Progetto Beirut Art Fair - Istituto Italiano di Cultura, Beirut

Commenti

Transcript

Progetto Beirut Art Fair - Istituto Italiano di Cultura, Beirut
 Progetto per BEIRUT ART FAIR 2016
Per la prossima edizione di Beirut Art Fair 2016, Galleria Pack presenta alcune opere
della nuova serie dell’artista Matteo Basilé, dal titolo PIETRA SANTA (2016), lavoro svolto
tra le cave di marmo di Carrara.
Matteo Basilé (1974) vive e lavora a Roma. Inizia la sua carriera a metà degli anni ’90,
con la sua prima mostra personale all’età di diciannove anni ed è tra i primi artisti in
Europa a fondere arte e tecnologia. Basilé possiede la straordinaria capacità di conciliare
idee opposte come il bello e il grottesco, reale e surreale, naturale e artificiale. Esplorando
le nature dell’essere umano, l’artista sviluppa il suo racconto dividendo il suo lavoro in
capitoli: The Saints are Coming (2007), Thisoriented (2009), Thishumanity (2010),
Landing (2012), UNSEEN (2014), PIETRA SANTA (2016): una serie di passaggi
indipendenti in cui l’artista negozia la sua percezione dell’esistenza. La ricerca dell’artista
è un’interfaccia tra Oriente e Occidente (in linea con il contesto della città di Beirut, luogo
d’incontro di diverse culture), una dialettica interposta che opera come una collisione
situata tra tradizione e modernità, tra sacro e profano. I suoi antieroi ci rimandano alla
storia classica ma contemporaneamente trasmettono lo spirito del nostro tempo.
I personaggi delle sue opere spesso incarnano visioni ed estasi, inquietudini e
sconvolgimenti, incubi e sogni. Formalmente, l’artista cancella l’antagonismo tra
l’immaginario e il reale, innescando un complesso sistema di porte scorrevoli emozionali.
Di ciascuno dei suoi lavori l’artista crea un’unica copia, rinforzando il valore di unicità
dell’opera d’arte.
PIETRA SANTA (2016)
Nelle opere della serie intitolata PIETRA SANTA (2016) , come di consueto, l’artista
contamina la sua fotografia con le suggestioni della tradizione artistica italiana costruendo
immagini oniriche e surreali. Figure chimeriche animano gli scatti dell’artista dove
personaggi sospesi in uno scenario quasi lunare, sembrano emergere dalle enormi ferite
bianche che si aprono sul fianco delle pendici scoscese delle cave di marmo. Così come
per Michelangelo, il compito di Basilé sembra essere quello di liberare da questa pietra
selvaggia le presenze che vi sono imprigionate, ponendole in un paesaggio dove la
scultura, l’architettura e la pittura si fondono per mettere in risalto la figura umana, sempre
al centro della ricerca dell’artista, anche se trasfigurata attraverso molteplici riferimenti
iconografici.
Le opere sono esposte per la prima volta presso il Museo MACRO – Museo d’arte
Contemporanea Roma, in occasione di una mostra del ciclo APPUNTI DI UNA
GENERAZIONE, attualmente in corso.
Tra le principali mostre personali ricordiamo: PIETRA SANTA – MACRO - Museo d’arte
Contemporanea, Roma , a cura di Costantino D’Orazio, 2016; Pilgrimade – Data, Orto
dell’Abbondanza, a cura di Vittorio Sgarbi, Urbino, 2014; Unseen, Museo D’Arte Moderna
Vittoria Colonna, Pescara, 2014; Unseen, Palazzo Collicola, Spoleto, 2014; Matteo Basilé
solo exhibition 2007/2013 – 53 Art Museum, Guangzhou, Cina, 2013;
Landing, Espace Soardi, Nizza, Francia, 2013; Thishumanity, Istituto Italiano di Cultura di
Madrid, Spagna, 2012; The far Near – Thishumanity, Hubey Provincial Academy of Art
Museum, Wu Han City, Cina, 2011; Thisumanity – The Saints are coming – Last act,
Galleria Emme Otto, Roma, 2010; Apparitions, MART, Museo d’Arte Moderna e
Contemporanea, Trento e Rovereto, Rovereto,
(a cura di Achille Bonito Oliva e Gianluca Marziani), 2007; Quel che resta della
Transavanguardia, Galleria Pack, Milano (a cura di Achille Bonito Oliva), 2007;
Primordial Alchemy, Galleria Pack, Milan (a cura di Gianluca Marziani), 2005.
Tra le principali mostre collettive rientrano: THISORIENTED 1st STAGE, Venezia,
Collaudi, 53esima Esposizione Internazionale d’Arte - La Biennale di Venezia, Padiglione
italiano, Venezia (a cura di Beatrice Buscaroli and Luca Beatrice), 2009; 15°
Quadriennale di Roma, Palazzo delle Esposizioni, Rome (a cura di Chiara Bertola,
Lorenzo Canova, Bruno Corà, Daniela Lancioni, Claudio Spadoni), 2008; Roma
Duemilatre, Galleria Pack, Milano (a cura di Gianluca Marziani), 2003.