Ninna Nanna de Anton`Istene

Commenti

Transcript

Ninna Nanna de Anton`Istene
NINNA NANNA DE ANTON’ISTENE
La «Ninna Nanna de Anton'Istene», ossia la Ninna Nanna per Antonio Stefano, è un rifacimento
colto della più tradizionale ninna nanna, che si va però ad inserire nel contesto del mondo agro
pastorale sardo della prima metà del '900, nel quale Antioco Casula, detto Montanaru dal nome
con il quale firmava le sue composizioni poetiche, è vissuto. Sono sette strofe in quartine di
endecasillabi a rima incatenata, secondo il modello ABBA. Successivamente musicata, si presta
ad essere facilmente interpretata con i moduli del canto e ballo sardo, ed è oggi presente nelle
esibizioni dei cori polifonici.
1.
Ninna nanna, pizzinnu, ohi ninna nanna
Ninna nanna bambino, oh! ninna nanna
Ti leo in coa e canto a duru duru,
Ti prendo in grembo e canto a ‘duru duru’,
Dormi pizzinnu, dormidi seguru
Dormi bambino, dormi sicuro
Ca su cane ligau appo in sa janna.
Perché ho legato il cane presso la porta.
2.
Babbu tou de pena nd’est pienu
Tuo padre è carico di dolore
Cant’est pienu s’orriu de trigu,
Come un granaio è pieno di grano,
Ma tue dormi pizzinnu in logu appligu
Ma tu dormi, bambino, in un luogo soleggiato
Chin cara tunda e animu serenu.
Col viso rilassato ed animo sereno.
3.
Si malos visos faghes in su sonnu
Se fai brutti sogni mentre dormi
Tue non timas nè piangas mai,
Non temere e non piangere mai,
Cando t’ischidas ti ischide babbai
Quando ti svegli, sia babbo a svegliarti
Nendedi contos de nonna e de nonnu.
Raccontandoti storie di nonna e di nonno.
4.
Unu cadditu t’appo a comporare
Ti comprerò un cavallino
Chin sedda bella e chin frenos de oro,
Con bella sella e con il morso d’oro,
Des andare in Gaddhura e in Logudoro
Andrai in Gallura e Logudoro
E tottu a tie dene imbidiare.
E tutti ti dovranno invidiare.
5.
Ti ponzo a coddhu soga chin fusile
Ti metto in spalla il laccio ed il fucile
E duos canes ti peso pro cazza,
E ti allevo due cani da caccia,
Canes de Fonne, canes de arrazza
Cani di Fonni, cani di razza
Pro ti fagher difesa in su cuile.
Perché ti facciano la guardia nell’ovile.
6.
E poi ti regalo berveghes chentu
E poi ti regalo cento pecore
E una tanca tottu fiorida,
E una tanca tutta fiorita,
Una este de pannu colorida
Un abito di panno colorato
E t’accumpanzo finzas a Gennargentu.
E ti accompagno fino al Gennargentu.
7.
E poi ti regalo una fortuna manna,
Poi ti regalo una grande fortuna
Pro chi mai in sa vida appes dolore,
Affinché nella vita tu non provi mai il dolore,
A la cheres m’ascurtet su Sennore
La vuoi? Che il Signore mi ascolti
Ninna nanna, pizzinnu, ohi ninna nanna.
Ninna nanna, bambino, ninna nanna.