell’immaginario popolare nel libro di N.P. Komolova, Koktebel’ v
russkoj kul’ture XX veka, Moskva 2006, pp. 22-30, 67-71, 78-95.
14
“Il crisma di un nome quasi inventato / e la gentilezza degli occhi, tanto affettuosi. / Ma dietro i riccioli folti dei capelli / è come
se guizzasse talvolta lo slancio pericoloso / di un fauno d’autunno,
moribondo. / Non è stato spremuto il grappolo toccato dal freddo. . . / Ma sotto il tessuto s’intuisce la ragione oscura / della sua
carne pesante. / Sta scrivendo un libro: / ma ecco che si gira, e
il libro scompare. . . / Gli piace soprattutto far dei balzi, / ma si
sente un po’ in imbarazzo quando i suoi balzi spaventano le persone. / La testa sua è enorme, / tanti nomi e citazioni, chissà perché,
vi sono custoditi, / e il cuore peloso è di bambino, / e ha piccoli
zoccoli al posto dei piedi”, I. Erenburg, “Iz cikla ‘Ručnye teni’, 7”,
Obraz poeta. Maksimilian Vološin v stichach i portretach sovremennikov, a cura di V. Kupčenko, Feodosija, Moskva 1997, p.
31.

L’immagine mitologizzata di Vološin ritorna
spesso nelle poesie e nelle filastrocche scherzose dei
suoi ospiti, come i poeti e critici Konstantin Bal’mont, Sergej Solov’ev, Sergej Šervinskij, Vsevolod Roždestvenskij, Adelaida Gercyk15 . I motivi ricorrenti in tutte le descrizioni del poeta – la criniera
da leone, l’atteggiamento da fauno, l’abbondanza di
capelli, di peli e di carne – venivano ispirati non solo
dal suo aspetto, ma anche dal mito che egli stesso
costruiva intorno alla propria fisicità possente16 :
Я, полуднем объятый,
Точно крепким вином,
Пахну солнцем и мятой,
И звериным руном.
Плоть моя осмуглела,
Стан мой крепок и туг,
Потом горького тела
Влажны мускулы рук17 .
Questo mito si è integrato alla natura e alla storia
del luogo che Vološin scelse per vivere. Runo [vello
d’ariete] rimanda al viaggio leggendario di Giasone giunto in quella zona del Mar nero in cerca del
meraviglioso animale dal vello d’oro18 . Ma tutta la
gamma di immagini legate al nome del poeta (ariete, fauno, Ercole) ci riporta ai tempi dell’antica Grecia, quando quella parte della Crimea era considerata il punto estremo della Terra, il regno di Ade19 .
Anche il personaggio di Odisseo si incontra spesso
negli scritti di Vološin e dei suoi ospiti. Secondo la
leggenda, alla fine del suo cammino l’eroe di Omero
si sarebbe recato proprio nel regno dei morti, paese
15
Ivi, pp. 29-30, 12, 18, 35, 42, 82-84.
Cvetaeva afferma che Vološin fu “настоящим чадом, порождением, исчадием земли” [un vero figlio della terra, una creatura da lei
generata]. Si veda M.I. Cvetaeva, “Živoe o živom”, M. Vološin,
“Žizn’”, op. cit., p. 413.
17
“Io, impregnato di mezzogiorno / come di vino pesante, / profumo
di sole e di menta, / e di vello animale. / La mia carne è scurita,
/ il mio tronco è teso e robusto, / del sudore di un corpo amaro /
sono bagnati i muscoli delle braccia”, M. Vološin, “Ja, poludnem
ob’jatyj. . . ”, Idem, Sobranie sočinenij, Moskva 2003, I , p. 145.
18
A casa di Vološin veniva custodito il frammento di una antica nave greca trovato dal poeta a Koktebel’. Come ricorda N. Čukovskij: “Макс уверял, что это были обломки того самого корабля, на котором аргонавт Ясон плавал за золотым руном” [Maks
affermava che erano i frammenti della stessa nave su cui l’argonauta Giasone viaggiò in cerca del vello d’oro], N.P. Komolova,
Koktebel’, op. cit., p. 81.
19
Si vedano E. Mendeleevič, “Antičnost’. Garmonija mira”, Idem,
“Pojmi prostoj urok moej zemli”, Orel 2001, pp. 32-44; M.
Cvetaeva, “Živoe”, op. cit., pp. 415-417.
16

eSamizdat 2016 (XI)
degli asfodeli, ossia nella Crimea orientale20 . Come
Odisseo, Vološin si ritrova, alla fine del suo viaggio
per il mondo, nella Cimmeria, antico regno misterioso, il cui nome viene menzionato negli scritti degli autori greci. Koktebel’ è il cuore della Cimmeria,
Kimmerija in russo, toponimo di cui il poeta studia l’etimologia, facendola risalire al termine kreml’
(cremlino) usato per le fortezze russe:
Крым, Киммерия, Кермен, Кремль. . . Всюду один и тот же
основной корень КМР, который в древнееврейском языке
соответствует понятию неожиданного мрака, затмения и дает образ крепости, замкнутого места, угрозы и в то же время сумрака. . . [. . . ] Киммерийцы и тавры, об истории которых неизвестно ничего достоверного, несомненно, строили
города и крепости и имели обширные поселения и в глубоких бухтах Трахейского полуострова, и на берегах Босфора
Киммерийского, и в широкой улитке Феодосийского залива.
Это все может относиться к началу второго тысячелетия до
христианской эры21 .
Nei secoli e millenni successivi in Crimea si sono alternati sciti, colonizzatori greci e romani, bizantini, goti. Nel XIII secolo vi giunsero genovesi
e veneziani. Dopo la conquista di Costantinopoli
da parte dei turchi la Crimea fu invasa dai tartari e
diventò un paese ricco e ben curato, con un perfetto sistema d’irrigazione, e quindi pieno di fontane e
giardini, prospero sotto la protezione dei chan e dei
sultani della vicina Turchia22 .
Nel XVIII secolo sono i “nuovi barbari”23 , i russi,
a invadere questo paradiso terrestre e a distruggere i ricchi villaggi insieme al sistema d’irrigazione.
Ma la Crimea orientale, la Cimmeria, apparentemente meno pittoresca e più deserta, e perciò meno
attraente per i nuovi conquistatori, conosce la decadenza più tardi rispetto alle altre parti della peni-
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
sola e rimane il nucleo della stratificazione di molteplici culture24 . Proprio le impronte di varie epoche,
nazioni e civiltà concentrate in uno spazio ristretto
rendono prezioso il luogo che, con le sue colline, le
montagne, il mare e l’erba della steppa, permette a
un viaggiatore giunto dalle città del nord (Mosca o
Pietroburgo) di abbracciare paesaggi molto lontani
dall’immaginario culturale russo. È l’unico posto in
cui la steppa incontra il mare, l’Oriente l’Occidente, non in maniera forzata come a Pietroburgo, ma
naturale.
Vološin, conoscendo l’essenza di questa terra, diventa quasi la personificazione del suo spirito e cerca, sia nel suo vivere sia nella sua arte, la massima unione con la natura che, a sua volta, “preannuncia” la nascita del poeta imprimendone il profilo
nella roccia del Monte nero, Kara-Dag, sul quale si
affacceranno le finestre della sua casa25 .
Marina Cvetaeva descrive così questo profilo naturale: “Взлобье горы. Пишу и вижу: справа, ограничивая огромный коктебельский залив,
скорее разлив, чем залив, – каменный профиль, уходящий в море. Максин профиль. Так
его и звали. [. . . ] Голова спящего великана или
божества”26 .
In realtà il nome Koktebel’ si traduce dalla lingua
turca come “paese dei monti azzurri”27 ; i cosiddetti
“monti azzurri” sono per la maggior parte colline,
le cui cime riflettono le ombre scure delle nuvole: è
questa probabilmente l’origine del toponimo28 . In
questo il paesino è simile all’Umbria, luogo d’origine di san Francesco, ben noto a Vološin, che aveva percorso i sentieri del santo d’Assisi durante i
20
Si vedano N.P. Komolova, Koktebel’, op. cit., pp. 53-54; E.
Mendeleevič, “Pojmi prostoj urok”, op. cit., pp. 40-41.
21
“Krym, Kimmerija, Kermen, Kremlino. . . Ovunque c’è la stessa
radice di base KMR, che in ebraico antico corrisponde al concetto
di buio inatteso, di eclissi, e presenta l’immagine di una fortezza,
di un luogo chiuso, di una minaccia e, al contempo, un’immagine
di oscurità. . . [. . . ] Cimmeri e tauri, della cui storia non abbiamo
nozioni certe, indubbiamente costruivano città e fortezze e possedevano estesi insediamenti sia nelle baie profonde della penisola di
Tracia, sia sulle rive del Bosforo Cimmerio, sia nell’ampio golfo di
Feodosia a forma di lumaca. Tutto ciò può risalire all’inizio del secondo millennio avanti Cristo”, M. Vološin, “Kul’tura, iskusstvo,
pamjatniki Kryma”, Idem, “Žizn’”, op. cit., pp. 335-337.
22
Le nozioni storiche vengono riportate dall’articolo di Vološin citato
sopra, Ivi, pp. 335-345.
23
Il termine è di Vološin, Ibidem.
24
Ibidem.
La somiglianza sorprendente dei lineamenti di Kara-Dag con il
profilo del poeta è stata notata più di una volta dal poeta stesso e
dai suoi ospiti; si veda la poesia di M. Vološin, “Kak v rakovine maloj – Okeana. . . ” [1918], Idem, Sobranie, op. cit., 1, p. 170. La
fortunata metafora del “profilo di Vološin” viene usata oggi sui siti
turistici di Koktebel’.
26
“La sporgenza della montagna. Scrivo e vedo: a destra, a limitare
l’enorme golfo di Koktebel’, un mare aperto più che un golfo, un
profilo di pietra che sparisce nel mare. Il profilo di Maks. Lo chiamavano così. [. . . ] Il capo di un gigante addormentato o di una
divinità”, M. Cvetaeva, “Živoe”, op. cit., p. 414.
27
M.S. Vološina, O Makse, op. cit., p. 210; N.P. Komolova,
Koktebel’, op. cit., p. 3.
28
Ibidem.
25
K. Landa, Il viaggio per la Cimmeria come dimensione della vita e dell’arte: il mito di Koktebel’ nei poeti russi del primo Novecento
suoi vagabondaggi per l’Italia29 . A differenza dell’Umbria, però, Koktebel’ è aperta a tutti i venti e
al mare, il che potrebbe simboleggiare anche la sua
apertura alle forze esterne, al movimento della storia, al “rumore del tempo”30 : la rivoluzione, i cambi
dei regimi, le guerre.
La casa del poeta è un’isola di stabilità in mezzo ai movimenti storici e rimane polo d’attrazione
per i viaggiatori anche durante la guerra civile del
1917-1922/23 conseguente alla rivoluzione d’ottobre31 : vi cercano rifugio sia i bianchi dell’esercito
controrivoluzionario sia i rossi dell’Armata dei Lavoratori e dei Contadini che vengono accolti da Vološin indipendentemente dal partito politico di appartenenza32 . Dopo la rivoluzione, la casa diventa
oasi di calore umano e di rispetto verso il prossimo:
esperienze rare nella società staliniana33 .
29
Si vedano M. Vološin, “Svjatoj Francisk”, Vestnik RHD, 1973,
107, pp. 149-151; M.S. Vološina, O Makse, op. cit., pp. 80-147.
30
Il termine viene usato qui nel senso metaforico, con il riferimento al
titolo del saggio di Mandel’štam: O. Mandel’štam, Šum vremeni,
Leningrad 1925 (trad. it. Il rumore del tempo, Milano 2012).
31
La guerra civile (1917-1922/23) fu una pagina tragica nella storia
della Russia, frutto della crisi iniziata con la rivoluzione del 1905,
aggravata nel corso della prima guerra mondiale e portata a culmine dopo la rivoluzione bolscevica del 1917. La guerra scoppiò
in seguito alla rivoluzione d’ottobre tra l’esercito sovietico e le forze dell’opposizione, comportando la rovina dell’economia nazionale, la devastazione delle campagne e il notevole calo demografico.
Tra le maggiori opere letterarie che raccontano della guerra civile in Russia è doveroso menzionare B. Pasternak, Doktor Živago
[1945-1955], pubblicato la prima volta in Italia da Feltrinelli (B.
Pasternak, Il dottor Živago, trad. it. di P. Zveteremich, Milano 1957). Sulla guerra civile in Crimea si veda in particolare A.G.
Zarubin, V.G. Zarubin, Bez pobeditelej. Iz istorii Graždanskoj
vojny v Krymu, Simferopol’ 2008.
32
Si vedano a questo proposito i versi della poesia scritta dallo stesso
Vološin nel 1926: “И красный вождь, и белый офицер – / Фанатики непримиримых вер – / Искали здесь под кровлею поэта/
Убежища, защиты и совета” [E un capo rosso, e un ufficiale bianco, / fanatici di inconciliabili fedi, / cercavano qui, sotto il tetto del
poeta, / rifugio, protezione e consiglio], M. Vološin, “Dom poeta”,
Idem, Sobranie, op. cit., 2, p. 80 e i commenti alla poesia di V.
Kupčenko, Ivi, p. 665. Si veda inoltre K.G. Paustovskij, Černoe
more, Moskva, Leningrad 1937, p. 134.
33
Si vedano le memorie di L.V. Timofeeva (figlia di un professore di
Char’kov, recatasi spesso a Koktebel’ a partire dal 1926), citate da
V. Kupčenko: “Надо знать наши советские будни, нашу жизнь –
борьбу за кусок хлеба, за целость последнего, что сохранилось
– и то у немногих, за целость семейного очага; надо знать эти
ночи ожидания приезда НКВД с очередным арестом [. . . ], чтобы
понять, каким контрастом сразу ударил меня Коктебель и М.А.,
с той его человечностью, которой он пробуждал в каждом уже
давно сжавшееся в комок человеческое сердце, с той настоящей
вселенской любовью, которая в нем была” [Bisogna conoscere

Il dinamismo intrinseco al luogo si riflette nello
stesso Vološin, che si trova in uno stato di continuo
movimento, esteriore e interiore, pronto, in affinità
con san Francesco, ad abbracciare con il suo essere
e con la sua arte ogni particolare della natura che lo
circonda. Ecco la testimonianza di E.L. Mindlin,
uno dei suoi ospiti:
В сущности, все они [акварели Волошина] об одном и том
же – о мудрости и красоте близкой ему киммерийской земли
и неба над ней. Такого малого куска земли и такого малого
участка неба над ней! Но в этих малых кусках земли и неба
зоркий поэт и художник видел неисчерпаемые миры!34
In un articolo del 1930, due anni prima di morire,
il poeta stesso parla così dei suoi quadri:
Вся первая половина моей жизни была посвящена большим
пешеходным путешествиям, я обошел пешком все побережья Средиземного моря, и теперь акварели мне заменяют
мои прежние прогулки. Это страна, по которой я гуляю ежедневно, видимая естественно сквозь призму Киммерии, которую я знаю наизусть и за изменением лица которой я слежу
ежедневно35 .
L’idea di un cammino in contatto diretto con il
mondo circostante trova espressione anche nella
maggior parte delle poesie di Vološin, e a dimostrarlo sono i titoli stessi delle sue opere: Ja idu dorogoj skorbnoj v moj bezradostnyj Koktebel’ [Torno per una strada dolorosa alla mia triste Koktebel’,
1907]36, Stupni gorjat, v pyli dorog duša [Bruciano i piedi, l’anima ricopre la polvere delle strala nostra quotidianità sovietica, la nostra vita, la lotta per un pezzo
di pane, per l’integrità dell’ultima cosa che ci era rimasta, e non a
molti di noi, per l’integrità del focolare domestico; bisogna conoscere queste notti in attesa dell’arrivo dell’Nkvd per un ennesimo
arresto [. . . ], per capire il contrasto con cui mi hanno colpito subito
Koktebel’ e M.A., con quell’umanità con cui risvegliava in tutti il
cuore umano, ormai avvizzito, con quel vero amore universale che
era in lui], V. Kupčenko, “Ja ne uču”, op. cit., p. 19.
34
“In fondo, tutti quanti [gli acquarelli di Vološin] parlano della stessa
cosa: della saggezza e della bellezza della terra della Cimmeria e del
cielo sopra di essa. Di un pezzo di terra così piccolo e di una parte
del cielo così piccola sopra di essa! Ma in questi frammenti di terra
e cielo il poeta e il pittore dotato di vista acuta vedeva dei mondi
inesauribili!”, si vedano le parole di E.L. Mindlin in “Mysli”, op.
cit., p. 91.
35
“Ho dedicato tutta la prima metà della mia vita ai grandi viaggi
a piedi, ho girato tutte le coste del Mar mediterraneo, e ora sono
gli acquarelli a sostituire per me le passeggiate di allora. Questo
è un paese in cui passeggio quotidianamente e che vedo attraverso il prisma della Cimmeria, un paese che conosco a memoria e di
cui ogni giorno osservo i mutamenti del volto”, Idem, “O samom
sebe”, Idem, “Žizn’”, op. cit., p. 358.
36
Idem, Sobranie, op. cit., 1, p. 89.

eSamizdat 2016 (XI)
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
de, 1910]37, Ja k nagor’jam deržu svoj put’ [Tengo il cammino agli altipiani, 1913]38, Opjat’ bredu
ja bosonogij [Vago, scalzo, di nuovo, 1919]39.
Ma il viaggio interiore può essere intrapreso anche senza uscire di casa, basta salire sul tetto e
contemplare in silenzio lo spazio che si apre allo
sguardo:
Nel 1933, un anno dopo la morte di Vološin, proprio su quella riva del Mar nero che questi aveva
glorificato con la propria arte e la propria vita, Mandel’štam scrisse il suo famoso saggio Razgovor o
Dante [Conversazione su Dante, 1933]42. In quel
lavoro, secondo le parole dell’autore, gli furono di
grande aiuto i sassolini gettati dal mare sulla spiaggia43 . I sassi variopinti, talvolta preziosi, che all’eВыйди на кровлю. . . Склонись на четыре
Стороны света, простерши ладонь.
poca era facile ritrovare sulla costa, venivano conСолнце. . . вода. . . облака. . . огонь. . .
siderati allora come una delle peculiarità essenziali
Все что есть прекрасного в мире.
di Koktebel’44 . Contemplando i loro strati colorati,
[. . . ]
Гаснут во времени, тонут в пространстве
Mandel’štam vide nelle pietre la sintesi dei procesМысли, событья, мечты, корабли. . .
si geologici del passato, vi lesse l’azione del tempo
Я ж уношу в свое странствие странствий
40
Лучшее из наваждений земли .
concentrata in un frammento di spazio e perciò visibile allo sguardo umano. Del resto, il desiderio
L’equilibrio tra dinamismo e stabilità, tra tempo
di contemplare tutti i movimenti storici in un unico
e spazio, tra immensità e compiutezza è proprio di
punto sintetizzante contraddistingueva da sempre
Koktebel’ e dell’arte di Vološin; ma lo stesso equilila sensibilità del poeta:
brio si può ritrovare nell’opera di un altro poeta rusБольше всего поразило Мандельштама в системе Чаадаева
so, Osip Mandel’štam (1891-1938), che fu più volte
желание единства, единящего начала, которое позволило бы
сосредоточить в одной точке мира все разнообразие историospite di Vološin e che, anche dopo aver interrotto
ческого процесса. Мандельштам [. . . ] сам испытал эту тягу
41
bruscamente i rapporti con lui , tornò in quei luoк единству, стремление найти непрерывность в историческом
ghi e riconobbe al poeta, ormai defunto, il ruolo di
разорванном времени45 .
custode di Koktebel’.
42
37
Ivi, p. 143.
Ivi, p. 138.
39
Ivi, p. 164.
40
“Sali sul tetto. . . chinati verso i quattro cardini del mondo, protendendo la mano. / Sole. . . Acqua. . . Nuvole. . . Fiamma. . . / Tutto
quanto c’è di bello nel mondo. / [. . . ] Si spengono nel tempo, affondano nello spazio / i pensieri, gli eventi, i sogni, le navi. . . / E
io intanto porto nel mio viaggio dei viaggi / il migliore fra i miraggi
terreni”, Ivi, p. 174.
41
Sul litigio tra M. Vološin e O. Mandel’štam, avvenuto per il presunto furto di una bella edizione della Commedia di Dante da parte
di Mandel’štam dalla biblioteca di Vološin, si vedano i diversi punti di vista delle mogli dei due poeti e dei contemporanei coinvolti
in quel litigio. L’offesa, per entrambi profonda, non impedì tuttavia a Vološin di riconoscere che Mandel’štam fu un vero poeta e a
Mandel’štam di vedere nella vita di Vološin un grande esempio di
maestria paragonabile a quella dantesca, di cui sotto. Le fonti da
consultare a riguardo sono: N.Ja. Mandel’štam, Vtoraja kniga,
Moskva 1999, pp. 92-95; M.S. Vološina, O Makse, op. cit., pp.
117, 178, 232-233; E. Mindlin, “Iz knigi ‘Neobyknovennye sobesedniki’”, M. Vološin, “Žizn’”, op. cit., pp. 469-473. Nell’ultima memoria è riportato il testo di una lettera scritta da Vološin in
cui quest’ultimo definisce Mandel’štam “одним из самых крупных
имен в последнем поколении русских поэтов” [uno dei nomi più
importanti nell’ultima generazione dei poeti russi], sostenendo al
contempo che egli è “человек легкомысленный, общительный и
ни к какой работе не способный” [un uomo leggero, socievole e
incapace di svolgere alcun tipo di lavoro].
38
O. Mandel’štam, “Razgovor”, op. cit. (trad. italiana Conversazione, op. cit.); si veda a riguardo anche N.Ja. Mandel’štam, Vtoraja
kniga, op. cit., p. 285.
43
O. Mandel’štam, Conversazione, op. cit., pp. 142-143. Si veda
anche il ricordo della moglie del poeta, N.Ja. Mandel’štam, Vtoraja kniga, op. cit., pp. 478-479. Sul valore che avevano per Mandel’štam i sassolini di Koktebel’ si vedano anche le memorie dei suoi
amici: E.G. Gerštejn, Novoe o Mandel’štame, Paris 1986, p. 68;
S. Rudakov, “Pis’mo ot 29 ijunja” [1935], Ivi, p. 167.
44
K.G. Paustovskij, Černoe more, op. cit., pp. 141-142.
45
“Ciò che aveva colpito maggiormente Mandel’štam nel sistema di
Čaadaev era il desiderio di unità, di un principio unitario che permettesse di concentrare in un solo punto del mondo tutta la varietà
del processo storico. Mandel’štam [. . . ] ha sperimentato egli stesso questa tensione verso l’unità, questa tendenza a trovare la continuità in un tempo storico discontinuo”, N. Struve, Osip Mandel’štam, Moskva 2011, p. 114. Struve parla qui dell’ammirazione provata dal giovane Mandel’štam nei confronti di Petr Čaadaev
(1794-1856), filosofo russo, autore di Filosofičeskie pis’ma (Lettere filosofiche, 1836; trad. it. di A. Tamborra, Bari 1950); ammirazione che trovò espressione nel saggio Petr Čaadaev (1914). Il
complesso pensiero di Čaadaev richiederebbe uno studio a parte; si
vedano i lavori di Berdjaev (N.A. Berdjaev, Russkaja ideja, SanktPeterburg 2008), Geršenzon (M.O. Geršenzon, Griboedovskaja
Moskva. Čaadaev. Očerki prošlogo, Moskva 1989), Zen’kovskij (V.V. Zen’kovskij, Istorija russkoj filosofii, Moskva 2001,
pp. 136-172). Filosofičeskie pis’ma è un’opera ispirata all’idea
del regno dei cieli come teocrazia ideale, contraddistinta da un’armoniosa unità, da realizzare sulla terra. Čaadaev scopre l’esempio
di tale unità nella società occidentale strutturata intorno alla reli-
K. Landa, Il viaggio per la Cimmeria come dimensione della vita e dell’arte: il mito di Koktebel’ nei poeti russi del primo Novecento
In Conversazione su Dante Mandel’štam intuiva una simile unione di passato, presente e futuro
nell’insieme compositivo rappresentato dal poema,
e la pietra, con la sua compattezza e varietà di strati, divenne per lui l’esempio migliore per illustrare la
propria teoria sull’arte dantesca.
Dice, infatti, Mandel’štam:
Con molta franchezza ho domandato consiglio ai calcedonii, alle corniole, ai gessi cristallini, agli spati, ai quarzi ecc. Ho compreso allora che la pietra è una specie di diario del tempo meteorologico, una specie di grumo meteorologico. [. . . ] La pietra
è il diario impressionista di un tempo meteorologico frutto dell’accumulo di milioni d’annate calamitose; ma essa non è solo il
passato, è anche il futuro; c’è in lei una periodicità. [. . . ] Congiungendo l’incongiungibile, Dante ha modificato la struttura
del tempo storico, ed è successo, forse, anche il contrario: egli è
stato costretto a gettarsi sulla glossolalia dei fatti, sul sincronismo di avvenimenti, nomi e tradizioni lacerati dai secoli, proprio
perché sentiva i sovratoni, le armoniche del tempo46 .
Il ricongiungimento dell’incongiungibile nella
Commedia per il poeta russo è, certamente, la
compresenza nel poema di personaggi di diverse
età storiche e nazioni, culture e religioni47 , ma sono anche le ricchissime similitudini dantesche che
riuniscono immagini incompatibili nel linguaggio
quotidiano48 , il misto di tempi verbali49 , la “sintesi di luce, suono e materia” tipica delle metafore
dantesche50 .
Le innumerevoli immagini della Commedia nell’interpretazione di Mandel’štam si stratificano l’una sull’altra, generando nella mente del lettore del
poema una serie di associazioni51 . Il lavoro del lettore consisterebbe, in questa interpretazione, nel
cogliere le associazioni, comprendere le allusioni;
la rapidità mentale sarebbe quindi una condizione
imprescindibile della lettura di Dante. Dice l’autore
del saggio: “La cultura è una scuola di associaziogione cattolica il cui centro ideale è rappresentato dalla figura del
papa. Mandel’štam rimane affascinato da quest’immagine di Čaadaev. A noi qui preme sottolineare l’inclinazione del poeta a cercare in varie fonti le conferme alle proprie idee sulla necessità di un
unico principio regolatore nella storia; inclinazione di cui, appunto,
parla Struve mostrando nel suo libro questa tendenza del pensiero
critico e poetico di Mandel’štam, a partire dall’amore giovanile per
Čaadaev fino alla stesura della Conversazione su Dante.
46
O. Mandel’štam, Conversazione, op. cit., pp. 142-143.
47
Ivi, p. 144.
48
Ivi, pp. 70-72.
49
Ivi, p. 58.
50
Ivi, p. 50.
51
Ivi, pp. 70-72.

ni rapidissime. Afferri al volo, sei pronto a cogliere
le allusioni – ecco l’elogio preferito di Dante. Dal
punto di vista dantesco, il maestro è più giovane del
discepolo, perché ‘corre più veloce’”52 .
L’idea della corsa, ossia di un movimento rapido reale, fisico, e non solo metaforico, nel testo di
Mandel’štam è considerata come principio base del
poetare di Dante:
A me, sul serio, vien fatto di domandarmi quante suole di pelle
bovina, quanti sandali abbia consumato, l’Alighieri, nel corso
della sua attività poetica, battendo i sentieri per capre dell’Italia.
L’Inferno, e ancor di più il Purgatorio, celebrano la camminata
umana, la misura e il ritmo dei passi, il piede e la sua forma. Del
passo, congiunto alla respirazione e saturo di pensiero, Dante fa
un criterio prosodico. Egli designa l’andare e venire ricorrendo
a un gran numero di espressioni multiformi e affascinanti53 .
Tale lettura richiama il soggetto stesso della
Commedia: un viaggio spirituale e fisico attraverso tutti gli strati dell’universo descritto per la prima
volta nella storia della letteratura europea. I concetti di viaggio, cammino, strada e movimento sono fondamentali, come si è visto sopra, anche per
l’arte di Vološin: le sue poesie abbondano di immagini ad essi legate. Oltre agli esempi citati, basti
pensare all’importanza per la sua opera del mito di
Odisseo54 ; alle liriche in cui il motivo del viaggio,
come nella Commedia, si collega a quello della pienezza dell’essere vissuta dal viaggiatore durante il
suo cammino55 ; al ciclo Selva oscura (intitolato in
italiano) il cui titolo riprende il tema dantesco della
peregrinazione nelle terre oscure e il cui protagonista lirico si autodefinisce come “странник и поэт,
мечтатель и прохожий”56 .
52
Ivi, p. 51.
Ivi, pp. 50-51.
54
M. Vološin, “Odissej v Kimmerii”, Idem, Kimmerija. Stichotvorenija, Kiev 1990, p. 40; Idem, Dom poeta, Idem, Sobranie, op.
cit., 2, p. 82.
55
Idem, Skvoz’ set’ almaznuju zazelenel vostok, Idem, Izbrannoe. Stichotvorenija. Vospominanija. Perepiska, Minsk 1993,
p. 27. Si veda a proposito l’articolo di Ol’ga Ulokina: l’autrice
descrive il motivo del viaggio nei poeti M. Vološin e N. Gumilev
analizzando le influenze dantesche e omeriche nelle loro poesie, O.
Ulokina, “Motiv stranstvija v poezii Gumileva i Vološina”, Serebrjanyj vek. Dialog kul’tur: Sbornik naučnych stat’ej po materialam III Meždunarodnoj konferencii, posvjaščennoj pamjati
professora S.P. Il’eva, a cura di N.M. Rakovskaja, Odessa 2012,
pp. 202-208.
56
“Viaggiatore e poeta, sognatore e passante”, M. Vološin, Kak
nekij junoša, v skitan’jah bez vozvrata. . . , Ivi, p. 51.
53

eSamizdat 2016 (XI)
Ma andrebbe soprattutto rilevato che la stessa
Koktebel’ diventa fonte di associazioni quasi analoghe nel pensiero dei due poeti: come Vološin percepisce in questo luogo piccolo e compatto “весь трепет жизни, всех веков и рас”57 , così Mandel’štam
scopre nella pietra di Koktebel’ un modello di “glossolalia dei fatti”58 , di “sincronismo di avvenimenti
lacerati dai secoli”59 , tipici del poema di Dante.
A testimoniare una certa affinità tra il modo di
interpretare la Commedia usato da Mandel’štam
nella Conversazione e la maniera in cui Vološin
svelava Koktebel’ nei suoi quadri sono due brani, tratti rispettivamente dal saggio di Mandel’štam e dai ricordi dedicati a Vološin del poeta Georgij
Šengeli:
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
Koktebel’ viene ripresentata come terra di tristezza (oscurità, ombra) e smarrimento, ma anche luogo di ritrovamento di se stessi; come un deserto in
cui, riacquistata l’unione primordiale con la natura e attraverso essa con il suo Сreatore, l’uomo può
diventare poeta64 .
Anni dopo, ricongiungendo l’idea di Koktebel’
e il personaggio di Vološin a Dante, Mandel’štam
menziona Vološin nelle bozze della Conversazione, paragonando il suo modo di vivere e di creare al
poetare dantesco:
На днях в Коктебеле один плотник, толковейший молодой
парень, указал мне могилу М. А. Волошина, расположенную
высоко над морем на левом черепашьем берегу Ифигениевой бухты. Когда мы подняли прах на указанную в завещании
поэта гору, пояснил он, все изумились новизне открывшегося вида. Только сам М.А. – наибольший, по словам плотника, спец в делах зоркости – мог так удачно выбрать место
для своего погребения. [. . . ] М. А. – почетный смотритель
дивной геологической случайности, именуемой Коктебелем,
– всю свою жизнь посвятил намагничиванью вверенной ему
бухты. Он вел ударную дантовскую работу по слиянию с
ландшафтом и был премирован отзывом плотника65 .
A Dante nessuno ancora si è avvicinato con il martello del geologo, per conoscere la formazione cristallina del suo minerale,
per studiarne le venature, l’opacità, la granulosità, per apprezzarla come un cristallo di rocca sottoposto alle più variopinte
casualità60 .
Живопись его [Волошина], которую отец П. Флоренский
метко назвал мета-геологией, вся посвящена раскрытию
сущности коктебельской природы и в четкой графике своей, в бархатном разливе красок воспроизводит напряженность карадагских складок, зной и сухость степных балок,
ультрамариновые тени ущелий, воспаленные полдни и веера
закатных облаков61 .
Vološin-poeta scopre un legame tra il poema
dantesco e la natura di Koktebel’ ancor prima di
Mandel’štam: ricordiamo di nuovo Selva oscura62,
il famoso ciclo che ha per tema le camminate per le
terre della Cimmeria. In questa raccolta si trovano intrecciati motivi biblici, classici e medievali63 .
Vološin viene definito in questo brano come
“спец в делах зоркости” (un professionista della
vista perfetta)66 . Secondo Mandel’štam, ad accomunare Vološin a Dante è la capacità di vedere il punto in cui la personalità umana nel suo
quotidiano si fonde con la natura. Questo concetto di fusione sarà più chiaro se riportiamo qui
la testimonianza di un ospite di Vološin, E.F.
Gollerbach:
В 1925 году, наблюдая Волошина в Коктебеле, я убедился в
его соприродной связи, полной слиянности с пейзажем Киммерии, с ее стилем. [. . . ] здесь он казался владыкой Коктебеля, не только хозяином своего дома, но державным владетелем всей этой страны, и даже больше, чем владетелем:
57
“Tutto il tremore della vita, dei secoli e delle razze”, Idem, Dom
poeta, Idem, Sobranie, op. cit., 2, p. 82.
58
O. Mandel’štam, Conversazione su Dante, pp. 142-143.
59
Ibidem.
60
Ivi, p. 94.
61
“La pittura di Vološin, che padre Pavel Florenskij giustamente ha
definito meta-geologia, è tutta dedicata alla scoperta dell’essenza della natura di Koktebel’ e nella sua grafica ben delineata, nella
profusione vellutata di colori ricrea la tensione delle pieghe di KaraDag, l’afa e la secchezza dei dirupi delle steppe, le ombre ultramarine delle gole, i mezzogiorni roventi e i ventagli di nuvole al tramonto”, si vedano le parole di G. Šengeli in “Mysli”, op. cit., p.
91.
62
M. Vološin, “Selva oscura”, Idem, Sobranie, op. cit., 1, pp. 129218.
63
Sui motivi biblici e classici in rapporto alla natura nelle opere di
Vološin si veda E. Mendelevič, “Pojmi prostoj urok”, op. cit., pp.
20-44.
64
М. Vološin, “Podmaster’e”, Idem, Sobranie, op. cit., 1, p. 218.
“In questi giorni, a Koktebel’, un artigiano, un giovanotto molto
sveglio, mi ha indicato la tomba di M.A. Vološin, situata in alto
sopra il mare sulla riva sinistra, tartarugata, della baia di Ifigenia.
Quando abbiamo portato le ceneri sul monte indicato nel testamento del poeta, mi spiegava l’artigiano, tutti sono rimasti meravigliati per la novità della vista che si è aperta davanti a noi. Soltanto
M.A. stesso, che era stato, secondo le parole dell’artigiano, un professionista della vista perfetta, poteva scegliere così bene il luogo
della propria sepoltura. [. . . ] M.A. – onorevole custode di quella mirabile casualità geologica chiamata Koktebel’, ha consacrato
tutta la sua vita a rendere magnetica la baia a lui affidata. Condusse un eccellente lavoro dantesco di fusione col paesaggio ed è stato
premiato con la lode dell’artigiano”, O. Mandel’štam, “Černovye
nabroski k razgovoru o Dante”, Idem, Slovo, op. cit., p. 166.
66
Ibidem.
65
K. Landa, Il viaggio per la Cimmeria come dimensione della vita e dell’arte: il mito di Koktebel’ nei poeti russi del primo Novecento
ее творцом, Демиургом и, с тем вместе, верховным жрецом
созданного им храма67 .
Mandel’štam considera l’intera Koktebel’ come
una delle pietre tipiche delle sue spiagge, una mirabile casualità geologica68 , dove tutti gli “strati”,
la storia umana e i processi universali della natura
coesistono in armonia. Così il viaggio nella Koktebel’ “creata” da Vološin diventa fonte d’ispirazione
anche per Mandel’štam, che dilata il paesino a livello cosmico trovandovi una propria chiave di lettura
della poesia dantesca.
www.esamizdat.it
67
In questo modo il mito del luogo si stacca dal
proprio creatore e inizia una sua vita autonoma, incarnandosi nelle poesie e nella prosa di coloro che
scrivevano e scrivono tuttora di Koktebel’. Ma la
nascita e lo sviluppo di questo mito furono possibili
grazie alla sensibilità di Maksimilian Vološin, custode di quel paese. Il suo ruolo indiscusso di demiurgo di questa terra è testimoniato nei millenni dal “profilo” del poeta impresso nella roccia di
Kara-Dag.
Kristina Landa, “Il viaggio per la Cimmeria come dimensione della vita e dell’arte: il mito di Koktebel’ nei poeti russi del primo Novecento”, zdat, (XI), pp. -
“Nel 1925, osservando Vološin a Koktebel’, mi sono convinto del
suo legame connaturale, della sua piena fusione col paesaggio di
Koktebel’, col suo stile. [. . . ] qui egli era il signore di Koktebel’,
non solo il padrone di casa sua, ma il sovrano di tutta questa terra,
e anche più che il sovrano: il suo creatore, il Demiurgo, e con ciò il
sommo sacerdote del tempio da lui stesso innalzato”, si vedano le
parole di E.F. Gollerbach in “Mysli”, op. cit., p. 93.
68
O. Mandel’štam, “Černovye nabroski”, op. cit., p. 166.

