CV DIF - Danza in fiera

Commenti

Transcript

CV DIF - Danza in fiera
MARIA GRAZIA BAIOCCHI
Ballerina – Coreografa - Insegnante
Trieste
Maria Grazia Baiocchi, dopo una formazione di Danza Classica iniziata ad appena quattro anni,
intraprende lo studio della Danza Orientale con grandi ballerine e maestri e coreografi
internazionali: Hossam e Serena Ramzy, Saad Ismail, Zaza Hassan, Ashraf Hassan, Morocco,
Sandy D’Alì, Mona Habib, Elhadi Cheriffa, Giulia Mion, Wael Mansour, Kesia Elwin, Tamalyn
Dallal, Olivia Mancino, Ayshe, Sarah Shahine, Mohamed El Hosseny, Raqia Hassan, Manca Pavli,
Mercedes Nieto, Maryem, Simona Minisini, Julia Torgonska.
Negli anni ha approfondito oltre alla tecnica dei principali stili della danza orientale – classico,
popolare e folcloristico - anche la cultura e la storia legate ad essa.
Ha inoltre studiato recitazione e dizione e ha al suo attivo numerose esperienze teatrali.
È apparsa in Tv nella trasmissione di Italia 1 “Lucignolo Bellavita”.
La sua professionalità è stata confermata dal diploma di Maestro di Ballo nella disciplina Danze
Orientali MIDAS.
Insegna dal 2007 ed è autrice e relatrice della conferenza-spettacolo “La Danza Orientale: storia,
mito, tradizione”, tenuta presso importanti istituzioni museali.
Nel 2011 crea il gruppo Oriental Butterflies composto dai migliori elementi dei suoi corsi.
Prestigiose le occasioni e le location in cui si esibiscono: dalle sale del magnifico Hotel Excelsior
del Lido di Venezia al Festival Plesa Piran – Festival della Danza di Pirano, in Slovenia.
Il 1° luglio 2012 a Cervia, con il suo gruppo, si classifica prima all’IDSA World Belly Dance
Championship, titolo riconfermato il 30 giugno 2013 e il 29 giugno 2014 a Rimini.
Nel 2012 è coreografa per l’operetta prodotta dell’Ass. Internazionale dell’Operetta “Ballo al
Savoy” di Paul Abraham per la regia di A. Binetti, andata in scena al Politeama Rossetti di
Trieste.
Nel 2014 è docente a Danza in Fiera, presso la Fortezza da Basso a Firenze, dove tiene una lezione
dal titolo “Portamento, gestualità ed espressività delle braccia e delle mani nella Danza Orientale”.