Mi chiamo Sefora Inzaghi, sono nata a Milano 34

Commenti

Transcript

Mi chiamo Sefora Inzaghi, sono nata a Milano 34
Mi chiamo Sefora Inzaghi, sono nata a Milano 34 anni fa, vivo ad
Avezzano in provincia dell’Aquila e fino al mese scorso ero la
Presidente della STL WWf Marsica.
Ma la mia rivoluzione civile è iniziata molto prima di incontrare il
wwf, esattamente nel 2007, il giorno in cui ho incontrato un
giornalista di Libera, che mi portò a conoscenza di documenti
relativi ad un Inceneritore a biomasse che la multinazionale
PowerCrop voleva costruire nel cuore fertile della mia terra, la
Marsica, la cui economia portante è l’agricoltura.
Da allora è cresciuto il mio impegno e alla mia voce se ne sono
unite tante altre: persone motivate, preparate che hanno sete di giustizia, legalità, trasparenza e
uguaglianza, ad oggi sono ancora la portavoce del Comitato Marsicano NO PowerCrop.
Durante i fine settimana lavoravo in pizzeria per contribuire a pagare i miei studi universitari, oggi
sono laureata in Scienze Ambientali, con una tesi nata e sviluppata presso il centro Ricerche
ENEA E. Clementel di Bologna; Titolo della mia tesi “Proposta di un modello di sviluppo
sostenibile in un paese povero mediante l’utilizzo della metodologia LCA – Il caso: la Repubblica
Democratica del Congo”. La tesi di Laurea è ad oggi una PUBBLICAZIONE ENEA (Sigla di
identificazione: UTVALAMB-P795-O13).
Ho conseguito un Master in, Qualità, Qualità Ambientale, Sistemi di Gestione Aziendale, ISO
serie 9000, ISO serie 14000, ISO serie 19011, Reg. EMAS, Dlgs. 81/08, OHSAS 18001, Dlgs
231/01, SA 8000.
Attualmente sono una precaria, svolgo uno studio di ricerca su Lupo, Succiacapre, Coturnice,
Specie di Uccelli rupicoli finalizzato alla stesura di un piano di gestione SIC presso la Riserva
naturale regionale “Gole del Sagittario”.
Ho deciso di credere in Rivoluzione Civile perché sono fermamente convinta che sia l’ultima vera
speranza che resta a questo nostro Paese. Ho deciso di mettermi in gioco perché sono fermamente
convinta che per riportare un po’ di ordine in questo enorme caos prima di tutto sia necessario
riportare la politica tra le gente, tra tutte quelle persone che ormai troppo sfiduciate ed esasperate
dalla continua corruzione hanno fatto dell’antipolitica la loro bandiera. A queste persone io dico:
“siate partigiani!”.
Io credo che il benessere di un aTerra passi attraverso la tutela dell’ambiente e della legalità. Coloro
che criticano le norme e le leggi ambientali sostengono che queste causano perdita di lavoro, in
realtà sono fermamente convinta che la vera RIVOLUZIONE CIVILE sia rappresentata dalla
protezione e valorizzazione dell'ambiente. l'ambiente dovrebbe essere considerato come un'
"industria" in pieno sviluppo in grado di offrire un gran numero di posti di lavoro. Il nuovo mercato
e la nuova economia sono green e guardano con favore all'ottimizzazione non allo spreco,
all'energia pulita, alla ricerca e allo studio; credo fermamente in una agricoltura nuova e sostenibile,
in una gestione dei rifiuti che preveda centri locali per il recupero e il riciclo della risorsa rifiuto e
non lo stoccaggio in una discarica o in un inceneritore.
Si deve lavorare secondo un nuovo concetto di impresa basata anche su un turismo etico e
consapevole che valorizzi le memorie, le usanze, i beni architettonici, i prodotti e la biodiversità
locale, attraverso una vera e propria filiera della sostenibilità. E' in questi settori che i comuni, i
cittadini dovrebbero concentrare le proprie risorse e basare il proprio sviluppo. La natura esiste per
tutte le specie della terra e non solo per noi, il nostro successo dunque, dipende dal fatto che si
impari a cooperare con il resto della natura imparando a lavorare con la Terra. Questo è Sviluppo
questa è Rivoluzione civile.
Ho un blog: www.mammaterra.blogspot.com