Belarus vs. World: Raman Svechnikau’s Journey around the
World
Ivan Posokhin
♦ eSamizdat  (XI), pp. - ♦
ODAY’S Belarus holds a sophisticated position in Europe. Although one believes it is
geographically located in the middle of the European continent, its political and social development
in past decades has prevented it from becoming an
organic part of the region. This reflects on Belarusian citizens’ travel practices, citizens who face
double-sided limitations from both Belarusian state
and authorities in the countries of destination, including those in Europe. Thus, the very act of travelling contains more personal, bureaucratic and logistic challenges for an “average Belarusian” than
for an “average Westerner”.
This may be one of the reasons why travellers
draw a lot of attention from the Belarusian media as even a journey around a borderless Europe may present a significant and extraordinary
personal achievement, let alone a journey around
the world. In this article I will focus on Roma
yedze [Roma Travels, 2014-2015], a book that follows the journey of Raman Svechnikau1 , a young
man from Minsk. His journey was initially a multimedia project as it was conceived in the form
of internet blogs and YouTube videos uploaded
to 34mag.net, an independent Belarusian youthoriented web magazine. Later, Raman’s writings
and photos were transformed into two volumes of
the aforementioned book published in Belarusian in
cooperation with the editors from 34mag.net. In
2016, Corpus Publishing House released the revised Russian version of the book2 .
T
Fig. 1. Raman Svechnikau,
<http://img.tyt.by/n/05/f/rom a_edze_066.jpg>.
At the start of his journey in 2012, Raman
Svechnikau was 20 years old and had just dropped
out of university3 . During his 2.5-year long journey, marketed by the media as a krugosvetnoye
puteshestviye [a journey around the world], Raman visited 3 continents and 25 countries, documenting his experiences in writing or through
audio-visual means and sending them back to Belarus using modern internet technologies. Halfway
through his journey, Volha Palevikova, a columnist
from 34mag.net, joined him and accompanied him
in Southern Asia and both Americas.
In its essence, Svechnikau’s book perfectly fits
the definition of a travel narrative given by David
Chirico as “a non-fictional first-person prose narrative describing a person’s travel(s) and the spaces
passed through or visited, which is ordered in accordance with, and whose plot is determined by, the
order of the narrator’s act of travelling”4 . Being a
3
1
Here and further in the text I use transliteration from Belarusian
versions of names.
2
See R. Svechnikov, Roma yedet, Vokrug sveta bez grosha v karmane, Moskva 2016.
R. Svechnikau, “Roma yedze”, link <http://gedroyc.by/svechnika
u.html>.
4
D. Chirico, “The Travel Narrative as a (Literary) Genre”, Under
Eastern Eyes. A comparative Introduction to East European
Travel Writing on Europe, edited by W. Bracewell, A. DraceFrancis, Budapest, New York 2008, pp. 27-59.

eSamizdat 2016 (XI)
first-person narrative, the book puts the depiction
of countries, cultures and peoples into a subjective perspective. Several distinguishing traits define Raman’s cultural and personal background as
a traveller and writer5 .
Regarding Raman’s background, we can define
several important presuppositions of his travelling
that to a certain extent influence his perception
of other cultures. First of all, Raman cannot be
perceived as a bearer of imperialistic standpoints
or cultural background that may offer ground for
ideas of domination or superiority. This may be explained by the nature of Belarusian cultural space
in the post-Soviet decades and the very nature of
the state of Belarus, which gained its independence
in its present-day borders only after the demise of
the Soviet Union. Throughout most of its history this land was always a part of larger multinational states and was always under the influence of its “greater” neighbours (Poland and Russia being the most powerful of them). In its postSoviet era, after a short period of national “renaissance” in the early nineties, Belarus experienced
a shift towards “neo-Sovietization” and Russification of its cultural space characterized by attempts to build a miniature friendship of the people’s state. Analysing the post-Soviet development of Belarus, Belarusian writer and philosopher Ihar Babkou has interpreted the Belarusian
experience within a post-colonial paradigm and expressed the idea of today’s Belarus as a country with
a “repressed identity”6 . “Belarussian identity” itself
cannot be easily explained because of the country’s
“transculturality” and its existence being defined by
real and imaginary borders surrounding it. Babkou
says, “Today’s Belarusian cultural space is a nonhomogenous space of national culture, where dynamics (and dialectics) of evolution function as a
complex game between the centre and the periphery, as an alternation of romantic, modern and postmodern myths”7 . This non-homogeneity manifests
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
itself in various forms: a split linguistic identity and
a blurred ethnic identity, radically different views
on country’s history and contemporaneity. Another
peculiar trait of today’s Belarusian mentality is introduced by the book’s cover photo, which contains a peculiar moment that is important in order to
understand the cultural preconditions of Raman’s
journey. We see Roma8 dressed in a t-shirt with a
print reading “404. Belarus not found. Error. Perhaps the land has either been moved or deleted”.
Fig. 2. The cover of the first book,
<http://delaemvmeste.by/wp-content/uploads/2014/0
8/Roma-edze-493x700.jpg>.
This image can be interpreted in two ways.
Firstly, it is a common place for Belarusians to think
that few people in the world have a clear idea of Belarus or its more or less exact location. It is almost an organic part of contemporary Belarusian
national narrative9 . Secondly, it can be understood
Perekryostki, 2005, 3-4, pp. 127-136.
Roma is short for Raman.
9
Recently, it has been reflected in a humorous way by M. Cheriakova, M. Chernova, the authors of the book Heta Belarus Dzietka! [Minsk 2015]. See also: S. Kviatkouski, Yak stats belarusam. Sto historyy, Minsk, 2014; V. Akudovich, Arkhipelah
Belarus, Minsk 2010.
8
5
Here and later in the paper I will not strictly follow the chronology
of Raman’s journey, but rather use excerpts to illustrate my points.
6
I. Bobkov, “Postkolonialnyye issledovaniya”, Noveyshiy filosofskiy slovar, edited by A. Gritsanov, Minsk 2003, pp. 776-777.
7
Idem, “Etika pogranichya: transkulturnost kak belorusskiy opyt”,
I. Posokhin, Belarus vs. World: Raman Svechnikau’s Journey around the World
as a critique of the de-Belarusization of the land,
which leads to the existence of a country with the
aforementioned vague identity.
Roma’s descriptions of the causes and goals of
his journey are filled with gloomy imagery of a restrictive native time-space, since Roma seems to
fall into the category of Belarusian citizens who
have critical views towards Belarusian political and
social reality. This can be illustrated by the way
Svechnikau describes the Minsk underground:

In another chapter of the book, when Raman is
in Georgia, we meet with another usage of selfenlarging strategies:
Хутка збягаю з гары. Па дарозе сустракаю пару дрэваў з грушамi. Вось ён я – Юра Гагарын перад адкрытым космасам!
Унiзе, ля падножжа гары, бяжыць дарога. Я стаю на пагорку
i грызу дзiкi плод дрэва. Пакуль што я магу толькi пазайздросцiць гэтай жылiстай дзiкасцi14.
Commonly, in traditional imperialistic travel
writings the scenes (M.L. Pratt called them “the
15
Тут мяне кожны раз сустракаюць, як тэрарыста, правяраю- monarch-of-all-I-survey” scenes) presenting the
ць мой заплечнiк. А яшчэ гэты заўсёды жыццярадасны голас protagonist observing a land “from the hill” reflect
розуму з дынамiкаў: “Паважаныя пасажыры, будзьце пiль“fantasies of empowerment and social advanceнымi. . . ” Амаль як у старэчы Орўэла10 .
ment”16 , but I believe that, in this case, Raman
Consequently, Roma sees his journey as an “es- stresses not the superiority, but his astonishment
cape”11 , which he describes metaphorically, com- combined with naivety and unspoilt view; hence the
paring himself to a dog on the leash:
comparison with the space pioneer Gagarin whose
Гэтыя паўгода я планамерна рваў ланцуг, якiм быў прыка- image has positive symbolic connotations in postваны да будкi. Апошнi рывок – i мой ашыйнiк сарваны. Я
прагна глытаю паветра i кладу ўсе назапашаныя сiлы на тое, Soviet discourse. We can also see that Raman’s
каб быць далей ад будкi, мiскi i гаспадара. Я адпраўляюся ў ideals lie in being wild, untamed, which is often exкругасветнае падарожжа12 .
pressed by animal and vegetative metaphors as he
On the early stages of his journey, even a thought perceives and presents wild plants and animals as
of returning home frightens him:
truly free. We can illustrate this point by quoting
Мне снiцца адзiн i той жа сон, быццам я вяртаюся дадому ў from the chapters about Mexico and Argentina:
Менск [. . . ] Ад такiх карцiнак я пачынаю панiкаваць. Мая
дарога – гэта ўсё, што ў мяне ёсць. [. . . ] Адчуваць, як гэты
шар круцiцца пад табой. Адчуваць, як ты яго круцiш13.
Хай лепш на тратуары валяюцца паўразумныя брудныя людзi i кожны квадратны метр гарадскiх фасадаў будзе ўшчэнт
спiсаны графiцi. Хай лепш мяне абрабуюць ноччу ў падваротнi i дадуць бутэлькай па галаве. Гэта сапраўды лепш, чым
жыць у стэрыльным акварыуме з кормам для рыбак17 ;
Thus, one of the principal aims of the journey
for Roma is to gain freedom, and the journey itself transforms into a form of building up his selfworth; it is meant to make him more important,
first of all in his own eyes. Hence the usage of the
self-enlarging metaphors of “spinning the Earth”.
or
Праз паўгода жыцця ў дзiкiх умовах мы вяртаемся ў цывiлiзацыю. Звер унутры мяне сумуе, чалавек нарэшце ўдыхае на
поўныя грудзi. Апошнiя шэсць месяцаў былi добрай школай
знаёмства з iнстынктамi. [. . . ] Сабака ўнутры мяне расплюш-
10
“Here [in the underground] they always consider me as if I were a
terrorist, they check my backpack. And also this ever-joyful voice
of reason coming from the loudspeakers: ‘Dear passengers, be vigilant. . . ’ Almost like in old man Orwell’s”, R. Svechnikau, Roma
yedze. Kniga 1, Minsk 2014, p. 10.
11
Ibidem, p. 11.
12
“For the past six months I’ve been deliberately tearing the leash
that chained me to the kennel. The last tug and my leash is off.
I greedily swallow the air and with all my accumulated strength I
am trying to be far from the kennel, the bowl and the master. I am
going to travel around the world”, Ibidem, p. 13.
13
“I have the same dream as if I was getting back to Minsk for a
couple of days and then continued my trip. I start panicking when
I see these images. My road is all I have. [...] To feel the Earth
spinning under you. To feel that you are spinning it”, Ibidem, p.
136.
14
“I quickly run down the mountain. I stumble upon a pair of pear
trees along the way. Here I am – Yuri Gagarin standing in front of
the open space! Underneath, at the mountain foot, runs the road. I
am standing on the hill gnawing the wild fruit. For now, I can only
envy this stringy wildness”, Ibidem, p. 16.
15
M.L. Pratt, Imperial Eyes: Travel Writing and Transculturation, London, New York 2008, pp. 197-204. See C. Thompson,
Travel Writing, London, New York 2011, p. 120.
16
Ibidem.
17
“May all the pavements be covered with half-mad dirty people and
every square metre of city facades be covered with graffiti. May I
be robbed in a gateway at night and get a bottle over my head. It
is indeed better than living in a sterile fishbowl with fish feed”, R.
Svechnikau, Roma yedze. Kniga 2, Minsk 2015, p. 124.

eSamizdat 2016 (XI)
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
Roma also visits Azerbaijan and Armenia, where
he is struck by the level of hatred still present in reThe wildness and freedom he found in his journey lationships between two nations, as seen in the dimakes it difficult for him to deal with the reality of an alogue between Roma and an Azerbaijani security
guard:
imagined and later real comeback:
чыў вочы, яму больш не патрэбныя законы, запiсаныя словам. Ён чуе клiч прыроды – уласны час18 .
Я стамiўся ад дарогi. [. . . ] Мне вельмi хочацца дадому, да сябе, у Менск на станцыю метро “Аўтазаводская”. Мне хочацца выгуляць свайго сабаку i абняць бацькоў. Я так хацеў бы
напiцца са сваiмi сябрамi. Але ёсць адна рэч, якая мяне палохае i спыняе. Я ведаю, што ў мяне не атрымаецца жыць на
першай панiжанай. Я не змагу мiрыцца з тыранiяй кiраўнiкоў,
законаў i традыцый. Я шалёна хачу пазбавiцца ўласнага iмя i
любога пашпарта. Я хачу быць простым чалавекам безадносна любога дзяржаўнага ладу i статусу19.
Generally, it can be seen in the narrative that Belarus, as a place, is hardly a missed land; Roma’s
rare feelings of nostalgia and thoughts of returning are mostly directed towards “home” and familiar places rather than the country itself.
Moving to less self-oriented sides of Raman’s
narrative, the author depicts his journey through
post-Soviet territories, mainly located in the Caucasus region. He acknowledges the traces of postSoviet traumatic experiences and finds evidence of
several frozen conflicts in the region. A powerful moment in this narrative is Roma’s arrival in
Beslan, where his background knowledge is actualized and the previously seen TV reports are contextualized within a real space:
– Магамед, а як ты да армян ставiшся?
– Я iх ненавiджу! Я б iх усiх выебаў! У нас тут iх наогул усе
ненавiдзяць! А ты ў Арменii быў, цi што?
– Так, быў. [. . . ]
– Калi б ты сюды галаву армянiна прывёз, то моцна б разбагацеў! [. . . ]
– Слухай, ну не могуць жа ўсе армяне дрэннымi быць!
Сам падумай, усюды ж ёсць добрыя людзi.
– Ну-у-у, бабы армянскiя мне падабаюцца. Цела ў iх добрае,
твар толькi – лайно.
– Магамед, а ты ў Бога верыш?
– Вядома, у нас у Азербайджане ўсё паводле Карану!
– А ты яго ўвесь прачытаў?
– Я ўсё i так ведаю. Чытаць не абавязкова21 .
Roma also decides to go the conflicted area of
Nagorno-Karabakh, where the confrontation between Armenians and Azerbaijanis culminated in
the late Soviet era and in the nineties. Roma’s
view of this place is once again presented in an eyeopening way and makes him to draw a comparison
with Belarus:
а тым часам у мяне адпадае скiвiца – мы ўязджаем у Беслан.
Я ведаў, што ён у Паўночнай Асецii, але не ведаў, што буду
праязджаць праз яго. Я не магу знайсцi словаў. Мы выходзiм
з машыны – перада мной пахаваныя некалькi сотняў дзяцей.
Для мяне Беслан – рэпартаж па тэлевiзары. Я не ведаю, як
гэта прыняць або ўсвядомiць20.
З трэцяй спробы я нарэшце трапляю ў Карабах. Сцепанакерт – як Менск, чысты, з кветнiкамi i людзьмi за стабiльнасць. Толькi iх iмкненню да стабiльнасцi хочацца верыць. Тут
яшчэ пахне вайной, прайшло толькi дваццаць гадоў – вайна
ў вачах кожнага. [. . . ] Мяне расцягваюць па кавалачках поглядамi, але я зусiм не супраць – я адчуваю павагу да гэтых
людзей, я гатовы размаўляць з кожным i пра што заўгодна.
[. . . ] Тут яшчэ шмат слядоў вайны – разбураныя бамбёжкай вёскi, зарослыя варонкi ад снарадаў, сляды ад кулямётных чэргаў на сценах, людзi без ног, вачэй, рук. Я ўпершыню
ўрубаюся ва ўсё гэта. Некалькi дзён я блукаю па ўскраiнах
горада, каб адчуць пасляваенны правiнцыйны дух22 .
“After six months of living in the wild, we are getting back to civilization. My inner animal is sad, but the man finally takes a deep
breath. The last six months were a good training to get acquainted
with my instincts. [. . . ] My inner dog has opened up his eyes, he
doesn’t need laws written in words anymore. He feels the nature
call – his own time”, Ibidem, p. 178.
19
“I am tired of the road. [...] I really want to go home, to my place,
to Minsk and the Avtozavodskaya underground station. I want to
take a walk with my dog and to hug my parents. I want to get drunk
with my friends so much. But there is one thing that frightens and
stops me. I know that I won’t be able to live a low gear life. I won’t
be able to put up with the tyranny of the rulers, laws and traditions.
I desperately want to get rid of my own name and any passport.
I want to be a common man irrelative of any political system and
status”, Ibidem, pp. 59-60.
20
“my jaw drops as we enter Beslan. I knew that it was in North Ossetia, but I didn’t realize we’d travel through it. I can’t find words.
We get out of the car – in front of me I see a several hundreds of
buried children. For me Beslan is a TV report. I don’t know how
to accept it and acknowledge it”, R. Svechnikau, Roma yedze.
Kniga 1, op. cit., p. 17.
21
“– Magomed, what do you think about Armenians? – I hate them.
I’d fuck them all! We all hate them! You’ve been to Armenia or
what? – Yes, I’ve been there. [...] / – If you had brought a head of
an Armenian here, you would have been very rich! [...] / – Listen,
but the Armenians can’t be all that bad! Just think about it, good
people are everywhere. / – Weeell, I like Armenian chicks. They
have a nice body, but the face is shit. / – Magomed, do you believe
in God? / – Sure, in Azerbaijan, it is all according to Quran! / –
Have you read it? / – I know everything. It’s not necessary to read
it”, Ibidem, pp. 106-108.
22
“The third attempt is successful and I finally get to Karabakh.
Stepanakert is like Minsk, clean, with flower-pots and people rooting for stability. However, one wants to believe in their striving for
18
I. Posokhin, Belarus vs. World: Raman Svechnikau’s Journey around the World
Besides the traces of the conflicts that escalated
in a dramatic way, Roma also depicts the everyday conflicts between the peoples of Caucasus, and
the conflicts between them and Moscovites (generally, “white” people from other regions of Russia).
In these situations, Roma saves himself by stressing his Belarusian origins and by distancing himself from the Russians: “Адзiн альфа-самец нават вылазiць з машыны, каб разабрацца з намi,
памылкова прыняўшы нас за масквiчоў. Мы ўцiхамiрваем яго пявучай беларускай мовай”23 . All
in all, he depicts his journey through Caucasus and
southern regions of Russia by stressing the remains
of the Soviet legacy as a part of a broader shared experience: an oppressive experience that can function as a part of a familiarising technique. In some
way, they are meant to present places as less exotic, as in his depictions of Armenia: firstly, in Yerevan: “Цэнтр Ерэвана ўзяты ў палон савецкiмi манументальнымi будынкамi”24 , then during his visit
in an old woman’s house: “Перада мной кватэра,
у якой час спынiўся ў сямiдзясятых. У шафах –
рускiя кнiгi, вялiзныя стосы кружэлак, у бары –
хрустальны сервiз”25 , and later at a train station
near Azerbaijani border: “У вялiкiм памяшканнi
будынка стаяць толькi стол, крэсла i сейф, пад
якiм я знаходжу некалькi савецкiх манет”26 . This
“sovietness” and general affinity evoke disturbing
images of the homeland:
ляроў сувенiрамi. У мяне закладвае вушы. Вакол усё такое
роднае, што хочацца выбегчы з машыны i ўцячы ў горы27.
Generally, during the course of his post-Soviet
journey, Roma still moves around familiar geographies with at least some background (though often
stereotypical) knowledge of what to expect from,
for instance, people of the Caucasus region. He
is convinced of their hospitality and emotional expressivity. An interesting pattern gradually builds
up in the following chapters: the “Slav-out-ofnowhere,” which designates all the sudden encounters with Slavic people from Eastern and Southern
Europe. Roma frequently stresses the Slavic origin of a group or an individual; he shares his experiences with them as if to show a contrast with the
locals. Sometimes it even looks like a subconscious
search for a culturally closer companion, for example when he travels in Armenia (“Калi я дабiраюся да яго хаты, высвятляецца, што акрамя мяне
ён гатовы прыняць яшчэ восем чалавек: чатырох
чэхаў, польку, харватку, славачку i турка. Ну i
мяне – беларуса. Амаль славянская сям’я атрымлiваецца”)28 , in Alaska (“Маральна мы ўжо
рыхтуемся заночыць у стылай глухменi, але раптам з цемры ляснога масiву на нязграбным шумным цягачы выпаўзае ўкраiнец Сямён. Адзiны
на ўсю аляскiнскую тайгу, ён вязе нам вялiкi развадны ключ”)29 and in Laos:
Цямнее. Я манеўрую памiж крамамi з гароднiнай i кафэхамi, у якiх разлiваюць суп з локшынай. Раптам з цемры
з’яўляецца белы чалавек:
– Hey! Where are you from?! – цiкаўлюся я.
– Russia.
– О, прывiтанне! А я беларус, з Менска.
– З Менска?! А я з Брэста!30
Вакол бедныя вёскi i статкi авечак – нiякiх крамаў i ганд-
stability. It still smells like war here, only 20 years have passed,
so the war is in everyone’s eyes. [...] I’m getting torn by people’s
stares, piece by piece, but I have nothing against it, I feel respect
for these people, I’m ready to talk to everyone about everything.
[...] There are still a lot of traces of war. The villages destroyed by
bombings, shell-holes covered with grass, traces of machine gun
bullets on the walls, people without legs, without eyes, without
hands. For the first time I’m starting to understand these things.
For a couple of days, I wander around city’s outskirts in order to
feel the post-war provincial spirit”, Ibidem, pp. 58-60.
23
“An Alfa-male gets out of the car to get through with us, having
mistaken us for Moscowers. We calm him down by our melodic
Belarusian”, Ibidem, p. 123.
24
“Yerevan’s city centre is held captive by the monumental Soviet
buildings”, Ibidem, p. 40.
25
“I stand in the apartment where time stopped in 1970’s. There are
Russian books and a pile of old records in the cabinet, and a crystal
set in the bar”, Ibidem, p. 44.
26
“In this large premises I only find a table, an armchair and a safe
with some Soviet coins under it”, Ibidem, p. 49.

27
“Poor villages and flocks of sheep are all around, no shops or souvenir sellers. My ears get blocked. Everything around me is so like
home that I want to jump out of the car and escape to the mountains”, Ibidem, p. 20.
28
“When I get to his house, it turns out that besides me he’s willing to
accommodate another eight people: four Czechs, a Belarusian girl,
a Croatian girl, a Slovak girl and a Turk. And me – a Belarusian.
It almost looks like a Slavic family”, Ibidem, p. 40.
29
“We are mentally getting ready to spend the night in this freezing
no-man’s land, but suddenly Semyon, a Ukrainian, crawls out of
the dark forest in his awkward and noisy truck. The only one in the
whole Alaskan taiga, he brings us a big screw wrench”, R. Svechnikau, Roma yedze. Kniga 2, op. cit., p. 32.
30
“It’s getting dark. I am dodging among greengroceries and cafes
where they serve their noodle soup. Suddenly, a white man appears

eSamizdat 2016 (XI)
The last part is remarkable not only for the
use of the “white man” formula, but also for the
small but revealing detail about Belarusians’ selfidentification abroad. The stranger whom Roma
meets demonstrates a rather widespread among
Belarusians way of self-presentation: present yourself as a Russian or say that you are from Russia,
so that nobody gets confused about where you are
from. Roma presents himself as a Belarusian but
his common tongue with “compatriots” is almost
always Russian. Despite that, throughout his narrative, Roma expresses his growing urge to avoid
communicating or dealing with Russians, especially Russian businessmen living abroad and postSoviet Russian-speaking tourists. He uses negatively connoted language, including generalizations
and stereotypes while depicting the way Russians
behave abroad, which points to an obvious antagonism:
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
As Roma moves farther from the borders of
more or less familiar countries, his perception also
changes; he becomes cautiously observant and frequently amazed. One of the roughest experiences in
the first months of his journey is his stay in Iran, the
first Muslim country he visits. Roma’s depiction of
his Iranian experiences is rather peculiar because of
the constant comparisons he draws between Iran
and Belarus. He perceives Iran as an oppressive
state where he has to act like an “invisible man”33 in
order to communicate with his new acquaintances,
who criticize the regime. He sees common oppressive mechanisms in both countries comparing prisons:
Яго завуць Сiрыўс, i яму дваццаць чатыры. На яго шыi вытатуяваны крыж, а на спiне сляды ад удараў бiзуном – вельмi папулярнае ў Iране пакаранне. Кажуць, што пасля такой
працэдуры ты не можаш ляжаць на спiне некалькi месяцаў.
У нас у “Амерыканцы” амаль тыя ж метады34 ;
and police actions:
Тлустыя пераспелыя самкi, мабыць, з кiёскаў на рынку
“Хмяльнiцкi”, выгульваюць сiнтэтычныя сукенкi азiяцкiх куцюр’е ў чырвона-чорную палосачку з надпiсам Rich са стразаў, што абсыпаюцца, нiбы зоркi з неба. Iх кавалеры, у
танiраваных да абсалютнай iмглы акулярах, шортах маркi
Adidas, аранжавых майках-сетках без рукавоў i, вядома, з
нязменнымi в’етнамкамi на нагах, пацягваюць халодны пiвас.
Я ўжо бачу, як мне давядзецца падносiць экзатычныя напоi
гэтым айчынным турыстам. Унутры ўсё перакручваецца31 .
Падчас пратэстаў было забiта шмат маладых людзей, яшчэ
больш трапiлi ў турмы. Iранскi ўрад не саромеецца адкрываць агонь па пратэстантах. Нашым мянтам яшчэ ёсць куды
падаць i чаму вучыцца35 .
Roma then compares Iranian law-enforcers Basij
with Belarusian KGB officers36 and concentrates
his impressions of Iran in the following quotation,
While in the US, Roma even starts stealing where he puts his newly gained experience through
from supermarkets in order to avoid working for the prism of the experience of his native country:
У нас вельмi шмат агульнага з iранскай моладдзю. Iм гэтак
Russians: “Чарговы раз праглядаючы бруклiнжа балюча за сваю радзiму. Iм не зразумела, чаму iх лiчаць
скую дошку абвестак, я канчаткова вырашаю,
тэрарыстамi, як нам не зразумела, чаму нас лiчаць нязручнай
што больш не буду працаваць на рускiх iмiгранскацiнаю. Яны гэтак жа пакутуюць з пашпартамi. Кожны з iх
можа распавесцi гiсторыю пра тое, як адгроб па спiне дубiнтаў. Мяне не палохае праца, я проста баюся мець
кай, яны гэтак жа хаваюцца па ўнiверсiтэтах ад армii ды iм
справу з рускiмi людзьмi”32 .
усiм таксама не вядома, што далей37 .
from the darkness. / – Hey! Where are you from?! / – I ask him in
English. / – Russia. / – Oh, hi! – I say in Russian. – And I’m a
Belarusian, from Minsk. / – From Minsk? And I am from Brest!”,
Idem, Roma yedze. Kniga 1, op. cit., pp. 216-217.
31
“Fat overmature females from somewhere like a kiosk at a market place who take their red and black striped synthetic skirts from
Asian couturieres with the word Rich made of rhinestones which
fall off like stars from the sky. Their fancy men in absolutely black
sunglasses, Adidas briefs, orange fishnet sleeveless t-shirts and,
naturally, flip-flops on their feet are sipping on their cold beer. I am
already imagining how I will serve them with exotic drinks. Everything inside me twists”, Ibidem, p. 251.
32
“Browsing Brooklyn bulletin board for yet another time I definitely
decide not to work for Russian immigrants anymore. I am not
afraid by the work itself, I am just afraid to deal with Russian people”, R. Svechnikau, Roma yedze. Kniga 2, op. cit., p. 51.
33
Idem, Roma yedze. Kniga 1, op. cit., p. 71.
“There is a tattoo of a cross on Sirius’s neck, and his back bears
whip traces. It is a very popular punishment in Iran. They say that
after the procedure you cannot lie on your back for several months.
In our ‘Amerikanka’ prison they use almost the same methods”,
Ibidem, p. 74.
35
“During the protests many young people were killed, even more
ended in prison. The Iranian government isn’t ashamed to shoot
at the protesters. Our cops have where to lapse and have a lot to
learn”, Ibidem, p. 85.
36
Ibidem, p. 87.
37
“We have a lot in common with the young people of Iran. It is also
painful for them to see the situation in their country. They don’t
understand why others think they are terrorists, just like we don’t
understand why we are taken as valueless cattle. They suffer with
34
I. Posokhin, Belarus vs. World: Raman Svechnikau’s Journey around the World
The narrator also found “the double” in Iran.
During one of his desperate moments, Roma meets
Abtin, who reminds him of his own reflection in the
mirror:
У яго пакоi тое самае хлам’ё, што i ў маiм: друкарская машынка, пiянерскi горн, калекцыя фотакамер, таблiчкi з забароннымi знакамi i надпiсамi ды iншыя вельмi патрэбныя
рэчы. Але машынка – з персiдскай клавiятурай, горн – трохi
карацейшы за наш, айчынны. [. . . ] Мы разглядаем яго працы, i я губляю дар мовы. Я знаходжу партрэт свайго бацькi
i брата – ды што там, я знаходжу сябе. Я магу распавесцi
пра кожную дробную дэталь на яго малюнках. Нягледзячы
на тое, што ён вельмi дрэнна гаворыць па-англiйску, мы размаўляем паўночы аб усiх самых важных для нас рэчах38 .
Thus, the depiction of this “Double” follows the
same line of parallels we described earlier. Meeting
his “Double” changes Roma’s view of the country,
which he perceived as hostile and completely different. For the first time at this point of his narration
he uses the word inshaplanetsiane [aliens/extraterrestrials] to describe “the other”. This will be his
word of choice for depicting exotic and unknown
cultures:
Да апошняга моманту я жыў сярод iншапланецян, якiя не разумеюць мяне, i я не надта спяшаўся разумець iх, але цяпер я
сустрэў родную душу, i гэта самае важнае, што я магу сказаць
пра Iран39 .
As a whole, in his depictions of previously unknown and unseen cultures and people with whom
he shares no common social or cultural experience,
Roma is not too cautious when naming things directly or unconventionally. He is rarely compassionate towards the unpicturesque. In the second book, which covers Raman’s journey in Americas, the aforementioned “alien/extra-terrestrial” is
their passports as we do. Every one of them could tell a story about
getting a stroke on the back by a rubber hose. Just like us they hide
in the universities in order to avoid compulsory army service. And
none of them knows what’s coming next”, Ibidem, p. 90.
38
“In his room there is the same rubbish as in mine: typewriter, pioneer bugle, collection of cameras, signs with forbidden actions and
with writings and other very useful things. Only that the typewriter
has Persian keyboard, and the bugle is a bit shorter than ours. [...]
We look through his artworks and I lose the gift of speech. I’ve
found my father’s and my brother’s portraits, even my own. I can
talk about every detail on his pictures. Even though his English is
bad, we spend half a night talking about the most important things
in our lives”, Ibidem, p. 97.
39
“Until now I lived among extra-terrestrials who don’t understand
me and I didn’t try that hard to understand them, but now I’ve met
a common soul and it is the most important thing I can say about
Iran”, Ibidem, p. 96.

used predominantly in connection with Mexicans.
Mexico itself is called inshy svet [another world]40 :
“Метрапалiтэн горада нагадвае савецкiя фiльмы
пра пiянераў космасу. Цягнiкi – касмiчныя караблi, мексiканцы – iншапланецяне”41 . His depiction of Mexicans contains several clichés; he deliberately uses culture-bound linguistic elements to
exoticize the depicted:
Рэальнасць перапаўняецца тлусценькiмi жанчынамi з велiзарнымi сiськамi i вусатымi, цвёрдымi, як леташняя булка,
мужыкамi ў шыракаполых капелюшах i зiхоткiх ботах. На
рагу вулiцы адзiн сеньёр нацiрае да бляску боты iншаму сеньёру з газетай у руках. Побач размясцiлася сеньярыта,
каб пабарыжыць нарэзаным ананасам. [. . . ] Нарэшце мы
трапляем у мексiканскi серыял!42
In other chapters of the book, Roma repeatedly
uses mass-culture stereotypes or images frequently
used in media discourse, which serve as referential
images in his representation of unknown countries
and people. For example, he once again turns to
space exploration imagery to describe the Mongolian landscape: “Марсаход Curiosity можна было
з тым жа поспехам адправiць сюды – фатаграфii
гэтай часткi Манголii было б цяжка адрознiць ад
марсiянскiх. Хiба што, калi б у кадр трапiў якiнебудзь уазiк”43 .
The most controversial depictions are in the
chapters devoted to Roma’s journey through Central America, which is presented as an endless succession of ups and downs. The wildness and authenticity that were previously valued are frequently
interpreted from a negative perspective. More and
more often, Roma stresses the differences between
us and them; the experiences depicted in a positive way are commonly connected with Europeans
40
Idem, Roma yedze. Kniga 2, op. cit., p. 69.
“City’s underground reminds Soviet films about space exploration pioneers. The trains are spaceships, Mexicans are extraterrestrials”, Ibidem, pp. 79-81.
42
“The reality is overfilled with podgy women with huge tits and
moustachioed and hard as last year’s bread men in wide-brimmed
hats and shiny boots. At the corner of the street one señor is belarusian boots of a señor with a newspaper in hands. Not far away a
señorita sits peddling some cut pineapple. [...] We are finally inside
a Mexican telenovela!”, Ibidem, pp. 74-75.
43
“Curiosity, the Mars rover, could have been easily sent here, because photos of this part of Mongolia would have been difficult to
distinguish from those from Mars. Only if a Soviet truck gets in the
photo”, Idem, Roma yedze. Kniga 1, op. cit., p. 163.
41

eSamizdat 2016 (XI)
or North Americans living in the region. The feeling of difference becomes stronger depending on
the country and varies from stating said difference (“Мне складана апiсаць сваё стаўленне да
балiвiйцаў, але я востра адчуваю рознiцу ў нашай сутнасцi. Яны людзi пустынi, людзi гор, i
ў iхнай лёгкай хадзе па бязмежных узгорках адгадваецца векавая натуральнасць”)44 to absolute
lack of acceptance. But most commonly, the feeling of estrangement is rooted in the feeling of danger that dominates Roma’s travelling around the
region: “Дарэчы, кожны лацiнаамерыканскi горад з надыходам змроку пераўтвараецца ў небяспечную клааку, якая кiшыць усялякай нечысцю.
Сонца хаваецца за гару, i вулiцы адразу напаўняюцца оркамi i ваўкалакамi”45 .
Further on, this feeling of estrangement or alienation within an unknown culture transforms into
what can be called the “otherness of self”. Through
depictions of “the other”, the narrator shifts attention to his own otherness within the surroundings,
which causes his frustration. Even before South
America, we can find the first manifestations of this
phenomenon. Interestingly, in some cases, the feeling of otherness comes from acknowledging race
and skin colour; for example, in China: “Наперадзе
дзiкая i чужая Азiя. На доўгiя месяцы, а можа i
гады, я ператваруся ў ‘белага мiстара’, а значыць – у iншага”46 , and later in Latin America: “Па
вулiцах [Нуэва-Лярэда] снуюць пiкапы, пад завязку забiтыя ваеннымi аўтаматчыкамi, якiя праводзяць нас здзiўленымi позiркамi. Падобна на
тое, што мы адзiныя белыя ў гэтым горадзе”47 .
In the strongest and least politically correct way,
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
this sort of experience is expressed in the chapters devoted to Central America. In the passages
quoted below, the narrator reintroduces his animal
metaphors, but this time to underline his stressful
experiences: “Два апошнiя месяцы я пачуваюся
лугавым трусам. Жыццё траваеднага пастаянна звязанае з сур’ёзнымi стрэсамi. Кожны
сустрэчны наровiць зняць з цябе твой беленькi
пушысты кажушок сваiм востранькiм сцiзорыкам”48 . The strongest imagery, that derives from
the feeling of alienation, is used in depictions of the
Peruvian highland villages and the locals’ attitude
towards the travellers:
[. . . ] я нават адчуваю вiну перад мясцовымi жыхарамi, што
гэтак жа не магу падаць iм капейчыну на тое-сёе. Кожны сустрэчны малец тыкае ў нас пальцам i з ваяўнiчай грымасай
крычыць на ўсю вулiцу: ‘Гры-ы-ынгас!’ Мясцовыя вытрэшчваюцца на нас, як ведзьмы на iнквiзiтараў. [. . . ] наша паўтаратыднёвае падарожжа па горных вёсачках поўнiцца сярэдневяковаю халоднаю злосцю49.
As one can see, Raman once again accents the
skin colour factor as the basis of his feeling of alienation:
Усё навокал нiбы пад уздзеяннем нейкай асаблiвай сацыяльнай радыяцыi. Мы бачым толькi доўгую горную грунтоўку i
непрыветлiвых брудных людзей, якiя рэдкiмi зубамi жуюць
жылiстае мяса. Яны хрумсцяць храсткамi i глядзяць на мяне
з пагардаю. Яны лiчаць мяне вiнаватым у тым, што iхныя адзенне, твар i будучыня брудныя. Iм здаецца, што горад iхны
засраны таму, што ў мяне белы твар50 .
Raman’s journey and writings present an interesting and unique phenomenon in its original cultural context, since for historical, political and economic reasons travel writing is neither common,
nor popular genre in Belarusian literary tradition.
In this respect, he may even be considered one of
48
44
“For me it’s difficult to describe my attitude towards Bolivians, but I
strongly feel that our essence is different. They are the highlanders,
the people of the deserts and their light pace around borderless hills
reminds of us their long-established genuineness”, Ibidem, p. 174.
45
“By the way, after dark every Latino-American city transforms into
a dangerous foul place swarming with all the evil spirits. The sun
hides behind the mountain and the streets are immediately covered
with Orcs and Werewolves”, Ibidem, p. 133.
46
“Wild and unfamiliar Asia lies ahead. For months or even years,
I am going to be a ‘white mister’, hence – the other”, Ibidem, pp.
147-148.
47
“Trucks full with gunned men circle around [Nuevo Loredo] the city
Gunmen follow us with surprised looks. It looks like we are the only
white people in town”, Idem, Roma yedze. Kniga 2, op. cit., p. 70.
“For two months I feel like a jackrabbit. The life of an herbivore
is very stressful. Everyone wants to get your white fluffy skin with
their sharp knives”, Ibidem, pp. 104-105.
49
“[. . . ] I even feel guilty towards local people for not being able to
give them some coins. Every kiddo we meet points finger at us and
shouts with a militant mug: ‘Gringooos!’ The locals stare at us
like witches at inquisitors. [. . . ] our week and a half long journey
through highland villages is full of cold medieval anger”, Ibidem, p.
143.
50
“Everything around us seems to be under the influence of some
special social radiation. All we see is a long unpaved road and unfriendly dirty people chewing stringy meat with their few teeth. [...]
They look at me scornfully. They blame for their dirty clothes, faces
and future. They think that their town is dirty as shit because my
face is white”, Ibidem, p. 144.
I. Posokhin, Belarus vs. World: Raman Svechnikau’s Journey around the World
the pioneers of the genre in Belarus. But even beyond Belarusian reality, this book may also present
a valuable insight into the mind of a young, modern Belarusian man for an outsider. Despite his
demonstrative cosmopolitanism and openness to
the world, Raman’s sense of belonging to Belarus,
even as an imagined land, is strong and his experiences gained in “outer world” are inadvertently
put into a “native” perspective. As was said earlier,
for Raman, the “native” is not necessarily found in
strict geographical coordinates, it can be characterised as a feeling of belonging (willing or unwilling) to a certain cultural reality, which in Belarus
is characterised by the aforementioned blurriness of
collective identity caused by social development in
the post-Soviet era. His perception of the “native”
is strongly marked by the feeling of being oppressed
by it. Thus, in a broader perspective, all of his journeys may be interpreted as his search for freedom
(in ways of self-expression, in closeness to the wild
www.esamizdat.it

nature, in human communication etc.) in other
lands and cultures.
Roma’s journey did not cover Europe since his
itinerary was initially directed eastward. After
South America, he and Volha Palevikova returned
to Belarus through Kiev. Although the reasons
he could not go to the EU first are completely legitimate and described thusly: “Шчыра кажучы,
нам вядома, што тут зрабiць [Шэнген] практычна немагчыма – згодна з законамi Еўразвяза, мы
маем права падаваць на вiзу толькi ў краiне нашага жыхарства. Цэлы дзень мы душымся ў
прыёмных усiх магчымых еўрапейскiх амбасадаў,
але цуд так i не адбываецца”51 , the situation transcended its bureaucratic character and became almost symbolic: as if once again, after all the troubles and encounters with the new and the unknown,
a Belarusian is reminded of his own otherness even
within Europe.
Ivan Posokhin, “Belarus vs. World: Raman Svechnikau’s Journey around the World”, eSamizdat,  (XI), pp. -
51
“Frankly speaking, we know that it is almost impossible to obtain
[Schengen visa] here, since according to the EU laws we have a
right to apply for the visa only in the country of our residence. We
are stuck at the suffocating receptions of every possible European
embassy, but the miracle doesn’t happen”, Ibidem, p. 189.
L’incontro con l’America nella letteratura russa: l’immaginario e
la realtà nelle opere di Vasilij Aksenov (1970-1980)
Luizetta Falyushina
♦ eSamizdat  (XI), pp. - ♦
A metamorfosi dell’immagine dell’America nella letteratura russa del periodo sovietico è stata così significativa che già da tempo è diventata
un oggetto complesso e gratificante di studi letterari. Nel periodo pre-rivoluzionario e rivoluzionario l’America viene spesso vista come un “antimondo” rispetto alla Russia, oppure come un paese sotto il potere del “diavolo giallo” (M. Gor’kij)1 , dove
governano capitalisti-sfruttatori, privi di scrupoli e
avidi di guadagno2 .
Negli anni Venti e Trenta diventa tipico un atteggiamento duplice verso l’America: da un lato
la classe dirigente sovietica vede negli Stati uniti il suo principale rivale politico ed economico e si
augura che presto l’auspicata rivoluzione proletaria
mondiale distrugga completamente il sistema capitalista3 , dall’altro nutre interesse per l’esperienza
economica e industriale americana. Così, ad esempio, nell’opera di B. Pil’njak O’key: amerikanskij
roman [Okay: un romanzo americano, 1931], nonostante il prevalere dello spirito di propaganda sovietica e l’accesa denuncia dell’ingiustizia sociale americana, si percepisce chiaramente l’apertura
dello scrittore nei confronti di un’altra cultura, di
un’altra mentalità.
Una fase qualitativamente nuova nella trattazio-
L
1
M. Gor’kij, V Amerike, Berlin 1906.
Si veda N.N. Bolchovitinov, “Obraz Ameriki v Rossii”, Amerikanskaja civilizacija kak istoričeskij fenomen. Vosprijatie SŠA
v amerikanskoj, zapadnoevropejskoj i russkoj obščestvennoj
mysli, a cura di Idem, Moskva 2001, pp. 430-448.
3
Il noto giornalista N. Pomorskij nel suo saggio “Кak my priehali v
New York” [Come siamo arrivati a New York] pubblicato sul quotidiano Pravda il 10 settembre 1925, descrive New York come una
megalopoli che con i suoi grattacieli suscita nell’anima ogromnuju zlobu [una rabbia enorme] ed esprime la certezza che la rivoluzione del proletariato presto distruggerà etot urodlivyj gorod
[questa città mostruosa], N. Kubanev, Obraz Ameriki v russkoj
literature, Moskva-Arzamas 2000, p. 415.
2
ne del tema americano si apre con la pubblicazione
del saggio di Il’f e Petrov Odnoetažnaja Amerika
[L’America a un piano, 1936], che ha una tonalità diversa rispetto alle opere precedenti: senza pregiudizi e senza eccessiva polemica, addirittura con
un tono bonario, esprime il desiderio di capire l’essenza della vita americana, con tutti i suoi contrasti. In questo caso gli autori si sono allontanati dalla visione stereotipata dell’America come nemico,
ponendo le basi per un nuovo approccio nella rappresentazione letteraria degli Stati uniti, approccio
che ha dato i suoi frutti più significativi tra la fine
degli anni Cinquanta e l’inizio degli anni Sessanta,
durante il breve periodo di distensione dei rapporti
internazionali tra l’Unione sovietica e gli Stati uniti.
Durante la guerra fredda gli scrittori sovietici si
sono trovati di nuovo a essere fortemente condizionati dalla politica estera dell’Urss. La campagna
anti-occidentale – e in primo luogo anti-americana
– affermava che al posto del fascismo tedesco, considerato in genere il primo nemico della libertà e della democrazia, era subentrato l’imperialismo americano. Pertanto, tutto quello che faceva parte del
sistema occidentale (compresa la cultura e letteratura americana) veniva dichiarato nocivo, corrotto
e ostile alla cultura sovietica. In letteratura il tema
americano doveva avere una trattazione negativa,
si cercava così di creare l’immagine di un’America
volgare e primitiva4 .
La svolta arrivò a settembre del 1959, quando
N.S. Chruščev fece una visita ufficiale negli Usa;
ciò segnò l’inizio del periodo del disgelo nella politica estera sovietica, che rese possibile un’apertura nei rapporti internazionali. Insieme con la svol4
Ivi, pp. 416-418.

eSamizdat 2016 (XI)
ta ufficiale negli anni Cinquanta-Sessanta, la visione positiva dell’America venne supportata anche da altri fattori, come ad esempio il ricordo
e la gratitudine del popolo russo per l’intervento degli Stati uniti come alleati durante la seconda guerra mondiale. La varietà e la molteplicità degli oggetti inviati come aiuti umanitari dall’America alimentarono la percezione di una qualità più alta della vita dei cittadini americani, insinuando, nella consapevolezza del russo comune,
un sentimento di sfiducia nei confronti del sistema
socialista-comunista. Nonostante gli effetti della
guerra fredda e la pervasiva propaganda ideologica anti-americana, nella mente della generazione
post-staliniana si andava rafforzando l’interesse per
lo stile di vita americano5 .
Per quanto riguarda l’intelligencija degli anni
Sessanta, alla curiosità e al desiderio di riscoprire
la cultura occidentale, e in particolar modo quella
americana, si aggiunse un altro fattore di notevole
importanza: il rifiuto di credere nell’immagine ufficiale dell’America come mostro dell’ingiustizia politica e sociale, e anche la maturata e generalizzata
non accettazione del modo di vivere sovietico. Pur
rimanendo separati dal resto del mondo dalla “cortina di ferro”, molti intellettuali russi sono riusciti a
coltivare gli interessi pro-occidentali e a realizzare
quel povorot k Zapadu [la svolta verso l’Occidente]
che caratterizza il periodo del disgelo.
Vasilij Aksenov (1932-2009) è lo scrittore che
forse meglio di altri è riuscito a rappresentare la generazione dei cosiddetti šestidesjatniki6 e a descrivere l’avvenuta mitologizzazione dell’America,
che si può senz’altro definire come uno dei tratti peculiari della letteratura degli anni Sessanta. Nelle sue opere di quel periodo l’immagine del mondo occidentale e nello specifico dell’America si mostra nella sua veste affascinante e attraente, e viene
percepita attraverso la sfera artistico-culturale (in
particolare, il cinema, la musica e la letteratura).
5
Si veda P. Vail, A. Genis, 60-e. Mir sovetskogo čeloveka, Moskva
2001, pp. 64-74.
6
Gli šestidesjatniki rappresentano una corrente di scrittori sovietici fiorita in Unione sovietica negli anni Sessanta sull’onda del
disgelo.
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
Quali erano i presupposti di tale intensa attrazione, per non dire infatuazione, per gli Stati uniti? Aksenov ricorda che il suo primo incontro con
l’America era avvenuto in maniera indiretta durante
la seconda guerra mondiale. Come per la maggior
parte dei cittadini sovietici che pativano il freddo, la
fame e le altre sofferenze della guerra, per lui, allora bambino, l’immagine positiva di questo grande
stato si basava su fatti concreti come l’improvvisa
abbondanza di cibo che arrivava dagli Usa grazie
agli aiuti umanitari.
По продовольственным карточкам стало возможным иногда
получать невиданные доселе продукты: белое мягкое (для намазывания на хлеб) сало – лярд, яичный порошок для омлетов или просто для посыпки поверх сала, мясные консервы,
ветчинные консервы [. . . ], сгущенное молоко, сухое молоко
в пакетах с непонятными английскими надписями, пакетики
чаю на одну заварку и т. д.
Поставки продовольствия в рамках lend-lease (“в долг-срассрочкой”) не только уберегли миллионы детей от истощения и рахита, они также подняли общее настроение. Еда
прибывала к нашим желудкам, в общем-то, в мизерных количествах, однако народ вроде бы стал понимать, что он не
одинок, что о его детях пекутся в далеких странах7 .
Questi oggetti-simbolo americani che furono distribuiti alla popolazione dell’Unione sovietica grazie agli accordi con gli alleati, sono rimasti a lungo un favoloso ricordo per il popolo russo e hanno contribuito a creare nell’immaginario collettivo
il mito americano. La forte attrazione per la vita negli Stati uniti era alimentata anche dalle immagini
cinematografiche e dalla musica jazz d’oltreoceano
che veniva ascoltata clandestinamente captando le
stazioni radio occidentali.
Джаз в те времена был и в самом деле американским “секретным оружием”. Радиостанция “Голос Америки” в Танжере каждую ночь передавала двухчасовую джазовую программу. Мечтательные русские мальчики пятидесятых годов росли под звуки эллингтоновского Take train A и под бархатные
7
“Con le tessere alimentari è diventato possibile ricevere ogni tanto
prodotti mai visti prima: il lardo bianco e morbido (per spalmarlo sopra il pane), l’uovo polverizzato per fare omelette o semplicemente per metterlo sopra il lardo, la carne in scatola, il prosciutto in
scatola [. . . ], il latte condensato, il latte in polvere nelle confezioni
con incomprensibili scritte in inglese, il tè in singole bustine e altro.
Questo approvvigionamento alimentare nel quadro del lend-lease
(‘in debito a rate’) non solo ha risparmiato a milioni di bambini la
fame e il rachitismo, ma ha anche risollevato lo spirito generale.
Il cibo arrivava al nostro stomaco in quantità del tutto esigue, ma
sembrava che la gente iniziasse a capire che non era più sola, e
che in paesi lontani si preoccupavano dei loro figli”, V. Aksenov,
Lend-lizovskie. Lend-leasing, Moskva 2015, p. 28.
L. Falyushina, L’incontro con l’America nella letteratura russa: l’immaginario e la realtà nelle opere di Vasilij Aksenov (1970-1980)
перекаты голоса джазового комментатора Уилиса Кановера.
Музыку записывали на допотопных магнитофонах, а потом
играли сами на полуподпольных джазовых вечерах, нередко сопровождавшихся драками с комсомольской дружиной
и вмешательством милиции.
Клочки музыки, обрывки информации создавали золотое
свечение ауры, поднимавшейся над горизонтом на закате,
над недоступным и таким желанным Западом и над самым
западным Западом, над Америкой8.
A confermare le parole di Aksenov sul significato
che si attribuiva alla musica jazz nell’Unione sovietica, si possono riportare molte altre testimonianze lasciate dai suoi contemporanei, come ad esempio il noto jazz-man di quel periodo Aleksej Kozlov
e il critico musicale Efim Barban9 . Questi ultimi
sottolineano che in quegli anni il jazz, al di là della sua valenza propriamente musicale, era percepito
come simbolo di quella libertà di cui, nel paese sovietico, si sentiva la mancanza in maniera tangibile; inoltre, aveva per milioni di ascoltatori un fascino
straordinario che contribuiva a mitizzare l’America.
Oltre alla musica, l’altro canale di avvicinamento al mondo americano erano i film di Hollywood.
Già dopo la fine della seconda guerra mondiale, nei
cinema sovietici iniziarono a essere proiettati molti
film americani e tedeschi, che erano stati presi come
“bottino di guerra” in Europa occidentale; si trattava prevalentemente di commedie musicali o sentimentali in bianco e nero. A partire dalla fine degli
anni Cinquanta la percentuale di film hollywoodiani
proiettati in Russia cominciò ad aumentare sempre
più, grazie al grande successo riscosso10 . A pro8
“Il jazz in quei tempi era una vera e propria ‘arma segreta’ americana. La radiostazione ‘La Voce dell’America’ a Tangere trasmetteva
ogni notte un programma jazz di due ore. I giovani sognatori della
Russia degli anni Cinquanta crescevano con i suoni della melodia
di Ellington Take the A train e con la voce vellutata del commentatore di jazz Willis Conover. La musica veniva registrata su registratori obsoleti e poi ascoltata durante le serate semi-clandestine
di jazz, che spesso erano accompagnate dalle risse con le squadre di
komsomol e dall’intervento della polizia. Questi frammenti di musica e briciole di informazione creavano il barlume dorato dell’aura
che si alzava al tramonto sopra l’orizzonte, sopra l’Occidente, così
inaccessibile e così desiderabile, e sopra l’Occidente più occidentale che c’era: sopra l’America”, Idem, V poiskach grustnogo bebi,
Moskva 2011, p. 19.
9
Si veda A. Kozlov, Kozel na sakse,Moskva 1998; E. Barban, Černaja muzyka, belaja svoboda, Ekaterinburg 2002; V. Feiertag,
Istorija džazovogo ispolnitel’stva v Rossii, Sankt-Peterburg
2010.
10
Per dare solo un’idea della loro enorme popolarità in Unione sovietica riportiamo alcuni numeri: il film di avventure The magnificent

posito di questo diffuso spirito di ammirazione nei
confronti del cinema americano Aksenov racconta:
После войны в Германии в руки советских властей попало
немалое число так называемых трофейных фильмов. В большинстве своем это был сентиментальный хлам или нацистские антибританские подделки, но было также несколько
фильмов из американской классики тридцатых годов. Странным образом власти в поисках источника дохода пошли на
идеологический компромисс и пустили эти фильмы в прокат.
[...] Прокат трофейных фильмов был незаконным в правовом отношении, поэтому они шли под другими названиями.
The stage-coach, например, назывался Путешествие будет опасным, Mr. Deeds goes toWashington – Под властью доллара, The roaring twenties – Судьба солдата в
Америке. [...] обрезались все титры, так что мы не знали имени ни Джона Уэйна, ни Джеймса Кегни, и в таком виде фильмы выпускались на экран. Я смотрел Путешествие будет
опасным не менее десяти раз, Судьбу солдата в Америке
не менее пятнадцати раз. Было время, когда мы со сверстниками объяснялись в основном цитатами их таких фильмов. Так или иначе для нас это было окно во внешний мир
из сталинской вонючей берлоги11.
Infine un’altra componente rilevante che ha contribuito alla formazione dell’immagine positiva dell’America e la cui importanza non si può sottovalutare, è la letteratura americana. Quasi tutti gli
scrittori šestidesjatniki hanno subito la profonda
influenza di grandi scrittori americani come F.S. Fitzgerald, W. Faulkner, J. Dos Passos, J.D. Salinseven (con Yul Brynner) uscito nelle sale cinematografiche sovietiche nel 1962, fu visto da 63,7 milioni di spettatori; la commedia
Some like it hot (con Marilyn Monroe) uscita in Urss nel 1966, fu
vista da 43,9 milioni di spettatori; il film storico-drammatico Spartacus (con Kirk Douglas) uscito inUrss nel 1967, fu visto da 63
milioni di spettatori. Questi film sono stati tra i leader indiscussi
della distribuzione cinematografica sovietica di quel decennio. Si
veda S. Jutkevič, Ju. Afanas’ev, Kino: enciklopedičeskij slovar’,
Moskva 1986, pp. 219, 274, 408.
11
“Dopo la fine della guerra in Germania, nelle mani dei sovietici è
capitato un gran numero di film presi come trofeo. In maggioranza, si trattava di robaccia sentimentale oppure di pellicole naziste di
carattere antibritannico, ma c’erano anche alcuni classici americani degli anni Trenta. Stranamente, il governo sovietico, alla ricerca
di una fonte di profitto, fece un compromesso ideologico e li inserì
nella grande distribuzione cinematografica. [...] Poiché questo era
illegale dal punto di vista giuridico, i film erano distribuiti con titoli
diversi da quelli originali. The stage-coach per esempio si chiamava Il viaggio sarà pericoloso, Mr Deeds goes to Washington –
Sotto il potere del dollaro, The roaring Twenties – Il destino
di un soldato in America. [...] tutti i titoli originali erano tagliati,
perciò noi non conoscevamo i nomi né di John Wayne, né di James
Cagney; i film uscivano in proiezione in questo modo. Ho guardato Il viaggio sarà pericoloso almeno dieci volte, Il destino di
un soldato in America almeno quindici volte. C’erano dei periodi in cui parlavamo tra coetanei con le citazioni tratte dai film. A
ogni modo, per noi questi rappresentavano una finestra sul mondo
esterno dalla puzzolente tana di Stalin”, V. Aksenov, V poiskach
grustnogo bebi, op. cit., pp. 18-19.

eSamizdat 2016 (XI)
ger, J. Steinbeck, ma lo scrittore americano più popolare del momento era indubbiamente Ernest Hemingway. La prosa di Hemingway ha avuto grande influenza sul processo letterario di quel periodo
a tutti i livelli: nei suoi romanzi i lettori russi hanno trovato gli ideali che hanno contribuito a modificare la visione del mondo di un’intera generazione. Per molti, l’eroe lirico hemingwayano personificava l’immagine ideale dell’uomo americano,
immagine che veniva largamente condivisa e considerata un modello da imitare: non si trattava di
un super-man, ma di un intellettuale che sa vivere in una realtà difficile e imperfetta, un uomo coraggioso, ironico, capace di difendere la propria indipendenza, libero nei rapporti con le donne e con
un proprio codice d’onore. Gli intellettuali sovietici degli anni ’60, dalla somma di tutti questi fattori, ricavavano l’immagine dell’uomo occidentale,
libero e individualista, al quale avrebbero voluto somigliare. Aksenov riassume così il motivo del generale innamoramento per Hemingway nell’Unione
sovietica:
В разгаре хемингуэевского бума конца пятидесятых и начала
шестидесятых “Папа” был идолом российского студенчества
и интеллигенции разых возрастов и направлений. [...]
Культ Хэмингуэя возник в России от того, что его лирический
герой совпал с идеализированным, то есть неверным, а может
быть, как раз очень верным, в некотором астральном смысле,
образом американца; он воплощал в себе то, чего так драматически не хватало русскому обществу, – личную отвагу,
риск, спонтанность12.
Possiamo sostenere che l’avvenuto contatto del
pubblico sovietico con varie forme culturali e artistiche americane ha contribuito a creare un’immagine positiva dell’America. Per sottolineare ancora questa nuova sensazione di grande affinità creatasi con la cultura americana, si riporta una frase
emblematica di un altro noto esponente della cultura degli šestidesjatniki, il poeta Iosif Brodskij: “в
те годы [...] мы были больше американцами, чем
12
“Nel pieno del boom per Hemingway della fine anni ’50 – inizio
anni ’60, ‘Papà’ era l’idolo degli studenti e dell’intelligencija russa
di tutte le età e di tutti gli orientamenti. [...] Il culto di Hemingway è nato in Russia poiché il suo eroe lirico coincideva con un’immagine idealizzata, forse non vera o, forse, addirittura molto vera,
in senso mitico, di uomo americano. Egli incarnava quelle qualità
che così disperatamente mancavano nella società russa: coraggio
individuale, rischio, spontaneità”, Ivi, pp. 178-179.
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
сами американцы”13 . Probabilmente, questa affermazione potrebbe essere condivisa da molti scrittori
di quella generazione, compreso Vasilij Aksenov.
Indubbiamente, nella produzione letteraria di
Aksenov, l’America occupa un posto di rilievo in
quanto questo paese da luogo immaginario è successivamente diventato per lui una realtà concreta:
nel 1980 egli ha lasciato l’Urss e si è stabilito negli
Stati uniti. È importante sottolineare che nel panorama della letteratura russa sovietica, Aksenov è
riuscito a esprimere il mito americano in modo particolarmente avvincente e originale. Insieme ad altri scrittori dissidenti del suo tempo (V. Vojnovič,
A. Sinjavskij), egli sosteneva l’idea di uno sviluppo culturale condiviso da tutta l’umanità, verso un
unico obiettivo e vedeva nell’America l’immagine di
un paradiso perduto, un sospirato mondo di libertà, punto di riferimento per la possibile svolta della
Russia verso valori democratici e liberali. Egli credeva che si potesse giungere alla salvezza e all’armonia dell’umanità attraverso l’unione di due varianti di civilizzazione moderna, dove il materialismo americano viene compensato dalla spiritualità
russa garantendo la condizione della libertà intellettuale dell’individuo. Aksenov sottolineava la particolarità della sua posizione di dissidente non solo
politico, ma anche sociale, culturale e, si potrebbe
dire facendo riferimento alla famosa espressione di
Andrej Sinjavskij, “stilistico”14 .
Man mano che la situazione socio-culturale nell’Unione sovietica e nel mondo cambiava, Aksenov
mutava la sua visione dell’America. Nell’arco di
due decenni (1970-1980) possiamo evidenziare le
seguenti fasi dell’evoluzione di questo mito:
- la prosa sull’America scritta nell’Urss negli
anni ’70;
- le opere che descrivono l’America dal punto di
vista di un immigrato da poco arrivato negli Usa
13
“In quegli anni [...] noi eravamo ancora più americani degli
americani stessi”, I. Brodskij, Sočinenija Iosifa Brodskogo,
Sankt-Peterburg 2000, VI, p. 19.
14
Si riferisce alla famosa frase pronunciata da A. Sinjavskij, rilasciata durante un’intervista in Francia nel 1973 dopo che fu costretto a lasciare l’Unione sovietica: “Мои расхождения с советской
властью чисто стилистические” [Le mie divergenze con il potere
sovietico sono puramente stilistiche], Progulki s A. Sinjavskim.
Materialy konferencii, Moskva 2011, pp. 11-19.
L. Falyushina, L’incontro con l’America nella letteratura russa: l’immaginario e la realtà nelle opere di Vasilij Aksenov (1970-1980)
(prima metà degli anni ’80);
- la prosa americana della fine degli anni ’80,
scritta nel periodo in cui avviene la disgregazione
del sistema sovietico.
Nel ripercorrere l’evoluzione dell’immagine dell’America in Aksenov, partiamo dalla sua prima
opera sul tema americano, Kruglye sutki nonstop [Ventiquattro ore non-stop, 1976], scritta subito dopo il suo primo viaggio negli Usa avvenuto nel 197515 . Probabilmente è uno dei racconti più pittoreschi del viaggio in America all’interno
della letteratura sovietica, divenuto un best-seller
subito dopo la pubblicazione nella rivista letteraria Novyj Mir. L’America descritta da Aksenov in
questo saggio era totalmente diversa dall’immagine ufficiale proposta dai mezzi di comunicazione di
massa sovietici, che mettevano in luce in particolare i drammatici contrasti sociali. Al contrario, i
lettori di Aksenov scoprivano, attraverso il suo racconto, che gli americani conducevano una vita ricca di interessi professionali, intellettuali e culturali
e che caratterialmente non erano tanto diversi dai
russi. Il giornalista Dmitrij Petrov ricorda così la
sua prima impressione dopo aver letto Kruglye sutki non-stop: “Поразило исходящее от него [текста] ощущение свободы, рождавшее внутреннюю
уверенность: это то, что надо...”16 .
Dal punto di vista stilistico, quest’opera si differenzia significativamente dal tipico “diario di viaggio”, in quanto combina in sé elementi di fantasia
con meditazioni del narratore sulla sua esperienza
americana. Insieme alla descrizione dei luoghi geografici e delle impressioni di viaggio, l’autore sviluppa molto abilmente un percorso fantastico parallelo.
Così, in questo testo troviamo sia la voce dell’autore Vasilij Aksenov (che in prima persona condivide
con i lettori le proprie impressioni e riflessioni americane), sia la narrazione condotta in terza persona, dove l’eroe principale è un personaggio fittizio di
15
V. Aksenov, “Kruglyesutki non-stop”, Novyj mir, 1976, 8, pp. 51122.
16
“Mi ha colpito la sensazione di libertà che veniva dal testo e
che faceva nascere una certezza interiore: è questo che ci serve...”, D. Petrov “Aksenov – čelovek neisčerpaemoj sud’by”,
Naša gazeta, 13 febbraio 2013, disponibile all’indirizzo internet: <http://nashagazeta.ch/news/14927> (ultimo accesso,
16/09/2016).

nome Moskvič. Si intrecciano così vari piani narrativi: la descrizione della realtà, le digressioni liriche
e il quadro fantastico dei personaggi fittizi.
Per molti versi, l’effetto frizzante e in un certo
senso carnevalesco di quest’opera è dovuto anche
al tono di ironia penetrante, a volte bonaria, a volte
pungente, tipica dell’autore. Effettivamente, come
sottolinea il critico Aleksandr Kabakov, l’ironia era
un tratto distintivo dello stile letterario di Aksenov:
Вася, как бы ни старался, не мог преодолеть свое, Богом данное ему чувство смешного. Не мог и баста! Он ведь всегда
все писал вроде бы всерьез, а получалось совсем наоборот
[. . . ] Вот смотри, даже в таком общеупотребительном жанре, в котором хотя бы один раз в жизни, но практически все
литераторы отметились, – путевые заметки. Все его советские и антисоветские путевые заметки – и Под знойным
небом Аргентины, и Круглые сутки нон-стоп, и В поисках грустного бэби – полны иронии, издевки, выдумки. [. . . ] Все эти книги написаны иронически, некоторые написаны просто комически. Он абсолютную серьезность не
понимал и не любил17.
Oltre a far trasparire nel testo un costante atteggiamento ironico, per rendere ancora più dinamica e divertente l’opera, Aksenov presta particolare attenzione alla forma e alla struttura interna, che
organizza con grande cura e abilità.
I due piani di narrazione (quello dell’autoreprotagonista e quello di Moskvič) si alternano con
una regolarità quasi perfetta. Tutti i capitoli dedicati a Moskvič portano il titolo di Typical American Adventure, seguito dalla numerazione ascendente (Part I, Part II, e così via) e da un sottotitolo.
Qualche critico ha valutato l’introduzione nel testo
del personaggio fittizio e delle sue fantastiche avventure come un espediente dell’autore per dare al
racconto più spessore e colmare così le lacune for17
“Vasja non riusciva a nascondere il suo senso del comico innato,
dato da Dio, nemmeno sforzandosi. Non ci riusciva e basta! Sembrava che scrivesse delle cose serie, ma il risultato era l’esatto
contrario [. . . ] Persino in un genere così comune come gli appunti di viaggio, in cui praticamente tutti gli scrittori almeno una
volta si sono cimentati. Tutti i suoi appunti di viaggio, sovietici e antisovietici (Sotto il cielo stellato dell’Argentina, Ventiquattro ore non-stop, Alla ricerca del baby triste) sono pieni
di ironia, derisione, invenzione. [. . . ] Tutti questi libri sono scritti
in maniera ironica, a volte persino comica. Lui non capiva e non
amava la serietà assoluta [. . . ]”, A. Kabakov, E. Popov, Aksenov,
Moskva 2011, disponibile all’indirizzo internet: <http://bookonline.com.ua/read.php?book=6762&page=75> (ultimo accesso,
16/09/2016).

eSamizdat 2016 (XI)
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
matesi a causa della scarsità di esperienze vissute con una acutezza particolare proprio perché si trova
da Aksenov durante il soggiorno negli Usa:
ancora al confine tra due culture, cioè tra essere un
The latter [surreal adventure story], termed by its author A Typi- outsider e un insider rispetto alla nuova realtà.
cal American Adventure, heavily compensates for the uneventful life on campus that limited the authenticity of Aksenov’s
American experience (which he expanded only later when he
was forced by the Soviets to emigrate). [...]
This rather contrived buffoonery makes one suspect that Aksenov has little of substance to report about his journey.
However, for the Soviet reader, who was tired of grey and
monotonous existence, even the mention of petrol stations [...]
was enough to make him or her feel dazzled18 .
A questo proposito notiamo che una delle caratteristiche principali dello spazio americano in Kruglye sutki non-stop è la sua dinamicità, che simboleggia il progresso irrefrenabile (non-stop), e che
per Aksenov è motivo di ammirazione; infatti, alla base del movimento e della velocità, c’è la libertà, e proprio in questo consiste il miracolo americano. Secondo lo scrittore, la società americana, al di
là dei suoi aspetti negativi (come la standardizzazione, l’inquinamento, l’industria del gioco), rimane il leader indiscusso nel mondo perché garantisce la libertà in tutte le sue forme, e prima di tutto
garantisce la libertà intellettuale.
Senza dubbio, possiamo considerare Kruglye
sutki non-stop come il tassello iniziale nella serie
delle opere “americane” di Aksenov, in cui avviene la creazione e l’elaborazione del mito occidentale. In questo testo, nella visione degli anni ’70,
l’America si presenta nella sua veste radiosa e affascinante, circondata da un’aura fantastica, a metà
tra l’immaginario e il reale.
Il secondo testo dedicato al tema americano preso in considerazione in questo articolo è il romanzo
V poiskach grustnogo baby [Alla ricerca del baby
triste, 1987] che fu scritto da Aksenov durante i primi anni dell’emigrazione tra il 1984-1985 e venne
pubblicato, in russo e in inglese, nel 1987.
Pur essendo immigrato da poco tempo ma già integrato nella nuova società, Aksenov in questo romanzo esprime la sua visione dell’America da un
punto di vista del tutto singolare: quello di uno
scrittore che riesce a vedere il nuovo paese adottivo
18
A. Rogachevskii, “The cold war representation of the West in
Russian literature”, Cold War Literature: Writing the Global
Conflict, a cura di A. Hammond, Routledge 2006, p. 38.
Quest’opera presenta un’evidente continuità con
Kruglye sutki non-stop sia per il tono ironico dell’opera che per la struttura narrativa. Anche in questo libro sono affiancati due piani narrativi: quello della descrizione della realtà, condotta in prima
persona dall’autore facendo uso del tempo presente, e quello della fantasia, delegato all’eroe lirico e
trasportato nel tempo passato. Il tema principale
del romanzo ruota intorno a un complicato processo di immedesimazione nel nuovo ruolo che la vita
offre all’autore: egli si trasforma da scrittore russo a scrittore americano. Osserviamo qui un vero e proprio caleidoscopio: i ritratti dei personaggi
della realtà americana, la descrizione del loro modo
di vivere, i memoirs dedicati alla vita nell’Unione
sovietica e persino il diario lirico, con la dettagliata ricerca di sé nella realtà di oggi e in quella di ieri. Anche l’immagine dell’America subisce alcuni
cambiamenti che si manifestano chiaramente nella scelta dei titoli: il sotto-capitolo “Американская
ностальгия” [Nostalgia americana] è seguito da
“Американские разочарования” [Delusioni americane], e poi da “Американское очарование” [Fascino americano] (che, a giudicare dal numero delle
pagine dedicategli, è in netta prevalenza!).
In V poiskach grustnogo baby l’autore rivede il
suo mito giovanile dell’Occidente in generale e dell’America in particolare interpretandolo in maniera
diversa. La sua non è una semplice demitizzazione
dell’America, si tratta piuttosto di un tentativo di
avvicinamento alla sua immagine reale, della scoperta in essa di quelle realtà fondamentali che non
vedeva prima, da lontano, perché offuscate dalla
sua visione idealizzata. Qui Aksenov rimane ancora abbastanza filoamericano, specialmente quando
confronta la società sovietica con quella statunitense, e sottopone la realtà e le abitudini del suo paese
d’origine a una critica dura e sarcastica. Notiamo
tra l’altro che questo atteggiamento verso la patria
è provocato da rimpianti personali e dall’amarezza
nel ricordare i luoghi dove sono rimasti i suoi cari:
“Большевики изгнали меня с моей родины, отре-
L. Falyushina, L’incontro con l’America nella letteratura russa: l’immaginario e la realtà nelle opere di Vasilij Aksenov (1970-1980)
зали путь к дорогим могилам, однако души витают вне их власти и встают перед изгнанниками в
воспарениях американской земли”19 .
Dall’altro lato, dietro la patina dorata che alterava
l’immagine dell’America reale, cominciano ad apparire i primi segni di amarezza e di disillusione nei
confronti del “sogno americano”. Pian piano questi sentimenti prenderanno sempre più posto nelle opere successive. Così, per esempio, Aksenov
paragona l’esilio alla morte: “эмиграция отчасти
похожа на собственные похороны, правда, после
похорон вегетативная нервная система все-таки
успокаивается”20 . In un altro momento, introduce
l’immagine di una razdavlennaja babočka [farfalla schiacciata]21 : la visione idilliaca della vita americana che per anni aveva accompagnato la vita dell’autore ora si scontra con episodi della vita reale e
l’America inizia a perdere il suo fascino. Nel corso della narrazione l’eroe lirico scopre i lati nascosti
e poco attraenti della società americana; si scontra con il quarto bumažnoe telo [corpo di carta]
della burocrazia americana e con il quinto finansovoe telo [corpo delle finanze]22 , con un’implacabile rigidità delle regole, e comincia a temere che
questa eccessiva regolamentazione limiti la libertà
dell’uomo23 .
Tuttavia, nonostante questi momenti di disillusione, Aksenov non abbandona l’idea di trovare in
America la possibilità di un riscatto, addirittura di
una rinascita; non a caso attraverso tutto il romanzo passa come un leitmotiv il frammento della canzone Melancholy Baby che gli ricorda la sua giovinezza: “every cloud must have a silver lining”. . .
Aksenov rimane convinto della propria scelta e so19
“I bolscevichi mi hanno cacciato dalla mia patria, mi hanno tagliato
la strada per le tombe dei miei cari, ma le loro anime aleggiano al
di fuori del loro potere e si innalzano davanti all’esule sollevandosi
dalla terra americana”, V. Aksenov, V poiskach grustnogo bebi,
Moskva 2011, p. 315.
20
“L’emigrazione assomiglia un po’ ai propri funerali, solo che
dopo i veri funerali il sistema nervoso vegetativo si calma
definitivamente”, Ivi, p. 6.
21
Ivi, p. 7.
22
Secondo l’eroe lirico di quest’opera, l’uomo è costituito da cinque corpi dei quali i primi tre sono: fisičeskoe [fisico], astral’noe
[astrale], duchovnoe [spirituale], Ivi, p. 112.
23
A proposito degli effetti del bumažnoje telo sulla vita delle persone,
si veda il romanzo di Idem, Bumažnyj pejzaž [Paesaggio di carta],
Ann Arbor 1983.

stiene la sua idea che proprio l’America rappresenta
l’unica vera alternativa al totalitarismo, quell’ultimo asilo, the last frontier, sul quale sono poste le
speranze del mondo libero24 .
La fine degli anni ’80 rappresenta un nuovo periodo nell’evoluzione creativa di Vasilij Aksenov e
nella sua visione dell’America. Prima di tutto, sullo sfondo dei radicali cambiamenti della perestrojka egli si rivolge con nuovo interesse verso la realtà
russa; inoltre, nelle interviste, inizia a fare un’aperta critica del sistema americano evidenziando la sua
crescente delusione e il graduale sgretolamento del
suo mito.
Nei due saggi della fine degli anni ‘80, Žiteli
i bežency [Residenti e profughi, 1989] e Čuvstvo
Rossii [Il sentimento della Russia, 1989] come negli altri scritti e interviste di quel periodo, Aksenov
cerca di riassumere la sua esperienza di scrittore
in esilio: analizza i problemi con i quali si è scontrato al suo arrivo negli Usa, il suo difficile radicarsi nella nuova realtà linguistica, iniziando così
a prendere coscienza della sua insoddisfazione interiore che lo porta a teorizzare la necessità di una
fuga dalla realtà circostante verso un ideale spesso
irraggiungibile.
Aksenov ritorna ad analizzare la sua visione
giovanile e in qualche modo ingenua dell’America: quando semplici nomi geografici americani (ad
esempio “Peoria, Illinois”) suonavano per lui come una tromba d’argento, e nel nome “Minnesota”
gli sembrava di sentire “какое-то обнадеживающее просвистывание, как бы последний шанс”25 .
Ora quei nomi per lui non sono più illusori ma sono semplicemente dei segni linguistici che denotano una realtà ben definita. Lo scrittore, dopo l’iniziale euforia seguita al trasferimento negli Stati
uniti, appare sempre più critico nei confronti della
società e della cultura americana; egli riconosce in
quella realtà la stessa tendenza al livellamento delle
persone, dalla quale a suo tempo era fuggito:
Изгнанный из советского колхоза восточноевропеец или
русский на Западе попадает в колхоз иного рода... основан-
24
25
Idem, V poiskach grustnogo bebi, op. cit., p. 303.
“un fischiettio incoraggiante, come se fosse un’ultima chance”,
Idem, “Žiteli i bežency”, Idem, Odno splošnoje Karuzo, Moskva
2014, p. 335.

eSamizdat 2016 (XI)
ный на массовом богатстве. [...] В суперцивилизированном,
компьютеризованном, почти полностью уже классифицированном и калькулированном мире возникает новый плебс,
одержимый самоудовлетворением и дешевым гедонизмом....
Сможет ли когда-нибудь этот новый плебс загореться
массовым индивидуалистическим вдохновением?26
Aksenov si rende conto che sia la realtà sovietica
che quella americana non sono congeniali alle sue
ricerche spirituali e non possono soddisfare la sua
nostalgia interiore; sente un’insoddisfazione esistenziale ma non può trovare un paradiso terrestre
né in America né tanto meno ritornando in quella nuova “schizofrenica” Russia che si era venuta a
creare dopo il crollo dell’Unione sovietica27 .
Durante l’ultimo decennio della sua vita Aksenov prende sempre più le distanze dall’America:
“Американским писателем я не стал ни в коей мере. Они меня не приняли – или я их”28 , e ancora
“Америка – это мой дом, но я не почувствовал
себя американцем и никогда не почувствую”29 .
Vivendo tra America, Francia e Russia Aksenov
www.esamizdat.it
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
ha dato prova della sua condizione di cosmopolita,
come egli stesso si definiva30 .
In conclusione, come abbiamo potuto constatare
dall’analisi di alcune sue opere, il rapporto di Vasilij Aksenov con l’America è stato molto complesso:
egli la amava, ma alla fine l’ha lasciata per riavvicinarsi all’Europa e alla Russia. Sicuramente, nel suo
sogno americano giovanile egli vedeva non l’America reale, ma una personale proiezione di quell’America che si era impressa nella sua immaginazione
negli anni ’50-’60 a Leningrado quando leggeva i
romanzi di Hemingway e ascoltava la musica jazz.
Arrivato negli Stati uniti Aksenov credeva effettivamente di trovarsi nel paese dell’utopia, ma realizzò molto presto che l’utopia era ben lontana e che
c’erano piuttosto molti problemi e molte sfide da affrontare. Le opere di cui abbiamo proposto un’analisi testimoniano il percorso che ha condotto Aksenov dalla mitologizzazione alla demitologizzazione
dell’America.
Luizeta Falyushina, “L’incontro con l’America nella letteratura russa: l’immaginario e la realtà nelle opere di Vasilij Aksenov (1970-1980)”, eSamizdat,  (XI), pp. -
26
“Un uomo dell’est-Europa o un russo esiliato dal kolchoz sovietico,
nell’Occidente si ritrova in un kolchoz di altro tipo. . . basato sulla
ricchezza di massa. [. . . ] In un mondo super-civilizzato, computerizzato, quasi completamente classificato e calcolato appare una
nuova plebe ossessionata dall’autocompiacimento e dall’edonismo
da quattro soldi. . . Potrà mai questa nuova plebe entusiasmarsi in massa per un’ispirazione individualistica?”, Idem, “Krylatoe
vymirajuščee”, Literaturnaja gazeta, 27 novembre 1991, p. 12.
27
Si veda l’intervista di Yu. Kovalenko con V. Aksenov, Russian Bazaar, 27 (427), 2004, disponibile all’indirizzo internet: <http://russian-bazaar.com/en/content/5469.htm> (ultimo
accesso, 16/09/2016).
28
“Non sono diventato uno scrittore americano; o loro non
mi hanno accettato oppure io non ho accettato loro”, V.
Aksenov, “Amerikanskim pisatelem ja ne stal”, Inostrannaja literatura, 2003, 1, disponibile all’indirizzo internet:
<http://magazines.russ.ru/inostran/2003/1/aksen.html> (ultimo accesso, 16/09/2016).
29
“L’America è la mia casa, ma non mi sono mai sentito un americano e non mi ci sentirò mai”, Russkaja literatura XX veka. Prosaiki, poety, dramaturgi, a cura di N. Skatov, Moskva 2005, I, p.
33.
30
Si veda l’intervista di A. Morozov con V. Aksenov, Novye izvestija, 26 febbraio 2006, disponibile all’indirizzo internet: <http://www.newizv.ru/culture/2006-02-26/41120-vasilijaksenov.html> (ultimo accesso,16/10/2016).
Quando l’altro diventa sé.
Zinaida Aleksandrovna Volkonskaja viaggiatrice d’Europa
Marta Valeri
♦ eSamizdat  (XI), pp. - ♦
RA i rappresentanti delle classi nobili della
Russia a cavallo tra il Settecento e l’Ottocento non era cosa rara incontrare qualcuno che padroneggiasse il francese meglio del russo, che conoscesse la cultura classica a menadito e che sapesse
citare a memoria interi passi delle opere più fortunate del tempo. La formazione dei rampolli delle
classi più agiate, infatti, prevedeva l’insegnamento del francese, lo studio delle opere classiche e di
quelle contemporanee. Con il viaggio di Pietro il
Grande in Europa, inoltre, si era affermata la tradizione del Grand Tour anche tra i giovani russi,
che ora sempre più spesso coronavano con un’esperienza in terra straniera la propria educazione.
È tuttavia più raro rintracciare casi in cui il percorso avveniva all’inverso, vale a dire di nobili russi
formatisi all’estero e venuti a completare la propria
educazione in Russia1 .
T
1
Il caso di Zinaida Volkonskaja è da considerarsi quasi unico, in
quanto la principessa costituisce un esempio molto raro per la sua
epoca di nobildonna e viaggiatrice russa, emancipata e indipendente. Si veda in proposito L.P. Moiseeva, “Problema ženskoj emansipacii v russkoj literature 30-40-ch godov XIX veka”, Obščestvennye nauki i sovremennost’, 2000, 4, pp. 164-171, disponibile all’indirizzo internet: <http://ecsocman.hse.ru> (ultimo accesso, 25/08/2016). Tuttavia esperienze simili possono essere riscontrate nelle biografie di alcuni diplomatici russi o dei loro figli, spesso nati all’estero e venuti a completare la propria formazione in Russia. Trattandosi esclusivamente di uomini, l’ultimo
tassello della loro educazione, una volta tornati in patria, coincideva spesso con l’arruolamento o con la prima missione diplomatica, come nel caso di David Maksimovič Alopeus (1769-1831),
che dopo gli studi presso l’università tedesca di Gottinga e presso
la scuola militare di Stoccarda, si trasferì in Russia per intraprendere la carriera diplomatica, o come Michail Semenovič Voroncov
(1823-1854), figlio di Semen Romanovič Voroncov, ambasciatore di Caterina II, che trascorse l’infanzia e l’adolescenza a Londra, prima di trasferirsi in Russia e intraprendere la carriera militare; si veda la voce Alopeus, David Maksimovič, disponibile agli
indirizzi internet: <http://www.rusdiplomats.narod.ru/alopeusdm.html> (ultimo accesso, 18/08/2016) e <http://www.azlibr.ru/Persons/M54/699206b0/0001/1a4bec16.shtml> (ultimo
Un esempio di questo genere può essere rappresentato dalla principessa Zinaida Aleksandrovna Volkonskaja (1789-1862), figlia di Aleksandr
Michajlovič Belosel’skij-Belozerskij (1752-1809),
ambasciatore di Caterina la Grande prima in Sassonia e poi in Piemonte. Il principe, abile politico, uomo colto e raffinato, aveva intrattenuto durante gli anni delle sue ambasciate rapporti con alti rappresentanti della cultura europea quali Rousseau e Voltaire. Era un amante della cultura classica e trasmise le sue passioni alla figlia, che educò
personalmente2 .
La principessina, nata a Dresda e cresciuta a Torino, fin da giovanissima padroneggiava quattro lingue e i ricordi della sua infanzia rimasero indissolubilmente legati alla città torinese3 . Trasferitasi
in Russia, seppe incantare in poco tempo la corte
pietroburghese e in particolare il giovane zar Alessandro, del quale “la bella piemontese”, come qui
veniva chiamata, sarà amica fino alla morte4 .
Così la principessa Belosel’skaja-Belozerskaja,
accesso 27/09/2016). Riguardo alla figura di Voroncov si veda M.P. Ščerbinin, Biografija general-fel’dmaršala Knjazja
Michaila Semenoviča Voroncova, Sankt-Peterburg 1858.
2
Per un approfondimento sulla figura del principe si vedano T.V.
Artem’eva, A.A. Zlatopol’skaja, M.I. Mikešin, A. Tosi, A.M.
Belosel’skij-Belozerskij i ego filosofskoe nasledie, SanktPeterburg 2008; P. Cazzola, “Diplomatici russi a Torino nel Settecento: Il principe Belosel’skij”, Piemonte vivo, 1968, 3, pp.
2-8.
3
Sulla biografia di Zinaida Aleksandrovna Volkonskaja si vedano
N.A. Belozerskaja, “Knjaginja Zinaida Aleksandrovna Volkonskaja”, Istoričeskij vestnik, 1867, 3-4, pp. I-II ; M. Fairweather,
Pilgrim princess. A Life of Princess Zinaida Volkonsky, New
York 2000 ; A. Trofimov, La princesse Zénaïde Wolkonsky de la
Russie impériale à la Rome des papes, Roma 1966.
4
Per un approfondimento circa i rapporti tra lo zar Alessandro I e
la principessa si veda B. Aroutunova, Lives in Letters. Princess
Zinaida Volkonskaya and her correspondence, Columbus OH
1994.

eSamizdat 2016 (XI)
ormai principessa Volkonskaja5 , poté partecipare
alla marcia trionfale dell’esercito russo-prussiano
attraverso l’Europa dopo la sconfitta di Napoleone,
all’entrata delle truppe a Parigi6 , al banchetto onorario a Guildhall7 e, infine, al Congresso di Vienna.
Queste esperienze non solo ne formarono il carattere e lo spirito cosmopolita, ma le permisero di far conoscere le sue qualità di ospite di importanti salotti culturali, abile intermediaria politica e talentuosa
attrice e cantante.
I salotti della Volkonskaja erano celebri e costituivano il fulcro della vita culturale e intellettuale della città e se i più noti restano quelli di Roma
e Mosca, vanno ricordati anche quelli di Parigi e
Odessa, nei quali ella affinò le sue doti politiche e
il carattere sovranazionale della sua cultura. Sia
a Mosca sia a Roma la sua casa fu sempre aperta
a ogni forma d’arte e la caratura dei suoi numerosi
frequentatori spaziava da giovani e promettenti artisti in cerca di filantropi ai più affermati personaggi
della cultura russa ed europea8 .
Dopo undici anni di peregrinazioni pressoché
ininterrotte e cinque anni di permanenza a Mosca,
la principessa decise di lasciare la Russia. Le ragioni di questa improvvisa partenza si compenetrano:
per alcuni la Volkonskaja stava fuggendo dai pettegolezzi per un suo affaire con il tenore Miniato
Ricci, per altri il controllo dello zar Nicola, diffidente per l’abitudine della principessa a ospitare dissi5
Nel 1811 sposò il principe Nikita Volkonskij (1781-1844).
L’episodio è riportato in E.A. d’Osmond, comtesse de Boigne, Récits d’une tante. Mémoires de la comtesse de Boigne née d’Osmond publiés intégralement d’après le manuscrit original, I,
Paris 1923.
7
In proposito si veda A.G. Cross, The Guildhall Banquet: Alexander I’s Visit to London in June 1814, disponibile all’indirizzo
internet: <http://romanovs-uk.com/en/articles/29-people/59alexander-visit> (ultimo accesso, 27/01/2015).
8
Tra i frequentatori spiccano i nomi di Puškin, Mickiewicz, Baratynskij e Venevitinov, i docenti dell’università di Mosca e ancora,
nel salotto romano, Gogol’, Belli, Glinka e il cardinal Consalvi, segretario di stato del Vaticano. Per un approfondimento sui salotti
della Volkonskaja si vedano M.A. Kallash, Zinaida Volkonskaja i
ee vremja, Moskva 1916; V.B. Murav’ev, V carstve muz: moskovskij literaturnyj salon Z. Volkonskoj 1824-1829 gg., Moskva
1987; I.N. Bočarov, Ju.P. Glušakova, “Salon Z.A. Volkonskoj kak
okno v Evropu dlja Puškina i ego druzej”, Rossija i Italija, IV,
Moskva 2000, pp. 109-165; P. Cazzola, “Una cattolica russa nella
Roma dei Papi”, Studi e ricerche sull’oriente cristiano, 1991, 14,
pp. 121-131; A. Bagnato, Zinaida Volkonskaja, Roma 1993.
6
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
denti nel suo salotto, era diventato troppo pressante, altri infine sostenevano che il richiamo di Roma
e del cattolicesimo fosse ormai irresistibile.
Nel preparare il viaggio non affrettò i tempi e
studiò un percorso che permettesse a suo figlio di
visitare importanti luoghi storici, ricalcando quel
Grand Tour sui generis che i giovani russi avevano preso l’abitudine di compiere9 sulla falsariga dei
coetanei europei di due secoli prima. La Volkonskaja pensa innanzitutto al figlio Aleksandr (e quindi
all’adottivo Vladimir) e per questo porta con sé il
professor Stepan Ševyrev come tutore. Grazie alle sue memorie, raccolte nel volume Ital’janskie
vpečatlenija10 [Impressioni italiane, 2006], si possono ricostruire le tappe e i dettagli di questo itinerario. Tuttavia in questo caso, per la prima volta, anche la principessa decide di lasciare una memoria dettagliata delle sue impressioni e dei sentimenti scaturiti dal suo terzo viaggio in Italia. Questo viaggio, sebbene non fu l’ultimo che ella compì
nella sua lunga vita (compresi due ritorni in Russia), può considerarsi definitivo in quanto terminerà con l’insediamento stabile della sua famiglia (eccezion fatta per il marito Nikita) a Roma, città che
la Volkonskaja non abbandonerà più, se non temporaneamente, fino alla morte. E i suoi conoscenti, sconvolti dall’idea di non poter godere più della compagnia quotidiana di una donna così interessante, la pregarono di regalare loro il resoconto del
suo viaggio, che apparirà in parte sulle pagine della rivista Galateja, sugli almanacchi Severnye cvety del 1830 e del 1831 e, postumo, in maniera più
completa e organica, nelle raccolte curate dal figlio,
Aleksandr Nikitič11 .
9
Sulle esperienze di viaggio dei russi in Europa e in Italia e sull’odeporica russa si vedano V.M. Guminskij, Otkrytie mira, ili putešestvija i stranniki, Moskva 1987; E. Lo Gatto, Russi in Italia.
Dal secolo XVII ad oggi, Roma 1971; R. Risaliti, “Viaggiatori
russi in Italia”, Bollettino del C.I.R.V.I., 1981, (II), 3, pp. 1933; P. Cazzola, “Grand Tour in Italia e in Francia di aristocratici
russi dell’età cateriniana”, Bollettino del C.I.R.V.I., 2010, (XXXI), 61, pp. 223-237; M.P. Todeschini, “Viaggiatori russi in Italia”,
Bollettino del C.I.R.V.I., 1988, (X), 19, pp. 395-402.
10
S. Ševyrev, Ital’janskie vpečatlenija, Sankt-Peterburg 2006.
11
Z.A. Volkonskaja, Sočinenija Zinaidy Aleksandrovny Volkonskoj uroždennoj knjagini Belosel’skoj e, tradotto e ampliato, Œuvres choisies de la princesse Zénéide Volkonsky née
princesse Beloselsky, Pariž, Karlsruhe 1865.
M. Valeri, Quando l’altro diventa sé. Zinaida Aleksandrovna Volkonskaja viaggiatrice d’Europa
Anche in precedenza la Volkonskaja aveva regalato qualche breve schizzo12 , le sue Oeuvres choisies [Opere scelte, 1865] ne raccolgono alcuni pregevoli esempi, come la descrizione della festa per la
fioritura del cactus grandiflora nel giardino romano Casciani e la descrizione della Madonna di Raffaello e della Maddalena del Correggio, e il Galateja
pubblica su due numeri del 1829 prima la descrizione di un sogno ambientato nell’antica residenza di
Torino e poi quella di una serata trascorsa sulle rive del lago di Como13 . Analizzando qualche breve
passo di queste opere precedenti vedremo come lo
stile e le scelte narrative dei Frammenti vi fossero
anticipati14 .
La prima particolarità del resoconto della Volkonskaja è la selezione, in fase di redazione15 , delle
tappe del viaggio da descrivere e destinare alla pubblicazione. Grazie al testo di Ševyrev sappiamo come il viaggio avesse già toccato città importanti16
prima che la narrazione della principessa abbia inizio. E non è un caso che s’inizi proprio da Weimar.
La motivazione è presto detta: a Weimar ella ebbe
un lungo e intenso incontro con Goethe, per il quale nutriva una profonda venerazione17 e al cospetto
12
Si veda, più avanti, la descrizione della casa di Santa Caterina da
Siena, pubblicata sul Moskovskij vestnik, 1827, 6, pp. 392-397,
e sul Bulletin du Nord, 1828 (IX), 3, pp. 61-67.
13
“Otryvki iz putevych zapisok”, Galateja, 1829, 33, pp. 88-90;
“Snovedenie (Pis’mo)”, Galateja, 1829, 22, pp. 21-31.
14
Con la denominazione Frammenti s’intendono sia Z.A. Volkonskaja, “Otryvki iz putevych vospominanija”, Severnye cvety,
Sankt-Peterburg 1830-1831, sia il resoconto di viaggio riportato
in Z.A. Volkonskaja, Œuvres, op.cit.
15
Da un rapido confronto con i manoscritti conservati a Mosca
(RGALI, F. 172, op. 1, ed. chr. 9) si nota che alcuni appunti sono
rimasti inediti.
16
Le tappe del viaggio, così come risultano dai Frammenti della principessa, sono le seguenti: Weimar, Berneck, Regensburg, Baviera
meridionale, Tirolo, Sassonia e Tirolo italiano, Possneck, Schleiz,
Benaco, Vicenza, Padova, Arquà, Toscana, Firenze, Pisa, Siena,
Viterbo. Nelle Ital’janskie vpečatlenija vengono invece elencate le seguenti tappe: Cascate di Narva, Vaivara, Mitava, Dobele,
Derpt (Tartu), Palanga, Memel’ (Klajpeda), Rozitten (Rēzekne),
Königsberg, Elbing (Elbląg), Marienburg (Malbork), Diršau (Tczew), Starogard (Gdański), Konitz, Wittenberg, Lipsia, ma anche dopo Weimar, alcune altre non risultano dal resoconto della
Volkonskaja, come ad esempio Jena, Regensburg, Monaco di Baviera, Monselice, Ferrara e Bologna (presenti nei manoscritti, ma
inedite), Livorno, Gorgona, Bolsena, Baccano e l’ingresso a Roma.
17
Sulla visita a Goethe si vedano S. Ševyrev, Ital’janskie vpečatlenija, op. cit., p. 822, nota 25; “Iz pis’ma Stepana Petroviča
Ševyreva k Avdot’e Petrovne Elaginoj”, Russkij archiv, Moskva

del quale si mosse con la sua consueta sicurezza e
grazia. Ecco come il ricordo di quella giornata viene
narrato dalla principessa negli appunti di viaggio:
Там [в Веймаре] я посетила Гёте. Я вижу в нем старинный,
изящный, многолюдный город, где храмы светлого греческого стиля, с простыми гармоническими линиями, с мраморными статуями идеальной формы, красуются возле готических
церквей, темных, таинственных, с прозрачными башнями, с
кружевную резьбою, с гробницами рыцарей средных веков.
В городе старинном, все живо, важно, незабвенно: памятники, книги, здания, мавзолеи рассказывают векам о героях, о
великих мужах. В городе изящном все действует, все парит;
ученые углубляются в архивы всех времен; художники воображают, животворят; поэты, смотря на вселенную, упиваются вдохновением и пророчат. В городе многолюдном страсти
кипят жизнью там все звуки раздаются: там звучат арфы, металлы, гимны, псалмы, народные припевы. Страстные песни
– и все звуки сливаются и возходят, как жаркие, благоуханные пары. В сем-то безсмертном городе, я вижу образ Гёте векового. Над городом блестят эфирные звезды, и на челе
старца горят звезды неугасаемые18.
Sulla falsariga delle sensazioni ispirate dalla vicinanza del grande poeta si sviluppano quasi tutte
le descrizioni della Volkonskaja: le sue memorie di
viaggio, infatti, sono una collezione di reminiscenze, ricordi e sensazioni inarrestabili, unite ai riferimenti classici che erano parte integrante del suo
bagaglio culturale fin dalla più tenera età. La principessa non si preoccupa degli artifici letterari: la
sua scrittura, come in altre occasioni, segue un percorso emozionale quasi privato con un entusiasmo
incomprensibile per chi non conoscesse quali sentimenti suscitassero in lei i luoghi che si appresta1879, I, p. 139; S. Durylin, “Russkie pisateli u Gete v Vejmare”,
Literaturnoe nasledstvo, IV-VI, Moskva 1932, pp. 81-504.
18
“Lì [a Weimar] ho fatto visita a Goethe. Vedo in lui un’antica, elegante e popolosa città, dove i templi in chiaro stile greco, con linee
semplici e armoniose, con statue di marmo, si distinguono dalle
chiese gotiche, oscure, misteriose, con torri chiare, cesellature simili a merletti, con le tombe dei cavalieri medievali. Nella città antica tutto è vivo, solenne, indimenticabile: i monumenti, i libri, gli
edifici, i mausolei raccontano ai secoli degli eroi, dei grandi uomini. Nella città elegante tutto è in movimento, tutto si libra nell’aria: gli studiosi s’immergono negli archivi di ogni epoca, gli artisti
immaginano, creano; i poeti guardando l’universo s’inebriano d’ispirazione e profetizzano. Nella popolosa città le passioni fervono,
lì tutti i suoni riecheggiano: lì risuonano le arpe, gli ottoni, gli inni,
i salmi, i ritornelli popolari, le canzoni appassionate e tutti i suoni
si fondono e salgono in alto come vapori caldi e profumati. Nell’immagine di questa città ideale io vedo il Goethe eterno. Sulla
città risplendono le stelle eteree e sulla fronte dello starec ardono
stelle inestinguibili”, Z.A. Volkonskaja, “Otryvki”, op. cit., 1830,
pp. 217-218. Tutte le citazioni sono riportate secondo le regole
del russo moderno. È stata conservata in tutte la grafia originale,
compresa quella dei nomi.

eSamizdat 2016 (XI)
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
va ad attraversare e a ritrovare nella memoria e nel precedenza e continuerà a fare nelle corrispondenze
e memorie private.
cuore.
Diversi filoni narrativi si intrecciano nei FramL’afflato emozionale s’intravedeva già nella de19
menti della Volkonskaja. Alcuni brani sembrano riscrizione della Madonna di Raffaello a Dresda :
En entrant c’est le premier tableau que j’ai vu : je sentis mes ge- chiamare alla mente le tradizionali relazioni di viagnoux fléchir sous le poids de mon admiration ! Voir pour la pregio dei giovani nobili europei, che nel viaggio e nel
mière fois de sa vie un chef-d’œuvre connu dans toute l’Europe,
le voir si près de soi, l’examiner, se recueillir dans son enthou- suo resoconto vedevano un’opportunità per sfogsiasme ; voilà un bonheur que le cœur sait apprécier dans tous giare la propria cultura. Così la descrizione delles temps !20
la Baviera e del Tirolo settentrionale nelle memorie
e così anche per la Maddalena del Correggio:
della principessa sono un continuo rimando all’arte
Lorsqu’on s’approche, on ne peut plus s’en détacher : elle a
e ai suoi rappresentanti più illustri: Goethe, Konrad
tant d’attrait, tant de naïveté ; on y découvre à tout moment
de nouvelle grâces ; [...] Combien on a de peine à se détacher Wallenrode, Andreas Hofer. Ma l’autrice sa bene
d’un tableau qui porte l’empreinte du génie, réunie à celle de la che i “paesaggi alla Ruisdael e alla Salvator Rosa”
grâce !21
sono una consuetudine per il tirolese e non manca
Tuttavia nei Frammenti il testo assume la forma di rimarcarlo:
di un discorso organico, come se l’autrice fosse alla
Таким же образом люди, живущие всегда с великими мужаpresenza di un immaginario interlocutore cui moми, свыкаются с их величием; так вдова великого островитянина ценит себя простою вдовою, а жена альбионского барstrare il proprio entusiasmo e le emozioni suscitate
да видит в гении, принадлежащем вселенной, собственного
dalla riscoperta di luoghi cari al suo cuore:
мужа, хозяина, угодника ее домашних причуд24 .
Вчера долго я глядела на вечернюю звезду, на предводительницу хора небесных сестер своих. Она казалась мне сребристее, живее, так как видала я ее на небосклоне южных стран,
и так сегодня природа очарована для взоров наших одним
ожиданием завтрашнего наслаждения22.
Con l’avvicinarsi all’Italia, però, la mente non richiama più a sé celebri quadri o narrazioni antiche: le emozioni che la travolgono non possono
Significativa è anche la scelta di scrivere in russo, che risvegliare le dolci sensazioni e il ricordo della
lingua alla quale la principessa predilesse sempre il giovinezza:
Какое блаженство стремиться к Италии, удаляться от холодfrancese. La narrazione del viaggio a Roma, però,
ных ветров, от сухой, песчаной почвы, от ленивой природы.
è per lei un altro modo per unire le sue due anime
Севера! Какое блаженство дышать весенним воздухом после
che, seppur profondamente diverse, si congiungono
долгой болезни, ведь и зима – болезнь, страдание земли... [...]
Счастлив тот край, где цветы составляют непрерывную цепь
nell’amore per il “Bello” e nella reciproca ammiraот весны до весны. [...]
23
zione . In considerazione di ciò non avrebbe avuМай веселый встречает нас; со всех сторон вижу символы
младости25 .
to senso utilizzare la lingua francese, come fece in
19
Z.A. Volkonskaja, Œuvres, op. cit., pp. 243-246.
20
Ivi, p. 243.
21
Ivi, pp. 247-248.
22
“Ieri ho guardato a lungo la stella notturna, il capo del coro delle mie sorelle celesti. Mi sembrava più argentea, più viva, perché
io la vedevo nel cielo dei paesi del sud e cоsì oggi la natura è incantata per i nostri sguardi dall’attesa del piacere di domani”, Z.A.
Volkonskaja, Sočinenija, op. cit., pp. 10-11.
23
Questo desiderio di conoscenza e scambio reciproco tra Russia ed
Europa la portò a proporre la creazione in Russia di un museo di
belle arti in cui poter ammirare le copie dei maggiori capolavori dell’arte italiana (prototipo dell’attuale museo Puškin) e la fondazione
di una società, la Patriotičeskaja beseda, con il compito di diffondere in Europa informazioni scientifiche e culturali sulla Russia
con una pubblicazione periodica in francese. Per approfondire si
vedano A.N. Belozerskaja, op.cit., II, pp. 133-145; R.P. Blakesley,
“Art, Nationhood, and Display: Zinaida Volkonskaja and Russia’s
Quest for a National Museum of Art”, Slavic Review, 2008 (67),
4, pp. 912-933.
E tra le righe di un’estasiata descrizione s’intravede l’occhio esperto della viaggiatrice e l’ideale
perfetto di cultura della filantropa:
24
“Così la gente che vive sempre a contatto con i grandi uomini si
assuefà alla loro grandezza; così la vedova di un grande isolano si
ritiene una semplice vedova; mentre la moglie di un bardo d’Albione
vede nel genio, che appartiene all’universo, il proprio marito, il padrone, l’adulatore dei suoi capricci domestici”, Z.A. Volkonskaja,
Sočinenija, op. cit., p. 7.
25
“Quale benedizione essere sul punto di arrivare in Italia, allontanarsi dai venti freddi, dalla terra arida, sabbiosa, dall’indolente natura del Nord! Che felicità respirare l’aria primaverile dopo una
lunga malattia, perché l’inverno è la malattia, la sofferenza della
terra. . . [. . . ] Felice è quel paese dove i fiori formano una catena
ininterrotta da una primavera all’altra [. . . ] Un maggio gioioso ci
accoglie, da ogni parte vedo segni di giovinezza”, Ivi, p. 8.
M. Valeri, Quando l’altro diventa sé. Zinaida Aleksandrovna Volkonskaja viaggiatrice d’Europa
Путешествие – какой изобильный источник для мыслящего!
Там называют горами, что далее пригорки; что здесь дремучий лес – там редкая роща; то, что там пропасть, здесь долина; что для того восток, для другого север; для меня отечество, для тебя чужбина; но могут ли быть края совсем чужие
для истинного филантропа? Отечество! Священное имя, священный край, где над гробницами предков наших раздается
наш родной язык. Отечество! Ты наш родитель, а братья и
друзья – всюду, где жизнь пылает и сердце бьется26.

рассказам Маржерета, Ансело или Массона! Путешественник, не знавший языка, обычаев, наполненный предрассудками, мимоезжий, торопливый, может ли основать суждение? В дорожной, скучной, пыльной карете, погруженный в
медвежью шубу, борющийся с метелью и холодом, иностранец может ли в гостиницах понять характер людей природы?
Всякая наука требует времени и таланта; сколько же более
нужны они в познании народа и человека? Конечно, утонченный ум может скорым взглядом поймать некоторые разбросанные замечательные черты, ибо каждый народ имеет свои
общие, – согласна, но, чтобы быть Лафатером народа, нужен гений, не всем данный, до правды же каждый мыслящий
может достигнуть учением и глубоким наблюдением. Народ
италианский, населяющий малую часть Европы, составлен
из стихий столь различных, что можно применить к нему слова Мицкевича: “Это мир мозаиков, в котором каждая часть
дышит своею жизнью”28.
L’ingentilimento dei panorami è tutt’uno con
quello delle creature che li popolano:
22 мая. Чем едешь далее, тем более природа теряет свою
жестокость; реки текут в Италии свободнее, легче; наречие
германское сливается с авзонийским; растения горные срастаются с благоуханными растениями южными, цвет взоров
превращается из небесного в черный, как уголь; и смуглость
лиц, и богатство природы знаменуют одно и то же – присутствие жаркого деятельного солнца. Сельские церкви, распятия на полях, образы Святых и Богоматери становятся изящнее, пестрота и нелепость произведений грубых изменяются в простые и приятные формы, и все предвещает родину
прекрасных линий27.
Anche le descrizioni delle opere d’arte ammirate nelle diverse tappe del viaggio non si limitano –
quando addirittura non tralasciano del tutto – alla semplice elencazione dei personaggi, dello stile e delle ambientazioni, ma scavano più a fondo,
Tuttavia l’ammirazione per l’Italia e i suoi colori, restituendo il flusso delle impressioni e delle riflesper gli italiani e le loro inclinazioni, non si traduce in sioni fatte dall’artista al momento della creazione e
una totale indifferenza alle bellezze e ai valori della restituite agli osservatori:
terra d’origine della Volkonskaja, che così come nei
Тут какой-то Папа идет на вечное мучение, но, хотя падший, не теряет привычки своего сана земного: он благословsuoi salotti, anche in questa occasione non manca
ляет другого грешника, который стоит перед ним на колеdi dare il giusto risalto al singolo, come al corale.
нях. Глубокая мысль! Сколь часто благословение руки не
соответствует благословению сердца!
E la principessa non risparmia coloro che, con
Джиотто как-то боится дать слишком много движения своим
la sufficienza di un viaggiatore poco attento e anфигурам. У него люди без страстей, и мудрая рука его риcor meno devoto, si sono lasciati andare a giudiсовала последний суд терпеливо, без страха, без порывов.
Микель-Анжело, напротив, живописуя тот же предмет, жиzi troppo leggeri sulle nazioni che nel suo spirito
вет и действует в своей картине, – сам протягивает скорую
prendevano alternativamente il nome di patria:
руку спасенным, сам поражает громом преступников, ведет
барку Харона и сам ужасается лиц отверженных, явившихся
под его кистью29 .
Кочующие писатели! Пора вам мириться с правдой, пора вам
не судить о нынешних итальянцах по летописям среднего века, о Французах по преданиям времен регента, Русских же по
28
26
“Il viaggio, che grandiosa fonte per un essere pensante. Lì si chiamano montagne quelli che più avanti sono monticelli; ciò che lì è un
abisso, qui è una valle; quello che per uno è oriente, per l’altro è settentrione; per me è patria, per te è una terra straniera: ma possono
forse esserci territori completamente estranei per un autentico filantropo? Patria! Nome sacro, terra sacra, dove sulle tombe dei
nostri avi risuonerà la nostra lingua natia. Patria! Tu sei la nostra
genitrice, ma i fratelli e gli amici sono in ogni luogo, dove la vita
arde e il cuore palpita”, Ivi, p. 11.
27
“22 maggio. Più si avanza, più la natura perde la sua asprezza; i
fiumi scorrono verso l’Italia più liberi, più leggeri; l’inflessione germanica confluisce nell’Ausonica; le erbe di montagna si congiungono alle profumate piante del sud; il colore degli sguardi si trasforma dal color del cielo al nero carbone; e l’olivastro dei volti e la ricchezza della natura indicano la stessa cosa, la presenza di un caldo,
energico sole [...] l’eterogeneità e l’assurdità delle opere rozze mutano in forme semplici e piacevoli e tutto preannuncia la patria delle
bellissime forme”, Ivi, pp. 11-12.
“Scrittori nomadi! È ora per voi di riconciliarvi con la verità, è ora
per voi di non giudicare gli Italiani di oggi dalle cronache medievali, i Francesi dalle leggende del periodo della Régence, i Russi
dai racconti di Margeret, Ancelot e Masson! Il viaggiatore che non
conosce la lingua, le usanze, pieno di pregiudizi, di passaggio, di
fretta, può forse dare un qualsiasi giudizio? In una carrozza da
viaggio triste, polverosa, immerso in una pelliccia d’oro, lottando
con la tempesta e il freddo, uno straniero può forse negli alberghi
comprendere il carattere della gente del posto? Qualsiasi scienza
pretende tempo e talento; quanto più essi sono necessari per la conoscenza di un popolo e dell’uomo? Certo un ingegno raffinato può
comprendere con una veloce occhiata alcuni singoli tratti, eccezionali, in quanto ogni popolo ha le sue somiglianze; sono d’accordo;
ma per essere il Lavater del popolo è necessario un genio che non a
tutti è dato; ogni essere pensante può arrivare alla verità con lo studio e l’osservazione attenta. Il popolo italiano, che abita una piccola parte d’Europa, è costituito da elementi così diversi, che ad esso
possono riferirsi le parole di Mickewič: ‘Questo è un mondo fatto di
mosaici, in cui ogni pezzo vive di vita propria’”, Ivi, pp. 16-17.
29
“Qui [nella cappella degli Scrovegni] un qualche Papa va nel tor-

eSamizdat 2016 (XI)
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
Questa scelta è ben spiegata in un passo della già
citata descrizione della Madonna di Raffaello, in cui
la principessa afferma:
праводушный читатель не увидит отчаянной страсти в стихе
Петрарки?32
Giunta in Toscana, l’entusiasmo cresce e le roboanti metafore, utilizzate per descriverne i paesagPour le dessin, où est l’audacieux qui oserait en faire l’apologie ?
Celui-là seul qui aurait une plume égale au crayon de ce peintre gi, non possono che rispecchiare solo in parte quel
immortel30.
sentimento vivificante e quasi salvifico che già una
volta, dopo i lutti del 1814-15, avevano riportato la
Così, piuttosto che perdersi in tecnicismi o artifici
donna alla vita. Si rinnova quel binomio indissoletterari volti a descrivere opere e paesaggi, l’autrice
lubile nella mente della principessa tra rigogliosità
preferisce raccontare ciò che più spontaneamente e
della natura e bontà d’animo degli abitanti:
con maggiore perizia sa di poter rendere vivido al
Вся Тоскана есть улыбка, все там отвечает взору нашему: мы
suo lettore, vale a dire i sentimenti e le emozioni con
довольны, мы счастливы. Берега Арно угощают жителей золотыми колосьями, черным виноградом и тучными оливами.
cui la sua cara Italia la travolge a ogni passo. Per
[...]
questo Firenze appare nei Frammenti tra le tappe
Вся Тоскана – Вергилиева эклога. Веселые поселянки, черdel viaggio, ma soltanto perché ospita la statua di
ноглазые, в красивом убранстве, плетут солому и готовят
те легкие шляпы, которые им самим служат убором, или
Niobe, che la principessa descrive così:
33
отправляется в дальние города стран заальпийских .
Ниоба стоит под дождем острых стрел; они со всех сторон
впиваются в сына, в дочь; каждая рана на драгоценном теле
детей ее ранит глубоко ее душу; а она, подобно бессмертной,
стоит нетронутая и это одиночество ее терзает31 .
E, in precedenza, anche la visita ad Arquà, residenza di Petrarca e sfondo dell’amore del poeta per Laura, aveva richiamato alla mente della
principessa le sofferenze di un’altra madre, Marie
Sévigné:
La narrazione s’interrompe al momento dell’arrivo a Roma: probabilmente la Volkonskaja si sentiva
sopraffatta dalla gioia di essere tornata nella sua seconda casa e tralascia di raccontare il suo ingresso
nella città eterna.
A completamento del resoconto si trova la descrizione del fiume Aniene, che può essere definita
un vero e proprio “quadro di parole”:
Шумный Анио, любимец живописцев, богатый роскошными
водопадами, рождается в горах, усеянных душистой, златоцветной генистой. [...] Тут, под высоким монастырем, он как
будто шепчет о тайных изнурениях и молитвах Св. Венедикта; там воет под развалинами Виллы кровавого и театрального Нерона; далее, под влажной тенью, скицует, накидывает
свой первый водопад и таинственно беседует с любовниками
изящного; далее продирается сквозь горы, копается в пещерах, и вдруг перед храмом Сивиллы, валится со скал снежным потоком, бежит по прорицательной долине и с долгим
ревом уходит в землю, как звер в берлогу34.
В Эвганейских горах покоится дух Петрарки. [...] Кто сомневается в его страсти к Лауре, тот не видел ни Воклюзы в южной Франции, ни Аркуа в Падуане. [...] У меня болит твой грудь, пишет мать к больной дочери. Кто в этих
словах не поймет неумышленного излияния сердца? Какой
mento eterno, ma, sebbene sia traviato, non perde le antiche abitudini della sua vita terrena: benedice l’altro peccatore che sta in
ginocchio davanti a lui. Un bel pensiero! Quanto spesso la benedizione della mano non corrisponde alla benedizione del cuore!
Quanto spesso i riti religiosi sono separati dai suoi sentimenti e la
sostanza non è altro che un insignificante velo, fatto di ossa e cenere! Giotto in qualche modo teme di dare troppo movimento alle
sue figure. In lui i personaggi non hanno passioni e la sua sapiente
mano ha dipinto un giudizio universale con pazienza, senza paura,
senza impeti. Michelangelo al contrario dipingendo lo stesso soggetto, vive e agisce nella sua opera, egli stesso tende la mano ai
redenti, egli stesso colpisce con un fulmine i condannati, guida la
barca di Caronte ed egli stesso prova orrore per i visi dei reietti che
appaiono sotto il suo pennello”, Ivi, pp. 17-18.
30
Z.A. Volkonskaja, Œuvres, op. cit., p. 244.
31
“Niobe è sotto una pioggia di frecce appuntite; queste infilzano
da ogni parte il figlio, la figlia; ogni ferita sul prezioso corpo dei
suoi figli la ferisce nel profondo dell’anima; ma ella, come se fosse
immortale, resta illesa e questa sua solitudine la tormenta”, Z.A.
Volkonskaja, Sočinenija, op. cit., p. 20.
32
“Sui colli Euganei riposa lo spirito di Petrarca [...] Chi dubita della sua passione per Laura non ha visto né Vaucluse nel sud della
Francia, né Arquà nel padovano. [...] Mi duole il tuo petto, scrive
la madre alla figlia malata. Chi non vede in queste parole un involontario sfogo del cuore? Quale lettore di animo buono non vede la
disperata passione nei versi del Petrarca?”, Ivi, p. 15.
33
“Tutta la Toscana è un sorriso. Tutto lì risponde al vostro sguardo: siamo appagati, siamo più felici. Le rive dell’Arno offrono agli
abitanti spighe dorate, filari scuri e fertili ulivi. Tutta la Toscana
è un’ecloga virgiliana. Allegre contadine dagli occhi neri, in vesti
eleganti, intrecciano la paglia e preparano quei cappelli leggeri, che
servono loro da ornamento; oppure si recano nelle città lontane dei
paesi d’oltralpe”, Ivi, p. 19.
34
“Il rumoroso Aniene, il beniamino dei pittori, ricco di bellissime cascate, nasce da monti disseminati di fragrante, dorata, ginestra. [...]
Qui, sotto un alto monastero, sembra che sussurri le segrete fati-
M. Valeri, Quando l’altro diventa sé. Zinaida Aleksandrovna Volkonskaja viaggiatrice d’Europa
La forza letteraria di questi scritti non è paragonabile ad altre memorie di viaggio compilate da
scrittori, letterati e artisti. Molto spesso il discorso
appare discontinuo, con salti improvvisi da descrizioni a rievocazioni storiche, da reminiscenze classiche a emozioni private, senza soluzione di continuità. La scelta dei luoghi è del tutto personale e
non ricalca alcun criterio storico, culturale o paesaggistico. Inoltre, come abbiamo visto, il racconto
del viaggio inizia quasi a metà percorso, tralasciandone volutamente tappe molto importanti. Tuttavia, se paragonati ad altri appunti inediti della principessa, ad esempio quelli riguardanti il soggiorno
campano di poco successivo al viaggio descritto nei
Frammenti, non si può fare a meno di notare un discreto lavoro di redazione e selezione dei brani destinati alla pubblicazione. Oltre alla scelta della lingua russa, un’altra evidente differenza è data dall’uso della prima persona nella narrazione, assente nei
Frammenti:
Pour qui n’a jamais vu la mer, je comprends que Naples ennivre
au Ier abord. Moi, j’ai parcouru les bords des mers du Nord et du
médi, j’ai vû Gènes, la Tauride, et le Ier coups d’œil a été moins
satisfaisant ici que je me le figurais, perce qu’on m’avait trop
parlé de cet effet magique, incomparable. Hier j’en ai été plus
enchantée : mais j’aime la mer avec le silence de la campagne.
Ce bruit des voitures et ces voix d’hommes n’harmonisent pas à
mon oreille avec la mélodie des vagues. [...]
J’aime, en un mot, mieux le séjour de Rome, tout y est plus
recueilli, plus grandiose, la génie, les hommes et le style des
choses inanimés y ont plus de dignité, je préfère même celui de
Florence, qui est plus repose, rempli d’élégance et de goût35 .
Nel suo resoconto di viaggio la principessa non
attua paragoni tra Russia e Italia, non vuole esaltare l’una a discapito dell’altra, ma vuole tralasciare
tutto quello che il suo lettore può trovare in qualsiasi altra descrizione del Belpaese, per raccontargli il proprio viaggio, il viaggio della Volkonskaja,
il ritorno a casa di colei che a Mosca aveva portato
la cultura italiana e a Roma avrebbe esaltato il genio russo in ogni sua forma. E l’invito a non esseche e preghiere di San Benedetto; lì ulula sotto le rovine della Villa
del sanguinoso e teatrale Nerone; più avanti sotto un’ombra umida, getta la sua prima cascata e misteriosamente conversa con gli
amanti del bello; più avanti si apre la strada attraverso i mondi, indugia nelle grotte e all’improvviso attraverso il tempio di Sibilla si
getta dalle rupi con un torrente niveo, corre per vallata della sibilla
e con un lungo ruggito esce sulla terra, come una belva dalla tana”,
Z.A. Volkonskaja, Otryvki, op. cit., 1830, pp. 122-123.
35
Mosca, RGALI, F. 172, op. 1, ed. chr. 9 l.66.

re “viaggiatori distratti”, che si permettono giudizi
frettolosi sugli usi e costumi degli abitanti o letterati
che scrivono di una nazione sulla base di stereotipi
antiquati e ormai infondati, costituisce uno stimolo per chi legge a scoprire con i propri occhi e con
le proprie sensazioni i paesi come l’Italia, ma anche
come la Russia o la Francia.
La sua pluriennale esperienza di viaggio e la frequentazione assidua del mondo dell’arte e delle lettere permettevano alla principessa di ergersi al di
sopra della maggioranza dei suoi colleghi viaggiatori che si facevano letterati – e viceversa – e questo
dà alle sue memorie un significato che va ben oltre il
valore meramente letterario e altrettanto facilmente travalica le convenzioni dei viaggi di formazione. Se la Volkonskaja redige un resoconto del suo
viaggio non è per mostrare la propria cultura, né per
comporre un’opera letteraria di alto valore; se intraprende un lungo viaggio attraverso l’Europa verso
Roma non è per completare la propria formazione.
Leggendo i Frammenti, l’immagine più vivida che
scaturisce dell’autrice è quella di una padrona di casa che orgogliosamente mostra al suo ospite la propria dimora, raccontando dettagli che sfuggono a
chi, vedendo il tutto per la prima volta, resta facilmente affascinato dalla meraviglia complessiva. È
quindi facile comprendere perché per questa dama
i concetti di “altro” e “sé” perdano la loro naturale contrapposizione fino ad avvicinarsi al massimo,
quasi fondendosi l’uno con l’altro. Nei Frammenti
dalle memorie di viaggio non c’è nostalgia della
Russia, poiché questa non costituisce la patria da
cui ci si è allontanati e alla quale si è certi di ritornare alla fine dell’avventura. La peculiare biografia
della principessa Zinaida Volkonskaja non permette di demarcare in maniera netta ciò che può considerarsi a lei proprio o estraneo quando si parla di
Russia e Italia. Per colei che a San Pietroburgo
fu definita “la bella piemontese”, che a Roma tutti conosceranno come “la principessa russa”; per
colei che propose di portare l’arte italiana in Russia perché tutti potessero ammirarne la meraviglia,
e contemporaneamente pensò a come diffondere informazioni sulla Russia in un’Europa che, a suo parere, conosceva ancora troppo poco la terra meravi-

eSamizdat 2016 (XI)
gliosa che aveva dato i natali alla sua famiglia; per
colei che rese il suo salotto di Mosca una “accademia” di talenti italiani e stranieri e il suo salotto
di Roma il centro del mecenatismo capitolino per
gli artisti russi, i concetti di “altro” e “sé” quasi si
svuotano di significato. Ciò che i suoi compatrioti russi consideravano un mondo “altro” ed estraneo, come nel caso dell’Italia, per la Volkonskaja
era parte integrante del proprio “sé”, una terra natia, che aveva fatto da sfondo alla sua infanzia e, più
tardi, agli anni della maturità; ma allo stesso tempo
la principessa non avrebbe mai potuto, né voluto,
ignorare le sue radici russe, che onorò per tutta la
vita, diffondendone le bellezze e incoraggiandone i
talenti. E, se anche la narrazione di questo viaggio
non può essere annoverata tra i massimi capolavori del genere odeporico, è indubbio il punto di vista
particolare dal quale viene stilata, un punto di vista
dato da un’esperienza che pochi, forse pochissimi
condividevano con la principessa.
La Volkonskaja non poteva vivere fuori dall’Italia:
il costante desiderio di ritornarvi e la scelta di Roma
www.esamizdat.it
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
come sua residenza definitiva lo dimostrano, ma altrettanto chiaramente non poteva – e non voleva –
dimenticare le sue radici russe. Le sue iniziative,
l’organizzazione dei suoi salotti e le attività filantropiche erano volte a creare un ponte tra Russia e Italia che travalicasse le innate differenze e rinsaldasse
i comuni punti di forza: “Славянин! Гордись родиной, дари ее жизнью своею, но простирай руку всем, ибо великое родство соединяет на земле
сердца, любящие бессмертную истину Создателя
и красоту Его создания”36 .
I Frammenti si inseriscono in questo quadro come un trait d’union tra la vita moscovita e la vita
romana, un filo che unisce la principessa alle sue
radici e al suo futuro, alla vita che ha scelto, tra le
sue due patrie, tra l’altro e il sé che nel corso della sua vita continuarono a scambiarsi di posto dal
primo all’ultimo giorno. Incarnazione perfetta della Russia, costantemente divisa tra Asia ed Europa, senza sentirsi mai del tutto né l’una né l’altra,
l’anima di Zinaida Aleksandrovna Volkonskaja fu
costantemente in equilibrio tra Russia e Italia.
Marta Valeri, “Quando l’altro diventa sé. Zinaida Aleksandrovna Volkonskaja viaggiatrice d’Europa”, eSamizdat,  (XI), pp. -
36
“Slavo! Sii fiero della tua patria, dai per lei la tua vita, ma tendi
la mano a tutti perché la gloriosa discendenza riunisce sulla terra i
cuori che amano l’eterna verità del Creatore e la bellezza della Sua
creazione”, Z.A. Volkonskaja, Sočinenija, op. cit., p. 11.
Путешествие в современной русской драматургии на примере
пьес Максима Курочкина и Александра Молчанова
Наталья Осис
♦ eSamizdat  (XI), pp. - ♦
в последние 20 лет в русской драПоявление
матургии заметного количества пьес, где тема путешествия является центральной и действие
развивается в пути, указывает на то, что современные драматурги нашли способы создания такой художественной реальности, в которой дороги огромной протяженности оказываются совместимы с ограниченными размерами театральной
сцены.
На примере двух драматургических текстов
– пьесы Цуриков Максима Курочкина и пьесы Убийца Александра Молчанова – мы рассмотрим такие методы создания художественного пространства в театральном спектакле, которые позволяют целиком посвятить драматургическое произведение путешествию. В данной работе будет проведен анализ пьес Курочкина и
Молчанова по параметрам геометрии, географии
и движения, чтобы показать, как именно – и насколько успешно – эти драматурги сумели создать художественную реальность, необходимую
для изображения путешествия в своих произведениях. Под геометрией мы будем понимать как
геометрию сцены, так и геометрию художественного пространства автора, под географией – тот
природный или урбанистический ландшафт, который автор воспроизводит в пьесе, и под движением – те образы, которые он использует для передачи действия в пути. Обращаясь к Театральному роману Михаила Булгакова, мы увидим,
как геометрия сцены влияет на способ работы
драматурга. В этой работе на материале исследования Юрия Лотмана будет рассмотрена специфика “художественного пространства” и его роль
в создании отношений героев с дорогой.
Изображение путешествия в драматургии с
момента создания театральных подмостков бы-
ло ограничено техническими требованиями сцены, имеющей конечные размеры. Влияние тесной геометрии театральной площадки на законы построения драматургического произведения
отнюдь не линейно1 . Взаимодействие характера авторского письма с театральным пространством подробно описал Михаил Булгаков в Театральном романе, переработав в творческой
манере свой опыт воплощения одного и того же
сюжета средствами разных искусств2 . Он отразил все стадии превращения прозаического текста в театральную пьесу, и это превращение начинается у Булгакова со знаменитой концепции
“золотой коробочки” – как способа драматургического мышления, обладая которым, драматург
первым делом “встраивает” свои художественные концепции в волшебное театральное пространство. И здесь следует подчеркнуть некоторые особенности этого пространства: с одной
стороны театр ограничивает драматурга трехмерной геометрией сцены, а с другой стороны подталкивает его к “волшебству”, к “игре”, к возможности создавать какие угодно миры, максимально задействуя силу воображения:
Книжку романа мне пришлось извлечь из ящика. Тут мне начало казаться по вечерам, что из белой страницы выступает
1
В долгой истории развития театра были периоды, когда единство
места было жестко закреплено и неукоснительно соблюдалось
при достаточно развитых возможностях театральной машинерии (как, например, во французском театре периода классицизма) и другие, когда частая смена места действия происходила
в самых скудных технических условиях (как, например, в итальянской комедии дель арте). См. А.А. Аникст, Теория драмы
от Аристотеля до Лессинга, Москва 1967.
2
В данном случае речь идет об автоинсценировка романа Белая
Гвардия, сделанной по заказу Московского художественного
театра Михаилом Булгаковым в 1925 году, результатом которой
стала трансформация романа в пьесу Дни Турбиных. См. А.М.
Смелянский, Михаил Булгаков в Художественном театре,
Москва 1989, с. 62.

eSamizdat 2016 (XI)
что-то цветное. Присматриваясь, щурясь, я убедился, что это
картинка. И более того, что картинка не плоская, а трехмерная. Как бы коробочка, и в ней сквозь строчки видно: горит
свет и движутся в ней те же самые фигурки, что описаны в
романе. Ах, как это была увлекательная игра!3
Юрий Лотман провел подробный научный
анализ взаимоотношений драматурга со сценой в
процессе создания произведения. Он подчеркивает, что в художественном пространстве драматургии важна не величина площадки (у Булгакова его знаменитая “золотая коробочка” впоследствии становится изоморфной учебной сцене),
но ее “отграниченность”. Она связана с превращением “географии” и “геометрии” в некий абстрактный язык, который можно использовать
для разных типов художественного моделирования:
Одна сторона коробочки открыта и соответствует отнюдь не
“пространству”, а “точке зрения” в литературном произведении. Три другие формально границами не являются (на них
может быть нарисована даль, пейзаж, уходящий в бесконечность, то есть должно имитироваться отсутствие границы). Нарисованное на них [. . . ] должно создавать иллюзию
пространства сцены и как бы быть ее продолжением. Однако
между сценой и ее продолжением на декорации есть существенная разница: действие может происходит только на сценической площадке. Только это пространство включено во
временное движение, только оно моделирует мир средствами
театральной условности. Декорация же, являясь фиксацией продолжения сценического пространства, на самом деле
выступает как его граница4 .
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
странство произведения формируется воображением автора, которое априори не может быть
ограничено ничем.
Методы создания художественного пространства в драматургическом письме можно продемонстрировать, анализируя тексты пьес Максима Курочкина а затем Александра Молчанова,
детльно рассматривая главные компоненты путешествия – пространство (географию и геометрию) и движение.
Пьеса Максима Курочкина5 Цуриков впервые
вышла на сцене Центра драматургии и режиссуры под управлением Казанцева в постановке Михаила Угарова в 2003 году под сценическим названием Трансфер, в том же году спектакль принял участие в конкурсной программе фестиваля
“Новая драма”. Текст пьесы Цуриков впервые
опубликован в журнале Современная драматургия в 2003 году6 .
Центральным событием этой пьесы является
путешествие, пунктом назначения – Ад. Театровед Алена Карась резюмирует сюжет следующим
образом:
Пьеса Курочкина – история про некоего Цурикова, нового русского героя-бизнесмена, давно не спящего с женой,
не соблазняющего секретаршу Машу, уставшего от налоговой инспекции, но прежде всего – от себя самого, живущего
по заведенным правилам и испытывающего странную тоску
[...] Сначала к нему домой является его погибший армейский
дружок Пампуха, веселый молодой человек, которого никто
в армии не бил, а он однажды взял и выстрелил себе в рот.
Цуриков отдает ему свою жену, а сам удаляется в ад, откуда ему прислал приглашение его отец. Он несуетливо собирается, берет с собой секретаршу Машу и любовника жены
Уласика, деловито фотографируется на загранпаспорт и отправляется в путь – то есть в Преисподнюю7.
Несмотря на то, что физические действия актеров ограничены параметрами сцены, “художественное пространство” произведения является
зрителю таковым, каким его представляет автор
– не случайно в театре у зрителя и драматурга
одна “точка зрения”. Следовательно авторской
Создавая свое художественное пространство,
задачей является создание творческого, художеавтор может и должен пользоваться словом, поственного пространства совместно со зрителем –
автор при помощи слов должен стимулировать
воображение публики, включать ее в игру и до- 5 Максим Курочкин – украинский драматург и сценарист, пишущий по-русски и активно участвующий в театральной жизни
стигать таким образом эффекта сопричастности.
Москвы. Родился в 1970 в Киеве, там же получил первое высДругими словами, с одной стороны театральшее образование (археология древней Руси), в Москве учился в
ное действие ограничено физическими условия- Литературном институте на семинаре драматургии у И.Л. Вишневской. Стоял у истоков драматургического фестиваля Любими сцены, с другой стороны художественное про- мовки. Пишет для театра и кино, участвует в международных
3
М.А. Булгаков, “Театральный роман”, То же, Избранная проза, Москва 1966, с. 539.
4
Ю.М. Лотман, “Художественное пространство в прозе Гоголя”,
То же, О русской литературе, Санкт-Петербург 1997, с. 621.
программах английского театра Роял Корт. См. М. Курочкин,
Кухня: пьесы, Москва 2005.
6
А. Соколянский, “Советы потустороннего. ‘Трансфер’ в Центре
драматургии и режиссуры”, Время новостей, 22.9.2003, с. 5.
7
А. Карась, “Тоска Цурикова”, Российская газета, 1.10.2003,
с. 8.
Н. Осис, Путешествие в современной русской драматургии на примере пьес Максима Курочкина и Александра Молчанова
этому для понимания метода работы автора с такой сложной материей как путешествие нам потребуется лингвистический анализ “географии”
и “геометрии” пьесы, того воображаемого ландшафта, в который зритель должен будет поместить героев.
Итак, поскольку Ад – это первый и единственный топоним, появляющийся во всей пьесе, то и
вся география путешествия строится от него и к
нему. Ад – это единственная координата, заданная автором в собственном художественном пространстве. Все остальное можно только соотносить с этой точкой.
Рассмотрим как выглядит текстуальное описание Ада в пьесе: есть ли его описание как таковое, в каком контексте упоминается Преисподняя, какие эпитеты к нему применяются.
По замыслу автора путешествие в потусторонний мир не должно восприниматься персонажами и зрителями как невозможное, поэтому для
того, чтобы сообщение главного героя о том, что
пункт назначение его поездки это Ад не вызвало ужас или удивление, автор пользуется двумя
приемами: намеренно лишает слово “ад” любого пространственного, исторического или иного
контекста, а также резко и быстро меняет тему,
используя к тому же очень удобное слово “переключить”:
Цуриков возвращается, внимательно смотрит на секретаря. Разглядывает ее, как будто первый раз видит.
Девушка смущена и взволнована. Поправляет прическу.
М а ш а (неверно истолковав взгляд шефа). Я просто постриглась.
Ц у р и к о в. Меня интересует ад.
М а ш а. Атмосферное давление?
Ц у р и к о в. Ад. Преисподняя.
М а ш а. Понятно. Кто-нибудь там конкретно?
Ц у р и к о в. Нет. Просто свяжись и переключи на меня.
(Меняя тему). Ты заметила, что я с тобой не сплю?
М а ш а. Заметила.
Ц у р и к о в. Ну и что ты по этому поводу думаешь?
М а ш а. Вы женаты.
Ц у р и к о в. Очень слабо.
М а ш а. Я не в вашем вкусе.
Ц у р и к о в. Глупости.
М а ш а. Наверное, сейчас не принято... Не знаю. Честное
слово, не знаю. А почему?
Ц у р и к о в. Сам не знаю. Поэтому и спросил8.
8
М.А. Курочкин, Кухня, ук. соч., с. 45.

Вместо того, чтобы конструировать художественное пространство Ада, автор намеренно
сводит его восприятие к подчеркнуто повседневному, “снижая” не только лексику, но и градус отношений между героями. Единственная информация об “Аде”, которую на этом этапе дает автор – это очевидно облегченный контакт с потусторонним миром, выраженный бюрократической лексикой: “свяжись9 и переключи10 на меня”.
Во второй раз Ад упоминается в следующей
сцене и он снова тесно связан с нарочито современной разговорной лексикой, когда секретарь Маша, выполняющая как будто бы самое
обычное задание, сталкивается с определенными
сложностями:
М а ш а. Алексей Викторович, я хочу уточнить.
Ц у р и к о в. Уточняй.
М а ш а. Нас какой ад интересует?
Ц у р и к о в. Они разные, что ли?
М а ш а. Я только основных насчитала штук двадцать.
Ц у р и к о в. Давай какой-нибудь самый раскрученный11.
Итак, у нас появляется вторая характеристика
Ада: раскрученный12 . Главный герой точно знает, что Ад есть, он уверен, что добраться до него
9
Слово “связаться” в значении наладить контакт отсутствует в
дореволюционных словарях и появляется впервые в словаре
Ушакова, в следующих контекстах: “Ленин ставил перед ‘Союзом борьбы’ задачу связаться теснее с массовым рабочим движением и политически руководить им”. История ВКП(б). Связаться с материком по радио. Связаться по телефону со штабом.
См. Толковый словарь русского языка под ред. Ушакова, IV,
Москва 1935-1940.
10
“Переключить” в значении употребленном автором, является
настолько ярко выраженным профессионализмом современных
офисных работников, что не появляется в этом значении ни в
Толковом словаре русского языка под ред. Ушакова (19351940), ни в Словаре русского языка под ред. Ожегова (1949),
ни в Толково-словообразовательном словаре под ред. Ефремовой. “Переключить” в значении приведенном в пьесе Курочкина, можно встретить только в “Национальном корпусе
русского языка”, причем только в одной его части – в газетном
корпусе. Приведем найденный пример: “Нужно денно и нощно
объяснять [. . . ] гражданам, как они лично выигрывают от интеграции. [. . . ] Переключить существенную часть контактов по
торгово-экономическим вопросам на евразийскую экономическую комиссию”. См. Т. Бордачев, “Извлечь уроки, стать сильнее”, Известия, 23.02.2014 – цитируется по Национальному
корпусу русского языка: <www.ruscorpora.ru> (дата последнего обращения 17.12.2016).
11
М.А. Курочкин, Кухня, ук. соч., с. 46.
12
Слово “раскрученный” не появляется в толковых словарях русского языка вплоть до 2000 (даты издания самого современного
толкового словаря литературного русского языка под редакцией

eSamizdat 2016 (XI)
не сложнее чем до Исландии или Буркина-Фасо,
главное – правильно найти тех, кто будет организовывать трансфер и сформулировать задачу, в
том числе выбрав один, нужный ему пункт назначения (где он должен увидеть отца). И он легкомысленно формулирует это как “раскрученный”
– то есть как самый широко разрекламированный, самый популярный.
В дальнейшем в тексте мы вообще не встретим никаких других эпитетов в применении к Аду.
Наиболее полное описание места назначения будет дано в конце – как краткий отчет о поездке
для жены Цурикова, оставшейся дома:
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
Так ли дело обстоит с геометрией сцены? Читателю и зрителю так ничего не удастся узнать о
способе путешествия в Ад – он не получит вообще никакой информации – ни о способе передвижение, ни о направлении пути, и о том, насколько
он был долог. Раздосадованный таким “голодным
информационным пайком” - цитируя самого Курочкина – критик напишет:
Главный герой пьесы Цуриков совершает путешествие в
потусторонний мир, благополучно возвращается на родную
землю и продолжает жить как ни в чем не бывало. Цурикова
можно понять. Начать с того, что перемещение между двумя
мирами незамысловато, как работа сливного бачка. Р-р-раз
– и трансфер в незнаемое осуществлен. Но это бы еще ничего. Куда важнее, что вояж в преисподнюю почти неотличим от поездки в ближнее или дальнее зарубежье. Все обычно, все узнаваемо. Представитель встречающей фирмы, черт
эдакий, конечно же опаздывает. Спутники героя [. . . ] бродят
по окрестностям ада в поисках Стикса и Леты как заправские туристы, сверяющие внешний вид достопримечательности с описанием из каталога. Стоит ли говорить, что ни вышеупомянутых рек, ни Цербера с Хароном, ни страдальцев,
горящих в огне, в общем, ничего из расхожего инфернального набора они тут, разумеется, не обнаруживают14.
У л а с и к. Мы были в аду.
Ж е н а Ц у р и к о в а. Ну и как там?
У л а с и к. Там... город. Мы с Машей заходили в дома. Гдето есть кодовые замки – где-то нет, где-то чистые подъезды,
где-то засрано...
М а ш а. Кто-то смеется, кто-то плачет.
У л а с и к. Кто-то смеется, кто-то плачет. Спасибо, Маша13 .
Ад Максима Курочкина похож на большой и
не особенно интересный город с улицами, домами, живущими текущими заботами гражданами
и чертями, которые в отличие от самих людей
готовы сочувствовать простым смертным. Тут,
разумеется, все хороши. Даже папе Цурикова,
по приглашению которого сын и оформил себе
“въездную визу”, как-то недосуг встречаться с
родственником. Будничность адской обстановки
дополняется выразительной сценой, в которой на
вопрос пытливого любовника жены: “А где же
Бог? ” – один из чертей указывает на самого
неприглядного обитателя преисподней. “А почему вы не там, где вам положено быть? ” – изумляется путешественник. “Н-н-е им-м-мею м-мморального права”, – заикаясь, отвечает Всевышний.
Таким образом мы видим, геогафия пьесы, а
точнее место назначения путешествия, занимающего центральное место пьесы, остается белым
пятном на карте художественного пространства
этого произведения Максима Курочкина.
Ефремовой), но его можно найти в Словаре русского арго, под
редакцией В.С. Елистратова, Москва 2002: Раскручивать когочто на что. Рекламировать кого-л. или что-л. (эстрадного исполнителя, клип, книгу, начинающего автора и т. п.), проводить
рекламную кампанию, чтобы обеспечить будущий успех.
13
М.А. Курочкин, Кухня, ук. соч., с. 66.
Но тем не менее автор, методично избегающий любой возможности создания собственного
ландшафта, отдает должное работе внутри ограниченного пространства сцены. В поисках места
назначения герои услышат “налево” и “направо”,
“прямо”, а также первое и последнее указание
на местонахождение Ада: “Чуть дальше - метров
100 отсюда”15 .
Исходя из сказанного не приходится удивляться и тому, что герои не двигаются. Нет ландшафта, нет географии, нет пространства – значит нет
и перемещения. На протяжении почти всего путешествия автору удается обходиться без глаголов движения. Некоторое изменение произойдет
в тот момент, когда герои захотят выйти из Ада,
торопясь и справедливо предполагая, что войти
в него проще, чем выйти. В сцене тринадцатой
на полутора страницах неожиданно появляется
весьма высокая концентрация глаголов движения : ведет, догонят, бросается, идет, валите, движемся, идите, идите.
14
М. Давыдова, “Замкнутый круг ада. Фестиваль Новая драма открылся спектаклем Трансфер”, Известия, 22.09.2003, с. 4.
15
М.А. Курочкин, Кухня, ук. соч., с. 50.
Н. Осис, Путешествие в современной русской драматургии на примере пьес Максима Курочкина и Александра Молчанова
И здесь необходимо еще раз подчеркнуть, что
до этого автору удавалось конструировать целые
сцены в пьесе-путешествии без единого глагола
движения!
Еще одну группу глаголов можно найти в подведении итогов путешествия:
У л а с и к. Не нормально, Маша. Все плохо. Я вот – честно
говорю – устал. Сходить в ад – пройти сквозь все – говорить
с мертвыми, с отцом, с чертями, с черт знает кем... с Манабозо! И вернуться – и не осмыслить, не сделать никаких выводов... Просто – тупо – сходить! Отметиться. Мы там были!
Леша Цуриков был тут! Ну не б. . . ство!16
И в этом цитируемый персонаж, к сожалению прав. “Просто тупо сходить” в Ад – это не
очень умно. Без визионерского опыта, без создания художественного пространства, без образа действия и описания движения, путешествия в
драматургии получиться не может. И оно, увы, у
Максима Курочкина не получилось, хоть и было
заявлено. Сказанное не отнимает у пьесы других
ее достоинств – удивительного парадоксального
диалога, столь любимого Курочкиным, смешных
и грустных шуток, и даже замечательных афоризмов. В пьесе выстроены отношения между героями, эти отношения развиваются и приходят к
определенному логическому завершению в финале – и это всего важнее в любом драматическом
произведении. Но никакого путешествия в пьесе
без основных инструментов – создания художественного пространства и образа действия - драматургу не осилить. Даже в Ад. Тем более в Ад.
В то время, как Максим Курочкин создает
свою версию потустороннего мира, Александр
Молчанов17 исследует давно покинутую им российскую глубинку в пьесе “Убийца”.
16
17
Там же, с. 59.
Молчанов Александр Владимирович, родился в 1974 году в поселке Сямжа Вологодской области, окончил Вологодский педагогический университет (факультет филологии, теории и истории изобразительного искусства), ВГИК (ЦДПО, отделение
кинодраматургии, мастерская А. Э. Бородянского). Как драматург написал несколько пьес, одна из которых (Убийца) поставлена более чем в тридцати театрах в России и Европе. Как сценарист участвовал в работе над многими популярными телесериалами и анимационными фильмами. Преподавал во ВГИКе,
Московской школе кино, киношколе Cinemotion и Мастерской
индивидуальной режиссуры. Автор Букваря сценариста, который входит в список рекомендованных учебных пособий всех
основных московских киношкол. Член Союза кинематографистов России. (А.В. Молчанов, Письма бунтующего сценариста, Москва 2015).

Драма “Убийца” была впервые представлена
на фестивале Любимовка в 2009 году, а весной 2010-го автор получил за нее вторую премию на Новой пьесе. Самая успешная постановка: режиссера Михаила Егорова в Белой комнате
МТЮЗа18 .
Андрей, главный герой пьесы “Убийца”, отправляется в свое путешествие с незнакомой ему
девушкой по имени Оксана, чтобы взыскать чужой карточный долг, и он должен быть готов
убить должника в случае, если тот не отдаст денег. На протяжении всего путешествия герой решает, готов ли он на убийство, и насколько готовность убивать может сделать из него убийцу.
Если у Курочкина персонажи путешествуют в некоем неопределенном, абстрактном пространстве, то у Молчанова есть и конкретный
ландшафт, и собственная художественная реальность. Мы не знаем, в каком городе находится
общежитие, в котором живут герои и откуда начинается их путешествие. Но мы знаем, что они
должны ехать в Оскол, но вместо этого едут в
Шиченгу (деревня с таким названием существует
и находится в Вологодской области, где родился автор), более того, Молчанов задает и направление: в сторону Архангельска (Водитель попутной машины говорит героям: “я в Архангельск
еду, вас подкину до Шиченги”)19 . Между Шиченгой и Осколом около тысячи ста километров. Архангельск, который часто встречается в рассказах главного героя, находится в пятистах километрах от Шиченги – но совсем в другую сторону. Если от Оскола до Шиченги – с юга на север – провести прямую, то Москва окажется как
раз посередине. А если продолжить эту прямую
от Шиченги вверх, на север, то на продолжении
этой прямой ляжет Архангельск. Таким образом,
география пьесы, ее художественное пространство выстроено практически по прямой: от Архангельска, стоящего на белом море, до Старого Оскола в Донских степях. Суммарная длина
этой прямой около тысячи пятисот километров.
Огромные расстояния дают автору возможность
дать эпический разбег повествованию.
18
К. Матвиенко, “Симфония внутренних монологов”, Итоги,
8.10.2010, с. 7.
19
А.В. Молчанов, “Убийца”, ук. соч., с. 54.

eSamizdat 2016 (XI)
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
Но интереснее всего в этом путешествии то
О к с а н а. Деревня, конечно, оказалась убогая. Клуб только
нормальное здание с колоннами, а вместо магазинов какиепространство, которое мы видим глазами героев.
то вагончики21 .
Их взгляд, как камера, фиксирует самые незначительные детали: таблички, пожарную часть,
Герои прекрасно понимают друг друга, они оба
лужи, голубей, остановку. Как только их движеуехали из отдаленных деревень в большой город
ние замедляется, пространство как бы оживает
для того, чтобы никогда не возвращаться в глупод их взглядом и расширяется:
бинку. Оказавшись в родной деревне одного из
О к с а н а [. . . ] На синей остановке нацарапано “Давыдов му- них, в своем отношении к провинции они обнарудак”. Это местная стенгазета. Какие сегодня последние из- живают парадокс: глубинку вообще они действивестия? “Давыдов мудак”. Интересно, какой этот Давыдов?
Толстый, лысый с портфелем. Нет, про таких на остановках тельно не любят – ни в каком из ее проявлений,
не пишут. Малолетка наверняка. Обидел девочку или другого – но свое, родное, оказывается любимым и, слемалолетку, вот, теперь прославился на всю трассу “Москвадовательно, красивым.
Архангельск”, мудак20 .
Этот же эффект обнаруживается, когда автор
Герои вступают в отношения не только с теми, как бы “укрупняет план” и вместо ландшафтной
кого встречают в пути, но и с самой дорогой. Над- съемки дает геометрию помещения:
пись на остановке в художественном пространА н д р е й. Я с гордостью показал ей мою комнату. Двенастве Молчанова становится небольшим окном
дцать полок книг, причем половину я лично вынес под куртв другие жизни. Если бы героиня принадлежакой из библиотеки. Гитара, кассетник, проигрыватель “Волна”, а главное – вид за окном. Такой вид ни за какие деньги
ла к другой социальной среде, то она непременне купишь – пруд, лес, облака.
но вспомнила бы Бродского: “везде есть жизнь,
О к с а н а. Комнатенка убогая, из мебели – только железная
кровать, кресло и полки с книгами22 .
и здесь была своя” – ведь она чувствует то
же самое, только формулирует это по-другому.
Жизни толстых, лысых и с портфелями проте“Несовпадение” героев продолжается до тех
кают вдалеке от остановок на трассе Москва- пор, пока пространство подчиняет их себе, пока
Архангельск. Значит, это не та жизнь, которая дорога диктует им свои условия, до тех пор, потечет здесь. Здесь живут “малолетки” – школь- ка они продолжают двигаться в направлении, коники младше нее, еще не уехавшие из своей про- торое они не выбирали: сначала они оказывается
винции, где местная стенгазета – это надписи на в ситуации, когда против своей воли они должны
остановке. Вот как рассуждает Оксана. И рас- вместе ехать за чужим долгом, затем Андрей месуждая, она обживает пространство, наполняет няет направление и едет к себе домой, чтобы поего смыслом.
просить у своей мамы денег (в таком случае он не
Именно через ландшафт и пейзаж автор должен будет ни у кого забирать долг, и следовараскрывает характеры своих героев. Молчанов тельно не должен будет и убивать, если этот долг
пользуется несколько раз одним и тем же прие- не получит). Но Оксана ничего не знает и приезмом: его герои видят одно и то же, но каждый да- жает в вологодскую глубинку неподготовленной:
ет свое описание и свою оценку происходящему. это было не ее путешествие и не она его выбиТак, когда они приезжают в родную деревню Ан- рала. Обратная ситуация происходит, когда они
дрея, девушка Оксана, видит совсем не то же, что едут в из Шиченги в Оскол, а к себе в общежитие
видит Андрей:
(предположительно в Москву) они возвращаются раздельно.
А н д р е й. Там у нас краота, как на открытке. Река, мост, слеВ отличие от Курочкина, выделяющего своим
ва лес, справа гора, а на ней церковь, в которой раньше была
начальная школа и ПТУ. А сейчас опять церковь. Там, мага- героям глаголы движения скудным пайком, Молзины, там клуб. Там даже группа “Сталкер” однажды выстучанов активно передвигает своих персонажей по
пала, Андрей Державин.
20
А.В. Молчанов, “Убийца”, Cовременная драматургия, 2010,
1, с. 52
21
22
Там же, с. 58.
Tам же, с. 59.
Н. Осис, Путешествие в современной русской драматургии на примере пьес Максима Курочкина и Александра Молчанова
дорогам России и, как следствие, глаголы движения имеют существенный вес в тексте. На протяжении всего действия пьесы Убийца глаголы
движения встречаются регулярно и с большой
частотой, но ближе к финалу автор перенасыщает текст глаголами движения и таким образом
ощутимо ускоряет действие:
Я повернул за угол и попал в толпу. Люди выходили из вокзала, ждали автобуса, курили, трепались, читали газеты, пили
пиво, ходили туда-сюда. Я проталкивался через них, крутил
головой и искал взглядом Оксану. Ее не было. Я искал, а ее
не было. Тогда я остановился, закрыл глаза и сказал – пусть
я ее увижу. И я открыл глаза и увидел, что она входит в автобус с красной сумкой в руках. Я кинулся к ней. Она обернулась, увидела меня и, кажется, немного испугалась. Я бежал
к ней, сбивая всех. Я запрыгнул на ступеньку, схватил ее и
начал целовать. Рядом кто-то сказал: “Молодые люди, вы не
обнаглели?” Я целовал ее прокуренные губы, и это было так
сладко и горько, как будто лижешь серебряную пепельницу.
Она отвечала на мой поцелуй. Тогда кто-то сказал: “Вы всех
задерживаете – или пройдите в автобус или выходите”. И мы
вышли из автобуса23 .
Сверхконцентрация глаголов движения дает
двойной эффект: во-первых автору удается заметно ускорить действие, а во-вторых, именно
в этот момент главный герой впервые поступает
так, как он считает нужным. Вся долгая и сложная дорога подготавливала его к такому решению, ему предшествовали долгие периоды размышлений, и вот теперь, когда нужно действовать, его герой действует по логике дороги: он
выбирает направление и цель, стремится к ней
на максимальной скорости. Он знает, что Оксану
выгнали из общежития, что она как раз едет домой в свою деревню и он прекрасно помнит, что
больше всего на свете она не любит провинцию.
А это значит, что она снова собиралась совершить путешествие под давлением обстоятельств,
пойти по дороге, которую она не выбирала. Все,
что ей надо сделать – это выйти из схемы. “И они
вышли”.
На этом заканчивается пьеса, которая в равной степени посвящена как путешествию, так и
исследованию внутреннего мира героев.
Молчанов отправляет своего протагониста в
долгую и трудную дорогу с очень важной миссией – его герой должен пройти свой путь и прийти
23
Там же, с. 65.

к новому мироощущению, к новому восприятию
себя и мира.
Так постепенно путешествие оказывается двойным: во внешнем плане герои едут в деревню
Шиченгу, потом в город Оскол, пересаживаются с автобуса на автобус, голосуют на трассе,
несколько раз чудом избегают смерти, и постепенно весь внешний план уходит в сторону, чтобы
обнажить внутренний план, гораздо более важный, в котором герои совершают долгое и трудное путешествие вглубь своей души.
Каждый человек, отправляясь в путь, оказывается в гораздо более неустойчивой ситуации,
чем та, в которой он находится в повседневной
жизни. Обычно “герои находятся на земле, горизонт их заслонен предметами, они ничего не
знают, кроме практических житейских соображений поразительно недальновидных”24 – отмечает Юрий Лотман, говоря о Мертвых душах
Гоголя. Но сказанное Лотманом можно переформулировать в применении к героям драматургических произведений следующим образом: дорога дает возможность герою меняться, изменять
свой внутренний мир, расширяя собственные горизонты. В пути герой лишается своих привычек
и ритуалов, он вынужден воспринимать “уставы
чужих монастырей” и подстраиваться под них. В
перспективе это лишает его уверенности в своих
взглядах на мир, что и создает идеальные предлагаемые обстоятельства для любой театральной
пьесы – т. е. позволяет драматургу поместить героя в такую ситуацию, в которой внутренние изменения протагониста и других персонажей будут
оправданными.
В русской народной языковой традиции дорога
соотносится с жизненным путем. Дорога в русских сказках это место, где проявляется судьба,
доля, удача человека при его встречах с людьми, животными и демонами. Дорога в народной
культуре может быть рассмотрена как разновидность границы между “своим” и “чужим” пространством25 .
24
Ю.М. Лотман, “Художественное пространство в прозе Гоголя”,
То же, В школе поэтического слова. Пушкин. Лермонтов.
Гоголь, Москва 1988, с. 292.
25
E.E. Левкиевская, “Славянские древности”, Этнолингвистический словарь под ред. Н.И.Толстого, II, Москва 1999, сс.

eSamizdat 2016 (XI)
В попытке осмыслить феномен дороги как основного элемента драматургического произведения, мы привели в качестве примера театральные
тексты двух современных русскоязычных драматургов, принадлежащих к одному поколению.
В раскрытии темы пути у Молчанова и у Курочкина есть как общность, так и противоположность. Тему многозначности дороги, ее силы, ее способности вести за собой разрабатывают оба автора. Но при этом для Курочкина путешествие это рутина, а жизнь, смерть, ад и рай
– это только серия парадоксов. Его герои давно уже все “всё прошли, и превзошли, и осознали лучше нас”26 . Дорога у Молчанова – это личная, глубоко затрагивающая его тема, зачастую
болезненная, “путь к себе”, который тем не менее
приводит к философскому осмыслению не только
себя, но и мира вокруг.
Любопытно отметить и принцип построения
“пьесы в дороге” – в этом у Молчанова и у Курочкина много общего. Путешествие в пьесе Курочкина, так же как и у Молчанова, является основным мотором сюжета: если бы не трансфер
в Преисподнюю, не было бы истории, которую
можно было бы рассказывать. И тем не менее герои Курочкина не вступают с отношения с дорогой, да и сам автор не создает художественного
пространства их пути.
В отличие от путевых заметок, где герои наблюдают нравы или изучают этнографию, внимание героев пьес Курочкина и Молчанова направлены не вовне, а вовнутрь. У Курочкина это
выражено в коротких и ироничных комментариях
персонажей, у Молчанова каждое новое внешнее
впечатление служит для продвижения протагонистов по пути познания самих себя.
Не только способ раскрытия характеров персонажей, но сама структура драматургического
письма (способ построения действия: завязка,
перипетия и развязка) подталкивает нас к другому сближению – к параллели с кинематографом.
Кинематограф пользуется теми же законами, что
www.esamizdat.it
26
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
и театр, и, подняв тему путешествия раньше
чем театр, успел опробовать “драматургический”
принцип раскрытия темы в жанре road movie.
Этот жанр существует в кино гораздо дольше,
чем опыт изображения путешествия в театральной пьесе, что и дает в этой области кинематографу некоторые преимущества перед театром.
Есть и другая, немаловажная причина для
сравнения путешествия на сцене с путешествием
в кино. На протяжении многих десятилетий деятели театра, приходя в кин, обогащали его театральными методами, но в плане изображение
пути как основного стержня повествования кинематограф накопил гораздо больше опыта, чем театр, и этим опытом не замедлили воспользоваться современные драматурги. Именно это произошло с Курочкиным и Молчановым, много работающими в качестве сценаристов кино27 .
Таким образом, можно сказать, что театральное путешествие является не только наследником
путешествия литературного, но и близким родственником кинематографического жанра road
movie. Возможность черпать сразу из двух богатейших источников при постановке на сцене обнаруживает огромный театральный потенциал.
Накопленный опыт road movie оказывает особенно заметное влияние на построение собственно драматургической структуры произведения –
в данном случае мы могли бы ее назвать road
drama. Наличие стройной и крепкой структуры
– такой как road drama – в свою очередь позволяет драматургам сосредоточиться на внутреннем действии, на организации самого важного театрального движения – к катарсису. Но все же
обращение к путешествию как главному двигателю развития сюжета пьесы требует от драматурга умения раскрыть тему дороги, способностей
создать собственное художественное пространство, и привести своих героев к взаимодействию с
ним. В противном случае подлинное путешествие
в театре может не состояться.
Наталья Осис, “Путешествие в современной русской драматургии на примере пьес Максима Курочкина и Александра Молчанова”, eSamizdat,  (XI), pp. -
124-129.
M.К. Щербаков, “Вишневое варенье”, Тринадцать дисков,
Москва 2010, с. 63.
27
С. Новикова, “Александр Молчанов: Драматургия – это структура”, Современная драматургия, 2013, 3, с. 183.
Brodsky’s Travelling Exile Pays Homage to Venice
Silvia Panicieri
♦ eSamizdat  (XI), pp. - ♦
ISPLACEMENT and misplacement are
this century’s commonplace. And what
our exiled writer has in common with a Gastarbeiter or a political refugee is that in either case a man is running away from the worse towards
the better”1 . Brodsky pronounced these words at
a conference on the topic of exile, held in Vienna
in December 1987, situating his personal condition of dissident Russian poet in exile within a wider
context of global displacements.
Joseph Brodsky’s “flight towards the better” officially started on 5 June 1972, when he was deprived of his citizenship, with the charge of social parasitism, and was forced to leave the Soviet
Union for good. An announced exile that had come
after a first, forced displacement in the Northern
Arkhangelsk region, in 1964.
A cause célèbre, Nobel Prize for literature in
1987 and Poet Laureate of the United States in
1991, soon after his expulsion Brodsky started
an international and fortunate career of professor
and lecturer, travelling extensively in the United
States – his adoptive country – South America and
Europe.
A “travelling writer in exile”, Brodsky was paradoxically granted the freedom to travel by the coercive act of the exile, at a time when travelling
abroad was not allowed in the Soviet Union. Brodsky’s Jewish heritage and a life led in constant displacement made some critics associate his figure to
the mythical Christian character of the Wandering
Jew. In this regards, David Bethea asserts: “Brodsky is also the quintessential Wandering Jew, having traveled more often and to more places than any
other Russian poet in history”2 . It must be reported,
“D
nevertheless, that his Jewishness has always been a
marginal aspect in Brodsky’s literary work – he declared himself an atheist – and it will not be in the
aim of this paper to investigate this topic further.
The wide geographical scope of Brodsky’s production reflects his intense travel experience. European and American cities and countries are described in his poems and essays through the eyes
of an exile, who – although feeling comfortable in
the places he visits – is constantly seeking for a
missing home country.
The forced and painful condition of exile soon became to be considered by Brodsky the poet’s natural, even “privileged”, condition3 , which could grant
him a detached perspective from which to express
opinions on the different contexts that surrounded
him.
In this light, Brodsky’s travel writing offered him
an extraordinary opportunity to discuss his own
transculturation, displacement, culture, history and
geography, time and space, allowing him to make
powerful statements, many of which have become
aphorisms.
Since the beginning of his career, Italy proved to
be a privileged destination in Brodsky’s travelling:
idealized before his exile as the homeland of great
writers, musicians and artists, it later became the
place where he regularly came to enjoy the company
of his many friends – some of whom were his translators and editors – in a beautiful and culturally rich
environment.
Brodsky felt indebted to the Italian culture, and
asserted that Italy had always been “a revelation
to the Russians”, referring to the cultural links be-
1
3
J. Brodsky, “The Condition We Call Exile”, Idem, On Grief and
Reason: Essays, New York 1995, p. 101.
2
D.M. Bethea, Joseph Brodsky and the Creation of Exile, Prince-
ton 1994, p. 60.
See G. Buttafava, “Interview with Joseph Brodsky”, L’Espresso,
6 dicembre 1987, p. 156.

eSamizdat 2016 (XI)
tween Italy and Russia, that date back centuries,
and that were severed during the Soviet regime4 .
In his last years, Brodsky promoted the idea of
creating an academy in Rome to allow Russian
writers and artists to live and study in Italy5 . The
Russian Academy, financed by The Joseph Brodsky
Memorial Fellowship Fund – which was founded
in the days after Brodsky’s death by a group of his
friends – so far has enabled many emerging poets,
mostly from Eastern countries, to stay and study in
Rome for a period of three months6 .
As a further proof of his affection for Italy, he
strongly fostered a collection of his Italian poems: the volume Poesie italiane was published
posthumously by Adelphi, in 1996.
Rome, Florence, and Venice offered Brodsky the
input to explore the main themes of his work –
such as classicism and empire, exile and displacement, poetry and language – but it is Venice, “a
work of art, the greatest masterpiece our species
produced”7 , that became his elected site, where
he could find the ostranenie [estrangement] he
deemed necessary for a writer.
Venice appeared in Brodsky’s poetry soon after his exile and proved a constant presence in his
work. The Russian poems set in Venice, composed between 1973 and 1995 – Lagoon [1973],
San Pietro [1977], Venetian Stanzas I [1982],
Venetian Stanzas II [1982], In Italy [1985],
Homage to Girolamo Marcello [1988], Venice:
Lido [1989], In Front of Casa Marcello [1995]
4
Brodsky often referred to the influence of Dante on Pushkin, of
the Italian opera on Tchaikovsky, and the Italian Futurism on
modern Russian art. He argued that Russian culture suffered
deeply when those links were artificially broken by the Soviet
Union’s isolationist regime: “Much of what has transpired in
Russia – in its mental climate, specifically – is this unfortunate
break’s direct result” Brodsky wrote. Cited in C. Bohlen, “The
Dream of A Poet for Italy”, The New York Times On The Web, link
<https://www.nytimes.com/books/00/09/17/specials/brodskyitaly.html> (last visited 30/5/2016).
5
He took as a model the American Academy in Rome, privately financed, where he first came in 1981, as a newly naturalized American citizen, and where he returned years later.
6
See The Joseph Brodsky Memorial Fellowship Fund website <http://www.josephbrodsky.org/about.html> (last visited
30/5/2016).
7
J. Brodsky, Watermark: An Essay on Venice, New York 1992, p.
116.
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
– provided the framework within which Brodsky
had conceived his prose masterpiece, Watermark,
which is entirely dedicated to Venice.
In this short excursus, which focuses on Brodsky’s Venetian poems, I will take into exam
the poem In Italy, first of the Russian poems
translated-rewritten into English by Brodsky himself. As in the previous poems dedicated to Venice,
the autobiographical elements are still dominant:
Venice reminds him of Petersburg, following the
common topos of Petersburg as Northern Venice,
from the very incipit of the poem:
I, too, once lived in a city where cornices used to court
clouds with statues, and where a local penseur, with his shrill
“Pervert!”
“Pervert!” and the trembling goatee, was mopping
avenues; and an infinite quay was rendering life myopic
These days evening sun still blinds the tenement’s domino.
But those who have loved me more than themselves are no
longer alive.
[. . . ]
And the world’s best lagoon with its golden pigeon
coop gleams sharply enough to make the pupil run.
At the point where one can’t be loved any longer, one,
resentful of swimming against the current and too perceptive
of its strength, hides himself in perspective8.
The symmetrical structure of the poem – four
stanzas of four lines each, with the same rhyming
scheme aabb – reinforces the parallelism between
the two cities. Petersburg, which is perceived by
the author as the past “there”, is opposed to Venice,
the present “here”. Brodsky’s explicit reference to
his parents’ death explain the closing image of the
poem – his hiding in a Venetian perspective – as he
has no more reasons to return, but constantly keeps
his eyes on the far away Petersburg9 .
Brodsky, who grew up in a city dominated by a
majestic classical architecture and a later massive
Soviet building plan, demonstrates a deep knowledge of the terms that refer to architecture, as well
as a mastery of architectural devices – such as
symmetry, reflections, perspectives, points of contact and escape – that he seems to employ to
8
Idem, Collected Poems in English, edited by A. Kjellberg, New
York 2000, p. 340. For the English version of Brodsky’s poems, I
refer to this edition.
9
As a biographical note, we remind that Brodsky never returned his
homeland, even after the fall of Communism, as a protest against
his country, which ordered his expulsion, and which had always denied his parents the permit to visit him in the United States.
S. Panicieri, Brodsky’s Travelling Exile Pays Homage to Venice
build his compositions. Through a game of mirrors
that unites Venice and St. Petersburg, he is able
to contextualize the two cities in his multicultural
existence.
The second poem I briefly take into exam, in
this path that leads to the prose of Watermark,
is Homage to Girolamo Marcello, published in
1991. It is composed in unrhymed lines, a narrative that is close to the memoiristic prose of Watermark, which was written in the same years.
Once in winter I, too, sailed in
here from Egypt, believing that I’d be greeted
on the crowded quay by my wife in resplendent furs
and a tiny veiled hat. Yet I was greeted
not by her but by two small, decrepit
Pekinese with gold teeth. [. . . ]
The quay was infinite and completely
vacant [. . . ]10 .
In the title, the reference to a Venetian descendant of the famous doges’ family pays homage to
Brodsky’s own biography, view himself as a modern
doge11 . The Marcello family is referred to again in
Brodsky’s last poem dedicated to Venice, In Front
of Casa Marcello, which will be examined further,
thus creating a continuity in his poems, a sort of a
personal legend.
In Homage to Girolamo Marcello, Brodsky
presents the lyric self as a mature author who returns to Venice, this time in complete solitude:
I could have surmised, I gather,
that the future already
had arrived. When a man’s alone,
he’s in the future [. . . ]
when a man’s unhappy,
that’s the future12 .
The idea of isolation is reinforced by the closing
image of the poem:
What seems to have survived
is but water and me, since water also
has no past13 .

The water element acquires here a further significance: if in Brodsky’s previous works it symbolised
the passing of time, in this poem it is assimilated to
his own life.
The assumption of having no past is in clear contrast with the opening line of the poem, when the
author recollects a previous visit to Venice. The
absence of a personal history, further than conveying in the reader the sensation of a meaningless
passing of time, makes the author’s nomadic condition a post-modern universal one, expressed with
the generalization “a man”. Brodsky is able then
to reinvent his lyric persona, by going beyond his
painful past of Russian exiled poet and to assume
a new identity of accomplished American writer.
His appeal of Western intellectual for the cultural
preservation of Venice shows this transformation:
this new author has found new purposes for his recurrent visits to Venice, as he recounts in the prose
of Watermark.
This thesis is also sustained by Sanna Turoma,
who affirms that “Homage to Girolamo Marcello,
and Watermark even more so, exhibits the translation of the Ovidian exilic poet into what Bhabha
calls the Lucretian postmodern subjectivity, which
is freed from, though nostalgically longs for, the
essence of the self”14 .
Fondamenta degli incurabili was written in
1989, upon invitation of the Consorzio Venezia
Nuova [Venice Water Authority], at a time of great
political and, for Brodsky, personal changes15 . The
essay, written in English, as was the majority of
Brodsky’s prose after 1972, was translated into
Italian by Gilberto Forti and published in an out-ofcommerce edition. A revised edition in Italian was
published by Adelphi in 1991, while the first English
version of the book was published in 1992, with the
14
S. Turoma, Brodsky Abroad. Empire, Tourism, Nostalgia,
Madison 2010, p. 215.
15
While teaching at the Sorbonne University in Paris, Brodsky met
a young Italian-French student, Maria Sozzani, whom he married
in 1990. They had a daughter in 1993. English became the lan10
J. Brodsky, Collected Poems, op. cit., p. 397.
guage of his affections, “our common language” – as he wrote in
11
As a side note, we may find a reference to his father, who was a
the poem To My Daughter – and this furtherly moved him from a
marine officer.
poetry written in Russian and self-translated into English (in the
12
J. Brodsky, Collected Poems, op. cit., pp. 397-398.
beginning he mainly used to supervise the work of other transla13
Ibidem, p. 398.
tors), to a poetry directly written in English.

eSamizdat 2016 (XI)
title Watermark: An Essay on Venice, then later
simply as Watermark, in 199316.
The Italian title, Fondamenta degli incurabili,
refers to the former Ospedale degli Incurabili
[Hospital for the plague victims], and evokes memories of past sufferings and isolation, which may be
connected to the author’s condition of exile.
Brodsky provides the key to the essay in the text
itself: he took inspiration from a novel he read in
1966, Provincial Entertainments, written by the
French Henri de Régnier, set in a wintry Venice,
and consisting of very brief chapters.
Watermark, well defined as an “emotional
guidebook”17 of Venice, is first of all a heartfelt appeal for the preservation of the city. The ancient
splendour of Venice, as opposed to a present decay,
is compared by the author to his personal and his
country’s history.
Venice has enticed postmodern cultural formations of European and American intellectuals – and
Brodsky belonged to them – but beyond this, in the
essay the city is explored in the personal meaning it
holds for the author.
The reader is accompanied through the city by
Brodsky’s brilliant thoughts and reflections, expressed through a mesmerizing prose. The essay
has no plot and the narrative unfolds through unbound episodes, thus conveying the sensation of a
dream-like haze. The reader, as the author himself,
is only able to perceive the city, but never to grasp
its meaning completely.
Teresa Stoppani, in her essay focused on the
Venetian architectonic elements, which appear in
Brodsky’s work, asserts that: “In Watermark,
Joseph Brodsky narrates his haptic experiences of
a Venice made of surfaces and memoirs, materials
and smells”18 .
The title Watermark, beyond its literal meaning
of filigree, suggests that the city is marked by water due to its peculiar architecture, on which water has left indelible traces. Furthermore, the fluid-
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
ity of the element on which Venice is built, represents the city’s ambiguous nature, where the waterline (or watermark) on houses and canals traces
the point of contact between a liquid and a solid,
between material and immaterial.
Watermark is composed of one hundred thirtyfive pages, divided into fifty chapters, each referring
to a specific episode of Brodsky’s recurrent visits to
Venice, started – as per Brodsky’s words – when
“many moons ago the dollar was 870 lire and I was
thirty-two”19 .
For seventeen years, during Christmastime,
Brodsky used to come to Venice. As the author
says, “scanning” the city’s face for seventeen winters (with a few exceptions for health reasons), he
presents his personal vision of Venice, recollected
in fragmentary chapters/episodes.
Here, he celebrated his first Christmas in exile, in
1972, as well as his last, in December 1995.
Brodsky explains the reasons underlying his
yearly returns to Venice in these terms: “I simply
think that water is the image of time, and every New
Year’s Eve, in somewhat pagan fashion, I try to find
myself near water, preferably near a sea or an ocean,
to watch the emergence of a new helping, a new
cupful of time from it”20 .
The prose of Watermark is poignant, elegant,
rich in alliterations, assonances, repetitions of key
words – as “city”, “water”, “time” – as well as references to Brodsky’s own poetry (with direct quotations, paraphrases, and parallelisms)21 , thus making it close to poetry, as Valentina Polukhina asserts in her essay “The Prose of Joseph Brodsky: A
Continuation of Poetry by Other Means”22 .
Moreover, many Italian words intersperse the
narrative, as acqua alta, pensione, stazione, nebbia, campi, bersaglieri, “Capito?”, chinotto,
panino, that further to demonstrate Brodsky’s ac19
J. Brodsky, Watermark, op. cit., p. 3.
Ibidem, p. 43.
21
We find references to other Brodsky’s poems as: Nature Morte,
Lagoon, San Pietro, Venetian Stanzas I, Venetian Stanzas II,
16
Roman Elegies, Kellomäki and The New Jules Verne.
All the excerpts quoted in my paper refer to the 1992 edition.
22
17
Valentina Polukhina asserts that “for Brodsky, in his last years,
R. Donadio, “Venice in Winter”, New York Times, 28 November
poetry and prose were, seemingly, virtually indistinguishable”, V.
2010, p. 1.
18
Polukhina, “The Prose of Joseph Brodsky: A Continuation of PoT. Stoppani, “Venetian Dusts”, Log, 2009, 17, pp. 109-118.
etry by Other Means”, Russian Literature, 1997 (XLI), II, p. 225.
20
S. Panicieri, Brodsky’s Travelling Exile Pays Homage to Venice
quisition of the Italian language – although modestly denied by him – they serve to widen the
audience to which the work is addressed to23 .
Brodsky draws this self-portrait in the first autobiographical passage of Watermark: “In the unlikely event that someone’s eye followed my white
London Fog and dark brown Borsalino, they should
have cut a familiar silhouette. The night itself, to be
sure, would have had no difficulty absorbing it”24 .
The author presents himself as the typical gentleman traveler, popular in literature, but here we
soon notice that his figure is darkened by the forthcoming night, thus switching the narrative from a
realistic to a metaphysical plane.
As the narration progresses, the lyric-self description is made possible only in parallel with the
description of the city:
I felt I’d stepped into my own self-portrait in the cold air. . .
The backdrop was all in dark silhouettes of church cupolas and
rooftops: a bridge arching over a body of water’s black curve,
both ends of which were clipped off by infinity. At night, infinity
in foreign realms arrives with the last lamppost, and here it was
twenty meters away. It was very quiet25 .

We are reminded here of Brodsky’s famous witty
humor, which he knowingly used to hold his
audience’s attention.
The city, a labyrinth of alleyways and canals, belongs to neither land nor water, and its indefiniteness unavoidably leads the author to metaphysical
reflections:
I always adhered to the idea that God is time, or at least that His
spirit is. Perhaps this idea was even of my own manufacture, but
now I don’t remember. In any case, I always thought that if the
Spirit of God moved upon the face of the water, the water was
bound to reflect it28 .
Water becomes an iconic element in Brodsky’s
work, and Watermark is undoubtedly a long digression about water; it is the primordial matter
that finds its exaltation in Venice, with its multiple
nuances and a connection to water imagery, often
described with associations that may surprise the
reader:
On the map this city looks like two grilled fish sharing a plate,
or perhaps like two nearly overlapping lobster claws (Pasternak
compared it to a swollen croissant); but it has no north, south,
east, or west; the only direction it has is sideways. It surrounds
you like frozen seaweeds, and the more you dart and dash about
trying to get you bearings, the more you get lost29 .
One the most quoted passages of the essay further confirms the metaphysical nature of Brodsky’s
And further on, Brodsky offers new references
narrative: “The boat’s slow progress through the for water, summarily closing his description of wanight was like the passage of a coherent thought ter in history with a lower register, that brings the
through the subconscious”26 .
narrative into a colloquial tone:
In Venice, the Russian-American author underFor water, too, is choral in more ways than one. It is the same
goes a further transformation, becoming Baudewater that carried the Crusaders, the merchants, St. Mark’s
relics, Turks, every kind of cargo, military, or pleasure vessel;
laire’s flâneur, who wanders around the city with
above all, it reflected everybody who ever lived, not to mention
the aim of getting lost in the uniqueness of Venice.
stayed, in this city, everybody who ever strolled or waded its
streets in the way you do now. Small wonder that it looks muddy
The sense of sight in Venice is extraordinarily engreen in the daytime and pitch black at night, rivaling the firmahanced, and to express this Brodsky creates an exment. A miracle that, rubbed the right and the wrong way for
aggerated, almost grotesque, image of a body that
over a millennium, it doesn’t have holes in it, that it is still H2O,
though you would never drink it; that it still rises30 .
becomes an enormous eye:
The eye in this city acquires an autonomy similar to that of a
A music lover, Brodsky often associates Venice
tear. The only difference is that it doesn’t sever itself from the
to music – and for him poetry and music share the
body but subordinates it totally. After a while – on the third or
fourth day here – the body starts to regard itself as merely the same inspiration. One of his most renowned paseye’s carrier, as a kind of submarine to its now dilating, now sages, in which Venice is compared to music, is the
squinting periscope27.
following:
In fact, the whole city, especially at night, resembles a gigantic
orchestra, with dimly lit music strands of palazzi, with a restless
23
This topic has been investigated by Michele Russo in his essay
Iosif Brodskij: Saggi di letture intertestuali, Milano 2015.
24
J. Brodsky, Watermark, op. cit., p. 4.
25
Ibidem, p. 7.
26
Ibidem, p. 39.
27
Ibidem, pp. 44-45.
28
Ibidem, p. 42.
Ibidem, p. 45.
30
Ibidem, pp. 96-97.
29

eSamizdat 2016 (XI)
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
chorus of waves, with the falsetto of a star in the winter sky. The
music is, of course, greater than the band, and no hand can turn
the page31 .
allows Brodsky to contemplate his origins and exilic transformations from afar, with the enriched perception warranted by
Venice as a revisited literary and artistic topos35 .
In an interview with Solomon Volkov, Brodsky
Brodsky accompanies the reader through the
city, making him hear the music of great com- affirmed:
You know, a person views himself as a hero out of some novels or
posers, admire the masterpiece of famous artists,
movie in which he is always in the frame. My crazy idea is that
and recite the verses of his favorite poets, in a grand
Venice should be in the background. If some idea of order exists,
celebration of art:
then Venice is the most natural, well thought of approximation
It really does look like musical sheets, frayed at the edges, constantly played, coming to you in tidal scores, in bars of canals
with innumerable obbligati of bridges, mullioned windows, or
curved crownings of Coducci cathedrals, not to mention the
violin necks of gondolas32 .
One peculiar aspect of Venice in winter, in the
only season Brodsky – a Northerner – used to
come, is its fog, which eventually becomes an essential literary device in defining Brodsky’s fading
identity:
The fog is thick, blinding, and immobile. . . In short, a time for
self-oblivion, induced by a city that has ceased to be seen. Unwittingly, you take your cue from it, especially if, like it, you’ve
got no company. Having failed to be born here, you at least can
take some pride in sharing its invisibility33.
Recent critics seem to agree in asserting the importance of Venice as a “third space”, after the
Soviet Union and the United States, which find
a correspondence respectively in Brodsky “young
Russian poet” and in Brodsky “honored American
intellectual”34 .
Venice becomes, therefore, the site of a new lyricself creation, a space in-between, where the author’s identity is transformed into a more fluid subjectivity. This new author is able to express himself
on an international level.
In this regard, Monica Manolescu adds:
of it36 .
More than a mere background for the lyric-self
transformation, Venice is the necessary means to
make it possible.
Furthermore, in my opinion, his repeated trips
to Venice represented for Brodsky many failed attempts to a return to his home city, to which Venice
– as we have seen – is always associated. On
this topic, we may think of his poems Odysseus to
Telemachus [1972] and Ithaca [1995], where the
myth of the hero with his parting and returning is
reinforced by Brodsky’s personal reference to the
forcedly broken relationship with his son Andrei.
In front of Casa Marcello [1995] is Brodsky’s
last poem on Venice.
The description of the author’s fading physical and creative powers, and his forthcoming end,
can be contextualized within the wider cultural
theme of similar deaths in Venice, as represented in
literature, poetry, cinema, and drama.
The sunset, metaphor for the ageing poet, is
situated at the very beginning of the lyric:
The sun’s setting, and the corner bar bangs its shutters.
Lamppost flare up, as though an actress,
paints her eyelid dark violet, looking both rum and scary.
And the headache is parachuting squarely
behind enemy wrinkles [. . . ]
The booming bells of the slant bell tower
rooted in the ultramarine sky over
this town are like fruits keen on falling rather
than hitting the ground. If there is another
life, someone picks them up there. Well, pretty
soon we’ll find out37 .
Venice represents a station midway in the author’s transatlantic
itinerary and a powerful catalyst of discourses on migration,
both political and aesthetical in nature. Located somewhere between the lost homeland and the land of exile, the Italian city
31
Ibidem, p. 97.
32
Ibidem.
33
Ibidem, pp. 59-60.
34
See S. Turoma, Brodsky, op. cit.; M. Russo, Iosif, op. cit.; M.
Manolescu, “Joseph Brodsky’s Watermark: From Leningrad to
Venice via New York”, Migration and Exile: Charting New Literary and Artistic Territories”, Newcastle upon Tyne 2013, pp.
13-28.
The images of a sunset and a closing bar, and the
reference to an actor’s mask convey in the reader
35
M. Manulescu, “Joseph”, op. cit., p. 15.
S. Volkov, Conversations with Joseph Brodsky: A Poets Journey Through The Twentieth Century, New York 1998, p. 198.
37
J. Brodsky, Collected poems, op. cit., pp. 435-436.
36
S. Panicieri, Brodsky’s Travelling Exile Pays Homage to Venice
the expectation for a play to be enacted (“Lamppost
to flare up”), when finally the actor/speaker/poet
appears on the scene. The idea of Venice as a great
theatre performance, is supported by the known
fragility of its building foundations, the facades of
which can be likened to a masquerade.
In Front of Casa Marcello is considered by
the critics to be Brodsky’s poetic testament. He
foresees his coming end and describes it with two
contraposed stylistic registers, as is typical of his
writing.
Venice becomes thus the symbol of the ambiguity
of existence, expressed in the poem through the two
contrasting – but complementary – images of life
and death.
Brodsky died of a heart attack in New York on
28 January 1996. After a first internment in New
York, it was decided he would be buried in Venice,
according to the wishes of his Italian wife Maria
Sozzani. Brodsky’s scholar and friend Lev Loseff
thus recalls: “In the end, his friends in Europe managed to reach an agreement with the city of Venice.
Brodsky would be buried in the old cemetery of San
Michele”38 .
In a humorous epistle to Andrei Sergeev dated
1974, Brodsky had expressed a wish to be
buried in Venice, like the great Russian composer
Stravinsky:
Though the insensate body
doesn’t care where it decays,
deprived of native clay
it doesn’t mind rotting
in a silly Lombard valley.
It’s still the native continent,
the native worms.
Stravinsky rests in peace in San Michele39 .
The discrediting process Brodsky underwent in
the Soviet Union – culminating with his exile – and
the international acknowledgment that followed,
contributed to create the biography of a myth, as
the poet Anna Akhmatova had foreseen, at the time
of his trial in 1964.

The burial in Venice further reinforces this myth,
linking Brodsky and Venice inseparably, making
this a new topos, also in the Russian creative mind.
With his last homage to Venice, Brodsky provoked a cultural response in his fellow citizens.
Brodsky’s Venice has become a tourist attraction:
the places where he used to go have become sites
of cultural pilgrimage, as well as his tomb in the
Venetian cemetery on San Michele Island40 .
As per a Romantic cliché, Venice, suspended
between reality and imagination, acts as the perfect scenario for the poet’s withdrawal from the
international scene.
I let Brodsky’s words to conclude this paper: his
powerful and inventive prose once again is able to
raise our vision above the horizon of commonplace,
always offering new hints for reflection, and challenging a foregone future. Venice – which he loved
in a touching, unconditioned way – was the muse
that inspired some of his most beautiful works,
amongst which, beyond doubt, Watermark stands:
Let me reiterate: water equals time and provides beauty with
its double. Part water, we serve beauty in the same fashion.
By rubbing water, this city improves time’s looks, beautifies the
future. That’s what the role of this city in the universe is41 .
www.esamizdat.it
Silvia Panicieri, “Brodsky’s Travelling Exile Pays Homage to Venice”,
eSamizdat,  (XI), pp. -
40
In ideal itinerary in the footsteps of Brodsky should start at Harry’s
Bar, near Saint Mark’s Square, where he celebrated his first
Christmas in Venice, in 1972. It should continue through Fondamenta degli Incurabili – its original name has replaced the previous Fondamenta Zattere. When in Venice, Brodsky used to stay
at Pensione Accademia, near the Academia Bridge, but the last
two years he rented an apartment at Palazzo Marcello, on Rio
Verona. Locanda Montin, a small guesthouse with a restaurant,
was one of his favorite restaurants. Brodsky also liked to dine at
Trattoria Rivetta, a meeting place for the gondoliers, where they
38
L. Loseff, Joseph Brodsky: A Literary Life, New Haven 2011, p.
still remember him. Via Garibaldi reminded him of Leningrad,
265.
for its famous Venetian Gardens, similar to Petersburg’s Summer
39
Ibidem, p. 303. It was originally published in A. Sergeev, OmGarden. The fish market was also a place he loved.
41
nibus, Moskva 1997.
J. Brodsky, Watermark, op. cit., p. 134.
Karel Hynek Mácha pellegrino a Venezia
Lucia Bonora
♦ eSamizdat  (XI), pp. - ♦
A ruler of the waters and their powers:
And such she was.
Lord Byron1
Venezia! Fu il suo ultimo pensiero, e
la sua tomba sarà una terra straniera.
Karel Hynek Mácha2
ER Karel Hynek Mácha (1810-1836), uno
dei primissimi poeti romantici byroniani3 delle
terre boeme, il viaggio rappresentava non solo una
delle fonti principali di ispirazione, ma nel contempo anche un vero e proprio stile di vita. K.H. Mácha
è tuttora considerato come il capostipite della poesia romantica in Boemia e il fondatore di una nuova
lingua poetica all’interno del proprio contesto culturale. Il poeta fu infatti tra i primi autori4 a ispirarsi al modello byroniano di poesia lirico-epica non
solo nei temi e nelle forme, ma anche nella visione
del mondo e nella tendenza a esternare i propri sentimenti nella produzione poetica. Mácha fu il primo, nel contesto ceco, a porsi al di fuori della poesia
patriottica panslavista, la quale tendeva a costruire
una letteratura nazionale ispirandosi al folklore popolare. Il romanticismo ceco, all’epoca definito anche con il termine byronismus, veniva infatti perce-
P
pito come “una bestemmia”5 , come il sintomo della decadenza dell’Occidente6 , dal quale la cultura
e la letteratura ceche avrebbero dovuto distanziarsi
per far emergere il proprio carattere slavo. Anche
la poesia della rinascita nazionale ceca faceva inizialmente riferimento al rapporto dell’uomo con la
natura7 , aprendosi temporaneamente a influenze di
autori preromantici come René de Chateaubriand8 .
La tematica dell’esotico venne tuttavia ben presto
sostituita da una poetica panslava, ispirata alle tradizioni e al folklore delle campagne, chiusa alle influenze europee e, prima fra tutte, proprio a quella
del romanticismo. La natura sublime, i sentimenti,
la morte, il viaggio divennero invece alcuni dei temi principali della fase matura della poesia máchiana, del tutto avulsa dalle tematiche bucoliche presenti nelle poesie della národní obrození [rinascita
nazionale].
Fin da studente Mácha intraprese diversi viaggi a piedi nelle terre boeme9 , ricche di testimonianze storiche come le rovine delle fortezze e dei
castelli che egli amava visitare. Venezia, la meta
del suo viaggio più lungo e ambizioso, rappresentò
anch’essa l’emblema della decadenza dell’Occidente, il rammarico per la caduta della Serenissima e la
5
1
G.G. Byron, “Childe Harold’s Pilgrimage”, Idem, The complete
poetical works, II, a cura di J.J. McGann, Oxford 1980, p. 125.
2
“Venecia! Byla mu poslední myšlenkou, a jeho hrobem cizí bude
země”, K.H. Mácha, “Cikáni”, Próza, a cura di K. Janský, R.
Skřeček, K. Dvořák, Praha 1961, p. 268 (traduzione italiana Idem,
Gli zingari, traduzione di A.S. Valastro, Pisa 1997, p. 117).
3
M. Procházka, “Byron in Czech culture”, The Reception of Byron
in Europe, a cura di R.A. Cardwell, London 2014, p. 285.
4
Elementi dell’influenza romantica proveniente dalle opere di Byron
(soprattutto il Childe Harold) e dalle letterature di lingua tedesca
si riscontravano in parte già in poeti antecedenti a Mácha, come
Jan Jindřich Marek e Jan Kollár, J. Vlček, Dějiny české literatury
III, Praha 1960, pp. 318, 490. Mácha ha invece interiorizzato il
modello e i contenuti, utilizzandoli come principale forma di poesia.
“Tehdy byl u úspěšných českých básníků byronismus nadávkou”,
Z. Hrbata, “Subjekt in articulo mortis a tváří v tvář přírodě”,
Máchovské rezonance, a cura di K. Piorecký, Praha 2011, p. 102.
6
M. Procházka, “Byron”, op. cit., pp. 285-288.
7
Al Poetický návrat k přírodě [Poetico ritorno alla natura] nelle
opere giovanili di autori di fine Settecento (come Josef Jungmann,
Josef Šafařík e František Palacký) Jaroslav Vlček ha dedicato un
intero capitolo. Si veda J. Vlček, Dějiny, op. cit., pp. 273-299.
8
La traduzione di Atala (1801) del 1805 da parte di J. Jungmann ebbe infatti una grande circolazione, assieme alla traduzione del Paradiso perduto (1800-1804) di J. Milton. Sulla ricezione di Atala
nel contesto della rinascita nazionale e la sua influenza sul romanticismo ceco si veda D. Tureček, “Romantická povaha Jungmannova překladu Chateaubriandovy Ataly”, Bohemica litteraria, 2013
(XVI), 1, pp. 7-21.
9
J. Arbes, Karel Hynek Mácha, Praha 1941, p. 233.

eSamizdat 2016 (XI)
nostalgia per l’antica gloria.
In questo articolo si analizzerà l’influenza dell’esperienza del viaggio e, in particolare, di quello verso la città lagunare sull’opera del poeta ceco. Si prenderanno in considerazione le principali opere in versi e in prosa di Mácha, rispettivamente Cikáni [Gli zingari, 1857]10 e Máj [Maggio, 1836]11, e si farà inoltre riferimento al diario che
il poeta scrisse durante il proprio pellegrinaggio a
piedi verso Venezia.
La tematica del viaggio era sicuramente molto
diffusa nella poetica romantica: oltre al già citato
Chateaubriand, il viaggio ha infatti ispirato le poesie di Lord Byron e di altri grandi poeti come per
esempio William Wordsworth, John Keats, Heinrich Heine. Spostarsi su grandi distanze divenne a
partire dalla fine del XVIII secolo una pratica sempre più accessibile e diffusa (si pensi al grand tour
per esempio, e soprattutto dopo le guerre napoleoniche, allo sviluppo delle ferrovie che facilitò i viaggi
a lunga percorrenza)12 . Inoltre il diario di viaggio
come riflessione sull’importanza del viaggio stesso, in quanto genere diverso13 dal semplice travelogue14 , iniziò a emergere più marcatamente nel
contesto del romanticismo. Si pensi ad Alphonse
de Lamartine (Voyage in Orient, 1835), e prima
ancora ai preromantici Constantin-François Volney (Voyage en Égypte et en Syrie, 1787-89) e lo
stesso Chateaubriand (Itinéraire de Paris à Jérusalem, 1811). Nella concezione romantica il viaggio si ricollegava direttamente alla ricerca del passato, tramite il pellegrinaggio verso rovine di castelli
e fortezze, nonché cimiteri15 . La poetica máchiana
del viaggio, e in particolar modo la raffigurazione
dello spazio in essa contenuta, del tutto personale
e soggettiva, può essere inserita in questo conte10
Unico romanzo completato da Mácha ma che non venne approvato dalla censura nel 1836, e venne dunque pubblicato per la prima
volta solamente nel 1857, V. Křivánek, Karel Hynek Mácha, Praha
1986, p. 81.
11
Unica opera máchiana completa pubblicata in volume durante la
vita dell’autore.
12
O. Löfgren, Storia delle vacanze, Milano 2001, pp. 163-165.
13
Z. Hrbata, Romantismus a Čechy, Praha 1999, p. 16.
14
The Cambridge Companion to Travel Writing, a cura di P.
Hulme, T. Youngs, Cambridge 2002, p. 35.
15
R. Porter, M. Teich, Romanticism in National Context,
Cambridge 1988, p. 5.
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
sto, senza dubbio più europeo che prettamente ceco16 . Come sosteneva il linguista Jan Mukařovský,
infatti, in Mácha “anche i pensieri, i fatti si inseriscono nell’opera poetica non come elementi di una
realtà materiale o psichica, ma come significati”17 .
La realtà (e quindi, come vedremo, anche il paesaggio) viene caricata di “senso”18 linguistico. Karel
Hausenblas19 ha approfondito il concetto introdotto
da Mukařovský interpretandolo in chiave stilistica,
aggiungendo al piano linguistico l’aspetto tematico
e prendendo in esame più testi del poeta ceco. Lo
stile della poesia máchiana, che Hausenblas20 definì tektonický [tettonico], poneva il paesaggio in
primo piano rispetto alle vicende dei singoli personaggi, rendendolo il perno attorno al quale costruire riflessioni sulla separazione dalla patria e sull’infanzia del protagonista (rimandando alle esperienze
dell’autore stesso)21 . Poeta dotato di una sensibilità sopraffina e di uno spirito di osservazione non
comune, Mácha viveva infatti il paesaggio con tutti
i sensi, e il viaggio era per lui la condizione unica e
necessaria per scoprire il mondo e, soprattutto, sé
stesso.
Nato e cresciuto a Praga, Mácha non sentì mai
di appartenere del tutto all’ambiente dei patrioti cechi: il suo mondo e la sua poesia mal si adattavano
alla sicurezza e alla positività del “giardino verde”22
16
Anche se nel periodo della rinascita nazionale ceca sono stati pubblicati alcuni diari di viaggio, per esempio l’opera di M.Z. Polák
Cesta do Itálie [Viaggio in Italia, 1820-22] e il Cestopis, obsahující cestu do Horní Itálie a odtud přes Tyrolsko a Bavorsko
se zvláštním ohledem na slavjanské živly r. 1841 konanou [Libro di viaggio che include il viaggio nell’Italia settentrionale e da lì
attraverso il Tirolo e la Baviera, con uno sguardo particolare sugli
elementi slavi portato a termine nell’anno 1841, 1843] di J. Kollár.
Su questo argomento si veda V. Faktorová, Mezi poznáním a
imaginací. Podoby obrozenského cestopisu, Praha 2012.
17
“I myšlenky, fakta atd. vstupují do básnického díla nikoli jako prvky
skutečnosti hmotné nebo psychické, ale jako významy”, J. Mukařovský, “Genetika smyslu v Máchově poesii”, Torzo a tajemství
Máchova díla, a cura di Idem, Praha 1938, p. 68.
18
Ivi, p. 69.
19
K. Hausenblas, “Zobrazení prostoru v Máchově Máji”, Realita
slova Máchova, a cura di R. Grebeníčková, O. Králík, Praha 1967,
pp. 80-83.
20
Come precedentemente aveva dimostrato anche František Xaver
Šalda in “Karel Hynek Mácha a jeho dědictví”, Idem, Duše a dílo:
podobizny a medailony, Praha 1922, pp. 55-57.
21
A. Stich, “Sborník prací o díle K. H. Máchy”, Slovo a slovesnost,
1969, XXX, 1, p. 55.
22
“Zelená zahrada”, M. Procházka, “Byron”, op. cit., p. 288.
L. Bonora, Karel Hynek Mácha pellegrino a Venezia
e della “lingua dei fiori”23 che i suoi contemporanei
prospettavano per la patria24 . La poesia patriottica
intendeva infatti celebrare la prosperità, la spontaneità e l’allegria del popolo ceco, la češství (l’essere ceco), nel contesto della fratellanza con gli altri
popoli slavi, in opposizione al romanticismo, inteso
come l’evoluzione fallita dell’illuminismo occidentale. Questa immagine dell’Occidente come threatening other25 si era sviluppata anche all’interno
del regime conservatore dell’Austria, paese al quale le terre ceche erano in quel periodo assoggettate26 . Attraverso una lingua “depurata” da influenze
straniere, la nuova poesia ceca celebrava le atmosfere bucoliche del folklore e delle canzoni popolari, imitandone il metro e le tematiche. La poesia di
Mácha era invece oscura, frammentaria, intrisa di
contrasti, una ricerca continua all’interno del proprio animo “lacerato” (come lo avrebbero definito i
contemporanei).
Per misurarsi con la propria interiorità il poeta
sentiva il bisogno di isolarsi e ancor più di spostarsi,
camminare, “immergersi” nel paesaggio e nei luoghi a lui più cari. Sistematico nel trascrivere le proprie poesie e letture27 , Mácha programmava dettagliatamente anche i viaggi: annotava i possibili orari di partenza, il tragitto da percorrere, le risorse da
impiegare, consultava guide e diari di viaggio. Si
documentava sia su testi riguardanti le terre ceche,
sia sui primi prototipi di guida turistica aventi per
oggetto luoghi più lontani ed esotici. Inoltre, prima della partenza era solito stendere dei piani per il
viaggio, in cui annotava puntualmente gli itinerari
da seguire. È sufficiente citare, a questo proposito, il piano di viaggio dello scrittore alle montagne
Krkonoše presente nel Zápisník [Taccuino, 1833],
in cui vennero elencati giorno per giorno gli orari
di partenza, le singole tappe da percorrere28 e addirittura i punti da cui si poteva godere di una vista
migliore sui dintorni29 . Mácha inoltre era solito disegnare i luoghi visitati, soprattutto i castelli e le rovine, come ad esempio quella di Křivoklát30 , a circa
sessanta chilometri da Praga.
Mácha non solo osservava il paesaggio31 , ma lo
“sentiva”, lo capiva32 e lo interiorizzava, rielaborandolo e facendo riecheggiare nei versi musicali le immagini presenti nella memoria. Punto di partenza per la “poesia visiva” máchiana furono proprio le
immagini e i riferimenti diretti al paesaggio, esplicitati tramite accostamenti insoliti di sostantivi e
aggettivi o di soli sostantivi. Le immagini, ripetute
più volte nel testo poetico máchiano, risultano suggestive e di grande impatto, anche a livello sonoro.
Le anafore e la struttura metrica furono per l’epoca estremamente innovative: il giambo máchiano,
analizzato da Roman Jakobson33 , ha inaugurato la
poesia romantica nelle terre ceche. L’“inerzia” e il
“tono decrescente”34 del verso creano infatti le basi non solo della poesia máchiana, secondo Jakobson fondata appunto su echi e ripetizioni continue,
ma anche della semantica di tutta la nuova poesia
romantica.
Il paesaggio, descritto dal poeta con una tecnica che si potrebbe definire cinematografica e quasi impressionista, è parte della poetica máchiana
tanto quanto le sensazioni che evoca, e si presenta agli occhi del lettore come “palcoscenico e attore”35 al tempo stesso. Il processo dello spostamento è per Mácha un continuo “vedere” e un continuo
“sentire”, percepire: egli
sente in modo inaspettatamente acuto, nuovo. Si tratta davvero
di ciò che tocca con il corpo, un tocco senza mediazione, un’e-
23
V. Macura, “Jazyk květin”, Idem, Znamení zrodu a české sny,
Praha 2015, pp. 32-35.
24
Nella prospettiva panslavista basata sulla lingua e sulla cultura di
una “poesia slava” infatti i territori di lingua slava erano visti come
una sorta di giardino dell’eden in cui la poesia sarebbe fiorita come
fonte di positività in opposizione con la natura sublime e contrastata della poesia occidentale, M. Procházka, “Byron”, op. cit., pp.
287-289.
25
Ivi, p. 285.
26
Ivi, p. 289.
27
Nei vari taccuini máchiani il poeta registrava mese per mese i libri
e le riviste lette, e citava brani di poesie e prose anche in lingua originale (soprattutto in tedesco e in polacco, ma anche in francese),
K. H. Mácha, Literární zápisníky. Deníky. Dopisy, a cura di K.
Janský, K. Dvořák, R. Skřeček, Praha 1972.

28
K.H. Mácha, “Zápisník”, Idem, Literární zápisníky, op. cit., p.
120.
29
Ivi, pp. 119-120.
30
Ivi, p. 95.
31
R. Grebeníčkova, “Jak vznikal Máj”, Idem, Máchovské studie, a
cura di M. Špirit, Praha 2010, p. 178.
32
V. Jirát, “Karel Hynek Mácha”, Idem, Portréty, Praha 1978, p. 65.
33
R. Jakobson, “K popisu Máchova verše”, Torzo, op. cit., pp. 207277.
34
“Setrvačnost”, “sestupný sklon”, Ivi, p. 249.
35
M. Charypar, Máchovské interpretace, Praha 2011, p. 166.

eSamizdat 2016 (XI)
sperienza vissuta in tutto e per tutto, percepita con tutto il corpo,
fino al midollo. Ciò che egli ha visto e sentito è essenziale36 .
La sensazione di fatica fisica percepita dal poeta
era anch’essa parte del processo di conoscenza necessario a Mácha per comprendere l’ambiente che
lo circondava e i segni che l’uomo vi aveva lasciato. Il paesaggio entrava in scena direttamente nelle
opere máchiane: non solo vi veniva descritto ma diventava anche un “luogo di valore”37 dotato di un
significato linguistico (per riprendere Mukařovský)
definito dall’io poetico. Questo processo di “significazione” dell’ambiente naturale si può intravvedere
in molti passaggi del Maggio, e fin dal primo canto:
Byl pozdní večer – první máj –
večerní máj – byl lásky čas.
Hrdliččin zval ku lásce hlas,
kde borový zaváněl háj.
O lásce šeptal tichý mech;
květoucí strom lhal lásky žel,
svou lásku slavík růži pěl,
růžinu jevil vonný vzdech38 .
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
Klášter Sázavský [Il monastero di Sázava, 18334], Večer na Bezdězu [Una sera a Bezděz, 1834],
Valdice [Valdice, 1836]40 portano infatti in sé il nome dei luoghi in cui sono ambientate. Gli impulsi
che Mácha assorbiva dalla propria terra e la forza
vitale ispiratrice che ne traeva sembrano essere in
alcune delle sue opere molto evidenti. Il nome di
Venezia non appare però direttamente in alcun titolo, e si rivela dunque necessario analizzare più a
fondo l’opera máchiana per carpirne l’impressione
non meno profonda suscitata nell’animo del poeta
rispetto al paesaggio della terra natia.
Come accennato, Mácha programmava dettagliatamente i propri pellegrinaggi. Quello che lo
portò a Venezia nell’agosto del 1834 con l’amico
Antonín Strobach41 (1814-1856) invece fu quasi
improvvisato, il tragitto appena abbozzato.
Il poema prosegue poi con il riferimento al suono del vento (definito come un sussurro)39 sull’acqua del lago sulle cui sponde si svolge la vicenda; è
il paesaggio, e in particolare quello notturno, a essere variamente personificato all’interno della poesia e della prosa “per tutti i sensi” máchiane. Del
paesaggio naturale Mácha infatti riportava profumi,
suoni, colori.
In alcune opere il legame con il paesaggio è
evidente a partire dal titolo: Pouť krkonošská
[Pellegrinaggio alle Krkonoše, 1833], Karlův Tejn [Karlův Týn, 1833], Křivoklad [Krivoklát, 1834],
Fig. 1. Mappa del viaggio in Italia di Mácha e Strobach tratta
da J. Čáka, Poutník Mácha, Příbram 2006
36
“K.H. Mácha vnímá nečekaně ostře, nově. Jde přímo o dotyk
těla, bezprostřední dotyk, zkušenost skrz naskrz prožitou, vnímanou celý tělem, až do morku kostí. Podstatné je to, co viděl, co slyšel”, M. Topinka, “Tělesnost u Karla Hynka Máchy”, Slovo a smysl, 2007, XVIII, disponibile all‘indirizzo:
<http://slovoasmysl.ff.cuni.cz/node/241>.
37
Nel senso inteso dall’approccio geografico presente tra altri in Making sense of place. Multidisciplinary perspectives, a cura di I.
Covery, G. Corsane, P. Davis, Rochester, New York 2012, pp. 2-3.
38
“È tarda sera – il primo maggio – / una sera di maggio – tempo
d’amore. / Chiama all’amore il canto di tortora, / là dove i pini profumano il bosco. / D’amore mormora il muschio quieto, / si strugge ingannevole l’albero in fiore, / canta il suo amore l’usignolo alla
rosa, / e lei ricambia in fragrante sospiro”, K.H. Mácha, Maggio,
a cura di A. Cosentino, traduzione di A. Mura, Venezia 2013, pp.
38-39.
39
Ivi, pp. 48-49 e 60-61.
Erano state fissate a grandi linee le tappe principali: Tábor, Krumlov, České budějovice, Linz, Salisburgo, per poi passare il Brennero attraverso le
Dolomiti e il trevigiano fino a Venezia. Fatto ancor
più insolito per Mácha è, però, la sinteticità degli
appunti di viaggio:
40
K. Janský, Karel Hynek Mácha. Život uchvatitele krásy, Praha
1953, pp. 332-333.
41
Studente di filosofia di qualche anno più giovane di Mácha. Terminati gli studi di giurisprudenza, diventerà in seguito un importante
politico, K. Janský, Karel Hynek Mácha, op. cit., p. 209.
L. Bonora, Karel Hynek Mácha pellegrino a Venezia
24. Vyšli v pět hodin. Snídali polívku a holbu vína. Měli vypito
82 žejdlíků. Jeli s vozem. Přišli do Mestre. Jeli na Barce. Ponejprv viděli Benátka. Slanávoda. Vlaši šidili42 . vjeli v Benátka. Šli
po městě, poprvé Markus Platz. O Venezia, Venezia! – Ponte
Rialto. Procesi. Vlach se nás chytil. Pokoj. Oběd stál 56 kr.
C.M. Zpěv Vlašský. Hospoda. Tréporté. Byli na Policií. Kostel
Sv. Marka. Campanilla. Koně Lysippové. 3 sloupy, v kostele Relievs. Výhlídka mezi 2 sloupy v přístavu43. Pallazzo Ducale. Socha Othella. Schody. Na hoře 2 sochy. Most. Žálaře. Silné mříže
dvoj i trojnásobné i více. V levo vchod v kostel sv. Marka. Podlaha kostelní. Kulaté okno. Napoleonova zahrada. Lodě mořské.
Podavání knihy. Ovoce. Pucování bot. Markusplatz na noc. Večeře. Moravci. Nocleh. Hrání na klarinettu. Deklamací. Vodění
po ulicích. Mníši44.
Mácha prosegue con questa incalzante telegraficità nel descrivere i due giorni trascorsi nella città lagunare, riportando nel suo Deník na cestě do
Itálie [Diario del viaggio in Italia, 1910] mere immagini, volti, non impressioni personali, ma puri
fatti e oggetti. Il Diario del viaggio in Italia, e
gli appunti su Venezia in modo particolare, spiccano per la loro mancanza di particolari, mentre
Mácha, anche negli altri taccuini, era solito elaborare pensieri e informazioni in modo più approfondito e preciso. Si tratta infatti di note scritte da e per
il poeta, stese in fretta e con la stanchezza del viaggio, utili a ricordare45 l’esperienza vissuta per una
eventuale rielaborazione successiva.
42
In diversi passaggi della traduzione di G. Maver, Un poeta romantico cecoslovacco, Karel Hynek Macha, Roma 1925, pp. 29
sono presenti dei punti di domanda. Viene riportata in nota una
traduzione più verosimile.
43
Anche in questo passaggio sono state apportate modifiche alla traduzione di Maver che recita: “Tre colonne nella chiesa.
Bassorilievi. Sguardo fra due colonne all’interno”.
44
K.H. Mácha, “Deník na cestě do Itálie”, Literární zápisníky, op.
cit., p. 271; “24. Uscimmo alle cinque. [. . . ] Viaggiammo in carrozza. Giunti a Mestre. In barca. Vedemmo per la prima volta
Venezia. Acqua salata. Gli italiani hanno imbrogliato. Entrammo
a Venezia. Andammo per la città. Anzitutto la piazza San Marco.
Oh Venezia, Venezia! Ponte di Rialto. Una processione. L’italiano
si attaccò a noi. Camera. Il pranzo costò 56 soldi (Kreutzer). Canto italiano. L’osteria. Treporti. Andammo in questura. La chiesa
di San Marco. Campanilla. I cavalli di Lisippo. 3 colonne. Nella chiesa rilievi. Veduta tra due colonne sul porto. Palazzo ducale.
Statua. Otello. Scale. In alto due statue. Il ponte. Le prigioni.
Potenti inferriate: doppie triple e più ancora. A sinistra l’ingresso
della chiesa di San Marco. Il pavimento della chiesa. La finestra
rotonda. Il giardino di Napoleone. Barche sul mare. Vendita di libri. Frutta. Lustrascarpe. Piazza San Marco per la notte. Cena.
Moravi. Albergo. Suonano il clarinetto. Declamazioni. Ci facemmo condurre per le vie. I monaci”, G. Maver, Un poeta, op. cit., pp.
29-30.
45
K.H. Mácha, Literární zápisníky, op. cit., p. 465.

Il riferimento diretto all’opera di Lord Byron Ode
on Venice (1829)46 è comunque evidente a partire dall’incipit “Oh Venezia, Venezia”, che ricorre pressoché identico anche nel romanzo máchiano
Gli zingari. La poesia Ode on Venice fu scritta
da Byron nel 1816 e pubblicata nel 1829; Mácha
sicuramente la conosceva, più probabilmente grazie ad alcune traduzioni tedesche del poeta inglese,
susseguitesi nel corso degli anni ‘20 e ‘30 dell’Ottocento47 . Anche Byron aveva sviluppato uno speciale sense of place nei confronti di Venezia, città che il poeta amava fin dall’infanzia, e che definiva “a fairy city of the heart”48 . Nelle sue poesie49
egli omaggiava la città lagunare, “the mask of Italy”50 che essa rappresentava, e che ora vedeva irreparabilmente in decadenza. Byron rappresentava per Mácha un modello per quanto riguarda la
poetica (in particolare la poesia lirico-epica) e un
animo affine anche in relazione alla visione stessa
del mondo. Mácha veniva direttamente associato
al poeta inglese dai suoi stessi amici51 e dai critici
a lui contemporanei52 . Il viaggio compiuto a Venezia rappresentava un omaggio al poeta inglese53 ,
ma a differenza di quanto accade in Byron, il fascino della città lagunare nell’opera máchiana non è
direttamente tangibile. Il testo in cui viene descritta
più direttamente dal poeta ceco è il suo Diario dal
viaggio in Italia. Questo taccuino non era stato
rielaborato per la pubblicazione e per questo motivo la sua analisi può risultare particolarmente inte46
“Oh Venice! Venice! when thy marble walls. . . ”, G.G. Byron,
“Venice. An ode”, Idem, The complete poetical works, IV, a cura
di J.J. McGann, Oxford 1980, op. cit., p. 201.
47
B. Mánek, “Byron and Nineteenth-Century Czech Society and Literature”, Byron. East and West, a cura di M. Procházka, Praha
2000, p. 194, nota 33.
48
G.G. Byron, “Childe Harold’s Pilgrimage”, op. cit., p. 130.
49
Riferimenti alla città lagunare sono presenti anche nella poesia del
1816 Venice. A fragment, nel poema Beppo. A Venetian Story
del 1818 e nel quarto canto del Childe Harold (I-XIX) pubblicato
nello stesso anno.
50
G.G. Byron, “Childe Harold’s Pilgrimage”, op. cit., p. 125.
51
Mácha stesso aveva citato un breve passaggio da una lettera scrittagli dall’amico Eduard Hindl: “Proč jste řekl, že jste Vulkánem,
proč ne Byron?” [Perché avete detto di essere un Vulcano, perché
non un Byron?], K.H. Mácha, Literární zápisníky, op. cit., p. 325.
52
J.K. Chmelenský, “Literatura česká z roku 1836”, Časopis českého muzea, 1836, X, pp. 370-385; P. Vašák, Literární pouť
Karla Hynka Máchy, Praha 1981, p. 70.
53
J. Vlček, Dějiny, op. cit., p. 163.

eSamizdat 2016 (XI)
ressante. Nel testo infatti sembra emergere il lato
inconscio del poeta, che ha fatto in questo contesto uso di una scrittura quasi automatica, spontanea, non influenzata dallo stile o dalla retorica. Anche per questo motivo le brevi descrizioni máchiane della città sono state difficili da decifrare e hanno indotto in errore i commentatori che hanno nel
corso degli anni pubblicato il diario54 . Durante il
secondo e ultimo giorno di permanenza nella città
lagunare, per esempio, Mácha annotò di aver comprato, prima della partenza in traghetto per Trieste,
dei non ben definiti “manzony”55 . Secondo i primi
critici cechi (Albert Pražák e Jan Thon in primis, in
Italia Giovanni Maver)56 si trattava di alcuni scritti di Alessandro Manzoni, cosa alquanto improbabile, visto che Mácha (a differenza del suo compagno di viaggio Strobach) non conosceva l’italiano
così bene da poter leggere in lingua. I campi della
Venezia dell’epoca di Mácha erano ricchi dei profumi e rumori del mercato, e, più che libri, i “manzony” che Mácha e Strobach comprarono in piazza erano forse degli spiedini di carne grigliata all’aglio. A quest’ipotesi, sicuramente più plausibile,
sono gradualmente giunti Karel Janský, F.X. Šalda
e Růžena Grebeníčková57 .
Nei suoi viaggi Mácha osservava ogni dettaglio
dei luoghi visitati e delle persone incontrate; proprio
grazie alla sua acuta sensibilità riusciva a cogliere i
vari aspetti di ciò che per lui era “altro”, così da trasporlo in poesia. L’influenza del paesaggio lagunare non è tuttavia evidente in Mácha come nel caso
di Byron: riferimenti alla città lagunare sono celati
all’interno dei testi.
54
Edito integralmente per la prima volta da Jan Thon nel 1910, il
diario di viaggio máchiano era stato stampato in parte e con alcune correzioni dall’amico Karel Sabina nel 1845. Nel 1929 venne
poi ripubblicato da František Krčma, ma la versione maggiormente
commentata è quella curata da Karel Janský nel 1972.
55
K.H. Mácha, “Deník”, op. cit., p. 272.
56
Si vedano a questo proposito: A. Pražák, Karel Hynek Mácha,
Praha 1936, p. 28; J. Thon, “Na okraj Máchovy italské cesty”, Karel Hynek Mácha. Osobnost, dílo, ohlas, a cura di A. Novák,
Praha 1937, p. 167; G. Maver, Un poeta, op. cit., p. 30, nota 2.
57
Nel dettaglio si vedano le note al Diario del viaggio in Italia curate da K. Janský in K.H. Mácha, Literární zápisníky, op. cit., p.
474, e gli scritti F.X. Šalda, “Z nové literatury máchovské”, Idem, Z
období zápisníku II, Praha 1987, p. 113; R. Grebeníčková, “Cesta pěšky na jih”, Slovo a smysl, 2010, XIII, 7, disponibile al sito
<http://slovoasmysl.ff.cuni.cz/node/340>.
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
Tra le poche menzioni dirette di Venezia contenute nell’opera máchiana (nei fatti l’unica all’infuori
del Diario del viaggio in Italia) si trova il quattordicesimo capitolo degli Zingari58. Come spesso accade nelle opere byroniane e máchiane, nonché romantiche in generale, i protagonisti sono due
reietti della società, due zingari (uno vecchio, Giacomo, e l’altro giovane) dal passato misterioso i
quali, dopo lunghi pellegrinaggi, fanno tappa in un
piccolo villaggio boemo. In questa prosa è di grande
importanza il tema del viaggio come ricerca (tipico
peraltro di tutto il romanticismo): entrambi gli zingari, infatti, ritroveranno dopo lungo tempo il loro
passato e vi faranno i conti59 .
Nel quattordicesimo capitolo la città lagunare
viene ritratta come sfondo delle vicende dello zingaro Giacomo, attraverso un flashback che ne svela
il passato fino a quel momento nascosto al lettore.
La città è qui più che mai protagonista e i nomi dei
luoghi si ripetono come una litania. La narrazione
assume un ritmo incalzante e frammentato, evidenziato anche dall’uso della punteggiatura che tende
a segmentare il testo:
O Venecia! Venecia! dobrou noc! – Temná noc, chladná noc
mě obklíčila teď v pustém lese, domovu mém. – Lodičko má!
kolíbáš-li se ještě na vlnách při Ponte Rialto, či jít snad rozkotána se rozplýváš v jednotlivých prknách, ven –– ven – v daleké
moře –? Samoten teď sedím při dohořívajícím ohni, dopisuje
tento strastiplný list; kolem mne spí druhové moji, nade mnou
tuhnou hvězdy ubledlé. Všecko spí; – tichoť dalekým lesem, já
jen nespím, já a paměť má a pomsty žádost horoucí. – Kdy usne
paměť má? – Kdy uhasne moje žádost pomsty? –60
58
Non ci occuperemo qui della questione sollevata in particolare da P.
Vašák (Metody určování autorství, Praha 1980, p. 187) e da R.
Grebeníčková (“Jak vznikal Máj”, op. cit., p. 180) sull’attribuzione
del quattordicesimo capitolo a Karel Sabina, che avrebbe sostituito
l’originale máchiano con un testo proprio. Si vedano a proposito J.
Wágner, Karel Hynek Mácha v dějišti svých Cikánů, Česká lípa
1996, pp. 73-78 e M. Charypar, Máchovské interpretace, op. cit.,
pp. 158-159.
59
Nella trama del romanzo infatti il giovane zingaro comprenderà le
vicende della propria famiglia e le proprie origini; il vecchio, nato
a Mestre e cresciuto a Venezia, invece, incontrerà nuovamente il
suo amore di gioventù, che a suo tempo gli era stato portato via dal
conte Valdemar, signore del villaggio e, come si scoprirà nel corso
del romanzo, padre del giovane zingaro. Il viaggio è quindi fonte di
conoscenza, ma anche destino ineluttabile dei protagonisti, in particolare del giovane zingaro, che non rimarrà nel villaggio natale,
ma alla fine del romanzo preferirà ritornare a essere nomade.
60
Riportiamo la punteggiatura come nell’originale ceco secondo la
versione originale K.H. Mácha, “Cikáni”, op. cit., p. 268; “O Venezia! Venezia! Buonanotte! – Una notte tenebrosa, fredda mi cir-
L. Bonora, Karel Hynek Mácha pellegrino a Venezia
Riappare l’esclamazione “O Venezia! Venezia!”
presente, come accennato in precedenza, anche nel
Diario del viaggio in Italia; è l’estrema invocazione dello zingaro alla città natale, alla quale augura un’ultima buonanotte61 prima di essere giustiziato in terra straniera per aver assassinato il rivale
che tempo prima gli aveva sottratto la donna amata portandola con sé in Boemia. Ancora una volta i
temi dell’amore ingannato e del luogo della memoria (Venezia perduta) si intrecciano con l’amarezza
dell’addio alla patria e, non ultimo, alla vita stessa.
La patria perduta da Giacomo, il quale lascia la natia Venezia alla ricerca di vendetta nei confronti del
rivale in amore, nonché le vicende del giovane zingaro che, conosciuta la verità sul proprio passato,
sceglie di rifiutare l’eredità che gli spetta, ritornando
di fatto a essere nomade e scappando dalla propria
terra natia appena ritrovata, si ricollegano all’ideale
di patria impossibile da raggiungere al quale Mácha si ispirava62 . Il poeta infatti percepiva la fase di
stagnazione della terra ceca, in quegli anni ancora
provincia dell’Impero austriaco e lontana dall’indipendenza linguistica e politica; tuttavia, a differenza dei suoi contemporanei che traevano ispirazione
dalle allegre canzoni popolari per comporre poesie
pedagogiche e patriottiche, Mácha si ispirò alla Venezia decadente, che egli associava probabilmente
ai castelli della Boemia più volte visitati.
Negli Zingari Venezia è evocata nei suoi luoghi più famosi (il ponte di Rialto, il Canal grande,
il Ponte dei sospiri, i Giardini di Napoleone), che
il protagonista aveva attraversato in gioventù come gondoliere, e ai quali ripensa per l’ultima volta. La città sembra rispecchiare le emozioni di Giacomo, il quale la percorre freneticamente in cerca
dell’amata: trovandosi in uno stato di grande agitazione emotiva egli la descrive come oscura, terrificante. Il canale d’Orfana, per esempio, è esso
stesso strašný [spaventoso], così come lo vede il
protagonista:
Já jsem odběhl; ve mně pálal strašlivý plamen nejžhavější žarlivosti. Noc jsem strávil v strašném kanálu ďOrfana; bylo to na
hrobě nešťastného otce. Ráno jsem opět byl pod Ponte Rialto.
Ona nepřišla; myslil jsem, že se hněvá. Odpoledne jsem zůstal
pod Ponte Rialto. Ona nepřišla. Byl večer. Déle jsem nemohl
vydržeti, běžel jsem do bytu jejího. Táži se po ní. Ráno časně
odešla a nevrátila se posud. Běžím do hospody cizince. Ráno
odploul s nějakou ženštinou do Tržiště, a žádný nevěděl, odkud
jest. Já byl zničen63.
Come ha fatto notare R. Grebeníčková, il quattordicesimo capitolo degli Zingari non era però l’unico a fare riferimento alla città lagunare. Indizi
dell’influsso di Venezia sull’opera máchiana sono
presenti anche in Maggio, seppure in modo meno manifesto. Unico scritto del poeta pubblicato
mentre egli era ancora in vita, nel 183664, Maggio
è un poema in quattro canti con due intermezzi65 ,
e rappresenta il primo tentativo di trasporre il modello della poesia “lirico-epica” byroniana nel proprio contesto culturale. Il Maggio è infatti il primo
esempio di poesia romantica in lingua ceca e, come
accennato, darà inizio a una nuova fase della poesia
63
conda ora nel bosco abbandonato, che è la mia casa. – Mia piccola
gondola! Ancora ti dondoli sulle onde vicino al Ponte Rialto, oppure galleggi smembrata in assi, lontano – lontano – sul mare –?
Solitario, ora siedo accanto a un fuoco che si estingue e finisco di
scrivere questa lettera dolorosa; intorno a me i miei compagni dormono, su di me le pallide stelle rabbrividiscono. Tutto dorme; nel
silenzio d’un bosco lontano, solo io non dormo, io e le mie memorie,
io ed il mio bruciante desiderio di vendetta. – Quando si assopirà
la mia memoria? – Quando si spegnerà la mia sete di vendetta?”,
K.H. Mácha, “Gli zingari”, op. cit., p. 117.
61
Sul significato che Mácha associa all’espressione “buonanotte”
anche in altri contesti si vedano per esempio a proposito della prosa máchiana Křivoklad K. Sabina, “Upomínka na K.H. Máchu”,
Karel Hynek Mácha ve vzpomínkách současníků, a cura di K.
Janský, Praha 1959, p. 114, e in relazione al primo canto del Childe Harold byroniano e alla poesia “Budoucí vlasť” [La patria che
verrà] M. Procházka, “Childe Haroldovo Dobrou noc a Budoucí
vlast”, Česká literatura, 1932, XXX, 4, pp. 289-302.
62
M. Charypar, Máchovské interpretace, op. cit., pp. 11-12.

K.H. Mácha, “Cikáni”, op. cit., p. 267; “Corsi via; in me ardeva la
spaventosa fiamma della gelosia più accesa. Passai la notte nel terribile canale d’Orfana; era la tomba d’un padre infelice. La mattina
ero di nuovo sotto il Ponte di Rialto. Non era venuta; pensai che
fosse in collera. Il pomeriggio rimasi sotto il Ponte di Rialto. Non
venne. Era sera. Non potei resistere più a lungo e corsi a casa sua.
Chiesi di lei. Era uscita di mattina presto e non era ancora tornata. Corsi all’albergo dello straniero. Quella mattina aveva preso un
battello per Trieste, insieme ad una donna della quale nessuno conosceva la provenienza. Ero distrutto”, K.H. Mácha, “Gli zingari”,
op. cit., p. 116.
64
Non su rivista come era avvenuto con altre poesie ma in volume.
65
Componimenti che spezzano la narrazione. Il primo si trova tra il
secondo e il terzo canto (l’esecuzione del protagonista), e rappresenta una sorta di danza degli spiriti e di elementi naturali (la luna,
il vento, la nebbia, i fiori, gli animali sono dotati in questo passaggio di vere e proprie voci) che si alternano nella preparazione di una
metaforica cerimonia funebre di Vilém. Il secondo intermezzo segue il terzo canto e si potrebbe definire come una sorta di lamento
per la morte del bandito.

eSamizdat 2016 (XI)
nelle terre boeme, dopo un lungo processo di interpretazione e rielaborazione della poetica máchiana
che attraverserà tutta la prima metà dell’Ottocento.
La trama non è complicata, caratteristica anche dei
poemi byroniani (The Prisoner of Chillon e Parisina per esempio, ai quali Mácha si era ispirato)66 :
anche se il protagonista è un fuorilegge giustiziato per parricidio, il vero centro della narrazione è la
natura, che Mácha intendeva celebrare con la sua
opera67 .
Il Maggio, fin troppo innovativo per il suo contesto68 , fu pesantemente criticato e rifiutato dalla
critica dell’epoca, a partire dalla famosa recensione
di Jan Slavomír Tomíček69 , il quale definì il poema
“spazzatura” e il poeta “un miserabile strapazzarime”70 . Mácha restò apparentemente indifferente
ai commenti del critico ceco71 . Molte altre reazioni negative si susseguirono poi nel corso degli anni Trenta, anche dopo la morte del poeta, avvenuta
nel novembre del 1836, a sette mesi dalla pubblicazione dell’opera. A differenza del contesto contemporaneo tedesco per esempio, dove il Maggio
aveva visto le prime traduzioni nel 183672 e il genio di Mácha era stato immediatamente riconos66
A. Novák, “Karel Hynek Mácha”, Čeští spisovatelé XIX. století,
a cura di J. Vlček, Praha 1907, p. XXX.
67
K.H. Mácha, “Výklad Máje”, Idem, Básně a dramatické zlomky,
a cura di K. Janský, Praha 1959, op. cit., p. 53.
68
A. Pražák, Karel Hynek Mácha, Praha 1936, p. 185.
69
Risalente all’anno stesso della pubblicazione.
70
“jeho báseň jest škvára, která z vymřelé sopky vyhozena mezi květiny padla. Ve květinách můžeme míti a máme zalíbení, nikoli ale v
chladném mrtvém meteoru, který z rozervaných útrob vyvržen byl.
V tomto nenalézáme nic krásného, oživujícího, nic básnického [. . . ]
Básník ale liboval si v kontrastech, na svém místě nejsoucích, on
raději povrhnul důstojným jménem básníka a snížil se k bídnému
rymotepci” [La sua poesia è spazzatura che, rigettata da un vulcano spento, è caduta tra i fiori. I fiori ci possono anche aggradare
e ci aggradano, ma non una meteora fredda e morta, a sua volta
estratta da viscere lacerate. In tutto ciò non vi è nulla di bello, di
vivace, nulla di poetico [. . . ] Il poeta sì è crogiolato nei contrasti
fuori contesto, ha preferito rinunciare a un degno nome di poeta
abbassandosi al livello di un miserabile strapazzarime], J.S. Tomíček, “Československá literatura”, Česká včela, 1836, III, 22,
pp. 181-182.
71
“a já – ani jsem se nezasmál, ani nerozhněval, četl jsem to všecko,
jako by mně neznámý byl mně neznamou napsal i posuzoval báseň” [ed io – nemmeno ho riso, non mi sono arrabbiato, ho letto
tutto come se uno sconosciuto scrivesse e giudicasse una poesia
sconosciuta], K.H. Mácha, Literární zápisníky, op. cit., p. 235.
72
D. Tureček, V. Faktorová, KHM 1810 – 2010. Dvě století české
kultury s Máchou, Praha 2010, p. 128.
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
ciuto73 , gli scrittori e critici contemporanei Josef
Chmelenský74 e František Čelakovský75 soffermarono maggiormente la propria attenzione sui personaggi principali del Maggio, considerati inadatti alla poesia ceca. Mácha venne inoltre accusato di guardare troppo al modello straniero romantico e fu associato negativamente a Byron. La poesia dell’autore inglese, e di conseguenza il Maggio
máchiano, contrastavano infatti con l’ideale di una
letteratura “positiva” che andasse a costituire le basi per la nascente nazione ceca. Le ultime riflessioni di un protagonista reietto e lacerato che viene
giustiziato sulla ruota non rappresentano il modello
di letteratura che possa instillare ammirazione per
la patria e che inciti a lottare per essa. Inoltre il
modello di Byron in sé, sia dal punto di vista della poetica che della biografia76 , era ritenuto inadatto al contesto ceco in quanto straniero e sintomo
inequivocabile della malattia romantica dell’Europa occidentale (che in quel periodo veniva chiamata
Zesrissenheit, Weltschmerz, malinconia, spleen,
73
Si veda per esempio l’articolo di S. Kapper (il quale si occuperà anche delle traduzioni di Mácha dal ceco), “Karel Hynek Mácha und
die neuböhmische Literatur”, Sonntagsblätter für heimatliche
Interessen, 1842, I, 18, pp. 313-314.
74
“Jeho Máj – aspoň mne – příliš urází; neboť od oběšence a anjela
tak nepoeticky padlého s nechutí oči obracím. [. . . ] A pak, co nám
do Byrona?” [Il suo Maggio – almeno per quanto mi riguarda –
offende troppo; in quanto da un impiccato e da un angelo caduto
così poco poeticamente distolgo gli occhi con disgusto. [. . . ] E poi,
che ce ne facciamo noi di Byron?], J.K. Chmelenský, “Literatura
česká”, op. cit., pp. 71-72.
75
In una lettera del 13 maggio 1836 scrisse proprio a Chmelenský:
“Mně se všecko zdá, že máj letošní mstí se na nás, že tak šibeničnicky bylo o něm zpíváno. Nešťastný básník i s celou svou romantikou! Kozla nám po ní, ježto ovoce a tudy i víno – blaho básníků –,
jak slyším, na všecky strany pomrzlo. A také okurky – jsou všecky
ty tam! [. . . ] To jsou ty plody hrozného byronismu” [A me sembra che il mese di maggio si stia vendicando nei nostri confronti,
che ultimamente di esso si è cantato come di un mese da patibolo.
Poeta infelice, con tutto il suo romanticismo! Se lo prenda il diavolo. Quella frutta e qui pure il vino – gioia dei poeti – come sento
dire, si sono ovunque congelati. E anche i cetrioli – sono tutti spariti! [. . . ] Questi sono i frutti dell’orribile byronismo”], Literární
pouť, op. cit., pp. 36-37.
76
“Lord Byron jest nejsubjektivnější básník, jehož znám, a již tím se
za vzor nehodí. [. . . ] čtenář jest často na rozpacích, má-li ji posměchem či zoufalstvím nazývati. Jen jeho květoucí, ano až oslepující
sloh, jeho obrazy, k nimiž z celého světa barvy vypůjčuje, a obraznost ze všech nejživější čtenáře bezděky uchopuje” [Lord Byron è
il poeta più soggettivo che io conosca, e per questo non è adatto
a essere un modello. [. . . ] il lettore si trova spesso in imbarazzo,
non sa se lo deve chiamare scherno o disperazione], J. Chmelenský,
“Literatura česká”, op. cit., p. 71.
L. Bonora, Karel Hynek Mácha pellegrino a Venezia
rozervanectví)77 .
L’intento máchiano, nella fase di stesura del poema, era quello di “lodare la natura” nella sua rinascita, all’inizio del “maggio odoroso”, “tempo d’amore”; la natura è in effetti descritta all’interno del
poema in modo tale da esserne parte indissolubile. Nel Maggio si rispecchiano tutte le impressioni
che Mácha aveva rilevato dalle proprie esperienze di
vita e quindi anche dai propri viaggi: il poeta riversò qui tutte le sue frustrazioni, le sue aspirazioni e
delusioni78 . Sembra non essere del tutto vero infatti79 , che il viaggio in Italia non avesse portato ispirazioni significative nell’intera opera máchiana oltre che negli Zingari. I riferimenti sono comunque
presenti, forse più inconsci che evidenti, soprattutto per quanto riguarda la descrizione dei colori del
paesaggio nel Maggio80. In generale, nell’opera di
Mácha vengono molto spesso descritti e “dipinti su
versi” le fasi della giornata, il dinamismo degli elementi naturali, delle attività umane: l’alba e il tramonto, l’arrivo di un temporale e il suo estinguersi,
il riflesso di una vela bianca in movimento sull’acqua, l’ultimo sguardo alla terra natia di un pellegrino in partenza. La suggestione dei colori costruita su contrasti e ossimori (il bianco del vestito di
Jarmila e il blu scuro delle acque, il rosso del sole
nascente e il paesaggio ancora in ombra, l’immagine ricorrente di “ombre bianche”), unita al verso musicale, creava quella magica krajinomalba
[pittura paesaggistica]81 tipica della lirica máchiana82 . R. Grebeníčková per prima ha segnalato che
l’immagine di non specificate città bianche riflesse sull’acqua sarebbe stata originata prima di tutto
dalle letture di Byron83 , poi sulle sponde veneziane,
77
M. Procházka, “Byron”, op. cit., pp. 288-289.
Il Maggio è infatti per Mácha l’opera più “soggettiva” (R. Welleck,
“Karel Hynek Mácha a anglická literatura”, Torzo, op. cit., p. 395),
la più personale, nella quale il poeta è direttamente coinvolto e in cui
egli stesso come personaggio entra direttamente in scena.
79
Per quanto riguarda la critica sul Diario di Mácha si veda R.
Grebeníčková, “Jak vznikal Máj”, op. cit., pp. 182-183.
80
J. Wágner, Karel Hynek Mácha, op. cit., p. 71.
81
Z. Hrbata, M. Procházka, Romantismus a romantismy, Praha
2005, p. 61.
82
Sull’utilizzo dei colori e sulla struttura linguistica della lirica máchiana (ordine delle parole, sintassi, punteggiatura e così via),
anche nel contesto di altre opere del poeta ceco, si veda J.
Mukařovský, “Genetika smyslu”, op. cit., pp. 51-68.
83
R. Grebeníčková, “Jak vznikal Máj”, op. cit., p. 188.
78

e proseguita a Trieste. Questa visione non era concepita dal poeta semplicemente come effetto ottico,
ma come idea che tali città siano in quell’acqua veramente destinate ad “annegare”84 . Oltre a Venezia, anche Trieste deve dunque avere colpito profondamente la fantasia del poeta che, giuntovi dal mare, avrà sicuramente avuto occasione di osservare
i suoi bianchi edifici di marmo chinarsi sull’acqua.
L’immagine máchiana del mare è simile a quella che
si può ritrovare nelle poesie di Byron, le quali forse
riemergono dalla memoria letteraria del poeta ceco al momento della scrittura del diario di viaggio.
Nel Deník si leggono infatti annotazioni su Trieste e riferimenti al mercato presente sulla piazza85 ,
in particolare a pesci e granchi lì in vendita86 . Secondo R. Grebeníčková87 quest’immagine sarebbe
ancora una volta affine alla Ode on Venice di Byron
(nella quale gli abitanti di Venezia sono metaforicamente visti come granchi nel loro incedere con fatica per le calli della città)88 e come sineddoche del
mare stesso.
La Venezia dei primi decenni dell’Ottocento aveva visto la fine della Repubblica e l’instaurazione
del dominio napoleonico prima e austriaco poi, che
hanno portato alla città lagunare a una depressione
economica notevole89 . Molti dei suoi edifici erano
84
J. Wágner, Karel Hynek Mácha, op. cit., p. 72.
Immagini del mercato ricorrono spesso anche negli Zingari, quando Giacomo attraversa la città in preda alla gelosia (K.H. Mácha,
“Gli zingari”, op. cit., pp. 116-117) e nel Diario del viaggio in
Italia, a proposito di Piazza San Marco (K.H. Mácha, “Deník”,
op. cit., pp. 271-272).
86
“Tržiště na obzoru pohoří. [. . . ] Podivné ryby. [. . . ] pucovali ryby.
Raky” [Mercato (o Trieste) sullo sfondo di una catena montuosa.
[. . . ] Strani pesci. [. . . ] curavano i pesci. Granchi], K.H. Mácha
“Deník”, op. cit., p. 272.
87
R. Grebeníčková, “Jak vznikal Máj”, op. cit., p. 188.
88
“And yet they only murmur in their sleep. / In contrast with their
fathers—as the slime, / The dull green ooze of the receding deep, /
Is with the dashing of the spring-tide foam, / That drives the sailor
shipless to his home, / Are they to those that were; and thus they
creep, / Crouching and crab-like, through their sapping streets”,
G.G. Byron, “Venice. An ode”, op. cit., p. 201.
89
Il mito della Venezia come meta del Grand Tour e potenza internazionale era in declino non tanto dal trattato di Campoformio,
quanto piuttosto a partire dal dominio napoleonico negli anni 18061814, quando la città venne “saccheggiata con metodo” (F.C. Lane, Storia di Venezia, Torino 2015, p. 507) e risentì del cambiamento del sistema politico (G. Romanelli, “Venezia nell’Ottocento”, Storia di Venezia, 3, a cura di M. Isnenghi, S. Woolf,
Roma 2002, p. 933). Nemmeno in seguito alla restaurazione la
città riguadagnò lo splendore della Repubblica, in quanto lo svi85

eSamizdat 2016 (XI)
per lo più in decadenza90 . La città lagunare quindi
colpiva sicuramente la fantasia dei poeti per il suo
profilo di “bellezza mummificata di una città morta”91 : si trattava di quel terribile fascino dell’insalvabile, di una città destinata inevitabilmente a essere inghiottita dalle acque e tuttavia ancora bella,
nonostante il fatto che “her palaces are crumbling
to the shore”92 .
L’immagine di una Venezia in decadenza è insito anche nel Maggio, dove compare nel terzo e nel
quarto canto:
Daleko zanesl věk onen časů vztek,
dalekoť jeho sen, umrlý jeho stín,
obraz co bílých měst u vody stopen klín,
takť jako zemřelých myšlenka poslední,
tak jako jméno jich, pradávných bojů hluk,
dávná severní zář, vyhaslé světlo s ní
zbortěné harfy tón, ztrhané strůny zvuk,
zašlého věku děj, umřelé hvězdy svit,
zašlé bludice pouť, mrtvé milenky cit,
zapomenutý hrob, věčnosti skleslý byt
vyhasla ohně kouř, slitého zvonu hlas,
to jestiť zemřelých krásný dětinský čas93 .
È la descrizione dei sogni d’infanzia del protagonista, ormai svaniti, così come svanita era a suo
tempo la gloria di Venezia. L’immagine pittorica
delle città bianche sull’orlo del mare, quasi inabissate, è stata quindi probabilmente ispirata da Venezia (e Trieste), nella sua bellezza fatiscente. Proprio il fatto che questa stessa similitudine si ripeta
nell’ultimo canto, unito alla collocazione particolare del verso, immediatamente precedente alla sequenza di ossimori, come a voler “preparare il lettore”94 , fa comprendere quanto profondamente Venezia avesse davvero colpito il poeta. La metafora
luppo maggiore nel corso degli anni Trenta dell’Ottocento si verificò principalmente sulla terra ferma (Venezia suddita, a cura di D.
Gottardi, Venezia 1999, p. 36.).
90
Ivi, p. 35.
91
“[symbolem] mumifikované krásy mrtvého města”, R. Grebeníčková, “Jak vznikal Máj”, op. cit., p. 188.
92
G.G. Byron, “Childe Harold’s Pilgrimage”, op. cit., p. 125.
93
“Un’età che la furia del tempo gli ha sottratto, / è un sogno lontanissimo, sbiadito come un’ombra, / come un riflesso di bianche
città sommerse, / come l’ultimo pensiero dei defunti, e il loro nome,
/ ancestrale fragore di battaglie, / antica aurora boreale, bagliore
estinto, / suono d’arpa spezzata, di corda rotta, / storia dei tempi andati, luce di stella spenta, / sperso pianeta errante, amore di
defunta amata, / dimenticata tomba, ruderi dell’eterno, / fumo di
fuoco spento, liquido tocco di campana, / ecco la bella infanzia dei
morti”, K.H. Mácha, Maggio, op. cit., pp. 88-89.
94
J. Mukařovský, Máchův Máj, op. cit., p. 81.
♦ La letteratura di viaggio in area slavofona ♦
stessa dell’annegamento ricorre spesso nel Maggio, certo non legata solamente alla città lagunare, ma sicuramente a essa correlata. L’acqua, spesso accostata all’idea di grembo, riflette e inghiotte
città, ombre, colline, stormi di uccelli, che sembrano, riflettendosi sulla superficie oscura dell’acqua,
stopiti se [annegare], unirsi a essa:
Loďky i bílé v břehu dvory –
věž – město – bílých ptáků rod –
pahorky v kolo – temné hory –
vše stopeno v lůno vod,
jak v zrcadle se zhlíží95 .
Il ripetersi quasi ossessivo di simili proiezioni
mentali del paesaggio reca in sé la paura dell’annegamento, che a sua volta si applica anche ai sentimenti umani: “il cuore annegò nelle proprie sensazioni”96 . Ricorrente è inoltre l’aggettivo “profondo”97 , idea che ancora una volta rimanda all’acqua del mare (o del lago nel caso specifico). L’aggettivo hluboký [profondo] è infatti accostato nel
Maggio a sostantivi come žal [dolore], cit [sentimento], smutek [tristezza], vzdech [sospiro], insieme all’avverbio hluboce [profondamente], associato a vzdechne [sospira], noc [notte]. Allo stesso
modo l’avverbio hluboko [profondamente], in due
versi che si ripetono a loro volta all’interno del poema98 , è collegato all’aggettivo stopen [annegato],
in un caso seguito al verso successivo dal comparativo hlouběji [più profondamente]. In generale, il
concetto spaziale di verticalità99 , assieme al contrasto luce-oscurità, è presente in gran parte delle
opere di Mácha100 . Nel Maggio l’idea si ricollegava
direttamente anche alla morfologia del paesaggio
che ha ispirato l’intera opera: si tratta della zona
95
“Le barche e i casali bianchi sulla riva – / la torre – il borgo –
quegli uccelli bianchi – / i poggi intorno – i monti scuri – / tutto
s’immerge nel grembo delle acque, / come immagine riflessa in uno
specchio”, K.H. Mácha, Maggio, op. cit., pp. 82-83.
96
“Srdce se v citech potopilo”, Ivi, pp. 50-51.
97
K. Hausenblas, “Zobrazení”, op. cit., pp. 89-90.
98
K.H. Mácha, Maggio, op. cit., pp. 44, 80.
99
Si veda a proposito lo studio di M. Exner “Mácha mezi sentimentalismem a biedermeierem”, Mácha redivivus, a cura di A. Haman,
R. Kopáč, Praha 2010, pp. 368-411.
100
Emblematici sono i componimenti “Vzor krásy” [Modello di bellezza, 1832] e “Temná noci!” [Notte oscura! 1834], K.H. Mácha,
Básně, op. cit., pp. 120 e 201.
L. Bonora, Karel Hynek Mácha pellegrino a Venezia
non lontana dalla cittadina di Doksy101 , situata tra
le colline della zona chiamata Ralská pahorkatina
al nord di Praga.
In conclusione dunque l’immagine della Venezia
in decadenza si riflette nell’opera máchiana in modo latente tra i versi del Maggio e lascia trasparire quanto in realtà la città abbia colpito il poeta,
al di là dei riferimenti ovvi contenuti nel quattordicesimo capitolo degli Zingari. La visione dello
spazio fisico veneziano che Mácha ha portato nella
sua poesia sembra essere dunque del tutto peculiare rispetto al contesto ceco, considerate le influenze
europee degli Zingari e del Maggio. Oltre ai testi
di Byron, Mácha aveva infatti acquisito e trasferito nel proprio contesto culturale le tendenze del romanticismo occidentale. Egli aveva compreso prima dei suoi contemporanei, e in modo più profondo l’importanza e la necessità per la letteratura ceca di non chiudersi nella poesia ispirata al folklore
delle campagne, ma di fare propri i modelli “stranieri”. Jan Kollár sosteneva che la poesia romantica (e quella byroniana in particolare) aveva portato
a un’eccessiva citlivost [sensibilità], se non addirittura una zcitlivělost [impressionabilità]102 nel
contesto della poesia della rinascita nazionale ceca,
www.esamizdat.it

e per questo non doveva essere imitata. Ma nel caso
di Mácha fu proprio il dono della sensibilità a permettere al poeta di fare proprie le immagini tratte
dal viaggio veneziano, i tramonti rosati sulle Dolomiti, il riflesso delle bianche sponde sulla laguna,
di confrontarle con il paesaggio della terra natia
e rielaborare impressioni e sensazioni in poesia. Il
“continuum [. . . ] di stratificazione, memorizzazione, categorizzazione di impressioni ottiche”103 che
costituiva il pellegrinare máchiano si è concretizzato nella poesia e nella prosa che, partendo da sintetiche annotazioni brevemente registrate in loco,
sembrano essere state scritte en plein air104. Lo
sguardo sempre attento di Mácha era dunque in
continua osservazione del paesaggio circostante e
la sua sensibilità poetica lo portava a rielaborare le
immagini e le sensazioni che da esso traeva.
Così come nella poetica romantica il paesaggio
funse da specchio e portò l’io poetico a una riflessione autoreferenziale più profonda, il processo del
vedere e visitare fisicamente nuovi luoghi, avendone dunque esperienza diretta, condusse anche Mácha alla scoperta di sé, aiutandolo a costruire o
intravvedere e a mappare il suo stesso paesaggio
interiore.
Lucia Bonora, “Karel Hynek Mácha pellegrino a Venezia”, eSamizdat,  (XI), pp. -
101
Sul paesaggio di Doksy come ambientazione del Maggio si veda
J. Panáček, J. Wágner, Karel Hynek Mácha v kraji svého Máje,
Praha 1990 e R. Grebeníčková, “Jak vzníkal Máj”, op. cit., p. 201.
Si noti che il toponimo stesso del lago è stato cambiato dal neutro
“Velký Dokeský rybník” [Grande stagno di Doksy] in “Máchovo
jezero” [Lago di Mácha], G. Fišarová, “Doksy a Máchovo jezero”, Sborník učitelských prací z kurzů Univerzitních extenzí v
České Lípě, Praha 2004, p. 17.
102
J. Kollár, O literární vzájemnosti mezi rozličnými kmeny a nářečími slovanského národu, traduzione di J.S. Tyl, Praha 1853,
p. 43.
103
“kontinuum, nikoli pouhé střídání, nýbrž vrstvení, ukládání, svazování — optických dojmů”, R. Grebeníčková, “Jak vznikal Máj”, op.
cit., p. 178.
104
Ivi, p. 179.
Numeri di eSamizdat già pubblicati
♦ eSamizdat 
♦♦ eSamizdat /
♦♦ eSamizdat /
♦♦♦ eSamizdat /
♦♦♦♦ eSamizdat 
∇ eSamizdat /-
♦♦ eSamizdat /
♦♦♦ eSamizdat /-
∇ eSamizdat /
∇♦ eSamizdat /
∇♦♦ eSamizdat /-
∇♦ eSamizdat /-
∇♦♦ eSamizdat /
∇♦♦♦ eSamizdat –
♦⋆ eSamizdat –
♦⋆⋆ eSamizdat –
www.esamizdat.it
eSamizdat
L A LETTERATURA DI VIAGGIO
IN AREA SLAVOFONA
A cura di Cristina Cugnata, Anita Frison e Chiara Rampazzo
In questo numero testi e contributi di:
Daniele Artoni
Lucia Bonora
Daniela Cesareo
Nadia Cornettone
Luizetta Falyushina
Alessandro Farsetti
Daniele Franzoni
Maria Gatti Racah
Zorana Kovačević
Kristina Landa
Emilio Mari
Martina Morabito
Natalia Osis
Silvia Panicieri
Ivan Posokhin
Marta Valeri
www.esamizdat.it
 (XI)